Sei sulla pagina 1di 4

1919-1950: La politica del Surrealismo

Di Nick Heath
E 'evidente come gli scrittori tradizionali hanno scritto in merito al Surrealismo sdrammatizzandone la politica. Per esempio nel massiccio libro su Breton, La Rivoluzione e la Mente: La vita di Andr Breton dell'autore Mark Polizzotti si sorvola il collegamento tra Surrealismo e l'anarchismo in un paio di frasi. Questo nonostante la segnalata devozione di Breton nel mostrare solidariet, cos come stato uno dei pochi intellettuali a sostenere il movimento libertario in un periodo di repressione e nonostante il fatto che i surrealisti hanno scritto una rubrica settimanale per Le Libertaire, una pubblicazione con un pubblico non trascurabile. "E' stato nello specchio nero dell'anarchismo che il surrealismo si innanzitutto riconosciuto." Cos ha scritto in modo inequivocabile il "Papa del Surrealismo", Andr Breton nel 1952. Breton era tornato in Francia nel 1947 e nel mese di aprile dello stesso anno Andr Julien ha accolto il suo ritorno sulle pagine di Le Libertaire, il settimanale della Federazione Anarchica. Ma perch non hanno i surrealisti associato se stessi prima del 1947 alle idee dell'anarchismo rivoluzionario? Questo movimento artistico radicale, che ha avuto un odio feroce dellautorit e della religione era un alleato naturale. Infatti il movimento artistico di Dada, per molti versi un precursore e influenzatore del surrealismo, era emerso a Zurigo nel 1916 come reazione alla barbarie e alla macellazione della prima guerra mondiale. Breton stesso fu influenzato dal poeta Jacques Vache che ha incontrato nel 1919. Fa notare Breton nello stesso articolo datato 1952: "A quel tempo, il rifiuto surrealista era totale, e assolutamente incapace di lasciarsi incanalare a livello politico. Tutte le istituzioni su cui il mondo moderno riposava -e che avevano appena mostrato il loro valore nella prima guerra mondiale - sono state considerate aberranti e scandalose per noi. Per cominciare, stato lintero apparato di difesa della societ che ci stava attaccando: l'esercito, la 'giustizia', la polizia, la religione, la medicina psichiatrica e legale, e la scuola ". Ha continuato alla domanda: "Perch non vi stata una fusione organica operata in quel momento tra anarchici ed elementi surrealisti?" E ha spiegato: "E 'stata senza dubbio l'idea di efficienza, che stata il delirio di quel periodo, che ha deciso altrimenti. Quello che abbiamo preso per il trionfo della rivoluzione russa e l'avvento di uno Stato operaio ha portato ad un grande cambiamento nella nostra prospettiva. L'unico punto oscuro nella foto - che divenne una macchia indelebile - stato lo schiacciamento della insurrezione di Kronstadt del 18 marzo 1921 ".

Solidariet
I surrealisti non avevano esitato nel 1923 a dimostrare solidariet con la giovane donna anarchica Germaine Berton che aveva ucciso un attivista di estrema destra nazionalista di Action Francaise e che stata assolta in un processo con giuria! Un altro membro del gruppo surrealista Robert Desnos, si era associato con gli ambienti anarchici individualisti di Victor Serge e Rirette Maitrejean, mentre secondo la fedina penale, il poeta surrealista Benjamin Pret era stato attivo in un gruppo anarchico nella regione parigina e aveva contribuito al foglio anarchico Le Libertaire. Tutti i surrealisti hanno letto attentamente la stampa anarchica in quel periodo. Tuttavia, sono stati messi fuori dalla incoerenza del movimento francese e ricordati come coloro che hanno supportato lo sforzo degli Alleati nella seconda guerra mondiale. Quando Breton ha assunto ruolo di redattore della rivista La Rivoluzione Surrealiste da Antonin Artaud scrisse la maggior parte dei testi collettivi, come il rivoluzionario: Aprire le carceri! Sciogliere gli eserciti!

