Sei sulla pagina 1di 37

il

www.ilpiccologiornale.it

PICCOLO
LAVORO: tra rigidit e garanzie

Giornale

Direzione e redazione: Via S. Bernardo, 37/A Tel. 0372 45.49.31 - 45.13.14 Fax 0372 59.78.60 Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it E-mail: ilpiccolocremona@fastpiu.it redazione@ilpiccologiornale.it Pubblicit: Immagina srl - Via S. Bernardo, 37 - Cremona Tel. 0372 45.39.67 - 43.54.74 Fax 0372 59.78.60 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Cremona

Anno XII n 6 VENERD 10 FEBBRAIO 2012

Settimanale 0,02 copia omaggio

LARTICOLO 18? EUN FALSO PROBLEMA


Servono persone adeguate, o meglio, capaci
LEDITORIALE

A pagina 7

Intervista al professor Maurizio Del Conte, giuslavorista,: Il punto vero la flessibilit organizzativa in azienda e dare pi valore al lavoro Sul posto fisso evocato da Monti: Nessuno lo garantisce, ma deve restare un obiettivo, altrimenti lidea della precariet diventa fisiologica

CAMBIA IL CLIMA, DOVREMO ABITUARCI


SABATO PRIMA DELLA SFIDA CON BOLOGNA

Daniele Tamburini daniele.tamburini@fastpiu.it

resi giustamente - dallemergenza Paese e dalle misure economiche di contenimento e di risanamento, abbiamo forse prestato poca attenzione alla sostanza del cambiamento profondamente politico in atto, che seppure con tante contraddizioni, sembra produrre risultati. Un governo tecnico, per, non eletto dai cittadini: inutile girare intorno al problema. Significa che il voto non aveva saputo esprimere forze, alleanze, coalizioni capaci di tirarci fuori da una situazione pericolosissima e tuttaltro che risolta. Significa che lofferta politica presente al momento del voto non era complessivamente allaltezza della domanda del Paese (siamo molto generosi oggi). E che il problema, il rovello, il disagio sia perfettamente bipartisan lo dimostrano, venendo alle cose di casa nostra, le interviste che pubblichiamo in questo numero, di due esponenti di punta dei rispettivi schieramenti politici: Titta Magnoli, Pd, e Ugo Carminati, Pdl. Colpiscono molto, nelle evidenti e ovvie differenze di opinioni, alcune analisi di fondo. Soprattutto, si stigmatizza lautoreferenzialit della classe politica del nostro territorio. Non solo politica, dice Magnoli, allargando il tiro. Insomma, la politica e le amministrazioni - non fanno che guardare il proprio ombelico, mentre il mondo corre a rotta di collo. Un eccesso di tranquillit e di autocompiacimento, sostiene Magnoli. Le idee messe in secondo piano, rispetto a schieramenti, carriere e poltrone, dice Carminati, a margine di un congresso provinciale del Pdl con unico candidato e lista bloccata. Che dire? Ci vorrebbe un governo tecnico, anche per il nostro territorio? Ma il giudizio di Magnoli coinvolge tutta la classe dirigente, e si sa, ci vuole tempo per far crescere la capacit politica e amministrativa dalla societ civile. E allora? Pochi giorni fa, lonorevole Pizzetti richiamava alletica della responsabilit e dellinteresse pubblico. Anchegli parlava di staticit della situazione, e si augurava, per il proprio partito, il Pd, che i sindaci venissero coinvolti nella direzione politica. Giusto. E allora, la butto l, gli attuali dirigenti politici, quelli capaci e con esperienza da vendere, non potrebbero fare il sindaco?

In regalo al PalaRadi il poster della Vanoli Braga

Csar, lex idolo carioca vede una Cremo al vertice


a pagina 31

CALCIO - DOMENICA BIG-MATCH CON IL SIRACUSA

INTERVISTA A TITTA MAGNOLI

Il freddo ha fatto la prima vittima. Un disoccupato 44enne di Castelleone. Intanto in arrivo unaltra ondata di freddo. Secondo il meteorologo, le attivit umane influiscono pesantamente sui cambiamenti climatici
SCIOPERO DEL BIGLIETTO INFLUENZA NEONATA GETTATA NEL CASSONETTO

La classe dirigente cremonese non adeguata


a pagina 8

CONGRESSO PDL, CARMINATI

La clamorosa protesta dei pendolari


a pagina 3

E arrivata la fase acuta, a letto intere famiglie


pagina aApagina 69

Lo psichiatra Rizzoli: Figli rifiutati per paura e disinformazione


a pagina 10

Candidatura unica: Non lespressione di tutto il partito


a pagina 9

Comincia dalla colazione...per dire I love you


Venerd 10 Febbraio 2012

Speciale San Valentino


Sono piatti facili e veloci da preparare che mettono il partner in una situazione psicologica molto bella facendoli sentire protetti e amati: cucinare per qualcuno possibilmente non solo per San Valentino vuol dire dedicargli tempo, attenzione, amore e cura. Anche se il pensiero che conta, un regalo in pi non fa mai male. Evitate per regali scontati e standard come cioccolatini in scatola, orsacchiotti, peluches e libri. Pensate piuttosto di fare un regalo personalizzato, ricercato e, di conseguenza originale come foto libri con i vostri scatti pi espressivi, oggetti con i simboli dellamore che ricordano la vostra relazione. E, perch no, anche una videocamera per riprendere tutti i momenti felici che trascorrete insieme. Fate consegnare dei fiori nel luogo di lavoro della vostra compagna cos da renderla felice non solo per i fiori ma anche per lattenzione che le riserveranno i colleghi dufficio, accompagnata da una bellissima cartolina o da un biglietto romantico. Sappiamo bene che le donne amano le sorprese quindi se ne avete la possibilit, sarebbe molto bello organizzare un week end in una localit romantica che comprenda cena e pernottamento. Potete pensare di andare in una localit termale, come le vicine Terme di Sirmione o anche, sempre sul Lago di Garda a Lefay Resort di Gargnano. Avete la possibilit di sfruttare i trattamenti termali e ritrovare serenit e tranquillit in unottima struttura con viste mozzafiato. Acquaria presso le Terme di Sirmione dedica alle coppie un evento speciale per passare insieme una serata immersi nella preziosa acqua termale con la magia del Lago di Garda davanti a voi. Candele e luci colorate, musica soft dal vivo

17

di Michela Fontana

San Valentino si festeggia in tutta Europa, ogni anno il 14 febbraio. La tradizione popolare ci insegna che la festa degli innamorati: in questa particolare ricorrenza ci si scrive bigliettini amorosi, si acquistano piccoli regali e fiori per il proprio partner, si organizzano cene a lume di candela facendo in modo che come sottofondo ci sia della musica soft. Ogni giorno dovrebbe essere romantico come San Valentino ma il pi delle volte, nella realt di tutti i giorni fatta di lavoro, impegni e imprevisti, celebrare il proprio amore con frasi romantiche e cene a lume di candela sono impossibili. Per questo la festa di San Valentino celebrata in quasi tutta Europa da milioni dinnamorati che, almeno un giorno lanno, vuole dedicarsi esclusivamente alla loro dolce met. Ma come rendere questa giornata davvero speciale e indimenticabile? Ci

vuole originalit impegno e tanto romanticismo. Se siete persone semplici, non strafate per forza, rispettate la vostra personalit: anche con una romantica cena casalinga potrete fare colpo. Potete cercare di conquistare subito il vostro compagno/a gi dalla mattina portando a letto unottima coccolosa colazione magari una cioccolata calda e biscottini a forma di cuore oppure potete anche preparare pane tostato con cannella e sciroppo dacero, oppure pane e nutella con un buon caff, succo di frutta e una rosa rossa. In particolar modo per questa ricorrenza i dolci permettono di celebrare e di vivere un momento dintimit in modo subliminale: fanno capire al nostro/a partner che ci prendiamo cura di lui. Evitate dunque di acquistare la classica scatola di cioccolatini o di andare dal pasticcere sotto casa ma realizzate qualcosa voi ai fornelli come i biscotti, le mini torte o le crepes.

e men con note afrodisiache per una serata indimenticabile. Anche Lefay Resort dedica una speciale offerta a tutti gli innamorati: un percorso benessere dedicato alla coppia per trascorrere momenti indimenticabili nella romantica atmosfera del lago di Garda coccolati dalle mille attenzioni del team, come per esempio il sensuale Candle massage al cioccolato per due. I sapori e i profumi del cioccolato avvolgeranno il vostro corpo. Il tutto sar seguito da dei momenti di riposo con cioccolata calda e pasticcini. Passerete insieme momenti piacevoli con trattamenti al cioccolato o percorsi termali per le coppie. Se lo preferite e volete stupire alla grande la vostra amata andate a sciare e prenotate una romanticissima camera in un hotel stile baita di montagna con camino e ambienti accoglienti. Potente anche pensare di organizzare un week end lungo in

una romantica citt europea. Quella per eccellenza, ovviamente Parigi ma ha anche Praga ha molto fascino. Considerata la citt dellamore dellest perfetta per stupire la vostra compagna passeggiando lungo il Ponte Carlo o facendo un giro sul battello di notte cos da vedere la citt specchiata sul fiume Moldava. Anche Berlino con la sua famosa Alexanderplatz luogo affascinante per conquistare il cuore della vostra lei. E che dire di qualcosa di pi caliente come Madrid o Barcellona? E, se non sapete cosa fare per cena, se avete solo la serata disponibile, organizzate una cena in un ristornate magari un po particolare. Terminate la serata nel luogo in cui vi siete incontrati la prima volta o dove vi siete dati il primo bacio cos da scambiarvi in questo posto romantico il vostro regalo. Stupite con effetti speciali

mettendovi ai fornelli. Ecco cosa potete preparare: Risotto rosa con pompelmo e gamberoni e Baci di cioccolato. Per rendere ancora pi romantico il dolce avvolgete i baci nella stagnola nascondendo in ciascuno un bigliettino. Prima di cenare rilassatevi preparando una vasca da bagno con acqua calda, bagnoschiuma profumato lanciando sulla schiuma tanti petali rosa. Mettete qualche candela per il bagno accanto a una buona bottiglia di champagne e fragole. San Valentino ha anche un significato religioso. Infatti, questa tradizione stata diffusa dai benedettini, primi custodi della basilica dedicata al Santo In Terni. La citt, infatti, invoca San Valentino come principale patrono. San Valentino, detto anche San Valentino da Terni, fu un vescovo e un martire cristiano che mor proprio il 14 febbraio.

Continui disagi e ritardi sulla linea Mantova-Cremona-Milano. Appello alle istituzioni

Pendolari, sciopero del biglietto


di Laura Bosio

CREMONA

Venerd 10 Febbraio 2012

INQUINAMENTO

ciopero dei biglietti per tutti i viaggiatori della linea Cremona-Mantova. Dopo troppe proteste inascoltate, i pendolari cremonesi hanno detto "basta". La nostra pazienza decisamente esaurita afferma Matteo Casoni, coordinatore del comitato InOrario. Vogliamo protestare contro il completo abbandono a cui sono lasciati i viaggiatori della linea, senza che ve ne siano giuste cause. Per questo abbiamo indetto lo sciopero del biglietto: esso prevede che il viaggiatore sia munito di regolare titolo di viaggio (biglietto/abbonamento) ma che, in caso di controlli, si rifiuti di mostrarlo al personale viaggiante segnalando invece le numerose vicissitudini subite. Una protesta legale, dunque, quella che propongono i pendolari cremonesi. Si potrebbe dire al controllore che c' un momentaneo problema al sistema di controllo delle cerniere della propria borsa/giubbotto che ne impedisce momentaneamente l'apertura; si prevede la riparazione del guasto in 20 minuti; il viaggiatore si scusa per il disagio arrecato al personale viaggiante di TreNord. L'esasperazione dei viaggiatori ha ormai raggiunto livelli di guardia dopo che il maltempo ha creato l'ennesima infinita catena di disagi lungo la Milano-Cremona-Mantova. E passato circa un anno da quando, a fine febbraio 2011, stata fatta lultima riunione pubblica con Comune di Cremona e Amministrazione provinciale in cui venivano denunciate le carenze croniche delle composizioni Vivalto attacca Casoni. Da allora non cambiato nulla. L'appello va agli amministratori locali: al sindaco Oreste Perri, al presidente della Provincia Massimiliano Salini, al Prefetto Tancredi Bruno di Clarafond. Non vi rendete conto della situazione? chiedono i

La clamorosa protesta prevede il rifiuto di mostrare il ticket al controllore segnalando i numerosi disagi subiti

pendolari in una lettera agli amministratori stessi. Non vi interessa nulla dei circa 15mila cittadini che gravitano sulla stazione di Cremona? Bisogna aspettare che lesasperazione porti ad episodi che nessuno si augura, prima di far pressioni su quanti hanno il potere di risolvere la situazione?. Il Comitato accusa le amministrazioni locali di scarsa attenzione. Non si pu alzare la voce per fare in modo che questa situazione venga risolta? Perch il problema non il maltempo, come vorrebbero farci credere. Non senzaltro la neve a far guastare i locomotori, a non far andare il riscaldamento, ecc. I viaggiatori lamentano anche una comunicazione davvero lacunosa, sia tra gli enti di Trenord che nei confronti dei passeggeri. Il 7 febbraio un convoglio rimasto fermo per 2 ore in aperta campagna, dalle parti di Tavazzano, per poi farsi rimorchiare da una motrice e trasbordare su altro treno, impiegando quasi 4 ore per poter arrivare a Milano da Cremona. Intanto insieme ai disservizi si molti-

plicano anche i prezzi dei biglietti, senza che si veda una controparte in qualit. Negli ultimi 3 anni il costo del biglietto quasi raddoppiato mentre il servizio addirittura peggiorato conclude la missiva dei pendolari. Voglio segnalare un episodio che dovrebbe far riflettere sul Dco (dirigente centrale operativo, da cui dipendono tutte le movimentazioni dei convogli, ndr) scrive Diego Mezzadri, pendolare. In data 3 febbraio, quando il treno 2648 giunto a Cremona con 6 carrozze del tipo "Media distanza" (cio con un singolo piano) ma solo 2 aperte e funzionanti. Per di pi alla fermata di Ponte d'Adda il guasto ad una porta ha costretto i malcaptati passeggeri ad una sosta forzata di 45minuti prima che si decidesse a spostarli su un altro treno. Nel frattempo il Pd ha preso in mano la situazione, chiedendo, a livello regionale, un intervento urgente, attraverso una specifica mozione. A nome di tutti i pendolari cremonesi chiedo allassessore Cattaneo di venire in commissione

territorio a riferire in merito ai pesanti disagi che gli utenti della tratta MilanoCremona-Mantova hanno dovuto subire in questi giorni chiede il consigliere regionale Agostino Alloni nellinterrogazione. Il maltempo non pu giustificare lassoluta inadeguatezza del servizio ferroviario lombardo, gi solitamente al di sotto degli standard. Nel documento lesponente del Pd punta il dito contro Trenord rea di essersi attivata in netto ritardo, solo il 6 febbraio, per far fronte alla gelata distribuendo liquido antighiaccio sui treni regionali. Ma ormai un terzo delle soppressioni si era gi verificato. Nelle altre regioni gli errori di gestione sono stati riconosciuti. Qui cosa si aspetta? Cosa si deciso durante il vertice convocato il 6 febbraio tra Trenord, i gestori della rete (Rfi e Ferrovie Nord) Protezione Civile e Regione?. Proprio su questi quesiti viene interrogato Cattaneo: Innanzitutto vorremo avere un quadro generale delle soppressioni e dei ritardi registrati su tutte le linee lombarde. Ma soprattutto vogliamo conoscere i provvedimenti che Trenord intende mettere in campo per ridurre al minimo i disagi e andare incontro agli utenti ad esempio garantendo a tutti i pendolari lombardi labbonamento gratuito per il mese di marzo o in subordine riconoscere agli stessi un bonus straordinario. A tirare le orecchie agli amministratori locali pensa anche il Pd cremonese. Dopo la prima settimana di disagi, ritardi e soppressioni di treni, avevamo sollecitato il sindaco ad intervenire afferma Alessia Manfredini. A distanza di giorni, nessuna iniziativa stata presa. Evidentemente il sindaco ha delle difficolt reali ad interloquire con il presidente Salini o con l'assessore Rossoni. Perri dovrebbe farsi direttamente carico dei problemi dei pendolari cremonesi, che non sono cittadini di serie B, contattando urgentemente con la struttura regionale di Trenord.

Lo smog sta registrando valori elevatissimi in questi giorni, fino a superare di oltre il doppio quello che il limite stabilito di 50 microgrammi per metro cubo. Preoccupa molto il numero di superamenti della soglia di attenzione dall'inizio dell'anno: sono ben 32 i giorni di superamento, come evidenzia il monitoraggio delle centraline della citt. Una situazione che si trascina da diversi mesi, e che sembra non arrestarsi. Intanto piovono le critiche rispetto al provvedimento firmato dal Comune di Cremona nei giorni scorsi. Per limitare l'inquinamento infatti, tra le altre cose sono previsti blocchi del traffico parziali dopo 12 giorni consecutivi di superamento del limite (tenendo presente il valore medio rilevato dalle centraline di Cremona) e blocchi totali dopo i 18 giorni di superamento. E' un periodo troppo lungo afferma Maura Ruggeri, capogruppo del Pd in consiglio comunale. In questo modo il provvedimento si candida a diventare inefficace. In effetti sufficiente che il limite rientri nei ranghi per un solo giorno a interrompere il conteggio. Ricordiamo inoltre che questo provvedimento arrivato fortemente in ritardo, dopo che il problema smog si trascinava da mesi, quando invece in altre citt ci si era organizzati con un certo anticipo. Tuttavia, anche se, come ha sempre affermato l'assessore Bordi, provvedimenti di questo tipo non sono efficaci, essi non possono essere presi sotto gamba: vanno costantemente monitorati, proprio perch devono essere migliorati. Secondo Ruggeri, per, tutto questo non basta. Servono anche provvedimenti pi strutturali, come ha pi volte ripetuto l'amministrazione comunale. Peccato che ancora non si sia visto nulla. A livello regionale manca una politica ambientale unitaria, ma anche a livello locale non si sta facendo niente. E' necessario mettere in atto un piano della mobilit che punti ad allontanare il traffico dal centro e stimoli l'utilizzo dei mezzi pubblici. Servono zone pedonali e a traffico limitato. Il Comune ha comprato il parcheggio Massarotti con soldi pubblici, ora mi piacerebbe sapere cosa ne vuole fare. Non so quanto servir a liberare strisce blu in centro. Anche sul tema permessi si fermi da mesi, e ancora non noto quale sar il nuovo regime per il rilascio. Intanto i cremonesi continuano a respirare veleno senza che nessuno faccia niente.

Polveri sottili, superati ancora i valori consentiti

Cremona

freddo da record
dovremo abituarci a questi sbalzi
nondata di maltempo eccezionale: qualcuno ricorda il 1985, altri risalgono al 1956. Certo che il Paese andato in grave difficolt, e, a quanto pare, non ancora finita. certo, peraltro, che dovremo abituarci sempre di pi a queste ondate di gelo, cos come i lunghi periodi di siccit o a estati prolungate. Il clima sta cambiando: ormai una certezza per tutto il mondo scientifico, mentre ci sono ancora incertezze e perplessit sulle cause. Ne abbiamo parlato con Massimo Mazzoleni, meteorologo del Centro meteo lombardo. I media dicono che stiamo andando verso il surriscaldamento del pianeta, ma in realt quello che accade semplicemente un'estremizzazione del clima: da una parte ondate di caldo afoso in estate, come accaduto nel 2003, oppure lunghe estati che durano anche nei mesi autunnali, come quella del 2011 spiega Mazzoleni. Dall'altra parte vediamo temperature minime di particolare rilievo nei mesi invernali, come accadde nel dicembre 2004 o in quello del 2010, o ancora in questi giorni, in cui si sono superati i -10 gradi. Quest'ultima ondata di freddo si pu tranquillamente

Intervista a Massimo Mazzoleni, meteorologo del Centro meteo lombardo

E in corso unestremizzazione del clima, le attivit umane influiscono molto sui cambiamenti climatici
di Laura Bosio annoverare tra le pi imponenti dell'ultimo secolo, paragonabile a quelle storiche degli inverni del 1929, del 1956 e del 1985. Ad esempio, anche il 1956 fu caratterizzato da un febbraio piuttosto rigido, come sta accadendo oggi. In effetti una delle particolarit di questa ondata fredda proprio il periodo: che si presenti in gennaio pu essere considerato normale, mentre un'ondata fredda di questo tipo in febbraio gi pi anomala. La grande nevicata del 1985, ad esempio, si era verificata in gennaio. Da cosa dipende questo freddo improvviso? Da un'anomala configurazione meteorologica. Abbiamo visto infatti, prima di febbraio, un inverno piuttosto mite e caratterizzato da lunghi periodi di alta pressione, accompagnati da un clima decisamente tiepido. Nella nostra pianura questo stato mascherato dalle lunghe nebbie, che hanno prodotto un falso inverno, con percezioni delle condizioni climatiche diverse dalla realt. Situazione che invece non si verificata oltralpe, dove si visto

un inverno piuttosto sereno fino a dicembre-inizi gennaio, con temperature sempre sopra la media. Successivamente, i venti sono mutati e abbiamo visto un ritorno di correnti da est, cosa peraltro piuttosto eccezionale in meteorologia (di solito il flusso prevalente spinge le masse d'aria da ovest verso est). Questo ha permesso l'avanzata, fino in Italia, dell'anticiclone russo: i blocchi di atmosfera che per settimane sono rimasti confinati sopra le distese siberiane innevate, e che quindi ne hanno pian piano acquistato le propriet fisiche divenendo incredibilmente freddi, hanno difatti approfittato della decisa inversione della normale circolazione atmosferica sul nostro continente per farsi strada fino da noi. C' un comune denominatore per tutte le stranezze del clima degli ultimi anni? Non esistono certezze in merito, ma molti scienziati parlano di effetto antropico: sembra che le attivit umane, sempre pi invasive, influiscano pesantemente sui cambiamenti climatici. Dunque pur non essendoci una certezza delle cause, sembra davvero che il principale imputato possa essere il gas serra.

La pi imponente ondata di freddo dellultimo secolo

Cosa ci dobbiamo aspettare, allora? Un clima sempre pi estremo sar quello a cui andremo incontro nel futuro. Cos a fasi molto secche potranno seguire lunghi periodi piovosi. Oppure a estati particolarmente lunghe e calde potranno seguire inverni decisamente rigidi. O ancora a estati miti potranno seguire ondate di caldo fuori stagione Ad esempio quest'anno

abbiamo visto una grande scarsit di precipitazioni, a cui potrebbero seguire periodi di piogge. Questi passaggi da estremi caldi a estremi freddi saranno sempre pi frequenti, e dipendono dal fatto che la terra deve compensare la maggior quantit di energia accumulata durante l'innalzamento delle temperature. E' allora vero il detto che piace molto ai nostri anziani: "non ci sono pi le mezze stagioni"? Purtroppo s: ormai venuto meno il dolce e graduale passaggio dall'inverno alla primavera. Le

Venerd 10 Febbraio 2012

fasi di transizione diventano sempre pi brevi. Dovremo abituarci a un clima di questo tipo, cos come alle improvvise alternanze tra freddo e caldo o tra secco e piovoso. Quali sono le previsioni per i prossimi giorni? Non ancora ben chiaro quello che accadr nel fine settimana. Si parla comunque di nuove ondate di neve, anche se pi probabile che si sfoghi al sud. In ogni caso, il freddo continuer a permanere su tutta la penisola ancora per diversi giorni, e forse inizier a risolversi con la prossima settimana.

i miei tempi l'inverno era freddo ma non si facevano tutte queste storie. Gli anziani cremonesi, forti della loro lunga esperienza, scuotono la testa nei confronti delleccessivo allarmismo che circola, rispetto al meteo. Li abbiamo incontrati nei bar e nei circoli in cui si ritrovano in queste fredde giornate, per ascoltare le loro storie, i ricordi delle grandi nevicate di quando erano bambini, dei grandi freddi da cui non v'era riparo. La nevicata del 1956? La ricordo benissimo! racconta Enzo Bianchini, 78 anni. All'epoca avevo vent'anni e lavoravo come operaio in un pastificio. Ricordo che andavo al lavoro con il cappotto rivoltato di mio fratello e faceva freddissimo. Il termometro segnava anche -15 gradi e in fabbrica non c'era il riscaldamento. Ricordo anche che non smetteva pi di nevicare e i piedi affondavano nella neve e si restava tutto il giorno con i calzini bagnati. Eppure non ci siamo mai lamentati, mentre oggi i giovani hanno le auto, il riscaldamento e vestiti caldi, eppure si lamentano in continuazione. C' troppa abitudine al benessere, nessuno pi in grado di

Quante storie per un po di freddo!


Gli inverni eccezionali del passato nel ricordo dei pi anziani. Ai nostri tempi
Noi non avevamo auto n giacche imbottite n il riscaldamento
sopportare le intemperie. Le storie dei nostri vecchi aprono confronti con ci che accade oggi. Ho sentito che delle scuole hanno chiuso per la neve, e credo sia una cosa davvero assurda racconta Enrica, 68 anni. Da bambina non c'erano nevicate, alluvioni o ghiaccio che portassero alla chiusura degli istituti. A scuola si andava con il bello e con il cattivo tempo e guai a chi non si presentava accampando la scusa del maltempo. Ora invece chiudono per 10 centimetri di neve. Ai miei tempi avere 50/60 cm di neve per strada era normale, in inverno aggiunge Sandro Montini, 72 anni. Sono sempre andato a scuola da solo, a piedi, con cartella a tracolla e calzoni corti. Anzi, per noi bambini era una bellissima avventura, la neve. Oggi invece sembra si vogliano tenere i bambini in una campana di vetro. I pi anziani sono perplessi per il panico che si crea di fronte a eventi meteorologici piuttosto normali. Negli anni 40 capitavano nevicate con 50-60 centimetri di neve, e per pulire c'erano solo spazzaneve trainati dai cavalli. E tanto lavoro di braccia per spalare le strade dice Egi-

La nevicata del '56

dio Corsini, 77 anni. Oggi le vie sono pulite, i marciapiedi pure, ci sono auto riscaldate, case caldissime, eppure c' chi si lamenta. Ai miei tempi non so cosa avrei dato per avere un piumino come quello che indosso ora. Invece allora ci dovevamo accontentare di un palt ormai liso dal troppo uso. Eppure siamo arrivati alla soglia degli 80 anni in piena salute. I nostri giovani invece cresceranno con mille problemi perch non hanno modo di "temprarsi" come abbiamo fatto noi.

Per le donne, specialmente per coloro che abitavano in campagna, un tempo la vita era particolarmente difficile. Quando le temperature scendevano molto sotto lo zero inevitabilmente le tubature gelavano, e la neve diventava una vera benedizione: la si raccoglieva in una pentola e la si metteva sulla stufa, facendola sciogliere e scaldandola. Quella era l'acqua con cui potevamo lavarci, oppure farci da mangiare. Per lavare i panni si andava alle rogge e spesso si doveva rompere il ghiaccio. Si portavano i panni nel mastello e si tornava con le mani rosse a causa dell'acqua gelida. Cosa vuole che sia un po' di freddo? ridacchia Celestina, 82 anni. Non sar certo una temperatura sotto lo zero a impedirmi di uscire a di trovarmi al bar con le mie amiche a bere il t. Con il mio bastone arrivo ovunque e non ho certo paura di fare due passi a piedi. Mi piace la neve racconta Giovanna Zanetti, 85 anni. Mi ricorda di quando ero bambina, dei pupazzi di neve sul marciapiede, del freddo che pungeva ma che ti faceva sentire viva. Ai miei tempi con poco ci divertivamo, anche solo con una nevicata. E andare al lavoro era pi leggero se si camminava in mezzo ai cumuli nevosi: metteva allegria. Oggi i giovani non sanno pi divertirsi senza le comodit.

In prima linea contro il gelo le aziende agricole cremonesi. In questi giorni infatti, spiega la Coldiretti Lombardia, le aziende agricole stanno combattendo contro il gelo che blocca le tubature dellacqua e rende inutilizzabili gli abbeveratoi, mentre stalattiti di ghiaccio scendono

Le aziende agricole cremonesi alle prese con le gelate


dai bordi delle tettoie e i vitellini pi piccoli vengono protetti con paglia asciutta e lampade a luce tiepida. Intanto negli allevamenti al chiuso le caldaie restano accese a ciclo continuo per fermare lassalto del gelo siberiano continua Coldiretti. Da anni non affrontavamo un freddo simile spiega Anna Magnani, che a Pizzighettone segue un allevamento con 300 mucche. Le bacinelle dove gli animali bevono gelano in continuazione. Bisogna essere sempre pronti a sgelare le condutture. Proteggiamo i vitellini in tutti i modi: abbiamo preparato delle cuccette con paglia asciutta, abbiamo le lampade che danno calore e le cuccette sono il pi possibile ovattate, protette, per garantire che i piccoli non soffrano troppo il freddo. Al mattino i trattori faticano a partire aggiunge il figlio Gianluca. In sala mungitura, per ga-

rantire una temperatura accettabile per le vacche, abbiamo dei soffioni che sparano il caldo. Tutti i costi, naturalmente, aumentano: gli impianti di riscaldamento che vanno a pieno regime, il costo del carburante, i trattori lasciati accesi pi a lungo per scaldarli.

Venerd 10 Febbraio 2012

Cremona

Tanti i giovanissimi che usano internet


L'eccessivo utilizzo, o meglio labuso, del computer e di internet pu diventare una vera e propria patologia, quando scivola nella dipendenza. Sono sempre pi numerosi, infatti, i casi di giovanissimi trascorrono ore ed ore davanti ad un pc o ad uno smatphone. Da una ricerca fatta da AemCom nella realt cremonese, emerge unelevatissima diffusione della rete nella nostra citt (97,2 %), che supera di gran lunga (+ 35,2%) la media italiana ed europea (+24,2%), collocando Cremona al pari dei Paesi del Nord Europa (Olanda, Lussemburgo, Svezia e Danimarca). Proprio per questo motivo risulta particolarmente importante analizzare la situazione locale. A questo proposito preoccupa un dato: le famiglie con figli in et scolare (tra i 9 e gli 11 anni) che possiedono un computer e che si connettono a Internet da casa sono molte di pi rispetto alla media italiana. In Italia, infatti, le famiglie con un minorenne che possiedono un computer sono l84,4%: a Cremona superano il 98%. Di queste ben il 97,2% hanno una connessione a Internet, mentre la media italiana del 78,9%. I ricercatori sono invece perplessi rispetto al dato sui social network: dall'indagine, infatti, emerge che poco pi del 13% dei ragazzi cremonesi, secondo i loro genitori, sono iscritti a un social network, primo fra tutti facebook. E un dato su cui riflettere perch inferiore sia alla media europea che a quella italiana. Di

Le insidie della rete - Ricerca di Aemcom

inFluenza: siamo al picco


Il freddo ha contribuito alla diffusione della patologia. I primi a esserne colpiti sono i bambini

fronte a un tale quadro si pone in modo preponderante la seguente questione: effettivamente i ragazzi cremonesi tra i 9 e gli 11 anni usano poco i social network rispetto ai loro coetanei oppure sono i loro genitori a ignorare che i figli abbiano un account su facebook? si chiedono i ricercatori. La questione appare tanto pi preoccupante se si tiene conto di un altro aspetto: in particolare proprio in Italia (e in Portogallo) si registrano livelli maggiori di sottovalutazione e inconsapevolezza dei genitori. E in questottica che vanno valutati anche altri dati della ricerca che si discostano molto dalle medie italiane ed europee come la frequenza di utilizzo di Internet da parte dei bambini cremonesi (solo il 20% dei bambini, secondo i loro genitori, naviga tutti i giorni), il numero di ore trascorse in Internet (nel 70% delle famiglie cremonesi i bambini passano al computer meno di unora), le esperienze negative vissute online. I ricercatori si sono chiesti quanti giovani internauti cremonesi sono caduti nelle trappole della rete. Il 30% dei genitori cremonesi ha affermato che il proprio figlio nellultimo anno ha avuto brutte esperienze navigando. La pi frequente quella del computer infettato da un virus (20,64%). Ma c' anche una percentuale di bambini che si imbattuto in materiale inappropriato. Pochissimi, per fortuna, quelli che sono stati avvicinati in chat da malintenzionati.

intere famiglie a letto


Giovanni Fasani (pediatra): Le complicanze sono scarse anche se la febbre pi alta
di Giulia Sapelli

l grande freddo di questi giorni ha coinciso con il picco dell'epidemia influenzale, e il risultato sono centinaia di persone a letto. I primi ad essere colpiti dai sintomi influenzali sono i bambini. Lo dimostra il fatto che, in questi giorni, le classi di scuole materne ed elementari sono svuotate. Ma le assenze sono molte anche nelle scuole di grado superiore. In effetti in queste ultime due settimane abbiamo assistito a una particolare recrudescenza del fenomeno influenzale spiega Giovanni Fasani, pediatra cremonese. Il picco addirittura superiore a quello dello scorso anno, ma fortunatamente le complicanze sono piuttosto scarse: in questo senso abbiamo notato solo qualche problema di tipo broncopolmonare. Cremona segue la media nazionale e regionale, rispetto all'incidenza della patologia. Si tratta di un virus che ogni anno mette a letto molte persone. Quest'anno caratterizzato da una febbre pi elevata del solito, soprattutto nella fase iniziale spiega il pediatra. Intanto i medici raccomandano di fare attenzione al freddo, che rappresenta un coadiuvante nell'incedere delle malattie da raffreddamento. A finire a letto, in questi giorni, sono intere famiglie. Quando vado a visitare i bambini

a domicilio, quasi sempre ci sono almeno altri due membri della famiglia a letto malati spiega ancora Fasani. I sintomi a cui fare attenzione sono quelli pi classici della sindrome influenzale: febbre (generalmente accompagnata da brividi), mal di testa, malessere generale, astenia (mancanza di appetito), dolori muscolari e osteoarticolari, sintomi respiratori (tosse, mal di gola, congestione nasale), congiuntivite. Nei bambini, soprattutto i pi piccoli, si possono manifestare anche sintomi a carico dell'apparato gastro-intestinale (nausea, vomito, diarrea) sottolinea Fasani. L'influenza si trasmette per via aerea, attraverso le goccioline di saliva emesse con la tosse, lo starnuto o anche semplicemente

parlando. Il periodo di contagiosit comincia un po' prima che si manifestino i primi sintomi (malessere etc.) e si prolunga per 3-5 giorni. Normalmente il periodo di contagiosit un po' pi lungo nei bambini che negli adulti. Il periodo di incubazione invece molto breve, da 1 a 4 giorni. Il virus dell'influenza, che resiste molto bene nell'ambiente esterno in situazioni di bassa temperatura e umidit, si diffonde facilmente negli ambienti affollati, che sarebbero da evitare per chi di salute cagionevole. Chi riscontra i sintomi influenzali opportuno si rivolga al proprio medico curante. In caso di influenza, pu essere messa in atto una terapia sintomatica, con farmaci antipiretici (che abbassa-

no la febbre), analgesici (che agiscono sul senso di malessere, sulla cefalea e sui dolori articolari e muscolari) e antinfiammatori. Il trattamento sintomatico e il riposo (per almeno 24-48 ore dopo la scomparsa della febbre) sono sufficienti nella maggior parte dei casi di influenza non complicata. Invece in presenza di complicanze (polmonari o di altro tipo) va naturalmente prescritta e somministrata una terapia specifica sotto controllo medico. Attenzione invece agli antibiotici: essi sono infatti attivi solo contro le infezioni batteriche e quindi contro l'influenza, patologia di origine virale, non hanno alcun effetto. Costituiscono comunque un presidio molto importante in caso di complicanze batteriche, che possono verificarsi nel corso della malattia, soprattutto in soggetti predisposti, a causa di fattori di rischio o di malattie concomitanti. L'utilizzo tuttavia deve essere sempre seguito attentamente dal medico. I medici consigliano alcuni semplici gesti per evitare il contagio. Fondamentale sempre il lavaggio delle mani il pi spesso possibile. Si raccomandano inoltre le norme di buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti e lavarsi le mani). Infine si raccomanda l'isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili, specie in fase iniziale.

Cremona

Venerd 10 Febbraio 2012

Sullarticolo 18 un dibattito di retroguardia


E meglio riflettere bene prima di buttare a mare decenni di evoluzione. Oggi stiamo perdendo di vista gli obiettivi per il futuro Maurizio Del Conte, giuslavorista: il punto vero la flessibilit organizzativa in azienda e dare pi valore al lavoro
are che attorno alla legislazione sul lavoro si stiano giocando molte delle poste su cui ha puntato il governo Monti. Lassunto, secondo il premier, che una maggior flessibilit nel mercato del lavoro possa dare fiato alle imprese ed alle loro strategie occupazionali, ancora oggi troppo imbrigliate da una normativa ipergarantista verso coloro che hanno un contratto a tempo indeterminato. Il totem e il tab larticolo 18 dello Statuto dei lavoratori, la legge 300 del 1970, che sancisce il divieto di licenziamento senza giusta causa. Se ne parla da molti anni: nel marzo del 2002, la Cgil port in piazza a Roma tre milioni di lavoratori, per contrastare lipotesi di revisione dellarticolo 18. Da allora, e non solo da destra, si insiste sulla necessit, se non dellabolizione, della revisione. I tempi sono cambiati in profondit: precariato, lavori atipici, crisi, disoccupazione. Ma i sindacati resistono e rilanciano: come si fa a contrastare la recessione, se si pensa a licenziare di pi, e non a creare crescita, occupazione, sviluppo? Nel dibattito ampio e articolato, in cui non mancano punte di asprezza, con la ministra Elsa Fornero in prima linea, si inserita la battuta del premier Monti sulla noia del posto fisso. Abbiamo chiesto un parere a Maurizio Del Conte, docente di diritto del lavoro e relazioni industriali alluniversit Bocconi di Milano.

di Daniele Tamburini e Laura Bosio

questione in gioco. Esso ha il solo scopo di prevedere la sanzione nei casi di licenziamenti illegittimi. Il discorso della giusta causa invece normato da una legge del 1966 (legge 604 del 1966, che definisce il concetto di giusta causa e giustificato motivo, ndr). Dunque quello in atto un dibattito sbagliato anche nella sostanza. Un dibattito di retroguardia, che non produce un ammodernamento del mercato del lavoro, ma anzi, comporta un arretramento. Il punto , ancora oggi, larticolo 18, che a nostro parere forse riveste un aspetto molto simbolico, oltre che sostanziale. Ci potrebbe presentare, brevemente, i diversi punti di vista? In effetti vero che larticolo 18 ha un valore simbolico, che poi quello che si sta cercando di abbattere: si pensa che eliminando tale prescrizione si possa ottenere quella spinta verso la crescita che oggi manca. A questo proposito mi limito a ricordare che la Carta sociale europea, il documento pi significativo in materia, stabilisce che il lavoratore ha diritto alla tutela contro il licenziamento illegittimo. Dunque anche in Europa il problema della giusta causa esiste, e non certo qualcosa che si possa cancellare con un colpo di penna. Nessuna legislazione nazionale degli stati membri dellUnione europea che privasse il lavoratore della possibilit di far valere lingiustificatezza del licenziamento sarebbe conforme ai principi del diritto europeo. Credo che sia molto pi interessante

il professor Maurizio Del Conte

Nessuno garantisce il posto fisso, ma esso resta un obiettivo di tendenza per tutti. Se tale obiettivo viene eliminato si fisiologizza lidea della precariet

In Italia invece ci si incastra in discussioni senza capo n coda sulla flessibilit in uscita. Dico che non esiste unimpresa che investe sul proprio futuro che si ponga il problema di come licenziare. Tuttaltro: limperativo dare pi valore al lavoro dei propri dipendenti. La riduzione del costo del lavoro una volont propria di imprese che non credono nel proprio futuro e nella propria competitivit. Aziende che sono destinate a incontrare una sorte nefasta nel medio periodo. Se esiste un problema di attrattivit del nostro paese rispetto alle regole sui licenziamenti, non riguarda certo larticolo 18, ma piuttosto la scarsa chiarezza delle regole: abbiamo una nozione di giustificato motivo talmente ampia che difficile dare delle risposte in termini di certezza,

ad esempio, costretta a farlo per motivi economici o perch deve ristrutturarsi e modificare le proprie linee produttive. In molti si chiedono: ma perch, in presenza di cassa integrazione, disoccupazione, precariato, sarebbe necessario abbattere ulteriori garanzie? Come fa un licenziato, magari di mezza et, a ritrovare lavoro? Per un certo periodo di tempo alcuni economisti hanno sostenuto che la rigidit in uscita costituirebbe un freno alle assunzioni, e quindi comporterebbe un calo delloccupazione. Tuttavia tali teorie non hanno ottenuto riscontri nelle ricerche fatte dagli stessi economisti. Riducendo le protezioni in entrata, in realt, aumenta il turnover e quindi anche le fasi di intermedia disoccupazione. C poi il tema degli ammortizzatori sociali, i quali per devono essere legati a un percorso di rioccupazione, che attualmente nel nostro paese manca. Bisogna mettere in campo percorsi di riqualifica professionale da abbinare al meccanismo degli ammortizzatori sociali per chi resta senza lavoro. Si tratta di una riforma strutturale, di vasto respiro e lungo periodo, che potrebbe portare a risultati importanti. Purtroppo invece lattuale dibattito mediatico provoca risposte che cercano una soluzione immediata da un lato, e dallaltro unopposizione a prescindere. Lei cosa pensa della flessibilit tout court, che parrebbe caldeggiata anche dal premier Monti nella sua ormai celebre battuta sulla noia del posto fisso? I giovani dicono: parlatene alle banche, per i mutui, o agli asili, per i posti dei figli Secondo me si fatta confusione tra la legittima rivendicazione del lavoratore di poter crescere professionalmente, cambiando diverse posizioni nella propria carriera lavorativa, con il problema del lavoratore che non sceglie ma subisce la perdita del posto di lavoro. Sono due cose completamente diverse: in entrambi i

Professor Del Conte, perch il nodo della normativa che regola il lavoro a tempo indeterminato diventata, oggi, cos importante? Questo dibattito, in realt, eccede la sostanza del problema, nel senso che larticolo 18, come dimostrano i dati sulla scarsa incidenza della reintegrazione sulle cause di licenziamento, non la vera

10 febbraio, il Giorno del ricordo. Uno spettacolo per le scuole: Voci dal buio
Venerd 10 febbraio si celebra il Giorno del ricordo: istituito con la legge n. 92 del 2004, al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della pi complessa vicenda del confine orientale. Nella giornata sono previste iniziative per diffondere la conoscenza dei tragici eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado. altres favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende. Tali iniziative sono, inoltre, volte a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario e artistico degli italiani dell'Istria, di Fiume e delle coste dalmate, in particolare ponendo in rilievo il contributo degli stessi, negli anni trascorsi e negli anni presenti, allo sviluppo sociale e culturale del territorio della costa nord-orientale adriatica ed altres a preservare le tradizioni delle comunit istriano-dalmate residenti nel territorio nazionale e all'estero . Cos la legge: e il Comune di Cremona organizza una interessante iniziativa. Promosso dall'Assessorato alle Politiche Educative e Giovanili, va in scena al Teatro Monteverdi la pice Voci dal buio (di Federico Benna), con la quale saranno ricordati gli esuli istriani, fiumani e dalmati che dovettero abbandonare le proprie terre nel secondo dopoguerra. Lo spettacolo si terr alle 10 per le scuole cittadine, con ingresso gratuito e su prenotazione. L'opera racconta le vicende di due medici inviati dalla polizia a fare un sopralluogo in una foiba, quando improvvisamente davanti a loro si presenta un inquietante susseguirsi di cadaveri ammassati, irriconoscibili per la decomposizione, e legati fra loro con fil di ferro: sono gli infoibati. Ma quelli non

In memoria delle vittime delle foibe e dellesodo giuliano-dalmata


sono solo corpi: sono storie di vita, sono persone, vittime innocenti; una carneficina che ha coinvolto, al termine della Seconda Guerra Mondiale, migliaia di istriani e triestini, italiani ma anche slavi, colpevoli di opporsi allespansionismo comunista slavo propugnato da Tito. Lo spettatore viene quindi condotto in una sorta di Antologia di Spoon River dove ogni epitaffio , per, un atroce ricordo di dolore, sofferenza, ingiustizia; un grido postumo che dal profondo della terra chiede giustizia e chiede di non dimenticare. Anche quest'anno dichiara l'assessore alle Politiche Educative Jane Alquati per celebrare queste due importanti ricorrenze, quella del 27 gennaio e del 10 febbraio, protagonista una compagnia di giovani. E' importante sottolineare che le scuole hanno accolto di buon grado il coinvolgimento: la partecipazione di giovani e giovanissimi,

discutere della flessibilit organizzativa, ossia la necessit di garantire un posto di lavoro a tempo indeterminato, facendo per in modo che sia pi agevole lo spostamento dei lavoratori da una mansione allaltra o da un luogo allaltro allinterno della stessa azienda. Attualmente vi sono troppi blocchi burocratici e procedurali che non lo permettono.

dal punto di vista giuridico. E questo quello che potrebbe bloccare gli investitori stranieri nellaccostarsi al nostro paese. Dunque, premesso che non si pu rimuovere lobbligo di giustificare il licenziamento, si dovrebbe specificare e circoscrivere tutti quei casi in qui il licenziamento effettivamente illegittimo, e quali sono invece i casi in cui esso legittimo; quando,

casi c una discontinuit ma nel primo caso voluta, programmata e prevede la sicurezza di unaltra prospettiva occupazionale; diverso invece trovarsi licenziato perch qualcuno mi dice che altrimenti mi annoio. Mi pare che vi sia uninvasione di campo nella legittima aspettativa di organizzare la propria carriera. Del resto vero che nessuno garantisce il posto fisso, ma esso resta un obiettivo di tendenza per tutti. Se tale obiettivo viene eliminato si fisiologizza lidea della precariet. Questo non negativo solo per la disoccupazione che ne consegue, ma lo anche per lo sviluppo del percorso professionale del lavoratore. Se larco di vita lavorativa continuamente caratterizzato da interruzioni non volute, viene meno levoluzione del lavoratore stesso, finch il capitale umano non ne viene impoverito. Se il percorso di crescita professionale pu venire interrotto in qualsiasi momento, si finisce per frustrare ogni ipotesi di miglioramento. Questa non certo una manovra lungimirante per leconomia del paese. Non solo per una questione etica, ma perch di fatto in tutte le societ evolute, compresi gli Usa, dove c molta pi libert nei licenziamenti, il posto fisso rappresenta lobiettivo di tendenza di cui parlavo prima. Tutto ci non si risolve certo con il contratto unico, che stato ipotizzato al posto dellarticolo 18: i lavoratori dovranno essere assunti a tempo indeterminato, ma saranno licenziabili senza giusta causa o giustificato motivo e, in tal caso, avranno diritto a un semplice indennizzo. Si amplier il divario tra chi protetto, gli insiders, e chi non ha alcuna tutela, gli outsiders. Pensiamo a questo: nel corso degli anni la legislazione che ha normato il rapporto contrattuale di lavoro, in cui la merce una dimensione fondamentale della persona, si evoluta creando un meccanismo di protezione del posto di lavoro che risulta vantaggioso per la societ nel suo complesso. Tutto ci d, infatti, una prospettiva di relativa stabilit economica, risultato di decenni di affinamento in cui si capito che il lavoro dellimpresa funziona in presenza di tale stabilit. Dunque meglio riflettere bene prima di buttare a mare questi decenni di evoluzione. Se ci facciamo spaventare da una crisi economica e pensiamo che ad essa debba corrispondere lo smantellamento di certezze come quella del lavoro stabile, la nostra una reazione miope a un problema che ci porteremo poi dietro per decenni. Oggi si vive sul dato giornaliero dello spread, perdendo di vista gli obiettivi per il futuro. Non possiamo pensare solo a ci che accade domani, dobbiamo ragionare anche sulle prospettive che avremo di qui a 10 o 20 anni, specialmente per quanto riguarda il futuro dei giovani.

