Sei sulla pagina 1di 15

Scritti per

Una Visione Integrata per lInternazionalizzazione del Turismo Siciliano


Prospettive ed indirizzi per linternazionalizzazione della Sicilia verso gli Emirati Arabi Uniti

Una Visione Integrata per lInternazionalizzazione del Turismo Siciliano


Prospettive ed indirizzi per linternazionalizzazione della Sicilia verso gli Emirati Arabi Uniti

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

la SP Service International da alcuni anni riconduce ad ununica unit organizzativa le realt di diversi paesi e la valorizzazione delle loro risorse, attraverso le sue missioni in sinergia con la Camera di Commercio Italiana negli U. A. E., di cui partner ufficiale per il Sud Italia.

Il programma operativo dei nostri interventi, diretti sempre al sostegno della promozione, finalizzato allo sviluppo delle risorse siciliane nei mercati degli Emirati Arabi Uniti.

Dal 2006 abbiamo promosso le risorse ed i patrimoni del nostro territorio, sempre in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana negli U. A. E, allinterno dellArabian Travel Market, che rappresenta uno degli appuntamenti pi importanti degli Emirati Arabi Uniti e di tutta la regione Pan Araba per intercettare i flussi turistici provenienti dal Medio Oriente, poich l convergono migliaia di operatori di settore.

Riteniamo che le azioni di spinta verso gli Emirati Arabi devono avere una ricaduta diretta e trasversale sul nostro territorio, e nascono proprio con lobiettivo di rafforzare il Made in Sicily, valorizzando le risorse siciliane, ed in questo caso proprio le risorse del grande e prezioso patrimonio turistico siciliano, esportando limmagine dei nostri territori, prodotti, servizi e knowhow, per importare risultati.

Ci ci consente di avviare anche quel processo di internazionalizzazione che pu aiutare lo sviluppo socio, economico e culturale di diverse Regioni e Paesi, focalizzando lattenzione sulle risorse turistiche e produttive su cui si basa, com noto, gran parte della nostra economia.

Tali progetti di incontro rivelano tutta la loro importanza in quanto arrivano alla creazione di quel baricentro basso che, secondo gli studi del Censis, come in tutti quelli dedicati alle economie regionali, necessario per sfruttare le enormi potenzialit di cui disponiamo, puntando ad uno sviluppo turistico che alla base di quel cambiamento ed arricchimento delle strutture ricettive e produttive in un territorio omogeneo come il nostro per caratteristiche culturali, sociali ed economiche.

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

Analisi dei bisogni e delle potenzialit del Turismo Siciliano Gli ultimi decenni sono stati caratterizzati da una crescita talmente rilevante, sia in termini di valore aggiunto che di opportunit occupazionali, da porre leconomia del turismo in una posizione di primaria importanza nel quadro della complessiva economia italiana ed in particolare quella siciliana.

Il valore aggiunto del comparto turistico ha assunto, in Sicilia, un valore pari quasi al 6% del valore aggiunto nazionale, pi del doppio da quello prodotto dal comparto alimentare e di gran lunga superiore a quello di altri comparti strategici per leconomia nazionale, quali quelli dellabbigliamento, del tessile, ecc.

In questo contesto di riferimento il comparto turistico siciliano stato interessato, negli ultimi 10 anni, da forti variazioni sia negli arrivi, sia nelle presenze. La crisi, iniziata nel 2000 e perdurata con effetti considerevoli fino al 2005, ha interessato sia il ricettivo alberghiero, sia gli esercizi extralberghieri.

A partire dal 2005 si sono incominciati ad avvertire alcuni segnali di ripresa, testimoniati da graduali incrementi sia negli arrivi, sia nelle presenze: nel corso del 2006-07 sono aumentati sia gli arrivi di turisti, sia il numero di giorni medi di permanenza e dal 2008 linversione del trend stata ancora pi consistente.

In linea generale, lattuale andamento della domanda turistica regionale in crescita, anche se in misura differenziata riguardo la composizione dei flussi tra italiani e stranieri. La consistenza degli italiani nettamente aumentata cos come la permanenza media, ormai prossima ai 6 giorni, mentre la crescita degli arrivi e della permanenza degli stranieri positiva ma non tale da ridurre leccessiva stagionalizzazione della domanda regionale nel periodo estivo.

