Sei sulla pagina 1di 4

LE COMPETENZE

Sono l'insieme delle conoscenze, abilit e capacit personali che consentono ad un individuo di ottenere risultati utili al proprio adattamento negli ambienti per lui significativi, e che si manifesta in termini di responsabilit e autonomia nellaffrontare e padroneggiare problemi attraverso l'uso di abilit cognitive, emotive e sociali.

SE LA CRISI DIVENTA UNA COSTANTE?

Il mondo sempre cambiato e comunque in meglio; per avere grandi risultati la storia ci ha fatto passare spesso attraverso grandi crisi. Che fare allora? Pu apparire esagerato e forse semplicistico, ma appare del tutto utile, per le persone, seguire qualche semplice regola di comportamento.

Per conoscere questo tipo di prodotto e di servizio, basta consultare lenciclopedia on-line Wikipedia. Digitando la voce audiolibro, troverete scritto: Un audiolibro la registrazione audio di un libro letto ad alta voce da uno o pi attori uno speaker (un lettore) oppure da un motore di sintesi vocale [...]. Il nostro nuovo Audiolibro anche pi...

NOVIT AUDIOLIBRO

Dal 1993 la nostra azienda di Formazione Consulenza e Coaching ha preso una strada precisa, puntare su qualit, chiarezza, semplicit, trasparenza e concretezza. Uno degli ostacoli pi grandi che le persone e le aziende hanno sempre avuto e hanno tuttora nellapprocciare la formazione, quello di riuscire ad averne una qualche idea su cosa sia la formazione. Si pu rispondere a questa domanda in modo semplice: la formazione una scienza moderna che aiuta persone, aziende o organizzazioni ad analizzare, riflettere, progettare ed agire in modo migliore. Dopo che si compreso cos la formazione ci si pu chiedere con quali metodologie dintervento sia praticabile, e quali risultati possa dare. A queste domande la nostra azienda risponde continuamente, in ogni momento, in ogni situazione confrontandosi con qualsiasi utente che abbia bisogni personali o professionali. Rispondiamo da sempre con unampia proposta di strumenti informativi: dal 1993 depliant sui vari corsi ricchi di informazioni; dal 1996 attraverso il nostro periodico FiloStraTa, oggi anche on-line; dal 1997 con un ricco ed immediato sito internet; dal 2000 attraverso incontri informativi gratuiti; dal 2006 con incontri promozionali su argomenti formativi; dal 2007 con presenze su magazine, giornali e riviste generaliste e/o di settore; dal 2008 con apparizioni a trasmissioni culturali dinformazione in Tv regionali. Da poco uscito un nuovo audiolibro che offrir a chiunque lo desideri altri stimoli formativi importanti. Informarsi bene un principio fondamentale per potersi poi Formare meglio. Siamo consapevoli che noi formatori possiamo anche avere idee chiare, ma dobbiamo soprattutto spiegarle bene facendo in modo che, le idee pi chiare possibile, le abbiano anche i nostri utenti in particolare quelli potenziali. a cura di Claudio e Damiano Frasson

ompetenza: pu essere definita come l'insieme delle conoscenze, abilit e capacit personali che consentono ad un individuo di ottenere risultati utili al proprio adattamento negli ambienti per lui significativi e che si manifesta in termini di responsabilit e autonomia nellaffrontare e padroneggiare problemi attraverso l'uso di abilit cognitive, emotive e sociali. LEuropa ha iniziato nel 1989 ad affrontare il problema della certificazione delle competenze a partire dai meccanismi di mutuo riconoscimento, tra Paesi membri, delle attestazioni di qualifiche professionali rilasciate al fine di incentivare la mobilit di persone, studenti e lavoratori. Le competenze possedute, vengono considerate come il capitale distintivo dellUE nel quadro del paradigma dellEuropa delle conoscenze. La gestione delle competenze viene quindi riconosciuta come uno dei fattori principali su cui investire per fare dellUnione Europea la Societ della conoscenza pi competitiva e dinamica del mondo (Consiglio dellUnione Europea, conclusioni del Consiglio europeo su occupazione, riforme economiche e coesione sociale, Lisbona, 23-24 marzo 2000). Sono oggi allo studio in molti paesi dellEuropa strumenti operativi a supporto di processi di riconoscimento, validazione e certificazione delle competenze soprattutto per lambito della formazione formale. Da qualche anno si fa strada lesigenza di riconoscere e certificare le competenze anche in tutto il contesto della formazione continua e delle attivit non formali. La crisi che viviamo e la sempre pi ardua sfida competitiva nel mondo del lavoro, rendono il tema delle competenze di cruciale importanza per tutti nellottica di favorire soprattutto qualit e merito.