I luoghi delle Foibe

infatti, fondamentale perch la memoria non si perda e perch non si ripetano in futuro tragedie del passato, di qualunque natura o colore esse siano.

Venerd 10 Febbraio 2012

Cremona

Titta Magnoli, segretario provinciale Pd: Soffriamo di autocompiacimento, non c orgoglio, non si difende il territorio, non si lotta

La classe dirigente cremonese non adeguata


Abbiamo una realt che sta subendo colpi pesanti gi oggi e che rischia di non reagire per eccesso di tranquillit
di Daniele Tamburini fatto. Ma ci non toglie che se non posso nulla contro la tempesta, almeno apro lombrello e mi metto al riparo. E questo che si sta iniziando a fare con il Governo Monti. E questo che si dovrebbe fare anche a Cremona. Noi abbiamo una realt che sta subendo colpi pesanti gi oggi e che rischia di non reagire per eccesso di tranquillit. Di autocompiacimento. Se una nave affonda preferisco chi ordinatamente va verso le scialuppe e cerca di salvarsi a chi dice sar un falso allarme e prende un tranquillante per dormire meglio. Cosa si pu fare a Cremona? Moltissimo. Innanzitutto capire che la crisi si supera insieme, e non andando sparsi come galline spaventate. Ad un certo punto lei dice: il problema non , o non pi, la frattura fra capitale e lavoro, ma tra lavoratore italiano e lavoratore cinese, tra imprenditore italiano e imprenditore cinese. C sicuramente una grossa questione legata alla competitivit, ma, in questo quadro, come si inseriscono i diritti? Il riferimento anche, ma non solo, allarticolo 18 La crisi ci costringe a rivedere il nostro rapporto con i diritti. Ovviamente parliamo di valori che non vanno negoziati, che devono essere difesi. Ma con intelligenza. I diritti di un lavoratore sono sacri finch questo pu dirsi tale. Se non lavora pi, se la sua azienda ha chiuso perch incapace di competere, ha perso tutti quei diritti in un colpo solo. Da qui la mia insistenza: in questa crisi datore e lavoratore sono sulla stessa barca e possono salvarsi solo insieme. Guardi, larticolo 18 lultimo dei problemi e parlare di quello distogliere lattenzione dai temi veri. Lo sanno bene anche i sindacati. Ma la battaglia ormai simbolica. Noi competiamo in modo asimmetrico con chi non ha alcun tipo di freno. Ed ovvio che dobbiamo mettere sul piatto della bilancia le due cose, competitivit e diritti, e capire fino a che punto siamo disponibili a mediare. Veniamo al nostro territorio. Il suo giudizio sembra senza appello. Arretratezza, vuoto cosmico di idee e contenuti (la sto citando), e un giudizio sulla classe dirigente, complessivamente intesa, di questo genere: Io penso che la classe dirigente del territorio oggi sia inadeguata ad affrontare la sfida. E lo dico senza pietismo e finzioni. Sarebbe comodo autoassolversi, tanto siamo tutti sulla stessa barca. Valutazioni cos nette presuppongono laver ripensato anche le radici e la storia di questo malessere. Ce ne vuol parlare? Guardi che la mia relazione costruttiva, non senza appello. E un richiamo che faccio a me per primo, sottoponendomi ai brontolii di molti. Non pensi che non mi fischino le orecchie. Dico che la classe dirigente non adeguata perch non ha orgoglio, non difende il territorio, non lotta. Pensi a cosa subisce ogni giorno un pendolare della nostra provincia. Non abbastanza perch tutto il sistema cremonese si incateni sotto il Pirellone. O i pendolari sono cittadini di serie B? Ecco, io non vedo questo orgoglio nella reazione. Anzi, noto talora un certo fastidio se si fanno notare alcune cose. I pendolari? Seccatori. Lopposizione? Abbaia. I cassintegrati Tamoil? Cosa vogliono di pi. Andando avanti cos il territorio morir davvero. Il dibattito pubblico, invece, si concentra sul canile, su un sito internet di informazione che apre, sul tendone per il capodanno in piazza. Ma se fai notare che cos non va, ti guardano infastiditi.

a relazione che Titta Magnoli ha svolto allassemblea provinciale del Pd di Cremona, di cui segretario, contiene valutazioni di grande durezza e un giudizio, articolato ma per molti versi impietoso, sulla situazione del Paese, ma anche, e soprattutto, del nostro territorio. Salta gli occhi una frase: Io credo che la nostra classe dirigente non sia adeguata, non tanto nelle singole intelligenze, ma per lincapacit di orgoglio e di reazione. Valutazione pesante, in specie se espressa dal segretario del maggior partito di opposizione, che ha retto il governo locale fino allo scorso mandato e che si ricandida per ottenere la maggioranza alla prossima tornata elettorale. Ne abbiamo parlato con lo stesso Magnoli, in un'intervista in cui gli argomenti toccati sono molteplici e l'approccio mai banale. Voglio fare una premessa esordisce il segretario Pd: la relazione era finalizzata a una discussione politica, per cui, pi che dura era diretta. Lei si immagina un dibattito politico in cui la premessa che viviamo nel migliore dei mondi possibile? Ma non cera alcuna volont di giudicare da fuori bens di prendersi cura di ci che si pensa non vada. In politica non dovrebbe esserci posto per i permalosi. Senta Magnoli, cominciamo con una cosa che mi ha incuriosito. Cremona citt di musei. Lei ha raccontato di uno studente cinese che chiedeva se lEuropa fosse un laboratorio o un museo. Non crede che si possa essere sia museo che laboratorio? Io non amo chi dice che allItalia basta il suo patrimonio artistico. Leconomia non pu basarsi solo sul passato, su un terziario di mero sfruttamento. E importante, ma non basta. I musei sono fondamentali ma svolgono la loro funzione in pieno se sono fonte di cultura e di ispirazione: se una persona, vedendo il bello, riflette e si commuove. Altrimenti sono dei magazzini con dei quadri appesi alle pareti. Io credo quindi che ci debbano essere musei che ispirino laboratori, che muovano le persone. In questo senso credo che la sfida sia imponente, cio usare il grande passato per un grande futuro. Questa la sfida dellEuropa. E questo si fa investendo in ricerca e in formazione, non facendo cadere a pezzi Pompei. La sua analisi : un territorio che va a fondo in un Paese che va a fondo in unEuropa che va a fondo. Ma se la crisi continentale, che spazio possono avere le energie locali? Le energie locali non hanno alcuna possibilit di contare. Questo il dato di

Occorre una grande operazione di trasparenza sui beni pubblici. I Cremonesi devono sapere come vengono usati i loro soldi

Il suo giudizio, ha ribadito pi volte, coinvolge tutte le forze politiche, sociali, economiche, e non risparmia una stoccata anche alla Chiesa Sono uno dei pochi politici che ha il pudore di affermare di non essere cattolico, senza quelle strane frasi sofferenti che fanno pensare a chiss quali travagli interiori, per cui non mi sognerei mai di dare stoccate a una istituzione bimillenaria come la Chiesa. Ma nella mia vita ho avuto modo di conoscere il fermento che c negli ambienti cattolici, lattenzione alla politica e trovo un peccato che non si riesca a fondere insieme tutte le varie energie. Ci sono iniziative pi che lodevoli ma sempre tenute separate, distinte. La mia non era una stoccata, quindi, ma linvito a condividere, a fare politica insieme. Pensando s alla citt di Dio, ma anche, ogni tanto, alla citt delluomo. Posso dirle una cosa? La sua analisi per molti versi affascinante, e riesce anche a convincere, giustamente caustica e dura. Ma poi, al momento della proposta, resta un po nel vago. Innova-

Se una nave affonda preferisco chi ordinatamente va verso le scialuppe e cerca di salvarsi a chi dice sar un falso allarme e prende un tranquillante per dormire meglio

re, lavorare di pi e meglio, discutere in modo franco e acceso. Tutto ok, ma su che cosa? Come? Con chi? Non crede che sia anche il tempo di risposte chiare e circostanziate? E una critica che accetto. Ma se avessi tutte le risposte io da solo sarei solo un cretino borioso. Cerco di dire altro: le risposte dobbiamo trovarle insieme. Diciamo che questa relazione un primo tempo, non sperava n di suscitare tutto questo dibattito, n di esaurire il tema. Partiamo da una affermazione molto grave che ho fatto e che ho notato stata sorvolata. Io temo che Cremona si svegli un giorno come Parma, con una situazione economica vicina al dissesto. E una preoccupazione, non ancora una valutazione politica. Ma vedo che si continua a riempiere la pancia delle municipalizzate con debiti per operazioni immobiliari quantomeno discutibili, tipo il Massarotti. Il debito delle aziende pubbliche debito del Comune, mica di altri. Ecco, come primo passo partirei dai conti, con una grande operazione di trasparenza sui beni pubblici. Trasparenza vera, ovviamente, cio comprensibile. Questo sarebbe linizio e chiss quante sorprese. Senza tanti colpa mia, colpa tua. Credo che i cremonesi debbano sapere come vengono usati i loro soldi. Questo si collega alla vicenda Lgh, ma non voglio continuare su questa via. Faccio un altro esempio. Come affrontiamo, in tempi di crisi, in una citt che detiene il primato dell'invecchiamento della popolazione il tema dei servizi per gli anziani e i disabili? Davvero si pensa che sfilando i soggetti che ora intervengono, la Fondazione citt di Cremona ed il Comune, dalla responsabilit diretta verso quei servizi ed affidandoli ad un soggetto privato si risolveranno tutti i problemi? Invece di parlare di queste cose ci concentriamo sui permessi di parcheggio agli amministratori. In un dibattito falsato, come se questi fossero una casta famelica e cattiva perch hanno un piccolo beneficio nel loro servizio. Qualcuno ha fatto un po i conti? Gli amministratori sono, esagerando, unottantina. Poi ci sono i medici in servizio, gli artigiani, i commercianti al lavoro. E gli altri chi sono? Tutta casta? Tutta politica cattiva e famelica? Come si arriva a quei numeri iperbolici (per Cremona)? Una bella operazione giornalistica sarebbe pubblicare tutti i nomi. Ci divertiremmo. Ecco, mi sono attirato altri nemici. Ci penseremo, Magnoli. Potrebbe essere tema di una buona inchiesta... Per adesso, grazie.

Cremona

Venerd 10 Febbraio 2012

Congresso del Pdl, Ugo Carminati non ci sta


Luca Rossi il candidato unico. Intervista al coordinatore cittadino: Un confronto congressuale sarebbe stato opportuno

Nel partito sono assenti i concetti di meritocrazia e di ricircolo della classe dirigente: si diventa politici di professione e tali si resta
di Laura Bosio reva un candidato che fosse nato e cresciuto gi nel Pdl, e Rossi corrisponde a queste caratteristiche: pur avendo avuto la sua genesi nellex Forza Italia, la sua sostanza politica risiede nel Popolo delle libert. Daltro canto. se in un partito continuano a girare le stesse facce un brutto segno: significa che manca un turnover e un rinnovamento della classe dirigente. Eppure sembra che qualcuno non abbia capito questo semplice concetto. In questo il Partito democratico decisamente pi innovatore di noi, in quanto ha previsto il limite massimo di due mandati per la dirigenza del partito e altre cariche. Del resto un soggetto che sa di poter essere rieletto allinfinito non lavorer per il bene del partito ma per preservare il proprio ruolo, garantendosi il consenso attraverso visibilit e ricerca del favore tra la gente. Cosa manca allora nel Pdl di oggi? La consapevolezza che, mentre tutti i dirigenti nazionali e locali si ripetevano che siamo un partito da 40%,gli ultimi sondaggi ci danno tra il 21 e il 23% dei consensi. Questa una mancanza gravissima di sensibilit e acume politico. Nessun dirigente ha pensato fosse il caso di fare unanalisi seria della situazione: hanno preferito mascherarsi dietro la convinzione di avere vinto tutto, fino a erodere il proprio consenso. Ora difficilmente riusciremmo a vincere qualcosa. Inoltre la necessaria alleanza con la Lega, quella che ci ha portato alle suddette vittorie, ora venuta meno. Tuttavia nessuno ha mai affrontato seriamente largomento allinterno del partito, a livello locale. Come vede il Pdl di qui a 10 anni? Non esister pi. Come del resto accade per tutti i partiti del centrodestra: nessuno nellultimo periodo durato pi di dieci anni. Qualcuno obietter che Berlusconi al Governo da 20 anni, ma ricordiamo che lui sceso in politica come Forza Italia, e allora esistevano An, Ccd, Cdu e la Lega. Si sono create coalizioni nel 1994 che sono cambiate nel 1996. La componente centrista cambiate ulteriormente nel 2000 con lUdc. Tutto questo ha portato a una vittoria della Casa delle Libert nel 2001. Successivamente c stata la sconfitta nel 2006, e quindi una nuova vittoria nel 2008 come Pdl. Questo scenario dimostra quanto siano mutati i partiti in questi anni. In pi il Pdl stato solo il sancire dal notaio ci che gi esisteva da anni nellopinione pubblica. Cos tutti quegli elettori che non si riconoscono pi nel centrodestra da noi rappresentato, ora non sanno a chi far riferimento. Per questo indispensabile un rinnovamento nel nome, nel simbolo e nella struttura, per tornare a una percentuale di consensi che non sia inferiore al 30%. In che modo dovrebbe cambiare il partito? Intanto nel radicamento degli uomini, in quanto qui chi ottiene un posto di rilievo difficilmente sostituibile per merito. Questo accade perch nel Pdl sono assenti i concetti di meritocrazia e di ricircolo della classe dirigente: si diventa politici di professione e tali si resta. Altra cosa da cambiare il fatto che in questo partito prima si fa carriera e poi ci si iscrive. Quando, da coordinatore cittadino, ho riunito i consigliere comunali e gli altri eletti dopo lultima tornata elettorale, ho scoperto che i tesserati erano solo 5 o 6. Questo, oltre a essere grave, testimonia che il Pdl ha la brutta abitudine di candidare gente senza esperienza, gavetta politica n disciplina di partito. Chi entra in un partito dovrebbe chiedersi Cosa posso fare per esso e non Che incarico posso ottenere. Quando c da sporcarsi le mani e lavorare, infatti, i volontari sono pochi e sempre gli stessi, me compreso. Il bisogno di rinnovamento si estende anche alle idee? Credo che il Pdl dovrebbe pi che altro chiarire a se stesso che le idee sono il valore fondamentale del partito. Invece secondo me in questi ultimi anni si pensato solo a vincere le elezioni, quando questo dovrebbe essere solo un mezzo per portare avanti le proprie idee, Ho avuto la sensazione che il partito abbia interpretato le vittorie come un punto di arrivo. I nostri amministratori locali sembrano aver dimenticato che prima o poi ci saranno altre elezioni, e che quindi non bisogna perdere consensi. E unaltra delle cose in cui il centrosinistra si dimostra pi lungimirante. Lo testimonia il fatto che quando vincono una tornata elettorale solitamente ripetono la vittoria anche in quella successiva, mentre solitamente

Luca Rossi (consigliere provinciale, ndr) il candidato unico del Pdl, in procinto di svolgere il congresso sabato 11 febbraio. Una candidatura unitaria per un congresso unitario, come indicato dai vertici del partito stesso. Tuttavia c una voce fuori dal coro, proprio allinterno della stessa dirigenza del partito. E quella di Ugo Carminati, coordinatore cittadino, di provenienza ex An. Per quanto mi riguarda non ero poi cos legato alla necessit che vi fosse un congresso unitario. Ho sentito parlare del rischio di spaccatura del partito, ma ritengo che un confronto congressuale sarebbe invece stato opportuno. Anche perch con la modalit del congresso unitario non ci sar lopportunit di sviscerare certe questioni interne al partito, che sono di particolare rilievo. Sia chiaro, la candidatura di Rossi, che ritengo persona capace, incontra anche il mio consenso per quello che pu importare. Cosa intende dire? In questo mese e mezzo di incontri e riunioni per definire il candidato unico, non sono mai stato n contattato n invitato a una delle tante riunioni. E come me, anche molti altri hanno avuto gli stessi riguardi. Dunque la candidatura unica non espressione della volont di tutto il partito, ma solo di una parte. Forse chi si seduto a quel tavolo convinto di rappresentare la volont di tutti. A infastidirmi il fatto che non solo sono coordinatore cittadino, ma faccio anche parte del consiglio nazionale, e sono stato tra i pochi membri cremonesi del partito a votare la riforma dello statuto. Dunque il mio parere viene tenuto in considerazione dal partito. Invece a livello cittadino non sono neppure stato contattato. Tempo fa sulla stampa locale era apparso anche il suo nome tra i possibili candidati Ho chiarito fin da subito che chi andava a dirigere il partito doveva essere qualcuno che non affondava le proprie radici politiche in uno dei partiti fondatori del Pdl e io non rientro certo in quella categoria. Uno dei maggiori problemi del Pdl, infatti, sono proprio le guerre tra gli ex. Occor-

La candidatura unica non espressione di tutto il partito

il centrodestra la seconda volta perde. Manca la consapevolezza di dover fare i conti con il giudizio degli elettori. Anche la mancanza di confronto una costante. Cos come accaduto per il congresso, accade anche per molte altre questioni, e questo perch allinterno del partito vi sono doppi e tripli incarichi, cosi che spesso chi ha governato stato allo stesso tempo anche giudice di se stesso. In questo modo mettendo insieme 5 o 6 persone si crea la maggioranza interna al partito. Alla luce di tutto questo, ha riflettuto sulla possibilit di allontanarsi dal Pdl? No, lho sempre ritenuta una scelta sbagliata. Chi se ne va fa gli interessi di coloro che vuole criticare. Se andarsene fosse servito a qualcosa, una classe dirigente che vedeva il consenso scendere avrebbe dovuto dimettersi in massa. Invece sono ancora convinti di essere un partito da 40%. Come accaduto a Milano: dopo la sconfitta elettorale della Moratti, tutto il suo gruppo avrebbe dovuto dimettersi, invece continuano a guidare il partito. Ora sono curioso di vedere in quanti parteciperanno al congresso dell11 febbraio di cui peraltro ancora non hanno comunicato n luogo n ora. Un partito che da settembre a novembre passato da 100 a 3.700 iscritti deve dimostrare di non aver fatto solo un tesseramento congressuale. Se la partecipazione si rivelasse scarsa, sarebbe un segnale negativo. Peraltro voglio sperare che le assenze verranno capite e analizzate. Sono convinto che Luca Rossi sia una persona intelligente, che sapr comprendere la situazione e recuperare gli assenti. Lei parteciper? (Carminati sorride e non risponde, ndr).

LA VOSTRA COPIA GRATUITA


Acli La Cafetera Caffe Del Corso Bar Supermoka Bar Aurora Bar Cittanova Bar Garibaldi Osteria Garibaldi Caffe' Dimeglio Bar Cremonino Ospedale Portineria Unione Consumatori Caffe Porta Romana Banca Del Monte Tabacchi Persico Comune Di Cremona A.P.T Macelleria Ruggeri Rio Bar Bar Fiume Dimeglio Banca Di Roma Parrucchiere Bertoletti Bar Stradivari Il Planetario Viaggi Banca Popolare Bar Oasi Distributore Esso Cittadella Dimeglio Bar Da Walter Distributore Agip Caserma Col Di Lana Bar Stella Sapore Di Mare Bar Pit Stop Da Pietro Snack Bar Agip Bar Signorini Via S. Antonio del Fuoco 9/A Cremona C.So V. Emanuele 14 Cremona C.So V. Emanuele 84 Cremona Corso Campi 39 Cremona C.so Garibaldi 228 Corso Garibaldi 114 Cremona Corso Garibaldi 219 Cremona Corso Garibaldi 38 Cremona Corso Garibaldi 85 Cremona Corso Matteotti 2 Cremona Ospedale Cremona Piazza San Michele 2 Cremona Piazza IV Novembre 17 Cremona Piazza Cadorna 1 Cremona Piazza Cadorna 13 Cremona Piazza Del Comune Cremona Piazza Del Comune 5 Cremona Piazza Della Liberta' 7 Cremona Piazza Della Pace 2 Cremona Piazza Fiume 6 Cremona Piazza Marconi 15/A Cremona Piazza Roma 20 Cremona Piazza Roma 29 Cremona Piazza Roma 7/B Cremona Piazza Stradivari 17 Cremona Viale Po 83 Cremona Via Bergamo 221 Cremona Via Bergamo 91 Cremona Via Bissolati 38 Cremona Via Boschetto 93 Cremona Via Brescia 128 Cremona Via Brescia 219 Cremona Via Brescia 189 Cremona Via Brescia 27 Cremona Via Cappuccini 8 Cremona Via Castelleone 10 Cremona Via Castelleone 29/A Cremona Via Castelleone 49 Cremona Via Castelleone 7 Cremona Bar Trattoria Italmark Teatro Monteverdi Bar Lancia Bar San Giorgio Fotoline Re Mida Caseificio Il Colle Sister Caffe Angolo Del Gusto Bar Il Cacciatore Bar le torri Torrione Cafe Dico Caffe'ghisleri Esselunga Tango Bar Pasticceria Caffe Betti Crai Bonseri Fornaio Bar I 3 Gradini Dimeglio Bar - Figlie Di San Camillo Bibi Bar Bottega Del Gusto Gelateria Matisse Panificio Usberti Bar Pasticceria S. Remo Agip Cafe' Gio' Bar Associazione Commercianti Montecarlo - Slot Machine Caffe' Parking Autobar Bar Roma Bar Mincio Bar Il Cantuccio Edicola Caffe' Boldori Bar Primavera

Via Cipressi 3/B Cremona Via Dante 102 Cremona Via Dante 149 Cremona Via Dante 185 Cremona Via Dante 2 Cremona Via Dante 31 Cremona Via Dante 87 Cremona Via Del Giordano 131 Cremona Via Del Giordano 65 Cremona Piazza Risorgimento 30 Cremona Via Filzi 19 Cremona Via F. Filzi Via Ghinaglia 104 Cremona Via Ghinaglia 49 Cremona Via Ghisleri 46 Cremona Via Ghisleri 53/A Cremona Via Giuseppina 11/B Cremona Via Giuseppina 11/B Cremona Via Giuseppina 27 Cremona Via Grado 20 Cremona Via Grado 40 Cremona Via Lazzari Cremona Via Litta 50 Cremona Via Mantova 133 Cremona Via Mantova 141/B Cremona Via Mantova 101 Cremona Via Mantova 1 Cremona Via Mantova 141/B Cremona Via Mantova 81 Cremona Via Manzoni 2 Cremona Via Massarotti 15 Cremona Via Massarotti 19/A Cremona Via Massarotti 42 Cremona Via Mazzini 7 Cremona Via Mincio 2 Cremona Via Mincio 34 Cremona Via Nino Bixio 20 Cremona Via Nino Bixio 8 Cremona Via Persico 2 Cremona

de

la trovate qui:
Panetteria Quarantani Bar Gallo Smeg Centro Sportivo Sanzeno Coffee Time Q.In Forneria Pan&Piu Bar Dragone Distributore Agip Non Solo Piada Bar Zanzibar A.E.M. Fattorie del gusto Camera Del Lavoro Tabacchi Universita' Cattolica Politecnico Di Milano Il Beccofino Cremona Po Bar Greco Les Clandestines Intimo Seven Caff Latteria Plac Politiche Educative Farmacia Zamboni Noemi Pasticceria Tosi Bar Smile Macalli Medic Center Pane E Amore Bar Tabacchi Edicola Ortenilla Edicola Compiani Panetteria Merlini Panetteria Merlini Farmacia Leggeri Immobiliare B&G La Bottega del Gelato Via Platina 34 Cremona Via Rosario 49 Cremona Via Ruffini 6 Cremona Via San Zeno 53 Cremona Via Solferino 9 Cremona Via XI Febbraio 64 Cremona Via XX Settembre 32/A Cremona Via Vittori 2 Cremona Viale Po 139 Cremona Viale Po 68 Cremona Viale Trento Trieste 36 Cremona Viale Trento Trieste 38 Cremona Via Massarotti 46/D Cremona Via Mantova 25 Cremona Piazza Migliavacca 6 Cremona Via Milano 24 Cremona Via Sesto 39 Cremona Via F.Soldi 2 Cremona Piano 2 Musetti Caffe' Cremona Corso Campi 5 Cremona Via Mercatello 11 Cremona Piazza S. Anna Cremona Corso Vittorio Emanuele Cremona Via Vecchio Passeggio 1 Cremona Via Oglio 5 Cremona Via Aporti 43 Cremona Via Aselli 29 Cremona Via Cadore Corso Vittorio Emanuele 43 Cremona Via Giuseppina 21 Cremona Via Tonani 24 Cremona Battaglione Bonemerse Cremona Due Gadesco Via Cesare Battisti 47/B Gadesco Via San Savino 17 -San Savino Persichello Piazza Roma 8 Vescovato Via Cavallotti 25 Piadena

10

Venerd 10 Febbraio 2012

Cremona

E ancora alta la percentuale delle madri che non conoscono laborto legale, il diritto allanonimato e le strutture

Neonati rifiutati, fra paura e disinformazione


di Michele Scolari

ullo sfondo di un'Italia sotterranea, sommersa, emarginata e senza nome, dove vecchie e nuove povert si fondono tra miserie nazionali ed immigrate, si colloca l'episodio di due neo-genitori ivoriani, rei di aver gettato in un cassonetto dell'immondizia, verso le 2 di domenica mattina, la propria neonata partorita alle 18 di sabato, come hanno confessato agli inquirenti della Questura di Cremona. Un episodio che va ad allungare la lista delle madri segrete e dei neonati abbandonati: nel migliore dei casi in ospedale; nel peggiore, sulla strada, in cestini di vimini modello Mos o in cassonetti della spazzatura, pattumiere per genitori angosciatamente istantanei in un fulmineo ciclo vitale di creazione e perdita oggettivato a rifiuto organico. La madre, incinta di sette mesi, insisteva di aver avuto un aborto spontaneo, ma, in seguito a discordanze emerse dagli esami effettuati per un'emorragia, ha confessato

L'ultimo caso domenica a Cremona: due ivoriani abbandonano la figlia in un cassonetto dellimmondizia

Lo psichiatra Giorgio Rizzoli: Informare vitale


donne straniere poi, il discorso si complica ulteriormente poich entra in gioco il fattore del multiculturalismo. In questi casi il fatto andrebbe quindi valutato calandolo nella realt culturale d'origine. Ad esempio, nella cultura cinese il rapporto dei genitori con le figlie femmine pi difficile di quello con il maschi, e l'abbandono di una bimba viene visto sotto una luce diversa rispetto a come lo vediamo noi occidentali. Nel caso dei due ivoriani, bisognerebbe considerare se la bimba stata abbandonata viva o gi deceduta. Poi - prosegue il dott. Rizzoli c' il discorso dell'informazione, che

Disinformazione e diversit di culture sono, secondo il dott. Giorgio Rizzoli, noto psichiatra cremonese gi primario all'Ospedale Maggiore, i problemi attorno ai quali muovere i primi passi per scongiurare simili tragedie. L'abbandono di un neonato sempre una questione delicatissima, nella quale agiscono una serie di cause convergenti. Inoltre la casistica sterminata e va valutata individuo per individuo. Nel caso di

sempre una pietra miliare in ogni cosa. Il problema degli abbandoni, assai grave in passato, ora in progressivo ridimensionamento ma c' ancora molto da fare. E' capitale l'informazione sulle strutture di accoglienza come istruzioni sul parto anonimo, gli indirizzi delle ruote e dei consultori. L'abbandono nel cassonetto - conclude lo psichiatra - risponde ad un meccanismo di difesa, una strategia per liberarsi dal senso di colpa. L'oggettivazione del corpo del neonato aiuta a liberarsene, assieme al peso psicologico opprimente del senso di colpa. mi.sco.

assieme al padre il reato. Sui due pende ora la denuncia per occultamento e distruzione di cadavere. Al sostituto procuratore Francesco Messina l'incarico di fare chiarezza. Ora spetter ai medici incaricati dellesame autoptico stabilire la natura del decesso e la sua datazione rispetto al momento dell'abbandono. Spetta a tutti

invece concentrarsi a riflettere sui motivi annidati in genere all'origine di un simile gesto: la paura, nel caso di licenziamenti lampo, violenze, prostituzione, famiglie che si vergognano di gravidanze non programmate. Ma a far la parte del leone senza dubbio la disinformazione: sullaborto legale, sul diritto all'anonimato o sulle struttu-

re sociali destinate ad accogliere in affido i figli indesiderati. Una disinformazione aggravata, nel caso delle straniere, dal fattore lingua. Molte sono spaesate sulle norme che regolano il parto, oppresse da problemi economici, disoccupate o, nel migliore dei casi, precarie. Da secoli possibile partorire e mantenere nasco-

sta la propria identit ma molte non conoscono neppure la legge che permette alle future madri di partorire in ospedale mantenendo l'anonimato, lasciando il neonato affidato alle mani sicure dei medici e delle infermiere. Il primo passo per una soluzione, proposto da Mariagrazia Passeri fondatrice dell'associazione "Salvabeb,

salvamamme", quello di tappezzare molti luoghi, in particolare i siti di raccolta rifiuti con volantini multilingue contenenti informazioni inerenti al parto anonimo, all'aborto legale o alle strutture sociali. Sarebbe senz'altro una soluzione per far scoprire a queste donne di aver ancora una possibilit, una via d'uscita, di compiere delle scelte senza dover vivere con il peso di un trauma psichico destinato a segnare la vita intera.

Scarcerato Angelo Iacovelli, si aggrava la posizione di Masiello


Da mercoled fuori dal carcere di Cremona Angelo Iacovelli, infermiere e factotum del Bari, arrestato assieme a Mario Cassano, portiere del Piacenza. Ha tenuto un comportamento collaborativo nel corso del suo lngo interrogatorio, si legge nell'ordinanza di scarcerazione del gip. Guido Salvini. In una posizione sempre pi difficile invece Andrea Masiello, giocatore ex Bari. Secondo il gip cremonese, il coinvolgimento di Iacovelli ha origine dalla "sua disponibilit da alcuni anni nel tempo libero, gratificata dal sentirsi 'aggregato' alla squadra". Ma le maggiori responsabilit andrebbero attribuite a Masiello (adesso difensore dell'Atalanta) e soci (Parisi, Bentivoglio, Rossi), che usavano Iacovelli per contattare Filippo Carobbio, ossia l'uomo pi vicino al gruppo degli Zingari guidato da Gegic. Nella dichiarazione di Salvini si legge Appare decisamente plausibile che non sia stato promotore delle attivit di manipolazione, ma sia stato utilizzato per mettere in contatto telefonico, gli Zingari con i calciatori del Bari. mi.sco.

Il Partito Democratico, come gruppo in consiglio provinciale, ha chiesto e sollecitato un approfondimento in commissione dopo aver sostenuto lordine del giorno del consigliere Torchio, votato allunanimit, che impegna la Giunta Provinciale ad ogni azione presso la Regione, l'Arpa, il Comune di Cremona, Aem Cremona, Linea Group, i Comuni e gli Enti interessati per definire al pi presto la conclusione dell'iter autorizzativo con l'acquisizione delle aree, utilizzando, se necessario, l'istituto dell'esproprio per pubblica utilit e l'effettiva operativit dei protocolli d'intesa, da tempo predisposti, con tutte le realt coinvolte alla soluzione dell'annosa questione. Lo ha fatto sapere il capogruppo in consiglio provinciale Andrea Virgilio, in una nota diffusa nella giornata di ieri, calando l'accento sull'opportunit di evitare sterili critiche e impegnarci tutti ad entrare meglio nel merito. Quello che pu fare oggi la politica, prosegue il capogruppo, cercare di capire concretamente lutilit e leffettiva urgenza di un ampliamento della discarica, comprendendo la delicatezza del momento rispetto a una parte pubblica che nella fase di trattativa con un soggetto privato non pu certo permettersi di buttare al vento risorse preziose. Tutto ci evitando di provocare inutili al-

Discarica di Malagnino, il Pd chiede un approfondimento


altri operatori economici che sono costretti a smaltire i rifiuti provenienti dalle loro imprese, pagano il doppio di prima, solo per avere uno stoccaggio temporaneo dei rifiuti e non il loro definitivo smaltimento. A fronte di un inefficienza nell'ampliamento della discarica dunque, gli artigiani sono costretti a smaltire a costi raddoppiati. Eppure soluzioni ce ne sarebbero, a cominciare da quella, firmata da Giacomo Bazzani di Rifondazione, di attivare l'esproprio, poi fermato dall'Aem. Ma anche quella, indubbiamente originale, proposta dal Laboratorio Urbano di Civica Iniziativa, che mette a confronto il modello cremonese con quello ecologico ed economico di San Francisco, prendendo spunto dal servizio "Immondizia zero" andato in onda su Raitre lo scorso 22 gennaio. A Cremona invece si esaurita la gi esausta discarica di Malagnino (che cerca di allargarsi verso Vescovato) e in pi il nostro capoluogo deve bonificare quella di San Rocco segnalata nell'elenco ARPA dei 12 siti da bonificare nel Comune di Cremona. Comune dove, proseguono da Luci, abbiamo anche un inceneritore (costruito contro il parere dei cittadini che si erano espressi in un referendum consultivo) e la raccolta differenziata dell'organico non viene fatta se non in tre quartieri definiti

LUCI LANCIA IL MODELLO S. FRANCISCO A IMMONDIZIA ZERO

La discarica di Malagnino

larmismi fra i cittadini. Gi la scorsa settimana Giuseppe Torchio aveva lamentato che mentre si continua a parlare della discarica LGH in Puglia e dellacquisto del parking Massarotti, si tende a dimenticare che questo elemento ha concorso a portare la Provincia, nelle variazioni di bilancio per il 2012, a cancellare ben 800 mila euro di entrate dovute alla compartecipazione allo smaltimento dei rifiuti. A prescindere dal fatto che tali risorse fossero dovute per amore o per obbligo, rammentando che con la discarica di Malagnino chiusa, gli artigiani e gli

"campione" da svariati anni. In aggiunta a tutto questo, il nostro capoluogo avr presto, grazie ad LGH (societ a cui partecipa AEM col 30,915 %) un nuovo impianto che brucia scarti legnosi per produrre energia elettrica, installato in zona San Rocco. Ben altri i risutati incassati nella metropoli californiana. La citt di San Francisco ha circa 800.000 abitanti (7 milioni di abitanti nell'area metropolitana San Francisco Bay Area) ed riuscita a fare la raccolta differenziata dei rifiuti compreso l'organico e ad organizzare una filiera produttiva che utilizza i rifiuti per recuperare materiali e creare posti di lavoro. Vuoi perch citt degli hippies, vuoi per altre ragioni, fattost che San Francisco sta attuando la scelta "Rifiuti Zero" con un preciso programma che vedr nei prossimi anni la piena attuazione del progetto evitando la costruzione e l'utilizzo di inceneritori. A quando - chiedono da Luci - un progetto simile per Cremona?. Il nostro Comune conta 71.912 abitanti e si trova in una situazione pi vicina a quella di Roma che a quella di San Francisco. Non sembrano risultati cos incoraggianti, concludono da Luci. Forse sarebbe il caso di cominciare a cambiare qualcosa. Ovviamente qui. Non certo a San Francisco. mi.sco.

Una bravata che gli costata l'arresto per tentato omicidio e lesioni personali aggravate. Sono le accuse che pendono sulla testa di un cittadino indiano, Harbinder Singh, 30enne residente a Trigolo che, nel pomeriggio di mercoled, in un'abitazione alla periferia del Comune di Luzzara, ha preso a roncolate moglie e suocero. Recatosi nell'abitazione, di propriet del suocero, dove la consorte si era recentemente trasferita con il figlio, per prelevare il passaporto del figlio, al

Roncolate a moglie e suocero, grave la consorte


rifiuto della donna di consegnargli il documento, l'uomo ha estratto una roncola di 50 cm, di cui 40 di lama, colpendo al collo la moglie. Le urla della consorte hanno suscitato l'intervento del padre di lei, ridotto a sua volta a mal partito dal 30scatenato, dileguatosi poi a bordo di un'auto assieme ad un amico. Non ha fatto molta strada per, venendo intercettato dai Carabinieri della vicina stazione di Luzzara. Per il 30enne scattata la restrizione al termie delle formalit di rito a dispo-

In manette un 30enne indiano di Trigolo

Sabato 10 febbraio 2012


ore 19 alle 21
Nei locali della Chiesa Evangelica Internazionale IL RIFUGIO Via ingegneri 15 (Piazza Roma) Cremona OFFRIAMO A CHIUNQUE

sizione della Procura reggiana titolare dellinchiesta nella persona del Sostituto D.ssa Isabella Chiesi. La moglie stata ricoverata presso lospedale di Guastalla assieme al padre, in attesa di essere sottoposta ad intervento chirurgico, con una prognosi di 15 giorni per ferita del trapezio di destra con sospetta lesione dellarteria cervicale, mentre per il suocero 79enne prognosi di 8 giorni per ferite da taglio alla mano ed al volto. mi.sco.