In termini di preferenze, sembrano maggiormente adatte a soddisfare la domanda pi le strutture alberghiere che quelle extra - alberghiere. Questultima categoria maggiormente preferita dai flussi di domanda provenienti dai turisti stranieri, mentre appare poco interessata dalla domanda nazionale. In estrema sintesi, i flussi turistici che interessano la regione sono caratterizzati: da una elevata stagionalit della domanda, concentrata prevalentemente nel periodo da giugno ad agosto per gli italiani e da maggio a settembre per gli stranieri;

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

da uneccessiva dipendenza dal turismo interno e nazionale (anche se le attuali politiche di attrazione dei mercati di lingua tedesca ha limitato in parte gli effetti di una caratteristica che, tuttavia, rimane strutturale); dal cambiamento dei comportamenti della clientela nazionale ed estera: in aumento la durata del soggiorno per i turisti italiani, mentre si riduce per quelli stranieri nelle strutture alberghiere; in quelle extralberghiere, invece, la permanenza media dei turisti nazionali rimasta pressoch inalterata, mentre quella dei turisti stranieri aumentata; da una maggiore durata del soggiorno nelle strutture extralberghiere rispetto a quelle alberghiere (tre volte superiore); da una perdita netta del valore economico della vacanza: la presenza aumenta grazie ai maggiori arrivi e non alla maggiore permanenza; da una limitata presenza distributiva dellofferta turistica siciliana. La percentuale di presenza nei cataloghi dei maggior tour operator estate appena del 9,3% mentre in quelli inverno del 7,4%. Ci colloca la Sicilia agli ultimi posti nella graduatoria nazionale.

Il principale mercato di riferimento siciliano quello interno (regionale e nazionale). La conferma di tale dipendenza stata gi evidenziata unitamente alleccessiva stagionalit della domanda che ne comporta. La composizione dei flussi nazionali mostra una concentrazione della domanda (oltre i due terzi) proveniente da quattro regioni: Lombardia (23,8%), Campania (21,1%), Lazio (13,4%), Piemonte (10,6%). In sostanza, circa la met dei turisti proviene dalle regioni settentrionali, mentre il 29% proviene dalle regioni meridionali.

Analizzando la domanda di turisti stranieri, invece, emerge che il mercato tedesco rappresenta certamente il principale riferimento per lofferta regionale. I dati attuali confermano sostanzialmente i trend del periodo considerato, registrando la crescita di alcuni paesi quali: Belgio, Regno Unito, Irlanda ed Ex Unione Sovietica e da qualche anno i paesi degli Emirati Arabi Uniti e da tutta la regione Pan Araba.

Gli stranieri, comunque, rappresentano meno del 5% dei flussi totali. Il posizionamento dellofferta regionale , considerando le specifiche dellofferta ricettiva regionale e le principali richieste di standard di accoglienza da parte dei tour operator internazionali, di basso profilo e inadatto ad esprimere le potenzialit reali della regione.

Nel prossimo futuro vi , quindi, per la regione un potenziale interesse di fasce di utenza provenienti dalle regioni Pan Arabe. La penetrazione di tali mercati geografici presuppone scelte

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

di segmentazione che consentano lo sviluppo di segmenti di consumo attualmente marginali (agriturismo, turismo culturale, turismo naturalistico, turismo archeologico e museale, etc.).

In termini di offerta, il sistema ricettivo regionale ancora, nonostante il miglioramento registrato negli ultimi anni, di medio - basso livello (il 76.49% dellintera offerta composto da strutture con 1, 2, 3 o 4 stelle), con un posizionamento prevalente sul segmento del turismo balneare estivo di massa.

La bassa qualit complessiva favorisce, in modo implicito, un maggiore utilizzo delle strutture del turismo sommerso, considerate particolarmente competitive e qualitativamente sostitutive allattuale struttura dellofferta. La stragrande maggioranza delle localit turistiche regionali ha, infatti, una dotazione di seconde case abnorme.

Lo stato dellofferta presenta, comunque, significative differenze di dotazione e qualit dellofferta, in funzione delle diverse aree a vocazione turistica regionale. Ovviamente una tale considerazione fa perno esclusivamente sui vantaggi competitivi di unarea rispetto ad unaltra, trascurando gli esistenti altri fattori in grado di generare flussi turistici.

