Sei sulla pagina 1di 7

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI BRESCIA Facolt di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

INFERMIERISTICA CLINICA DI BASE


1. Riferimenti allOrdinamento Didattico Modulo dell Insegnamento di Infermieristica clinica generale 1 anno, a.a. 2011-2012 SSD: MED/45 45 ore 2. Obiettivi di insegnamento/apprendimento Al termine del Modulo dellinsegnamento Infermieristica clinica di base, lo studente: Conosce e utilizza i modelli funzionali della salute elaborati da Marjory Gordon per organizzare la raccolta delle informazioni di interesse infermieristico Riconosce i modelli disfunzionali della salute elaborati da Marjory Gordon Identifica i problemi assistenziali della persona assistita utilizzando le diagnosi infermieristiche NANDA Identifica i principali obiettivi ed interventi assistenziali da attuare in relazione alle diagnosi infermieristiche declinate nel programma

INTRODUZIONE: Il modello teorico di riferimento


Gli 11 modelli funzionali della salute di Mariory Gordon: una struttura per laccertamento I modelli disfunzionali della salute Le diagnosi infermieristiche NANDA

Bibliografia essenziale: Mariory Gordon,Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazione, CEA, 2009 (Capitolo 5: pag 91-135; Capitolo 6: pag 137-165; Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009 NANDA, Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011, CEA, Milano, 2009. pp 3-21

UD n.1 : MODELLO DI PERCEZIONE E DI GESTIONE DELLA SALUTE


Contenuti Salute e malattia: vissuto e reazione della persona alla malattia La presa in carico della persona in ospedale: accettazione, accoglienza, dimissione La presa in carico della persona a livello territoriale 1. Accertamento sulla persona, famiglia, comunit 2. Diagnosi infermieristiche NANDA: a. RISCHIO DI CADUTA b. RISCHIO DI INFEZIONE 3. Pianificazione degli obiettivi e degli interventi assistenziali: a. Gestione assistenziale del paziente a rischio di caduta

Bibliografia essenziale: Luisa Saiani, Anna Brugnolli, Trattato di cure infermieristiche, Idelsongnocchi, 2011. pp 86-87; 95-105; 323330 Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009 NANDA, Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011, CEA, Milano, 2009. pp 337-338; pp 333

UD n2: MODELLO NUTRIZIONALE-METABOLICO


1

Alimentazione e gestione delle alterazioni


Prerequisiti teorici: Elementi propedeutici di fisiologia e fisiopatologia dellalimentazione Principi di una alimentazione sana Alimentazione nelle fasi della vita Contenuti: 2. Accertamento sulla persona, famiglia, comunit a. Nutrizione normale b. Alterazioni della stato nutrizionale (definizioni concettuali): obesit e sovrappeso, malnutrizione, sindrome da anoressia e cachessia neoplastica, disfagia, disturbi del comportamento alimentare. 3. Diagnosi infermieristiche: a. NUTRIZIONE INFERIORE AL FABBISOGNO b. NUTRIZIONE SUPERIORE AL FABBISOGNO c. COMPROMISSIONE DELLA DEGLUTIZIONE 4. Pianificazione degli obiettivi e degli interventi assistenziali: a. Gestione assistenziale della malnutrizione b. Gestione assistenziale della persona con nausea e vomito c. Gestione assistenziale della disfagia d. Alimentazione enterale e alimentazione parenterale: definizioni concettuali

Bibliografia essenziale: Luisa Saiani, Anna Brugnolli, Trattato di cure infermieristiche, Idelsongnocchi, 2011. pp. 594-624 NANDA, Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011, CEA, Milano, 2009. pp 86-89 Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009

Bilancio idroelettrolitico e gestione delle alterazioni


Prerequisiti teorici: Elementi propedeutici di fisiologie e fisiopatologia dellequilibrio idro-elettrolitico Omeostasi idroelettrolitica Contenuti: 1. Accertamento sulla persona, famiglia, comunit a. Idratazione normale b. Il bilancio idrico c. Alterazioni dellequilibrio idro-elettrolitico (definizioni concettuali): disidratazione, ipovolemia, squilibrio idro-elettrolitico, eccesso di volume di liquidi, maldistribuzione di liquidi 2. Diagnosi infermieristiche NANDA: a. RISCHIO DI INSUFFICIENTE VOLUME DI LIQUIDI b. INSUFFICIENTE VOLUME DI LIQUIDI c. ECCESSIVO VOLUME DI LIQUIDI

3. Pianificazione degli obiettivi e degli interventi assistenziali a. Gestione assistenziale della disidratazione Bibliografia essenziale: Luisa Saiani, Anna Brugnolli, Trattato di cure infermieristiche, Idelsongnocchi, 2011. pp 651-671 Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009 NANDA , Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011 Edizioni Cea, 2009. pp 95-97

