Sei sulla pagina 1di 228

OsservatOriO

NaziONale
Distretti italiaNi
ii rappOrtO
5
10
15
20
25
30
35
40
Partnership
In collaborazione con
OsservatOriO
NaziONale
Distretti italiaNi
5
10
15
20
25
30
35
40
ii rappOrtO
indice
Prefazione
introduzione
Ministero dello Sviluppo Economico
Paolo Romani, Ministro dello Sviluppo Economico
Rafforzare il valore del territorio attraverso i network
imprenditoriali: una nuova agenda a sostegno dei sistemi locali
Ferruccio Dardanello, Presidente Unioncamere
Levoluzione, chiave di volta dei distretti:
prima per affrontare la crisi, adesso per uscirne
Valter Taranzano, Presidente Federazione dei Distretti Italiani
Il futuro che ci aspetta:
fessibilit, innovazione, partnership
Daniela Fontana, Direttore Federazione dei Distretti Italiani
9
21
13
17
contributi
I distretti dellOsservatorio:
sintesi dei fenomeni pi rilevanti
emersi dal II Rapporto
Antonio Ricciardi,
Coordinatore Osservatorio Nazionale dei Distretti Italiani
Modalit organizzative
e vantaggi localizzativi delle imprese
distrettuali nel nuovo decennio
a cura di Unioncamere
1.1
2.1
2.3
1.2
2.2
2.4
1.3
1.4
1.5
1.
2.
Introduzione
Introduzione: i numeri dei distretti industriali
Riposizionamento: il futuro delle imprese distrettuali
I distretti dellOsservatorio: analisi del campione
La ripresa in trasparenza
Qualit calibrata per generare il vantaggio competitivo
Le recenti tendenze evolutive:
i dati del 2010, le previsioni per il 2011
Le strategie dei distretti per fronteggiare
la crisi e agganciare la ripresa
Le politiche ambientali e la qualit
della vita nei distretti italiani
25
47
56
26
49
60
30
35
41
47
indice
2.5 Modernizzare e ridefnire il valore
del territorio attraverso le reti dimpresa 63
2.6 I microaggiustamenti che portano al futuro 67
2.7 I distretti reagiscono alla crisi 73
1.6 Conclusioni 45
indice
Le recenti trasformazioni
nei distretti industriali italiani
Giovanni Iuzzolino e Giacinto Micucci - Banca dItalia
Il modello fuido e inesauribile
dei distretti produttivi italiani
a cura del Censis Centro Studi Investimenti Sociali
3.1
4.1
4.3
4.2
4.4
3.2
3.4
3.5
3.
4.
Introduzione
Premessa
Una congiuntura diffcile
Tra crisi e rilancio
Qualit totale multilivello per tornare a crescere
La rilevanza delle agglomerazioni produttive
nellindustria italiana
I distretti industriali durante la crisi
Conclusioni
75
111
114
112
119
77
89
91
75
111
4.5 La formula distrettuale tra presente e futuro 122
4.6
Strumenti di governance per affrontare la complessit
125
4.7 La rete come principio fondante 127
3.3
3.3.1
3.3.2
3.3.3
Prima della crisi: struttura e perfomance
delle agglomerazioni industriali negli anni duemila
Le evidenze dei dati censuari
Le evidenze dei dati di bilancio
Le evidenze dei dati creditizi
80
80
83
88
4.8 Nota metodologica 131
3.6 Bibliografa 93
3.7 Tavole e fgure 96
contributi
indice
Analisi economico-fnanziaria
dei distretti industriali italiani
Giovanni Foresti, Fabrizio Guelpa e Angelo Palumbo
Intesa Sanpaolo
La dinamica dellexport distrettuale italiano
durante la crisi e la prima fase della ripresa
Marco Fortis e Monica Carminati - Fondazione Edison
5.1
6.1
6.1.1
6.1.2
6.1.3
6.3
6.3.1
6.3.2
5.2
6.2
6.4
6.4.1
6.4.2
5.
6.
Introduzione
Origini e sviluppo della crisi mondiale:
lattuale contesto macroeconomico
Lo scoppio della bolla immobiliare e fnanziaria
La crisi dei debiti sovrani
Il debito sovrano italiano
Limpatto della crisi sui distretti industriali
Landamento dellexport distrettuale nel 2009
Landamento dellexport dei 47 distretti censiti dallOss. Distretti Italiani
e compresi nellIndice dellExport della Fondazione Edison: anno 2009
6.3.2.1. Il peso dei distretti censiti dallODI nellIndice della Fondazione Edison
6.3.2.2 Landamento dellexport dei 47 distretti ODI: anno 2009
Descrizione del campione di bilanci
LItalia e la crisi mondiale
I distretti nella prima fase della ripresa
Landamento dellexport distrettuale nel periodo gen.-sett. 2010
Landamento dellexport dei 47 distretti censiti dallOsservatorio Distretti Italiani
e compresi nellIndice dellExport della Fondazione Edison: gen.-sett. 2010
133
141
141
144
145
134
147
160
160
164
133
141
5.3 Levoluzione del fatturato e della redditivit 136
5.4 La dispersione delle performance 139
5.5 In sintesi 140
153
153
157
LIndice 2011 della Qualit della Vita dei Distretti.
Un indicatore delle condizioni di contesto
delle imprese dei distretti italiani
a cura di Confartigianato
Le politiche ambientali dei distretti italiani:
cinque esperienze a confronto
a cura di Unioncamere - Fondazione Symbola
7.1
8.2
8.2.1
8.2.2
8.2.3
8.2.4
8.2.5
7.2
8.1
7.
8.
Le criticit della competitivit
delle imprese e del sistema Paese
Ecodistretti
Distretto del Parco Agroalimentare di San Daniele
Distretto della carta di Frosinone
Distretto della ceramica di Sassuolo
Distretto della concia di Santa Croce
Distretto del mobile di Livenza
La costruzione dellIndice Confartigianato 2011
Qualit della Vita dei Distretti
Premessa
167
171
188
167
187
indice
7.3 Le classifche dellIndice Confartigianato 2011
Qualit della Vita dei Distretti
175
7.4 Nota metodologica e fonti statistiche dei dati dellIndice 183
7.5 Riferimenti 186
8.3 Scheda intervista 218
191
191
196
200
207
215
Ringraziamenti 221
99
Prefazione
Uno dei principali meriti del progetto Osservatorio Nazionale Distretti Italiani
focalizzare lattenzione sul cambiamento di pelle che sta vivendo il tessuto
delle nostre PMI.
Infatti, in questa fase di lenta ma costante uscita dal tunnel della crisi, occorre
rifettere sulle trasformazioni strutturali del nostro tessuto di piccole e medie
imprese, diffuse sul territorio e spesso organizzate in distretti, specializzate in
parti o lavorazioni complementari di prodotti pi complessi. Una via allo svi-
luppo del capitalismo territoriale e di piccola impresa in rete che risulta essere
complementare e non concorrenziale a quella della concentrazione in grandi
imprese.
Un paradigma che rappresenta il punto di riferimento della strategia del Mi-
nistero dello Sviluppo Economico per limpresa italiana: da un lato la nuova
politica per le piccole imprese guidata dal dettato dello Small Business Act;
dallaltro, gli interventi a sostegno delle grandi imprese in crisi.
Rispetto al tessuto di PMI, dalle analisi emergono alcuni interessanti fenomeni
di trasformazione e di irrobustimento, a testimonianza che per le nostre piccole
e medie imprese manifatturiere il tempo della crisi non passato invano.
Penso ad esempio alla nascita di un nuovo nucleo di aziende che, anche nei
documenti prodotti dal Tavolo Permanente PMI del MSE in attuazione dello
Small Business Act (SBA), vengono identifcate come piccole imprese che
Introduzione del Ministro On. Paolo Romani
al Secondo Rapporto Osservatorio Nazionale dei Distretti Italiani
Ministero
dello Sviluppo Economico
10
in termini di strategie, di prodotti, di mercati internazionali, di organizzazione
interna, pensano gi da medie imprese e, se supportate da politiche adeguate,
possono diventarlo nel prossimo futuro.
Un nuovo nucleo formato da circa 50mila imprese manifatturiere, spesso pre-
senti nei distretti o che sono legate ad essi attraverso reti, che fondano la propria
strategia sulla relazionalit, ossia sulla capacit di mettersi in rete. Esse sono
presenti nel Nord Italia ma anche (circa il 15% del totale) nel Mezzogiorno.
Se vero che le conoscenze si diffondono non per accumulazione, ma per
propagazione, fuori dallazienda e dal territorio dove essa localizzata, le pic-
cole imprese hanno allora introdotto innovazioni spesso non formali e di tipo
incrementale. Grazie a questo processo si assistito ad una riduzione dei costi
della crescita, ottenuta attraverso lo sviluppo delle reti di impresa e favorendo
la creazione di economie di rete. In questa direzione va lapprovazione del
Contratto di rete inserito nel primo articolo della Legge Sviluppo che, anche
attraverso il suo utilizzo, potr contribuire alla riduzione dei costi, in particolare
quelli extraproduttivi.
Altra trasformazione, questa volta di tipo culturale, che la gestione delle
strategie imprenditoriali non pi solo monopolio della famiglia proprietaria.
Negli ultimi anni si assistito infatti a un signifcativo processo di manageria-
lizzazione della piccola impresa.
In questo modo stiamo conseguendo un fondamentale risultato: aggregare il
Terzo capitalismo formato dalle piccole imprese e dai territori con il Quarto
capitalismo formato dalla medie imprese.
Un processo che, se nelle realt del Centro-Nord si dinamicizza naturalmente,
nel Mezzogiorno sar pi diffcile da perseguire data la mancanza di una ro-
busta struttura produttiva, se si escludono alcuni impianti legati alla presenza
delle poche aziende pubbliche e/o private e un piccolissimo nucleo di me-
die imprese isolate. Un patrimonio, comunque, che rappresenta un punto di
partenza da mettere in rete con il nucleo di piccole aziende che pensano da
medie imprese, un embrionale e nascente tessuto connettivo che potrebbe
rappresentare, nel medio periodo, uno snodo importante delle nascenti fliere
del Sud.
Dal punto di vista di chi deve stimolare la politica industriale, dunque ne-
cessario dare delle risposte ai cambiamenti in atto: da un lato, individuando
misure che aiutino le piccole imprese di fascia alta a crescere e, dallaltro,
favorire la trasformazione del maggior numero possibile di piccole aziende
tradizionali, perch possano costituire una massa critica in grado di incidere
maggiormente sul piano macroeconomico.
Prefazione
11
Il modello organizzativo distrettuale, pur nel cambiamento, potrebbe fornire un
interessante riferimento per la trasformazione verso forme organizzative pi
articolate ed evolute secondo lapproccio reti di imprese in reti di distretti.
In defnitiva, in Italia esiste un nucleo dinamico di imprese, distrettuali e non, in
forte trasformazione che rappresenta nel suo insieme ci che potremmo de-
fnire la Corporate del Made in Italy. Una realt che il Ministero dello Svilup-
po Economico supporta e accompagna, in particolare attraverso gli interventi
indicati dalla Direttiva del Presidente del Consiglio in attuazione dello Small
Business Act, la cui attuazione potr sostenere la crescita e loccupazione nei
prossimi anni.
Prefazione
13 13
Prefazione
In risposta a sempre pi diffusi segnali di ripresa sullo scenario internazionale,
anche i distretti produttivi italiani iniziano oggi a riprendere respiro dopo un
lungo periodo di diffcolt.
Sebbene confortanti, tali segnali appaiono tuttavia ancora deboli, tanto che le
imprese guardano allimmediato futuro con un ottimismo temperato da mol-
ta cautela. Se gi nel secondo trimestre del 2010 il ciclo congiunturale dei
localismi ha registrato uninversione di tendenza, si ancora ben lontani dal
recupero delle posizioni perse negli ultimi due anni, salvo rare eccezioni. E gli
stessi imprenditori distrettuali, grazie ai quali sono state raccolte le informazio-
ni riportate in questo Rapporto, invitano a guardare con realismo agli scenari di
mercato e a capire quindi che se la crisi gi lontana, la ripresa non ha ancora
una forma chiaramente defnita: perch non tutti i settori e i territori viaggiano
allo stesso ritmo di crescita e, soprattutto, perch permangono forti incognite
sul versante occupazionale.
dunque verosimile pensare che il 2011 sar un anno di interlocuzione con il
mercato, un banco di prova per nuove strategie e, forse, un momento di rifes-
sione sullattualit o sulla necessit di revisione del modello di sviluppo del si-
stema manifatturiero italiano. A partire proprio dai sistemi produttivi territoriali,
Ferruccio Dardanello
Presidente Unioncamere

Rafforzare il valore del territorio
attraverso i network imprenditoriali:
una nuova agenda a sostegno dei sistemi locali
14
che si sono ancora una volta mostrati capaci di resistere ai pi acuti momenti
di diffcolt, adottando strategie sempre pi articolate e reinvestendo nelle reti
di collaborazione.
Si tratta di orientamenti che la crisi ha solo accelerato e che negli ultimi anni
avevamo gi visto agire, sia pur sotto traccia. La forza di reazione mostrata nel
tempo dai nostri distretti lascia molto rifettere sulla effcacia e sulla portata di
quelle nuove formule organizzative reticolari che si stanno facendo sempre pi
strada allinterno dei tradizionali legami distrettuali, arricchendo di valore i
vantaggi localizzativi che in passato avevano determinato il successo dei siste-
mi produttivi locali e attualizzandoli rispetto alle nuove sfde competitive.
Da questo traspare una forza creativa mai sopita del modello distrettuale,
unintrinseca capacit di adattamento al mutare del contesto esterno che
sempre stata la molla della crescita di questi sistemi. Nonostante la diffcile
congiuntura, rimasto inalterato il ruolo del territorio come luogo di confron-
to considerato imprescindibile dalla maggioranza delle imprese, suscettibile
certamente di correttivi ma dal quale dover partire per ragionare di ripresa, di
costruzione di reti e di nuova politica industriale.
Cos, dunque, il riposizionamento sul mercato, la focalizzazione sullinnova-
zione di prodotto e di processo, la qualit assoluta come segno distintivo del
prodotto italiano, i nuovi investimenti per leffcientamento delle reti di distribu-
zione in Italia e allestero, sono la cifra utile a capire cosa sia il distretto oggi
e quale sia il valore aggiunto che esso apporta al territorio di origine. Ma
altrettanto chiaro che lo sviluppo non pi il frutto di processi lineari, in cui le
aziende innovano e i soggetti intermedi offrono un supporto di complemento,
come per decenni accaduto in molti localismi.
Con lo stesso realismo delle aziende distrettuali dovrebbe quindi agire chi
chiamato ad elaborare linee di policy per le imprese e i sistemi produttivi ter-
ritoriali, cercando di comprendere se, quanto e, soprattutto, come le strutture
manifatturiere innovano e si rinnovano, proponendo strumenti e incentivi ca-
paci di sostenere percorsi di crescita non sempre lineari ed espliciti. Il compito
di istituzioni come le Camere di commercio oggi proprio quello di cogliere il
signifcato di tali fenomeni e le diverse sfumature che essi assumono nei singoli
localismi.
Prefazione
15
Il sostegno alla formazione e agli investimenti produttivi sono certamente di
aiuto, ma occorre oggi cambiare passo e metodo, nella consapevolezza che
linnovazione, dentro e fuori i distretti, passa ormai per processi pi complessi.
Restano poi altrettanto cruciali le misure a sostegno dellispessimento delle reti
tra imprese. Lesperienza recente ribadisce la necessit che i distretti riorganiz-
zino linsieme dei propri legami, aprendosi allesterno e, soprattutto, allargando
la visuale ben oltre i confni locali, cercando nuove alleanze fnalizzate non pi
solo a raggiungere economie di scala produttive ma soprattutto ad avviare
attivit di ricerca, innovazione, di distribuzione e internazionalizzazione sem-
pre pi sofsticate e in linea con le mutevoli esigenze di nuovi mercati e nuovi
consumatori. Sostenere lirrobustimento di questi percorsi signifca per, al
contempo, riconoscere che il distretto stesso rappresenta una delle esperien-
ze pi compiute di organizzazione collaborativa e che pu rappresentare uno
degli ambiti su cui testare forme nuove di network, a cominciare dai contratti
di rete.
Da una nuova agenda dei lavori, che tenga conto dei molti cambiamenti in atto
e delle esigenze sempre pi pressanti e diversifcate che emergono dai diversi
localismi, bisogna ripartire, per non lasciare che i deboli segnali di ripresa resti-
no tali e per ritrovare il signifcato ed il senso dello sviluppo nel nostro Paese.
Prefazione
17 17
Prefazione
Lasciamo alle spalle un anno (2010) travagliato per lItalia produttiva. Daltronde,
ce lo aspettavamo. Anzi, il I Rapporto dellOsservatorio Distretti Italiani dava un
chiaro orientamento in questo senso. Ci sarebbe stato da soffrire, nel 2010, e
cos stato. Ma alla sofferenza, ha fatto seguito la reazione. Certo, la reazione.
In particolare dei distretti, realt territoriali che si sono confermate, oggi pi che
mai, punti di riferimento insostituibili. In questi 12 mesi i distretti hanno risposto
concretamente alla crisi. A volte in modo marcato, a volte meno. Ma sempre
con un comune denominatore a spingerli, a spronarli: levoluzione.
Levoluzione si vista nelle reti dimpresa che hanno fatto sistema. Il disegno
di legge sulla nuova politica industriale del Ministero dello Sviluppo Economi-
co, specifca cosa sono le reti dimpresa, vale a dire forme di coordinamen-
to di natura contrattuale tra imprese, particolarmente destinate alle Pmi che
vogliono aumentare la loro massa critica e avere maggiore forza sul mercato
senza doversi fondere o unirsi sotto il controllo di un unico soggetto.
Si tratta, quindi, di Pmi anche lontane fsicamente, ma unite da produttivit e in-
dustrializzazione, sulle quali veicolare gli interventi diretti alle aziende. I distretti,
nientaltro che sistemi di reti interconesse, non sono sistemi fssi, ma fessibili
ed adattabili ai cambiamenti economici, o quanto meno questa la caratteri-
stica che identifca i distretti che hanno attivato strategie vincenti in favore della
crescita delle stesse aziende distrettuali. Pertanto, il carattere innovativo delle
Valter Taranzano
Presidente della Federazione dei Distretti Italiani
Levoluzione, chiave di volta dei distretti:
prima per affrontare la crisi,
adesso per uscirne
18
reti nullaltro che i vecchi distretti riallineati attorno a imprese leader. Impre-
se che hanno inglobato servizi professionali pi vicini alle aree metropolitane
che ai piccoli centri di provincia e allungato il proprio raggio operativo fno a
dismettere i vecchi abiti per indossare quelli delle imprese rete. Un cambio
di passo con il quale le Pmi, attraverso i contratti di rete, spesso nati spon-
taneamente, hanno imparato a usare meglio le conoscenze, investendo in ca-
pitale intellettuale e alimentando nuovi modi di fare business. Loriginalit delle
reti nei distretti, infatti, non sta nel tenere insieme gli operatori di un settore o di
un territorio, secondo la vecchia concezione del distretto, ma nel ricavarne un
di pi di valore per i clienti. Bene lo hanno capito al Distretto Metalmeccanico
Lecchese, dove hanno creato Men at work, unaggregazione di 25 imprese
(15-20 addetti ciascuna) interne al distretto che danno vita a una fliera chiusa
in grado di dare al cliente tutto ci che serve. Un servizio completo.
Il fenomeno reti, peraltro, solo agli inizi, ma il potenziale importante. Tanto
da meritare aiuti mirati da parte del governo.
Levoluzione delle reti dimpresa chiama in causa a sua volta levoluzione
della progettualit dei distretti stessi. Nella ricerca di soluzioni idonee per con-
trobattere la crisi, si delineata una collaborazione profcua tra nord e sud del-
lItalia. Due esempi. Il Distretto Verona Moda, alle prese con una crisi dellab-
bigliamento in pieno sviluppo e nella necessit di individuare delle alternative
produttive alla delocalizzazione o alla prestazione lavorativa conto terzi di labo-
ratori irregolari, ha fatto squadra con i laboratori pugliesi dellabbigliamento,
creando un intreccio di fliere producente per entrambi. Tutto questo non ha
fatto altro che rafforzare il nostro Made in Italy nel mondo.
Il progetto triangolare Pordenone-Vicenza-Palermo del comparto meccani-
ca: si sono messe in rete esperienze, competenze e centri di eccellenza per
ripensare labitazione in base ad uno stile di vita rivolto al benessere e al rispar-
mio energetico.
Levoluzione dei distretti si manifestata, quindi, anche attraverso il cambia-
mento delle politiche e delle priorit attivate: attenzione alla green-economy,
progettualit rivolte alla sostenibilit, ricerca di strumenti/certifcazioni adegua-
te, approccio alle energie rinnovabili, riutilizzo delle materie prime: lo spreco
diventa una risorsa! Insomma una coscienza pi verde con implicazioni che
hanno risollevato il business.
Cos il Distretto del Mobile Livenza per superare le diffcolt di un comparto
tra i pi sofferenti negli ultimi anni sta realizzando un marchio ambientale di
prodotto, basato sullecosostenibilit, che accompagner lintera esistenza del
prodotto stesso, dalla nascita a fne vita.
Prefazione
19
Il Metadistretto Veneto della bioedilizia, invece, sta lavorando sugli asfalti eco-
logici. Impatto ambientale zero e pieno gradimento della Soprintendenza ai
beni ambientali di Venezia. Cos come a Capannori (Lucca), nel pi importante
distretto cartario italiano, si commercializza, anche allestero, carta tissue bio-
logica, mentre al Distretto conciario di Solofra (Avellino) hanno realizzato un
marchio comune di ecocompatibilit del distretto che coinvolge tutta larea
produttiva, ottenendo un valore aggiunto molto quotato allestero.
Poi c il caso di Sassuolo, Distretto della ceramica: l stanno faticosamente ri-
conquistando quote di mercato allestero puntando sulla ceramica ecososteni-
bile. Tanto che sono diventati un modello mondiale, in quanto applicano molte
delle certifcazioni ambientali e di sostenibilit esistenti. Ora stanno lavorando
sulla casa del futuro: piastrelle associate al fotovoltaico. Sulla stessa lunghezza
donda il Distretto dellabbigliamento Gallaratese che sta sviluppando, per
larredamento e labbigliamento, tessuti di fbre naturali, impiegando le piante
di bamb, la canapa, il pino bianco norvegese e la betulla.
Evoluzione nel 2010 ha signifcato anche nuove governance distrettuali. Pi
moderne, pi attuali, pi pragmatiche. I riscontri sono tanti e importanti. Una
governance effciente si traduce in un distretto di successo. Diversamente, il
distretto ha i giorni contati. Innovarsi e rinnovarsi, cos i distretti cambiano fac-
cia. Dentro e fuori. Tanto che anche le piccole e medie imprese hanno compre-
so limportanza di avere un manager a dettare tempi e strategie. Anche questo
un tema forte che aveva delineato il I Rapporto. Infatti, alla domanda sugli
obiettivi di crescita e di investimento verso i quali sono impegnate le imprese
di distretto, gli imprenditori e i dirigenti dazienda avevano individuato anche
linserimento di professionalit manageriali nelle funzioni cardine dellazienda
(il 32% di gradimento in una scala che vedeva come priorit le nuove strategie
commerciali).
Levoluzione nei distretti ha voluto dire anche tutto questo: al prossimo Rap-
porto per unulteriore conferma.
Prefazione
21 21
introduzione
Nel presentare lattivit dellOsservatorio come emerge dal sistema distrettuale
mi fa piacere sottolineare come il lavoro di squadra sia stato, ancora una volta,
la chiave vincente nellelaborare il progetto.
Colgo loccasione per sottoporre alcune considerazioni sulle possibili e ne-
cessarie linee di sviluppo di questo molto discusso ma altrettanto rispettato
- mondo dei distretti. Tali considerazioni sono basate sulla valutazione non solo
dei dati ma anche sul contatto quotidiano con i distretti, cercando di formula-
re ipotesi di sviluppo concrete, connesse con il quadro macroeconomico del
sistema industriale italiano. Nella formulazione delle proposte si partiti dalle
esigenze manifestate dagli attori dei distretti e non da proiezioni di linee di
sviluppo a carattere interpretativo.
In una fase di incertezza economica come quella attuale non posso non accen-
nare ai possibili ampliamenti dellattivit distrettuale a fliere integrate di azien-
de ed in particolare alle reti, al fne di adattare alle mutate esigenze di mercato
la struttura relazionale delle piccole e medie imprese italiane.
Le reti di imprese infatti, quali forme di organizzazione industriale, sono nate
parallelamente allo sviluppo della civilt industriale quale forma di collaborazio-
ne tra imprese in relazione alla opportunit di integrare le proprie attivit, sia in
Daniela Fontana
Direttore della Federazione dei Distretti Italiani

Il futuro che ci aspetta:
fessibilit, innovazione, partnership
22
senso verticale che orizzontale, per realizzare specifci obiettivi comuni.
Questa strutturazione dellattivit imprenditoriale, tra diversi soggetti, ha as-
sunto nel tempo in Italia la tipologia dei distretti industriali: una rete di imprese,
specializzata in settori specifci e relazionata ad un territorio delimitato. In que-
sti ultimi anni i distretti stanno cambiando e la metamorfosi testimoniata dalla
ricerca di nuovi e pi rispondenti strumenti da mettere a loro disposizione.
Le reti, come attualmente possono essere confgurate, anche nella loro for-
ma trans territoriale, appaiono come lo strumento pi adatto per affrontare la
globalizzazione dei mercati e per inserirsi nei circuiti di fornitura delle grandi
aziende multinazionali.
Nessuna contrapposizione o esclusione, quindi, tra reti e distretti, bens uno
strumento in linea con lesigenza di maggiore fessibilit.
Le recenti esperienze dei distretti testimoniano che la necessit di porre in at-
tuazione progetti fortemente innovativi determina una spinta alla condivisione
dei progetti tra aziende della stessa fliera, a volte collocate al di fuori del pro-
prio territorio distrettuale, che resta comunque la culla di esperienze industriali,
di conoscenze tecniche, di specifche conoscenze manifatturiere. Il territorio,
inoltre, pu e deve mettere a disposizione strumenti e soggetti di supporto
allo sviluppo: non la territorialit il tema da superare, bens la funzione del
territorio che va riposizionata.
La rete nella nuova realt dei mercati globali e fortemente competitivi consen-
te di integrare conoscenze tecniche reciproche e progettualit disperse tra le
aziende la cui sopravvivenza pu essere determinata da processi di integrazio-
ne di attivit aziendali.
Tali sviluppi organizzativi creano un salto dimensionale sia economico che tec-
nico per cui aziende appartenenti a territori distrettuali diversi possono creare
la massa critica economica e tecnica che consente di presentarsi sui mercati
come player importanti.
Mi piace ricordare linterpretazione che il Presidente da alle reti quali maglie di
interconnessione produttiva aventi come principali nodi i distretti.
La diffusione di un sistema industriale basato su connessioni multiple delle
aziende distrettuali a differenti reti operanti su fliere analoghe consente alle im-
prese di valorizzare le loro diversit favorendo la propagazione di nuove inizia-
tive attraverso una strutturazione pi amplia della base industriale interessata.
Attualmente alcune aziende operano nelle reti e nelle fliere in ambiti settoriali
abbastanza defniti ci a seguito del proprio sviluppo storico ma negli ultimi
introduzione
23
anni si sono affacciate problematiche di carattere orizzontale che coinvolgono
tutte le tipologie di aziende e che richiedono la creazione di metodologie uni-
formi per risolverle.
Si tratta per esempio della sostenibilit ambientale o dellinserimento delle
aziende nelle strategie della green economy o della verifca del rendimento
energetico degli impianti di base o dei processi energivori. Un altro tema verso
cui rivolgere la nostra attenzione e che si alimenta di reti linternazionalizza-
zione: lindividuazione di partners affdabili e interessati al progetto; la ricerca
di competenze consolidate e stabili per lingresso e sviluppo di nuovi mercati,
sono solo alcune delle attivit richieste. Per affrontare questi temi, gi oggetto
di alcune iniziative a livello regionale, i distretti chiedono di sviluppare la rete tra
e oltre le proprie esperienze per metterne il valore a fattor comune.
Tra le diverse soluzioni possibili, tenuto conto delle connesse risorse necessa-
rie, da prendere in seria considerazione la possibilit di appoggiare questa
attivit ad un soggetto, quale il sistema camerale, che dovendo operare - come
prevede la recente riforma - per svolgere funzioni di interesse generale per
il sistema delle imprese, potrebbe supportare, in partnership, tali attivit ed
estendere il concetto di rete non solo tra le aziende, ma anche tra i soggetti
con funzioni pubbliche che intendono operare al consolidamento e sviluppo
delle stesse.
Concertare: un termine ormai impronunciabile per quanto se ne abusato
quello che serve, nei fatti, non nelle parole. Non servono nuove strutture, solo
un po di ordine e senso di responsabilit. Non sono nuovi n la ricetta, tanto
meno gli ingredienti. Si propone semplicemente che sia la rete del saper fare
ad essere il fne dellagire comune e non del far sapere.
Un grazie alle persone che insieme a me siedono nel comitato tecnico del-
lOsservatorio e un apprezzamento agli ultimi arrivati, che hanno immediata-
mente contribuito a qualifcarne lattivit; agli insostituibili collaboratori della
Federazione e a tutti voi.
introduzione
25
I distretti dellOsservatorio:
sintesi dei fenomeni pi rilevanti
emersi dal II Rapporto
Contributi
Antonio Ricciardi
Coordinatore dellOsservatorio Nazionale dei Distretti Italiani
1.1 Introduzione
I dati del primo Rapporto in termini di fatturato ed export descrivevano un
biennio 2008-2009 molto travagliato per i nostri distretti industriali, forse uno
dei peggiori della storia recente. Nello stesso Rapporto, in base a una indagine
condotta dal Censis, il 42% degli imprenditori intervistati considerava il model-
lo distrettuale depotenziato e ormai obsoleto.
In questo secondo Rapporto, i dati relativi al 2010 segnalano una forte reazione
alla crisi. In particolare, i dati export, soprattutto quelli del terzo trimestre, evi-
denziano unimportante accelerazione che riguarda in maniera trasversale tutti
i comparti. Sotto questo proflo, il dato pi confortante il sensibile aumento
della quota export verso i Paesi emergenti, soprattutto in Cina.
Le previsioni per il 2011 rilevano un cauto ottimismo. In tutti i sondaggi pro-
mossi dallOsservatorio sempre maggiore la percentuale degli imprenditori
che prevede un aumento del fatturato rispetto a quelli che ne stimano una
diminuzione. I deboli segnali di ripresa non migliorano, tuttavia, il dato occu-
pazionale e le previsioni non sono ottimistiche: sono maggiori le imprese che
indicano una diminuzione dei dipendenti rispetto a quelle che ne stimano un
aumento. Inoltre, in questo scenario non perfettamente delineato, numerosi
sono ancora gli ostacoli da superare per agganciare la ripresa: scarsa disponi-
1.
26
Contributi
1.
bilit di liquidit fnanziaria; diffcolt di ricambio generazionale, sia per i lavo-
ratori che per gli imprenditori; mancanza di personale qualifcato; concorrenza
sleale di imprenditori stranieri.
interessante rilevare, tuttavia, che, in base ad un sondaggio Unioncamere
svolto nel 2010 su un campione pi ampio rispetto a quello considerato dal
Censis lo scorso anno, soltanto il 27% degli imprenditori ritiene che il modello
organizzativo distrettuale sia ineffcace e incapace di elaborare interventi di
sostegno delle imprese.
dunque verosimile pensare che il 2011 sar un anno di interlocuzione con
il mercato, un banco di prova per nuove strategie e, forse, un momento di ri-
fessione sullattualit o sulla necessit di revisione del modello di sviluppo del
sistema manifatturiero italiano. A partire proprio dai sistemi produttivi territoriali,
che si sono ancora una volta mostrati capaci di resistere ai pi acuti momenti di
diffcolt, adottando strategie sempre pi articolate e reinvestendo nelle reti di
collaborazione (cfr. Dardanello, prefazione al Rapporto).
1.2 I distretti dellOsservatorio: analisi del campione
LOsservatorio dei Distretti Italiani si focalizzato questanno su 101 distretti
(92 erano i distretti del Rapporto 2010)
1
, la maggior parte dei quali localizzati
nel Nord Italia (v. Fig. 1.1 e Fig. 1.2).
Per quanto riguarda i settori di specializzazione non vi sono sensibili variazioni:
Abbigliamento-Moda (dal 41,3% del precedente anno al 37,6%); Arredo-casa
(dal 23,9% al 21,8%); Automazione e meccanica (dal 21,7% al 25,7%); Alimen-
tare (dal 10% all11,8%). Si vedano, al riguardo, Fig.1.3 e Tav.1.1.
1
I 101 distretti del campione Osservatorio comprendono i distretti aderenti alla Federazione dei Distretti
Italiani e quelli considerati nella 9
a
Indagine annuale su Le medie imprese industriali italiane a cura di
Unioncamere e Mediobanca. Per ulteriori informazioni sulla metodologia seguita si veda la documen-
tazione disponibile sul Portale dellOsservatorio http://www.osservatoriodistretti.org.
27
1. Contributi
nefflcace e lncapace dl elaborare lnLervenLl dl sosLeano delle lmpre-
se.
Jooooe vetoslmlle peosote cbe ll 2011 sot oo oooo Jl lotetlo-
cozlooe coo ll metcoto. oo booco Jl ptovo pet ooove sttoteole e. fot-
se. oo momeoto Jl tlflesslooe sollottoollt o sollo oecesslt Jl tevl-
slooe Jel moJello Jl svlloppo Jel slstemo moolfottotleto ltollooo. A
pottlte ptoptlo Jol slsteml ptoJottlvl tettltotloll. cbe sl sooo oocoto
ooo volto mosttotl copocl Jl teslstete ol pl ocotl momeotl Jl Jlffl-
colt. oJottooJo sttoteole sempte pl ottlcolote e telovesteoJo oelle
tetl Jl collobotozlooe (cfr. uardanello, prefazlone al 8apporLo).


1.1 I d|strett| de||'Csservator|o: ana||s| de| camp|one

L'CsservaLorlo del ulsLreLLl lLallanl sl e focallzzaLo quesL'anno su
101 dlsLreLLl (92 erano l dlsLreLLl del 8apporLo 2010)
1
, la maaalor
parLe del quall locallzzaLl nel nord lLalla (v. lla. 1.1 e lla. 1.2).

I|g.1.1 - I D|strett| de||'Csservator|o per area 1err|tor|a|e


loote. Ns elobotozlooe


1
l 101 dlsLreLLl del camplone CsservaLorlo comprendono l dlsLreLLl aderenLl alla le-
derazlone del ulsLreLLl lLallanl e quelll conslderaLl nella 9
a
lndaalne annuale suLe
medle lmprese lndusLrlall lLallane a cura dl unloncamere e Medlobanca.
er ulLerlorl lnformazlonl sulla meLodoloala seaulLa sl veda la documenLazlone dl-
sponlblle sul orLale dell'CsservaLorlo bttp.//www.ossetvototloJlsttettl.oto.
18,80
36,60
22,80
21,80
5ud e lso/e
Nord Ovest
Nord st
centro
Fonte: Ns elaborazione
Fonte: Ns elaborazione
Fig.1.1 - I Distretti dellOsservatorio per area Territoriale
Fig.1.2 - I distretti dellOsservatorio per Regione
28
Contributi
1.
Fig.1.3 - I distretti dellOsservatorio per settore di specializzazione
Secondo i dati elaborati da Unioncamere (v. Capitolo 2), le imprese operanti nei
distretti dellOsservatorio sono, nel 2009, circa 285mila, cos ripartite per forma
giuridica: 28,29% societ di capitali; 21,14% societ di persone; 47,88% ditte
individuali e 2,70% altre forme. La dimensione delle imprese prevalentemen-
te piccola: il 98,3% non supera infatti i 49 addetti e l85,5% non supera i 9

I|g.1.3 - I d|strett| de||'Csservator|o per settore d| spec|a||zzaz|one


loote. Ns elobotozlooe

1av.1.1 - D|strett| |ndustr|a|| de||'Csservator|o per settore man|fattur|ero (4 A)
5ettore D|strett|
Nord
Cvest
Nord
Lst
Centro
5ud e
Iso|e
A88IGLIAMLN1C - MCDA 38 8 8 12 10
- 1esslle-obblollomeoto 19 6 2 5 6
- Accessotl MoJo J 1 1 1 -
- Oteflcetlo J 1 1 1 -
- lelll. coolo e colzotote 1J - 4 5 4
AU1CMA2ICNL - ML1ALMLCCANICA
LLL11kCNICA - LNLkGIA
26 8 10 3 5
ALIMLN1AkL - AGkC-INDU51kIALL -
I11ICC-8LVANDL
12 1 6 1 4
AkkLDC CA5A 22 2 12 5 3
- leooo e Moblll 11 2 6 2 1
- sttozlooe e lovotozlooe motmo. otool-
to. cetomlco. soobeto. vetto. motetloll
eJlll e bloeJlllzlo
11 - 6 J 2
CAk1C1LCNICnL L CLIGkAIICnL 2 - - 2 -
CUL1UkA 1 1
1ota|e Ita||a 101 19 37 23 22
loote. Ns elobotozlooe

Secondo l daLl elaboraLl da unloncamere (v. CaplLolo 2), le lm-
prese operanLl nel dlsLreLLl dell'CsservaLorlo sono, nel 2009, clrca
283mlla, cosl rlparLlLe per forma alurldlca: 28,29 socleLa dl caplLa-
ll, 21,14 socleLa dl persone, 47,88 dlLLe lndlvlduall e 2,70 alLre
forme. La dlmenslone delle lmprese e prevalenLemenLe plccola: ll
38
26
12
22
2
1
101
37,62
23,74
11,88
21,78
1,98
0,99
0 20 40 60 80 100 120
AbblallamenLo-Moda
AuLomazlone-MeLalmeccanlca-
AllmenLare-Aaro-lndusLrlale-lmco-
Arredo-casa
CarLoLecnlca e ollaraca
CulLura
1oLale lLalla

I|g.1.3 - I d|strett| de||'Csservator|o per settore d| spec|a||zzaz|one


loote. Ns elobotozlooe

1av.1.1 - D|strett| |ndustr|a|| de||'Csservator|o per settore man|fattur|ero (4 A)
5ettore D|strett|
Nord
Cvest
Nord
Lst
Centro
5ud e
Iso|e
A88IGLIAMLN1C - MCDA 38 8 8 12 10
- 1esslle-obblollomeoto 19 6 2 5 6
- Accessotl MoJo J 1 1 1 -
- Oteflcetlo J 1 1 1 -
- lelll. coolo e colzotote 1J - 4 5 4
AU1CMA2ICNL - ML1ALMLCCANICA
LLL11kCNICA - LNLkGIA
26 8 10 3 5
ALIMLN1AkL - AGkC-INDU51kIALL -
I11ICC-8LVANDL
12 1 6 1 4
AkkLDC CA5A 22 2 12 5 3
- leooo e Moblll 11 2 6 2 1
- sttozlooe e lovotozlooe motmo. otool-
to. cetomlco. soobeto. vetto. motetloll
eJlll e bloeJlllzlo
11 - 6 J 2
CAk1C1LCNICnL L CLIGkAIICnL 2 - - 2 -
CUL1UkA 1 1
1ota|e Ita||a 101 19 37 23 22
loote. Ns elobotozlooe

Secondo l daLl elaboraLl da unloncamere (v. CaplLolo 2), le lm-
prese operanLl nel dlsLreLLl dell'CsservaLorlo sono, nel 2009, clrca
283mlla, cosl rlparLlLe per forma alurldlca: 28,29 socleLa dl caplLa-
ll, 21,14 socleLa dl persone, 47,88 dlLLe lndlvlduall e 2,70 alLre
forme. La dlmenslone delle lmprese e prevalenLemenLe plccola: ll
38
26
12
22
2
1
101
37,62
23,74
11,88
21,78
1,98
0,99
0 20 40 60 80 100 120
AbblallamenLo-Moda
AuLomazlone-MeLalmeccanlca-
AllmenLare-Aaro-lndusLrlale-lmco-
Arredo-casa
CarLoLecnlca e ollaraca
CulLura
1oLale lLalla
Fonte: Ns elaborazione
Fonte: Ns elaborazione
29
1. Contributi
addetti. Tuttavia, confrontando i dati dimensionali delle imprese distrettuali con
quelli del totale imprese si rileva che le quote percentuali delle ditte individuali
e delle imprese fno a 9 addetti sono inferiori al dato nazionale, rispettivamen-
te, dell8% e del 10% e, corrispondentemente, le imprese da 10 a 49 addetti
raggiungono il 17,4% nei settori di specializzazione contro il 4,7% della media
nazionale
2
.
Questo fenomeno confermato da unindagine condotta dalla Banca dItalia
(Capitolo 3) sui bilanci delle imprese distrettuali dal 1993 al 2008
3
. Nel periodo
considerato le aziende con almeno 50 milioni di fatturato aumentato del 7%
nei distretti del Nord e del Sud e del 13% in quelli del Centro Italia; corrispon-
dentemente cala ovunque il peso delle aziende con meno di 10 milioni di fattu-
rato e alla fne del periodo osservato si registra una totale ricomposizione delle
classi dimensionali di imprese: nel Nord Est le aziende grandi (con almeno 50
milioni di fatturato) sono pari al doppio di quelle piccole (con meno di 10 milioni
di fatturato) mentre al Centro il vantaggio delle piccole, pari a circa il 20%
allinizio del periodo, si azzera
4
.
2
Una dimensione media delle imprese pi elevata rispetto al dato nazionale ha favorito un maggior
grado di strutturazione relativamente alla forma giuridica: nelle province distrettuali, infatti, risulta su-
periore alla media nazionale la quota di societ di capitali e di persone e la loro presenza pi diffusa
tra le aziende operanti nei comparti di specializzazione dei rispettivi distretti.
3
Lindagine riguarda i bilanci raccolti da Cerved e Centrale dei Bilanci dal 1993 al 2008 e relativi alle
imprese localizzate in 168 cluster. Tra il 1993 e il 2008 si passa da 90mila a 130mila aziende.
4
Nel Nord Est la progressiva concentrazione del fatturato raggiunge livelli assai elevati: la quota delle
imprese piccole scende dal 22% al 12% mentre quella delle grandi sale dal 44% al 68%. Sotto
questo proflo, interessante il caso del distretto dellocchialeria di Belluno dove nel periodo 2007-
2009 le imprese di minori dimensioni hanno perso circa 1.100 addetti (300 sono stati licenziamenti
nelle imprese di grandi dimensioni) con luscita dal mercato di 90 aziende. Alla crisi di queste impre-
se ha contribuito la delocalizzazione produttiva di molte aziende leader che, in particolare nel 2009,
hanno importato dalla Cina semilavorati di fascia bassa per 265milioni di Euro.
30
Contributi
1.
1.3 Le recenti tendenze evolutive:
i dati del 2010, le previsioni per il 2011
Se il 2009 verr ricordato come uno degli anni peggiori della storia recente dei
distretti industriali, il 2010 sotto il proflo quantitativo (fatturato, ordini, export)
sembra indicare luscita defnitiva dalla recessione anche se non possibile
verifcare che sia evidente linizio della ripresa e pertanto il 2011 sar un anno
di riassestamento (cfr. Capitolo 2, Unioncamere).
I risultati dei bilanci 2009 delle imprese distrettuali hanno mostrato con molta
evidenza gli effetti della crisi economica. In base allIndagine elaborata dal Ser-
vizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo (v. Capitolo 5)
5
nel 2009 il fatturato
delle imprese distrettuali, dopo il calo registrato nel 2008 (-3,1%) ha accusa-
to un sensibile ridimensionamento, arretrando in termini mediani del 18,9%.
I settori di specializzazione che hanno mostrato le maggiori diffcolt sono
quelli metalmeccanico, sistema moda e sistema casa (Fig.1.4)
6
.
Fig.1.4 Distretti: evoluzione del fatturato (variazione % del fatturato; valori mediani)


I|g.1.4 - D|strett|: evo|uz|one de| fatturato (varlazlone del faLLuraLo, valorl medla-
nl)

roduz|on| d|strettua||

lonLe: elaborazlonl lnLesa Sanpaolo su bllancl azlendall

Solo le lmprese del dlsLreLLl allmenLarl, arazle al caraLLere poco
clcllco del consuml, hanno llmlLaLo al mlnlmo ll calo delle vendlLe
(nel 2008 quesLl dlsLreLLl avevano realsLraLo un aumenLo del faLLu-
raLo del 3).
ll crollo del faLLuraLo ha lnfluenzaLo pesanLemenLe ll valore del
due prlnclpall lndlcl dl reddlLlvlLa, ll 8Cl e ll 8CL, scesl rlspeLLlva-
menLe al 3,9 (6,4 nel 2008) e allo 0,9 (2,8).
Come ala rllevaLo nel precedenLe 8apporLo, la crlsl ha deLerml-
naLo anche nel 2009 una forLe dlsperslone delle performance delle
lmprese dlsLreLLuall. l rlsulLaLl sl sono cloe ulLerlormenLe polarlzzaLl,
con un aumenLo della dlsLanza Lra le lmprese mlallorl e quelle pea-
alorl: menLre le prlme realsLrano un lleve calo del maralnl operaLlvl
neLLl (ln percenLuale del faLLuraLo) scesl dal 12,7 del 2008
all'11,8 del 2009, le lmprese peaalorl sublscono un vero crollo
passando dal -4 del 2008 al -14 del 2009. CuesLa dlveraenza e
ancora plu evldenLe se sl consldera la varlazlone percenLuale del
faLLuraLo: le lmprese mlallorl realsLrano una cresclLa nel 2009 del
9,8 (+24,4 nel 2008) menLre quelle peaalorl un crollo del 48 (-
26,1 nel 2008). Sl veda al rlauardo la lla.1.3.


Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali
5
Lanalisi di questa indagine realizzata sui bilanci di esercizio del triennio 2007-09 estratti dal databa-
se del Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo e relativi a 14.116 imprese con fatturato superiore
al milione di Euro di 60 distretti individuati dallOsservatorio.
6
Il crollo del fatturato ha infuenzato pesantemente il valore dei due principali indici di redditivit, il ROI
e il ROE, scesi rispettivamente al 3,9% (6,4% nel 2008) e allo 0,9% (2,8%).
31
1. Contributi
Come gi rilevato nel precedente Rapporto, la crisi ha determinato anche nel
2009 una forte dispersione delle performance delle imprese distrettuali. I risul-
tati si sono cio ulteriormente polarizzati, con un aumento della distanza tra le
imprese migliori e quelle peggiori: mentre le prime registrano un lieve calo dei
margini operativi netti (in percentuale del fatturato) scesi dal 12,7% del 2008
all11,8% del 2009, le imprese peggiori subiscono un vero crollo passando dal
-4% del 2008 al -14% del 2009. Questa divergenza ancora pi evidente se si
considera la variazione percentuale del fatturato: le imprese migliori registrano
una crescita nel 2009 del 9,8% (+24,4% nel 2008) mentre quelle peggiori un
crollo del 48% (-26,1% nel 2008)
7
.
I dati 2010 per le imprese distrettuali sono pi confortanti.
Per quanto riguarda lexport, i primi tre trimestri del 2010 sono stati caratteriz-
zati da un ritrovato slancio dellexport dei distretti industriali italiani, con una
importante accelerazione nel secondo e nel terzo trimestre, trasversale a tutti i
comparti. In particolare, secondo lIndice della Fondazione Edison (cfr. Capitolo
6)
8
, lexport dei 101 distretti cresciuto del 10,5% rispetto allo stesso periodo
dellanno precedente. I distretti che hanno ottenuto migliori perfomance sono
stati quelli che nel 2009 hanno registrato i cali export pi sensibili: meccanica
(+14,9%) e abbigliamento-moda (10,8%); pi contenuti i rialzi dellarredo-casa
(+5,8%) e dellalimentare (+4,7%). Tra i distretti con la crescita export maggiore
si segnalano quello delle macchine industriali di Treviso (+43,1%), quello degli
articoli in gomma e plastica di Bergamo (+40,8%), quello conciario di Santa
Croce Santa sullArno (+36,3%).
I dati pi confortanti relativi allexport riguardano il terzo trimestre per il quale si
registra un incremento generale dellexport pari al 16,6% con punte del 23,7%
per i distretti della meccanica e del 17,3% per quelli dellabbigliamento-moda.
7
Anche le ricerche condotte dalla Banca dItalia (cfr. I distretti industriali nelle analisi sulle economie
regionali della Banca dItalia, www.osservatoriodistretti.org) evidenziano la crescente eterogeneit del-
le strategie e dei risultati delle imprese allinterno dei distretti. In particolare, nei distretti calzaturieri
marchigiani, le performance migliori negli anni pi recenti sono state ottenute da quelle imprese che
hanno adottato una strategia di differenziazione qualitativa, supportata da investimenti nel marchio,
nella ricerca e sviluppo, in reti commerciali dedicate. Nei distretti del Nord est le imprese pi competi-
tive sono state quelle che hanno puntato allinnovazione di prodotto e di processo e ad inserirsi in reti
commerciali internazionali.
8
I dati fanno riferimento ai 101 distretti industriali compresi nellIndice della Fondazione Edison. Dal
2006 la Fondazione Edison elabora trimestralmente un Indice dellexport dei principali distretti indu-
striali italiani basato sui dati provinciali di commercio con lestero forniti dallIstat.
32
Contributi
1.
Per la prima volta, dopo diversi anni i distretti industriali hanno mostrato tassi
di crescita superiori a quelli di aree non distrettuali (+16% vs 15,6%). Spicca,
in particolare, il boom dellexport in Cina, dove i distretti hanno ottenuto per-
formance di gran lunga migliori rispetto ai gi buoni risultati del manifatturiero
italiano (+81,6% vs +48,8%)
9
. E quindi salito ulteriormente il ruolo assunto dal
mercato cinese: Cina e Hong Kong insieme si collocano ora al settimo posto
nel ranking dei principali sbocchi commerciali dei distretti, non molto distanti
da Svizzera e Spagna, e assorbono il 4,8% dellexport distrettuale.
Nel terzo trimestre 2010 tutte le regioni ad alta intensit distrettuale hanno
fatto registrare un incremento delle esportazioni rispetto allo stesso periodo
dellanno precedente. Il miglioramento pi sostenuto si osserva ancora una
volta in Lombardia e Marche, che hanno sofferto maggiormente nel 2009, e in
Toscana, dove hanno confermato ritmi di crescita a due cifre tutti i pi impor-
tanti poli del sistema moda
10
.
Pur in presenza di questi dati positivi, opportuno rilevare che nel complesso,
i livelli di export dei distretti registrati nei primi nove mesi del 2010 sono stati
inferiori del 16,6% rispetto a quelli toccati nel 2008. Tradotta in valori questa
percentuale corrisponde a 8,5 miliardi in meno sul 2008: su un totale di 12,2
miliardi persi tra gennaio e settembre del 2009, solo 3,7 miliardi sono stati
recuperati nei primi nove mesi del 2010
11
.
NellIndagine condotta dal centro Studi Unioncamere su un campione di 1.500
aziende
12
si evidenzia che nel 2010 il 34,3% delle imprese ha registrato un
incremento del fatturato, rispetto al 2009 (era il 4% lanno precedente) mentre
quelle che hanno registrato un calo di fatturato sono state il 19,3%. Per il 2011
le imprese che prevedono un incremento del fatturato sono il 24%, il 69% in-
dica una tenuta dei livelli raggiunti nel 2010 e soltanto il 7% una diminuzione
13
.
9
Nel terzo trimestre 2010 lexport distrettuale sul mercato cinese salito a 430 milioni (237milioni nello steso
periodo 2009). Tra i distretti che si sono distinti per diamicit e livello di export ci sono cinque distretti della
metalmeccanica (macchine per limballaggio di Bologna, Macchine tessili di Brescia, metalmeccanica di Lec-
co, meccanica strumentale di Vicenza e Varese) nonch i distretti conciari di Solofra e Arzignano, il tessile di
Prato, il mobile di Livenza, lorefceria di Arezzo (cfr. Monitor dei distretti, Intesa Sanpaolo, dicembre 2010).
10
A livello territoriale, nel periodo gennaio-settembre 2010 sono i 23 distretti del Centro a registrare il maggiore
incremento dellexport (+12,3%), seguiti dai 33 distretti del Nord-Ovest (+12%), dai 38 distretti del Nord-Est
(+9,2%) ed infne dai 7 distretti del Sud e Isole (+1,5%). Cfr. Capitolo 6, a cura di Fondazione Edison.
11
Cfr. Monitor dei distretti, Intesa Sanpaolo, dicembre 2010.
12
LIndagine condotta dal Centro Studi di Unioncamere si basa su un campione di 1.500 piccole e medie im-
prese -appartenenti ai settori alimentare, abbigliamento, arredamento (3A del made in Italy) e meccanica-
allinterno del quale stato reso signifcativo il subcampione riferito allinsieme dei 101 distretti industriali
censiti in questa edizione del Rapporto.
13
Relativamente ai settori, se gran parte del made in Italy, soprattutto il comparto alimentare, rileva una spin-
ta propulsiva (in particolare al Nord e al Centro), larredo-casa denota ancora segnali di affaticamento.
33
1. Contributi
Le previsioni export per il 2011, in base allIndagine Unioncamere, sono cau-
tamente ottimistiche: il 30,6% delle imprese prevede un ulteriore incremento, il
64,5% nessuna variazione e soltanto il 4,9% una diminuzione.
Loccupazione resta, invece, laspetto pi problematico e preoccupante: se nel
2010 soltanto il 12% dichiara di avere aumentato il numero di occupati contro
il 28% che, invece, ha registrato una sensibile diminuzione, per il 2011 soltanto
il 5,8% prevede un incremento degli occupati contro un 13,4% che dichiara
lintenzione di diminuire sensibilmente i suoi occupati (l80,9% dovrebbe man-
tenere inalterato il livello occupazionale)
14
.
La ripresa, quindi, appare in s contraddittoria, capace di sostanziarsi nel mi-
glioramento del posizionamento di un numero crescente di imprese, di un ritor-
no in positivo di molti bilanci ma incapace di creare nuova occupazione.
La recessione ha spinto molte aziende ad adottare criteri di razionalizzazione
dei costi, con effetti negativi sia sulla propensione ai nuovi investimenti pro-
duttivi che di ampliamento della base occupazionale ed appare diffcile imma-
ginare nellimmediato una sostanziale inversione di tendenza. Che le diffcolt
siano tuttaltro che superate, emerge con relativa chiarezza dallindagine con-
dotta dal Censis (cfr. Capitolo 4)
15
: il 58% degli intervistati ha dichiarato che
il distretto in una fase di ridimensionamento, contrassegnato ancora dalla
fessione del fatturato delle principali imprese, da perdite in termini occupazio-
nali e da diffcolt sui mercati esteri. E pur vero, tuttavia, che alla fne del 2009
ben l82% degli intervistati indicava il proprio distretto in una fase critica
16
.
Appare comunque cospicua, sebbene ancora minoritaria, la parte di chi rivede
lo scenario in ripresa: quasi il 20% del campione ritiene che il distretto abbia
recuperato le posizioni perse, il 5% indica addirittura una fase di crescita ed il
18% ritiene che il distretto abbia mantenuto le proprie posizioni nonostante tut-
to. Ancora pi incoraggiante il quadro relativo alle sole aziende. Solo il 25%
degli imprenditori contattati parla di ciclo congiunturale ancora negativo (era il
35% nel 2009), mentre il restante 75% si trova in una situazione di stazionariet
(20%), lento rafforzamento (29%) e in ripresa e crescita (26%).
14
Per quanto riguarda il ricorso ad ammortizzatori sociali, nel 2010 il 47% delle imprese intervistate ha fatto
ricorso alla cassa integrazione ordinaria mentre nel 2011 la percentuale dovrebbe scendere al 30%. In
base allIndagine Intesa Sanpaolo, i dati del 2010 (gennaio-novembre) confermano un trend di progressivo
ridimensionamento della cassa integrazione guadagni allinterno dei distretti industriali: 96 milioni di ore
che rappresentano un -43,6% di ore autorizzate sullo stesso periodo 2009 (170,1 milioni).
15
I dati fanno riferimento prevalentemente, ma non esclusivamente, ad unindagine effettuata dal Censis
presso 49 imprenditori e 52 testimoni privilegiati operanti in una struttura intermedia (Associazione di ca-
tegoria, Organizzazione sindacale, Camera di Commercio) allinterno di alcuni distretti dellOsservatorio.
16
Cfr. I Rapporto dellOsservatorio Nazionale dei Distretti Italiani, gennaio 2010.
34
Contributi
1.
Il sondaggio promosso dalla Banca dItalia (cfr. Capitolo 3 del Rapporto) su
un campione di 2.800 imprese con almeno 20 addetti conferma i risultati delle
precedenti indagini e sottolinea, in particolare, il costante ridimensionamento
delleffetto distretto: nei primi nove mesi del 2009 il calo del fatturato stato pi
marcato nei distretti rispetto alle aziende dello stesso settore ma localizzate in
aree non distrettuali, soprattutto nei comparti moda, beni per la casa e mecca-
nica. Inoltre, le aziende che operano nei distretti hanno fatto maggiore ricorso
alla cassa integrazione guadagni e, al contempo, hanno ridotto il numero di
addetti in misura pi marcata; anche lavvio di procedure di crisi aziendale ha
costituito una pratica pi ricorrente in ambito distrettuale. Infne, la quota di
imprese che prevede di chiudere lesercizio 2010 con un risultato positivo
inferiore nei distretti. Tuttavia, dallo stesso sondaggio si rileva che per il 2011
le imprese distrettuali prevedono migliori prospettive per la produzione indu-
striale e le vendite cos come maggiore la quota delle imprese distrettuali che
prevede un aumento dei propri investimenti.
La ripresa, dunque, appare ma ancora in trasparenza, con contorni assai sfu-
mati ed esiti piuttosto incerti. Le opinioni degli imprenditori e i dati disponibili
sembrano, infatti, indicare la chiusura della fase di emergenza iniziata nel 2008
e proseguita almeno fno ai primi mesi del 2010; ma i tempi di recupero, specie
per i distretti produttivi, appaiono lunghi. Soprattutto, sembrano accentuarsi le
differenze tra il Centro-Nord ed il Sud, cos come tra imprese inserite in fliere e
reti lunghe - capaci di confrontarsi con i mercati esteri - e quelle appartenenti a
reti pi corte e con una visuale inevitabilmente ridotta. Inoltre, sulle possibilit
di ripresa sembra incidere una variabile rilevante che quella occupazionale,
il cui nodo va risolto in modo rapido, forse con azioni organiche distretto per
distretto, che non si limitino solo al ricorso agli ammortizzatori sociali ma che
contemplino forme di riqualifcazione e reinserimento della forza lavoro ma-
nifatturiera, anche non necessariamente nello stesso settore (cfr. Capitolo 2,
Unioncamere).
Il percorso resta, dunque, accidentato. Le diffcolt che le aziende devono af-
frontare sono diverse e i problemi che gran parte delle aziende di distretto
devono affrontare possono essere ricondotti a quattro tipologie: diffcolt le-
gate alla generazione (e disponibilit) di mezzi liquidi, dovute essenzialmente a
ritardi nellincasso dei crediti commerciali; il diffcile reperimento di personale
qualifcato; questioni legate alla maggiore effcienza organizzativa e logistica;
un rapporto meno fuido, rispetto al passato, con il sistema bancario.
Tra le priorit di intervento sembra emergere ai primi posti la necessit di un rie-
quilibrio fnanziario dei singoli distretti ed il reinvestimento sul capitale umano.
35
1. Contributi
Nel primo caso, il sistema bancario dovrebbe garantire limmissione di liquidit
nel circuito economico distrettuale, almeno fno a quando la carenza di mezzi
liquidi, generata dal repentino dilatarsi dei tempi di riscossione dei crediti com-
merciali, non sar terminata. In questo senso anche lazione di garanzia sui
prestiti esercitata dal sistema dei Confdi potr essere daiuto (cfr. Capitolo 4,
Censis). In particolare, secondo molti osservatori, in questa delicata fase con-
giunturale necessario mettere a punto un patto banca-impresa che mediante
un sistema premiante in termini di valutazione del rischio e assegnazione del
rating, abbia leffetto di produrre comportamenti innovativi e virtuosi da parte
delle Pmi: pi cultura imprenditoriale, pi internazionalizzazione, pi aggrega-
zione. Un patto, che non sia calato dallalto, ma che possa nascere dal basso
provando ad incrociare una nuova politica del credito con unevoluzione dei
comportamenti delle piccole aziende
17
.
1.4 Le strategie dei distretti per fronteggiare
la crisi e agganciare la ripresa
I dati congiunturali e di previsione del 2011 evidenziano lintrinseca capacit di
tenuta del modello distrettuale, la sempre pi accentuata proiezione sui mer-
cati esteri e, nello stesso tempo, la riduzione del divario tra imprese distrettuali
e imprese dello stesso settore ma localizzate allesterno di aree distrettuali (cfr.
Cap.2 Unioncamere). Queste tendenze, tuttavia, non sono uniformi e la loro
intensit varia da distretto a distretto. Si rilevano in alcuni distretti, ad esempio,
strategie di reazione creativa agli eventi di crisi, che lasciano intravedere nuove
17
In particolare, alle imprese che fanno rete possibile assegnare un rating specifco che tenga conto
del sistema relazionale. In caso di rete effciente il rating positivo e pertanto le aziende sono merite-
voli di fnanziamenti a tassi meno onerosi. evidente che gestire un affdamento avendo di fronte una
rete piuttosto che la singo-la impresa cambia completamente lapproccio al problema: ai consueti dati
danalisi occorre aggiungere quelli derivanti dal sistema relazionale. Cfr. Dario Di Vico, Corriere della
Sera, 18 gennaio 2011. Per ulteriori approfondimenti sul rating di rete, cfr. Ricciardi A., Strategie di
cooperazione tra aziende e mitigazione del rischio operativo: i vantaggi competitivi delle reti di impre-
se, Saggio in Airoldi G., Brunetti G., Corbetta G. e Invernizzi G. (a cura di), Scritti in onore di Vittorio
Coda, Egea, 2010.
36
Contributi
1.
organizzazioni dimpresa mentre in altri sono evidenti sintomi di allentamen-
to dei legami di interdipendenza tra le imprese e tra queste e leconomia dei
territori di localizzazione. possibile che tali fenomeni rappresentino sintomi
di pi profondi cambiamenti in atto nella struttura dei distretti e che tali cam-
biamenti siano anche il tentativo di reazione nei confronti del mutato scenario
competitivo.
Come evidenziato nel Capitolo 3 di questo Rapporto, lattuale crisi fnanziaria
ed economica ha colpito le imprese italiane, a iniziare da quelle distrettuali, in
una fase di trasformazione. La varianza dei risultati aziendali, gi elevata nella
prima parte del decennio, probabilmente aumentata; cos anche i divari di
performance tra i singoli sistemi distrettuali. Mentre leffetto distretto stato
sottoposto a un processo di progressiva erosione, le imprese distrettuali non
sono rimaste per inerti, partecipando al processo di trasformazione in atto nel
sistema industriale italiano. E partecipandovi, anzi, in maniera pi accentuata:
in base a unindagine che la Banca dItalia ha condotto nel 2007, nel periodo
2000-06 circa il 60 per cento delle imprese distrettuali ha cambiato strategia
-innovando, internazionalizzandosi o rafforzando i propri marchi- una percen-
tuale di circa dieci punti pi elevata rispetto ai non distretti.
Cos come si rileva dallindagine Unioncamere (Capitolo 2), la focalizzazione
sulla qualit del prodotto e sulla sua marcata caratterizzazione (design, mar-
chio, posizionamento in specifche nicchie di mercato) non pi, da tempo,
la sola strategia ampiamente diffusa tra le aziende distrettuali, essendo ormai
questi asset competitivi acquisiti gi prima della fase di crisi della domanda in-
ternazionale. Il vero cambiamento degli ultimi anni si sostanzia nellindividuare
le strategie pi effcaci per vendere i prodotti, soprattutto allestero.
In questa prospettiva, emblematico il caso del distretto della maglieria e del-
labbigliamento di Carpi
18
, che dopo una fase di crisi negli anni Novanta, ha
18
Cfr. Monitor dei distretti, Intesa Sanpaolo, Marzo 2010.
19
La diffcolt ha riguardato soprattutto le imprese del comparto maglieria sottoposte alla concorrenza
di sub-fornitori cinesi insediati in aree limitrofe al distretto.
20
In base ad una indagine condotta da Intesa Sanpaolo su un campione di 1.250 imprese calzaturiere
e della concia si rileva come anche nel diffcile 2009 le imprese in possesso di certifcati di qualit
abbiano registrato unevoluzione del fatturato signifcativamente pi elevata rispetto a quelle che ne
sono sprovviste. Cfr. Monitor dei distretti, Intesa Sanpaolo, Ottobre 2010.
21
Nellambito dei rapporti di subfornitura le imprese committenti di maggiori dimensioni hanno reinter-
nalizzato alcune fasi del processo produttivo scaricando sui piccoli fornitori il rischio del calo della
domanda. Inoltre, le piccole imprese subfornitrici, con scarso potere contrattuale, sono state costrette
ad accettare tagli dei margini e/o ritardi degli incassi che hanno pregiudicato la loro stessa sopravvi-
venza sul mercato.
37
1. Contributi
registrato negli anni Duemila una sensibile crescita del fatturato. La ripresa
del distretto stata il frutto di un intenso processo di riposizionamento strate-
gico: orientamento verso segmenti medio-alti del mercato (meno esposti alla
concorrenza di prezzo), investimenti nella ricerca stilistica de prodotto, am-
pliamento della gamma fno ad offrire un total look, affermazione di marchi
propri, controllo diretto dei canali distributivi. Effetti di questo riposizionamen-
to strategico sono stati la concentrazione del fatturato in poche aziende, la
chiusura di molte imprese marginali
19
, un valore della produzione del comparto
confezione superiore a quello della maglieria (specializzazione tradizionale del
distretto). Sullevoluzione del distretto ha pesato il ruolo delle imprese leader,
che hanno avuto il merito di creare reti produttive in grado di effettuare lintero
processo (dalla creazione del modello alla consegna nel canale di vendita) con
la partnership di sub-fornitori selezionati capaci di co-progettare e disponibili a
partecipare al rischio degli investimenti.
Meno evidente, ma comunque su livelli apprezzabili, risulta la propensione ad
apportare miglioramenti o modifche al processo produttivo, in particolare per
quanto riguarda sia lacquisizione della certifcazione di qualit sia ladozione di
tecnologie eco-compatibili (cfr. Capitolo 8 del Rapporto). Relativamente al pri-
mo aspetto, sullo stimolo dei grandi gruppi industriali che impongono ai propri
fornitori le certifcazioni di qualit per ridurre i costi di controllo, molte azien-
de terziste per fdelizzare la clientela hanno acquisito tale strumento (Uni-Iso
9001)
20
. Inoltre, ben un quarto del campione ha indicato di voler effettuare, a
breve, investimenti fnalizzati a ridurre i consumi di energia e ottimizzare luso
di materie prime, minimizzando gli scarti e le emissioni.
Con riferimento allorganizzazione dei processi produttivi, se nella fase pi
acuta della crisi molte imprese hanno ridotto il ricorso alloutsourcing, inter-
nalizzando quote di produzione prima affdate allesterno per saturare la ca-
pacit produttiva, di fronte ai primi segnali di ripresa le aziende distrettuali di
pi grandi dimensioni hanno riattivato rapporti di subfornitura per rispondere in
maniera pi fessibile alle nuove richieste dei mercati.
Nellambito delle fliere produttive, se da un lato le aziende pi piccole e meno
effcienti stanno assumendo un ruolo sempre pi marginale
21
, dallaltro lato si
nota il potenziamento del ruolo delle imprese leader, che tornano ad assumere
nel distretto una funzione propulsiva e di rinnovamento. Si tratta di una piccola
quota di imprese, sempre pi sganciata dalla dimensione locale delle forniture
e sempre pi alla ricerca di competenze strategiche esterne al distretto che,
tuttavia, rappresenta per il resto del tessuto produttivo una forza trainante,
capace di fungere da apripista e di attivare innovazioni con ricadute positive
38
Contributi
1.
sullintero distretto
22
. Sono soprattutto queste le imprese che, accompagnate
da unattenta e oculata gestione fnanziaria, stanno ampliando il controllo delle
fasi di gestione focalizzando risorse anche sulla distribuzione e vendita del
prodotto soprattutto allestero, ricercando nuove nicchie di mercato e nuove
opportunit in aree di business complementari a quelle di specializzazione del
distretto. Imprese, tanto mature strategicamente, che in alcuni casi hanno so-
stenuto gli anelli deboli della fliera (deboli soprattutto per criticit fnanziarie) al
fne di garantire nel medio-lungo periodo la fessibilit produttiva e la conser-
vazione nel territorio della qualit della produzione
23
. Queste stesse imprese
potrebbero rappresentare il punto di riferimento e, al tempo stesso, il volano
dello sviluppo di nuove forme di aggregazione, incentivate dai contratti di rete
previsti dalla L.33/2009.
La rete, dentro e fuori il distretto, rappresenta ancora un valore, capace di con-
tribuire positivamente al miglioramento della competitivit delle singole impre-
se partner. Molto saldi appaiono i legami funzionali tra imprese allinterno dei
distretti, specie nel caso delle reti di produzione, che progressivamente sono
divenute pi complesse. Se vero, cos come si rileva dallindagine Unionca-
mere (cfr. Capitolo 2), che per una parte molto consistente delle imprese (37%)
i principali fornitori sono ancora di prossimit, quote altrettanto consistenti
(31%) indicano la presenza di fornitori nella regione di localizzazione dellim-
presa e fuori dalla regione (26,7%), cos come per pi del 5% i fornitori sono
collocati allestero. Si confgurano in tal modo reti lunghe e corte allo stesso
22
La Marazzi, azienda leader del Distretto di Sassuolo, ha risposto alla crisi investendo in nuovi impianti
tecnologici (90 milioni di Euro) che garantiscono un ciclo continuo e la massima fessibilit: senza
interruzione si pu passare da una tipologia di ceramica allaltra nei pi diversi formati; senza costi
aggiuntivi si possono realizzare infnite piastrelle diverse, ognuna con un decoro originale. Nel primo
semestre 2010, si raggiunta la piena capacit produttiva degli impianti, i dipendenti in cassa inte-
grazione sono scesi dagli 800 del 2009 a 87 del 2010 e si rivitalizzato lindotto del Distretto che ha
tratto enorme benefcio dal consolidamento della Marazzi.
23
interessante rilevare che nei distretti del tessile-abbigliamento dove si era fatto ricorso intensamente
alla delocalizzazione produttiva si registra, soprattutto da parte delle imprese di medie dimensioni, un
potenziamento delle fliere localizzate nei territori distrettuali che garantiscono fessibilit, puntualit
delle consegne, coprogettazione e soprattutto riducono al minimo i frequenti errori della produzione
de localizzata: ritardo nelle consegne, ordini inevasi, necessit di riparazioni.
Il fenomeno si sta diffondendo anche in altri settori e, al riguardo, emblematico il caso Said, azienda
leader di utensili per la lucidatura di piastrelle e ceramiche. Per dieci anni, la Said ha fornito materie
prime ai partner cinesi per realizzare il semilavorato, per poi completare il prodotto in Italia anche al
fne di controllarne la qualit. Nel corso del tempo la delocalizzazione ha comportato numerosi pro-
blemi: eccessivi costi di trasporto e complessit della logistica ma soprattutto il mancato rispetto della
dichiarazione dei materiali da parte dei fornitori cinesi. Su questi presupposti la Said ha trasferito tutta
la produzione a Isola Vicentina integrando verticalmente altre aziende del territorio e creando un polo
distrettuale con prodotti rigorosamente made in Italy.
39
1. Contributi
tempo, un sistema policentrico, con molti nodi, espressione della complessit
delle nuove e diversifcate esigenze dei distretti industriali italiani. Ci sono reti
molto accentrate su un soggetto leader, generalmente una media impresa di
successo del made in Italy e reti orizzontali che condividono un progetto di
prodotto o commerciale ma anche fnalizzate a condividere conoscenze e ag-
giornamento continuo.
Il sistema delle reti distrettuali si notevolmente evoluto nel corso dei decen-
ni, di pari passo con linnalzamento progressivo e costante della qualit dei
prodotti realizzati. In particolare, diventa sempre pi sofsticato il processo di
selezione dei fornitori e sempre pi frequenti sono i casi di coprogettazione tra
committente e fornitore. Al riguardo, lindagine Unioncamere rileva che solo il
30% degli intervistati valuta un fornitore in primo luogo in base al prezzo men-
tre per il resto interviene un mix di altri criteri come, ad esempio, la qualit delle
forniture, la rapidit di consegna della merce, i rapporti consolidati, la capacit
del fornitore di progettare o di apportare miglioramenti ai prodotti.
La crisi ha rimesso in gioco gran parte della forza di coesione intradistrettuale,
ma per il momento larchitettura complessiva, quel legame forte tra territorio e
impresa, sembra mostrare ancora molti punti di forza. Occorre tuttavia chieder-
si quanto le reti distrettuali siano attuali. Se da un lato esse garantiscono il per-
petuarsi di un modello che resiste alle diffcolt pi evidenti, dallaltro sempre
pi evidente che tali reti devono aprirsi allesterno. Lallargamento costante
delle reti collaborative dovrebbe essere una priorit essenziale per i distretti:
debordare dai confni del localismo ed allargare la visuale potrebbe, dunque,
essere un nuovo importante obiettivo di crescita. Il distretto, in sostanza, pu
essere la base attraverso cui far passare reti sempre pi ampie e nuove, forme
di collaborazione diverse: dai consorzi acquisti a quelli per lexport, da quelli
per la sperimentazione di innovazioni fno alle piattaforme logistiche comuni.
Daltra parte, la costituzione di reti calate dallalto e senza un substrato minimo
di imprese coese rischia di avere un eccessivo carattere di provvisoriet ed
per questo motivo che i distretti industriali potrebbero essere uno dei primi veri
banchi di prova attraverso cui testare nuove e importanti formule aggregative,
come quelle incentivate dai Contratti di rete.
Generalmente in un distretto operano imprese indipendenti, integrate in una
rete di relazioni di cooperazione informale e di lungo periodo. Da questo punto
di vista, il distretto rappresenta indubbiamente un terreno fertile per il sorgere
di un sistema reticolare, tenuto conto che si innesta in un tessuto di relazioni
preesistenti in aree geografcamente ben delimitate. Quello che non sempre
accade che i rapporti di comunanza geografca si evolvono in rapporti di co-
40
Contributi
1.
munanza gestionale. Pertanto, il distretto e le aree-sistema non costituiscono
condizione n necessaria n suffciente per lapplicabilit dei reticoli evoluti di
cooperazione. Tuttavia, grazie alla maggiore interazione sociale, alle comuni
radici culturali, alla circolazione agevolata delle competenze e delle conoscen-
ze, i distretti possono costituire degli acceleratori del processo di sviluppo di
reti evolute. Da questo punto di vista, possibile affermare che esistono reti di
imprese non localizzate in distretti e distretti dove non si rilevano reti di impre-
se ma quando la rete nasce in un distretto, le performance economiche sono
maggiori di quelle delle reti fuori distretto
24
.
Altre forme di collaborazione si proflano allinterno dei distretti: dai legami con
i centri universitari di ricerca (prevalentemente localizzati nella provincia del
distretto) ai consorzi per lexport e per linternazionalizzazione a quelli per lac-
quisto in comune di materie prime. Si tratta di schemi di rete assai diffusi, il pi
delle volte provvisori, quindi con un tasso di turnover elevato. Sotto questo
proflo, tendono a diffondersi anche relazioni tra imprese localizzate in distretti
diversi e tra imprese di settori di specializzazione differenti.
La creazione di network e la stabilit delle forme di cooperazione sono state ri-
spettivamente, stimolate e garantite dallintervento di soggetti intermedi, come
le associazioni di categoria e soprattutto le camere di commercio, che sempre
pi frequentemente tendono a diventare i referenti e gli artefci della governan-
ce dei distretti
25
. Queste istituzioni, nellattuale fase delicata del ciclo di vita dei
distretti, dovrebbero svolgere alcune funzioni di importanza prioritaria: riuscire
a conservare e consolidare sul territorio il patrimonio di know-how produttivo
oggi a rischio, sia per luscita dal mercato degli addetti che detengono queste
professionalit sia per lo scarso interesse delle giovani generazioni ad acquisire
queste competenze
26
; implementare nuovi circuiti di conoscenze che permet-
24
stato verifcato con ricerche empiriche che nei distretti dove le reti tra imprese sono formalizzate e
pianifcate, la redditivit media maggiore: maggiore nei distretti dove la produzione organizza-
ta sotto forma di reti di imprese e queste sono pianifcate da imprese leader effcienti (Santacroce,
Lecco, Padova); si annulla quando nel distretto non esistono modelli formalizzati di cooperazione tra
imprese (Barletta, Brenta, Pesaro); il differenziale negativo quando nel distretto c concorrenza tra
le imprese (Ascoli). Cfr. Ricciardi A., Le reti di imprese. Vantaggi competitivi e pianifcazione strategica,
Franco Angeli, Milano, 2003; Ricciardi A., Reti di imprese. Modello organizzativo per sostenere la
competitivit delle Pmi italiane, Amministrazione & Finanza, N. 22, 2008.
25
Un sistema territoriale caratterizzato da istituzioni e centri di servizio che costituiscono un vero punto
di riferimento e sostegno per gli imprenditori si ritrova nel sistema delle macchine agricole di Modena
e Reggio Emilia, con una quota export di circa il 60% del fatturato. Le iniziative promosse dalle istitu-
zioni locali, in termini di servizi e assistenza, hanno contribuito, secondo il giudizio degli imprenditori,
allinternazionalizzazione delle imprese e alla loro capacit dinnovazione.
41
1. Contributi
tano un effcace e rapido trasferimento tra chi le crea e chi le utilizza; favorire
una partnership con le banche anche al fne di migliorare i criteri di valutazione
del rischio che tengano conto delle peculiarit delle imprese distrettuali
27
.
1.5 Le politiche ambientali e la qualit
della vita nei distretti italiani
Lomogeneit delle produzioni, del livello tecnologico e delle scelte gestiona-
li rendono il distretto un ambito favorevole per perseguire strategie e politiche
ambientali in chiave competitiva. Ne sono un esempio i 5 distretti descritti nel
Capitolo 8 di questo Rapporto (a cura di Unioncamere-Symbola). Si tratta di
cinque sistemi produttivi locali che negli ultimi anni si sono distinti per una for-
te propensione allinnovazione in materia di sostenibilit ambientale: il Distretto
Agroalimentare di San Daniele, il Distretto della Carta di Frosinone, il Distretto
della Ceramica di Sassuolo - Scandiano, il Distretto della Concia di Santa Croce
e il Distretto del Mobile di Livenza. Dallanalisi condotta emerge come questi
cluster siano diventati nel tempo protagonisti attivi dellintera gamma di politiche
ambientali: dalla classica fase del semplice disinquinamento, allutilizzo di nuove
tecnologie a minore impatto su tutto il ciclo produttivo. Da una fase passiva di
semplice applicazione di normative imposte dallesterno, si progressivamente
passati ad una fase attiva in cui i distretti hanno incrementato i loro investimenti
in politiche ambientali innovative.
26
Nel distretto tessile di Carpi la collaborazione tra istituzioni e imprese ha dato vita alla costituzione
del Campus della Moda, dove vengono insegnate competenze stilistiche e manageriali con lobiettivo,
riuscito, di mantenere nel territorio il patrimonio di professionalit e competenze produttive.
27
Una recente ricerca ha dimostrato empiricamente una correlazione tra performance economiche e
qualit della governance dei distretti. Lindagine ha riguardato 10 distretti del campione Osservatorio:
5 distretti con performance superiore alla media di settore e 5 distretti con performance inferiore alla
media di settore (in entrambi i gruppi ritroviamo 2 distretti meccanici, 2 distretti abbigliamento-moda,
1 distretto arredo-casa). In tutti e 5 i distretti con performance positiva si riscontrata una governance
effciente in termini di modalit di funzionamento degli organi di governance, effcacia degli strumenti
e delle iniziative effettivamente realizzate; viceversa nei distretti con performance negativa si rileva as-
senza di organismi di governance o governance ineffciente in termini di iniziative realizzate e risultati
raggiunti. Cfr. Pastore P. e Tommaso S., Distretti industriali: relazione tra governance e performance
economico-fnanziarie, Relazione al Convegno Sidrea, Napoli, dicembre 2010.
42
Contributi
1.
Nel distretto del Parco Agroalimentare di San Daniele lo slogan Un parco bello
e buono, che accompagna la comunicazione del distretto, nasce per sottoli-
neare le caratteristiche del territorio, con prodotti alimentari di altissima qualit e
una forte propensione alla sostenibilit ambientale. Parallelamente alle politiche
territoriali, il Distretto ha intrapreso azioni specifche per risolvere alcune criticit
ambientali del processo produttivo del prosciutto, legate principalmente alla ge-
stione degli scarti salini e dei carnicci. Nei processi di lavorazione della carne, il
sale viene utilizzato in grandi quantit che fnisce per concentrarsi nelle acque di
lavaggio, sia in forma liquida che solida. Per combattere la presenza eccessiva di
sale nelle acque refue e rispettare i limiti indicati dalla normativa vigente, stato
realizzato un macchinario in grado di recuperare alternativamente il solido e le
soluzioni saline. Il sale recuperato viene invece utilizzato nelle autostrade, per
fronteggiare le precipitazioni nevose e garantirne la percorribilit e sicurezza.
Fra le sfde che il distretto della carta di Frosinone si trovato in questi anni ad
affrontare, quella ambientale occupa un posto di rilievo. Il tema delleco-compa-
tibilit, infatti, sta diventando sempre pi rilevante per le imprese del settore e
le preoccupazioni maggiori per il futuro riguardano il costo energetico e quello
delle materie prime. Nel corso degli ultimi 10 anni tutte le cartiere del cluster si
sono dotate di impianti di cogenerazione, per ottenere un risparmio energetico
compreso tra il 10% e il 15%. Mentre le aziende di maggiori dimensioni si sono
dotate autonomamente di questi impianti, Filcart e Confndustria Frosinone han-
no unito le loro forze per promuovere lutilizzo dei cogeneratori nelle aziende pi
piccole.
Il distretto industriale di Sassuolo-Scandiano da decenni leader indiscusso
nella produzione di piastrelle ceramiche, sia a livello nazionale che mondiale.
Il cluster emiliano stato tra i primi a maturare una profonda consapevolezza
ambientale cercando di coniugare la tutela delleco-sistema, della sicurezza e
della salute con lo sviluppo della competitivit sui mercati.
Sul fronte dei processi, il distretto di Sassuolo pu vantare limpatto ambientale
pi basso rispetto a comparti analoghi di altri paesi. Per quanto riguarda le mate-
rie prime, si puntato sulla tecnica del riutilizzo dei rifuti/residui di fabbricazione
e depurazione, considerata la migliore ai fni della prevenzione e della riduzione
dellinquinamento. A differenza di altri settori produttivi, lindustria ceramica
in grado di riciclare e digerire al proprio interno la maggior parte dei rifuti che
produce, risparmiando notevoli quantit di materie prime ed evitando gli oneri
per lo smaltimento. In particolare, per quanto concerne i consumi idrici, la quasi
totalit delle aziende non scarica acque refue (in fognatura o nei corpi idrici su-
perfciali) ma le riutilizza integralmente (percentuale del 100 %) nel proprio ciclo
43
1. Contributi
produttivo o presso altri stabilimenti. Questo riciclo comporta una riduzione dello
scarico di inquinanti nellambiente e un consistente risparmio di acque fresche:
per quanto riguarda lacqua utilizzata per la preparazione dellimpasto, il 70%
proviene da acque riciclate, mentre il 30% costituito da acqua prelevata da
acquedotto o pozzo.
Il distretto di Santa Croce sullArno, situato tra le province di Pisa e Firenze,
rappresenta una delle principali realt nel campo della lavorazione conciaria a
livello italiano e internazionale e si caratterizza per essere lunico cluster la cui
specializzazione abbraccia lintera fliera produttiva della pelle, dalla concia al
prodotto fnito. Nel distretto si realizza il 98% circa della produzione italiana di
cuoio da suola (il 70% di quello dei paesi Ue) e il 35% della produzione nazionale
di pelli per calzature, pelletteria e abbigliamento.
Limpegno del distretto in campo ambientale ha una lunga storia e dimostra
come una serie di vincoli legislativi possano, negli anni, stimolare un processo di
gestione delle risorse virtuoso e condiviso a livello distrettuale.
Per quanto riguarda il recupero delle acque refue, il primo impianto centralizzato
di depurazione stato costruito negli anni 70. Attualmente limpianto di Santa
Croce ha una capacit di trattamento pari a 30 mila mc di scarichi al giorno e una
potenzialit di 2.050.000 a.e. (abitanti equivalenti), ovvero garantisce la depura-
zione di una citt di 2 milioni di persone. Attualmente il depuratore ha raggiunto
una percentuale di abbattimento degli inquinanti caratteristici del ciclo conciario
di circa il 99% e tra il 1995 e il 2008 ha consentito una riduzione di circa il 60%
del quantitativo di fanghi prodotti per metro cubo di acqua conciaria.
Il Distretto del Mobile di Livenza il primo polo produttivo del legno-arredamen-
to in Europa. Il cluster friulano da anni impegnato in una specifca pianifca-
zione ambientale per lottimizzazione delluso delle risorse naturali, la riduzione
dellinquinamento. Non a caso quello di Livenza il primo distretto in Italia ad
aver ottenuto, nel 2006, lattestato EMAS (Eco Management and Audit Scheme)
per APO (Ambito Produttivo Omogeneo).
Lobiettivo del distretto promuovere leco-compatibilit dei prodotti attraverso
ladozione di una Politica Integrata di Prodotto (IPP), che si basa su un secon-
do Accordo di Programma tra gli stessi attori che hanno dato vita al percorso
EMAS. Con questo progetto si vuole sostenere ladozione di un marchio ambien-
tale di prodotto, oggi assente in Italia, riproducibile in altri distretti e altri settori
produttivi, basato su standard oggettivamente verifcabili e stabiliti sulla base
dello studio del ciclo di vita (LCA) dei singoli compo-nenti e processi di fabbri-
cazione del mobile. Ladozione di un marchio nazionale di prodotto consente di
creare un circolo virtuoso che coniuga la tutela ambientale con il rafforzamento
44
Contributi
1.
della competitivit delle aziende della fliera rispetto alla concorrenza nazionale e
internazionale, oltre ad orientare i consumatori verso prodotti migliori.
Dai casi descritti emerge come la sfda ambientale stia poco a poco diventando
un importante fattore di competitivit, un valore aggiunto immateriale per le pro-
duzioni italiane, specie in un momento di crisi economica come quello attuale.
Linnovazione tecnologica legata ai temi dellambiente, , infatti, una scommessa
ragionevole per unimprenditoria matura ed un elemento che concorre ad in-
crementare la percezione di qualit che solitamente associata alle produzioni
del manifatturiero italiano. Tuttavia, se pur vero che la sensibilit ambientale
inizia a diffondersi presso alcune fasce di consumatori, altrettanto vero che
molto resta da fare affnch il valore delle certifcazioni ambientali, sempre pi
diffuse, venga conosciuto da un pi vasto pubblico, condizione necessaria af-
fnch gli investimenti green si traducano in un ritorno economico sul mercato.
Signifcativo, , invece, il vantaggio ottenuto dalle imprese dei distretti in termini
di riduzione dei costi, laddove gli investimenti in politiche ambientali allavan-
guardia hanno consentito rilevanti diminuzioni dei consumi e una gestione delle
risorse pi effciente (cfr. Capitolo 8, Unioncamere-Symbola).
Lindice di qualit della vita dei distretti
Mediante lindice della qualit della vita dei distretti elaborato da Confartigianato
(Capitolo 7) i distretti sono stati classifcati in base alla disponibilit di condizioni
per promuovere lo sviluppo delle imprese nei rispettivi territori. Lindice ela-
borato sulla base di 41 indicatori raggruppati in 11 ambiti cos sinteticamente
descritti: Densit imprenditoriale, Mercato del lavoro, Pressione fscale, Con-
correnza sleale del sommerso, Burocrazia, Credito, Tempi della giustizia civile,
Legalit e confittualit, Utilities e servizi pubblici locali, Capitale sociale del ter-
ritorio e Infrastrutture.
La classifca distrettuale dellIndice Confartigianato 2011 pone al primo posto,
con le condizioni pi favorevoli per fare impresa, il Distretto del porfdo e delle
pietre Trentine dove lIndice assume il suo valore massimo, pari a 700. Al secon-
do posto troviamo il Distretto del Mobile della Brianza con un valore dellIndice
pari a 691, al terzo, ex aequo, il Distretto dellAbbigliamento Gallaratese, Asse
del Sempione (Varese) e il Distretto della Metallurgia delle Valli Bresciane/Lumez-
zane (Brescia) con un valore pari a 685.
Sul versante opposto della classifca troviamo quei distretti in cui pi comples-
so e pi diffcile esercitare lattivit imprenditoriale: il distretto con lIndice pi
45
1. Contributi
basso, pari a 434, il Distretto produttivo della Meccanica Siciliana (Siracusa)
preceduto dal Distretto Tessile, Abbigliamento e Concia di Grumo Nevano/San
Giuseppe Vesuviano con un valore di 441. Gli ultimi nove distretti in classifca
sono tutti localizzati nel Mezzogiorno, a conferma delle diffcolt incontrate in
questo territorio per linsediamento e la gestione di una impresa.
A livello di macrosettori sono i distretti del Sistema Casa a mostrare le migliori
condizioni ambientali per le imprese, con un Indice Confartigianato Qualit della
Vita dei Distretti pari a 645, seguito dai distretti degli Altri settori con 640, della
Metalmeccanica con 639. Una pi accentuata riduzione dellindice si riscontra
per i distretti del Sistema Moda, con un valore medio di 627 e per quelli dellAli-
mentare, dove si registra il valore minimo di 604.
1.6 Conclusioni
Ci che emerge dal secondo Rapporto la sensibile evoluzione che stanno at-
traversando i distretti, evoluzione caratterizzata da importanti trasformazioni or-
ganizzative realizzate dalle aziende.
In primo luogo, occorre sottolineare che la dimensione media delle imprese lo-
calizzate nei distretti tende ad aumentare ed superiore rispetto alla media na-
zionale, cos come sono pi evolute le loro forme giuridiche. In particolare, nel
Nord-Est, dove maggiore lintensit dei distretti, le aziende grandi (con pi di
50 milioni di fatturato) sono pari al doppio di quelle piccole (con meno di 10 mi-
lioni di fatturato) ed alta la quota di societ di capitali e di persone.
Si registra, inoltre, una progressiva riduzione della specializzazione produttiva
per cui le imprese tendono sempre pi a diversifcare e ad ampliare la gamma
di offerta.
Infne, si rileva sotto il proflo dellorganizzazione produttiva una tendenza a li-
mitare la delocalizzazione e, corrispondentemente, a potenziare le reti locali di
fornitura, pi affdabili rispetto a quelle straniere.
Per quanto riguarda le performance, si rileva una forte dispersione dei risultati
delle imprese distrettuali; di fatto, si registra una forte polarizzazione per cui le
aziende migliori crescono sempre di pi mentre quelle marginali rischiano il falli-
mento. La differenza tra i due poli determinata dalle strategie implementate:
le imprese che registrano performance brillanti di bilancio sono quelle che, oltre
46
Contributi
1.
a puntare alla qualit di prodotto e allaffermazione del marchio, hanno orientato
gli investimenti sul controllo diretto dei canali distributivi, soprattutto allestero.
Queste stesse imprese sono pi propense ad apportare miglioramenti al pro-
cesso produttivo anche mediante lacquisizione della certifcazione di qualit e
ladozione di tecnologie eco-compatibili.
Sensibili differenze di performance si rilevano anche tra distretti dello stesso set-
tore e localizzati in aree geografche limitrofe. Quelli che mostrano performance
migliori sono caratterizzati da governance effcienti, autonomia delle imprese
sub-fornitrici, propensione agli investimenti in innovazione, presenza di imprese
leader che coordinano stabili reti di imprese.
La collaborazione tra imprese, elemento peculiare da sempre dei distretti produt-
tivi italiani, tende costantemente ad evolversi fno ad arrivare alla co-progetta-
zione e alla condivisione dei rischi delle iniziative intraprese in partnership. Sotto
questo proflo,il distretto si sta dimostrando uno degli ambienti pi congeniali
per la formalizzazione di queste cooperazioni, fno ad oggi spontanee, mediante
il contratto di rete previsto dalla L.33/2009.
Nessuna contrapposizione o esclusione, quindi, tra reti e distretti, bens uno stru-
mento in linea con lesigenza di maggiore fessibilit. Le recenti esperienze testi-
moniano che la necessit di porre in attuazione progetti fortemente innovativi de-
termina una spinta alla condivisione dei progetti tra aziende della stessa fliera, a
volte collocate al di fuori del proprio territorio distrettuale, che resta comunque la
culla di esperienze industriali, di conoscenze tecniche, di specifche conoscenze
manifatturiere. Il territorio, inoltre, pu e deve mettere a disposizione strumenti e
soggetti di supporto allo sviluppo: non la territorialit il tema da superare, bens
la funzione del territorio che va riposizionata (cfr. Fontana, Introduzione al Rap-
porto). In questa prospettiva, un ruolo fondamentale di stimolo allo sviluppo di
queste forme organizzative lo rivestono le associazioni di categoria e soprattutto
le Camere di commercio. Queste istituzioni, nellattuale fase delicata del ciclo di
vita dei distretti, oltre a favorire la stabilit delle forme di collaborazione, hanno
il compito fondamentale di conservare sul territorio il patrimonio di know-how
produttivo oggi a rischio e favorire una partnership con le banche anche al fne di
migliorare i criteri di valutazione del rischio delle reti di imprese.
In defnitiva, levoluzione del distretto signifca governance pi moderne, pi at-
tuali, pi pragmatiche: una governance effciente si traduce in un distretto di
successo (cfr. Taranzano, prefazione al Rapporto).
47
Modalit organizzative e vantaggi localizzativi
delle imprese distrettuali nel nuovo decennio
Contributi
a cura di Unioncamere
2.1 Introduzione: i numeri dei distretti industriali
Nel corso del 2010, i distretti industriali hanno ripreso respiro dopo la con-
giuntura particolarmente negativa che aveva colpito la domanda di quelle
produzioni del Made in Italy storicamente rappresentanti il loro core busi-
ness. Le informazioni a disposizione per i 101 distretti censiti allinterno di
questa seconda edizione del Rapporto
1
delineano tuttavia un quadro in cui
i distretti non sembrano aver sofferto gli effetti della crisi pi gravemente
rispetto al complesso delleconomia manifatturiera.
2.
1
Cos come avvenuto in occasione della prima edizione dellOsservatorio Nazionale Distretti Italiani,
lindividuazione dei distretti oggetto della presente analisi stata effettuata tenuto conto, da un lato,
del lavoro svolto su questi temi da Unioncamere e Mediobanca in occasione della loro indagine an-
nuale sulle medie imprese industriali e, dallaltro, dei distretti aderenti alla Federazione dei Distretti
Italiani. Per una corretta lettura dei dati occorre tener presente che le valutazioni quantitative sullinsie-
me dei distretti riguardano gli specifci settori di specializzazione manifatturiera e fanno riferimento al
totale della provincia (o, in alcuni casi, delle province) in cui i vari distretti si collocano e non ai comuni
che ricadono effettivamente in ciascuno di essi. Per ulteriori informazioni sulla metodologia alla base
di ciascun indicatore esposto, si veda la documentazione disponibile sul Portale dellOsservatorio.
48
Contributi
2.
Nel 2009, i dati resi disponibili attraverso il Registro delle Imprese delle Came-
re di commercio evidenziano un leggero incremento dellincidenza delle im-
prese distrettuali rispetto al totale del settore manifatturiero, raggiungendo il
28,7%. E nonostante si tratti nel 47,9% dei casi di ditte individuali, nello stesso
anno questa quota risultata inferiore di quasi 8 punti percentuali rispetto al
complesso delleconomia e il gap si amplia se si considerano solo le aziende
operanti nelle attivit del core business di specializzazione. Al contrario, risulta
quindi superiore alla media la rilevanza numerica delle societ di capitali e di
persone e la loro presenza massima tra le imprese dei comparti di stretta
specializzazione distrettuale.
La diffusione imprenditoriale nelle province distrettuali , dunque, contraddi-
stinta da un maggior grado di strutturazione, relativamente alla forma giuridica,
rispetto alla media italiana. La pi diffusa presenza di attivit produttive carat-
terizzate da tipologie societarie pi complesse si accompagna anche a una
taglia dimensionale superiore rispetto allinsieme delle imprese italiane: in base
ai dati Istat contenuti nellarchivio ASIA (Archivio Statistico delle Imprese Attive,
relativo al 2008), le micro-imprese - pur prevalenti dal punto di vista numerico
(la dimensione media non supera i 9 addetti) - presentano, infatti, un peso pi
contenuto di circa 10 punti percentuali rispetto al totale delleconomia, mentre
quelle fno a 49 addetti raggiungono il 17,4% delle aziende nei settori core
business distrettuali, contro il 4,7% della media nazionale. Attraverso questul-
tima fonte si rileva, pi in generale, che nel 2008 la realt produttiva distrettuale
occupava oltre un milione e mezzo di addetti, pari a circa il 30% di quelli di
tutte le imprese manifatturiere. La maggior parte delloccupazione si concentra
nelle aziende di piccola dimensione (10-49) e anche sotto questo aspetto le
imprese dei distretti si differenziano signifcativamente dalla media nazionale,
dove a prevalere sono invece gli addetti impiegati nelle micro-imprese (ossia
quelle con meno di 10 dipendenti). Ancora una volta sono le aziende dei settori
core business a marcare una pi forte specifcit.
La propensione allexport si rivelata ancora una volta decisiva nel determi-
nare il successo di questo modello produttivo e organizzativo: le esportazioni
distrettuali continuano infatti a rappresentare ben oltre un quarto delle vendite
nazionali sui mercati mondiali. Sebbene il crollo del commercio internazionale
nel corso del 2009 abbia sensibilmente penalizzato gli scambi distrettuali in
valori assoluti, in termini relativi la quota dellexport rispetto al totale italiano
non ha sostanzialmente modifcato il proprio trend, gi in lievissima discesa nel
49
2. Contributi
periodo pre-crisi. Non hanno ceduto posizioni, invece, le vendite estere delle
aziende appartenenti ai settori core business distrettuali, un andamento pro-
babilmente legato alla forza di mercato conquistata dalle imprese fulcro della
specializzazione manifatturiera dei distretti.

Tab. 1 I numeri dei distretti industriali italiani Anni 2007 e 2008
Fonte: elaborazioni Unioncamere Istituto Tagliacarne
2.2 La ripresa in trasparenza
2
Oltre la crisi, tuttavia, con diffcolt si intravede una vera ripresa, un cambia-
mento sostanziale ed una spinta propulsiva che riporti il sistema produttivo
alle posizioni precedenti al 2008. Sebbene la fase pi acuta della recessio-
ne sia ormai alle spalle, oggi i segnali di una ripresa robusta si scorgono ma
2
I paragraf che seguono sono basati su unindagine condotta dal Centro Studi di Unioncamere su
un campione di 1.500 piccole e medie imprese - appartenenti ai settori alimentare, abbigliamento,
arredamento (3A del made in Italy) e meccanica - allinterno del quale stato reso signifcativo il
sub-campione riferito allinsieme dei 101 distretti industriali censiti in questa edizione del Rapporto. Il
campione di tipo casuale, stratifcato non in modo incrociato, secondo criteri geografci e settoriali
e per dimensione di impresa.
Incidenza % sul totale
manifatturiero
(
*
)
2007 2008 2007 2008
Numero di imprese 226.621 222.207 28,3 28,1
Numero di addetti 1.585.504 1.570.954 30,1 30,1
Valore aggiunto
(Mil. di Euro)
77.012 25,6
Esportazioni (Mil. di Euro) 96.100 27,5
(
**
)
(
(**) Per le esportazioni lincidenza sul totale delleconomia italiana.
*) Lincidenza calcolata escludendo le eventuali componenti relative a settori
terziari per le grandezze riferite ai distretti.
50
Contributi
2.
non hanno ancora un carattere defnitivamente sistemico. Gli imprenditori di
distretto guardano al futuro con grande cautela, nella consapevolezza che il
recupero delle posizioni perse richieder una ridefnizione delle strategie pro-
duttive e commerciali non sempre affrontabile nellimmediato. Per tali motivi, i
dati congiunturali e di previsione per il 2011 defniscono un quadro articolato e
interessante, e inducono, soprattutto, a una serie di rifessioni sulle politiche e
sugli scenari possibili. Colpiscono, in particolare, lintrinseca capacit di tenuta
del modello distrettuale, inteso come rete naturale e complessa di produzione
e collaborazione tra imprese, il permanere del radicamento di ciascun distretto
nei valori del territorio e della comunit locale di riferimento, laccentuata proie-
zione sui mercati esteri e, nello stesso tempo, le sempre pi evidenti interse-
zioni fra la modalit organizzativa del distretto e altre formule di aggregazione
reticolare tra imprese.
Specie questo ultimo aspetto apre oggi a un dibattito articolato. Nel corso
degli ultimi anni sembrano essersi in buona parte appannate quelle capacit
competitive dei distretti produttivi legate esclusivamente al territorio di pros-
simit come elemento generatore di economie esterne, di agglomerazione,
tali da favorire leffcienza produttiva e innovativa delle aziende. I cambiamenti
intervenuti nei principali mercati di riferimento e la concorrenza di economie
manifatturiere emergenti sembrano avere ulteriormente rimescolato le carte,
tale per cui il tradizionale modello organizzativo del distretto sembra perdere
il primato guadagnato e mantenuto per tutti gli anni 80 e 90 nel panorama ma-
nifatturiero. Pi che di perdita di competitivit occorre, tuttavia, parlare di fe-
nomeni articolati, non ancora chiaramente defnibili nella loro essenza. Si tratta
di mutamenti sottili che intervengono in molte aree distrettuali del Paese, di un
adattamento agli eventi, di strategie di reazione creativa alla crisi, che lasciano
intravedere una nuova organizzazione di impresa pi che una fase di declino
del modello distrettuale in s.
A tal riguardo, occorre ribadire che dai dati raccolti emerge sempre e comun-
que una forte propensione delle imprese distrettuali a trovare formule nuove
e alternative di competizione, pi che rallentare il passo. In questo senso, il
distretto e il territorio di cui espressione e resta un valore in quanto tale,
capace di generare vantaggi localizzativi tanto pi rilevanti quanto pi basati su
fattori immateriali, legati ai saperi propri di ciascun sistema produttivo locale.
Un valore che si rafforza se lo stesso distretto riesce al contempo ad attivare,
anche nelle fasi congiunturali critiche, reti solidali e forme originali di innovazio-
51
2. Contributi
ne, che consentono il presidio di nuove aree di mercato (si pensi allaccentuata
spinta alle esportazioni da parte dei distretti in Paesi come la Cina e lIndia, fno
a poco tempo fa oggetto quasi esclusivamente di delocalizzazione produttiva)
e la riaffermazione in ambiti consolidati, quali il Nord-America e lEuropa.
dunque con ottimismo che vanno letti i dati sulla congiuntura di seguito ripor-
tati, specie se messi a confronto con quelli riferiti alle aziende localizzate al di
fuori dei distretti. Ma si tratta di un ottimismo assai cauto, che lascia intendere
come lo scenario di mercato sia profondamente cambiato - ancora una volta
rispetto al recente passato - e come il distretto, e con esso lintera struttura
manifatturiera del Paese, sia sottoposto a forze centrifughe molto forti, capaci
di portare a dilatazioni del distretto stesso (attraverso la manutenzione delle
diverse forme di alleanze, aggregazioni, costituzioni di reti formali e informali)
o a un suo ridimensionamento, anche in funzione del tipo di governance che
ciascun sistema produttivo sar in grado di darsi.
I dati sullandamento del fatturato, degli ordini, della produzione e delloccu-
pazione nel 2010 rispetto allanno precedente sembrano indicare luscita dalla
recessione. Ci che, viceversa, non possibile affermare che sia evidente
linizio di una ripresa diffusa: se gran parte del Made in Italy, soprattutto il com-
parto alimentare, ritorna a mostrare una spinta propulsiva, la meccanica rivela
ancora segnali di affaticamento; egualmente, se i distretti del Centro e del Nord
mostrano segnali di dinamismo, pur non uniforme, il Sud rivela ancora molte
contraddizioni, con una crescita limitata nel 2010 e previsioni di recupero nel
2011 in termini di fatturato, ma accentuate diffcolt sul piano occupazionale.
Che il 2011 possa essere ancora un anno di assestamento emerge con rela-
tiva chiarezza dalle informazioni raccolte. Nel 2010 il 34,3% delle imprese di
distretto analizzate ha indicato di avere registrato un incremento del fatturato
(quelle con valori in diminuzione sono il 19,3%) (fg. 1); si tratta di un dato estre-
mamente confortante se si pensa che, nel 2009, appena il 4% del campione
indicava un incremento del proprio giro daffari. Per il 2011 prevale, tuttavia, un
cauto ottimismo, dal momento che le imprese con attese di incremento del fat-
turato raggiungono quasi il 24%, una percentuale apprezzabile ma contenuta,
mentre ben il 68,7% indica un sostanziale mantenimento dei livelli raggiunti nel
2010. Se da un lato appare pi che positivo il fatto che la larga maggioranza
delle imprese riveli una capacit di tenuta e di consolidamento delle posizio-
ni raggiunte, peraltro dopo una fase di recupero successiva alla recessione,
52
Contributi
2.
manca quindi ancora una spinta propulsiva diffusa. Si ha limpressione che
vasta parte dei distretti manterr nel breve periodo un atteggiamento di attesa
rispetto agli andamenti dei mercati. Le previsioni sul valore della produzione,
confermano, peraltro, quanto appena detto: per quasi il 23% essa sar in au-
mento, mentre per il 69% si manterr sui livelli del 2010.
Fig. 1 - Fatturato e produzione nelle imprese di distretto (valori in % sul totale delle imprese)
Ci non di meno, possibile affermare che riemerge una minoranza di imprese,
veri e propri vagoni di testa, in grado probabilmente di trainare il resto del tes-
suto produttivo distrettuale. Le percentuali pi elevate di imprese con fatturato
in aumento nel 2010 si riscontrano soprattutto nei comparti del Made in Italy
tradizionale (alimentare, sistema moda e arredamento), nel Nord-Est e nel
Centro, nonch tra le imprese esportatrici rispetto a quelle che operano solo per
il mercato locale o nazionale (fg. 2). Diventa, a questo punto, essenziale capire
se tali minoranze del tessuto produttivo abbiano attivato particolari leve che
hanno garantito performance migliori del resto della struttura distrettuale.
I dati sulle esportazioni sono un ulteriore indicatore signifcativo per compren-
dere il clima e le prospettive delle imprese di distretto. Vale la pena ribadire che
la propensione ad operare allestero risultante dal campione qui considerato
appare consistente: quasi il 70% delle aziende operanti in un distretto ha dichia-
rato di esportare (a fronte del 59% di quelle non distrettuali prese a confronto);
soprattutto, la percentuale di vendite allestero sul totale del fatturato appare
abbastanza elevata, vicina al 46%.
7,0
2,3 2,3
12,3
5,8 5,2
46,4
68,7
68,9
27,0
22,0 22,6
7,3
1,2 0,9
Andamento del
fatturato nel 2010
rispetto al 2009
Previsioni andamento
del fatturato nel 2011
Previsioni andamento
della produzione nel
2011
Forte aumento
Sensibile
aumento
Stazionario
Sensibile
diminuzione
Forte
diminuzione
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
53
2. Contributi
Ci che colpisce, per, il ridursi delle differenze tra imprese appartenenti ad
un distretto e quelle esterne a tali forme di aggregazione. Nel 2010, circa il 33%
delle une e delle altre ha registrato un incremento del valore delle esportazioni
(fg. 3); certamente un segnale positivo, se si tiene conto che nel 2009 solo il
7% si trovava in tale condizione. La percentuale di imprese con una riduzione
dellexport, tuttavia, leggermente pi elevata tra le aziende distrettuali. A conti
fatti, sembra che le strutture non appartenenti a cluster produttivi abbiano te-
nuto alla situazione congiunturale internazionale leggermente meglio rispetto a
quelle distrettuali, circostanza per lo pi riconducibile alle diverse specializza-
zioni produttive caratterizzanti le due tipologie aziendali in esame.
Anche le previsioni degli ordini provenienti dai mercati internazionali sembrano
confermare questo andamento; se per il 30,6% delle imprese di distretto la do-
manda sullestero sar in crescita nel 2011, la percentuale raggiunge il 36,4%
tra le altre aziende prese a confronto. In sostanza, tutto sembra indicare che la
capacit di recupero dei distretti non superiore, ma anzi per il momento pi
limitata, rispetto alla parte restante del tessuto produttivo nazionale. Resta il
fatto, per, che buona parte delle aree distrettuali manifesta ancora una potenza
di fuoco non indifferente, soprattutto una capacit di presidio dei mercati esteri
molto accentuata e che probabilmente sar il fattore di svolta dei prossimi mesi.
Le imprese di distretto prevedono, in primo luogo, una crescita pi sostenuta
degli ordini provenienti dallestero rispetto a quelli provenienti dal mercato na-
Fig. 2 - Imprese di distretto che hanno dichiarato un incremento del fatturato
nel 2010 rispetto al 2009 (valori in % sul totale)
35,5
32,7
33,2
35,3
44,3
17,7
41,5
18
34,3
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
54
Contributi
2.
zionale, il che sottolinea la forte proiezione nelle aree di mercato potenzialmente
pi dinamiche. In secondo luogo, vale notare che se la maggior parte delle strut-
ture analizzate ha indicato i Paesi dellUnione Europea e gli Stati Uniti come le
aree in cui le esportazioni cresceranno maggiormente (o, meglio, riprenderanno
quota), emergono con sempre pi evidenza nuovi ambiti di presidio, a comincia-
re dalla Cina e Hong Kong, dallAsia Sud Orientale e dal Messico. Si riconferma
la tendenza ad attivare politiche di internazionalizzazione sempre pi sofsticate,
che non si limitano ormai a presidiare il sistema asiatico a fni di delocalizzazione
per il contenimento dei costi di manodopera, bens come ambiti in cui collocare
i prodotti italiani.
Fig. 3 - Andamento delle esportazioni nel 2010 e previsioni sullandamento degli ordini
allestero nel 2011 (valori in % sul totale delle imprese)
Loccupazione resta, viceversa, laspetto forse pi problematico in cui la ca-
pacit di recupero, nellimmediato, appare ancora improbabile. interessante
notare come il 12% delle imprese abbia dichiarato di avere incrementato i livelli
occupazionali nel 2010 (fg. 4) ma le prospettive di un consistente miglioramen-
to nel 2011 appaiono piuttosto scarse: solo il 5,8% prevede, infatti, un modesto
incremento degli occupati. L80% delle imprese manterr stabili i livelli occupa-
zionali, dato sicuramente positivo ma che non prefgura una svolta. Sia i dati del
2010 che le previsioni del 2011 indicano quindi un saldo negativo tra chi preve-
de un aumento degli occupati e chi ne prevede una riduzione. Molto diffuso
risultato inoltre il ricorso, nel 2010, ad ammortizzatori sociali: quasi il 47% delle
aziende di distretto contattate si trovato in tale condizione, e lo strumento pi
1,5 0,4
0,8
3,1
3,0
4,4 9,7
11,8
59,2
64,5 56,2 52,4
35,4
29,0
28,7 27,9
1,0
1,6
4,6
4,9
Export 2010 nei
distretti produttivi
Export 2010 imprese
non di distretto
Prev. ordini esteri nei
distretti produttivi
Prev. ordini esteri
imprese non di
distretto
Forte aumento
Sensibile
aumento
Stazionario
Sensibile
diminuzione
Forte
diminuzione
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
55
2. Contributi
utilizzato stata la Cassa Integrazione Ordinaria. Relativamente pi confortanti
appaiono le attese per il nuovo anno; prevede, infatti, di fare ricorso ad ammor-
tizzatori una percentuale pi contenuta, che si avvicina al 30% degli intervistati,
ma che segnala tuttavia situazioni diffuse di diffcolt sul piano occupazionale.
Fig. 4 -Andamento delloccupazione nel 2010 e previsioni per il 2011 nelle imprese di
distretto (valori in % sul totale delle imprese)
La ripresa, dunque, appare ma ancora in trasparenza, con contorni assai sfu-
mati ed esiti piuttosto incerti. Le opinioni degli imprenditori e i dati disponibili
sembrano, infatti, indicare la chiusura della fase di emergenza iniziata nel 2008
e proseguita almeno fno ai primi mesi del 2010; ma i tempi di recupero, specie
per i distretti produttivi, appaiono lunghi. Soprattutto, sembrano accentuarsi le
differenze tra il Centro-Nord ed il Sud, ancora in debito di ripresa vera, pur con
sprazzi di vitalit, cos come tra imprese inserite in fliere e reti lunghe - capaci
di confrontarsi con i mercati esteri - e quelle appartenenti a reti pi corte e con
una visuale inevitabilmente ridotta. Inoltre, sulle possibilit di ripresa sembra
incidere una variabile rilevante che quella occupazionale, il cui nodo va risolto
in modo rapido, forse con azioni organiche distretto per distretto, che non si
limitino solo al ricorso agli ammortizzatori sociali ma che contemplino forme
di riqualifcazione e reinserimento della forza lavoro manifatturiera, anche non
necessariamente nello stesso settore.
3,2 2,1
24,8
11,3
60,1
80,8
10,7
5,8
1,3
Andamento dell'occupazione
nel 2010
Previsioni sull'occupazione per
il 2011
Forte aumento
Sensibile
aumento
Stazionario
Sensibile
diminuzione
Forte
diminuzione
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
56
Contributi
2.
2.3 Riposizionamento: il futuro delle imprese distrettuali
Cavalcare londa del cambiamento appare, ancora una volta, latteggiamento
pi diffuso tra i distretti produttivi italiani, divenuti una sorta di trasformatore
permanente, con un atteggiamento reattivo e propositivo rispetto alle evoluzio-
ni continue dei mercati.
La focalizzazione sulla qualit del prodotto e sulla sua marcata caratterizza-
zione (attraverso il design, il marchio, il posizionamento in specifche nicchie
di mercato) non pi, da tempo, la sola strategia ampiamente diffusa tra le
aziende distrettuali, essendo ormai questi asset competitivi acquisiti gi prima
della fase di crisi della domanda internazionale. Una fase che ha invece la-
sciato emergere un nuovo modo di essere dellimpresa di distretto: pi attenta
ad alcuni aspetti del processo produttivo, pi orientata a forme complesse di
innovazione incrementale, pi orientata a controllare i singoli segmenti della
catena del valore, pi propensa a ridisegnare, secondo criteri precisi, anche il
processo distributivo del prodotto. Accanto a tali prassi sembra in alcuni casi
aggiungersi il ritorno a una sorta di verticalizzazione e al potenziamento del
ruolo delle imprese leader. prematuro capire se tale fenomeno sia lespres-
sione di un rinserramento del distretto in se stesso o, piuttosto, dellattivazio-
ne di strategie pi effcaci per affrontare le nuove forze competitive attraverso
una struttura, per lappunto, pi rigida ma al contempo pi snella dal punto di
vista organizzativo, come conseguenza della riduzione dei centri decisionali.
Ci che certo che molti fenomeni stanno operando ancora sottotraccia e
stanno gradualmente cambiando il volto delle aziende e, probabilmente, anche
la conformazione delle reti interne ai distretti.
Riposizionamento strategico, produttivo, organizzativo e gestionale , forse,
ancora una volta il termine pi corretto per indicare lattuale fase del ciclo di
vita dei distretti, riproponendo, inevitabilmente, la questione della governance,
ovvero se le forze che agiscono allinterno di tali agglomerati produttivi siano
in grado di esprimere indirizzi in linea con le trasformazioni permanenti cui le
imprese sono sottoposte. Il vero cambiamento degli ultimi anni, come indicato
in precedenza, si sostanzia non solo nella crescente propensione a sviluppare
e migliorare i prodotti del Made in Italy ma anche a comprendere come col-
locare nel miglior modo possibile tali prodotti, soprattutto sui mercati esteri.
57
2. Contributi
Lattivazione di strategie di comunicazione ad hoc attraverso il controllo diretto
di ci che avviene lungo i canali distributivi appare come una delle novit delle
prassi aziendali distrettuali.
Ci emerge con relativa chiarezza dallanalisi degli obiettivi strategici indicati
dalle imprese oggetto di indagine. Se ai primi posti, tra le azioni su cui si con-
centreranno le policy degli imprenditori nel 2011 fgurano ancora interventi per
il miglioramento del prodotto e del processo attraverso nuove tecnologie (si
pone tali obiettivi rispettivamente il 62,8% ed il 43% del totale) (fg. 5), imme-
diatamente dopo compaiono interventi fnalizzati ad un pi forte radicamento
nei mercati di riferimento, attraverso la focalizzazione sulle principali leve di
marketing. Cos, dunque, il 62,5% agir sul pricing, ovvero sulla ridefnizione
del prezzo dei prodotti, quasi il 28% intende effettuare investimenti in comu-
nicazione o nel rafforzamento del proprio marchio, quasi il 24% programma
di spostarsi verso fasce di mercato pi elevate. Per molti, inoltre, lincremento
delle quote di mercato sia in Italia che in Europa, ovvero nelle aree di riferimen-
to principali e tradizionali, ancora prioritario, il che dovrebbe tradursi proprio
nellindividuazione di ulteriori strumenti adatti a penetrare mercati cos maturi.

Fig. 5 - Obiettivi strategici delle imprese di distretto per il 2011
(valori in % sul totale delle imprese; risposte multiple)
Meno evidente, ma comunque su livelli apprezzabili, risulta la propensione ad
apportare miglioramenti o modifche al processo produttivo. Le principali mi-
sure da intraprendere nel 2011 dovrebbero concentrarsi sulla realizzazione di
19,3
23,9
27,9
35,6
39,7
43,0
62,5
62,8
Incremento quote di mercato in Paesi Extra-europei
Spostare target di mercato verso fascia pi alta
Investimenti in comunicazione per il
rafforzamento del marchio
Incremento quote di mercato in Europa
Aumento quote di mercato in Italia
Miglioramento della dotazione tecnologica aziendale
Contenimento dei prezzi
Sviluppo e miglioramento dei prodotti
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
58
Contributi
2.
prodotti completamente nuovi e ladozione di tecnologie ecocompatibili. Ben
il 35,8% delle imprese distrettuali considerate ha fatto riferimento al primo
aspetto (fg. 6), segnalando un sommovimento interno di non poco conto. Pi
di unimpresa ogni tre, oggi, sarebbe impegnata a riorganizzare le linee di pro-
duzione innovando in modo pressoch radicale i prodotti, ricercando cos un
posizionamento di mercato totalmente nuovo. probabile che sia stata proprio
la recente crisi economica a mettere in moto (o quantomeno ad accelerare)
questo processo di cambiamento profondo, dagli esiti ancora molto incerti. Ci
che emerge da tali informazioni che in molti distretti si rimette quindi in moto
una forza creativa mai sopita, una capacit di adattamento al mutare del con-
testo esterno che sempre stata la molla della crescita del sistema distrettuale.
Tale atteggiamento - adattativo e creativo insieme - appare, nello specifco, pi
diffuso nei comparti del Made in Italy tradizionale (mobile-arredo, alimen-
tare, abbigliamento-moda) rispetto alla meccanica, nei distretti industriali del
Nord-Est e del Centro rispetto alle altre aree del Paese e, inoltre, risulta essere
un tratto caratteristico delle imprese esportatrici, in confronto a quelle con un
raggio di mercato pi limitato.
Fig. 6 - Miglioramenti del processo produttivo previsti dalle imprese di distretto
per il 2011 (valori in % sul totale delle imprese; risposte multiple)
Un secondo aspetto interessante , come indicato in precedenza, la crescente
attenzione delle aziende operanti nei distretti produttivi verso le tecnologie verdi.
Ben un quarto del campione ha indicato di voler effettuare, a breve, investimenti
in tal senso. In particolare, la parte pi consistente di questi interventi dovrebbe
riguardare applicazioni a monte e a valle del processo produttivo, fnalizzate a
ridurre i consumi di energia e ottimizzare luso di materie prime, minimizzando
3,7
11,6
16,2
24,3
35,8
Cambiamento
radicale del business
Internalizzazione di
funzioni ora svolte da
imprese subfornitrici
Esternalizzazione di
fasi di lavorazione ora
svolte all'interno
Investimenti in
tecnologie a basso
impatto ambientale
Realizzazione
prodotti
completamente nuovi
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
59
2. Contributi
gli scarti e le emissioni. In seconda battuta, si intendono effettuare investimenti
per il miglioramento complessivo del processo produttivo e per lo sviluppo di
tecnologie che possano rendere ecocompatibili i prodotti, ad esempio, attraver-
so luso di materiale di base ottenuto da un processo di riciclaggio.
Lapproccio alla green economy appare incoraggiante e risulta, peraltro, leg-
germente pi diffuso nei distretti produttivi (il 24,3% ha indicato tale opzione)
rispetto a ci che si risconta nelle imprese non appartenenti a tali forme di ag-
gregazione (21,4%). Ci che appare incoraggiante, inoltre, che questo ap-
proccio pi responsabile rispetto al passato risulta diffuso in misura simile nei
distretti di tutto il Paese. questo un segnale di modernizzazione responsabile,
che deve ancora compiere un percorso molto lungo ma per il quale sembrano
esservi buone basi. necessario, peraltro, coltivare - dentro e fuori dai distretti
produttivi - questa sensibilit nuova, sfrondando le questioni aperte da molta
retorica che ammanta lapproccio alla green economy; soprattutto occorre pen-
sare a strumenti di sostegno fnanziario, che permettano alle aziende di utilizza-
re e sperimentare nuove applicazioni ecompatibili. Sar questo, probabilmente,
uno degli ambiti di lavoro pi impegnativi in termini di politiche per le imprese,
individuando non solo applicazioni tecnologiche positive in grado di genera-
re maggiore effcienza per le aziende ma anche fonti fnanziarie pubbliche che
possano fungere da volano per nuovi investimenti da parte dei privati e da parte
degli stessi distretti, intesi come strutture di rappresentanza di insiemi di impre-
se diverse.
Ulteriori mutamenti stanno quindi intervenendo nel processo produttivo, ride-
fnendo i contorni dellorganizzazione dei distretti. Seppure ancora in una po-
sizione minoritaria, due processi opposti vanno intensifcandosi, mettendo in
evidenza, ancora una volta, lenergia continua, il continuo riadattare le linee di
produzione alle fasi congiunturali e alle diverse caratteristiche dei mercati. Un
processo che si manifestato con particolare evidenza anche nel recente pas-
sato, sia nella fase pi acuta della crisi (che ha spinto molte imprese a ridurre i
costi legati alloutsourcing), sia allavanzare dei primi segnali di ripresa (quan-
do circa un quarto delle aziende distrettuali ha attivato o riattivato rapporti di
subfornitura per rispondere in maniera fessibile alle nuove richieste dei mer-
cati). E che attualmente prosegue, pur con minore intensit: a fronte di circa i
tre quarti delle aziende che fdelizzano i loro fornitori di riferimento (quota che
invece lo scorso anno non superava il 60%), una fascia ulteriore degli impren-
ditori distrettuali (pari a poco pi del 16% del totale) proceder invece, a breve,
60
Contributi
2.
alla esternalizzazione di alcune funzioni aziendali, mentre una quota superiore
all11% intende, allopposto, procedere alla riacquisizione di funzioni preceden-
temente affdate allesterno.
2.4 Qualit calibrata per generare il vantaggio competitivo
Cosa permette ad unimpresa di distretto di essere competitiva in mercati go-
vernati ormai dalla proliferazione assoluta dellofferta, da prodotti simili e di
qualit sempre pi elevata?
La competitivit dei distretti si snoda, oggi, attraverso due modalit:
- da un lato, la capacit delle imprese di governare pi variabili nello stesso
momento: dal miglioramento costante della qualit dei prodotti, al controllo
pi stretto e diretto della catena del valore, incluse le fasi a valle del proces-
so produttivo, come quella della distribuzione, di scouting (ricerca continua
di nuove possibili aree di business) e di ascolto del mercato;
- dallaltro lato, lesaltazione continua della qualit e degli aspetti immateriali
legati al prodotto e della componente di servizio.
I due aspetti citati sono ovviamente strettamente legati, forse sono le due facce
della medesima medaglia. Comprendere quali siano i fattori competitivi delle
imprese, daltra parte, signifca individuare il percorso intrapreso dai distretti
e vagliarne, soprattutto, gli orientamenti futuri, individuando anche possibili
elementi critici ed i fattori di debolezza.
Qualit calibrata sembra essere, dunque, una delle parole chiave per compren-
dere lattualit dei distretti, la loro essenza profonda, intendendo con ci la forte
propensione allinnovazione complessa. Il vantaggio competitivo del distretto
non deriva, dunque, dal miglioramento di un solo aspetto materiale legato al
prodotto, ma da un insieme di fattori: il design, il marchio, laccentuazione della
capacit di progettare forme e oggetti nuovi, di migliorarne la funzione duso, di
trasformare un processo o un prodotto da standardizzato a personalizzato.
61
2. Contributi
La qualit, diventa in questo modo, pluriforme, ma soprattutto appare calibrata,
ovvero adattata alle aspettative dei clienti.
I principali vantaggi competitivi segnalati dalle imprese operanti allinterno di
un distretto produttivo sono, dunque, per ordine di importanza (fg. 7):
a) la qualit dei prodotti, il design e laffdabilit tecnica degli stessi;
b) limmagine ed il marchio aziendale;
c) la personalizzazione dei prodotti e dei servizi;
d) la capacit innovativa e progettuale dellazienda.
Questa graduatoria conferma il ruolo degli asset che hanno determinato il suc-
cesso del modello produttivo e organizzativo distrettuale. Le prime tre posizioni
ne caratterizzano, infatti, lidentit stessa: come sopra accennato, con il tempo
questi fattori si sono sempre pi sedimentati, rimanendo in modo costante i per-
ni della forza competitiva dei distretti. Non irrilevante anche la quota raggiunta
dal quarto asset: la capacit di progettare, di analizzare le tendenze del mercato,
di vagliare tra diverse opzioni tecnologiche disponibili tende ad assumere sem-
pre pi una funzione strategica. In altri termini, si attiva - soprattutto allinterno
delle aziende di maggiori dimensioni - una funzione di intelligence, capace di
progettare, innovare e spingere limpresa verso nuove nicchie di mercato.

Fig. 7 - Vantaggi competitivi dellimpresa (valori in % sul totale delle imprese)
2,2
1,2
1,8
4,1
8,2
7,5
22,1
52,1
1,2
2,0
2,4
3,3
6,6
7,3
23,7
52,2
Qualit delle risorse umane
Canali distributivi
Modello organizzativo dell'azienda
Assistenza pre/post-vendita
Capacit innovativa e progettuale
Personalizzazzione prodotti e servizi
Immagine/marchio aziendale
Qualit/design prodotti
Imprese di
distretto
Imprese non di
distretto
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
62
Contributi
2.
I dati raccolti spingono ad ulteriori rifessioni. In primo luogo, colpisce il fatto
che non esistano grandi differenze tra i vantaggi competitivi delle imprese di
distretto rispetto a quelli segnalati dalle aziende che non rientrano in tali sistemi
produttivi. Anzi, alcuni elementi di forza sembrano pi diffusi nelle seconde
rispetto alle prime: il caso della capacit progettuale e innovativa, dellassi-
stenza pre e post-vendita, dellelevata qualit delle risorse umane. Il distretto
come unicum, come incubatore di imprese effcienti, irripetibili e irreperibili al
di fuori del perimetro distrettuale stesso, sembra quindi perdere di vigore. Spe-
cie nella fase di crisi del ciclo economico, il distretto non mostra, ormai, una
capacit di tenuta superiore rispetto al resto del sistema produttivo. Inoltre, le
strategie proattive e innovative nate nei distretti non sono pi prerogativa di
questi ultimi, ma si vanno diffondendo in pi ampi strati del tessuto produttivo.
Ci che si pu dedurre dalle esperienze in atto che il distretto mostra comun-
que buoni livelli di effcienza nelle fasi espansive del ciclo (fno a crescere pi
velocemente del resto del sistema manifatturiero); esso dunque resta un mo-
dello organizzativo da preservare ma che, al contempo, denota chiaramente la
necessit di apportare dei correttivi.
Un ulteriore aspetto da considerare che se vero, come mostra la letteratura
fno a oggi prodotta, che la capacit di sviluppo del sistema manifatturiero pas-
sa per forme complesse di innovazione, che contemplano anche un maggiore
controllo dei canali distributivi, forme pi complesse di servizi offerti, come
quelli pre e post vendita, e il ricorso a risorse umane sempre pi qualifcate,
per altrettanto vero che su di esse i distretti appaiono ancora in debito di inve-
stimento, sebbene questo tipo di percorso sia stato gi avviato. Relativamente
poche - rispetto alla complessit dei mercati, che richiedono, quindi, strategie
articolate e nuove - sono le imprese distrettuali che hanno segnalato come
vantaggio competitivo il controllo dei canali distributivi, nuove e pi sofsticate
strategie di marketing o lattivazione di servizi capillari di assistenza ai clienti.
Lattivazione di nuove politiche, capaci di incentivare una pi sofsticata cultura
di impresa, appare dunque come uno degli obiettivi prioritari su cui lavorare per
riannodare i fli di un processo competitivo in parte interrotto e che ha contri-
buito al progressivo appannamento del modello distrettuale.

63
2. Contributi
Si confgura sempre pi intenso il dibattito sulla funzione e sul valore delle
reti dimpresa, anche alla luce di evoluzioni e cambiamenti recenti: da un lato,
la congiuntura di crisi ed il conseguente incontestabile indebolimento che i
distretti hanno dovuto affrontare e, dallaltro, il proflarsi di nuove forme di ag-
gregazione, incentivate dai Contratti di rete previsti dalla legge 33/2009.
I network altro non sono che forme, esplicite o implicite, di collaborazione,
che nel caso dei distretti ne hanno storicamente defnito lessenza stessa.
Come noto, esse possono riguardare aspetti legati al processo produttivo,
allinternazionalizzazione o allinnovazione e tendono, generalmente, ad attiva-
re vantaggi in termini di contenimento dei costi e di miglioramento delleffcacia
di ciascuna impresa partecipante.
Di fronte alle diffcolt che i distretti hanno dovuto recentemente affrontare e
alla riduzione, come pi volte indicato in precedenza, del differenziale, in termi-
ni di vantaggio competitivo, tra impresa di distretto e quella non appartenente a
tale forma di aggregazione, sempre pi di frequente ci si chiede quali prospet-
tive abbiano le reti distrettuali e se non possano invece dimostrarsi pi effcaci
forme diverse di network.
Occorre forse partire da un assunto, ovvero che la rete, dentro e fuori il distret-
to, rappresenta ancora un valore, capace di contribuire positivamente al mi-
glioramento della competitivit dei partecipanti. Molto saldi appaiono i legami
funzionali tra imprese allinterno dei distretti, specie nel caso delle cos dette
reti di produzione, che progressivamente sono divenute pi complesse e che,
attraverso un processo di modernizzazione facilmente verifcabile, possono
rappresentare una delle leve del rafforzamento o del recupero di competitivit
dei distretti.
Le reti di produzione si sostanziano, in larga misura, in rapporti di subfornitura
che, in particolare nei distretti, si confgurano come intrecci sempre pi arti-
colati. Se vero che per una parte molto consistente delle imprese i principali
fornitori sono ancora di prossimit (ci vale per quasi il 37% delle risposte
date) (fg. 8), quote altrettanto consistenti indicano la presenza di fornitori nel-
2.5 Modernizzare e ridefnire il valore
del territorio attraverso le reti dimpresa
64
Contributi
2.
la regione di localizzazione dellimpresa (31%), ma non nella stessa provincia
dellimpresa, e fuori dalla regione (26,7%), cos come per pi del 5% essi sono
collocati allestero. Si confgurano in tal modo reti lunghe e corte allo stesso
tempo, un sistema policentrico, con molti nodi, espressione della complessi-
t delle nuove e diversifcate esigenze dei distretti industriali italiani, luoghi di
relazioni e di scambio di conoscenze, cos come la letteratura li descriveva
gi negli anni 50 e 60, ovviamente con molte varianti. chiaro, infatti, che il
sistema delle reti distrettuali si notevolmente evoluto nel corso dei decenni, di
pari passo con linnalzamento progressivo e costante della qualit dei prodotti
realizzati e con la strutturazione, cos come la conosciamo oggi, di quelli che
vengono defniti settori del Made in Italy. , dunque, verosimile pensare che
lestensione delle reti di subfornitura sia anche il frutto di una continua ricerca
e selezione operata dalle imprese committenti collocate nei distretti.