Nel complesso lo sviluppo del settore soffre, tuttavia, della carenza di integrazione dellofferta turistica con il patrimonio naturale, artistico e culturale in senso lato. Lassenza di relazioni tra gli operatori, testimoniata dalla carente attivit di progettazione e promozione di percorsi e pacchetti turistici, e la scarsa connessione fra collegamenti primari, vale a dire i trasporti dai punti di arrivo (stazioni, porti, aeroporti) a quelli di soggiorno - visita (alberghi, localit interne, siti archeologici ecc.), riducono notevolmente la capacit del sistema turistico regionale di aumentare la variet dellofferta.

Un crescente peso nella formazione delle preferenze per una localit turistica, infatti, hanno assunto, ormai da oltre un decennio, i cosiddetti servizi periferici legati all'entertainment e all'esperienzialit (benefici emozionali e simbolici generati dalle bellezze naturali e artistiche o dai fenomeni di socializzazione) quali ad esempio: la cura delle spiagge, dei viali di accesso ai luoghi turisticamente rilevanti, la cura dellarredo urbano, la pulizia dei prati, le informazioni sullubicazione dei luoghi darte, lintrattenimento notturno e diurno, la cultura dellaccoglienza dei cittadini dei luoghi visitati, etc.

Tali elementi sono assenti in alcune aree a vocazione turistica della regione, tanto da annullarne, nonostante la notevole dotazione di risorse turisticamente fruibili, la competitivit e la capacit di intercettare flussi turistici nazionali e internazionali.

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

Per quanto riguarda lo stato dellinnovazione, la struttura dellofferta presenta differenti configurazioni dal punto di vista delle aree di impatto dellinnovazione, classificate in funzione della visibilit o meno al cliente finale. Le aree dellorganizzazione interna e del networking sono, secondo gli operatori siciliani, le aree dove concentrare maggiormente gli sforzi di innovazione dellofferta regionale.

Priorit Sulla base delle analisi precedenti e dellanalisi swot di settore possibile individuare le seguenti priorit / criticit che devono essere affrontate nel prossimo periodo di programmazione. Promuovere e potenziare la presenza dellofferta turistica regionale nei grandi sistemi internazionali di prenotazione. Favorire lo sviluppo di servizi di trasporto per i turisti, tra i punti di arrivo (stazioni, porti, aeroporti) e quelli di soggiorno-visita (alberghi, localit interne, siti archeologici ecc.). Supportare la qualificazione dellofferta ricettiva esistente. Sostenere lo sviluppo di nuova ricettivit di qualit, allinterno dei sistemi locali di offerta turistica che presentano trend di crescita della domanda. Supportare la creazione di parchi tematici e grandi attrattori coerenti con le vocazioni delle aree territoriali. Realizzare una maggiore integrazione tra lofferta turistica, i siti, il patrimonio artistico culturale e quello naturalistico. Supportare lo sviluppo di imprese di servizi al turismo, capaci di integrare lofferta ricettiva con quella del territorio (patrimonio naturalistico, culturale, archeologico). Favorire lo sviluppo di relazioni di cooperazione tra gli operatori. Favorire lemersione del turismo delle seconde case. Promuovere la formazione manageriale e professionale degli operatori (innovazione organizzativa orientata alla customer satisfaction).

