Sei sulla pagina 1di 10

O.M:A. S.r.l.

Officina Metalmeccanica Angelucci

COSTRUZIONE E MONTAGGIO IMPIANTI INDUSTRIALI

Sede, Uffici e Stablimento: Zona ind/le 65020 Castiglione a Casauria(PE) Tel (085) 888241 Fax.(085) 8885855

DIN EN ISO 9001:2000 Certificato N 71 100 D 347

VADEMECUM PER IL COLLAUDO DELLE STRUTTURE ZINCATE

A cura del Servizio Tecnologico Aziendale - Ing. Blasioli Marco

con la collaborazione di

MPE - Paoletti Riccardo

Sede Legale, Uffici e Stabilimento: zona industriale 65020 CASTIGLIONE A CASAURIA (PE) Tel. 085.888241 r.a. Fax 085.8885855

Pagina 2 di 10

Che cos la zincatura a caldo (Hot Dip Galvanization). La zincatura a caldo un processo tecnologico utilizzato per la protezione superficiale anticorrosione di manufatti in metallo. Il processo di corrosione preso in considerazione quello galvanico (acqua, umidit, ecc) e non chimico (attacco di acidi o reazioni con agenti chimici). La protezione si realizza rivestendo la superficie della struttura metallica con uno strato di zinco (o meglio lega di zinco) che comportandosi da anodo sacrificale protegge il ferro dallaggressione della corrosione (galvanica ). Nella figura seguente si pu notare che lo strato di zinco che ricopre le strutture metalliche varia allontanandosi dal materiale base verso la superficie esterna del manufatto, passando da lega 75%Zn+25%Fe fino a 100%Zn.

Pagina 3 di 10

Che cosa influenza il processo di zincatura a caldo (Hot Dip Galvanization). Il meccanismo di formazione del rivestimento di zinco principalmente influenzato dalla temperatura del bagno, dai tempi di contatto tra lelemento da zincare e lo zinco fuso e dal tenore degli elementi presenti nellacciaio. Analizzando un processo di zincatura generale, le variabili temperatura del bagno e tempi dimmersione si possono ritenere costanti e dettate dalle caratteristiche tecniche dellimpianto considerato. Eliminati quindi due dei tre fattori che influenzano la formazione del rivestimento, rimane da controllare lultima variabile ovvero la qualit dellacciaio di base. Sostanzialmente, la scelta dellacciaio destinato ad essere zincato a caldo deve essere fatto tenendo sotto controllo alcuni elementi legati contenuti nei normali acciai al carbonio da costruzione. Il tenore di tali elementi divide in tre classi tali acciai:

CLASSE 1 (per Si<=0,03%, P<=0,025% e Si+2,5P<=0,09%) I rivestimenti ottenuti sugli acciai di questa classe normalmente presentano la struttura costituita dalla successione delle fasi previste dal diagramma binario Fe-Zn (vedi foto precedente). Hanno spessore compreso tra 60 e 100 um e aspetto brillante.

CLASSE 2 (per 0,03%<= Si <= 0,04%, P<=0,025% e Si+2,5P<=0,1025%) Gli acciai appartenenti a questa classe sono maggiormente reattivi rispetto a quelli della classe precedente. Per tenori di Si e P prossimi ai limiti superiori, il rivestimento pu perdere la struttura regolare ed assumere quella a fasi disperse con cristalli minuti. Lo spessore per questa classe varia da 100 a 150 um e laspetto pu passare da brillante a opaco-grigio chiaro. Inoltre, possono presentarsi alcune irregolarit superficiali, quali striature e cumuli puntiformi.

CLASSE 3 (per 0,15%<= Si <= 0,20%, P<=0,02% e Si+2,5P<=0,25%) Fanno parte di questa classe gli acciai con reattivit medio-alta. E possibile che si verifichi la presenza localizzata di fase (zinco puro) in Superficie. Per questultima classe lo spessore appartiene allintervallo 120-220 um e laspetto varia da brillante a grigio opaco-scuro. Per gli spessori pi elevati il rivestimento pu risultare molto fragile. Alla luce di quanto sopra, pu essere opportuno, quando si costruiscono manufatti da zincare a caldo, acquistare acciaio tenendo sotto controllo la composizione chimica, minimizzando cos i rischi legati alla reattivit dello zinco (aspetto superficiale, grumi, buccia darancio, alto spessore e fragilit del rivestimento). Nella foto seguente si pu notare la diversa reattivit dei materiali a parit di processo di zincatura.