Fig. 8 - Localizzazione dei principali fornitori delle imprese di distretto
(valori in % sul totale delle imprese)
Inoltre, cos come le imprese distrettuali risultano fortemente focalizzate sul-
linnalzamento qualitativo dei prodotti, esse appaiono sempre pi propense
ad investire in reti di subfornitura di qualit. Probabilmente i due processi sono
strettamente connessi, anzi il primo potrebbe essere leffetto del secondo: lin-
nalzamento della qualit e linnovazione dei prodotti sarebbe quindi in gran
parte anche frutto di un sempre maggiore controllo delle fasi a monte, a partire
dalla selezione dei fornitori.
Due fenomeni sembrano, inoltre, emergere con pi evidenza negli ultimi anni:
da un lato, la ridefnizione delle scelte di make or buy da parte di molte imprese
di distretto, con un effetto che pu essere di insourcing o outsourcing a se-
Fig. 8 - Localizzazione dei principali fornitori delle imprese di distretto
(valori in % sul totale delle risposte)
5,7
26,7
31,0
36,6
All'estero
Fuori dalla regione
Nella regione in cui
localizzata l'azienda
In prossimit dell'azienda
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
65
2. Contributi
conda, come accennato, del contenuto immateriale strategico della specifca
fase da sviluppare in comune; dallaltro, il ritorno a sub-fornitori di prossimi-
t, se in grado di garantire un signifcativo contributo allupgrading qualitativo
delle produzioni. Si tratta tuttavia di un processo di riorganizzazione del ciclo
produttivo a monte del distretto che la crisi degli ultimi due anni non ha deter-
minato ma semplicemente accelerato, potendo trovarne alcune evidenze gi
dalla fne degli anni Novanta. In prospettiva, per, ci confgura comunque un
miglioramento potenziale dello scenario, dovuto allinnalzamento ulteriore della
qualit della catena di subfornitura. Sono sempre pi numerosi, ad esempio, i
casi di co-progettazione tra committente e fornitore, in unopera di affnamento
dei prodotti che prefgura quelleccellenza ed il carattere distintivo di molte
produzioni distrettuali.
Cos, dunque, la costituzione di reti di produzione di qualit passa innanzitutto
per criteri di scelta stringenti, in cui il prezzo delle forniture assume un peso
piuttosto relativo; solo il 30% degli intervistati, infatti, valuta un fornitore in
primo luogo in base al prezzo, mentre per il resto interviene un mix di altri
criteri. In particolare, il primo degli aspetti considerati lequilibrio tra qualit
e prezzo (fg. 9); seguono poi, in ordine decrescente di importanza, la qualit
delle forniture, la rapidit di consegna della merce, i rapporti consolidati con i
committenti, la capacit del fornitore di progettare o di apportare miglioramenti
ai prodotti insieme al committente stesso.
Fig. 9 - Principali criteri di scelta dei subfornitori delle imprese di distretto
(valori in % sul totale delle imprese; risposte multiple)
21
36,3
44,6
56,6
60,6
64
Localizzazione del subfornitore
Capacit del subfornitore di progettare
insieme all'azienda committente
Rapporti consolidati con il committente
Rapidit di consegna della merce
Affidabilit e qualit del subfornitore
Equilibrio tra qualit e prezzo
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
66
Contributi
2.
Solo allultimo posto fgura la localizzazione del fornitore come criterio - pre-
valente o unico - di scelta. Ci che sembra emergere dai dati raccolti che le
imprese di distretto pongono dunque attenzione essenzialmente a due ele-
menti: il rapporto qualit-prezzo e, soprattutto, la capacit del subfornitore di
rispondere a standard qualitativi ormai codifcati, come il rispetto dei tempi
di consegna, il rigido rispetto dei parametri di lavorazione imposti dal com-
mittente, laffdabilit in senso lato. Pi di una impresa ogni tre, inoltre, fa or-
mai affdamento sulla possibilit di una interlocuzione stretta e fessibile con i
subfornitori, che porti anche a progettare o prospettare miglioramenti di pro-
dotto o di processo, ed questo un fenomeno che probabilmente sar desti-
nato a diffondersi ulteriormente nei prossimi anni.
Uno degli aspetti pi interessanti dei dati raccolti attraverso lindagine che
uno (certamente non lunico) degli assi portanti dei distretti produttivi italia-
ni, ovvero le reti di fornitura, sembra seguire sempre pi un disegno a linee
fessibili. Tali reti mostrano, come sempre (ma oggi in modo pi accentuato),
grande adattabilit sia in termini di capacit di espansione o di restringimento
a seconda delle fasi del ciclo economico che di ramifcazione sul territorio,
fno a creare relazioni con ambiti territoriali molto lontani dal distretto stesso.
peraltro piuttosto evidente che lattivazione di economie di scala, con effetti
positivi sulleffcientamento complessivo del distretto, dipende in larga misura
da come le reti di subfornitura riescono a funzionare.
Altre forme di collaborazione si proflano, ovviamente, allinterno dei distretti:
dai consorzi per lexport e per linternazionalizzazione a quelli per lacquisto
in comune di materie prime. Si tratta di schemi di rete assai diffusi, il pi delle
volte provvisori, quindi con un tasso di turnover elevato. Le previsioni per il
breve periodo indicano ladesione di circa un quarto delle imprese distrettuali a
collaborazioni formali in grado di dar vita a network: quella pi frequentemente
attivata riguarda gli acquisti di materie prime, per abbattere i costi, seguita poi,
a una certa distanza, dalle collaborazioni con subfornitori o committenti, per la
co-progettazione di prodotti o di fasi del processo produttivo. Le collaborazioni
con Universit e centri di ricerca e quelle con altre imprese o forme consortili,
fnalizzate a migliorare il processo distributivo o le attivit di import/export, ot-
tengono ciascuna il favore di una quota di imprese compresa tra il 9,7 e il 7,1%
(fg. 10). Iniziano, infne, a farsi strada le collaborazioni tra aziende per attivit di
smaltimento rifuti e per la depurazione.

67
2. Contributi
Fig. 10 - Reti di collaborazione cui partecipano le imprese dei distretti produttivi
(distribuzione % del totale delle imprese inserite in reti)
Lallargamento costante delle reti collaborative dovrebbe essere una priorit
essenziale per i distretti; debordare dai confni del localismo ed allargare la
visuale potrebbe, dunque, essere un nuovo importante obiettivo di crescita.
Daltra parte, la costituzione di reti calate dallalto e senza un substrato minimo
di imprese coese rischia di avere un eccessivo carattere di provvisoriet ed
per questo motivo che i distretti industriali potrebbero essere uno dei primi veri
banchi di prova attraverso cui testare nuove e importanti formule aggregative,
come quelle incentivate dai Contratti di rete.
2.6 I microaggiustamenti che portano al futuro
Lidea di un rapporto inscindibile, allinterno dei distretti produttivi, tra impresa
e territorio, ovvero tra sistema produttivo locale e soggetti intermedi, come le
44,6
17,2
9,7
8,8
7,2
7,1
5,4
Con altre imprese per acquisti di
materiali
Con altre imprese committenti o
subfornitrici
Con Universit e centri di ricerca
Con altre imprese per migliorare
l'attivit di distribuzione dei prodotti
Con altre aziende per partecipare a
gare d'appalto
Con altre imprese per attivit di
import/export
Con altre aziende del territorio per
smaltimento rifiuti/depurazione
Fig. 10 - Reti di collaborazione cui partecipano le imprese dei distretti produttivi
(distribuzione % del totale delle imprese inserite in reti)
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
68
Contributi
2.
banche, le Amministrazioni locali, le autonomie funzionali, le Fondazioni ban-
carie che si fanno portavoce delle esigenze degli imprenditori, sembra note-
volmente scemata negli ultimi anni. Mentre le reti di produzione rappresentano
ancora un tratto caratteristico dei distretti produttivi, le reti di conoscenze in-
formali e quelle di rappresentanza si sono invece progressivamente trasforma-
te, come era ovvio che fosse, in quanto le imprese hanno dovuto ampliare lo
sguardo ben oltre i confni distrettuali, utilizzare risorse umane che non fossero
esclusivamente del territorio di provenienza ed abbracciare valori diversi da
quelli del mero localismo. La retorica del distretto come contenitore di valori
in cui imprese e soggetti intermedi si uniformano e, soprattutto, come terri-
torio compatto in cui le imprese si muovono in modo uniforme e scarsamente
confittuale andrebbe, dunque, abbandonata. Eppure incontestabile che il
distretto resti, ancora oggi, un laboratorio e un luogo di confronto, capace di
generare legami, reti, collaborazioni temporanee o prolungate nel tempo. In
quanto tale, il distretto esprime, comunque, dei valori culturali in senso lato,
intorno a cui le imprese e molti soggetti intermedi si riconoscono pur, ormai,
con molte eccezioni. Da Santa Croce sullArno al polo forentino della pelle,
da Prato a Padova, dai distretti del Veronese al Nocerino Sarnese, da Parma
alla meccanica di Bologna, gli imprenditori di distretto hanno piena coscienza
di rientrare in una fliera lunga, in cui il confronto con altre aziende, pur diffci-
le, pu essere essenziale. E daltra parte in molte realt distrettuali numerosi
soggetti intermedi, come le organizzazioni sindacali, le Camere di commercio,
le Associazioni di categoria ed alcuni Enti locali percepiscono il distretto come
realt viva, verso cui indirizzare policy specifche.
Per capire quanto il modello di coesione stia inevitabilmente cambiando, la-
sciando spazio a forme nuove di distretto, occorrerebbe individuare i fenomeni
che pi stanno spingendo le stesse imprese a cambiare strategie e, quindi, a
ridefnire il proprio rapporto con il sistema socio-economico del territorio di
appartenenza.
Come sopra visto, la crisi economica recente ha solo accelerato fenomeni di
cambiamento che da anni agiscono sotto traccia. Cos, dunque, chiaro che
la globalizzazione ha spinto le imprese leader a sganciarsi sempre pi dalla
dimensione locale e a cercare - a seconda delle specifche convenienze - i
principali fornitori e le competenze strategiche allesterno del distretto (e spes-
so addirittura allestero), abbandonando inevitabilmente alcuni rami della fliera
locale. altrettanto evidente che le aziende pi piccole e meno qualifcate delle
fliere distrettuali stanno assumendo un ruolo sempre pi marginale, mentre
69
2. Contributi
altre hanno avviato - spesso con successo - unopera di riqualifcazione, anche
allargando lo spettro dei committenti. Parallelamente, la marcata presenza di
lavoratori stranieri e di imprese gestite da immigrati stranieri rappresenta per
molti territori di distretto (e non solo) una sfda forte sotto molti aspetti, non solo
riguardanti la competizione economica ma concernenti anche lelaborazione di
politiche per la sicurezza ed il controllo del territorio, lemersione dallillegalit,
la condivisione di valori diversi. Prato, le lavorazioni della pelle a Firenze e Vi-
cenza, il calzaturiero del Fermano, solo per citare i casi pi evidenti, appaiono
come realt che vivono quotidianamente le contraddizioni generate da variabili
esogene, che richiedono politiche sociali ed economiche assai pi strutturate di
ci che poteva accadere nei distretti industriali negli anni 80 e 90.
Tra i fenomeni di cambiamento che pi direttamente riguardano le fliere di-
strettuali, lindagine campionaria lascia emergere, nellordine (fg. 11):
- la fuga di investimenti dal territorio del distretto (per quasi il 24% degli im-
prenditori questo un fenomeno sempre pi evidente);
- la propensione costante allinnalzamento della qualit dei prodotti (23%);
- lavvio di nuove produzioni in settori diversi da quelli pi tradizionali e di
specializzazione (12,5%);
- il tentativo di presidiare nuovi mercati, soprattutto allestero (9,7%);
- il rafforzamento del ruolo, o lemersione, di imprese leader (5,7%).
Fig. 11 - Opinioni degli imprenditori di distretto su alcuni fenomeni emergenti nellarea
territoriale di localizzazione dellimpresa (valori in % sul tot. delle imprese; risposte multiple)
Fig. 11 - Opinioni degli imprenditori di distretto su alcuni fenomeni emergenti
nell'area territoriale di localizzazione dell'impresa
(valori in % sul totale delle imprese; risposte multiple)
5,7
9,7
12,5
23,0
23,8
Emersione di nuove imprese leader
Le imprese locali presidiano nuovi mercati
Avvio di produzioni in nuovi settori
Innalzamento della qualit dei prodotti
Fuga di investimenti in altre province o all'estero
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
70
Contributi
2.
Se il secondo degli item citati, ovvero la focalizzazione sul concetto di quali-
t come tratto caratterizzante i distretti appare scontato, perch noto, gli altri
aspetti delineano un quadro nuovo, una serie di microaggiustamenti che, se
dovessero intensifcarsi nel tempo, delineerebbero una diversa conformazio-
ne distrettuale. Si stratifcano, sempre pi, fenomeni contrastanti: centrifughi,
come la fuoriuscita di investimenti verso altre aree e centripeti, come la ridef-
nizione degli equilibri allinterno dei distretti, con lemergere di nuove imprese
leader o la ridefnizione delle strategie di mercato, fno ai tentativi (tuttavia di
entit ancora limitata) di investire in nuove aree di business o in settori comple-
tamente diversi da quelli distrettuali. Chi cercasse nella casistica pi recente
troverebbe, ad esempio, imprenditori del tessile pratese che hanno comple-
tamente diversifcato, investendo in campi come lhotellerie di lusso o chi,
nascendo come imprenditore della carta oggi opera, anche, in un comparto
completamente diverso (ma non lontano dai saperi propri del territorio di loca-
lizzazione) come quello della nautica. Si proflano intrecci che la crisi sembra,
peraltro, avere accentuato e, al di l delle molte iniziative che potranno rimane-
re ad uno stadio meramente progettuale, senza avere seguito, evidente che
non mancano i fermenti, proflando un sistema distrettuale, al Nord come al
Sud, fuido e perennemente in movimento.
Come saranno i distretti produttivi di domani?
Se ovviamente impossibile delineare un quadro preciso, in quanto ogni di-
stretto segue ormai un percorso proprio, verosimile pensare che nel breve
periodo, anche alla luce di eventi molto recenti, emergeranno con sempre pi
evidenza almeno cinque fenomeni:
- il ricompattamento delle fliere di subfornitura, con una sostanziale riduzione
delle imprese minori e meno qualifcate, a fronte dellimposizione di maggio-
ri controlli, da parte delle imprese di vertice, su quelle restanti;
- unapertura a ventaglio delle funzioni delle imprese; ci attraverso la focaliz-
zazione sia sulle singole fasi di produzione che su quelle della distribuzione
e della collocazione del prodotto presso il cliente fnale;
- la ricerca, probabilmente sempre pi accentuata nei prossimi anni, non solo
di nuove nicchie di mercato, ma di ambiti di business complementari (e tal-
volta anche radicalmente nuovi) rispetto alla specializzazione del distretto;
- lemersione di imprese leader nuove, forse capaci di guidare il cambiamento
sia nelle strategie di mercato che in quelle tecnologiche;
71
2. Contributi
- un confronto sempre pi diffuso tra imprenditori italiani e forza lavoro stra-
niera, capace di cambiare in modo radicale alcuni aspetti profondi del mo-
dello distrettuale.
Variabili puramente economiche ed aspetti sociali continuano, dunque, a in-
trecciarsi nel distretto, seppure con forme totalmente nuove rispetto al passa-
to. E vale la pena, quindi, fare il punto anche sullintensit dei legami tra i diversi
attori intermedi che operano in ciascun distretto. Da questo punto di vista,
occorre premettere che la larga maggioranza degli imprenditori ritiene che si
tratti di relazioni rimaste stabili nel tempo. Tuttavia, negli ultimi anni i legami
che sembrano essersi maggiormente rafforzati sono quelli tra le imprese, da un
lato, ed il sistema bancario, le Camere di commercio e le aziende subfornitrici,
dallaltro (fg. 12). Meno evidenti appaiono i casi di rafforzamento con i Centri di
ricerca, con gli Enti locali e tra le stesse imprese. Destano, tuttavia, non poche
preoccupazioni le percentuali di coloro che percepiscono un indebolimento
soprattutto nei rapporti proprio con il sistema bancario, con le strutture di ri-
cerca e con gli Enti locali. Si tratta sia in un caso che nellaltro di situazioni che
stimolano, comunque, a rifettere sullopportunit di mantenere e migliorare il
sistema delle relazioni con alcuni attori ancora strategici (quali, in particolare, il
sistema bancario) e con gli Enti locali, chiamati a gestire non pochi strumenti di
politica sociale e di investimenti in infrastrutture.

Fig. 12 - Indebolimento o rafforzamento dei legami tra le imprese di distretto
ed altri attori del territorio (valori in % sul totale delle imprese, risposte per ogni voce)
4,6
5
5,1
8
8,7
9
4,1
5,5
5,5
3,4
3,6
9,5
Rapporti di collaborazione tra le imprese
Rapporti con gli Enti locali
Rapporti con i Centri di ricerca
Legami con le imprese di subfornitura
Rapporti con le Camere di commercio
Legami con il sistema bancario
Legami rafforzati Legami indeboliti
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
72
Contributi
2.
Se questo tipo di scenario appare quanto meno verosimile, evidente che gli
attori di ciascun distretto devono sviluppare la capacit di elaborare azioni che
sappiano fare fronte a un panorama in mutamento continuo, non solo sul piano
economico ma anche e soprattutto su quello sociale. Da questo punto di vista
risultano interessanti le opinioni degli imprenditori. Se un terzo di essi con-
vinto che il distretto sia in grado di elaborare nuove strategie per la crescita, la
parte restante pi critica: il 41% ritiene il modello distrettuale valido ma meno
effciente rispetto al passato e ben il 27% pi perentoriamente ritiene che nel
distretto non vi sia la capacit di elaborare interventi complessi che coagulino
gli interessi delle aziende (fg. 13).

Fig. 13 - Opinione degli imprenditori sulla capacit di elaborare nuove strategie di
crescita nel distretto (valori in % sul totale delle imprese)
Prima di giungere a conclusioni affrettate, sarebbe opportuno ribadire che la
crisi economica recente ha fortemente messo alla prova lintera economia na-
zionale e in modo particolare i distretti, che oggi mostrano, per, una capacit
di recupero che lascia guardare con moderato ottimismo al futuro. La diffcile
congiuntura infuisce, dunque, non poco sullopinione riguardante i distretti.
Inoltre, se pi di un quarto degli imprenditori contattati mette seriamente in
discussione la validit del modello distrettuale, la larga maggioranza considera,
invece, tale modello imprescindibile, suscettibile certamente di correttivi ma
da cui ripartire per ragionare di ripresa, di costruzione di reti e di nuova politica
industriale.
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
73
2. Contributi
Non sono stati pochi gli interventi di contrasto alla recente crisi economica,
fuori dai distretti ma certamente anche dentro. Il welfare di territorio ha agito
diffusamente e, sebbene non abbia permesso una svolta radicale, ha rappre-
sentato, comunque, un sostegno contro gli effetti della recessione. Secondo
gli imprenditori contattati, gli strumenti pi diffusamente utilizzati nei distretti
industriali italiani sono stati due: da un lato la formazione (per il 41,8% stato
un intervento attivato), fnalizzata a riqualifcare la forza lavoro espulsa o a forte
rischio di espulsione dal mercato e, in secondo luogo, ovviamente, la Cassa
integrazione guadagni (35,2%) (fg. 14). Per altri strumenti vi la percezione,
invece, di una minore diffusione, che resta tuttavia apprezzabile. In particolare,
il 19,6% degli imprenditori ha indicato che nel periodo di crisi vi stato un
intenso utilizzo di fondi di garanzia per il credito, il 14% ha indicato il ricorso a
forme diverse di fnanziamento pubblico a sostegno del tessuto produttivo, e
quasi l11% ha indicato il ricorso a fnanziamenti per lattivazione di collabora-
zioni e reti tra imprese (consorzi, Contratti di rete).
Fig. 14 - Strumenti attivati per contrastare la crisi economica (valori in % sul totale delle
imprese; risposte multiple)
forse possibile intuire che su alcune tipologie di intervento - come i fondi di
garanzia per il credito o i fnanziamenti pubblici per incentivi a sostegno delle
imprese e delle specializzazioni produttive territoriali - gli imprenditori avrebbe-
2.7 I distretti reagiscono alla crisi
10,9
14,0
19,6
35,2
41,8
Finanziamenti per le
reti di collaborazione
Finanziamenti
pubblici
Fondi di garanzia
credito
CIG
Formazione
professionale
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
74
Contributi
2.
ro voluto di pi ma, nel complesso, la mobilitazione degli Enti locali e di alcune
strutture, come le Camere di commercio, deve essere considerata positiva-
mente. I dati peraltro confermano questa opinione. Se si scende ancora di pi
nello specifco, la larghissima maggioranza dei giudizi degli imprenditori sulle
singole tipologie di intervento risulta positiva: il 91% considera tale lutilizzo
della Cassa Integrazione (fg. 15), il che potrebbe essere scontato, ma anche
i fnanziamenti a sostegno delle collaborazioni tra imprese, la formazione pro-
fessionale o gli incentivi diretti alle imprese hanno riscosso il favore di circa
l80% degli intervistati.

Fig. 15 - Giudizio sugli interventi anti-crisi attivati nel territorio provinciale
di appartenenza delle imprese di distretto
(distribuzione % delle imprese che hanno attivato ciascun tipo dintervento)
Emerge, cos, un dinamismo dei territori e dei distretti, intesi come coacervo
di soggettualit diverse, un dinamismo certamente perfettibile ma persistente
sia nelle fasi di crisi che in quelle espansive del ciclo economico. Una vitalit,
dunque, che poggia su unorganizzazione complessa, oggi in fase di ulteriore
defnizione ma che rappresenta il punto irrinunciabile e di partenza di qualsia-
si rifessione legata alla governance dei distretti e, probabilmente, anche alle
rifessioni, che certamente non mancheranno, sul tema delle reti collaborative
e di produzione.
76,5
81,1
81,9
83
90,9
23,5
18,9
18,1
17
9,1
Finanziamenti pubblici
Fondi di garanzia
credito
Formazione
professionale
Finanziamenti per le
reti di collaborazione
CIG
Utile Inutile
Fonte: indagine Centro Studi Unioncamere sulle PMI manifatturiere (20-499 dipendenti), 2010
75
Le recenti trasformazioni
nei distretti industriali italiani
Contributi
I distretti industriali rappresentano da tempo un oggetto di studio privilegia-
to per la comprensione dellevoluzione delleconomia italiana. I caratteri fon-
damentali di tali sistemi sono lelevata diffusione di piccole e medie imprese,
la marcata specializzazione nelle tradizionali produzioni del Made in Italy, la
stretta relazione con la cultura e le istituzioni informali della comunit locale di
appartenenza.
indubbio che questi aspetti tipici abbiano costituito una fonte di vantaggio
competitivo negli anni settanta e ottanta, quando la piccola dimensione garan-
tiva una fessibilit diffcilmente conseguibile dalla grande impresa, linnova-
zione era essenzialmente di processo e leconomia italiana si affdava spesso
allarma (a doppio taglio) della svalutazione. Allo stesso tempo, per, questi
tratti, in particolare la ridotta dimensione delle imprese, possono costituire un
ostacolo nel nuovo contesto competitivo, che richiede alle imprese italiane il
conseguimento di economie di scala per innovare, internazionalizzarsi e com-
pletare un processo di ristrutturazione che si era avviato nella prima parte degli
anni duemila.
Giovanni Iuzzolino e Giacinto Micucci
Banca dItalia
3.1 Introduzione
3.
76
A questo processo la Banca dItalia ha dedicato, attorno al 2007, un impor-
tante impegno di ricerca, che stato riassunto in un ampio rapporto
1
. utile
richiamare qualche elemento che emergeva da quella ricerca. Per un paese
avanzato come lItalia per il quale era divenuto impossibile, nel nuovo con-
testo mondiale, competere nei campi in cui la concorrenza si gioca prevalen-
temente sui costi di produzione il vantaggio competitivo tendeva a generarsi
sempre di pi nelle attivit che precedono e seguono la produzione materiale
in senso stretto, per molti versi assimilabili ad attivit terziarie. Gli investimenti
necessari su quei fronti dalla progettazione del prodotto alla costruzione della
rete commerciale, dalla valorizzazione del marchio al coordinamento dellintero
processo produttivo e distributivo, esteso in misura crescente a livello inter-
nazionale risultavano spesso pi diffcili, in un sistema frammentato come il
nostro, di quelli necessari sul fronte della tecnologia; richiedevano pi spesso
un salto dimensionale e soprattutto lapporto di nuove capacit manageriali e
imprenditoriali.
Il dibattito su tali temi e, pi in generale, sulla competitivit dei distretti indu-
striali aperto. Nel suo ambito intendiamo proporre alcune evidenze empiriche
che possano fornire elementi quantitativi in merito a due questioni: la prima
cerca di rilevare quali mutamenti signifcativi nella dimensione e nella struttu-
ra delle agglomerazioni industriali italiane fossero statisticamente percepibili
prima dellimpatto della crisi economico-fnanziaria; la seconda valuta invece
quanto intenso sia stato tale impatto nei nostri distretti, relativamente al resto
dellindustria nazionale.
Dopo aver ricordato limportanza che le agglomerazioni territoriali di imprese
rivestono nellindustria italiana (par. 2), mostreremo che nellultimo decennio,
prima e durante la crisi economica defagrata nel 2008, la performance dei di-
stretti industriali stata inferiore nel confronto con le aree non distrettuali. Gi
prima della crisi, lespansione dei distretti sembrava infatti essersi arrestata e
la redditivit nei distretti era inferiore che altrove, mentre la produttivit decli-
nava (par. 3). Limpatto della crisi, inoltre, stato pi forte nei distretti (par. 4).
Contributi
3.
- Rispettivamente Sede di Napoli e Sede di Ancona della Banca dItalia. Le opinioni espresse nel lavoro
sono da attribuire agli autori e non impegnano la responsabilit della Banca dItalia. Gli autori deside-
rano ringraziare Luigi Cannari e Massimo Omiccioli per i loro preziosi suggerimenti.
1
Brandolini e Bugamelli (2009). Per una sintetica presentazione, si veda Rossi (2008).
77
3. Contributi
Al contempo, documenteremo anche come i distretti stiano attraversando un
periodo di trasformazione alla ricerca di pi adeguati assetti competitivi, con
un crescente peso di aziende leader, di maggiore dimensione, maggiormente
propense a innovare e a internazionalizzarsi, capaci di porsi alla guida della
fliera produttiva.
3.2 La rilevanza delle agglomerazioni produttive
nellindustria italiana
Agli inizi degli anni duemila, una quota rilevante delle attivit manifatturiere ita-
liane era concentrata in un numero relativamente ristretto di sistemi produttivi
locali, i cui caratteri strutturali, per intensit di specializzazione e prevalenza
di piccole e medie imprese, erano compatibili con la defnizione di distret-
to industriale condivisa da larga parte degli studiosi. In particolare, secondo
lalgoritmo ideato da Fabio Sforzi e adottato dallIstat (algoritmo SI), in Italia
le quote di popolazione e occupazione manifatturiera localizzate nei sistemi
locali del lavoro (SLL) distrettuali erano pari, nel 2001, al 22 e 39 per cento
rispettivamente.
Anche se la letteratura sui sistemi industriali distrettuali quanto mai vasta, un
aspetto ancora poco indagato se e in che misura la rilevanza quantitativa di
tale fenomeno sia peculiare del nostro paese o se, piuttosto, essa rappresenti
una sorta di costante empirica, comune anche ad altri sistemi economici.
Vale la pena citare, a tale riguardo, uno studio recente (Boix, 2008), in base al
quale, applicando ai dati delleconomia spagnola una metodologia analoga a
quella SI, le quote di popolazione e occupazione manifatturiera localizzate nei
SLL distrettuali della Spagna erano assai simili al dato italiano (al 20 e 35 per
cento rispettivamente, sempre nel 2001).
Questo risultato, se fosse suffragato da analoghe evidenze estese a un pi
ampio confronto internazionale, confermerebbe, sotto il particolare proflo del
peso relativo dei sistemi locali agglomerati, i risultati di numerose stime em-
piriche secondo le quali i fenomeni agglomerativi appaiono essere la regola,
78
pi che leccezione, in molti dei moderni sistemi economici (Ellison e Glaeser,
1997; Duranton e Overman, 2002; Di Giacinto e Pagnini, 2008).
Naturalmente, le tipologie di agglomerazione possibili sono molteplici, varian-
do a seconda della numerosit e spessore dei legami di fliera o della presenza/
assenza di grandi aziende o di forti gerarchie tra le imprese, ad esempio nei
rapporti di subfornitura. Da questo punto di vista, i distretti industriali di piccola
e media impresa rappresentano un caso particolare di agglomerazione
2
.
In ogni caso, ci che rileva ai fni del presente contributo che ogni genere di
agglomerazione rappresenta lespressione visibile di un coacervo di vantaggi,
per lo pi immateriali e spesso autorafforzantesi, che rendono le produzioni di
beni in una determinata localit particolarmente competitive nei mercati glo-
bali.
In questo senso, il numero e la dimensione di agglomerazioni territoriali di
imprese pu essere visto come una importante dotazione di cui gode un
sistema economico; una sorta di capitale socio-industriale, dalla cui evolu-
zione dipende una parte importante della capacit di crescita dellintera area
geografca di appartenenza. Un capitale che, proprio a causa del tendenzia-
le autorafforzamento dei vantaggi localizzativi, tende ad assumere caratteri di
forte persistenza. La mappa dei fenomeni agglomerativi, in effetti, si modifca
lentamente nel tempo (Dumais et al., 2002).
In presenza di signifcativi shock esogeni ci si pu per attendere che tali mo-
difche accelerino, generando fenomeni di riallocazione settoriale e territoriale
delle produzioni. Nella fase di transizione verso nuovi equilibri inoltre possi-
bile che tali fenomeni assumano segno ed intensit differenti tra le agglome-
razioni.
Contributi
3.
2
Rispetto alla pi generica defnizione di agglomerazione, quella di distretto concentra lattenzione
su situazioni locali assai peculiari, nelle quali la divisione del lavoro tra agenti economici assume
connotati di interdipendenza talmente elevati da rendere poco signifcativa una analisi separata dei
comportamenti e delle performance degli agenti stessi e da imporre invece come unit elementare di
analisi economica lintera comunit distrettuale di persone e imprese (Becattini, 1979). Di particolare
rilievo, per distinguere il modello distrettuale da altre tipologie di sistemi di piccola impresa, lele-
vata concorrenzialit di ciascun mercato che compone la fliera, per cui: i subfornitori sono liberi di
cambiare i clienti e i clienti sono liberi di cambiare subfornitori (Brusco, 1987, pag. 472). Loriginalit
di tale impostazione ha consentito di arricchire la descrizione del funzionamento di molti aspetti della
realt economica italiana, altrimenti poco comprensibili (il paradosso strutturale dellItalia, Signorini,
2000).
79
Gi negli anni novanta, un vasto ammontare di ricerche sui distretti industriali
italiani, aveva rilevato come alcune peculiarit dei nostri sistemi produttivi locali
si stessero fortemente attenuando, spesso in conseguenza delladozione di
strategie di delocalizzazione di fasi produttive o di altre forme di internaziona-
lizzazione (fra gli altri Graziani, 1998; Cor e Rullani, 1998; Cor e Grandinetti,
1999; Mariotti, Micucci e Montanaro, 2004). Ancor prima che i fenomeni di
delocalizzazione si mostrassero con forza, molti lavori avevano paventato il pe-
ricolo che processi di selezione intensi e interni ai distretti scaricassero verso le
imprese di minore dimensione il costo delladeguamento a uno scenario com-
petitivo pi severo. Soprattutto, la letteratura ha sempre segnalato il rischio di
un depauperamento del patrimonio di relazioni e di micro competenze indu-
striali, che alla base di tanta parte del successo di queste tipologie produt-
tive, con effetti gravi sulle capacit ri-produttive e dunque sulla sopravvivenza
dellintera area agglomerata (Becattini e Rullani, 1993; Brusco e Paba, 1997).
Negli anni pi recenti emersa la consapevolezza che allampia diversit dei
tratti strutturali delle diverse agglomerazioni italiane ha corrisposto unartico-
lata variet di reazioni tentate per contrastare la crescente pressione com-
petitiva. Le strategie di internazionalizzazione non hanno esaurito le principali
tipologie di reazione: accanto o in alternativa ad esse, si assiste, ad esem-
pio, al riposizionamento della gamma di prodotti verso segmenti di maggiore
(o comunque diversa) qualit o al diffondersi di fenomeni di concentrazione
industriale dovuti allo sviluppo endogeno di grandi imprese o allingresso di
committenti multinazionali (Solinas, 2006). Ma anche considerando i soli pro-
cessi di internazionalizzazione, lintensit e le forme assunti da essi appaiono
sensibilmente differenti tra i settori e i singoli territori (Tattara, 2005; Consantin
et al., 2006; Mariotti et al., 2006; Prota e Viesti, 2007).
Sebbene non manchino (ma non mancavano neanche 20 o 30 anni fa) posizio-
ni che dichiarano insostenibile una durata del modello distrettuale nel nuovo
scenario competitivo (De Cecco, 2000), la maggior parte degli osservatori in-
vita a non sottovalutare la capacit di reazione che i nostri sistemi produttivi
locali hanno tante volte mostrato in passato (Murat e Paba, 2005; Signorini e
Omiccioli, 2005). I mutamenti in atto, insomma, non sembrano destinati a esiti
scontati; soprattutto, appare diffcile una generalizzazione delle dinamiche oggi
osservabili, data la diversit delle traiettorie che i singoli territori specializzati
hanno seguito o stanno sperimentando.
3. Contributi
80
3.3 Prima della crisi: struttura e perfomance
delle agglomerazioni industriali negli anni duemila
Come era mutata in questo decennio, ancor prima dellimpatto con la crisi eco-
nomico-fnanziaria, la dimensione dellinsieme delle agglomerazioni industriali
italiane? Quali reazioni erano percepibili allinterno di tale variegato insieme?
Le imprese localizzate nei distretti continuavano a mostrare performance mi-
gliori rispetto al resto dellindustria nazionale?
3.3.1. Le evidenze dei dati censuari
Per fornire alcuni elementi di risposta a tali questioni una prima utile fonte di in-
formazioni costituita da dati di natura censuaria usualmente adoperati per la
rilevazione delle mappe dei distretti. In particolare, in base ai dati dellArchi-
vio statistico delle imprese attive dellIstat, possiamo aggiornare allanno 2006
la distribuzione delloccupazione industriale per SLL e misurare se e quanto il
peso dei distretti variato nel corso della prima parte del decennio. Una volta
ottenuta la misura di tale variazione, dobbiamo poi valutarne la signifcativit,
confrontandola con quella dei decenni precedenti.
Un primo modo di descrivere tale dinamica quello di misurare la quota di
occupazione nei distretti rilevati con la metodologia SI nellanno in cui questi
ultimi vengono individuati, e osservarne landamento nei periodi successivi,
mantenendo fssi i SLL dellanno di partenza. Nella fgura 1 riportiamo quindi
landamento della quota di addetti manifatturieri nei distretti italiani individuati
nel 1981, nel 1991 e nel 2001
3
, ponendola pari a 100 nellanno di individuazio-
ne.
Contributi
3.
3
Gli ultimi due sono i 199 e 156 distretti rilevati dallIstat in occasione dei Censimenti industriali del
1991 e del 2001, i primi sono invece i 245 distretti individuati da noi applicando, ai sistemi locali del
lavoro del 1981, la stessa metodologia utilizzata dallIstat per la rilevazione dei distretti del 2001.
4
Va sottolineato che i dati rilevati nellArchivio statistico delle imprese attive dellIstat, non sono stret-
tamente confrontabili con quelli rilevati nei Censimenti industriali, sia per il diverso metodo sia per
il diverso periodo di rilevazione. I risultati numerici del confronto possono quindi soffrire di qualche
imprecisione.
81
3. Contributi
facile osservare come ognuna delle tre generazioni di distretti mostri solo
negli anni duemila una fessione del proprio peso relativo; una fessione non par-
ticolarmente ampia
4
, ma che per la prima volta indica una performance dei di-
stretti, in termini di occupati manifatturieri, non migliore della media nazionale.
I 156 distretti del 2001, in particolare, hanno subito un calo delloccupazione
fno al 2006 pari al 7,3 per cento, contro il 6,2 per cento dei SLL non distrettuali.
Il divario di performance, come si pu verifcare dalla tavola 1, non stato di
entit simile fra le regioni, mostrandosi pi intenso nei SLL dellItalia centra-
le e meridionale e in Piemonte, mentre in Lombardia, Veneto e Friuli-Venezia
Giulia i distretti hanno continuato a manifestare dinamiche migliori della media
regionale. Allinterno dei distretti, il calo di occupati rilevato nei soli comparti
di specializzazione stato maggiore della media: lincidenza di tali comparti
sul totale delloccupazione manifatturiera nei distretti cos calata dal 41 al 38
per cento.
Questo metodo di confronto temporale non esente da difetti, poich non
controlla per la componente demografca delle mappe distrettuali: cio non
valuta il contributo relativo fornito dalla nascita (o dalla scomparsa) di nuovi
SLL distrettuali da un decennio allaltro. E questo a causa del fatto che la nu-
merosit dei SLL non affatto fssa nel tempo, ma tende a diminuire sensibil-
mente da un decennio allaltro, passando dai 955 del 1981, ai 784 del 1991,
ai 686 del 2001 (e questo spiega anche lapparente calo della numerosit dei
distretti rilevati alle stesse date).
Si pu per utilizzare un metodo di individuazione delle agglomerazioni indu-
striali diverso da quello SI e che, in particolare, faccia riferimento come unit
territoriale di base al singolo comune e non al SLL. Un metodo simile stato
utilizzato in un recente contributo di ricerca (Iuzzolino e Menon, 2010) per ri-
costruire la mappa delle agglomerazioni industriali dal 1951 al 2006. Va anche
rilevato che la tipologia di agglomerazioni catturate con tale metodo, a diffe-
renza dellalgoritmo SI, non esclude per costruzione lindividuazione di cluster
caratterizzati dalla forte presenza di grandi imprese.
5
bene notare che, a differenza del peso rilevato con lalgoritmo SI, tali quote rappresentano il peso
degli occupati nei soli settori di specializzazione delle agglomerazioni e non il totale delloccupazione
manifatturiera localizzata in esse.
82
Ebbene, anche con tale metodologia, lespansione del fenomeno distrettuale in
Italia, molto forte negli anni settanta e ottanta, dopo il rallentamento degli anni
novanta mostra un primo arretramento nellattuale decennio: ad esempio, la
quota di comuni italiani appartenenti ad almeno unagglomerazione, inferiore
al 4 per cento ancora nel 1971, sale all8 per cento nel 1981 e supera l11 e il
12 per cento nel 1991 e nel 2001 rispettivamente, per mostrare infne un primo
calo, all11,5 per cento, nel 2006. Per quanto riguarda la quota di occupati
manifatturieri localizzati in tali comuni, pu essere utile classifcare le agglome-
razioni in base alla dimensione media degli stabilimenti ubicati in esse, in modo
da isolare la dinamica dei cluster di piccola e media impresa e rendere pi
agevole il confronto con il metodo SI. A tale riguardo, i dati riportati nella fgura
2 mostrano il peso delle agglomerazioni sul totale degli occupati manifatturieri
italiani, distinguendo quattro tipologie dimensionali di agglomerazioni: con una
dimensione media inferiore ai 10 addetti, tra i 10 e i 24 addetti, tra i 25 e 49 ad-
detti e quelle con una dimensione di almeno 50 addetti. Risulta evidente come
la quota di occupati attribuibile ai primi di due sistemi, quelli pi propriamente
identifcabili come distretti di piccola e media impresa, dopo la rapida espan-
sione avvenuta tra il 1971 e il 1991 (quando passa dal 15,2 al 23,9 per cento),
cresce a ritmi rallentati nella prima met degli anni novanta (al 24,4 per cento
nel 1996), per poi regredire, al 23,7 e al 22,6 per cento nel 2001 e nel 2006
5
.
Unultima, utile, evidenza che possibile rilevare con i dati censuari, rap-
presentata dalla scomposizione della dinamica occupazionale tra la variazione
degli addetti nei comuni gi appartenenti ad agglomerazioni e il contributo for-
nito invece dalla componente demografca e cio dal saldo occupazionale
tra nuovi comuni agglomerati e comuni che, da un periodo allaltro, escono
dal novero delle agglomerazioni. Questi andamenti sono riportati nella fgura 3:
possiamo notare che, accentuando una tendenza emersa gi nel precedente
decennio, negli anni duemila si rileva un forte cedimento delloccupazione nei
comuni gi agglomerati, che pi che compensa il contributo positivo fornito
dalla componente demografca.
In defnitiva, i dati di natura censuaria, pur non mostrando fortissimi ridimen-
sionamenti del peso relativo dei distretti industriali, consentono di rilevare un
progressivo arresto dellespansione del fenomeno distrettuale nel nostro pae-
se, gi negli anni novanta e un primo lieve arretramento di esso nella prima
parte degli anni duemila.
Contributi
3.
83
3. Contributi
3.3.2. Le evidenze dei dati di bilancio
Gli archivi di natura censuaria, fornendo informazioni di natura aggregata, non
consentono di approfondire lanalisi della variabilit dei mutamenti strutturali in
atto nei diversi sistemi di imprese distrettuali; fenomeno che, in un periodo di
intense pressioni competitive, pu rivelare interessanti differenze nelle reazio-
ni tentate da diverse tipologie di agglomerazioni. Si tratta insomma di verifca-
re se il quadro di calma piatta, o comunque di mutamenti di dimensione assai
contenuta, nasconda i sintomi di un processo di ristrutturazione in atto sotto
traccia, che potrebbe manifestarsi in un forte aumento della dispersione dei
fenomeni rilevati tra i singoli territori specializzati o anche allinterno di essi
6
.
La possibilit di osservare in modo pi preciso (e anche aggiornato) i segnali
di novit che i dati commentati in precedenza sembrano suggerire, offerta
dai microdati di impresa raccolti negli archivi della Cerved e della Centrale
dei Bilanci, aggiornati al 2008 e ampiamente rappresentativi delluniverso delle
societ di capitali italiane. In particolare, il campo di osservazione che propo-
niamo in questo paragrafo dato dalla mappa dei 168 cluster dimpresa fs-
6
Sulla necessit di osservare la varianza di strategie e performance tra le imprese industriali, per com-
prendere i mutamenti in atto nel sistema economico italiano, si veda Brandolini e Bugamelli (2009).
7
Si tratta della mappa descritta in Iuzzolino, 2005. Come mostrato in Iuzzolino, 2008, le evidenze em-
piriche mostrate in questo paragrafo non mutano utilizzando la mappa SI del 2001.
8
Il periodo di riferimento va quindi dal 1993 al 2008, rispettivamente il primo e lultimo anno di disponi-
bilit di dati di bilancio per campioni ampi di imprese (archivio integrato Centrale dei Bilanci e Cerved).
Prima del 1993, i dati di bilancio disponibili (quelli con riferimento ai quali sono state condotte le
prime indagini quantitative sui distretti industriali; cfr. Signorini, 1994 e Fabiani e altri, 2000) erano solo
quelli della Centrale dei Bilanci, rappresentativi di uninsieme di imprese limitato a quelle di maggiori
dimensioni. Una importante precisazione di ordine metodologico riguarda la crescente numerosit di
imprese rilevate negli archivi di bilancio utilizzati: tra il 1993 e il 2008 si passa da circa 90 mila a circa
130 mila osservazioni, un fenomeno che solo in parte pu essere attribuito alla demografa di impresa
che anzi, soprattutto negli anni recenti, mostra un tendenziale calo del numero di imprese industriali
attive nel nostro paese. Si tratta invece del rifesso dei progressivi ampliamenti degli archivi conside-
rati, dovuti anche allaumento del numero di imprese rilevabili, ovvero al processo di trasformazione
in societ di capitali da parte di imprese che, precedentemente, utilizzavano forme giuridiche meno
evolute e alle quali non corrispondeva lobbligo di redazione di bilanci in forma dettagliata. Tale carat-
teristica rende evidentemente opportuna, accanto allosservazione dellinsieme aperto delle imprese
presenti negli archivi, una verifca di robustezza basata sullutilizzo di campioni chiusi. Va detto che, in
gran parte, lampliamento del numero di imprese riguarda aziende di dimensione minima (con meno di
500 mila euro di fatturato): queste ultime, pur rappresentando circa il 40 per cento delle aziende nella
media del periodo, concentrano meno dell1,5 per cento del fatturato industriale. La loro inclusione
(nei campioni aperti) o la loro parziale esclusione (nei campioni chiusi) non modifca quindi in modo
sensibile le tendenze medie di maggior rilievo. Lunica eccezione riguarda la dinamica dei fenomeni
per i quali rilevante la numerosit delle imprese (dimensioni medie e concentrazione del fatturato).
84
sata al 2001
7
e dalle principali variabili di bilancio in grado di descrivere alcuni
elementi di struttura e performance delle imprese localizzate in tali cluster, nei
nove anni precedenti e nei sette successivi alla data di mappatura
8
.
La concentrazione del fatturato tra le imprese. Una prima tendenza robusta
che emerge dai dati di bilancio riguarda gli andamenti divergenti del fatturato
tra le classi dimensionali di impresa: come mostra la fg. 4, tra linizio e la fne
del periodo considerato il peso delle aziende medio-grandi (quelle con almeno
50 milioni di fatturato) in termini di quota di fatturato aumentato di circa 7
punti percentuali nelle agglomerazioni settentrionali e meridionali (cio nelle
macroaree dove il peso di tali aziende era gi elevato in partenza) e di ben 13
punti nelle agglomerazioni dellItalia centrale, tradizionalmente caratterizzate
da una minore dimensione media delle imprese. Di contro, cala ovunque il
peso delle aziende medio-piccole (con meno di 10 milioni di fatturato). Alla
fne del periodo osservato, la ricomposizione delle quote di fatturato tra le due
classi dimensionali di imprese davvero rilevante: la distanza tra grandi e
piccole imprese raddoppia nel Nord Est e si quadruplica nel Mezzogiorno;
al Centro il vantaggio delle piccole imprese, pari circa 20 punti percentuali
allinizio del periodo, si azzera.
Il fenomeno non dovuto a una particolare ricomposizione settoriale delle ag-
glomerazioni poich interessa, allinterno delle varie macroaree, praticamente
tutti i principali settori di specializzazione (tav. 2)
9
. Misure alternative della con-
centrazione del fatturato, inoltre, cos come elaborazioni condotte su campioni
chiusi anzich aperti (fg. 5) portano a conclusioni analoghe.
Contributi
3.
9
Il fenomeno ha invece assunto andamenti marcatamente diversifcati tra i singoli distretti: come
notano Iuzzolino e Menon (2010) con riferimento al Nord Est, una crescita della quota di fatturato
delle aziende medio-grandi si verifca solo in 27 delle 51 agglomerazioni industriali. Tra i distretti
pi rappresentativi, la progressiva accentuazione della concentrazione del fatturato raggiunge livelli
assai elevati a Montebelluna (dove la quota delle imprese medio-piccole si dimezza quasi, dal 22 al 12
per cento, mentre quella delle medio-grandi sale di 24 punti, dal 44 al 68 per cento). Una dinamica di
entit simile si osserva anche a Carpi dove, nel complesso dei tre comparti del tessile-abbigliamento
in cui il distretto risulta specializzato, la quota di fatturato delle imprese maggiori, trascurabile allini-
zio del periodo (3 per cento), arriva al 19 per cento nel 2008, mentre quella delle imprese di minore
dimensione cala dal 58 al 46 per cento. A tali andamenti, sempre restando nellambito del sistema
moda, si contrappongono la sostanziale stabilit dei parametri di concentrazione della produzione a
Cavarzere (ma anche nellabbigliamento vicentino di Thiene almeno dalla met dello scorso decennio)
e la riduzione di peso delle aziende di dimensione intermedia ad Arzignano. La crescita del peso delle
imprese medio-grandi , infne, ampiamente diffusa allinterno delle agglomerazioni del settore mec-
canico (con la sola eccezione del distretto bio-medicale di Mirandola).
85
3. Contributi
In linea di principio, un crescente peso delle maggiori imprese localizzate nelle
agglomerazioni pu essere attribuito a un processo di espansione di poche
grandi aziende e/o a una dinamica del fatturato particolarmente debole per le
piccole imprese. Anche se in un ristretto numero di agglomerazioni si notano
evidenze compatibili con la prima ipotesi, nella generalit dei casi la seconda
spiegazione a prevalere. Come mostra la tavola 3, infatti, in un contesto di mer-
cato caratterizzato da crescenti diffcolt competitive per tutte le unit produtti-
ve, le aziende di maggiori dimensioni localizzate nelle agglomerazioni hanno su-
bto un rallentamento del fatturato inferiore alla media. In particolare, se ancora
tra il 1993 e il 1996 la crescita delle grandi imprese era stata signifcativamente
inferiore a quella delle piccole in tutti i settori, la tendenza si interrompe durante
gli anni duemila, quando il divario di crescita tra classi dimensionali si ridimen-
siona fortemente, fno a invertirsi nella maggioranza dei comparti produttivi.
Come molta letteratura ha messo in evidenza, il progressivo aumento dei fussi
di merci importate da territori esterni alle agglomerazioni e/o il diffondersi di casi
di re-internalizzazione di fasi produttive possono aver determinato un rischio
di interruzione dei rapporti di (sub)fornitura interni al distretto. La perdita di
peso relativo delle piccole imprese, pur non rappresentando necessariamente
una prova di tale fenomeno, appare quantomeno coerente con la diffusione di
strategie di delocalizzazione o comunque di un indebolimento della divisione
del lavoro interna ai distretti.
La specializzazione e la dissimilarit delle agglomerazioni. Unaltra modifca
nei caratteri strutturali dei distretti che i dati di bilancio consentono di cogliere,
la progressiva riduzione della specializzazione settoriale dei sistemi industriali.
Il fenomeno riguarda soprattutto i comparti del Made in italy: le agglomerazioni
del comparto tessile-abbigliamento, ad esempio, vedono calare al proprio in-
terno la quota di fatturato assorbita dal comparto di specializzazione principale
di circa 10 punti percentuali al Nord Ovest e al Centro e di oltre sei punti al Nord
10
Anche in questo caso, la tendenza non risulta generalizzata tra i singoli distretti: nel Nord Est, ad
esempio, esso riguarda circa i due terzi delle 51 agglomerazioni, risultando di entit apprezzabile (con
un calo superiore ai 3 punti percentuali) in circa il 40 per cento di esse. Tra i distretti di maggiore
dimensione, la de-specializzazione risulta intensa (prossima o superiore ai 10 punti) a Sassuolo, Man-
zano, Thiene, nel distretto lattiero-caseario di Parma e nei distretti veneti dellorefceria. Il fenomeno
non si rileva invece a Montebelluna e Prata di Pordenone, mentre in tutti i distretti della meccanica
si osserva una tendenza di segno opposto, con un incremento della concentrazione settoriale del
fatturato.
86
Est (tav. 2). Nei settori delle calzature, del mobilio e dei minerali non metalliferi,
la riduzione meno intensa ma signifcativa (5/6 punti)
10
.
interessante notare che in molte agglomerazioni del Made in italy, la riduzione
del peso relativo dei comparti di tradizionale specializzazione si accompagna a
una crescita dellincidenza del settore metalmeccanico sul fatturato delle ag-
glomerazioni. Il fenomeno non per spiegato, se non in misura limitata, dallo
sviluppo della produzione di macchinari utilizzati nella lavorazione dei prodotti
della fliera: la diffusione di tali beni, suggerita da alcuni studi (De Arcangelis e
Ferri, 2004), appare generalmente limitata e in crescita solo in talune agglome-
razioni alimentari e del mobilio.
Ora, per defnizione e quindi anche per costruzione statistica, le agglomerazioni
sono caratterizzate da una forte specializzazione settoriale e da un peso delle
grandi imprese tendenzialmente inferiore alla media delle aree non agglomera-
te. Non sorprende pertanto che la dinamica delle caratteristiche strutturali fn
qui commentate si sia rifessa in un progressivo ridimensionamento del grado
di dissomiglianza tra la struttura industriale delle agglomerazioni localizzata in
ogni macro-area e quella del restante territorio della medesima ripartizione: tra
il 1993 e il 2008 lindice di dissimilarit tra i due raggruppamenti di imprese si ri-
duce infatti del 37, 32 e 25 per cento circa, nellItalia centrale, nord-occidentale
e nord-orientale, rispettivamente (fg. 6)
11
.
Come abbiamo evidenziato, questa tendenza si riscontra con modalit e inten-
sit differenziata tra i principali sistemi specializzati, suggerendo la possibilit
che, in una fase di forti tensioni competitive, le reazioni dei sistemi localizzati
dimpresa abbiamo dato vita a differenziati mutamenti strutturali nella divisione
del lavoro tra piccole e grandi imprese.
La redditivit nelle aree agglomerate. - Al di l della loro variegata combinazione
tra i singoli territori, le evidenze statistiche appena commentate con riferimento
ai dati di bilancio, ma anche larresto dellespansione pluridecennale del fenome-
no agglomerativo rilevato nei dati censuari, mostrano lemergere di fenomeni che
Contributi
3.
11
anche interessante notare che il livello assoluto della dissimilarit si mantiene nel Nord Est assai
pi basso rispetto alle altre aree del paese caratterizzate dalla diffusa presenza di agglomerazioni,
risultando nella media del periodo considerato inferiore del 20 per cento rispetto al Nord Ovest e del
65 per cento nei confronti del Centro.
87
3. Contributi
suggeriscono un possibile allentamento dei legami tra imprese agglomerate e tra
queste e i territori di localizzazione. La domanda che immediatamente segue
se e in che misura queste prime modifche dei tratti strutturali tipici delle nostre
realt distrettuali, possano avere agito sulla performance delle imprese ubicate
in esse. , in particolare, utile osservare la dinamica dei proftti di tali imprese,
anche alla luce delle peculiari combinazioni che possono realizzarsi tra ladozio-
ne di strategie di delocalizzazione produttiva e la redditivit delle agglomerazioni
(Gianelle e Tattara, 2006).
Una maggiore redditivit media delle imprese distrettuali, confrontata con quella
delle imprese operanti negli stessi settori produttivi ma al di fuori dei distretti,
stata pi volte verifcata a partire dal lavoro pionieristico di Signorini (1994; cfr.
anche Fabiani et al., 2000) con riferimento a periodi riferiti soprattutto agli anni
ottanta e a i primi anni novanta.
Negli anni pi recenti, pur restando nellambito delle evidenze descrittive, qual-
che indicazione di una sensibile riduzione dell effetto distretto nelleconomia
italiana, stata invece trovata da Iuzzolino (2008). La fgura 7 documenta tale
tendenza, mostrando come la redditivit operativa delle imprese localizzate nei
cluster delle diverse macro-aree sia progressivamente scesa al livello medio delle
imprese della stessa area geografca, ma non appartenenti ad agglomerazioni.
opportuno notare che, sebbene i dati della fgura 7 siano delle semplici me-
diane, le tendenze che esse rivelano resistono ad una verifca econometrica (cfr.
Iuzzolino-Menon, 2010), che include un ampio insieme di variabili di controllo e di
effetti fssi (a livello di settore, di area geografca e di periodo). Pertanto, la perdi-
ta del premio distrettuale si osserva anche a parit di settore. I risultati, inoltre,
sono confermati utilizzando differenti mappature dei distretti (inclusa quella SI) e
12
Prove econometriche della scomparsa del cosiddetto effetto distretto si ritrovano anche in Foresti et
al., (2009).
13
Sempre con riferimento al Nord Est, secondo Iuzzolino e Menon (2010) il livello della redditivit ope-
rativa mostra in taluni casi un calo intenso e pressoch ininterrotto (ad Arzignano e nei distretti del
mobilio ad esempio), mentre assai pi lieve nelle agglomerazioni della meccanica; in alcuni distretti
del sistema moda (Montebelluna, labbigliamento di Carpi e quello di Noventa Vicentina) si assiste inve-
ce a un forte recupero negli anni duemila, con livelli di redditivit che negli anni recenti superano quelli
dei primi anni novanta (in termini di media ponderata e dunque soprattutto per effetto della performance
delle grandi imprese). In uno studio sui distretti calzaturieri marchigiani, Cirese et al. (2007) documenta-
no una crescente differenziazione delle strategie adottate delle imprese e linstaurarsi di nuove modalit
di relazioni di subfornitura.
88
Contributi
3.
diversi indicatori di redditivit e produttivit
12
. Ci non signifca che ogni agglo-
merazione abbia seguito la stessa, calante traiettoria di redditivit: anzi, come
mostra la fgura 8 la dispersione dei risultati di bilancio tra i singoli sistemi locali
spesso sensibilmente aumentata, a riprova della elevata differenziazione delle
storie territoriali che i distretti continuano a raccontare
13
.
3.3.3. Le evidenze dei dati creditizi
I dati creditizi forniscono ulteriore sostegno alla tesi di un peggioramento relativo
della situazione dei distretti rispetto ai non distretti. Se si prende in esame il tasso
di decadimento dei prestiti, ovvero la quota dei prestiti che diviene inesigibile
ogni anno in rapporto ai prestiti di inizio periodo, si osserva che nei distretti tale
quota inferiore nella prima parte degli anni duemila, tende poi ad essere so-
stanzialmente simile a quella delle aree non distrettuali fno alla vigilia della crisi
(met 2008), per peggiorare nettamente, infne, durante la fase recessiva (fg. 9).