Preghiera per malati e per bisognosi


( un servizio cristiano gratuito) Prossima data: 17 Marzo 2012

Lettere
CRITICA POLITICA
Partiti da Mazzini, purtroppo siamo arrivati ad Almanno
Egregio direttore, mentre a Roma un sindaco, dopo una banale nevicatina invernale chiude le scuole, proclama lo stato demergenza, litiga con mezzo mondo, giusto 163 anni fa, sempre a Roma ma da gente di ben altra pasta, veniva proclamata la Repubblica Romana portatrice della Costituzione. Questa Costituzione fu certamente, per i principi fondamentali e per gli articoli sui diritti e doveri dei cittadini, la pi avanzata in senso democratico di tutte le costituzioni italiane del Risorgimento. Soprattutto essa era stata voluta, studiata, discussa anche con toni aspri dai rappresentanti del popolo (romano e no) liberamente eletti con suffragio diretto ed universale per la prima volta in Italia. Cio per la prima volta era una costituzione che il popolo si era dato da s, a differenza dello Statuto Albertino che era stato concesso da un sovrano, fino ad allora, assoluto. Ricordiamo i primi quattro paragrafi dei Principi fondamentali : I) La sovranit , per diritto eterno, nel popolo: Il Popolo dello stato romano costituito in Repubblica. II) Il regime democratico ha la regola delluguaglianza, la libert, la fraternit. Non riconosce titoli di nobilt n privilegi di nascita o di casta. III) La Repubblica con le leggi e con le istituzioni promuove il miglioramento delle condizioni materiali e morali di tutti i cittadini. IV) La Repubblica riguarda tutti i popoli come fratelli, rispetta ogni nazionalit promuove litaliana... Sono passati 163 anni, la migliore giovent di allora sacrific la vita per difendere questi principi che sono esattamente gli stessi su cui si fonda la Costituzione vigente (la Legge di tutte le nostre leggi). Purtroppo, come solito, questa data passer sotto silenzio: di silenzio in silenzio siamo arrivati agli Alemanno, ai Lusi, Penati, Nicoli, Scilipoti. E pensare che eravamo partiti da Mazzini, Armellini, Saffi A. Gusperti Pri di Cremona ***

Per dire la vostra, scrivete a:

lettere@ilpiccologiornale.it cremasco@cuticomunicazione.it

Venerd 10 Febbraio 2012

11

I casi in cui lumidit permette allaffittuario di rinegoziare il contratto


Ho stipulato alcuni mesi fa un contratto di locazione ad uso abitativo di un immobile che ha ben presto rilevato problemi di umidit e formazione di muffe lungo le pareti. Come posso tutelarmi? Gianni *** Ai sensi dell'art.1578 c.c., se al momento della consegna, la cosa locata affetta da vizi che ne diminuiscono in modo apprezzabile lidoneit alluso pattuito, il conduttore-inquilino pu domandare alternativamente, in base alle proprie esigenze, la risoluzione del contratto di locazione o una riduzione del canone convenuto, salvo che si tratti di vizi dallo stesso conosciuti al momento della

A cura della dott.ssa Emilia Codignola*


stipula del contratto o comunque facilmente riconoscibili; il proprietario, inoltre, tenuto a risarcire allinquilino i danni derivati dai vizi dellimmobile, se non prova di avere senza colpa ignorato i vizi stessi al momento della consegna. Detto ci, indubbio che la presenza di umidit e muffa da lei descritta, sembra dipendere da difetti strutturali dellimmobile e quindi costituisce un vizio grave dellimmobile stesso, che lo rende inidoneo alluso abitativo pattuito e per questo motivo legittima linquilino a domandare la risoluzione del contratto ex art. 1578 c.c. In questo senso si pi volte espressa la giurisprudenza, la quale ha precisato che linvasione dellumidit per effetto di trasudo dalle pareti costituisce un deterioramento rilevante, un vizio che incide sulla funzionalit strutturale dellimmobile impedendone il godimento. Pertanto, se al momento della visita, il proprietario avesse tinteggiato di fresco lappartamento, cos da occultarle il problema, vi saranno tutti i presupposti per richiedere la risoluzione del contratto di locazione o una diminuzione del canone, oltre al risarcimento dei danni subiti. Se, invece, tale umidit fosse gi presente sulle pareti dellappartamento nel momento

in cui lei lo ha visionato (prima di concludere il contratto di locazione) e pur avendola notata lei abbia comunque accettato lalloggio nello stato di fatto in cui esso si trovava, non potr ottenere la tutela di cui sopra, in quanto era a conoscenza della possibile inidoneit dellappartamento alla funzione abitativa. *Legale e conciliatore professionista emiliacodignola@libero.it

PUNTO DI VISTA

La flessibilit la nuova sfida per i giovani italiani


Egregio direttore, vorrei fare alcune personali osservazioni sul tema del posto fisso che ha suscitato tante polemiche e vorrei rivolgermi soprattutto ai giovani. Il concetto di lavoro fisso va rivisitato, nel senso che in futuro bisogner accettare per forza un nuovo modello che vedr sempre pi affermare il concetto di flessibilit, purch garantita da una continuit. Queste saranno le nuove leggi di mercato, in contrapposizione al tradizionale concetto del posto fisso (tipicamente italiano). Si tratta di una trasformazione dettata da nuove esigenze che stanno scardinando il nostro sistema occidentale. No so se purtroppo, o per fortuna. E questa la sfida delle nuove generazioni. Ogni generazione ha avuto la propria Resistenza, quella di oggi, che chiama in causa milioni di giovani, di cambiare il sistema in nome di una maggior flessibilit, dinamicit ed equit. Come si va in altri Paesi a studiare con Erasmus, perch non si dovrebbe essere disposti, non dico necessariamente in altri Paesi, ma in altre citt a lavorare? Noi, della vecchia generazione, abbiamo vissuto la sfida della ricostruzione del dopo guerra e dellemigrazione povera. Ai giovani spetta oggi quella pi impegnativa di rinnovare il mondo su basi pi eque, pi giuste e nuove, ma con orizzonti pi ampi, perch ormai viviamo in unvillaggio globale. E una sfida epocale che ha bisogno di forze giovani. Ci vuole coraggio e soprattutto spirito di sacrificio, come si sempre fatto da che mondo mondo. Coraggio! Lucia Zanotti Cremona ***

vori Pubblici ne la dimostrazione, ma sono anche consapevole che le opere pubbliche si realizzano senza causare danno ai nostri cittadini amministrati. Oggi lobiettivo primario per chi vuole amministrare contribuire a creare le condizioni per un rilancio economico della citt e tutelare il reddito familiare. Per fare questo tratto di ciclabile Beretta, e un pezzo del Pdl, vuole alzare le tasse a tutti i cittadini, a tutte le famiglie. No, assessore. Non ci siamo. Faccia un passo indietro, altrimenti pi che come un caterpillar, la citt la ricorder come lassessore panzer, che distrugge tutto ci che trova sul suo percorso. Franco Bordo Consigliere comunale di Sel a Crema ***

SANTAPOLLONIA

Armi ai bambini in fiera E una cosa inammissibile


Egregio direttore, scrivo da cittadino civile che si indigna nellapprendere che nella Fiera di SantApollonia verr data in mano a dei bambini (7-12 anni) una carabina, ovvero unarma, con cui sparare... Ma siete impazziti tutti? Non si tratta certamente di uno sport, bens di una forma diseducativa di condizionamento mentale alluccisione a dei bambini. Non riesco a credere che degli adulti diano un insegnamento di questo genere. Non approvo nemmeno il fatto di tenere legate e ingabbiate delle creature che vivono solcando i nostri cieli. Tutto ci volge a distruggere la natura e le inclinazioni naturali degli animali e degli esseri umani. Tutto ci contribuisce a rovinare il nostro pianeta a cui tengo molto. Monica Guarneri Milano ***

PROVOCAZIONE

Come mai i lavoratori della Tamoil sono privilegiati?


Egregio direttore, era prevedibile che alcuni cassintegrati della Tamoil si risentissero e qualcuno si indignasse per le critiche ricevute per le loro notevoli tutele, vedi cassa integrazione al 90% netto dello stipendio e per lanomala rinuncia di tutti gli interessati coinvolti a tutte le offerte di trasferimento, entro i 100 km, consapevole che passare dal 90% al 100% di stipendio per un incremento quindi del 10% non conviene. E quindi ovvio che preferiscano stare in casa al calduccio, mentre se avessero avuto la cassa di circa 800 euro al mese come la stragrande maggioranza dei lavoratori italiani, avrebbero molto probabilmente accettato il trasferimento. Ho letto sul giornale locale la lettera di una madre di tre bambini piccoli che ogni giorno con grande dignit e responsabilit compie 150 km per andare a lavorare da oltre dieci anni, senza tanti piagnistei e lamentele, o pretese di avere il lavoro sottocasa. Purtroppo la protezione dei lavoratori, invece che essere orizzontale verticale: ci sono categorie protette dai sindacati, mentre molti lavoratori, di cui moltissimi giovani che non hanno santi in paradiso, sono disoccupati, inoccupati. Senza dimenticare il dramma delle madri monoreddito con figli a carico senza lavoro, o lasciate a casa al loro primo figlio, costrette a lavorare in nero. Quindi, cassintegrati della Tamoil e soprattutto sindacati, forze politiche, che vi siete offerti in pompa magna per tutelare i cassintegrati Tamoil, guardatevi intorno, a 360 gradi per comprendere meglio il dramma della disoccupazione e forse vi verrebbe qualche scrupolo visto che molti di voi ricoprono, multi incarichi retribuiti. Ps: come mai rappresentanti sindacali o delle Rsu quando le aziende vanno in crisi non vengono messi in cassa integrazione, cosa hanno di tanto speciale? Elia Sciacca Cremona

ziativa di rilievo pu essere ricordata. Passando alla questione della recente nomina di un altro consiglio di amministrazione, arriviamo alla vergognosa distribuzione, sempre tra i due gruppi dirigenti dei posti disponibili in quello della casa di riposo. Sbandierata come loperazione di tutti i soncinesi, da questanno dovremo considerarla come lazione di una sola parte politica? Noi non ci stiamo, combatteremo per recuperare quella rappresentanza che il nostro primo cittadino ci ha negato, con un atto becero e inaccettabile. Purtroppo non finisce qui, visto che i nostri amministratori, anche quando escono dai confini del nostro amato borgo, dimostrano esattamente la stessa attitudine. La vicenda del consiglio di amministrazione del Parco dellOglio dimostra come loccupazione delle poltrone sia lunica preoccupazione di Pedretti e soci, in barba alla rappresentanza del territorio, che dovrebbe essere invece il caposaldo da cui partire per la gestione di un ente cos locale. E arrivata lora di invertire la rotta, di creare punti di discussione, commissioni. Qui in gioco il futuro dei nostri giovani, del nostro territorio, del lavoro, non linteresse di parte. Riccardo Ulivi Capogruppo lista civica ApertaMente ***

alle liste di collocamento e fatto corsi della Regione Lombardia, non sono mai stato chiamato! A che cosa servono i corsi? E tutte le persone che vi lavorano, lo fanno per chi e per che cosa? Lei continua ad insistere che tutti debbono compiere sforzi e fare il loro dovere. E allora io le rispondo: perch se a causa di gravi patologie, riesco a prendere appuntamento con uno specialista addirittura quasi a distanza di circa un anno? Perch per avere notizie di una raccomandata rubata, ho dovuto arrangiarmi e impazzire per ben due settimane e comunque esiste un palese stato di disservizio? Perch se devo prendere il treno, debbo prima accendere un cero, nella speranza che arrivi, che parta, e che forse giunga a destinazione con qualche ora di ritardo? Perch se debbo fare delle pratiche di attivit pubblica o per lottenimento delle licenze debbo sbattermi fra una miriade di Enti ed ottenere i permessi-licenze dopo svariati mesi? Perch se faccio un referendum (che lunica opportunit data al cittadino di far valere il proprio pensiero e diritto), non viene applicato. se vuole caro Mario, vada a vedere labrogazione per il finanziamento ai partiti? Purtroppo nulla cambia, nulla muta ed il cittadino la prende sempre in quel posto... Che dire, si vede che la cosa piace ai ladroni che fanno politica ed ai poveri cittadini! Loris Ivan Dav Spinadesco ***

PARERE NEGATIVO

Monti deve dire no alle Olimpiadi a Roma


Egregio direttore, Olimpiadi a Roma nel 2020? No, grazie. Troppi sprechi. Il passato dovrebbe dare qualche indicazione per il futuro: i Mondiali di calcio del 90 e i Mondiali di nuoto del 2009. Ventanni di disastri, di ritardi a non finire e di soldi pubblici buttati. Mangerie, bustarelle, corruzione e sprechi, non hanno insegnato nulla. Lultimo esempio? Il Polo Natatorio (citt dello Sport) che doveva inaugurare i Mondiali di nuoto del 2009 , a tuttoggi gennaio 2012, in costruzione: servono, infatti, altri 500 milioni. Allepoca, per sopperire alle carenze di piscine si ricorse ai circoli sportivi per consentire le gare e le esercitazioni degli atleti. E finita che i circoli ampliarono a proprie spese le piscine, con lautorizzazione del commissario straordinario i cui poteri, per, furono contestati dalla magistratura che sequestr gli impianti. Storia kafkiana. Si dice che le Olimpiadi del 2020 porteranno investimenti per 13 miliardi: gi, intanto 4,6 saranno pubblici, cio pagati da noi, il resto si vedr. Urge un appello al presidente del Consiglio, Mario Monti: guardi al passato. Si convincer che con troppe mangerie da fuori legge e faccendieri, non proprio il caso di promuovere le Olimpiadi a Roma. Se Monti non firma terribile, lappello del sindaco di Roma. Ma perch tutti i favorevoli non versano in un fondo comune 20 miliardi di Euro? [...] Il presidente del Consiglio deve dire no e dire s ad una tassa sui trasferimenti finanziari, a una soppratassa sui trasferimenti dei calciatori in particolare e a una tassa patrimoniale e s alladeguamento delle pensioni al costo della vita Sergio Denti Cremona

PROTESTA

Facciamo tanti sacrifici ma non otteniamo nulla


Egregio direttore, una letteruccia con qualche piccola precisazione al buon Mario Monti, anche perch penso che nelle mie condizioni, si trovi una bella moltitudine di persone. Dunque, ho sessantaquattro anni, ma non posso andare in pensione, dovr aspettare altri due anni, sperando che nel frattempo lei o tutti quelli che vanno al governo, non cambino le cose ancora una volta. Nel frattempo cosa faccio? Lei ha qualche soluzione? Pensi, ritornato nel Cremonese nel 2000, non sono mai e dico mai, riuscito a trovare lavoro, se non qualche brevissima consulenza. Iscritto subito

A SONCINO

SEL DI CREMA

Alzare le tasse per realizzare la ciclabile: assolutamente no


Egregio direttore, la richiesta dei pendolari di avere fermate di arrivo e partenza degli autobus nello stesso luogo, zona Velodromo di via IV Novembre, sacrosanta e non difficile da comprendere. Illogica e testarda la soluzione che a tutti i costi Beretta vuole imporre a cittadini che gi devono affrontare non pochi disagi per recarsi al lavoro. Disagi che vorrebbe riversare anche sui residenti di via Diaz e delle vie limitrofe: far girare i pullman di qua e di l per la citt non una furbata e mette in discussione la sicurezza degli utenti della strada. Un amministratore pubblico sa che suo dovere in certi momenti fare un passo indietro. Assessore questo il momento giusto. Come per la ciclabile di Offanengo: assessore caterpillar, come lei ama definirsi, introduca la retromarcia. Sono convintissimo della necessit di estendere la nostra rete di ciclabili e la mia precedente attivit di assessore ai La-

Pedretti pensa solo ad occupare le poltrone


Egregio direttore, siamo sempre pi stupiti dalla piega che stanno prendendo le cose a Soncino. La politica locale ricrea, in piccolo, situazioni che hanno portato tutto il Paese verso limmobilit amministrativa e verso la crisi economica. Non possiamo, come soncinesi, continuare ad assistere impotenti alla spartizione di posti e poltrone che i due gruppi dirigenti dei partiti che compongono la maggioranza stanno attuando. Viene da chiedersi se gli stessi loro elettori possano ancora tollerare le azioni del cerchio magico. Un gruppo di una decina di persone che fanno il bello e il cattivo tempo, alla faccia della politica partecipativa e collaborativa che da pi attori viene non solo auspicata, ma oramai invocata. Ci permettiamo di fare alcuni significativi esempi, partendo dalla municipalizzata Soncino Sviluppo, il cui cda frutto di spartizione politica e ci si chiede, a parte la meritevole scelta di ospitare le lezioni della banda civica, cosa abbia fatto negli ultimi anni. Tutto fermo, nessuna ini-

Applicazione del regolamento CEE n 1071/09 nuove norme sull'accesso al mercato per autotrasportatori conto terzi e trasporto viaggiatori. Nuova tipologia del gestore trasporti (preposto) e della capacit finanziaria. Obbligo di dimostrazione del nuovo registro relativo allo stabilimento.

INFORMAZIONE PER AUTOTRASPORTATORI

Viale Trento e Trieste, 29 Cremona - tel 0372-461818

Agenzia pratiche automobilistiche Studio Bonazzoli

12

Venerd 10 Febbraio 2012

Bonaldi: Nessun uomo di partito nella mia lista


Quartieri e lavoro sono i temi prioritari di Buon giorno, Crema. La preferenza alle competenze sulle appartenenze. S alla concretezza
eriferia e lavoro: due temi prioritari per la lista civica Buon giorno, Crema che Stefania Bonaldi candidato sindaco per il centrosinistra, sciolta ogni riserva, si accinge a varare. Due temi che nulla hanno a che fare con il vecchio armamentario ideologico, ma che pretendono di essere coniugati secondo attualit, cio con professionalit e competenza. Ormai lanciato il percorso partecipativo dellOfficina, che raccoglie adesioni sino alla prossima settimana e conta gi una settantina di iscritti, Stefania Bonaldi ed il suo staff stanno organizzando altre fasi della campagna elettorale. In cima ai pensieri una propria lista, e un programma concreto, credibile perch calato nella realt della crisi socio-economica che il Paese sta vivendo, Crema non esclusa. E chiaro che il percorso di partecipazione verso le elezioni non pu fermarsi a raccogliere proposte e idee in modo indifferenziato; occorrer stilare una graduatoria di priorit. Quali? Mentre lOfficina dar lopportunit a chi ha competenze, di esprimere le proprie idee, ho in mente in particolare, per ora, due obiettivi. Il primo vuole mostrare Crema in tutta la sua dimensione attraverso una mirata e capillare presenza nei quartieri. Nelle prossime settimane

CREMA

di Tiziano Guerini

Stefania Bonaldi con alcuni collaboratori. Chi c' e chi non ci sar nella lista civica del candidato sindaco del centrosinistra a Crema

articoleremo modi e tempi di questa azione, fondamentale per raccordare centro e periferia. Troppo spesso, infatti, assistiamo in citt ad un doppio binario, ad un centro attivo, vivace e ricco di iniziative, che tuttavia si concentrano entro le mura e tagliano fuori i quartieri. Che hanno voglia di esserci, di partecipare, di richiamare la giusta attenzione anche sulle loro esigenze particolari. Oltre tutto nei quartieri si concentrano buona parte delle realt imprenditoriali che danno lavoro e quindi vita alla citt. Ed questo il secondo punto: il lavoro. Senza lavoro non c sviluppo e ricchezza che sono la premessa indispensabile perch la qualit della vita dei nostri concittadini rimanga elevata. Nel programma e nelle donne e negli uomini che mi affianche-

ranno dovr avere spazio la novit, il merito e lindipendenza da ogni visione di parte. C allora, un altro ambito nel quale Stefania Bonaldi sta spiegando le sue energie in queste settimane: la formazione della sua personale Lista Civica, la lista del candidato sindaco. La lista si chiamer Buon giorno, Crema e mi sto appunto muovendo per individuare i 24 nomi che la comporranno. Il profilo civico dovr essere molto congeniale alla mia storia personale e, soprattutto, si dovr ben conformare alla realt locale, dove molto spesso si vota guardando pi alle persone che non ai partiti. E per quanto riguarda le competenze? Accanto alle proposte, sicuramente

rappresentative e di qualit che le forze politiche offriranno con le loro liste, ritengo opportuno nella mia lista incoraggiare e valorizzare anche il desiderio di partecipazione e le esperienze in campo professionale di chi vuole impegnarsi per la societ anche al di fuori dei partiti. In tal senso? Sono molto contenta e soddisfatta delle espressioni di libero impegno che si stanno manifestando con la lista dei Giovani e quella di Fabio Bergamaschi e Walter della Frera. Io stessa mi sto attivando per comporre una lista veramente civica in cui possano sentirsi interpretati e rappresentati non solo gli elettori che si riconoscono tradizionalmente nel centrosinistra, ma tutti quei cittadini che, in una visione solidale della

societ, credono nella buona amministrazione, nel primato delle competenze sulle appartenenze, nella concretezza dellazione amministrativa. Qualche nome Sto incontrando parecchie persone che hanno capacit ed esperienza professionale oltre che essere gi attivi su vari fronti in citt: chi in comitati, nel sociale o nel settore economico. Chieder a chi ho individuato come tutor del progetto Officina un impegno anche nellandare a costruire la mia lista. Del resto, alcuni fra di essi mi hanno gi manifestato la loro disponibilit ad entrare nella lista del sindaco, esclusi chiaramente i rappresentanti di partito come Mario Lottaroli e Emanuele Coti Zelati che sono stati i miei competitori alle primarie, Anna Rozza di Sel e Alex Corlazzoli gi impegnato come consigliere comunale ad Offanengo. Le proposte programmatiche che emergeranno saranno vagliate e scelte da parte del candidato sindaco dintesa con le forze politiche e soprattutto civiche. Sopratutto nulla che abbia a che fare con limprovvisazione. Quando le risorse si riducono drammaticamente, come sta accadendo allItalia in questo momento, occorre compensare elevando il livello di professionalit, di concretezza, di realismo e di indipendenza di chi governa: pi la crisi si fa dura, pi il tenore di questa compensazione deve essere elevato.

E LA SPESA AGLI ANZIANI TELEASSISTITI

In considerazione della situazione di allerta meteo che ha coinvolto Crema e il territorio cremasco e che continuer a toccare la nostra citt nei prossimi giorni, la Croce Rossa Italiana, comitato locale di Crema, si attivata per far fronte alla situazione di emergenza. Il personale della CRI ha aperto un canale diretto di comunicazione con le forze dell'ordine cittadine (polizia, carabinieri e Guardia di finanza) al fine di ricevere in tempo reale le segnalazioni di eventuali persone senza fissa dimora che passano la notte al freddo in citt; i volontari sono pronti ad intervenire offrendo una coperta, dei vestiti asciutti e una bevanda calda, oltre che per fare da collegamento con eventuali strutture che possano gestire il soggiorno di queste persone per le notti pi fredde. Il Comitato locale inoltre ha preso contatto con i respon-

Gelo, la Croce Rossa Ancora braccio di ferro tra sindaco e Beretta in aiuto dei senzatetto
sabili di Comunit sociale cremasca (l'azienda speciale in collaborazione con la quale la CRI gestisce il servizio di Telesoccorso) per offrire la propria disponibilit a intervenire in caso di necessit delle persone anziane sole teleassistite. La Croce Rossa intende in questo modo evitare che gli anziani mettano a rischio la propria salute uscendo di casa e sfidando le basse temperature: la necessit di acquistare il pane, il latte o di andare in farmacia a ritirare un medicinale sar colmata dal personale volontario della CRI che, attraverso un'organizzazione coordinata del servizio, potr rispondere in tempi ragionevoli alle varie richieste. I punti di riferimento da contattare saranno le assistenti sociali dei singoli comuni di residenza degli anziani o il centralino della sede di Croce Rossa al numero 0373/87123. BB Solo qualche settimana fa sembrava cosa fatta; ora invece il bilancio 2012 del comune di Crema ancora in alto mare. A decidere saranno i consiglieri comunali di maggioranza dice il sindaco Bruno Bruttomesso. No, devono essere le segreterie dei partiti di centrodestra a doversi mettere daccordo. Il Pdl la sua posizione lha gi presa ribatte Simone Beretta, replicando un conflitto gi visto altre volte con il primo cittadino. Il fatto che i riferimenti politici alleati del Pdl in comune a Crema, lungi dal voler ricercare un accordo sul bilancio, ne stanno facendo una prova di forza per rivendicare autonomia decisionale e importanza politica. Per Lega, Udc e Obiettivo Crema la domanda : Come si fa a liberarsi dallabbraccio mortale del Pdl in questa tornata amministrativa che volge alla fine?. La Lega ha da tempo fatto i propri passi al riguardo: ha fatto dimettere lallora assessore, Walter Longhino, si defilata dalla maggioranza ed ora naviga
Luigi Doldi, Obiettivo Crema

Il bilancio 2012 ancora in alto mare. Interrogativo cruciale: pi tagli o pi tasse?


mare che si vuole evitare di mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Nessuno contento di aumentare tasse e tariffe afferma Simone Beretta, ma bisogna anche fare un bilancio onesto, che stia in piedi e che non approfitti del fatto che si dura in carica ancora solo per quattro mesi. Per questo, fatti tutti i tagli possibili, un ritocco a Irpef e Imu seconda casa, si impone, se vogliamo essere amministratori seri. Giusto, ma siamo sicuri di aver fatto tutto il possibile per non appesantire il bilancio con opere non strettamente urgenti?; a replicare in questo modo sono Martino Boschiroli e Luigi Doldi, e forse anche qualcuno allinterno del gruppo del Pdl. Il riferimento esplicito: ciclabile di S. Bernardino-Offanengo e ampliamento della scuola materna di Ombriano sono cos urgenti? E debbono proprio gravare direttamente sul bilancio? I due argomenti sono delicatissimi perch coinvolgono due frazioni elettoralmente molto sensibili, e che esprimono numerosi consiglieri comunali. Voglio proprio vedere quali consiglieri voteranno contro queste due proposte che la giunta ha avanzato e di cui, del resto, si parla da tempo: il Simone Beretta da S. B e r n a rd i n o c h e parla. A lui replica Luigi Doldi, consigliere di Obiettivo Crema, nella veste di presidente della Commissione Patrimonio. Cera un accordo secondo cui le due opere in questione, ciclabile di S. Bernardino e scuola materna di Ombriano, si sarebbero finanziate con le entrate previste dalla alienazione di alcuni beni comunali. Questa alienazione ancora non c stata, quindi non c il capitolo di spesa a cui far riferimento. Se ne potr parlare pi avanti. Berenice Bettinelli

a vista in consiglio comunale, e viaggia spedita verso la propria indicazione autonoma di lista e candidato sindaco. Per Udc e Obiettivo Crema tutto si deve giocare in questi giorni con la discussione e votazione del bilancio 2012. Votare contro un bilancio un fatto grave; pur vero che a poche settimane dalla conclusione del quinquennio Bruttomesso, non cade n giunta n sindaco, ma certo il contraccolpo politico e quindi elettorale sarebbe pesante. Meglio dare dimostrazione di forza prendendo spunto da qualche aspetto particolare del bilancio e naturalmente - cosa che fa sempre effetto procla-

Nel mirino, ciclabile Crema-Offanengo e materna Ombriano

Le ricerche sono rivolte a candidati delluno e dellaltro sesso (L:903/77 e L. 125/91). Trattamento dati personali secondo D.Lgs. 196/2003 visionabile sul sito www.ddlspa.it. Aut. Min. Prot. N 1239 - SG del 22/12/2004

PERSONALE ISCRITTO ALLE LISTE DI MOBILITA per aziende cremasche operanti in diversi settori. Per azienda operante nel settore cosmetico OPERAIE con esperienza nel CONFEZIONAMENTO/RIEMPIMENTO MANUALE. Sede di lavoro: vicinanze Crema. TORNITORE / FRESATORE CON ESPERIENZA nella programmazione del centro lavoro. Sede di lavoro: Fontanella (BG).

FRESATORE MECCANICO con esperienza su frese tradizionali. Sede di lavoro: vicinanze Crema. SALDATORE TUBISTA esperto sia nella saldatura di tipo lo, tig e nella lettura del disegno meccanico. Sede di lavoro: vicinanze Soresina. MONTATORE MECCANICO di macchinari ad alta automazione. Indispensabile autonomia nella mansione di riferimento. Sede di lavoro: vicinanze Crema.

Europe At Work s.c.a.r.l. Iscr. Albo Cooperative a Mutualit Prevalente al n A171201 Sede di Chieve Via Marco Biagi, 2 26010 Chieve (CR)
EUROPE AT WORK SCARL Via Marco Biagi 2 Chieve (CR) cerca per azienda sita in Spinadesco (CR) operaio generico . Richiesta ottima padronanza lingua italiana. Tel. 0373-649849 EUROPE AT WORK SCARL Via Marco Biagi 2 Chieve (CR) cerca operaio per azienda settore alimentare con esperienza responsabile del personale e buon utilizzo muletto per importante azienda del cremasco. Richiesta ottima padronanza lingua italiana e patentino per il muletto. Tel. 0373-649849 EUROPE AT WORK SCARL Via Marco Biagi 2 Chieve (CR) cerca mulettista con esperienza per importante azienda del cremasco. Richiesta ottima padronanza lingua italiana e patentino muletto. Tel. 0373-649849 EUROPE AT WORK SCARL Via Marco Biagi 2 Chieve (CR), cerca operai /operaie generici/ che per aziende nel cremasco. Richiesta ottima padronanza lingua italiana. Tel. 0373-649849
Area Recruiting & Selezione Tel. +39 0373 649849 Fax +39 0373 649685 @mail: selezione-chieve@europeatwork.it Ai sensi e per effetti del T.U. sulla Privacy (D.Lgs. 196/03), la presente @mail destinata unicamente alle persone sopraindicate e le informazioni in essa contenute sono da considerarsi strettamente riservate. E' proibito leggere, copiare, usare o diffondere il contenuto della presente @mail senza consenso. Se avete ricevuto questo messaggio per errore, siete pregati di rispedire la stessa al mittente. Grazie.

Tel. 0373/200471 - 200228-204439 Fax 0373/203449 e-mail: crema@ddlspa.it www.ddlspa.it

FILIALE di CREMA Via Lago Gerundo, 18/3 26013 CREMA (CR)

Crema

Venerd 10 Febbraio 2012

13

Lorchestra giovanile Sweet Suite della Scuola di Musica Claudio Monteverdi di Crema, insieme allomonimo coro giovanile, il risultato di un percorso didattico che la Scuola di Musica Claudio Monteverdi di Crema offre ai suoi allievi consentendo, fin dalla tenera et, di affinare le potenzialit artistiche e formative Del cantare e del suonare insieme.

Orchestra giovanile Sweet Suite della scuola Monteverdi di Crema: fare musica insieme
Uno degli obiettivi fondamentali della Scuola infatti, oltre lapprofondimento dello studio dello strumento preferito ed il conseguimento di diplomi nei Conservatori statali di musica, la costituzione di formazioni stabili di musica dinsieme: coro di voci bianche e giovanile, ensemble di fiati, insieme arpe, flauti, chitarre, percussioni, archi, orchestra ed insiemi di

musica moderna. Al coro e allorchestra giovanile Sweet Suite appartengono allievi e giovani musicisti che, dopo aver acquisito capacit tecniche nello studio individuale del proprio strumento e capacit di far musica insieme nei vari ensemble, si riuniscono settimanalmente per le prove di coro e dorchestra.

Lorchestra giovanile Sweet Suite della scuola Monteverdi

Loro non comanderanno pi come adesso


di Tiziano Guerini
Opimio Chironi Enzo Bettinelli Simone Beretta Gianni Rossoni

Pdl, congresso provinciale: Rossoni e Beretta sono dovuti scendere a patti con una seconda lista. I cremaschi in lizza

ino Jotta (coordinatore uscente Pdl provinciale), Gianni Rossoni (assessore regionale e indiscusso leader cremonese del Pdl), e Simone Beretta (potente responsabile Enti Locali del partito), non comanderanno pi come prima: con il congresso provinciale unitario del Pdl di sabato 11 febbraio, verr sancita la presenza paritaria fra chi ha governato il partito fino ad ora e chi invoca il cambiamento. Questo il prezzo che lattuale dirigenza ha dovuto pagare per evitare uno scontro fra due candidati e la rottura del Pdl in due correnti. Gianni Rossoni ha avuto questo mandato dal coordinamento regionale e ha convinto anche i pi riottosi allaccordo. Dice Opimio Chironi che dopo tutti questi anni di opposizione interna al partito del Pdl a Crema ora entrer nel direttivo provinciale: Un coordinatore e un vice coordinatore espressi dai due orientamenti interni al partito dovranno trovare una intesa fra di loro sui principali temi di politica amministrativa; diversamente sar il direttivo provinciale ad esprimersi composto da membri in numero paritario.

E il primo congresso provinciale che il Pdl celebra perch fino ad ora i responsabili del partito erano di diretta nomina del vertice regionale, e per la prima volta emerge una dialettica interna che potrebbe dar vita a un vero confronto politico. Laccordo trovato nel Pdl provinciale per il coordinatore unico Luca Rossi, prevede che venga affiancato da un vice coordinatore indicato in Fabio Bertusi. Il primo, espressione della tradizionale rappresentanza di origine Forza Italia; il secondo, che vice sindaco di Soresina, di una realt emergente di giovani amministratori locali come Gabriele Gallina, vicesindaco di Soncino, di alcuni dirigenti politici della vec-

chia Alleanza Nazionale e - dicono da Crema - di qualche battitore libero. Oltre ai nomi del nuovo coordinatore e vicecoordinatore provinciale, laccordo politico prevede anche una rappresentanza paritaria fra le due realt del partito (chiamarle correnti sarebbe improprio dice il coordinatore di Crema Enzo Bettinelli): 30 componenti di cui 15 votati direttamente dal congresso, e altri quindici da un listino bloccato collegato con la candidatura Rossi. La rappresentanza tale afferma Opimio Chironi, da garantire un dibattito interno finalmente libero e da liberare forze di novit che fino ad ora sono state compresse. Naturalmente nel nuovo coor-

dinamento provinciale del Pdl entreranno nomi noti e autorevoli anche della realt cremasca: detto di Opimio Chironi e di Gabriele Gallina, vice sindaco di Soncino, ci saranno Massimiliano Salini, presidente della provincia, Simone Beretta assessore a Crema, Bruno Paggi, imprenditore di Camisano ed Ezio Piacentini di Sergnano. E subito sul tavolo, in riferimento a Crema, c il tema delle primarie per la scelta del candidato sindaco. Farle o non farle? I tempi sono stretti, ma sia dallo statuto, sia dal nuovo coordinamento provinciale (lo stesso Fabio Bertusi), sia da personalit autorevoli del Pdl di Crema, viene impellente la richie-

sta di celebrarle. Bettinelli cos commenta: Non sono mai stato entusiasta del metodo delle primarie, ma nemmeno le osteggio. Certo sar impossibile fare sia il congresso cittadino sia le primarie. Sul congresso cittadino gi si sentito il parere autorevole di Gianni Rossoni che lo rimanda a dopo le elezioni amministrative; rimangono le primarie. Ne parleremo a giorni nel direttivo del partito. Se il Pdl decider di fare le elezioni primarie, saranno primarie affollate. Svanita lidea di tenere primarie di coalizione - cio Pdl e alleati - dal momento che la Lega ha in pratica ormai ufficializzato la scelta di correre da sola, non per questo mancano aspiranti candidati allinterno del Pdl. Oltre ad Antonio Agazzi e a Maurizio Borghetti che da tempo hanno espresso la loro volont di partecipare alla consultazione, anche Simone Beretta pare non tirarsi indietro, ma sempre ammesso che si facciano le primarie afferma scettico, e rispetto alle quali da sempre nutro qualche perplessit. Per se il mio partito si rivolge ai propri iscritti e simpatizzanti, non posso non metterci la faccia, proprio per il ruolo di dirigente di partito che ho ricoperto.

Non ci sono pi i soldi per comperare i giornali nella emeroteca della biblioteca civica di Crema. Chiusa. Provvisoriamente dichiara Paolo Mariani, assessore alla Cultura. Non appena approvato il bilancio 2012, torneremo ad acquistare i quotidiani di sempre. Intanto la cosa non passata inosservata. Mario Lottaroli, gi candidato alle primarie per il centrosinistra e leader di Rifondazione Comunista ha denunciato la chiusura di quello che ritiene essere lo spazio pi frequentato dagli utenti della biblioteca. In queste mattine, come mio solito scrive Lottaroli, mi sono recato alla biblioteca comunale ed ho provato una grande tristezza nel vedere deserta la sala dellemeroteca, di solito animata dallandirivieni di utenti di tutte le et, e nel trovare vuoti gli espositori dei giornali quotidiani con affisso al loro posto il cartello che annunciava la sospensione

Biblioteca con due soli quotidiani

Incredibile, ma vero. Situazione provvisoria dice l'assessore

La biblioteca di Crema

del servizio fino alla fine di febbraio. Possibile, ci si chiede, che con un bilancio annuale di oltre 30 milioni di euro il Comune non riesca a far fronte ad una spesa di qualche centinaio di euro? E questa lattenzione che si presta alla cultura?. Vogliamo credere che si sia

trattato di un equivoco, o forse si voluto dare un segnale a chi dovrebbe risolvere questi piccoli problemi. Sicuramente fra qualche giorno, i quotidiani e le riviste faranno bella mostra di s sugli scaffali per la gioia ritrovata degli affezionati utenti. Berenice Bettinelli

Sotto zero: coprite i contatori dellacqua


Visto labbassamento delle temperature, che soprattutto durante la notte potranno scendere di alcuni gradi sotto lo zero, SCS Gestioni invita tutti gli utenti che hanno i contatori dellacqua esterni o comunque esposti al gelo, a coprirli con materiali isolanti per evitare che ghiaccino e che si fermi lerogazione dellacqua alle abitazioni. Un altro accorgimento utile quello di lasciare aperto al minimo, per tutta la notte, almeno un rubinetto di casa: in questo modo la circolazione dellacqua nelle tubature non si interrompe e si evita cos che gelino. Per il servizio di pronto intervento per le operazioni di disgelo dei contatori, chiamare il numero verde 800.904858 Oppure il centralino aziendale 0373.89711.

Paullese, i lavori procedono. Ecco dove


Venerd 10 Febbraio 2012

14

Crema

di Gionata Agisti

lavori di raddoppio della Paullese stanno procedendo senza intoppi, nonostante il gelo e la neve delle ultime settimane. Secondo il crono programma, il primo lotto, quello da Bagnolo a Dovera, dovrebbe essere terminato entro lautunno, al massimo linverno, di questanno. Come ci aggiorna lassessore provinciale ai Lavori pubblici, Giuseppe Fontanella, nei giorni scorsi stata introdotta una modifica alla viabilit, che riguarda la circolazione dallazienda Sipral fino al quartier generale del cantiere, a Vaiano Cremasco. Questo tratto di provinciale, della lunghezza di un chilometro circa, rimarr

chiuso almeno fino alla tarda primavera si parla di maggio - e causer ulteriori ma inevitabili complicazioni agli automobilisti di passaggio, che dovranno deviare su una nuova strada di servizio, che affianca le aziende. stato fissato anche un limite di velocit, di 50 chilometri orari, per garantire la sicurezza degli accessi a raso alle imprese. Ma se vero che i disagi aumenteranno, questo anche segno dello stato di salute dei lavori, che avanzano con regolarit. La nuova strada potr contare su un nuovo tipo di asfalto fonoassorbente e in grado di assorbire le polveri sottili aggiunge lassessore. Costa di pi ma non si ghiaccer e non si dannegger facilmente. Soddisfatti i Comuni dellasta, a

cominciare dal capofila, Spino dAdda: Lobiettivo quello di evitare soluzioni di continuit tra la fine del primo e linizio del secondo lotto, da Dovera a Spino afferma il sindaco, Paolo Riccaboni. La maggior parte degli accordi bonari per lesproprio dei terreni sono gi stati firmati continua, e quindi la gara di appalto potrebbe benissimo essere indetta entro la fine dei lavori del primo lotto. Dobbiamo solo vigilare che i 55 milioni di euro gi stanziati dalla Regione vengano confermati e i tempi rispettati, ma non c ragione di dubitarne. Entro la fine del mese, convocher una riunione dei Comuni dellasta, a cui inviter anche lassessore Fontanella, cos che, nel caso di malumori per lulteriore disagio causato dalla mo-

difica alla viabilit, i miei colleghi potranno avanzare eventuali ipotesi alternative allamministrazione provinciale. Per quanto riguarda lo stato dei lavori nella direzione opposta, da Milano a Spino, gli animi sono un po meno sereni. In merito ai lavori di riqualificazione e potenziamento della Paullese interviene il consigliere provinciale di minoranza Massimo Gatti - della lista Unaltra Provincia Prc Pdci - siamo di fronte a una lentezza esasperante, che sta mettendo a dura prova la vita di migliaia di cittadini e di pendolari. Una nota della Provincia di Milano, del giugno 2011, indicava il termine dei lavori per lautunno scorso. La realt per ben diversa e siamo ancora in un vero e proprio pantano. Abbiamo pi volte

Il consigliere provinciale Massimo Gatti

chiesto, con atti formali, di concentrare le risorse pubbliche per completare le opere in corso nei tempi programmati e per sostenere il trasporto pubblico locale. Purtroppo Pdl e Lega, in regione Lombardia e in Provincia di Milano, proseguono a giocare con Tem, Brebemi e Serravalle, continuando, tramite queste, a regalare soldi pubblici ai privati, che poi si ingrassano ulteriormente grazie alle carissime tariffe in esclusiva.