Pagina 4 di 10

Diversi aspetti superficiali legati a acciai con composizioni chimiche fuori dalle classi citate (parte sinistra della foto) e con composizione chimica in Classe1 (parte a destra nella foto).

In aggiunta a quanto detto sopra, importante che venga monitorato opportunamente il processo di zincatura con particolare attenzione sia alle fasi del processo stesso sia alla loro sequenza. Non da trascurare, inoltre, il grado di pulizia del bagno di zinco (prima dellimmersione e prima dellemersione dellitem) che causa dei residui di ceneri nei manufatti. Un tipico processo di zincatura pu essere riassunto nello schema seguente:

ESSICCAZIONE E PRERISCALDO

SALI DI ZINCO E AMMONIO

RISCIACQUO

DECAPAGGIO ( HCl )

RISCIACQUO

SGRASSAGGI O

MOVIMENTAZIONE

A A GRANDI DIMENSIONI
RAFFREDDAMEN -TO

B ZINCATURA IN BAGNO A 440 FINITO PASSIVAZIONE

LUCENTEZZA

C ULTERIORE PROTEZIONE DAGLI OSSIDI DI Zn

A+C

Pagina 5 di 10

Normativa di riferimento sul processo di zincatura a caldo (Hot Dip Galvanization). Le due principali Norme internazionali sulla zincatura a caldo delle strutture sono: ASTM A 123 ISO 1461

Galleria fotografica sullaccettabilit delle superfici zincate a caldo (Hot Dip Galvanization)

ASPETTO VISIVO

DIFETTO E ACCETTABILITA SUPERFICIE CORRETTAMENTE ZINCATA. ACCETTABILE

AZIONE NESSUNA

SUPERFICIE CORRETTAMENTE ZINCATA. ACCETTABILE

NESSUNA

ZONA NON PROTETTA DA ZINCO (SCORIA DI SALDATURA) NON ACCETTABILE

ELIMINARE LA SCORIA PROCEDERE A RIPRISTINARE LA PROTEZIONE SECONDO IL CICLO DESCRITTO IN SEGUITO

Pagina 6 di 10

BUCCIA DARANCIO SE SOLO ZINCATA ACCETTABILE CERCARE DI ELIMINARE LE ASPERITA PIU EVIDENTI PRIMA DI VERNICIARE ALCUNI GRUMETTI DI ZINCO ACCETTABILE NESSUNA SE DA VERNICIARE

MACCHIA DI OSSIDO O RESIDUO DI CENERE ACCETTABILE SE PROTETTA DA ZINCO

SPAZZOLARE E CONTROLLARE LO SPESSORE DI ZINCO. SE LO SPESSORE E CONFORME PUO ESSERE UTILIZZATO SOLO PER MIGLIORARE ASPETTO ESTETICO ZINCO SPRAY PREFERIBILMENTE DA NON USARSI PRIMA DELLISPEZIONE

Pagina 7 di 10

MACCHIE DI OSSIDO BIANCO DI ZINCO ACCETTABILE NON DANNOSO. *** SI PRODUCE SE LE STRUTTURE PERMANGONO A LUNGO ALLESTERNO ESPOSTE A PIOGGIA O UMIDITA ELEVATA.