UN PERCORSO FORMATIVO CHE SVILUPPA COMPETENZE


opo molti anni di lavoro e centinaia di corsi proposti a persone adulte di tutte le et, estrazione sociale, titolo di studio e professione, anche noi di GRUEMP abbiamo iniziato ad affrontare il tema delle competenze e sopratutto di quelle cosidette Trasversali, cio utilizzabili da ogni persona indipendentemente dal contesto nel quale vivono o lavorano. Fare questo lavoro di definizione, ricerca, analisi ha richiesto uno sforzo molto consistente per una realt pur consolidata che utilizza, per fare ricerca, esclusivamente risorse proprie. Fin dal 1998 in realt abbiamo attivato, alcuni lavori di ricerca e verifica sui nostri servizi di formazione e sui risultati ottenuti dai partecipanti. Lultimo recente lavoro ha richiesto due anni per essere portato a compimento ed stato affrontato su pi livelli di complessit: il primo da un punto di vista del rigore scientifico della metodologia di ricerca utilizzata, il secondo riguarda le teorie di riferimento per la formazione esperienziale, il terzo e non di minore importanza, la divulgabilit dei dati emersi e dei risultati ottenuti dai soggetti studiati. Il percorso formativo Avventura Vincente stato messo ai raggi x sotto tutti i punti di vista e i risultati sono stati una positiva sorpresa anche per noi formatori che in un certo senso ce li aspettavamo. Nei prossimi mesi daremo conto di questo importante lavoro non soltanto ai nostri clienti, ma a tutta la comunit dei formatori Italiani e al pubblico. a cura di Claudio Frasson

Vantaggi per le persone: Apprezzamento dellesperienza (valore economico). Aumento autostima-fiducia in s (empowerment). Attivazione e progettualit formativa e/o professionale. Mobilit e trasferimento delle competenze acquisite Sviluppo della propria competenza (mta-cognizione). Autoanalisi dei punti di forza-ambiti di sviluppo. (Ri)motivazione, (Ri)orientamento. Identikit professionale per presentarsi sul mercato del lavoro. Vantaggi per le imprese: Migliore conoscenza dei soggetti in ingresso (pi efficacia/efficienza processi selezione). Rivalorizzazione del senso/significato dellesperienza. Integrazione tra i sistemi di istruzione e formazione. Miglioramento qualitativo dellofferta formativa. Sviluppo di consapevolezza e di competenze 'formative' (lazienda come luogo di apprendimento non formale). Sviluppo ulteriore di competenze per valutare il personale. a cura di Damiano Frasson

IL MONDO STA CAMBIANDO... E TU?