Beretta, i bus devono passare per via IV Novembre


Nonostante le diverse mail alle quali non MAI seguita alcuna risposta ufficiale da parte dei destinatari, siamo ancora a segnalare la situazione a dir poco grottesca che si venuta a creare in seguito alla delibera che ha vietato il transito dei bus extraurbani lungo la via IV Novembre: decine di pendolari residenti nelle zone comprese tra Campo di Marte e Piazzale Rimembranze continuano ad essere costretti a scarpinate assurde al freddo di questi giorni per scelte che non esitiamo a definire inconcepibili ed ingiustificabili da parte degli amministratori. La stampa ha dato ampio spazio alle segnalazioni dei problemi che siamo costretti a sopportare dal momento dell'applicazione dell'ordinanza, non ci dilunghiamo quindi nel descrivere in dettaglio il disagio arrecato, anche se molte altre mail giunte alla nostra casella parlano di passaggi pedonali pericolosi e non illuminati, marciapiedi ancora ricoperti dal ghiaccio e altre simili "amenit". Beretta non scarichi responsabilit sugli altri: la decisione di modificare il percorso dei bus stata sua e non pu pretendere che Provincia o AddaTrasporti si accollino la responsabilit di avallare soluzioni che porterebbero a situazioni di pericolo. Prima di emettere l'ordinanza occorreva verificarne l'impatto sull'utenza del servizio dei bus. E' quindi a nostro avviso inaccettabile che a distanza di quattro mesi dall'ordinanza in oggetto, non si sia ancora trovata una soluzione definitiva e si continuino a giocare allo "scaricabarile". Ora quindi chiediamo con forza che venga ritirata l'ordinanza che vieta il percorso dei bus sulla via IV Novembre e che nel frattempo si

Fermata delle corriere al velodromo o in via Diaz? La polemica incandescente. Un esemplare botta e risposta

Egregio Begotti, lei fa solo speculazione politica

cerchi una soluzione per le fermate, dopodich si potr pensare ad alleviare i fantomatici "sacrifici" degli abitanti di via IV Novembre ripristinando l'ordinanza. Secondo noi infatti, dopo averli sopportati per anni, i residenti avranno sicuramente la pazienza di attendere qualche giorno affinch sia trovata una soluzione che possa soddisfare tutti, residenti e pendolari. Ora abbiamo coinvolto nella vicenda anche il Difensore Civico, ma siamo pronti a sollevare la questione a livelli ancor pi efficaci dal punto di vista "mediatico" nel caso non venga data celere risposta alle nostre istanze; restiamo quindi in attesa di una risposta scritta a questa mail che pensiamo ci spetti di diritto. Stefano Begotti Coordinamento "Pendolari Cremaschi"

Ho letto gli improperi inconcludenti assemblati dal signor Stefano Begotti, uomo dellOfficina della candidata a sindaco di Sel, Rifondazione comunista e Partito Democratico, signora Bonaldi. Un assemblaggio mal riuscito. Linsieme dei pezzi che non si incastrano per nulla relativamente alla soluzione delle fermate dei bus, ma si incastrano invece alla perfezione nella bassa speculazione politica. Prendi un sindacalista di parte, mettici insieme uno Stefano Begotti di turno altrettanto di parte, due consiglieri, anchessi della stessa parte che mi interrogano in consiglio comunale, ed il puzzle, per un immaginifico spottone elettorale costruito a tavolino comunque svelato e mal riuscito, si compone. Che simpatici hobbisti! Io vado avanti per la mia strada perch contro il loro interesse di parte ne difendo uno che ritengo pi corretto, perch pi solidale e rispondente quindi agli interessi generali. Riconfermo quindi la mia ultima proposta in campo (una fermata allinizio di via Diaz e unaltra in via Cadorna dove cera una volta il chiosco dellAGIP), condivisa anche da Adda Trasporti. Capisco che a questo signore una soluzione di cotanto buon senso risulti indigesta, ma essa compatibile proprio con linteresse generale che soddisferebbe da una parte i pendolari e dallaltra gli abitanti di

via IV Novembre, che non sono per nulla fantomatici e che meritano anche il rispetto del perito Begotti. Non lo soddisfa evidentemente in quanto lui non potrebbe continuare a partorire amenit e sciocchezze. Per via poi delle scarpinate al freddo e dei marciapiedi pieni di ghiaccio, consiglio al signor Begotti di lasciar perdere. Eviti di rendersi improvvido. Non , per caso, che il suo sindaco di Milano Pisapia gli ha imbellettato, anche di questa stagione, con qualche fiore i marciapiedi che lo conducono al lavoro? Pu comunque anche rivolgersi ai servizi sociali del proprio comune che, per non fargli prendere troppo freddo, gli potrebbero mettere a disposizione un taxi che lo prelevi sulluscio di casa a Capergnanica, ammesso che abita ancora l. Imputano a me di essere arrogante, ma credo che, in questo modo, tengo lontani i furbetti del quartierino alla Begotti. Io sono sempre stato impegnato a trovare una soluzione seria, e ritengo di averla trovata, sia per soddisfare i pendolari che i residenti di via IV Novembre. Lui solo impegnato, rispetto alla prossima campagna elettorale della Bonaldi per le amministrative di Crema, a rimediare qualche voto per vincerle. Ma in questo modo perderebbe la nostra comunit. Simone Beretta Assessore alla Viabilit e Lavori Pubblici

questione di soldi e di assenze? no. troppo a sinistra


Siparietto politico con ripetuto scambio di dichiarazioni fra Giovane Italia (movimento giovanile del Pdl) e Staff organizzativo del Caff Politico. Dicono i due esponenti della Giovane Italia: Alla luce dellevoluzione del contesto politico e di fronte al sorgere di problematiche interne alla associazione (del Caff Politico) non vi sono pi i presupposti per una nostra partecipazione produttiva al progetto. Risposta del Caff Politico: I veri motivi? Latitanza del Pdl nel pagare le rate del finanziamento stabilite, e assoluta assenza dei giovani del Pdl alla partecipazione ai lavori della associazione. Comunque il Caff Politico ha dichiarato che proseguir la propria attivit. Una buona notizia. Dei 13 membri dello staff organizzativo, solo 5 hanno tessere di partito: 2 del Pd, 1 dei giovani democratici; 2 della Lega. Controreplica dei giovani Pdl: Abbiamo sempre partecipato ai lavori. Abbiamo constatato veti nei confronti di nostre proposte per ospiti pi o meno riconducibili al centrodestra. Abbiamo notato uno spostamento del Caff Politico verso posizioni riconducibili al centrosinistra. Siamo di fronte a due visioni diverse del Caff Politico: luogo di dibattito guidato dai partiti, o lasciato alla libera espressione di giovani liberi e maturi?

Caff politico: i giovani Pdl hanno rotto

Nellambito delle celebrazioni del Giorno del Ricordo in memoria delle vittime delle Foibe, lAmministrazione Comunale di Crema organizza per venerd 10 febbraio, alle ore 10.45, in Piazza Istria e Dalmazia una cerimonia civile per fare memoria di quel particolare momento storico che stata la tragedia delle Foibe, in cui hanno perso la vita tanti italiani. La cerimonia vedr la presenza e la testimonianza di Tommaso Caizzi, profugo Dalmata, oltre alla rappresentanza di alcuni studenti delle scuole cittadine e dei cadetti della Scuola Militare Teuli di Milano. Inoltre, Gioved 16 febbraio, alle ore 11.15, presso la sala Alessandrini in via Matilde di Canossa, il professor Franco Cecotti, storico dellIstituto regionale per la storia del Movimento di Liberazione nel Friuli-Venezia Giulia, incontrer i ragazzi delle scuole di Crema sul tema Guerra e violenza al confine orientale: foibe ed esodo 1943/1945. Parteciperanno circa 250 ragazzi dei seguenti istituti: Liceo Scientifico Da Vinci, ITIS Galilei, Liceo Racchetti, Liceo Manziana, Istituto Marazzi, Istituto Stanga, Istituto Panzini di Cremona.

Cerimonia in ricordo delle vittime delle Foibe

Crema

Venerd 10 Febbraio 2012

15

Domenica ritorna il Gran Carnevale ma c una grande paura per la neve


Bene la prima puntata: 2.000 presenti nonostante il freddo. Ancora le bancarelle (9-19)
l ritorno del Gran Carnevale Cremasco, questanno alla sua 26.a edizione, stato sotto il segno del freddo intenso e del rischio neve. Uno spauracchio, ormai, quello del cattivo tempo, visto che, lanno scorso, ben due domeniche su tre saltarono a causa della pioggia e cos pure la quarta, che era stata aggiunta proprio per rimediare al mancato introito delle precedenti. Domenica scorsa, comunque, la prima andata in scena senza intoppi, a parte il forfait del gruppo folcloristico, ospite da Alba Adriatica, e delle consuete brasiliane. Inizialmente, gli organizzatori avevano avuto qualche dubbio sul fatto di dare il via alla sfilata, ma larrivo del pubblico ha convinto ben presto anche gli animi pi riluttanti. Alla fine, gli spettatori sono stati allincirca 2mila, un numero in linea con la media delle prime domeniche degli ultimi anni. Quasi mai si riusciti a fare il pienone gi alla prima occasione. Gli organizzatori dellevento sono quelli di sempre: il Comitato Carnevale Cremasco, da questanno presieduto da Eugenio Pisati e lAssociazione Carnavalart, pi i tre gruppi che realizzano a mano i carri pi imponenti: i Barabt, gli Amici e i Pantel. Circa 40 artigiani volontari, tra ingegneri, elettricisti, carpentieri, falegnami e pittori, che lavorano sia destate che dinverno, la sera, il finesettimana, ininterrottamente. Per creare il rivestimento in cartapesta

corso di formazione

Maltrattamenti a donne e minori: saperne di pi

di Gionata Agisti

dei mascheroni, impiegano 6 quintali di carta riciclata, incollata con farina e acqua e, per lintelaiatura e il meccanismo interno in movimento dei carri, saldano 7 quintali di ferro. Senza dimenticare la collaborazione con lo Sraffa. Il Comitato Carnevale collabora con questo istituto ormai da anni, grazie alla disponibilit della dirigenza e dei professori Nicoletta Malosio, Antonio Freni e Francesca Savoini. I ragazzi della scuola fanno da guide turistiche nelle domeniche della festa, si travestono da clown, truccano le piccole maschere, realizzano sculture di palloncini e si occupano del servizio fotografico dellevento. Per il prossimo anno, ideeranno anche i manifesti e le brochure del Carnevale.

Il sacrificio di tutti questi volontari ricompensato dal prestigio della manifestazione, la pi importante della Lombardia nel suo genere, e dalle migliaia di famiglie che ogni anno partecipano allevento. Il secondo tempo del Gran Carnevale Cremasco previsto per domenica, con partenza del corso mascherato al solito orario, le 14.30. Come ospiti, interverranno le maschere veneziane originali, la Banda Spettacolo La Campagnola di Lucca e, direttamente dalla Corte mantovana dei Gonzaga, il gruppo Tamburi Medioevali della Compagnia delle Torri. In centro, anche i mercatini, dalle 9 alle 19, con le visite guidate alla citt, che partono ogni 10 minuti. Ma il tempo rimane lunico giudice e,

dopo il bilancio negativo dellanno scorso, le preoccupazioni si fanno sentire. La manifestazione molto costosa evidenzia il presidente Pisati. Bisogna tenere conto anche dellaffitto del magazzino di via Fermi, per la realizzazione dei carri. In tutto, siamo nellordine delle 80-90mila euro di spesa allanno. Considerati i risultati dellanno scorso, una perdita di circa 6mila euro, per questa edizione abbiamo dovuto tagliare laddove possibile, soprattutto nella pubblicit, perch nostra ferma intenzione preservare assolutamente la qualit raggiunta dal Carnevale, che stata riconosciuta anche dallOsservatorio Turistico della Provincia, all'interno di una relazione dedicata all'analisi degli eventi di maggior richiamo del territorio, commissionata dall'Istituto nazionale ricerche turistiche, lIsnart. Dalle interviste realizzate dai ricercatori, i cremaschi e i turisti che hanno assistito alle sfilate si sono dichiarati pi soddisfatti di quanto immaginassero del grande evento e della giornata trascorsa a Crema. La ricerca ha anche calcolato le ricadute economiche del Carnevale sul territorio, evidenziando che i visitatori spendono in media da 24,66 a 42,69 euro, escluso viaggio e alloggio. Soldi che vengono investiti in ristorazione e acquisti vari. Le nostre uniche entrate sono dovute ai numerosissimi sponsor, sempre disponibili nei nostri confronti, e allacquisto dei biglietti dingresso. Ci piacerebbe poter regalare il Carnevale al nostro pubblico ma la situazione non ce lo permette.

Con-tatto, Rete contro il maltrattamento alle donne-Territorio Cremasco, organizza un corso di formazione di base Lavorare con donne e minori vittime di violenza rivolto a volontari, operatori del sociale, operatori sanitari e forze dell'ordine. Il corso, realizzato grazie al contributo dell' Azienda farmaceutica municipalizzata di Crema, gratuito e aperto ad un massimo di 20 partecipanti, sar strutturato in 3 incontri nelle giornate di venerd 2 marzo- 9 marzo e 16 marzo dalle ore 14 alle 18, si terr presso il Centro giovanile San Luigi di Via Bottesini a Crema. L'idea di proporre un corso che affronti la tematica del maltrattamento alle donne a ai minori e che offra spazi di confronto e comuni elementi di riflessione. La docente si avvarr della sua pluriennale esperienza terapeutica direttamente a contatto con donne e minori vittime di violenza e come supervisore alle organizzazioni che si occupano di questo tema. Per maggiori informazioni e iscrizioni (che si chiuderanno il 24 febbraio 2012), contattare Daniela Venturini al numero di telefono 0373 257911 oppure tramite indirizzo mail: con-tatto.d@libero.it BB

Rubavano bottiglie ai super: arrestati


I carabinieri di Pandino hanno arrestato due rumeni 35enni, C.M.A., operatore edile, e D.G., autista, entrambi senza fissa dimora e censurati, ritenuti responsabili di furto continuato aggravato in concorso. Sono stati sorpresi dai carabinieri di pattuglia, nel parcheggio antistante il supermercato Famila a Pandino, in possesso di tre bottiglie di alcolici asportate poco prima. La perquisizione dellautovettura Bmw serie 5 intestata a una connazionale residente a Crema, in via Cavalli 32, consentiva di rinvenire ulteriori cinque bottiglie di alcolici, risultate asportate medesimo pomeriggio supermercato Punto-Sma di Spino dAdda. Alla conclusione delle indagini risultato che D.G. risulta complice di altri due rumeni, gi identificati, residenti a Spino, del furto di generi alimentari perpetrato il 23 gennaio sempre allo Sma. stato individuato dai carabinieri che hanno osservato le immagini delle video sorveglianza. Ci sono stati arresti. BB

Il procuratore, Daniela Borgonovo, e il primo bilancio di responsabilit sociale

Da sinistra: Salvatore Cappelleri, Daniela Borgonovo e Filippo Chesi

Marted, presso il Palazzo di Giustizia, il procuratore della Repubblica, Daniela Borgonovo, ha illustrato il primo bilancio di responsabilit sociale dell'attivit della Procura, da lei fortemente voluto, nell'ottica di una maggiore trasparenza nei confronti della cittadinanza, unitamente alla Carta dei Servizi, per raccontare la Procura ai suoi cittadini: quali sono i suoi compiti, le attivit che svolge e i modi e i tempi di erogazione dei servizi. Accanto al procuratore, nella conferenza stampa, anche il presidente del Tribunale, Salvatore Cappelleri e Filippo Chesi, della Lattanzio e Associati di Roma, societ di consulenza per pubbliche amministrazioni, che ha assistito la Procura nel lavoro di ristrutturazione e riorganizzazione interna degli ultimi tre anni. L'obiettivo che avevamo in vista ha esordito il procuratore, era la maggior efficienza del nostro servizio, che si concretizza in tre aspetti principali: ragionevole durata del processo, efficienza nell'impiego della polizia giudiziaria e nell'impiego delle risorse fi-

Conferenza stampa con il presidente Salvatore Cappelleri

nanziarie. Che questo risultato sia stato raggiunto confermato dalla relazione del Ministero della Giustizia, seguita all'ispezione ordinaria del settembre 2010. Borgonovo non fa sconti alla situazione trovata al momento del suo insediamento, nel dicembre di due anni prima: un ufficio del tutto privo di un'adeguata programmazione, con assoluto disordine e sovrapposizione di attivit, compresa la pendenza di procedimenti risalenti a un decennio prima. Con l'impegno di tutti e nonostante l'inadeguatezza dell'organico, pi volte sottolineata dal procuratore - solo due i suoi sostituti - stato esaurito l'arretrato. Da segnalare che, a breve, il trasferimento di un magistrato e l'omessa copertura del posto da parte del Consiglio Superiore della Magistratura, determiner il rapporto popolazione/ sostituti pi alto d'Italia. Per migliorare la qualit dei servizi erogati ai cittadini, tra le altre cose, stato realizzato l'Ufficio Unico di Ricezione Atti e Informazioni al pubblico, costituito da due sportelli, esterni alle segreterie, con

personale competente. Sono stati rinegoziati i rapporti con fornitori esterni di servizi, riuscendo ad abbattere anche i costi delle intercettazioni telefoniche dell'80% ed stato predisposto un locale con un sistema di video registrazione per le audizioni protette dei minori, in ossequio alle convenzioni internazionali in materia. Quanto al lavoro giudiziario, stata costituita la Sezione Affari Semplici, destinata alla trattazione dei procedimenti relativi a reati che richiedono indagini di routine, con ricadute significative in termini di produttivit dell'azione giudiziaria. E poi in fase di realizzazione il sito internet, che consentir presto la richiesta di certificati on line. Si cos raggiunto lo standard minimo per affrontare un nuovo progetto organizzativo ha concluso il procuratore, caratterizzato da una particolare attenzione alla qualit del lavoro svolto. Lo scorso giugno, infatti, la Procura di Crema stata selezionata come sede sperimentale del Piano straordinario per la digitalizzazione, promosso dai Ministeri della Giustizia e della Funzione pubblica, per rendere pi efficiente il servizio giudiziario. A questo scopo, nel mese di novembre so-

La soppressione del tribunale non certa e vi spiego il perch


no stati installati nuovi computer e scanner, con l'impegno di procedere alla digitalizzazione di tutti i nuovi procedimenti. Su tutto questo grava l'incognita dell'eventuale soppressione del Tribunale e della Procura ha per precisato Borgonovo. Ho sentito dire che questa soppressione si d per certa, eppure ci sono molti fattori che possono giocare a favore del nostro Tribunale, a cominciare dal fatto che serviamo un bacino di 152mila abitanti, il doppio rispetto ad altre procure della stessa dimensione. A me, personalmente, non pare che un accorpamento con Cremona migliorerebbe la situazione, n in termini economici e nemmeno di efficienza, visto che il Tribunale del capoluogo ha un arretrato di 9mila fascicoli e accollarsi anche i nostri non lo aiuterebbe. Potrebbe anche verificarsi un accorpamento tra il territorio cremasco e quelli di Treviglio e Cassano d'Adda. Speriamo comunque che il bilancio da noi stilato possa aiutare nel migliore dei modi la commissione chiamata a pronunciarsi. Gionata Agisti

16

Venerd 10 Febbraio 2012

Crema

Biblioteca di Capralba: quanti libri ha prestato. Ampliati i servizi


Nel corso del 2011 la biblioteca comunale di Capralba ha registrato 5.069 prestiti di cui 4.345 locali e 724 tramite il prestito interbibliotecario: 459 come richiedente per i propri utenti e 265 come prestante ad altre biblioteche del sistema. Un trend positivo se si considera che nel 2010 sono stati registrati 3.894 prestiti, nel 2009 2.904, nel 2008 2.326 e nel 2007 1.593. Il prestito interbibliotecario cresciuto molto in questi 5 anni, dando la possibilit agli utenti di Capralba di consultare e leggere documenti di propriet di altre biblioteche delle province di Cremona e Brescia: 33 nel 2007, 236 nel 2008, 459 nel 2009, 666 nel 2010. Per quanto riguarda gli iscritti attivi della biblioteca, vale a dire quelli che nel 2011 hanno preso almeno un libro in prestito, si registrato un leggero aumento: se nel 2010 erano 352 nel 2011 sono passati a 372. Rimane buono il rapporto con le scuole di Capralba. Sia le classi della primaria che quelle della secondaria di primo grado visitano periodicamente la biblioteca prendendo a prestito i libri. Inoltre, nel corso del 2011 sono stati ampliati i servizi della biblioteca: prestito dei multimediali, prestito degli e-book, attivazione del servizio internet (che vede lutilizzo della rete e del computer soprattutto dei ragazzi), il servizio gratuito WiFe, lapertura del sito internet della biblioteca, ladesione al portale multimediale MediaLibrary che ha visto la registrazione di 33 utenti.

Auto in carrozzeria: un cliente libero di decidere


Conferenza stampa dei responsabili di categoria delle associazioni artigiane cremasche
zio Carioni per l'Autonoma, ha ribadito il messaggio con tanto di conferenza stampa e alla presenza della senatrice del Pd Cinzia Fontana. Per l'occasione, stato presentato anche l'emendamento, con cui i carrozzieri intendono rimuovere la nuova disposizione. L'articolo 29 altera in modo marcato la libera concorrenza tra le imprese nel mercato dell'autoriparazione e rappresenta per la categoria un fatto gravissimo lamentano i carrozzieri. I tempi sono molto ristretti, ma siamo sicuri che convinceremo il governo della necessit di rivedere la sua posizione, che sicuramente stata dettata dal poco tempo utile per approfondire la tematica nel migliore dei modi. Ma cosa dice in concreto l'articolo 29 e quale rischio intravedono i carrozzieri? presto detto: la formulazione della norma prevede che chi rifiutasse il risarcimento in forma specifica - in base alla quale l'assicurato viene risarcito con la riparazione del danno subito e non con l'equivalente del costo di riparazione, deciso dalla sua compagnia assicurativa - e decidesse invece di rivolgersi al proprio carrozziere di fiducia, si vedrebbe decurtato del 30% l'importo che gli deve essere corrisposto. La norma renderebbe sostanzialmente obbligatorio il risarcimento in forma specifica sottolineano i carrozzieri, aggirando quanto stabilito dalla Corte Costituzionale nel 2009, che stabilisce la pari dignit tra le due diverse forme di risarcimento, evitando la promozione, diretta o indiretta, dell'una o dell'altra. I carrozzieri, insomma, vedono fortemente limitata la loro libert, perch a essere favorite dalla legge sarebbero le imprese disponibili a passare, per cos dire, alle dipendenze delle compagnie assicurative, che avrebbero voce in capitolo nel fissare i costi delle riparazioni e quindi i margini di guadagno. Marted, le ragioni della categoria sono state esposte in unudienza alla X Commissione della Camera dei Deputati, da parte degli esponenti di Cna, Confartigianato e Casartigiani. Mercoled, sempre a Roma, nella sala del cinema Capranichetta, le stesse associazioni hanno avuto modo di confrontarsi con alcuni parlamentari delle diverse forze politiche.

carrozzieri scendono in campo a difesa della loro categoria. tipico di questo periodo, in cui diversi settori del mondo del lavoro stanno protestando nei confronti dell'azione liberalizzatrice del governo Monti. Se non fosse che, in questo caso, le ragioni della protesta sono esattamente opposte. A detta dei carrozzieri, il secondo comma dell'articolo 29 del decreto Salva Italia, che introduce la possibilit per le compagnie assicurative di offrire il risarcimento in forma specifica, oltre a quello in forma equivalente, del tutto anomalo rispetto al contesto in cui inserito: non si presenta come un provvedimento che andr a vantaggio dei consumatori, si tratta semmai di un regalo alle stesse compagnie assicurative, anche se questo i carrozzieri non lo dicono, ma lo fanno ben intendere tra le righe. Sul numero della settimana scorsa, avevamo ospitato il responsabile della categoria per la Cna, Daniele Tarenzi, che ci aveva espresso tutta la sua contrariet in merito. Luned mattina, lo stesso Tarenzi, insieme ai colleghi, Alain Bonfanti per la Libera Artigiani e Patri-

Il risultato, a detta dello stesso Tarenzi, presente allincontro, stato molto positivo: Nessun parlamentare presente ha sostenuto il contenuto del comma 2 ma tutti hanno rilevato la contraddizione di quella norma rispetto allimpianto

generale del decreto. Quasi sicuramente, si arriver a una correzione, se non a una abrogazione del comma. Una risposta concreta lavremo fra una decina di giorni. Gionata Agisti

Tango: carnevale anche in milonga

Madignano/1 - Italiano per stranieri, terzo anno


Torna per il terzo anno consecutivo il corso di italiano per stranieri, un'iniziativa che negli scorsi ha avuto un successo veramente inaspettato. Cos, l'amministrazione comunale di Madignano - Assessorato per i servizi sociali - ripropone l'edizione 2012 del corso di alfabetizzazione alla lingua italiana rivolto a tutti i cittadini stranieri residenti a Madignano che inizier il 17 febbraio e terminer il 25 maggio 2012. Il corso si terr ogni venerd presso il Centro sociale di via Lago Gerundo (sede Auser) dalle 18,30 alle 20.Il costo di iscrizione di 5 euro. Per le iscrizioni rivolgersi allassistente sociale del Comune nei giorni di marted, gioved e sabato, dalle ore 10 alle 12.

Madignano/2 - Corso fisioterapico per anziani


Domenica 19 febbraio in programma la Milonga del Carnevale, tango argentino con frittelle e chiacchiere. E si balla in maschera (per chi lo desidera). Inizio della Milonga alle ore 21, termine alluna di notte. La serata si svolger al circolo Arci di Santa Maria, via Mulini 20. Musicalizza: NICO. Informazioni: Renata 338-1980563. LAssessorato alle politiche sociali del Comune di Madignano organizza un corso fisioterapico di prevenzione per i cittadini over 60, a partire dal 14 febbraio e fino al 12 giugno 2012. Il corso si terr nella giornata di marted dalle ore 14,45 alle ore 15,45 nella palestra della Polisportiva. Il corso gratuito: a carico dei partecipanti vi sar unicamente il costo dellassicurazione ( 12,00). necessario presentare il certificato del medico di base. Per ulteriori informazioni e/o iscrizioni rivolgersi allassistente sociale del Comune entro il 14 febbraio 2012 (l'assistente sociale riceve il marted, gioved e sabato, dalle 10 alle 12, e-mail

Gli alunni delle classi prima, seconda, terza e quinta di Madignano (le quarte avevano gi assistito all'incontro) si sono ritrovati in Sala Capriate dove il dottor Paolo Brown li aspettava per raccontare la propria esperienza di medico chirurgo in un paese del terzo mondo: lUganda. Le immagini significative e le parole semplici hanno catturato lattenzione dei bambini che, forse per la prima volta, sono venuti a contatto con una realt molto diversa dalla loro. Le immagini hanno mostrato semplici capanne: per gli abitanti del villaggio uno dei bisogni primari avere una fonte dacqua, che non sempre vicina, per garantire la sopravvivenza. Per i bambi-

Madignano/3 - Povert in Uganda spiegata da Brown

ni dellUganda non ci sono giocattoli, ma pneumatici da far ruotare e tanti canti e danze. Andare a scuola per loro un privilegio, le classi sono numerose, pochi i quaderni e le biro. Una classe terza persino sprovvista di banchi e gli scolari ascoltano la lezione seduti per terra. Il dottor Brown ha evidenziato le precarie condizioni sanitarie; i piccoli ospedali mancano di medici, medicine e attrezzature. Le mamme percorrono chilometri, fra mille pericoli, per portare i loro bambini malati in questi piccoli ospedali, dove medici volontari cercano di curarli, e dove basterebbero pochi euro per comprare medicine che salverebbero la vita a molti di loro.

Lincontro annuale informativo dei soci partecipanti della Fondazione S. Domenico con il presidente Umberto Cabini, ha offerto loccasione di alcune importanti riflessioni sullandamento della programmazione del teatro cittadino, e sul coinvolgimento della citt e del territorio nei confronti della sua pi importante istituzione culturale. Assemblea non molto partecipata, per la verit, in linea purtroppo con il calo dei soci che questanno conta una sessantina di iscritti. Non per nulla questo uno dei temi che il presidente Cabini ha toccato, alla ricerca di come rilanciare una realt - quella dei soci partecipanti - che dovrebbe costituire lasse portante dellinteresse dei cremaschi per il teatro e per tutto quello che fa ben oltre la pur importante stagione teatrale: dalla gestione della scuola musicale Folcioni,

San Domenico: pubblico stabile, pi incassi. Meno soci nella Fondazione

Umberto Cabini, presidente del San Domenico

alla rassegna delle mostre ospitate nei chiostri che hanno permesso alla Fondazione di possedere ormai una significativa collezione darte dal momento che ogni artista ospitato lascia unopera in omaggio. Il pubblico presente alle varie rassegne sostanzialmente sta-

bile in questi ultimi anni e questo ha permesso, con un leggero ritocco ai prezzi, un aumento degli incassi. Da qui un bilancio 2011 chiuso in attivo, naturalmente grazie agli sponsor privati e al contributo concesso dal Comune che si spera possa continuare anche negli anni prossimi. Questanno ci sar la scadenza dellattuale Consiglio di amministrazione. Il passaggio non sar semplice dal momento che il presidente Cabini ha gi ripetutamente affermato di non essere disponibile per un ulteriore mandato dopo i due gi assolti con impegno e con risultati pi che positivi. Oltretutto questo anche lanno del rinnovo del consiglio comunale di Crema che il referente politico ed amministrativo della Fondazione. Passaggi cruciali che si spera possano essere di ulteriore rilancio di una istituzione culturale che in tanti ci invidiano.

Non pagato, sequestra la casa del debitore


I carabinieri di Camisano hanno deferito alla Procura della Repubblica di Crema L.R., 55 anni, edile bresciano, ritenuto responsabile di violenza privata. Creditore di 8mila euro, stanco dei ripetuti rinvii, il mattino di marted scorso, si presentato presso la dimora del debitore, un imprenditore 58enne, abitante nella cintura di Crema. Ricevuto dalla compagna, chiedeva insistentemente se in casa fosse presente il padrone di casa, per ottenere il pagamento di quanto dovuto. Alla risposta negativa, dopo insistenti minacce, uscito, bloccava i quattro cancelli della villa con robusto filo di ferro, rimosso con le tronchesi dai carabinieri successivamente intervenuti a richiesta della parte lesa. In questi giorni tutti sono stati convocati in caserma. Sembra che il debitore da tempo si sottragga al creditore; questultimo si giustificato con il sospetto della pre-

senza in casa dellimprenditore forse in difficolt ad onorare il debito. Poco chiare e non documentate le circostanze del prestito. Le parti sono state invitate ad adire le vie legali. Il creditore stato ammonito poich i sigilli apposti ai due cancelli pedonali ed ai varchi carrabili costituiscono una grave forma di minacciosa prepotenza ben oltre lesercizio arbitrario delle proprie ragioni. Berenice Bettinelli

Pagine a cura di Martina Pugno on le variazioni delle norme relative alle pensioni, crescono le preoccupazioni degli italiani per il proprio futuro, a breve e lungo termine. Un aiuto, per districarsi nel complesso apparato burocratico , viene fornito da enti quali il Patronato Inas della Cisl, i cui servizi, gratuiti secondo quanto stabilito dalla legge, si rivolgono allintera cittadinanza, come sottolinea Massimo Sarzi Sartori: Forniamo assistenza e consulenza in tutti i campi del settore previdenziale: invalidit civile, assegni familiari, disoccupazione, assegni di maternit, e naturalmente tutto ci che concerne lambito pensionistico e previdenziale. Tra i servizi da noi offerti c anche lassistenza medico legale per le pratiche giuridiche.

Cisl: La pensione? Un problema che i giovani dovrebbero gi tenere in considerazione

Previdenza, cresce la preoccupazione


Venerd 10 Febbraio 2012

Speciale Terza Et

17

CASE DI RIPOSO Come selezionare

Il ruolo dei Patronati tanto pi fondamentale se si considera che di frequente il mancato accesso ai diritti del cittadino avviene proprio a causa di una non

corretta informazione da parte del cittadino stesso: Spesso al primo "no" di Inps o Inail i cittadini si fermano, senza sapere che invece potrebbero esserci altre risposte. Lapparato burocratico complesso e spesso non si a conoscenza di tutti i propri diritti. Ma per quali servizi si fa pi frequentemente ricorso allassistenza di un Patronato? Fino a un anno fa i cittadini avevano accesso diretto alla documentazione cartacea, mentre da un anno circa avvenuto il passaggio alla sistema telematico e le domande possono essere presentate solamente via web spiega Sarzi Sartori. E stato un cambiamento repentino, che non stato concordato con i Patronati e viene ancora gestito con difficolt dagli enti pubblici, che scaricano di fatto su di noi il compito di aiutare i cittadini in questo senso. Le difficolt attua-

li si rispecchiano nei tempi di risposta: per alcune richieste di invalidit siamo in attesa di risposte da mesi; chiedere un permesso di lavoro in queste condizioni pressoch impossibile, e il lavoratore deve cos utilizzare le proprie ferie. Sempre pi di frequente ci viene richiesto, dunque, di fare da intermediari e fornire assistenza per le procedure via web, anche perch non tutti al momento hanno la possibilit di una connessione stabile a internet. A partire dal 2007 inoltre i Patronati fanno anche consulenza per gli extracomunitari per il rinnovo del permesso di soggiorno, servizio che in precedenza era svolto dalle Questure. E per lambito pensionistico quello che maggiormente preoccupa gli italiani in questo momento, soprattutto in seguito allintroduzione delle recenti riforme: La preoccupazione ai massimi livelli in particolare per le persone che si aspettavano di andare in pensione il prossimo anno e invece ora non sanno quando potranno andarci. Gli altri, a mio avviso, non si sono ancora resi conto della gravit della situazione, in particolare i giovani: con le basse retribuzioni che essi ricevono e i tipi di contratto a tempo determinato che vengono stipulati, entro venti, trentanni si rischia di avere una generazione di pensionati poveri. Sarebbe un problema sociale di non poco conto. Il consiglio, nonostante il momento difficile, quello di iniziare ad informarsi fin dora, valutando una forma di previdenza complementare, per potersi garantire un tenore di vita dignitoso anche una volta raggiunta la pensione.

la struttura pi adeguata

Quando vivere la propria quotidianit in maniera autosufficiente diventa una giornaliera fatica, possibile iniziare a pensare di rivolgersi a strutture specializzate per un'assistenza completa e in linea con tutte le esigenze legate all'et. Si tratta certamente di una scelta non facile, da compiere con particolare attenzione. Per s o per i propri cari si desidera la massima efficienza e qualit dei servizi, da coniugare con una spesa che possa essere sostenuta nel tempo. Per questo bene prendere attentamente in esame i regolamenti delle case di riposo, e magari visitarne pi duna per poter individuare quella che meglio risponde alle esigenze del singolo, sia dal punto di vista della qualit dei servizi sia da quello, sempre pi influente, del budget a propria disposizione. Come assicurarsi di compiere la scelta migliore. Le esigenze possono variare notevolmente da anziano a anziano, tuttavia possibile indicare qualche linea guida che permetter di valutare con maggior consapevolezza le diverse strutture. Sebbene la vicinanza con i parenti pi stretti sia un requisito importante per poter garantire allanziano frequenti visite, altri criteri devono essere presi in considerazione: innanzitutto, bene privilegiare le strutture che offrono un ambiente accogliente e familiare, in cui lanziano possa sentirsi come a casa propria. Tra i servizi principali dei quali accertarsi la presenza e lefficienza vi il servizio mensa, con la possibilit di menu personalizzati a seconda delle singole esigenze, un centro diurno che offra possibilit di svago ed attivit ricreative e una corretta assistenza per la lavanderia e la cura delligiene personale. Per anziani con problemi di deambulazione, si rivela fondamentale la presenza di qualificati servizi di riabilitazione. Una maggiore sicurezza viene offerta dallautorizzazione che deve essere rilasciata dalla Regione e dal Comune: non esitate a richiedere di visionarla, per essere certi che tutto sia a norma.

18

Venerd 10 Febbraio 2012

Speciale Terza Et
Diciotto centri e proposte culturali su tutto il territorio. Barbieri: Sempre al fianco dei cittadini

Associazione unitaria pensionati

Quando sopraggiunge la solitudine


Uno dei principali nemici con il sopraggiungere di unet avanza la solitudine: un problema da non sottovalutare, in quanto in grado di incidere negativamente sulla vita quotidiana dellanziano, nonch sulla sua salute psicofisica. Poter garantire la giusta assistenza e il trascorrere di tempo di qualit alle persone di et avanzata fondamentale, anche se spesso compito arduo per i parenti stretti, divisi tra lavoro e famiglia. In soccorso a tutti coloro che non vogliono privare lanziano della propria abitazione, ma che per varie ragioni non possono fornire continua assistenza e compagnia, vi sono i centri diurni qualificati, in grado di offrire a tutti gli ospiti una vasta gamma di proposte ricreative studiate appositamente per la fascia det interessata. Non soltanto un modo per occupare le lunghe ore della giornata, i centri diurni offrono allanziano rinnovate possibilit di socializzazione, nonch una scansione temporale della giornata in grado di ridare nuovo gusto alla quotidianit. Tra le attivit offerte dai centri diurni vi sono, solitamente, anche servizi prettamente assistenziali: ad ogni modo, meglio informarsi accuratamente e fare presente eventuali patologie o esigenze dellanziano per essere certi che egli possa ricevere le migliori cure possibili. Solitamente tra i servizi offerti vi sono anche quelli relativi alla mensa, in modo tale da garantire assistenza completa nel corso dellintera giornata: anche in questo caso, la presenza di menu personalizzati o la possibilit di ricevere pasti in linea con le esigenze sanitarie dellospite sono un requisito di fondamentale importanza. I centri diurni, dunque, sono in grado di offrire ai propri ospiti una vera e propria giovinezza rinnovata, grazie anche alle attivit organizzate al di fuori delle strutture: non sono rari i centri che organizzano gite o visite culturali con mete vicine, offrendo cos agli ospiti la possibilit di non rinunciare a piacevoli giornate con tutta la garanzie di unassistenza qualificata per laccompagnamento.

arga parte dei servizi rivolti alla terza et proviene da associazioni volontarie: l dove non arriva lo Stato, sono le associazioni senza scopo di lucro a proporre soluzioni per il miglioramento della qualit di vita dei pensionati che, pur volendo mantenere il pi possibile unesistenza in autonomia, non possono che trarre giovamento da spazi di aggregazione e proposte ricreative. Tra le realt attive sul territorio cremonese vi lAssociazione Unitaria Pensionati della Cisl, che dal 1990 si pone al servizio della cittadinanza. Obiettivo primario dellente quello di promuovere attivit di volontariato per la tutela e la difesa dei diritti dei pensionati ed anziani e promuovere e autogestire iniziative di carattere sociale - ricreativo e culturale. Ai servizi possono accedere tutti i pensionati, senza quote di iscrizione. Non posso parlare della nostra associazione senza ringraziare prima di tutto i responsabili sindacali delle tre confederazioni che nel lontano 1990 hanno voluto creare questa associazione dove i pensionati e non possono trovarsi in serenit per vivere attivamente la terza et, il commento della Presidente Aup Mariangela Barbieri. Attualmente, sono 18 i centri diurni gestiti dallassociazione e presenti su tutta la Provincia: Un grazie particolare va a tutti i nostri centri perch lAup non potrebbe esistere e vivere se non potesse contare sui tanti volontari, che giornalmente si prestano generosamente, disinteressatamente e con impegno per tenere aperti i centri, farli funzionare, partecipare attivamente alla riuscita delle tante attivit ricreative e culturali e sociali promosse dai

Al servizio della terza et

Organizziamo arrivit ricreative ma anche iniziative culturali

Centri e dallAup Provinciale, in particolare la Tradizionale gnoccata di S.Rocco. Accanto alle attivit prettamente ricreative e alle iniziative culturali, lassociazione fornisce ulteriori servizi utili di informazione e dialogo su tematiche attuali e di particolare interesse per la fascia det alla quale i servizi si rivolgono: Spesso si organizzano conferenze sulle truffe, sullalimentazione, su questioni socio-sanitarie, vengono informati su questioni importanti che riguardano terza et. Siamo presenti anche con azioni benefiche verso le strutture che assistono gli anziani della

provincia con donazioni di carrozzelle basculanti, materassi antidecubito o altri ausili sanitari. Collaboriamo con i Comuni provvedendo alla manutenzione del verde, organizzando i soci in occasione di spettacoli promossi dallo stesso, gestendo gli orti comunali. In collaborazione con il Cisvol, che ci assiste nelle nostre pratiche, partecipiamo alla realizzazione delle varie feste del volontariato organizzate anche in Provincia. Sosteniamo famiglie e persone in difficolt ma, soprattutto, nei nostri centri si crea un rapporto amicale che permette il pi delle volte, di sconfiggere situazioni di solitudine e di disagio. AllAup se lo si desidera, si pu veramente essere utili e sentirsi ancora parte attiva della societ.

Associazione di Volontariato rivolto alla popolazione pi anziana con finalit di carattere culturale, di aggregazione e di solidariet
La Presidenza ed il Consiglio Provinciale stipulano le convenzioni con i Comuni e con altri enti per i servizi richiesti dagli stessi a favore della cittadinanza. In particolare i volontari AUP svolgono: servizio di piedibus, trasporto persone, animazione e presenza attiva presso le case di riposo, centri diurni ed altre istituzioni che svolgono attivit di assistenza sociale. Ogni centro AUP garantisce quotidianamente lapertura di spazi in cui gli anziani possono trascorrere il loro tempo libero. Organizzano manifestazioni, turismo sociale e feste rivolte alla popolazione anziana. LAssociazione e i Centri sono attenti ai bisogni sociali e si attivano con atti di solidariet e con raccolta di fondi da destinare ove se ne ravvisi la necessit. In Cremona con sette Centri AUP nei quartieri di: Bagnara S. Bernardo - via IX Febbraio - S. Felice - Cascinetto - Zaist - Boschetto In provincia con undici Centri AUP nei Comuni di: Malagnino, Olmeneta, Cicognolo, Sospiro, Pieve S. Giacomo, Motta Baluffi, Annicco, Pizzighettone, Soresina, Offanengo, Bagnolo Cremasco

Speciale Terza Et

Venerd 10 Febbraio 2012

19

on lavanzare dellet anche le esigenze dellindividuo cambiano; non sempre di pari passo, per, varia il desiderio di indipendenza e autonomia: saper mediare tra le due esigenze pu rivelarsi un compito arduo ed elevato il timore di non effettuare la scelta migliore per i propri cari. Prendere atto delle esigenze, ma anche dei desideri dellanziano il primo passo per poter effettuare una scelta che possa garantire la massima qualit assistenziale unita alle maggiori possibilit di autonomia ed indipendenza. Le principali caratteristiche da prendere in considerazione riguardano, naturalmente, la condizione psicofisica dellanziano, che determiner il tipo di assistenza e la frequenza necessaria.

Indipendenza e assistenza di qualit

Casa di riposo, centro diurno, assistenza domiciliare: le soluzioni su misura

Nei centri diurni lanziano viene accolto e guidato


Non sempre, infatti, lanziano disposto ad abbandonare la propria abitazione in vista di un trasferimento allinterno di una casa di riposo, neppure a fronte di unassistenza continuativa e la massima qualit dei servizi assistenziali. In tal caso, qualora lanziano conservi ancora sufficiente autonomia, possibile valutare ipotesi alternative, dalla prosecuzione della sua vita allinterno della propria abitazione, messa adeguatamente in sicurezza, fino al trasferimento allinterno della casa dei propri cari, anchessa adattata in modo tale da fornire agli

abitanti di qualsiasi et la massima sicurezza e permettere lo svolgimento agevole delle principali azioni quotidiane. Una casa di riposo accuratamente selezionata garantisce, di contro, assistenza continuativa nonch la possibilit di evitare una vita troppo solitaria allospite stesso. Quello della solitudine, in particolare, un problema da tenere in seria considerazione, in quanto pu diventare parimenti dannosa ed invalidante quanto una vera e propria patologia. Per ovviare a questo rischio, possibile valutare soluzioni quali i centri diurni, presso i quali lanziano verr accolto guidato con attivit ricreative e di socializzazione che permetteranno il trascorrere di tempo di qualit in compagnia allinterno di una struttura in grado di offrire, al contempo, tutte le adeguate attenzioni necessarie per il singolo ospite. Tra le soluzioni intermedie, di sempre maggiore diffusione e consenso, sono invece le residenze per anziani, che permettono ad ogni ospite di mantenere la propria autonomia abitando allinterno di appartamenti autonomi, ai quali per viene accompagnato un servizio assistenziale in grado di facilitare la vita dellospite: a seconda del centro prescelto, accanto alla presenza garantita di medici e personale sanitario, i servizi forniti possono comprendere mensa, lavanderia, pulizie, per consentire allospite di mantenere il pi possibile la propria autonomia senza eccessive incombenze. Valutare la soluzione pi adatta significa dunque prendere in considerazione non soltanto le esigenze dellanziano, ma anche i suoi desideri e il suo bisogno di indipendenza.