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

Strategie e linee di intervento La definizione della strategia di sviluppo del comparto turistico in Sicilia non pu prescindere da una attenta analisi dellevoluzione dei gusti e dei consumi turistici, che hanno un ruolo determinante nella definizione dei vantaggi competitivi dei sistemi di offerta. Il modo di fare turismo, infatti, si evoluto ed divenuto sempre pi complesso, influenzato dallevoluzione di quegli stessi stili di vita che contribuisce a determinare. Si ormai imposta la cosiddetta logica dei turismi plurimi, ovvero la tendenza alla frammentazione delle motivazione e delle esigenze del cliente turista. Il progresso tecnologico che consente di ridurre le distanze fisiche e al tempo stesso di estendere il ventaglio delle scelte, grazie alla facilit e allimmediatezza di accesso alle informazioni, insieme alla crescita economica e culturale e alle nuove forme e stili di organizzazione del lavoro e del tempo libero, sono le principali determinanti del nuovo modo di fare turismo. In tale contesto lofferta turistica deve essere tale da soddisfare linsieme delle esigenze di un turista sempre pi poliedrico, che esprime una molteplicit di esigenze. La capacit di un sistema locale di generare economia turistica non pu rimanere limitata a pochi e circoscritti elementi dellofferta turistica, ma deve fondarsi su scelte che valorizzino il grado di attrattivit globale del sistema. Questo si riflette su un duplice aspetto: da una parte richiede agli operatori del settore competenze e risorse adeguate per la definizione e lo sviluppo di pacchetti integrati di servizi qualificati e innovativi, dallaltra impone allinsieme dei soggetti che vivono il territorio scelte e comportamenti orientati alla valorizzazione e allo sviluppo di tutte le risorse locali. In altri termini, si chiede agli operatori di rendere fruibili al turismo le risorse di cui un determinato territorio dispone. Lassunzione di responsabilit, in termini di definizione delle priorit e attuazione degli interventi, degli attori locali e le connessioni fra le traiettorie di sviluppo socioeconomico del territorio e le opportunit di sviluppo del settore turistico, si inquadrano nel paradigma della programmazione locale. Le politiche per il turismo necessitano di un quadro di azione in cui sar necessario far funzionare correttamente la relazione tra enti pubblici (in particolare, enti locali), imprese e tessuto sociale, valorizzando il ruolo delle Istituzioni e quello del mercato in un corretto e "moderno" equilibrio. Si deve, in particolare, introdurre un concetto di sviluppo endogeno, che tenga conto delle risorse disponibili nell'area e che utilizzi in modo attivo le risorse che possono essere attratte dall'esterno.

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

Altrettanto importante si rivela la condivisione degli obiettivi. Il turismo, si gi accennato, un settore complesso, le cui variabili di successo dipendono da un numero estremamente elevato di condizioni. E un mosaico articolato e fragile, in cui sufficiente la negativit di un singolo pezzo per delegittimare lintero sistema. In questo senso risulta determinante lindividuazione delle strategie di sviluppo, la condivisione degli obiettivi e la fermezza delle scelte. Qualit dei servizi offerti e valorizzazione dellintero sistema locale di offerta, rappresentano quindi i pilastri sui quali si deve fondare lo sviluppo del settore turistico in Sicilia. Il primo aspetto strettamente legato allevoluzione delle abitudini di consumo turistico e alle opportunit offerte dallo sviluppo tecnologico. Ladozione di strumenti di comunicazione interattivi, infatti, consente alle imprese di personalizzare lofferta, in ragione delle particolari esigenze della domanda. Ci tuttavia e possibile solo se, analogamente a quanto avvenuto sul lato dellinterazione con il cliente, anche le fasi delle attivit operative sono caratterizzate da una estrema flessibilit produttiva. Lopportunit di interagire direttamente con i consumatori, infatti, ha valore se e possibile accogliere esigenze personali, e dunque offrire prodotti non solo di massa. Losservazione sembrerebbe condurre ad un trade - off, oppure ad un salto allindietro verso una concezione artigianale, e da piccoli numeri. Le tendenze evolutive, invece, sembrano condurre ad una possibile risoluzione del trade - off tra produzione per una domanda dagli elevati volumi e personalizzazione di massa. In tale prospettiva i servizi turistici rappresentano un eterogeneo sistema di offerta, in cui confluiscono fasi differenti, sia sotto il profilo gestionale, sia sotto quello delle attivit operative. E agevole osservare, infatti, come dalla fase della prenotazione a quella dellerogazione del servizio stesso, il consumatore finale sia sempre coinvolto nel processo: prima nella selezione di un determinato pacchetto, dopo nella funzione di consumo strettamente intesa. La possibile risoluzione da ricercare su alcune direttrici di sviluppo che stanno caratterizzando il comparto terziario ampiamente inteso, e conseguentemente quello dei servizi turistici. Le prime due direttrici individuate, riguardano tutti i servizi in senso ampio; la terza riguarda pi da vicino i servizi turistici. In estrema sintesi, le direttrici sopra menzionate possono essere individuate: nella progettazione modulare del pacchetto di servizi; nellinterazione diretta con il consumatore, in modo che il profilo di offerta sia personalizzato e apprezzato al momento della progettazione, e quindi in anticipo rispetto al momento dellerogazione; nellutilizzo valorizzante delle risorse offerte dal territorio di localizzazione del servizio.

