Sei sulla pagina 1di 20

Direttore responsabile Sergio Cuti Direttore editoriale Daniele Tamburini Societ editrice: Promedia Soc. Coop.

p. via Del sale 19 Cremona Amministrazione e diffusione: via S. Bernardo 37/a Cremona tel. 0372 435474
Direzione e redazione via S.Bernardo 37/a Cremona tel 0372 454931 email redazione@ilpiccologiornale.it stampa SEL Societ Editrice Lombarda Cremona pubblicit: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it
Aut. del Tribunale di Cremona n 357 del 16/05/2000 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 Cremona Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it
PICCOLO
il
Giornale www.ilpiccologiornale.it

a pagina 5
Edizione del Mercoled
Anno XII n68 MERCOLED 10 OTTOBRE 2012 Periodico 0,02 copia omaggio Non riceve alcun finanziamento pubblico
4+^1--ee`V`+
^E4*+O-
Lesperienza dei laboratori civici e urbani si sta diffondendo sempre di pi: da Polide, a Luci, al Comitato per lacqua pubblica
VIABILIT URBANA
PARCHEGGI ROSA,
CHE FINE HA FATTO
LA GALANTERIA?
PENSIONI
a pagina 6

Controriforma
bocciata, esodati
senza risposte
GUARDIA DI FINANZA
a pagina 8

Maxi operazione
Sequestrate
armi e droga
IL NOSTRO PAESE, DOPO LINDIA, QUELLO CON LA PI ALTA PERCENTUALE
DI POPOLAZIONE CHE SCEGLIE DI NON CONSUMARE CARNE

a pagina 3
Roberto Vitali: Non si tratta di ingabbiare la politica in parti e liste civiche bens di promuovere la partecipazione attiva
LA CITTA DEL FUTURO SI CREA DAL BASSO
inquantanni fa, l11 ottobre, si apriva il
Concilio Ecumenico Vaticano II che Gio-
vanni Paolo II ha indicato come la grande
grazia di cui la Chiesa ha beneficiato nel
secolo XX. Papa Benedetto XVI per fare memo-
ria di quellevento ha indetto per tutta la Chiesa
lAnno della Fede, che avr inizio appunto l11
Ottobre 2012 e si concluder il 24 Novembre
2013. Il primo mese dellAnno della fede coincide
con lAssemblea generale del Sinodo dei Vescovi
(7-28 Ottobre), che ha come tema La nuova evan-
gelizzazione per la trasmissione della fede cristia-
na. Il Papa definisce questa coincidenza come
unoccasione propizia per introdurre lintera
compagine ecclesiale ad un tempo di particolare
riflessione e riscoperta della fede (Porta fidei, n.
4). Effettivamente il rapporto tra fede ed evange-
lizzazione non solo intrinseco al senso delluna
e dellaltra, in quanto la fede suppone lannuncio
del Vangelo (Rom 10, 17) e lannuncio del Vange-
lo finalizzato alla fede, ma ripropone un obietti-
vo urgente per la Chiesa oggi, che si trova ad af-
frontare la sfida della secolarizzazione, la quale,
come ripete spesso il Papa, si infiltrata nello stes-
so tessuto ecclesiale. Cos lAnno della fede e
limpegno della nuova evangelizzazione si salda-
no benissimo tra di loro e ci sollecitano a conside-
rare questAnno una straordinaria opportunit di
riscoprire o rinvigorire la nostra fede sia nella vita
personale e familiare che nella vita della comunit
cristiana, oltre che di investire decisamente
nellimpegno missionario per proporre il Vangelo
a chi non lo conosce (pensiamo ai tanti stranieri
che abitano tra noi) o a chi lha dimenticato (pen-
siamo ai tanti battezzati ai quali risultano estranei
sia Ges Cristo sia il suo messaggio).
MESSAGGIO PER LANNO DELLA FEDE
C
Un tempo di grazia
da vivere valorizzando
ci che gi si fa
+ Dante Lafranconi, Vescovo
Continua a pagina 6
SPORT
CALCIO - DOPO IL PARI DI CUNEO
a pagina 17

Cremo senza svolta


anche con Scienza
E i tifosi mugugnano
VOLLEY SERIE A2
a pagina 18

Pom, esordio amaro


Il tecnico: Non siamo
certo ridimensionati
a pagina 26
BASKET LEGA A
Vanoli, dopo due ko
la strada in salita
Ma resta lottimismo

alle pagine 12 e 13
a pagina 7

LITALIA DEI VEGETARIANI


CASALMAGGIORE
a pagina 10

Caso ex Chiozzi:
per il Pdl
edificio inagibile
PISCINA COMUNALE
Spogliatoi poco funzionali
Direttore: Proteste assurde
a pagina 4