n tempo si pensava che le crisi sociali o economiche fossero eventi occasionali, non cos ricorrenti e comunque che avvenivano in media con cadenza almeno decennale. Negli ultimi ventanni abbiamo assistito allo svilupparsi di almeno cinque o sei crisi nellera della globalizzazione. Gi, ecco il concetto chiave: il mondo si globalizzato, tutto si aperto e tutti siamo in comunicazione-relazione con tutti. Un presupposto fantastico a livello filosofico e pure etico, ma che sta creando e continuer a creare ancora per molto tempo continui sali scendi economici, politici e sociali in genere. Cadono i muri, cadono le barriere commerciali, cadono le monarchie, cadono i dittatori, cambiano molti criteri e presupposti fondativi della nostra societ. Cadono le certezze gi flebili che ogni persona e ogni azienda pensava e sperava di avere. Tutto contingente, tutto divenuto incertezza, tutto in cambiamento, tutto si trasforma, tutto pronto per essere diverso tra un minuto. Nulla sar pi come prima, non tanto o non solo per le previsioni dei vari catastrofisti (Maya, scienziati indipendenti, Ufologi, etc) che riguardano limminente 2012. Probabilmente non si verificher, nulla di cos definitivo, almeno ce lo auguriamo; tsunami, terremoti, tornado, oltre danni creati dalluomo, non sono certo una novit di oggi. Come potremmo interpretare allora, queste previsioni di una ipotetica fine del mondo? In un certo senso tutto gi iniziato anzi ormai gi finito. cambiato il mondo o almeno limpostazione di esso da noi conosciuta dalla fine del 1800 in poi, siamo entrati nellera del villaggio globale. Che fare allora? Lasciarsi andare al catastrofismo? Non appare unidea geniale! Impostare una vita allinsegna di un comodo senso di superficialit perch ormai tanto ... siamo tutti sulla stessa barca? Sarebbe da irresponsabili, se non altro nei confronti delle giovani generazioni. Forse meglio pensare che prima o poi le cose miglioreranno nuovamente. Bisogna per che ognuno si impegni nel cambiare, dando il proprio contributo per salvare i valori e le idee pi positive di unumanit che, nonostante tutto, ha la capacit di progredire continuamente. a cura di Damiano Frasson

LASTRONOMO CREATIVO
Tutte le notti un astronomo amava uscire di casa per osservare le stelle e i pianeti in cielo. Qualche volta si sedeva in cima ad una grande collina presso casa sua puntando il telescopio su una stella in particolare. Altre volte vagava per le strade, meravigliandosi della bellezza del cielo. Una notte, mentre camminava in un sentiero di campagna completamente assorto nella contemplazione del cielo, cadde in una buca profonda e l vi rimase in trappola. Le sue alte grida alla fine furono sentite da un vicino che passava per caso accanto a quella buca. Dopo averlo tirato fuori la persona gli disse: Tu sei cos curioso di quello che si nasconde nei cieli, ma com possibile che non ti preoccupi di vedere quello che qui sulla terra? MORALE: Guarda in alto per cercare nuove prospettive e idee, ma tieni i piedi sempre a terra per ottenere risultati. SPUNTI DI RIFLESSIONE: Sei come lastronomo? Conosci qualcuno che lo ? In che modo? Cosa pu rappresentare per te il cielo? Qual la buca in cui rischi di cadere? Come puoi essere creativo e al tempo stesso concreto nella tua vita? Quali desideri e aspirazioni ti aiutano a rivolgere il tuo sguardo al cielo? Quali aspetti o valori ti possono aiutare a mantenere i piedi per terra?
M. Parkin - Racconti per il cambiamento - Edizioni RCS - Milano 2004

avere grandi risultati la storia ci ha fatto passare spesso attraverso grandi crisi. Che fare allora? Pu apparire esagerato e forse semplicistico, ma appare del tutto utile, per le persone, seguire qualche semplice regola di comportamento: essere positivi nonostante tutto; superare lidea che tanto ormai accadr il peggio e arrendersi; sviluppare amicizie e rapporti che riteniamo costruttivi; attivarsi per un risparmio energetico evitando sprechi; investire su se stessi e nella propria cultura-formazione; limitare la speranza nella dea bendata; concentrarsi su ci che sappiamo fare meglio; ridurre al minimo le conflittualit; sviluppare un animo aperto e superare gli egoismi; cercare di vivere a contatto con persone e situazioni positive; evitare ogni tipo di esagerazione o trasgressione; credere che il mondo cambier in meglio, ma non subito.

Il mondo sempre cambiato e comunque in meglio; per

E se una persona si trova anche in un ruolo di responsabilit imprenditoriale e altri dipendono dalle sue idee e capacit manageriali che fare: dare lesempio stando in prima linea; dare fiducia a chi ha dimostrato di meritarla; limitare il raggio dazione di chi pu creare problemi; rendere tutto il pi flessibile possibile; fare piani dazione di breve periodo; limitare al massimo le spese improduttive; fidelizzare la clientela; cercare nuovi clienti e fare network; puntare sulla qualit e produrre innovazione; riconsiderare le strategie commerciali; creare valore aggiunto al core business; puntare su competenze e formazione; ampliare le partnership; semplificare il lavoro; mantenere o rifocalizzare la propria mission; pensare anche a ci che non si mai fatto; ipotizzare anche gli scenari peggiori. Bellimpegno, pu pensare a questo punto il lettore. Infatti, questa non una ricetta miracolosa, un elenco di riferimenti concreti, di azioni convenienti e possibili, utili per gestire unincertezza, che seppur inevitabile, non si trasformi in un caotico e sconclusionato modo di reagire alle difficolt. a cura di Claudio Frasson

QUANDO UN IMPRENDITORE VUOLE MIGLIORARE...