Temperatura corporea e gestione delle alterazioni


2

Prerequisiti teorici: Elementi propedeutici di fisiologie della termoregolazione Modificazioni fisiologiche del corpo al caldo e al freddo Contenuti: 1. Accertamento sulla persona, famiglia, comunit a. Alterazioni della TEMPERATURA CORPOREA (definizioni concettuali): ipertermia, febbre, ipotermia 2. Diagnosi infermieristiche NANDA: a. IPERTERMIA b. IPOTERMIA

3. Pianificazione degli obiettivi e degli interventi assistenziali: 1. Gestione assistenziale della persona con febbre 2. Gestione assistenziale dellipertermia 3. Gestione assistenziale dellipotermia Bibliografia essenziale: Luisa Saiani, Anna Brugnolli, Trattato di cure infermieristiche, Idelsongnocchi, 2011. pp 796-804. Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009 NANDA , Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011 Edizioni Cea, 2009. pp 375-376

Prevenzione e gestione delle lesioni cutanee


Contenuti: 1. Fisiopatologia delle lesioni (ulcere) da pressione (decubito) 2. Accertamento del rischio 3. Diagnosi infermieristiche NANDA: a. RISCHIO DI COMPROMISSIONE DELLINTEGRITA CUTANEA b. COMPROMISSIONE DELLINTEGRITA CUTANEA

4. Pianificazione degli obiettivi e degli interventi assistenziali: 4. Gestione assistenziale della persona a rischio di lesione da pressione (decubito) 5. Gestione assistenziale della persona con lesione da pressione (decubito) Bibliografia essenziale: Luisa Saiani, Anna Brugnolli, Trattato di cure infermieristiche, Idelsongnocchi, 2011. pp 498-527 Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009 NANDA , Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011 Edizioni Cea, 2009. pp 341-342 Bibliografia approfondimento: G.Luca De Giuli Lesioni da pressione , 2011 (materiale fornito dal docente)

UD n3: MODELLO DI ELIMINAZIONE Eliminazione urinaria e gestione delle alterazioni


Prerequisiti teorici: Elementi propedeutici di fisiologia della funzione urinaria Contenuti: 1. Accertamento sulla persona, famiglia, comunit a. Eliminazione urinaria normale b. Le principali alterazioni della funzione urinaria i. Alterazioni della minzione: incontinenza urinaria e ritenzione urinaria 3

ii. iii.

Alterazioni della diuresi: oliguria, anuria, poliuria Le principali alterazioni dei caratteri dellurina

2.

Diagnosi infermieristiche NANDA: a. COMPROMESSA ELIMINAZIONE URINARIA b. INCONTINENZA URINARIA DA SFORZO c. INCONTINENZA URINARIA DA URGENZA d. INCONTINENZA URINARIA RIFLESSA e. INCONTINENZA URINARIA FUNZIONALE f. INCONTINENZA URINARIA DA RIGURGITO g. INCONTINENZA URINARIA TOTALE h. RITENZIONE URINARIA

3. Pianificazione degli obiettivi e degli interventi assistenziali: a. Gestione assistenziale dellincontinenza urinaria b. Gestione assistenziale della ritenzione urinaria acuta c. Gestione assistenziale del rischio infezioni Bibliografia essenziale: Luisa Saiani, Anna Brugnolli, Trattato di cure infermieristiche, Idelsongnocchi, 2011. pp 724-745 Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009 NANDA , Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011 Edizioni Cea, 2009.pp 103; 105110; 113

Eliminazione intestinale e gestione delle alterazioni


Prerequisiti teorici: Elementi propedeutici di fisiologia della funzione intestinale Contenuti: 1. Accertamento sulla persona, famiglia, comunit a. Eliminazione intestinale normale b. Le principali alterazioni della funzione intestinale: stipsi, diarrea, incontinenza fecale: i. Le principali alterazioni dei caratteri delle feci 2. Diagnosi infermieristiche NANDA: a. STIPSI b. STIPSI PERCEPITA c. RISCHIO DI STIPSI d. DIARREA e. INCONTINENZA FECALE 3. Pianificazione degli obiettivi e degli interventi assistenziali: a. Gestione assistenziale della stipsi e del rischio di stipsi b. Gestione assistenziale della diarrea c. Gestione assistenziale dellincontinenza fecale Bibliografia essenziale: Luisa Saiani, Anna Brugnolli, Trattato di cure infermieristiche, Idelsongnocchi, 2011 (pag 679-700) Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009 NANDA , Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011 Edizioni Cea, 2009. Pp 114-120

UD.4 ATTIVITA ED ESERCIZIO FISICO


Esercizio fisico, mobilit e gestione delle alterazioni
Prerequisiti teorici: Elementi propedeutici di anatomia della funzione motoria Contenuti: 4

1.

Definizioni concettuali: attivit fisica, esercizio fisico, stato funzionale, allineamento posturale, immobilit, immobilizzazione, costrizione o decubito obbligato a letto, disabilit.