dal 1996
l nuovo piano regionale degli interventi sulla
qualit dell'aria (Pria) sar approvato dalla
Giunta regionale entro i primi mesi del 2013.
La notizia stata comunicata dal presidente
della Regione Lombardia, Roberto Formigo-
ni, a margine degli Stati generali dell'Aria, svoltisi a
Milano nelle scorse settimane.
Formigoni ha anche evidenziato come gli Sati
generali abbiano dimostrato la capacit di Regione
Lombardia di muoversi come sistema e la volont di
tutti gli attori del sistema regionale di partecipare al
dialogo per individuare una strategia comune. Que-
sto metodo del confronto allargato gi si era rivelato
vincente ad esempio per la riforma del trasporto
pubblico locale. Un modo di procedere ha per-
messo di cogliere le esigenze e le criticit, deciden-
do insieme come intervenire e mai imponendo
dall'alto le soluzioni.
Tutti gli intervenuti hanno convenuto sul fatto che
l'inquinamento atmosferico un problema com-
plesso e che dunque va affrontato come tale: insie-
me e realizzando azioni congiunte e coordinate. In
questa direzione Formigoni tornato a sollecitare
Unione europea da una parte e Governo Nazionale
dall'altra. necessario che l'Ue imponga limiti re-
strittivi - ha detto - ma altrettanto opportuno che
si tenga conto delle peculiarit e delle condizioni
locali. E' quantomeno contradditorio imporre tagli
drastici alle concentrazioni di polveri sottili e, allo
stesso tempo, sostenere la diffusione di motori a
gasolio senza l'obbligo del filtro.
Formigoni ha anche ricordato che nel 2006 la
Giunta aveva avanzato una proposta di legge al
Governo per vietare l'omologazione e la messa in
vendita di nuovi veicoli diesel che non fossero euro
5 e per fissare nuove regole per l'omologazione dei
filtri anti-particolato per tutti i modelli diesel prece-
denti l'euro 5 in Lombardia. Al Governo, Regione
Lombardia torna a chiedere con insistenza non solo
l'approvazione di un Piano aria nazionale, ma anche
il riconoscimento delle specificit del bacino pada-
no e l'adozione della Direttiva 2010/75/Ue sulle
emissioni industriali. Tutte le iniziative e le azioni
che abbiamo in questi anni messo in campo - ha
sintetizzato Formigoni - potrebbero essere ulterior-
mente migliorate se fossimo sostenuti e coadiuvati
da strumenti e misure di carattere nazionale.
Secondo il presidente lombardo per altrettan-
to necessario far leva sui livelli regionali e delle au-
tonomie locali. Per questo gi stato intrapreso una
stretta collaborazione con Piemonte, Veneto ed
Emilia Romagna costituendo un Tavolo per una re-
gia pi ampia. Questo lavoro incessante per Regio-
ne Lombardia ha significato anche mettere sul
piatto contributi per oltre un miliardo di euro. Negli
anni sono stati numerosi i bandi per la sostituzione
dei veicoli pi inquinanti (auto, moto, bus, veicoli
commerciali e treni), per l'installazione dei filtri anti-
particolato e per l'installazione di impianti termici ad
elevata efficienza. Gli sforzi sono stati ripagati - ha
concluso Formigoni - perch hanno consentito la
progressiva diminuzione dei valori dei pi importan-
ti agenti inquinanti i atmosferici: biossido di zolfo
(-50%), biossido di azoto (-20%), monossido di
carbonio (-60%). Le emissioni degli ossidi di azoto
(NOX) delle centrali termoelettriche sono state ta-
gliate del 40%. Per quanto riguarda il Pm10, la
tendenza complessiva degli ultimi 10 anni in dimi-
nuzione e i dati fornitici da Arpa Lombardia ci con-
fermano che con l'applicazione di tutte le iniziative
presenti nel Piano sar possibile una diminuzione di
circa il 40% nel 2016.
Regione Lombardia mette a dispo-
sizione degli Enti locali un plafond fi-
nanziario di 210 milioni di euro - cifra
triplicata rispetto ai 70 milioni dello
scorso anno - per consentire loro di
effettuare investimenti altrimenti im-
possibili a causa del blocco imposto
dal Patto di stabilit nazionale, pagare
rapidamente imprese e fornitori e ga-
rantire servizi ai cittadini e realizzare
opere pubbliche. Dei 210 milioni una
prima tranche di 156 gi stata attri-
buita a 428 comuni di tutte le province.
I 54 rimanenti lo saranno prossima-
mente con particolare riguardo anche
al sisma nel mantovano e a Expo 2015.
Grazie a questa iniziativa ha
detto il presidente della Regione
Lombardia, Roberto Formigoni, pre-
miamo chi ha dimostrato di saper
amministrare rispettando i principi di
virtuosit e responsabilit, che sono la
strada per poter affrontare al meglio la
situazione di estrema difficolt che
stiamo attraversando, coniugando al
meglio rigore e sviluppo. Sottoscritta
infine una intesa Regione-sistema del-
le autonomie lombarde per chiedere
insieme al Governo che anche nel
2013 sia possibile riproporre il Patto
di Stabilit Territoriale cosiddetto ver-
ticale incentivato (cio con premialit
per i virtuosi) con le modalit gi spe-
rimentate positivamente. La volont
di arrivare nel 2014 a un Patto di
Stabilit Integrato che, attraverso un
unico obiettivo territoriale di finanza
pubblica e in base a criteri di equit e
virtuosit, possa aumentare la capaci-
t di spesa, sbloccare i pagamenti e
realizzare politiche per la crescita per
il nostro territorio.
I
La Lombardia chiede al Governo un piano nazionale e ladozione della direttiva Ue sulle emissioni industiali
Aria, nuovo piano regionale nel 2013
210 milioni per gli enti locali lombardi
Lombardia
Mercoled 10 Ottobre 2012
2
La Giunta regionale ha approvato lo stan-
ziamento di 300.000 euro per comparteci-
pare, con Fondazione Cariplo (che mette a
disposizione 700.000 euro), alla realizzazio-
ne della seconda annualit di tre progetti de-
dicati al reinserimento dei detenuti nelle pro-
vince di Milano, Brescia e Como. Questi i tre
progetti: Progetto "Aria" della Societ Coo-
perativa onlus A&I di Milano (600.000 euro).
Sono state prese in carico 175 persone di
cui 108 accompagnate al lavoro. Il secondo
il progetto "L'alternativa su misura" del
Consorzio Sociale Sol.co di Como, (180.000
euro). Sono state prese in carico 67 perso-
ne e sono stati avviati 39 interventi speciali-
stici. Il terzo "Trame" del Consorzio Socia-
le Tenda di Montichiari (200mila euro), con
cui si sono erogate 49 doti di formazione-la-
voro. Le borse lavoro attivate sono state 16
e le persone trattate, di cui 5 assunte, sono
state 240.
La nuova dichia-
razione unica per le
produzioni vitivini-
cole per la campa-
gna in corso pu es-
sere presentata di-
rettamente dal pro-
duttore sul Sistema
informativo agricolo
regionale (Siarl). Il
termine per la presentazione delle dichiarazio-
ni fissato il 15 gennaio 2013. Sono esonera-
ti alla presentazione della dichiarazione unica
di viticoltori che producono esclusivamente
per autoconsumo piccole quantit di uva (su-
perficie a vigneto detenuta inferiore a 0,1 ha)
o di vino (inferiore a 10 hl). Sono esonerati an-
che i produttori che conferiscono totalmente
le uve ad una cantina sociale, in questo caso
la dichiarazione sar presentata direttamente
dalla cantina.
IN BREVE
Dichiarazione vitivinicola Lavoro per i detenuti
UNA MISURA PER GLI INVESTIMENTI
Gi distribuita una prima tranche, per un importo
pari a 156 milioni, attribuiti a 248 comuni
Emozioni dal mondo
il concorso a Bergamo
Appuntamento con lottava edizio-
ne della manifestazione Emozioni dal
mondo: Merlot e Cabernet insieme,
organizzata da Vignaioli Bergamaschi
in collaborazione con il Consorzio Tu-
tela Valcalepio, che avr luogo a Ber-
gamo il 19 e 20 ottobre.
Il concorso punta questanno a raf-
forzare anche la presenza di pubblico
nelle due giornate conclusive di saba-
to 20 e domenica 21 ottobre, aperte a
chiunque fosse interessato ad assag-
giare i vini vincitori di medaglie e a
entrare in contatto con vini Merlot e
Cabernet provenienti da ogni angolo
del pianeta.
Dopo la serata di gala di venerd
sera 19 ottobre al Ristorante Taverna
Colleoni dellAngelo, la giornata di
sabato 20 ottobre vedr in mattinata
la tavola rotonda sul tema La comu-
nicazione: strumento indispensabile
per vendere e la proclamazione dei
vini vincitori presso la Sala Mosaico
della Camera di Commercio di Berga-
mo. Nel pomeriggio il banco di degu-
stazione aperto al pubblico sar alle-
stito sotto la loggia del Palazzo della
Ragione in Piazza Vecchia a Bergamo
Alta.
Nuove modifiche per la Dote Lavoro Ricollo-
cazione. Tra le principali novit troviamo l'esten-
sione della durata della dote lavoro ricollocazio-
ne: per i soli lavoratori presi in carico nei proget-
ti relativi ai Partenariati territoriali la durata viene
estesa fino al termine del progetto ove questul-
timo abbia una durata superiore. Lautocertifica-
zione viene estesa quale modalit generale di
documentazione necessaria al fine di attestare lo
stato di mobilit ordinaria ai fini dellattivazione
della dote presso loperatore. Lo stanziamento
delle risorse relative allavviso Dote Lavoro Ri-
qualificazione e Ricollocazione anno 2012
(viene rimodulato a seguito della quota destina-
ta al finanziamento dei progetti di partenariato
territoriali nellambito dellavviso Azioni di reim-
piego in partenariato. Resta invariato lo stanzia-
mento complessivo di 80.884.000 euro destina-
to ai due avvisi.Si richiama inoltre il Regolamen-
to CE 800/2008 ai fini della richiesta della pre-
mialit, allegando il relativo testo di riferimento
(tale punto non costituisce modifica).
Domenica 21 ottobre, a Milano, Opera San
Francesco per i Poveri apre al pubblico le porte
della mensa di Corso Concordia 3 in occasione
di uno speciale pranzo di beneficenza firmato da
13 grandi nomi della cucina italiana. Grandi
Cuochi allOpera, questo il titolo dellevento,
organizzato in collaborazione con Identit Golo-
se, congresso di cucina dautore. I cuochi coin-
volti ono tutte figure di primo piano che hanno
deciso di prestare gratuitamente la loro opera. Il
pubblico potr aggiudicarsi unesperienza ga-
stronomica fuori dal comune con una donazione
minima di 100 euro a persona. Con il ricavato,
Osf si propone di sostenere in particolare le atti-
vit della mensa, servizio storico al quale, da
oltre cinquantanni, si rivolgono i poveri e gli
emarginati di Milano.
A MILANO
Pranzo di beneficienza
Grandi cuochi allopera
NORMATIVE
Dote lavoro ricollocazione,
approvate nuove modifiche
Mercoled 10 ottobre, alle ore 10.30 sa-
ranno presentati i principali risultati del
Rapporto 2012 sul sistema agro-alimenta-
re della Lombardia. In occasione della tra-
dizionale presentazione del volume del
Rapporto agro-alimentare, sar dedicato
un approfondimento, di grande interesse
regionale, al tema "Agricoltura lombarda e
consumo di suolo agricolo". La presenta-
zione si terr presso la Sala Pirelli, 1piano,
Via F. Filzi 22, Milano.
Sistema agro-alimentare
La Direzione generale
Sport e Giovani della Re-
gione Lombardia ha appro-
vato - il 2 ottobre scorso - il
nuovo bando per la promo-
zione e valorizzazione della
pratica sportiva, mettendo
a disposizione 800.000 eu-
ro a sostegno delle iniziati-
ve che si svolgeranno nel
corso del 2013. Sono previsti due distinti periodi di partecipazione:
nel primo, aperto dal 10 ottobre 2012 all8 novembre 2012, dovran-
no essere presentate solo le domande di contributo per la Misura A),
riferite alle manifestazioni sportive che avranno inizio in una data
compresa fra il 01/01/2013 e il 30/06/2013. La seconda finestra di
partecipazione sar aperta dal 5 marzo 2013 al 3 aprile 2013 e sar
riservata alle domande di contributo sulla Misura A), per le manife-
stazioni sportive che avranno inizio in una data compresa fra il
01/07/2013 e il 31/12/2013, e alle domande sulla Misura B), riferite
a tutte le attivit sportive di carattere continuativo aventi inizio nel
corso del 2013.
Promozione della pratica sportiva, il bando
Formigoni: E necessario che lEuropa imponga dei limiti restrittivi
a cura di Laura Bosio
di Martina Pugno
osa accomuna maggior-
mente Italia e India? A
sorpresa, proprio l'ali-
mentazione: i due Paesi si
contendono infatti il pri-
mato per il numero di vegetariani
presenti tra la popolazione. Se vero
che il primo posto spetta alla terra
orientale, il nostro Paese segue a
ruota con una percentuale crescente
che si attesta attualmente intorno al
10%, come afferma lAssociazione
nazionale vegetariani, sulla base di
una recente ricerca svedese. Che sia
per ragioni ideologiche, che sia inve-
ce per ragioni legate alla salute, un
italiano su dieci rifiuta di introdurre
carne nei propri piatti; con il crescere
dell'attenzione si accende anche il
dibattito riguardo ad eventuali rischi,
in particolare legati ad una dieta ve-
getariana fai da te e poco consape-
vole. Per fare chiarezza, abbiamo in-
tervistato il dottor Antonio La Rus-
sa, esperto di dietetica, nutrizione
clinica e disturbi dell'alimentazione.
Quale lapporto ottimale di
carne nella dieta?
Non esiste un accordo unanime
nella comunit scientifica, ma si pu
ragionevolmente proporre un consu-
mo moderato di carne magra (120-
150 g. non pi di 2-3 la settimana
nellambito di una alimentazione mi-
sta). Nei Paesi occidentali, le abitudi-
ni dietetiche sono alla base del 30%
di tutte le neoplasie. Leccessiva as-
sunzione di proteine animali in gene-
re, il consumo frequente di carne ros-
sa, lelevato consumo di grassi ani-
mali e lingestione di sostanze cance-
rogene che si sviluppano con la cottu-
ra alla griglia, affumicatura, insaccatu-
ra, sono associate allo sviluppo di tu-
mori del colon-retto, del pancreas,
della prostata. Si pu leggere, a que-
sto proposito, un articolo su Sapere &
Salute, ottobre 2008, alla pag. 24.
Lalimentazione vegetariana asso-
ciata ad una ridotta mortalit, oltre
che per cardiopatia ischemica e ma-
lattie cerebro-vascolari, anche per tu-
mori.
Ci sono effettivi vantaggi nel non
mangiare carne?
I risultati di una rassegna basata
sullevidenze scientifiche pi recenti
hanno mostrato che la dieta vegeta-
riana associata a una riduzione del
rischio di morte per cardiopatia ische-
mica. I vegetariani evidenziano, inol-
tre, livelli inferiori di colesterolo legato
alle lipoproteine LDL e di pressione
arteriosa, nonch ridotti tassi di iper-
tensione e di diabete mellito di tipo 2
rispetto ai non-vegetariani. I vegeta-
riani tendono ad avere un ridotto indi-
ce di massa corporea (BMI) e ridotti
tassi di tutti i tipi di cancro. Le caratte-
ristiche di una dieta vegetariana che
possono ridurre il rischio di malattie
croniche includono ridotte assunzioni
di acidi grassi saturi e colesterolo, e
pi elevate assunzioni di frutta, verdu-
ra, cereali integrali, frutta secca, semi
oleaginosi, prodotti della soia, fibre e
fitocomposti.
Quali sono i sintomi da tenere
sotto controllo che potrebbero es-
sere indicatori di qualche carenza?
Il rischio di carenza presente so-
prattutto per la vitamina B12 e per il
ferro.
Quali gli errori pi diffusi da parte
dei vegetariani o dei vegetariani
fai da te? Quali i rischi legati a
questo tipo di alimentazione?
Una dieta vegetariana equilibrata,
con supplementi di ferro e vitamina
B12, non comporta alcun rischio per
la salute. Il fai da te comporta sempre
dei rischi in termini di distribuzione
qualitativa e/o quantitativa degli ali-
menti. Ma questo vale per tutti, vege-
tariani ed onnivori. Dichiarato dagli
stessi vegetariani, spesso il rischio
quello di consumare un eccesso di
formaggi, per quanto riguarda i latto-
vegetariani, e un eccesso di zuccheri
raffinati in generale; questo vero
soprattutto nei primi periodi di cam-
biamento e di passaggio ad un regime
alimentare nuovo, prima che si crei
una reale consapevolezza e un rap-
porto corretto con il cibo.
CREMONA
C
Dottor Antonio La Russa: Limitare o eliminare i consumi di carne riduce i rischi legati a ogni tipo di cancro
Dopo lIndia, il nostro Paese rivela la pi alta percentuale di popolazione che rifiuta il consumo di carne
Italia, La patria dei vegetariani
Il Cisvol, in collaborazione con il Forum
Territoriale del Terzo Settore di Crema e
Cremasco, organizza il corso "Roots"
sulle problematiche organizzative nelle
associazioni di volontariato. Il corso
strutturato su due incontri presso il Sa-
loncino dellOratorio della Cattedrale, in
via Forte 3 a Crema dalle 17.30 alle
19.30 marted 30 ottobre e marted 6
novembre. Per info www.cisvol.it.
Roots, due incontri
dedicati al volontariato
Prosegue il progetto Certifica il tuo italia-
no, che permette agli stranieri dai 16 anni
in su di partecipare gratuitamente a corsi
di lingua italiana. Gli allievi potranno poi
sostenere lesame CILS-Certificazione di
Italiano come Lingua Straniera, valido ai
fini del rilascio del permesso di soggiorno
per chi superi almeno il livello A2. I corsi si
svolgono presso la sede de Il Ponte, in
via Palestro 28, a Cremona.
Corsi di lingua italiana
alla sede de Il ponte
Progetto Zero/18, avvicinare scuola e mondo produttivo
Ha preso il via il lungo ed impegnativo percorso della ter-
za edizione del Progetto Zero/18, promosso dall'Assessora-
to alle Politiche Educative e della Famiglia, il cui obiettivo
mettere in relazione la scuola e il mondo produttivo e pone
al centro dell'attenzione i rapporti tra sistema economico e
territorio attraverso forme sempre nuove e stimolanti.
Il progetto sollecita i vari soggetti della comunit cittadina
a incontrare gli studenti e le loro famiglie per creare un dia-
logo tra scuola e territorio e costruire cos una rete di colle-
gamenti che favorisca lincontro e sia di stimolo a nuovi indi-
rizzi e innovazioni.Tra le novit di questa terza edizione, da
segnalare la possibilit per le classi coinvolte nel progetto di
raccontare il lavoro svolto ad altre classi in visita Salone del-
lo Studente Junior (21 e 22 novembre 2012), quindi la pos-
sibilit di prendere visione, nella sede dellAssessorato, di
quanto realizzato dalle altre classi nei due anni precedenti.
Le adesioni al progetto vanno fatte entro il 25 ottobre pros-
simo, dal 6 al 14 novembre si terranno incontri di approfon-
dimento con staff per insegnanti e ditte su prenotazione, nel
mese di febbraio vi sar un monitoraggio intermedio di an-
damento del percorso, sempre con staff ed insegnanti, in
aprile vi sar un momento riservato alla preparazione della
restituzione del lavoro svolto, la settimana compresa tra il 27
maggio ed il 1 giugno sar dedicata alla restituzione dei la-
vori ad altre classi e agli insegnanti; infine, la prima settimana
di giugno avverr la premiazione delle classi, delle aziende,
delle associazione e degli enti che hanno partecipato a que-
sta esperienza.
Aperte le iscrizioni per liniziativa che interessa studenti ed aziende del territorio
All'interno della categoria dei vegetariani
che vanno a comporre il 10% rilevato dall'Ani
rientrano, in realt, persone dal regime ali-
mentare estremamente variegato, come
spiega La Russa: "Le diete vegetariane
variano a seconda di quanti alimenti di origi-
ne animale vengono esclusi.
a) Latto- ovo - vegetariana: esclude carne
e pesce ma comprende i latticini e le uova.
La maggior parte dei vegetariani negli Usa,
Canada ed Europa appartiene a questo
gruppo.
b) Latto - vegetariana: oltre ad escludere
carne e pesce sono bandite anche le uova e
tutti gli alimenti che le contengono. Sono
ammessi latte e derivati.
c) Vegana: viene evitato qualsiasi alimento
di origine animale come carne, pesce, latte e
derivati e uova alcuni evitano anche il miele.
Un vegano per labbigliamento non usa seta,
lana n pelle e rifiuta qualsiasi oggetto fatto
con materiali di provenienza animale.
Tutte le diete vegetariane comportando
un ridotto apporto calorico, una ridotta as-
sunzione di grassi saturi, un elevato conte-
nuto di micronutrienti (vitamine, sali minerali
ed oligoelementi) oltre che un elevato conte-
nuto di fibra, hanno indubbiamente delle
propriet generali molto favorevoli alla salu-
te. In modo particolare diversi studi dimo-
strano come i vegetariani corrano un rischio
di ammalare di cancro inferiore rispetto agli
onnivori. Non bisogna, per, essere integra-
listi. Ad esempio, in un recente studio con-
dotto nel Regno Unito, stato dimostrato
che le persone che assumevano pesce, sen-
za assumer carne, avevano un rischi com-
plessivo di ammalare di tumore minore ri-
spetto ai vegetariani".
Favorevoli alla salute
Alimenti di origine animale
nei diversi tipi di dieta
Piscina, nuovi spogliatoi poco funzionali?
di Laura Bosio
a lettera che riportiamo a lato
non la sola che segnali una
situazione di scarsa agibilit
della piscina comunale: si
parla di spogliatoi poco fun-
zionali, di armadietti troppo piccoli, di
docce open space, di corsie sovraffolla-
te. Questi sono i problemi pi frequenti
che vengono riscontrati con l'apertura
della stagione invernale della struttura,
nonostante l'inaugurazione dei nuovi
spogliatoi, che per, secondo alcuni,
sono grandi, ma con armadietti troppo
piccoli, e con una numerazione poco
chiara. Pare che ci siano problemi an-
che con le docce: se negli spogliatoi
vecchi, infatti, erano situate in singoli
ambienti chiusi, ora sono aperte e c
l'imposizione di non togliere il costume.
Infine, si parla di sovraffollamento delle
corsie della piscina nelle ore di punta:
Capita di avere anche otto persone
nella stessa corsia, e non si riesce a
nuotare segnalano gli utenti.
Alle proteste risponde Umberto Tap-
parelli, direttore della struttura (che
gestita dalla Fin - Federazione italiana
nuoto). Ritengo che le lamentele lasci-
no il tempo che trovano. Gestiamo
strutture anche in altre citt, ed asso-
lutamente normale trovare anche 12
persone per corsia, nessuno ne fa un
caso. Qui a Cremona invece tutti trova-
no qualcosa per cui lamentarsi. Tra l'al-
tro assurdo che le stesse persone che
fino all'anno scorso frequentavano sen-
za batter ciglio i vecchi spogliatoi, pic-
coli e malridotti, oggi abbiano da la-
mentarsi di questi nuovi, che invece
sono grandi, belli e funzionali. Vi sono
ben 200 armadietti in ognuno, e moltis-
sime docce. Del resto, l'attivit negli
ultimi anni molto aumentata: sono
circa mille, ogni trimestre, le persone
che frequentano i corsi
proposti dalla Federa-
zione.
Ritengo pretestuosa
anche la lamentela sul
s o v r a f f o l l a me n t o :
nell'ora di punta non vi
sono pi di 200 persone
in piscina, e voglio ricor-
dare che siamo il centro che ha i prezzi
pi bassi di tutta la Lombardia sottoli-
nea Tapparelli.
Anche Marcello Ventura, consigliere
comunale con delega allo sport, conte-
sta le proteste: Vi sono delle leggi ben
specifiche, e la gente non dovrebbe
ignorarle sottolinea. Le docce open
space sono legate proprio a questo: la
legge sul buon costume dice che non si
pu circolare nudi nei luoghi pubblici, e
di conseguenza non avrebbe avuto
senso spendere di pi per realizzare
delle docce chiuse. Inoltre, in risposta
alla segnalazione di alcuni utenti, abbia-
mo aggiunto delle piastrine per appog-
giare shampoo e bagnoschiuma e ne
stiamo recuperando altri.
Assurda anche la polemica sulle mi-
sure degli armadietti: si tratta infatti di
dimensioni standard, e tra l'altro i nostri
sono tra i pi grandi; vi sono societ
private dove sono deci-
samente pi piccoli.
La realizzazione dei
nuovi spogliatoi ha rap-
presentato il completa-
mento di una struttura
che da tempo era in-
compiuta. Ora manca
solo l'agibilit. Quando
la precedente amministrazione ha co-
struito non ha fatto fare la dichiarazione
di agibilit, che allora sarebbe stata
compresa nel prezzo dell'impianto
spiega Ventura. Cos da anni si va
avanti chiedendo permessi e deroghe
ad ogni manifestazione sportiva. Per
questo motivo, anche in vista di Cre-
mona, citt europea dello sport 2013,
abbiamo stanziato 60mila euro per ave-
re l'agibilit dell'impianto. Certo che
se l'avessero fatto da subito non avrem-
mo dovuto sborsare soldi in pi.
L
Alcuni lettori segnalano disagi e scarsa organizzazione. Umberto Tapparelli:Lamentele assurde e pretestuose
Ventura: Presto
faremo la certificazione
di agibilit
Cremona Mercoled 10 Ottobre 2012
4
Spett.le Redazione,
innanzitutto ringrazio per lo
spazio che vorrete dedicarmi.
La settimana scorsa mi sono
recata alla piscina Comunale
per il corso di nuoto. La prima
sorpresa stata l'apertura dei
nuovi spogliatoi. Belli, non c'
che dire, ampi e luminosi. Ma
non totalmente funzionali, al-
meno secondo il mio modesto
parere. Innanzitutto gli armadi-
etti (alcuni dei quali hanno lo
stesso numero: ci sono, per
esempio, due armadietti nume-
rati 150, uno giallo e uno blu)
sono stretti e bassi, tanto che
ho dovuto comprimere il mio
borsone per farcelo entrare, e
sprovvisti di appendino. Non
parliamo poi delle docce: sono
open space, quindi bambine,
donne, anziane e bambini mas-
chi si lavano tutti insieme nello
stesso spazio! Tra l'altro vie-
tato farsi la doccia nudi, un bel
problema soprattutto per chi
soffre di problemi di salute per
i quali necessaria un'igiene
molto accurata.
Ma arriviamo ai corsi: con-
siderando che met piscina
occupata dalla pallanuoto,
restano a disposizione circa
8-9 corsie, delle quali 3 sono
riservate al nuoto libero. Nelle
restanti 5-6 corsie si tengono 3
corsi di nuoto e uno di acqua-
gym!!! Il risultato che siamo in
8 in una corsia, lascio a voi le
conclusioni...
Insomma, i prezzi della Co-
munale sono in continuo au-
mento, ma i servizi?
Emanuela Cattaneo
Nel contesto del biennio
pastorale che la Chiesa cre-
monese dedica alla scuola,
nel mese di ottobre, sono in
programma due celebrazioni
eucaristiche che il vescovo
Dante Lafranconi presieder
in Cattedrale per gli istituti
paritari cattolici della citt e
del circondario.
Per le scuole secondarie di