Il Business, lExecutive e il Corporate Coaching sono oggi le

strategie dintervento, miglioramento e sviluppo pi valide per Imprenditori, Manager e Professionisti di ogni settore. Il Coaching coniuga efficenza ed efficacia, in quanto il Formatore Coach personalizza il percorso sui fattori chiave che la persona vuole affrontare, definendo una strategia flessibile e che temporalmente pu andare da un minimo di 3 o 5 incontri ad un massimo di 10 o 12. Linvestimento economico pi che limitato, soprattutto massimamente redditizio per limprenditore, in quanto ogni strategia, di analisi, valutazione, potenziamento, sviluppo affrontate con il Coach creer ricadute positive a breve e medio termine nella realt professionale e/o aziendale. GRUEMP offre questo servizio formativo grazie al Coach certificato SCOA, Claudio Frasson.

er conoscere questo tipo di prodotto e di servizio basta consultare lenciclopedia on-line Wikipedia, digitando la voce audiolibro, troverete scritto: Un audiolibro la registrazione audio di un libro letto ad alta voce da uno o pi attori, uno speaker (un lettore) oppure da un motore di sintesi vocale. Il testo registrato pu essere la versione integrale di un libro, un testo scritto appositamente per vivere esclusivamente come audiolibro, una riduzione o una sceneggiatura (originale o non) scritta appositamente per la registrazione audio. Gli audiolibri possono presentare anche musiche e ricostruzioni sonore (sound design), anche se generalmente l'audiolibro "classico" prevede la sola voce dello speaker che legge il testo. Gli audiolibri, oltre a permettere la lettura dei libri mentre si occupati in altre attivit, possono essere anche un valido aiuto per molte persone affette da particolari handicap visivi o motori. Gli audiolibri sono molto diffusi sul mercato anglosassone, in cui tutti i libri pi importanti di norma escono contemporaneamente in versione cartacea e in versione audio (a volte anche in doppia versione audio: integrale e ridotta), ma stanno trovando favore anche in Italia. Un tempo gli audiolibri venivano registrati su musicassetta, oggi su CD audio [], che ne hanno semplificato enormemente la diffusione e l'acquisto. Al di l della solita considerazione che sorge spontanea, sul ritardo che c in Italia nellusufruire di alcune evolute modalit divulgative di ogni tipo di conoscenza, una cosa utile da fare proprio quella di acquistare qualche audiolibro.

In questo universo letterario gi estremamente variegato, anche il mondo della formazione per adulti trae beneficio dallofferta di alcuni prodotti che vanno a soddisfare molte esigenze diverse. GRUEMP, con laudiolibro AVVENTURA VINCENTE - 7 storie per la tua motivazione, si inserita in questo particolare segmento di mercato con uno stile pratico e gradevole, presentando un prodotto fruibile da chiunque; il servizio arricchito da spunti motivazionali a supporto delle riflessioni personali che scaturiscono soggettivamente dallutilizzo di questo strumento per lautoformazione. Questo audiolibro esprime importanti e utili concetti formativi in modo moderno, dinamico e coinvolgente. Al suo interno trovano spazio: un CD audio contenente 7 storie motivanti; un LIBRO per integrare e approfondire i concetti dei racconti; Un DVD con altri contenuti speciali. Realizzare questo audiolibro ha richiesto il coinvolgimento e il contributo di molti professionisti tra i quali: formatori e coach, pedagogisti, fonici di studio, sound designer, narratori e attori, grafici, art e web designer, consulenti editoriali. GRUEMP vuole ringraziare tutte queste persone che ci hanno permesso di concretizzare questo prodotto per lautoformazione, perch sei tu alla guida della tua vita. a cura di Andrea Frasson