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

Si intende cio la valorizzazione delle risorse naturali, artistiche, storico - culturali, che possono essere offerte quali parti complementari di un pacchetto di servizi. Da tale valorizzazione possono nascere pacchetti personalizzabili in termini delle diverse esigenze della domanda. In particolare in un'offerta alberghiera relativamente standardizzata, possono essere inglobati elementi esterni specifici in modo da differenziare lesperienza di consumo attraverso elementi periferici del pacchetto. Ad esempio, possono essere offerti quale complemento al pacchetto di base: itinerari museali, percorsi di esplorazione storica e architettonica, itinerari salutisti e gastronomici, opzioni escursionistiche, itinerari agrituristici, itinerari religiosi, itinerari culturali. La qualificazione dei Sistemi Locali di Offerta Turistica (SLOT) deve rappresentare il secondo tassello delle dinamiche di sviluppo del settore turistico in Sicilia. Unimpostazione tradizionale, di tipo geografico, afferma che la vocazione turistica suggerita - o meglio determinata - dalla fisicit dei suoi luoghi, dal paesaggio, dimenticando, per, che forti componenti del turismo sono le condizioni economiche e sociali delle popolazioni protagoniste degli spostamenti e la congiuntura internazionale, che agisce sulla possibile concorrenza esercitata da paesi e ambienti stranieri, con simili o migliori condizioni naturali. Per non parlare degli effetti comunicativi dell'immagine del territorio considerato, cio dellimmagine sostenuta da una propaganda efficiente, favorita da trasporti efficienti in grado di valorizzare le risorse del territorio. Un sistema locale di offerta turistica, per essere tale, deve fondarsi su una diffusa cultura dellospitalit e su un approccio di qualit globale. Lo sviluppo territoriale regionale nel settore turistico appare caratterizzato da limitate qualit evidenti e di diffuse specificit latenti, cos come da evidenti ostacoli che frenano il recupero dei gap esistenti rispetto alle regioni turisticamente pi efficaci ed efficienti. In altri termini, la Sicilia turistica pu basare la sua strategia di sviluppo sulle competenze distintive precedentemente delineate, e dunque affacciarsi ad un mercato internazionale. Tali elementi distintivi sono presenti sul territorio regionale in modo diffuso, anche se il livello di graduazione tale da consentire lidentificazione di diverse aree distintive. Utilizzando una configurazione di tali elementi che tenga conto delle risorse turistiche attualmente sistematizate (natura, cultura e intrattenimento), possibile definire la strategia di intervento su almeno tre macro aree distintive, ovvero: aree ad alta vocazione naturalistica, aree ad alta vocazione culturale, aree ad alta vocazione di intrattenimento.

Tali macro cluster sono trasversali allintero territorio regionale che, quindi, appare dotato: di aree appartenenti al primo gruppo, le quali esprimono una vocazione che si plasma su connotazioni di tipo prevalentemente naturalistico, quale sintesi di condizioni geo morfologiche tipiche dellarea o della regione;

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

di aree culturali, dove la vocazione diversamente graduata in funzione della maggiore concentrazione di tradizioni, storia, reperti archeologici, etnia etc.; di aree a forte capacit di intrattenimento, cio dotate di servizi periferici in grado di assurgere alla funzione di potenziali attrattori (terme, parchi tematici, centri ad alta offerta commerciale notturna etc.).

L'orientamento strategico di fondo adottato si basa sull'assunzione che ogni vocazione territoriale debba rappresentare fenomeni di grande attrattivit, legati alla vocazione prioritaria e al potenziamento delle altre vocazioni minori quale momento di variegata fruibilit territoriale. Seguendo questa logica, per le aree caratterizzate da fenomeni di attrattivit prioritaria di tipo naturalistico, la strategia si focalizza nella definizione di grandi attrattori legati a questa dimensione e di attrattori di secondo e terzo livello legati alla cultura e all'intrattenimento. Questa impostazione si basa sull'assunto che ogni area debba al suo interno darsi una identit primaria (elemento discriminante della scelta), pur consentendo al fruitore di poter cogliere momenti differenti legati alla cosiddetta "rottura di stock" che consentano sia di cogliere i sottosegmenti, sia di dinamicizzare il territorio e quindi la fruizione (elemento discriminante la soddisfazione). Una possibile strategia di intervento per il comparto turistico regionale pu essere riassunta nei seguenti punti: Aumentare le presenze turistiche nella regione attraverso azioni di marketing strategico (posizionamento dellofferta) e di distribuzione del prodotto.