primo e secondo grado lappuntamento per
venerd 12 ottobre alle 10.30; mentre gli studenti e
gli insegnanti della scuola primaria si ritroveranno
venerd 19 ottobre alle 10.30. La liturgia sar ani-
mata con il canto dagli stessi
ragazzi, guidati dal maestro
don Graziano Ghisolfi. Accanto
al Vescovo ci sar don Claudio
Anselmi, responsabile dellUffi-
cio diocesano per la pastorale
scolastica. Solitamente spie-
ga don Anselmi queste cele-
brazioni sono promosse allini-
zio dellanno scolastico da ogni
singolo istituto. Visto che per
due anni la diocesi focalizzer la sua attenzione
sulla scuola, abbiamo pensato di riunirci insieme
per invocare la protezione del Signore sul nostro
impegno quotidiano di educazione.
Riconoscimento al concorso
Videabilit di sport, in-
detto dall'Associazione Di-
sForm, che si classificata al
secondo posto della selezio-
ne seguita al bando Think
Town per le associazioni co-
stituite da meno di due anni.
A consegnarlo, nella sala
eventi di SpazioComune l'as-
sessore alle Politiche Giova-
nili Alquati, presente Elisa
Cotella, responsabile Di-
sForm per quanto riguarda
Cremona. DisForm unas-
sociazione che si presenta
come punto di riferimento per
creare non solo cultura alla
disabilit ed al suo sport, ma
anche preparazione per la
sua massima diffusione, so-
prattutto tra i giovani. Il pro-
getto presentato a Think
Town aveva come obiettivo
un bando rivolto a giovani del
territorio per la creazione di
un video con tema la disabili-
t e lo sport. I giovani parteci-
panti potevano avvalersi di
tutto ci che offre la nuova
tecnologia per le riprese vi-
deo e audio. Tra i video cari-
cati su Facebook ne sono
stati premiati tre sulla base
delle maggiori preferenze
espresse con il mi piace ai
quali sono andati i premi con-
sistenti in carte regalo. Las-
sessore Alquati, dando lap-
puntamento alla prossima
edizione di Think Town, ha
manifestato apprezzamento
per quanto realizzato e ha in-
vitato DisForm a proseguire
con l'impegno di sempre nel-
la sua attivit utilizzando mo-
dalit innovative e comunque
che pi si avvicinano alle abi-
tudini dei giovani. Infatti lo
scopo di Think Town anche
quello di invogliare sempre
pi i giovani a esprimere e a
mettersi in gioco. Think Town
ha infatti come obiettivo il so-
stegno di gruppi informali ed
associazioni giovanili che
rappresentano una risorsa e
una ricchezza fondamentale
per la comunit locale, finaliz-
zato a promuovere e sostene-
re la realizzazione di progetti
innovativi, la capacit proget-
tuale e la creativit dei giova-
ni. In questo modo la parteci-
pazione dei giovani si declina
come impegno all'interno di
una o pi associazioni, che
rappresentano una modalit
concreta e pragmatica di im-
pegno civile e sociale.
di Michele Scolari
a citt si trasforma e con essa
le dinamiche urbane, politi-
che e culturali. E creativa la
citt che non solo guarda al
futuro ma ne diventa essa
stessa laboratorio. Sempre da pi parti,
sia in Italia che allestero, il concetto di
sistemi emergenti (sistemi - siano essi
fisici, biologici, economici, sociali - in
cui non esiste un centro direttivo centra-
le ma comportamenti collettivi, com-
plessi e intelligenti, emergono per au-
torganizzazione alla superficie di un
substrato profondo dove hanno luogo
numerose interazioni tra elementi - o
soggetti - attivi) uscito dai centri di
ricerca universitaria, iniziando a circola-
re nella societ. Questi meccanismi, che
da una ventina di anni hanno visto cre-
scere lattenzione di un numero cre-
scente di studiosi, sono in realt pi
diffusi di quanto non si pensi: dalle muf-
fe ai movimenti no-global, dalle colonie
di insetti al cervello umano, dalle citt ai
videogame e alleconomia, dai movi-
menti di protesta ai social network.
Proprio da questo approccio sono
nati e si sono sviluppati movimenti, as-
sociazioni e aggregazioni, compresi i
Laboratori Urbani: spazi fisici e virtuali,
dove la progettazione avviene dal bas-
so verso lalto, valorizzando le proprie-
t emergenti dei sistemi urbani con
lobiettivo di far crescere la partecipa-
zione e qualificare il sistema di pianifica-
zione locale. A Cremona si chiamano
Polide, Luci, Comitato per lAcqua Pub-
blica, ed altri che sono sul punto di na-
scere. Fenomeni che ormai non posso-
no pi essere ignorati. Del ruolo che
questi nuovi oggetti sociali non identifi-
cati possono giocare nella citt del futu-
ro abbiamo parlato con Roberto Vitali,
Consigliere Comunale Udc e animatore,
assieme a Giacomo Zaffanella, dellini-
ziativa Polide.
Il nuovo nome con il quale stato
ribattezzato il Laboratorio Polide di
via Palestro, esatto contrario di a-po-
lide (ovvero non vincolato ad una ap-
partenenza) un nome pregnante e
dalle mille sfaccettature. Quali gli
obiettivi che questo Laboratorio si
propone di perseguire?
Anzitutto Polide non qualcuno ma
siamo tutti. Non una associazione ma
uno spazio aperto. Una stanza, un labo-
ratorio sociale capace di catalizzare
persone che abbiano come obiettivo la
realizzazione del bene comune. Un mo-
vimento che si prefigge di rilanciare una
visione positiva della politica ispirandosi
ai principi di democrazia e di solidariet.
Ladesione al Laboratorio individuale,
libera, non vincolata da particolari espe-
rienze professionali, culturali e politi-
che.
Con Polide, come con altri labora-
tori ed associazioni civiche, i cittadini
non sono entit passive (e, volendo,
potenzialmente manipolabili) bens
attive, dalle cui interazioni emerge
una sorta di intelligenza collettiva,
senza alcun programma centrale.
E' cos?
Infatti non si tratta di ingabbiare,
ancora una volta, la politica in partiti e
liste civiche, bens di promuovere la
partecipazione attiva della cittadinanza
alla vita politica, partendo dalle persone.
Il minimo comune denominatore la
buona politica.
Il fenomeno dei laboratori urbani
dunque unoccasione per i cittadini,
ma anche per la politica: questa pu
ricominciare ad essere un proces-
so, ritrovare il contatto con la realt
e ritornare ad essere quindi anche
officina e non solo conservazione?
Spesso, molto spesso le decisioni
calate dall'alto fanno pensare che i poli-
tici vivano sulla luna. Purtroppo negli
ultimi anni abbiamo assistito ad uno
scollamento della rappresentanza politi-
ca. Soggetti, capaci di attirare l'atten-
zione, messi in campo da un sistema
che tende solo a conservare il proprio
potere. E' ora di cambiare ed i cittadini
devono essere consapevoli che insie-
me possono essere una forza. Personal-
mente sono del parere che le cose non
si risolvono gettando tutto al vento, ma
al contrario, impegnandosi responsabil-
mente e valutando i risultati conseguiti.
Nella politica (come in altri ambiti) i
grandi sistemi calati dallalto in modo
preconfezionato sono esausti ed
ormai incapaci di adattarsi ad una
realt in continuo movimento. Queste
forme di aggregazione sono una buo-
na occasione per costruire modelli
pi elastici, ripartendo dai pezzi spar-
si tessuti insieme con un movimento
bottom-up, ed in grado quindi di
adattarsi alla geometria non-euclidea
del mutevole spazio cittadino ...
Quando si criticano i partiti si pensa
che sia un discorso antipolitico, quasi
esistesse una sorta di sinonimo tra poli-
tica e partiti. Lattuale sistema tuttaltro
che elastico ed aderente alle trasforma-
zione della societ. I partiti tendono
sempre pi a divenire il tutto e a non va-
lorizzare lessere una parte. Questo da'
spazio al formarsi di apparati e soprat-
tutto di oligarchie che, grazie al senso di
impotenza diffuso tra i cittadini (il libro
sulla Casta ha contribuito a far aumenta-
re questa sensazione) concentrano il
potere decisionale in circoli ristretti. I
cerchi magici non sono solo un fenome-
no leghista. Chi conosce i partiti sa
quante volte la parola tradimento ri-
suonata in questi anni, e non solo verso i
cambia casacca per interesse, ma an-
che verso chi manifestava il disagio della
sua coscienza rispetto a certi problemi!.
Questi Laboratori, organizzati in
una vasta rete, proprio attraverso la
logica della costruzione dal basso
(bottom-up) possono portare col
tempo alla tessitura un nuovo model-
lo civico ed urbano caratterizzato da
un decentramento politico ed ammi-
nistrativo nonch da comitati ed or-
ganismi delegati con poteri in grado
di incidere realmente sulle scelte del-
le amministrazioni. E' cos?
Nei piccoli comuni questo gi avvie-
ne. Infatti la gran parte dei sindaci sono
eletti con liste civiche. Senza simboli di
partito, rispondendo solo alla gente. In
questo momento sono in atto vari tenta-
tivi di collegare esperienze diverse sul
territorio lombardo e nazionale, ma di
fondo c' una certa diffidenza rispetto ai
soggetti promotori. Noi siamo aperti
verso le idee e con le persone.
Le idee e i progetti nascono nei
cittadini, trovano nei Laboratori il loro
campo di forze che le sostiene ma
hanno bisogno della politica per af-
fermarsi. Quale ruolo pu avere il
Comune, in relazione ad una poten-
ziale rete di Laboratori urbani inter-
connessi?
Lamministrazione pubblica non de-
ve assolutamente mettere il "cappello"
sui gruppi costituiti spontaneamente. Il
rischio che facciano la fine dei Comita-
ti di quartiere, nati per volont della
gente comune ed inseriti forzosamente
in un meccanismo farraginoso, con una
regolamentazione rigida, dove le regole
precludono la dinamicit e la libert del
gruppo a favore del contentino per qual-
cuno.
Non si tratta di ingabbiare la politica in parti e liste civiche bens di promuovere la partecipazione attiva della cittadinanza
L
Intervista a Roberto Vitali (Udc), animatore di Polide, sul ruolo dei Laboratori Urbani, nuovi strumenti per una costruzione collettiva della politica
Cremona Mercoled 10 Ottobre 2012
5
premiati dallassessore jane alquati nella sala di spazio comune
I vincitori del concorso Videabilit
La citt del futuro emerge dal basso?
Roberto Vitali
(Consigliere comunale Udc)
Comitati di quartiere, adesioni sino a fine ottobre
Comitati di quartiere fino al 31 ottobre
possibile dare ladesione. Per favorire la mag-
gior partecipazione dei cittadini ed ampliare il
periodo di tempo per la raccolta delle adesio-
ni, l'Assessorato ai Rapporti con le periferie ha
deciso di prorogare al 31 ottobre la scadenza
per poter dare la propria adesione alle Assem-
blee del Comitato e la possibilit di fornire la
propria disponibilit per il Direttivo dei Comita-
ti. In questa fase sono aperte le adesioni ai
Comitati di Quartiere nelle seguenti zone:
(Zona Nord - Ovest) Quartiere 3 Cavatigozzi
- San Predengo (Zona Nord - Est) Quartiere
7 Maristella (Zona sud - Est) Quartiere 13
Porta Romana - L.go Pagliari (Zona sud - Est)
Quartiere 15 Bagnara - Battaglione - Gerre
Borghi. La propria adesione pu essere pre-
sentata tramite apposito modulo presso Spa-
zioComune - p.zza Stradivari, 7- Cremona,
oppure all'Ufficio Periferie - p.zza del Comune,
8 - Cremona. Sono anche previsti momenti di
raccolta delle adesioni direttamente sul territo-
rio tramite operatori del Comune o cittadini
volontari. E possibile inoltre dare la propria
disponibilit via mail progetto.periferie@comu-
ne.cremona.it o via fax 0372407052. Per even-
tuali informazioni possibile contattare l'Uffi-
cio Periferie - p.zza del Comune, 8 - Cremona.
tel.0372 407204 / 407 036 - progetto.perife-
rie@comune.cremona.it
Messe per le scuole cattoliche il 12 e il 19 ottobre
di Martina Pugno
bufera sulla riforma delle
pensioni, all'esame in que-
sti giorni in Parlamento: le
novit introdotte dal go-
verno Monti avevano infat-
ti suscitato forti proteste sia da parte
dei sindacati che da parte dei cittadini,
e il Parlamento (con una sorta di "con-
troriforma", autore, tra gli altri, l'ex mi-
nistro Cesare Damiano) aveva tentato
di mitigare gli effetti del provvedimen-
to originario. Larticolo 1 della nuova
proposta prevedeva infatti che, in via
sperimentale dal 2013 al 2015, con
unanzianit contributiva pari a 35 anni
si potesse andare in pensione a 57
anni (le lavoratrici dipendenti), a 58
anni (le lavoratrici autonome e i lavora-
tori dipendenti) e a 59 anni (i lavoratori
autonomi). Dal 2016 al 2017 let sa-
rebbe salita a 59 anni per i lavoratori e
le lavoratrici dipendenti e a 60 per gli
autonomi.
Il disegno di legge aveva trovato un
accordo bipartisan in Parlamento, ma
stato rinviato alla Commissione La-
voro affinch' venga modificato, dopo
che la Commissione Bilancio ha con-
statato la mancanza di copertura, sen-
za per esprimere un parere negativo.
Resta ancora incerto il futuro, dunque,
per i lavoratori italiani ed ancor pi per
gli esodati, per i quali il decreto aveva
previsto un fondo ad hoc.
"Una situazione disastrosa", il
commento di Massimo Sarzi Sartori,
responsabile Inas del sindacato Cisl di
Cremona. "L'impossibilit di garantire
un futuro agli italiani semplicemente
drammatico, non credo ci sia altro da
aggiungere". Per gli esodati, dunque,
non resta che accontentarsi delle paro-
le del ministro Elsa Fornero, che apre
uno spiraglio sulla questione egli eso-
dati: "Il governo pienamente disponi-
bile a discutere caso per caso il proble-
ma. Ci sono persone in seria difficolt e
vanno tutelate, altre persone invece
sono uscite con buonuscite e pensioni
generose. Bisogna occuparsi delle
persone che sono pi in difficolt e poi
discutere pacatamente degli altri casi".
Il fatto che, sembra
dire Fornero, una so-
luzione che possa ga-
rantire sicurezza pre-
videnziale all'intera
categoria, a quanto
pare, non esiste, o
meglio, lo Stato non
in grado di garantirla.
Nel concreto si lavorer, in media,
tre mesi in pi, per percepire una pen-
sione ridotta rispetto a quelle maturate
con il sistema contributivo, per una
media del 3 - 4% in meno. Questi i
dati elaborati dalla societ indipenden-
te di consulenza in educazione e piani-
ficazione finanziaria Progetica, che per
la prima volta ha realizzato una simula-
zione sulla base della nuova normativa
in vigore da gennaio del prossimo an-
no. La causa primaria di tale cambia-
mento il meccanismo che dal 2013
adeguer alle aspet-
tative di vita i coeffi-
cienti di trasformazio-
ne in rendita e i requi-
siti d'et.
Nel dettaglio, l'ade-
guamento alle statisti-
che sulla vita media
sar triennale fino al
2019 e in seguito diventer biennale. Si
applicher al sistema contributivo (che
si basa sui contributi versati durante
lintera vita lavorativa), esteso dalla ri-
forma Fornero a tutti i lavoratori per il
periodo successivo al primo gennaio
2012. I coefficienti di trasformazione
rappresentano le percentuali applicate
alla somma dei contributi maturati per
determinare l'importo della pensione.
Ad esempio, prendendo a riferimento
un montante da 100mila euro, con
l'adeguamento ai nuovi valore della vi-
ta media l'importo dell'assegno caler
dagli attuali 5.620 a 5.440 euro.
Quanto ai nuovi requisiti per avere
diritto alla pensione di vecchiaia, per il
primo aumento dei limiti d'et si de-
ciso un limite massimo di tre mesi (an-
che se la vita media salita di circa
cinque): 66 anni e tre mesi per gli uomi-
ni, 62 anni e tre mesi per le donne (ma
per le lavoratrici autonome si salir a
63 anni e 9 mesi). Agli assegni di anzia-
nit, invece, si avr diritto dopo 42 anni
e cinque mesi di contributi. In ogni ca-
so, fino a tutto il 2015, le donne potran-
no andare in pensione con 57-58 anni
di et e 35 di contributi.
LAnno della Fede a Cremona sar
aperto ufficialmente con la solenne
veglia di preghiera che il vescovo
Lafranconi presieder in Cattedrale la
sera di gioved 11 ottobre (ore 21). La
liturgia, predisposta da don Daniele
Piazzi dellUfficio diocesano per il
culto divino, avr inizio con il saluto
liturgico del Vescovo, la benedizione
dellacqua e laspersione dellassem-
blea: un gesto che mira a ravvivare il
ricordo e la grazia del battesimo e
che spinge a riconoscersi e a edifi-
carsi come stirpe eletta, sacerdozio
regale e nazione santa. Seguir la
liturgia della Parola, con un brano
della lettera di Paolo ai Corinti (1Cor
15, 1-10), il salmo 18 e un brano trat-
to dal Vangelo di Giovanni (GV 12,
44-50). Terminata lomelia di mons.
Lafranconi, si terr la Memoria del
Concilio: saranno riascoltati, simbo-
licamente, alcuni brani delle quattro
costituzioni conciliari.I canti della
veglia saranno proposti dal Coro
della Cattedrale diretto da don Gra-
ziano Ghisolfi e accompagnati allor-
gano dal maestro Fausto Caporali,
mentre il servizio liturgico sar assi-
curato dai seminaristi diocesani.
Ad aprire il calendario di eventi
promossi in diocesi di Cremona per
lAnno della Fede sar il concerto in
programma nella Cattedrale di Cre-
mona la sera di domenica 14 ottobre
(ore 21). Il Coro Polifonico Cremone-
se insieme allorchestra LIncanto
Armonico, diretti dal maestro Fede-
rico Mantovani, proporranno la
Missa solemnis in do minore K 139
e i Vesperae solemnes de Dominica
K 321 di Mozart, con il soprano
Federica Zanello, il contralto Nadia
Petrenko, il tenore Filippo Pina Casti-
glioni e il basso Riccardo Ristori. Il
concerto, fortemente voluto da
mons.
Lafranconi, attraverso il sublime
linguaggio musicale permetter di
approfondire la propria adesione al
Signore. Promotori della serata sono
la Fondazione Giovanni Arvedi e
Luciana Buschini e lAssociazione
culturale Coro Polifonico Cremonese.
Il concerto del 14 ottobre sar solo il
primo appuntamento di un ricco e
variegato calendario di proposte.
Manca la copertura finanziaria: fallita lalternativa alla Riforma del Governo
E
Cremona Mercoled 10 Ottobre 2012
6
Dal 2013 si lavorer
tre mesi in pi
per pensioni inferiori
Concerto dapertura per lAnno della Fede
Istituzione centenaria, oggi il
Glinka Museum of Musical Culture,
a Mosca, uno dei pi importanti
musei del mondo, un ente scientifi-
co autorevole ed un prestigioso
centro di musicologia. Nei suoi
dipartimenti sono conservate e stu-
diate testimonianze estremamente
preziose e rare come documenti,
spartiti originali, incisioni, ma
soprattutto 5000 strumenti, tra
quali 300 capolavori di liuteria clas-
sica, soprattutto cremonese, con
opere delle famiglie Stradivari,
Guarneri, Amati. Inoltre vi sono
sezioni dedicate alla pittura, alla
scultura ed alle arti decorative e
applicate.
Il Glinka Museum of Musical Cul-
ture anche organizzatore del
Concorso Internazionale Tcajkov-
skij, dove si sono affermati alcuni
tra i maggiori solisti contempora-
nei. Accanto alla gara tra interpreti,
stato promosso anche un con-
corso di liuteria, che verr probabil-
mente riproposto nel 2015.
Proprio per rendere questultimo
un grande evento internazionale,
una delegazione del Museo Glinka,
su incarico del Ministero della Cul-
tura, in visita a Cremona per stu-
diare da vicino il XIII Concorso
Triennale, promosso dalla Fonda-
zione Stradivari proprio in queste
settimane.
Delegazione del Glinka Museum a Cremona
In partenza una collaborazIone tra lIstItuzIone russa e la fondazIone stradIvarI
Esodati troppo costosi,
il loro futuro resta incerto
Approvato il bilancio
di Linea Group Holding
Il Consiglio di Amministrazione di Linea
Group Holding Srl ha esaminato e appro-
vato la relazione semestrale 2012. I ricavi
netti consolidati del Gruppo sono aumen-
tati del 22,45% a seguito della variazione
di perimetro di consolidamento per lac-
quisizione dell 85% del capitale di Ecole-
vante Spa e dallincremento dei volumi di
vendita di Energia Elettica e Gas, sui vari
canali operativi e di trading, da parte della
Societ Linea Pi Spa. Il margine operativo
lordo (Ebitda) aumentato del 2,1%, pari
a 1,1 milioni di euro, passando da 50.365
mila euro nel 1 semestre del 2011 a
51.432 mila euro nel 1 semestre 2012.
Il risultato operativo (ebit) diminuito di
478 mila euro, principalmente per la svalu-
tazione della partecipazione in Blugas Spa
di 400 mila euro causata dalla liquidazione
della sua partecipata Sinit. Il risultato ante
imposte (ebt) risulta in diminuzione rispet-
to al consuntivo 2011 di 3,6 milioni di euro
principalmente dovuti a maggiori oneri fi-
nanziari complessivi aumentati di 2,6 mi-
lioni per la variazione dei tassi (spread) e
della Pfn che nel frattempo comunque
migliorata di 11 milioni rispetto al
31/12/2011.
Il risultato netto stato infine penalizza-
to per 1.050 mila euro per il maggiore ca-
rico fiscale a causa dellinasprimento della
cosiddetta Robin Tax che nel 1 seme-
stre 2012 riguarda 5 societ del Gruppo
con una aliquota del 10,5%, mentre nello
stesso periodo del 2011 ha interessato so-
lo 2 societ al 6,5%.
Fmi a favore della riforma proposta dal Governo tecnico
Proprio in questi
giorni, caratterizzati
da accesi dibattiti e
polemiche, arriva un
fermo invito a non fare
retromarcia per quan-
to riguarda le modifi-
che proposte dal
governo tecnico. Dai
lavori dellassemblea
annuale del Fondo
monetario internazio-
nale che si sono aper-
ti marted mattina a
Tokyo il capo del
dipartimento fiscale,
Carlo Cottarelli, ha spiegato che quellaggiustamento del
sistema previdenziale ci pone nella migliore posizione,
tra tutti i paesi avanzati, per sostenere la pressione che
verr nei prossimi venti anni dallaumento della spesa
pensionistica e sanitaria. E, tanto per essere certo di
non venire frainteso, leconomista italiano ha ripetuto il
concetto due volte: il pas-
saggio al sistema contribu-
tivo pieno deciso dalla rifor-
ma approvata lo scorso
inverno importante.
Meno incoraggianti, invece,
le previsioni riguardanti il
futuro economico mondiale
e nazionale, che vede anco-
ra lontana la ripresa e l'ini-
zio di una nuova fase di cre-
scita economica. Secondo
il Fondo monetario interna-
zionale, l'Italia rester a
lungo in una pesante reces-
sione: dopo il -2,3% del Pil
previsto per quest'anno, la nuova stima pronostica per il
2013 un ulteriore calo dello 0,7%, mentre tre mesi fa
veniva ipotizzata una contrazione limitata allo 0,3 per
cento; solo nell'ultimo trimestre del 2013 l'economia ita-
liana potr approssimarsi alla crescita zero, mentre la
disoccupazione sar salita all'11,1 per cento.
La solenne veglia di preghiera con il vescovo Lanfranconi gioved sera inaugurer il periodo liturgico
...prosegue dalla prima pagina
Soprattutto in riferimento a questa seconda
categoria di persone, che hanno seppellito la me-
moria del loro Battesimo, appare particolarmente
urgente la necessit di riproporre la figura di Ge-
s e il suo messaggio. Questo indirizzo missiona-
rio, che si rivolge a persone gi battezzate, im-
portante non solo ai fini di una loro personale
ripresa cristiana, ma anche ai fini di comunicare
unimmagine pi autentica della Chiesa, la cui
natura di essere riflesso e trasparenza della luce
di Cristo (cfr. Lumen gentium, 1).
Sta qui lurgenza missionaria della nostra fede
con la quale ci misuriamo ogni giorno, in tutti gli
ambienti in cui si svolge la vita: dalla famiglia
alla scuola, dal mondo del lavoro a quello della
politica, dai luoghi del divertimento a quelli del-
la sofferenza. Per questo scrive il Papa anche
oggi necessario un pi convinto impegno eccle-
siale a favore di una nuova evangelizzazione per
riscoprire la gioia nel credere e ritrovare lentu-
siasmo nel comunicare la fede (Porta fidei, 7).
questa preoccupazione e questo desiderio
che hanno ispirato limpegno nella nostra Dioce-
si di rinnovare la prassi dellIniziazione cristiana.
Alle parrocchie che non hanno ancora iniziato
rivolgo unaltra volta lespressa richiesta come
ribadir anche pi avanti indicando alcuni impe-
gni per vivere lAnno della fede a livello parroc-
chiale di avviare entro questanno i nuovi itine-
rari di tipo catecumenale.
Avendo in tal modo abbordato laspetto delle
iniziative con cui vogliamo celebrare lAnno del-
la fede, dir subito che non mia intenzione ri-
correre a proposte straordinarie di grande visibi-
lit anche se non ne mancher qualcuna ma
piuttosto valorizzare quelle che gi ci sono e che
pi specificamente riguardano le opportunit per
approfondire la propria personale adesione alla
fede e le strade per comunicarla e diffonderla. La
fede, infatti, la dimensione quotidiana del vive-
re; si veste degli abiti feriali che indossiamo tutti
i giorni e non soltanto di quelli solenni e appari-
scenti di alcune feste che durano a malapena lo
spazio di una giornata.
Laugurio e la preghiera vicendevole di tutti ci
ottengano la grazia di comprendere e di gustare
il di-segno di Dio a favore dellumanit, disegno
svelato e compiuto in Ges Cristo. a Lui, prima
di tutto, che con fede guardiamo in gioiosa grati-
tudine: Egli, Dio, ha voluto calarsi dentro la no-
stra condizione umana per indicarci, con esempi
e parole umanamente comprensibili, la strada che
d compimento alle nostre aspi-razioni di felicit.
Una strada che percorriamo sostenuti dalla stessa
certezza che sosteneva san Paolo: Questa vita
che vivo nel corpo la vivo nella fede del Figlio di
Dio, che mi ha amato e ha con-segnato se stesso
per me (Gal 2, 20). In fondo lobiettivo dellAn-
no della fede sta qui: che impariamo a vivere
tutta la nostra esistenza nella fede del Signore
Ges. Sullesempio e con laiuto di Maria, che
avanz nella peregrinazione della fede e serb
fedelmente la sua unione col Figlio sino alla cro-
ce (L.G. 58).
Per una singolare coincidenza il 50 anniver-
sario dellinizio del Concilio coincide con quello
della proclamazione di Santa Maria del Fonte
quale patrona della Diocesi assieme a S. Omo-
bono (19 ottobre 1962). La Vergine Maria ci
accompagni nel nostro cammino di fede
questanno e fino al termine della nostra vita
quando esso si concluder e passeremo dalla fe-
de alla visione, dal tempo della prova alla beati-
tudine delleternit.