Alcuni argomenti trattati nel corso mensile post seminar A.MI.CO. T1 dellarea AVVENTURA VINCENTE
T1 - BISOGNI / DESIDERI E OBIETTIVI Ognuno di noi sempre in contatto con i propri bisogni e con i propri desideri. Quando sentiamo che qualcosa ci manca, il nostro potenziale si attiva per riempire tale vuoto; allo stesso modo, quando percepiamo la possibilit di ampliare le risorse, le attivit e la nostra identit, le energie si mobilitano per farci percorrere nuove strade. La nostra motivazione pu essere mossa sia dai bisogni e sia dai desideri; limportante avere strumenti per riconoscerne le differenze ed assegnare loro una priorit in base alle situazioni che viviamo. Cos possiamo focalizzarci su obiettivi concreti, misurabili, stimolanti e raggiungibili.

T1 - RESISTENZE AL CAMBIAMENTO Lunica cosa permanente (che non cambia) proprio il cambiamento: gi qualche secolo a.C. questa era una consapevolezza consolidata. Perch, allora, molte persone sembrano non voler cambiare? Quali motivi ci possono essere dietro alle difficolt che si incontrano nel cercare di modificare qualcosa di s o degli altri? Se vero che il cambiamento naturale ed inevitabile, lo altrettanto il fatto che esistono delle resistenze, poich ogni sistema tende a mantenere una forma di equilibrio che poi risulta scomodo da lasciare. Le barriere possono essere di tipo pratico, sistemico, sociale e personale. Valutarne lentit ci permette di impostare le strategie migliori per far in modo che il cambiamento continui ad essere come lacqua del fiume che scorre. T1 - PERCEPIRE ATTIVAMENTE Questa sessione del corso A.MI.CO T1 si propone di fornire ai partecipanti 7 strategie per allenare e migliorare le proprie capacit percettive, in particolare nella comunicazione. Troppo spesso si ritiene di non aver sufficienti informazioni per risolvere i problemi, oppure che siano semplicemente gli altri a non sapersi esprimere correttamente. Focalizzare la nostra attenzione, anche in maniera creativa, permette di gestire in modo pi efficiente ed efficace la nostra comunicazione. La percezione attraverso i sensi, infatti, si dimostra elemento fondamentale che incide sulle nostre capacit di ascoltare, interpretare ed assimilare i messaggi che gli interlocutori ci mandano e che noi trasmettiamo loro. In linea con un antico proverbio: non ho mai imparato qualcosa solo parlando. Ogni incontro T1 che stato e che sar erogato ha la finalit di favorire lo sviluppo nei partecipanti di specifiche Competenze. Questa azione avviene attraverso momenti di informazione, di sensibilizzazione, di motivazione e soprattutto grazie alla sperimentazione pratica di metodi o strumenti che ognuno pu poi abitualmente usare nella propria vita professionale o personale. Le competenze trasversali bersaglio di questi incontri T1 appartengono, in varia misura, alle tre categorie base: realizzative, relazionali, gestionali. a cura di Donato Frigotto

AVVENTURA VINCENTE
CORSA NELLA LUCE - 4 gg. Leadership, ascolto, comunicazione, intelligenza emotiva. 180^ ed. dal 08 al 11 Giugno 181^ ed. dal 06 al 09 Luglio SQUADRA VINCENTE - 2 gg. Gestire le dinamiche di gruppo e costruire un team. 10^ ed. 24 - 25 Giugno FILOSTRATA - 2 gg + 1 g. Valori e metodi per lazione formativa. 12^ ed. 26 - 27 Agosto + 24 Settembre LA SCELTA - 2 gg. Problem solving, creativit, gestione delle relazione umane. 31^ ed. 27 - 28 Maggio MOTIVATI PER MOTIVARE - 2 gg. Obiettivi, performance, gestione dellenergia, risultati. 36^ ed. 28 - 29 Ottobre

UOMINI ECCELLENTI
- ERO, SONO...SAR - 2gg. - VUOI VENDERE? COMUNICA! 2gg. - LEADERSHIP ASSERTIVA 1g - MANAGEMENT & QUALIT 2 gg - CLIENTE IN LINEA 1 g - BUONGIORNO... E POI? 2 gg