Abbiamo condotto una semplice analisi econometrica, essenzialmente al fne
di fornire indicazioni sulla rischiosit relativa delle imprese distrettuali a parit
di settore. Se si regredisce il tasso di decadimento dei prestiti su dummies
settoriali e temporali e sulla dummy distretto, il coeffciente di questultima va-
riabile non signifcativamente diverso da zero nellintero periodo in esame
(tav. 9). Lanalisi per sottoperiodi rivela per importanti differenze. Fino al 2004 il
parametro della dummy distretto negativo e signifcativo (in quella fase le im-
prese distrettuali erano pertanto meno rischiose, anche a parit di settore). Nel
periodo successivo il coeffciente della dummy distretto in pratica si annulla. Se
si considera il pi breve intervallo relativo alla crisi economica (a partire dalla se-
conda met del 2008) il parametro della dummy distretto diventa positivo, sep-
pure non signifcativo, suggerendo che la maggior rischiosit osservata in quella
fase sia attribuibile soprattutto alla composizione settoriale. In sostanza, questa
analisi mostra che nella prima parte degli anni duemila lappartenenza ai distretti
assicurava ancora un vantaggio, poi progressivamente dissoltosi. Durante la
recessione, la qualit del credito delle imprese distrettuali cos peggiorata in
misura pi marcata nel confronto con le aziende non distrettuali; tale peggio-
ramento della posizione relativa dei distretti sarebbe per attribuibile soprattut-
to alla composizione settoriale, sbilanciata verso le produzioni maggiormente
esposte allasprezza della recessione (in particolare, quelle della moda).
89
3. Contributi
3.4 I distretti industriali durante la crisi
Le evidenze statistiche di natura censuaria o i dati di bilancio non consentono
di osservare la dinamica dei distretti negli anni pi recenti, caratterizzati dal pie-
no manifestarsi della crisi economico-fnanziaria. Indicazioni sullimpatto della
crisi nei distretti possono per trarsi da alcune indagini congiunturali condotte
dalla Banca dItalia. Faremo riferimento, in particolare, ai sondaggi condotti
rispettivamente nellautunno del 2009 (lanno in cui la crisi si manifestata
con maggiore intensit) e in quello del 2010 (quando si sono osservati segnali
di ripresa, ma deboli e incerti). Nel complesso, queste indagini suggeriscono
che per le imprese dei distretti industriali limpatto della recessione stato pi
intenso nel confronto con le aziende non distrettuali. Lanalisi dei dati creditizi
documenta poi come le maggiori diffcolt congiunturali si siano rifesse in un
peggioramento della qualit del credito delle imprese distrettuali.
In base al sondaggio che la Banca dItalia aveva condotto nellautunno 2009 su
un campione di circa 2.800 imprese industriali con almeno 20 addetti, nei primi
nove mesi del 2009 il calo del fatturato era stato pi marcato nei distretti (con
un saldo tra le modalit di risposta in calo e in aumento di circa il 70 per
cento, contro circa il 40 delle imprese non distrettuali; tav. 4). Vi aveva infuito
un effetto di composizione settoriale, perch il peso delle imprese distrettuali
assai maggiore nei comparti colpiti pi duramente dalla crisi (come la moda,
i beni per la casa e la meccanica). Anche a parit di settore, tuttavia, la valu-
tazione sullevoluzione congiunturale formulata dalle imprese era stata gene-
ralmente pi sfavorevole nei distretti industriali, in particolare per i comparti
dellalimentare, dei beni per la casa e della meccanica (tav. 5).
La peculiare organizzazione produttiva nei distretti industriali si rifessa sulle
modalit di diffusione della crisi. La stretta catena di rapporti commerciali ha in-
fatti trasmesso con estrema rapidit gli impulsi recessivi dalle maggiori imprese
esportatrici alle aziende minori, loro subfornitrici. Si consideri, ad esempio, il
caso di due regioni del Centro a elevata densit distrettuale: nelle Marche la
fessione dellattivit stata assai brusca per le piccole imprese subfornitrici di
grandi aziende in crisi, specialmente nella meccanica (elettrodomestici e beni
strumentali), mentre in Toscana sono emersi segnali di particolare diffcolt per
le piccole imprese della moda. Lindagine della Banca dItalia documenta che
90
lincidenza delle imprese che hanno registrato una dilatazione dei ritardi per i
pagamenti da parte dei clienti, al netto di quelle che ne hanno invece segnalato
una riduzione, pi elevata nei distretti (circa il 65 per cento, 10 punti percen-
tuali in pi rispetto alle aree non distrettuali; tav. 4).
Un pi recente sondaggio, condotto dalla Banca dItalia nellautunno del 2010,
mostra che vi una ripresa in atto, che coinvolge i distretti e le aree non distret-
tuali, ma che essa ancora debole e incera. Le imprese che hanno registrato
un incremento del fatturato nei primi nove mesi del 2010 superano quelle che
hanno accusato un calo, sia allinterno dei distretti, sia fuori di essi (il saldo tra
le risposte di circa il 20 per cento; tav. 6).
Al contempo, il sondaggio del 2010 porta ulteriori evidenze a sostegno del
fatto che la recessione abbia colpito pi duramente le imprese dei distretti. Nel
corso del 2010, infatti, le aziende che operano nei distretti hanno fatto un mag-
giore ricorso alla Cassa integrazione guadagni e, al contempo, hanno ridotto
il numero di addetti in misura pi marcata; anche lavvio di procedure di crisi
aziendale ha costituito una pratica pi ricorrente in ambito distrettuale (tav. 6).
La quota di imprese che prevede di chiudere lesercizio 2010 con un risultato
economico positivo inferiore nei distretti. Nei distretti, secondo le valutazioni
fornite dalle stesse imprese, appaiono per migliori le prospettive per la pro-
duzione industriale e le vendite nel breve termine; anche la quota delle aziende
che mirano a rilanciare i propri investimenti superiore a quella delle aziende
che ne prevedono un ridimensionamento.
Durante la fase pi acuta della crisi i prestiti alle imprese industriali erano di-
minuiti. Nel corso del 2010 si sono osservati segnali di miglioramento della
dinamica dei prestiti alle imprese, consolidatisi nella rilevazione di giugno (cfr.
Banca dItalia, Leconomia delle regioni italiane, novembre 2010). Landamento
rifette la debole ripresa della domanda di credito e, dal lato dellofferta, il ve-
nir meno, in tutte le aree territoriali, dellirrigidimento delle condizioni creditizie
rilevato nella fase pi acuta della crisi. Al Nord e al Centro la contrazione dei
fnanziamenti sui dodici mesi proseguita ma con minore intensit; nel Mez-
zogiorno, la modesta crescita registrata a fne 2009 si rafforzata. Tra i settori,
sono ancora diminuiti i prestiti allindustria, ma a un ritmo attenuato.
Nei distretti industriali i prestiti alle imprese hanno continuato a fettere (9,5 per
cento nel maggio 2010 sui dodici mesi; dati non corretti per le cartolarizzazio-
ni), mostrando un calo solo leggermente pi accentuato rispetto allindustria
Contributi
3.
91
3. Contributi
nel suo complesso (tav. 7). A livello settoriale, la dinamica fettente del credito
ha interessato soprattutto i settori della moda e della meccanica, meno lali-
mentare e i beni per la casa.
Dallavvio della crisi, la qualit del credito peggiorata in misura pi marcata
per le imprese distrettuali nel confronto con quelle non distrettuali. Mentre pri-
ma della crisi il tasso di ingresso in sofferenza aveva oscillato attorno all1,5-2
per cento sia nei distretti che fuori di essi, a partire dallultimo trimestre del
2008 il tasso di ingresso salito pi rapidamente per le imprese distrettuali ed
da allora rimasto su livelli pi elevati nel confronto con le aziende non distret-
tuali. Alla fne del 2009 ha raggiunto un picco del 4,4 per cento (contro il 3,0
delle aziende non distrettuali e il 3,7 per cento per il complesso dellindustria),
per poi fettere leggermente (tav. 8 e fg. 9). Come gi osservato (cfr. par. 3.3),
la pi elevata rischiosit dei prestiti alle imprese distrettuali rifette un effetto di
composizione settoriale e, in particolare, la circostanza che nei distretti sono
molto rappresentati i settori caratterizzati da maggiore rischiosit. A parit di
settore il tasso di decadimento dei prestiti nei distretti nel corso della crisi non
si differenzia in misura signifcativa da quello dei non distretti.
3.5 Conclusioni
Lanalisi condotta ha mostrato, da un lato, larresto dellespansione del modello
distrettuale nel territorio italiano e dallaltro la comparsa di sintomi di allenta-
mento dei legami di inter-dipendenza tra le imprese appartenenti alle agglome-
razioni e tra queste e leconomia dei territori di localizzazione. possibile che
tali sintomi rappresentino il tratto fenomenico di pi profondi cambiamenti in
atto nella struttura dei distretti e che tali cambiamenti siano anche il tentativo di
reazione che i distretti hanno messo in atto nei confronti di un mutato scenario
competitivo. Infatti, i fenomeni rilevati si presentano con intensit e forme diver-
se non solo tra i settori di specializzazione ma anche, allinterno di questi, tra i
singoli cluster. Forse, in reazione allaccresciuta tensione competitiva, strategie
e comportamenti rilevati in una fase che ancora di transizione, faticano a tro-
vare un equilibrio comune o una migliore pratica da imitare.
92
Contributi
3.
Come la vasta letteratura in materia ha pi volte rilevato, la struttura dei distretti
o di altre tipologie di agglomerazioni industriali presenta molteplici peculiarit,
la gran parte delle quali riferibili alla forza delle connessioni che legano la po-
polazione di un ristretto numero di comuni alle imprese ivi localizzate. Il parti-
colare clima sociale prodotto da tali connessioni pu condurre a funzionamenti
dei mercati rilevanti (della fornitura di beni e servizi, del lavoro, del credito) pi
effcienti, ad esempio, sotto il proflo del contenimento dei costi di transazione.
A tali peculiarit di struttura si possono perci associare performance delle im-
prese differenti e solitamente pi elevate della media a parit di settore e classe
dimensionale: questo il cosiddetto effetto distretto.
Per tale motivo, ogni potenziale allentamento del carattere di localismo delle
produzioni distrettuali viene spesso avvertito come minaccia alle fonti di com-
petitivit dei distretti. In questo decennio, molta evidenza aneddotica ha messo
in luce la possibilit che fenomeni come la delocalizzazione, la de-specializ-
zazione produttiva, la riduzione nel numero di piccole imprese, perfno laffer-
marsi delle nuove tecnologie delle comunicazioni, abbiano in qualche misura
depotenziato il legame tre imprese e territori di localizzazione e pertanto leffet-
to distretto. possibile che tali fenomeni richiedano tempi non brevissimi per
esplicare i loro effetti in sistemi locali le cui capacit competitive si sono affnate
in molti decenni di apprendimento.
Ci nonostante, in questo lavoro abbiamo mostrato che nellultimo decennio vi
stato un indebolimento delleffetto distretto. Le evidenze statistiche tratte dai
dati di bilancio mostrano, con discreta robustezza, una progressiva diminuzione
(tra il 1993 e il 2008) del premium di redditivit e produttivit di cui benefcereb-
bero le imprese distrettuali. Lintensit di questa diminuzione nella parte fnale
del periodo stata cos elevata da annullare completamente il vantaggio rile-
vato nella parte iniziale. Allo stesso modo, nel corso della recessione avviatasi
nel 2008, le evidenze tratte da sondaggi congiunturali e le statistiche sul rischio
di credito mettono in evidenza una perfomance inferiore nei distretti rispetto al
resto dellindustria italiana. Giunte alla vigilia della crisi prive dello scudo dellef-
fetto distretto, le imprese distrettuali sembrano essere risultate maggiormente
esposte alla recessione, soprattutto per un effetto di composizione settoriale.
Lattuale crisi fnanziaria ed economica ha colpito le imprese italiane, a inizia-
re da quelle distrettuali, in una fase di trasformazione. La varianza dei risultati
aziendali, gi elevata nella prima parte del decennio, probabilmente aumen-
93
3. Contributi
tata; cos anche i divari di performance tra i singoli sistemi distrettuali. Men-
tre leffetto distretto era sottoposto a un processo di progressiva erosione, le
imprese distrettuali non rimanevano per inerti, partecipando al processo di
trasformazione in atto nel sistema industriale italiano. E partecipandovi, anzi, in
maniera pi accentuata: in base a unindagine che la Banca dItalia ha condotto
nel 2007, nel periodo 2000-06 circa il 60 per cento delle imprese distrettuali ha
cambiato strategia - innovando, internazionalizzandosi o rafforzando i propri
marchi -, una percentuale di circa dieci punti pi elevata rispetto ai non distretti.
Tuttavia, ancora presto per dire se a questa trasformazione si stia associando
una virtuosa selezione competitiva tra i territori e se il modello distrettuale sar
ancora una volta in grado di riprodurre, al suo interno, condizioni di competitivi-
t che tanto hanno giovato in passato alleconomia del Paese.
3.6 Bibliografa
AIP, a cura di, (2008), Reti dimpresa oltre i distretti: nuove forme di organizzazio-
ne produttiva, di coordinamento e di assetto giuridico, Milano: Il Sole 24 Ore.
Banca dItalia (2010), Leconomia delle regioni italiane (ottobre 2010), Roma.
Becattini G. (1979), Dal settore industriale al distretto industriale. Alcune
considerazioni sullunit dindagine delleconomia industriale, in Rivista di Eco-
nomia e Politica industriale , vol. 5, n. 1, pp. 7-21.
Becattini G. e Rullani E. (1993), Sistema locale e mercato globale, in Economia
e Politica industriale, vol. 80.
Boix (2008) Los distritos industriales en la Europa mediterranea.Los mapas de
Italia y Espana, in Vicent Soler i Marco (a cura di) Los Distritos Industriales,
Fundacin Cajamar.
Brandolini A. e M. Bugamelli, a cura di, (2009), Rapporto sulle tendenze nel siste-
ma produttivo italiano, Banca dItalia, Questioni di economia e fnanza, n. 45.
Brusco S. (1987), Piccole imprese e distretti industriali: una raccolta di saggi,
Rosenberg & Sellier, Torino.
94
Contributi
3.
Brusco S. e Paba S. (1997), Per una storia dei distretti industriali italiani dal
secondo dopoguerra agli anni novanta, in Barca .F. (a cura di), 1997, Storia del
capitalismo italiano dal dopoguerra ad oggi, Donzelli, Roma.
Cafaggi F. e P. Iamiceli (2007), Reti di imprese tra crescita e innovazione organiz-
zativa, Bologna: il Mulino.
Cirese A., Micucci G., Montanaro P. e Olori B. (2007), Lindustria calzaturiera
marchigiana di fronte alla pressione competitiva dei paesi emergenti: le mosse
strategiche, in Economia Marche. Review of Regional Studies, Fondazione
Merloni, Vol. XXVI, n. 2, pp. 91-112.
Constantin F. , de Giusti G. e Tattara G. (2006), Il decentramento produttivo in
Romania in tre distretti del Nord-Est, in Studi sullEconomia Veneta, Universit
Ca Foscari, N. 05/EV/2006, Venezia.
Cor G. e Rullani E. (a cura di) (1998) Percorsi locali di internazionalizzazione.
Competenze e auto-organizzazione nei distretti industriali del Nord Est, Franco
Angeli, Milano.
Cor G. e Grandinetti R. (1999) Strategie di delocalizzazione e processi evolutivi
nei distretti industriali italiani, Lindustria, n.4.
De Arcangelis G. e Ferri G. (2004) La specializzazione dei distretti: dai beni fnali
ai macchinari del made in Italy?, in Banca dItalia, Economie locali, modelli di
aggregazione e apertura internazionale, Roma, Banca dItalia, pp. 515-37.
De Cecco M. (2000) Leconomia di Lucignolo, Roma, Donzelli.
Di Giacinto V. e Pagnini M. (2008) Agglomeration Within And Between Regions:
Two Econometric Based Indicators, Banca dItalia, Temi di discussione, n. 674,
giugno 2008.
Dumais G., Ellison G. e Glaeser E.L. (2002) Geographic Concentration as a
Dynamic Process The Review of Economics and Statistics vol. LXXXIV Num.2
193-204.
Duranton G. e Overman.H. (2002), Testing for Localisation Using Micro-Geo-
graphic Data, CEPR Discussion Paper, n. 3379.
Ellison G. e Glaeser E.L. (1997), Geographic Concentration in U.S. Manufactu-
ring Industries: A Dartboard Approach, Journal of Political Economy, n. 105.
95
3. Contributi
Fabiani S., Pellegrini G., Romagnano E. e Signorini L.F. (2000), Leffcienza delle
imprese nei distretti industriali italiani, in Signorini L.F. (a cura di), 2000 Lo svi-
luppo locale Donzelli, Roma.
Foresti G., Guelpa F. e Trenti S. (2009), Effetto distretto: esiste ancora?, Intesa
Sanpaolo, Collana Ricerche, n. R09-01, 2009.
Gianelle C. e Tattara G. (2006), Produrre allestero e fare proftti in patria: uno
studio sulle imprese venete dellabbigliamento e delle calzature, in Studi sul-
lEconomia Veneta, Universit Ca Foscari, n.. 04/EV/2006, Venezia.
Graziani G., (1998). Globalization of Production in the Textile and Clothing In-
dustry: the case of the Italian FDI and outward processing traffc with Eastern
Europe, in John Zysman and Andrew Schwartz, eds., Enlarging Europe: the In-
dustrial Foundations of a New Political Reality, Berkeley: International and Area
Studies, 1998
Iuzzolino G. (2005), Le agglomerazioni territoriali di imprese nellindustria italia-
na, in Signorini, L.F. e Omiccioli, M. (a cura di) Economie locali e competizione
globale Il Mulino, Bologna.
Iuzzolino G. (2008), Segnali di discontinuit nelleconomia dei distretti: evidenze
statistiche dopo il 2001, in AIP (Associazione Italiana delle Produzione) Reti di
imprese oltre i distretti Il Sole 24 Ore, Milano.
Iuzzolino G. e Menon C. (2010) ), Le agglomerazioni industriali del Nord Est:
segnali di discontinuit negli anni duemila, mimeo.
Mariotti I., Micucci G., Montanaro P. (2004), Linternazionalizzazione nei distretti
industriali: unanalisi su microdati di impresa, in Bollino A. e L. Diappi (a cura
di), Innovazioni metodologiche nelle Scienze Regionali. N. 36 collana AISRe- F.
Angeli, Milano.
Mariotti S., Mutinelli M. e Piscitello L. (2006), Eterogeneit e internazionalizza-
zione produttiva dei distretti industriali italiani, Lindustria, n. 1, gennaio-marzo
2006.
Murat M. e Paba S. (2005), I distretti industriali tra globalizzazione e riorganiz-
zazione, in AAVV. Cambiamenti produttivi e politiche per lo sviluppo locale nel-
lItalia mediana
Prota F. e Viesti G. (2007), La delocalizzazione internazionale del made in Italy,
Lindustria, n. 3.
96
Contributi
3.
3.7 Tavole e fgure
TAVOLE E FIGURE
Tav. 1
ADDETTI MANIFATTURIERI NEI SISTEMI LOCALI DEL LAVORO E NEI DISTRETTI
INDUSTRIALI PER REGIONE E RIPARTIZIONE GEOGRAFICA
(valori assoluti e variazioni percentuali)
o r o v a l l e d i l a c o l i m e t s i s i r t l A i l a i r t s u d n i i t t e r t s i D
i r e i r u t t a f i n a m i t t e d d A i r e i r u t t a f i n a m i t t e d d A
REGIONI E RIPARTIZIONI
GEOGRAFICHE
Numero
2001 var. 2001-06
Numero
2001 var. 2001-06
Nord-ovest 39 799.361 -8,0 75 1.027.594 -10,6
2 6 6 . 7 7 6 1 - - a i r u g i L -3,5
9 1 3 . 6 1 1 2 1 e t n o m e i P -12,9 25 397.451 -9,7
5 6 0 . 7 3 - - a t s o A ' d e l l a V -14,0
2 4 0 . 3 8 6 7 2 a i d r a b m o L -7,2 31 545.416 -12,1
Nord-est 42 654.749 -5,4 77 752.836 -5,1
Trentino-Alto Adige 4 14.464 -11,4 29 59.475 -3,1
5 4 0 . 5 8 3 2 2 o t e n e V -6,8 12 274.721 -7,4
Friuli-Venezia Giulia 3 50.746 -3,3 8 85.912 -6,3
4 9 4 . 4 0 2 3 1 a n g a m o R - a i l i m E -3,1 28 332.728 -3,2
Centro 49 383.566 -9,6 79 484.454 -4,4
2 7 4 . 9 7 1 5 1 a n a c s o T -11,8 38 196.848 -9,0
1 0 9 . 2 2 5 a i r b m U -1,9 12 52.873 -5,4
2 9 3 . 1 7 1 7 2 e h c r a M -8,4 6 44.149 0,0
1 0 8 . 9 2 o i z a L -8,7 23 190.584 -0,5
Mezzogiorno 26 90.379 -4,4 299 702.919 -2,3
7 9 3 . 1 3 6 o z z u r b A 21,0 13 77.624 -5,5
1 3 5 . 1 2 e s i l o M -25,7 7 17.853 -10,6
5 9 3 . 0 1 6 a i n a p m a C -22,4 48 212.053 -3,0
3 4 5 . 2 4 8 a i l g u P -17,6 36 152.326 -6,9
7 2 6 . 2 1 a t a c i l i s a B -10,2 18 30.265 -0,3
3 9 1 . 0 4 8 5 - - a i r b a l a C 1,6
4 9 9 2 a i l i c i S -0,7 75 118.589 4,5
2 9 8 1 a n g e d r a S -7,8 44 54.016 1,3
5 5 0 . 8 2 9 . 1 6 5 1 A I L A T I -7,3 530 2.967.803 -6,2
Fonte: elaborazioni su dati Istat. Dati riferiti agli addetti alle unit locali delle imprese.
ADDETTI MANIFATTURIERI NEI SISTEMI LOCALI DEL LAVORO E NEI DISTRETTI
INDUSTRIALI PER REGIONE E RIPARTIZIONE GEOGRAFICA
(valori assoluti e variazioni percentuali)
Tavola 1
97
3. Contributi
23
Tav. 2
AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI DEL 2001: CARATTERISTICHE STRUTTURALI (1)
(medie dei periodi indicati; valori percentuali)
Grado di specializzazione delle
agglomerazioni (2)
Quota di fatturato nelle imprese
medio-piccole (3)
Quota di fatturato nelle imprese
grandi (4)
Area Geografica
1993-96 1997-00 2001-04
2005-08
1993-96 1997-00 2001-04 2005-08 1993-96 1997-00 2001-04 2005-08
Nord Est 44,5 41,8 40,1 39,7 29,0 27,6 27,0 26,2 39,0 41,4 42,1 44,5
Alimentari 49,2 42,0 40,3 39,3 10,9 11,4 11,2 10,7 72,4 70,9 68,4 68,3
Tessile-abbigliamento 20,7 18,4 16,1 14,1 29,6 27,0 27,1 26,5 42,4 48,8 49,6 49,8
Cuoio e calzature 44,5 44,0 41,4 39,6 29,3 25,6 25,1 27,5 21,8 29,3 32,2 38,2
Minerali non metalliferi 28,2 26,1 23,0 23,0 22,1 19,2 18,8 18,4 43,2 46,6 47,5 52,2
Legno e mobilio 29,7 28,6 26,6 26,3 42,8 42,7 40,7 37,8 18,9 18,5 21,2 24,1
Meccanica 32,1 32,8 33,4 35,4 32,6 30,3 28,9 26,9 36,7 41,0 42,5 46,1
Altro (5) 15,1 13,5 11,0 9,1 34,0 29,2 30,3 36,2 24,1 29,9 25,5 19,6
Nord Ovest 45,1 44,2 44,3 44,1 17,4 16,2 15,7 15,3 62,3 64,4 64,7 66,0
Tessile-abbigliamento 33,5 31,0 26,6 23,0 37,2 34,5 32,0 33,5 21,8 26,5 29,7 29,0
Cuoio e calzature 20,7 20,0 19,2 15,7 50,6 56,3 54,5 55,3 . . 1,9 .
Legno e mobilio 23,9 24,3 25,3 27,3 47,3 41,8 40,0 38,0 24,1 26,0 25,6 26,6
Meccanica 38,7 41,4 41,6 41,5 29,0 25,8 25,9 26,1 39,5 45,1 44,5 44,0
Mezzi di trasporto 59,8 59,5 59,7 62,3 1,5 1,2 1,1 1,0 94,9 95,2 95,8 96,8
Petrolchimica 28,2 25,1 24,9 24,9 3,9 3,7 3,3 3,1 84,2 85,6 85,7 86,5
Altro (5) 11,0 10,3 11,1 11,3 30,6 29,1 26,2 25,1 43,0 43,4 45,8 48,8
Centro 53,7 51,3 49,4 46,4 42,8 40,2 38,3 37,3 23,9 28,4 33,9 36,7
Tessile-abbigliamento 33,4 30,5 25,8 22,9 54,8 51,6 53,8 55,0 4,1 6,5 5,9 10,2
Cuoio e calzature 44,4 42,1 37,9 32,9 52,5 52,9 55,0 54,1 3,6 5,5 9,4 16,2
Minerali non metalliferi 44,5 41,3 39,7 36,8 44,5 40,5 35,5 32,7 27,8 27,7 40,4 43,1
Legno e mobilio 30,5 27,7 28,1 27,1 61,1 57,6 51,8 49,3 10,7 17,4 20,8 19,7
Meccanica 66,2 68,1 70,8 66,1 7,6 8,3 8,0 8,3 75,8 82,0 83,8 82,5
Mezzi di trasporto 63,6 62,4 61,7 68,3 26,1 36,2 46,3 38,3 52,2 26,0 19,8 33,8
Petrolchimica 34,3 36,2 44,1 50,7 5,8 5,0 4,0 4,2 77,6 82,4 84,2 89,0
Altro (5) 26,9 26,8 27,5 25,2 28,5 27,9 26,4 25,3 46,2 47,7 49,5 48,0
Fonte: elaborazioni su dati Centrale dei Bilanci e Cerved. I dati fanno riferimento alla media dei dati aziendali dei periodi considerati e sono
calcolati su campioni aperti di imprese. (1) I valori del fatturato sono deflazionati sulla base di indici di prezzo alla produzione calcolati per ogni
comparto produttivo a livello di codice ATECO a 3 cifre.
(2) Fatturato del settore di specializzazione sul totale del fatturato manifatturiero nei comuni dell'agglomerazione.
(3) Imprese con meno di 10 milioni di fatturato. (4) Imprese con almeno di 50 milioni di fatturato.
(5) Carta e editoria; gioielli, gomma e plastica.
AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI DEL 2001: CARATTERISTICHE STRUTTURALI (1)
(medie dei periodi indicati; valori percentuali)
Tavola 2
98
Contributi
3.
24
Tav. 3
AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI DEL 2001:
TASSI DI CRESCITA MEDI ANNUI DEL FATTURATO (1)
(variazioni percentuali)
o t n e m a i l g i b b A - e l i s s e T i r a t n e m i l A
Dimensioni
iniziali delle
imprese
1993-96 1997-00 2001-04 2005-2008
Dimensioni
iniziali delle
imprese
1993-96 1997-00 2001-04 2005-2008
"piccole" (1) 15,7 7,9 7,3 3,8 "piccole" (1) 4,9 4,3 -4,6 -2,1
"grandi" (2) 11,5 2,6 0,7 5,1 "grandi" (2) 2,4 6,2 -5,2 -0,2
o i l i b o M e o n g e L e r u t a z l a C - o i o u C
Dimensioni
iniziali delle
imprese
1993-96 1997-00 2001-04 2005-2008
Dimensioni
iniziali delle
imprese
1993-96 1997-00 2001-04 2005-2008
"piccole" (1) 13,9 5,2 0,7 -1,3 "piccole" (1) 9,0 5,5 0,3 3,2
"grandi" (2) 2,8 1,3 3,0 1,1 "grandi" (2) 5,4 1,5 5,2 2,6
a c i n a c c e M i r e f i l l a t e m n o n i l a r e n i M
Dimensioni
iniziali delle
imprese
1993-96 1997-00 2001-04 2005-2008
Dimensioni
iniziali delle
imprese
1993-96 1997-00 2001-04 2005-2008
"piccole" (1) 7,5 4,7 0,2 0,0 "piccole" (1) 25,2 9,5 3,8 5,1
"grandi" (2) 4,3 5,5 2,7 0,3 "grandi" (2) 12,8 4,4 4,2 5,3
Fonte: elaborazioni su dati Centrale dei Bilanci e Cerved. Campioni chiusi di imprese allinterno dei periodo considerati.
(1) I valori del fatturato sono deflazionati sulla base di indici di prezzo alla produzione calcolati per ogni comparto produttivo a livello di codice
ATECO a 3 cifre.
(1) Imprese con meno di 10 milioni di fatturato allinizio dei periodi considerati.
(2) Imprese con almeno di 50 milioni di fatturato allinizio dei periodi considerati.
AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI DEL 2001:
TASSI DI CRESCITA MEDI ANNUI DEL FATTURATO (1)
(variazioni percentuali)
Tavola 3
99
3. Contributi
25
Tav. 4
Principali risultati del sondaggio congiunturale dellautunno 2009 presso le imprese industriali,
per settore e appartenenza a un distretto industriale (1)
(saldi percentuali tra le modalit di risposta in aumento e in calo e valori percentuali)
a i g o l o p i T i r o t t e S
VOCI
A
l
i
m
e
n
t
a
r
i

B
e
n
i

p
e
r

l
a

c
a
s
a

M
e
c
c
a
n
i
c
a

P
e
l
l
i
,

c
u
o
i
o

e

c
a
l
z
a
t
u
r
e

P
r
o
d
o
t
t
i

i
n

g
o
m
m
a

e

p
l
a
s
t
i
c
a

T
e
s
s
i
l
e

e

a
b
b
i
g
l
i
a
m
e
n
t
o

O
r
e
f
i
c
e
r
i
a

e

s
t
r
u
m
.

m
u
s
i
c
a
l
i

-

C
a
r
t
.

e

p
o
l
i
g
r
a
f
.

A
l
t
r
o

D
i
s
t
r
e
t
t
u
a
l
i

(
2
)

N
o
n

d
i
s
t
r
e
t
t
u
a
l
i


Spesa per investimenti nel 2009
rispetto a quella programmata a fine
2008 -0,7 -34,1 -32,2 -17,1 -22,0 -26,5 -17,3 -23,3 -30,0 -21,2
Spesa per investimenti programmata
9 , 3 - 6 , 6 - 9 , 0 - 1 , 5 - 8 , 1 1 - 3 , 3 7 , 2 2 - 5 , 8 - 0 , 7 - 0 , 5 0 1 0 2 l i r e p
Evoluzione del quadro congiunturale
nei prossimi 6 mesi (3) 11,4 -9,9 -5,2 -8,0 4,3 -10,2 0,6 -2,2 -9,9 1,3
Variazione fatturato nei primi tre
trimestri 2009 rispetto allo stesso
0 , 8 6 - 7 , 3 1 - 8 0 0 2 l e d o d o i r e p -58,8 -73,9 -46,1 -66,1 -59,0 -40,4 -69,3 -42,7
Vendite previste a marzo 2010
rispetto a settembre 2009 23,3 0,8 5,4 4,6 17,1 5,3 7,1 8,5 3,5 11,6
Andamento domanda linee di credito
e prestiti bancari (escluse oscillazioni
1 , 7 1 5 , 3 1 4 , 6 1 9 , 7 ) i l a n o i g a t s 9,9 11,8 5,8 10,7 10,9 12,4
Inasprimento condizioni complessive
di indebitamento negli ultimi 6 mesi (4) 29,3 41,2 33,0 37,5 31,9 43,3 34,6 35,7 38,3 33,3
Ritardo dei pagamenti da parte dei
clienti nelle transazioni commerciali
tra gennaio e giugno 50,1 70,6 56,9 56,8 44,7 62,5 51,3 53,0 64,5 52,3

Fonte: Banca dItalia, Sondaggio congiunturale sulle imprese industriali.
(1) Sondaggio condotto mediante interviste telefoniche. Risposte non ponderate. Campione composto da imprese dellindustria in senso stretto con almeno 20 addetti.
Numerosit campionaria per settore o tipologia: Alimentari (403, di cui 53 distrettuali), Beni per la casa (384, di cui 172 distr.), Meccanica (898, di cui 367 distr.), Pelli,
cuoio e calzature (88, di cui 53 distr.), Prodotti in gomma e plastica (304, di cui 24 distr.), Tessile e abbigliamento (245, di cui 189 distr.), Oreficeria e strumenti musicali
Cartotecniche e poligrafiche (156, di cui 32 distr.), Altro (317, tutte non distrettuali); Imprese distrettuali (890), Imprese non distrettuali (1.905). (2) Imprese con sede
in una provincia in cui vi sono comuni appartenenti a sistemi locali del lavoro definiti dallIstat come distretti in quel settore di specializzazione. (3) in calo =
recessione; stabile = stagnazione; in aumento = espansione. (4) Valori percentuali della modalit di risposta Si.
Tavola 4
100
Contributi
3.
26
Tav. 5
Principali risultati del sondaggio congiunturale dellautunno 2009 presso le imprese industriali,
per settore e appartenenza a un distretto industriale (1)
(saldi percentuali tra le modalit di risposta in aumento e in calo e valori percentuali)
Settori
VOCI
A
l
i
m
e
n
t
a
r
i

B
e
n
i

p
e
r

l
a

c
a
s
a

M
e
c
c
a
n
i
c
a

P
e
l
l
i
,

c
u
o
i
o

e

c
a
l
z
a
t
u
r
e

P
r
o
d
o
t
t
i

i
n

g
o
m
m
a

e

p
l
a
s
t
i
c
a

T
e
s
s
i
l
e

e

a
b
b
i
g
l
i
a
m
e
n
t
o

O
r
e
f
i
c
e
r
i
a

e

s
t
r
u
m
.

m
u
s
i
c
a
l
i

-

C
a
r
t
.

e

p
o
l
i
g
r
a
f
.

Imprese distrettuali (2)
Spesa per investimenti nel 2009 rispetto a quella programmata a
0 , 6 3 - 9 , 4 3 - 0 , 0 8 0 0 2 e n i f -22,7 -41,7 -27,0 -6,3
Spesa per investimenti programmata per il 2010 3 , 6 - 8 , 3 1 - 3 , 8 9 , 8 1 - 1 , 4 - 1 , 8 - 3 , 1 1
Evoluzione del quadro congiunturale nei prossimi 6 mesi (3) 7,6 -20,9 -10,9 5,7 8,3 -11,6 3,1
Variazione fatturato nei primi tre trimestri 2009 rispetto allo stesso
- 2 , 6 7 - 7 , 7 3 - 8 0 0 2 l e d o d o i r e p 73,0 -71,7 -62,5 -68,3 -50,0
Vendite previste a marzo 2010 rispetto a settembre 2009 18,9 -4,1 2,7 1,9 33,3 3,7 6,3
Andamento domanda linee di credito e prestiti bancari (escluse
oscillazioni stagionali) 17,0 14,5 11,2 7,6 16,7 8,5 -6,3
Inasprimento condizioni complessive di indebitamento negli ultimi 6
5 , 7 3 8 , 1 4 5 , 2 6 0 , 4 3 5 , 3 3 5 , 6 4 4 , 6 2 ) 4 ( i s e m
Ritardo dei pagamenti da parte dei clienti nelle transazioni
, 4 5 o n g u i g e o i a n n e g a r t i l a i c r e m m o c 7 79,7 60,8 64,2 62,5 62,4 56,3
Imprese non distrettuali
Spesa per investimenti nel 2009 rispetto a quella programmata a
fine 2008 -0,9 -33,5 -29,6 -8,6 -20,4 -25,0 -20,2
Spesa per investimenti programmata per il 2010 8 , 4 - 4 , 5 - 9 , 2 6 , 8 2 - 5 , 1 1 - 1 , 6 - 0 , 4
Evoluzione del quadro congiunturale nei prossimi 6 mesi (3) 12,0 -0,9 -1,3 -28,6 3,9 -5,4 0,0
Variazione fatturato nei primi tre trimestri 2009 rispetto allo stesso
- 3 , 1 6 - 0 , 0 1 - 8 0 0 2 l e d o d o i r e p 49,0 -77,1 -44,6 -58,9 -61,3
Vendite previste a marzo 2010 rispetto a settembre 2009 24,0 4,7 7,2 8,6 15,7 10,7 7,3
Andamento domanda linee di credito e prestiti bancari (escluse
6 , 6 ) i l a n o i g a t s i n o i z a l l i c s o 17,9 15,1 31,4 9,3 23,2 8,9
Inasprimento condizioni complessive di indebitamento negli ultimi 6
9 , 3 3 2 , 8 4 3 , 9 2 9 , 2 4 6 , 2 3 8 , 6 3 7 , 9 2 ) 4 ( i s e m
Ritardo dei pagamenti da parte dei clienti nelle transazioni
, 9 4 o n g u i g e o i a n n e g a r t i l a i c r e m m o c 4 63,2 54,2 45,7 43,2 62,5 50,0

Fonte: Banca dItalia, Sondaggio congiunturale sulle imprese industriali.
(1) Sondaggio condotto mediante interviste telefoniche. Risposte non ponderate. Campione composto da imprese dellindustria in senso stretto con almeno 20 addetti.
Numerosit campionaria per settore o tipologia: Alimentari (403, di cui 53 distrettuali), Beni per la casa (384, di cui 172 distr.), Meccanica (898, di cui 367 distr.), Pelli,
cuoio e calzature (88, di cui 53 distr.), Prodotti in gomma e plastica (304, di cui 24 distr.), Tessile e abbigliamento (245, di cui 189 distr.), Oreficeria e strumenti musicali
Cartotecniche e poligrafiche (156, di cui 32 distr.), Altro (317, tutte non distrettuali); Imprese distrettuali (890), Imprese non distrettuali (1.905). (2) Imprese con sede
in una provincia in cui vi sono comuni appartenenti a sistemi locali del lavoro definiti dallIstat come distretti in quel settore di specializzazione. (3) in calo =
recessione; stabile = stagnazione; in aumento = espansione. (4) Valori percentuali della modalit di risposta Si.
Tavola 5
101
3. Contributi
27
Tav. 6
Principali risultati del sondaggio congiunturale dellautunno 2010 presso le imprese industriali
per settore e appartenenza a un distretto industriale (1)
(saldi percentuali tra le modalit di risposta in aumento e in calo e valori percentuali)
a i g o l o p i T i r o t t e S
VOCI
A
l
i
m
e
n
t
a
r
i

B
e
n
i

p
e
r

l
a

c
a
s
a

M
e
c
c
a
n
i
c
a

P
e
l
l
i
,

c
u
o
i
o

e

c
a
l
z
a
t
u
r
e

P
r
o
d
o
t
t
i

i
n

g
o
m
m
a

e

p
l
a
s
t
i
c
a

T
e
s
s
i
l
e

e

a
b
b
i
g
l
i
a
m
e
n
t
o

O
r
e
f
i
c
e
r
i
a

e

s
t
r
u
m
.

m
u
s
i
c
a
l
i

-

C
a
r
t
.

e

p
o
l
i
g
r
a
f
.

A
l
t
r
o

D
i
s
t
r
e
t
t
u
a
l
i

(
2
)

N
o
n

d
i
s
t
r
e
t
t
u
a
l
i


Variazione fatturato nei primi tre
trimestri 2010 rispetto allo stesso
periodo del 2009 16,7 -6,8 20,3 33,1 42,1 10,5 11,3 36,1 18,4 19,3
Vendite previste a marzo 2011
rispetto a settembre 2010 38,6 31,2 32,9 53,1 32,0 19,9 14,8 32,8 35,2 28,0
Spesa per investimenti nel 2010
rispetto a quella programmata a fine
0 , 5 - 1 , 2 5 , 1 1 - 1 , 9 5 , 3 - 4 , 8 2 , 3 - 7 , 2 - 7 , 2 - 1 , 5 - 9 0 0 2
Livello medio delloccupazione del
- 3 , 2 1 - 4 , 4 2 - 3 , 0 - 9 0 0 2 l a o t t e p s i r 0 1 0 2 15,6 -0,2 -22,0 -21,7 -8,6 -16,6 -10,7
Richiesta di CIG nel 2010 (3) 12,1 46,7 40,4 47,9 27,9 53,1 36,5 31,1 45,0 33,5
Procedura di crisi aziendale avviata
, 8 1 , 5 2 , 2 ) 3 ( 0 1 0 2 l e d o s r o c l e n 1 4,8 3,4 12,6 10,4 9,0 10,2 5,4
Previsione di chiusura in utile
dellesercizio 2010 (al netto delle
, 1 6 6 , 0 6 6 , 3 5 9 , 5 6 ) 3 ( ) e t s o p m i 1 71,2 52,7 42,5 63,4 56,7 61,2
Andamento previsto per la produzione
nel I trim. del 2011 rispetto al IV trim.
3 , 8 1 0 , 8 2 4 , 3 2 3 , 4 2 0 1 0 2 l e d 21,6 16,7 6,2 23,9 25,6 21,2
Difficolt dichiarata per leventuale
sostituzione del principale
, 2 9 3 , 5 7 3 , 6 6 3 , 0 7 ) 3 ( e t n e t t i m m o c 6 81,8 79,9 62,9 69,7 74,2 75,4
Andamento domanda linee di credito
e prestiti bancari negli ultimi 6 mesi
(escluse oscillazioni stagionali) 8,5 10,5 13,0 4,9 8,8 13,2 8,0 5,1 10,5 10,6
Inasprimento condizioni complessive
di indebitamento negli ultimi 6 mesi
, 2 2 9 , 2 2 5 , 0 2 0 , 2 3 3 , 4 2 ) 3 ( 6 26,0 23,8 23,8 23,9 23,7

Fonte: Banca dItalia, Sondaggio congiunturale sulle imprese industriali.
(1) Numerosit campionaria per settore o tipologia: Alimentari (438, di cui 57
distrettuali), Beni per la casa (390, di cui 195 distr.), Meccanica (931, di cui 408 distr.), Pelli, cuoio e calzature (93, di cui 60 distr.), Prodotti in gomma e plastica (328, di
cui 29 distr.), Tessile e abbigliamento (242, di cui 195 distr.), Oreficeria e strumenti musicali Cartotecniche e poligrafiche (172, di cui 30 distr.), Altro (368, tutte non
distrettuali); Imprese distrettuali (974), Imprese non distrettuali (1.988).
(2) Imprese con sede in una provincia in cui vi sono comuni appartenenti a sistemi locali del lavoro definiti dallIstat come
distretti in quel settore di specializzazione. (3) Valori percentuali della modalit di risposta Si.
Tavola 6
102
Contributi
3.
28
Tav. 7
Prestiti bancari alle imprese nei principali comparti industriali (1)
(variazioni percentuali sui dodici mesi)
0 1 0 2 o i g g a M 9 0 0 2 e r b m e c i D 8 0 0 2 e r b m e c i D 7 0 0 2 e r b m e c i D E H C N A R B

Italia (totale industria)

1 , 4 - 5 , 5 - 8 , 2 2 , 6 i r a t n e m i l A
0 , 5 1 - 6 , 5 1 - 3 , 0 - 0 , 5 o t n e m a i l g i b b a e e l i s s e T
8 , 7 - 8 , 3 1 - 8 , 3 - 0 , 4 e r u t a z l a c e o i o u c , i l l e P
6 , 5 - 1 , 5 - 9 , 4 8 , 7 a s a c a l r e p i n e B
Oreficeria e strumenti musicali, cartotecnica e poligrafica -0,1 -2,0 -5,6 -5,3
8 , 5 - 9 , 9 - 3 , 4 5 , 6 a c i t s a l p e a m m o g n i i t t o d o r P
2 , 9 - 0 , 0 1 - 8 , 4 4 , 9 a c i n a c c e M
7 , 0 1 - 9 , 4 1 - 4 , 3 1 9 , 6 i r o t t e s i r t l A
1 , 8 - 6 , 9 - 2 , 4 8 , 6 e l a t o T

Distretti industriali (2)
8 , 3 - 1 , 2 - 5 , 1 7 , 4 1 i r a t n e m i l A
6 , 6 1 - 5 , 7 1 - 3 , 0 - 8 , 5 o t n e m a i l g i b b a e e l i s s e T
6 , 9 - 6 , 7 1 - 9 , 2 - 0 , 4 e r u t a z l a c e o i o u c , i l l e P
1 , 4 - 6 , 3 - 1 , 2 8 , 5 a s a c a l r e p i n e B
Oreficeria e strumenti musicali, cartotecnica e poligrafica 30,0 -4,1 -1,9 2,3
6 , 7 - 8 , 8 - 9 , 0 2 0 , 8 a c i t s a l p e a m m o g n i i t t o d o r P
9 , 0 1 - 0 , 1 1 - 7 , 3 5 , 8 a c i n a c c e M
5 , 9 - 0 , 0 1 - 5 , 2 4 , 8 e l a t o T

Fonte: Banca dItalia.
(1) Dati di fine periodo riferiti alla residenza della controparte. I dati non sono corretti per le cartolarizzazioni. Le imprese includono le societ non finanziarie e le
famiglie produttrici. Le informazioni per branca di attivit economica relative a giugno non sono disponibili per effetto dellintroduzione nelle segnalazioni statistiche
di vigilanza della classificazione Ateco 2007. (2) Imprese con sede in una provincia in cui vi sono comuni appartenenti a sistemi locali del lavoro definiti dallIstat
come distretti in quel settore di specializzazione.
Tavola 7
103
3. Contributi
29
Tav. 8
Flusso di nuove sofferenze delle imprese nei principali comparti industriali (1)
(dati riferiti ai 12 mesi che terminano nel periodo indicato, in percentuale dei prestiti)
0 1 0 2 o z r a M 9 0 0 2 e r b m e c i D 8 0 0 2 e r b m e c i D 7 0 0 2 e r b m e c i D E H C N A R B
Italia (totale industria)

9 , 1 8 , 1 8 , 1 5 , 1 i r a t n e m i l A
6 , 6 1 , 7 6 , 4 2 , 2 o t n e m a i l g i b b a e e l i s s e T
2 , 7 5 , 7 9 , 3 1 , 3 e r u t a z l a c e o i o u c , i l l e P
0 , 3 8 , 2 0 , 2 7 , 1 a s a c a l r e p i n e B
Oreficeria e strumenti musicali, cartotecnica e poligrafica 1,7 3,4 3,0 3,0
8 , 2 5 , 2 3 , 1 7 , 0 a c i t s a l p e a m m o g n i i t t o d o r P
2 , 4 3 , 4 1 , 2 5 , 1 a c i n a c c e M
3 , 3 1 , 3 2 , 1 8 , 1 i r o t t e s i r t l A
7 , 3 7 , 3 2 , 2 6 , 1 e l a t o T

Distretti industriali (2)
9 , 0 6 , 0 9 , 0 9 , 0 i r a t n e m i l A
8 , 6 4 , 7 8 , 4 2 , 2 o t n e m a i l g i b b a e e l i s s e T
8 , 6 8 , 6 5 , 4 3 , 3 e r u t a z l a c e o i o u c , i l l e P
0 , 3 9 , 2 1 , 2 6 , 1 a s a c a l r e p i n e B
Oreficeria e strumenti musicali, cartotecnica e poligrafica 2,0 4,5 3,9 3,5
7 , 2 0 , 2 9 , 0 0 , 1 a c i t s a l p e a m m o g n i i t t o d o r P
3 , 4 4 , 4 0 , 2 1 , 1 a c i n a c c e M
3 , 4 4 , 4 6 , 2 5 , 1 e l a t o T

Fonte: Banca dItalia.
(1) Flusso delle sofferenze rettificate nel trimestre in rapporto alle consistenze dei prestiti non in sofferenza rettificata in essere allinizio del periodo (non corretti
per le cartolarizzazioni). I dati si riferiscono alla residenza della controparte, le nuove sofferenze rettificate sono tratte dalle segnalazioni alla Centrale dei rischi. I
dati sono calcolati come medie dei quattro trimestri terminanti in quello di riferimento. Le imprese Includono le societ non finanziarie e le famiglie produttrici. I
prestiti sono al netto dei pronti contro termine. Il tasso di decadimento relativo a giugno 2010 non disponibile per effetto dellintroduzione nelle segnalazioni della
classificazione Ateco 2007. (2) Imprese con sede in una provincia in cui vi sono comuni appartenenti a sistemi locali del lavoro definiti dallIstat come distretti in
quel settore di specializzazione.
Tavola 8
30
Tav. 8
Flusso di nuove sofferenze rispetto ai prestiti: dummy distretto
Regressori
2000-
I trim. 2010
2000-
2004
2005-
I trim. 2010
III trim. 2008
I trim. 2010
3 3 , 0 5 0 , 0 - * 3 7 , 0 - 8 3 , 0 - o t t e r t s i d y m m u D
s s s s i l a i r o t t e s s e i m m u D
s s s s i l a r o p m e t s e i m m u D

Risultati di unanalisi in cui si regredisce il tasso di decadimento trimestrale (a livello di provincia e settore) su dummies settoriali, dummies di anno e la dummy
distretto. Lasterisco indica una significativit della dummy distretto a livello di almeno il 10 per cento. Per le modalit di calcolo del tasso di decadimento trimestrale,
cfr. la nota alla tav. 7.
104
Contributi
3.
31
Fig. 1
QUOTA DI OCCUPATI MANIFATTURIERI NEI SLL DISTRETTUALI PER ANNO DI CENSIMENTO
(numeri indice: anno di rilevazione dei distretti=100)
Fonte: elaborazioni su dati Istat, Censimenti industriali del 1971, 1981, 1991, 1996 e 2001 e Archivio statistico delle imprese attive 2006.
32
Fig. 2
PESO DEGLI OCCUPATI NEI SETTORI DI SPECIALIZZAZIONE DELLE
AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI
Fonte: Fonte: elaborazioni su dati Istat, Censimenti industriali del 1971, 1981, 1991, 1996 e 2001 e Archivio statistico delle imprese attive 2006.
Fig. 3
VARIAZIONI DEGLI OCCUPATI NEI SETTORI DI SPECIALIZZAZIONE DEI COMUNI APPARTENENTI AD
AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI
(migliaia di unit)
QUOTA DI OCCUPATI MANIFATTURIERI NEI SLL DISTRETTUALI
PER ANNO DI CENSIMENTO
(numeri indice: anno di rilevazione dei distretti=100)
Figura 1
PESO DEGLI OCCUPATI NEI SETTORI DI SPECIALIZZAZIONE
DELLE AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI
Figura 2
105
3. Contributi
32
Fig. 2
PESO DEGLI OCCUPATI NEI SETTORI DI SPECIALIZZAZIONE DELLE
AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI
Fonte: Fonte: elaborazioni su dati Istat, Censimenti industriali del 1971, 1981, 1991, 1996 e 2001 e Archivio statistico delle imprese attive 2006.
Fig. 3
VARIAZIONI DEGLI OCCUPATI NEI SETTORI DI SPECIALIZZAZIONE DEI COMUNI APPARTENENTI AD
AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI
(migliaia di unit)
VARIAZIONI DEGLI OCCUPATI NEI SETTORI DI SPECIALIZZAZIONE DEI COMUNI
APPARTENENTI AD AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI
(migliaia di unit)
Figura 3
106
Contributi
3.
Fig. 4
DISTRIBUZIONE DEL FATTURATO NELLE AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI, PER CLASSI DI FATTURATO
NELLANNO DI RIFERIMENTO (1)
(valori percentuali)
Fonte: elaborazioni su dati Centrale dei Bilanci e Cerved. (1) I valori del fatturato sono deflazionati sulla base di indici di prezzo alla produzione calcolati per ogni comparto
produttivo a livello di codice ATECO a 3 cifre.
DISTRIBUZIONE DEL FATTURATO NELLE AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI,
PER CLASSI DI FATTURATO NELLANNO DI RIFERIMENTO
(1)

(valori percentuali)
Figura 4
107
3. Contributi
Fig. 5
CONCENTRAZIONE DEL FATTURATO (HERFINDAHL)
NELLE AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI
(Campioni chiusi di imprese 1993-2000 e 2001-2008; valori di inizio periodo=100)
Fonte: elaborazioni su dati Centrale dei Bilanci e Cerved.
CONCENTRAZIONE DEL FATTURATO (HERFINDAHL)
NELLE AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI
(Campioni chiusi di imprese 1993-2000 e 2001-2008; valori di inizio periodo=100)
Figura 5
108
Contributi
3.
35
Fig. 6
AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI E TERRITORI NON AGGLOMERATI:
DISSIMILARIT NELLA DISTRIBUZIONE DEL FATTURATO TRA LE IMPRESE PER
SETTORI E CLASSI DIMENSIONALI (1) (2)
Fonte: elaborazioni su dati Centrale dei Bilanci e Cerved. Campioni aperti di imprese. (1) I valori del fatturato sono deflazionati sulla base di indici di
prezzo alla produzione calcolati per ogni comparto produttivo a livello di codice ATECO a 3 cifre. (2) Lindice di dissimilarit dato dalla semisomma del
valore assoluto delle differenze, tra linsieme delle agglomerazioni e il resto dellindustria nord orientale, nelle quote di fatturato ripartite per settori e classi
dimensionali. Il campo di variazione compreso tra zero e cento. Sono considerati 9 settori e 4 classi dimensionali; i risultati non cambiano al variare di
tale disaggregazione.
AGGLOMERAZIONI INDUSTRIALI E TERRITORI NON AGGLOMERATI:
DISSIMILARIT NELLA DISTRIBUZIONE DEL FATTURATO TRA LE IMPRESE
PER SETTORI E CLASSI DIMENSIONALI
(1) (2)
Figura 6
109
3. Contributi
Fig. 7
REDDITIVIT OPERATIVA NELLE IMPRESE INDUSTRIALI DEL 2001,
PER TIPOLOGIA DI LOCALIZZAZIONE
(mediane del margine operativo lordo su attivo; valori percentuali)
Fonte: elaborazioni su dati Centrale dei Bilanci e Cerved. Campioni aperti di imprese.
REDDITIVIT OPERATIVA NELLE IMPRESE INDUSTRIALI DEL 2001,
PER TIPOLOGIA DI LOCALIZZAZIONE
(mediane del margine operativo lordo su attivo; valori percentuali)
Figura 7
110
Contributi
3.
Fig. 8
DISPERSIONE DELLA REDDITIVIT OPERATIVA TRA LE SINGOLE
AGGLOMERAZIONI
(scarto interquartile in rapporto alla mediana; valori percentuali)
Fonte: elaborazioni su dati Centrale dei Bilanci e Cerved. Campioni aperti di imprese. Il numero di agglomerazioni rispetto al quale si calcola
la dispersione della redditivit di 51 al Nord Est e di 39 nelle altre ripartizioni.












Fig. 9a
DISPERSIONE DELLA REDDITIVIT OPERATIVA
TRA LE SINGOLE AGGLOMERAZIONI
(scarto interquartile in rapporto alla mediana; valori percentuali)
Figura 8
38
FLUSSO DI NUOVE SOFFERENZE IN RAPPORTO AI PRESTITI (1)
(valori percentuali)
(1) Flusso delle sofferenze rettificate nel trimestre in rapporto alle consistenze dei prestiti non in sofferenza rettificata in essere
allinizio del periodo (non corretti per le cartolarizzazioni). I dati si riferiscono alla residenza della controparte; le nuove sofferenze
rettificate sono tratte dalle segnalazioni alla Centrale dei rischi. I dati sono calcolati come medie dei quattro trimestri terminanti in
quello di riferimento. I dati sono corretti per neutralizzare la crescita delle sofferenze avvenuta nel 2004 e riconducibile alla Parmalat.
FLUSSO DI NUOVE SOFFERENZE IN RAPPORTO AI PRESTITI
(1)
(valori percentuali)
Figura 9a
111
Il modello fuido e inesauribile
dei distretti produttivi italiani
Contributi
I dati e le considerazioni di seguito riportate fanno riferimento prevalentemente,
ma non esclusivamente, ad unindagine effettuata presso 49 imprenditori e
52 testimoni privilegiati operanti in una struttura intermedia (Associazione di
categoria, Organizzazione sindacale, Camera di Commercio) allinterno di uno
dei distretti produttivi italiani. Lindagine sui 101 rispondenti, collocati prevalen-
temente nel Centro-Nord, non ha ovviamente la pretesa di rappresentare luni-
verso, specie per ci che concerne gli aspetti legati allandamento del fatturato
e delloccupazione, ma intende cogliere, invece, i trend di carattere generale e
le principali trasformazioni della struttura organizzativa e degli assetti produttivi
del sistema distrettuale italiano.
a cura del Censis
Centro Studi Investimenti Sociali
4.1 Premessa
4.
112
Contributi
4.
Da tempo - e ben prima della prolungata recessione che ha colpito il Pae-
se alla fne del 2008 - le analisi attribuiscono ai distretti industriali italiani una
sostanziale perdita di forza propulsiva ed il conseguente avvio di una fase di
ridimensionamento.
Se per molti versi ci vero, occorre anche sottolineare come i distretti, o
gran parte di essi, si siano riposizionati nei principali mercati di riferimento ed
abbiano profondamente ridefnito le proprie strategie organizzative, con ci
mostrando il perpetuarsi di un modello fessibile, proattivo e, per molti aspetti,
inesauribile. un modello a tripla A, ovvero adattativo, affdabile, alternativo at-
traverso il quale le imprese del distretto captano i possibili mutamenti della do-
manda e degli orientamenti del mercato e propongono innovazioni di prodotto
o di processo, operando attraverso reti sempre pi leggere di cooperazione a
livello locale. Daltra parte, la capacit di adattamento stata da sempre un
tratto caratteristico di questa parte del sistema produttivo nazionale, oggi pi
che mai evidente rispetto ad uno scenario completamente diverso da quello
riscontrabile 10 anni fa. Se, dunque, la Cina o lIndia, per citare i casi pi noti,
appaiono come importanti attori dello scenario internazionale, i distretti italia-
ni non ne contrastano lavanzata, ma si propongono come nuovi ed affdabili
interlocutori, tanto che la Cina , ad esempio, al settimo posto come area di
esportazione dei distretti industriali italiani, con probabilit di salire ulterior-
mente nella graduatoria dei principali mercati presidiati.
Questa inesauribile capacit di adattamento, non sembra togliere forza ad
un secondo aspetto importante, ovvero quello dellaffdabilit: le imprese di
distretto, come si vedr pi avanti, continuano ad investire nella qualit del
prodotto e del processo, quasi esasperando la strategia di nicchia, la perso-
nalizzazione del prodotto, il servizio al cliente, il controllo dei singoli passaggi
attraverso la fliera di produzione, lunga o corta che sia. Ed infne il modello
appare, ancora oggi, sostanzialmente alternativo al resto del tessuto produttivo
nazionale, se non altro per il forte radicamento nella dimensione locale delle
imprese e per il ruolo, sebbene depotenziato rispetto al recente passato, che i
soggetti intermedi svolgono.
4.2 Tra crisi e rilancio
113
4. Contributi
Chi volesse, tuttavia, ritrovare oggi nei distretti industriali quelle forme di coe-
sione sociale, quelle reti di collaborazione formale e informale tipiche degli anni
novanta, avrebbe notevoli diffcolt. Occorre, infatti, sgombrare il campo da
possibili equivoci e soprattutto da molta, inevitabile, retorica. Se da un lato il
modello distrettuale appare ancora inesauribile, altrettanto evidente che esso
risulta profondamente cambiato rispetto al passato: il presidio dei mercati
diventato molto pi complesso, linnovazione di prodotto o di processo non
pi suffciente da sola a generare elevati livelli di competitivit ed effcienza, il
livello di coesione intra-distretto si inevitabilmente allentato, in quanto attori
come le banche, le Associazioni di categoria, le fondazioni bancarie, i Sindacati
sono sottoposti a sollecitazioni nuove, diverse e pi complesse. A tutto questo
si aggiunta la fase congiunturale profondamente negativa degli ultimi due
anni, che non ha risparmiato nessuno, n le imprese di distretto n quelle fuori
dai cluster produttivi.
Rispetto a tale complessit non occorre tanto, o solo, chiedersi quanto sia
ancora effcace il modello dei distretti produttivi; occorre capire, viceversa,
quali siano i fenomeni emergenti, quali criticit essi devono affrontare, quali
nuovi orientamenti di mercato stiano emergendo, per poter poi defnire even-
tuali azioni a supporto di tali sistemi dimpresa. Molte, appaiono, dunque, le
nuove chiavi di lettura del fenomeno distrettuale: il ricompattamento delle reti
di subfornitura di qualit, i nuovi investimenti nelle reti di distribuzione dei pro-
dotti e nella logistica avanzata, il ritorno alla verticalizzazione dellorganizza-
zione distrettuale con un ruolo forte dellimpresa leader, la ricerca di nuove
aree di business in una prospettiva di ampliamento della gamma dei prodotti,
la presenza sempre pi intensa di lavoro straniero dentro e fuori il distretto,
con inevitabili cambiamenti delle forze competitive in campo. Infne, appare
piuttosto marcata la polarizzazione tra i distretti produttivi del Centro-Nord,
caratterizzati da una capacit di ripresa pi evidente rispetto a ci che accade
nel Mezzogiorno.
Fenomeni di lunga deriva si accompagnano, dunque, a nuovi schemi di di-
stretto, riproponendo un modello sostanzialmente fuido, capace di cambiare
a seconda delle circostanze, ma che rende diffcile, anche, focalizzare cosa
stia realmente accadendo, quanto la crisi economica sia terminata e cosa vi
sia oltre.
114
Contributi
4.
Solo a partire dal secondo trimestre del 2010 il ciclo congiunturale dei distretti
produttivi tornato a mostrare timidi segnali positivi, dopo un lungo periodo
di stagnazione. I dati pi recenti a disposizione, mettono in evidenza come tra
aprile e maggio, nel complesso dei distretti, le esportazioni siano cresciute del
13% in termini tendenziali, dopo valori sistematicamente negativi per tutto il
2008, per il 2009 e per i primi mesi del 2010.
La strada per un recupero effettivo delle posizioni perse appare, tuttavia, piut-
tosto impervia. Se molti distretti mostrano grande vitalit (come nel caso del
San Daniele del Friuli, delle macchine tessili di Biella, dellalimentare di Parma,
dellorefceria di Arezzo, dellabbigliamento di Rimini, della concia di Solofra),
molti altri sono ancora in mezzo al guado o in diffcolt evidenti (come il di-
stretto delle macchine utensili di Piacenza, labbigliamento Sud abruzzese, le
cappe aspiranti e gli elettrodomestici di Fabriano, il tessile-abbigliamento di
Treviso).
Solo nei primi mesi del 2011 sar possibile comprendere con chiarezza quale
potrebbe essere la forma, ma soprattutto la sostanza di una ripresa ancora
febile. Lidea che attualmente emerge sia dagli imprenditori che da chi opera
nelle strutture intermedie, come le Associazioni di categoria o le Organizzazioni
sindacali, che il sistema distrettuale si trovi in una terra di mezzo, in cui la
possibilit di recupero prerogativa di poche imprese, mentre il grosso del cor-
po produttivo fatica. Si profla in questo modo, sempre di pi, un sistema a due
velocit dagli esiti assai incerti: o il ridimensionamento del sistema distrettuale,
attraverso la fuoriuscita, anche in futuro (come gi accaduto nel 2008 e nel
2009), delle aziende in posizione marginale, o il ricompattamento delle fliere
attraverso forme di coesione e di rivitalizzazione di sinergie e di competenze
gi presenti nel distretto, anche attraverso il ritorno ad unazione di coagulo da
parte delle imprese leader.
Che le diffcolt siano tuttaltro che superate, emerge con relativa chiarezza dal
fatto che il 58% degli intervistati abbia dichiarato che il distretto in una fase
di ridimensionamento (fg. 1), contrassegnato ancora dalla fessione del fattu-
rato delle principali imprese, da perdite in termini occupazionali e da diffcolt
4.3 Una congiuntura diffcile
115
4. Contributi
sui mercati esteri. pur vero, tuttavia, che alla fne del 2009 ben l82% degli
intervistati indicava il proprio distretto in una fase critica
1
. Appare comunque
cospicua, sebbene ancora minoritaria, la parte di chi rivede lo scenario in ri-
presa: quasi il 20% del campione ritiene che il distretto abbia recuperato le
posizioni perse, il 5% indica addirittura una fase di crescita ed il 18% ritiene
che il distretto abbia mantenuto le proprie posizioni nonostante tutto.
Fig. 1 - Fase congiunturale registrata dai distretti industriali (risposte %)
Ancora pi incoraggiante il quadro relativo alle sole aziende. Solo un quarto
degli imprenditori contattati parla di ciclo congiunturale ancora negativo (era il
35% nel 2009), mentre il 20% si trova in una situazione di stazionariet, dunque
in una condizione di sostanziale tenuta delle proprie posizioni, il 29% in una
fase di consolidamento e quindi di lento rafforzamento delle proprie attivit ed
il 27% ha indicato di essere in una fase di ripresa e di crescita (fg. 2).
Fig. 2 - Fase congiunturale registrata dalle imprese operanti in un distretto produttivo
(risposte %)
Ridimensionamento
58%
Crescita
5%
Tenuta alla situazione di
crisi recente
18%
Recupero delle posizioni
perse a seguito della
crisi economica
19%
Fig. 1 - Fase congiunturale registrata dai distretti industriali (risposte %)
Fonte: indagine Censis, 2010
Solo imprese
Ridimensionamento
24%
Crescita
27%
Consolidamento
29%
Stazionariet
20%
Fig. 2 - Fase congiunturale registrata dalle imprese operanti in un distretto produttivo (risposte %)
Fonte: indagine Censis, 2010
116
Contributi
4.
Pur con molte cautele, il bilancio che si trae da questi dati pu considerarsi
moderatamente positivo; se molte appaiono le situazioni di diffcolt e se
quasi impossibile parlare di vera ripresa, riemerge, comunque, una spinta vitale
alla crescita, un atteggiamento non di rinuncia di fronte alle diffcolt, ma anzi
la diffusa determinazione degli imprenditori a trovare un nuovo posizionamento
nei mercati e nuove prospettive. Non va sottovalutato, daltra parte, il fatto che
pi di un quarto delle imprese contattate indica di essere in una fase di netta
ripresa del giro daffari (era appena il 10% alla fne del 2009); si tratta dunque
di una minoranza che pu trasmettere al resto del tessuto produttivo una forza
trainante, capace dunque di fungere da apripista e di attivare innovazioni con
ricadute positive sullintero distretto, come sempre avvenuto in passato.
Che il clima sia migliorato appare anche dalle previsioni sul fatturato e sul-
loccupazione per primi mesi del 2011. La cautela, tuttavia, sembra prevalere,
specie per la seconda delle variabili considerate (fgg. 3-4). Il mercato del lavo-
ro viene stimato ancora poco dinamico, visto che solo l8,9% degli intervistati
ritiene che vi saranno incrementi occupazionali nel distretto, mentre per pi
del 37% si verifcheranno ulteriori fessioni e per pi della met non vi saranno
cambiamenti sostanziali.
Fig. 3 - Previsioni sullandamento del fatturato del distretto (risposte in %)
Fonte: indagine Censis, 2010
1
Cfr. I Rapporto dellOsservatorio Nazionale dei Distretti Italiani, gennaio 2010
117
4. Contributi
La ripresa appare in s contraddittoria, capace di sostanziarsi nel migliora-
mento del posizionamento di un numero crescente di imprese, di un ritorno in
positivo di molti bilanci, ma incapace di creare nuova occupazione. La reces-
sione ha spinto molte aziende ad adottare criteri di razionalizzazione dei costi,
con effetti negativi sia sulla propensione ai nuovi investimenti produttivi che di
ampliamento della base occupazionale, ed appare diffcile immaginare nellim-
mediato una sostanziale inversione di tendenza.

Il percorso resta, dunque, accidentato. Le diffcolt che le aziende devono af-
frontare sono diverse e comprenderne il senso e lentit signifca poter indivi-
duare, forse, strumenti per agevolare la ripresa e per favorire il ritorno alla com-
petitivit. I problemi che gran parte delle aziende di distretto devono affrontare
possono essere ricondotti a quattro fattispecie (fg. 5):
a) diffcolt legate alla formazione (e disponibilit) di mezzi liquidi, dovute es-
senzialmente a ritardi nellincasso dei crediti commerciali e, pi in generale,
alla formazione di suffcienti fussi di cassa; larga parte delle imprese con-
tattate (75%) segnala questo tipo di diffcolt, che non sembra attenuarsi in
modo sostanziale rispetto a quanto rilevato alla fne del 2009;
Fonte: indagine Censis, 2010
Fig. 4 - Previsioni sullandamento del fatturato del distretto (risposte in %)
118
Contributi
4.
b) il diffcile reperimento di personale qualifcato (aspetto segnalato dal 57,1%
delle imprese considerate nellindagine);
c) questioni legate alla maggiore effcienza organizzativa, come i ritardi nel-
la consegna dei prodotti al cliente fnale, ritardi da parte dei fornitori nella
consegna della merce, diffcolt nella pi intensa penetrazione dei mercati e
nella messa a punto di effcaci strategie commerciali;
d) un rapporto meno fuido, rispetto al passato, con il sistema bancario, che
sin dallavvio della crisi, a fne 2008, sembra avere adottato criteri di con-
cessione del credito pi prudenziali, limitando con ci la capacit di inve-
stimento di molte imprese (quasi il 43% delle aziende analizzate segnala
questo tipo di problema).
Tra le priorit di intervento sembra emergere ai primi posti la necessit di un rie-
quilibrio fnanziario dei singoli distretti ed il reinvestimento sul capitale umano.
Nel primo caso, il sistema bancario dovrebbe tornare ad avere la funzione di
polmone fnanziario e garantire limmissione di liquidit nel circuito economico
distrettuale, almeno fno a quando la carenza di mezzi liquidi, generata dal
repentino dilatarsi dei tempi di riscossione dei crediti commerciali, non sar
terminata. In questo senso anche lazione di garanzia sui prestiti esercitata dal
sistema dei Confdi potr essere daiuto.
Fig. 5 - Principali problemi segnalati dalle imprese di distretto (risposte in %)
solo imprese
75,5
57,1
53,1
51,0
44,9
42,9
30,6
26,5
D
i
f
f
i
c
o
l
t


n
e
l

r
e
c
u
p
e
r
o

d
e
i

c
r
e
d
i
t
i
D
i
f
f
i
c
o
l
t


n
e
l

r
e
p
e
r
i
r
e

p
e
r
s
o
n
a
l
e

q
u
a
l
i
f
i
c
a
t
o
P
r
o
b
l
e
m
i

l
e
g
a
t
i

a
l
l
a

g
e
s
t
i
o
n
e

o

a
l
l
a

d
i
s
p
o
n
i
b
i
l
i
t


d
i

l
i
q
u
i
d
i
t

D
i
f
f
i
c
o
l
t


n
e
l
l
a

c
o
m
m
e
r
c
i
a
l
i
z
z
a
z
i
o
n
e

d
e
i

p
r
o
d
o
t
t
i
R
i
t
a
r
d
i

n
e
l
l
e

c
o
n
s
e
g
n
e

d
a

p
a
r
t
e

d
i

f
o
r
n
i
t
o
r
i
R
a
p
p
o
r
t
i

p
r
o
b
l
e
m
a
t
i
c
i

c
o
n

l
e

b
a
n
c
h
e

d
i

r
i
f
e
r
i
m
e
n
t
o

d
e
l
l
'
a
z
i
e
n
d
a
P
r
o
b
l
e
m
i

n
e
i

r
a
p
p
o
r
t
i

c
o
n

l
e

p
u
b
b
l
i
c
h
e

a
m
m
i
n
i
s
t
r
a
z
i
o
n
i
(
l
i
c
e
n
z
e
,

c
o
n
t
r
o
l
l
i
)
P
r
o
b
l
e
m
i

l
e
g
a
t
i

a
l
l
a

d
i
s
t
r
i
b
u
z
i
o
n
e

d
e
i

p
r
o
d
o
t
t
i

(
r
i
t
a
r
d
i

n
e
l
l
e

c
o
n
s
e
g
n
e

o

n
e
l
l
e

f
o
r
n
i
t
u
r
e
)
Fig. 5 - Principali problemi segnalati dalle imprese di distretto (risposte in %)
Il totale non d 100 poich erano possibili pi risposte Fonte: indagine Censis, 2010
119
4. Contributi
Sul secondo aspetto vale la pena di sottolineare lesistenza di una miscela
malsana determinata dalla scarsa propensione delle imprese ad incrementare
i livelli occupazionali e nello stesso tempo dalla diffcolt a reperire persona-
le qualifcato immediatamente inseribile lungo le linee di produzione. Appare,
dunque, necessaria unopera estensiva, dove possibile, di riqualifcazione del
capitale umano disponibile, ci al fne di inserire nuovamente nel circuito eco-
nomico la consistente forza lavoro espulsa dal mercato nel corso degli ultimi
due anni, migliorandone le competenze professionali. Questo tipo di intervento
risulta tuttaltro che semplice, ma appare indispensabile e richiede non solo ri-
sorse fnanziarie da investire in attivit formative, ma anche nellidentifcazione
dei fabbisogni professionali delle imprese.
4.4 Qualit totale multilivello per tornare a crescere
Pi strategia, meno improvvisazione. Sembra questo il flo rosso che lega levo-
luzione in atto tra molte delle imprese dei distretti produttivi. Allaumentare del
livello di competizione e del livello di complessit dei mercati, la risposta lin-
nalzamento della qualit e dei controlli a tutti i livelli ed in ogni segmento della
catena del valore e della fliera produttiva.
chiara e diffusa la percezione delle imprese di distretto che il mantenimento
della competitivit passa per un controllo accentuato della qualit del processo
e del prodotto, forse pi del primo che del secondo. Se, dunque, linnovazione
di prodotto resta il primo aspetto sui cui le aziende analizzate intendono inve-
stire, altre strategie si proflano allorizzonte, delineando interventi complessi,
articolati, che confgurano un salto in avanti della cultura dimpresa. In partico-
lare, tra i principali obiettivi di miglioramento indicati dalle aziende analizzate
fgurano (fg. 6):
a) la scelta di fornitori di semilavorati e materie prime, sempre pi qualifcati;
b) lampliamento della gamma dei prodotti, attraverso processi di differenzia-
zione che partano da input provenienti dal mercato;
120
Contributi
4.
c) il controllo diretto dei canali distributivi;
d) nuovi investimenti in macchinari per il miglioramento del processo;
e) lacquisizione di sistemi ICT per leffcientamento e modernizzazione dei si-
stemi gestionali.
Fig. 6 - Obiettivi di investimento e meglioramento delle imprese di distretto
(voto da 1 a 5; 1=poco importante; 5= molto importante)
Altri obiettivi emergono con minore intensit, prefgurando, comunque, un
ispessimento delle strategie, che lascia intravedere un cambiamento sostan-
ziale, seppure a lungo termine, dei distretti industriali, o di buona parte di essi.
In questa scia si pone, anche, lobiettivo di acquisire competenze specifche in
campo fnanziario, il ricorso a sistemi di controllo di gestione, il rafforzamento
delle reti commerciali attraverso il miglioramento delle competenze professio-
nali degli agenti di vendita.
Si prefgura, in questo modo, unimpresa pi sofsticata rispetto al passato, non
pi concentrata in modo esclusivo sul miglioramento intrinseco del prodotto,
ma capace di guardare anche al mercato in cui tale prodotto verr collocato.
Cresce la consapevolezza che le funzioni al di fuori del core business, non pos-
sono essere semplicemente delegate, ma vanno comunque controllate, man-
solo imprese
2,1
2,1
2,4
2,4
2,6
2,6
2,7
2,8
2,8
3,0
3,0
3,0
3,6
Puntiamo a cambiare la nostra area di business
Affrontare in modo corretto il passaggio generazionale
Razionalizzare il numero dei fornitori
Ricercare giovani da inserire in azienda
Miglioramento/potenziamento delle reti degli agenti di vendita
Ricorso sistema di contabilit industriale
Migliorare gestione finanziaria dellazienda
Maggiore utilizzo delle ICT
Miglioramento impianti e macchinari
Maggiore controllo fasi commercializzazione
Ampliamento della gamma dei prodotti
Innalzamento della qualit dei fornitori
Innovazione di prodotto
Fig. 6 - Obiettivi di investimento e meglioramento delle imprese di distretto (voto da 1 a 5; 1=poco
importante; 5= molto importante)
Fonte: indagine Censis, 2010
121
4. Contributi
tenendo standard qualitativi elevati. Da qui deriva, evidentemente, lattenzione
crescente di molte imprese distrettuali al controllo pi o meno diretto dei sistemi
logistici e di distribuzione dei prodotti, al fne di colloquiare in modo immedia-
to con i clienti fnali.
Lapproccio gestionale improntato alla qualit multilivello, si accompagna, qua-
si, allesasperazione di strategie di mercato tailor made, ovvero ad ambiti di
mercato molto selezionati, a posizionamenti in nicchie specifche, in cui il pro-
dotto di distretto immediatamente riconoscibile e distinto da altre produzioni
simili. Colpisce non poco il fatto che quasi la totalit degli imprenditori contattati
abbia indicato che lorientamento dellazienda verso nicchie di mercato molto
specializzate (92%) (fg. 7), mentre sono piuttosto rari i casi in cui le impre-
se di distretto operano con prodotti di largo consumo, destinati ad una platea
ampia di clienti. Vi tutta la storia pi recente dei distretti industriali in questa
affermazione: lorientamento di mercato stato improntato, infatti, alliperspe-
cializzazione ed alla ricerca di clienti sempre pi selezionati, il che ha generato
il posizionamento dei prodotti di distretto nelle nicchie alte dei mercati esteri,
oltre che un premium price che normalmente viene riconosciuto a gran parte
dei prodotti distrettuali.
Fonte: indagine Censis, 2010
Fig. 7 - Strategia di mercato prevalente nelle imprese operanti in un distretto produttivo
(risposte in %)
122
Contributi
4.
Vi da chiedersi quanto questo progressivo evolversi delle strategie sia diffuso.
chiaro che non si tratta di un cambiamento che attraversa tutte le aziende
indistintamente. Gran parte di esse sono di ridotte dimensioni ed appaiono an-
cora alle prese con le diffcolt generate dalla recente crisi economica e non
dispongono, pertanto, n di competenze n di risorse fnanziarie per avviare
strategie sempre pi sofsticate. Il cambio di passo, che sembra proflarsi,
prerogativa prevalentemente, ma non in modo esclusivo, delle imprese leader,
che tornano ad assumere nel distretto un ruolo propulsivo e che possono, per-
tanto, fungere da vettore di un rinnovamento interno e di una riorganizzazione
radicale della struttura distrettuale. Ci non avviene n attraverso il ritorno alla
verticalizzazione delle funzioni, n attraverso una loro distribuzione orizzontale,
ma attraverso la diffusione di una pi solida cultura imprenditoriale, che porti a
strategie diverse e pi sofsticate rispetto al passato.
4.5 La formula distrettuale tra presente e futuro
Gran parte dei distretti produttivi italiani ha tenuto alla congiuntura fortemente
negativa degli ultimi due anni, pur con trasformazioni strutturali ed un ridimen-
sionamento, in termini occupazionali oltre che di fatturato, preoccupanti. La
formula del distretto sempre pi sottoposta a sollecitazioni esterne e questo
pone almeno due interrogativi essenziali:
a) da un lato quanto sia ancora attuale tale modello di organizzazione dellim-
presa e quale valore aggiunto esso ancora genera rispetto a confgurazioni al-
ternative, di cluster meno strutturati o di reti temporanee, meno radicate nel
territorio e funzionali al continuo mutare dei mercati;
b) dallaltro lato occorre chiedersi quali sono i fenomeni emergenti, capaci di
defnire un eventuale nuovo schema distrettuale, nuove forme di governance e
di indicare, pertanto, la strada per il futuro.
Se il distretto appare a molti come una formula inossidabile, capace di creare
sinergie che altrimenti si disperderebbero, tale parere non tuttavia univoca-
mente accettato. Il 28% delle persone intervistate ritiene che tale modello, pur
essendo ancora valido, abbia perso, comunque, parte della propria effcacia ed
unulteriore quota del 18% ritiene che si tratti addirittura di una formula organiz-
zativa obsoleta (fg. 8).
123
4. Contributi
Nel complesso, pertanto, ben il 46% di chi opera nel distretto muove dubbi
seri sullattualit di tale formula organizzativa. Soprattutto tali opinioni aprono
il dibattito su un presunto vantaggio competitivo del distretto rispetto ad altre
forme pi leggere di aggregazione di impresa.