+ Dante Lafranconi, Vescovo


di Laura Bosio
on sar pi tempo di galan-
teria, ma, almeno, potrem-
mo aspettarci il rispetto nei
confronti di chi corre qual-
che rischio in pi, nel vivere
quotidiano. Stiamo parlando dei cosid-
detti parcheggi rosa, che da qualche
anno sono comparsi anche a Cremona,
ma che troppo spesso vengono occu-
pati da chi, evidentemente, donna non
. Si tratta, infatti, di aree di posteggio
dedicate alle donne, situate in punti
strategici della citt, protetti da sistemi
di videosorveglianza, ben illuminati o
vicini a luoghi frequentati, per permet-
tere alle donne di parcheggiare in luo-
ghi pi sicuri, contrastare fenomeni di
aggressione alle donne, accrescere il
senso di sicurezza, consentire loro di
muoversi in citt con pi libert. Moti-
vazioni nobili, ma che spesso gli uomini
non colgono, come testimoniano le
stesse cremonesi.
Giusto laltro giorno avevo appena
messo fuori la freccia per entrare in un
parcheggio quelli riservati alle donne,
quando unauto, condotta da un uomo,
arrivata velocemente e mi ha rubato il
parcheggio racconta Serena. Ne
nata una lite furiosa, in cui mi sono sen-
tita rivolgere anche delle parolacce.
Questo per dire che, anche se a livello
istituzionale si mettono in campo inizia-
tive per la tutela delle donne, manca
comunque una sensibilit comune sul
tema. Lesortazione che le donne fan-
no alle istituzioni quindi di sensibiliz-
zare i cittadini a queste tematiche e al
rispetto di certe regole di buona con-
dotta. Lo conferma anche Sofia, 34en-
ne cremonese. In citt esistono i par-
cheggi rosa, ma spesso li vedo occupa-
ti da auto condotte da uomini. Mi ca-
pitato fin troppo spesso di dover par-
cheggiare nel punto pi buio e lontano
dallentrata del parcheggio, per poi ve-
dere uomini che arrivavano a riprender-
si lauto, posteggiata nel parcheggio
rosa. Purtroppo trovare la cavalleria
cosa rarissima, al giorno doggi.
Ha senso allora parlare di pari op-
portunit, quando ancora oggi spesso
vige la prepotenza, anche in situazioni
banali come un parcheggio? Se lo chie-
de anche Ambra, 25enne. So che
esistono i parcheggi per le donne, ma
non sono mai riuscita a parcheggiarvi
lauto. Una volta mi capitato anche di
richiamare un signore che stava recu-
perando la sua auto da un posteggio
dedicato alle donne, facendogli notare
che per colpa di quelli come lui io ave-
vo dovuto parcheggiare lontanissimo, e
mi sono sentita ridere in faccia. Altre
volte scopri che neppure se ne erano
accorti. Purtroppo, una cosa di cui
non si parla. Tuttavia esistono anche,
fortunatamente, diversi uomini che
sanno rispettare il gentil sesso. E vero
che gli uomini galanti sono ormai una
specie in via destinzione, tuttavia capi-
ta ancora di trovare persone per bene
dice Stefania. Mi capitato un paio di
anni fa che un uomo spostasse la sua
auto, parcheggiata vicino allingresso
della stazione, per far posto a me, che
stavo girando disperatamente da un
quarto dora.
E ci sono ancora uomini che si ergo-
no a paladini delle donne, come capi-
tato a Irene, 45 anni. Stavo litigando
con un ragazzino per un parcheggio,
quando si avvicinato un signore molto
distinto che, dopo averci chiesto che
stava succedendo, gli ha fatto una ra-
manzina sullimportanza di rispettare le
donne e di non essere prevaricatori.
Alla fine, il ragazzo se ne andato e ho
potuto parcheggiare. Ce ne fossero di
uomini cos!.
E ancora pi recente la comparsa,
soprattutto nei parcheggi di centri
commerciali o grandi supermercati, di
aree di posteggio riservate alle donne
in gravidanza. Infatti una delle maggiori
difficolt per una donna incinta o con
bambini piccoli quella di trovare par-
cheggi liberi in postazioni comode. A
Cremona ho gi visto diversi luoghi con
questo tipo di prescrizione, ma si tratta
sempre principalmente di parcheggi
privati conclude Melissa, 28 anni. Mi
chiedo quando anche il Comune si atti-
ver in questo senso.
Spazi occupati da uomini, spesso con prepotenza. Ci vorrebbe pi rispetto, ma anche maggiore informazione
N
Cremona Mercoled 10 Ottobre 2012
7
Parcheggi rosa, dov finita la galanteria?
E partito il percorso finalizzato
allottenimento della certificazione di
qualit Iso 9001:2008 per i Servizi
demografici e la segreteria del consi-
glio comunale del Comune di Cremo-
na, coordinati dal Segretario Generale
Pasquale Criscuolo. Questo obietti-
vo afferma l'assessore allInnovazio-
ne amministrativa e Servizi Demogra-
fici, Maria Vittoria Ceraso rappresen-
te un'ulteriore dimostrazione dellim-
pegno profuso dallamministrazione
nellambito del miglioramento degli
standard di qualit nellerogazione dei
servizi in favore dei cittadini, della
sempl i fi cazi one ammi ni strati va,
dellimplementazione delluso dei
nuovi strumenti tecnologici al fine di
rendere pi agevole il rapporto tra
Comune e la cittadinanza con tempi
di risposta ancor pi celeri. Il proget-
to si propone infatti di migliorare la
funzionalit dei processi coinvolti, dif-
fondere la nuova cultura manageriale,
di cercare un recupero di ulteriore effi-
cienza nelle strutture, introdurre sem-
pre pi i valori, le strategie e gli stru-
menti della Qualit totale, ovvero po-
sizionare il cittadino al primo posto
anche attraverso la riduzione dei costi
della non qualit.
Questi obiettivi prosegue lasses-
sore richiederanno un particolare
impegno al personale dipendente del-
le strutture interessate, e sono tipici di
realt in forte evoluzione, attente alla
qualit dei servizi forniti e gi impe-
gnate da anni in processi di migliora-
mento come il Comune di Cremona.
LAmministrazione punta ad estende-
re gi dal prossimo anno questo per-
corso ad altri settori dellente, parten-
do ovviamente da quelli che hanno il
maggior contatto con i cittadini. I livel-
li di soddisfazione gi espressi dai
cittadini nei confronti di molti dei ser-
vizi comunali superano il 90%, ma il
nostro obiettivo di arrivare al 100%.
Certificazione Iso 9001:2008 per il Comune di Cremona
Lobiettivo il miglioramento degli standard di qualit nellerogazione dei servizi per i cittadini
La mappa dei parcheggi rosa a Cremona
QUALI SONO?
Piazza della Libert - 8 posti
Piazza Cadorna - 2 posti
Piazza Risorgimento - 10 posti
Corso Vittorio Emanuele - 5 posti
Corso Matteotti - 3 posti
Corso Garibaldi - 3 postI
Via Dante nel parcheggio supe-
riore delle ex tranvie - 22 posti
Stazione Ferroviaria.
Via Mantova parcheggio S. Ca-
millo - 27 posti
Piazzale Azzurri d'Italia presso la
Piscina comunale - 10 posti
Via Brescia (palazzo Duemiglia)
- 5 posti
COME RICONOSCERLI?
SEGNALETICA ORIZZONTALE
E' presente una P di parcheggio
a sfondo rosa disegnata sull'asfal-
to all'interno del tracciato che de-
limita l'area di sosta.
SEGNALETICA VERTICALE
Cartelli all'interno dei parcheggi in
cui sono disponibili aree di sosta
per le donne.
I COSTI?
I parcheggi rosa sono: a paga-
mento in corrispondenza dei par-
cheggi a pagamento (aree blu);
gratuiti in corrispondenza di par-
cheggi liberi o con disco orario
(aree con tracciato bianco).
DOVE SONO?
Vicino ai servizi dedicati ai citta-
dini, in particolare alle donne.
Vicino alla stazione ferroviaria.
Lungo le principali vie d'accesso
al centro storico.
Vicino alle principali piazze della
citt.
Con esperienza decennale lagenzia viaggi CANYOLAND TRAVEL by S, Viaggiare s.a.s. a Vostra completa
disposizione con competenza, efcienza e cortesia per soddisfare qualsiasi esigenza nellorganizzazione e
prenotazione di tutti i servizi turistici. Da sempre specializzata in viaggi di nozze, liste nozze e matrimoni
allestero, con lo stesso amore e medesima passione nasce EMOTIONS il brand di S, Viaggiare dedicato
alla pianicazione, organizzazione e realizzazione di eventi privati o aziendali, manifestazioni e matrimoni.
alcuni nostri servizi: RICERCA LOCATION per rito e ricevimenti inItalia e allestero
SERVIZIO CATERING e BANQUETING ALLESTIMENTI e ADDOBBI FLOREALI
SCENOGRAFIE SERVIZIO FOTOGRAFICO e VIDEO...
CANYOLAND TRAVEL
by S, Viaggiare s.a.s.
AGENZIA VIAGGI e TURISMO
siviaggiare@siviaggiare.info
Viale Trento e Trieste, 146 - CREMONA - tel. 0372 33134/31656 - Cell. 346 7586176
EMOTIONS
by S, Viaggiare s.a.s.
EVENTS & WEDDING PLANNER
emotions@siviaggiare.info
di Michele Scolari
ei giorni scorsi lat-
tivit di controllo
del terri tori o da
parte dei Finanzieri
cremonesi ha por-
tato, in due distinte operazioni,
al sequestro di due armi da fuo-
co illegalmente detenute da un
cittadino di origini albanesi e a
quello di oltre otto chilogrammi
di marijuana posseduti da un
cittadino di origini africane.
Nella tarda mattinata dello
scorso luned 17 settembre
una pattuglia del Nucleo di po-
lizia tributaria di Cremona ha
fermato in piazza Risorgimento
il cittadino albanese Gerald
Hasa, 23enne cittadino alba-
nese con precedenti per rapina
e stupefacenti. Con lui cera un
giovane cinese, C. Z. 29enne
incensurato, entrambi residenti
in Cremona. Durante il control-
lo dellautovettura utilizzata dai
due sono stati rinvenuti 33
grammi di cocaina suddivisi in
tre dosi e, nascosti in una sca-
tola di cartone, una rivoltella
Smith & Wesson modello 357
Magnum e un fucile doppiet-
ta priva di marca identificati-
va, entrambi con relativo muni-
zionamento. La successiva
perquisizione dellappartamen-
to di Gerald HASA ha portato al
rinvenimento di un bilancino di
precisione per il confeziona-
mento delle dosi e uno sfolla-
gente retrattile in metallo. Per il
23enne albanesesono scattate
le manette ed il trasporto nel
carcere di C del Ferro, mentre
quello cinese stato denuncia-
to a piede libero per concorso.
Due giorni dopo, nella matti-
nata di mercoled, una pattu-
glia della Compagnia di Cre-
mona, durante un servizio di
controllo del territorio, ha nota-
to un cittadino di colore che,
provenendo dalla vicina sta-
zione dei treni, conduceva a
mano una bi-
cicletta sulla
quale era ap-
poggiata una
v a l i g i a d i
gr osse di -
mensioni. Ma
nel momento
in cui i finan-
zieri gli hanno intimato lalt per
un controllo, il cittadino africa-
no si dava alla fuga abbando-
nando la valigia allinterno del-
la quale sono stati poi rinvenu-
ti quattro grossi involucri di
cellophane contenenti la bel-
lezza di 8 chili di marijuana.
Dalle successive indagini han-
no consentito di identificarlo in
un cittadino senegalese di 31
anni, residente in Provincia,
oggi irreperibile.
Come sottolineato in confe-
renza stampa dal colonnello
Alfonso Ghi-
ral di ni , co-
ma n d a n t e
provi nci al e,
dal tenente
colonnelo Ni-
cola De San-
tis e dal te-
nent e Gi o-
vanni Salis (Crema), i seque-
stri effettuati sono il risultato
della giornaliera e continua at-
tivit di controllo del territorio
attuata nellambito del Servi-
zio di Pubblica Utilit 117, un
servizio di prossimit alla col-
lettivit che garantisce una ri-
sposta immediata alle richiesta
dei cittadini. questo il caso di
un giovane indiano di trentan-
ni che si presentato alla Te-
nenza di Crema per denuncia-
re il datore di lavoro che dal
2003 lo impiegava nellazienda
agricola in condizioni di parti-
colare sfruttamento e rifiutan-
dosi di regolarizzarne la posi-
zione. Limprenditore agricolo,
M.B. di 54 anni, stato segna-
lato allAutorit giudiziaria e
limmigrato potr ora accedere
ai benefici previsti per la con-
cessione del permesso di sog-
giorno. Pare che, allarrivo dei
finanzieri che gli chiedevano
spiegazioni sulle irregolarit
nei confronti del cittadino in-
diano, limprenditore si sia giu-
stificato dicendo: E mio fi-
glio.
N
I sequestri sono frutto
dellattivit di controllo Servizio
di Pubblica Utilit 117
Armi e oltre 8 chili di droga sequestrati
Agricoltore segnalato allautorit giudiziaria per sfruttamento della manodopera
Cremona Mercoled 10 Ottobre 2012
8
Blitz delle Fiamme Gialle: un albanese in manette e un cinese denunciato
Il colonnello Alfonso Ghiraldini
Prosegue lazione di contrasto portata avanti dalla polizia stra-
dale di Cremona nei confronti del fenomeno, piuttosto diffuso, re-
lativo a coloro che vanno a sostenere lesame di teoria per la pa-
tente (in particolare nella sessione riservata ai privatisti) sostituen-
dosi al candidato con falsa documentazione di riconoscimento.
Solo la settimana scorsa, gli uomini del comandante provinciale
Federica Deledda avevano arrestato due ghanesi, uno dei quali si
era previo accordo sostituito al connazionale andando a sostenere
lesame con una falsa carta didentit.
Nella giornata di ieri gli agenti hanno eseguito un altro arresto,
sempre nel corso dei controlli alla Motorizzazione Civile di via Bo-
schetto. A finire in manette stavolta stato un soggetto italiano.
Luomo si era recato a sostenere lesame di teoria della patente,
esibendo allingresso carta didentit e relativo fascicolo. Termina-
to lesame (superato senza errori) luomo ha ritirato la propria do-
cumentazione avviandosi verso luscita con un accompagnatore
che lo attendeva nellatrio. Ma il suo fare furtivo ha insospettito gli
agenti in borghese della Stradale che, alluscita, hanno controllato
i due soggetti. Dagli accertamenti risultato come il soggetto che
aveva sostenuto lesame si fosse sostituito alleffettivo candidato
modificando la carta didentit di questultimo con una propria fo-
totessera. A bordo dellauto con la quale i due erano giunti sul
posto gli agenti hanno ritrovato i documenti falsificati. Come deli-
neato ieri mattina in conferenza stampa dal comandante e
dallispettore Giuseppe Belloni, per il finto candidato sono quindi
scattate le manette con laccusa di possesso di carta didentit
valida per lespatrio non autentica e false dichiarazioni, mentre
laccompagnatore indagato con la sola accusa di false dichiara-
zioni a pubblico ufficiale. La contraffazione stata scoperta grazie
ad un kit in dotazione agli equipaggi della Polstrada: una sorta di
lampada di Wood in miniatura con una lente in gradi di individuare
le alterazioni.
Il comandante Deledda ha voluto inoltre rimarcare la perfetta
sinergia tra lEnte della Motorizzazione e la Polizia Stradale nel
contrasto al fenomeno della falsa documentazione presentata in
sede desame: una sinergia che, a fronte dei casi recentemente
scoperti, sta portando ottimi risultati.
poliziA strAdAle
Ancora un arresto per documenti falsi
allesame di teoria della patente
numeri utili
COMUNE DI CREMONA
www.comune.cremona.it
Centralino: 0372-4071
Urp: 0372-407291
AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
www.provincia.cremona.it
Centralino: 0372-4061
Urp: 0372-406233 -
PREFETTURA
Centralino: 0372-4881
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0372-5581
COMANDO FORESTALE
DELLO STATO
Centralino: 0372-410307
GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0372-21576
Nucleo di polizia tributaria:
0372-28968
POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0372-454516
Centrale operativa: 0372-407427
POLIZIA STRADALE
Comando provinciale
Centralino: 0372-499511
QUESTURA
Pronto intervento: 113
Centralino: 0372-4881
VIGILI DEL FUOCO
Pronto intervento: 115
Centralino: 0372-4157511
PROCURA
Centralino: 0372-548233
OSPEDALE DI CREMONA
www.ospedale.cremona.it
Centralino: 0372-4051
Centro unificato
di prenotazione: 800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
AZIENDA SANITARIA
LOCALE DI CREMONA
www.aslcremona.it
Centralino: 0372-4971
Urp: 0372-497215
Cremona
METEO
Previsioni meteo a cura di Dominique Citrigno per SPAZIOMETEO.com e Meteowebcam.it
Via Milazzo (da C.so Garibaldi a P.zza
Vida): cantiere per il rifacimento dei sot-
toservizi e della sede stradale; (Fine lavo-
ri: 15 ottobre).
Via Arata: cantiere per la ristruttura-
zione della rete di distribuzione energia
elettrica: (Fine lavori: 31 ottobre).
Via Burchielli: cantiere per il rifacimen-
to della condotta fognaria, come da Or-
dinanza comunale n.304; (Fine lavori: 12
ottobre).
Via Postumia e via Tonani: cantiere
per la ristrutturazione della rete di distri-
buzione energia elettrica; (Fine lavori 30
novembre).
Piazza Stradivari: cantiere per la posa
dei dissuasori d'accesso alla piazza; (Fi-
ne lavori: 16 novembre).
Via San Rocco (dal ponte Cavo Cerca
a Via Diritta): cantiere per la ristruttura-
zione della rete di distribuzione energia
elettrica e illuminazione pubblica; (Fine
lavori 9 novembre).
BONEMERSE
VOLPICELLI PIA
VIA ROMA, 9
26040 Bonemerse
Tel. 0372 496375
Orari di apertura
Mattino: 09.00 - 13.00
Pomeriggio: 15:30 - 19:30
Giorno di chiusura settimanale
SABATO POMERIGGIO
CORTE DE' CORTESI
CON CIGNONE
FERRARI GIANMARIO
Via Matteotti, 5
26020 Corte de' Cortesi
Tel. 0372 925002
Orari di apertura
Mattino: 08:30 - 12:30
Pomeriggio: 15:30 - 19:30
Giorno di chiusura settimanale
NO
CREMONA - FARMACIA 2
A.F.M. DI CREMONA S.P.A.
VIA GUARNERI DEL GES, 2
26100 Cremona
Tel. 0372 27581
Orari di apertura
Mattino: 08.30 - 13:00
Pomeriggio: 15:00 - 19:30
Sabato: 15:30 - 20:00
Giorno di chiusura settimanale
NO
CREMONA - FARMACIA 8
A.F.M. DI CREMONA S.P.A.
PIAZZA DELLA SORGENTE, 7
26100 Cremona
Tel. 0372 491118
Orari di apertura
Mattino: 08:30 - 12:30
Pomeriggio: 15:30 - 19:30
Giorno di chiusura settimanale
SABATO POMERIGGIO
GRUMELLO CREMONESE
ED UNITI
S. RITA DI ASTORRI
VIA MARTIRI LIBERT, 19
26023 Grumello Cremonese
Tel. 0372 729335
Orari di apertura
Mattino: 08:00 - 12:30
Gioved: 08:00 - 13:00
Pomeriggio: 15:30 - 19:30
Giorno di chiusura settimanale
GIOVED POMERIGGIO
VOLONGO
BELUFFI LUISA
VIA GARIBALDI, 61
26030 Volongo
Tel. 0372 845736
Orari di apertura
Mattino: 08:30 - 12:30
Pomeriggio: 15:30 - 19:30
Giorno di chiusura settimanale
SABATO POMERIGGIO
Farmacie di turno dal 12 al 19 ottobre 2012
Distretto di Cremona
numeri utili
COMUNE DI CASALMAGGIORE
www.comune.casalmaggiore.cr.it
Centralino: 0375 42668
AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
Centralino: 0375-42233
CENTRO PER LIMPIEGO
Centralino: 0375-42213
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0375-284500
POLIZIA MUNICIPALE
Centralino: 0375-40540
POLIZIA STRADALE
Centralino: 0375-42288
GIUDICE DI PACE
Centralino: 0375-42273
OSPEDALE
Centralino: 0375-2811
Centro unico di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
MUSEO DIOTTI
www.museodiotti.it
Centralino: 0375-200416
MUSEO DEL BIjOU
Centralino: 0375-284423
TEATRO COMUNALE
www.teatrocasalmaggiore.it
Centralino: 0375-284434
DISTRETTO
SOCIO-SANITARIO
Direzione: 0375-284020
Distretto Veterinario:
0375-284029
Casalmaggiore
Piazza Stradivari
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
15 Ottobre 2012
taccuino Mercoled 10 Ottobre 2012
9
Via Burchielli
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
12 Ottobre 2012
Distretto di Casalmaggiore
CASALMAGGIORE
FARMACIA - A.F.M.
PIAZZA GARIBALDI, 8
26041 Casalmaggiore
Tel. 0375 200542
Orari di apertura
Mattino: 08:30 - 12:30
Pomeriggio: 15:30 - 19:30
Giorno di chiusura settimanale
MARTED
SAN GIOVANNI IN CROCE
FRANZINI S.N.C.
VIA MATTEOTTI, 89
26037 San Giovanni in Croce
Tel. 0375 91014
Orari di apertura
Mattino: 08:30 - 12:30
Pomeriggio: 15:00 - 19:00
Giorno di chiusura settimanale
GIOVED POMERIGGIO
Le farmacie di turno e
gli orari dei distretti
di Cremona
e Casalmaggiore
sono consultabili sul
sito internet:
www.aslcremona.it
Via Arata
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
31 Ottobre 2012
Via Postumia
e via Tonani
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
30 Novembre 2012
Via san Rocco
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
8 Ottobre 2012
Via Milazzo
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
15 Ottobre 2012
CASALMAGGIORE
casalmaggiore@ilpiccologiornale.it
Giorni tranquilli gli scorsi dal punto di vista della
cronaca nera. Da segnalare un solo episodio, di non
grave entit. Nella giornata di luned un macedone
residente a Scandolara Ravara, operaio incensura-
to, stato fermato in paese per un controllo dai
Carabinieri e trovato in possesso di 18 grammi di
hashish. Data la modica quantit e mancando la
flagranza di reato, stato denunciato a piede libero.
A SCANDOLARA
Fermato con
dellhashish
di Giovanni Gardani
li edifici dellex asilo Chiozzi non
sono agibili. O meglio, andrebbe-
ro prima di tutto messi in sicurez-
za. Pi che un allarme, quello
lanciato da Giuseppina Musse-
tola, coordinatrice del circolo locale del Pdl,
una constatazione.
Lintervento si riallaccia alle polemiche
portate alla luce da Filippo Bongiovanni
della Lega Nord, dopo che il suo partito era
uscito dalla palestrina occupata per un
paio danni come sede locale. Lo stesso
immobile sarebbe tuttora in procinto di es-
sere affittato ad un gruppo ghanese evange-
lico, che entrerebbe per fondare una nuova
chiesa in citt. Le polemiche leghiste, nella
fattispecie, partivano dai metodi poco orto-
dossi di sfratto utilizzati nei confronti del
partito da parte dellamministrazione degli
immobili e degli stessi ghanesi, concernenti
anche lappartamento del custode dellex
asilo Chiozzi. Tra la vecchia sede della Lega
e lex sede del locale Pdl di Casalmaggiore
c un solo muro, peraltro non portante. Per
questo anche il Partito della Libert (che uf-
ficialmente non si riconosce in Orlando
Ferroni, candidato sindaco nel 2009 per
Casalmaggiore per la Libert) ha voluto
evidenziare i problemi relativi alla vicenda.
Da parte nostra - spiega Mussetola - abbia-
mo deciso a giugno di spostare la sede del
Pdl anzitutto per problemi di affitto, dato che
si era parlato di un aumento dopo una riu-
nione preliminare di fine maggio. Non solo:
in quel periodo ben due scosse di terremoto
avevano colpito lEmilia e, di rimando, pure
la nostra zona. Dopo il sisma una commis-
sione apposita aveva controllato i vari locali
dellex asilo Chiozzi, verificando in primis la
portata e limportanza di alcune crepe. A noi
stato riferito che lautorizzazione della
commissione, formata da geometri e addetti
ai lavori, non cera: nessuno voleva prender-
si tale responsabilit, anche perch nel no-
stro caso si sarebbe trattato di tenere in
quella stanza assemblee con diverse perso-
ne, mettendo quindi a rischio pi di una testa
in caso di crolli o di cedimenti strutturali.
Avevamo quindi s le chiavi del locale, ma
non un vero e proprio permesso.
Per questo motivo - conclude Mussetola
- abbiamo scelto di cambiare casa al partito.
Vogliamo solo evidenziare che quelledificio
andrebbe messo in sicurezza, seguendo alla
lettera quanto ci stato detto, prima di pen-
sare ad altre mosse. E un problema di strut-
ture, non certo di buona o cattiva volont
verso i nuovi inquilini.
G
Dopo le polemiche sui danni allex sede leghista in futuro chiesa evangelica, interviene il Pdl
Lex Chiozzi non agibile
ESTUDIANTINA, AL VIA I CORSI
CORSI INIZIATI ANCHE AL CHIOZZI
LUNA E GNAC A S. SEBASTIANO
CISVOL SBARCA NEL CASALASCO
Imparare a conoscere la musica
bello a tutte le et. Con questo motto la
Societ Musicale Estudiantina di Casal-
maggiore lancia i corsi, che avranno ini-
zio nel corrente mese di ottobre per con-
cludersi nel giugno 2013.
Patrocinati dallAmministrazione co-
munale, dallAssessorato alla Cultura e
dalla Pro Loco, i corsi sono assai varie-
gati. Questo il lungo elenco: teoria e sol-
feggio clarinetto (Maestro Fabio Fava),
tromba, trombone, bassotuba, bombar-
dino (M Daniele Marasi), saxofono (M
Alessandro Creola), auto (M Letizia
Bonvenire), violino (M Denis Zannani),
violoncello (M Alevtina Matveeva), pia-
noforte (M Milo Martani e M Claudio
Cirelli), chitarra acustica jazz (M Ema-
nuele Cappa), chitarra acustica elettri-
ca (M Roberto Bobo Rivieri), chitarra
classica, mandolino (M Camilla Finardi),
basso elettrico (M Alessandro Faffa
Fava), percussioni (M Cesare Ciuma
Galli), contrabbasso (M Orazio Aroldi),
canto moderno (M Livia Farnese), canto
lirico (M Federica Bersellini), musica per
linfanzia (M Sara Bellini). Per informa-
zioni: tel 0375/201771, e-mail info@estu-
diantina.it.
Anche per questanno sono ripresi i
corsi di musica della scuola Araldi, si-
tuata allinterno della struttura dellex
Asilo Chiozzi in via Cavour 73, a Casal-
maggiore. Per lanno 2012-2013 i vari
corsi prevedono linsegnamento delle
seguenti discipline e strumenti: solfeggio
e teoria musicale, pianoforte, tastiere,
chitarra acustica jazz, chitarra acustica
elettrica, auto dolce e traverso, corso
propedeutico per bambini. Chiunque vo-
glia informazioni pu rivolgersi al numero
di telefono 0375-43315.
Nuovo appuntamento nel week end
col Teatro delle Possibilit, iniziativa pro-
posta dal Comune di Casalmaggiore e
dagli assessorati alla Cultura e alle Poli-
tiche Giovanili. Sabato 13 ottobre alle 21
presso la chiesa di San Sebastiano (allin-
crocio tra via Romani e via Baldesio) si
terr Luna e gnac, lettura drammatizza-
ta dal racconto di Italo Calvino presenta-
ta da Avis Teatro Casalmaggiore.
Cisvol - Centro di Servizio per il Volon-
tariato della provincia di Cremona, inau-
gura venerd 12 ottobre alle ore 18 i nuovi
spazi della Delegazione Casalasca, che
a partire dal 1 ottobre presente a Ca-
salmaggiore (in via Corsica 1, negli spazi
messi a disposizione dal Comune di Ca-
salmaggiore) e a Gussola (in via Garibaldi
negli spazi messi a disposizione da Cas-
sa Padana BCC).
Lofferta completa e ac-
contenter la comunit nel sen-
so pi ampio del termine. Pa-
rola dellassessore alla Cultura
del comune di Casalmaggiore
Ettore Gialdi, che ha presenta-
to luned nel tardo pomeriggio,
assieme al direttore artistico del
Teatro comunale Giuseppe Ro-
manetti (nella foto a destra i
due), la stagione teatrale 2012-
2013. Un albero con sette rami.
Vediamoli nel dettaglio: Si par-
te - spiega Gialdi - con la sta-
gione classica: 13 spettacoli pi
2 fuori abbonamento. Dopo di
che guarderemo ai pi giovani
da quattro diverse prospettive:
avremo il teatro per i ragazzi,
dedicato alle scuole dellinfan-
zia, primaria e media; laboratori
e workshop, tra i quali mi per-
metto di segnalare quello relati-
vo allo spettacolo Picablo,
ispirato alla figura di Pablo Pi-
casso; incontri di aggiornamen-
to per i docenti, che approfon-
diranno la funzione pedagogica
del teatro grazie a Mafra Ga-
gliardi; infine incontri di avvici-
namento agli eventi pi delicati,
come Lingua Imperii, che si
terr il 27 gennaio nella Giorna-
ta della Memoria.
In aggiunta il teatro domeni-
cale e il teatro amatoriale in dia-
letto: due filoni che potrebbero
spesso coincidere per consen-
tire - ha spiegato Romanetti -
anche agli anziani di trovare un
orario pi consono alle loro esi-
genze.
Unofferta integrata che Ro-
manetti ha poi presentato. Da
sempre cogliamo nel teatro una
multi-formit di mezzi di espres-
sione. In tal senso diamo spazio
a spettacoli molto diversi tra lo-
ro, a partire dalla loro concezio-
ne artistica, per arrivare al pub-
blico pi esteso possibile. Non
tutto: in tempi non facili cre-
diamo di avere messo la qualit
al primo posto. Quindi abbiamo
evitato spettacoli furbi o com-
merciali, perch i soldi pubblici
vanno spesi bene, senza pren-
dere in giro i nostri cittadini.
I prezzi di abbonamenti e
biglietti sono stati confermati
(dai 125 ai 180 euro per gli ab-
bonamenti, dai 12.50 ai 18.50
euro per i singoli ticket): pos-
sibile effettuare lacquisto il 4
novembre dalle ore 10 alle 12 e
dalle 16.30 alle 19.30 presso il
Teatro comunale di via Cairoli
(nei giorni successivi presso il
Centro Servizi al Cittadino). Da
segnalare, tra tanti spettacoli,
la presenza (10 novembre) di
Franco Rotelli, illustre casala-
sco che collabor con Franco
Basaglia per la chiusura dei
manicomi e illustrer lo spetta-
colo Muri prima e dopo la
battaglia. Il 12 gennaio invece
show serbo-rom alla Goran
Bregovic con Brat Cantieri
per unopera rom. Suggestivo
anche lo spettacolo Pinoc-
chio (23 marzo) promosso
dalla Casa dei Risvegli Amici
di Luca di Bologna, sponso-
rizzato dallattore Alessandro
Bergonzoni. Da non scordare
infine la presenza di Isa Danieli,
attrice della soap Capri (ma
capace di ottenere diversi rico-
noscimenti in campo teatrale),
il 13 aprile per Ta-kai-ta.
Romanetti e Gialdi hanno presentato il programma 2012-2013 del Teatro di Casalmaggiore
Stagione teatrale: Qualit al primo posto
Dopo l'assegnazione, la consegna. Il primo
concorso Ambiente e territorio - Umberto Chia-
rini giunto a compimento: l'Itis Galilei di San
Secondo (in provincia di Parma) stato insignito
del premio (nella foto la consegna), organizzato
dal gruppo Persona-Ambiente in memoria
dell'indimenticato professore ambientalista di
Fossa Caprara. Premiato quindi il progetto
Trashware e la seconda vita degli oggetti, mi-
rato alla riduzione ed al riciclo dei rifiuti elettroni-
ci di tipo informatico. Un'idea vincente perch
affronta un tema complesso e contemporaneo
con una proposta innovativa. Di ampio respiro,
il progetto Trashware coinvolge una trentina di
studenti dell'Itis (principalmente d'indirizzo in-
formatico) e alcuni delle medie, che in orario
extracurricolare si preoccupano di dare, appun-
to, una seconda vita a tecnologie come compu-
ter in disuso, ricondizionati e quindi riutilizzabili
dalla stessa scuola di San Secondo.
Consegnato il premio Chiarini allItis di San Secondo
Bar Giulia angolo Conad Casalmaggiore
GR2 di Rivieri Gianfranco via Guerrazzi 4 Casalmaggiore
Fermata KM Polo Romani via Trento 20 Casalmaggiore
Via Pascoli via Giovanni Pascoli 28 Casalmaggiore
Sportime via E. Fermi 19 Casalmaggiore
Bar Barracuda via Martelli 2 Casalmaggiore
Portici del Municipio piazza Garibaldi Casalmaggiore
Bar Italia piazza Garibaldi Casalmaggiore
Farmacia Comunale piazza Garibaldi Casalmaggiore
Bar Tavola Calda Centro Commerc. Padano Casalmaggiore
Distrib. carburante ENI via Repubblica rotonda Diotti Casalmaggiore
Distr. carburante Ariete via Repubblica Vicobellignano
Rist. Pizz. Piccolo Paradiso via Molossi 47 Vicobellignano
Cartoleria via Dante Alighieri 9/B Vicobellignano
Alim. Tabacch. Tosi Remo via Canzio 100 Roncadello
Bar La Nuova Luna via Roma 7 Torricella del Pizzo
Portici del Comune piazza Italia Scandolara Ravara
Portici via Mazzini 3 Castelponzone
Caff Roma via Giuseppina 97 Solarolo Rainerio
Edic. Tabacch. Camozzi via Matteotti 113 San Giovanni in Croce
Edic. Tabacch. Lorenzini via Giuseppina 103 Cingia de' Botti
Bar Time Out via della libert 46/b Martignana di Po
Sido Caf via Bardellina Martignana di Po
Fermata KM piazza Comaschi Gussola
Tabaccheria Venturini via Roma 93 Gussola
Cartoleria Giamei via Nicol Tommaseo 101 Casalbellotto Q
u
i