La strategia si pone lobiettivo di favorire una migliore penetrazione distributiva del prodotto Sicilia. In particolare, si intendono focalizzare gli sforzi distributivi e di promozione sui mercati nazionali e internazionali, diversificando luso delle due leve di marketing in funzione delle specificit dei differenti sistemi territoriali dellofferta regionale. Aumentare la competitivit dellofferta turistica regionale su segmenti di consumo economicamente pi qualificati.

La strategia orientata a favorire lattrazione di nuovi e pi redditizi segmenti di consumo, attraverso azioni di promozione delle aree di eccellenza regionale e di misurazione della soddisfazione del turista. Migliorare le condizioni logistiche di accesso alla fruibilit del territori in connessione con le azioni promosse nel settore dei trasporti.

La strategia orientata a ridurre le distanze esistenti sul territorio e quelle che la separano dai punti di accesso dei mercati internazionali. In particolare, si dovrebbe incentivare la nascita o il

10

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

potenziamento sia delle imprese in grado di favorire una maggiore frequenza delle connessioni interne tra i punti di arrivo e quelli di soggiorno, sia le imprese in grado di ridurre i costi di accesso primario alla regione. Favorire la politica di accoglienza del turista, attraverso il miglioramento delle condizioni di fruibilit dei luoghi di soggiorno.

La strategia insiste nellintenzione di ridurre le determinanti dellinsoddisfazione. In sostanza si intendono incentivare le azioni in grado di ridurre lassenza di informazioni, di aumentare il livello percettivo della qualit della vacanza nei luoghi di soggiorno (eventi, pulizia delle spiagge, benefici emozionali ecc.) e di stimolare una coerente educazione civica alla politica dellaccoglienza. Aumentare la fruibilit del patrimonio naturalistico, artistico e culturale regionale.

Una delle principali carenze dellofferta regionale , infatti, la capacit di fruire in modo diverso la vacanza. La nascita e il potenziamento di imprese integratrici dellofferta darebbe la possibilit di aumentare la diversificazione dellofferta uscendo dalla competizione basata sul solo prezzo e riducendo la pressione sulle coste. Laumento della variet dellofferta di territorio avrebbe come effetto non secondario laumento della permanenza media dei turisti e un impatto non trascurabile sulle determinanti della soddisfazione allacquisto. La strategia si concentra, quindi, sul sostegno delle imprese che completano e amplificano lofferta dei sistemi locali di offerta turistica. Favorire la localizzazione di grandi attrattori turistici in aree a vocazione culturale, come elemento auto propulsivo della genesi distrettuale.

Un fattore di limitata competitivit delle aree a vocazione turistica regionali , infatti, lassenza di grandi attrattori in grado, a parit di condizioni, di essere lelemento determinante della scelta del potenziale turista. La strategia , quindi, orientata a favorire linsediamento di strutture in grado di favorire la nascita o lemersione di nuovi sistemi di offerta locale, che fanno dellattrattore il loro elemento di attrazione sui mercati nazionali e internazionali. Favorire linnovazione tecnologica di prodotto, di processo ed organizzativa delle attivit di front e back office delle imprese turistiche regionali.

Lofferta regionale , infatti, poco sensibile allinnovazione nella sua accezione pi ampia. Si dovrebbe insiste nel potenziamento delle risorse, materiali e immateriali, attraverso azioni che favoriscano un nuovo sapere nella gestione e nella relazione con il cliente, nella creazione di reti di offerta, nel sostegno allintroduzione di innovazioni in grado di ridurre le distanze esistenti tra offerta ed esigenze della domanda. La strategia orientata a favorire la nascita e il potenziamento dellofferta attraverso lincentivazione alla riqualificazione e potenziamento, nei sistemi di offerta turistica esistenti, delle strutture ricettive e la nascita di nuove strutture

11

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

ricettive che aumentino la capacit di competere su segmenti di consumo economicamente pi qualificati, e ci attraendo investimenti di natura internazionale.

Promozione, pubblicizzazione e commercializzazione Le attivit di promozione, pubblicizzazione e commercializzazione sono indispensabili in tutti i settori economici ma particolarmente in quello turistico. Attraverso la promozione occorre essere in grado di fare nascere il desiderio del turista a visitare i territori siciliani. Con la pubblicizzazione si deve cercare di dare il massimo dell'informazione sulle modalit per soddisfare questo desiderio, mentre con la commercializzazione che un compito esclusivo dei privati si deve essere in grado di vendere il prodotto promosso. Ovviamente per avere un senso ed essere efficaci queste azioni devono essere coordinate e soprattutto condotte in comune con le altre regioni del bacino perch la sfida non deve essere tra le regioni del mediterraneo ma tra queste e la concorrenza delle altre aree continentali.