Fig. 8 - Opinione sulleffcacia e sulla funzione dei distretti produttivi (risposte in %)
Ci che oggi si pu affermare che la formula distrettuale, pur valida, deve
continuamente cambiare, adattandosi a scenari di mercato e arene competitive
in continuo mutamento. Immaginare, dunque, un distretto nella forma coesa
di dieci o venti anni fa non ha molto senso. Inoltre, appare oggi impossibile
affermare che esso sia pi effcace di altre forme di aggregazione. Il distretto ha
ancora molti punti di forza e pu essere ormai uno degli snodi attraverso cui fare
transitare o costruire nuove reti dimpresa.
Diventa per cruciale, in questo contesto in contino divenire, comprendere i
mutamenti sottili che pervadono la parte pi solida dei distretti produttivi italiani.
La situazione appare per il momento piuttosto magmatica, ulteriormente solle-
citata dalla fase critica del 2008 e del 2009 e che vede in atto alcuni fenomeni
che possono rimodellare gli equilibri interni di molti agglomerati produttivi. In
particolare, accanto al fatto che molte imprese stanno procedendo ad una ra-
zionalizzazione dei costi ed alla revisione anche radicale delle proprie strategie
di mercato (fatto piuttosto scontato e prevedibile) emergono ulteriori pratiche
quali (fg. 9):

Fonte: indagine Censis, 2010
Il modello del distretto
funziona, ma meno
rispetto al passato
28%
Il distretto produttivo
una forma di
aggregazione obsoleta
18%
Il distretto produttivo
permette ancora alle
imprese di crescere e
migliorare come in
passato
54%
Fig. 8 - Opinione sull'efcacia e sulla funzione dei distretti produttivi (risposte in %)
124
Contributi
4.
- il controllo pi stringente delle fasi di commercializzazione dei prodotti (ac-
canto allinnalzamento della qualit delle fasi di produzione);
- il rafforzamento delle strategie commerciali allestero, attraverso lapertura di
nuove sedi commerciali o la creazione di reti di assistenza ai clienti;
- il tentativo di apertura verso altre aree produttive del Paese;
- il tentativo di riaffermare il livello di collaborazione tra imprese di distretto.
Meno frequenti, ma comunque gi ad un livello interessante, appaiono ulteriori
fenomeni quali:
- il rafforzamento del ruolo delle imprese leader;
- il presidio di aree di mercato estere fnora considerate marginali, come la
sponda Sud del Mediterraneo;
- la ricerca di fornitori di qualit elevata al fne di innalzare il livello competitivo
delle produzioni distrettuali.
Vi a suffcienza per dire che nei prossimi anni molti degli equilibri consolidati
potrebbero radicalmente cambiare. Il mix tra ritorno a forme di collaborazione
Fig. 9 - Principali fenomeni di cambiamento nei distretti produttivi (risposte in %)
Il totale non d 100 poich erano possibili pi risposte Fonte: indagine Censis, 2010
14,9
22,8
24,8
25,7
27,7
31,7
39,6
45,5
48,5
57,4
Riscoperta di fornitori locali di qualit
Rafforzamento del ruolo dell'impresa o delle imprese leader
del distretto
Aumentano i tentativi di presidiare nuove aree di mercato,
come il Nord Africa
Aumenta l'attenzione verso la formazione e riqualificazione
professionale
Aumenta il livello di collaborazione tra le imprese del distretto
Aumentano i tentativi di collaborare con altre aree produttive o
con altri distretti produttivi
Rafforzamento delle strategie commerciali all'estero
Molte imprese stanno completamente rivedendo le proprie
strategie
La strategia pi diffusa quella di tagliare sui costi aziendali
Imprese sempre pi attente tecniche efficaci di distribuzione
prodotti
Fig. 9 - Principali fenomeni di cambiamento nei distretti produttivi (risposte in %)
125
4. Contributi
pi forte tra le imprese, acquisizione di un ruolo guida delle aziende maggiori,
spinta a nuove forme di innovazione, ricerca di nuove aree di mercato, sembra
evidenziare un atteggiamento proattivo da parte di molti distretti, e questo va
letto come un segnale positivo. E se da un lato appare comunque diffcile dire
se il modello distrettuale si riveler pi o meno effcace di altre forme di organiz-
zazione produttiva, occorre affermare che allo stato attuale tale modello conti-
nuer a perpetuarsi, proprio per quella spinta vitale e reattiva gi oggi visibile in
molti contesti territoriali.
4.6 Strumenti di governance per affrontare la complessit
Il dibattito sulla governance dei distretti appare, oggi, di una complessit estre-
ma, sia a causa del contesto economico sempre pi articolato e critico, che per
la diversit oggettiva tra i distretti di cui il territorio costellato. Le poche realt
del Mezzogiorno sono certamente diverse da quelle del Centro-Nord, i distretti
della meccanica registrano ormai dinamiche diametralmente opposte da quelli
dellalimentare e cos via.
La governance dipende, in sostanza, dal livello di coesione interna, dalla qualit
dei soggetti intermedi del distretto e, soprattutto, dalla capacit di attivare stru-
menti rispondenti allo scenario attuale ed alle esigenze di strutture complesse
come le imprese.
Per molti versi sembra che gli strumenti della governance, di cui i distretti oggi
hanno bisogno, possono essere ricondotti a tre fattispecie (fg. 10):
a) strumenti di riqualifcazione e di formazione delle competenze professionali;
b) rafforzamento della cultura dimpresa;
c) rafforzamento delle funzioni di rappresentanza delle strutture intermedie che
operano nel sistema distrettuale.

126
Contributi
4.
Quasi il 70% degli operatori di distretto intervistati hanno indicato la formazione
ed i percorsi di riqualifcazione professionale come strumenti per rilanciare la
competitivit. Tuttaltro che scontato, il ruolo della formazione ritorna prepoten-
temente al centro dellattenzione; la crisi e la conseguente espulsione di forza
lavoro fanno oggi rifettere, sia dentro che fuori dai distretti, sullopportunit di
azioni sistemiche che garantiscano occupabilit e innalzamento delle compe-
tenze professionali fnalizzate a rendere limpresa pi innovativa.
Un secondo aspetto interessante il rafforzamento della cultura dimpresa;
quasi il 60% degli intervistati ha, infatti, indicato come prioritario linnalzamento
della qualit della classe imprenditoriale. Apertura al nuovo, capacit di visio-
ne prospettica, ma anche valorizzazione delle risorse umane disponibili sono
ancora variabili strategiche che occorre incentivare e la crescita della classe
imprenditoriale appare, nei distretti, come un percorso tuttaltro che compiuto.
Inoltre, forte appare il richiamo alla necessit di ridefnire il ruolo di molti soggetti
intermedi: la richiesta di Enti locali pi rapidi nelle decisioni e di un centro servizi
di distretto che operi per pi imprese, ma soprattutto il diffuso convincimento
della necessit di organi unitari che propongano nuova progettualit per il di-
stretto, riaprono il dibattito su chi rappresenti queste forme di aggregazione.
Fig. 10 - Leve strategiche per rilanciare la competitivit dei distretti produttivi
(risposte in %)
Il totale non d 100 poich erano possibili pi risposte Fonte: indagine Censis, 2010
16,8
20,8
30,7
37,6
40,6
40,6
49,5
52,5
59,4
69,3
Interventi per la conservazione dell'ambiente e per evitare
degrado ambient.
Combattere il lavoro sommerso e la concorrenza sleale
Disporre di un marchio di distretto
Interventi per il miglioramento delle infrastrutture di
collegamento
Un centro che offra servizi e consulenza alle imprese di
distretto
Ruolo pi attivo ed efficiente degli Enti locali
Innalzamento della qualit delle produzioni del distretto
Un organismo che rappresenti il distretto in modo unitario e
che elabori progettualit a sostegno del distretto
Innalzamento qualit della classe imprenditoriale del
distretto
Formazione e miglior. competenze professionali
Fig. 10 - Leve strategiche per rilanciare la competitivit dei distretti produttivi (risposte in %)
127
4. Contributi
Il fatto che pi del 50% degli intervistati consideri necessaria e auspicabile la
presenza di un organismo che rappresenti il distretto, lascia comprendere come
il dibattito sulla governance sia tuttaltro che defnito e risulti abbastanza prio-
ritario in unipotetica agenda dei lavori in materia di politiche a sostegno delle
imprese.
4.7 La rete come principio fondante
Il distretto industriale resta espressione compiuta di una rete dal doppio signif-
cato e fnalit: rete di produzione e solidale.
Il primo aspetto appare da sempre evidente: nel distretto la circolazione delle
informazioni, in modo formale o informale, appare piuttosto intensa e continua
ed ha generalmente effetti positivi sul miglioramento del prodotto e soprattutto
del processo produttivo. In effetti, la forma di interscambio che appare pi dif-
fusa (segnalata dal 56,3% degli imprenditori contattati) quella con i fornitori
e con i committenti (fg. 11). Si tratta generalmente di reti informali che dovreb-
bero consentire linnalzamento della qualit del processo produttivo e forme di
innovazione incrementale.
Accanto a questa confgurazione tradizionale di rete collaborativa, sembra
prendere piede quella fnalizzata ad incentivare uninnovazione pi strutturata e
a sostenere attivit di ricerca applicata attraverso legami stabili tra le imprese di
distretto e centri universitari di ricerca (questo tipo di collaborazione stato se-
gnalato da quasi il 40% degli imprenditori contattati). Questo tipo, pi comples-
so, di rete sembra lentamente farsi spazio nella pratica distrettuale, ancorch
limitato ad un raggio di azione ridotto. Le esperienze pi note, infatti, mettono in
evidenza come le imprese operino prevalentemente con le strutture universitarie
pi vicine, quasi di prossimit. Sebbene, inoltre, il rapporto impresa-Universit
sembri essersi intensifcato negli ultimi anni, il Paese resta lontano da altre pi
interessanti esperienze a livello europeo.

128
Contributi
4.
Altre forme di collaborazione appaiono pi diradate, come la partecipazione a
consorzi per lacquisto di materie prime, o per la partecipazione a gare dap-
palto.
Pi contraddittorio, ma anche pi interessante, appare il bilancio sullintensit
dei legami intradistrettuali. Occorre sfatare, se mai ve ne fosse la necessit,
lidea del distretto come organizzazione profondamente omogenea al proprio
interno. Ci che certo che il sistema delle relazioni appare piuttosto fuido
e soprattutto mutevole, dipendente ovviamente dalle evoluzioni del contesto
economico. Cos, dunque, secondo le opinioni degli intervistati, se le forme
di collaborazione e le reti solidali tra le imprese da un lato e le Associazioni
di categoria, le Universit, i Centri di ricerca e gli Enti locali, dallaltro, si sono
moderatamente intensifcati, quelli con il sistema bancario e quelli tra imprese
stesse si sono sostanzialmente indeboliti (fg. 12).
Emerge soprattutto un marcato nuovo individualismo soprattutto delle impre-
se, che negli ultimi anni, in molti distretti, hanno proceduto per proprio conto,
tentando strade originali di crescita. Non un caso, peraltro, che proprio tra
le azioni correttive per il rilancio della competitivit molti operatori intervistati
abbiano indicato il ritorno a forme pi strette di coordinamento tra imprese,
una sorta di ricentraggio delle strategie, che appare tuttavia oggettivamente
diffcile da attivare.

Fig. 11 - Opinioni sullintensit dei legami e dei rapporti di collaborazione allinterno
dei distretti produttivi (risposte in %)
Il totale non d 100 poich erano possibili pi risposte Fonte: indagine Censis, 2010
6,3
8,3
18,8
18,8
25,0
25,0
39,6
56,3
Abbiamostipulatoociinteresserebbesottoscrivere
unContrattodiRete(Legge33del2009)
Nonintratteniamoalcuntipodicollaborazione,perchpreferiamo
esserecompletamenteindipendenti
Conaziendedelcompartoperrealizzareeconomieinterminidiacquisti
eforniture
Conaltreaziendeperpartecipareabandiogared'appaltodappalto
(ass.temporaneadimprese,raggruppamentotemporaneodimprese,etc)
Conaltreaziendedelterritorioperrispondere a esigenze specifche (es. consorzi per
linfrastrutturazionediareeattrezzate, smaltimento rifuti, depurazione acque, altri servizi)
L'aziendafapartediunconsorzioodiunacooperativa
ConUniversitoCentridiricercaperiniziativediricercaapplicata
Concommittentie/ofornitori
Fig.11-Formedicollaborazionepidiffusetraleimpresedidistretto(rispostein%)
129
4. Contributi
Resta il fatto che la crisi economica ha messo alla prova, ovviamente, le reti
solidali allinterno di molti distretti, attraverso lintervento di molti soggetti in-
termedi. Da questo punto di vista, sembra emergere un quadro positivo. Molti
gli intervistati che hanno ritenuto positivo lintervento di strutture come le Asso-
ciazioni di categoria e datoriali, le Camere di Commercio, gli Enti locali e, dove
presenti, i centri servizi di distretto (fg. 13).
Fig. 12 - Enti e organismi attivi nel contrastare la fase di recessione tra il 2008 e il 2010
nei distretti produttivi (risposte in %)
Fonte: indagine Censis, 2010
7,9
9,9
28,7
33,7
38,6
47,5
63,4
49,5
22,8
13,9
15,8
5,9
Rapporti di collaborazione e scambio di idee tra
imprese
Rapporti con il sistema bancario che opera nel territorio
distrettuale
Rapporti di subfornitura
Rapporti con gli Enti locali
Rapporti con le Associazioni di rappresentanza
Rapporti con Universit e Centri di ricerca/conoscenza
Fig. 12 - Opinioni sull'intensit dei legami e dei rapporti di collaborazione all'interno dei distretti
produttivi (risposte in %)
I legami si sono rafforzati I legami si sono indeboliti
Fig. 13 - Enti e organismi attivi nel contrastare la fase di recessione tra il 2008 e il 2010
nei distretti produttivi (risposte in %)
Il totale non d 100 poich erano possibili pi risposte Fonte: indagine Censis, 2010
14,9
17,8
30,7
47,5
53,5
56,4
63,4
71,3
Fondazioni bancarie
Banche
Sindacati
Amministrazione provinciale e/o Comuni
Centri di servizi di distretto
Amministrazione regionale
Camera di Commercio
Associazioni di categoria/di imprenditori
Fig. 13 - Enti e organismi attivi nel contrastare la fase di recessione tra il 2008 e il 2010 nei distretti
produttivi (risposte in %)
130
Contributi
4.
La crisi ha rimesso in gioco gran parte della forza di coesione intra-distrettuale,
ma per il momento larchitettura complessiva, quel legame forte tra territorio
e impresa, sembra mostrare ancora molti punti di forza e poche debolezze.
Occorre tuttavia chiedersi, sempre e comunque, quanto le reti distrettuali siano
attuali. Se da un lato esse garantiscono il perpetuarsi di un modello che resiste
alle diffcolt pi evidenti, dallaltro sempre pi evidente che tali reti devono
aprirsi allesterno, devono essere capaci di seguire geometrie variabili, devono
collegarsi a tecnostrutture vicine e lontane. Il distretto, in sostanza, pu essere
la base attraverso cui far passare reti sempre pi ampie e nuove, forme di col-
laborazione diverse: dai consorzi acquisti a quelli per lexport, da quelli per la
sperimentazione di innovazioni fno alle piattaforme logistiche comuni. E questa
appare la sfda dei prossimi anni.
131
4. Contributi
Lindagine stata realizzata dal Censis nei mesi di novembre e dicembre 2010
su un campione di imprenditori e di testimoni privilegiati operanti allinterno di
uno dei distretti industriali italiani. La rilevazione si svolta tramite metodologia
CAWI (Computer Assisted Web Interview).
Hanno risposto al questionario 101 persone i cui nominativi sono stati tratti da
un indirizzario fornito dalla Federazione dei distretti italiani.
Di seguito vengono riportate le caratteristiche essenziali del campione:
Tipologia di rispondente
Imprenditore o dirigente dazienda
Altro (Sindacalista, Amministratore pubblico, funzionario
di Amministrazione pubblica, membro di Associazione di categoria)
48,5%
51,5%
Localizzazione del rispondente
Nord
Centro
Sud
79,2%
14,9%
5,9%
I distretti produttivi da cui sono pervenute le risposte al questionario vengono
di seguito elencati: calzature del Brenta, illuminotecnica di Padova, distretto
del caff di Trieste, abbigliamento di Teramo e Val Vibrata, distretto del coltello
di Maniago, concerie di Santa Croce sullArno, Mobile-arredo di Pordenone,
distretto mobiliero di Trento, distretto del marmo di Carrara, distretto di Lumez-
zane, distretto del mobile di Livenza, distretto tessile di Lecco, distretto delle
tecnologie TIC di Udine, occhialeria di Belluno, Sportsystem di Montebelluna,
distretto cartario di Frosinone, termolettromeccanica di Pordenone, distretto
del freddo di Padova, distretto cuneese delle produzioni alimentari, sistema
della bioedilizia ed energie rinnovabili di Belluno, distretto della sedia di Manza-
no, distretto della meccanica di Lecco, distretto orafo di Arezzo, distretto della
moda di Verona, distretto della meccanica di Vicenza.
4.8 Nota metodologica