NESSUNA *** SE DI ECCESSIVO IMPATTO ESTETICO SI PUO PROCEDERE A SPAZZOLATURA

SUPERFICIE A DIVERSA LUCENTEZZA ACCETTABILE

NESSUNA

Pagina 8 di 10

RESIDUI DI SCRITTE CON MARKER A VERNICE. TALE PRATICA E DA EVITARE CAUSA LA NON ZINCATURA DELLA ZONA SOTTOSTANTE. NON ACCETTABILE

. PROCEDERE A RIPRISTINARE LA PROTEZIONE SECONDO IL CICLO DESCRITTO IN SEGUITO

ZONA NON PROTETTA NON ACCETTABILE

SPAZZOLARE ACCURATAMENTE PROCEDERE A RIPRISTINARE LA PROTEZIONE SECONDO IL CICLO DESCRITTO IN SEGUITO

ZONA A SCARSA ADESIONE. NON ACCETTABILE LA PROVA SI ESEGUE, IN ACCORDO ALLE NORME, CON LA PUNTA D UN COLTELLO.

RIMUOVERE LA ZONA CON SCARSA ADESIONE. PROCEDERE A RIPRISTINARE LA PROTEZIONE SECONDO IL CICLO DESCRITTO IN SEGUITO SPAZZOLARE E RIMUOVERE IL CATTIVO RIPRISTINO. PROCEDERE A RIPRISTINARE LA PROTEZIONE SECONDO IL CICLO DESCRITTO IN SEGUITO

INOPPORTUNO RIPRISTINO CON BOMBOLETTA SPRAY SU ZONA NON PROTETTA CON RESIDUI DEL BAGNO ACIDO. NON ACCETTABILE

Pagina 9 di 10

RESIDUI VARI NON ACCETTABILE

RIMUOVERE IL TUTTO SE DEL CASO, PROCEDERE A RIPRISTINARE LA PROTEZIONE SECONDO IL CICLO DESCRITTO IN SEGUITO

GRUMI E RESIDUI DI CENERE VISTOSI NON ACCETTABLI TENERE SOTTO CONTROLLO IL PROCESSO DI ZINCATURA

RIMUOVERE AL MEGLIO I GRUMI E LE CENERI. SE DEL CASO PROCEDERE A RIPRISTINARE LA PROTEZIONE SECONDO IL CICLO DESCRITTO IN SEGUITO ESAMINARE TUTTO IL MANUFATTO.
PROCEDERE A RIPRISTINARE LA PROTEZIONE SECONDO IL CICLO DESCRITTO IN SEGUITO IN ALCUNI CASI PUO RENDERSI NECESSARIA LA RIZINCATURA.

ZINCATURA RISULTATA FRAGILE E CON SCARSA ADESIONE AGLI URTI. NON ACCETTABILE

ZINATURA PLASTICA AGLI URTI. ACCETTABILE

NESSUNA

CONDIZIONE OTTIMALE

Pagina 10 di 10

IL RIPRISTINO DELLE SUPERFICI ZINCATE DANNEGGIATE

Il ripristino delle superfici zincate danneggiate ammesso dalle Norme di riferimento in ragione limitata e funzione della superficie totale zincata. I limiti imposti per il ripristino sono: NORMA DIMENSIONE SINGOLA MAX SUPERFICIE MAX METODO NOTE

ASTM A 123

25 mm

0.5 % DEL TOTALE O 256 cm2 MAX SE MINORE

VERNICE ZINCANTE SPRUZZATURA A CALDO DI ZINCO

SPESSORE 50% IN PIU DEL MINIMO RICHIESTO PER LO SPESSORE DEL MATERIALE ZINCATO MA MAX 101.6 m

ISO 1461

10 cm2

0.5 % DEL TOTALE

VERNICE ZINCANTE BARRETTE IN LEGA ZINCO DA APPLICARE A CALDO

RIPRISTINARE IL MINIMO SPESSORE DI ZINCO RICHIESTO

Ad oggi sembra essere conveniente, se eseguito in officina o in cantiere, ripristinare le aree danneggiate con vernice zincante preparando adeguatamente la superficie da ripristinare (sabbiare o creare rugosit con altri metodi). Pu essere usato zinco spray al solo scopo di uniformare laspetto estetico, dopo lapplicazione della vernice. I prodotti in commercio adatti a tale scopo sono: CARBOLINE - CARBOZINC 858 P (A+B) (GRIGIO) VERNITAL - VEREPOS ZINCO 70000181 (MONOCOMPONENTE)

Lutilizzo di Surface Tolerant o Barrette in lega di zinco e in fase di studio.

Potrebbero piacerti anche