t
r
o
v
a
t
e

l
a

v
o
s
t
r
a

c
o
p
i
a

G
R
A
T
U
I
T
A

d
e

Casalmaggiore Mercoled 10 Ottobre 2012
11
Il 3 novembre nascer la nuova Interflumina. Silla elogia Stassano e Bonfatti Paini che lanciano Giomi per la Fidal
Rinnovamento, non rottamazione
domanI SI alzaIl velo Su ChoComomentS
Il battage pubblicitario, con tanto di cartello-
nistica ben visibile a Casalmaggiore, avviato
ormai da giorni: domani, alle ore 11 in sala con-
siliare, verr uffcialmente presentata la secon-
da edizione tutta maggiorina di ChocoMoments,
manifestazione che si terr in piazza Garibaldi
dal 19 al 21 di ottobre. Tre giorni all'insegna del
gusto, col cioccolato a farla da assoluto prota-
gonista. I dettagli dell'evento verranno svela-
ti solo domani, ma qualche anticipazione circo-
la gi. Un paio le novit principali. La prima
a sfondo benefco e riguarda la collaborazione
con Amurt: come anticipato dal referente Paolo
Bocchi alla vigilia della Festa della Zucca, par-
te dei ricavati di ChocoMoments verranno indi-
rizzati al progetto sociale La Rete, promosso
dal comune (assessorati ai Servizi Sociali, alle
Politiche Giovanili e alla Famiglia) e dalla stes-
sa Amurt. La seconda novit la proposta del-
le cosiddette lezioni di cioccolato: sulla scia di
due celebri flm italiani, nella tensostruttura che
accoglier la Fabbrica del Cioccolato verranno
organizzate vere e proprie lezioni sul come pro-
durre e rielaborare il cioccolato. Di diverso ri-
spetto alla prima edizione casalese di Choco-
Moments, sar la mancanza del Ristotenda: la
Pro Loco, che l'anno scorso si occup del com-
parto cucina, ideando insieme allo chef Ceresi-
ni un men ad hoc per l'occasione (in tutte le
portate era presente il cioccolato), per motivi di
budget non potr offrire il servizio.
di Simone Arrighi
ome una sineddoche: l'Atle-
tica Interflumina Pi Pom
si prepara al rinnovamento
delle cariche cos come la
Federazione Italiana di Atle-
tica Leggera (Fidal) si appresta al cam-
biamento del proprio direttivo.
Cos, nel pomeriggio della conferen-
za che ufficializza la data delle elezioni
interne e della festa di compleanno so-
cietario, il professor Carlo Stassano
porta a Casalmaggiore (e prima ancora
in giro per la Lombardia) l'illustre Alfio
Giomi, sostenendone la candidatura
come successore di Franco Arese
nella corsa al direttivo nazionale. Un
pomeriggio speciale dunque, che lo
stesso Stassano definisce inaspettato
nella forma. Priorit all'Interflumina
Pi Pom: Il 3 novembre, in piena
Fiera di San Carlo, presso il ridotto del
teatro comunale, dalle ore 16 alle 18
procederemo con l'assemblea elettiva
della nostra societ. A seguire, dalle 18
alle 20, sempre in teatro, festeggeremo
i 45 anni dell'Interflumina, con la pre-
sentazione del libro che ripercorre la
storia del sodalizio, dal 1968 ad oggi,
passando per circa duemila atleti. Stia-
mo provando ad invitarli tutti.... Una
giornata per guardare al futuro, fissan-
do in eterno nella storia comprensoriale
volti e imprese di atleti e dirigenti del
passato. Da sempre l'Interflumina si
adoperata per riunire le risorse di un
territorio vasto 21 comuni, compreso
tra il Po, l'Oglio e il torrente Parma,
precisa Stassano. Mi auguro che i
successori di Stassano e Bonfatti Paini
possano continuare il lavoro intrapreso
- auspica il sindaco Claudio Silla -,
continuando a ragionare in un'ottica
comprensoriale. Siete un esempio
straordinario di cooperazione fra asso-
ciazionismo ed ente pubblico - plaude
Alfio Giomi -. evidente il legame fra
l'Interflumina ed il vostro territorio: non
posso che farvi i miei complimenti. La
fusione tra sodalizio e comprensorio
Oglio-Po verr garantita anche dopo il
passaggio di consegne: Non parliamo
di rottamazione - spiega Pietro Bon-
fatti Paini, presidente uscente - piutto-
sto di sostituzione, di rinnovamento.
Noi abbiamo preparato il terreno per
chi ci succeder, sperando in un conti-
nuo miglioramento. L'investitura, co-
me anticipato circa un mese fa, cadr
proprio su Alfredo Azzoni, casalese
ora residente a Parma, gi atleta della
prima ora con l'Interflumina ed oggi
chiamato a ricoprirne la carica di presi-
denza in qualit di unico candidato.
Come vicepresidenti sarranno proposti
Federica Passera e Filippo Allodi.
Anche tra i consiglieri (nei rapporti con
famiglie, scuole, sponsor ed istituzioni),
verr promosso un ampio ringiovani-
mento (col coinvolgimento di Corrado
Lodi). Il 3 novembre ne sapremo di pi.
C
Chi lha riconosciuto ha avuto dav-
vero un buon occhio, perch in effetti
si trattato di un vero e proprio ca-
meo della durata di un paio di secon-
di. Nella pubblicit integrale dello
show di Adriano Celentano Rock
Economy, trasmesso su Canale 5
dallArena di Verona tra luned e ieri,
compare anche un casalese doc, co-
me Giuseppe Boles. Noto per la sua
eccentricit, e in rampa di lancio con
il suo primo romanzo La psiche del
topo, che si sta estendendo ad una
fetta di pubblico sempre pi ampia in
tutta Italia, lavvocato di Casalmag-
giore ha partecipato con una mise
particolarissima: vestito da highlan-
der scozzese, quasi un novello Wil-
liam Wallace, Boles ad un certo punto
dello spot corre verso la telecamera
brandendo una scure. Al l a fi ne
dellapocalittico promo pubblicitario
Boles sfila, camminando al fianco di
tutte le altre comparse impiegate,
propri o al centro del l a scena.
Unesperienza breve ma emozionante
per uno spot, firmato dal regista Gae-
tano Morbioli e ispirato al video Iron
di Woodkid, che lo stesso casalese
ha definito come un piccolo gioiello,
quasi cinematografico. Nelle stesse
vesti, Boles salito sul palco anche
durante la prima serata dello spetta-
colo, in occasione di un balletto. Sulla
sua pagina Facebook, il poliedrico
casalese ha ricevuto tanti attestati di
simpatia: i casalaschi hanno proprio
locchio di lince
SOLAROLO RAINERIO - Un fattore
che in genere non viene valutato nella
grande crisi economica quello uma-
no. Secondo il dottor Ambrogio Pen-
nati, nome di spicco della psichiatria
con incarichi in diverse associazioni
internazionali, la presenza di un grup-
po di psicopatici alla guida delle so-
ciet finanziarie principali (e non solo)
ha un ruolo determinante nella de-
pressione che stiamo vivendo.
Una teoria intrigante e che fa discu-
tere, e che Pennati, con laiuto della
dottoressa Samantha Bernardi, ha
illustrato presso il ristorante La Clo-
chette, ospite del Rotary Club Casal-
maggiore Oglio Po.
Sin qui sono stati gli studi di tipo
economico, politico e storico a cer-
care di spiegare le origini della crisi
mondiale, mentre limportanza delle
dimensioni della psicopatia stato
argomento trattato sinora in seminari
tra professionisti del settore, e
nelloccasione uscita dalle aule per
essere diffusa nella societ. Grande
lattenzione dunque alla relazione di
Pennati, secondo il quale i compor-
tamenti psicopatici sono messi in at-
to da persone a prima vista normali,
che per: 1) non si rendono conto del
danno che producono; 2) manipola-
no le altre persone ingannandole; 3)
non modificano mai il proprio com-
portamento.
Tale comportamento massimizza il
loro guadagno a prescindere dai dan-
ni (immensamente superiori) provoca-
ti agli altri: qui sta laspetto psicopati-
co. Gli stessi criminali violenti seriali
hanno le tre caratteristiche citate.
Come possibile ha affermato lo
specialista che un gruppo di tali
persone abbia governato leconomia?
Il fatto che 40 anni fa il sistema di
relazioni riusciva ad isolarli. Oggi il
rapporto di lavoro si depersonaliz-
zato, in tale ottica linformatica ha
avuto il suo ruolo.
Alla psicopatia ha aggiunto Sa-
mantha Bernardi si arriva con una
traiettoria evolutiva. Siamo entrati nel-
le scuole medie e superiori del casala-
sco valutando i comportamenti psico-
patici di circa 200 soggetti, e confron-
tandoli con quelli di un gruppo clinico
che compie percorsi terapeutici. I di-
sturbi della condotta stanno aumen-
tando notevolmente, e si riscontrano
in alcuni casi gi allasilo.
Un quadro allarmante, che ha pro-
vocato ovviamente una serie di do-
mande soprattutto su come poter in-
tervenire per evitare tale rischio. Isola-
re gli psicopatici prima che siano nelle
condizioni di fare danni, nessuna spe-
ranza di cambiare il loro atteggiamen-
to. Ambrogio Pennati ha poi elegante-
mente sorvolato quando gli stato
chiesto di presenze di psicopatici nel-
la politica italiana, non negando per
una certa, qualificata, presenza.
Unintrigante teoria sul dissesto economico presentata dal professor Pennati
Crisi, colpa degli psicopatici?
L'Associazione Nazionale di Ami-
cizia Italia-Cuba, in collaborazione
con Rive Gauche ed il circolo Hil-
da Guevara di Cremona, propor-
ranno per venerd 19 ottobre un
incontro con Ail Labaino Cardo-
so. La serata si terr presso l'Isti-
tuto Santa Chiara, a Casalmag-
giore, alle ore 21. Il tema dell'in-
contro riguarda i cubani della se-
conda generazione: a Cuba, il
70% della popolazione giova-
ne, recita il volantino. Se ne par-
ler quindi con la figlia di Ramn
Labaino Salazar, uno dei cinque
ultimi prigionieri della Guerra
Fredda, detenuto in carcere negli
Stati Uniti dal 1998 per aver difeso
Cuba dal terrorismo.
In Santa Chiara
si parla di Cuba
Sopra da sinistra Liliana Stagnati, Alfio Giomi,
il sindaco Claudio Silla, il presidente Interflumina
Pietro Bonfatti Paini, il tecnico e segretaria Interflu-
mina Laura Bassetti e Carlo Stassano
La festa cubana che si tenne
in giugno a Scandolara Ravara
La fabbrica del cioccolato dell'edizione 2011
Giuseppe Boles nel promo dello show di Celentano
he sarebbe stato un avvio
di stagione in salita, era
facilmente ipotizzabile,
anche se lottimo precam-
pionato aveva suscitato fa-
cili entusiasmi, almeno tra i tifosi. E
dopo lo sfortunato esordio contro la
Virtus Bologna, la Vanoli ha ceduto,
non senza rimpianti (63-60), anche
a Caserta. Come contro la Virtus, i
biancoblu di Caja hanno giocato un
bel primo tempo con un ottimo Har-
ris, ma si sono fatti raggiungere nel
terzo parziale e superare nellultimo
quarto, non riuscendo pi a trovare la
via del canestro, se non nei due mi-
nuti finali, che le hanno permesso di
giocarsi comunque il match allultimo
possesso, con un tiro di Vitali che si
spento sul ferro. Miglior marcatore
per la Vanoli stato Lance Harris (14
punti), seguito da Luca Vitali (13), ma
bene ha giocato sotto le plance an-
che lex Stipanovic, che ha catturato
13 rimbalzi. Per i padroni di casa, be-
ne Jonunas (14 punti) e un ritrovato
Mordente (10). Un match che poteva
anche essere vinto, se la Vanoli non
avesse accusato un altro calo negli
ultimi dieci minuti. E forse lo scotto
da pagare per aver completamente
rinnovato il roster e siamo convinti
che un coach esperto come Caja
sapr porre rimedio a questa lacuna,
ma arrivato il momento di muovere
la classifica, per ridare fiducia a tutto
lambiente. Limportante per noi in
questo momento - ha rivelato Caja
- cercare di inserire sempre di pi
Kotti, Huff e Vitali nel nostro siste-
ma, prima di tutto dal punto di vista
atletico, portandoli alla pari con gli
altri e poi dal punto di vista tecnico.
Sappiamo che i frutti di questo lavoro
saranno poi da valutare alla fine di un
periodo pi ampio rispetto a quello
C
Anche a Caserta la squadra di Caja ha perso il match nel finale, ma ha mostrato segnali di crescita
Ancora quel maledetto ultimo quarto
SERIE A
Mercoled 10 Ottobre 2012
12
SPECIALE VANOLI BASKET
Pagine a cura di Fabio Varesi
CLASSIFICA
Chebolletta Cant 4
Montepaschi Siena 4
Banco di Sardegna Sassari 4
Cimberio Varese 4
Saie 3 Bologna 4
EA7 Emporio Armani Milano 2
Virtus Roma 2
Sutor Montegranaro 2
Umana Venezia 2
Scavolini Pesaro 2
Juve Caserta 2
Trenkwalder Reggio Emilia 0
Vanoli Cremona 0
Sidigas Avellino 0
Angelico Biella 0
Enel Brindisi 0
CASERTA-VANOLI CREMONA 63-60
(17-25, 36-42; 50-52)
JUVECASERTA: Chatfield 11 (1/3, 3/7),
Maresca 4 (2/2, 0/3), Jonusas 14 (3/5,
1/3), Mordente 10 (3/5, 1/2), Marzaio-
li ne, Salzillo ne, Wise 7 (1/6, 1/2), Mi-
chelori 9 (2/5 da due), Gentile 2 (1/2,
0/1), Akindele 6 (2/5 da due), Cefarelli
ne, Jelovac (0/2, 0/2). All.: Sacripanti.
VANOLI CREMONA: Vitali 13 (1/2, 2/4),
Speronello ne, Porzingis (0/2 da due),
Kotti 2 (1/2 da due), Jackson 7 (2/4,
0/3), Conti ne, Ruini (0/1, 0/1), John-
son 8 (3/4, 0/3), Harris 14 (5/9, 1/4),
Huff 12 (2/5, 2/5), Stipanovic 4 (2/5
da due), Cazzaniga ne. All.: Caja.
ARBITRI: Sabetta, Vicino e Calbucci.
Vitali in palleggio
(foto Castellani)
Stipanovic a canestro
delle prime partite di campionato.
Come dire, anche il coach aveva
messo in preventivo di faticare in
avvio di stagione, anche se con un
po di fortuna, il match di Caserta
poteva essere vinto. Limportante
al momento non perdere la fidu-
cia, perch anche durante la scor-
sa stagione, la Vanoli ha dimostrato
di saper venire fuori alla distanza,
dopo aver stentato parecchio nel
girone dandata. Del resto, anche le
altre squadre che dovrebbero lot-
tare per la salvezza, hanno avuto
un inizio difficile. Nella parte bassa
della classifica regner sicuramen-
te lequilibrio e sulla carta la Vanoli
ha un roster in grado di evitare lul-
timo posto, che porta in Legadue.
Ai vertici della graduatoria, invece,
manca a sorpresa Milano, sconfitta
da Bologna. La formazione di Sca-
riolo per cambiata parecchio
rispetto al recente passato e ha bi-
sogno di un po di tempo per cre-
scere, ma siamo sicuri che lotter
per il titolo insieme a Siena e Can-
t. Con i toscani pi abbordabili, si
annuncia una stagione molto incer-
ta e sicuramente pi interessante
rispetto agli ultimi campionati. In
questo tris dassi potrebbe contare
parecchio Cant, formazione soli-
da e di talenta, soprattutto nel tiro
dalla lunga distanza e dopo aver
vinto la Supercoppa, Trinchieri so-
gna il tricolore. Complimenti, infi-
ne, a Sassari, ancora una volta par-
tita a razzo, a conferma della voglia
di conquistare di nuovo laccesso
ai playoff.
PROSSIMO TURNO (14-10) Avel-
lino-Milano, Biella-Caserta, Brindisi-
Cremona, Montegranaro-Bologna,
Pesaro-Venezia, Roma-Emilia, Sas-
sari-Cant, Varese-Siena.
avvio di stagione in sa-
lita non una novit
per la Vanoli. Da quan-
do milita nella massima
serie, per ben tre vol-
ta (compresa questa stagione) ha
perso le prime due gare di cam-
pionato, mentre lo scorso anno
ha s vinto alla seconda giorna-
ta (a Casale Monferrato), poi pe-
r ha collezionato quattro ko di fi-
la, prima di risollevarsi a Teramo.
In tutte le occasioni ha poi con-
cluso la stagione in modo posi-
tivo, quindi auspicabile che ac-
cada anche stavolta. E vero che
siamo solo ad inizio stagione, ma
la trasferta di domenica a Brindisi
(ore 18.15) gi delicata per en-
trambe le squadre e i punti in pa-
lio sono pesanti. Il preceden-
te incoraggiante per i bianco-
blu, impegnati nel 2010 a Brindi-
si proprio alla terza di campiona-
to, come accade domenica. An-
che allora, stagione 2010-2011,
la Vanoli aveva incassato due
ko (con Siena e Cant) non sen-
za rimpianti e proprio in Puglia
sfoder una grande prestazione,
che mise al tappeto la matricola
brindisina. Tante situazioni simi-
li allattualit, che speriamo pos-
sano portare al primo succes-
so stagionale la squadra di Caja,
che riuscir nellimpresa se evite-
r in calo nellultimo quarto, ac-
cusato nelle prime due giorna-
te di campionato. LEnel di Piero
Bucchi una formazione abbor-
dabile, ma che si sa esaltare da-
vanti al proprio pubblico, quindi
servir una grande prestazione,
per portare a casa i due punti. Ex
del match sar Matteo Formenti,
poco convincente a Cremona e
voglioso di dimostrare di essere
ancora in cecchino temibile.
TIFOSI AD ANCORA Il
gruppo organizzato White Blue
Brothers comunica che sono
aperte le iscrizioni per la trasferta
della Vanoli contro Montegrana-
ro in programma ad Ancona il 28
ottobre. La partenza col pullman
avverr dal parcheggio di via Po-
stumia. Il costo del pullman di
15 euro a persona se si raggiun-
geranno le 50 iscrizioni. Lora
della partenza verr comunicata
non appena la Lega ufficializzer
lorario dinizio del match. Per le
prenotazioni telefonare a Daniela
al numero 339-5345705 oppure
rivolgersi al banchetto del grup-
po allestito in prossimit della
Tribuna Vanoli.
L
Nella stagione 2010-2011 la Vanoli di Mahoric vinse in Puglia proprio alla terza giornata e come stavolta dopo due sconfitte
A Brindisi sono in palio punti pesanti
Il precedente confortante
Mercoled 10 Ottobre 2012
13
SPECIALE VANOLI BASKET
Il match giocato
nel 2010
ENEL BRINDISI
4 Jeff Viggiano 1984 Ala
6 Antywazne Robinson 1984 Ala
7 Scottie Reynolds 1987 Play-Guardia
9 Matteo Formenti 1982 Guardia
12 Robert Fultz 1982 Play
13 Klaudio Ndoja 1985 Ala
14 Cedric Simmons 1986 Ala-Centro
15 Daniele Pacella 1994 Guardia-Ala
16 Alessandro Porfido 1993 Guardia-Ala
19 Andrea Zerini 1988 Ala
22 Jonathan Gibson 1987 Play-Guardia
45 Jerai Grant 1989 Centro
COACH: PIERO BUCCHI
VANOLI CREMONA
7 Luca Vitali 1986 Play-Guardia
10 Janis Porzingis 1982 Ala
11 Tukka Kotti 1981 Ala Grande
13 Jarrius Jackson 1985 Guardia
14 Francesco Belloni 1994 Guardia
20 Fabio Ruini 1980 Play
21 Aaron Johnson 1988 Play
22 Lance Harris 1984 Guardia-Ala
24 S. Christopher Huff 1984 Ala
27 Andrea Conti 1974 Ala Grande
31 Andrij Stipanovic 1986 Centro
33 Roberto Cazzaniga 1978 Centro
COACH: ATTILIO CAJA
Domenica 31 ottobre 2010
ENEL BRINDISI-VANOLI CREMONA 64-71
(19-16, 32-37; 47-57)
ENEL BRINDISI: Lang 10 (3/4), Radu-
lovic 3 (0/1, 1/1), Roberson 19 (2/6,
5/9), Vorzillo ne, Maresca 5 (1/2,
1/2), Infante 2 (0/2), Gallea ne, Dixon
16 (4/9, 2/5), Diawara 9 (2/6, 1/4),
Giovacchini, Bavcic (0/3, 0/1). All:
Perdichizzi.
VANOLI CREMONA: Rowland 16 (7/8,
0/2), Zampolli ne, Conti ne, Sekulic
2 (0/1, 0/1), Formenti (0/3 da tre),
D'Ercole 5 (2/2, 0/2), Perkovic 8
(2/5, 0/3), Milic 20 (7/12), Lottici ne,
Foster 5 (0/3, 1/4), Zacchetti (0/1),
Drozdov 15 (6/7, 1/3). All: Mahoric.