Per iscrizioni alle date programmate dei nostri corsi interaziendali, dellarea AVVENTURA VINCENTE e UOMINI ECCELENTI telefona allo 049.80.25.103 oppure scrivi a infoamico@gruemp.it

Quando si parla di formazione, da sempre una delle prime fasi che si affrontano quella tecnicamente definita Analisi dei bisogni, ovvero la messa a fuoco delle necessit che lorganizzazione o la singola persona avvertono, per poi progettare un intervento ad hoc. Perch dovrebbe essere cos importante riportare tale approccio anche nelle situazioni quotidiane in cui viene chiamata in gioco la nostra motivazione personale? Purtroppo capita spesso di sentire ancora molte persone che si lamentano perch stanno attraversando un momento di disagio o di difficolt, oppure per un generalizzato senso di insoddisfazione della propria vita. Da una parte pu essere comprensibile farlo, daltronde tutti sappiamo che la vita non ci riserva soltanto gradite sorprese. Quello che tende a far aumentare il disagio stesso, per, sembra essere la poca abitudine ad un processo mentale (inteso sia razionalmente che emozionalmente) che invece ci aiuterebbe significativamente in ogni momento della nostra vita a rendere pi concreta la nostra potenzialit. Imparare a sviluppare quella capacit di chiedersi quali sono i nostri bisogni e desideri ogni volta che affrontiamo una situazione, diventa fondamentale per il raggiungimento dei nostri obiettivi. Un bisogno la percezione di una mancanza, di un vuoto da riempire; per esemplificarlo in modo semplice, quello che accade quando abbiamo molta sete e vogliamo bere. Un desiderio la percezione, invece, di una possibilit, di qualcosa che pu essere come una strada nuova da percorrere. Ricorrendo allo stesso esempio sopra citato, potremmo avvertire la sete, ma desiderare di bere un succo di frutta di un gusto particolare, anzich un semplice bicchiere dacqua. Entrambe queste componenti fanno parte di noi ed incidono fortemente sul nostro livello di motivazione. Secondo alcune teorie e relativi esperimenti portati avanti fin dal 1950 ad oggi, potremmo dire che la nostra vita un continuo cercare di soddisfare bisogni e desideri. Indipendentemente dal fatto che in alcune situazioni ci possono stimolare pi i bisogni rispetto ai desideri, o viceversa, la cosa importante farne una auto-valutazione, proprio per non rimanere ancorati al disagio o alla difficolt che in quel momento stiamo vivendo. Sarebbe come trovarsi sulla riva di un fiume e sentirsi arrabbiati, delusi, frustrati perch non si riesce ad attraversarlo. Se continuiamo a stare fermi l, la nostra insoddisfazione potr solo aumentare, e alla fine della giornata (o di un mese, o di un anno) saremo diventati degli eccezionali esperti del problema, ma non certo della soluzione. Potremmo definire i bisogni/desideri come un ponte che ci permette di lasciare alle spalle la sensazione problematica e di dirigerci verso risultati concreti. Infatti, se individuiamo quali bisogni avvertiamo e quali desideri ci attivano in quel frangente, avremo molti pi elementi per costruire lultimo elemento di questo processo mentale, forse il pi importante: il nostro obiettivo. proprio la soggettivit, la personalizzazione dei nostri pensieri, atteggiamenti, sensazioni e comportamenti, che ci permette di definire al meglio il traguardo che vogliamo raggiungere. Pi volte, nelle attivit di formazione, GRUEMP ricorda ai partecipanti che un obiettivo, per essere tale, deve rispondere a quattro caratteristiche: chiaro/concreto, stimolante, raggiungibile e misurabile. Maggiore sar la nostra consapevolezza dei bisogni (siano essi primari o secondari) e dei desideri (di base o pi evoluti) e maggiore sar la nostra capacit di porci quegli obiettivi che ne sono la diretta conseguenza. Gi Seneca, fin dallantichit, diceva che Per chi non sa dove andare, nessun vento favorevole; per chi sa bene verso quale porto dirigersi, ogni vento o corrente possono essere quelle giuste. a cura di Donato Frigotto