La realt dei centri diurni


Rinunciare alla propria autonomia e alle proprie abitudini difficile a qualsiasi et: non fanno eccezione gli anziani ancora autosufficienti, desiderosi di continuare ad abitare nella casa che, il pi delle volte, li ha ospitati per tutta la vita. Quando il trasferimento presso parenti o strutture assistenziali non fondamentale, possibile optare per la messa in sicurezza dellabitazione, permettendo cos al pensionato di poter mantenere le proprie abitudini e vivere appieno la propria quotidianit allinterno delle mura domestiche. In questi casi, ad ogni modo, piccoli accorgimenti possono rivelarsi particolarmente importanti per garantire la massima sicurezza dellanziano. Pur se autonomo, infatti, il rischio quello di incorrere in incidenti domestici legati alle crescenti difficolt di deambulazione o al calo della vista: meglio eliminare, dunque, tappeti e tappetini dai bordi facilmente rialzabili, e studiare una disposizione di mobili e oggetti che non creino intralcio nei punti di passaggio allinterno delle singole stanze e tra una stanza e laltra. Fondamentale il controllo periodico delle lampadine: le luci devono essere abbondanti e garantire la migliore visibilit, per evitare errori notturni. Per una maggiore sicurezza, possibile provvedere allacquisto di sistemi salvavita, in grado di segnalare tempestivamente linsorgere di qualsiasi problema. In bagno come in cucina, gli oggetti di uso quotidiano devono essere disposti in modo tale da essere facilmente raggiungibili, mentre comandi complessi, come la regolazione dei termosifoni o di forni e fornelli, pu necessitare di qualche promemoria scritto a caratteri grandi e ben leggibili; ad ogni modo, per ovviare a qualsiasi rischio di incidente soprattutto in cucina, bene optare per fornelli con sistemi di sicurezza, che impediscano le fuoriuscite incontrollate di gas. Trasformare la casa a misura danziano, quando possibile, costituisce un gesto damore per assistere i propri cari senza privarli della loro autonomia.

20

Venerd 10 Febbraio 2012

Speciale Terza Et

Docce e vasche da bagno per garantire autonomia

come scegliere i sanitari giusti

Poter svolgere le piccole azioni quotidiani in totale autonomia importante per le persone di qualsiasi et, e in particolare per gli anziani, che mal volentieri accettano di gravare sulle spalle dei propri familiari o di accettare aiuti esterni. Installare sanitari adatti a favorire il movimento e la sicurezza dell'anziano, permettendogli di prendersi cura di s in autonomia, un passo importante per garantire maggiore serenit a tutta la famiglia. Se gli spazi nel bagno lo permettono, possibile valutare il posizionamento di vasche fornite di apertura laterale, che consentono l'accesso senza richiedere particolari movimenti e sforzi: una parte rialzata o la presenza di un apposito seggiolino favorir anche la seduta, che pu essere ulteriormente facilitata dall'installazio-

ne di appositi maniglioni alle pareti. Se invece non si vuole sostituire la vasca gi presente, possibile valutare l'installazione di appositi seggiolini che possono essere sollevati in maniera meccanica per accogliere l'anziano e fatti in seguito scendere all'interno della vasca, consentendo l'ingresso e la seduta senza il minimo sforzo. Qualora lo spazio a disposizione non consenta l'inserimento di una vasca da bagno, pu essere sufficiente valutare la sistemazione di un apposito seggiolino all'interno della doccia, affiancato da un maniglione per garantire la massima stabilit anche mentre l'anziano si siede e si alza, avendo cura di posizionare sul fondo della vasca anche un tappetino antiscivolo o strisce adesive in grado di rendere meno scivoloso il piatto della doccia.

a casa rappresenta per ogni persona un luogo sicuro, il nido nel quale sentirsi protetti e a proprio agio: cos anche per gli anziani, che devono poter godere della propria abitazione nella massima sicurezza. Con il passare dell'et, anche le esigenze cambiano: importante saper adattare la casa alle persone che ci vivono, in ogni fase del loro percorso. Pochi e semplici accorgimenti possono essere sufficienti per trasformare l'abitazione in un luogo confortevole per persone di qualsiasi et, eliminando i rischi e facilitando lo svolgimento delle attivit quotidiane. Tra le stanze che possono comportare maggiori fattori di pericolo vi il bagno: bene fare attenzione affinch eventuale acqua sul pavimento non costituiscano un'area scivolosa che potrebbe dare vita a spiacevoli incidenti. Alle buone norme di comportamento per una casa sicura, bene inoltre affiancare alcuni interventi in grado di rendere ogni movimento pi sicuro e semplice, favorendo l'autonomia della persona anziana. Fondamentali, all'interno della vasca o della doccia, i tappetini antiscivolo, che forni-

Limportanza di una casa sicura


Gli anziani devono poter godere della propria abitazione in tranquillit e senza correre rischi
scono una stabile superficie d'appoggio. In base alle esigenze dell'anziano, possibile valutare la sostituzione di docce e vasche tradizionali con modelli studiati su misura, come le vasche con apertura laterale, che eliminano la necessit di compiere movimenti bruschi e, per persone di una certa et, difficoltosi. Accanto ai sanitari, se possibile, opportuno fissare maniglioni alle pareti, che permettono di alzarsi e sedersi con maggiore facilit. Simili maniglioni possono essere applicati anche all'interno della doccia oppure accanto alla vasca, per una maggiore sicurezza e mobilit. Nel bagno, come in tutte le altre stanze dell'abitazione, bene provvedere ad una illuminazione corretta e sufficientemente intensa. Qualora la casa lo permetta, l'anziano potrebbe trovare molto pratica la disposizione della camera da letto nei pressi del bagno, per rendere agibile l'eventuale spostamento anche nelle ore notturne. Ad ogni modo, bene garantire un agevole passaggio per l'attraversamento della stanza, evitando mobili o oggetti che possano costituire ingombro. Il letto dovrebbe presentare un'altezza tale

da facilitare la salita e la discesa, consentendo l'appoggio dei piedi a terra in posizione seduta. Allo stesso modo, evitare anche le sedie troppo basse, che comportano sforzo per alzarsi o sedersi: meglio puntare, piuttosto su sedute comode e dotate di braccioli che possono essere azionate con telecomando per accompagnare i movimenti. Attenzione anche alla presenza di tappeti: evitare quelli troppo piccoli e leggeri con i bordi che si sollevano facilmente, ma anche quelli con trame che possono ingannare la vista e sfalsare la percezione di spazi e dimensioni. Discorso analogo per quanto riguarda i gradini di eventuali scale presenti in casa: per rendere i bordi dei gradini pi visibili, in particolare il primo e l'ultimo, possibile incollare una striscia di moquette o altro dal colore sgargiante, che ben possa evidenziare i confini della base d'appoggio per il piede. Attenzione anche agli scaffali: meglio evitare di riporre oggetti d'uso quotidiano troppo in alto, o in luoghi che richiederebbero uno sforzo d'equilibrio, mentre si consiglia di mantenere gli oggetti di maggiore necessit a portata di mano, facilmente raggiungibili.

Cultura Spettacoli &


Il Filo inaugura il 23 febbraio la stagione 2012
Sta per alzarsi il sipario sulla stagione dopera 2012 al teatro Filodrammatici di Cremona. Gioved 23 febbraio in programma, infatti, la serata inaugurale con la Madama Butterfly di Giacomo Puccini. Poi seguiranno la Tosca il 27 marzo, il Nabucco il 24 aprile e Il barbiere di Siviglia il 15 maggio. Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21. La stagione di questanno al Filo, segna anche il ritorno del maestro Alessandro Arigoni nella sua citt dopo oltre trentanni di assenza.

Appuntamento con Racconti dinverno di William Shakespeare

Un momento dello spettacolo

In mostra fino a met marzo

Commedia romanzesca in scena venerd e sabato al Ponchielli V


di Federica Ermete
enerd 10 febbraio (turno A) e sabato 11 febbraio (turno B), sempre alle ore 20.30, il cartellone classico della stagione di prosa del Teatro Ponchielli ospita la Compagnia Teatridithalia che porta in scena Racconto dinverno. Si tratta di una delle ultime opere composte da William Shakespeare, qui proposta con la regia, traduzione, scene e costumi di Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani. Non siamo di fronte a una tragedia, tuttaltro. Si tratta piuttosto di una tragicommedia o di una commedia romanzesca, di quelle che fanno corona ad un indiscusso capolavoro come La tempesta e che rispecchiano un momento di gi matura e malinconica riflessione sullesistenza. La vicenda ambientata in luoghi dal sapore esotico e snoda una trama ricca di colpi di scena, tra viaggi avventurosi, tempeste e ritrovamenti insperati. Ripartito in due movimenti molto diversi fra loro, la favola si apre in un clima tragico e cupo, dominato dalla gelosia distruttiva di Leonte, il re di Sicilia che, posseduto da una gelosia cieca e distruttiva, arriva al punto tale da annientare tutto ci che gli pi caro: la moglie Ermione, i figli Mamilio e Perdta e lamicizia di una vita con Polissene, re di Boemia. Il quarto atto ci

fa compiere un balzo di ben sedici anni e ci introduce in un mondo agreste, dove il lirismo e la dolcezza si mescolano alla comicit pi esilarante, per raccontare lamore tra Perdita, che altri non se non la figlia ripudiata di Leonte e cresciuta da un pastore e Florizel, figlio di Polissene. Un racconto che ci conduce lungo un percorso di trasformazione e rigenerazione che attraversa le generazioni e il ciclo del tempo. Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani sostengono: Un Otello senza Iago, dove la gelosia trattata come un fenomeno puro che, n pi n meno dellinnamoramento, pu essere repentino e immotivato e non ha bisogno di sobillatori.

Fino a met marzo, presso la Tisaneria di Piazza della Pace, espone la pittrice Rosalia Corbani, noto ed apprezzato medico che vive e opera a Cremona, nellambito della Rassegna di mostre organizzata dal Nuovo gruppo artistico Il Cascinetto. Nella presentazione, Simone Fappanni scrive: La ricerca espressiva di Rosalia Corbani discende essenzialmente da uno studio, attento e perspicace, dei particolari che si sostanzia in precise articolazioni coloristiche entro le quali lartista si muove con convincente indole meta-narrativa. Ci si desume gi da una prima analisi dei suoi lavori, in cui prevale una intensa gamma cromatica, declinata secondo tinte quasi pastellate che risultano estremamente avvolgenti. Questa precisa scelta risulta il punto nodale

In Tisaneria le opere di Rosalia Corbani

di buona parte della produzione di questa eclettica autrice, in quanto proprio il taglio fotografico singolare, insolito o inatteso a determinare limpaginazione del quadro. Dunque, linteresse non per il tutto, ma per una parte. Dunque, Rosalia non si limita a dipingere una elegante ballerina che, con gesto agile ed armonico, si libera nellaria, ma anche, in un altro olio, le scarpe che essa indossa, mentre sono in movimento... Altre volte sono mani sensitive a essere al centro dei suoi quadri: nella pausa caff Rosalia coglie il gesto familiare di toccare la tazzina con entrambe le mani... Vale inoltre la pena sottolineare il fatto che questa autrice ama osservare, molto da vicino, anche i particolari della moda contemporanea, quella dei giovani in modo particolare.

Aperitivo in musica a Soresina Mostra fotografica in sala Alabardieri


Domenica 12 febbraio alle 18, al Teatro Sociale di Soresina, ha luogo un nuovo appuntamento con la rassegna Aperitivi in musica, organizzati da Teatro del Viale. Lincontro, intitolato Giuliett in start, vede protagonisti la cantante Giulia Pagani e il chitarrista Mattia Tedesco (nella foto). Start rappresenta linizio di un nuovo percorso musicale intrapreso da questo straordinario duo cremonese. Lei, oltre ad incantare con una voce straordinaria, possiede inoltre la capacit di tradurre in versi le sensazioni dellanima; lui un chitarrista di spessore che vanta collaborazioni importanti, bastino citare i nomi di artisti quali Gianluca Grignani e Dolcenera. Quello proposto a Soresina

Giulia Pagani e Mattia Tedesco protagonisti domenica alle 18

In esposizione gli scatti di Carlo Capurso dal titolo Cremona, la mia citt

un concerto da vivere. Tanto per iniziare, come suggerisce il titolo stesso. Al termine dello spettacolo, nel foyer del teatro, offerto un aperitivo con la collaborazione della Cantina del Teatro (ingresso 5 ).

Fino al 15 febbraio visitabile, presso la sala Alabardieri di Palazzo comunale, Cremona, la mia citt, mostra fotografica promossa dallautore Carlo Capurso in collaborazione col Comune e lassessorato all'Urbanistica. Questa mostra, ha dichiarato il vice sindaco ed assessore all'Urbanistica, Carlo Malvezzi la testimonianza non solo della grande passione per lambiente dellautore, ma anche del suo amore verso la nostra citt. Marina Volont scrive: Carlo Capurso, fotografo naturalista ed ecologista militante, dopo numerose esposizioni sul tema favorito della natura e del paesaggio ospitate in varie citt italiane, dedica questa mostra a Cremona, ai suoi monumenti, strade, piazze, parchi, agli eventi unici e a quelli che si ripetono annualmente. Si tratta di circa 150 fotografie a colori, scattate dal 1979 ad oggi, realizzate per la maggior parte con macchine analogiche.

22

Venerd 10 Febbraio 2012

Cultura & Spettacoli

Sabato 11 febbraio alle ore 21.15, al Teatro Galilei di Romanengo, la rassegna Teatri di pianura 3 porta in scena uno spettacolo ironico e graffiante che affronta una tematica decisamente attuale. Elena Guerrini, autriceattrice e donna anticonvenzionale nonch felicemente in sovrappeso, la protagonista di Bella tutta! I miei grassi giorni felici (nella foto), spettacolo che denuncia il fascismo rosa che impone impossibili modelli femminili. Con una formula auto-ironica e spiazzante, la Guerrini affronta un tema che le sta molto a

Uno spettacolo ironico sul mito della magrezza


cuore: la dipendenza femminile dal mito della magrezza e la conseguente ossessione delle diete. Cos nata la sua protagonista alter-ego Winnie Plitz. Ironica, irriverente e sensuale, Winnie Miss Cicciona, la ragazza pi grassa del mondo che ne ha avuto a saziet di dietologi, amici, colleghi e riviste che cercavano di assottigliarla! Ma dopo innumerevoli tentativi a ridursi sono stati solamente il conto in banca e lautostima. In questo cabaret ironico e surreale, Winnie smaschera i fallimenti delle diete mentre si avventura in palestre,

centri estetici, beauty farm, studi medici e... pasticcerie. Lattrice, sommersa da oggetti rosa fucsia e da decine di Barbie, una moderna Winnie Beckettiana che ci racconta, con risate, urla e lacrime, la sua odissea nell'aver provato tutte le diete esistenti fra canzoncine divertenti, battute e orribili verit. Con humor ed energia, Winnie spiega in che modo la follia dei media, lavidit delle industrie del dimagrimento e il mito della chirurgia estetica, hanno il potere di distoglierci da un giudizio equilibrato ed oggettivo su noi stesse.

l Teatro Ponchielli alza il sipario su La danza 2012. La XXIV edizione della rassegna ha in serbo un cartellone che propone otto spettacoli nel segno dellinnovazione coreografica, di cui tre sono presentati in prima italiana, andando cos ad alimentare un prestigio che fa della rassegna cremonese una delle pi seguite dalla stampa nazionale. Il primo appuntamento in programma per mercoled 15 febbraio alle ore 20.30. Ed proprio ad una prima italiana che spetta lonore di inaugurare la stagione. Protagonista della serata la compagnia francese Ballet Preljocaj, una delle compagnie pi conosciute a livello mondiale grazie allo stile unico ed inconfondibile del suo coreografo Angelin Preljocaj. Nello spettacolo Suivront mille ans de calme, Preljocaj mostra tutto il suo talento in questa creazione messa a punto per 21 ballerini. Questo nuovo lavoro, che inizialmente era condiviso con i ballerini del Bolcho di Mosca, viene ora, esclusivamente, danzato dalla compagnia francese. La coreografia il risultato di unassidua lettura dellApocalisse, opera utilizzata quale fonte dispirazione, non tanto nel suo presunto significato di disastro e catastrofe, quanto piuttosto in quello esatto di rivelazione. Accanto ad Angelin Preljocaj si possono apprezzare le creazioni di altrettanti talentuosi artisti. Per le musiche stato chiamato Laurent

di Federica Ermete

Primo appuntamento della rassegna mercoled sera al Ponchielli

Si alza il sipario su La danza Protagonista la Ballet Preljocaj


Un momento del balletto

Garnier, uno dei migliori dj a livello internazionale. Per lideazione delle scene, invece, possibile lasciarsi affascinare dalle creazioni dellindiano Subodh Gupta, una delle figure pi eminenti dellarte contemporanea indiana ed internazionale. Creato nel 1985, il Ballet Preljocaj ora composto da 26 ballerini permanenti. Pi di 100 rappresentazioni allanno vengono eseguite in Francia e all'estero. Fin dall'inizio della costituzione del suo ensemble, Angelin Preljocaj ha creato circa 45 coreografie. Con cadenza regolare, il famoso coreografo collabora, inoltre, con altri artisti: Enki Bilal, Goran Vejvoda, Air, Granular Synthesis, Fabrice Hyber, Jean Paul Gaultier, Constance Guisset, per citarne alcuni.C'est le cas notamment de La Scala de Milan, du New York City Ballet, du Staatsoper de Berlin et du Ballet de l'Opra national de Paris. Le sue creazioni sono incluse nel repertorio di molte aziende; il caso del Teatro alla Scala di Milano, del New York City Ballet, del Berlin Staatsoper Ballet e dellOpera di Parigi.

Domenica 12 febbraio alle ore 15.30, la rassegna E domenicateatro ospita, sul palcoscenico del Teatro G. Galilei di Romanengo, il maestro Marco Ravasio. Docente di ruolo di Musica da Camera al Conservatorio di Cagliari e concertista di fama internazionale, Ravasio lancia una sfida: raccontare a grandi e piccoli la storia della musica e lo fa con lo spettacolo Da Bach ai Beatles: monologo dissacrante, scoordinato, irriverente e molto ma molto scorretto, pensato, scritto, recitato, suonato e cantato dallo stesso. Inframmezzando tutto con aneddoti divertenti, storie infantili sui pi grandi musicisti di tutti i tempi quali Mozart e Beethoven fino ai Beatles e a Battisti, si intraprende un affascinante viaggio musicale, un percorso di lettura della musica attraverso il tempo, da Bach ai Beatles, appunto, passando per i gospel, il pop, il jazz ed il blues. A fine spettacolo Marco Ravasio a disposizione per esaudire tutte le curiosit del pubblico.

La storia della musica raccontata da Ravasio

CINEMA

Man on a ledge (40 carati) un thriller palpitante che racconta di un uomo determinato a ripulire il proprio nome, ottenere vendetta ed allacciare una relazione sentimentale con una donna... se solo riuscir a rimanere un passo avanti rispetto agli uomini che vogliono metterlo dietro alle sbarre. LA TRAMA Manhattan, cuore pulsante della Grande Mela. Alzando gli occhi al cielo possiamo incrociare lui, Nick Cassidy, sul cornicione di un albergo. Luomo minaccia di buttarsi. Scoppia il putiferio. La via viene chiusa al traffico, arrivano le televisioni, la folla urlante incita il suicidio, mentre il passato di Nick comincia a

Suspance a 23 piani di altezza


rivelarsi. Anche lui era un poliziotto. Due anni prima finito in galera per un crimine che dice di non aver commesso. Accusato di aver rubato il diamante pi grande del mondo, Nick pronto a tutto per ripulire la sua immagine e quella dellintera famiglia. Alla prima occasione utile scappa di prigione e si inventa un piano. Disperato. Che lo porta fin sopra un cornicione. A 23 piani di altezza, a gettare banconote, diventando immediatamente un eroe popolare, amato da quella stessa gente che pochi minuti prima gli consigliava di saltare. Mentre la polizia continua le sue indagini, solo una psicologa sembra credere alla

Arriva sul grande schermo il triller dal titolo 40 carati


sua innocenza, tanto da volerlo aiutare. Senza per sapere che in quello stesso momento il fratello di Nick ad un passo dal compiere il pi grande furto di diamanti di tutti i tempi

Regia: Asger Leth


Durata: 102 minuti. Produzione: Di Bonaventura Pictures, Summit Entertainment. Cast: Sam Worthington, Elizabeth Banks, Mandy Gonzalez, Bill Sadler, Barbara Marineau, Anthony Mackie, J. Smith-Cameron,, Patrick Collins, Jamie Bell, Genesis Rodriguez. Genere: thriller.

CINEMA - Programmazione settimanale


CREMONA Spaziocinema Cremonapo (0372 803674) www.spaziocinema.info Com' bello far l'amore 3D Star Wars - Episodio I - 3D Hugo Cabret in 3D I Muppet (The Muppets) Millennium Benvenuti al Nord A.C.A.B. Hesher stato qui Mission: Impossible Filo (0372 411252) Polisse CineChaplin (0372 453005) The Iron lady PIEVE FISSIRAGA Cinelandia (0371 237012) www.cinelandia.it Hugo Cabret in 3D Millennium: Uomini che odiano le donne Mission: Impossible Underworld: il risveglio A.C.A.B. I Muppet (The Muppets) Benvenuti al nord Immaturi:Il viaggio CREMA Porta Nova (0373 218411) www.multisalaportanova.it Com' bello far l'amore Benvenuti al nord Immaturi:Il viaggio The Iron lady Mission impossible: protocollo fantasma Hugo: cabret 3D
Cineforum The Help E ora dove andiamo? Over 60 Com' bello far l'amore

Cultura CREMA Spettacoli


La teologia della liberazione una corrente di pensiero, sviluppatasi allinterno del cattolicesimo di ambiente latinoamericano, molto attenta ai temi sociali e politici presenti nel messaggio cristiano. I suoi esponenti, sin dalla fine degli anni 60, si sono schierati al fianco dei poveri, degli umili, dei diseredati, non soltanto dal punto di vista della carit, dellaiuto e della solidariet, ma anche sostenendone le rivendicazioni a carattere sociale e politico. Il nome deriva dal libro omonimo del sacerdote peruviano Gustavo Gutirrez, Teologia della liberazione, uscito nel 1971. La Chiesa ufficiale non ha mai gradito le tesi espresse da questi teologi, frati, sacerdoti, sino alla opposizione ferma di papa Giovanni

&

Venerd 10 Febbraio 2012

23

Sostenere la comunit di vita


Paolo II e dellallora cardinal Joseph Ratzinger. I principali esponenti furono allontanati progressivamente dai luoghi decisionali della Chiesa, e qualcuno decise una rottura radicale. il caso del francescano Leonardo Boff, che aveva diviso il suo impegno per anni tra linsegnamento (come professore di teologia, filosofia, spiritualit ed ecologia) e la condivisione dellesistenza degli ultimi e dei diseredati. Attento alle persone ed alla Madre Terra, Boff uno studioso dei temi della sostenibilit ambientale. A questo proposito, ha scritto una sorta di decalogo, di cui riportiamo ampi stralci. Il fascino della sua visione olistica sta anche nella semplice grande forza dei concetti. Sostenere tutte le condizioni necessarie per il sorgere di nuovi esseri: questi esistono soltanto a partire da un congiungimento di energie, di elementi fisicochimici e informazionali, che, combinati tra loro, danno origine a tutto. Sostenere tutti gli esseri: si tratta di superare radicalmente lantropocentrismo. Tutti gli esseri costituiscono soggetti emergenti del processo evolutivo e godono di valore intrinseco, indipendente dalluso umano. Sostenere soprattutto la Terra viva: la Terra [] stessa viva, si autoregola, si rigenera e evolve. Sostenere anche la comunit di vita: non esiste lambiente come qualcosa di secondario e periferico. Noi non esistiamo, ma coesistiamo e siamo tutti interdipendenti. Sostenere la vita umana: siamo un asse singolare nella rete della vita [] Avvertiamo di essere chiamati ad aver cura della Madre Terra, a garantire la continuit della civilt e a vigilare anche sulla nostra capacit distruttiva. Sostenere la continuit del processo evolutivo: gli esseri sono conservati e sostenuti dallEnergia di fondo o Fonte originaria di ogni essere. Sostenere la soddisfazione dei bisogni

umani: lo facciamo attraverso luso razionale e premuroso dei beni e servizi che il cosmo e la Terra ci offrono senza i quali potremmo soccombere. Sostenere la nostra generazione e quelle che verranno dopo la nostra: la Terra sufficiente per ogni generazione, purch queste stabiliscano una relazione di energia e di cooperazione con lei e distribuiscano beni e servizi in modo equo. Luso di questi beni deve basarsi sulla solidariet generazionale. Le future generazioni hanno il diritto di ereditare una Terra e una natura in buono stato. Agopoli* *Agopoli (pseudonimo) si occupa di economia e finanza, ma coltiva una grande passione: la filosofia.

Aperitivo musicale domenica alle 17 in Sala della musica


Nuova ottima occasione per ascoltare della buona musica. Il Corpo bandistico Giuseppe Verdi Ombriano-Crema (presidente Antonio Zaninelli e vice Giovanni Belloni) si presenta in una veste insolita domenica 12 febbraio ore 17 alla Sala della musica (ex Istituto Folcioni) in piazza Moro a Crema. Aperitivo musicale con la Junior Band e un quartetto di interpreti di eccezione. Cecilia Zaninelli diplomata al conservatorio di Piacenza insegnante di sax e teoria e solfeggio, dirige la Junior Band: 15 allievi che frequentano i corsi musicali affiancati da giovani strumentisti gi parte del Corpo bandistico che presentano 7 brani classici. A seguire due assolo di pianoforte con Andrea Castiglioni diplomato al conservatorio di Piacenza e ora docente presso il conservatorio di Brescia: Preludio in sol minore di S. Rachmaninoff e Valzer brillante di F. Chopin. Due sinfonie per lesecuzione di un quartetto inedito: Andrea Castiglioni, Anna Ardig (flauto traverso), Eva Patrini e Roberta Patrini (clarinetto): La Cenerentola e Il barbiere di Siviglia di G. Rossini. Al termine del concerto (ingresso libero) laperitivo offerto da Rosary Bar di Quintano.

Si intitola Lora di pietra e ha per protagonista unadolescente che si ribella alla criminilit
uned 13 febbraio ore 20.45 al teatro San Domenico torna il Caff Letterario con Margherita Oggero e il suo romanzo Lora di pietra. Intervista a cura di Barbara Rocca. La serata verr allietata dallaccompagnamento musicale del quartetto a plettro Bellomo di Crema. Lora di pietra ha come protagonista unadolescente del Sud che si ribella alla logica della criminalit organizzata e si costruisce un futuro di libert. Con questo romanzo Margherita Oggero conferma di essere capace

La Oggero presenta il suo nuovo libro


di raccontare storie dure con un linguaggio semplice ma tra i pi coinvolgenti e, forte della sua esperienza di giallista, sa anche tenere alta lattenzione fino allultima riga. La protagonista la tredicenne Immacolata, per tutti soltanto Imma, cresciuta in un paese del napoletano dove domina lombra cupa della camorra, dove i boss hanno il potere di vita e di morte. Trasferita al Nord scoprir lora di pietra. Scrivendo questa storia avevo davanti agli occhi le vicende reali di ragazzi che hanno avuto il coraggio di ribellarsi non solo alle cosche ma anche alle loro famiglie, quando complici o conniventi dei boss, ricorda la scrittrice. Margherita Oggero nella stessa serata di luned 13 febbraio, premier tre studenti Giulia Palpaceli e Mirko Donninelli di Ancona e Simone Bombario di Crema finalisti del II Concorso letterario organizzato dal Franco Agostino Festival. I racconti del vincitore finale, verranno pubblicati e tradotti anche in francese e la pubblicazione verr distribuita gratuitamente durante ledizione 2012 del Festival di Melun. Tiziano Guerini

Angolo dellavventura. Il Viaggio attraverso le immagini, ciclo di videoproiezioni curato da Andreina Castellazzi e Silvia Zangrandi, marted 14 febbraio alle ore 21 in sala Alessandrini di via Matilde di Canossa a Crema, terr il suo ultimo appuntamento con la videoproiezione della Marathon des Sables 2004: in compagnia di Sergio Pariscenti percorreremo 230 chilometri in sette giorni nel deserto tra sabbia, vento, fatica e spirito sportivo. La Marathon des Sables (Maratona delle sabbie) una corsa che si svolge interamente nel Sahara marocchino. La manifestazione dura una settimana, con sei frazioni e un giorno di riposo. I partecipanti percorrono la lunghezza della maratona in completa autosufficienza alimentare; lungo il percorso c un ristoro ogni 10 km dove i partecipanti possono ritirare la razione personale di acqua giornaliera (nove litri). Ma veramente la Marathon des Sables una gara cos estrema? La risposta sar nei racconti e nelle immagini di Sergio Pariscenti, viaggiatore e sportivo, che vi partecip nel 2004.

Un viaggio attraverso la maratona di sabbia

Margherita Oggero

CAFF FILOSOFICO

Dialogo: Kant e Constant

TEATRO JUNIOR

Nuovo appuntamento con il Caff Filosofico luned 13 febbraio ore 21 al Caff Gallery di via Mazzini. Incontro con un giovane laureato in filosofia e la sua tesi di laurea: Gabriele Ornaghi e il dibattito fra Kant e Constant sui principi dellimperativo categorico. Valori assoluti o relativi? In particolare: Si pu mentire o non si pu mentire?. Che fareste se un assassino si presentasse a casa vostra e vi chiedesse se sapete dove si trova il vostro amico che lui vuole uccidere e che voi state nascondendo? Il rigido Kant e il moderato Constant dialogando tra di loro hanno cercato di far luce su un tema tanto antico quanto il pensiero stesso: la morale e la sua applicazione a casi specifici. Grazie al loro dialogo possiamo mettere a nudo noi stessi e vedere con quale logica applichiamo letica universale.

Per la rassegna Junior per bambini dai 6 ai 10 anni, mercoled 15 febbraio alle ore 10 al teatro San Domenico di Crema rappresentazione de Al gran teatro di Mangiafuoco del Teatro dei due mondi. Il Gran Teatro ha montato le sue tende, manca solo il pubblico. Ma ecco che arrivano i bambini e Mangiafuoco con i suoi attori esce sulla strada per riceverli, incontrarli e quindi accompagnarli fin dentro la sala. Tra i bambini, nella confusione, si intrufola Pinocchio. Ed lui stesso che, dialogando con Mangiafuoco, fa partire il sogno che questa avventura. Pinocchio diventato il personaggio dellomologazione, nasce burattino e diventa bambino perch accetta di far parte del sistema di regole che governano

Mangiafuoco per la rassegna Junior

Testimonianza per Gianpaolo Ferrari: diciannove artisti presentano le loro opere e i loro lavori dall11 al 26 febbraio al Museo civico di Crema, sala Francesco Agello in piazza Terni de Gregory. Sabato 11 febbraio, ore 17.30 linaugurazione, con letture di Mariangela Torrisi e Alberto Mori tratte da Dialogo oltre la forma di Gianpaolo Ferrari; a seguire musica jazz con Cristiano Vailati (batteria), Gabriele Orsi (chitarra elettrica) e Luca Pissavini (contrabbasso).

Testimonianza per Ferrari

la vita reale. Ma Collodi, il suo creatore, non lo aveva fatto nascere con questo destino e quando lo spinge nel Gran Teatro di Mangiafuoco ancora lontano dallimmaginarne lingloriosa fine. Il desiderio di trasformarsi in bambino far la sua comparsa infatti solo in un secondo tempo. Va ricordato e detto a tutti, allora, che esiste un mondo diverso da quello quotidiano, il mondo fantastico e reale delle storie che ci permettono di capire la realt e che vengono narrate dalla voce dei nonni, dei genitori, o dagli attori. I bambini devono sapere che esiste, pu esistere, un mondo diverso e forse un giorno potranno capire che necessario e indispensabile che esista. Sulla scena Monica Camporesi, Maria Regosa e Andrea Valdinocci.

Amenic Cinema per la rassegna attori-registi presenta luned 13 febbraio alle ore 21 in sala Alessandrini (in via Matilde di Canossa a Crema) il film Confessioni di una mente pericolosa (Usa 2002). Regista e interprete Gorge Clooney; con lui Sam Rockwell, Drew Barrymore e Julia Roberts. Premio Orso dargento al festival di Berlino del 2003. La trama: nellAmerica degli anni Sessanta Chuck Barris un aspirante autore televisivo, ma non sa rinunciare allofferta di diventare un sicario per la Cia. Frammenti della sua incredibile doppia vita svelano i lati oscuri della sua mente, oscillante tra ambizione, esaltazione, tristezza e paranoia. Il debuttante Clooney dirige brillantemente un film godibilissimo e spiazzante, con desolanti considerazioni sociali ed esistenziali.

Un film di Clooney ad Amenic

24

Venerd 10 Febbraio 2012

Appuntamenti

Arte & Cultura


La capacit di trasformare la microfisica della nostra vita quotidiana in alta poesia: il giudizio, assai centrato, di un critico nei confronti dellopera di Wislawa Szymborska, poeta polacca, morta pochi giorni fa. La nostra vita quotidiana, persino un atto formale e burocratico come Scrivere un curriculum:

[] E dobbligo concisione e selezione dei fatti. Cambiare paesaggi in indirizzi e malcerti ricordi in date fisse. Di tutti gli amori basta quello coniugale, e dei bambini solo quelli nati. Conta di pi chi ti conosce di chi conosci tu. I viaggi solo se allestero. Lappartenenza a un che, ma senza perch. Onorificenze senza motivazione [] Sorvola su cani, gatti e uccelli, cianfrusaglie del passato, amici e sogni. Meglio il prezzo che il valore e il titolo che il contenuto.[]
Il suo sguardo acuto e legge una realt opaca; non si presta a far sedimentare parole inutili, cerca lessenziale, che il contrario della parola roboante e vanesia. Una grande attenzione alle parole, a quelle apparentemente pi umili e piane, perch Com che nella poesia brillano a festa come se fossero completamente nuove e appena inventate dal poeta?. Altro tema caro a Szymborska limportanza del pensiero libero, un grande orgoglio del pensiero. La sua poesia spesso filosoficamente connotata, e la forza della riflessione si legge dietro le parole. Concludiamo con alcuni versi, significativi di questo poetare pensante:

Fino a mercoled 15 febbraio CREMONA MOSTRA CREMONA, LA MIA CITT - CARLO CAPURSO Mostra fotografica di Carlo Capurso (parchi pubblici, avvenimenti, cultura, chiese, palazzi storici) in sala Alabardieri di Palazzo Comunale. Orario: da marted a sabato ore 9-18, domenica e festivi ore 10-18 (ingresso libero). Inaugurazione venerd 3 febbraio alle ore 17. *** Domenica 12 febbraio PANDINO MERCATO COSE DALTRI TEMPI Mercatino di piccolo antiquariato, oggettistica e libri dalle 9 alle 19 nel Castello Visconteo. Per informazioni: 345-0888866. *** Domenica 12 febbraio EVENTO CASALMAGGIORE FESTA DI CARNEVALE Clowns e giocolieri, gruppi mascherati,

trampolieri, animazione, degustazione gratuita di chiacchiere, frittelle e chisulin in piazza Garibaldi e nelle vie del centro. Per informazioni: 0375-40039. *** Domenica 12 febbraio CASTELLEONE MOSTRA-MERCATO DELLANTIQUARIATO, VINTAGE, ARTIGIANATO ARTISTICO Dalle 9 alle 19 nel centro storico. Per informazioni: 348-8555756. *** Domenica 12 febbraio RIVOLTA DADDA MOSTRA-MERCATO DELLUSATO E PICCOLO ANTIQUARIATO Piccolo antiquariato, mobili, oggettistica e dipinti dalle 8.30 alle 19 in piazza Vittorio Emanuele II. Per informazioni: 0373-377050. *** Domenica 12 febbraio EVENTO FORMIGARA SFILATA DI CARRI ALLEGORICI Le note della banda di San Bassano e Trigolo, le acrobazie del Gruppo Majorettes Violette, labilit dei piccoli sbandieratori accompagnano i carri mascherati per le vie del paese e per concludere rinfre-

sco e animazione nelloratorio. Per informazioni: 0374-78022. *** Domenica 12 febbraio RIVOLTA DADDA FIERA DI SANTAPOLLONIA Rassegna di macchinari per l'agricoltura e zootecnia , Piazza Vittorio Emanuele Per informazioni: 0363-377050. *** Domenica 12 febbraio CREMA EVENTO GRAN CARNEVALE CREMASCO Animazione, carri allegorici, cortei mascherati in piazza Duomo e vie limitrofe. Sono previsti, inoltre, i mercatini di carnevale, con degustazione e vendita di prodotti tipici locali e regionali. Per informazioni: 0373-256391. *** Fino a sabato 11 febbraio CASTELLEONE MOSTRA GIORNATA DEL RICORDO 2012 La biblioteca civica Virgilio Brocchi ha curato lallestimento di una piccola mostra bibliografica relativa ai drammatici eventi legati alle foibe. Orario: venerd ore 14-18.30 e sabato dalle 9 alle 12.

Musica & Spettacoli


Venerd 10 e sabato 11 febbraio CREMONA TEATRO RACCONTO DINVERNO Alle 20.30 al Ponchielli, Teatridithalia porta in scena lopera di William Shakespeare con Ferdinando Bruni, Ferdinando Bruni, Cristina Crippa, Elena Russo Arman, Corinna Agustoni, Luca Toracca, Cristian Giammarini, Nicola Stravalaci, Federico Vanni, Vincenzo Giordano, Enzo Curcur, Alejandro Bruni Ocaa, Camilla Semino Favro, Umberto Petranca. Regia, traduzione, scene e costumi Ferdinando Bruni e Elio De Capitani. Per informazioni: 0372-022010.

[] Non c dissolutezza peggiore del pensare. Questa dissolutezza si moltiplica come gramigna su unaiuola per le margheritine Nulla sacro per quelli che pensano. Chiamare audacemente le cose per nome, analisi spinte, sintesi impudiche, caccia selvaggia e sregolata al fatto nudo, palpeggiamento lascivo di temi scabrosi, fregola di opinioni ecco quel che gli piace.

Sabato 11 febbraio ROMANENGO TEATRO BELLA TUTTA! I MIEI GRASSI GIORNI FELICI Alle ore 21.15 al Teatro Galilei lo spettacolo con Elena Guerrini. Regia di Andrea Virgilio Franceschi, scenografia di Martina Troiano. Per informazioni: 0373-729263. *** Luned 13 febbraio CREMA TEATRO CAFF A TEATRO: MARGHERITA OGGERO Alle 20.45 al Teatro San Domenico, serate di musica e letteratura (ingresso libero) con Margherita Oggero che racconta la ribellione di una 13enne e premia gli studenti scrittori del concorso letterario del Fatf e dei Soci Coop. La nota autrice presenta il suo romanzo Lora di pietra.

Per informazioni: 0373-85418. *** Sabato 18 febbraio CASALBUTTANO CONCERTO BEATLES IN JAZZ Alle ore 21 al Teatro Bellini appuntamento con Danilo Rea (pianoforte), Ares Tavolazzi (contrabbasso) e Ellade Bandini (batteria). A un anno esatto dallo straordinario omaggio a De Andr, Danilo Rea torna al Bellini in trio jazz. Protagonista e leader di molte formazioni e gruppi, che hanno fatto la storia della musica contemporanea negli ultimi decenni, il grande pianista italiano non smette di stupire. In versione inedita, ha accettato la sfida con due straordinari musicisti, gi suoi compagni di avventura in tanti progetti per misurarsi in particolare con la poetica musicale e le canzoni dei Beatles. Per informazioni: 0374-364480.

LOroscopo della settimana


Per scrivere a Maria: promedia@fastpiu.it
Un divorzio non interrompe solo la vita in comune di due persone: lacera maglie di relazioni, di frequentazioni, di consuetudini. Coppie amiche hanno labitudine di andare in vacanza insieme, o di recarsi al cinema, o a prendere laperitivo. Tutto ad un tratto, una di queste coppie si rompe. Oltre al dramma di chi vive la rottura, ai figli, alle propriet da dividere eccetera, c tutto un sistema di rapporti che deve riposizionarsi: lei o lui continueranno ad uscire con il gruppo? Ci si immagina limbarazzo. Allora uno dei due, o entrambi, cambieranno giro? sicuramente avvantaggiato chi, della ex coppia, ha magari un nuovo compagno, una nuova compagna: potr inserirsi ma non detto - in uno nuovo giro di relazioni. E chi non ce lha? Si metter a frequentare un gruppo di nubili o di scapoli, o continuer con la vecchia cerchia, i cui componenti cercheranno di trovargli/le una nuova fiamma, come in un classico film di Woody Allen? E se il vecchio componente intendesse inserire la nuova relazione nel vecchio gruppo, come la prenderanno coloro che erano legati anche allo o alla ex? Mi dir, Maria, che questi non sono problemi gravissimi. Ma ci sono, eccome. (Teresa) Certo che esistono questi problemi, cara Teresa. E sono tanto pi grandi, quanto la vita quotidiana, oggi, sempre pi strettamente intrecciata ad aspetti relazionali e ludici. In parole povere: oggi, incontrarsi, divertirsi, chiacchierare, stare in un gruppo ha una grande importanza. Fa davvero parte della vita di quasi tutti. Certo, esistono misantropi e misantrope, ma la misura dello star bene con se stessi ha molto a che fare anche con la qualit delle relazioni che si hanno. Quindi, tutto vero quello che dice. Tanto da farmi svolgere unaltra riflessione. Faccio una premessa: sono fermamente convinta della necessit che esista la legge sul divorzio, che fu una conquista di civilt. La legge consente di chiudere un matrimonio finito senza iscrivere ipoteche a vita sulle esistenze dei protagonisti: consente, non obbliga. E non stata certamente la legge a far aumentare il numero dei matrimoni finiti, ma un complesso sistema di condizioni storiche, sociali, economiche, per sviluppare il quale sono stati scritti tomi ponderosi. Noto solo una cosa, per la mia esperienza. A volte e sottolineo: a volte si fa finire un matrimonio perch si convinti che il/la partner non ci dica pi niente. Si attiva la molla della delusione e del rimpianto. Bisognerebbe, se ce ne fossero le condizioni, riflettere bene, e capire quanto il rimpianto e la delusione nei confronti dellaltro in realt non mascherino uguali sentimenti che proviamo nei nostri confronti. Siamo forse noi, ad un certo punto, a non piacere pi a noi stessi.

a cura di: MICHELA

Lo spirito della settimana ribelle e indomabile. Attenzione perch potresti inciampare. Arriveranno buone notizie dal punto di vista economico. Le giornate saranno pi leggere e piacevoli. E sempre troppo facile per voi cadere in tentazione. Perderete un pizzico di preziosa razionalit. Lamore va bene perch si riapre il dialogo e anche perch c intesa fisica con il partner. Grandi eventi in vista. I malintesi damore sono allordine del giorno. Emerge sempre pi il vostro desiderio di libert. Dopo tante spese rientrano un po di soldi. Avrete una settimana un po pesante in ufficio ma passer rapidamente. Siete scatenati come non mai. Quindi tanto per cominciare frenate le spese; accontentatevi di poco perch chi troppo vuole nulla stringe. La famiglia, le attivit famigliari va daranno maggiori garanzia di riuscita. Nettuno si toglie dalle scatole, inizia un periodo da nababbi. Trattative, business e amore si concludono molto bene. E tempo di incontri, di ravvicinamenti e di fidanzamenti. Un po di normalit fa bene al cuore, al corpo e allanima. Marte, sempre nervoso, insiste, ed inutile rammaricarsi se le cose non sono nellordine prestabilito. Si allunga lelenco dei flirt e delle scappatelle. Avete bisogno di aria nuova. Qualche piccolo imprevisto sul lavoro. La solitudine del 2011 ormai acqua passata. Le cose vanno e andranno decisamente meglio sotto tutti i punti di vista. Sar per questo che avete bisogno di libert. Lasciatevi sedurre dalle buone idee che vi passano per la testa. C qualcosa nellaria che comincia a essere fastidioso. Dubbi e sospetti su cui devi far chiarezza. Passione a mille e vita affettiva in gran subbuglio. Un amore segreto che si svela o un rapporto che ha bisogno di una verifica. Il piacere del viaggio corrispondere in linea di massima al desiderio di fuga. Le persone vicine non vi capiscono ma non tutti i mali vengono per nuocere. Il vostro grande impegno porter a qualcosa di buono. Quindi applicatevi. Meglio pianificare giorno per giorno perch i progetti a lungo termine non sono facili e le cose cambiano troppo in fretta. In amore e in guerra o nel lavoro tutto concesso e la vostra determinazione ai massimi storici. Mercurio ti fa essere brillante ma, a volte, ti accorgi di essere inconcludente e ti nascondi dietro piccole bugie e battute ironiche. Hai deciso che nessuno deve provarti del vostro buonumore. I sogni si realizzano. Nettuno entra nel segno per cominciare un transito che durer per molto tempo. Effetti strordinari. Puntate sui vostri talenti. Nellimmediato per per le urgenze economiche fatevi aiutare dal commercialista.