ARBITRI: Lo Guzzo, Tola e Lanzarini.
Matteo Formenti,
ex di turno
di Federica Ermete
ggi pi che mai fermar-
si e ritrovare, anche
solo per un paio dore,
spensieratezza e sere-
nit, risulta indispensa-
bile. Su questa riflessione si
concentrato il lavoro di Teatro del
Viale per la messa a punto della
stagione teatrale Sifasera 2012-
2013. LXI edizione di Sifasera,
promossa da Teatro del Viale con
la collaborazione e il patrocinio
dei Comuni di Soresina, Castelle-
one, Madignano e Orzinuovi; il
sostegno degli sponsor privati e il
patrocinio della Provincia di Cre-
mona, composta da un cartel-
lone serale sulle quattro piazze e
da due rassegne collaterali:
Aperitivi in musica e Merenda
a teatro. La stagione di questan-
no si presenta maggiormente ric-
ca e significativa. Gli organizzato-
ri hanno spiegato: Privilegiando
un modo di rappresentare la real-
t e le sue molteplici sfaccettatu-
re mai banale e leggero, semmai
ironico... vogliamo accendere i
vostri sguardi, ma non di quelle
risate che si spengono al calare
del sipario. Lintento quello di
farvi portare a casa quella gioia
ritrovata, quella serenit, quella
riflessione serena che il teatro sa
stimolare. Il cartellone prevede
unequilibrata alternanza tra dan-
za, prosa, cabaret, operetta e
musical; nonch un susseguirsi di
grandi nomi del panorama artisti-
co. Si parte con unanteprima
nazionale (3 novembre) di cui
Gioele Dix autore e protagoni-
sta; si prosegue poi con uno
spettacolo mozzafiato dei perfor-
mers volanti della compagnia So-
nics (10-11), mentre il celebra
Raffaele Paganini racconter sul-
le punte La vera storia di Zorba
il Greco (26-1). La prosa prevede
classici come Chi ha ucciso
Oscar Wilde? (29-11) e La Lo-
candiera (22-12) e opere pi at-
tuali: C come Chanel con Mile-
na Vukotic (22-2) e Vengo a
prenderti stasera con Nini Saler-
no e Mauro Di Francesco per la
regia di Diego Abatantuono (8-3).
Risate assicurate, poi, con il Ma-
go Forest (16-12) e il duo Nuzzo
e Di Biase (15-2). Il 20 gennaio
la volta del grande classico Il pa-
ese dei campanelli, mentre il 22
marzo Manuel Frattini porta in
scena Sindrome da musical; la
rassegna chiude con La notte
del Bel Canto (19-5).
O
Sifasera presenta una stagione
variegata con grandi personaggi
Il prossimo 26 novembre alle 21, al Teatro Ponchielli avr luogo
il concerto di Malika Ayane, durante il quale la giovane e talentuosa
artista milanese presenter il nuovo album Ricreazione. Levento
molto atteso; ci confermato dal fatto che il nuovo disco di inedi-
ti di Malika Ayane, Ricreazione (pubblicato da Sugar) , ad oggi,
lalbum pi venduto su iTunes e Tre cose (il primo singolo estrat-
to dallalbum) il brano pi trasmesso dalle radio. Ricreazione il
primo disco di Malika Ayane da produttrice artistica; con lei hanno
collaborato Paolo Conte, Pacifico, Tricarico, Boosta, The Niro, Paolo
Buonvino e altri autori. Il disco vanta inoltre un brano inedito (parte
musicale) di Sergio Endrigo. Anche in un periodo economicamen-
te complicato e denso di sacrifici per i cittadini e lamministrazione,
lassessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Cremona ed il
Centro Musica Il Cascinetto hanno rinnovato, anche per il 2012,
lappuntamento autunnale in collaborazione con il Ponchielli, inau-
gurato lanno scorso dallesibizione sold-out dei Subsonica. I biglietti
per levento sono gi in vendita su www.vivaticket.it, su www.ticke-
tone.it e presso la biglietteria del Teatro Ponchielli. Per informazio-
ni: 0372-435701 (dal luned al venerd dalle 14.30 alle 19.30) - www.
centromusicacremona.it - centro.musica@centromusicacremona.it o
0372-407753 - ufficiogiovani@comune.cremona.it
C grande attesa
per Malika Ayane
&
Cultura Spettacoli
Domenica 14 ottobre alle 17, presso lAuditorium
dellex Filanda di Soncino, viene inaugurata la ras-
segna I concerti spiegati. Il violoncellista Marco
Ravasio suona e racconta. In Melodie celebri
da Bach ai giorni nostri, il Quartetto Amadeus
Ensemble (Cristiano Bassoricci, Veronica Moruzzi,
Paolo Tezzon e Marco Ravasio) esegue musiche di
Bach, Boccherini, Gershwin, Piazzolla e Beatles,
per raccontare la storia della musica attraverso vir-
tuosismo, ricerca e gustosi aneddoti.
Domenica
I concerti
spiegati
Nini Salerno e Mauro Di Francesco
Gli spettacoli sono in programma in quattro teatri
Il nuovo concorso per illustratori di
Tapirulan s fatto attendere come un buf-
fet... E il momento pi atteso dopo sopori-
feri convegni, altolocati vernissage o case-
recce presentazioni; alla fine c sempre
lagognato buffet! Chi non ha mai vissuto
come un meritato sollievo larrivo del buf-
fet o ha sgomitato per afferrare l'ultima tar-
tina? In questa 8 edizione del concorso si
pu partecipare con una sola opera qua-
drata sul tema Buffet, che dovr perve-
nire entro il 12 ottobre. Il primo premio
di 2mila euro e ad assegnarlo sar la giuria
presieduta da Federico Maggioni, che avr
altres il compito di selezionare i 12 autori
da pubblicare sul Calendario 2013 e i 40 da
pubblicare sul catalogo e da esporre nella
prossima mostra di Cremona.
Buffet, concorso al Tapirulan
E riservato agli illustratori interessati, che possono proporre una sola opera
Fino al 13 ottobre alle-
stita, presso Palazzo Fodri,
la mostra Palazzo Fodri. Dai
Fodri alla fondazione Citt di
Cremona: una storia intensa
e plurisecolare. In occasione
delle Giornate europee del
patrimonio, la Fondazione
Citt di Cremona riapre, dopo
molti anni, Palazzo Fodri e
lo riconsegna alla comunit
cremonese.
LArchivio di Stato di
Cremona, Fondazione Citt
di Cremona con la collabo-
razione di Archivio Storico
Gruppo Intesa San Paolo,
hanno organizzato questa
mostra documentaria che
ripercorre le vicende storico-
architettoniche di questo
importante palazzo, sia come
abitazione della famiglia Fodri,
ma soprattutto il suo utilizzo
come sede del Monte di Piet
e poi della Sezione Credito
dello stesso ente.
Mostra sulla storia di Palazzo Fodri
Linteressante esposizione si pu visitare fino a sabato 13 ottobre
Fino al 20 ottobre le sale di Immagini, Spazio, Arte
(in via Beltrami) ospitano Fra tormento e disgregazio-
ne, collettiva darte contemporanea in cui i cavalli sono
protagonisti indiretti. La collettiva si apre con le opere del
torinese Bruno Billa che usa il cavallo per comunica-
re le sue sensazioni pi profonde; il modenese Giuliano
Galeotti presenta, invece, due sculture che ripropongo-
no le difficolt che luomo incontra nella vita quotidiana;
carattere decisamente surreale poi quello del cavallo
dipinto dal cuneese Mario Menardi. Con Anna Paluan,
artista attiva a Carpi, la passione per i cavalli esplode in
tutta la sua evidenza; la collettiva si chiude con le opere
del milanese Giorgio Campolunghi, nella cui lunga car-
riera ha descritto cani e cavalli con dovizia di particolari.
Cavalli protagonisti fino al 20 ottobre
di Martina Pugno
erata dedicata all'heavy metal sabato al
Fillmore di Cortemaggiore, con l'unica
data in programma nel Nord Italia degli
svedesi Arch Enemy. In tour per presenta-
re il pi recente album, Khaos Legion,
pubblicato nel 2011, la band calcher il palco per
una serata interamente dedicata al genere musi-
cale, con altri ospiti internazionali ad aprire lo
show: Cadaveria, Logical Terror, Stormcrow, Hel-
lstorm. Il costo del biglietto d'ingresso di 25 euro
pi prevendita, oppure 30 euro in cassa diretta-
mente la sera del concerto. L'apertura cancelli
prevista per le 17.
Gli Arch Enemy vennero concepiti da Michael
Amott, originariamente creati dalle ceneri della
band death metal/grindcore Carcass. Michael, in-
sieme al fratello minore Christopher (entrambi alla
chitarra), vennero raggiunti dal cantante Johan Lii-
va e dal batterista Daniel Erlandsson. Il primo di-
sco, intitolato Black Earth, venne pubblicato dalla
ora defunta Wrong Again Records nel 1996. Il disco
riscosse un buon successo in Giappone ed in Eu-
ropa. Il gruppo era per poco pi che un progetto
solista per Michael Amott, che scrisse tutte le can-
zoni e incise anche le parti di basso, anche se nelle
note del libretto era scritto che le parti di basso
erano suonate da Johan Liiva. Fu lo stesso Michael
Amott a rivelare in seguito che l'unico motivo era
quello di non far sembrare gli Arch Enemy il suo
gruppo. Secondo molti, questa prima opera rimane
la pi aggressiva e, qualitativamente, migliore
dell'intera discografia del gruppo. L'affermazione
della ban a livello internazionale prosegue anche
con i lavori successivi. Dopo l'uscita di Black Earth
il gruppo cambi etichetta, firmando un contratto
con la Century Media. Nel 1998 venne pubblicato il
secondo disco, Stigmata, in cui entrarono a far
parte della band il bassista Martin Bengtsson ed il
batterista Peter Wildoer. Nel 1999 Sharlee D'Angelo
divenne il nuovo bassista e Daniel Erlandsson venne
reclutato per la seconda volta. Venne pubblicato
l'album Burning Bridges, che segna una svolta pi
melodica nella carriera della formazione. Nel 2001
venne chiesto a Johan Liiva di lasciare la band. Mi-
chael Amott cominci la ricerca di un frontman "pi
dinamico", poich deluso dalla partecipazione di Lii-
va nei concerti: viene sostituito dalla giornalista e
cantante Angela Gossow, con cui pubblicano i suc-
cessivi sei album in studio, che confermano la band
come una delle pi significative del settore.
Si intitola "Eugenio Finardi in jazz"
il doppio appuntamento di venerd e
sabato sera al Blue Note di Milano
che vede protagonista il musicista in
compagnia di Raffaele Casarano e
del Locomotive Quintet. Questa con
il quintetto di Raffaele Casarano la
prima volta che Eugenio accetta di
rielaborare il proprio repertorio in
chiave prettamente jazz. I suoi brani
pi conosciuti si sviluppano cos in
inaspettate soluzioni timbriche ed
armoniche, impreziosite dalle im-
provvisazioni di Raffaele Casarano,
Mirko Signorile, Marcello Nisi, Marco
Bardoscia e Alessandro Monteduro,
talenti emergenti del jazz italiano dal
sicuro avvenire. Nel nuovo millennio
Finardi ha ampliato i suoi orizzonti,
musicali e non, cimentandosi col Fa-
do portoghese, con la musica sacra,
il Blues e persino con la classica
contemporanea, fino ad approdare
addirittura, per ben due volte al Tea-
tro alla Scala. Con queste molteplici
esperienze Eugenio sembra aver
raggiunto la piena maturit e la sicu-
rezza interpretativa che gli consente
di cimentarsi con leggerezza e rigore
nelle pi diverse avventure musicali,
come questa con il quintetto di Raf-
faele Casarano. Incontratisi nellesta-
te 2012 per una splendida serata al
Locomotive Jazz Festival in Salento,
in soli due giorni di prove sono riusci-
ti a trovare un affiatamento sorpren-
dente, che ha permesso di sviluppa-
re vere e proprie rielaborazioni dei
brani di Finardi e di confrontarsi con
standard come Fever, Summerti-
me e Speak Low sviluppando un
concerto completo, vario e intrigan-
te. I concerti avranno inizio alle 21, il
costo del biglietto di 22 euro in
prevendita, 27 in cassa.
Salva la scena
con gli Orange
S
Sabato sera la band svedese sar in concerto al Fillmore Club di Cortemaggiore
Arch Enemy, unico live nel Nord Italia
Eugenio Finardi in tinte jazz al Blue Note
Sabato sera al Bloom di Mezzago
prender il via il primo degli appunta-
menti con Salva la scena, che prose-
guir con cadenza regolare. Si inizia
con ospiti di grande interesse: gli
Orange, formazione di Francesco
Mandelli ed Enrico Buttafuoco, per la
prima volta sul palco del Bloom. Nati
come cover band degli Oasis, gli
Orange hanno presto sviluppato un
repertorio originale, con riff sporchi e
ritmi sostenuti che faranno scatenare i
fan del Bloom. Sul palco, in apertura, i
Doc Brown; in seguito ai concerti la
serata proseguir con il Salva la scena
dj set. L'apertura porte avverr alle 22,
mentre i concerti prenderanno il via
alle 22.30. L'ingresso a 5 euro.
Afterhour
Mercoled 10 Ottobre 2012
15
BLOOM - MEZZAGO
Luciano un pescivendolo na-
poletano che vive in un palazzo
fatiscente con la moglie e i figli
avendo come coinquilini nume-
rosi parent. Per integrare i suoi
scarsi guadagni si arrangia fa-
cendo piccole truffe insieme alla
moglie Maria. Grazie a una natu-
rale simpatia, Luciano non perde
occasione per esibirsi davanti ai
clienti della pescheria e ai nume-
rosi parenti. Un giorno, spinto dai
familiari, partecipa a un provino
per entrare nel Grande Fratello.
Da quel momento la sua perce-
zione della realt non sar pi la
stessa. Prima di impegnarmi in
'Reality ero completamente
vampirizzato da Gomorra e
sta-vo quasi per diventare un
megalomane, ha commentato
Matteo Garrone riguardo al con-
fronto con la precedente pellico-
Reality, non c vita oltre la televisione
Dal regista di Gomorra un nuovo quadro della realt italiana
Regia: Matteo Garrone
Durata: 115 minuti
Cast: Claudia Gerini,
Paola Minaccioni, Nando Paone,
Ciro Petrone, Aniello Arena,
Nunzia Schiano,
Loredana Simioli,
Angelica Borghese,
Raffaele Ferrante,
Carlo Del Sorbo,
Giuseppina Cervizzi
CINEMA Programmazione settimanale
CREMONA
Spaziocinema Cremonapo
(0372-803674)
www.spaziocinema.info
L'era glaciale 4 - 2D/3D
Ted
Step Up Revolution 3D
Resident Evil: Retribution
Reality
Il rosso e il blu
All'ultima spiaggia
Magic Mike
Chaplin (0372-453005)
Un sapore di ruggine e ossa
PIEVE FISSIRAGA
Cinelandia
(0371-237012)
www.cinelandia.it
All'ultima spiaggia
L'era glaciale 4
Magic Mike
Ted
Resident Evil. Retribution
Step Up 4. Revolution
CREMA
Porta Nova (0373-218411)
www.multisalaportanova.it
L'era glaciale 4:
Continenti alla deriva
Total recall
On the road
Paranorman
Step Up 4
Ted
Cineforum: Padroni di casa
Un giorno speciale
L'indie pop dei Le man avec les lunettes fa
tappa sabato sera al Carmen Town di Brescia,
dove la formazione presenter dal vivo i brani
del pi recente album, "Sparkles", pubblicato lo
scorso anno, che ha segnato una ulteriorie con-
ferma del successo della band in attivit dal
2004. Con diversi cambi di formazione e una
lunga discografia ed attivit live alle spalle, la
band rimasta sempre fedele alla dolcezza e
all'orecchiabilit delle melodie pop che costitu-
iscono ingrediente fondamentale nella loro mu-
sica. Sempre pi seguita in Italia, la band si
affermata anche all'estero, concludendo recen-
temente un tour nell'est Europa, che verr do-
cumentato in una prossima pubblicazione.
Fotografie dItalia
firmate 99 Posse
Il 2011 lanno del ritorno effettivo dei 99
Posse, che calcheranno il palco del Live Club
di Trezzo d'Adda venerd sera. E un ritorno
che riprende il filo di un discorso interrotto un
decennio fa e lo riprende con nuove argomen-
tazioni, nuove fotografie di quest'Italia sempre
meno 'fotogenica'. La loro una voce unica in
Italia, lucida, radicale e underground, nata nel-
la culla del primo rap italiano ma che oggi
spicca per la singolarit del punto di vista. Il
loro linguaggio, sempre molto acceso, suona
persino pi affilato e diretto di prima, certa-
mente pi maturo. Le tematiche restano le
stesse: l'ingiustizia, la repressione la libert;
temi che sono forse persino pi attuali oggi di
allora e certamente pi urgenti. Prima e dopo il
concerto calcheranno il palco gli Sweet Life
Society, accompagnati da una sessione di fiati.
Per segnalarci eventi o concerti
scriveteci o inviateci un link allindirizzo
appuntamenti@ilpiccologiornale.it
TREZZO D'ADDA
Le man avec les lunettes
BRESCIA
Questa rubrica rappresenta un luogo d'incontro a
disposizione dei nostri lettori, nato per rispondere a
dubbi e quesiti in materia di diritti previdenziali e assi-
stenziali.Le lettere rivolte al Patronato Epaca possono
essere indirizzate alla nostra redazione, per posta o via
e-mail, oppure direttamente al Patronato Epaca (epaca.
cr@coldiretti.it).
Egregio Responsabile Patronato Epaca,
desidererei sapere se la somma aggiuntiva spet-
ta a tutti i titolari di pensione, oppure se vi sono
pensioni che sono escluse dal beneficio. La ringra-
zio per la Sua risposta.
Effettivamente, vi sono categorie di pensioni che non
beneficiano della somma aggiuntiva o quattordicesima
mensilit. Essa infatti non spetta:
1. Sulle pensioni di categoria: Invciv, Ps, As, Vobis,
Iobis, Vmp, Imp, Vocred, Vocop, Voesa, Vosped, Io-
sped, Sosped, Incom, Cobanc, Iobanc, Sobanc, Fondo
Clero;
2. Sulle pensioni interessate da sostituzione Stato o
rivalsa Enti locali;
3. sui trattamenti ai lavoratori extracomunitari rimpa-
triati;
4. Sulle pensioni ex Sportass;
5. Sulle pensioni per le quali non era stato corrispo-
sto a seguito di segnalazione da parte delle sedi Inps,
nei casi dei soggetti che avessero dichiarato diretta-
mente allInps di non aver diritto alla somma aggiuntiva,
per superamento del limite di reddito. Nei casi di pen-
sionato titolare di sola pensione ai superstiti, la contri-
buzione complessiva deve essere computata in ragione
dellaliquota di reversibilit riconosciuta dallordina-
mento per la determinazione del trattamento pensioni-
stico.
In base alla legge n. 111/2011, per le pensioni di
reversibilit liquidate a decorrere dal 1 gennaio 2012,
laliquota da applicare ridotta, qualora il dante causa
abbia unet superiore a 70 anni al momento del matri-
monio e la differenza di et con il coniuge superstite sia
maggiore di venti anni e a condizione che non vi siano
altri contitolari.
DALLA PARTE
DEI CITTADINI
di Damiano Talamazzini
Responsabile Provinciale Patronato Epaca
Pensioni, a chi spetta
la quattordicesima
Unoccasione importante per tornare a credere nella missione
italiana nel mondo, solidale e nonviolenta. Il presidente delle Acli
Andrea Olivero commenta da Milano lapertura del Forum sulla co-
operazione internazionale ("Muovi l'Italia, cambia il mondo"), pro-
mosso dal ministro Andrea Riccardi. Le Acli hanno partecipato atti-
vamente al percorso preparatorio di questappuntamento, contri-
buendo ai gruppi di lavoro tematici e promuovendo una serie di in-