Le azioni di cooperazione e le politiche di marketing territoriale. Uno dei temi che dovranno caratterizzare il dibattito sulle strategie di sviluppo dei territori siciliani costituito dal rapporto tra le politiche di marketing territoriale e quello di cooperazione in relazione alle potenzialit dell'offerta turistica, culturale e ambientale. Nell'ottica di una progressiva emancipazione economica anche dei Paesi Arabi la promozione di investimenti per un turismo sostenibile rappresentano una enorme potenzialit. L'importante concentrazione in Sicilia di aree, di patrimoni e emergenze culturali e ambientali di altissimo livello restituisce una opportunit unica, inoltre da considerare come le attivit turistiche possono consentire, pur in presenza di una oggettiva carenza di standard infrastrutturali, tecnologici e professionali un primo formidabile strumento per l'avvio di successivi processi di sviluppo anche in altri settori produttivi. Il turismo quindi pu essere considerato come una sorte di attivit economica "pioniera" particolarmente adatta per creare condizioni di base per ulteriori, successivi programmi di sviluppo. In quest'ottica, che, come si detto deve sempre riconoscere la centralit dei processi di sviluppo sostenibile ed eco compatibile, due sono i settori di intervento da approfondire: le politiche di marketing territoriale per promuovere investimenti esteri nei settori del turismo e dei beni culturali ed ambientali; le politiche di cooperazione internazionale tra paesi turisticamente maturi e aree interessate a sviluppare programmi di investimenti per il turismo.

12

Scritti per
Il Turismo Emiratino verso lItalia

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

Una combinazione di fattori positivi registrati dal Paese, quali il consistente aumento della popolazione (soprattutto quella appartenente alle fasce a reddito pi elevato) e la sostenuta crescita economica e commerciale, hanno incrementato l'abitudine al viaggio delle famiglie emiratine (nel 2010 si prevede un aumento del 5% dei viaggi allestero). Questo dato in linea con quelli dellintera regione mediorientale, in cui si stima che il traffico aereo passeggeri crescer del 7.1%. Lo sviluppo dei due Emirati pi importanti (Abu Dhabi e Dubai) e accompagnato dallapertura di nuovi collegamenti aerei tra gli EAU e altre destinazioni, con evidenti ritorni positivi per tutte le regioni coinvolte dal momento che le nuove rotte aeree hanno contribuito ad accelerare la mobilit dei flussi turistici emiratini. Significativi a questo riguardo sono anche lespansione degli Aeroporti di Dubai ed Abu Dhabi e la costruzione del nuovo aeroporto internazionale tra Abu Dhabi e Dubai, Dubai World Central, nella zona di Jebel Ali (Jebel Ali Aviation City), nonch l' nuova compagnia aerea low cost, FlyDubai. La clientela turistica locale mostra le seguenti preferenze: Verso est hanno perso terreno la Thailandia, lIndonesia, e Singapore, mentre Malaysia, Australia e Nuova Zelanda vedono aumentare le presenze. Verso ovest, tra le mete preferite compaiono sempre pi spesso destinazioni europee (nonostante il cambio sfavorevole della moneta locale, ancorata al dollaro USA), in particolare Inghilterra, Francia, Germania ed Italia. Il Regno Unito conferma la propria posizione di meta in assoluto pi gettonata, con uno stabile turismo daffari (tutto lanno) e familiare (nei mesi estivi). I risultati ottenuti dallItalia sono in miglioramento ma comunque non allaltezza delle elevate potenzialit della clientela locale e dellottimo livello dei rapporti bilaterali, in particolare nel settore economico-commerciale.

Quella emiratina e una clientela di lusso in quanto il Paese gode di un reddito pro-capite elevato (il secondo nel Medio Oriente) e per di pi concentrato nelle mani di circa il 20% della popolazione. Secondo stime delle Autorita emiratine competenti in materia di turismo, il 64% dei viaggiatori emiratini si reca allestero almeno una volta allanno e nella maggior parte dei casi (69%) si tratta di viaggi di piacere o di visite ad amici e parenti, in alcuni casi (26%) viaggi di affari, raramente (5%) viaggi a scopo religioso o di salute. Altra abitudine riscontrata e quella di viaggiare con la famiglia e di alloggiare in alberghi di lusso.I mesi preferiti per i soggiorni pi lunghi sono quelli estivi, anche a causa delle elevate temperature locali.

