Sei sulla pagina 1di 1

Ferretto Francesco 3aAs

Esperienza: Estrazione del Dna della Banana


Materiali: Becher, 100g di banana, Ananas, 3g di sale da cucina (NaCl), 10 g di detersivo per piatti,
Bacinella, Becco bunsen, Alcol Denaturato etilico(EtanoloFormula bruta=CH3CH2OH), Alcol bianco dolce, Termometro, Carta da Filtro ( Garza ), Provette , Colino, Treppiede.

Procedimento
Dopo aver tritato e ridotto in una specie di poltiglia la banana (100g) abbiamo posto il tutto allinterno di un becher (Notiamo che abbiamo usato specialmente la banana perch frutto in grado di essere molto duttile e facile da tritare), poi abbiamo preparato la soluzione estraente , ovvero la soluzione costituita da 3g di Sale e 10g di Detersivo per i piatti , per poi inserirla nel becher contenente la poltiglia;
Ma che effetto ha questa soluzione estraente per la nostra poltiglia?

Semplice, il sale rendeva ipertoniche le cellule cos lacqua usciva dalle cellule (per effetto osmotico) e il detersivo per piatti scioglieva le membrane cellulari fosfolipidiche cos si poteva accedere al contenuto delle cellule. In seguito dopo aver preparato la fiamma del becco bunsen ed il treppiede abbiamo posto il nostro becher dentro una bacinella piena dacqua (questultima poggiava sul treppiede ed era scaldata dal becco bunsen) scaldando la poltiglia a bagno maria per c.ca 10-15 minuti a 60C. Dopo aver atteso abbiamo estratto il becher dalla bacinella e lo abbiamo posto nel contenitore contenente ghiaccio per c.ca 5 minuti; dopo aver preparato il succo di ananas (che contiene la Bromelina, un enzima) e il materiale per il filtraggio della poltiglia abbiamo estratto il becher dal ghiaccio e ne abbiamo versato un po alla volta aggiungendo il succo di ananas che ha il compito di sciogliere le proteine istoniche, nelle quali contenuto il Dna , permettendo di distinguere successivamente il dna dalla soluzione che otterremo. In seguito al filtraggio abbiamo preso 2 provette e in ognuna abbiamo introdotto c.ca 5ml di poltiglia filtrata e abbiamo usato 2 dufferenti alcol per provetta in minime quantit, ovvero in una abbiamo introdotto letanolo mentre nellaltra dellalcol dolce (alcol che ha una qualit ed un costo pi alti rispetto alletanolo) per distinguere quella che sembra la masas gelatinosa del Dna della banana.

Conclusioni
Abbiamo constatato le propriet del Dna e siamo riusciti a visualizzarlo in modo grossolano, tale esperimento stato possibile perch il Dna ha propriet idrosolubili e non alcol solubili, di conseguenza il Dna visualizzabile nella fascia intermedia (nella provetta) tra la poltiglia filtrata e lalcol.