133
Analisi economico-fnanziaria
dei distretti industriali italiani
Contributi
La crisi che ha colpito leconomia internazionale nel 2009 ha avuto effetti di-
rompenti sullevoluzione dei distretti industriali. Lobiettivo di questo capitolo
quello di tracciare un bilancio di questi effetti. Si tratta di uno dei primi lavori
che sulla base dei bilanci aziendali misura landamento nel 2009 delle imprese
distrettuali in termini di fatturato, redditivit, equilibrio economico-fnanziario
1
.
Finora, infatti, i numeri disponibili sui distretti per il 2009 si limitavano ai dati di
interscambio commerciale, che evidenziano un crollo delle esportazioni senza
precedenti nella storia recente
2
. I bilanci aziendali consentono di completare il
quadro, tenendo conto anche dellevoluzione delle imprese italiane sul mercato
interno e dei principali indicatori che misurano lo stato di salute della gestione
industriale.
1
Cfr. anche Economia e fnanza dei distretti industriali, Rapporto annuale n. 3, dicembre 2010, a cura
di Intesa Sanpaolo.
2
A questo proposito si rimanda al contributo della Fondazione Edison di questo Rapporto e allultimo
numero del Monitor dei distretti, dicembre 2010, n. 32, a cura di Intesa Sanpaolo.
Giovanni Foresti, Fabrizio Guelpa e Angelo Palumbo
Intesa Sanpaolo
5.1 Introduzione
5.
134
5.2 Descrizione del campione di bilanci
Lanalisi di questo capitolo realizzata sui bilanci di esercizio del triennio 2007-
09 estratti dal database del Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo e rela-
tivi alle imprese dei distretti individuati dallOsservatorio della Federazione dei
Distretti Italiani. Sono stati utilizzati campioni chiusi, formati cio da imprese
incluse nella banca dati in tutto il triennio e con un fatturato superiore al milione
di euro nel 2007.
Sulla base di questi criteri di selezione sono state individuate 14.116 imprese
distrettuali. Di queste il 50% circa sono imprese di piccole dimensioni, con un
fatturato compreso tra i 2 e i 10 milioni di euro
3
(Tab. 1). Nel campione sono
presenti anche molte microimprese (il 30% circa)
4
. Meno numerose sono, inve-
ce, le imprese medie (16,6%) e quelle di grandi dimensioni (3,3%), che tuttavia
hanno un peso preponderante in termini di fatturato. Le grandi imprese realiz-
zano, infatti, poco meno del 50% del fatturato del campione selezionato; un
altro 28,3% delle vendite invece attribuibile alle medie imprese. Pertanto le
imprese con meno di 10 milioni di fatturato (micro imprese e piccole imprese),
pur essendo numericamente prevalenti, sviluppano poco meno di un quarto
del fatturato del campione.
Tab. 1 Numero e fatturato del campione di imprese per dimensioni aziendali
Tab. 1 Numero e fatturato del campione di imprese per dimensioni aziendali
Fonte: Intesa Sanpaolo
Tab. 2 Numero e fatturato del campione di imprese per settore economico
(a) ICT, aerospaziale, biomedicale, cartario, gomma e plastica, nautica.
Fonte: Intesa Sanpaolo
3
Nel campione sono state individuate quattro classi dimensionali:
1. Micro imprese: fatturato nel 2007 compreso tra 1 e 2 milioni di euro;
2. Piccole imprese: fatturato nel 2007 compreso tra 2 e 10 milioni di euro;
3. Medie imprese: fatturato nel 2007 compreso tra 10 e 50 milioni di euro;
4. Medio-grandi e Grandi imprese: almeno 50 milioni di euro di fatturato nel 2007.
4
Il campione estratto e analizzato in questo capitolo tende a sottorappresentare le microimprese es-
sendo prevalentemente composto da societ di capitali ed escludendo quasi del tutto le societ di
persone e le ditte individuali
Contributi
5.
135
Nel campione relativamente pi elevato il peso delle imprese specializzate
nella moda (tessile, abbigliamento, calzature, concia, occhialeria) e nei beni del
sistema casa (mobile, bioedilizia, piastrelle; Tab. 2). Ci la conseguenza della
pronunciata specializzazione produttiva dei distretti industriali italiani in questi
settori. Cos come evidente anche dai dati censuari, infatti, una quota molto
elevata degli addetti italiani del sistema moda e del sistema casa trova impiego
nei distretti industriali
5
.
Tab. 2 Numero e fatturato del campione di imprese per settore economico
A livello geografco spicca il peso del Nord est, che, come noto, unarea
ad alta intensit distrettuale (Tab. 3). Il 37,1% delle imprese del campione, in-
fatti, appartiene a questa ripartizione geografca. Segue da vicino il Nord ovest
(32,5%) e a grande distanza il Centro (un quarto circa delle imprese). Solo il
6,6% delle imprese del campione sono localizzate nel Mezzogiorno.
Tab. 3 Numero e fatturato del campione di imprese per ripartizione geografca
Tab. 1 Numero e fatturato del campione di imprese per dimensioni aziendali
Fonte: Intesa Sanpaolo
Tab. 2 Numero e fatturato del campione di imprese per settore economico
(a) ICT, aerospaziale, biomedicale, cartario, gomma e plastica, nautica.
Fonte: Intesa Sanpaolo
Tab. 3 Numero e fatturato del campione di imprese per ripartizione geografica
Fonte: Intesa Sanpaolo
Figura 1 Distretti: evoluzione del fatturato (variazione % del fatturato; valori mediani)
Totale distretti Produzioni distrettuali
Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali
5. Contributi
5
A questo proposito cfr. Foresti G., Trenti S., 2007, I distretti in trasformazione: nuovi mercati, interna-
zionalizzazione e lemergere di leadership, in Guelpa F., Micelli S., (a cura di), I distretti industriali del
terzo millennio, Il Mulino.
136
5.3 Levoluzione del fatturato e della redditivit
Nel 2009 il fatturato delle imprese distrettuali italiane, dopo il calo registrato nel
2008, ha accusato un vero e proprio crollo, arretrando in termini mediani del
18,9% (Fig. 1).
Fig. 1 Distretti: evoluzione del fatturato (variazione % del fatturato; valori mediani)
I distretti hanno registrato pesanti riduzioni del fatturato in gran parte dei settori.
Solo i distretti alimentari, grazie al carattere poco ciclico dei consumi di questo
settore, hanno limitato al minimo il calo delle vendite. Tra le aree distrettuali pi
in diffcolt vi sono quelle specializzate nella fliera metalmeccanica che hanno
risentito del crollo della domanda di beni di investimento causato dalleccesso
della capacit produttiva presente in Italia e, soprattutto, nelle principali eco-
nomie avanzate. Il crollo del fatturato di queste produzioni sconta anche il forte
rientro dei prezzi delle commodity. Riduzioni signifcative di fatturato hanno
interessato anche i produttori del sistema moda e di beni legati al sistema casa
(beni per ledilizia e mobile), che sono stati penalizzati dal ridimensionamento
del reddito disponibile delle famiglie. Le imprese specializzate in beni per la
casa hanno anche risentito dalla crisi che ha colpito il settore immobiliare in
molti paesi avanzati.
Il crollo del fatturato ha avuto effetti molto negativi sui margini operativi netti
(in percentuale del fatturato) e sul tasso di rotazione del capitale investito
6
(Fig.
2), ovvero sugli indicatori che combinati tra loro determinano la redditivit della
gestione industriale (ROI).
Tab. 3 Numero e fatturato del campione di imprese per ripartizione geografica
Fonte: Intesa Sanpaolo
Figura 1 Distretti: evoluzione del fatturato (variazione % del fatturato; valori mediani)
Totale distretti Produzioni distrettuali
Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali
Contributi
5.
137
Fig. 2 Distretti: evoluzione di margini e tasso di rotazione del capitale investito
(valori mediani)
Il ridimensionamento dei margini (scesi, in termini mediani, al 3,3% dal 4,6% del
2008), oltre a rifettere le elevate pressioni competitive presenti sui mercati,
anche un effetto dellelevata capacit produttiva inutilizzata, che ha appesantito
i conti delle imprese. Limpossibilit di utilizzare a pieno regime i mezzi produttivi
a disposizione si , infatti, tradotta in un aumento dellincidenza sul fatturato dei
costi fssi legati, ad esempio, agli ammortamenti e ai costi dei servizi (tra questi,
gli afftti e/o le royalty per licenze). Nonostante il massiccio ricorso alla cassa
integrazione guadagni (CIG) anche il peso del costo del lavoro cresciuto. Sa-
crifci maggiori sul fronte dei margini sono stati evitati grazie al rientro dei prezzi
delle commodity e a unattenta politica delle scorte, che hanno portato a forti
risparmi sul fronte degli acquisti di materie prime e semilavorati.
Tra le specializzazioni distrettuali con margini pi contenuti e pi colpiti dalla crisi
del 2009 spiccano il sistema moda (e allinterno di questi il distretto della concia
di Solofra, il tessile-abbigliamento di Biella e Vercelli, il tessile e abbigliamento di
Como) e le produzioni legate al sistema casa (come il mobile della provincia di
Pordenone e le sedie di Manzano; Fig. 3). Pur mantenendosi su livelli pi elevati,
hanno subito un ridimensionamento signifcativo anche i margini unitari delle
imprese distrettuali specializzate nella meccanica e nella metallurgia e prodotti
Figura 2 Distretti: evoluzione di margini e tasso di rotazione del capitale investito
(valori mediani)
Margini operativi netti in % del fatturato
Rotazione del capitale investito
(fatturato/capitale investito)
Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali
6
Nel 2008 la contrazione del tasso di rotazione del capitale investito (fatturato su capitale investito) si
spiega anche con lintroduzione del decreto legge 185/2008 che ha dato la possibilit alle imprese di
rivalutare alcune tipologie di immobilizzazioni. Ci si tradotto in un aumento contabile del denomi-
natore di questo indicatore.
5. Contributi
138
in metallo (su tutti il polo dei metalli del lecchese). Le realt industriali di questi
settori sono state penalizzate dal forte crollo del fatturato, che ha signifcativa-
mente innalzato lincidenza dei costi fssi. Meglio hanno saputo fare le imprese
del settore alimentare, che hanno accusato una riduzione dei margini unitari
solo marginale. questo il caso, ad esempio, del distretto Agro-Alimentare di
Nocera Inferiore-Gragnano e del metadistretto alimentare Veneto.
Fig. 3 Margini operativi netti in % del fatturato (valori mediani)
stato dunque inevitabile un nuovo ridimensionamento del ROI, che si por-
tato su valori storicamente bassi (Fig. 4), con rifessi negativi sulla redditivit
complessiva (ROE al netto delle imposte) solo in parte attenuati da un costo
del debito pi contenuto e da un nuovo rafforzamento, seppur lieve, della patri-
monializzazione delle imprese distrettuali (visibile, almeno indirettamente, dalla
riduzione della leva fnanziaria).
Fig. 4 Distretti: evoluzione di ROI e ROE (valori mediani)
Figura 3 Margini operativi netti in % del fatturato (valori mediani)
Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali
Figura 4 Distretti: evoluzione di ROI e ROE (valori mediani)
) b ( E O R ) a ( I O R
(a) margini operativi netti in % del capitale investito; (b) risultato netto rettificato in % patrimonio netto.
Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali
Contributi
5.
139
5.4 La dispersione delle performance
Gli effetti della crisi del 2009 si sono fatti sentire anche in termini di distribuzio-
ne delle performance. Lo scorso anno, infatti, si assistito allesplosione della
dispersione delle performance di crescita e reddituali delle imprese distrettuali.
I risultati si sono cio ulteriormente polarizzati, con un aumento della distanza
tra le imprese migliori e quelle peggiori, sia nei distretti che nelle aree non di-
strettuali. In termini di margini operativi netti (in percentuale del fatturato), ad
esempio, la relativa tenuta della mediana del top 20% delle imprese distrettuali
(nono decile della distribuzione) stata accompagnata da un vero e proprio
crollo della mediana delle imprese peggiori (ultimo 20% della distribuzione;
primo decile), che scesa a -14% nel 2009 dal -4% del 2008 (Figura 5).
Lalta dispersione delle performance spiegata dallelevata divaricazione dei
risultati di crescita e reddituali sia tra distretti industriali (anche appartenenti
alla stessa fliera produttiva), sia nei distretti.
Lalta dispersione delle performance tra distretti, anche allinterno della mede-
sima fliera produttiva, si spiega con il loro diverso posizionamento strategico,
in termini di know-how produttivo, tecnologico, terziario e commerciale. Lele-
vata dispersione dei risultati nei distretti industriali (presente cio tra imprese
appartenenti allo stesso distretto) pu, invece, dipendere dalla sempre maggio-
re importanza delle fasi non connesse alla trasformazione industriale, come il
Contributi 5.
Figura 5 Distretti: evoluzione di m argini e fatturato per decili
(Primo e nono decile della distribuzione)
Figura 5 Distretti: evoluzione di margini e fatturato per decili
(Primo e nono decile della distribuzione)
Margini operativi netti in % del fatturato Variazione % del fatturato
Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su bilanci aziendali
140
marketing e la fase distributiva. Se, infatti, linnovazione di prodotto o processo
pu essere acquisita tramite lo scambio di informazioni e/o tecnici o lacquisto
di macchinari che incorporano nuove tecnologie produttive, il processo di as-
similazione e imitazione di nuovi modi di fare marketing o di commercializzare
i prodotti probabilmente pi diffcile, portando ad accrescere la distanza tra
chi in grado di implementare le nuove strategie e chi non lo .
In questo contesto, molte imprese distrettuali hanno visto saltare il loro equi-
librio economico-fnanziario, mostrandosi incapaci di ripagare il costo del de-
bito con i fussi economici generati dalla gestione industriale. Peraltro, molte
di queste erano gi in una situazione di estrema diffcolt nel 2008. La crisi del
2009, pertanto, ha colpito duramente tutto il tessuto produttivo e, in particola-
re, i soggetti che si sono presentati impreparati sul piano competitivo o con una
situazione fnanziaria e patrimoniale gi compromessa.
5.5 In sintesi
In estrema sintesi, dallanalisi emerge che la crisi del 2009 ha avuto effetti di-
rompenti sul tessuto produttivo distrettuale. Lalta propensione allexport delle
imprese distrettuali le ha particolarmente esposte al forte deterioramento delle
condizioni della domanda estera. Il fatturato dei distretti ha subito un vero e
proprio crollo, mentre la redditivit della gestione industriale e complessiva ha
registrato un signifcativo ridimensionamento. I distretti hanno subito un forte
deterioramento del fatturato e delle condizioni reddituali in gran parte dei set-
tori. Solo i distretti alimentari, grazie al carattere poco ciclico dei consumi di
questo settore, hanno limitato al minimo il calo delle vendite e il ridimensiona-
mento dei margini unitari.
Gli effetti della crisi del 2009 si sono fatti sentire anche in termini di disper-
sione delle performance che fortemente aumentata. Si cio assistito a un
aumento della distanza tra le imprese migliori e quelle peggiori. Sono questi in
estrema sintesi i principali risultati emersi dallanalisi dei bilanci aziendali delle
14.116 imprese distrettuali individuate dallOsservatorio della Federazione dei
Distretti Italiani.
Contributi 5.
141
La dinamica dellexport distrettuale italiano durante
la crisi e la prima fase della ripresa
Contributi
6.1.1. Lo scoppio della bolla immobiliare e fnanziaria
La crisi fnanziaria ed economica mondiale, la pi grave dal 1929 e della quale
ancora oggi stiamo vivendo le drammatiche conseguenze, trae origine, come
noto, dalla bolla immobiliare e fnanziaria che nella prima decade di questo
secolo ha avuto il suo epicentro negli Stati Uniti, e si poi rapidamente estesa
anche a quei Paesi avanzati che avevano seguito il modello di sviluppo ame-
ricano o ne avevano applicato sue varianti, Gran Bretagna, Irlanda e Spagna
in testa.
Il disastro economico-fnanziario stato poi amplifcato dallincontrollata pro-
liferazione a livello mondiale di nuovi strumenti fnanziari, non regolamentati e
poco trasparenti, che si sono moltiplicati a dismisura in stretto collegamento
con la crescita della massa dei mutui per lacquisto della casa. Si tratta del-
le cosiddette obbligazioni collateralizzate e di altri titoli ad alto rischio che,
con linversione del ciclo immobiliare e la caduta dei prezzi delle case, sono
diventati rapidamente illiquidi, e perci senza alcun valore, provocando in de-
fnitiva una drammatica caduta delle borse, il fallimento o la nazionalizzazione
Marco Fortis e Monica Carminati
Fondazione Edison
6.1 Origini e sviluppo della crisi mondiale:
lattuale contesto macroeconomico
6.
142
di molte grandi banche in diffcolt ed innescando una spirale di sfducia senza
precedenti, che ha portato alla gelata dei consumi e degli investimenti in
tutti i continenti, dallAmerica allEuropa, sino allAsia. Tali titoli, che sono stati
chiamati tossici per aver infettato e reso vulnerabili i bilanci delle banche e
i patrimoni di milioni di famiglie in tutto il mondo, si sono infatti diffusi a livello
planetario, attraverso le grandi banche sistemiche e gli hedge funds, ossia quei
fondi speculativi che mirano ad ottenere rendimenti molto cospicui, accettan-
do elevati livelli di rischio.
Negli Stati Uniti, cos come negli altri Paesi citati, la bolla immobiliare dellulti-
mo decennio ha letteralmente drogato la crescita delleconomia. La droga,
ora lo riconoscono tutti, era stata fornita dai debiti privati, lasciati colpevol-
mente crescere non soltanto dagli Stati Uniti ma anche da molte altre nazioni
che, alla stregua di specchietti per le allodole, ostentavano debiti pubblici bassi
come prova di seriet e solidit fnanziaria per attrarre gli investitori. Emble-
matico il caso dellIrlanda che ancora nel 2007 aveva un rapporto debito
pubblico/Pil pari al 25% e che oggi si trova invece sullorlo del baratro, con un
rapporto defcit/Pil che potrebbe superare nel 2010 il 32% del Pil, un debito
pubblico lanciato verso il 114% del Pil nel 2012 e un sistema bancario con
perdite pari al 55% del Pil.
Per avere unidea di quanta parte abbia avuto lesplosione dellindebitamento
privato nelloriginare la crisi basta dare una rapida scorsa allo studio Debt and
deleveraging: the global credit bubble and its economic consequences pub-
blicato nel gennaio 2010 da McKinsey Global Institute. Secondo tale studio,
tra il 2000 e il 2008 la crescita del debito aggregato pubblico e privato nelle
principali economie avanzate stata di oltre 40.000 miliardi di dollari, ma il
75% circa di tale aumento stato generato non dagli Stati con il debito pub-
blico, bens dal settore privato, attraverso i debiti di famiglie, banche e impre-
se. Anche la Banca di Francia ha ricostruito una comparazione internazionale
della dinamica dellindebitamento aggregato pubblico e privato, mettendo a
confronto i rapporti debito pubblico/Pil e debito privato/Pil di Francia, Spagna,
Germania, Gran Bretagna, Italia, Giappone e Stati Uniti. E da questo studio
emerge come alla fne del 4 trimestre 2009 il pi alto rapporto tra debito pri-
vato (famiglie+imprese) e Pil si aveva in Spagna, e a seguire in Gran Bretagna,
Stati Uniti e Giappone, mentre i valori pi bassi si trovavano in Italia, Germania
e Francia.
Contributi
6.
143
Ad oggi chiaro che stato proprio grazie alla bolla dellindebitamento pri-
vato che gli Stati Uniti e i Paesi periferici dellUnione Europea, sia quelli del-
lOvest (Gran Bretagna, Irlanda, Spagna) sia quelli dellEst (principalmente i
Paesi baltici), hanno potuto godere per quasi un decennio di tassi di sviluppo
assai pi alti dei principali Paesi fondatori della vecchia Europa economica
(Germania, Italia, Francia). Questultima, incardinata sulla nuova politica di au-
sterit delleuro e fortemente impegnata a contenere il debito pubblico, prima
dello scoppio della crisi veniva considerata in declino a causa della dinamica
prudente dei consumi delle sue famiglie e perch basata sulleconomia reale
pi che sui servizi avanzati. In realt Germania, Italia, Francia rappresentano
i paesi pi equilibrati dellEuroarea, con una crescita che, se negli anni passati
risultata pi lenta, stata sicuramente anche pi bilanciata ed equilibrata, e
con un debito aggregato (debito pubblico + debito privato di famiglie, banche
e imprese) inferiore a quello dei Paesi che negli anni precedenti la crisi sono
cresciuti a un ritmo doppio, ma solo grazie allenorme indebitamento di fami-
glie e imprese e grazie alla bolla immobiliare e fnanziaria che in quei Paesi
stata formidabile.
Oggi questi Paesi sono alle prese con importanti piani di salvataggio e di sti-
molo delle loro economie, e il prezzo pagato in termini di peggioramento delle
fnanze pubbliche stato elevatissimo. Nel 2009 sono infatti esplosi i defcit
pubblici (secondo il Fmi il defcit pubblico degli Stati Uniti ha raggiunto il 12,9%
del Pil, quello della Spagna l11,2%, quello della Gran Bretagna il 10,3%, quel-
lo del Giappone il 10,2% solo per ricordarne alcuni), ma anche negli anni a
venire resteranno elevati, anche se ridimensionati rispetto allautentica esplo-
sione registrata nel 2009. Gli sforzi posti in essere dai governi per contrastare
la crisi e stimolare la ripresa economica non hanno, tuttavia, impedito che gli
effetti negativi della crisi fnanziaria si trasferissero rapidamente alleconomia
reale: il commercio internazionale crollato (-11,2% su base annua nel 2009,
ma con il primo semestre caratterizzato da una contrazione del 30% circa), il
Pil mondiale a prezzi costanti si ridotto dello -0,6%, la disoccupazione ha
ricominciato a crescere a ritmi sostenuti, pur con alcuni distinguo tra le varie
aree del pianeta. Basti pensare che secondo lOrganizzazione Internazionale
del Lavoro gli ultimi 3 anni hanno aggiunto ben 30 milioni di disoccupati a un
totale mondiale che raggiunge la cifra record di 210 milioni di soggetti e che,
sempre a detta dellILO, lespansione prevista per i prossimi 2 anni non riuscir
ad assorbire tutti i posti di lavoro persi durante la crisi.
6. Contributi
144
6.1.2. La crisi dei debiti sovrani
Alla crisi fnanziaria ha poi fatto seguito la crisi dei debiti sovrani, esplosa tra
linverno del 2009 e la primavera del 2010, originata a sua volta dagli altissimi
prezzi che, come visto, i governi dei vari paesi hanno dovuto pagare in termini
di peggioramento delle fnanze pubbliche: per gestire la crisi i governi sono
infatti dovuti intervenire iniettando sul mercato migliaia di miliardi di liquidit,
accumulando cos debiti immensi.
Su questo fronte il primo Paese ad essere pesantemente colpito stato, come
noto, la Grecia, colpevole non solo di aver fatto crescere in misura esponenzia-
le il proprio debito pubblico, ma di aver anche truccato i propri conti statali.
Nel maggio 2010, quando la crisi fnanziaria sembrava superata e cominciava-
no ad apparire i primi segnali di una ripresa delleconomia reale, i Paesi del-
lUnione europea si sono cos trovati a dover gestire la profonda crisi greca,
scatenata da un debito pubblico sfuggito ormai da ogni forma di controllo, e gli
atteggiamenti speculativi del mercato che, nei giorni del pesante attacco al-
leuro, hanno posto una seria ipoteca sullesistenza stessa della moneta unica
e dellUnione europea.
In tale frangente il Fondo monetario internazionale e le istituzioni comunitarie
(Ue e Bce) hanno saputo reagire in maniera adeguata intervenendo con un pia-
no di salvataggio congiunto, concedendo alla Grecia un prestito a condizioni
agevolate per un importo pari a 110 miliardi di euro in tre anni, rimborsabile
in 10 anni; di questi 110 miliardi, 30 sono stati messi a disposizione dal Fmi,
mentre i restanti 80 sono stati messi a disposizione dai partner dellarea euro.
In seguito a tale crisi i paesi dellarea euro hanno dato origine al Fondo europeo
di salvataggio (Efsf European fnancial stability facility), dotato di 440 miliardi
di euro, creato con lobiettivo di intervenire a sostegno di altri eventuali paesi in
diffcolt, attraverso la concessione di prestiti fnanziari garantiti dai governi na-
zionali. E loccasione si puntualmente presentata, nei giorni in cui scriviamo,
con il rischio default dellIrlanda, attanagliata nella morsa dellindebitamento
privato e dal fallimento del suo sistema bancario. In Irlanda, la situazione
stata ulteriormente aggravata dalla decisione assunta dal governo al momento
dellesplosione della crisi di garantire tutte le passivit delle proprie banche,
sperando evidentemente di non dover arrivare al punto di dover intervenire
concretamente, come invece poi successo. E poich la crisi del sistema ban-
cario irlandese non riguarda solo lIrlanda, ma tutti i Paesi dellUnione europea
Contributi
6.
145
ed in particolare quei paesi, Germania e Gran Bretagna in testa, le cui banche
sono signifcativamente esposte nei confronti delle banche celtiche, per lIrlan-
da stato rapidamente annunciato un piano di salvataggio dellentit di 85 mi-
liardi di euro in tre anni, dei quali 35 sono destinati proprio al sistema bancario.
Un terzo degli 85 miliardi saranno messi a disposizione dal Fondo monetario
internazionale, un terzo dai fondi a disposizione presso la Commissione euro-
pea e un terzo dal Fondo di stabilit intergovernativo (Efsf).
Oltre allIrlanda, i Paesi che oggi sono pi bersagliati dalla speculazione inter-
nazionale e che sembrerebbero i pi esposti a rischi default sono il Porto-
gallo e, a seguire, la Spagna, timore confermato dal costante incremento dello
spread dei loro titoli decennali del tesoro rispetto al bund tedesco. Parrebbe,
addirittura, che il Portogallo abbia ricevuto pressioni da governi e Bce per ac-
cettare gli aiuti, in modo da placare le tensioni sui mercati ed impedire che la
situazione si aggravi ulteriormente. Notevolmente pi problematico sarebbe
invece un intervento a sostegno della Spagna in quanto, oltre ad essere il quar-
to Paese dellEuro-area, economicamente grande quasi il doppio di Irlanda,
Portogallo e Grecia messe insieme, e di conseguenza lentit del salvataggio
andrebbe ad esaurire i fondi disponibili o, addirittura, questi potrebbero risul-
tare insuffcienti.
Per far fronte a tali situazioni di crisi la Bce si impegnata in un consistente
piano di riacquisto di bond sovrani di Grecia, Portogallo e Irlanda nel tentativo
di stabilizzarne i prezzi, per il quale potr rendersi necessario un aumento di
capitale dellistituto europeo.
6.1.3. Il debito sovrano italiano
Per quanto riguarda lItalia, riteniamo che il nostro Paese non corra il rischio del
contagio della crisi irlandese e di quelle dei Paesi che ormai si ritengono pi
esposti a rischi default, vale a dire Portogallo e Spagna, come gi ricordato.
C, infatti, chi sostiene la pericolosit del nostro rapporto debito pubblico/Pil
che, come noto, il pi elevato in Eurolandia e il terzo al mondo, e che in questi
anni di crisi inevitabilmente aumentato, raggiungendo a ottobre 2010 i 1.867
miliardi di euro. Tuttavia, grazie alla politica di rigore sui conti pubblici perse-
6. Contributi
146
guita dal nostro Paese negli ultimi 10-15 anni, lincremento del debito pubblico
italiano stato assolutamente inferiore rispetto a quello sperimentato dai Paesi
periferici: secondo dati del Fondo Monetario Internazionale, infatti passato
da una media del 108% del periodo 2005-2009 a un valore del 118% nel 2010,
contro il salto dellIrlanda che ha visto passare il rapporto debito pubblico/Pil
dal 37% al 94%, mentre il rapporto debito pubblico/Pil della Grecia salito dal
101% al 130%, quello della Spagna passato dal 42% al 63% e quello del
Portogallo dal 66% giunto all83%. E poich i mercati guardano alle tendenze
e allintensit dei trend, lItalia da questo punto di vista gode di una maggiore
tranquillit rispetto a questi paesi europei. Anche per tale ragione lo spread
dei nostri buoni poliennali del tesoro nei confronti dei bund tedeschi molto
meno elevato rispetto a quello dei Paesi periferici, unitamente al fatto che gli
investitori istituzionali esteri continuano ad acquistare Btp italiani riconoscendo
allItalia lassenza di alcuni importanti rischi, come lo scoppio della bolla spe-
culativa immobiliare e il fallimento delle banche. Ed anche le agenzie di rating
hanno di recente confermato il rating e loutlook stabile dellItalia, unico tra i
Paesi periferici dellEuropa ad ottenere una cos buona valutazione.
Altro aspetto importante che gioca a favore dellItalia sono i fondamentali
della sua economia, grazie ai quali il nostro Paese riesce a controbilanciare
il fardello del suo debito pubblico distinguendosi, pertanto, e dissociandoci
dal gruppo dei Paesi periferici. In Italia, infatti, anche a seguito della crisi il
risparmio rimane elevato e la ricchezza delle famiglie appare meglio distribuita
che in altri Paesi, oltre ad essere basata su asset reali e fnanziari pi solidi.
Le banche italiane hanno risentito dello shock fnanziario e del contagio dei
titoli tossici in misura assai minore rispetto alle grandi banche straniere e
presentano una limitata esposizione estera nei Paesi maggiormente alle prese
con la crisi dei debiti sovrani, ma anche nei paesi in cui pi forti sono state le
conseguenze negative della bolla immobiliare e fnanziaria, Stati Uniti e Gran
Bretagna in testa: conseguentemente la qualit degli attivi in portafoglio delle
banche italiane migliore rispetto a quelle del resto dEuropa. Il nostro tasso
di disoccupazione rimane tra i pi contenuti, confermandosi a ottobre pari al
+8,6%, superiore soltanto, tra i principali paesi avanzati, a Germania (+6,7%) e
Regno Unito (+7,7%, dato che per si riferisce a luglio), ma abbondantemen-
te inferiore a quello della Spagna (20,7%), dellIrlanda (14,1%), del Portogallo
(11%); della Francia (9,8%), degli Stati Uniti (9,6%) e dellUe-27 (9,6%). Inoltre
il nostro modello produttivo rimasto incentrato prevalentemente sullindustria
manifatturiera pi che sui servizi, con uno scarso sviluppo di attivit fnanziarie
Contributi
6.
147
ed immobiliari che in alcuni Paesi si sono rivelate ad alto rischio: lItalia, infatti,
nonostante il prepotente avvento della Cina come fabbrica del mondo, non
ha rinunciato negli ultimi anni a crescere nel settore manifatturiero rimanendo,
insieme alla Germania, il Paese in assoluto pi industrializzato in termini di
produzione manifatturiera pro-capite, con una buona tenuta della sua compe-
titivit internazionale.
6.2 LItalia e la crisi mondiale
LItalia uno dei principali paesi manifatturieri del mondo; nella classifca sti-
lata da World Bank in base al valore aggiunto manifatturiero il nostro Paese
occupa infatti il 5 posto, posizionandosi dietro a Stati Uniti, Cina, Giappone
e Germania.
Storicamente, la forza del manifatturiero italiano radicata, come noto, nei
settori dei beni per la persona (sostanzialmente tessile-abbigliamento, calzatu-
re, orefceria, gioielleria, occhialeria, pelletteria) e dei beni per la casa (mobilio,
illuminotecnica, materiali da costruzione come piastrelle, ceramiche, vetro, ce-
mento, calcestruzzo, ecc.), settori che negli ultimi anni hanno visto crescere in
modo formidabile la concorrenza della Cina e degli altri paesi emergenti. Ma
grazie al posizionamento dellItalia nei segmenti a pi elevato valore aggiunto,
il nostro paese non ha perso completamente la sfda con le nuove economie
emergenti in questi comparti, ma ha continuato ad avere un buon posizio-
namento a livello internazionale, conservando un importante surplus manifat-
turiero: grazie alla nostra specializzazione nei beni per la persona e la casa,
nel comparto Altri manufatti (che corrisponde ai codici 6 e 8 della Standard
International Trade Classifcation) lItalia, infatti, terza al mondo per attivo con
lestero, dopo la Cina e la Germania.
Nel frattempo, per, il sistema italiano ha saputo dare una risposta effcace alla
sfda della globalizzazione cambiando in parte la sua specializzazione e raffor-
zandosi sempre pi nel settore meccanico, in modo particolare nella produ-
zione di macchine per lindustria e nella produzione di meccanica per impiego
6. Contributi
148
generale (pompe, valvole, rubinetti, ingranaggi), comparti in cui lItalia vanta un
posizionamento di vertice a livello mondiale. Ad oggi, infatti, nella Meccanica
(codici 71, 72, 73, 74 della Standard International Trade Classifcation) lItalia
presenta il terzo pi grande surplus commerciale con lestero del mondo, dopo
Germania e Giappone.
La Meccanica e i Beni per la persona e la casa, ossia i settori di maggiore
specializzazione del nostro export, rappresentano dunque i punti di forza del
sistema manifatturiero italiano. Tali settori sono, per, anche quelli pi colpiti
dalla crisi a livello mondiale, a causa della paralisi degli investimenti industriali
e degli investimenti in edilizia che ne seguita.
Per capire quanto il crollo del commercio mondiale ha inciso sulle nostre espor-
tazioni basti pensare che nel 2009 lexport italiano di manufatti diminuito in
valore del -21% e che, solo per citare i settori di maggiore specializzazione
produttiva del nostro paese, lexport di mobili diminuito del -21,8%; quello di
macchine ed apparecchi meccanici del -22,5%; quello degli elettrodomestici
del -21%; quello dei materiali da costruzione (piastrelle, prodotti ceramici, ve-
tro, calcestruzzi, ecc.) del -20,6%.
La crisi globale ha, infatti, colpito il nostro Paese non tanto attraverso un calo
dei consumi delle famiglie, che comunque c stato, quanto piuttosto attra-
verso una forte riduzione delle esportazioni che, a sua volta, ha determinato
una sensibile contrazione degli investimenti ed una massiccia riduzione delle
scorte da parte delle imprese, soprattutto di quelle esportatrici. Nel 2009 al
calo del Pil, quantifcato dallIstat in un -5%, landamento negativo della spesa
delle famiglie residenti ha, difatti, contribuito per -1 punto percentuale, mentre
la riduzione della domanda estera netta ha inciso per -1,2 punti percentuali, il
calo degli investimenti per -2,5 punti percentuali, la riduzione delle scorte per
-0,3 punti percentuali; la spesa pubblica e del non-proft rimasta invece quasi
invariata (+0,1%).
Tuttavia, come si pu vedere dalla tabella 1 relativa alle esportazioni di Manu-
fatti non alimentari (codici SITC 5+6+7+8, che si riferiscono rispettivamente
ai prodotti chimici, prodotti fniti classifcati principalmente secondo la materia
prima, meccanica-mezzi di trasporto e prodotti fniti diversi), sebbene tutti i 19
paesi del G-20 (escludendo quindi lEuro-area) abbiano risentito pesantemente
della crisi mondiale, con una riduzione formidabile non solo dellexport ma an-
Contributi
6.
149
che dei surplus manifatturieri, solo 5 Paesi del G-20, tra cui lItalia, continuano
a presentare un saldo manifatturiero positivo: oltre allItalia essi sono la Cina,
la Germania, il Giappone e la Corea del Sud. In particolare, lItalia e la Cina
hanno sperimentato cali del saldo manifatturiero inferiori a quelli di Germania
e Giappone, che sono gli altri due grandi paesi avanzati nel settore manifat-
turiero. Un discorso a parte merita la Corea del Sud, lunico paese al mondo
che nonostante la crisi ha visto incrementare il proprio saldo commerciale con
lestero. Ci dovuto al settore della cantieristica (comparto in cui la Corea
del Sud vanta il pi elevato surplus a livello mondiale) che, anche in tempo di
crisi, ha potuto godere di una serie di commesse in corso, grazie alle quali nel
2009 ha visto addirittura aumentare il proprio surplus manifatturiero. Tutti gli
altri paesi avanzati che fanno parte del G-20 hanno invece registrato dei defcit
considerevoli, soprattutto Stati Uniti e Gran Bretagna, ma anche Canada.
La tabella 2, che entra nello specifco dellandamento delle esportazioni di mac-
chine e apparecchi per lindustria e utilizzi generali (codici SITC 71+72+73+74),
evidenzia come a seguito della crisi nel 2009 il surplus manifatturiero del nostro
Paese in tale comparto, pari a circa 55 miliardi di dollari, sia diminuito molto
meno rispetto a quello di Germania e Giappone (-21,9% a fronte del -25,9%
e -35,7% rispettivamente) che sono i nostri principali concorrenti del settore,
e come solo Italia, Germania e Giappone, vale a dire i 3 paesi super specializ-
zati in questa tipologia di manufatti, abbiano conservato surplus commerciali
particolarmente rilevanti, con la Germania che supera i 100 miliardi di dollari
di surplus.
6. Contributi
Tab. 1 Esportazioni di manufatti non alimentari (SITC 5+6+7+8): anni 2008 e 2009
Tabella 1
Esportazioni di manufatti non alimentari (SITC 5+6+7+8): anni 2008 e 2009
(miliardi di dollari)
Import Export Saldo Import Export Saldo
% 6 , 7 2 - 4 2 4 7 3 1 . 1 3 1 7 5 8 5 1 5 3 . 1 6 6 7 a n i C
Germania 811 1.233 422 648 937 290 -31,3%
Giappone 365 706 341 296 518 222 -34,9%
Corea del Sud 245 373 128 195 329 134 4,3%
% 3 , 8 2 - 7 6 0 4 3 3 7 2 3 9 8 5 4 5 6 3 a i l a t I
Francia 505 469 -36 407 370 -37
Canada 308 235 -73 247 170 -77
Gran Bretagna 445 334 -111 342 259 -83
Stati Uniti 1.463 995 -468 1.150 741 -409
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati UN Comtrade
9 0 0 2 8 0 0 2
Var. %
saldo
150
Anche per quanto riguarda i beni per la persona e la casa, che troviamo nellag-
gregato Altri manufatti (codici SITC 6+8) riportato nella tabella 3, landamento
dellinterscambio commerciale evidenzia ancora nel 2009 un saldo attivo con
lestero superiore ai 45 miliardi di dollari, seppur in fessione del -18,4%. Anche
in questo comparto il surplus manifatturiero dellItalia quello che ha subito
la minore fessione rispetto ai principali concorrenti: il surplus manifatturiero
della Cina si infatti ridotto del -25,9%, quello della Germania del -21,3%.
Impressionante il saldo manifatturiero della Cina che ormai nel settore moda
in generale gestisce quasi il 60% degli scambi mondiali: nonostante un calo
del surplus commerciale di oltre 100 miliardi di dollari nel 2009 (dovuto in par-
ticolar modo alla frenata delle esportazioni verso lEuropa e soprattutto verso
lAmerica, data la profondit della crisi dei consumatori americani), il suo attivo
rimane comunque vicino ai 300 miliardi di dollari.
Tab. 3 Esportazioni di altri manufatti vari (SITC 6+8): anni 2008 e 2009 (miliardi di dollari)
Tabella 3
Esportazioni di altri manufatti vari (SITC 6+8):
anni 2008 e 2009
(miliardi di dollari)
Import Export Saldo Import Export Saldo
% 9 , 5 2 - 9 0 , 1 9 2 5 7 , 3 8 4 6 6 , 2 9 1 1 0 , 3 9 3 2 6 , 7 9 5 1 6 , 4 0 2 a n i C
Germania 283,24 341,36 58,12 217,76 263,49 45,73 -21,3%
% 4 , 8 1 - 2 4 , 5 4 6 4 , 6 4 1 4 0 , 1 0 1 8 6 , 5 5 6 , 1 0 2 2 9 , 5 4 1 a i l a t I
Corea del Sud 93,53 96,74 3,21 66,47 84,97 18,5
Giappone 151,63 152,8 1,17 120,79 119,36 -1,43
Canada 99,18 83,3 -15,88 80,92 57,59 -23,33
Francia 187,07 141,41 -45,66 146,86 108,56 -38,3
Gran Bretagna 173,43 110,56 -62,87 135,28 80,22 -55,06
Stati Uniti 545,52 258,9 -286,62 415,8 214,36 -201,44
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati UN Comtrade
9 0 0 2 8 0 0 2
Var. %
saldo
Tab. 2 Esportazioni di macchine e apparecchi per lindustria e utilizzi generali
(SITC 71+72+73+74): anni 2008 e 2009 (miliardi di dollari)
Tabella 2
Esportazioni di macchine e apparecchi per l'industria e utilizzi
generali (SITC 71+72+73+74): anni 2008 e 2009
(miliardi di dollari)
Import Export Saldo Import Export Saldo
Germania 107,7 244,88 137,18 78,24 179,88 101,64 -25,9%
Giappone 36,88 136,84 99,96 27,26 91,49 64,23 -35,7%
% 9 , 1 2 - 2 9 , 4 5 7 0 , 4 8 5 1 , 9 2 1 3 , 0 7 4 5 , 3 1 1 3 2 , 3 4 a i l a t I
Gran Bretagna 56,34 62,86 6,52 40,06 47,96 7,9
Francia 67,03 71,67 4,64 49,73 53,42 3,69
Stati Uniti 167,73 179,15 11,42 122,05 124,1 2,05
4 0 , 2 1 3 , 1 9 7 2 , 9 8 8 9 , 0 1 1 7 , 2 1 1 3 7 , 1 0 1 a n i C
Corea del Sud 35,45 34,34 -1,11 30,17 28,71 -1,46
Canada 50,44 31,79 -18,65 38,85 24,41 -14,44
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati UN Comtrade
9 0 0 2 8 0 0 2
Var. %
saldo
Contributi
6.
Quanto ai punti di debolezza dellItalia, questi sono i soliti storicamente noti,
vale a dire i settori dellelettronica-telecomunicazioni-mezzi di trasporto e la
chimica-farmaceutica, settori in cui lItalia scarsamente presente. In parti-
colare, in seguito alla crisi il defcit commerciale dellaggregato elettronica-
tlc-mezzi di trasporto (codici SITC 75+76+77+78+79) salito nel 2009 a 20,3
miliardi di dollari (in crescita del 12% rispetto al 2008), rimanendo tuttavia lar-
gamente inferiore al defcit commerciale di Canada, Stati Uniti e Gran Bretagna
(tabella 4); il defcit commerciale del comparto della chimica-farmaceutica
(codice SITC 5), pari a 13,4 miliardi di dollari nel 2009, si invece ridotto del
9,6% rispetto al 2008 (tabella 5).
Tab. 5 Esportazioni di prodotti chimici e farmaceutici (SITC 5): anni 2008 e 2009
(miliardi di dollari)
Tabella 5
Esportazioni di prodotti chimici e farmaceutici (SITC 5): anni 2008 e 2009
(miliardi di dollari)
Import Export Saldo Import Export Saldo
Germania 142,65 214,29 71,64 120,32 172,08 51,76 -27,7%
Giappone 54,54 69,13 14,59 48,66 61,41 12,75 -12,6%
Gran Bretagna 68,57 74,61 6,04 59,48 68,08 8,6
Francia 88,99 99,98 10,99 78,22 86,48 8,26
Corea del Sud 36,52 42,7 6,18 31,38 37,41 6,03
Stati Uniti 180,91 178,88 -2,03 153,95 159,4 5,45
Canada 41,46 37,91 -3,55 36,59 27,9 -8,69
9 3 , 3 1 - 4 8 , 4 4 3 2 , 8 5 2 8 , 4 1 - 2 6 , 3 5 4 4 , 8 6 a i l a t I
7 9 , 9 4 - 2 6 7 9 , 1 1 1 8 6 , 9 3 - 1 3 , 9 7 9 9 , 8 1 1 a n i C
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati UN Comtrade
9 0 0 2 8 0 0 2
Var. %
saldo
151
Tab. 4 Esportazioni di elettronica, tlc, mezzi di trasporto (SITC 75+76+77+78+79):
anni 2008 e 2009 (miliardi di dollari)
Tabella 4
Esportazioni di elettronica, tlc, mezzi di trasporto (SITC 75+76+77+78+79):
anni 2008 e 2009
(miliardi di dollari)
Import Export Saldo Import Export Saldo
% 2 , 8 1 - 4 8 , 0 8 1 8 7 , 9 9 4 4 9 , 8 1 3 1 1 , 1 2 2 3 , 1 6 5 9 1 , 0 4 3 a n i C
Giappone 121,93 347,52 225,59 99,6 246,23 146,63 -35,0%
Corea del Sud 79,14 199,33 120,19 66,73 177,61 110,88 -7,7%
Germania 277,75 432,34 154,59 231,5 322,03 90,53 -41,4%
Francia 162,04 156,14 -5,9 132,16 121,51 -10,65
8 2 , 0 2 - 5 3 , 4 6 3 6 , 4 8 4 1 , 8 1 - 2 , 9 8 4 3 , 7 0 1 a i l a t I
Canada 116,68 82,12 -34,56 90,38 59,78 -30,6
Gran Bretagna 146,62 85,79 -60,83 107,33 62,44 -44,89
Stati Uniti 568,88 377,7 -191,18 458,36 242,81 -215,55
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati UN Comtrade
9 0 0 2 8 0 0 2
Var. %
saldo
6. Contributi
152
Nonostante i pesanti effetti della crisi sul nostro interscambio commerciale ap-
pare comunque evidente come lItalia non abbia perso competitivit sul piano
internazionale. Gi prima della crisi, come si pu vedere dalla fgura 1, il peso
dellItalia nellexport dei paesi del G-6 era ai massimi storici in oltre un secolo:
dopo aver toccato il picco nel 1996, che stato lanno di maggior vantaggio
competitivo per le nostre esportazioni grazie alla svalutazione della lira, negli
anni 2007-2008 tale picco stato nuovamente raggiunto, nonostante fossi-
mo nel periodo di maggior svantaggio competitivo, a causa del super-euro.
Dopo la crisi, invece, come si pu vedere dalla tabella 6 di fonte Ocse relativa
al contributo delle varie componenti del Pil, tra i Paesi del G-7 solo Germania,
Italia e Giappone nel secondo trimestre del 2010 sono riusciti a dare un impul-
so di crescita al Pil attraverso le esportazioni nette, nella misura dello 0,8% per
quanto riguarda la Germania, 0,6% per quanto riguarda lItalia e 0,3% per il
Giappone. Ma anche il contributo alla crescita del Pil dato dagli investimenti in
capitale fsso riconducibile, in gran parte, alle imprese esportatrici che hanno
ricominciato ad investire per seguire la ripresa delle esportazioni.
Fig. 1 Contributo dellItalia allexport totale di manufatti del G-6
(quote calcolate su dati in dollari correnti)
Contributi
6.
0
0,02
0,04
0,06
0,08
0,1
0,12
1900 1903 1906 1909 1912 1922 1925 1928 1931 1934 1937 1951 1954 1957 1960 1981 1984 1987 1990 1993 1996 1999 2002 2005 2008
Contributo dell'Italia all'export totale di manufatti del G-6
(quote calcolate su dati in dollari correnti) Fonte: ONU
1996: anno di massimo
vantaggio competitivo
dato dalla svalutazione
della lira
2007-2008: periodo di
massimo svantaggio
competitivo a causa
del supereuro
Fonte: ONU
153
Infne, occorre considerare che negli anni precedenti la crisi lItalia, come tutti
gli altri Paesi fortemente esportatori, ha vissuto indirettamente una sorta di
bolla delle esportazioni: i Paesi della bolla immobiliare e fnanziaria impor-
tavano, cio, molto di pi di quelle che erano realmente le loro possibilit di
reddito e di consumo, indebitandosi fortemente a livello di famiglie. Ora che
questa corsa allindebitamento spregiudicato stata interrotta i consumi sono
tornati a livelli pi equilibrati, ma serviranno numerosi anni prima che le espor-
tazioni, anche italiane, possano tornare ai livelli pre-crisi.
6.3 Limpatto della crisi sui distretti industriali
6.3.1. Landamento dellexport distrettuale nel 2009
Il 2009 stato lanno pi pesante della crisi.
Come gi accennato, rispetto al 2008 il Pil mondiale a prezzi costanti si ridot-
to dello -0,6%, mentre il commercio internazionale si contratto del -11,2%.
Quanto al nostro Paese, il Pil ha subito una riduzione del -5% e la produzione
industriale risultata in fessione del -18,4%, in gran parte come conseguenza
della forte contrazione registrata dal nostro export: quello complessivo infatti
calato del -20,9%, quello manifatturiero del -21%.
Tab. 6 Il contributo delle varie componenti alla crescita del Pil nel 2010:
raffronto tra i Paesi del G-7
Tabella 6
Il contributo delle varie componenti alla crescita del Pil nel 2010: raffronto tra i Paesi del G-7
I trim II trim I trim II trim I trim II trim I trim II trim I trim II trim I trim II trim
5 , 0 4 , 0 7 , 0 - 2 , 0 - 4 , 0 5 , 0 1 , 0 1 , 0 4 , 0 6 , 0 a d a n a C 1,4 0,5
6 , 0 2 , 0 - 3 , 0 - 6 , 0 2 , 0 2 , 0 - 1 , 0 0 , 0 2 , 0 0 , 0 a i c n a r F 0,2 0,7
1 , 0 0 , 1 8 , 0 1 , 1 - 8 , 0 2 , 0 1 , 0 4 , 0 3 , 0 1 , 0 - a i n a m r e G 0,5 2,2
5 , 0 - 2 , 0 6 , 0 1 , 0 3 , 0 3 , 0 1 , 0 1 , 0 - 0 , 0 1 , 0 a i l a t I 0,4 0,5
1 , 0 - 1 , 0 3 , 0 6 , 0 1 , 0 1 , 0 1 , 0 1 , 0 0 , 0 3 , 0 e n o p p a i G 1,2 0,4
Regno Unito 0,0 0,4 0,2 0,2 0,4 0,2 -0,7 -0,1 0,6 0,5 0,4 1,2
2 , 0 7 , 0 9 , 0 - 1 , 0 - 6 , 0 0 , 0 1 , 0 0 , 0 4 , 0 3 , 0 i t i n U i t a t S 0,9 0,4
Fonte: OECD, Quarterly National Accounts, 6 October 2010.
) % ( l i P l e d a t i c s e r C
Variazione delle
scorte
Contributo delle varie
componenti alla crescita
del Pil nel 2010 (in punti %)
Consumi privati Spesa pubblica Investimenti
Esportazioni
nette
6. Contributi
154
In particolare, per quanto riguarda landamento dellexport dei distretti indu-
striali, secondo lIndice della Fondazione Edison nel 2009 le vendite allestero
dei 101 principali distretti manifatturieri italiani, pari a 56,4 miliardi di euro, sono
calate complessivamente del 20,3% rispetto al 2008, evidenziando quindi una
performance lievemente migliore rispetto allandamento dellexport comples-
sivo dellItalia. Con riferimento alla dinamica trimestrale, gli ultimi due trimestri
del 2009 hanno evidenziato un rallentamento della caduta dellexport distret-
tuale, che tuttavia rimasta molto consistente nel corso di tutto il 2009. Nel pri-
mo trimestre lexport distrettuale si infatti ridotto del -22% sul corrispondente
periodo dellanno precedente; nel secondo trimestre la contrazione, sempre su
base tendenziale, stata pari al -22,7%, nel terzo trimestre pari al -20,1% ed
infne nel quarto trimestre pari al -16,3%.
Dal punto di vista settoriale, il comparto che nel 2009, considerato nel suo
complesso, ha risentito maggiormente della crisi economica globale stato
quello della meccanica (soprattutto le macchine industriali a causa del crollo
degli investimenti a livello mondiale), seguito da quelli dei beni per la casa e la
persona. Come si pu vedere dalla tabella 7, il calo dellexport dei 32 distretti
della Automazione-meccanica-diversi nel 2009 stato, infatti, del -27% rispet-
to allo stesso periodo dellanno precedente, quello dei 16 distretti dellArredo-
casa pari al -21,1% e quello dei 31 distretti dellAbbigliamento-moda pari al
-19,8%. Pi contenuta stata la fessione dellexport dei 7 distretti Hi-tech
(-13%) e soprattutto quella dei 15 distretti del comparto degli Alimentari-vini
(-1,8%). Nel 2009, infatti, i pochi distretti in crescita appartengono unicamente
ai comparti dellAlimentare-vini e dellHi-tech, settori anticiclici che nel corso
Contributi
6.
Tab. 7 Export dei 101 principali distretti manifatturieri per settore e area geografca:
anno 2009 (valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dellanno precedente)
Tabella 7
Export dei 101 principali distretti manifatturieri per settore e area geografica: anno 2009
(valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dell'anno precedente)
2009 Var. % 2009 Var. % 2009 Var. % 2009 Var. % 2009 Var. %
Abbigliamento-moda
(31 distretti) 4.742,5 -19,9% 8.659,8 -20,1% 7.068,2 -19,0% 284,2 -28,6% 20.754,8 -19,8%
Arredo-casa
(16 distretti) 1.362,1 -22,1% 4.835,9 -20,0% 665,5 -25,9% 446,4 -21,5% 7.309,9 -21,1%
Automazione-meccanica-
diversi (32 distretti) 8.074,1 -24,7% 7.642,6 -28,3% 1.357,2 -32,1% 0,0 0,0% 17.073,9 -27,0%
Alimentari-vini
(15 distretti) 1.521,8 -3,9% 2.263,1 1,0% 680,9 -9,9% 969,2 1,5% 5.435,0 -1,8%
High-tech
(7 distretti) 2.370,2 -10,3% 1.522,4 -20,9% 1.751,4 -8,9% 201,7 -13,6% 5.845,7 -13,0%
TOTALE (101 distretti) 18.070,7 -20,1% 24.923,9 -21,4% 11.523,2 -19,4% 1.901,6 -11,8% 56.419,4 -20,3%
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati Istat
Totale Italia
(101 distretti)
Nord-Ovest
(33 distretti)
Nord-Est
(38 distretti)
Centro
(23 distretti)
Sud e Isole
(7 distretti)
155
6. Contributi
dellanno hanno risentito meno della crisi mondiale della domanda. Nel com-
parto degli Alimentari-vini i distretti che mettono a segno performance positive
sono i tre distretti parmensi dei prodotti lattiero-caseari (+17,4%), della pasta
e prodotti da forno (+4,8%) e degli insaccati (+1,8%); i tre distretti vitivinicoli
delle Langhe (+3%), del Trentino (+2,8%) e astigiano (+1,6%); il distretto saler-
nitano dei derivati del pomodoro (+1,5%). Tra i distretti Hi-tech nel 2009 hanno
avuto un andamento resistente il distretto biomedicale di Mirandola (+1,2%)
e quello degli aeromobili di Vergiate (+1,1%).
Pi nel dettaglio, nel comparto della Automazione-meccanica-diversi i di-
stretti che hanno sofferto meno la crisi sono stati quello lucchese degli articoli
di carta (-5,8%) e quello di Omegna della rubinetteria (-6,9%). Flessioni del-
lexport superiori al 10%, ma inferiori al 20%, sono state registrate dal distretto
delle macchine per imballaggio di Bologna (-13,5%), dai distretti della gomma
e materie plastiche (Varese -15%; Brescia -15,5%; Alessandria -16,5%) e dai
distretti delle macchine industriali di Vicenza (-17,5%) e di Bergamo (-19%). I
distretti che invece hanno risentito maggiormente della crisi sono stati i distretti
delle macchine utensili (Pesaro-Urbino -55,3%; Rimini -49,2%), il distretto mo-
denese delle macchine agricole (-54,4%) e il distretto delle macchine industriali
di Bologna (-41,4%).
Nel comparto Abbigliamento-moda nel 2009 i distretti con cali dellexport in-
feriori al 10% sono stati solo quello dellabbigliamento di Carpi (-8,5%) e quello
delle calzature sportive di Montebelluna (-9,7%). Seguono con cali inferiori al
15% il distretto della concia di Solofra (-10%), i distretti calzaturieri di San Gio-
vanni Ilarione (-10,8%) e quello forentino (-14,7%), il distretto del tessile-abbi-
gliamento di Castel Goffredo (-11,5%) e il distretto cadorino dellocchialeria (-
13,6%). Quanto ai distretti che hanno messo a segno le performance peggiori,
ad eccezione del distretto delle calzature di Casarano-Tricase che ha subito un
calo dellexport pari al -67,7%, le contrazioni maggiori sono comunque risul-
tate inferiori al 30%; queste riguardano il distretto vicentino della gioielleria (-
27,6%), i due distretti veneti del tessile-abbigliamento (Treviso -27,5%; Vicenza
-25,4%) e il distretto maceratese delle calzature (-26,5%).
Per quanto riguarda il settore dellArredo-casa, i distretti con cali dellexport
inferiori al 15% sono stati nel 2009 quello mobiliero del Livenza-Piave trevi-
giano (-14,5%) e quello delle piastrelle di Sassuolo (-14,5%). I distretti che
invece hanno subto le fessioni maggiori sono il distretto dei divani di Matera
156
(-32,8%), quello del mobile di Pesaro-Urbino (-31,9%) e quello delle ceramiche
sanitarie di Civita Castellana (-30,1%).
Quanto al settore degli Alimentari-vini i distretti che nel 2009 hanno messo
a segno performance positive sono gi stati indicati pi sopra. Tra i distretti
che, invece, hanno risentito della crisi le contrazioni maggiori si sono avute
per il distretto lucchese degli oli (-12,9%), quello vitivinicolo forentino (-11,4%)
e quello dei prodotti da forno e cioccolato di Alba (-10,1%). In ogni caso si
tratta di contrazioni decisamente pi contenute rispetto a quelle registrate dai
distretti appartenenti agli altri comparti.
Infne, relativamente ai distretti del comparto Hi-tech, oltre alle performance
positive gi segnalate dei due distretti degli aeromobili e del biomedicale, vi
stato landamento negativo del distretto lodigiano della cosmetica (-47%) e di
quello modenese delle autovetture sportive (-25,5%). Flessioni pi contenute
sono state registrate dal distretto dellelettronica dellEtna Valley (-13,6%) e dal
distretto farmaceutico di Latina (-8,9%).
Dal punto di vista geografco, nel 2009 i distretti del Centro-Nord hanno regi-
strato cali dellexport sostanzialmente analoghi: -20,1% il calo complessivo
dellexport dei 33 distretti del Nord-Ovest, -21,4% il calo dellexport dei 38
distretti del Nord-Est e -19,4% la fessione dellexport dei 23 distretti del Cen-
tro. E risultato migliore landamento dei 7 distretti del Sud e Isole, il cui export
calato del -11,8%. Tuttavia, si ricorda che gi negli anni scorsi alcuni di que-
sti distretti, come quello dei divani delle Murge baresi, avevano gi registrato
fortissime diminuzioni. In particolare, nel comparto dellAbbigliamento-moda la
fessione dellexport stata pi marcata tra i distretti del Sud e Isole (-28,6%),
molto pi lieve invece apparsa nelle altre ripartizioni geografche, con una
media di poco inferiore al -20% (Centro -19%; Nord-Ovest -19,9%; Nord-Est
-20,1%). Nel comparto dellArredo-casa, il calo dellexport stato pi vistoso
tra i distretti del Centro (-25,9%), complici le performance particolarmente ne-
gative del distretto viterbese delle ceramiche sanitarie e dei mobili di Pesaro
Urbino, entrambe superiori al 30%; il calo dellexport stato invece sostanzial-
mente analogo tra le altre tre aree geografche, intorno al 21%. Nel settore della
Automazione-meccanica-diversi la crisi stata avvertita in misura maggiore
dai distretti del Centro (-32,1%) e in misura minore da quelli del Nord-Ovest (-
24,7%); sottolineiamo, tuttavia, che il valore dellexport dei distretti del Centro
notevolmente inferiore sia a quello dei distretti del Nord-Ovest, che a quello
Contributi
6.
157
6. Contributi
del Nord-Est, come si pu vedere sempre dalla tabella 7. Quanto al settore
degli Alimentari-vini, lunico distretto del Sud e Isole (quello salernitano dei de-
rivati del pomodoro) ha registrato un incremento dellexport pari al +1,5%, ma
anche i distretti del Nord-Est nel 2009 hanno accresciuto il proprio export, per
un valore pari all1%, grazie ai buoni risultati dei distretti parmensi; la perfor-
mance peggiore stata invece quella dei distretti del Centro a causa del cattivo
andamento dei distretti vitivinicoli e oleari di Firenze, Siena e Lucca. Infne, tra
i distretti tecnologici si segnala il calo consistente dellexport dei distretti del
Nord-Est, dovuto al distretto delle autovetture di Maranello, che da solo pesa
per il 16% sullexport complessivo dei 7 distretti del Nord-Est.
6.3.2. Landamento dellexport dei 47 distretti censiti dallOsserva-
torio Distretti Italiani e compresi nellIndice dellExport della
Fondazione Edison: anno 2009
6.3.2.1. Il peso dei distretti censiti dallODI nellIndice della Fondazione
Edison
Prima di procedere con lanalisi dellandamento dellexport dei 47 distretti cen-
siti dallOsservatorio Distretti Italiani, e compresi nellIndice della Fondazione
Edison, ricordiamo brevemente che i 101 distretti che compongono lIndice
della Fondazione Edison non coprono lintero panel dei 101 distretti censiti
dallOsservatorio Distretti Industriali: lIndice della Fondazione Edison contem-
pla, infatti, 47 dei 101 distretti monitorati dallOsservatorio, pari dunque a circa
il 46% di questi ultimi. In termini di export, con riferimento allanno 2008 (che
continuiamo a mantenere come riferimento, essendo il 2009 un anno troppo
particolare a causa della profonda crisi economica che lha contraddistinto e
che potrebbe quindi aver falsato gli ordini di grandezza) questi 47 distretti,
che dora in poi chiameremo per brevit 47 distretti ODI, pesano per oltre il
60% sul totale dellexport dei 101 distretti analizzati dalla Fondazione Edison,
rappresentando pertanto una quota molto signifcativa.
Quanto alla distribuzione settoriale, dei 47 distretti ODI inclusi nellIndice della
Fondazione Edison 22 appartengono al comparto dellAbbigliamento-moda, 10
al comparto dellArredo-casa, 11 al comparto della Automazione-meccanica-
diversi, 3 al comparto degli Alimentari-vini e infne 1 al comparto dei prodotti Hi-
158
Contributi
6.
tech. In termini di export, i 22 distretti ODI dellAbbigliamento-moda pesano per
oltre l83% sullexport complessivo dei 31 distretti che costituiscono il com-
parto; lexport dei 10 distretti ODI dellArredo-casa rappresenta invece circa il
99% dellexport dei 16 distretti del comparto dellArredo-casa; lexport degli 11
distretti ODI dellAutomazione-meccanica-diversi corrisponde ad oltre il 40%
dellexport dei 32 distretti che compongono il comparto; lexport dei 3 distretti
ODI del comparto Alimentari-vini corrisponde a poco meno del 45% e infne
lexport dellunico distretto Hi-tech ODI pesa per il 5% sul totale dellexport dei
7 distretti tecnologici considerati dallIndice della Fondazione Edison.
Infne, da un punto di vista geografco 14 dei 47 distretti analizzati sia da Fon-
dazione Edison che dallOsservatorio dei Distretti Italiani si trovano nel Nord-
Ovest, 16 nel Nord-Est, 12 nel Centro e 5 nel Sud. In termini di export, i 14
distretti ODI localizzati nel Nord-Ovest pesano per circa il 60% sul totale del-
lexport dei 33 considerati dallIndice della Fondazione Edison, i 16 distretti
ODI del Nord-Est pesano per oltre il 53%, i 12 distretti ODI del Centro pesano
per oltre il 75% e infne i 5 distretti ODI del Sud pesano per circa il 90% sul
totale dellexport del 7 distretti analizzati dallIndice della Fondazione Edison.
6.3.2.2. Landamento dellexport dei 47 distretti ODI: anno 2009
Nel 2009 lexport dei 47 distretti ODI stato pari a 34,6 miliardi di euro, in
contrazione del 19,5% rispetto al 2008: un dato in linea con landamento com-
plessivo dei 101 distretti analizzati dallIndice della Fondazione Edison e che
rispecchia la brusca contrazione del commercio internazionale che, come det-
to, diffcilmente torner in tempi rapidi ai livelli pre-crisi essendo state anche le
esportazioni drogate dalleccessivo indebitamento privato a cui sono ricorse
le principali economie del pianeta alimentando i consumi in maniera artifciale.
In particolare, come si pu vedere dalla tabella 8, lexport degli 11 distretti ODI
del comparto Automazione-meccanica-diversi calato del -25,8%, lexport
dei 10 distretti ODI dellArredo-casa si contratto del -21,1%, i 22 distretti
ODI dellAbbigliamento-moda hanno visto il proprio export ridursi del -19%.
Risulta invece in crescita lexport dei 3 distretti ODI dellAlimentare-vini (+3,1%)
e lexport del distretto ODI hi-tech (+1,2%).
Dal punto di vista geografco, i 14 distretti ODI del Nord-Ovest sono quelli che
nel 2009 hanno sperimentato il calo maggiore (-21,4%), seguiti a brevissima
159
6. Contributi
distanza dai 12 distretti ODI del Centro (-21,2%), dai 16 distretti ODI del Nord-
Est (-17,9%) ed infne dai 5 distretti ODI del Sud (-11,5%). In particolare, nel
comparto Abbigliamento-moda la fessione pi marcata dellexport si avuta
tra i distretti del Sud e Isole (-28,6%), mentre nel comparto Arredo-casa i mag-
giori cali di export si sono registrati tra i distretti del Centro (-27,2%). La caduta
dellexport dei distretti della Automazione-meccanica stata sostanzialmente
analoga tra le tre aree geografche in cui essi sono presenti (-26,9% a Nord-
Ovest; -23,6% a Nord-Est; -26,8% al Centro), mentre nel settore Alimentari-vini
sono i distretti del Nord-Est a segnare il maggior incremento di export nel 2009
(+5,4%).
Infne, sotto il proflo congiunturale nel corso del 2009 si osserva un costante
miglioramento dellexport dei 47 distretti ODI, in termini di rallentamento della
caduta, che tuttavia rimane signifcativa: nel primo trimestre dellanno lexport
complessivo si infatti ridotto del -22,9% rispetto allo stesso periodo del 2008,
mentre nel secondo trimestre il calo, sempre in termini tendenziali, stato pari
al -22%, per poi ridursi al -18,7% nel terzo trimestre e al -14% nellultimo tri-
mestre dellanno. Il forte ridimensionamento della caduta dellexport nel quarto
trimestre del 2009 dovuto soprattutto al miglioramento del comparto della
Automazione-meccanica: il calo dellexport in tale settore risultato infatti pi
che dimezzato rispetto alle cadute dei primi due trimestri dellanno, e fortemen-
te ridimensionato rispetto alla caduta del terzo trimestre. Ma anche i comparti
dellAbbigliamento-moda e dellArredo-casa hanno registrato cali del proprio
export inferiori alle fessioni dei trimestri precedenti. Andamento in controten-
denza hanno invece evidenziato i distretti degli Alimentari-vini e il distretto Hi-
Tab. 8 Export dei 47 distretti manifatturieri FDI per settore e area geografca: anno 2009
(valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dellanno precedente)
Tabella 8
Export dei 47 distretti manifatturieri FDI per settore e area geografica: anno 2009
(Valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dell'anno precedente)
2009 Var. % 2009 Var. % 2009 Var. % 2009 Var. % 2009 Var. %
Abbigliamento-moda
(22 distretti)
4.742,5 -19,9% 5.591,9 -16,9% 6.744,9 -19,5% 284,2 -28,6% 17.363,5 -19,0%
Arredo-casa
(10 distretti)
1.362,1 -22,1% 4.835,9 -20,0% 573,3 -27,2% 446,4 -21,5% 7.217,8 -21,1%
Automazione-meccanica-
diversi ( 11 distretti)
3.493,2 -26,9% 2.449,9 -23,6% 1.194,3 -26,8% 0,0 0,0% 7.137,3 -25,8%
Alimentari-vini
(3 distretti)
785,2 2,7% 775,9 5,4% 0,0 0,0% 969,2 1,5% 2.530,4 3,1%
High-tech
(1 distretto)
0,0 0,0% 338,8 1,2% 0,0 0,0% 0,0 0,0% 338,8 1,2%
TOTALE (47 distretti) 10.383,1 -21,4% 13.992,3 -17,9% 8.512,5 -21,2% 1.699,9 -11,5% 34.587,8 -19,5%
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati Istat
Totale Italia
(47 distretti)
Nord-Ovest
(14 distretti)
Nord-Est
(16 distretti)
Centro
(12 distretti)
Sud e Isole
(5 distretti)
tech le cui esportazioni nellultimo trimestre hanno subto lievi cali, contraria-
mente ai trimestri precedenti in cui lexport era sempre stato in crescita.
6.4 I distretti nella prima fase della ripresa
6.4.1. Landamento dellexport distrettuale nel periodo
gennaio-settembre 2010
Sebbene leconomia mondiale versi ancora in una situazione di diffcolt e si
temano nei prossimi mesi rallentamenti nel ritmo della ripresa economica, i
primi 3 trimestri del 2010 sono stati caratterizzati da un ritrovato slancio del-
lexport dei distretti industriali italiani, con una importante accelerazione nel
secondo e nel terzo trimestre, trasversale a tutti i comparti. Non , infatti, solo
la meccanica a ritrovare vigore, vero traino dellexport italiano, ma anche i
comparti che negli ultimi tempi avevano sofferto di pi, come lAbbigliamento-
moda e lArredo-casa.
In particolare, come appare dalla tabella 9 secondo lIndice della Fondazio-
ne Edison lexport dei principali 101 distretti industriali italiani nel periodo
gennaio-settembre 2010 cresciuto del +10,5% rispetto allo stesso periodo
dellanno precedente. Il settore della meccanica torna a spingere le nostre
160
Tab. 9 Export dei 101 principali distretti manifatturieri per settore e area geografca: gennaio-
settembre 2010 (valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dellanno precedente)
Tabella 9
Export dei 101 principali distretti manifatturieri per settore e area geografica: gennaio-settembre 2010
(valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dell'anno precedente)
Gen-set 10 Var. % Gen-set 10 Var. % Gen-set 10 Var. % Gen-set 10 Var. % Gen-set 10 Var. %
Abbigliamento-moda
(31 distretti)
3.852,9 10,2% 7.196,7 6,7% 6.203,9 15,8% 261,1 23,1% 17.514,6 10,8%
Arredo-casa
(16 distretti)
1.040,6 7,5% 3.797,5 5,5% 525,2 8,3% 326,6 0,6% 5.689,9 5,8%
Automazione-meccanica-
diversi (32 distretti)
6.922,0 15,8% 6.332,5 14,6% 1.096,7 11,3% 0,0 0,0% 14.351,2 14,9%
Alimentari-vini
(15 distretti)
1.096,6 6,1% 1.805,1 8,6% 537,5 12,1% 646,8 -10,9% 4.086,1 4,7%
High-tech
(7 distretti)
1.814,7 8,4% 1.273,0 10,5% 1.321,4 0,3% 188,7 35,7% 4.597,7 7,4%
TOTALE (101 distretti) 14.726,7 12,0% 20.404,8 9,2% 9.684,7 12,3% 1.423,2 1,5% 46.239,4 10,5%
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati Istat
Totale Italia
(101 distretti)
Nord-Ovest
(33 distretti)
Nord-Est
(38 distretti)
Centro
(23 distretti)
Sud e Isole
(7 distretti)
Contributi
6.
161
esportazioni distrettuali, con un incremento del +14,9%, seguito dal settore
dellAbbigliamento-moda, protagonista, come quello della meccanica, di un
buon recupero, con una crescita del +10,8%. Lexport dei distretti dellArredo-
casa , invece, cresciuto del +5,8%, quello dei distretti dellAlimentare-vini del
+4,7% e infne quello dei distretti Hi-tech del +7,4%. Non sono pi, dunque,
solo i settori alimentare e hi-tech a resistere alla crisi, bens tutti i comparti del-
leccellenza manifatturiera italiana che hanno dimostrato una importante capa-
cit di ripresa pur nella precariet della congiuntura, ancora assai incerta.
Come si pu vedere dalla tabella 10, tra i primi 20 distretti per crescita dellexport
manifatturiero nei primi tre trimestri del 2010 vi sono: 13 distretti del sistema
Automazione-meccanica-diversi, 5 distretti del sistema Abbigliamento-moda,
1 distretto del sistema Alimentare-vini e 1 distretto Hi-tech. Al primo posto, per
crescita di export nel periodo gennaio-settembre rispetto allo stesso periodo
del 2009, vi sono le macchine utensili di Pesaro-Urbino (+58,6%); gli altri di-
stretti appartenenti al comparto della Automazione-meccanica-diversi compre-
si nella classifca sono quelli delle macchine industriali di Treviso (+43,1%), Pa-
via (+32,3%), Brescia (+27,1%), Padova (+24%); gli articoli in gomma e plastica
di Bergamo (+40,8%), la rubinetteria di Omegna (+36,5%), le macchine utensili
di Rimini (+26,1%) e di Forl-Cesena (+25,8%), le macchine per lagricoltura
di Modena (+26,1%), le pompe (+25,8%) e le macchine di impiego generale
(+24%) di Reggio Emilia, la rubinetteria di Lumezzane (+25,1%). Appartiene,
Tab. 10 I distretti in pi forte crescita nel periodo gennaio-settembre 2010 (valori in euro)
Tabella 10
I distretti in pi forte crescita nel periodo gennaio-settembre 2010
(valori in euro)
% . r a V 0 1 0 2 t e s - n e G 9 0 0 2 t e s - n e G o t n e m i r e f i r i d e r o t t e S e l a u t t e r t s i d a e r a o o t t e r t s i D
1 8 7 6 . 7 0 6 . 2 7 1 7 9 9 . 9 4 8 . 8 0 1 i l i s n e t u e n i h c c a M o n i b r U o r a s e P 58,6%
2 9 8 0 . 7 0 4 . 3 0 1 5 3 1 . 6 2 8 . 0 7 e t t a l e i g g a m r o F a m r a P 46,0%
3 5 4 3 . 7 9 3 . 2 4 6 3 4 0 . 2 3 0 . 9 4 4 i l a i r t s u d n i e n i h c c a M o s i v e r T 43,1%
4 3 3 2 . 1 4 6 . 5 0 6 5 7 3 . 4 5 2 . 0 3 4 a c i t s a l p e a m m o G o m a g r e B 40,8%
5 9 8 4 . 5 9 1 . 3 3 6 9 0 . 5 1 3 . 4 2 i h g n i l a s a C a n g e m O 36,5%
6 4 9 1 . 3 2 5 . 0 4 4 2 0 6 . 9 0 1 . 3 2 3 a i c n o C o n r A ' l l u s e c o r C a t n a S 36,3%
7 0 0 8 . 2 5 6 . 8 8 1 0 7 6 . 2 1 0 . 9 3 1 a c i n o r t t e l E y e l l a V a n t E 35,7%
8 4 8 4 . 9 0 4 . 8 2 1 0 9 7 . 7 8 0 . 7 9 i l a i r t s u d n i e n i h c c a M a i v a P 32,3%
9 2 3 4 . 0 6 3 . 7 8 0 . 1 8 8 6 . 3 0 0 . 3 2 8 a i r e l l e i o i G o z z e r A 32,1%
10 9 5 0 . 8 8 3 . 5 3 1 7 9 7 . 1 3 9 . 3 0 1 e r u t a z l a C a t t e l r a B 30,3%
11 a i c n o C a r f o l o S 80.176.627 102.411.978 27,7%
12 4 5 7 . 3 9 8 . 2 2 5 8 1 1 . 1 0 4 . 1 1 4 i l a i r t s u d n i e n i h c c a M a i c s e r B 27,1%
13 5 5 4 . 5 2 8 . 2 2 1 0 1 2 . 0 0 4 . 7 9 i l i s n e t u e n i h c c a M i n i m i R 26,1%
14 1 5 4 . 6 5 1 . 5 3 1 9 2 6 . 7 8 1 . 7 0 1 a r u t l o c i r g a ' l r e p e n i h c c a M a n e d o M 26,1%
15 8 7 2 . 4 9 6 . 5 4 4 0 8 . 7 2 3 . 6 3 i l i s n e t u e n i h c c a M a n e s e C l r o F 25,8%
16 6 1 2 . 8 1 5 . 0 2 7 6 4 3 . 8 4 8 . 2 7 5 e p m o P a i l i m E ' l l e n o i g g e R 25,8%
17 0 1 1 . 1 3 1 . 0 9 0 . 1 8 6 6 . 2 3 5 . 7 6 8 a i c n o C o n a n g i z r A 25,7%
18 0 9 3 . 2 3 7 . 0 6 0 . 1 4 2 2 . 3 3 0 . 8 4 8 a i r e t t e n i b u R e n a z z e m u L 25,1%
19 8 2 5 . 5 1 3 . 3 4 4 3 5 8 . 5 2 4 . 7 5 3 i l a i r t s u d n i e n i h c c a M a v o d a P 24,0%
20 5 7 9 . 5 0 3 . 9 4 5 7 8 7 . 6 4 9 . 2 4 4 e l a r e n e g o g e i p m i i d e n i h c c a M a i l i m E ' l l e n o i g g e R 24,0%
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati Istat
6. Contributi
162
invece, al settore degli Alimentari-vini il distretto che occupa il secondo posto
nella classifca dei primi 20 distretti per crescita dellexport nei primi 3 trime-
stri dellanno: si tratta del distretto parmense dei formaggi e latte (+46%). I 5
distretti dellAbbigliamento-moda che hanno registrato i maggiori tassi di cre-
scita sono stati i 3 distretti conciari di Santa Croce sullArno (+36,3%), Solofra
(+27,7%) e Arzignano (+25,7%), il distretto aretino della gioielleria (+32,1%,
risultato per gonfato dal forte incremento del prezzo delloro) e quello cal-
zaturiero di Barletta (+30,3%). Il distretto catanese dellelettronica completa il
quadro, con una crescita dellexport pari al +35,7%.
Ma i dati relativi al terzo trimestre sono ancora pi signifcativi: complessiva-
mente lexport dei 101 distretti monitorati dalla Fondazione Edison aumen-
tato del +16,6%, mentre per quanto riguarda i singoli settori, lexport dei 32
distretti della meccanica ha fatto registrare un cospicuo incremento, crescendo
del +23,7%; discorso analogo per lexport dei 31 distretti dellAbbigliamento-
moda, cresciuto del +17,3%; a seguire lexport dei 7 distretti hi-tech, in aumen-
to anchessi del +17,3%, lexport dei 16 distretti dellArredo-casa, in aumento
del +9,5%, ed infne lexport dei 15 distretti degli Alimentari-vini, cresciuto del
+1,8% (tabella 11).
Pi nel dettaglio, tra i distretti della Automazione-meccanica-diversi si se-
gnala il buon andamento di quelli appartenenti al comparto della meccanica
strumentale, settore in cui lItalia attore di primissimo livello e apprezzato in
tutto il mondo; al primo e secondo posto nella classifca dei 20 distretti in pi
forte crescita nel terzo trimestre 2010 vi sono infatti i due distretti delle mac-
Contributi
6.
Tab. 11 Export dei 101 principali distretti manifatturieri per settore e area geografca:
terzo trimestre 2010 (valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dellanno precedente)
Tabella 11
Export dei 101 principali distretti manifatturieri per settore e area geografica: terzo trimestre 2010
(valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dell'anno precedente)
III tr 10 Var. % III tr 10 Var. % III tr 10 Var. % III tr 10 Var. % III tr 10 Var. %
Abbigliamento-moda
(31 distretti)
1.342,7 17,8% 2.564,3 15,2% 2.233,8 19,1% 93,2 32,7% 6.234,1 17,3%
Arredo-casa
(16 distretti)
342,3 13,3% 1.273,9 9,0% 187,9 19,0% 93,7 -10,8% 1.897,9 9,5%
Automazione-meccanica-
diversi (32 distretti)
2.335,1 21,8% 2.180,7 27,6% 375,7 14,7% 0,0 0,0% 4.891,5 23,7%
Alimentari-vini
(15 distretti)
410,0 -2,5% 624,2 7,7% 193,2 17,2% 200,0 -15,7% 1.427,4 1,8%
High-tech
(7 distretti)
630,1 7,3% 429,7 27,9% 521,5 23,2% 66,3 14,4% 1.647,6 17,3%
TOTALE (101 distretti) 5.060,3 15,9% 7.072,8 17,5% 3.512,1 19,1% 453,3 -3,7% 16.098,5 16,6%
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati Istat
Totale Italia
(101 distretti)
Nord-Ovest
(33 distretti)
Nord-Est
(38 distretti)
Centro
(23 distretti)
Sud e Isole
(7 distretti)
163
6. Contributi
chine utensili di Pesaro-Urbino (+131,8%) e di Forl-Cesena (+107,6%), mentre
il distretto di Rimini si posiziona allundicesimo posto (+38,3%). Forti recuperi
dellexport sono stati messi a segno anche dai distretti delle macchine indu-
striali di Treviso (+102,4%), Pavia (+71,5%) e Brescia (+70,5%), solo per citare
quelli con una crescita superiore al 70%.
Sempre nel terzo trimestre dellanno, nel comparto dellAbbigliamento-moda
gli incrementi pi forti si sono avuti nellexport di calzature dei distretti di Casa-
rano-Tricase (+52,3%) e di Barletta (+31,1%) e nellexport delle pelli conciate
dei distretti di Solofra (+29%) e di Santa Croce sullArno (+28,2%). Un incre-
mento dellexport superiore al 25% stato registrato dai due distretti tessili di
Vercelli e Lecco (+27,9% e + 25,7% rispettivamente) e dal distretto cadorino
dellocchialeria (+25,4%).
Riguardo al comparto dellArredo-casa, nel terzo trimestre del 2010 sono stati
soprattutto i distretti del mobile e delle pietre ornamentali a registrare gli incre-
menti maggiori: lexport di Massa Carrara e Pietrasanta nelle pietre ornamentali
cresciuto rispettivamente del +28,8% e del +18,3%; quanto ai distretti del
mobile, lexport del distretto di Pesaro-Urbino cresciuto del +17,3%, quello
canturino del +16,5%, quello del Livenza-Piave trevigiano del +15,2%, mentre
quello della Brianza del +10,3%.
Nel comparto degli Alimentari-vini il primato di crescita dellexport spetta al
distretto parmense dei formaggi e latte (+39,2%), seguito dal distretto lucche-
se dellolio (+31,4%); crescite di export superiori al 15% sono state messe a
segno dai due distretti degli insaccati di Modena (+17,9%) e Parma (+17,4%) e
dal distretto vitivinicolo forentino (+17,3%).
Per concludere, nel settore Hi-tech nel terzo trimestre dellanno lexport del
comparto stato trainato soprattutto dal buon andamento del distretto delle au-
tovetture sportive di Maranello (+39%) e dalla farmaceutica di Latina (+23,2%).
Prosegue la tenuta del distretto dellelettronica dellEtna Valley (+14,4%), dopo
un lungo periodo di diffcolt, gi risalente a prima della crisi.
Infne, dal punto di vista geografco, nel terzo trimestre dellanno i 23 distretti
del Centro hanno messo a segno la crescita maggiore, pari al +19,1%; a segui-
re i 38 distretti del Nord-Est, con un incremento del +17,5% e i 33 distretti del
Nord-Ovest, con un aumento del +15,9%. I 7 distretti del Sud e Isole, comples-
164
sivamente registrano un calo del -3,7%, dovuto al cattivo andamento dei due
distretti dei divani di Matera e delle Murge baresi e del distretto salernitano dei
derivati del pomodoro. Se si considera, invece, il periodo cumulato gennaio-
settembre 2010, sono nuovamente i 23 distretti del Centro a sperimentare il
maggiore incremento dellexport (+12,3%), seguiti dai 33 distretti del Nord-
Ovest (+12%), dai 38 distretti del Nord-Est (+9,2%) ed infne dai 7 distretti del
Sud e Isole (+1,5%)
6.4.2. Landamento dellexport dei 47 distretti censiti dallOsserva-
torio Distretti Italiani e compresi nellIndice dellExport della
Fondazione Edison: periodo gennaio-settembre 2010
Anche relativamente ai primi tre trimestri del 2010 landamento dei 47 distretti
ODI rispecchia landamento generale dellIndice dellexport della Fondazione
Edison; lexport complessivo dei 47 distretti ODI risulta, infatti, in crescita del
+10,3%, con una marcata accelerazione nel secondo trimestre e un terzo trime-
stre in linea con il secondo: nel primo trimestre 2010 lexport dei 47 distretti ODI
era cresciuto del +2,8%, facendo poi un balzo nel secondo trimestre, con una
crescita del +14,2%, seguito da un aumento del +14% nel terzo trimestre.
Analizzando i singoli comparti, come si pu vedere dalla tabella 12 anche tra i
47 distretti ODI la performance migliore nei primi 9 mesi del 2010 quella degli
11 distretti della Automazione-meccanica-diversi (+14,2%), e a seguire quella
Contributi
6.
Tab. 12 Export dei 47 distretti manifatturieri FDI per settore e area geografca: gennaio-set-
tembre 2010 (Valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dellanno precedente)
Tabella 12
Export dei 47 distretti manifatturieri FDI per settore e area geografica: gennaio-settembre 2010
(Valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dell'anno precedente)
Gen-set 10 Var. % Gen-set 10 Var. % Gen-set 10 Var. % Gen-set 10 Var. % Gen-set 10 Var. %
Abbigliamento-moda
(22 distretti)
3.852,9 10,2% 4.722,4 10,1% 5.883,6 15,1% 261,1 23,1% 14.720,0 12,3%
Arredo-casa
(10 distretti)
1.040,6 7,5% 3.797,5 5,5% 452,2 8,1% 326,6 0,6% 5.616,9 5,8%
Automazione-meccanica-
diversi (11 distretti)
3.120,9 21,7% 1.884,2 7,6% 924,1 5,4% 0,0 0,0% 5.929,2 14,2%
Alimentari-vini
(3 distretti)
574,8 3,3% 631,7 10,2% 0,0 0,0% 646,8 -10,9% 1.853,3 -0,1%
High-tech
(1 distretto)
0,0 0,0% 236,0 -6,3% 0,0 0,0% 0,0 0,0% 236,0 -6,3%
TOTALE (47 distretti) 8.589,2 13,3% 11.271,8 7,7% 7.259,9 13,3% 1.234,5 -2,3% 28.355,4 10,3%
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati Istat
Totale Italia
(47 distretti)
Nord-Ovest
(14 distretti)
Nord-Est
(16 distretti)
Centro
(12 distretti)
Sud e Isole
(5 distretti)
165
dei 22 distretti del sistema Abbigliamento-moda (+12,3%) e dei 10 distretti
dellArredo-casa (+5,8%). Lievemente negativo landamento complessivo dei
3 distretti del comparto Alimentari-vini (-0,1%), su cui incide la cattiva perfor-
mance del distretto salernitano dei derivati del pomodoro, e negativo anche
landamento dellunico distretto hi-tech, quello degli apparecchi medicali di
Mirandola, il cui export nei primi tre trimestri dellanno risultato in fessione
del -6,3%.
Dal punto di vista geografco, i 14 distretti ODI del Nord-Ovest e i 12 distretti
ODI del Centro sono quelli che nei primi 9 mesi del 2010 hanno sperimentato la
maggiore crescita delle esportazioni (+13,3% in entrambi i casi), seguiti dai 16
distretti ODI del Nord-Est (+7,7%); nei 5 distretti ODI del Sud considerati com-
plessivamente si ha invece una riduzione dellexport pari al -2,3%, su cui incide
la performance negativa del distretto dei derivati del pomodoro. In particolare,
nel comparto Abbigliamento-moda la crescita pi marcata dellexport si avu-
ta tra i distretti del Sud e Isole (+23,1%), mentre nel comparto Arredo-casa i
maggiori incrementi di export si sono registrati tra i distretti del Centro (+8,1%).
Quanto alla Automazione-meccanica-diversi, sono i distretti del Nord-Ovest a
mettere a segno la crescita pi forte (+21,7%), seguiti a distanza dai distretti
del Nord-Est (+7,6%) e del Centro (+5,4%), mentre nel settore Alimentari-vini
lexport dei distretti del Nord-Est a crescere maggiormente (+10,2%), grazie
soprattutto al buon andamento del comparto dei prodotti lattiero-caseari allin-
terno del distretto agro-alimentare di Parma-Langhirano.
Sotto il proflo congiunturale, i dati relativi allultimo trimestre disponibile (ta-
bella 13) confermano il buon andamento dei distretti della meccanica, ed una
ulteriore accelerazione dei distretti dellAbbigliamento-moda e dellArredo-
casa: nel terzo trimestre del 2010 lexport dei distretti della meccanica infatti
cresciuto del +18,2%, a fronte di un incremento del +2,8% del primo trimestre
e un incremento del +22% del secondo trimestre; lexport dei distretti del-
lAbbigliamento-moda, cresciuto del +17,5% nel terzo trimestre dellanno, era
cresciuto del +3,2% nel primo e del +16,8% nel secondo trimestre del 2010;
quanto allexport dei distretti dellArredo-casa, lincremento nel terzo trimestre
stato pari al +9,4%, contro un incremento del +2,8% del primo trimestre e
un incremento del +6,4% nel secondo trimestre. I distretti dellAlimentare-vini
subiscono un calo dellexport solo a partire dal terzo trimestre del 2010, con
una fessione del -6,5%, mentre nei primi due trimestri dellanno lexport era
risultato lievemente in crescita (+3,9% nel primo trimestre; +2,6% nel secondo
6. Contributi
166
trimestre). Quanto, infne, allexport dellunico distretto Hi-tech, il biomedicale
di Mirandola risultato in fessione del -0,9% nel primo trimestre dellanno, del
-10,3% nel secondo e del -7,5% nel terzo trimestre del 2010.
Contributi
6.
Tab. 13 Export dei 47 distretti manifatturieri per settore e area geografca: III trimestre 2010
(Valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dellanno precedente)
Tabella 13
Export dei 47 distretti manifatturieri per settore e area geografica: III trimestre 2010
(Valori in milioni di euro; variazioni % sul corrispondente periodo dell'anno precedente)
III trim 10 Var. % III trim 10 Var. % III trim 10 Var. % III trim 10 Var. % III trim 10 Var. %
Abbigliamento-moda
(22 distretti)
1.342,7 17,8% 1.606,5 15,1% 2.117,4 18,6% 93,2 32,7% 5.159,8 17,5%
Arredo-casa
(10 distretti)
342,3 13,3% 1.273,9 9,0% 161,0 19,1% 93,7 -10,8% 1.871,0 9,4%
Automazione-meccanica-
diversi (11 distretti)
1.050,6 26,8% 654,5 13,6% 308,0 3,2% 0,0 0,0% 2.013,1 18,2%
Alimentari-vini
(1 distretti)
180,3 -9,5% 218,1 7,1% 0,0 0,0% 200,0 -15,7% 598,4 -6,5%
High-tech
(1 distretto)
0,0 0,0% 74,2 -7,5% 0,0 0,0% 0,0 0,0% 74,2 -7,5%
TOTALE (47 distretti) 2.916,0 18,1% 3.827,1 11,8% 2.586,4 16,5% 386,9 -6,2% 9.716,5 14,0%
Fonte: elaborazione Fondazione Edison su dati Istat
Totale Italia
(47 distretti)
Nord-Ovest
(14 distretti)
Nord-Est
(16 distretti)
Centro
(12 distretti)
Sud e Isole
(5 distretti)
167
LIndice 2011 della Qualit della Vita dei Distretti.
Un indicatore delle condizioni di contesto
delle imprese dei distretti italiani
Contributi
I distretti italiani sono immersi nella competizione globale. Nei territori con spe-
cializzazione produttiva si concentra circa un quinto del made in Italy (Fonda-
zione Edison, 2010) e nelle imprese dei distretti lavora circa un milione e mezzo
di addetti, il 31,9% degli addetti del comparto manifatturiero (Unioncamere,
2010c).
Per le imprese distrettuali, esposte alla concorrenza sui mercati internazionali,
la competitivit aziendale e del sistema Paese rappresenta una variabile chiave
e, in questo ambito, il sistema di offerta condizionato da vistosi gap negativi
con il resto dEuropa. Come ben noto, allo scarso dinamismo della compe-
titivit di costo contribuisce il basso proflo della produttivit delleconomia
italiana; la minore dinamica della produttivit nella nostra economia determi-
nata da alcuni fattori interni allimpresa, ma sono numerosi quelli esterni che si
riferiscono allhabitat economico e sociale in cui opera limpresa.
a cura di Confartigianato
1
7.1 Le criticit della competitivit delle imprese
e del sistema Paese
7.
1
Analisi economico-statistica, elaborazione dati e testi: Enrico Quintavalle Responsabile Uffcio Studi
con la collaborazione di Silvia Cellini. Al percorso di analisi e ricerca che trova la sintesi nellIndice del-
la Qualit della Vita dellImpresa hanno collaborato Riccardo Giovani, Stefania Multari, Bruno Panieri,
e Andrea Trevisani.
168
Contributi
7.
Le imprese italiane operano in un contesto delineato da indicatori che mostra-
no forti differenziazioni rispetto ai valori medi europei. Secondo una analisi di
benchmark basata su dati provenienti da numerose fonti uffciali - la rassegna
completa dei cento divari strutturali con lEuropa disponibile in Confartigia-
nato, 2008 - la nostra economia registra valori pi elevati della media dei prin-
cipali paesi europei per quanto riguarda il peso della Stato in economia, la
dispersione del Pil regionale, le giornate perse in scioperi, la pressione fscale,
il tempo necessario per pagare le tasse, il cuneo fscale sul costo del lavoro
e la tassazione sullenergia. In Italia sensibilmente pi elevata della media
europea la dipendenza energetica e il livello dei prezzi dellenergia elettrica
pagati dalle imprese. Sul fronte del mercato del lavoro e delle risorse della
conoscenza lItalia registra un divario sfavorevole con i principali paesi europei
per la percentuale di giovani tra 18 e 24 anni con sola licenza media, il tasso di
disoccupazione giovanile, la quota di docenti universitari con oltre 50 anni e la
quota di popolazione a rischio povert dopo i trasferimenti sociali. Nellambito
del lavoro si registrano gap negativi per il tasso di attivit e di occupazione
delle donne, il tasso di attivit dei giovani e degli over 50, la quota di laureati
in materie scientifche e tecniche, il tasso di scolarizzazione secondaria per gli
adulti, lattrazione delle universit italiane, lutilizzo di internet nelle scuole e la
quota di PIL spesa per le politiche attive del lavoro.
LItalia presenta divari negativi per quanto riguarda il tasso di crescita, il livello
del Pil pro capite, la produttivit, la natalit, la spesa sociale al netto di pensioni
e sanit, le iscrizione ad asili per bambini con meno di 3 anni, la dotazione di
infrastrutture, le nuove autostrade, luso dei rigassifcatori e termovalorizzatori,
il trasporto merci su ferrovia, la lunghezza delle linee ferroviarie ad Alta Velocit,
gli investimenti di venture capital, lutilizzo delle-commerce, luso di internet da
parte della popolazione e laccesso delle imprese a banda larga.
Alcuni divari dell'Italia con l'Europa
anno 2008
variabile Eurozona Italia Gap
Pil pro capite a ppa 100,0 92,7 -7,3
Produttivit per ora lavorata a ppa 100,0 88,3 -11,7
Pressione fiscale 100,0 107,5 7,5
Investimenti diretti dall'estero 100,0 43,8 -56,3
Tasso di occupazione 15-64 anni 100,0 71,4 -28,6
Dipendenza energetica 100,0 132,7 32,7
Prezzi energia elettrica per le imprese 100,0 130,8 30,8
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Eurostat - Key figures on Europe 2010 edition
La durata di alcuni procedimenti: il gap dell'Italia rispetto alla media Ocse
Anno 2010 giorni
procedure Ocse Italia Gap Gap %
Pagare le imposte 199 285 86 43,2
Premessi di costruire 166 257 91 54,8
Tutelare un contratto 517 1210 693 134,0
Procedure export ed importazione 22 38 16 70,4
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati da Banca Mondiale, Doing Business 2011
169
7. Contributi
I rapporti con la Pubblica amministrazione sono particolarmente critici: nel
nostro Paese si registra un divario sfavorevole per quanto riguarda il numero
di procedure per registrare una propriet, i tempi medi di pagamento delle
Amministrazioni Pubbliche, il numero di leggi approvate, il costo per avviare
unattivit, i tempi e i costi per una licenza di costruzione, la quota di imprese
che ritengono la burocrazia un vincolo per la crescita, i giorni necessari per
le procedure di import-export, la durata di un procedimento in sede civile, la
litigiosit civile, il rapporto tra avvocati e popolazione, le diffcolt procedurali
per i licenziamenti e la percezione di corruzione del settore pubblico. Ulte-
riori divari negativi si registrano relativamente allattrattivit degli investimenti
greenfeld, gli indici di qualit delle istituzioni e di performance della Pubblica
Amministrazione, la spesa pubblica in ICT, qualit e tasso di utilizzo dei servizi
di e-government.
Infne il contesto infuisce in modo pi diretto su aspetti della concorrenza delle
imprese: in Italia pi elevato rispetto allEuropa il livello di regolazione nelle
professioni, le restrizioni sulle tariffe professionali, la spesa annua per un conto
corrente, la dinamica di lungo periodo dei costi una polizza assicurazione, il
prezzo del gasolio al netto delle imposte, la concorrenza sleale delleconomia
sommersa e il numero di articoli contraffatti sequestrati. Un divario negativo si
registra, infne, per gli indici di libert economica e di effcienza del mercato del
lavoro e, in generale, per il livello di competitivit del sistema Paese.
evidente che il solo elenco delle variabili per cui il nostro Paese registra un
gap di competitivit sottolinea la rilevanza dei fattori extraziendali nello spie-
gare i divari degli indicatori di effcienza e di competitivit delle imprese italia-
ne. Last but not least va ricordata la criticit correlata con lapplicazione della
normativa di tutela della denominazione di origine dei prodotti, in un contesto
in cui 129 milioni di consumatori europei, pari al 31,7% del totale, ritengono
decisivo il controllo dellorigine del prodotto nella decisione di acquisto (Con-
fartigianato, 2010).
Alcuni divari dell'Italia con l'Europa
anno 2008
variabile Eurozona Italia Gap
Pil pro capite a ppa 100,0 92,7 -7,3
Produttivit per ora lavorata a ppa 100,0 88,3 -11,7
Pressione fiscale 100,0 107,5 7,5
Investimenti diretti dall'estero 100,0 43,8 -56,3
Tasso di occupazione 15-64 anni 100,0 71,4 -28,6
Dipendenza energetica 100,0 132,7 32,7
Prezzi energia elettrica per le imprese 100,0 130,8 30,8
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Eurostat - Key figures on Europe 2010 edition
La durata di alcuni procedimenti: il gap dell'Italia rispetto alla media Ocse
Anno 2010 giorni
procedure Ocse Italia Gap Gap %
Pagare le imposte 199 285 86 43,2
Premessi di costruire 166 257 91 54,8
Tutelare un contratto 517 1210 693 134,0
Procedure export ed importazione 22 38 16 70,4
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati da Banca Mondiale, Doing Business 2011
170
Contributi
7.
Va apprezzato che, nonostante il sistema delle imprese sia fortemente condi-
zionato da queste diseconomie, tra il 2000 e lanno pre-crisi, il 2007, le espor-
tazioni italiane espresse in dollari hanno registrato un tasso di crescita medio
annuo dell11,3%, mantenendo il passo con lexport dellUnione Europea, cre-
sciuto nello stesso arco di tempo ad un tasso del 12,0%. Comprendendo an-
che il bienno della recessione, tra il 2000 e il 2009 lItalia registra una fessione
della quota delle esportazioni mondiali limitata a 0,4 punti mentre, nello stesso
periodo, la Francia la riduce di 1,2 punti, il Regno Unito di 1,5 punti, gli Stati
Uniti di 3,5 punti.
Le diseconomie esterne che agiscono sul sistema delle imprese italiane pre-
sentano sensibili differenziazioni territoriale e nel presente lavoro proponiamo
uno strumento per misurare le differenze delle condizioni di contesto presen-
ti nei diversi distretti. A questo scopo utilizziamo lanalisi effettuata da Con-
fartigianato per monitorare la qualit delle condizioni per fare impresa nelle
province italiane (Confartigianato, 2010) per ricalcolare un Indice della Qualit
della Vita dei Distretti che si articola su 41 indicatori territoriali raggruppati in 11
ambiti. In particolare lindice prende in considerazione indicatori sulla densit
imprenditoriale, sul lavoro, sulla fscalit, sulla concorrenza sleale, sul rapporto
con la burocrazia, sul credito, sulla giustizia civile, sulle condizioni di legalit
e confittualit, sulle utilities e i servizi pubblici locali, su elementi di capitale
sociale del territorio e sullo stock infrastrutturale.
171
7. Contributi
7.2 La costruzione dellIndice Confartigianato 2011
Qualit della Vita dei Distretti
In questo paragrafo viene presentato lIndice della Qualit della Vita dei Distretti
con il quale viene misurata la capacit di ciascun territorio distrettuale di mette-
re a disposizione le migliori condizioni per fare impresa sulla base di 41 indica-
tori raggruppati in 11 ambiti cos sinteticamente descritti: Densit imprendito-
riale, Mercato del lavoro, Pressione fscale, Concorrenza sleale del sommerso,
Burocrazia, Credito, Tempi della giustizia civile, Legalit e confittualit, Utilities
e servizi pubblici locali, Capitale sociale del territorio e Infrastrutture.
Dei 41 indicatori utilizzati nella costruzione dellIndice, 28 sono rilevati a livello
provinciale mentre per i rimanenti 13 sono disponibili i dati regionali, e sono
stati, perci, attribuiti in modo uniforme alle province appartenenti alla stessa
regione. Dopo aver costruito le matrici provincia-indicatori sulla base degli ul-
timi dati disponibili
2
stato possibile costruire la matrice distretto-indicatore
utilizzando il vettore di ponderazione costituito dagli addetti core business dei
distretti - gli specifci settori distrettuali di specializzazione - disponibili grazie
al censimento per lOsservatorio Distretti 2010 di Unioncamere
3
.
Per ciascun indicatore stata effettuata una standardizzazione dei valori grez-
zi ed espressi in unit di misura differenti secondo una scala che attribuisce
1.000 punti al distretto in cui il parametro assume un valore pi favorevole
allattivit di impresa e 100 al distretto con il valore pi basso (vedi successiva
nota metodologica). Alcuni indicatori mostrano una condizione pi favorevole
allattivit di impresa in corrispondenza di un pi alto valore: si tratta di 13
indicatori e precisamente del numero delle imprese ogni 1.000 abitanti, del-
lincidenza degli i delle imprese con meno di 50 addetti su totale occupati, del
tasso occupazione giovani 25-34 anni, del tasso di occupazione femminile,
del tasso di attivit 55-64 anni, della percentuale di comuni che consentono di
effettuare pagamenti on-line, dellincidenza degli impieghi su valore aggiunto,
del numero degli sportelli bancari ogni 1.000 unit locali, del grado di colle-
2
Dati disponibili al 1 dicembre 2010
3
Un ringraziamento a Domenico Mauriello del Centro Studi Unioncamere per i dati forniti, indispensabili
per la costruzione dellIndice
4
Comprendono ICT, Carta, Biomedicale, Ottica, Nautica, Gomma e Plastica, Strumenti musicali, ed
elettrodomestici industriali.
172
Contributi
7.
gamento imprese in banda larga, dellattivazione di servizi per linfanzia, della
propensione degli imprenditori a cooperare e dellindice sintetico di dotazione
di infrastrutture. In tutti gli altri 28 casi un valore pi alto dellindicatore asso-
ciato ad una pi sfavorevole condizione per lesercizio dellattivit di impresa:
ad esempio i tempi della giustizia, le aliquote fscali, i tassi di interesse, i costi
di varia natura ecc.
Dopo il processo di standardizzazione si calcolato il valore dellindice per
ciascun ambito, pari alla media aritmetica dei punteggi per ciascun indicatore.
La classifca fnale viene elaborata sulla base del valore dellIndice della Qualit
della Vita dei Distretti, ottenuto come media aritmetica dei punteggi degli indici
relativi alle 11 aree tematiche. Un elevato valore dellIndice della Qualit della
Vita dei Distretti indica un territorio che esprime, mediamente per i differenti
ambiti, condizioni maggiormente favorevoli allattivit di impresa distrettuale.
Al contrario, un basso valore dellIndice segnala un territorio che esprime, re-
lative ai differenti ambiti, condizioni maggiormente ostili per limpresa e che ne
compromette la capacit di sopravvivenza e di crescita.
Infne abbiamo calcolato lIndice della Qualit della Vita dei Distretti per rag-
gruppamenti settoriali (i macro settori sono Alimentare, Metalmeccanica, Si-
stema Casa, Sistema Moda e Altri settori
4
) utilizzando come vettore di pon-
derazione il numero degli addetti delle imprese operanti nel core business del
distretto.
I 41 indicatori raggruppati per ambito utilizzati per la costruzione dellIndice
Qualit della Vita dei Distretti sono presentati nelle tabella seguente e che com-
prende lindicazione dellanno di riferimento ed eventuali note. Per ciascun in-
dicatore utilizzato si elaborato il dato disponibile pi recente. La fonti da cui
sono tratti i dati sono Agenzia delle Entrate, Apat, Autorit Energia Elettrica e
Gas, Ifel, Banca dItalia, Cnel, Confartigianato, Consiglio di Presidenza della
Giustizia Tributaria, Corte dei Conti su dati Assobiomedica, Dipartimento del-
le Finanze, Istat, Istituto Tagliacarne, Ministero dellEconomia e delle Finanze,
Ministero dellInterno, Ministero dellIstruzione dellUniversit e della Ricerca,
Unioncamere e Ministero del Lavoro, Unioncamere-Infocamere e Terna. Per il
vettore di ponderazione costituito dagli addetti core business distrettuale la
fonte dati Unioncamere.
173
7. Contributi
4 - work in progess riservato del 25/01/2011
e Gas, Ifel, Banca d'Italia, Cnel, Confartigianato, Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria,
Corte dei Conti su dati Assobiomedica, Dipartimento delle Finanze, Istat, Istituto Tagliacarne,
Ministero dell'Economia e delle Finanze, Ministero dell'Interno, Ministero dell'Istruzione
dell'Universit e della Ricerca, Unioncamere e Ministero del Lavoro, Unioncamere-Infocamere e
Terna. Per il vettore di ponderazione costituito dagli addetti core business distrettuale la fonte dati
Unioncamere.
Indice Confartigianato 2011 Qualit della Vita dei Distretti: gli ambiti e gli indicatori - parte 1
Ambito Indicatore Territorialit
Correlazione
indicatore
con
punteggio
Descrizione
Anno di
riferimento
Imprese ogni 1.000 abitanti PROV Diretta Unit locali istat 2007 ogni 1.000 abitanti 2009 2009
Imprenditorialit
Peso occupazione piccole imprese PROV Diretta Addetti unit locali < 50 addetti su totale occupati 2007
Difficolt al reperimento di personale PROV Inversa
% assunzioni non stagionali previste dalle imprese
per il 2010 di difficile reperimento
2010
Tasso occupazione giovani 25-34 anni PROV Diretta
Occupati 25-34 anni su popolazione della stessa
classe di et
2009
Tasso occupazione femminile PROV Diretta Donne occupate su popolazione femminile 2009
Divario domanda-offerta diplomati in ist.
tecnici, ist. professionali e ist. darte
PROV Inversa
Rapporto tra previsioni per il 2010 di assunzioni di
diplomati scuola secondaria e qualifica
professionale e diplomati in ist. tecnici, ist.
professionali e ist. darte nellA.S. 2007/2008
2010
Mercato
del lavoro
Integrazione degli stranieri PROV Diretta
Indice di potenziale di integrazione dei territori
italiani (con criterio assoluto) elaborato dal CNEL
2008
Aliquota effettiva Irap regionale REG Inversa
Aliquota Irap effettiva data da imposta pagata da
persone fisiche, societ di persone e societ di
capitali su base imponibile
2007
Addizionale comunale Irpef REG Inversa Aliquota ponderata per il numero di abitanti 2009 2009
Addizionale effettiva regionale Irpef REG Inversa
Aliquota irpef effettiva data da imposta pagata dai
soggetti su base imponibile degli stessi
2008
Aliquota media Ici ordinaria PROV Inversa Aliquota ponderata per il numero di abitanti 2009 2009
Addizionale provinciale energia elettrica PROV Inversa Euro per 1.000 Kwh (dati al 31 marzo 2009) 2009
Fiscalit
a s r e v n I G E R i t u i f i r a s s a t / a f f i r a T
Euro per abitante da Dichiarazioni MUD e
Certificati di Conti o Consuntivi
2007
Intensit dell'evasione fiscale PROV Inversa
Ammontare di base imponibile sottratta allo Stato
(calcolato come il dato di contabilit nazionale
meno quello IRAP) diviso la base dichiarata.
Indice elaborato dallAgenzia della Entrate
2006
Tasso attivit 55-64 anni PROV Diretta
Forza lavoro 55-64 anni su popolazione della
stessa classe di et
2009
Concorrenza
sleale del
sommerso
7 0 0 2 i l a t o t A L U e l l u s i r a l o g e r r i A L U e l l e d e l a u t n e c r e P a s r e v n I G E R e r a l o g e r r i o r o v a L
Incidenza dipendenti pubblici su popolazione PROV Inversa Dipendenti pubblici in % popolazione residente 2006
Tempi medi di pagamento del SSN REG Inve 8 0 0 2 ) 0 1 0 2 e l i r p a 0 3 l a i t a d ( i n r o i G a s r
Burocrazia e
rapporti con P.A.
Comuni che consentono di effettuare
pagamenti on-line
9 0 0 2 i n u m o c e l a t o t l u s % a t t e r i D G E R
Tasso di interesse a breve per le imprese REG Inversa
Tasso effettivo sui finanziamenti per cassa (fino ad
un anno) per le imprese non finanziarie e riferito a
rischi auto liquidanti, a scadenza ed a revoca al
31 marzo 2010
2010
9 0 0 2 9 0 0 2 e r b m e t t e s 0 3 l a % e r o l a v a s r e v n I V O R P i h g e i p m i / e z n e r e f f o s o t r o p p a R
% impieghi su valore aggiunto PROV Diretta
Rapporto impieghi alle imprese al 30 settembre
2009 e valore aggiunto 2008
2009
Credito
Sportelli bancari ogni 1.000 unit locali PROV Diretta
Sportelli bancari 2008 per 1.000 unit locali Istat
2007
2008
174
Contributi
7.
Indice Confartigianato 2011 Qualit della Vita dei Distretti: gli ambiti e gli indicatori - parte 2
Ambito Indicatore Territorialit
Correlazione
indicatore
con
punteggio
Descrizione
Anno di
riferimento
Tempi giustizia lavoro PROV Inversa Durata in giorni procedimento lavoro in I e II grado 2006
a t a r u D a s r e v n I V O R P e l i v i c a i z i t s u i g i p m e T in giorni procedimento civile in I e II grado 2007
a t a r u D a s r e v n I V O R P e l a c s i f a i z i t s u i g i p m e T in giorni del procedimento in CPT e CRT 2007
Tempi della
giustizia civile
n i a t a r u D a s r e v n I V O R P i t n e m i l l a f a t a r u D giorni del procedimento di fallimento 2007
Truffe, furti in attivit dimpresa, rapine e
riciclaggio ogni 100 unit locali
PROV Inversa
Somma di Furti in esercizi commerciali, Furti
automezzi pesanti trasporto merci, Rapine,
Riciclaggi, Truffe e frodi informatiche ogni 100
unit locali Istat 2007
2008
i d e c o r P a s r e v n I G E R e l i v i c t i l a u t t i l f n o C menti sopravvenuti ogni 100.000 abitanti 2007
a s r e v n I V O R P o r o v a l t i l a u t t i l f n o C
Sopravvenuti in materia di lavoro per 100.000
occupati
2007
8 0 0 2 % a s r e v n I V O R P o t n u i g g a e r o l a v l u s i t s e t o r p i e d a z n e d i c n I
Indice economico-finanziario rischio usura PROV Inversa
Indice economico finanziario rischio usura
calcolato dal CNEL
2006
Legalit e
conflittualit
% perdite da fallimento su valore aggiunto PROV Inversa
Rapporto perdite registrate nei fallimenti 2007 su
valore aggiunto 2008
2008
Gap con UE prezzi energia elettrica imprese PROV Inversa
Gap nel I semestre 2010 del prezzo dellenergia
per imprese con basso consumo (500-2.000 MWh)
rapportato al valore aggiunto 2008
2010
Variazione % ottobre 2009-2010 prezzi di
affitti e tariffe energia elettrica, gas e acqua
REG Inversa
Tasso var. % prezzi al consumo (NIC) per
Abitazione, Acqua, Energia elettrica e combustibili
tra ottobre 2010 e ottobre 2009
2010
Collegamento imprese in banda larga REG Diretta % imprese collegate in banda larga 2008
Interruzioni energia elettrica, lunghe, con e
senza preavviso
PROV Inversa
Minuti per cliente all'anno. Interruzioni di ogni
natura e origine
2008
Utilities e servizi
pubblici locali
a i z n a f n i ' l r e p i z i v r e s o t a v i t t a o n n a h e h c i n u m o c % a t t e r i D G E R a i z n a f n i l r e p i z i v r e S 2006
Propensione degli imprenditori a cooperare
con altre imprese
REG Diretta
% imprese registrate al interessate da
Costituzione di societ consortili, Fusione,
Associazione temporanea di imprese, Costituzione
di consorzi tra imprenditori
2009
Capitale sociale
del territorio
Dispersione scolastica PROV Inversa
Studenti scuola secondaria di II grado che hanno
abbandonato gli studi per 100 iscritti
2007
Infrastrutture Indice sintetico di dotazione di infrastrutture PROV Diretta Indice elaborato da Unioncamere-Tagliacarne 2009
Riepilogo indicatori
3 1 e l a n o i g e R e s a b u s i r o t a c i d n i o r e m u N
8 2 e l a i c n i v o r P e s a b u s i r o t a c i d n i o r e m u N
Numero Indicatori Totali 41
175
7. Contributi
7.3 Le classifche dellIndice Confartigianato 2011
Qualit della Vita dei Distretti
La classifca distrettuale dellIndice Confartigianato 2011 Qualit della Vita dei
Distretti pone al primo posto, con le condizioni pi favorevoli per il fare impre-
sa, il Distretto
5
del porfdo e delle pietre Trentine dove lIndice assume il suo
valore massimo, pari a 700. Al secondo posto troviamo il Distretto del Mobile
della Brianza (Monza e Brianza) con un valore dellIndice pari a 691, al terzo, ex
aequo, il Distretto dellAbbigliamento Gallaratese, Asse del Sempione (Varese)
e il Distretto della Metallurgia delle Valli Bresciane/Lumezzane (Brescia) con un
valore pari a 685.
In quinta posizione, con un indice pari a 684, troviamo quattro distretti: il Di-
stretto della nautica, ICT, Biotecnologie e il Distretto del caff, entrambi in pro-
vincia di Trieste, il Distretto Metalmeccanico e quello del Tessile, entrambi nella
provincia di Lecco. In nona posizione troviamo, con un indice pari a 680, il
Distretto Tessile e Abbigliamento di Como, seguito dal Distretto Confezioni e
Abbigliamento della Bassa Bresciana, con un valore pari a 677. In undicesima
posizione, con un indice pari a 673, si piazzano quattro distretti: quello del
Coltello e del Mobile attivi in provincia di Pordenone, il Distretto del Mobile
imbottito di Forl ed il Calzaturiero di S. Mauro Pascoli, entrambi in provincia di
Forl-Cesena. A seguire troviamo il Distretto della Gomma e delle guarnizioni in
plastica del Sebino (Bergamo) che presenta un indice pari a 670 ed il Distretto
del Tessile-Abbigliamento di Prato, con un indice pari a 665. Al diciassettesimo
posto, con un indice pari a 664, troviamo tre distretti: lAgro-alimentare di San
Daniele ed il Distretto della Sedia, entrambi situati in provincia di Udine e il
Distretto del Tessile, Confezioni e Accessori per labbigliamento della Valseria-
na/Bergamasca-Valcavallina-Oglio (Bergamo).
Sul versante opposto della classifca troviamo quei distretti in cui pi com-
plesso e pi diffcile esercitare lattivita imprenditoriale: il distretto con lIndi-
ce pi basso, pari a 434, il Distretto produttivo della Meccanica Siciliana
(Siracusa) preceduto dal Distretto Tessile, Abbigliamento e Concia di Grumo
Nevano/San Giuseppe Vesuviano con un valore di 441. A salire troviamo altri
5
Per quanto riguarda le denominazioni dei distretti ci siamo attenuti a quella rilasciata da Unioncamere
con integrazioni apportate dalla Federazione dei Distretti Italiani
176
Contributi
7.
tre distretti campani: il Distretto delle Calzature napoletane (Napoli), con un
valore pari a 442, il Distretto Tessile di S.Agata dei Goti, Casapulla, S.Marco dei
Cavoti, Aversa, Trentola-Ducenta (Benevento) con un valore di 450, il Distretto
Agro-alimentare di Nocera Inferiore-Gragnano (Salerno) con un valore di 459.
Ancora abbiamo il Distretto tessile della Sicilia Orientale (Messina) con un va-
lore di 462, il Distretto Conciario di Solofra (Avellino) con un valore di 482, e il
Distretto della Calzatura di Casarano-Lecce con un valore di 491. Infne in posi-
zione immediatamente precedente troviamo il Co.S.Va.P. - Distretto produttivo
della pesca industriale (Trapani) e il Distretto dellAbbigliamento della Valle del
Liri (Frosinone) entrambi con un valore di 504.
Gli ultimi nove distretti in classifca sono tutti localizzati nel Mezzogiorno, a con-
ferma delle diffcolt incontrate in questo territorio per linsediamento e la ge-
stione di una impresa distrettuale, maggiormente esposta alla concorrenza sui
mercati interni e internazionali.
177
7. Contributi
7 - work in progess riservato del 22/01/2011
Indice Confartigianato 2011 Qualit della Vita dei Distretti, posizione classifica generale per distretto - 1/2
indice da 100 a 1.000 - macrosettore (Alimentare AL, Altri settori AS, Metalmeccanica M, Sistema casa SC e Sistema moda
SM). Le province tra parentesi sono quelle prevalenti per numero di addetti nel core business
Macro
settori
e c i d n I g n i k n a R o t t e r t s i D o t t e r t s i d l e d a c i t e t n i s e n o i z i r c s e D
0 0 7 1 N T , e n i t n e r T e r t e i p e l l e d e o d i f r o P N T , e n i t n e r T e r t e i p e l l e d e o d i f r o P C S
1 9 6 2 B M , a z n a i r B a l l e d e l i b o M B M , a z n a i r B a l l e d e l i b o M C S
SM Abbigliamento Gallaratese, VA Abbigliamento Gallaratese (Asse del Sempione), VA 3 685
5 8 6 3 S B , ) e n a z z e m u L ( e n a i c s e r B i l l a V a i g r u l l a t e M e n a i c s e r B i l l a V a i g r u l l a t e M M
4 8 6 5 r e t s u l C e e f f o C e t s e i r T S T , r e t s u l C e e f f o C A
4 8 6 5 S T , e i g o l o n c e t o i B , T C I , a c i t u a N S T , e i g o l o n c e t o i B , T C I , a c i t u a N A
4 8 6 5 e s e h c c e L o c i n a c c e m l a t e M e s e h c c e L o c i n a c c e m l a t e M M
4 8 6 5 e s e h c c e L e l i s s e T C L e l i s s e T M S
0 8 6 9 o m o C i d o t n e m a i l g i b b A e e l i s s e T O C o t n e m a i l g i b b A e e l i s s e T M S
SM Confezioni e abbigliamento della Bassa
Bresciana, BS
Confezioni e abbigliamento della Bassa Bresciana, BS 10 677
3 7 6 1 1 N P , o l l e t l o C l e d e l a i r t s u d n I N P , o l l e t l o C l e d e l a i r t s u d n I M
3 7 6 1 1 N P , a z n e v i L e l i b o M e l a i r t s u d n I N P , a z n e v i L e l i b o M e l a i r t s u d n I C S
3 7 6 1 1 l r o F i d o t i t t o b m I e l i b o M l r o F i d o t i t t o b m I e l i b o M C S
3 7 6 1 1 C F , i l o c s a P o r u a M . S i d o r e i r u t a z l a C C F , i l o c s a P o r u a M , S o r e i r u t a z l a C M S
0 7 6 5 1 G B , o n i b e S l e d a c i t s a l p n i i n o i z i n r a u g e a m m o G G B , o n i b e S a c i t s a l p n i i n o i z i n r a u g e a m m o G A
5 6 6 6 1 O P , o t a r P i d o t n e m a i l g i b b A - e l i s s e T O P , o t n e m a i l g i b b A - e l i s s e T M S
A Agro-alimentare San Daniele, UD Distretto-Parco Agro-alimentare di San Daniele, UD 17 664
4 6 6 7 1 D U , a i d e S e l a i r t s u d n I D U , a i d e S e l a i r t s u d n I C S
SM Tessile e Confezioni per abbigliamento
Valseriana, BG
Tessile, Confezioni e Accessori per labbigliamento della
Valseriana/Bergamasca-Valcavallina-Oglio, BG
17 664
2 6 6 0 2 N M , o d e r f f o g l e t s a C i d a i r e t t e z l a C - e l i s s e T N M , o d e r f f o g l e t s a C i d a i r e t t e z l a C - e l i s s e T M S
2 6 6 0 2 O M , a l o d n a r i M i d e l a c i d e m o i B O M , a l o d n a r i M e l a c i d e m o i B A
2 6 6 0 2 O M , i p r a C i d o t n e m a i l g i b b A e l i s s e T O M , i p r a C i d o t n e m a i l g i b b A - e l i s s e T M S
1 6 6 3 2 I F , a g n u l a n i S / i s n o b i g g o P i d i l i b o M e o n g e L I F , i s n o b i g g o P i l i b o M e o n g e L C S
1 6 6 3 2 O M , o l o u s s a S i d o c i m a r e C O M , o l o u s s a S i d o c i m a r e C C S
9 5 6 5 2 I F , i l o p m E i d o t n e m a i l g i b b A - e l i s s e T I F , i l o p m E o t n e m a i l g i b b A - e l i s s e T M S
M Industriale delle Componentistica e della
Termoelettromeccanica, COMET , PN
Industriale delle Componentistica e della Termoelettromeccanica,
COMET , PN
26 652
2 5 6 6 2 , o d e r r A - o n g e L l e d o t e n e V o t t e r t s i d a t e M , o d e r r A - o n g e L l e d o t e n e V o t t e r t s i d a t e M C S
1 5 6 8 2 a m r a P i d o t t u i c s o r P l e d e r a t n e m i l a - o r g A a m r a P i d o t t u i c s o r P l e d e r a t n e m i l a - o r g A A
M Meccatronica e delle Tecnologie Meccaniche
Innovative, VI
Meccatronica e delle Tecnologie Meccaniche Innovative, VI 28 651
1 5 6 8 2 I V , o n a s s a B i d e t r a ' d e l i b o M I V , o n a s s a B e t r a ' d e l i b o M C S
1 5 6 8 2 I V , o c i t s i t r A o r t e V e a n a l l e c r o P , a c i m a r e C I V , o c i t s i t r A o r t e V e a n a l l e c r o P , a c i m a r e C C S
1 5 6 8 2 a n i t n e c i V a i c n o C I V a i c n o C M S
1 5 6 8 2 a z n e c i V i d o r e i t n e g r A - o f a r O I V , o r e i t n e g r A - o f a r O M S
9 4 6 4 3 N M , e s e n a d a i V - o c s a l a s a C o n g e L N M , e s e n a d a i V - o c s a l a s a C o n g e L C S
8 4 6 5 3 R V , o t e n e V e r a t n e m i l A o t t e r t s i d a t e M R V , e r a t n e m i l A o t t e r t s i d a t e M A
8 4 6 5 3 R V , a m i l C o t e n e V a c i n a c c e m o m r e T R V , a m i l c - a c i n a c c e m o m r e T M
8 4 6 5 3 R V , a t e n e V a r u n a i P a l l e d o c i s s a l c e l i b o M R V , o c i s s a l c e l i b o M C S
8 4 6 5 3 R V , o t e n e V l e d e r t e i p e l l e d e o m r a M R V , e r t e i p e o m r a M C S
8 4 6 5 3 e s e n o r e V o r e i r u t a z l a C R V o r e i r u t a z l a C M S
8 4 6 5 3 a d o M a n o r e V - o t n e m a i l g i b b A R V o t n e m a i l g i b b A M S
5 4 6 1 4 I F , o n r A l l u s e c o r C a t n a S i d e l a i r t s u d n I I F , o n r A l l u s e c o r C a t n a S i d e l a i r t s u d n I M S
5 4 6 1 4 a i z i l i d e o i B a l l e d o t e n e V o t t e r t s i d a t e M a i z i l i d e o i B a l l e d o t e n e V o t t e r t s i d a t e M C S
5 4 6 1 4 V T , a n u l l e b e t n o M i d m e t s y s t r o p S V T , a n u l l e b e t n o M m e t s y s t r o p S M S
2 4 6 4 4 V T , e r e i h g r e b l a e r u t a z z e r t t A V T , e r e i h g r e b l a e r u t a z z e r t t A A
M Condizionamento e refrigerazione industr., PD Veneto del condizionamento e della refrigerazione industriale, PD 45 640
9 3 6 6 4 o z z e r A i d o f a r O R A o f a r O M S
SM Tessile-Abbigliamento Casentino, AR Tessile-Abbigliamento del Casentino-Val Tiberina, AR 46 639
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati da fonti diverse
178
Contributi
7.
Indice Confartigianato 2011 Qualit della Vita dei Distretti, posizione classifica generale per distretto - 2/2
indice da 100 a 1.000 - macrosettore (Alimentare AL, Altri settori AS, Metalmeccanica M, Sistema casa SC e Sistema moda
SM). Le province tra parentesi sono quelle prevalenti per numero di addetti nel core business
Macro
settori
Descrizione sintetica del distretto Distretto Ranking Indice
SM Pelle e Calzature Valdarno Superiore, AR Pelli, Cuoio e Calzature di Valdarno Superiore, AR 46 639
SC Vetro artistico Murano, VE Vetro artistico di Murano, VE 49 638
A Agro Industriale di San Benedetto del
Tronto, AP
Agro Industriale di San Benedetto del Tronto, AP 50 635
SM Calzature FM Calzaturiero di Fermo, Montegranaro/Montegiorgio/Montefiore
dell'Aso/Offida
50 635
SM Cappello di Montappone, AP Cappello di Montappone e Massa Fermana, AP 50 635
A Cartario Capannori, (LU) Cartario di Capannori, (LU) 50 635
SM Meccano-calzaturiero Vigevanese, PV Meccano-calzaturiero Vigevanese, PV 50 635
SC Legno e Mobili PU Legno e Mobili di Pesaro/Fossombrone/Piandimeleto, PU 55 632
SM Tessile-Abbigliamento PU Tessile- Abbigliamento di Urbania/Sant'Angelo in Vado/Pergola/
Sassocorvaro/Mondolfo, PU
55 632
SM Pelle e Calzature, MC Pelli, Cuoio e Calzature di Civitanova Marche/Tolentino/Monte San
Giusto/Porto S. Elpidio/Monte San Pietrangeli, MC
55 632
A Industriale Plurisettoriale, AN Industriale Plurisettoriale di Recanati-Osimo-Castelfidardo, AN 55 632
M Meccanica ed elettrodomestici Fabriano, AN Meccanica ed elettrodomestici di Fabriano, AN 55 632
A Bevande alcoliche di Canelli-Santo Stefano
Belbo, CN e AT
Bevande alcoliche di Canelli-Santo Stefano Belbo, CN e AT 60 629
SC Rubinetteria e valvolame,NO Rubinetteria e del valvolame di S.Maurizio D'Opaglio/Armena , NO 61 623
SM Calzature Valdinievole, PT Calzaturiero della Valdinievole, PT 62 618
SM Occhiale, BL Occhiale, BL 62 618
M Frigoriferi industriali, AL Frigoriferi industriali di Casale Monferrato-Ticineto-Quattordio, AL 64 616
M Metalmeccanica e elettronica Canavese, TO Metalmeccanica ed elettronica del Canavese, TO 65 615
SM Orafo Valenza Po, AL Orafo di Valenza Po, AL 66 614
SC Lapideo Apuo-Versiliese, MS Lapideo Apuo-Versiliese (Carrara), MS 67 611
SC Energie rinnovabili, BL Energie rinnovabili di Belluno 68 607
A Ittico, RO Ittico di Rovigo 69 606
SC Casalinghi, VB Casalinghi Omegna-Varallo Sesia-Stresa, VB 69 606
SM Tessile-Abbigliamento Biella Tessile-Abbigliamento (Tollegno/Trivero/Biella/Cossato/Crevacuore) 71 604
SC Ceramica Civita Castellana, VT Ceramica di Civita Castellana, VT 72 588
A Tecnologie del mare SP Tecnologie del mare di La Spezia 73 550
SC Sughero Calangianus, OT Sughero di Calangianus - Tempio Pausania, OT 74 534
SC Granito Gallura, SS Granito della Gallura, SS 74 534
SM Abbigliamento Maiella, CH Abbigliamento della Maiella, CH 76 533
A Piana del Cavaliere-Carsoli-Orticola, AQ Piana del Cavaliere-Carsoli-Orticola, AQ 77 529
SM Tessile-Abbigliamento Vibrata, TE Tessile - Abbigliamento di Vibrata-Tordino Vomano, TE 78 527
SC Mobile imbottito Murgia Industriale del mobile imbottito dell'Area Murgiana 79 524
SM Industriale delle Calzature di Barletta, BT Industriale delle Calzature di Barletta, BT 80 523
SM Tessile-Abbigliamento Corato, BA Tessile-Abbigliamento di Corato, BA 80 523
A Agroindustriale del Vulture, PZ Agroindustriale del Vulture, PZ 82 522
A Carta, cartotecnica, grafica ed editoria FR Carta, cartotecnica, grafica ed editoria della provincia di Frosinone 83 504
SC Marmo e lapidei Monti Ausoni, FR Marmo e Lapidei Monti Ausoni - Tiburtina, FR 83 504
SM Abbigliamento Valle del Liri, FR Abbigliamento della Valle del Liri, FR 83 504
A CO.S.VA.P Pesca industriale, TP Co.S.Va.P. pesca industriale, TP 83 504
SM Calzature Casarano, LE Calzatura di Casarano-Lecce 87 491
SM Concia Solofra, AV Conciario di Solofra, AV 88 482
SM Tessile Sicilia Orientale, ME Tessile della Sicilia Orientale, ME 89 462
A Agro-alimentare, SA Agro-alimentare di Nocera Inferiore-Gragnano , SA 90 459
SM Tessile, BN Distretto Tessile di S.Agata dei Goti/Casapulla/S.Marco Dei
Cavoti/Aversa/Trentola-Ducenta, BN
91 450
SM Calzature, NA Calzature napoletane, NA 92 442
SM Tessile, Abbigliamento e Concia NA Tessile, Abbigliamento e Concia di Grumo Nevano/San Giuseppe
Vesuviano, NA
93 441
M Meccanica, SR Meccanica Siciliana, SR 94 434
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati da fonti diverse
179
7. Contributi
Nella tabella successiva sono riportati i primi tre e gli ultimi tre distretti clas-
sifcati negli 11 ambiti che compongono lIndice Confartigianato Qualit della
Vita dei Distretti.
A livello di macrosettori sono i distretti del Sistema Casa a mostrare le migliori
condizioni ambientali per le imprese, con un Indice Confartigianato Qualit del-
la Vita dei Distretti - ottenuto come media degli indici dei distretti appartenenti
al macrosettore ponderata con il proprio numero di addetti del core business
pari a 645, seguito dai distretti degli Altri settori con 640, della Metalmecca-
Indice Confartigianato 2011 Qualit della Vita dei Distretti: i primi e gli ultimi tre distretti per ambito
Posizioni in classifica - Le province tra parentesi sono quelle prevalenti per numero di addetti nel core business
Ambiti 1 posto 2 posto 3 posto Terzultimo posto Penultimo posto Ultimo posto
Indice Qualit
della Vita
Distretti
Porfido e delle pietre
Trentine, TN
Mobile della
Brianza, MB
Abbigliamento
Gallaratese, VA
Calzature, NA
Tessile,
Abbigliamento
e Concia NA
Meccanica, SR
Imprenditorialit
Tessile-
Abbigliamento, PO
Cartario
Capannori, LU
Tessile-Abbigliamento
Empoli, FI
Tessile,
Abbigliamento e
Concia NA
Calzature, NA Meccanica, SR
Mercato del
lavoro
Biomedicale
Mirandola, MO
Tessile-
Abbigliamento
Carpi, MO
Meccatronica e delle
Tecnologie Meccaniche
Innovative, VI
Calzature
Casarano, LE
Abbigliamento
Maiella, CH
Piana del
Cavaliere-Carsoli-
Orticola, AQ
Fiscalit
Porfido e delle pietre
Trentine, TN
Coltello, PN Mobile Livenza , PN Calzature, NA
Agro-
alimentare,
SA
Tessile,
Abbigliamento e
Concia NA
Concorrenza
sleale del
sommerso
Agro-alimentare, PR
Legno
Casalasco-
Viadanese, MN
Tessile Calzetteria di
Castelgoffredo, MN
Agroindustriale
del Vulture, PZ
Concia
Solofra, AV
Meccanica, SR
Burocrazia e
rapporti con
P.A.
Agro-industriale di
San Benedetto del
Tronto, AP
Calzature FM
Cappello di
Montappone, AP
Agro-alimentare,
SA
Calzature, NA
Tessile,
Abbigliamento e
Concia NA
Credito
Porfido e delle pietre
Trentine, TN
Metallurgia Valli
Bresciane
Confezioni e
abbigliamento Bassa
Bresciana, BS
Agro-alimentare,
SA
Concia
Solofra, AV
Tessile, BN
Tempi della
giustizia
Porfido e delle pietre
Trentine, TN
Metalmeccanica
e elettronica
Canavese, TO
Tessile e
Abbigliamento CO
Tessile Sicilia
Orientale, ME
Meccanica,
SR
Calzature
Casarano, LE
Legalit e
conflittualit
Porfido e delle pietre
Trentine, TN
Energie
rinnovabili, BL
Occhiale,BL
Agro-alimentare,
SA
Calzature, NA
Tessile,
Abbigliamento e
Concia NA
Utilities e
servizi pubblici
locali
Tecnologie del mare
SP
Tessile-
Abbigliamento
Empoli, FI
Tessile, Abbigliamento
e Concia NA
Ittico, RO Occhiale, BL
Energie
rinnovabili, BL
Capitale sociale
del territorio
Coltello, PN
Mobile Livenza ,
PN
Ceramico di Sassuolo,
MO
Sughero
Calangianus, OT
Granito
Gallura, SS
Meccanica, SR
Infrastrutture Coffee Cluster, TS
Nautica, ICT,
Biotecnologie,
TS
Vetro artistico Murano,
VE
Mobile Livenza,
PN
Energie
rinnovabili, BL
Agroindustriale del
Vulture, PZ
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati da fonti diverse
180
Contributi
7.
nica con 639. Una pi accentuata riduzione dellindice si riscontra per i distretti
del Sistema Moda, con un valore medio di 627 e per quelli dellAlimentare,
dove si registra il valore minimo di 604.
Nella tabella successiva sono riportate le performances dei macrosettori dap-
partenenza dei distretti in relazione agli 11 ambiti presi in esame dallIndice
Confartigianato Qualit della Vita dei Distretti.
Nella tabella successiva viene proposto il ranking dei 94 distretti relativamente
agli 11 ambiti esaminati; i distretti sono raggruppati per macrosettore e, allin-
terno di questo raggruppamento, ordinati per ranking dellIndice Confartigiana-
to Qualit della Vita dei Distretti.
Indice Confartigianato 2011 Qualit della Vita dei Distretti per macrosettore
Indice medio ponderato per il numero degli addetti del core business
Macrosettore
Posizione
in classifica
Valore
Sistema casa 1 645
Altri settori 2 640
Metalmeccanica 3 639
Sistema moda 4 627
Alimentare 5 604
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati da fonti diverse
Indice Confartigianato Qualit della Vita dei Distretti: le classifiche macrosettoriali per ambito
Posizioni in classifica
Ambiti 1 posto 2 posto 3 posto 4 posto 5 posto
Indice Qualit
della Vita Distretti
Sistema casa Altri settori Metalmeccanica Sistema moda Alimentare
Imprenditorialit Altri settori Sistema moda Sistema casa Metalmeccanica Alimentare
Mercato del lavoro Metalmeccanica Altri settori Sistema casa Sistema moda Alimentare
Fiscalit Metalmeccanica Sistema casa Sistema moda Altri settori Alimentare
Concorrenza sleale del sommerso Sistema casa Alimentare Altri settori Sistema moda Metalmeccanica
Burocrazia e rapporti con P.A. Altri settori Metalmeccanica Sistema casa Sistema moda Alimentare
Credito Metalmeccanica Sistema casa Altri settori Alimentare Sistema moda
Tempi della giustizia Metalmeccanica Sistema casa Sistema moda Alimentare Altri settori
Legalit e conflittualit Sistema casa Metalmeccanica Altri settori Alimentare Sistema moda
Utilities e servizi pubblici locali Sistema moda Sistema casa Altri settori Metalmeccanica Alimentare
Capitale sociale del territorio Sistema casa Altri settori Metalmeccanica Sistema moda Alimentare
Infrastrutture Alimentare Altri settori Sistema moda Sistema casa Metalmeccanica
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati da fonti diverse
Indice Confartigianato 2011 Qualit della Vita dei Distretti per macrosettore
Indice medio ponderato per il numero degli addetti del core business
Macrosettore
Posizione
in classifica
Valore
Sistema casa 1 645
Altri settori 2 640
Metalmeccanica 3 639
Sistema moda 4 627
Alimentare 5 604
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati da fonti diverse
Indice Confartigianato Qualit della Vita dei Distretti: le classifiche macrosettoriali per ambito
Posizioni in classifica
Ambiti 1 posto 2 posto 3 posto 4 posto 5 posto
Indice Qualit
della Vita Distretti
Sistema casa Altri settori Metalmeccanica Sistema moda Alimentare
Imprenditorialit Altri settori Sistema moda Sistema casa Metalmeccanica Alimentare
Mercato del lavoro Metalmeccanica Altri settori Sistema casa Sistema moda Alimentare
Fiscalit Metalmeccanica Sistema casa Sistema moda Altri settori Alimentare
Concorrenza sleale del sommerso Sistema casa Alimentare Altri settori Sistema moda Metalmeccanica
Burocrazia e rapporti con P.A. Altri settori Metalmeccanica Sistema casa Sistema moda Alimentare
Credito Metalmeccanica Sistema casa Altri settori Alimentare Sistema moda
Tempi della giustizia Metalmeccanica Sistema casa Sistema moda Alimentare Altri settori
Legalit e conflittualit Sistema casa Metalmeccanica Altri settori Alimentare Sistema moda
Utilities e servizi pubblici locali Sistema moda Sistema casa Altri settori Metalmeccanica Alimentare
Capitale sociale del territorio Sistema casa Altri settori Metalmeccanica Sistema moda Alimentare
Infrastrutture Alimentare Altri settori Sistema moda Sistema casa Metalmeccanica
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati da fonti diverse
181
7. Contributi
Indice Confartigianato Qualit della Vita dei Distretti: posizione in classifica generale e negli 11 ambiti - 1/2
Ranking - Distretti per macrosettore e ordinati al crescere del ranking dellindice. Le province tra parentesi sono quelle prevalenti per
numero di addetti nel core business
Macro
settore
Descrizione
sintetica del Distretto
I
n
d
i
c
e
Q
u
a
l
i
t