13

Scritti per

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

Per quanto invece riguarda la scelta della destinazione i fattori maggiormente incidenti sono: lefficienza delle strutture alberghiere; la possibilit di comunicare in lingua inglese; la possibilit di effettuare acquisti di lusso e di godere liberamente di svaghi; la presenza di strutture termali con servizi di lusso; la presenza campi da golf.

La capacit attrattiva che caratterizza il nostro Paese in ragione della varieta dellofferta, con strutture alberghiere altamente qualificate, unita ad unoriginale combinazione di mare, laghi, monti e citt darte, potrebbe facilmente incontrare le esigenze della domanda emiratina. In particolare, potrebbe risultare appropriato per il target turistico locale puntare sulla formulazione e promozione di pacchetti di lusso, che includano, ad esempio, cure termali e di bellezza e campi da golf. I principali punti di forza della destinazione Italia sono: buona qualit delle infrastrutture turistiche; risorse paesaggistiche e naturali estremamente attraenti e variegate; possibilit di effettuare shopping di lusso; clima tendenzialmente favorevole, solitamente caratterizzato da inverni miti ed estati fresche; risorse archeologico - monumentali di rilevanza internazionale; risorse gastronomiche di richiamo internazionale; buon livello di professionalit degli operatori; buon livello di notoriet (grazie allappeal esercitato dalla moda italiana e dallItalian style); consolidata tradizione turistica; per alcune Regioni, presenza di strutture termali di qualit elevate.

Le principali debolezze sono invece: bassa percentuale degli investimenti negli ultimi 15 anni nel settore turistico, rispetto ad altri paesi europei; sfruttamento parziale delle strutture turistiche con aeroporti di limitate dimensioni; non ancora adeguata diffusione della lingua inglese;

14

Scritti per
attivit promozionale non adeguata alla domanda;

e
CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA NEGLI EAU
website: www.iicuae.com

servizi standardizzati non sempre in grado di adattarsi alle esigenze differenziate della domanda;

managerialit non adeguata ad intraprendere innovazioni nel settore.

Per incrementare i flussi turistici emiratini verso lItalia bisogna passare attraverso: A. la diffusione di materiale promozionale multimediale (depliants, filmati) in lingua inglese (e/o araba) sia al pubblico che richiede visti per il nostro Paese, sia ai grandi Gruppi economici locali, target privilegiato per il turismo a reddito elevato (lAmbasciata dItalia ad Abu Dhabi in collaborazione con lENIT divulga gi depliant informativi in lingua araba); B. la promozione dellofferta italiana di qualit e di lusso, relative anche a terme e campi da golf, al fine di intercettare determinati segmenti della clientela VIP emiratina; C. la realizzazione di unadeguata campagna di marketing turistico del nostro Paese; D. la promozione mirata delle Regioni italiane; E. la destagionalizzazione, che potrebbe risultare interessante sia perch le festivit locali non coincidono con quelle europee, sia perch il clima mite che caratterizza il nostro Paese potrebbe risultare un punto di vantaggio rispetto alle altre destinazioni europee. Relativamente alle attivit di promozione e sviluppo delle risorse dellindustria turistica siciliana e dei diversi ed innumerevoli siti del patrimonio turistico siciliano, la Sp Service International e la Camera di Commercio Italiana negli U. A. E. propongono di valorizzarne ulteriormente lefficacia attraverso lo strumento dellArabian Travel Market quale luogo di incontro internazionale di operatori eccellenti ed investitori nel settore dei beni territoriali di interesse turistico. LArabian Travel Market si rivela essere in modo ottimale un luogo internazionale deputato allincontro di domande ed offerte integrate di beni e servizi relativi ai settori turistici - culturali e di tutte le risorse dei territori locali. Un luogo, un evento entro cui la promozione dei siti Siciliani di interesse turistico, archeologico, museale come quella delle strutture ricettive e dei relativi percorsi turistici - culturali potr caratterizzarsi di aspetti internazionalistici che valorizzeranno a pieno il patrimonio Siciliano.

Gaetano La Tella

15