contri di approfondimento a Roma, Torino e Milano. Il presidente
Olivero intervenuto come moderatore del gruppo sulla Coopera-
zione popolare e il coinvolgimento dei cittadini, mentre la presiden-
te della ong Ipsia Acli, Paola Villa, ha partecipato al confronto sulle
Priorit globali, dimensione multilaterale, Europa.
Insieme ai promotori della campagna ZeroZeroCinque, le Acli
hanno accolto con soddisfazione la raccomandazione emersa dal
documento preparatorio del Forum, che chiede che venga final-
mente introdotta, a partire dallEuropa, la Tassa sulle Transazioni
Finanziarie (TTF), impegnandosi a destinare alla cooperazione inter-
nazionale almeno il 50% del gettito raccolto. Quello del finanzia-
mento resta un tema cruciale. Per le Acli, la presenza di un aiuto
pubblico finalizzato allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani e alla
pace rimane indispensabile. Il mondo delle imprese va coinvolto
maggiormente, ma con tutte le attenzioni necessarie al rispetto dei
lavoratori, al possesso della terra e allutilizzo delle risorse, affidan-
do al pubblico il ruolo di governo e di controllo.
www.aclicremona.it
Forum sulla cooperazione internazionale
Razionalizzare. Le Poste
Italiane razionalizzano. Licen-
ziare 1756 persone (calcolo
della CGIL) in tutta Italia in
presenza di attivo record. Si-
curamente riorganizzare per
gestire meglio i servizi offerti
legittimo ed anche auspica-
bile, eliminare quasi duemila
persone affidandole a cassa
integrazione, mobilit, inden-
nit di disoccupazione quindi
facendone ricadere il costo
sulla collettivit no.
Beninteso, gli ammortizza-
tori sociali devono esserci,
ma quando unazienda risulta
avere degli utili record e de-
scrive essa stessa di gran
lunga al primo posto al mon-
do per redditivit nel confron-
to con i principali operatori
internazionali, c quanto-
meno da chiarire questa ne-
cessit snellimento. Stiamo
parlando dei lavoratori degli
appalti postali, ossia quelli
che per conto delle Poste Ita-
liane consegnano la corri-
spondenza nelle nostre case.
Non sono dipendenti delle
Poste, ma di aziende esterne
cui le Poste affidano questo
servizio in appalto. Ricordia-
moci che Poste Italiane
unazienda a partecipazione
statale: sarebbe auspicabile
che valutazioni pi comples-
sive che riguardano il bene
dellintera collettivit fossero
di casa nel l a di r i genza
dellazienda.
E veramente difficile da di-
gerire che unazienda (para)
statale in un periodo di crisi
getti 2000 persone per stra-
da.
Stefano Zurpa
PRECARIARE
STANCA
Razionalizzazioni e licenziamenti
A cura di Nidl - Cgil
La Nidl Cgil si trova in via Mantova 25 Cremona tel 0372 448608
e-mail: nidilcremona@cgil.lombardia.it
www.welfarecremonanetwork.it - Gian Carlo Storti - storti@welfareitalia.it
RIFORMA DEL LAVORO. CONTRATTO A PROGETTO: QUANDO RAPPORTO SUBORDINATO?
Si considera rapporto di lavoro subordinato sin dalla data della sua costituzione, il contratto a progetto
quando lattivit del collaboratore svolta con modalit analoghe a quella svolta dai lavoratori dipendenti
dellimpresa committente, fatte salve le prestazioni di elevata professionalit che possono essere indivi-
duate dai contratti collettivi.
Si tratta di una presunzione relativa, visto che il committente potr fornire prova contraria. Partita Iva
come collaborazione continuativa
Le collaborazioni coordinate e continuative rese da titolari con partita Iva quando:
la collaborazione abbia una durata complessivamente superiore a otto mesi nellarco dellanno solare;
il corrispettivo derivante da tale collaborazione, anche se fatturato a pi soggetti riconducibili al me-
desimo centro dimputazione di interessi, costituisca pi del 80 per cento dei corrispettivi complessiva-
mente percepiti dal collaboratore nellarco dello stesso anno solare;
il collaboratore disponga di una postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente.
Lo scopo di questo articolo
istruire il consumatore in
caso di danni provocati a se-
guito di errato lavaggio o di
smarrimento del capo.
Innanzitutto, per evitare
eventuali motivi di contesta-
zione, opportuno indicare
alla lavanderia eventuali mac-
chie presenti sul capo ed in-
formarsi se viene assicurata la
l oro ri mozi one. Se non
esposto all'interno della la-
vanderia un prezziario ineren-
te alla pulitura dei vari capi,
consigliabile informarsi antici-
patamente circa l'importo che
si dovr corrispondere per la
prestazione.
Prendiamo come esempio
il caso di un consumatore che
ritira dalla lavanderia il proprio
capo, e una volta giunto a ca-
sa scopre che il capo risulta
essere danneggiato,scolorito
o infeltrito. In tal caso il con-
sumatore ha 8 giorni per chie-
dere alla tintioria, a mezzo di
raccomandata a.r., il risarci-
mento dei danni patiti, descri-
vendo gli stessi in modo det-
tagliato, ed allegando even-
tualmente lo scontrino d'ac-
quisto. La tintoria, per non ri-
spondere del danno, deve di-
mostrare che l'etichetta pre-
sente sul capo, indichi una
composizione del tessuto di-
versa da quella effettiva.
La tintoria risponde anche
degli smarrimenti dei capi
consegnati dal cliente, in
quanto custode degli stessi ai
sensi degli artt. 1766 c.c. s.s..
Anche in tal caso il consu-
matore che lamenti uno smar-
rimento dovr inviare una rac-
comandata a.r. alla tintoria
dove chieder il risarcimento
dei danni, allegando in copia
la ricevuta di consegna rila-
sciata dalla tintoria.
Alessandro De Nittis
Luca Curatti
LA TINTORIA:
COME
TUTELARSI
Assoutenti delegazione
di Cremona (tel. 328-1547751)
viaTrecchi 25 e-mail:
assoutenticremona@libero.it
Fido, ti presento baby
La nascita di un bambino pu causare un
forte stress nei nostri amici a quattro zam-
pe. Quello che noi umani consideriamo un
lieto evento pu generare sentimenti di smarrimento e
incomprensione nel cane di casa. Ci accade perch
linserimento di un nuovo membro nel branco-famiglia
va spesso a sconvolgere quella routine di abitudini che
il cane aveva ormai interiorizzato. Non solo, un beb
porta con s nuovi odori e nuovi suoni a cui il nostro
peloso non abituato. Inoltre, se prima il cane riceveva
affetto e attenzioni, ora si sente un po messo da parte
dal nuovo arrivato. Tutto questo pu sconvolgere a tal
punto il cane da spingerlo ad atti estremi. Purtroppo
non raro che un cane di famiglia allimprovviso e in-
spiegabilmente morsichi il beb. Per evitare che ci
accada bisogna innanzitutto pianificare in anticipo la
situazione che verr a crearsi dopo la nascita del bam-
bino, dopodich bisogner mantenere una corretta
gestione e sforzarsi di continuare a rispondere ai biso-
gni del cane e non solo a quelli del bambino. La nascita
di un figlio, infatti, non deve mai farci dimenticare che
anche il cane fa parte del nucleo famigliare e ha dei bi-
sogni non solo fisici ma anche socio-affettivi. Dovremo
quindi preparare la situazione in anticipo e fare in modo
che il nostro quattro zampe avverta un cambiamento
positivo e non negativo. Per fare ci bisogner proce-
dere gradatamente [continua].
Elisa Giudici eli.giudici@yahoo.it
Gli uffici Epaca:
CREMONA - Via D. Ruffini, 28 (Tel. 0372.732930);
via Ala Ponzone, 8 (Tel. 0372/499811).
CREMA Via Macello, 34 (0373/732900);
CASALMAGGIORE Via Cairoli, 3 (0372.732960);
SORESINA Via Matteotti, 12 (0372.732990).
Rubriche Mercoled 10 Ottobre 2012
16
La Vostra copia GRATUITA de la trovate QUI
Spazio comune Piazza Stradivari Cremona
Acli Via S. Antonio del Fuoco 9/A Cremona
La Cafetera C.So V. Emanuele 14 Cremona
Caffe Del Corso C.So V. Emanuele 84 Cremona
Bar Supermoka Corso Campi 39 Cremona
Bar Aurora C.so Garibaldi 228 Cremona
Bar Cittanova Corso Garibaldi 114 Cremona
Bar Garibaldi Corso Garibaldi 219 Cremona
Osteria Garibaldi Caffe Corso Garibaldi 38 Cremona
Dimeglio Corso Garibaldi 85 Cremona
Dall'Ara Sara Via S. Barbara 19 Cremona
Ospedale Portineria Ospedale Cremona
Unione Consumatori Piazza San Michele 2 Cremona
Caffe Porta Romana Piazza IV Novembre 17 Cremona
Banca Del Monte Piazza Cadorna 1 Cremona
INPS Piazza Cadorna 17 Cremona
Comune Di Cremona Piazza Del Comune Cremona
Rio Bar Piazza Della Pace 2 Cremona
Bar Fiume Piazza Fiume 6 Cremona
Dimeglio Piazza Marconi 15/A Cremona
Banca Di Roma Piazza Roma 20 Cremona
Parrucchiere Bertoletti Piazza Roma 29 Cremona
Bar Stradivari Piazza Roma 7/B Cremona
Il Planetario Viaggi Piazza Stradivari 17 Cremona
Banca Popolare Viale Po 83 Cremona
Bar Oasi Via Bergamo 221 Cremona
Distributore Esso Via Bergamo 91 Cremona
Pit Stop -Distributore ENI Via Bergamo 47 Cremona
Dimeglio Via Boschetto 93 Cremona
Bar Da Walter Via Brescia 128 Cremona
Distributore Agip Via Brescia 219 Cremona
Caserma Col Di Lana Via Brescia 189 Cremona
Bar Stella Via Brescia 27 Cremona
Sapore Di Mare Via Cappuccini 8 Cremona
Da Pietro Via Castelleone 29/A Cremona
Panetteria Galbignani Via Castelleone Cremona
Italmark Via Dante 102 Cremona
Teatro Monteverdi Via Dante 149 Cremona
Bar Lancia Via Dante 185 Cremona
Bar San Giorgio Via Dante 2 Cremona
Fotoline Via Dante 31 Cremona
Re Mida Via Dante 87 Cremona
Pane, dolci e caff Via Del Giordano 133 Cremona
Sister Caffe Via Del Giordano 65 Cremona
Angolo Del Gusto Piazza Risorgimento 30 Cremona
Farmacia Leggeri Via F. Filzi 40/E Cremona
Bar le torri Via F. Filzi Cremona
Oggi Pizza Via Ghinaglia 94 Cremona
Torrione Cafe Via Ghinaglia 104 Cremona
Dico Via Ghinaglia 49 Cremona
Caffeghisleri Esselunga Via Ghisleri 46 Cremona
Tango Bar Via Ghisleri 53/A Cremona
Pasticceria Caffe Betti Via Giuseppina 11/B Cremona
Crai Via Giuseppina 11/B Cremona
Bonseri Fornaio Via Giuseppina 27 Cremona
Bar I 3 Gradini Via Grado 20 Cremona
Dimeglio Via Grado 40 Cremona
Bar - Figlie Di San Camillo Via Lazzari Cremona
Bibi Bar Via Litta 50 Cremona
Farmacia Leggeri Corso Matteotti 20 Cremona
Farmacia Ziliotti Piazza Della Liberta 4 Cremona
Bar Pasticceria S. Remo Piazza Della Libert Cremona
Camera Del Lavoro Via Mantova 25 Cremona
Bet Fish Via Mantova 39 Cremona
Bottega Del Gusto Via Mantova 133 Cremona
Panificio Usberti Via Mantova 101 Cremona
Agip Cafe Via Mantova 141/B Cremona
Gio Bar Via Mantova 81 Cremona
Associazione Commercianti Via Manzoni 2 Cremona
Montecarlo - Slot Machine Via Massarotti 15 Cremona
Caffe Parking Via Massarotti 19/A Cremona
Bar Roma Via Mazzini 7 Cremona
Bar Mincio Via Mincio 2 Cremona
Bar Il Cantuccio Via Mincio 34 Cremona
Edicola Via Nino Bixio 20 Cremona
Caffe Boldori Via Nino Bixio 8 Cremona
Panetteria Patty Via Buoso da Dovara 6 Cremona
Fitness Time Via Eridano 15 Cremona
Panetteria Quarantani Via Platina 34 Cremona
Bar Gallo Via Rosario 49 Cremona
Smeg Via Ruffini 6 Cremona
Centro Sportivo Sanzeno Via San Zeno 53 Cremona
Coffee Time Via Solferino 9 Cremona
Q.In Via XI Febbraio 64 Cremona
Forneria Pan&Piu Via XX Settembre 32/A Cremona
La citt del Sole Via XX Settembre 5/A Cremona
Bar Dragone Via Vittori 2 Cremona
Distributore Agip Viale Po 139 Cremona
Non Solo Piada Viale Po 68 Cremona
Uil sindacato Viale Trento Trieste 27/B Cremona
Bar Zanzibar Viale Trento Trieste 36 Cremona
A.E.M. Viale Trento Trieste 38 Cremona
Cisl sindacato Viale Trento Trieste 54 Cremona
Fattorie del gusto Via Massarotti 46/D Cremona
Tabacchi Piazza Migliavacca 6 Cremona
Universita Cattolica Via Milano 24 Cremona
Politecnico Di Milano Via Sesto 39 Cremona
Il Beccofino Via F.Soldi 2 Cremona
Cremona Po Piano 2 Musetti Caffe Cremona
Bar Greco Corso Campi 5 Cremona
Linea Junior Via Mercatello 4 Cremona
Seven Caff Via Bella Rocca Cremona
Latteria Plac Corso Vittorio Emanuele Cremona
Politiche Educative Via Vecchio Passeggio 1 Cremona
Farmacia Zamboni Via Oglio 5 Cremona
Noemi Via Aporti 43 Cremona
Panetteria Tosi Via Aselli 29 Cremona
Bar Smile Via Cadore Cremona
Macalli Corso Vittorio Emanuele 43 Cremona
Medic Center Via Giuseppina 21 Cremona
Pane E Amore Via Tonani 24 Cremona
Caffe Noir Via Boschetto Cremona
Bar Tabacchi Battaglione
Edicola Ortenilla Bonemerse
Edicola Compiani Cremona Due Gadesco
Panetteria Merlini Via Cesare Battisti 47/B Gadesco
Panetteria Merlini Via San Savino 17 - San Savino
Farmacia Leggeri Persichello
Tabaccheria Piazza Garibaldi Pescarolo
Immobiliare B&G Piazza Roma 8 Vescovato
Osteria del Mento Bosco Ex Parmigiano
Palabosco Bosco Ex Parmigiano
Bar caffetteria Les Pailles Via Marconi 27 Pizzighettone
Farmacia Bonfanti Largo Vittoria Pizzighettone
Bar Guru Via Matteotti 5 Soresina
Ottica Ravanelli Piazza Garibaldi Soresina
Bar Ghinaglia Sospiro
Cremo, la svolta stenta ad arrivare
vanti a singhiozzi. Questo sem-
bra essere il destino della
Cremonese formato 2012-2013.
Un film gi visto, gi sperimen-
tato e soprattutto gi disprezza-
to, che anche questanno sembra ripropor-
si inesorabile. Il pareggio in casa del mode-
sto Cuneo, il secondo consecutivo della
gestione Scienza, non lascia sperare nulla
di buono per il futuro. Prematuro fare bilan-
ci, sacrosanto sia il periodo di transizione
giustamente citato dal nuovo tecnico, sta
di fatto che in due settimane il cambio in
panchina non ha portato nessuna svolta
forte a livello di risultati e punti in classifica.
Intendiamoci, la stagione ancora lunghis-
sima, ma il divario dalle prima posizioni
inizia a farsi consistente e questa
Cremonese non pare obiettivamente in
grado di potersi giocare carte da alta clas-
sifica. Ora non resta che concentrarsi sulla
gara di domenica prossima, in casa contro
il derelitto Treviso (nessuna vittoria allattivo
per il momento), in vista della quale non
ci saranno pi scusanti al mancato rag-
giungimento dei tre punti. E certe tensioni
iniziano ad affiorare, come logico che sia.
Gi alla vigilia della sfida con il Cuneo, i
vertici societari erano piombati allallena-
mento di rifinitura per leggere i precetti
alla squadra, ma evidentemente non ser-
vito per tornare dal Piemonte con i tre punti
in saccoccia. Nella giornata di luned, inol-
tre, attraverso un comunicato ufficiale, la
societ grigiorossa ha anche preso le
distanze dai tifosi abbonati agli insulti al
presidente Macalli, che anche questanno
sono gi costati le prime migliaia di euro di
multa; somme che il club di via Persico non
pi intenzionato a pagare. Un modo, del
tutto legittimo, di allinearsi con le istituzioni,
come ogni societ giusto che faccia,
nellauspicio che le stesse istituzioni fac-
ciano altrettanto, non favorendo ma nem-
meno penalizzandoci sul campo. Naturale,
per contro, la reazione di mezzo subbuglio
dei tifosi, consapevoli tuttavia del fatto che
un presidente come il Cavalier Arvedi resta
una manna del cielo per una categoria
come la C1 e probabilmente non solo La
pazienza per inizia a venir meno, quindi
sar meglio darsi una mossa.
Matteo Volpi
A
Anche a Cuneo i grigiorossi non hanno convinto e la classifica resta deficitaria
ELIMINATO IL FADIGATI
Mercoled 10 Ottobre 2012
17 SPORT
lo
PRIMA DIVISIONE
Carpi-AlbinoLeffe 2-1
Como-Lecce 2-2
Cuneo-Cremonese 1-1
Lumezzane-Feralpi Sal 2-0
San Marino-SudTirol 2-1
Treviso-Portogruaro 0-0
Tritium-Pavia 0-0
Virtus Entella-Reggiana 3-0
Ha riposato: Trapani
Lecce 16
Virtus Entella 13
Carpi 10
Lumezzane 9
Portogruaro 9
Trapani 9
Como 8
SudTirol 7
Reggiana 6
San Marino 6
Pavia 6
Feralpi Sal 6
Cremonese (-1) 6
Cuneo 5
Tritium 2
Treviso (-1) 1
AlbinoLeffe (-10) -3
AlbinoLeffe-San Marino
Cremonese-Treviso
FeralpiSal-Como
Lecce-Virtus Entella
Lumezzane-Trapani
Pavia-Carpi
Portogruaro-Tritium
SudTirol-Cuneo
Riposa: Reggiana
Casalese ancora ko e sempre pi in difficolt
Non basta unora abbondante di gara giocata allaltezza
dellavversario, la Castellana: la Casalese, dopo aver pareg-
giarto liniziale svantaggio, incassa tre gol nella ripresa e fa
lievitare la statistica delle sconfitte (gi tre in cinque partite)
e delle goleade subite. In Lombardia, volo solitario al coman-
do del girone il Casalbuttano, grazie al successo sulla
Paullese. Ok Chieve e Luisiana, ko la Soresinese.
5 GIORNATA Borgonovese-Montecchio 0-0, Brescello-
Bobbiese 1-1, Castellana-Casalese 4-1, Castelnovese-
Povigliese 1-2, Ciano-Fabbrico 2-0, Falk-Arcetana 0-3, Lan-
ghiranese-Meletolese 1-2, Medesanese-Carignano 1-1
Traversetolo-Cadelbosco 2-1. CLASSIFICA Meletolese 13;
Povigliese, Medesanese, Arcetana e Castellana 10; Brescello
9; Montecchio e Castelnovese 8; Carignano, Traversetolo,
Cadelbosco 6; Falk e Borgonovese 5; Langhiranese e Ciano
4; Bobbiese 3; Fabbrico e Casalese 2.
Cominciano a serpeggiare i primi malumori tra i tifosi e la sfida con il Treviso diventa gi molto delicata
Una fase di gioco
della sfida di Cuneo
(foto Ivano Frittoli)
PROMOZIONE
RETI: 19 st Sentinelli (rigore),
39 st Le Noci.
CUNEO: Rossi, Carfora, Doni-
da, Sentinelli, Carretto, Di
Lorenzo, Di Quintio, Cristini,
Fantini (33 st Martini), Lon-
ghi (12 st Lodi), Garavelli (38
st Scaglia). A disposizione:
Negretti, Passer, Arcari, Fer-
rario. All.: Rossi.
CREMONESE: Alfonso, Sales,
Visconti, Buchel, Tedeschi,
Cremonesi, Martinez (18 st
Carlini), Fietta (25 st Dege-
ri), Marotta, Nizzetto (30 st
Sambugaro), Le Noci. A dispo-
sizione: Grillo, Moi, Previtali,
Magallanes. All.: Scienza.
ARBITRO: Dei Giudici di Latina.
NOTE: espulso Carretto. Am-
moniti Rossi, Cristini, Longhi;
Buchel, Carlini, Marotta.
CUNEO-CREMONESE 1-1
Il Sassuolo ora ha preso il largo
Sassuolo sempre pi in fuga, soprattutto
dopo il tracollo casalingo del Livorno (1-5)
contro un ritrovato Spezia.
6 GIORNATA Ascoli-Crotone 2-0, Bari-
Vicenza 1-0, Brescia-Virtus Lanciano 2-0,
Grosseto-Sassuolo 1-2, Livorno-Spezia 1-5,
Modena-Cesena 4-0, Padova-Verona 2-1, Pro
Vercelli-Juve Stabia 1-4, Reggina-Novara 1-0,
Ternana-Cittadella 3-1, Varese-Empoli 2-2.
CLASSIFICA Sassuolo 22; Livorno 16;
Vero-na 15; Spezia, Ternana 13; Varese (-1)
13; Brescia 12; Bari (-7), Modena (-2), Padova
(-2) Cittadella 10; Vicenza, Juve Stabia, Ascoli
(-1) 9; Virtus Lanciano, Cesena 7; Novara (-4),
Pro Vercelli 6; Reggina (-3), Crotone (-2) 5;
Empoli (-1) 3; Grosseto (-6) 1.
6