Programmi Tv
sabato 11
06.30 10.05 11.10 12.00 13.30 14.00 17.00 17.15 17.45 18.50 20.00 20.35 21.00 00.30 02.30 10.15 10.50 10.55 11.35 13.00 14.00 15.30 17.10 18.00 18.05 18.50 20.25 21.05 22.40 23.25 07.30 09.10 10.15 12.00 12.25 12.55 14.00 14.45 16.55 17.40 18.10 19.00 20.00 21.30 23.15 unomattina. att settegiorni/aprirai.att unomattina storie vere la prova del cuoco tg 1 telegiornale le amiche del sabato.att tg1 telegiornale a sua immagine passaggio a nord ovest.doc l'eredit. game tg1/rai tg sport soliti ignoti ballando co le stelle. var di che talento sei? variet fuori dal mondo. film sulla via di damasco.att aprirai. attualit quello che. attualit mezzogiorno in famiglia.att tg2 giorno/dribbling. att london live. musicale jane doe. film sereno variabile. attualit tg2 flash l.i.s. sea patrol. telefilm l'isola dei famosi. reality estrazio del lotto/tg2 castle. telefilm sabato sprint. sport tg2 notizie / tg2 dossier.doc baciami, kate!. film paesereale. attualit kingdom. telefilm tg3 sport - meteo / tgr il settimanale. attualit ambiente italia. attualit tgr regione meteo -tg3 tg3 pixel/tv talk/tg3 l.i.s. un caso per due. telefilm magazine champions league 90 minuto - serie b. sport tg3/regione/meteo 3 blob/che tempo fa. variet nanuk: prove d'avventura.doc tg3 - tg regione - meteo

Venerd 10 Febbraio 2012

25

domenica 12
06.30 09.30 10.00 10.55 12.20 13.30 14.00 16.35 18.50 20.00 20.40 21.30 23.30 00.35 07.00 10.15 10.50 11.30 13.00 13.45 15.40 17.05 17.10 18.00 19.35 20.30 21.05 21.45 22.35 unomattina in famiglia.a tg1 lis /easy driver linea verde orizzonti.att santa messa/recita angelus linea verde. attualit tg1 telegiornale domenica in l'arena domenica in cosi' la vita l'eredit. game tg1 / tg sport soliti ignoti il generale dei briganti. fiction speciale tg1. attualit tg1 notte cartoon magic. variet ragazzi c' voyager.var a come avventura. att mezzogiorno in famiglia.v tg2 giorno/motori/meteo quelli che aspettano..var quelli che il calcio.. var tg2 l.i.s. stadio sprint. sport 90 minuto. sport lasko. telefilm tg 2 notizie ncis. telefilm charlie's angels. telefilm la domenica sportiva 06.45 11.00 11.05 12.00 13.30 14.10 15.15 18.50 20.00 21.10 23.30 01.00 01.30 01.35

Lunedi 13
unomattina. attualit tg1 telegiornale occhio alla spesa la prova del cuoco tg 1 / tg1 focus/economia verdetto finale la vita in diretta.attualit l'eredit. game show tg1/soliti ignoti.game il generale dei briganti. fiction porta a porta tg1 notte/focus qui radio londra sottovoce

martedi 14
06.45 11.00 11.05 12.00 13.30 14.10 15.15 18.50 20.00 20.35 23.55 00.40 01.15 01.45 02.15 10.00 11.00 13.00 13.50 14.00 16.15 17.00 17.45 18.45 19.35 20.30 21.05 22.40 23.25 23.40 unomattina. attualit tg1 telegiornale occhio alla spesa la prova del cuoco tg 1 / tg1 focus/economia verdetto finale la vita in diretta.attualit l'eredit. game show tg1 62 festival di sanremo tg1 60 secondi tg1 notte/focus sottovoce. attualit rai educational. attualit quelli della domenica tg2punto.it i fatti vostri.variet tg2/costume societa' medicina 33. attualit italia sul due. attualit ghost whispeper. telefilm hawaii five-0. telefilm tg2 flash l.i.s./sport/notizie numb3rs. telefilm l'isola dei famosi. reality estrazioni lotto / tg2 criminal minds. telefilm the good wife. telefilm tg2 notizie almos true. doc

mercoLedi 15
06.45 11.00 11.05 12.00 13.30 14.10 14.50 18.50 20.00 20.30 23.55 00.45 01.20 01.50 02.15 10.00 11.00 13.00 13.50 14.00 16.15 17.00 17.45 18.45 19.35 20.30 20.35 22.45 23.20 12.00 12.45 13.10 14.00 14.50 15.05 16.00 17.40 19.00 20.00 20.15 20.35 21.05 23.15 24.00 09.40 10.50 11.30 12.00 13.00 13.50 15.10 16.15 16.30 18.55 19.35 20.30 21.10 00.45 02.50 unomattina. attualit tg1 telegiornale occhio alla spesa la prova del cuoco tg 1 / tg1 focus/economia sala stampa. attualit la vita in diretta.attualit l'eredit. game show tg1 62 festival di sanremo tg1 60 secondi tg1 notte/focus/che tempo fa sottovoce. attualit rai educational. attualit elektra. opera lirica tg2punto.it i fatti vostri.variet tg2/costume societa' medicina 33. attualit italia sul due. attualit ghost whispeper. telefilm hawaii five-0. telefilm tg2 flash l.i.s./sport/notizie numb3rs. telefilm l'isola dei famosi. reality tg2 notizie champions league: milan - arsenal.calcio diretta 90 minuto champions tg2 notizie tg3-sport-meteo 3-fuori tg le storie - diario italiano la strada per la felicit tg regione - meteo -tg 3 tgr leonardo/ tg3 lis lassie. telefilm cose dell'altro geo. att geo & geo. attualit tg3/tg regione/meteo blob. attualit stanlio e ollio. corto un posto al sole. soap chi l'ha visto? attualit glob spread. variet tg3 linea notte ris roma. fiction benessere tg4 / meteo / vie d'italia un detective in corsia.tf la signora in giallo. tel forum. attualit flikken.telefilm sentieri. soap callas forever. film tg4 - meteo 4 tempesta damore. soap walker texas ranger.tel casin. film i fobici. film la voce del cuore.fiction 06.45 11.00 11.05 12.00 13.30 14.10 14.50 18.50 20.00 20.30 23.55 00.45 01.15 02.15 10.00 11.00 13.00 13.50 14.00 16.10 17.00 17.45 18.45 19.35 20.30 21.05 23.25 23.40

giovedi 16
unomattina. attualit tg1 telegiornale occhio alla spesa la prova del cuoco tg 1 / tg1 focus/economia sala stampa. attualit la vita in diretta.attualit l'eredit. game show tg1 62 festival di sanremo tg1 60 secondi tg1 notte/focus/che tempo fa sottovoce. attualit la storia del cammello che piange. film tg2punto.it i fatti vostri.variet tg2/costume e societa' medicina 33. attualit italia sul due. attualit ghost whispeper. telefilm hawaii five-0. telefilm tg2 flash l.i.s./sport/notizie numb3rs. telefilm l'isola dei famosi. reality estrazioni lotto / tg2 the core. film tg2 notizie la ragazza della porta accanto. film 06.45 11.00 11.05 12.00 13.30 14.10 14.50 17.00 18.50 20.00 20.30 23.55 00.40 01.10 01.45 10.00 11.00 13.00 13.50 14.00 16.10 17.00 17.45 18.45 19.35 20.30 21.05 23.25 23.40 01.10 12.00 12.25 12.50 13.10 14.00 14.50 15.05 16.00 17.40 19.00 20.00 20.15 20.35 21.05 23.05 08.20 09.40 10.50 11.30 12.00 13.00 13.50 16.35 18.55 19.35 20.30 21.10 24.00 04.15

venerdi 17
unomattina. attualit tg1 telegiornale occhio alla spesa la prova del cuoco tg 1 / tg1 focus/economia sala stampa. attualit la vita in diretta.attualit tg1 telegiornale l'eredit. game show tg1 62 festival di sanremo tg1 60 secondi l'appuntamento tg1 notte/focus/che tempo fa sottovoce. attualit tg2punto.it i fatti vostri.variet tg2/costume e societa' tge eat parade. attualit italia sul due. attualit ghost whispeper. telefilm hawaii five-0. telefilm tg2 flash l.i.s./sport/notizie numb3rs. telefilm l'isola dei famosi 9. reality tg2 notizie senza traccia. telefilm tg2 notizie l'ultima parola. telefilm tg parlamento. attualit tg3-sport-meteo 3-fuori tg le storie - diario italiano geo & geo. attualit la strada per la felicit tg regione - meteo -tg 3 tgr leonardo/ tg3 lis lassie. telefilm cose dell'altro geo. att geo & geo. attualit tg3/tg regione/meteo blob. attualit stanlio e ollio. corto un posto al sole. soap the wrestler. film e se domani short. att hunter. telefilm ris roma. fiction benessere tg4 / meteo / vie d'italia un detective in corsia.tf la signora in giallo. tel forum. att/sentieri. soap i 4 cavalieri dell'apocalisse. film tg4 - meteo 4 tempesta damore. soap walker texas ranger.tel quarto grado. attualit velluto blu.film / tg4 nel buio del terrore.film

10.00 tg2punto.it 11.00 i fatti vostri.variet 13.00 tg2/costume societa' 13.50 medicina 33. attualit 14.00 italia sul due. attualit 16.10 ghost whispeper. telefilm 17.00 hawaii five-0. tel 17.45 tg2 flash l.i.s./sport/notizie 18.45 numb3rs. telefim 19.35 l'isola dei famosi. reality 20.30 tg2 notizie/ voyager. doc 21.05 l'isola dei famosi. reality 00.10 tg2 notizie 00.25 rai 150 anni 01.20 tg parlamento 12.45 13.10 14.00 14.50 15.05 16.00 17.40 19.00 20.00 20.15 20.35 21.05 24.40 24.00 01.15 08.20 09.40 10.50 11.30 12.05 13.00 13.50 15.10 16.15 16.55 18.55 19.35 20.30 21.10 00.05 le storie - diario italiano la strada per la felicit tg regione - meteo -tg 3 tgr leonardo/ tg3 lis lassie. telefilm cose dell'altro geo. att geo & geo. attualit tg3/tg regione/meteo blob. attualit stanlio e ollio. corto un posto al sole. soap il mondo dei replicanti.f banlieue 13. film tg3 linea notte un jour marseille.film hunter. telefilm ris roma 2. fiction benessere tg4 / meteo un detective in corsia.tf la signora in giallo. tel forum. attualit flikken. telefilm sentieri. soap il commissario cordier.f tg4 - meteo 4 tempesta damore. soap walker texas ranger.tel la battaglia dei 3 regni.f seta. film

07.55 qualcuno verr. film 10.45 tgr estovest/mediterraneo 11.40 tgr regioneuropa. attualit 12.00 tg3 / meteo3 / telecamere 12.55 prima della prima. mus 13.25 il capitale di philippe daverio. attualit 14.00 tg regione/meteo/in 1/2 h 15.05 alle falde del kilimangiaro 17.55 per un pugno di libri. att 19.00 tg3 - tg regione - meteo 20.00 blob. attualit 21.30 presadiretta. attualit 23.35 tg 3/lilit. variet 02.05 flr da baixa. film 09.10 10.00 11.00 11.30 12.00 13.20 14.00 15.00 17.00 18.55 19.35 21.30 23.40 01.40 08.00 08.50 09.45 10.30 12.45 13.00 14.00 16.15 18.50 20.00 20.40 21.30 23.30 00.30 01.50 07.00 07.40 12.25 13.00 14.00 18.00 18.30 19.00 21.30 00.20 01.35 02.25 04.25 05.50 06.00 07.00 10.00 10.50 13.30 14.05 17.40 19.00 20.00 20.30 21.30 23.35 00.30 magnifica italia. doc santa messa pianeta mare. attualit tg 4 telegiornale melaverde. attualit pianeta mare. attualit donnavventura. attualit prossima fermata:paradiso.f walker texas ranger: la strada della vendetta. f tg4 telegiornale - meteo 4 tempesta d'amore. soap poseidon. film matrimoni all'italiana. f tg4/vintage parade tg5 mattina le frontiere dello spirito finalmente soli. sitcom romantici equivoci.film grande fratello. reality tg5 telegiornale - meteo 5 un avvocato per pap.film domenica cinque. variet the money drop. quiz/tg 5 tg 5 telegiornale - meteo 5 paperissima sprint centovetrine.soap opera terra! attualit tg5 notte/meteo 5 l'uomo dell'anno. film fantaghir 4. telefilm cartoni studio aperto - meteo guida al campionato.sport le isole dei pirati. film la vita secondo jim. tel studio aperto tutti pazzi per mary.film chiambretti show.variet controcampo. sport poker1mania. variet bugie, baci, bambole e bastardi. film eleventh hour. telefilm mediashopping tg la 7 - meteo - oroscopo omnibus copacabana palace. film ti ci porto io. variet tg la7 agli ordini del fuhrer e al servizio di sua maest. f mammamia. talent show the show must go off.var tg la7 in onda. attualit uomini che odiano le donne. film tg la7 novecento atto i. film

12.00 tg3-sport-meteo 3-fuori tg 12.45 le storie - diario italiano 13.10 la strada per la felicit 14.00 tg regione - meteo - tg3 14.50 tgr leonardo/ tg3 lis 15.05 lassie. telefilm 15.50 cose dell'altro geo. att 17.40 geo & geo. attualit 19.30 tg3 - regione - meteo -blob 20.15 stanlio e ollio. corto 20.35 un posto al sole. soap 21.05 ballar. attualit 23.15 90 minuto champions 24.00 tg3 linea notte 01.05 gap.generazioni alla prova 09.40 10.50 11.30 12.00 13.00 13.50 15.10 16.15 16.40 18.55 19.35 20.30 21.10 23.15 02.30 ris roma. fiction benessere tg4 / meteo / vie d'italia un detective in corsia.tf la signora in giallo. tel forum. attualit flikken.telefilm sentieri. soap i cannoni di san sebastian.f tg4 - meteo 4 tempesta damore. soap walker texas ranger.tel le comiche. film ray. film faccia da schiaffi. film

12.00 tg3-sport-meteo 3-fuori tg 12.45 le storie - diario italiano 13.10 la strada per la felicit 14.00 tg regione - meteo - tg3 14.50 tgr leonardo/ tg3 lis 15.05 lassie. telefilm 15.50 cose dell'altro geo. att 17.40 geo & geo. attualit 19.30 tg3 - regione - meteo -blob 20.15 stanlio e ollio. corto 20.35 un posto al sole. soap 21.05 il caso thomas craeford.f 23.10 sirene. attualit 24.00 tg3 linea notte 01.05 magazzini einstein. doc 10.50 11.30 12.00 13.00 13.50 15.10 16.15 16.30 18.55 19.35 20.30 21.10 23.05 00.05 benessere tg4 / meteo / vie d'italia un detective in corsia.tf la signora in giallo. tel forum. attualit flikken.telefilm sentieri. soap patch adams. film tg4 - meteo 4 tempesta damore. soap walker texas ranger.tel bones. telefilm lie to me. telefilm la guerra di charlie wilson.film

rete 4

09.45 ris roma. fiction 10.50 ricette di famiglia. att 11.30 tg 4/meteo/notizie/traffico 12.00 un detective in corsia.tel 13.00 la signora in giallo. tel 13.50 il tribunale di forum 15.05 perry mason. film 17.00 detective monk. telefilm 18.00 pianeta mare. doc 18.55 tg 4 - meteo 4 19.35 tempesta d'amore. soap 21.15 la giuria. film 23.55 landspeed. film 05.05 louis de funes e il nonno surgelato. film 07.55 09.45 10.45 13.00 13.40 14.10 15.30 18.50 20.00 20.30 21.10 00.30 01.25 02.20 10.50 12.20 12.25 13.40 14.35 16.30 18.30 19.00 19.25 21.10 22.55 00.40 01.40 02.50 04.20 06.00 10.00 11.10 12.25 13.30 14.05 16.05 18.20 19.20 20.00 20.30 21.30 24.00 00.10 03.00 traffico/meteo/tg5 mattina finalmente arriva kalle. t partnerperfetto.com.film tg5 telegiornale/meteo 5 riassunto grande fratello amici. talent show verissimo: tutti i colori della cronaca. attualit the money drop. quiz tg 5 telegiornale - meteo 5 striscia la notizia. var italia's got talent.talent s mai dire grande fratello tg5 notte/meteo 5 l'avvocato guerrieri. film scooby-doo. film cartoni studio aperto - meteo cartoni samurai girl. fiction un principe tutto mio.film studio aperto - sport cartoni space jam. film planet 51. film robots. film studio sport xxl poker1mania. variet the eye. film into the mirror. film tg la7 / omnibus. attualit bookstore. attualit l'aria che tira. attualit i men di benedetta tg la7 noi siamo angeli. film relic hunter. telefilm i magnifici sette. telefilm the show must go off.var tg la7 in onda. attualit the show must go off.var tg la7 m.o.d.a. attualit omnibus. attualit

canaLe 5

08.00 tg5 mattina 08.50 mattino cinque. attualit 11.00 forum. attualit 13.00 tg5 telegiornale - meteo 5 13.40 beautiful. soap 14.10 centovetrine. soap 14.45 uomini e donne. reality 16.15 amici. talent show 16.20 pomeriggio cinque.attualit 18.00 tg5 / 5 minuti meteo 5 18.50 the money drop. quiz 20.00 tg 5 - meteo 5 20.30 striscia la notizia. var 21.20 grande fratello.r show 00.15 mai dire grande fratello 08.40 10.35 12.25 13.40 15.30 16.20 16.45 17.45 18.30 19.20 19.50 20.20 21.10 23.00 04.30 09.45 11.10 12.25 13.30 14.05 16.15 17.30 19.30 20.00 20.30 21.10 23.45 00.20 00.30 02.05 settimo cielo.telefilm everwood. telefilm studio aperto/meteo/sport cartoni camera caf. sitcom the middle. telefilm la vita secondo jim. sit trasformat. game show studio aperto - sport tutto in famiglia.sitc i simpson. cartoni animati csi scena del crimine.tel csi: new york.telefilm nickname: enigmista.film mak 100. film coffee break. attualit l'aria che tira. attualit i men di benedetta tg la7 halifax. telefilm atlantide. documenti l'ispettore barnaby. tel g' day. variet tg la7 otto e mezzo. attualit l'infedele. film innovation. attualit tg la7 (ah) ipiroso. attualit otto e mezzo. attualit

08.00 tg5 mattina 08.50 mattino cinque. attualit 11.00 forum. attualit 13.00 tg5 telegiornale - meteo 5 13.40 beautiful. soap 14.10 centovetrine. soap 14.45 uomini e donne. reality 16.15 amici. talent show 16.20 pomeriggio cinque.attualit 18.00 tg5 / 5 minuti meteo 5 18.50 the money drop. quiz 20.00 tg 5 - meteo 5 20.30 striscia la notizia. var 21.10 zodiac. film 00.10 tg5 notte / meteo 5 08.40 10.35 12.25 13.40 16.20 16.45 17.45 18.30 19.20 19.50 20.20 21.10 00.30 01.30 04.10 09.45 11.10 12.25 13.30 14.05 16.15 17.30 19.30 20.00 20.30 21.10 23.20 01.15 settimo cielo.telefilm everwood. telefilm studio aperto/meteo/sport cartoni/camera caf.sitc the middle. telefilm la vita secondo jim. sit trasformat. game show studio aperto - sport tutto in famiglia.sitc i simpson. cartoni animati csi scena del crimine.tel wild oltrenatura.docum romanzo criminale.fiction the scield. telefilm best. film coffee break. attualit l'aria che tira. attualit i men di benedetta tg la7 assassinio sul palcoscenico.film atlantide. documenti l'ispettore barnaby. tel g' day. variet tg la7 otto e mezzo. attualit assassinio sull'eiger.film l'uomo della cravatta di cuoio. telefilm tg la7

08.00 tg5 mattina 08.50 mattino cinque. attualit 11.00 forum. attualit 13.00 tg5 telegiornale - meteo 5 13.40 beautiful. soap 14.10 centovetrine. soap 14.45 uomini e donne. reality 16.15 amici. talent show 16.20 pomeriggio cinque.attualit 18.00 tg5 / 5 minuti meteo 5 18.50 the money drop. quiz 20.00 tg 5 - meteo 5 20.30 striscia la notizia. var 21.10 uno bianca. fiction 00.45 tg5 notte / meteo 5 08.40 10.35 12.25 13.40 15.30 16.20 16.45 17.45 18.30 19.20 19.50 20.20 21.10 22.55 03.30 09.45 11.10 12.25 13.30 14.05 16.15 17.30 19.30 20.00 20.30 21.10 23.15 00.55 02.05 03.20 settimo cielo.telefilm everwood. telefilm studio aperto/meteo/sport cartoni camera caf. sitcom the middle. telefilm la vita secondo jim. sit trasformat. game show studio aperto - sport tutto in famiglia.sitc i simpson. cartoni animati csi scena del crimine.tel lui, lei e babydo.film bruno.film mal d'africa.film coffee break. attualit l'aria che tira. attualit i men di benedetta tg la7 menzognie & ricatto. film atlantide. documenti l'ispettore barnaby. tel g' day. variet tg la7 otto e mezzo. attualit gli intoccabili. film hamburger hill. film tg la7 /(ah) ipiroso.attualit g' day. variet omnibus. attualit

08.00 tg5 mattina 08.50 mattino cinque. attualit 11.00 forum. attualit 13.00 tg5 telegiornale - meteo 5 13.40 beautiful. soap 14.10 centovetrine. soap 14.45 uomini e donne. reality 16.15 amici. talent show 16.20 pomeriggio cinque.attualit 18.00 tg5 / 5 minuti meteo 5 18.50 the money drop. quiz 20.00 tg 5 - meteo 5 20.30 striscia la notizia. var 21.10 ..e alla fine arriva polly.f 23.20 nella mente di sarah.film 08.40 10.35 12.25 13.40 15.30 16.20 16.45 17.45 18.30 19.20 19.50 20.20 20.55 24.00 09.45 11.10 12.25 13.30 14.05 16.15 17.30 19.30 20.00 20.30 21.10 24.00 00.10 01.10 settimo cielo.telefilm everwood. telefilm studio aperto/meteo/sport cartoni camera caf. sitcom the middle. telefilm la vita secondo jim. sit trasformat. game show studio aperto - sport tutto in famiglia.sitc i simpson. cartoni animati csi scena del crimine.tel europa league udinese - paok. calcio nikita.telefilm coffee break. attualit l'aria che tira. attualit i men di benedetta tg la7 diane uno sbirro in famiglia. telefilm atlantide. documenti l'ispettore barnaby. tel g' day. variet tg la7 otto e mezzo. attualit piazzapulita. attualit tg la7 (ah) ipiroso. attualit g' day. variet

08.50 mattino cinque. attualit 11.00 forum. attualit 13.00 tg5 telegiornale - meteo 5 13.40 beautiful. soap 14.10 centovetrine. soap 14.45 uomini e donne. reality 16.15 amici. talent show 16.20 pomeriggio cinque.attualit 18.00 tg5 / 5 minuti meteo 5 18.50 the money drop. quiz 20.00 tg 5 - meteo 5 20.30 striscia la notizia. var 21.10 mediterraneo. film 23.30 il postino. film 01.30 tg5 notte/meteo 5 08.40 10.35 12.25 13.40 15.30 16.20 16.45 17.45 18.30 19.20 19.50 20.20 21.10 23.00 09.45 11.10 12.25 13.30 14.05 16.15 17.30 19.30 20.00 20.30 21.10 24.00 00.10 01.05 settimo cielo.telefilm everwood. telefilm studio aperto/meteo/sport cartoni camera caf. sitcom the middle. telefilm la vita secondo jim. sit trasformat. game show studio aperto - sport tutto in famiglia.sitc i simpson. cartoni animati csi scena del crimine.tel true justice: stato di guerra. film nikita.telefilm coffee break. attualit l'aria che tira. attualit i men di benedetta tg la7 una nuova vita per zoe.tel atlantide. documenti l'ispettore barnaby. tel g' day. variet tg la7 otto e mezzo. attualit la ragazza che giocava col fuoco.film tg la7 (ah) ipiroso. attualit coppa italia. basket

itaLia 1

La 7

26
GLI ORARI
CUP Centro Unificato di Prenotazione Dove: padiglione n. 12, a fianco del Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori Orari di apertura al pubblico: luned - venerd dalle 7.30 alle18.00 orario continuato, il sabato dalle 8.00 alle 12.00; Prenotazioni telefoniche: possibile telefonare al numero verde 800.638.638, da luned a sabato dalle 08.00 alle 20.00. PRENOTAZIONI CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP Attraverso il CUP si prenotano tutte le prestazioni ad eccezione delle seguenti, che devono essere prenotate direttamente presso le singole unit operative o servizi c ome indicato di seguito: ANATOMIA PATOLOGICA secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati) Dove: Poliambulatori, piano Terra. Orario: gioved dalle 15 alle 16. Per prenotare contattare la segreteria dellAnatomia Patologica dal luned al venerd, dalle 10.30 alle 16.00. Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00. Consegna campioni istologici e citologici La consegna dei campioni citologici urinari prevista, presso il padiglione 5, da luned a venerd, dalle 08.00 alle 09.30; per gli altri esami da luned a venerd dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto). RADIOLOGIA Dove: piano 1, corpo H (ala destra). TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti e richiesta di prestazioni con bollino verde Le prenotazioni vanno effettuate di persona o via fax. Orario: da luned a venerd dalle 08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00. Tel: 0372 405760. Angiografia Le prenotazioni vanno effettuate di persona. Orario: da luned a venerd dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367. SENOLOGIA: Screening mammografico preventivo biennale Asl Cremona (45-69 anni) Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoled dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata al CUP dell'Asl 800 318 999. Prestazioni con carattere di urgenza, risonanze alla mammella, agoaspirati, ecografie Dove: piano 1, corpo M. Ora: da luned a venerd dalle 11.00 alle 13.00. Telefono: 0372 405614. Per ulteriori informazioni stata inoltre attivata una nuova linea telefonica dotata di risponditore automatico in funzione 24 ore su 24: 0372 405612. RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o ascensore a sinistra vicino l'Ufficio Informazioni nell'atrio di ingresso) corpo M, monoblocco ospedaliero. Orario:da luned a venerd dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485. MEDICINA DEL LAVORO: Dove: Medicina del Lavoro, padiglione 10 Impegnativa del medico curante. Allergologia per sospetti professionali Tel. 0372 408178 da luned a venerd, dalle 10.30 alle 13.00; oppure, personalmente presso lAmbulatorio di Allergologia dalle 09.00 alle 13.00 da luned a venerd. Visite specialistiche di medicina del lavoro Tel: 0372 405777 da luned a venerd, d alle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente presso lAmbulatorio Specialistico di Medicina del Lavoro negli stessi orari.

Salute
PRESIDIO OSPEDALIERO DI CREMONA
CENTRO DIABETOLOGICO Dove: piano 6, corpo H (lato destro), monoblocco ospedaliero. Orari: da luned a venerd dalle 08.00 alle 13.30 (prima visita per inquadramento diagnostico-terapeutico e visita di controllo per monitoraggio metabolico e screening delle complicanze croniche). Per le prime visite preferibile che la prenotazione avvenga di persona comunque possibile prenotare telefonicamente da luned a venerd, dalle 11.00 alle 13.30. Telefono: 0372 405715. CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI accesso diretto da parte dei cittadini, con la richiesta del Medico di famiglia o dello specialista. Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale. Orario: da luned a venerd dalle ore 07.30 alle 10.30. Telefono: 0372 405663 - 0372 405452 CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI Monitoraggio delle terapie anticoagulanti. previsto accesso con prenotazione al numero 0372 405666 - 0372 405663. Dove: Presso la palazzina del Cup Orario: dalle 07.30 alle 12.00 da luned a venerd. CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA Dove: presso la Medicina del Lavoro, Padiglione 10 Accesso avviene mediante impegnativa del medico curante. Le prenotazioni vengono effettuate telefonando allo 0372 408178 da luned a venerd dalle 10.30 alle 13.00; oppure personalmente presso lAmbulatorio di Allergologia da luned a venerd dalle 09.00 alle 13.00. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE: Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia marziale endovenosa, preparazione di nuovi emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale: Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico. Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 435887 - 0372 405461 dalle 10.00 alle 17.00 da luned a venerd GENETICA Dove: piano 2 lato destro del monoblocco ospedaliero. Prenotazioni telefoniche: 0372 405783 da luned a venerd dalle 13.00 alle 14.30. MEDICINA LEGALE Prenotazioni presso Direzione Medica di Presidio piano Rialzato monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 405200. PSICOLOGIA Dove: settimo piano a sinistra. Prenotazioni da luned a venerd dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio di Psicologia, oppure anche telefonicamente agli stessi orari al numero 0372 405409. ONCOLOGIA MEDICA Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione in reparto da luned a venerd dalle ore 8.00 alle ore 17.00. Tel: 0372 405248. TERAPIA DEL DOLORE Dove: palazzina n. 9 La prenotazione pu essere effettuata telefonicamente al numero 0372 405330 dalle 11.00 alle 15.00, da luned a venerd. Negli altri orari possibile chiamare lo stesso numero lasciando un messaggio in segreteria telefonica con il nome e numero di telefono: al pi presto sarete richiamati.

Parkinson, aumentano i casi


A
di Laura Bosio umenta il numero di pazienti affetti dal morbo di Parkinson: questo il dato emerso durante l'ultima "Giornata nazionale" dedicata alla patologia, nel novembre scorso. A preoccupare maggiormente, tuttavia, il fatto che il Parkinson venga diagnosticato sempre pi spesso in pazienti non in et avanzata. Ne abbiamo parlato con Luciano Abruzzi, dirigente medico dell'unit operativa di neurologia dell'Ospedale di Cremona. Le cause di tutto ci non sono ben chiare spiega il medico. Quel che certo che l'incidenza della patologia risulta in aumento (circa 30 nuovi casi ogni 100mila ogni anno) e anche la prevalenza (ossia il numero di casi complessivi) notevole: i malati sono in tutto 350 ogni 100mila persone. Ci significa che a Cremona e provincia in tutto ne abbiamo circa 600. Quali sono i sintomi a cui bisogna fare attenzione? Il pi frequente e visibile il tremore; poi si possono notare la lentezza nei movimenti, la tendenza a cadere frequentemente a causa di un equilibrio instabile, la presenza di rigidit muscolare. Come si arriva a diagnosticare questa patologia? Oltre alla classica visita del paziente, si utilizzano per lo pi indagini di tipo strumentale. In particolare si utilizzano lo Spect con Dat Scan e la risonanza magnetica dell'encefalo. Oltre alla malattia di parkinson vera e propria si possono diagnosticare anche i cosi detti "parkinsonismi", ossia delle malattie neurodegenerative che hanno delle afIl dottor Luciano Abruzzi, dirigente medico dell'unit operativa di neurologia dell'Azienda ospedaliera di Cremona

Luciano Abruzzi: La patologia oggi viene diagnosticata anche tra persone non in et avanzata

finit con il Parkinson, ossia presentano aspetti simili. Oltre ai disturbi di tipo motorio, quali altri problemi contraddistinguono il malato di Parkinson? I disturbi vanno dalla sfera psichica (depressione, stato confusionale, ecc) a quella gastrointestinale (stipsi, incontinenza urinaria, disturbi della sfera sessuale), a quella cardiologica (abbassamento della pressione, ecc). Purtroppo si tratta di una patologia che porta con s numerosi problemi correlati. Nelle fasi pi avanzate, poi, c' anche un problema di carico assistenziale: il paziente perde autonomia, e questo comporta un impegno da parte della famiglia e dei servizi socio-sanitari. Quanto importante la diagnosi precoce in questa patologia? E' molto importante, soprattutto perch da studi recenti emerge che i farmaci per la cura della malattia sono utili anche a rallentarne l'evoluzione. Dunque prima si comincia e meglio si riuscir a preservare la qualit di vita del paziente. Dalla malattia di Parkinson non si guarisce, ma la si pu tenere sotto controllo.

Come si cura? La terapia pi frequente quella farmacologica. Abbiamo a disposizione diversi farmaci per la cura, ma spesso accade che funzionino bene per i primi 10-15 anni, e che successivamente subentri un'assuefazione che li ren-

tenti. Altri tipi di terapie sono quella chirurgica, che per utile solo in casi molto particolari. Si impiantano due elettrostimolatori nel cervello che agiscono sulle cellule malate. Ma si devono comunque assumere anche i farmaci. Anche le terapie farmacologiche presentano diverse modalit di somministrazione: attraverso una pompa sottocutanea, o ancora tramite peg (un tubicino che va direttamente nell'intestino). Esiste poi una riabilitazione di tipo fisioterapico: i pazienti hanno grandi problemi di mobilit articolare e hanno bisogno di essere seguiti con costanza. Infine ci sono i percorsi formativi: a Cremona abbiamo un'associazione, La Tartaruga, che si occupa proprio di realizzare incontri formativi, sedute di ginnastica, musicoterapia e altre azioni simili.

da meno efficaci. Oppure possono presentarsi degli effetti collaterali, Per questo motivo spesso opportuno modificare la cura ogni tanto. Di qui l'importanza di essere seguiti da medici compe-

Accanto ai malati di Parkinson, a Cremona esiste un'associazione di volontariato, La Tartaruga, nata nel marzo 2008 per sostenere le persone affette da Parkinson e da disturbi del movimento e i loro familiari. La Tartaruga un centro di ascolto dei reali bisogni del malato e dei sui familiari al fine di cercare insieme una soluzione e di favorire, insieme ai medici e ai professionistiuna informazione sulle cure e sui traguardi sempre pi incoraggianti raggiunti dalla ricerca. Ma anche uno spazio in cui socializzare, condividere stringere nuove amicizie al fine di vincere lisolamento e la solitudine. Un luogo dove raccogliere informazioni sui servizi sociali e sanitari

LASSOCIAZIONE

che il territorio offre. Uno strumento per sensibilizzare lintera cittadinanza e diffondere la conoscenza del Parkinson e dei disturbi del movimento.

I volontari de La Tartaruga sono a disposizione per momenti di accoglienza, informazione, formazione, condivisione, realizzazione di gruppi di ascolto. Si organizzano incontri formativi, per malati ma anche per le loro famiglie e per gli operatori sanitari. Si promuovono convegni, ma anche percorsi dedicati alla riabilitazione, con terapie di tipo fisico ma anche musicoterapia e lavori di gruppo.

Qual il percorso del paziente che si presenta in ospedale con sintomi di Parkison? A una prima fase diagnostica, segue quella riabilitativa, con delle visite periodiche per tenere sotto controllo la malattia e la cura stessa. Il ricovero diventa necessario solo quando si hanno dei peggioramenti improvvisi delle condizioni del paziente. L'aderenza alla terapia un problema? Spesso si, anche perch il paziente si trova a dover prendere i farmaci anche 5-6 volte al giorno. Capita cos che qualcuno salti delle somministrazioni, o addirittura che qualcuno si aumenti le dosi, pensando di incrementare i benefici. Invece fondamentale che la cura venga assunta in maniera corretta.

Venerd 10 Febbraio 2012

27

Sabato 11 febbraio, nella memoria liturgica della Madonna di Lourdes, ricorre la XX Giornata mondiale del malato. In diocesi di Cremona la ricorrenza sar anticipata a venerd 10 febbraio: nelloccasione il vescovo Dante Lafranconi presieder la Messa presso Cremona Solidale, il centro geriatrico Soldi di via Brescia 207, a Cremona. Lappuntamento promosso dallUfcio diocesano per la Pastorale della sanit diretto da don Maurizio Lucini. Lincontro vedr in particolare la partecipazione degli ospiti della struttura insieme al personale sanitario, i dirigenti e i volontari, oltre a familiari e quanti in particolare anziani e infermi volessero unirsi alla celebrazione. Presenti anche i volontari dellUnitalsi che garantiranno lassistenza ai malati. Alle 15.30 prevista la recita del Rosario, cui seguir lamessa. Insieme al Vescovo concelebreranno il cappellano di Cremona Solidale don Goffredo Crema, don Maurizio Lucini, don Franco Morandi e alcuni altri sacerdoti impegnati in questo delicato settore. La festa del malato sottolinea don Lucini non una parentesi allinterno della vasta azione pastora-

Giornata del malato, limpegno costante della Diocesi


le della Chiesa cremonese, ma il punto di approdo e di partenza per una riessione, illuminata dalla fede, su tematiche relative alla salute, alla malattia, al dolore, alla vecchiaia. L'Ufcio diocesano per la Pastorale della sanit ormai da alcuni anni impegnato in alcuni percorsi formativi per quanti sacerdoti, religiosi e laici si afancano alla sofferenza. La compassione non sufciente ricorda don Lucini servono anche competenze speciche. E' sempre pi necessaria una preparazione umana e spirituale per realizzare una reale prossimit ai malati e farsi comunit esperta nel conforto, capace di strappare dalla solitudine e dallisolamento coloro che la malattia ha emarginato. Una comunit cos veramente immagine di Ges che cura e guarisce le ferite del corpo e dellanima; essa luogo nel quale si esprime la salvezza e diventa, in senso analogico, sacramento. Dallo scorso anno stato attivato anche un percorso per lelaborazione del lutto che ha riscosso molti consensi. Prosegue poi il cammino di riessione e approfondimento sui temi della salute con

CAMPAGNA PER IL TUO CUORE


Appuntamento dal 13 al 19 febbraio con la campagna Dammi il tuo cuore ne avr cura, promossa dalla Fondazione Per il Tuo Cuore dell'Anmco (Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri ) che lunit operativa di vardiologia dellAzienda Ospedaliera di Cremona - in collaborazione con 118, assessorato alle Politiche Educative e della Famiglia, assessorato alle Politiche Giovanili e lassessorato allo Sport del Comune di Cremona - hanno voluto sostenere attraverso una settimana densa di eventi dedicata ai cittadini. Il primo appuntamento aperto ai cittadini il concerto dal titolo A Tempo per il tuo cuore, con lorchestra giovanile Mousik, accompagnata dal coro dei bambini dei laboratori musicali delle scuole primarie D.P.Mazzolari, A.Manzoni e Trento e Trieste. L'evento si terr luned 13 febbraio, presso il Teatro Amilcare Ponchielli di Cremona alle ore 21. Marted 14 febbraio (ore 17.30 - Sala Eventi SpazioComune) appuntamento con Dona per la vita, incontro sul tema della medicina delle donazioni rivolto a tutta la cittadinanza. Mercoled 15 febbraio (ore 9 - Istituto di istruzione superiore Ala Ponzone Cimino) si terr un incontro sul tema Non fumiamoci la vita, con gli studenti dellIstituto di Istruzione Superiore Ala Ponzone Cimino di Cremona. Gioved 16 febbraio (ore 17.30 - Teatro Monteverdi) incontro sul tema Contrattacco cardiaco, rivolto a tutta la cittadinanza : si parler del percorso del paziente colpito da infarto miocardico acuto. Venerd 17 febbraio (ore 9 - scuola media Vida) si parler di Non fumiamoci la vita, incontro sul tema del tabagismo con i ragazzi della scuola media che ospita l'evento. Sabato 18 febbraio (ore 9 - Ospedale di Cremona) si terr l'appuntamento principale, ossia la Giornata delle Cardiologie Aperte, in collaborazione con il 118. La giornata prevede apertura dell'Unit Operativa ai bambini e ai genitori delle scuole primarie che affrontano durante lanno scolastico il progetto di prevenzione cardiovascolare, giunto ormai alla sua quarta edizione. Inne, domenica 19 febbraio appuntamento con la corsa podistica non competitiva Di corsa Per il tuo cuore. Un'iniziativa voluta per promuovere l'attivit sica come arma vincente contro le malattie cardiovascolari. La corsa prevede tre percorsi differenziati alla portata di tutti; famiglie, bambini e sportivi in collaborazione con l'Assessorato allo Sport e il Triathlon Cremona Stradivari. Appuntamento alle ore 9.30 in piazza Duomo.

il vescovo in visita ai malati

Fumatori sempre pi giovani


Regione Lombardia impegnata a 360 gradi contro la lotta al tabagismo, specialmente tra gli adolescenti
di Giulia Sapelli

le associazioni di categoria, in particolare medici e farmacisti cattolici. Dopo il convegno dello scorso anno sullobiezione di coscienza, in programma una giornata di confronto sulla relazione medico-paziente.

a lotta al tabagismo continua a essere una delle priorit della sanit italiana, e soprattutto lombarda, a fronte del fatto che il fumo di sigaretta rappresenta la maggior causa di disabilit e morte in Europa. In particolare i pi recenti dati confermano un dato preoccupante, ossia l'incremento del tabagismo tra gli adolescenti, soprattutto di sesso femminile. Dalle raccomandazioni dellOms, si deniscono quattro ambiti dintervento al ne della riduzione del problema: la promozione della salute e prevenzione dellabitudine al fumo tra gli adolescenti; l'assistenza e supporto alla disassuefazione; il controllo del fumo passivo; una fase di comunicazione, formazione, ricerca e valutazione (trasversale ai primi tre). Al ne di promuovere un approccio complessivo ed integrato al fenomeno del fumo di tabacco, Regione Lombardia sta sviluppando le seguenti aree di intervento: Scuola, giovani e fumo, Ospedali e Asl senza fumo, Fumo e medici di medicina generale, Disassuefazione, Controllo del fumo passivo. Quest'ultimo aspetto viene tenuto in particolare considerazione. Il controllo del fumo passivo prevede la modica degli stili di vita nei contesti socio ambientali mediante la promozione di ambienti favorevoli alla sa-

La prevenzione inizia gi alla scuola per linfanzia


lute ((scolastici, domestici, lavorativi e sanitari liberi dal fumo), nonch lapplicazione della Legge 16 gennaio 2003, n. 3 Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione (art. 51). Questa legge ha esteso il divieto di fumo a tutti i luoghi di lavoro, pubblici e privati, quindi anche a bar ristoranti ed altri esercizi commerciali. Larticolo 51 della legge, Tutela della salute dei non fumatori, stabilisce il principio che non fumare la regola e fumare leccezione e prevede la possibilit di creare locali riservati ai fumatori. Questi ultimi devono essere dotati di impianti per la ventilazione e per il ricambio di aria regolarmente funzionanti, ed avere le caratteristiche tecniche ssate dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 dicembre 2003. La legge ha dunque come obiettivo principale la tutela della salute dei non fumatori nei locali pubblici. In quest'ottica rientra il progetto Ospedali e Asl senza fumo, che si pone come obiettivi la promozione di ambienti sanitari liberi dal fumo attraverso: lapplicazione della normativa di divieto di fumo e linformazioneeducazione sanitaria ai dipendenti ed agli utenti; la formazione del personale addetto alle funzioni di "agente accertatore" per un'idonea integrazione

La pericolosit del fumo passivo

dei compiti sanzionatori ed educativi; la formazione del personale sanitario all'attivit di counseling anti-fumo. Inne il programma regionale per la prevenzione del tabagismo nellet evolutiva Liberi dal Fumo articolato in quattro differenti programmi specici per tipologia e grado di scuola che si attuano mediante la loro conduzione da parte di insegnanti appositamente formati. Infatti, numerosi studi nel campo dell'educazione sanitaria hanno dimostrato che i programmi di prevenzione del tabagismo nella Scuola aumentano la loro efcacia solo se condotti dagli stessi insegnanti. Il programma Liberi dal fumo, ha preso in considerazione le raccomandazioni del Cdc di Atlanta. Si inizia quindi con leducazione alla prevenzione del tabagismo dalla scuola dellInfanzia e si continua no alla scuola secondaria di secondo grado, intensicando via via gli interventi. Si organizzano anche programmi di formazione specici per gli insegnanti. Si devono coinvolgere genitori e famigliari nel sostegno dei programmi di prevenzione del tabagismo a scuola. Agli studenti si fornisce conoscenze circa gli effetti a breve termine delluso di tabacco e si cerca di portarli ad acquisire capacit speciche per riutare la sigaretta. Tra gli obiettivi, si vuole ridurre la prevalenza dei fumatori abituali tra i giovani, ridurre la prevalenza degli sperimentatori,caumentare le conoscenze sui danni del tabagismo, rinforzare lintenzione di non diventare fumatori in et adulta.