I surrealisti balzarono anche alla difesa della giovane donna Violette Nozire che aveva avvelenato suo padre. Violette accus il padre di averla sistematicamente violentata dall'et di 12 anni. I surrealisti utilizzarono il processo per denunciare la famiglia borghese e l'ipocrisia borghese. Nel gennaio 1927, 5 membri del gruppo surrealista hanno aderito al Partito Comunista: Breton, Aragon, Eluard, Unik e Peret. Altri, come Desnos e Miro rifiutarono di unirsi. Anche Breton era tra i qualificati membri del partito. Vide il programma comunista soltanto come programma minimo, e critic il giornale di partito come: "puerile, inutilmente declamatorio, cretino, illeggibile, completamente indegno del ruolo dell'istruzione proletaria che cerca di assumere". Mentre Aragon trasformata da "il pi spirito libertario del gruppo surrealista" in un terribile piccone stalinista che scriveva poesie in onore della polizia segreta russa la NKVD, altri che avevano aderito al partito cominciarono a sentirsi a disagio in merito ai processi farsa di Mosca. E 'stato un periodo burrascoso per i surrealisti nel tentativo di partecipare tanto quanto vedevano nella rivoluzione dei lavoratori, salvaguardia al tempo stesso delle loro preoccupazioni specifiche e lotta contro i tentativi della leadership di partito per tenerli a freno stretto. Breton stato espulso nel 1933, e ad un Congresso Internazionale per la Difesa della Cultura controllato dal partito, dei surrealisti sono stati denunciati ed stato loro permesso di parlare solo l'ultimo giorno alle 2 del mattino!

Trotsky
Infine alcuni dei surrealisti sono stati alleati col trotskismo e il bolscevismo di opposizione. Peret in contatto in Francia e in Brasile con l'Unione Comunista e il Partito Internazionalista dei lavoratori. Breton in contatto in Messico con Trotsky quando stato messo a capo di una serie di conferenze presso l'Universit del Messico sulla poesia e la pittura in Europa nel 1938. Insieme con Trotsky e il pittore messicano Diego Rivera ha redatto per un'arte rivoluzionaria indipendente, che ha annunciato che "La rivoluzione ha l'obbligo di erigere un regime socialista di pianificazione centralizzata, per la creazione intellettuale si deve, anche da subito, stabilire un regime anarchico di libert intellettuale. Nessun vincolo, n la minima traccia di comando.". Questo documento contraddittorio e bizzarro sembra essere stato scritto da Breton e incredibilmente da Trotsky, con Rivera sostituto alla firma di Trotsky quando ha ottenuto i piedi freddi. Non chiaro quando Trotsky ha aiutato a scrivere questo documento, quello che pensava e che stava facendo, perch andato contro tutto ci che avesse mai fatto o detto.

Durruti
Peret da parte sua and come delegato del Partito Internazionalista dei lavoratori nella guerra civile e rivoluzione in Spagna. Qui ha lavorato come conduttore radiofonico per lanti-stalinista partito marxista del POUM, ma ha lasciato questo posto quando ha criticato questa organizzazione per la partecipazione al governo catalano. Si unito alla Colonna Anarchica Durruti sul fronte aragonese. "Ogni collaborazione con il POUM era impossibile, hanno voluto molto e accettato le persone alla loro destra, ma non alla loro sinistra. Ho deciso di entrare in una milizia anarchica, ed eccomi qui davanti, a Pino de Ebro ", scrive a Breton. Due anni dopo ha reso omaggio a Buenaventura Durruti, da cui la Colonna stato denominata. "Ho sempre visto in Durruti il capo anarchico pi rivoluzionario, il cui atteggiamento stato pi violento contro le capitolazioni degli anarchici che erano entrati nel governo e la sua uccisione mi ha commosso molto. Credo che la lezione che stata la vita di Durruti non debba andare perduta." Tornato in Francia, dove fu chiamato dall'inizio della guerra. E' stato arrestato per la distribuzione di volantini a "carattere anarchico" e dopo un periodo di detenzione riuscito a fuggire in Messico. Qui ha intrapreso una critica profonda del trotzkismo

e le distanze dalle sue organizzazioni. Scrivendo poi in una lettera a Georges Fontenis, il francese militante comunista libertario, ha osservato: "Se la scomparsa dello Stato non pu essere prevista nell'immediato, non meno vero che l'insurrezione proletaria deve segnare il primo giorno dellagonia dello Stato ".