G
i
o
r
n
a
t
a
C
l
a
s
s
i
f
i
c
a
P
r
o
s
s
i
m
o

T
u
r
n
o
Vettel in rimonta
minaccia Alonso
Mondiale di Formula 1 ria-
perto, con Vettel che torna cla-
morosamente in lizza per un
fantastico tris iridato. In
Giappone la Ferrari ha piazzato
sul podio il pilota sbagliato
(Massa), mentre ha perso
Alonso gi alla prima curva. Ora
lo spagnolo ha solo 4 punti di
vantaggio su Vettel, che prepa-
ra il sorpasso, grazie a una Red
Bull in stato di grazia. Domenica
si torna in pista in Sud Corea e
il Gp gi molto delicato.
SBK Grazie a solo mezzo
punto, Max Biaggi di nuovo
campione del mondo.
La serie A arrivata alla pausa (per il dop-
pio impegno della Nazionale) con una certez-
za: il Milan definitivamente tagliato fuori
dalla lotta per lo scudetto. Non che la cosa
desti scalpore, ma con sette punti in altrettan-
te gare, il tracollo certificato, cos come i 12
punti di distanza dalla vetta. Come salvare la
stagione? Imitando lInter, ovvero giocare da
provinciale, preoccupandosi prima di tutto di
non prenderle, avendo la consapevolezza che
non c pi Ibra a togliere le castagne del
fuoco nei momenti difficili. La lotta per lo scu-
detto riguarda altri e precisamente la coppia
di testa formata da Juve e Napoli, che vincono
anche quando giocano sottotono e questo
conferma lo strapotere di bianconeri e parte-
nopei in questo campionato tecnicamente
modesto. Per fortuna, il calendario propone
alla ripresa il big match di Torino tra la squadra
di Conte e quella di Mazzarri. Non si tratta
certo di una sfida decisiva, ma importante
soprattutto per le velleit del Napoli, che
vuole dimostrare di essere maturo per puntare
al titolo. Il resto noi, come cantava Califano.
Solo la Lazio esprime un bel calcio, con inter-
preti di valore come Hernanes e Klose, tanto
da candidarsi legittimamente per il terzo
posto. Se in vetta la sfida a due, nella zona
bassa della classifica sono almeno dieci le
squadre che si daranno battaglia per non
retrocedere. A parte forse il Pescara, sulla
carta meno attrezzato delle avversarie, tutte le
altre si equivalgono e ipotizzare chi finir in
serie B francamente difficilissimo.
Fabio Varesi
6 GIORNATA Catania-Parma 2-0, Chievo-
Sampdoria 2-1, Fiorentina-Bologna 1-0,
Genoa-Palermo 1-1, Milan-Inter 0-1, Napoli-
Udinese 2-1, Roma-Atalanta 2-0, Siena-
Juventus 1-2, Pescara-Lazio 0-3, Torino-
Cagliari 0-1.
CLASSIFICA Juventus, Napoli 19; Inter,
Lazio 15; Roma, Fiorentina, Catania 11;
Sampdoria (-1) 10; Genoa 9; Torino (-1) 8;
Milan, Bologna, Pescara 7; Udinese, Parma,
Chievo 6; Palermo, Atalanta (-2), Cagliari 5;
Siena (-6) 2.
Dopo la pausa le due regine del campionato si sfidano in una gara gi molto importante
Cresce lattesa per il big match Juve-Napoli
SERIE A
Conte in tribuna
MOTORI
SERIE B
VARESE - La rappresentativa della regione Lombardia,
nello scorso week end, ha conquistato il Trofeo delle
Regioni svoltosi nelle acque della Schiranna di Varese. E'
questa una conferma per il team selezionato da Giovanni
Battista Della Porta, che ha infatti bissato il successo
dello scorso anno. La Lombardia con 145 punti ha pre-
ceduto Toscana e Friuli Venezia Giulia. Alla manifestazio-
ne hanno partecipato tre atleti cremonesi, convocati dal
comitato tecnico regionale: Marcello Caldonazzo della
Baldesio che ha vinto la medaglia doro con lotto tra i
Cadetti, mentre Jonas Vacchelli, anchegli della Bal-
desio, giunto quarto nel quattro di coppia Cadetti.
Carlotta Tamburini (baldesina in prestito alla canottieri
Cernobbio), ha conquistato loro nel quattro di coppia
Ragazzi (con Bianchi, Lib e Valisa). Una magnifica
gara, la loro, nella quale hanno preceduto di sei secondi
la barca del Friuli Venezia Giulia. Una sorta di rivincita,
questa, dopo i recenti campionati italiani di Piediluco,
dove la gara, valevole per il titolo italiano, si concluse
con il risultato opposto. Nella stessa giornata di domeni-
ca si sono svolte anche le gare per la Coppa Italia di
societ, che hanno visto la partecipazione del quattro di
coppia dellEridanea di Marino, Ferrarini, Bortolotti e
Toscani, giunti sesti nella categoria Senior. Terzo posto
e medaglia di bronzo ancora per Carlotta Tamburini nel
quattro di coppia categoria Senior. Per la canottieri Flora
due buoni piazzamenti con Alberti, Bruschi, Corni,
Signore, quinti nella finale del quattro senza e con
Bernio e Feltroni sesti nel due senza femminile. Nella
giornata di sabato si sono disputate le gare finali del
meeting nazionaleAllievi alle quali hanno partecipato i
giovani atleti della Bissolati e dellEridanea. Per la
Bissolati, Andrea Cattaneo ha vinto nel singolo Cadetti.
Quarto posto per Jacopo Bragazzi nel singolo 7,20,
mentre Lorenzo Turini giunto sesto. Per lEridanea,
Luca Grandi giunto secondo nel singolo 7,20 Cadetti.
Negli Allievi C, terzo posto e medaglia di bronzo per
Thomas Ruberti e argento per il doppio Cadetti di Luca
Sanguarini e Mariglen Xhepa. Lorenzo Grandi ha con-
quistato il bronzo nel 7,20 Allievi B2. Intanto il Comitato
Regionale ha diramato le convocazioni per il Tera
(Trophee europeen des regions dAviron), trofeo interna-
zionale che questanno si disputer il 20 e 21 ottobre
sulle acque del Lago di Schiffenen, in Svizzera Romanda.
Gli atleti cremonesi convocati sono: Valentina Rodini e
Selene Gigliobianco della Bissolati, Carlotta Tamburini,
Michele Manzoli, Marco Chiodelli e Ales-sandro
Montaldi della Baldesio.
Marcello Caldonazzo e Carlotta Tamburini vincono con le rappresentative regionali
La Lombardia fa suo il trofeo delle Regioni
CANOTTAGGIO
Carlotta
Tamburini
Marcello
Caldonazzo
l Bisonte San Casciano sor-
prende la Pom Casalmaggiore,
costringendola ad un esordio
di campionato amaro. La for-
mazione toscana ha legittima-
to sul campo quanto di buono fatto
vedere in Coppa Italia e ha sbancato
il PalaFarina in quatto set (26-28,
26-24, 22-25, 22-25 i parziali).
Parlare della prima gara di campio-
nato sempre difficile, figuriamoci
farlo quando si esce sconfitti come
successo a noi -afferma il tecnico
della Pom, Gianfranco Milano - com-
plimenti a San Casciano per come ha
affrontato la gara approfittando dei
nostri evidenti passaggi a vuoto. E
innegabile come le nostre avversarie
abbiano forzato molto la battuta, met-
tendoci in seria difficolt ed abbiano
osato limpossibile in fase dattacco.
Questa predisposizione, unitamente
ad un gran lavoro difensivo, alla fine
stata premiata. Pom ridimensiona-
ta? Difficile parlare di ridimensiona-
mento quando si ha la consapevolez-
za di non aver giocato nemmeno al
cinquanta per cento delle nostre pos-
sibilit, parlerei piuttosto di una lezio-
ne dalla quale trarre importanti inse-
gnamenti in chiave futura. Questo
passo falso non ci abbatte di certo,
ma ci sproner ad essere pi pragma-
tici, a prendere coscienza dei nostri
punti di forza e a sfruttarli a dovere.
Sulla sponda San Casciano, una rag-
giante Floriana Bertone, ex di turno
insieme a Valentina Zago, ha afferma-
to: Sono rimasta attaccata allam-
biente di Casalmaggiore e mi dispia-
ce per i tanti amici che qui ho lascia-
to, in primis per Valentina (Zago),
pazienza vorr dire che le conceder
la rivincita al ritorno. Detto ci, sono
felice per questo successo, anche se
le prime gare mascherano sempre i
reali valori in campo per cui sono
sicura che la Pom potr dimostrare
strada facendo il proprio valore.
SERIE A1 Bella prestazione della
Icos Crema, che battendo la Foppa-
predetti Bergamo nel Memorial
Cogorno (3-1), dimostra di avere le
carte in regola per limminente cam-
pionato si serie A1.
I
Casalmaggiore si espressa sottotono ed stata sorpresa dal San Casciano. Milano: Non un ridimensionamento
Pom, esordio pi difficile del previsto
Assi Manzi, buona la prima. Nello storico esor-
dio in serie A2, le cremonsi hanno battuto nei
minuti finali le sarde del San Salvatore Selargius,
dirette concorrenti nella lotta salvezza. Partenza a
razzo della squadra di coach Anilonti con due tri-
ple di Brusadin e i punti di Smaldone. Tante con-
clusioni consecutive sbagliate per le biancorosse
permettono a Selargius il sorpasso al 9 (9-11), ma
ci pensa Scarsi a segnare 13-11 sulla sirena che
chiude il primo quarto. La stessa Scarsi prota-
gonista nel 2 quarto con 9 punti e 7 rimbalzi, ma
con le sarde che restano in scia con le triple di Di
Gregorio (31-32 al 20). Nemmeno le triple di Bona
e Smaldone nella ripresa consentono alle cremo-
nesi lallungo, Lussu e Yordanova riportano
Selargius sul 45 pari al termine del terzo periodo.
Lottima difesa e due triple di Racchetti sembrano
chiudere il match, ma DArenzo rimette in pista il
Selargius che impatta sul 53 pari al 38. La Manzi
per decisa a portare a casa la prima vittoria e
una tripla di Mist, assieme ai liberi di Bona e
Racchetti chiudono il match sul 61-56. E iniziato
nel migliore dei modi anche il ritorno in A2 della
Tec Mar Crema, che ha batteuto ai supplementari
(79-71) una ottima Mercede Alghero.
Partenza subito positiva
per Assi Manzi e Crema
BASKET A2
Sulle strade di Ossago Lodigiano, nella
prova valida per il titolo provinciale lodigiano
della Federciclo, sono stati assegnati due titoli
rosa: a Nansi El Haddad (Gs Corbellini
Ortofrutta di Crespiatica) nella classe 2003 e
alla talentuosa Lucrezia Francolino (Sc Muzza
75) nella 2001. Ecco i vincitori tra i maschietti:
Giorgio Piazza nella classe 2005, Mattia Chiodo
tra i nati nel 2002 e Paolo Rocco tra i 2000, tutti
e tre del Gs Corbellini. Infine, nellultima gara
stagionale dei giovanissimi a Pieve Fissiraga
(Lodi), trionfano nella classe 2005 Giorgio
Piazza (Gs Corbellini), nella 2004 Daniele
Consolandi, nella 2003 Alessio Zani, nella 2002
il cremasco Mattia Chiodo (Gs Corbellini), nella
2001 Lucrezia Francolino (Sc Muzza 75); e
nella classe 2000 Paolo Rocco, cremasco della
Corbellini. Un vivaio pregevole quello del
patron Giovanni Corbellini, di grande qualit,
ci vorrebbe un pallottoliere per contare le vitto-
rie dei suoi virgulti. Ci sono cicli buoni e quelli
meno buoni nello sport, teniamoli stretti quelli
buoni, facendo crescere gli atleti sulla bici,
sperando che completino il processo di matu-
razione scolastica prima di tutto e poi quella
sportiva, senza affanno, scalando i gradini della
vita prima di diventare campioni.
PEDRETTI SUL PODIO Emozione, lotta e
spettacolo nel Gran Premio Industria & Com-
mercio a Carbonate (Como), nella corsa riserva-
ta alla categoria Allievi, risoltasi allo sprint a
favore del quindicenne Alessio Ferrari
(Caravatese) al suo primo acuto stagionale. Ha
preceduto i compagni davventura Giovanni
Pedretti (CC Cremonese-Arvedi), Paolo Aldri-
ghetti (Sangiulianese), Michael Morandi (Remo
Calzolari Ambrosoli) e Armando Pacello
(Puginatese). Il vincitore ha corso gli 81 km del
percorso alla media di 42,489 km/h.
CICLISMO Il Gs Corbellini fa incetta di vittorie
BOCCE
di Massimo Malfatto
on c stato da annoiarsi
durante le due ore dellas-
semblea generale ed elet-
tiva delle societ boccio-
file affiliate al comitato di
Cremona: questioni stimolanti dove
non sono mancati anche spunti di
polemica. Lassemblea, presieduta da
Bruno Casarini, si svolta presso il
Ferroviario ed ha visto la presenza del
presidente del Coni Achille Cotrufo,
del vice presidente regionale Gian-
carlo Soldi, del presidente cremasco
Franco Stabilini e di Alessandro
Bianchi, candidato alla nuova presi-
denza Fib Lombardia, mentre ha
suscitato perplessit lassenza di rap-
presentanti della amministrazione
comunale e provinciale.
Breve ed essenziale la relazione
morale e tecnica del presidente
Giovanni Piccioni dove non sono man-
cati argomenti di discussione. Il presi-
dente cremonese ha incentrato linte-
resse su due punti fondamentali: il
primo, leffettivo rischio di svolgimento
dei prossimi campionati europei in pro-
gramma nel mese di settembre del
2013 a Cremona e il secondo la convi-
venza con il comitato tecnico di Crema,
dove durante lannata si provato ad
organizzare due gare con sorteggio a
settori e gironi a terzine che per non
hanno avuto lesito sperato. Nella rela-
zione non poteva non mancare lac-
cenno alle notevoli difficolt in cui si
trovano i bocciodromi di Cremona e
Soresina, per quanto riguarda i pesanti
costi di gestione delle strutture: mentre
per limpianto soresinese c limpegno
del Comune ai lavori di separazione
area-bar dai campi di gioco con note-
vole risparmio di riscaldamento, molte
nubi continuano ad addensarsi su
quello cremonese. Si attendono svilup-
pi nei prossimi giorni e se non arrive-
ranno risultati concreti sar a rischio
non solo lattivit invernale, ma la stes-
sa sopravvivenza del bocciodromo:
Metteremo in atto tutte le azioni pos-
sibili -afferma Piccioni- anche le pi
clamorose (raccolta di firme?) per por-
tare a conoscenza della citt questa
pesante situazione. Poi ognuno si
assumer le proprie responsabilit!.
Loccasione pi spensierata della
giornata stata le premiazioni ai vari
giocatori e societ distintisi nella anna-
ta agonistica. Premiati i bocciofili e le
societ prime classificati nelle varie
categorie: Alberto Pedrignani, Eugenio
Molardi, Angelo Rotta, Giuliano
Fattebene e Mattia Visconti, mentre per
le societ targa alla canottieri Bissolati,
Le Querce e Casl Riconoscimenti a
Germana Cantarini, Gianlibero Bocchi,
Filippo Celardo, alla formazione junio-
res di Coppa Italia formata, oltre che da
Celardo e Visconti, anche da Andrea
Ferri e Marco Luccini. Non poteva man-
care un encomio per Benny Spazzoli,
esperto segretario di lunga data.
Lultima parte dellassemblea stata
riservata alle elezioni del nuovo comita-
to per il quadriennio 2013-2016.
Presenti quattordici bocciofile cremo-
nesi: assenti Borgo Loreto, Coop
Castelvetro, Delma, Signorini e Soms.
Il comitato cremasco era presente, con
deleghe, con quindici bocciofile; nes-
sun problema per la rielezione di
Giovanni Piccioni alla guida del nuovo
comitato provinciale con ventidue voti
favorevoli, sei sono state le schede
bianche e una nulla. Cambia quindi la
formazione comitariale con linseri-
mento di Mazzolari, Mosconi, Ripari e
Serena, che faranno squadra con i vari
Clementi, Dilda, Ghirardi, Marchesini.
Escono definitivamente Amarossi,
Bizzarri, Motti, Pedretti e Ronda.
Gioved 11 prevista la prima riunione.
Conclusione piacevole dellas-
semblea con un gradito rinfresco alle-
stito con competenza dalla Vittoria e
finale con brindisi di auguri per un futu-
ro luminoso per il comitato e per lo
sport delle bocce.
N
Gli atleti del Gs Corbellini
La Pom impegnata a muro
Giornata densa di emozioni nella 40
edizione del trofeo Citt di Cremona di
motonautica allestita dalla Mac sul tra-
dizionale circuito Achille Salomoni.
Sono purtroppo mancate allappunta-
mento circa la met delle barche annun-
ciate, il che era prevedibile dato che,
trattandosi dellultima giornata di gare
della stagione, chi si sentiva ormai
tagliato fuori dalla possibilit di arrivare
alla conquista del titolo, ha preferito
restarsene a casa. Ventidue, comunque,
le barche presenti nelle tre categorie
previste. Come da pronostico nella F2
non ci sono state sorprese: ha letteral-
mente sbancato Paolo Zantelli, gi in
testa alla classifica tricolore, primo in
entrambe le manche precedendo Max
Folloni (Boretto Po) nella prima Enrico
Politi della Mac e nella seconda Lorenzo
Grossi. Per il pilota parmense arrivato
cos lennesimo tricolore. Il cremonese
Daniele Ghiraldi si presentato alla par-
tenza della F1000 International nella
posizione di leader della classifica, ma
ha ottenuto solo un 5 ed un 4 posto,
che non gli sono bastati. Nella gradua-
toria finale del campionato italiano
stato superato dal giovane pilota friula-
no Daniele Cargnello, primo in entrambe
le prove. Nella Osy 400 dopo la prima
prova vinta da Diego Bacchiega davanti
a Francesco Troglio della Mac ed al
piacentino Igor Vallisa, nella seconda
allinizio del quarto giro si registrava in
virata a valle una forte collisione tra
Bacchiega e Troglio (al pronto soccorso
cittadino venivano riscontrati per
entrambi pluricontusioni in codice giallo
al fianco ed allo sterno). Manche ripetu-
ta e vittoria di Vallisa davanti a Michele
Gardini e Salvatore Di Pino. Medesimo
podio anche nella terza. Il titolo a Igor
Vallisa davanti a Gardini. Al termine della
manifestazione il presidente della Mac
Pierluigi Bonvicini ha ringraziato tutti i
collaboratori, soprattutto chi si prodi-
gato per soccorrere i piloti coinvolti
nellincidente. E molto probabile che
nel prossimo anno la manifestazione
venga anticipata a settembre e che,
essendo inserita nel complesso delle
manifestazioni previste per Cremona
citt europea dello sport si possa avere
la presenza di classi pi prestigiose.
Cesare Castellani
La Mac non riuscita ad incoronare Daniele Ghiraldi
MOTONAUTICA
Pavia-Ornavasso 1-3
Pom-San Casciano 1-3
Soverato-Mazzano 1-3
Montichiari-Marsala 3-1
Novara-Fontanellato 3-1
San Vito-Frosinone 2-3
Cadelbosco-Sala Cons. 3-2
Novara 3
Ornavasso 3
Mazzano 3
San Casciano 3
Montichiari 3
Cadelbosco 2
Frosinone 2
San Vito 1
Sala Consilina 1
Marsala 0
Pom Casalmaggiore 0
Soverato 0
Pavia 0
Fontanellato 0
1


G
i
o
r
n
a
t
a
C
l
a
s
s
i
f
i
c
a
VOLLEY A2
Sport
Mercoled 10 Ottobre 2012
18
Prosegue lera Piccioni fino al 2016
Il presidente confermato: Con la situazione che si sta creando i Campionati europei a Cremona sono a rischio
Da sinistra: Piccioni, Cotrufo e Casarini
uanti volte sento dire di
vini barricati nei ristoran-
ti, nei wine bar nel parla-
re comune tra le persone,
ma non corretto parlare
di vino barricato, ma di vino elevato,
affinato in legno. I disciplinari di pro-
duzione del vino non precisano dove
il vino deve essere affinato. Anche
per i vini italiani Barolo, Barbaresco,
Brunello, Amarone il disciplinare non
specifica in quale tipologia di barile
devono affinare e lasciano la scelta
a discrezione del produttore.
Vi sono produttori che affinano i
loro vini nelle barriques altri nei ton-
neaux, altri ancora in barili di grandi
dimensioni ed altri ancora che posi-
zionano il vino in tutti e 3 i recipien-
ti e poi lo assemblano. Il consuma-
tore non pu sapere quando acqui-
sta una bottiglia di vino, se que-
sto stato messo ad affinare in un
barile o in un altro. Le etichette, se
vi sono, quasi sempre non parlano
dellaffinamento del vino, ma ci rac-
contano tante altre cose non sempre
necessarie.
Per poter avere informazioni pre-
cise sulla vinificazione e sullaffi-
namento dobbiamo recuperare le
schede tecniche del vino e ci dob-
biamo fidare di quanto il produtto-
re ci racconta. Molte volte sento dire
che il vino barricato pi buono,
migliore di altri vini, ed pi caro.
Queste affermazioni non sono veri-
tiere, ci sono dei grandi, grandissimi
vini italiani che non hanno mai visto
una barrique.
Vi sono vini molto costosi che non
sono stati affinati in barrique. La bar-
rique un barile di legno da 225 lt.
che proviene dal Bordeaux ed uti-
lizzata per affinare il vino, realizza-
ta in legno di rovere da piante di 120-
240 anni.
I legni migliori provengono dalle
parti alte delle foreste dove gli albe-
ri crescono pi lentamente e si ha
un legno decisamente pi compat-
to e con una porosit pi fine. I rove-
ri migliori sono quelli di Limousine,
Alier, Nevers in borgogna, Troncais,
Vosges tutti di Francia, buon rovere
anche quello si Slavonia. Anche in
America si produce rovere per bari-
li, ma esso pi poroso del rove-
re europeo ed il legno trasmette al
vino, oltre a sentori di vaniglia, anche
sentori di resina pi o meno marcati.
Nella produzione della barrique
importante la scelta della qualit del
rovere, la stagionatura, il taglio, rigo-
rosamente per spacco, la tostatura.
La tostatura sicuramente la fase
pi critica di tutto il procedimento,
richiede una grande abilit ed espe-
rienza del mastro bottaio.
La tostatura viene eseguita per
rendere il legno pi morbido. Per
meglio piegare le toghe e per fare
sprigionare gli aromi e i profumi del
legno.
La tostatura, a seconda del
tempo e della intensit del fuoco
viene classificata in 4 modi: Leggera,
media, media pi, intensa. La barri-
que ha una vita molto corta, al mas-
simo 3 anni, ed nei primi 2 anni che
si ha ls maggiore cessione di aromi
e profumi. Luso della barriques per-
mette una maggiore ossigenazio-
ne al vino rispetto al barile di grandi
dimensione. Il produttore deve sape-
re, in base al vino che dispone, quale
barile utilizzare
La barrique pu essere di 1,2,
3 passaggio. E a discrezione del
produttore scegliere quale percor-
so far fare al suo vino, chiaramente il
risultato cambia.
La barrique si diffusa nel nostro
paese in un certo periodo storico e
sembrava che potesse risolvere tutti
i problemi del vino, e ogni produtto-
re per chiamarsi tale non poteva non
avere la barrique.
In quel periodo i vini marcavano
di legno in modo eccessivo andan-
do a coprire le caratteristiche del sin-
golo vino e a uniformare il sapore dei
vini. Oggi con lesperienza acquisi-
ta si fa uso delle barrique con par-
simonia e sicuramente non pi lo
strumento unico indispensabile per
affinare il vino. Oggi si capito che
prima bisogna avere un buon vino
per poterlo affinare nel legno, altri-
menti pi che migliorare il vino peg-
giora.
Ora voglio presentarvi il vino che
ho assaggiato venerdi 5 ottobre alle
alle ore 21.
FIANO DI AVELLINO DOCG 2010
E ottenuto da uva Fiano in purezza, ha una gradazione di 13 gradi ed prodotto dallAzienda Agri-
cola Feudi di San Gregorio di Sorbo Serpico (AV). Il vino stato servito ad una temperatura di 12 gradi
e la bottiglia stata aperta alcuni minuti prima. Il vino si presenta con un colore giallo paglierino legger-
mente scarico con riflessi verdolini, molto limpido. Il profumo intenso, fine, floreale, fruttato di pesca
gialla, mela, albicocca, agrumi. In bocca secco, intenso, molto persistente, presenta una bella morbi-
dezza, una certa sapidit, un buon equilibrio. un buon bicchiere di vino che ben accompagna griglia-
te di pesce, crostacei, primi piatti, carni bianche. pronto da bersi ma pu rimanere coricato in cantina
per un paio danni. LAzienda Agricola Feudi di San Marzano una delle pi rappresentative dellIrpinia,
antica regione vitata famosa gi nellAntica Roma. Buona degustazione
Il Lapislazzulo un cristallo composto da diversi mine-
rali, tra cui la Lazurite, la Calcite e dei cristalli idiomorfi
di Pirite (le tipiche pagliuzze dorate), non raro che il blu
intenso tenda al verde o al violaceo, sottolineando fusio-
ni chimiche con altri elementi che ne minano la purez-
za. Il nome deriva dal latino: lapis, che significa pietra
e dall'arabo: lazhward, che significa azzurro. La storia
del Lapislazzulo risale al V millennio a.C. quando veni-
va utilizzato dagli Egizi per adornare le sepolture e dai
popoli orientali che gli attribuivano grandi poteri metafi-
sici. Era considerato un pezzo di cielo donato dagli dei
all'uomo e per molto tempo stato usato da re e regine
che ne facevano dei talismani per attestare la loro supe-
riorit, allontanare la malasorte e curare alcune malat-
tie. I popoli Mesopotamici consideravano questa pie-
tra il simbolo della divinit, gli antichi Sumeri credevano
che il Lapis contenesse l'essenza e la forza della divinit
e che per questo portasse gioia e allegria a chi lo posse-
desse e che liberasse l'anima dai peccati, dall'invidia e
dalla paura. Un utilizzo importante si ebbe nel Medioevo,
quando i pittori lo usarono per le loro opere, la sua pol-
vere veniva utilizzata per fare il colore blu oltremare. Per
non sprecare questo colore, il cui costo era paragonabi-
le all'oro, veniva impiegato a tempera, in emulsione con
rosso d'uovo, acqua e aceto e nella tecnica dell'affresco.
Era per un colore stabile in ambiente alcalino, tendente
al bianco-grigio in ambiente acido. Fu utilizzato anche da
Giotto e da Michelangelo negli affreschi della Cappella
Sistina. Nel buddismo considerata uno dei sette teso-
ri e simboleggia la coscienza di s. una pietra che
pone l'uomo in comunione con l'universo, che favorisce
l'integrazione ed eleva l'essere umano al di sopra della
dimensione materiale. A livello fisico rafforza il sistema
scheletrico, viene utilizzato nei disturbi della regione del
collo ed in particolare della laringe e delle corde voca-
li. Attiva la tiroide, aumenta la vitalit dell'organismo ren-
dendolo pi forte, incrementa la virilit quando, la sua
diminuzione, causata da stress, ansia e tensione. Agi-
sce sull'apparato respiratorio riducendone le infiamma-
zioni. Stimola le capacit intuitive, il senso della giustizia
e dell'equit. Nella tradizione ayurvedica viene utilizza-
to come ringiovanente e per migliorare l'asma. A livello
psicologico e mentale la pietra della saggezza e della
verit, migliora l'autocoscienza e l'espressione dei propri
sentimenti, consentendo di esprimere al meglio le pro-
prie opinioni. Utile per l'introspezione, porta alla padro-
nanza dei conflitti interiori, dona chiarezza alla mente. A
livello spirituale un Maestro di luce, promuove la chia-
rezza e la saggezza, portando ad affermare la propria
verit interiore. Incrementa il potere del terzo occhio e la
comunicazione con il s superiore. Cristallo guida per il
cammino spirituale verso l'illuminazione. In cristallotera-
pia si utilizza sul sesto e quinto chakra.
A proposito di...
Mercoled 10 Ottobre 2012
19
Damiano Domenico Palumbo e
la sua famiglia si occupano di vino
da generazioni. Relatore e docente
in molti corsi dedicati al vino, for-
maggi, olio extravergine. Ha col-
laborato con diversi Istituti Alber-
ghieri sia Regionale che Statali. E
stato coordinatore responsabile di
Associazioni gastronomiche.
a cura di Damiano Domenico Palumbo
Q
Vini barricati
di Ermanna Allevi,
naturopata,
master
in cristalloterapia,
AdiC Castelnuovo
Del Garda.
petitCHEF
Filetti di pesce spada croccanti, al sesamo e limone
Preparazione
Ingredienti
PER 2 PERSONE
Filetto di pesce spada
(ma vengono bene anche
con il tonno, lo scorfano,
la verdesca)
Pangrattato
Semi di sesamo
Scorza grattugiata,
di un limone biologico
Sale
Pepe


Si mescolano insie-
me, il pangrattato, il
sesamo, la scorza di
limone, il sale ed il
pepe, e nella panure ci
passiamo i nostri filet-
ti di pesce, pressan-
doli bene con il palmo
della mano.
Intanto si scal-
da bene una padel-
la, un filo d'olio d'oli-
va di quello buono,si
aggiungono i nostri
filetti...si fanno dora-
re da entrambi i lati,
un pizzico di sale... et
voila, le jeu est fait!!!