d
e
l
l
a
V
i
t
a
d
e
i
D
i
s
t
r
e
t
t
i
I
m
p
r
e
n
d
i
t
o
r
i
a
l
i
t

M
e
r
c
a
t
o
d
e
l
l
a
v
o
r
o
F
i
s
c
a
l
i
t

C
o
n
c
o
r
r
e
n
z
a
s
l
e
a
l
e
d
e
l
s
o
m
m
e
r
s
o
B
u
r
o
c
r
a
z
i
a
e
R
a
p
p
o
r
t
i
c
o
n
P
.
A
.
C
r
e
d
i
t
o
T
e
m
p
i
d
e
l
l
a
g
i
u
s
t
i
z
i
a
L
e
g
a
l
i
t

e
c
o
n
f
l
i
t
t
u
a
l
i
t

U
t
i
l
i
t
i
e
s
e
s
e
r
v
i
z
i
p
u
b
b
l
i
c
i
l
o
c
a
l
i
C
a
p
i
t
a
l
e
s
o
c
i
a
l
e
d
e
l
t
e
r
r
i
t
o
r
i
o
I
n
f
r
a
s
t
r
u
t
t
u
r
e
A Coffee Cluster, TS 5 76 71 37 76 86 20 19 35 48 13 1
A Nautica, ICT, Biotecnologie, TS 5 76 71 37 76 86 20 19 35 48 13 1
A Gomma e guarnizioni in plastica Sebino, BG 15 35 11 16 28 11 10 65 48 45 22 34
A Agro-alimentare San Daniele, UD 17 48 69 5 52 52 23 27 26 64 6 62
A Biomedicale Mirandola, MO 20 12 1 80 8 48 35 86 29 21 4 32
A Agro-alimentare, PR 28 26 40 78 1 56 11 83 33 33 12 46
A Metadistretto Alimentare VR 35 38 25 19 13 30 12 36 17 86 40 19
A Attrezzature alberghiere, TV 44 36 39 26 34 54 37 44 31 79 34 12
A Agro-industriale di San Benedetto del Tronto, AP 50 7 52 69 10 1 71 71 76 27 30 64
A Cartario Capannori, LU 50 2 63 61 51 43 55 35 62 44 66 36
A Industriale Plurisettoriale AN 55 25 35 62 60 18 52 61 47 43 65 17
A Bevande alcoliche di Canelli-Santo Stefano
Belbo, CN e AT
60 63 21 54 40 51 40 7 28 72 57 88
A Ittico, RO 69 55 59 56 37 29 49 26 34 92 58 80
A Tecnologie del mare SP 73 32 89 82 82 76 61 84 87 1 81 5
A Piana del Cavaliere-Carsoli-Orticola, AQ 77 74 94 52 67 89 85 44 80 52 73 90
A Agroindustriale del Vulture, PZ 82 79 83 15 92 82 88 88 39 63 71 94
A Carta, cartotecnica, grafica ed editoria FR 83 81 77 88 78 66 82 66 88 35 76 72
A CO.S.VA.P Pesca industriale, TP 83 85 84 55 85 76 85 70 83 67 89 27
A Agro-Alimentare, SA 90 89 81 93 81 92 92 69 92 16 83 15
M Metallurgia Valli Bresciane 3 17 10 4 46 14 2 43 64 55 22 53
M Metalmeccanico Lecchese 5 56 43 13 24 9 38 9 13 24 10 58
M Coltello, PN 11 63 50 2 69 21 42 16 13 50 1 91
M Industriale delle Componentistica e della
Termoelettromeccanica, COMET , PN
26 68 31 18 23 17 31 15 11 74 21 55
M Meccatronica e delle Tecnologie Meccaniche
Innovative, VI
28 18 3 44 28 24 26 29 4 81 40 48
M Termomeccanica-clima, VR 35 38 25 19 13 30 12 36 17 86 40 19
M Condizionam. e refrigeraz. industr, PD 45 10 40 11 52 63 44 76 40 80 29 13
M Meccanica ed elettrodomestici Fabriano, (AN) 55 27 20 57 60 56 47 61 49 46 70 9
M Frigoriferi industriali, AL 64 62 42 67 55 44 56 11 54 58 62 55
M Metalmeccanica e elettronica Canavese, TO 65 66 57 66 71 65 60 2 64 47 69 18
M Meccanica, SR 94 94 67 84 94 78 76 93 72 75 94 29
SC Porfido e delle pietre Trentine, TN 1 46 66 1 44 73 1 1 1 71 28 85
SC Mobile della Brianza, MB 2 31 31 27 22 37 7 5 75 15 17 10
SC Mobile FC 11 5 23 76 40 39 4 74 17 13 8 43
SC Mobile Livenza, PN 11 63 50 2 69 21 42 16 13 50 1 91
SC Sedia, UD 17 48 69 5 52 52 23 27 26 64 6 62
SC Legno e Mobili Poggibonsi, FI 23 4 55 31 36 72 34 44 52 4 33 13
SC Ceramico Sassuolo, MO 23 16 8 78 7 42 33 85 31 21 3 38
SC Metadistr.Veneto Legno-Arredo 26 61 37 17 27 23 32 18 12 73 20 30
SC Ceramica porcellana e vetro Artistico , VI 28 18 3 44 28 24 26 29 4 81 40 48
SC Mobile d'arte Bassano, VI 28 18 3 44 28 24 26 29 4 81 40 48
SC Legno Casalasco-Viadanese, MN 34 66 59 40 2 18 8 59 55 53 16 71
SC Marmo e pietre, VR 35 38 25 19 13 30 12 36 17 86 40 19
SC Mobile classico, VR 35 38 25 19 13 30 12 36 17 86 40 19
SC Bioedilizia, TV 41 68 17 42 5 15 12 13 9 76 35 39
SC Vetro artistico Murano, VE 49 33 75 49 57 62 48 34 25 78 40 3
SC Legno e Mobili PU 55 44 33 73 65 4 45 47 49 31 38 69
SC Rubinetteria e valvolame, NO 61 71 56 63 48 61 56 4 53 60 53 35
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati da fonti diverse
182
Contributi
7.
Indice Confartigianato Qualit della Vita dei Distretti: posizione in classifica generale e negli 11 ambiti - 2/2
Ranking - Distretti per macrosettore e ordinati al crescere del ranking dellindice. Le province tra parentesi sono quelle prevalenti per
numero di addetti nel core business
Macro
settore
Descrizione
sintetica del Distretto
I
n
d
i
c
e
Q
u
a
l
i
t

d
e
l
l
a
V
i
t
a
d
e
i
D
i
s
t
r
e
t
t
i
I
m
p
r
e
n
d
i
t
o
r
i
a
l
i
t

M
e
r
c
a
t
o
d
e
l
l
a
v
o
r
o
F
i
s
c
a
l
i
t

C
o
n
c
o
r
r
e
n
z
a
s
l
e
a
l
e
d
e
l
s
o
m
m
e
r
s
o
B
u
r
o
c
r
a
z
i
a
e
R
a
p
p
o
r
t
i
c
o
n
P
.
A
.
C
r
e
d
i
t
o
T
e
m
p
i
d
e
l
l
a
g
i
u
s
t
i
z
i
a
L
e
g
a
l
i
t

e
c
o
n
f
l
i
t
t
u
a
l
i
t

U
t
i
l
i
t
i
e
s
e
s
e
r
v
i
z
i
p
u
b
b
l
i
c
i
l
o
c
a
l
i
C
a
p
i
t
a
l
e
s
o
c
i
a
l
e
d
e
l
t
e
r
r
i
t
o
r
i
o
I
n
f
r
a
s
t
r
u
t
t
u
r
e
SC Lapidei Apuo-Versiliese, MS 67 14 67 64 47 58 64 82 60 26 64 15
SC Energie rinnovabili BL 68 58 57 50 59 59 9 58 2 94 67 93
SC Casalinghi, VB 69 75 38 53 68 64 70 6 41 62 59 89
SC Ceramica Civita Castellana, VT 72 46 46 87 43 70 53 56 84 7 60 60
SC Granito Gallura, SS 74 59 71 32 74 79 77 80 45 67 92 83
SC Sughero Calangianus, OT 74 59 71 32 74 79 77 80 45 67 92 83
SC Mobile imbottito Murgia 79 84 81 12 86 83 87 91 68 39 84 36
SC Marmo e lapidei Monti Ausoni, FR 83 81 77 88 78 66 82 66 88 35 76 72
SM Abbigliamento Gallaratese, VA 3 53 11 8 49 13 59 21 37 19 26 4
SM Tessile LC 5 56 43 13 24 9 38 9 13 24 10 58
SM Tessile e Abbigliamento CO 9 52 22 28 50 7 41 3 38 17 15 57
SM Confezioni e abbigliamento Bassa Bresciana, BS 10 33 17 7 44 20 3 54 56 55 18 53
SM Calzaturiero S,Mauro Pascoli, FC 11 5 23 76 40 39 4 74 17 13 8 43
SM Tessile-Abbigliamento, PO 16 1 48 30 4 50 69 42 82 6 68 41
SM Tessile e Confezioni per abbigliamento Valseriana, BG 17 37 16 34 26 8 25 76 42 35 22 28
SM Tessile e Calzetteria Castelgoffredo, MN 20 51 45 19 3 12 6 52 67 54 18 67
SM Tessile-Abbigliamento Carpi, MO 20 12 1 80 8 48 35 86 29 21 4 32
SM Tessile-Abbigliamento Empoli, FI 25 3 62 29 39 74 51 49 64 2 52 6
SM Concia VI 28 18 3 44 28 24 26 29 4 81 40 48
SM Orafo-Argentiero, VI 28 18 3 44 28 24 26 29 4 81 40 48
SM Abbigliamento VR 35 38 25 19 13 30 12 36 17 86 40 19
SM Calzaturiero VR 35 38 25 19 13 30 12 36 17 86 40 19
SM Industriale Santa Croce sull'Arno, FI 41 11 65 41 35 71 54 55 61 5 35 8
SM Sportsystem Montebelluna , TV 41 68 17 42 5 15 12 13 9 76 35 39
SM Orafo AR 46 28 11 58 13 45 66 21 57 9 54 77
SM Pelle e Calzature Valdarno Superiore, AR 46 28 11 58 13 45 66 21 57 9 54 77
SM Tessile-Abbigliamento Casentino, AR 46 28 11 58 13 45 66 21 57 9 54 77
SM Calzature FM 50 7 52 69 10 1 71 71 76 27 30 64
SM Cappello di Montappone, AP 50 7 52 69 10 1 71 71 76 27 30 64
SM Meccano-calzaturiero Vigevanese, PV 50 80 36 36 37 30 50 12 62 34 26 47
SM Pelle e Calzature, MC 55 23 49 65 62 6 62 61 44 27 25 85
SM Tessile-Abbigliamento PU 55 44 33 73 65 4 45 47 49 31 38 69
SM Calzature Valdinievole, PT 62 15 64 51 72 41 64 21 74 9 74 60
SM Occhiale, (BL) 62 50 47 35 56 60 22 60 3 93 60 80
SM Orafo Valenza Po, AL 66 54 61 72 57 38 58 8 71 61 63 42
SM Tessile-Abbigliamento Biella 71 23 9 68 63 55 63 79 43 66 72 80
SM Abbigliamento Maiella, CH 76 72 93 83 64 81 74 64 79 59 79 43
SM Tessile-Abbigliamento Vibrata, TE 78 73 80 86 73 69 75 49 85 57 80 72
SM Calzature, BT 80 87 85 9 87 84 79 89 69 39 85 25
SM Tessile-Abbigliamento Corato, BA 80 87 85 9 87 84 79 89 69 39 85 25
SM Abbigliamento Valle del Liri, FR 83 81 77 88 78 66 82 66 88 35 76 72
SM Calzature Casarano, LE 87 85 92 39 84 75 90 94 73 39 87 67
SM Concia Solofra, AV 88 78 76 75 93 90 93 78 86 19 75 87
SM Tessile Sicilia Orientale, ME 89 90 87 84 91 86 81 92 81 70 87 30
SM Tessile, BN 91 91 88 91 83 91 94 52 91 18 82 76
SM Calzature, NA 92 93 89 92 89 93 91 57 93 8 90 11
SM Tessile, Abbigliamento e Concia NA 93 92 91 94 90 94 89 51 94 3 91 7
Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati da fonti diverse
183
7. Contributi
7.4 Nota metodologica e fonti statistiche dei dati dellIndice
La gran parte degli indicatori utilizzati per lIndice Qualit della Vita dei Di-
stretti relativa ad un elenco di province che esclude quelle di pi recente
costituzione, e cio quelle di Monza, Fermo e le quattro nuove province della
Sardegna: Olbia-Tempio, Ogliastra, Medio Campidano e Carbonia-Iglesias. Di
conseguenza, nei limitati casi in cui erano disponibili i dati per le 8 province
della Sardegna, sono stati attribuiti alle 4 vecchie province di Cagliari, Nuoro,
Oristano e Sassari in base ad una ponderazione rispetto agli occupati del-
le imprese. Nel caso della provincia di Barletta-Trani-Andria, il valore stato
distribuito alle province di Bari e Foggia secondo una ponderazione rispetto
alla popolazione residente nel 2009. Infne nel caso delle province di Monza e
Fermo, i valori sono stati inclusi rispettivamente nella provincia di Milano e di
Ascoli Piceno utilizzando come criterio in numero delle imprese di fonte Union-
camere- Infocamere, Movimprese.
Nel caso dellindicatore Indice rischio usura erano presenti dei valori negativi
e si quindi proceduto ad una standardizzazione del valore A con un indice
trasposto B dove B=A+|(min A)|, con B mai negativo.
Dalla matrice dei valori originali, standardizzati nel caso sopraindicato, si poi
proceduto ad una elaborazione di un indice che oscilla tra 1.000 nel caso di va-
lore dellindice migliore per lattivit di impresa e 100 per il valore peggiore. Di
conseguenza di ottiene un valore dellindice che, nel caso di valore dellindica-
tore positivamente correlato con la bont per lambiente di imprese distrettuali,
cos determinato, per la privincia i-esima:

Nel caso opposto, con valore dellindicatore negativamente correlato con la
bont per lambiente di imprese distrettuali, il valore dellindice viene calcolato
per la privincia i-esima con questa formula:

( ) [ ]
( ) ( ) [ ]
100
V min V max
900 * V min V
I
i i
i i
i + =
( ) ( ) [ ]
( ) ( ) [ ]
100
V min V max
900 * V V max
I
i i
i i
i + =
184
Contributi
7.
Gli indicatori sono stati elaborati utilizzando i dati provenienti dalle seguenti
fonti:
AGENZIA DELLE ENTRATE (2009), Aliquote addizionale comunale IRPEF
AUTORIT ENERGIA ELETTRICA E GAS (2010),
Banca dati qualit. Elettricit: continuit del servizio
IFEL (2010), Aliquote ICI 2009 e Addizionale comunale IRPEF 2009
BANCA DITALIA (2010), Base informativa pubblica
CNEL (2010), Indici di integrazione degli immigrati in italia.
Il potenziale di integrazione nei territori italiani. Analisi delloccupazione
e della criminalit per collettivit. VII Rapporto
CNEL (2008), Usura. Diffusione territoriale,
evoluzone e qualit criminale del fenomeno. Rapporto fnale, settembre
CONFARTIGIANATO (2010), Alla ricerca del PIL perduto.
Rapporto per Assemblea del 9 giugno
CONSIGLIO DI PRESIDENZA DELLA GIUSTIZIA TRIBUTARIA (2008)
Relazione al Ministro dellEconomia e delle Finanze sullandamento
della giustizia tributaria (1 gennaio 2007-31 dicembre 2007)
CORTE DEI CONTI (2010),
Relazione sulla gestione fnanziaria delle regioni esercizi 2008-2009.
Sezione delle autonomie. Fonte Assobiomedica relativa a Prodotti biomedicali
EUROSTAT (2010),
Banca dati statistica Electricity prices for households and industry
ISPRA (2010), Rapporto rifuti 2009
ISTAT (2007), Le nuove attivit imprenditoriali. Anni 2002-2005
ISTAT (2009), Struttura e dimensione delle unit locali delle imprese.
Anno 2007
ISTAT (2010a), Bilancio demografco, anni diversi. Banca dati Demo
ISTAT (2010b), Le tecnologie dellinformazione e della comunicazione
nelle amministrazioni locali. Anno 2009
ISTAT (2010c), Sistema Informativo Giustizia
ISTAT (2010d), Rilevazione sulle forze di lavoro. Media 2009
185
7. Contributi
ISTAT (2010e), Prezzi al consumo. Dati. Indici NIC.
Indici regionali per capitolo di spesa. Anni 1999-2010. Ottobre 2010
ISTAT (2010f), Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo
MINISTERO DELLECONOMIA E DELLE FINANZE (2009),
Dichiarazioni Irap. Anno dimposta 2007. Dipartimento delle Finanze.
MINISTERO DELLECONOMIA E DELLE FINANZE (2010a),
Dati sulle dichiarazioni. Anticipazione anno dimposta 2008
(aggiornato al 30 aprile 2010). Dipartimento delle Finanze
MINISTERO DELLECONOMIA E DELLE FINANZE (2010b),
Addizionale provinciale allaccisa sullenergia elettrica.
Dipartimento delle Finanze. Finanza locale
MINISTERO DELLINTERNO - Scuola Superiore dellAmministrazione
dellInterno (2009), Sistema Statistico Nazionale. Le Statistiche Uffciali del
Ministero dellInterno. Delitti commessi e denunciati allAutorit Giudiziaria
dalle forze di polizia: Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di
Finanza, Polizia Penitenziaria, Corpo Forestale dello Stato e altre FF.PP..
Anno 2008
MINISTERO DELLISTRUZIONE DELLUNIVERSIT E DELLA RICERCA
(2008a), Direzione generale per gli studi, la statistica e i sistemi informativi.
Studi e Programmazione. Dati statistici, i numeri della scuola. Dati Nazionali.
Esiti Finali. Esami. Esaminati e Diplomati agli Esami di Stato. Statistiche
diplomati a.s. 2007/2008
MINISTERO DELLISTRUZIONE DELLUNIVERSIT E DELLA RICERCA
(2008b), La dispersione scolastica - Indicatori di base.
Anno scolastico 2006/07
PISANI S., POLITO C. (2006), Analisi dellevasione fondata sui dati IRAP.
Anni 1998-2002, marzo, disponibile in http://www1.agenziaentrate.it/uffciostudi
UNIONCAMERE (2010), Rapporto Unioncamere 2010. Allegati statistici
UNIONCAMERE-ISTITUTO TAGLIACARNE (2010),
Indicatore di dotazione infrastrutturale 2009
UNIONCAMERE-MINISTERO DEL LAVORO (2010),
Sistema Informativo Excelsior 2010
186
Contributi
7.
7.5 Riferimenti
BANCA MONDIALE (2010), Doing Business 2011
COMMISSIONE EUROPEA (2010),
European Economic Forecast. Autumn 2010
CONFARTIGIANATO (2008),
Imprese controvento. La forza delle imprese nel mare della globalizzazione,
Rapporto per Assemblea del 12 giugno
CONFARTIGIANATO (2010),
Lorigine del prodotto essenziale per gli acquisti di 129 milioni di cittadini
europei. Elaborazione Flash Uffcio Studi del 6 dicembre
DISTRETTI ITALIANI (2010),
Osservatorio Nazionale Distretti Italiani. I Rapporto
FONDAZIONE EDISON (2010),
Lanalisi dellexport distrettuale italiano e la sua dinamica congiunturale,
in DISTRETTI ITALIANI (2010)
ISTAT (2010a),
Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo
ISTAT (2010b), Rapporto Annuale 2009
UNIONCAMERE (2010a),
Le recenti tendenze evolutive dei distretti industriali: alcune evidenze sulla
base dei dati disponibili, in DISTRETTI ITALIANI (2010)
UNIONCAMERE (2010b),
Distribuzione dei distretti per provincia, imprese e addetti per settore core
e totale settori. Anni 2005, 2006 e 2007
Le politiche ambientali dei distretti italiani:
cinque esperienze a confronto
Contributi
a cura di Unioncamere Fondazione Symbola
Gruppo di Lavoro
Fabio Renzi Segretario generale Fondazione Symbola,
Domenico Sturabotti Direttore Fondazione Symbola,
Domenico Mauriello Uffcio studi Unioncamere,
Sara Consolato Ricercatore Fondazione Symbola,
Romina Surace Ricercatore Fondazione Symbola.
Si ringraziano
Franco Donati - Presidente Valdaque S.p.A.;
Claudio Filipuzzi - Presidente del Parco Agroalimentare di San Daniele;
Rossella Giannotti - Presidente A.S.S.A. Associazione Lavorazione Contro Terzi;
Massimo Giorgilli - Presidente del Consorzio Filcart
e della Sezione Carta di Confndustria Frosinone;
Enrico Lupi - Confndustria Ceramica;
Michele Malag - Direttore del Parco Agroalimentare di San Daniele;
Mauro Manassero, Vice Presidente del Distretto del Mobile di Livenza;
Ermes Moras, Presidente del Distretto del Mobile di Livenza;
Stefania Petriglia - Confndustria Frosinone;
Andrea Serri - Confndustria Ceramica.
8.
187
8.1 Premessa
Negli ultimi anni, con laggravarsi della congiuntura economica negativa, si
delineata una nuova visione del rapporto fra competitivit e sostenibilit am-
bientale. oramai condivisa lidea che lambiente rappresenti un fattore fon-
damentale per la crescita economica, il cui deterioramento pu mettere a re-
pentaglio la capacit stessa dellimpresa di competere e stare sui mercati. Per
descrivere questa forte interconnessione fra sviluppo economico ed ecologia
si utilizza spesso lespressione green economy: unidea di economia aperta
che affonda le sue radici nelle scienze economiche ma anche in quelle sociali.
un paradigma che vuole dare risposta alle questioni ambientali e, allo stesso
tempo, ridefnire i modelli di business. Anche il nostro Paese, seppur in ritar-
do rispetto ad altri, ha intrapreso questo percorso. La green economy made
in Italy segue due direttrici principali: lo sviluppo di alcuni settori innovativi
- energie alternative in primis - e la riconversione in chiave ecosostenibile di
comparti legati al manifatturiero. Il perdurare della crisi economica sta acce-
lerando un inevitabile processo di rinnovamento per molte aziende attive in
business tradizionali: il necessario turn-round per mantenersi in vita viene de-
clinato in unottica verde. Lo dimostrano le esperienze di alcuni distretti italiani
che rappresentano dei casi di eccellenza, avendo, e in molti casi prima di altri,
risposto positivamente alla nuova sfda ambientale. La dimensione territoriale
e locale assume rilevanza cruciale nellanalisi tra ambiente e competitivit, e
rappresenta una variabile chiave nellindividuare una risposta effcace da parte
delle imprese. Questo per due ragioni. In primo luogo, lalta specializzazione
delle produzioni e le dimensioni generalmente ridotte delle aziende fanno del
distretto unarea industriale suffcientemente omogenea dal punto di vista delle
produzioni, del livello tecnologico e delle scelte organizzative e gestionali. Que-
sto fa si che le imprese di un sistema produttivo locale condividano gli stessi
problemi ambientali, legati, ad esempio, alla gestione degli scarichi idrici o dei
rifuti. Inoltre, le aziende distrettuali si rapportano con i medesimi stakeholders.
Interagire con la stessa comunit, le stesse istituzioni, gli stessi organi di con-
trollo a livello locale implica per le imprese confrontarsi con identiche richieste
ed esigenze riguardanti la sostenibilit socio-ambientale. Il distretto, quindi,
pu diventare un ambito favorevole per perseguire strategie e politiche am-
bientali in chiave competitiva: lazienda pu scegliere di vivere il rapporto con
il territorio valorizzando limpegno ambientale come opportunit economica,
188
Contributi
8.
189
8. Contributi
contribuendo, cos, ad una prospettiva di sviluppo sostenibile. Ne sono un
esempio i 5 distretti del manifatturiero italiano descritti in questo capitolo
1
. Si
tratta di cinque sistemi produttivi locali che negli ultimi anni si sono distinti per
una forte propensione allinnovazione in materia di sostenibilit ambientale: il
Distretto Agroalimentare di San Daniele, il Distretto della Carta di Frosinone, il
Distretto della Ceramica di Sassuolo - Scandiano, il Distretto della Concia di
Santa Croce e il Distretto del Mobile di Livenza.
Dallanalisi condotta emerge come questi cluster siano diventati nel tempo
protagonisti attivi dellintera gamma di politiche ambientali dispiegata nel no-
stro Paese: dalla classica fase del semplice disinquinamento end of pipe,
allutilizzo di nuove tecnologie a minore impatto su tutto il ciclo produttivo. Da
una fase passiva di semplice applicazione di normative imposte dallesterno,
si progressivamente passati ad una fase attiva in cui i distretti hanno incre-
mentato i loro investimenti in politiche ambientali innovative per raggiungere
una maggiore effcienza. La tutela ambientale cos transitata dalla sfera dei
classici doveri a quella del vero e proprio management aziendale, indicando
una forte spinta al mutamento della mentalit imprenditoriale. Questo risultato
stato possibile grazie allaffermarsi di una nuova prospettiva: non pi setto-
riale o riferita ai soli impatti fnali, ma capace di integrare territorio e produzione,
comprendendo tutte le fasi del processo produttivo, dalle risorse primarie alle
emissioni fnali, prodotti inclusi.
Nei distretti analizzati, in tempi e modalit differenti, si inaugurata una fase di
attenzione ai principi della sostenibilit dello sviluppo, in cui vengono coniuga-
te azioni preventive ed iniziative di ascolto e concertazione, mentre cresce una
domanda orientata alla valutazione delleffcacia degli interventi di tutela e/o
mitigazione degli impatti, che si manifesta attraverso nuovi sistemi gestionali.
Il tutto in una logica di concertazione che ha visto imprese, associazioni di
categoria e istituzioni locali collaborare per programmare e realizzare interventi
ambientali in maniera integrata. I distretti, in particolare, hanno avuto un ruolo
attivo nel promuovere soluzioni comuni ai pi urgenti e gravosi problemi am-
1
Lindagine stata svolta attraverso interviste ai rappresentanti dei distretti, utilizzando il questionario
semi-strutturato in appendice. Si sono presi in esame alcuni parametri, legati sia ai prodotti che ai
processi produttivi: tipologia di materie prime utilizzate, diffusione tecnologie di processo pulite,
utilizzo di certifcazioni ambientali, presenza sistemi di monitoraggio ambientale, presenza di infra-
strutture e servizi per la gestione integrata di aspetti ambientali rilevanti
190
Contributi
8.
bientali, fungendo da catalizzatore per favorire la cooperazione fra le imprese e
massimizzare lutilizzo di risorse umane, tecniche e fnanziarie.
Dai casi descritti poi emerso come la sfda ambientale stia poco a poco
diventando un importante fattore di competitivit, un valore aggiunto immate-
riale per le produzioni italiane, specie in un momento di crisi economica come
quello attuale. Linnovazione tecnologica legata ai temi dellambiente, , infatti,
una scommessa ragionevole per unimprenditoria matura ed un elemento
che concorre ad incrementare la percezione di qualit che solitamente as-
sociata alle produzioni del manifatturiero italiano. Tuttavia, se pur vero che la
sensibilit ambientale inizia a diffondersi presso alcune fasce di consumatori,
altrettanto vero che molto resta da fare affnch il valore delle certifcazioni am-
bientali, sempre pi diffuse, venga conosciuto da un pi vasto pubblico, con-
dizione necessaria affnch gli investimenti green si traducano in un ritorno
economico sul mercato e in un effettivo asset competitivo. Da questo punto di
vista, quindi, diventa necessario investire in azioni di comunicazione mirate che
puntino ad incrementare la consapevolezza del consumatore su questi temi.
Signifcativo , invece, il vantaggio ottenuto dalle imprese dei distretti in termini
di riduzione dei costi, laddove gli investimenti in politiche ambientali allavan-
guardia hanno consentito rilevanti diminuzione dei consumi e una gestione
delle risorse pi effciente. Il tutto acuito dalla recente crisi economica che
ha imposto un generale piano di razionalizzazione, con lobiettivo di ridurre
gli sprechi e di aumentare il livello complessivo di effcienza dei processi, per
rendere le imprese pi virtuose dal punto di vista ambientale e, di conseguen-
za, economico. Una tendenza, questa, che sta lentamente investendo anche
settori del manifatturiero italiano diversi da quelli descritti: dalla nautica alla
meccanica, dallautomotive al tessile. Da questo punto di vista, quindi, i distret-
ti analizzati rappresentavano delle buone pratiche da seguire anche per quei
comparti che, sotto la pressione della diffcile congiuntura economica, stanno
intraprendendo un percorso di gestione sostenibile delle proprie risorse.
Inoltre, le imprese dei distretti analizzati stanno perseguendo un nuovo vantag-
gio che rientra nella categoria economie di valorizzazione, fruibili quando un
sistema produttivo territoriale decide di valorizzare la variabile ambientale. In
questo caso, le prestazioni ambientali del territorio o del distretto di origine di
unimpresa concorrono a migliorare limmagine aziendale e, di conseguenza, i
rapporti con stakeholders e comunit locali.
191
8. Contributi
2
Dati del Distretto del Parco Agroalimentare di San Daniele
3
Ibidem
4
Ibidem
I distretti produttivi di seguito descritti dimostrano quindi come unevoluzione
positiva del rapporto ambiente-economia sia non solo auspicabile dal punto di
vista ambientale ma anche economicamente conveniente.
8.2 Ecodistretti
8.2.1. Distretto del Parco Agroalimentare di San Daniele
I sette comuni che costituiscono il Distretto del Parco di San Daniele, situati
nel cuore del Friuli Venezia Giulia, lungo le principali vie di comunicazione che
uniscono i paesi di lingua tedesca con il mar Mediterraneo, hanno coltivato sin
dallantichit una forte tradizione artigianale e commerciale legata allagricoltu-
ra che oggi si tradotta in una forente industria riconosciuta a livello mondiale.
Nel Distretto sono attive un migliaio di aziende, la maggior parte delle quali di
piccole dimensioni, che operano in diversi settori: complessivamente, le attivi-
t di coltivazione, allevamento e trasformazione condotte allinterno del cluster
danno lavoro a circa 3.000 addetti, con un fatturato che raggiunge la cifra di
300 milioni di euro lanno
2
.
In queste terre soprattutto lagroalimentare ad aver conquistato nel tempo un
posto di rilievo grazie alleccellente qualit dei prodotti, allalta specializzazione
derivata da antiche tradizioni artigianali, alla massima affdabilit digiene e
servizio, allottimo rapporto qualit/prezzo, nonch alla larghissima presenza
sui mercati internazionali. Le imprese attive in questo settore sono oltre 100
e coinvolgono un migliaio di addetti in forma diretta e altri 700 nellindotto
3
.
Il comparto del prosciutto rappresenta il settore principale di produzione del
territorio: il Consorzio di tutela del prosciutto di San Daniele raccoglie una tren-
tina di aziende e circa 500 addetti che lavorano pi di 40 milioni di chili allanno
di prosciutto, per oltre 2,6 milioni di cosce marchiate con la denominazione
dorigine protetta, di cui il 18% venduto allestero
4
.
Lo slogan Un parco bello e buono, che accompagna la comunicazione del di-
stretto, nasce per sottolineare le caratteristiche del territorio, che vanta delizie
alimentari di primordine e una forte propensione alla sostenibilit ambientale.
Non a caso, la difesa dellambiente e lutilizzo coerente del territorio, intesi
come razionalizzazione della presenza di zone industriali e artigianali, sono da
sempre tra i principi che orientano lazione del Parco. Pi che in ogni altro
settore, nellagroalimentare qualit dei prodotti e tutela ambientale sono carat-
teristiche inscindibili; pertanto, il consumo regolato del territorio rappresenta
uno degli aspetti pi critici per assicurare uno sviluppo sostenibile dellarea. I
primi soggetti istituzionali che hanno adottato delle politiche a tutela dellam-
biente sono state le amministrazioni pubbliche locali. Grazie ad incentivi regio-
nali, dal 2002 i sette comuni del distretto hanno avviato quel lungo percorso
che li ha portati ad ottenere, primi nella regione Friuli Venezia Giulia, la certif-
cazione ambientale UNI EN ISO 14001:1996. Limpegno a favore della soste-
nibilit poi proseguito grazie ad alcuni progetti territoriali, fra cui Life VENTO
- Voluntary Environmental tools for the continuous improvement of a district
5
,
che ha consentito un miglioramento ambientale dellarea distrettuale, anche
grazie al coinvolgimento delle imprese del territorio. Recentemente stata la
volta del progetto Un biel vivi (in lingua friulana un bel modo di vivere),
con il quale le amministrazioni del distretto hanno colto lappello dellOnu ad
introdurre criteri per migliorare la sostenibilit delle proprie azioni e a diffondere
lattenzione su questi temi fra tutti i residenti. La proposta ruota attorno a 21
idee che coniugano vantaggio economico, rispetto dellambiente, attenzione
agli altri e miglioramento della qualit della vita. ll progetto include una serie
di attivit che hanno lo scopo comune di attivare e sostenere la comunit nel
proprio cammino verso la sostenibilit: percorsi di educazione alleco-com-
patibilit nelle scuole, coinvolgimento degli attori locali nella mappatura delle
risorse del territorio, analisi dei bilanci dei 7 Comuni promotori per evidenziare
azioni e risorse messe in campo per il miglioramento della qualit dellambien-
te (bilanci ambientali).
Questi percorsi virtuosi hanno portato il territorio a conseguire, nel dicembre
del 2007, lattestazione EMAS: il Parco di San Daniele cos diventato il primo
distretto agro-alimentare italiano a raggiungere questo importante riconosci-
mento. Inoltre, per favorire la partecipazione ai percorsi volontari di certifcazio-
192
Contributi
8.
5
Il Progetto supportato da fnanziamenti della Comunit Europea.
193
8. Contributi
ne delle attivit produttive, il Parco Agro-alimentare di San Daniele, nellambito
del progetto VENTO, ha voluto realizzare uno strumento utile e funzionale: il
Manuale per il miglioramento continuo dellambiente, rivolto agli operatori
economici del territorio, contenente gli strumenti necessari per avviare auto-
nomamente, allinterno delle proprie organizzazioni, i percorsi di certifcazione
ambientale. Questo documento si propone di presentare ai vari operatori eco-
nomici, con diverse esperienze lavorative e conoscenze, le azioni che posso-
no compiere o alle quali possono collaborare per contribuire al miglioramento
ambientale dei sette comuni che compongono il Parco Agro-alimentare di San
Daniele
6
.
Per quanto riguarda lo sviluppo di sistemi informativi atti a rilevare determi-
nati parametri di inquinamento aziendale, il Parco ha provveduto alla stesura
dellAnalisi Ambientale Iniziale (AAI) del territorio. Tale analisi ha preso in con-
siderazione sia lambiente locale (area urbana, suolo, aria, acque superfciali e
falde, biodiversit, vegetazione, fauna, corridoi ecologici), che quello globale
(consumo energia, emissioni CO2, uso risorse naturali e materie prime, uso ac-
qua, uso e contaminazione del terreno, smaltimento dei rifuti). Da questa ana-
lisi emerso che nel territorio non ci sono insediamenti industriali ad alto tasso
inquinante e che il bilanciamento tra aziende agricole e industriale coerente
con lambiente circostante e le sue caratteristiche peculiari. Questo documen-
to a disposizione delle imprese del territorio quale modello di riferimento per
lo sviluppo delle proprie politiche di gestione ambientale.
Parallelamente alle politiche territoriali, il Distretto ha intrapreso azioni speci-
fche per risolvere alcune criticit ambientali del processo produttivo del pro-
sciutto, legate principalmente alla gestione degli scarti salini e dei carnicci. Nei
processi di lavorazione della carne, il sale viene utilizzato in grandi quantit.
Parte di esso fnisce per concentrarsi nelle acque di lavaggio, sia in forma liqui-
da che solida. Per combattere la presenza eccessiva di sale nelle acque refue
e rispettare i limiti indicati dalla normativa vigente, il Parco sta cercando di af-
fnare le tecniche di desalinazione, agevolando i singoli operatori nella raccolta
manuale del sale e migliorando leffcienza dellattuale sistema di raccolta. Il
progetto stato avviato grazie alla collaborazione del Consorzio del Prosciutto
di San Daniele, socio di riferimento dellASDI (Agenzia di Sviluppo del Distretto
6
I dati sono stati raccolti in un sito dedicato (www.lifevento.it).
194
Contributi
8.
Industriale). Dopo una lunga fase sperimentale, stato accertato che lutilizzo
di un sistema di aspirazione, posto esternamente allo stabilimento, permette
il facile recupero del sale e delle soluzioni saline. stato cos realizzato un
macchinario che pu essere comandato a distanza (fno a 150 m), in grado di
recuperare alternativamente il solido e le soluzioni saline. Tale innovazione di
processo agevola non solo le operazioni manuali di recupero degli scarti salini
durante le operazioni di pulizia dei luoghi di lavoro, ma pu anche essere uti-
lizzata per veicolare, allesterno del prosciuttifcio, tutto il sale solido esausto
durante il processo di lavorazione nella zona di stoccaggio. Questo ha favorito
un notevole vantaggio in termini di tempo e di risparmio di manodopera.
I nuovi macchinari sono stati di recente installati in tutti gli stabilimenti del di-
stretto (complessivamente 16), tenendo conto delle caratteristiche strutturali
delle singole aziende. I primi dati a disposizione, per valutare un miglioramento
effettivo relativo alla concentrazione salina delle acque locali, saranno disponi-
bili tra un anno. I refui salini recuperati vengono poi stoccati in appositi serbatoi
esterni ai locali di lavorazione e, da qui, inviati periodicamente a smaltimento
attraverso ditte specializzate. Il sale recuperato non pu essere riutilizzato nella
lavorazione del prosciutto, perch si tratta di un sale di scarsa qualit che, ad
esempio, viene utilizzato nelle autostrade, per fronteggiare le precipitazioni ne-
vose e garantirne la percorribilit e sicurezza. Ancora in fase di studio, invece,
il riutilizzo del sale nei processi di lavorazione della concia.
La lavorazione del prosciutto produce, inoltre, carnicci (rifli di carne ed ossa),
per ben 3.000 tonnellate annue: quantit in continuo aumento a causa della
crescita della domanda di prosciutti e quindi di cosce lavorate. Il progetto av-
viato ha lobiettivo di individuare un processo industriale di trasformazione e
valorizzazione dei sottoprodotti di origine animale, derivanti dalla lavorazione
del prosciutto, e di sviluppare un nuovo servizio di ritiro di tali sottoprodotti dai
prosciuttifci, sotto il controllo del Consorzio del prosciutto di San Daniele. Lo
studio condotto su questi scarti ha messo in luce che i carnicci possono essere
trasformati in prodotti per lindustria del pet-food, come, ad esempio, oli tecnici
e farine per la preparazione di mangimi. Grazie allutilizzo di idonei macchinari,
stato costituito un centro attrezzato a servizio delle imprese del territorio, per
il recupero e il trasporto degli scarti di lavorazione direttamente dai siti produt-
tivi. Questa iniziativa ha portato alla realizzazione di un impianto di trattamento,
nel rispetto delle normative ambientali vigenti, che utilizzer tutto il quantitativo
di carnicci proveniente dal comparto prosciutto, riducendone a zero i costi di
smaltimento.
195
8. Contributi
In parallelo, forte limpegno delle aziende del distretto nella promozione della
qualit dei propri prodotti e di nuovi modelli di consumo, fondati su alcuni
principi cardine, quali la valorizzazione della biodiversit, la promozione delle
tradizioni produttive e della cultura locale e, pi in generale, la sostenibilit
ambientale.
Le aziende seguono politiche di basso impatto ambientale, anche se non esi-
ste un marchio distrettuale comune per latipicit del Parco: non trattandosi
di un parco mono- prodotto, impossibile defnire un unico disciplinare di la-
vorazione, a causa della forte differenziazione dei prodotti. Ci non toglie che
allinterno del distretto molte aziende si siano dotate di un proprio marchio:
vedi Il prosciutto, con il proprio consorzio e il marchio San Daniele, che non
stato esteso ad altre produzioni, per non rischiare di perderne la forza iden-
titaria. Pi di recente, stata la volta dellolio doliva UELI, occasione in cui
il Parco ha accompagnato le aziende produttrici di olio fno alla formazione del
proprio consorzio, mettendo a disposizione lesperienza e il know how matu-
rato nel tempo a fanco dei prosciuttifci locali e facendo leva sulla forza della
propria immagine.
In riferimento al tema formazione, il Parco ha aderito al polo formativo regionale
del settore agroalimentare, collaborando con le universit ed altri stakeholders
del territorio. Lobbiettivo perseguito quello di dare risposta ai bisogni delle
imprese in termini di formazione, anche in riferimento alla tutela ambientale.
Il consumo energetico rimane uno degli aspetti prioritari nella salvaguardia
ambientale del distretto e, per questo motivo, riveste un ruolo decisivo tra le
sfde ambientali che il Parco si proposto di affrontare nel prossimo futuro.
Attualmente, in via di sperimentazione un progetto che prevede lapplicazio-
ne di un sistema di risparmio energetico nella refrigerazione, grazie allutilizzo
di accumulatori del freddo. Notevoli potrebbero essere i risultati, considerata
la forte presenza di celle frigo nella maggior parte delle realt produttive del-
lagroalimentare, sia in termini di risparmio energetico, sia di abbassamento
dei costi di produzione. Questo sistema verr prima sperimentato in alcune
aziende e, una volta verifcato e testato, verr messo a disposizione di tutte
le imprese del distretto. La sua applicazione nelle diverse realt aziendali non
comporter eccessive complicazioni, poich si tratta di un sistema che non
va a incidere con modifche strutturali degli impianti esistenti ma ad integrare
quanto gi in uso.
196
Contributi
8.
8.2.2. Distretto della carta di Frosinone
La lavorazione della carta nel Frusinate ha origini lontane: risale, infatti, al 1800
quando per la prima volta fu installata una manifattura di carta nellex convento
dellIsola di Sora. Nel secolo scorso, poi, il proliferare di cartiere ma anche di
cartonifci, lanifci, feltrifci, stamperie, tipografe ed offcine meccaniche sulle
rive dei fumi della Provincia (Liri e Fibreno) ha portato alla nascita di una prima
aggregazione di imprese che potremmo defnire protodistrettuale. Solo in
anni pi recenti le aziende dellarea, il Consorzio del settore Filcart
7
e Confn-
dustria Frosinone hanno unito le loro forze per ottenere, da parte della Regione
Lazio, il riconoscimento del Sistema Produttivo Locale, avvenuto con la Legge
Regionale 19 Dicembre 2001 n.36. Il distretto conta oggi 52 cartiere, 1700 ad-
detti, un fatturato di 350 milioni di euro (dati 2009) di cui 66,9 milioni derivanti,
per i mesi compresi tra gennaio e settembre, dallexport. Il settore ha risentito
della crisi economica mondiale, ma gi dalla primavera scorsa ha mostrato al-
cuni importanti segnali di ripresa: a maggio si sono contate 8.177 ore di cassa
integrazione, contro le 49.493 dellanno precedente (la diminuzione del ricorso
alla cassa integrazione stata pari al 83,5%)
8
.
Fra le sfde che il distretto si trovato in questi anni ad affrontare, quella am-
bientale occupa un posto di rilievo. Il tema delleco-compatibilit, infatti, sta
diventando sempre pi rilevante per le imprese del settore: le preoccupazio-
ni maggiori per il futuro riguardano il costo energetico e quello delle materie
prime. Mentre il prezzo di queste ultime dipende da dinamiche globali diff-
cilmente controllabili, pi ampio il margine dazione per incidere sul costo
energetico del ciclo produttivo, che , di fatto, uno degli aspetti principali che
determinano la competitivit sul mercato delle imprese della fliera carta. Non
un caso, quindi, che le prime iniziative del distretto abbiano riguardato il
miglioramento delleffcienza energetica: nel corso degli ultimi 10 anni tutte le
cartiere del cluster si sono dotate di impianti di cogenerazion e Confndustria
Frosinone hanno unito le loro forze per promuovere lutilizzo dei cogeneratori
nelle aziende pi piccole. A questo fne stata costituita una societ di scopo
apposita - la Sogef - e si proceduto a fnanziare le operazioni di installazione
7
Il Consorzio promosso da Confndustria Frosinone raccoglie 15 cartiere dellarea intorno ad alcuni
progetti strategici, come quelli legati alla riduzione del costo dellenergia.
8
Il Sole 24 ore Roma, 16.06.2010.
197
8. Contributi
degli impianti con il sostegno di capitali provenienti dalle banche locali, come
la Banca Popolare del Frusinate.
Oltre al costo energetico, molti altri aspetti incidono sulla competitivit nazio-
nale ed internazionale delle realt industriali del settore cartario e cartotecnico,
tra cui quelli inerenti alla qualit dei prodotti fniti, allimpiego di materie prime di
qualit e certifcate, alla valorizzazione degli scarti di produzione, alla riduzione
dei consumi di acqua e di prodotti chimici, allintroduzione di tecniche di moni-
toraggio e controllo di processo applicate durante tutto il ciclo di produzione,
alladozione di logiche basate sullimpiego dellelettronica di macchina. Tutte
queste misure concorrono in maniera determinante a modifcare le prestazioni
dei prodotti fniti e, soprattutto, il loro costo di produzione, consentendo un so-
stanziale recupero di competitivit. Proprio per questa ragione, le imprese del
distretto appartenenti al consorzio Filcart (16 aziende) hanno deciso di puntare
su tali tematiche, investendo in tre progetti di sviluppo incentrati sulla soste-
nibilit ambientale del settore cartario ciociaro, grazie ai quali si consolidata
la collaborazione fra il consorzio stesso e una lunga lista di soggetti (tra cui:
Provincia di Frosinone, Confndustria e Camera di Commercio locale, oltre alle
Universit di Tor Vergata e Cassino). Per la realizzazione di questi tre progetti
a sfondo green, avviati nel corso del 2009 e in imminente chiusura, sono stati
investiti ben 900 mila euro di fondi regionali, emessi tramite bandi previsti dalla
Legge Regionale n. 36. I progetti in questione riguardano il piano dei processi,
quello delle politiche di prodotto e, non da ultimo, la fase di monitoraggio e
controllo dellintera fliera produttiva.
Per ottenere un miglioramento delleffcienza di processo, si deciso di inve-
stire nel Progetto per la valorizzazione di scarti di cartiera e cartotecnica: de-
fnizione, progettazione e costruzione di gassifcatori prototipali a letto fuido,
che consente un maggior controllo delle emissioni inquinanti e, allo stesso
tempo, lutilizzazione dei residui di produzione. Il programma ha come obiet-
tivo principale la messa a punto di un sistema di gassifcazione che permette
la valorizzazione energetica dei fanghi di cartiera. Grazie alla collaborazione
tra Filicart e lUniversit di TorVergata si oggi giunti alla realizzazione di un
prototipo di un gassifcatore che, a partire dai residui di lavorazione della carta
(in particolare i fanghi di cartiera) e delle cartotecniche, in grado di produrre
combustibili gassosi da riutilizzare nel processo produttivo. Al momento, sta
per essere avviata la fase di industrializzazione, per le varie tipologie di fanghi
di cartiera (scarti di pulper, fanghi di depurazione, ect). La realizzazione di
198
Contributi
8.
questo progetto permetter una crescente valorizzazione energetica dei fanghi
prodotti, che oggi contano circa 50t/a, evitando cos il loro deposito in disca-
rica e, di conseguenza, garantendo un notevole abbassamento dei costi di
smaltimento. Il conferimento a discarica prevede infatti, da un lato, il deposito
di una parte dei residui di produzione; dallaltro, la consegna ai laterifci di
quella parte di rifuti che, in cambio del pagamento di un costo per il trasporto
e per lo smaltimento, pu essere riutilizzata in altri processi, come nella produ-
zione di cemento e laterizi, o nella copertura di discariche o cave. Quindi, nel
complesso, diminuire la quantit di rifuti si traduce, automaticamente, in un
proftto per le aziende.
In riferimento alle politiche di prodotto, il distretto si mosso per conseguire
lattestazione EMAS, che rende pi semplice, per le imprese che lo deside-
rano, ottenere una certifcazione ambientale aziendale. La certifcazione un
marchio di ecosostenibilit che dipende da determinati parametri, qualitativi e
quantitativi, ed cruciale per lindustria cartaria in quanto costituisce un modo
per conoscere e tracciare il percorso delle materie prime, dalla loro origine
fno al prodotto fnale. Per promuovere la diffusione delle certifcazioni am-
bientali tra le aziende, il distretto ha adottato il Progetto per lAnalisi integrata
di materie prime, ciclo di trasformazione, prestazioni fnali nella produzione di
substrati cartacei per la razionalizzazione dei consumi energetici e limpiego di
risorse naturali. Il programma di ricerca si inserisce, a sua volta, in un piano
di riconversione pi ampio che le aziende partecipanti a Filcart hanno varato
e che prevede, oltre allo studio integrato di materie prime/processo/prodotto,
oggetto del presente studio, anche lo sviluppo di tematiche inerenti la forma-
zione del personale, lo sviluppo di linee di prodotto innovative per la stampa
offset e fessografca a basso impatto ambientale ed, infne, la valorizzazione
degli scarti di produzione di cartiera e cartotecnica in chiave di recupero ener-
getico e di sostenibilit industriale.
Il terzo progetto, infne, riguarda lintroduzione di tecniche di monitoraggio e
controllo di processo applicate durante tutto il ciclo di produzione. Filicart sta
collaborando con lUniversit di Cassino per la realizzazione di un checkup
energetico dellintero sistema produttivo locale. Lobbiettivo principale di que-
sto programma, denominato Studio, ricerca e sviluppo di un modello di siste-
ma sostenibile per la gestione degli aspetti ambientali e di risparmio energeti-
co per la fliera della carta della Provincia di Frosinone, quello di rafforzare
il sistema organizzativo del distretto cartario e di valorizzare la fliera grazie
ad azioni di sistema che mirano allintegrazione delle politiche ambientali ed
199
8. Contributi
energetiche nelle strategie di pianifcazione, tanto degli enti locali quanto delle
aziende. Grazie ad un software di gestione e banche dati che da 8-9 mesi
raccolgono informazioni sulle performances ambientali ed energetiche della f-
liera, nonch a singoli audit energetici e studi di fattibilit tecnico-economici, si
arriver alla conoscenza del peso ambientale dei prodotti della fliera cartaria
lungo lintero ciclo di vita, anche nellottica di valorizzare il prodotto in uscita
dal distretto. Con questo studio si punta alla realizzazione di un modello di
analisi innovativo, attualmente non esistente allinterno delle singole aziende
del sistema produttivo locale, gestito in modo congiunto dal distretto e dalle
strutture universitarie che, cos facendo, assumono un ruolo di cabina di regia
per le tematiche ambientali ed energetiche. Il modello, una volta sperimentato
e testato, rappresenter un primo esempio valido per lintera fliera, sia a livello
locale che nazionale, con benefci molteplici per le aziende. Lattuazione del
progetto porter le imprese a creare, tra le altre cose, un network per la diffu-
sione dei risultati della ricerca. Inoltre, le aziende avranno la possibilit di avere
a disposizione sia dati ed informazioni specifci per gli aspetti ambientali ed
energetici del distretto cartario, sui quali impostare una politica strategica per il
miglioramento complessivo del cluster, sia dati ed informazioni specifche per
gli aspetti ambientali ed energetici delle principali aziende del settore.
Per i prossimi anni lobiettivo del Sistema Produttivo locale della carta orien-
tato allottimizzazione delle risorse naturali e alla riduzione degli inquinamenti
generati sul territorio, attraverso la promozione di comportamenti sostenibili
e la diffusione di indicazioni sulle migliori tecniche disponibili, nonch allap-
plicazione di strumenti di monitoraggio per la conoscenza sistematica delle
caratteristiche qualitative del territorio e per la verifca dellandamento degli
indicatori di prestazione defniti. Forte , inoltre, la volont di defnire modelli
gestionali innovativi per lo sviluppo dei sistemi di gestione ambientale presso
le realt organizzative presenti nel territorio, al fne di incentivare ladesione al
Regolamento CE n. 1221/2009 (EMAS).
200
8.2.3. Distretto della ceramica di Sassuolo
Con pi di 16 mila addetti, circa 90 imprese e l80% della produzione na-
zionale realizzata in loco
9
, il distretto industriale di Sassuolo-Scandiano da
decenni leader indiscusso nella produzione di piastrelle ceramiche, sia a livello
nazionale che mondiale. Ma i suoi primati non fniscono qui. Il cluster emiliano,
infatti, stato tra i primi a maturare una profonda consapevolezza ambientale
cercando di coniugare la tutela delleco-sistema, della sicurezza e della salu-
te dei lavoratori con lo sviluppo della competitivit sui mercati. Eppure solo
trentanni fa le cose erano completamente diverse: ricerche istituzionali degli
anni Settanta mostravano consumi idrici ed energetici molto elevati, oltre alla
mancanza di impianti di riduzione dellinquinamento, poich oltre il 70% delle
aziende del territorio era sprovvista di attrezzature di questo tipo e le poche in
funzione riducevano leffcienza produttiva. Oggi invece, il distretto diventato
un modello di gestione sostenibile del territorio: istituzioni, imprese e organi
tecnici di controllo hanno saputo governare tale complessa evoluzione grazie
a uneffcace e partecipata politica di comando-controllo che ha consentito di
costruire le basi culturali su cui si sono innestate varie ed importanti iniziative.
Lindividuazione di tecnologie in grado di migliorare la condizione ambientale
e lapplicazione di politiche specifche sono state accompagnate da una cre-
scente sensibilizzazione al problema ambientale da parte delle aziende.
Negli ultimi anni, infatti, la sostenibilit si cos trasformata da dovere a inte-
resse primario per le imprese del distretto: la mentalit imprenditoriale ha fatto
propri i valori di qualit, sicurezza e integrazione ambientale; considerando tali
aspetti come vere e proprie variabili competitive.
Il rapido sviluppo del settore ceramico italiano degli ultimi trentanni e lalta
concentrazione territoriale delle aziende hanno creato altri fattori di pressio-
ne ambientale: saturazione delle aree vivibili, aumento della rumorosit, inef-
fcienza delle rete stradale per i crescenti fussi di trasporto, nuove forme di
inquinamento. Questa situazione ha evidenziato come gli strumenti di analisi
e le politiche ambientali inizialmente adottati, orientati verso il disinquinamen-
to end of pipe, limitato alla riduzione degli effetti sullambiente e non alle
cause, fossero ormai obsoleti. Per superare queste criticit, si sono introdotte
misure di controllo dimpatto ambientale basate su una nuova prospettiva, non
pi settoriale o riferita ai soli impatti fnali, ma capace di integrare territorio
Contributi
8.
9
Dati dellIndagine Statistica sullIndustria Italiana di Piastrelle, Confndustria Ceramica, 2010.
201
8. Contributi
e produzione, includendo tutte le fasi del processo produttivo, dalle risorse
primarie alle emissioni fnali, prodotti inclusi. Nellultimo decennio il distretto
si cos avvicinato a progetti di sviluppo sostenibile, da perseguire attraver-
so normative e regolamentazioni integrate che tengono conto delle cause per
prevenire, o ridurre al minimo, limpatto ambientale. Tutto ci nella convinzione
che il miglioramento delle problematiche sia raggiungibile attraverso politiche
e azioni applicate sullintera area del distretto, adottando una logica di sistema
che coinvolge tutti gli attori locali e che comprende non soltanto i sistemi indu-
striali, ma anche la qualit della vita e delle risorse naturali.
Per quanto riguarda le materie prime, si applicato il principio del cradle to
cradle, puntando sulla tecnica del riutilizzo dei rifuti/residui di fabbricazione e
depurazione, considerata la migliore ai fni della prevenzione e della riduzione
dellinquinamento. A differenza di altri settori produttivi, lindustria ceramica
in grado di riciclare e digerire al proprio interno la maggior parte dei rifuti
che produce, risparmiando notevoli quantit di materie prime ed evitando gli
oneri per lo smaltimento. Da questo punto di vista, quindi, il ciclo chiuso: la
quasi totalit degli stabilimenti ricicla negli impasti la quasi totalit dei rifuti
di produzione e depurazione. In particolare il riutilizzo integrale (100%) per
lo scarto crudo e per lo scarto cotto (i tipici rifuti da produzione) e di circa il
25% per il rifuto da depurazione (calci esauste)
10
. Ma non solo. Il distretto rie-
sce a riutilizzare nel proprio ciclo produttivo, come materia secondaria, scarti
di altre produzioni, quali i tubi catodici o i residui di fonderia; trasformando
in risorse quelli che diversamente sarebbero considerati rifuti. Si calcola che
circa il 15% delle materie prime impiegate sia costituito da rifuti riutilizzati
11
.
Anche in questo caso, si ha un doppio vantaggio ambientale ed economico:
la riduzione dello scarico di inquinanti nellambiente e quello del prelievo di
materie prime. Nel distretto, inoltre, sono diffusamente applicati schemi per la
raccolta differenziata volti al recupero, riciclaggio e/o smaltimento di altri rifuti
non direttamente riutilizzabili nella produzione interna (oli esausti, carta, pallet
di legno, plastiche, rottami metallici, etc.).
Sul fronte dei processi, invece, il distretto di Sassuolo detiene una posizione di
leadership a livello mondiale in termini di environmental footprint, avendo lim-
patto ambientale pi basso rispetto a comparti analoghi di altri Paesi. Emis-
10
Dati Rapporto Integrato dellIndustria Italiana delle Piastrelle di Ceramica, 2008
11
Ibidem
202
sioni gassose, consumo idrico ed energetico vengono controllati e ridotti per
mezzo di misure innovative, principalmente legate a unimpiantistica avanzata
e a nuove tecnologie produttive. Per quanto concerne i consumi idrici, grazie ai
notevoli investimenti, negli scorsi decenni, il distretto riuscito a realizzare un
rilevante risparmio. Per conseguire gli attuali risultati si puntato, da una parte,
sulla razionalizzazione dellesistente (intervenendo a livello di management) e
dallaltra, sullinnovazione tecnologica e soprattutto sul recupero delle acque
refue. Tale processo andato in parallelo con quello per migliorare leffcienza
energetica delle produzioni.
La quasi totalit delle aziende non scarica acque refue (in fognatura o nei corpi
idrici superfciali), ma le riutilizza integralmente (con una percentuale superiore
al 100 %) nel proprio ciclo produttivo o presso altri stabilimenti
12
. Per alcuni
cicli di fabbricazione, infatti, le imprese sono in grado di riciclare sia le acque
refue prodotte internamente, sia quelle provenienti da altri stabilimenti. Que-
sto riciclo comporta una riduzione dello scarico di inquinanti nellambiente e
un consistente risparmio di acque fresche prelevate dallambiente stesso. Per
quanto riguarda lacqua utilizzata per la preparazione dellimpasto, il 40%
assicurato dal riciclo delle acque refue di processo, mentre il 60% costituito
da acqua prelevata da acquedotto o pozzo
13
. Il consumo idrico delle industrie
ceramiche italiane ha cos raggiunto soglie di alta effcienza.
Sul fronte del consumo energetico, bisogna ricordare che per produrre una
tonnellata di piastrelle, il distretto consuma meno della met dellenergia utiliz-
zata negli anni Ottanta. In questo periodo la produzione pi che raddoppiata
mentre i consumi energetici si sono dimezzati. Il cluster ha inoltre individuato
ulteriori possibilit tecnologiche e gestionali per lottimizzazione dei consumi
industriali attraverso tre direttrici: il recupero e utilizzo del calore emesso da-
gli impianti produttivi; i processi di cogenerazione nel settore industriale; la
realizzazione di una banca dati sui consumi energetici dellindustria ceramica.
Ad oggi, quasi 30 stabilimenti sono dotati di cogeneratore e sono quindi in
grado di auto-produrre energia elettrica. Si calcola che il 27% circa dellenergia
elettrica utilizzata venga prodotta con questa tecnica
14
. Grazie alle innovazioni
introdotte per favorire il risparmio energetico, il distretto ha progressivamente
ridotto la produzione di anidride carbonica (CO2), che si ora stabilizzata ai
livelli del 1980 quando la produzione era la met di quella attuale. Tale risultato
Contributi
8.
12
Ibidem
13
Ibidem
14
Ibidem
203
8. Contributi
rappresenta un notevole vantaggio competitivo rispetto alle aziende di altri
paesi che non impiegano simili tecnologie e che registrano performance assai
meno rassicuranti sia nel campo del risparmio energetico che dellabbattimen-
to delle emissioni. In generale, il cluster emiliano ha ridotto notevolmente le
emissioni inquinanti gassose negli ultimi anni, portandole a livelli compatibili
con la protezione dellambiente.
Tutti gli stabilimenti sono dotati di impianti di depurazione su tutte le emissioni
gassose calde, assicurando una drastica riduzione del fusso di inquinanti. Il
numero di casi di superamento dei limiti di concentrazione autorizzati per tutti
gli inquinanti bassissimo, grazie allaffdabilit e alla corretta gestione dei
depuratori.A conferma dellimpegno in questo ambito, nel 2009 stato siglato
un Protocollo volontario per il controllo e la riduzione delle emissioni inquinanti
nel distretto, in collaborazione con le Province di Modena e Reggio Emilia e i
Comuni del territorio. Laccordo, volto a incentivare ladozione delle migliori
tecnologie disponibili da parte delle aziende, ha la fnalit di ridurre il carico di
inquinante complessivo del cluster e favorire un progressivo decremento dei
fussi di inquinanti globalmente emessi ed emettibili.
La sfda del futuro si gioca ora sul fronte dei fussi logistici e di trasporto a
monte e a valle del processo produttivo che costituiscono un peso rilevante
del bilancio energetico delle piastrelle. E in fase di sviluppo un progetto di
ottimizzazione dei fussi di traffco e delle attivit di distribuzione, che prevede
interventi sia sulla rete viaria che su quella ferroviaria. In particolare, ladegua-
mento di questultima sar volto a incrementarne la funzionalit in relazione
alle specifche esigenze di mobilit delle maestranze e di circolazione delle
merci allinterno, in entrata e in uscita dal distretto. Per minimizzare i percorsi
degli automezzi pesanti, il sistema di trasporto e distribuzione delle merci verr
ridisegnato a partire da una rete di transit point. Si inoltre previsto di attivare
la fgura del Mobility Manager di distretto con mansioni di responsabilit legate
alla costante ottimizzazione dei fussi di traffco sulla rete. Saranno incentivati
sistemi di car sharing e car pooling e altri sistemi di razionalizzazione dei fussi
casa-lavoro al fne di ridurre al massimo il numero di autovetture circolanti. A
tal proposito si segnala che stato gi siglato il primo accordo interaziendale
per lattivazione di azioni di mobility management rivolte ai dipendenti delle
imprese.
Per quanto riguarda linnovazione di prodotto in chiave ambientale, come rile-
vato precedentemente, uno dei floni pi interessanti quello del riutilizzo degli
scarti esterni alla produzione ceramica. Un esempio la linea di ceramiche
ecosostenibili basate sullutilizzo del vetro ricavato dal trattamento dei televi-
204
sori a tubo catodico
15
. Si tratta di una strategia rivoluzionaria di riciclo: il vetro
presente nei tubi catodici viene reinserito nel ciclo produttivo di un impasto
ceramico totalmente innovativo, conforme anche agli standard internazionali
LEED. C poi Relux
16
, la piastrella che utilizza vetro di scarto come materia
prima secondaria. Realizzata in gres porcellanato, con smalto composto al
40% da vetro ottenuto dallo smaltimento di lampade fuorescenti fuori uso,
linnovativa piastrella il risultato di una profcua collaborazione fra il mondo
della ricerca accademica e quello delle imprese.
Il secondo flone quello della sanifcazione e comprende quelle tecnologie che
fanno s che le ceramiche possano acquisire propriet depuranti. Un esempio
il brevetto Oxygena
17
, la piastrella che, grazie ad un processo foto-cataliti-
co al biossido di titanio, reagisce ai gas inquinanti e li abbatte, esercitando
unazione autopulente. La purifcazione dellaria si basa su una reazione chimi-
ca, innescata dai raggi solari attraverso il biossido di titanio, simile al processo
di sintesi cloroflliana. In Italia tale tecnologia di recente utilizzo, ma sono gi
state realizzate alcune importanti applicazioni. Ci sono poi le piastrelle Bios
18

- una linea di ceramiche in grs porcellanato, a tutta massa, pienamente vetri-
fcata - caratterizzate da elevate propriet antibatteriche, ottenute mediante un
innovativo processo produttivo. Durante le fasi di lavorazione, allimpasto del
materiale ceramico vengono aggiunte delle particelle di natura minerale che
generano una reazione antibatterica estremamente effcace. Lazione batterici-
da, prodotta da questo particolare trattamento, rimane inalterata nel tempo e,
a differenza di altri principi attivi, non ha bisogno della luce per attivarsi, mentre
in presenza di umidit vede addirittura amplifcare i propri effetti benefci. Il
prodotto, novit assoluta protetta da brevetto, dopo essere stato sottoposto a
severe prove di laboratorio, risultato capace di abbattere il 99,9% dei quattro
principali ceppi batterici presenti negli ambienti confnati. Ma la ricerca non si
ferma qui. Grazie allapplicazione di nano tecnologie da sovrapporre al sup-
porto ceramico, si possono fornire alle piastrelle funzionalit nuove e speciali,
Contributi
8.
15
Il prodotto stato realizzato dal Gruppo Concorde, uno dei principali gruppi ceramici a livello europeo.
16
Il progetto ha coinvolto lUniversit degli Studi di Modena e Reggio Emilia, la modenese Polis Mani-
fatture Ceramiche, che ha mezzi ed esperienza per realizzare il ciclo produttivo industriale, e lazienda
Relight, che si occupa di raccolta, trattamento e recupero delle lampade fuorescenti. Presentata come
prototipo nel 2006, la tecnologia stata immessa sul mercato dalla Polis Manifatture di Modena che
riuscita ad ottenere un prodotto allavanguardia, oltre che competitivo sul piano produttivo
17
Linnovativo brevetto stato messo a punto dal gruppo Gambarelli, in collaborazione con lUniversit
di Modena e Reggio Emilia e il Cnr.
18
Il prodotto stato realizzato da Casalgrande Padana, impresa di Reggio Emilia produttrice di cerami-
che, particolarmente attenta agli aspetti sociali ed ambientali.
205
8. Contributi
come ad esempio: la produzione di energia fotovoltaica, attraverso un flm sot-
tile di silicio amorfo, o degli effetti fotocromatici e termici, utili per ottimizzare
lisolamento degli edifci. Ne un esempio la produzione del primo prototipo di
piastrella fotovoltaica in grado di trasformare la luce in energia elettrica. Questa
tecnologia
19
, ancora in fase di preindustrializzazione e di cui stato depositato
il brevetto, potr favorire la riconversione dellintera fliera della ceramica. C
poi il flone delle piastrelle sottili, ossia costituite da grandi lastre in gres por-
cellanato di 3-4 millimetri di spessore che hanno un basso impatto ambientale
poich consentono: un minore impiego di materie prime, una riduzione del
50% dei consumi energetici necessari per la produzione, costi inferiori di tra-
sporto e un aumento della capacit di stoccaggio, dato che possibile stivare
nello stesso container il doppio o il triplo dei metri quadrati consentiti per le
normali piastrelle da 12 millimetri.
Leliminazione dei materiali nocivi nella cottura e lottimizzazione nel ciclo di
produzione (ciclo di combustione) hanno portato il distretto ceramico di Sas-
suolo a ottenere importanti certifcazioni ambientali di processo: EMAS di di-
stretto e ISO 14001. Oggi le tecnologie applicate dallindustria ceramica ita-
liana sono conformi alle BAT Best Available Techniques defnite da norme
internazionali, mentre molti manufatti del distretto possono fregiarsi di una tra
le pi importanti certifcazioni mondiali di prodotto, lEcolabel, oltre che con-
correre, grazie alla proprie caratteristiche, al raggiungimento dei crediti LEED,
la pi diffusa certifcazione internazionale relativa alleffcienza energetica e al-
limpronta ecologica degli edifci. Le singole imprese hanno volontariamente
aderito a progetti di certifcazione e qualifcazione, segnale di un cambiamento
profondo nella gestione e vision aziendale.
Nel distretto, inoltre, le istituzioni e le associazioni di categoria sono promotrici
di progetti di sensibilizzazione e formazione in materia di gestione e impat-
to ambientale specifci per lindustria ceramica, fra cui ricordiamo il Rapporto
Integrato e il benchmarking ambientale. Sul fronte della ricerca e della forma-
zione si distingue lattivit del Centro Ceramico di Bologna. La struttura, in col-
laborazione con enti pubblici e privati dellarea, coordina e conduce ricerche
relative a prodotti eco-compatibili e a tecnologie ambientali di processo, forni-
sce assistenza sui sistemi di gestione ambientale e su aspetti che riguardano
leffcienza energetica.
19
A metterla a punto stato il laboratorio di ricerca del Cencerbo, il Centro Ceramiche Bologna.
206
Per quanto concerne i benefci ottenuti, il distretto ha registrato un cospicuo
contenimento dei costi e lottimizzazione delle risorse utilizzate. Ma non solo.
Le misure per incrementare la propria sostenibilit ambientale hanno permes-
so allindustria ceramica italiana di accrescere il valore qualitativo dei prodotti
immessi sul mercato globale e di riposizionarli rispetto agli interlocutori pi
sensibili ai temi dello sviluppo sostenibile: policy-maker, legislatori, bioarchitet-
ti, ecodesigner, ma anche alcuni distributori e una fascia sempre pi cospicua
di consumatori. Per quanto riguarda questo ultimo aspetto, un recente studio
ha confermato che circa la met degli acquirenti italiani di piastrelle ritiene
importante scegliere un prodotto con almeno una certifcazione ambientale.
Per questa ragione, si sta ora investendo in azioni di comunicazione affnch il
valore delle certifcazioni venga conosciuto da un pubblico sempre maggiore.
Va infne ricordato il costante impegno dellintero distretto nel promuovere ini-
ziative di responsabilit sociale (RSI) volte a migliorare la tutela dellambiente,
della sicurezza e della salute dei lavoratori e a favorire il dialogo con i propri
stakeholders, sia interni che esterni. Nel corso degli anni, diverse aziende han-
no ottenuto importanti riconoscimenti quali: il Sodalitas Social Award, il Premio
RSI promosso dalla provincia di Modena, il Premio Impresa Ambiente.
Come visto, il primato mondiale dellindustria ceramica italiana non si limita,
dunque, alla sola produzione, ma comprende anche limpegno nel raggiungere
livelli di impatto ambientale minimi, nel pieno rispetto dellequilibrio ecologico.
I risultati ottenuti dal distretto di Sassuolo sul fronte della sostenibilit ne sono
una dimostrazione: grazie ad una visione lungimirante e al costante investimen-
to in innovazione pari a 220 milioni di euro - il cluster emiliano diventato nel
tempo protagonista attivo di politiche ambientali allavanguardia, dimostrando
come il rapporto ambiente-economia possa evolvere in modo positivo.
Contributi
8.
207
8. Contributi
8.2.4. Distretto della concia di Santa Croce
La lavorazione della pelle unarte antica che in Toscana risale allepoca me-
dievale, e gi nella met del XVIII secolo era diffusa in tutta la regione. In al-
cuni scritti dellepoca si fa riferimento alla capacit delle maestranze locali di
trasformare la pelle in un materiale impermeabile e resistente, applicando un
procedimento lungo e complesso basato su conoscenze tecniche certamente
innovative per quel tempo. Con il passare dei secoli, il mestiere del cuoiaio
da semplice attivit artigianale si trasformato in una forente attivit indu-
striale. Oggi, infatti, Il distretto di Santa Croce sullArno, situato tra le province
di Pisa e Firenze, rappresenta una delle principali realt nel campo della lavo-
razione conciaria a livello italiano e internazionale e si caratterizza per essere
lunico cluster la cui specializzazione abbraccia lintera fliera produttiva della
pelle, dalla concia al prodotto fnito
20
. Nel distretto si realizza il 98% circa della
produzione italiana di cuoio da suola (il 70% di quello dei paesi Ue) e il 35%
della produzione nazionale di pelli per calzature, pelletteria e abbigliamento
21
.
Il modello produttivo si caratterizza per la presenza diffusa di piccole e medie
imprese, integrate con attivit conto terzi specializzate in alcune fasi di lavora-
zione. La produzione, il 60% della quale destinata allexport, si colloca nella
fascia prezzo/qualit alta e medio-alta. Gli addetti sono circa 8 mila, il fatturato,
questanno, stato di 1 miliardo e 100 mila euro
22
.
Limpegno del distretto in campo ambientale ha una lunga storia e dimostra
come una serie di vincoli legislativi possano, negli anni, stimolare un processo
di gestione delle risorse virtuoso e condiviso a livello distrettuale. I primi passi
in questo ambito risalgono agli anni Settanta, quando le nuove norme in tema di
tutela delle acque hanno imposto alle imprese limiti pi stringenti. Il settore con-
ciario si cos trovato cos ad affrontare una sfda inedita che nel tempo, per,
non ha mancato di produrre benefci economici oltre che ambientali. In questi
trentanni le principali criticit hanno riguardato la produzione di acque refue,
fanghi e altri rifuti, ossia le fasi dellindustria della concia che hanno un maggio-
20
La principale specializzazione rappresentata dalla produzione di pelle e cuoio da suola per calza-
tura (70% della produzione); al settore della pelletteria dedicato il 20% della produzione, mentre il
restante 10% allabbigliamento, allarredamento e ad altre produzioni, quali prodotti chimici e mac-
chine per conceria.
21
Dati diffusi dal Distretto di Santa Croce
22
Ibidem
208
re impatto sullambiente. Le imprese di Santa Croce si sono unite, assieme alle
istituzioni, per trovare una soluzione concertata a questi problemi, attraverso la
costruzione di infrastrutture e societ consortili che gestiscono lampia gamma
di iniziative collettive a tutela della sostenibilit, e grazie allinvestimento in tec-
nologie innovative per la razionalizzazione del ciclo produttivo.
Per quanto riguarda il recupero delle acque refue, il primo impianto centraliz-
zato di depurazione stato costruito negli anni 70; numerosi lavori di amplia-
mento sono intervenuti nel tempo per migliorare le procedure di smaltimento e
tutelare al contempo la qualit delle acque. Limpianto di Santa Croce ha una
capacit di trattamento pari a 30 mila mc di scarichi al giorno e una potenzia-
lit di 2.050.000 a.e. (abitanti equivalenti), ovvero garantisce la depurazione di
una citt di 2 milioni di persone. Attualmente il depuratore ha raggiunto una
percentuale di abbattimento degli inquinanti caratteristici del ciclo conciario
di circa il 99%; tra il 1995 e il 2008 ha consentito una riduzione di circa il 60%
del quantitativo di fanghi prodotti per metro cubo di acqua conciaria
23
. Questo
grazie ad una innovativa tecnologia ideata dal distretto, inaugurata nel 2002,
e denominata tutto biologico, in quanto basata su un sistema organico. In
pratica, la differenza sostanziale fra la vecchia conformazione dellimpianto ed
il nuovo progetto stata la realizzazione di un nuovo stadio biologico. Lutilizzo
di un trattamento biologico come primo stadio depurativo, rispetto al vecchio
trattamento chimico fsico, ha consentito di ridurre lutilizzo di sostanze chimi-
che nellabbattimento dei carichi inquinanti, di eliminare le maleodoranze e di
tagliare i costi e le spese per le aziende associate. Limpianto partecipato a
maggioranza dal Consorzio Depuratore in rappresentanza delle imprese e dal
Comune di Santa Croce sullArno.
Sempre sul fronte dei processi produttivi, il distretto, negli anni, ha sviluppato
un effciente e innovativo sistema di recupero di circa l80% dei sottoprodotti
della lavorazione che vengono riutilizzati, come materia secondaria, in altri set-
tori produttivi o inseriti nuovamente nel ciclo conciario.
Per quanto concerne i fanghi, allattivit del depuratore si aggiunge quella di
Ecoespanso, societ mista pubblico-privata, grazie alla quale si ottenuto la
completa trasformazione di questa sostanza in un materiale inerte destinato al
Contributi
8.
23
Dati diffusi dal Distretto di Santa Croce
209
8. Contributi
mercato delledilizia. Gli esiti positivi delle analisi effettuate dallArpat e lau-
torizzazione della Provincia di Pisa hanno permesso limmissione sul mercato
di conglomerati bituminosi e cementizi. In questo modo i fanghi conciari delle
aziende di Santa Croce sullArno hanno una destinazione certa e sicura. Un
altro contributo importante, in termini di sostenibilit ambientale, quello dato
da Cuoidepur che da tempo conduce sperimentazioni sul riutilizzo in campo
agricolo dei fanghi prodotti dalle aziende conciarie, avvalendosi della colla-
borazione delle Facolt di Agraria di Pisa e Piacenza. Da questi studi nato
il progetto Fertilandia che ha lobiettivo di produrre un nuovo fertilizzante di
natura organica, il cosiddetto pellicino integrato. Questa sostanza ottenuta
dal trattamento dei fanghi proteici provenienti dalla depurazione delle acque e
dai sottoprodotti organici delle concerie di Ponte a Egola, che si contraddistin-
guono per lutilizzo del processo al vegetale, basato su concianti naturali quali
i tannini, estratti dalla corteccia delle piante. Il fango che risulta dalla depura-
zione caratterizzato, unico esempio in Italia per il settore, da una bassa con-
centrazione di cromo, da una maggiore presenza di sostanze derivanti dagli
estratti naturali di origine vegetale e da una superiore quantit di sostanza or-
ganica di origine proteica, derivante dallo scarto delle pelli. Il pellicino ha dato
risultati molto positivi in termini di effcienza agronomica tanto che il Ministero
dellAgricoltura ha dato parere favorevole per il riconoscimento come concime
organo-azotato da inserire nellelenco dei fertilizzanti.
Progressi si sono registrati anche per quanto riguarda il carniccio, residuo ani-
male prodotto durante la fase della scarnatura, il cui recupero affdato al
Consorzio Sgs. Questa struttura, che ha una capacit di trattamento pari a
90.000 tonnellate allanno, provvede, attraverso un particolare processo, a tra-
sformare carniccio e spaccature in prodotti destinati a vari mercati, quali, per
esempio, quello dei saponi, della depurazione e dellagricoltura. La riutilizza-
zione di questo scarto di vitale importanza per il settore conciario, in quanto
si elimina il problema del suo smaltimento, riducendo cos limpatto ambientale
e tutte le problematiche legate alla sua collocazione a valle della produzione.
Sempre nellambito del recupero dei materiali di scarto, si segnala uninteres-
sante iniziativa che sta coinvolgendo le aziende che si occupano di rasatura
e smerigliatura del pellame conciato, chiamate a far fronte al problema dello
smaltimento delle polveri e degli scarti generati nelle fasi citate. Queste im-
prese hanno deciso di partecipare ad un progetto
24
gi avviato dai ricercatori
del centro di ricerca CIRTIBS dellUniversit di Napoli Federico II, grazie al
quale stato messo a punto un nuovo materiale composito ottenuto caricando
210
una matrice di schiuma polimerica con sottoprodotti di scarto quali rasatura
e smerigliatura di pellame. Questo composto potrebbe essere utilizzato per
produrre, con un minor impatto ambientale, pannelli isolanti da impiegare in
edilizia. Le analisi effettuate dimostrano infatti che le capacit schiumanti delle
resine aumentano con laggiunta dei sottoprodotti conciari (dal 35 al 45% in
peso); ci si traduce in un incremento della porosit e quindi in un apprezzabile
risparmio sia della quantit di resina da impiegare che di quella dei materiali
schiumanti (che hanno un impatto ambientale non trascurabile). Al contempo
possibile mantenere le stesse prestazioni dal punto di vista meccanico e fsico;
in particolare per quanto riguarda lisolamento termico ed acustico. I risultati
raggiunti hanno permesso lo sviluppo di diversi brevetti, sia a livello nazionale
che internazionale, e ora, dopo aver realizzato i primi prototipi, lobiettivo
leffettiva commercializzazione degli innovativi pannelli da parte di imprese del
settore edilizio. Questo progetto nasce dallesigenza delle imprese del com-
parto di ridurre i costi di smaltimento di questi sottoprodotti, oggi conferiti, a
prezzi elevati, ad aziende terze che li utilizzano per produrre fertilizzanti. Inoltre,
il processo messo a punto consente di dare un valore aggiunto alle schiume
polimeriche gi largamente impiegate, soprattutto in edilizia, quali isolanti ter-
mici ed acustici.
Dalla fne degli anni Novanta, il distretto ha dovuto far fronte a nuove criticit
ambientali, anche a causa del sopraggiungere di normative ambientali pi ag-
giornate e pi stringenti, fra cui il regolamento dellUnione Europea che ha im-
posto un nuovo limite alla quantit di cloruro presente nellacqua di scarico. Un
aspetto, questultimo, molto rilevante per le imprese conciarie che utilizzano,
fra i sistemi di conservazione della pelle, la salatura a secco. Questo sistema
si effettua trattando le pelli con il sale, ponendole una sullaltra e lasciandole
in queste condizioni da 15 ai 20 giorni. Il sale viene poi eliminato con lacqua,
aumentandone per il livello di cloruro che per le imprese del distretto era, in
media, di 3500 ppm contro i 1200 imposti dalla nuova legge. Il distretto ha
risposto investendo in un nuovo impianto di depurazione che abbatte il livello
cloruro nelle acque refue, portandolo entro i limiti di legge, ma anche elabo-
rando nuove lavorazioni della pelle che richiedono meno sale. Ad esempio, si
Contributi
8.
24
Lidea, nata nel corso di diversi progetti che il centro CIRTIBS ha sviluppato insieme ai ricercatori
di ConciaRicerca e UNIC (Unione Nazionale Industria Conciaria) su sollecitazione delle Lavorazioni
Conto Terzi e da Assa, lAssociazione che in loco le rappresenta, stata ulteriormente approfondita
raggiungendo risultati molto interessanti
211
8. Contributi
introdotto lutilizzo dellanidride carbonica al posto del solfato e del cloruro di
ammonio per sostituire parte dei sali di ammonio nella fase di decalcinazione
delle pelli.
Relativamente allutilizzo di prodotti chimici, le imprese del distretto stanno
optando per una maggiore compatibilit delle sostanze utilizzate. Le principali
attivit fnalizzate a questo scopo includono la selezione di prodotti meno in-
quinanti, la sperimentazione e lindustrializzazione di processi a minor impatto
come quello automatico per le operazioni ad umido o la sostituzione del sol-
furo nel processo di depilazione delle pelli - la gestione delle informazioni di
sicurezza dei prodotti chimici utilizzati, la formazione del personale, la corretta
gestione delle movimentazioni e la manutenzione delle aree di stoccaggio. Una
nuova tendenza quella del ritorno al naturale, eliminando prodotti chimici e
additivi. Un esempio in questo senso quello del Consorzio Vera Pelle Con-
ciata al Vegetale che mette insieme un gruppo nutrito di imprese che lavorano
la concia al vegetale, secondo un processo che richiede molti giorni di lavora-
zione, dai trenta ai quaranta, ed a basso impatto ambientale. In questo pro-
cesso, infatti, si usa prevalentemente la pelle dei bovini destinati allindustria
alimentare. Nessun animale viene abbattuto direttamente per la concia delle
sue pelli che, anzi, se non utilizzate nel processo conciario, creerebbero pro-
blemi di smaltimento. Essendo conciato con tannini naturali, una volta esaurito
il suo ciclo di vita, un manufatto in pelle al vegetale pu essere smaltito con
facilit, proprio grazie alla sue caratteristiche chimico-biologiche. La maggior
parte delle sostante utilizzate durante la lavorazione delle pelli viene recupera-
ta, lavorata e riutilizzata in altri settori. Il sale, utilizzato per conservare le pelli
grezze che arrivano in conceria, viene recuperato ed utilizzato come antigelo
sulle strade; il pelo tolto dalle pelli grezze viene trasformato in fertilizzante per
lagricoltura mentre i fanghi, provenienti dai depuratori, vengono impiegati nel
settore delledilizia per la costruzione dei laterizi. La pelle conciata al vegetale,
identifcabile dal suo marchio, garantisce lassenza di sostanze tossiche ed
completamente biodegradabile. Per il trattamento del cromo, prodotto usato
nel processo produttivo dalla maggior parte delle aziende del distretto, stato
invece istituito il Consorzio Recupero Cromo. Le concerie consegnano allim-
pianto consortile i bagni esausti della fase di concia al cromo trivalente, ai fni
dellestrazione del cromo dagli stessi. Dopo lo stoccaggio in appositi serbatoi,
il solfato basico di cromo viene riconsegnato alle imprese - in proporzione alle
quantit consegnate - che lo riutilizzano nel loro ciclo produttivo. Il tutto con
benefci di diversa natura. C innanzitutto un risparmio energetico, in quanto
212
il processo di recupero avviene a freddo, senza apporto di calore; c poi un
risparmio economico per le aziende che riutilizzano il cromo recuperato, grazie
ad un minore costo dello stesso rispetto a quello di mercato; c infne un
vantaggio per lambiente grazie alleliminazione del cromo dai fanghi di risulta
della depurazione e a un minor sfruttamento del metallo in natura.
Per quanto concerne il risparmio energetico, il distretto ha di recente fssato
un programma in pi fasi allo scopo di garantire unottimizzazione delluso
delle risorse. Il primo step, che contempla una serie di azioni non complesse e
rapidamente realizzabili, prevede lesecuzione di modifche, anche minime, ai
sistemi ausiliari di generazione, agli impianti elettrici, ai macchinari. Il tutto per
favorire immediati miglioramenti su consumi e risparmi, velocizzando il rientro
di eventuali investimenti. Un primo esempio il progetto di modifca e integra-
zione degli impianti di pigmentazione a spruzzo che ha consentito un notevole
contenimento dei consumi
25
, migliorando al contempo la qualit del pellame
lavorato. Liniziativa ha coinvolto 38 aziende del distretto che hanno installato
dei nuovi inverter e sostituito le pistole ad alta pressione su 108 impianti di
verniciatura, con risultati signifcativi. Innanzitutto una consistente riduzione
del consumo energetico che rappresenta una voce importante del bilancio
aziendale, visto che circa il 40% dellenergia elettrica di una conceria media
consumata nella fase di rifnizione. Queste modifche hanno inoltre portato
a riduzioni del consumo di metano, di acqua, di prodotti chimici utilizzati e di
emissioni atmosferiche inquinanti. Il totale dei risparmi realizzati sotto tutte le
forme rappresenta non solo un vantaggio ambientale, ma anche economico: il
risparmio che le 38 aziende conseguiranno di circa 1 milione e 500 mila euro
per anno. Se esteso a tutte le imprese dellarea, il progetto farebbe risparmiare
al distretto circa 9 milioni di euro allanno.
Un altro esempio quello della coibentazione delle condotte di trasporto dei
fuidi caldi attraverso la quale si pu arrivare a un risparmio annuo fno a 2.700
euro, a fronte di un investimento di circa 8.000 per 100 metri di tubazione rea-
lizzabile in circa 14 giorni. Nel secondo step si prevede di estendere lesperien-
za avviata da alcuni gruppi di acquisto creati dalle associazioni di categoria per
lapprovvigionamento di gas ed elettricit, considerato il sensibile contenimen-
25
Il progetto, che nasce da uno studio dellArpat di Pisa e che ha coinvolto le associazioni di categoria,
stato fnanziato nellambito del bando sul risparmio energetico della Regione Toscana.
Contributi
8.
213
to dei costi. Nel lungo periodo, lobiettivo del distretto quello dellautonomia
energetica attraverso una rete di autoproduzione e auto-distribuzione, come,
ad esempio, un sistema SmartGrid in cui ognuno produce e riceve energia da
fonti pulite. Intanto presso il Consorzio Ecoespanso sta partendo un progetto
sperimentale per la produzione di energia dai fanghi.
Sul fronte delle politiche di prodotto, il distretto si caratterizza per limpegno a
difesa del marchio Made in Italy e delle specifcit dei manufatti realizzati nel-
larea, favorendo la tracciabilit e la diffusione di sistemi di certifcazione - fra
cui il gi citato Vera Pelle Conciata al Vegetale, Vero Cuoio e Pelle di Toscana
- che coniugano tutela della tradizione, innovazione e rispetto dellambiente. Il
distretto ha inoltre richiesto il rilascio dellattestato della Certifcazione Emas.
Le varie azioni previste dal Regolamento Emas (Eco-Management and Audit
Scheme) - il sistema comunitario che si prefgge il rispetto delle normative
ambientali oltre al miglioramento continuo dellimpatto della produzione sul
territorio - sono gi state effettuate e hanno dato un esito positivo. A questo
punto manca solo luffcialit della consegna dellattestato che impegner le
associazioni di categoria conciarie e le istituzioni in un continuo miglioramento
degli standard ambientali del territorio, offrendo anche opportunit di marke-
ting per i prodotti in pelle realizzati nel distretto.
Un altro aspetto su cui il distretto ha fortemente investito quello della for-
mazione, come dimostra listituzione del Polo Tecnologico a cui affdato il
compito di promuovere la specializzazione del personale tecnico, sia a livello
di scuola secondaria superiore che universitaria, e di svolgere attivit di for-
mazione e di ricerca applicata. Per quanto riguarda la sostenibilit ambientale,
allinterno del Polo sono attivi la Conceria Sperimentale e il laboratorio che si
occupano di testare sistemi di concia alternativi, per ottenere cicli di produzio-
ne sempre pi eco-compatibili. Lobiettivo generale quello di incrementare
la competitivit del settore in una prospettiva di sviluppo sostenibile, agendo
sugli aspetti critici per la qualit ambientale e leffcienza dei fattori produttivi, e
introducendo innovazioni di processo, prodotto e di tipo organizzativo.
Per quanto riguarda i controlli, allinterno del Distretto opera Arpat, lAgenzia
regionale per la protezione dellambiente della Toscana, che effettua il monito-
raggio dello stato dellambiente, svolge accertamenti sulle fonti di inquinamen-
to, provvede alle ispezioni sul territorio per controllare il rispetto delle norme in
tema di tutela ambientale, fornisce assistenza tecnica in materia.
8. Contributi
214
Come esaminato, il distretto di Santa Croce sullArno rappresenta un caso di
eccellenza nella gestione di politiche ambientali, anche in virt di un impegno
di lungo corso. I positivi risultati ottenuti in questi anni sono riconducibili an-
che agli ingenti fondi destinati alla ricerca ambientale che ammontano a circa
130.000(media 2006-2008)
26
. La stima dei soli investimenti e costi ecologici
sostenuti nel comprensorio del cuoio dal 1979 a tutto il 2008 di circa 1,5mld.,
un terzo dei quali per interventi strutturali sulle fabbriche e il restante per costi
di esercizio depuratori e opere collettive
27
. Altri investimenti sono gi program-
mati in alcune centinaia di milioni di euro per ladeguamento tecnologico degli
impianti. A monte c poi il successo di un modello basato sulla concertazione
fra pubblica amministrazione e imprese che ha fatto s che le opere di disinqui-
namento siano state realizzate con investimenti congiunti. Per quanto riguarda
i benefci, se la tutela dellambiente non rappresenta ancora la strada per nuovi
mercati, sicuramente una via effcace per il contenimento e la riduzione dei
costi di produzione. La realizzazione di sistemi di depurazione centralizzati,
impianti consortili per il trattamento e il riutilizzo dei sottoprodotti, sistemi au-
tomizzati di controllo della quantit e qualit delle acque refue e impianti per
il recupero del calore e cogenerazione hanno creato sistemi di tariffazione pre-
mianti per le aziende meno inquinanti.
Intanto limpegno del distretto di Santa Croce prosegue. Nuove politiche terri-
toriali mirano a rafforzare ulteriormente gli interventi ambientali in maniera inte-
grata, agendo sulla riduzione e sullo smaltimento dei fanghi, sui sottoprodotti
della lavorazione, sui rifuti solidi industriali e sullabbattimento di emissioni
co2, attraverso programmi di sperimentazione defniti ad un tavolo distrettua-
le.
Contributi
8.
26
Dati diffusi dal Distretto di Santa Croce
27
Ibidem
215
8. Contributi
8.2.5. Distretto del mobile di Livenza
Il legno-arredamento, secondo comparto italiano per numero di imprese e ter-
zo per saldo commerciale, uno di quei settori in cui la sfda ambientale sta
poco a poco diventando un importante fattore di competitivit, un valore ag-
giunto immateriale per le produzioni italiane che ne consente il riconoscimento
su quei mercati dove pi diffusa la sensibilit nei confronti dello sviluppo
sostenibile. Linnovazione tecnologica legata ai temi dellambiente, , infatti,
una scommessa ragionevole per unimprenditoria matura. In questo percorso
si colloca il Distretto del Mobile Livenza che con Treviso, prima provincia in Ita-
lia per esportazione, e Pordenone, terza in classifca, primo polo produttivo
del legno-arredamento in Europa. Il cluster friulano da anni impegnato nella
tutela della natura e della salute dei cittadini attraverso una specifca pianifca-
zione ambientale per lottimizzazione delluso delle risorse naturali, la riduzione
dellinquinamento e il miglioramento della qualit di vita e dellambiente. Non
a caso quello di Livenza il primo distretto in Italia ad aver ottenuto, nel 2006,
lattestato EMAS (Eco Management and Audit Scheme) per APO (Ambito Pro-
duttivo Omogeneo), avviando sul territorio un percorso virtuoso di gestione
ambientale teso a diffondere la cultura dello sviluppo sostenibile nelle organiz-
zazioni private e pubbliche.
Nellapplicazione del regolamento EMAS, riveste un ruolo determinante il PAT
- Programma Ambientale Territoriale
28
- che defnisce le azioni di miglioramento
per le criticit ambientali emerse in fase di analisi territoriale ed individua gli
strumenti da adottare e i soggetti che dovranno attivarsi per il raggiungimento
degli obiettivi previsti. Il programma prevede numerose attivit fnalizzate a
ridurre gli sprechi, i rifuti e le emissioni in atmosfera, oltre che a promuovere
il risparmio energetico e idrico, a livello distrettuale e privato. Ecco alcuni dei
risultati raggiunti dal distretto: -20% di emissioni di composti organici volatili
in atmosfera, raccolta differenziata di rifuti solidi urbani pari al 65,64%, stato
delle acque del fume Livenza defnito buono secondo lindice S.E.C.A, ele-
vata percentuale di aziende della fliera che utilizzano materie prime certifcate
(FSC, PEFC o pannelli LEB)
29
.
28
Il programma stato approvato da tutti i soggetti che hanno dato vita al progetto, mediante la sot-
toscrizione del primo Accordo di Programma: Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio,
Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia di Pordenone, CCIAA di Pordenone, Unione Industriali di
Pordenone, organizzazioni sindacali, Comad e Consorzio del Mobile Livenza.
29
Fonte Arpa FVG
216
Altro progetto recentemente attivato dal Distretto quello relativo alla map-
patura energetica della fliera per diminuire gli sprechi e incrementarne lef-
fcienza. Sulla base di unanalisi del fabbisogno energetico delle imprese del
territorio, si punta a promuovere lutilizzo di soluzioni tecnologiche avanzate
che consentano di ridurre quella che una delle maggiori fonti di costo per le
aziende stesse. I risultati previsti consentiranno anche di ottenere i cosiddetti
TEE (titoli di effcienza energetica o certifcati bianchi) che potranno essere
commercializzati, creando ulteriori benefci per il distretto.
Limpegno del distretto a favore dellambiente non fnisce qui: lobiettivo ora
promuovere leco-compatibilit dei prodotti attraverso ladozione di una Poli-
tica Integrata di Prodotto (IPP)
30
, che si basa su un secondo Accordo di Pro-
gramma tra gli stessi attori che hanno dato vita al percorso EMAS. Con questo
progetto si vuole sostenere ladozione di un marchio ambientale di prodotto,
oggi assente in Italia, riproducibile in altri distretti e altri settori produttivi, ba-
sato su standard oggettivamente verifcabili e stabiliti sulla base dello studio
del ciclo di vita (LCA) dei singoli componenti e processi di fabbricazione del
mobile.
Ladozione di un marchio nazionale di prodotto consente di creare un circolo
virtuoso che coniuga la tutela ambientale con il rafforzamento della competi-
tivit delle aziende della fliera rispetto alla concorrenza nazionale e internazio-
nale, oltre ad orientare i consumatori verso prodotti migliori. La metodologia
rigorosa a livello scientifco e allo stesso tempo non troppo onerosa per le
aziende. Gli studi LCA vengono effettuati a monte dal distretto per i vari com-
ponenti (strutturali, minuteria, ferramenta e processi) e messi a disposizione
delle aziende. Oggi si nella fase conclusiva della defnizione di un disciplinare
sperimentale di produzione, condiviso con il Ministero dellAmbiente e con Fe-
derlegno Arredo, per lassegnazione di un marchio, in capo alle aziende che
aderiranno al progetto, che attesti le caratteristiche di eco compatibilit dei
loro prodotti.
Nel 2008 la Commissione Europea ha valutato come migliore dItalia laccordo
di programma tra Provincia di Pordenone, Distretto del Mobile e Ministero del-
Contributi
8.
30
La politica integrata dei prodotti (IPP) parte integrante della strategia comunitaria per lo sviluppo
sostenibile. Tutti i prodotti e servizi hanno un impatto ambientale, sia durante la produzione sia du-
rante luso o lo smaltimento fnale. Obiettivo della politica ambientale europea far s che il migliora-
mento ambientale vada di pari passo con il miglioramento delle prestazioni dei prodotti e nello stesso
tempo favorisca la competitivit dellindustria a lungo termine.
217
8. Contributi
lAmbiente sullIPP. Ci signifca che lidea, nata con lobiettivo di promuovere
un sistema industriale e produttivo di qualit che rispetti lambiente, ha otte-
nuto il massimo gradimento ed stata indicata come modello anche per futuri
progetti IPP in Italia e in Europa.
LIPP poi in linea con limpegno del Distretto a favore della tracciabilit e
riconoscibilit delle qualit ambientali, etiche e di sicurezza delle proprie pro-
duzioni, che rappresentano un plus competitivo soprattutto in quei mercati
laddove gi esiste una sensibilit in tal senso, orientando e stimolando il con-
sumatore verso prodotti migliori rispetto alla concorrenza. Il cambiamento dei
modelli di produzione e consumo , infatti, una delle principali precondizioni
per conseguire lobiettivo della sostenibilit. Negli ultimi anni ha preso corpo
pi decisamente il ruolo del consumatore come attore fondamentale di questo
processo, ma molto rimane ancora da fare per far conoscere ad un pubblico
sempre maggiore il valore dei sistemi di certifcazione e/o qualifcazione delle
performance ambientali dei prodotti.
Non a caso il Distretto sta investendo molto sul fronte della formazione. di
recente istituzione la Scuola EMAS ed Ecolabel, riconosciuta dal Comitato per
lEcolabel e Ecoaudit, con lattivazione di corsi di specializzazione ed aggiorna-
mento su temi ambientali specifci. La scuola nasce per formare professionalit
in grado di gestire ed implementare gli strumenti di sostenibilit ambientale
messi a disposizione dai progetti del Distretto.
Per quanto riguarda la supply chain, i fornitori vengono scelti non solo sulla
base di criteri di costo/qualit, ma anche se in possesso di requisiti ambientali
e di responsabilit sociale certifcati, in unottica di gestione degli aspetti am-
bientali indiretti.
Sul fronte dei benefci ottenuti attraverso le politiche descritte, si registrano
principalmente una riduzione generalizzata dei rischi ambientali; un migliora-
mento dei rapporti con le comunit locali e un ritorno di immagine del distretto
sul mercato dove, come gi detto, si diffonde la sensibilit ambientale.
La sfda futura riguarda ora ulteriori investimenti in innovazione tecnologica,
per favorire lintroduzione di ulteriori tecnologie e processi puliti che possano
incrementare ancora la competitivit delle aziende.
218
8.3 Scheda intervista
a. Breve descrizione distretto con numeri (imprese, fatturato., etc)
b. Impegno ambientale: quando e perch si deciso di investire in politiche
ambientali (decisione spontanea o indotta, ad esempio, da nuove normati-
ve?). E come visto il tema dalle imprese del territorio.
c. Quali aspetti della vostra fliera/distretto secondo lo schema proposto dalla
tab.1 ritenete pi critici e perch?
d. Su quali punti della fliera/distretto secondo lo schema proposto dalla tab.1
sta lavorando il vostro distretto/fliera/territorio e perch?
e. Casi aziendali (aziende del distretto che possono rappresentare green case
studies)
Contributi
8.
219
8. Contributi
26
Tab. 1
MATERIE PRIME Materie prime riciclate/riutilizzo scarti di produzione
Materie prime certificate
Nuovi materiali
PROCESSI Gestione risorse idriche
Riduzione emissioni in atmosfera
Gestione rifiuti
Utilizzo sostanze chimiche
Risparmio energetico (cogenerazione, utilizzo fonti rinnovabili, macchinari
ecoefficienti..)
Inquinamento acustico/aria/suolo
Investimenti in infrastrutture per gestione risorse (presenza di impianti relativi
alla gestione di acque, rifiuti, energie: sistemi di depurazione delle acque
reflue, sistemi e impianti per recupero acque reflue e riutilizzo nei cicli
produttivi; impianti di smaltimento/trattamento/recupero di rifiuti etc)
PRODOTTO Certificazioni/registrazioni ambientali
Marchi/etichette/politiche di prodotto
Gestione fine ciclo di vita
Dematerializzazione
Disassemblaggio/Riciclabilit
CONTROLLI
AMBIENTALI
Presenza di sistemi di monitoraggio ambientale (campagne di visite nelle aziende,
controlli sistematici, sistemi informativi a livello territoriale per rilevare determinati
parametri di inquinamento aziendale)
SERVIZI Servizi di analisi e monitoraggio degli aspetti ambientali per le imprese del
Distretto
Laboratori di Ricerca sullinnovazione di prodotto e processo
Servizi di consulenza/assistenza per la diffusione di nuove tecnologie ambientali e
sistemi di gestione (banche dati tecnologiche, sportelli informativi, audit
ambientali ed energetici..)
Strutture per la formazione su tematiche ambientali
BENEFICI
OTTENUTI
Aumento efficienza nelluso risorse di input (ad es. energia)
Aumento efficienza nella produzione di output ambientali (es. rifiuti)
Miglioramento performance economiche legate allimmissione sul mercato di gren
product
Miglioramento performance economiche legate a miglioramento immagine
aziendale sul mercato
Riduzione rischio legato ad incidenti ambientali
Miglioramento rapporti con stakeholders e comunit locali
CATENA DDE EI I
FORNITORI
Scelta fornitori certificati (attenti allambiente, socialmente responsabili)
Scelta fornitori a Kilometro zero( fornitori locali, selezionati per la qualit dei loro
prodotti e per il rapporto di fiducia costruito negli anni)
Tavola 1
221
Ringraziamenti
221 221
Si ringraziano pertanto tutti i membri
del Comitato Scientifco del progetto:
Giovanni Barbieri Direttore Centrale Direzione centrale per le esigenze
degli utilizzatori, integrazione e territorio Istat
Fulvio DAlvia Direttore della Segreteria della Piccola Industria di Confndustria
Francesco Estrafallaces Responsabile Area Economica del Censis
Daniela Fontana Direttore della Federazione dei Distretti Italiani
Marco Fortis Vice Presidente Fondazione Edison
Claudio Gagliardi Segretario Generale di Unioncamere
Claudio Giovine Responsabile nazionale di Cna Piccola e Media Industria
Fabrizio Guelpa Responsabile Uffcio Industry & Banking Intesa Sanpaolo
Domenico Mauriello Responsabile Uffcio Studi di Unioncamere
Massimo Omiccioli Condirettore del servizio Studi della Banca DItalia
Bruno Panieri Direttore Area economica di Confartigianato
Luca Paolazzi Direttore Centro Studi di Confndustria
Fabio Renzi Segretario Generale della Fondazione Symbola
Antonio Ricciardi Coordinatore del Comitato scientifco
dellOsservatorio Nazionale dei Distretti Italiani
Giuseppe Roma Direttore Generale Censis
Domenico Sturabotti Direttore della Fondazione Symbola
La realizzazione del nuovo Portale e la stesura
del Secondo Rapporto dell Osservatorio Nazionale Distretti Italiani
sono stati il frutto di riunioni del Comitato Scientifico tenutesi
a Roma in diverse occasioni presso la sede di Unioncamere
Ringraziamenti
222
Ringraziamenti
Si ringraziano inoltre per i contributi:
Monica Carminati Fondazione Edison
Sara Consolato, Romina Surace Fondazione Symbola
Giovanni Foresti, Angelo Palumbo Intesa Sanpaolo
Giovanni Iuzzolino, Giacinto Micucci Banca dItalia
Enrico Quintavalle Confartigianato
Hanno collaborato alla stesura del Secondo Rapporto
e alla realizzazione del nuovo portale:
Nicola Benedetti Representa
Marco Centrone Representa
Lisa Maran Federazione dei Distretti Italiani
Marco Sciarratta Representa
Si ringrazia inoltre della collaborazione e supporto:
Giovanni Bertizzolo
Paolo Cavanna
Saverio Maisto
Patrizia Pastore
Un ringraziamento a tutti i distretti
che hanno inviato modifche e aggiornamenti
223
Note
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
224
Note
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
s
www.osservatoriodistretti.org