Arroganza
Dopo la guerra i surrealisti hanno cominciato a collaborare con la Federazione Anarchica. Fontenis e un altro militante della FA, Serge Ninn, mantenerono buoni contatti con i surrealisti, il primo diventando un amico di Breton. Nel 1951, il surrealismo ha iniziato a scrivere una rubrica settimanale: Le Libertaire - Le Billet Surrealiste. Una serie di articoli di Peret sono stati pubblicati anche in Le Libertaire che ha caratterizzato i sindacati come organismi contro-rivoluzionari e proposto consigli ai lavoratori come alternativa. La FA era in disaccordo con lui su questo e ha pubblicato una risposta sul giornale. Peret era certamente in anticipo agli anarchici francesi su questa questione. La controversia qui era fraterna, ma in un Billet dopo, il surrealista Jean Schuster insiste sul fatto che i surrealisti si occupano della lotta intellettuale, mentre gli anarchici ottengono nella lotta economica e sociale. Questa arroganza elitaria ha suscitato un sacco di problemi, e il rapporto tra i surrealisti e anarchici inizi a raffreddarsi, lultimo Billet apparso in Le Libertaire nel gennaio del 1953. Larticolo: Il Poeta, vale a dire rivoluzionario scritto da Peret, il pi politicizzato e rivoluzionario dei surrealisti, che apparso sul giornale nel 1951 ha detto l'essenziale. Ha mostrato fino a che punto la poesia rivoluzionaria, ma ha aggiunto: "Non ne consegue che (il poeta) mette la poesia al servizio dell'azione politica, anche se rivoluzionario", (che non mai stato certamente il desiderio dei militanti anarchici del periodo). "Ma la sua qualit di poeta fa di lui un rivoluzionario che deve lottare su ogni terreno con i propri mezzi: in quello della poesia e sul terreno di azione sociale, senza mai confondere i due campi d'azione".

Sintesi
Oltre a Breton e Pret gli altri surrealisti non sono mai stati visti sul campo dell'azione sociale. Breton stato coerente nel suo sostegno alla Federazione Anarchica e ha continuato a offrire la sua solidariet dopo che piattaformisti intorno Fontenis hanno trasformato la FA nella Federazione Comunista Libertaria. E' stato uno dei pochi intellettuali che hanno continuato a offrire il suo sostegno alla FCL durante la guerra d'Algeria quando il FCL ha subito la repressione severa e fu costretto alla clandestinit. Ha riparato Fontenis mentre era latitante. Ha rifiutato di prendere posizione sulle divisione nel movimento anarchico francese e sia lui che Peret hanno espresso solidariet alla nuova FA istituita dagli anarchici sintetisti e lavorato nei Comitati antifascisti degli anni '60 a fianco della FA. Alcuni sono stati in grado di sintetizzare l'anarchismo e il Surrealismo a livello individuale, anche se non accaduto a livello collettivo. Il poeta Jehan Mayoux, grande amico di Peret, figlio di anarchici e anti-militaristi, unito ai surrealisti, alla fine del 20 secolo. Richiamato all'inizio della guerra, si assent senza permesso e fu imprigionato. Fuggito dalla realt, fu catturato dai tedeschi e mandato in un campo di concentramento da cui fu liberato nel 1945. Ha continuato a prendere parte ad attivit libertaria fino alla sua morte. Jean-Claude Tertrais ha partecipato alle attivit surrealisti negli anni '50, mentre Breton era ancora vivo. Richiamato durante la guerra d'Algeria, si assent senza permesso ed fu inviato agli infernali "battaglioni disciplinari". Si unito alla FA al suo rilascio, contribuendo articoli sul surrealismo sul giornale della FA: Le Monde Libertaire.

Tuttavia, come fa notare Fontenis: "E 'vero che, troppo spesso, i poeti sono solo poeti, senza essere veramente rivoluzionari, nessun insulto a B. Peret sintende, e se a volte si attaccano al movimento delle masse spesso si fissano su singole elevate gesta, sulla sovversione spettacolare, sugli atti illegalisti, piuttosto che sulle dure lotte quotidiane... Per quanto preferibile che il movimento libertario rimanga intimamente legata allo spirito di rivolta dei poeti, tanto pregiudizievole sottoporre le sue idee rivoluzionarie alle fantasie degli uomini di lettere. S alla rivolta implacabile, s alla insurrezione, s allo spirito libertario... ma questo un motivo per lasciare a lato del pensiero anarchico e lazione di classe che la nutre e che la ispira? ".

Ulteriori avvertenze
Altre critiche possono essere fatte al Surrealismo - l'intolleranza individuale e l'autoritarismo di Breton, il sessismo e l'omofobia, il sacco freudiano, la celebrazione di dubbia violenza sessuale ma che richiederebbero un articolo a s stante. Qualunque cosa tu faccia, leggi Claire Tour Breton - la sua entusiastica ode all'anarchia. E 'stato tradotto in inglese come The Lighthouse sul battello ebbro, un'antologia di scritti su anarchia e sull'arte.

- trad. Belva64.