CENTRO DI AIUTO ALLA VITA, CORSI


Il Centro Aiuto alla Vita organizza un percorso dedicato a tutti coloro che volessero diventare volontati del Centro di Casalmaggiore. Il primo incontro previsto per il 9 marzo con Elena Ferrari sul tema L'ascolto nella relazione d'aiuto. Seguir un secondo appuntamento, venerd 16 marzo, sul tema La comunicazione nella relazione d'aiuto, con una relazione di Sara Ferrari. Venerd 23 marzo toccher invece a Essere donna e mamma, con l'intervento di un'ostetrica abilitata. Gli incontri si tengono sempre presso il Cisvol (via Martelli 4/B a Casalmaggiore) alle 18.30. Per informazioni: 0375.203357 o casalmaggiore@cisvol.it.

Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA

di Ermanna Allevi

Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA)


Gentilissima Signora, la sua rubrica diventata per me un appuntamento settimanale che attendo con piacere ed interesse per le sue risposte, sempre esaurienti pur essendo chiare e semplici. Ho notato che, negli ultimi tempi, le proposte riguardanti lo yoga si trovano ovunque e non c' palestra o centro estetico che non proponga dei corsi. Cosa ne pensa lei? Anche nel suo centro fanno yoga, che differenza c' fare yoga in un centro come il suo e in una palestra? Un grazie e un caro saluto. Adele
Lo Yoga una disciplina millenaria il cui valore ed effetti benefici sono stati riconosciuti in vari ambiti. Lo Yoga una disciplina cos vasta che ognuno di noi pu trarre vantaggi dalla sua pratica.Il fatto che sia adatto a tutti non garantisce da alcune controindicazioni: ad esempio alcune posizioni o tecniche vanno evitate durante il periodo mestruale, altre sono controindicate in caso di ernia alla colonna vertebrale, altre per alcune problematiche agli occhi o se si soffre di ipertensione e cos via. Per questi e altri motivi fondamentale affidarsi all'esperienza e alla guida di una professionista, meglio se diplomata presso la Federazione Italiana Yoga o altre federazioni e scuole serie, meglio se iscritta all'albo professionale che ne garantisce professionalit e competenza, in questo modo verranno proposte pratiche equilibrate, controlli sulla corretta esecuzione, suggerendo di volta in volta, caso per caso, le varianti pi adatte. Non importa in quale contesto la pratica Yoga viene proposta: ci che veramente conta che il professionista sia qualificato e autorizzato all'insegnamento dalla sua federazione. La cosa che mi preoccuperebbe di pi sarebbe un insegnante yoga improvvisato, senza conoscenze in campo e questo succede spesso quando c' il fenomeno della moda di massa, mentre un buon insegnante accompagna a raggiungere un buon equilibrio psico-fisico.

Ozono ed estetica
Nel nostro settimanale incontro sullutilizzo e i beneci dellozono nel campo della medicina, passiamo oggi a trattare un capitolo che si lega ad un discorso estetico : le cicatrici ipertroche e i cheloidi. La cicatrice conseguenza di una guarigione cutanea sostanzialmente dopo un trauma o un atto chirurgico. La guarigione avviene tramite la formazione di un nuovo tessuto connettivo cicatriziale. Se lorganismo produce questo tessuto cicatriziale di connettivocollagene-broblasti in quantit eccessiva, la conseguenza la formazione di una cicatrice pi grossa, sporgente, spessa, pi evidente. Tutto questo porta ad evidenti danni estetici, in ispecie se queste cicatrici sono in zone cutanee esposte e visibili. In ogni caso sono deturpanti, anche se non si vedono esternamente, anche solo per il fatto che il o la paziente ne avverte la presenza e non si accetta con questo peso sico e psicologico. Cio non importante solo ci che abbiamo, ma anche ci che

Dottor Luigi Mitoli, medico-chirurgo ozonoterapia

Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a: info@naturopatia-cremona.com Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel. 0372-412372. Riceve a Crema telefonando al 388 9037275.

ci sentiamo addosso. Nei cheloidi e nelle cicatrici ipertroche quindi, il collagene e i broblasti continuano a formarsi anche a ferita rimarginata e a guarigione avvenuta. Probabilmente ci deve essere una certa predisposizione genetica e la gravit dipende anche dal tipo di pelle. Le zone in cui compaiono con pi frequenza questi cordoni rossi e sporgenti sono soprattutto le spalle, il petto e laddome ma non solo . E se pensiamo ad una persona con una brutta cicatrice sulla gola (ad esempio per intervento alla tiroide) o ad una giovane madre con un segno evidente al basso addome per taglio cesareo, possimo comprendere il desiderio di coprirsi o di non mettersi in costume da bagno, con tutte le inibizoni e le limitazioni del caso. Le terapie possono essere le inltrazioni di cortisonici o lutilizzo di laser. Noi proponiamo lO3 che in breve tempo riesce a ridurre se non a cancellare i cheloidi con facilit e senza dolore. Riceve a Cremona in via Giuseppina 21 Tel. 0372 434988 331 5825327

28

Venerd 10 Febbraio 2012

Agricoltura
rere alla programmazione produttiva, per cercare di mantenere i prezzi ad un livello accettabile stabilendo regole e controlli prima dellinizio della campagna. Il quadro economico della nostra agricoltura, con la sola eccezione della cerealicoltura che sembra viaggiare per il momento in acque relativamente tranquille, non si presenta propriamente roseo. Poi se a tutto ci aggiungiamo come ha ricordato Piva ai consiglieri della Libera - il livello di burocrazia e di tassazione con il quale dobbiamo confrontarci, si preannuncia un 2012 piuttosto preoccupante. Su queste cose dovremo battagliare. Non possiamo stare zitti, e pu darsi che si dia luogo ad uno stato di agitazione scendendo - se necessario - anche in piazza. Se il governo taglia, deve anche preoccuparsi di rilanciare leconomia. Abbiamo un governo tecnico che non distingue le problematiche del nostro settore. La settimana scorsa abbiamo incontrato il Pdl e la prossima incontreremo il Pd per parlare di Imu, tasse e imposizione fiscale. Su questi argomenti qualcosa bisogna fare. La possibilit di avviare lo stato di agitazione stata largamente condivisa non solo dai consiglieri della Libera, ma anche dai rappresentanti delle provincie lombarde presenti alla sezione regionale latte di Confagricoltura; oltre a Cremona, Brescia, Mantova, Pavia, Milano e Lodi.

Antonio Piva: Se le cose non cambiano siamo pronti anche a scendere in piazza
A cura di Libera Agricoltori

a scorsa settimana hanno avuto luogo il consiglio generale della Libera associazione agricoltori cremonesi e la sezione regionale lattiero casearia di Confagricoltura Lombardia. In questi due eventi si delineato un quadro economico e sindacale piuttosto preoccupante dellagricoltura cremonese e lombarda per quanto riguarda i mercati e in particolare per il settore latte. A fine marzo scadranno gli accordi in essere per la fornitura del latte allindustria, ha detto nel suo intervento al Consiglio il presidente della Libera Antonio Piva. La situazione piuttosto preoccupante dal momento che lindustria con la concentrazione dei marchi - ha rafforzato in modo molto consistente il proprio potere; inoltre sembra stia mettendo in atto una politica volta ad utilizzare storici marchi nazionali con materia prima di provenienza estera. Dietro questo aspetto si potrebbe nascondere anche una strategia aziendale di delocalizzazione produttiva, che danneggerebbe irrimediabilmente i nostri produttori. Questo il periodo peggiore per intavolare trattative economiche, dal momento che coincide con il picco produttivo annuale. Questanno si sta producendo oltre il due per cento in pi rispetto allo scorso anno, e il rischio di sforare con la quota

Burocrazia e tasse a livelli soffocanti L


Una manifestazione di Confagricoltura

nazionale di riferimento veramente concreto. Sullargomento latte ci si appresta anche a superare il periodo di controllo del mercato attraverso le quote latte, per entrare in un meccanismo pi nebuloso che dovrebbe essere garantito dal cosiddetto pacchetto latte che, come ha annunciato Piva, verr presentato e spiegato nei dettagli a breve, proprio a Cremona, dal presidente della Commissione agricoltura del Parlamento europeo, Paolo de Castro, e dal suo relatore James Nicholson. In ogni caso, sul latte temiamo manovre speculative che gi si intravedono sul latte spot, ha detto Piva. Manovre che potrebbero essere sventate o limitate solo ricorrendo alla cooperazione e aggregando lofferta attraverso la costi-

tuzione di organizzazioni di prodotto, proprio come previsto dal pacchetto latte. Preoccupazioni molto serie anche da parte dei produttori di suini, che si dibattono in una situazione di permanente difficolt di mercato, e di norme burocratiche e controlli sanitari crescenti. Uno dei problemi principali che attanaglia il settore ha aggiunto Piva quello della formazione del prezzo. Con la Cun si continuano ad avere problemi. Per questo, come Confagricoltura, abbiamo fatto un intervento su Assica. Confidiamo che si possano avere miglioramenti a breve. Per il settore delle orticole da industria - e in particolare del pomodoro sono state evidenziate le difficolt del comparto. E necessario ricor-

Potrebbe partire proprio da Cremona il progetto pilota per un pi efficace contrasto al "flagello - nutrie", cui sta pensando Regione Lombardia. Lo ha annunciato a Spineda lassessore allagricoltura della giunta Formigoni, Giulio De Capitani, partecipando ad un vertice e ad un sopralluogo dedicati a questa sempre pi grave emergenza. E proprio di autentica emergenza, causa di danni notevolissimi, ha parlato senza mezzi termini lo stesso De Capitani. Lintenzione di tenere alta la guardia non manca di sicuro. Questanno, per, in bilancio non ho ancora avuto risorse a disposizione in proposito; mentre in passato riuscivo ad ottenere 250mila euro. Comunque ho chiesto altri fondi , ha precisato De Capitani. Credo serva un piano interregionale, se non addirittura un tavolo nazionale. Un ruolo di primo piano in questa battaglia lo gioca da tempo la Libera Associazione Agricoltori Cremonesi, che si era impegnata a fondo per ottenere la visita dellassessore regiona-

Parte da Cremona il piano di contrasto

Nutrie, unautentica emergenza

le a Spineda. La guerra al fenomeno della proliferazione delle nutrie una costante: Molte volte spiegano dalla Libera - abbiamo coinvolto in proposito il prefetto e lassessore provinciale; si sono sempre dimostrati sensibili, assicurando la massima collaborazione. Purtroppo non possiamo dire altrettanto per quanto riguarda certi sindaci e certi movimenti ambientalisti; ci perch - a nostro avviso - hanno atteggiamenti eccessivamente protettivi (per non dire talebani) verso animali che non sono n autoctoni, n carini o di compagnia, e nemmeno buoni da mangiare. Fanno solamente grossi guai, niente di pi. Per rendere pi facile lazione di contrasto nei loro confronti, abbiamo anche chiesto modifiche legislative che permettano di agire in modo pi efficace. Intanto, per, siamo qui a contare i danni provocati alle colture ed agli argini; con tutto ci che questo significa per il sensibile aumento del rischio di incidenti, anche gravi.

MALTEMPO

In Lombardia si contano i danni

Eletto il consiglio di gestione, Giuseppe Colombi presidente


Gioved 2 febbraio, allassemblea dei soci del Parco Oglio Nord, i sindaci dei Comuni e i rappresentanti delle Province di Bergamo, Brescia e Cremona, sono stati chiamati ad esprimersi in merito al rinnovo del Consiglio di gestione del parco. Nelle votazioni la lista n.1 presentata dalla provincia di Brescia ha ottenuto il 60% delle quote dei voti contro il 38% della lista n.2 presentata dai Comuni della Bassa bresciana. Sono cos risultati eletti, oltre al presidente Giuseppe Colombi, eletto a gennaio per acclamazione, il rappresentante della Regione Lombardia Dino Cattaneo, Gabriele Colombi, Ivan Pedroni e Luigi Ferrari. Nella lista n.2, oltre al presidente Colombi, a Cattaneo e a Pedroni (rappresentante della provincia di Bergamo), erano presenti Pietro Vavassori, membro uscente del precedente Cda, e Luciano Vivaldini. Dallo scrutinio delle schede, si evinto chiaramente che il voto a favore della lista n.1 stato determinato dal maggior peso delle amministrazioni provinciali; mentre la parte pi corposa dei Comuni, con amministrazioni vicine al centrosinistra, hanno preferito la n.2. Erano assenti i soli comuni bergamaschi di Villongo e Credaro, per protesta contro lesclusione da parte di Bergamo di Ernesto Vitali, gi rappresentante nel Cda uscente.

PARCO OGLIO NORD

Londata di eccezionale freddo che investe lItalia sta creando danni notevoli allagricoltura nelle varie regioni. Confagricoltura, con le proprie strutture territoriali, sta monitorando costantemente la situazione lungo tutto lo stivale. Da una prima stima dei danni diretti e indiretti e degli aumenti dei costi - che andr poi perfezionata al ritorno del bel tempo - il conto per lagricoltura complessivamente oscilla tra i 400 ed i 500 milioni di euro. In Lombardia la Confagricoltura regionale ha chiesto al Presidente della Regione Formigoni lo stato di calamit naturale. Risultano colpite tutte le attivit agricole, dalla zootecnia, alla cerealicoltura, dal florovivaismo allapicoltura ed alle attivit connesse di agriturismo e di manutenzione del verde.

TABELLA AGGIORNATA AL 9 FEBBRAIO 2012


PRODOTTO
FRUMENTO tenero buono mercantile GRANOTURCO ibrido naz.14% um. SEMI di SOIA Nazionale ORZO naz. Peso spec. 55-60 peso spec. 66-68 CRUSCA Alla rinfusa FIENO Maggengo Agostano PAGLIA press. (rotoballe) SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI da macello SUINI da macello SUINI da macello

PRODOTTO MODENA
(fino) 221-226 210-211

UNITA DI MISURA
kg.

CREMONA
2,45-2,80

MILANO
MONTICHIARI 1,15-1,27 MONTICHIARI 0,80-0,95 Vitelloni da macello 24/30 mesi 1,30-1,45 MONTICHIARI 1,00-1,10 MONTICHIARI 3,80-4,00

MANTOVA
da macello 1,220-1,320 0,98-1,08

MODENA
--

UNITA DI MISURA
Tonn.

CREMONA
210-212

MILANO
n.q.

MANTOVA
225-230

VACCHE Frisone 1 qualit peso vivo VACCHE Frisone 2 qualit peso vivo MANZE SCOTTONE 24 mesi VITELLI BALIOTTI p.vivo (50-60 kg ) frisona VITELLI BALIOTTI p.vivo (50-60 kg) pie blue belga BURRO pastorizzato PROVOLONE VALPADANA fino a 3 mesi PROVOLONE VALPADANA oltre 3 mesi GRANA scelto stag. 9 mesi GRANA scelto stag. 12-15 mesi

Kg.

2,15-2,40

Tonn.

198-199

210-211

205-207

kg.

2,30-2,85

1,18-1,35

Vitelloni femm. da macello pezz. nere (kg. 450-500) p.v. 1,181,33

Tonn.

n.q.

390-392

380-385

Sorgo nazionale 205-208

kg. kg.

1,00-1,10

(da 46 a 55 kg) 1,05-1,25 3,80-4,30

(45-55 kg) 0,75-1,40 (pregiate 70 kg) 3,61-4,65

Tonn.

n.q. n.q. 188190 130 150 di erba med. 130-150 105 115

n.q. 232234 171172 114-138 129-142 105-117

n.q. 218-225 179-182 Mag. 1 t. 122-127 Erba med f. 1 t. 122-127 3,960

(p.spec. 63-65) 229-232 167-168 Medica fienata 1 t. 120,0-130,0 Paglia di frumento press. ball. 75-80 4,000

2,50-3,70

Tonn. Tonn.

kg.

2,85-2,90

past. 2,20 centr. 2,80 n.q.

2,40

Zangolato di creme X burrificaz. 2,20 --

kg.

(dolce) 4,95-5,15 (piccante) 5,10-5,50

n.q.

Tonn.

kg.

n.q.

n.q.

15 kg

4,000

3,990

PARMIGIANO REGGIANO 12 mesi 10,00-10,35 PARMIGIANO REGGIANO fino a 24 m 11,90-12,20 PARMIG. REGG. 30 mesi e oltre 13,20-13,60

25 kg 30 kg 40 kg 156 kg 176 kg Oltre 176 kg

3,040 2,800 2,290 1,250 1,310 1,280

3,030 2,820 2,320 1,310 1,310 1,285

3,020 2,770 2,290 n.q. n.q. n.q.

3,060 2, 820 2,300 (da 144 a 156 kg) 1,256 (da 156 a 176 kg) 1,310 (da 176 a 180 kg) 1,294

kg.

7,80-8,05

n.q.

7,90-8,15

kg.

8,50-8,70

n.q.

8,78-9,03

N.B. Le quotazioni del bestiame bovino e del foraggio sul mercato di Cremona avvengono il primo e terzo mercoled del mese. Questo dato, conseguentemente, va letto ed interpretato con la dovuta attenzione rispetto agli altri dati pubblicati. Le quotazioni del mercato di Milano avvengono in due giorni separati: il marted per il comparto dei cereali e derivati, il luned per quello zootecnico che fa riferimento a Montichiari. Anche questo aspetto va tenuto in considerazione nel confronto dei dati suindicati. Il mercato di Mantova avviene in un solo giorno e cio il gioved. Modena il luned. Tutti gli aggiornamenti della tabella mercati, insieme ai collegamenti alle principali borse, sono sul sito: www.cremona.coldiretti.it.

Pizzighettone allassalto del Fidenza

SERIE D

Dopo la sosta riprende domenica il campionato di serie D, con un Pizzighettone in salute che ospita il Fidenza, penultimo in classifica. CLASSIFICA (25 giornata) Castiglione 48; Mapello 43; Pizzighettone 42; Caronnese 40;

Olginatese, Ponte San Pietro-Isola 38; Voghera 34; Castellana 32; Darfo Boario, Pro Piacenza, AlzanoCene, Seriate 30; Rudianese 29; Gozzano 28; Car-penedolo, Seregno 26; Fiorenzuola 24; Cologno 23; Fidenza 22; Gallaratese 19.

Csar, lex idolo dei tifosi carioca


LA SCHEDA DI CESARE

lo

SPORT
PRESENZE RETI

Il difensore della Cremo ha un passato glorioso nelle file del Fluminense di Rio
SQUADRA SERIE

di Micheal Guerini

STAGIONE

uesta settimana conosciamo meglio un giocatore esperto che ha militato nella massima serie brasiliana e anche nella nostra serie A con le maglie di Chievo e Catania. Si chiama Csar Vinicio Cervo de Luca, difensore brasiliano classe 1979. A pochi mesi dal tuo arrivo, come ti trovi a Cremona? Benissimo, sono tornato a giocare e ad allenarmi dopo tanti mesi di inattivit, quindi sono felicissimo. A livello societario, sono rimasto piacevolmente stupito nel vedere come organizzato il club e soprattutto nel potermi allenare in un bel centro sportivo come questo. Che rapporto hai con la tifoseria? Non ho ancora avuto un contatto diretto con loro, visto che ho giocato solo una partita in casa contro lAndria. Nonostante questo, i tifosi sono molto vicini alla squadra e ci hanno sempre sostenuto, anche durante il derby malgrado la sconfitta. Hai giocato quattro stagioni nel Fluminense, squadra importante del campionato brasiliano. Come reputi quellesperienza? Una favola. Io sono un tifoso sfegatato del Fluminense fin da bambino, quando andavo gi in curva a tifare la squadra. E stato un qualcosa di magico giocare l,

1999-2000 2000-2001 2001-2002 2002-2003 2003-2004 2004-2005 gen. 2005 2005-2006 2006-2007 2007-2008 2008-2009 gen. 2009 2009-2010 2010-2011 2011-2012 01/2012

Fluminense Fluminense Fluminense Fluminense Chievo Verona Catania Catania Catania Chievo Chievo Padova Padova Padova Juve Stabia Cremonese

A A A A A A B B A B A 1 Div. 1 Div. B B 1 Div.

23 10 23 34 2 5 9 29 8 35 3 14 37 36 1 2

3 4 1 2 4 -

Csar (foto Ivano Frittoli)

dato che il mio sogno era diventare calciatore ed averlo realizzato proprio con la mia squadra del cuore, stato il massimo. Per i tifosi sono diventato un idolo, tutti mi volevano bene e ancora

oggi quando torno in Brasile, mi riconoscono. Una cosa a dir poco stupenda. Sei poi arrivato in Italia, alternandoti tra Chievo e Catania. Che ricordi hai di queste due squadre? Il momento pi emozionante a Catania stato la salvezza in A nellultima partita proprio contro il Chievo. In quella stagione ero in compropriet proprio con il club veronese e noi siamo riusciti a vincere per 2-0, garantendoci la permanenza nella massima serie. Per quanto riguarda il Chievo, il ricordo pi bello stato la scalata alla promozione in serie A. Praticamente in tutti e tre gli anni in Italia o sono stato promosso oppure ho salvato la squadra. A questo punto penso di portare fortuna.... Dopo una parentesi in serie

B, hai deciso di vestire la maglia della Cremonese. Per quale motivo? Finito il contratto a Padova sono andato alla Juve Stabia ma, per svariati motivi, sono andato via subito. Avevo la possibilit di tornare in B, ma ho preferito venire alla Cremo per cercare la promozione, cosa a cui la societ tiene molto. Parlando del presente, come giudichi i risultati conseguiti fino ad ora dalla tua squadra? Siamo partiti molto bene ora c un calo che ci pu stare, del resto una cosa fisiologica. Il risultato col Piacenza stato bugiardo: per ci si visto in campo, non meritavamo la sconfitta. Credo che le prossime gare saranno decisive per le sorti dellintero campionato. In quale posizione chiuder la stagione? Lotteremo per la vetta, questo certo. Non saprei dire per dove arriveremo: come minimo spero di arrivare in zona playoff. Hai sogni nel cassetto? Beh, ovviamente vincere una cosa scontata. Una persona per deve cercare i sogni e lavorare. Se sogni troppo, ti addormenti. Uno deve solo lavorare, lottare per ci che vuole e dare il meglio. Per quale squadra tifi oltre al Fluminense? In Italia guardo tutte le partite, per sono neutrale. Poi mi piace molto seguire il Barcellona per via dellincredibile gioco che fa.

I NUMERI

SPEZIA-CREMONESE 0-0
SPEZIA (4-4-2): Russo; Ricci 6 (1 st Bianco), Lucioni, Murolo, Mora; Madonna, Buzzegoli, Lollo, Vannucchi (33 st Guerra); Iunco, Evacuo (22 st Marotta). A disposizione: Conti, A. Bianchi, Gentili, Grauso. All.: Serena. CREMONESE (4-3-3): Alfonso; Polenghi (37 st Semenzato), Rigione, Minelli, Sales; Riva, Pestrin, Tacchinardi; Possanzini (46 st Musetti), Coralli (16 st Nizzetto), Filippini. A disposizione: G. Bianchi, Degeri, Rabito, Le Noci. All.: Brevi. ARBITRO: Pasqua di Tivoli. NOTE: espulso al 44 pt Sales (doppia ammonizione). Ammoniti Coralli, Riva, Pestrin, Rigione. La Cremonese scena in campo con una fascia bianca al braccio in segno di protesta per il mancato accoglimento del ricorso dal Tnas.

CLASSIFICA Trapani 43 Siracusa (-3) 42 Spezia 35 Carrarese (-1) 34 Cremonese (-6) 32 SudTirol 32 Barletta 32 Lanciano* (-1) 32 Portogruaro* 31 Pergocrema* (-1) 30 Triestina 26 Frosinone* 23 Latina 22 Prato 22 Andria 21 Piacenza* (-4) 21 Bassano* 19 FeralpiSal 17

22 Giornata Andria-Trapani Bassano-SudTirol Carrarese-Triestina Lanciano-Frosinone Latina-Barletta Pergocrema-Prato Piacenza-Portogruaro Siracusa-FeralpiSal Spezia-Cremonese

1-2 0-0 3-0 rinv. 1-1 0-0 rinv. 1-0 0-0

Prossimo Turno (12-2 h 14.30) Barletta-Bassano Cremonese-Siracusa FeralpiSal-Pergocrema Frosinone-Carrarese Lanciano-Piacenza Portogruaro-SudTirol Prato-Andria Trapani-Spezia Triestina-Latina

Cremo, una sfida della verit


di Matteo Volpi

Prima Divisione - Il match con il forte Siracusa pu cambiare la stagione

SERIE A
DATA 11/2 11/2 12/2 12/2 12/2 12/2 12/2 13/2 13/2 ORA 18.00 20.45 15.00 15.00 15.00 15.00 20.45 20.45 20.45 SQUADRA 1 UDINESE CAGLIARI PARMA CATANIA ATALANTA INTER BOLOGNA NAPOLI SIENA SQUADRA 2 MILAN PALERMO FIORENTINA GENOA LECCE NOVARA JUVENTUS CHIEVO ROMA 1 2,60 2,15 2,30 2,20 1,85 1,25 5,50 1,50 3,20 X 3,30 3,10 3,00 3,15 3,30 5,50 3,50 3,75 3,20 2 2,60 3,50 3,30 3,30 4,25 11 1,65 7,00 2,25

SERIE B
DATA 11/2 11/2 11/2 11/2 11/2 11/2 11/2 12/2 11/2 15.00 15.00 15.00 15.00 15.00 15.00 15.00 15.00 12.30 ORA SAMPDORIA VERONA CITTADELLA REGGINA VARESE TORINO BARI CROTONE SQUADRA 1 ALBINOLEFFE BRESCIA GROSSETO NOCERINA SASSUOLO VICENZA EMPOLI ASCOLI SQUADRA 2 1,50 1 1,70 2,65 2,25 1,40 3,00 2,70 1,55 1,65 3,60 X 3,25 2,80 3,50 2,90 3,50 4,00 2,80 2,80 7,50 2 5,50 2,95 5,50 3,50 7,00 9,00 2,60 2,90

GUBBIO

Vediamo di capirci. Dopo il pareggino di La Spezia e soprattutto la grande delusione della mancata riduzione della penalizzazione da parte del Tnas, in casa Cremonese giunta lora di far vedere di che pasta si fatti. Domenica allo Zini giunge, infatti, il Siracusa vice capolista. Una sfida che ha richiamato lattenzione di SportItalia, per effettuare una diretta televisiva che tuttavia non stata ben digerita da parte di entrambe le societ ed quindi saltata. In casa grigiorossa non ci saranno come previsto Sales e Riva, entrambi fermati per un turno dal giudice sportivo. In compenso, rientrer Dettori e forse capitan Fietta (in sua assenza Marione Tacchinardi sempre una garanzia), mentre sulla mancina uno tra Polenghi o Semenzato potrebbe adattarsi per sostituire Sales, in assenza di Favalli ancora out per infortunio. Nel frattempo, in avanti potrebbe essere schierato un trio dattacco pesante come quello composto da Possanzini-Coralli-Le Noci. Oppure con Nizzetto in avvio e magari Le Noci pronto a colpire quando i ritmi si abbassano. Staremo a vedere come mister Brevi decider di interpretare la gara, se subito in modo aggressivo, oppure partendo con un atteggiamento pi prudente, fatto sta che bisogna provare a vincere. Lo vuole il presidente, lo vuole la piazza, ne allaltezza la squadra. Tre punti contro quella che di fatto la capolista virtuale del girone

Primo impegno di un trittico davvero terribile

(senza penalizzazione il Siracusa sarebbe davanti al Trapani), nonch la squadra che sul campo fino ad ora ha fatto meglio di tutta, costituirebbe una importante iniezione di positivit per il morale di un gruppo, quello grigiorosso, che ha il dovere di ritrovare lo sprint perduto. La societ ha fatto ulteriori sacrifici sul mercato di gennaio ed ora pretende che arrivino i risultati sul campo per ottenere i quali paga ogni mese fior di ingaggi e stipendi. Arvedi fa bene a leggere i precetti a tutti, perch ora che si smetta di pensare a Cremona come isola felice, inteso come dove si prende bene e bene o male ti perdonano sempre. Il calendario prevede un trittico di impegni molto difficili ed il momento propizio per creare una giusta tensione allinterno di un gruppo che ha il dovere di dare tutto quello che ha. Ex di turno molto attesi saranno Vincenzo Pepe e soprattutto Massimo Coda, colpo in attacco piazzato in gennaio dalla dirigenza siciliana. Luomo in pi della formazione guidata da Sottil, tuttavia, il sempreverde Davide Baiocco, polmone del centrocampo oltre che elemento di carattere in grado di svolgere le mansioni di allenatore in campo. Una sfida tutta da vivere, per la quale, freddo e neve permettendo, lecito attendersi uno Zini leggermente pi gremito rispetto alle ultime apparizioni derby compreso. PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3) Alfonso, Polenghi, Rigione, Minelli, Semenzato; Fietta, Pestrin, Dettori; Possanzini, Coralli, Nizzetto.

MODENA LIVORNO

PADOVA

12/2

12.30

1,90

3,00

4,75

Punto Snai Cremona: Via Dante Rufni, 28 www.snaicremona.it - info@snaicremona.it Punto Snai Codogno: Via Pandol, 13 www.snaicodogno.it - info@snaicodogno.it

Lo scorso week end ghiaccio e gelo hanno fermato il Crema 1908 e il torneo dEccellenza. E domenica la truppa nerobianca allo stadio Voltini avrebbe dovuto incrociare i tacchetti con lostica Dellese, ma il torneo stato di nuovo sospeso. E insomma un inverno da lupi, uscire indenni dalla tormenta potrebbe significare salvezza.

Il campionato resta ancora fermo: colpa del meteo

ECCELLENZA

CLASSIFICA (20 giornata) SantAngelo 44; Pro Desenzano 35; Aurora Travagliato 34; Palazzolo 30; Sancolombano, Oltrepo 29; Rigamonti Nuvolera 28; Orsa Corte Franca 27; Sarnico 26; Ciliverghe Mazzano 25; Chiari 24; Villanterio, Dellese 23; Vallecamonica, Crema 1908 21; Castellucchio 18; Nuova Verolese 16; Codogno 11.

30

Venerd 10 Febbraio 2012

Sport

Dopo il pari interno con il solido Prato i gialloblu cercano punti sul campo del FeralpiSal, ultimo ma temibile

iaggia inevitabilmente su due fronti il cammino del Pergocrema formato 2011-2012. Peccato se ne accorgano, o meglio, se ne vogliono occupare in pochi, ma il punto che per sperare in un domani radioso, salvezza sul campo e serenit lontano dal rettangolo verde dovrebbero andare a braccetto. Gi! Dovrebbero. Lo scorso week end, in uno stadio Giuseppe Voltini ghiacciato e per pochi meravigliosi, stupendi intimi, la truppa canarina allenata da mister Fabio Brini (voto 7), dinanzi ad un ostico Prato, quasi in scioltezza ha ottenuto un punto incoraggiante e domenica far visita al Sal (guai a sottovalutare la ciurma allenata dallacuto Remondina). Ora, indubbiamente, la fine della parentesi invernale del cosiddetto calciomercato di riparazione, alla causa cannibale per il momento ha giovato: se ne sono andati marpioni ingombranti (ma chiss poi perch, ad un certo punto, il giocattolo si miste-

Prima Divisione - A fine stagione il presidente Briganti potrebbe andarsene, lasciando non poche incertezze sul futuro della societ
di Stefano Mauri
riosamente rotto?) sostituiti da validissimi elementi. Al netto di penalizzazioni e risultati (pi o meno) omologati, la graduatoria canarina soddisfacente, limportante che non sopraggiungano altri handicap dufficio cammin facendo, ma questa unaltra storia malinconica, una vicenda che porta spedita allaltro fronte dedicato allintramontabile Pergolettese, vale a dire il capitolo dirigenziale. Ufficialmente tutto tace, ma ufficiosamente il feeling tra il presidente Sergio Briganti e la realt calcistica autoctona sarebbe ormai prossimo alla conclusione. Fisiologicamente, salvo capitomboli cupi improvvisi, o cambi di rotta provvidenziali, a giugno linterregno Briganti finir e la vicenda legata alla costruzione, o meno, dello stadio nuovo, in tal senso, non centra nulla, anzi un po triste legare la permanenza a Crema del management laziale allavvento di una polifunzionale Pergo Arena. Per portare gente allo stadio, per rispettare i programmi pluriennali, per raggiungere e mantenere un lungimirante equilibrio servono due cose: continuit societaria (non curioso che tutti gli anni, tante societ di Lega Pro cambino propriet in estate?) e, visto che fino a prova contraria stiamo parlando di football provinciale, un legame chiaro (con dirigenti che, per la causa portino portafoglio o risorse umane) col territorio dappartenenza. Il patron della Lega, ragionier Mario Macalli, nei giorni scorsi ai mass media nazionali ha rilasciato anche quanto segue: Dalla prossima stagione chi non ha i soldi sar fuori, basta agli avventurieri nel football. Che sia la volta buona per tornare a far sul serio? Questo il Pergo anti Sal: Cicioni, Celjak, Tamburini, Coletti, Romito, Fabbro, Tortolano, Bab, Volpato, Angiulli, Pi.

Pergo in salute pi in campo che fuori


IL TABELLINO
PERGOCREMA-PRATO 0-0
PERGOCREMA (4-4-2): Cicioni; Celjak, Tamburini, Coletti (42 st Corsi), Romito; Fabbro, Tortolano, Angiulli, Volpato (31 st Inacio Joelson); Inacio Pia, De Oliveira (42 st Cazzamalli). A disposizione: Pennesi, Lolaico, Rizza, Merito. All.: Brini PRATO (3-4-1-2): Layeni; Manucci, De Agostini, Fogaroli; Dametto, Lamma, Sacenti, Cavagna (25 st Gazo); Silva Reis; Benedetti (42 st Morelli), Morante (33 Costantini). A disposizione: Morandi, Ghinassi, Varutti, Gianotti. All.: Esposito. ARBITRO: Juan Luca Sacchi di Macerata NOTE: condizioni del campo buone. Ammoniti: Cavagna, Fogaroli e Gazo. Corner 1-1. Recupero 1 pt; 3 st.

CICLISMO

Non tutto perduto per il Gp Liberazione: la corsa riservata alle Elite pu ancora andare in scena

RUGBY

E cos Antonio Pegoiani, presidente del Comitato provinciale della Federciclismo, si messo a fare il professore, non per rubare il mestiere a nessuno ma per sollecitare i dirigenti delle societ a darsi una mossa contro le istituzioni regionali in vista della votazione elettiva del Comitato Lombardo, programmata per il 17 marzo. Pegoiani lo ha detto in tutte le salse, ai dirigenti delle societ: il governo del ciclismo regionale dovr autorinnovarsi. E stato chiarissimo, per chi non lavesse capito: Bisogna restituire alle societ la voce che ad esse spetta, cambiando minestra, con candidati con requisiti di trasparenza, moralit e competenza. Intanto, il comprensorio provinciale si presenta con qualche novit nel novero delle societ: esce il Team Guadrini di Casalmorano, rimpiazzato da Team Bike Soresina, Team Stradivari Cremona e Team Spaccabici Cremona, praticanti nella disciplina della mountain bike. GP LIBERAZIONE La strada ancora lunga, comunque la paura della defezione sembra svanire senza danno. Angelo Bas-

Il redivivo Costanzi cerca conferme in Francia


Edo Costanzi

si, presidente del Comitato organizzatore, impenetrabile: Avrebbe dovuto essere il giorno della verit, ancora un attimo di pazienza, siamo in trattativa con alcuni sponsor tecnici interessati a garantire il 27 Gran Premio Liberazione donne di Elite e Junior

di Santa Maria della Croce a Crema, del 25 aprile. Staremo a vedere. COSTANZI IN FRANCIA Edoardo Costanzi, ciclisticamente cresciuto nel Club Ciclistico Cremonese 1891-Gruppo Arvedi, far il suo debutto con la maglia della Macerati Viris di Vigevano. Non vede lora di cominciare la stagione dilettantistica che si annuncia spettacolare pi che altrove. Insomma, i motivi dinteresse non mancano per avviare la risurrezione. Ma anche la forma al punto giusto. Senza presunzioni, Edo in grado di farci vedere quanto vale. E inutile avviare processi, come piace a noialtri: se sbaglier ancora, dovr rivedere sogni, ambizioni e aspettative. Stupido star qui adesso a infierire su questo e su quello: bisognerebbe piuttosto infierire sui supertecnici che dovrebbero correre a nascondersi. Costanzi si sta preparando a puntino, provando sincronismo coi compagni nella volate. Lo sa che non pu sbagliare e che non un anno qualsiasi. La squadra vuole espatriare in Francia, quindi Edoardo Costanzi far il suo debutto stagionale

sulla Costa Azzurra sabato 18 febbraio al Gran Prix du Pays a Puyricard. Il giorno seguente correr al Souvenir Jean Masse di Chateau, poi torner in Italia per la Coppa San Geo di sabato 25 febbraio, classica internazionale di apertura del ciclismo italiano di Elite e Under. Auguri Edo! GIRO DEL LODIGIANO Come ogni anno si corre con entusiasmo il Giro del Lodigiano classica in linea riservata alla categoria Juniores (17-18 anni) giunto questanno al 29 compleanno, in calendario il 29 luglio, con partenza e arrivo a Bertonico, per ricordare Lorenzo Mola, corridore scomparso tragicamente lanno scorso a Jesolo (Venezia), atleta che era cresciuto nella Pegaso di Zorlesco, poi rilevata dalla Eurobike di Romanengo. Partenza e arrivo a Bertonico, attraverso Maleo, Crotta dAdda, Macastorna, Meleti, Corno Vecchio, Castiglione dAdda, per finire su un circuito locale di 20 chilometri di gara. Lo scorso anno a Crespiatica, il trionfo and al bresciano Nicolas Marini. Fortunato Chiodo

La 65 edizione della Coppa Dondeo, la storica corsa ciclistica che sino allo scorso anno stata organizzata sul piano tecnico dal Club Ciclistico Cremonese 1891 Arvedi e che ha rischiato di saltare definitivamente, si far e continuer per almeno tre anni. Lo hanno assicurato in una conferenza stampa voluta dallamministrazione comunale, il sindaco Oreste Perri, il consigliere con delega allo Sport Marcello Ventura, gli sponsor storici della manifestazione (Bitter e Fabiano Frontali), eredi della Famiglia Dondeo insieme al presidente del Triathlon Stradivari Mas-

Contrordine: la Coppa Dondeo si correr regolarmente


simo Grezzi e allex presidente del CCC 1891 Fulvio Feraboli. Presenti anche il presidente dellAssociazione Ciclisti Cremonesi Franco Priori, che ha ricordato con rammarico, di non aver potuto partecipare, da corridore, alla prima edizione perch fuori et solo di qualche mese, mentre da meccanico ha seguito quasi tutte le altre. Quando abbiamo saputo che la Coppa Dondeo - ha dichiarato Ventura - questanno non si sarebbe svolta, insieme al sindaco ci siamo rammaricati perch si tratta di un avvenimento storico, entrata a far parte della tradizione sportiva della citt. Per questo ci siamo messi in contatto con la famiglia Dondeo per rimediare alla situazione. Nel frattempo Massimo Ghezzi ci ha comunicato la disponibilit ad organizzare la manifestazione. Abbiamo stilato un accordo per ora su base triennale. Il Comune dar il suo patrocinio e una collaborazione, la famiglia Dondeo rimarr lo sponsor principale, mentre il Triathlon Stradivari fornir la complessa organizzazione. Entusiasti Bitter e Fabiano Frontali: Non possiamo che esprimere la nostra grande soddisfazione per limpegno del Comune e del Triathlon

Il gelo e la neve non potevano non condizionare il regolare svolgimento delle competizioni sportive: cos il maltempo ha placcato lItalia del rugby ed anche in Lombardia sono stati sospesi tutti i campionati regionali e nazionali dilettanti (anche nel prossimo turno). Si fermato perci anche il Rugby Crema, dalle giovanili alla prima squadra. In ogni caso il Rugby Crema ha modo di sorridere per la convocazione di un proprio atleta, Luigi Rizzo, nella rappresentativa Lombarda che sarebbe dovuta scendere in campo la prossima domenica al Festival delle regioni Under 15, torneo anchesso rinviato per il maltempo. Sar per la prossima volta. SEI NAZIONI Dopo lesordio amaro in Francia (30-12), lItalia torna in campo sabato alle 16 allOIimpico di Roma per sfidare lInghilterra nella seconda giornata del Sei Nazioni 2012. Inglesi che allesordio hanno vinto sul campo della Scozia e che si annunciano come sempre avversari temibilissimi. Gli altri due incontri sono: Francia-Irlanda e Galles-Scozia.

Il gelo placca i campionati

La conferenza stampa

Cremona Stradivari. Grazie a questa collaborazione, la Coppa Dondeo prosegue la

Stavolta la presentazione delle societ partecipanti ai campionato organizzati dallUisp riguarda lAsd Amatori Calcio Alfianello. La societ affiliata allUisp dal 2010 ed presieduta da Giuseppe De Vanna (328-5447294 - deva83g@libero.it). Allenatore della formazione calcistica Ezio Berenzi, mentre i dirigenti sono Armando Zorza ed Ezio Berenzi. Limpianto sportivo il Comunale di Alfianello, mentre gli sponsor sono Ricar e Bar Caff per Te. In campionato la squadra si sta battendo con onore. Ecco la classifica: Flora 30; Caprioli 14; Mai Fiack 28; Ladri Club 23; Az. Cartaria 18; P. Dosimo, Alfianello 16; Capriolo 14; Fiesse 12; Atletico Manfro 11; Poderosa, Real Piazzi 2.

Alfianello a tutto calcio

LAsd Amatori allenata da Ezio Berenzi

sua storia e diventa un evento cittadino, nel senso che diventa patrimonio di Cremona. In questo modo ci sentiamo meno soli e siamo certi che il numero dei partecipanti alla gara del 2012 sar sempre pi numeroso. Grande soddisfazione, quindi, in tutto lambiente, ma non si capisce cosa stia succedendo al Club Ciclistico Cremonese-Arvedi, lo storico club cittadino che si lasciato sfuggire, dopo il Gp Calvatone, anche la pi bella delle gare cremonesi e non si capisce neppure perch il Comitato provinciale della Fci non si sia mosso a suo tempo per salvare la pi bella e amata delle corse cremonesi. Cesare Castellani

Sabato presso il Centro Sportivo San Zeno di Cremona si svolge uno dei due stage dellItalia Rugby League in preparazione dei mondiali 2012. Il programma prevede alle ore 9 lincontro tra il presidente della Federazione Italiana Rugby League, Tiziano Franchini, il presidente del Centro Sportivo San Zeno, Claudio Tedesco e il sindaco di Cremona Oreste Perri. Seguir poi alle ore 9.15 lincontro con la stampa e presentazione del rugby league (o rugby a 13). Alle 10.15 inizier poi lo stage della nazionale italiana di rugby league con il commissario tecnico Paul Broadbent, ex giocatore professionista inglese di rugby a 13 ed ora allenatore di una franchigia professionistica che partecipa al campionato di Super League Europeo. Lo stage terminer verso le ore 12.45. Per la citt di Cremona, ricordiamo Citt Europea dello Sport 2013, si tratta di una grande occasione per vedere all'opera una selezione della nazionale di rugby.

Rugby league, stage azzurro

Sport

Venerd 10 Febbraio 2012

La squadra di Caja deve riscattare la prova opaca di Sassari. Il match di sabato al PalaRadi trasmetto da La7d

desso occorre dimenticare subito la partita di Sassari e pensare alla prossima (sabato al PalaRadi ore 16.10), ma non solo a questo appuntamento, ma a tutti quelli che verranno in seguito poich la frittata non ancora fatta e tutti hanno lobbligo di dare il meglio in ogni situazione. Il tempo non manca per cercare di salvare la baracca e restare in serie A. A Sassari, dopo un inizio discreto, la grandinata dei sardi nel tiro pesante ha condizionato il resto della partita, lasciando alla Vanoli Braga poche speranze di recupero. Eccellenti gli uomini di Meo Sacchetti non solo per precisione nel tiro, ma anche per brillantezza nel costruire le occasioni e grandi spaziature offensive nelle quali i biancoblu si sono smarriti, non arrivando mai, se non in ritardo, a chiudere i tentativi dei vari Diener, Vanuzzo, Sacchetti e persino Plisnic. E indubbiamente mancata in difesa la Vanoli Braga, ma anche in attacco raramente abbiamo visto costruire un tiro comodo, con la palla troppo ferma o mal giocata, mentre la difesa dei sassaresi giganteggiava di fronte al balbettio dei cremonesi. Certo la Dinamo Sassari squadra ben assortita e la classifica lo dimostra, ma ci parso di vedere troppo scoramento da parte di Milic e compagni. E questo il

Serie A - Ci vuole carattere e determinazione per sperare di impensierire Bologna di coach Finelli
di Giovanni Zagni

Vanoli Braga, ora sfodera la Virtus


SASSARI-CREMONA 91-76
20 Giornata Bologna-Milano 68-80 Cant-Venezia 73-78 Casale-Varese 58-64 Caserta-Siena 78-80 Roma-Montegranaro 76-69 Sassari-Cremona 91-76 Teramo-Biella rinv. Treviso-Avellino 71-72 Ha riposato: Pesaro CLASSIFICA Siena 28 Milano 24 Bologna 24 Venezia 22 Pesaro 22 Cant 22 Avellino 22 Sassari 22 20 Prossimo Turno (12-2 h 18.15) Varese Biella* 18 Avellino-Teramo Casale M.-Caserta Caserta 16 Cremona-Bologna (11-2 h 16.10) Treviso 16 Milano-Sassari Roma 16 Montegranaro-Venezia Montegranaro 14 Pesaro-Cant Teramo* 12 Siena-Biella Casale M. 10 Varese-Roma (h 20.30) Cremona 10 Riposa: Treviso

31

(22-16, 49-34; 74-56) BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Metreveli ne, Binetti ne, Hosley 10 (3/7, 0/3), Devecchi 6 (0/2, 2/5), Trevis Diener 13 (1/5, 3/5), Sacchetti 13 2/3, 2/4), Plisnic 14 (2/4, 3/4), Drake Diener 18 (2/6, 4/6), Vanuzzo 12 (3/4, 2/4), Pinton 3 (0/2, 1/2), Easly 2 (1/2 da due). All.: Sacchetti. VANOLI BRAGA CREMONA: Lighty 12 (5/15, 0/2), Cinciarini 11 (3/4, 0/1), Lottici ne, Antonelli 2 (1/1 da due), Tabu 14 (1/3, 2/5), DErcole 2 (0/1 da tre), Perkovic 8 (3/6, 0/1), Milic 12 (5/9 da due), Rich 15 (3/6, 3/5), Nelloni ne. All.: Caja. ARBITRI: Sahin, Zancanella e Gori.

Erogasmet, ko inatteso

SERIE C

Tabu a canestro

punto forse pi dolente di un viaggio che si prevedeva ostico. Nota lieta, invece, quella che riguarda la prova del nuovo arrivato Jason Rich che dopo qualche minuto di adattamento, s preso diverse responsabilit e con successo. Speriamo si ambienti al meglio in tempi brevi, ma le premesse sembrano buone. Voltiamo pagina e pensiamo alla Canadian Solar Bologna, secon-

da in classifica, che vanta un quintetto iniziale ottimamente assortito con Poeta in play, il finlandese Koponen in guardia, lo statunitense Douglas Roberts ex Nba in ala piccola, il georgiano Sanikidze ala forte e Gigli in centro. In panchina uomini di valore come Vitali, Gailius e lamericano Lang. Il coach Finelli. I bolognesi avranno tifosi al seguito ed i vari club felsinei si stanno

Come da pronostico Crema espugna nettamente il campo del fanalino di coda Lodi per 41-66. La partita ha avuto storia solo nei primi due quarti, quando la squadra di casa ha provato a rimanere a galla con Marciano, poi il netto tasso tecnico e un break di 0-14 a cavallo tra il 31 e 33 ha fatto la differenza a favore di Crema. Bene Picotti con 16 punti, 8 rimbalzi, Capoferri con 8 punti, 6 assist e 6 rimbalzi, ma nel complesso brave tutte le

Assi in crisi didentit sfida la capolista. Crema ok


SERIE B
ragazze di coach Sguaizer, che domenica alle 18 ospitano il modesto Albino con i favori del pronostico. Ennesima serata negativa, invece, per lAssi Manzi che ha ceduto in casa al non trascendentale Usmate: uno scivolone che deve far riflettere sulla consistenza della formazione di coach Anilonti, che sta dimostrando una preoccupante carenza soprattutto quando si gioca punto a punto. Usmate ha vinto col punteggio di

50-47 dopo aver condotto i primi due quarti, ma anche dopo esdere stata raggiunta sul 47-47. E il prossimo turno vede la squadra cremonese sul campo di Broni, primo in classifica. CLASSIFICA (17 giornata) Broni 32; Valmadrera, Crema 30; Costamasnaga 24; Lussana Bergamo 20; Carugate 18; Cremona 16; Albino, Usmate 14; Villasanta, Vittuone 10; Cant, 8; Pontevico, 6; Lodi 4.

organizzando al riguardo, ma teoricamente non dovrebbero aver bisogno di supporti esterni perch la Virtus fortissima e sino a domenica scorsa, quando ha perso con Milano nellultimo quarto, viaggiava con un invidiabile record di 9 vittorie consecutive. Dunque per la Vanoli Braga si prepara una gara tra le pi difficili in assoluto, ma ovviamente se lesito non risulter positivo, gli sportivi cremonesi si augurano di vedere una partita giocata col coltello tra i denti per provarle tutte prima di cedere a tale avversario, che era partito non bene in campionato, ma poi ha intrapreso la strada giusta per scalare i piani alti della graduatoria. Possibile che tra i cremonesi sia ancora assente Tusek, che deve recuperare dalla fascite plantare che lo tormenta da un po. Speriamo che rientri almeno dopo la sosta prevista per domenica 19 febbraio per dar spazio alle finali di Coppa Italia che si giocheranno sul paquet di Torino. NEWS Gigi Brotto, responsabile tecnico del settore giovanile biancobl, torna a disposizione di coach Attilio Caja.

EDITORIA

Il 14 febbraio (alle ore 18 nel Salone dei Quadri di Palazzo Comunale) verr presentato linteressante volume dal titolo Viaggio nello sport Italiano. Saranno presenti gli autori Michele Uva e Marco Vitale e ne prleranno, tra gli altri, il sindaco Oreste Perri e il Consigliere con delega allo Sport del Comune di Cremona, Marcello Ventura.

Viaggio nello sport italiano

BOXE

Ora ufficiale. LAccademia Boxe Cremona torner ad organizzare il Trofeo Citt di Cremona che sino al 2007 costitu lunico torneo italiano in alternativa ai Campionati Italiani e che richiamava a Cremona ogni anno circa 150 pugili, tutti di Prima Serie, per una kermesse che durava, ogni sabato e domenica, per quasi due mesi e che dal punto di vista tecnico non era inferiore neppure ai Campionati Assoluti in quanto vi erano ammessi anche i pugili stranieri residenti in Italia. Dando unocchiata alla lista degli attuali campioni dItalia dei professionisti, scopriamo che sette su dieci parteciparono al torneo del 2007, il che dimostra quanto importante sia stata quella manifestazione. Il presidente dellAbc Manrico Bottoni ha deci-

Ora ufficiale: riparte il Citt di Cremona


Il gruppo di pugili che ha partecipato allo stage del 4 febbraio a Cremona

LAbc torna ad organizzare uno dei tornei pi importanti dItalia, fermo dal 2007

so di riportare in vita la competizione limitando per questanno la partecipazione ad otto atleti per ciascuna categoria, ma proponendosi per il prossimo anno, in concomitanza anche con le manifestazioni relative alla celebrazione di Cremona Citt Europea dello Sport, di riorganizzarla non ponendo limiti al

numero dei partecipanti, comera in passato. Intanto, si sta lavorando in palestra in vista dei prossimi appuntamenti, tanto che sabato scorso sono arrivati nellimpianto di via Postumia i pugili di Viadana e Piacenza per uno stage coi ragazzi dellAbc. Cerano anche i neoprofessionisti Cappa ed Avosani e i Prima Serie piacentini Sabau, Velcov e Brahim e sabato prossimo ci si ritrover tutti a Piacenza. Si torna sul ring a fine mese: il 25 a Rovereto (un torneo nato sullesempio di quello cremonese) saranno di scena Fulvio Dernini e Ahmid Buoraoui mentre la domenica successiva a Piacenza si batteranno Kevin Colombi, Daniela Boschetti e Massimiliano Rota rispettivamente contro Stefan Szmekskas, Sara Tuso e Marco Battaglia.

Prima o poi doveva succedere. LErogasmet Crema cede 72-74 alla Da Giuliano Lissone, subendo cos la prima sconfitta casalinga della stagione ed interrompendo una striscia di 8 vittorie consecutive. Gli ospiti sono stati autori di una gara attenta ed orgogliosa, al cospetto di unErogasmet visibilmente sottotono. Gli uomini di Galli sono arrivati a questo incontro al termine di una settimana travagliata, durante la quale acciacchi e difficolt di spostamenti hanno decisamente minato la qualit degli allenamenti ed impedito di preparare al meglio la partita. Da tempo non si vedeva lErogasmet tirare con il 39% di media da 2, a testimonianza della buona difesa degli ospiti. Un incontro che per non intacca minimante lo splendido campionato dei biancorossi, attesi sabato prossimo a Milano da unUrania in grande salute. Servir per unaltra Erogasmet. E tornata a sorridere lMG.K.Vis Piadena, che con autorit ha piegato il Gazzada Schianno (72-54) e sabato sera in trasferta prover a fermare la corsa proprio del Lissone, che con Crema ha confermato di essere in grande forma. CLASSIFICA (20 giornata) Monticelli Brusati 40; Crema, Desio 32; Urania Milano 28; Saronno 26; Lecco, Orzinuovi 24; Piadena 22; Pisogne, Lissone 20; Gazzada Schianno, Bernareggio 12; Meda 10; Varese 8; Brescia 6; Bergamo 4.

32

Venerd 10 Febbraio 2012

Sport
si verificata. I quattro gol di scarto stanno infatti tutti nella prima frazione di gioco che i piacentini hanno chiuso sul 5-1 amministrando poi la situazione senza pi segnare una prevalenza sulla squadra ospite. Resta comunque da considerare che i piacentini sono tra le squadre favorite del torneo e quindi la prestazione ella Bissolati non da sottovalutare. Sabato alle 18.30 in programma unaltra trasferta in terra piacentina, stavolta con il Piacenza Pn.

Dopo lo stop forzato a causa del maltempo torna in campo sabato sera la Pom contro il San Vito

Icos, guai a sottovalutare Matera


Lauren Paolini (Icos Crema)

Bissolati, trasferta bis a Piacenza

PALLANUOTO

Battuta a Piacenza dalla Farnese per 10-6, la formazione di pallanuoto della Bissolati, ha sicuramente qualcosa da recriminare su una sconfitta che non si pu dire immeritata, ma che forse si poteva evitare, almeno nelle proporzioni in cui

VOLLEY B2

Serie A2 - Il match sofferto di Soverato insegna che ogni avversario pu rivelarsi molto temibile
sono tutti i presupposti per fare un bel campionato. ogni week end una grande sorpresa, non ci sono mai risultati scontati e tutto abbastanza imprevedibile. Ci che conta entrare in campo con lo spirito giusto senza mai sottovalutare chi sta dallaltra parte del campo. Cosa che deve accadere anche domenica alla Bertoni, dove arriva il fanalino di coda Matera. Guai a considerare scontato lesito del match. A riposo forzato, invece, la Pom Casalmaggiore che non ha potuto giocare a Pontecagnano a causa del maltempo che ha colpito il centro campano. La Pom torna in campo sabato quando ospita il San Vito. obiettivo tornare a muovere la classifica dopo un periodo avaro di soddisfazioni.

ara impegnativa e dai due volti quella dellIcos Crema in terra calabrese. Le cremasche hanno vinto agevolmente i primi due set, ma il Soverato ha confermato il suo buon momento di forma riuscendo a mettere in difficolt anche la terza della classe. LIcos ha saputo per reagire e mettere in cassaforte due punti preziosi vincendo la gara 2-3 (17-25, 15-25, 25-18, 25-23, 7-15). ICoS CREMA: Rondon 3, Secolo 14, Devetag 19, Togut 15, Fanzini 13, Paolini 22, Rossetto (L), Portalupi. Non entrate: Baggi, Nicolini, Cagninelli, Freni. All.: Barbieri. Subito protagonista Carla Rossetto, neo acquisto dellIcos, che ci racconta le sue prime impressioni in terra cre-

Serie A2
18 Giornata Busnago-Sala Consilina 3-0 Frosinone-Montichiari rinv. Giaveno-San Severino 3-0 Matera-Loreto 2-3 Pontecagn.-Casalmaggiore rinv. Santa Croce-Fontanellato 3-0 San Vito-Forl rinv. 2-3 Soverato-Crema Prossimo Turno (12-2 h 18) Casalmaggiore-San Vito Crema-Matera Fontanellato-Pontecagnano Forl-Busnago Loreto-Giaveno Montichiari-Santa Croce San Severino-Sala Consilina Soverato-Frosinone CLASSIFICA Giaveno 47 Loreto 46 Crema 42 Busnago 38 Santa Croce 35 Casalmaggiore* 34 Soverato 28 Montichiari* 25 Frosinone* 22 Sala Consilina 21 Fontanellato 19 San Severino 18 San Vito* 17 Pontecagnano* 12 Forl* (-3) 9 Matera 7

masca: Sono felice di essere qui, linizio pi che positivo. La societ stata sin da subito molto disponibile nei miei confronti e con le compagne sto trovando lamalgama giusta. Ci

La Golden non riescita a sovvertire il pronostico e ha ceduto per tre set a uno contro la Sunsystem Albese dopo una partita a tratti molto combattuta. Tutta quella differenza in classifica che gi allandata era stata evidente sul campo, durante questa partita non si vista, soprattutto per merito delle orange che hanno collezionato la miglior prestazione in trasferta dellanno. Prova confortante s, ma zero punti in classifica e salvezza sempre pi lontana. Sabato, prima della sosta, in programma un match importante contro Fiorenzuola che uscito con le ossa rotte dal match casalingo con Vignola, che in questo momento rappresenta linsidia maggiore per la Grabi Cingia, attualmente a nove lunghezze dalla Golden. Nellultimo turno il Cingia stato nettamente sconfitto in casa da Reggio Emilia e se vuole salvarsi, non pu pi sbagliare, a partire dalla trasferta sul campo del Bingo Globo Montale Modena, anche se fare punti contro la capolista rappresenza unimpresa.

Golden e Cingia sconfitte per 3-1

VOLLEY B2

Oltre 400 persone hanno assistito ed esultato alla vittorie dei blues nel big-match contro Sassuolo

Unincredibile cornice pubblico (oltre quattrocento persone) che ha ricordato i tempi di un passato glorioso, stata da contorno al successo interno della Reima Crema nel big-match contro il Sassuolo, vinto dagli uomini di Vittorio Verderio per 3-1. I padroni di casa sono partiti forte con Bonizzoni che in lungo linea ha regalato il punto dell8-3 ed il primo tempo tecnico della gara. Un ace di Giulio Silva ha dato il pi sei alla Reima (14-8). Nel finale Sassuolo, guidato dal giovane Bigarelli, ha accorciato le distanze ma Silva ed Invernici hanno chiuso il set sul 25-20. Nel secondo parziale partita ancora bene la Reima (7-3 con un Bonizzoni scatenato), ma Sassuolo ha reagito ed riuscito a pareggiare i conti. Claudicante anche linizio della terza frazione di gara (7-8) ma nel momento pi difficile dellincontro, i cori di incitamento dei Wild Kaos, hanno

Una grande pubblico spinge la Reima Crema


dato la carica alla squadra per risorgere come laraba fenice. Il turno al servizio di Mazzonelli ha fatto girare lincontro a favore dei blues che dopo il secondo tempo tecnico sul 16-14, hanno infilato un parziale di nove punti a quattro. Il momento magico prosegueito nel quarto set, con Marazzi ed Egeste devastanti al centro. Un ace del capitano ha dato lallungo decisivo (20-13), mentre Silva ha stroncato il tentativo di rimonta degli emiliani, permettendo a Crema di conquistare lintera posta in palio. Un grande pubblico ha affermato a fine gara il presidente Percivaldi ha sostenuto la squadra dal primo allultimo punto. E stata una bella partita, speriamo di proseguire su questa strada, anche se non sar facile. Unico neo della giornata di ieri, una frase rivolta dal secondo arbitro alla tribuna cremasca poco felice e non degna di un fischietto

federale, che sar oggetto di formale esposto da parte della societ. Sul punto spiega il team manager Andrea Mombelli: Non accettabile che un direttore di gara, durante una partita, si rivolga al pubblico con una frase dal contenuto offensivo. Se il pubblico , diciamo cos, autorizzato a commentare, anche in modo colorito l'perato arbitrale, un direttore di gara, diversamente non pu permettersi di fare altrettanto, perch il suo ruolo ben altro. A fine gara abbiamo segnalato al commissario federale lepisodio, ritenendo di fare cosa utile anche verso la categoria e la Fipav. CLASSIFICA (15 giornata) Reima Crema 38; Sassuolo, Montecchio 32; Viadana 29; Modena Est 26; Cisano 24; opem Audax Parma 22; Verona, Bedizzole 21; Gorgonzola 20; Castelnuovo 19; Costa Volpino 18; Vignola 8; Piacenza 2.

Reima Crema in festa

Primo successo di Guglieri-Galantini


di Massimo Malfatto

Nelle Targhe Comitato di Crema in categoria C/D note positive per Magnini-Vezzoni

Successo di gioco e parecchio pubblico ha riscosso le Targhe Comitato di Crema le cui finali si sono svolte sulle corsie del bocciodromo comunale di viale Indipendenza. Dopo qualche discreto piazzamento arrivato il primo successo stagionale della neo-coppia trescorese formata da Giuliano Galantini e Paolo Guglieri, una vittoria sofferta ma alla fine meritata. I pupilli del presidente Luigi Comolli superavano in semifinale Pedretti-Gerrini (12-11) e vendicavano la sconfitta subita nei quarti dai loro compagni Marazzi e Tensini proprio ad opera della coppia lodigiana. Approdavano in finale anche Alessandro Chiappa e Paolo Scarpelli che simponevano nei quarti sui cremosanesi Paladini-Bonizzi (12-5) e di seguito eliminavano (sul filo di lana!) Ritorti e Sacchi. Finale molto equilibrata, ben gio-

cata da entrambe le formazioni: la spuntavano (per 12-8) Galantini e Guglieri che riuscivano a piegare la resistenza di Chiappa e Scarpelli. Serata da incorniciare per Mario Magnini e Francesco Vezzoni che hanno brillato nella categoria C/D. Dopo aver superato i milanesi Grechi-Masiero (12-9), i bravi portacolori della Arci Crema Nuova simponevano con lidentico punteggio su Paladini e Raimondi. Nella parte alta del tabellone in evidenza i bagnolesi Roberto Barbati e Teresio Pellegrini che prima eliminavano sul filo di lana Gatti-Mirani e successivamente avevano la meglio sui pianenghesi MeleriBiazzi per 12-8. Finale a senso unico e agevole successo di Magnini-Vezzoni su Barbati-Pellegrini per 12-3. Ha diretto la gara Gianpietro Raimondi, arbitri di finale Attilio Bisotti ed Antonio Polenghi.

Nella quinta prova del Top 10 Lombardia organizzato dal comitato di Crema i nostri giovani bocciofili hanno scaldato gli appassionati. Nella categoria Allievi protagonisti Filippo Celardo e Mattia Visconti: lha spuntata Pippo (terzo successo stagionale in questa manifestazione!) che in finale ha avuto la meglio sul bissolatino sul filo di lana. Nella categoria Esordienti ancora in evidenza un tonico e reattivo Nicholas Testa che nel match decisivo ha superato il bresciano Marco Piceni. Infine nella categoria Ragazzi successo di Daniel Scavoni che si imposto sulla orobica Marta Rodolfi.

Top 10: vincono Celardo e Testa

iN BrEVE

Venerd finale gara promozionale


Galantini e Guglieri (vincitori cat. A/B) con Magnini e Vezzoni (cat.C/D)

Chiappa, Venturelli e Scarpelli (vincitori cat. A)

Per il terzo anno consecutivo la Casiratese ha organizzato una fase, la seconda, del campionato provinciale cremasco. Nella categoria A (specialit terna) sono stati necessari i pallini per decretare campioni provinciali Alessandro Chiappa, Paolo Scarpelli e Gianni Venturelli che lhanno spuntata su Ernesto Giana, Teresio e Giuseppe Sangiovanni; dopo aver perso il primo incontro vincevano il secondo e la roulette dei pallini contro gli scannabuesi che schieravano i Sangiovanni che lo scorso anno (con Mussi!) vinsero il titolo nella categoria inferiore. Anche nella cat.B conclusione ai pallini e vittoria di

Casiratese: assegnati i titoli provinciali

Francesco Lanzi, Silvano Pessotti ed Ermanno Fioretto che simponevano su Sacchi-Lorenzetti-Ritorti. Bella performance di Mario Ferrari e Gabriele Nichetti nella cat.C: dopo aver superato in semifinale Rozza-Pedrignani, battevano in finale (sul filo di lana!) i bagnolesi Carlo Zorza e Maurizio Volpi. Infine nella cat.D titolo provinciale ad Eugenio Foschetti che in semifinale si sbarazzava di Giovanni Tosi ed in finale superava agevolmente Marco Vailati. Al quarto posto Enrico Raimondi. Ha diretto la gara Gianpietro Raimondi, arbitri di finale Attilio Parati e Lorenzo Stabilini. MM

Venerd 10 sulle corsie del comunale (con inizio ore 20) si concluder la gara promozionale organizzata dal gestore del bar-ristorante del bocciodromo. Nelle batterie, tra gli altri, successi di Pedrignani-Minerva, Favalli-Botta, Marzolini-Cassinari e Fattebene-Tamagni.Alla coppia prima classificata buono valore di mille euro. Direttore di gara Gabriele Ceriati.

Soresina: epilogo dei provinciali


Sabato 11, dopo due settimane di batterie interessanti, si svolgeranno le finali del campionato provinciale specialit individuale. Sotto la direzione di Annibale Barbisotti si giocher sulle corsie del comunale di Cremona e di Soresina dove si concluder la manifestazione.

i sono segnali poco incoraggianti per le avversarie della Juve. Come quello arrivato al termine della semifinale dandata di Coppa Italia con il Milan: Conte ha gettato nella mischia il nuovo arrivato, il laterale difensivo Caceres che, udite udite, ha realizzato una doppietta nel 2-1 di S. Siro. Robe dellaltro modo, che accadono solo nelle stagioni super fortunate. Questo preambolo non vuole per disconoscere i meriti dei bianconeri, che sono un gruppo molto unito e sul campo danno sempre il 110%. Le condizioni meteo, sempre pi proibitive per il calcio, stanno trasformando il campionato in una corsa automobilistica con tanti pit-stop e da questa confusione pu uscirne vincente proprio la Juve, che tra laltro non ha gli impegni europei. Ma prima di cedere lo scettro, il Milan vuole recuperare tutti gli effettivi, perch senza i tanti acciacchi eccellenti, probabilmente i rossoneri avrebbero qualche punto in pi in classifica. Ibra non pu sempre risolvere da solo i problemi della squadra e dopo tanta pressione, ha perso le staffe ed stato espulso con il Napoli, tanto da rischiare di

La Juve comincia a spaventare il Milan


22 Giornata Cesena-Catania rinv. Chievo-Parma 1-2 Fiorentina-Udinese 3-2 Genoa-Lazio 3-2 Juventus-Siena 0-0 Lecce-Bologna 0-0 Milan-Napoli 0-0 Novara-Cagliari 0-0 Palermo-Atalanta 2-1 Roma-Inter 4-0 Prossimo Turno (12-2 h 15) Atalanta-Lecce Bologna-Juventus Cagliari Palermo (11-2 h 20.45) Catania-Genoa Inter-Novara Lazio-Cesena (9-2 h 20.45) Napoli-Chievo (13-2 h 20.45) Parma-Fiorentina Siena-Roma (13-2 h 20.45) Udinese-Milan (11-2 h 18) CLASSIFICA Juventus* 45 Milan 44 Udinese 41 Lazio 39 Inter 36 Roma 35 Napoli 31 Palermo 31 Genoa* 30 Fiorentina* 28 Parma* 27 Cagliari 27 Chievo 27 Catania** 24 Atalanta* (-6) 23 Bologna* 22 Siena* 20 Lecce 17 Cesena* 16 Novara 13

Sport Week

Venerd 10 Gennaio 2012

33

SERIE A - Anche in Coppa Italia i bianconeri hanno vinto e convinto. E i rossoneri rischiano a Udine senza Ibra

La manata che costata a Ibra la squalifica

saltare il big-mach di campionato con la Juve (vedremo come andr a finire il ricorso). Tra le squadre di vertice chi sta peggio lInter, crollata proprio sul pi bello, ovvero dopo aver vinto anche il derby. Limpegno profuso per recuperare il terreno perduto ha prosciugato il serbatoio di una squadra da tempo in riserva e le tre successive partite hanno messo a

nudo i difetti dei nerazzurri (un punto in tre gare con nove reti subite). E visto che i guai non vengono mali soli, c pure la grana Sneijder a destabilizzare lambiente. Lolandese e Ranieri sono ormai ai ferri corti e questo non agevola una squadra bisognosa di tranquillit per uscire da un crisi che pu diventare pericolosa. Meteo permettendo, sabato va

in scena a Udine un match molto delicato tra unUdinese un po in calo (soprattutto in trasferta) e un Milan che sta facendo molta fatica e segnare. Per il Milan vietato perdere altri punti, ma vincere in Friuli non mai facile per nessuno, soprattutto per chi si presenta senza un certo Ibra. Fabio Varesi fabiovaresi16@libero.it

Un amore mai sbocciato. Fabio Capello e la federazione inglese hanno deciso di separarsi, senza rimpianti e cos finisce male la prima gestione di un allenatore non inglese della nazionale di sua maest. Come spesso accade nelle coppie in crisi, a provocare la rottura sono futili motivi, come la gestione del caso Terry, al quale la Federazione ha tolto dufficio la fascia di capitano. Uningerenza che Capello non ha gradito, ma che maschera linsoddisfazione di entrambe le parti per i risultati non troppo lusinghieri, malgrado un ingaggio da capogiro. Capello, come

Tra gli inglesi e Capello finito un amore mai sbocciato


ZOOM
Trap, conferma di essere pi bravo ad allenare le squadre di club che le selezioni nazionali ed per questo che molte societ blasonate dEuropa stanno gi sondando il terreno. Fabio Capello, gi una volta odiato dagli inglesi per quel gol realizzato a Wembley nel 1973 che regal la prima storica vittoria azzurra in terra inglese, diventa ora definitivamente personaggio poco gradito al calcio britannico, ma questo al tecnico friulano poco importa. E la nazionale inglese? Ai prossimo Europei vedremo se i risultati poco esaltanti erano colpa solo dellallenatore italiano.
Fabio Capello

Anche in serie B a dominare il maltempo, che ha impedito alle prime tre squadre della classifica di scendere in campo. Nellultimo turno si giocato solo il big-match tra Padova e Verona, terminato con un onesto 0-0 che non cambia la classifica delle due squadra, saldamente in zona playoff. Si fa sempre pi sotto il Varese di Maran, autore di un grandissimo recupero e ora ancora pi forte dopo lingaggio di Granoche, subito decisivo (doppietta) nel match vinto sul campo dellAlbinoLeffe. Maran e la punta uruguaiana hanno gi lavorato insieme nella Triestina qualche stagione fa, tra laltro con ottimi risultati e si candidano come mina vagante per i playoff. Si finalmente sbloccata la Sampdoria, vittoriosa a Grosseto grazie a Pablo una magia di Foggia, Granoche uno dei tanti giocatori di classe a disposizione di Iachini, fino ad ora poco incisivo come tanti suoi compagni di squadra. Sar la svolta tanto invocata dai tifosi doriani? Lo vedremo sabato pomeriggio al termine del match casalingo con lAlbinoLeffe: la Samp non pu che vincere. 26 GIORNATA AlbinoLeffe-Varese 1-2, Brescia-Torino rinv., Empoli-Crotone 1-1, Grosseto-Sampdoria 0-1, Gubbio-Modena rinv., Juve Stabia-Livorno 1-2, Nocerina-Bari 1-1, Padova-Verona 0-0, Pescara-Reggina rinv., Sassuolo-Ascoli rinv., Vicenza-Cittadella 1-4. CLASSIFICA Pescara* 51; Sassuolo*, Torino* 50; Verona 48; Padova 45; Varese 41; Reggina*, Bari (-2) 36; Brescia* 35; Sampdoria*, Cittadella 34; Juve Stabia (-4), Grosseto 33; Livorno 29; Vicenza 27; Crotone (-1) 26; Modena** 24; Empoli*, AlbinoLeffe*, Gubbio* 23; Ascoli* (-7); Nocerina 18. PROSSIMO TURNO (11-2 h 15) Bari-Sassuolo (12-2 h 12.30), Cittadella-Brescia, Crotone-Grosseto, Livorno-Vicenza (12-2 h 12.30) , Modena-Padova , Pescara-Juve Stabia, Reggina-Empoli, Sampdoria-AlbinoLeffe, Torino-Nocerina, Varese-Gubbio, Verona-Ascoli.

La Sampdoria si sbloccata Bene il Varese di Granoche


SERIE B

TENNIS
Andreas Seppi

Coppa Davis: lItalia tenta limpresa


La grande attesa finita. Dopo undici anni lItalia torna a giocare nel gruppo mondiale di Coppa Davis, in un match sulla carta proibitivo, contro la Repubblica Ceca a Ostrava. Tocca ad Andreas Seppi il compito di aprire il programma con Radek Stepanek (venerd alle ore 16), mentre a seguire Simone Bolelli dovr affrontare il numero 7 del mondo Tomas Berdych. Bolelli stato preferito a Starace, in quanto il campano ha avuto la febbre e sar probabilmente utilizzato in doppio insieme a Bracciali. Nel bilancio dei confronti diretti (compresi quelli giocati fino al 1992 sotto la bandiera della Cecoslovacchia) la Repubblica Ceca conduce sullItalia per 7-3. Per tornare da Ostrava con la qualificazione serve unimpresa, ma dopo unassenza cos lunga, lItalia deve almeno vedere cara la pelle e siamo sicuri che Barazzutti tirer fuori il meglio

BASKET

Azzurri in campo da venerdi nel difficile match in Repubblica Ceca

dagli azzurri, impresa che gli sempre riuscita con le ragazze in Fed Cup. La sfida di Coppa Davis viene trasmessa in diretta su Supertennis. Ecco gli altri incontri del primo turno: Spagna-Kazakistan, AustriaRussia, Canada-Francia, Svizzera-Usa, Serbia-Svezia, Giappone-Croazia, Germania-Argentina. CICLISMO (F.C.) Il Tas di Losanna ha sospeso per due anni il ciclista spagnolo Alberto Contador, positivo al clenbuterolo nel 2010. La squalifica del madrileno arriva dopo un procedimento di quasi 18 mesi e priva Contador delle vittorie al Tour 2010 (che va al lussemburghese Andy Schleck) e al Giro dItalia 2011 (assegnato allitaliano Michele Scarponi). Contador dovr saltare il prossimo Tour de France perch la fine del provvedimento scade nel mese di agosto.

Dominatrice (come sempre) in campionato e imbattibile in Eurolega. La Montepaschi Siena, travolgendo lUnicaja Malaga (84-69) a un passo dal passaggio del turno nella Top 16 e ora guarda con fiducia allingresso alle Final Four della competizione continentale pi importante. Torna a sorridere anche Milano, che in una gara cruciale ha ottenuto 2 punti preziosissimi (i primi di questa seconda fase di Eurolega battendo lUnics Kazan 63-58) e mantiene cos vive le speranze di qualificazione. Insomma, grazie anche alla Bennet Cant, lItalbasket viva... LEGA A Dopo le dimissioni di coach Marco Crespi, Casale Monferrato stata affidata ad Andrea Valentini, gi assistente di Crespi.

Siena imbattibile anche in Eurolega

Secondi di Terra

Le ricette di Nonna Felicita


INGREDIENTI PER 4 PERSONE 4 fette di fesa di tacchino 2 spicchi di aglio 1 costa di sedano 1 carota 10 mandorle tritate Alcune mandorle intere 1/2 bicchiere di vino bianco Poco olio d'oliva Sale Farina

Tacchino con le mandorle

Vitello ai funghi e mirtilli in salsa alle erbe


INGREDIENTI PER 4 PERSONE 600 g di filetto di vitello 1 mazzetto di insalata rucola 4 funghi porcini sott'olio 1 cespo di insalata di stagione Olio d'oliva 1 cestino di mirtilli Sale, Pepe Per la salsa Olio d'oliva extra-vergine Aceto aromatizzato ai mirtilli Prezzemolo Erba cipollina Scalogno Sale, Pepe
Lavate le foglie di insalata e di rucola ed i mirtilli. Tagliate a met i funghi sott'olio. Fate rosolare a fiamma bassissima la carne con una cucchiaiata di salsa alle erbe. Salatela leggermente, mescolate, toglietela dal fuoco e lasciatela intiepidire. Riunite tutti gli ingredienti in un piatto e condite con la salsa.

Stracotto doca

PREPARAZIONE
Fate imbiondire l'aglio in poco olio, aggiungete il battuto di sedano e carota. Infarinate le fette di tacchino, aggiungetele al soffritto, fate prendere colore da entrambe

Tagliate a dadini la carne. Preparate la salsa tritando finemente le erbe e lo scalogno e mescolandoli agli altri ingredienti.

le parti, bagnate col vino bianco poi salate e cospargete con le mandorle tritate. Lasciate cuocere per 10 minuti, aggiungete le mandorle intere e servite.

Rotolo di coniglio con i capperi


INGREDIENTI PER 10 PERSONE 1 coniglio da 1150 g 2 coscette di pollo da 100 g 60 g di olive verdi 3 fette di pancarr ammollato nel latte 1 cucchiaio di capperi sotto sale 1 uovo 1 mazzetto di salvia 1 spicchio di aglio ,1 mazzetto di rosmarino 1 spruzzo di vino bianco secco 4 cucchiai di olio d'oliva Sale, Pepe PREPARAZIONE
Spuntate al coniglio la testa e le zampe, lavatelo, asciugatelo accuratamente poi, con un coltello appuntito e affilatissimo, disossatelo completamente, cercando di non lacerare la carne: alla fine dovrete ottenere una specie di rettangolo regolare. Salatelo e pepatelo. Disossate anche le coscette di pollo, privatele della pelle, quindi passatele al macinacarne insieme con il pancarr ben strizzato, raccogliendo il ricavato in una ciotola. Amalgamatelo con le olive snocciolate e tritate insieme con una cucchiaiata di capperi risciacquati dal sale, un uovo, sale e pepe. Spalmate la polpa di coniglio con questa farcia, quindi arrotolatela su se stessa. Legate il rotolo come un arrosto, con alcuni giri di spago da cucina, quindi sistematelo in una pirofila. Aggiungete un mazzetto di salvia e rosmarino, uno spicchio d'aglio e 4 cucchiaiate d'olio. Passate nel forno gi a 200 gradi per circa 60 minuti, bagnando di tanto in tanto la carne con il suo sugo e con uno spruzzo di vino (ne baster mezzo bicchiere in tutto). A cottura ultimata, sfornate, eliminate lo spago e affettate il rotolo. Servitelo caldo, con il suo sugo sgrassato e filtrato: volendo accompagnate con patate al forno.

INGREDIENTI PER 8 PERSONE


1 oca di 3000 g Alcune fettine di pancetta 1 bottiglia di vino bianco secco 2 bicchieri di aceto di vino Brodo 2 cipolle 1 pizzico di maggiorana 1 foglia di alloro 1 pizzico di rosmarino 2 cucchiai di olio d'oliva Sale Alcuni grani di pepe PER LA SALSA: 2 limoni 2 acciughe Burro

Polpette dagnello alle melanzane


INGREDIENTI PER 4 PERSONE 500 g di polpa d'agnello tritata 2 melanzane 2 tuorli d'uovo Origano Prezzemolo 4 cucchiai di olio d'oliva Sale, Pepe

PREPARAZIONE
Fasciate l'oca con le fettine di pancetta, adagiatela sulla griglia del forno e cuocetela per un'ora e mezzo in forno preriscaldato a 190 gradi. Ritiratela, eliminate la pancetta, sistemate il volatile in una pentola su misura con due cucchiai d'olio. Versate vino, aceto e brodo fino a coprirlo. Aggiungete alcuni grani di pepe, l'alloro e le cipolle intere, un pizzico di maggiorana e di rosmarino tritati e salate. Cuocete ancora per un'ora sul fornello a fuoco basso, poi togliete l'oca dal recipiente e tenetela al caldo. Preparate la salsa.Unite al fondo di cottura la polpa a dadini di un limone sbucciato al vivo, le acciughe dissalate, diliscate e tritate. Mescolate, ritirate dal fuoco e mantecate il composto con una noce di burro. Disponete l'oca tagliata a fette su un piatto da portata. Ricopritela con la salsa e guarnitela con l'altro limone a fettine.

PREPARAZIONE
Avvolgete le melanzane in un foglio d'alluminio e cuocetele in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 30 minuti. Ritiratele, aprite l'involucro, lasciate intiepidire. Dividete le melanzane a met e con un cucchiaio togliete parte della polpa. In una ciotola mescolate la carne d'agnello tritata, la polpa delle melanzane, l'origano, i tuorli, il prezzemolo tritato. Amalgamate bene. Salate e pepate. Con l'impasto formate tante piccole polpette e rosolatele in un tegame con quattro cucchiai d'olio. Passatele sul piatto da portata e servite.

Fino a l

15 febbraio 2012