2. Accertamento sulla persona, famiglia, comunit a. La mobilit normale e le capacit motorie b. Alterazioni della mobilit: i. Alterazione del tono, massa, forza muscolare ii. Alterazioni dellandatura iii. Alterazioni della tolleranza allo sforzo c. Gli effetti sistemici e psicosociali dellimmobilit: sindrome da immobilizzazione d. La pressione arteriosa e le principali alterazioni (ipotensione arteriosa, ipertensione arteriosa) 6. Il polso e le principali alterazioni (tachicardia, bradicardia, aritmia, asistolia, tachiaritmia, bradiaritmia) 3. Diagnosi infermieristiche NANDA: a. COMPROMISSIONE DELLA MOBILITA b. COMPROMISSIONE DELLA MOBILITA NEL LETTO c. COMPROMISSIONE DELLA MOBILITA CON LA SEDIA A ROTELLE d. COMPROMESSA CAPACITA DI TRASFERIMENTO e. COMPROMISSIONE DELLA DEAMBULAZIONE f. RISCHIO DI SINDROME DA IMMOBILIZZAZIONE g. INTOLLERANZA ALLATTIVITA h. FATIGUE

4. Pianificazione degli obiettivi e degli interventi assistenziali: a. Gestione assistenziale della compromissione della mobilit b. Gestione assistenziale della sindrome da immobilizzazione c. Gestione assistenziale dellintolleranza allattivit/esercizio fisico Bibliografia essenziale: Luisa Saiani, Anna Brugnolli, Trattato di cure infermieristiche, Idelsongnocchi, 2011. pp 178-190; 448-479 Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009 NANDA , Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011 Edizioni Cea, 2009. pp 135; 139144; 146-147;150

Cura e igiene del corpo


Prerequisiti teorici: La funzione della cute Contenuti: 1. Significato sociale e culturale della cura del corpo 2. Accertamento sulla persona, famiglia, comunit a. La normale cura di s b. Alterazioni della cura di s 3. Diagnosi infermieristiche NANDA: a. DEFICIT CURA DI SE (alimentazione) b. DEFICIT CURA DI SE (bagno) c. DEFICIT CURA DI SE (uso del gabinetto) d. DEFICIT CURA DI SE (vestirsi) 4. Pianificazione degli obiettivi e degli interventi assistenziali: a. Gestione assistenziale del deficit di cura di s Bibliografia essenziale: Luisa Saiani, Anna Brugnolli, Trattato di cure infermieristiche, Idelsongnocchi, 2011. pp 390-420 Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009 NANDA , Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011 Edizioni Cea, 2009. pp 170-173

Respirazione e gestione delle alterazioni


5

Prerequisiti teorici: Elementi propedeutici di fisiologia della respirazione Contenuti: 1. Accertamento sulla persona, famiglia, comunit a. La respirazione normale e i caratteri del respiro b. Le alterazione della respirazione e dellossigenazione (definizioni concettualI): tachipnea, polipnea, bradipnea, dispnea, apnea, iperventilazione, ipoventilazione, ipossia, ipossiemia, cianosi, ostruzione bronchiale, respiri patologici) c. La tosse e lespettorato: principali alterazioni 2. Diagnosi infermieristiche NANDA: a. MODELLO DI RESPIRAZIONE INEFFICACE b. COMPROMISSIONE DEGLI SCAMBI GASSOSI c. INEFFICACE LIBERAZIONE DELLE VIE AEREE 3. Pianificazione degli obiettivi e degli interventi assistenziali: a. Gestione assistenziale dellipossia b. Gestione assistenziale della dispnea c. Gestione assistenziale dellostruzione bronchiale Bibliografia essenziale: Luisa Saiani, Anna Brugnolli, Trattato di cure infermieristiche, Idelsongnocchi, 2011 (pag 535-549;553-564) Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009 NANDA , Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011 Edizioni Cea, 2009. Pp 161; 125; 354

UD n5: MODELLO DI RIPOSO E SONNO


Contenuti Accertamento sulla persona, famiglia, comunit Bibliografia essenziale: Mariory Gordon,Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazione, CEA, 2009. pp 91-135

UD N6: MODELLO COGNITIVO PERCETTIVO


Processi cognitivi e gestione delle principali alterazioni
Contenuti: 1. Accertamento sulla persona, famiglia, comunit a. Le funzioni cognitive normali b. Le alterazioni dei processi cognitivi (definizioni concettuali): alterazioni dello stato di coscienza, deficit della memoria, deficit di linguaggio, stato confusionale acuto o delirium c. Il dolore come esperienza multidimensionale 2. Diagnosi infermieristiche NANDA: a. COMPROMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE VERBALE b. CONFUSIONE MENTALE ACUTA c. CONFUSIONE MENTALE CRONICA d. DOLORE ACUTO e. DOLORE CRONICO 3. Pianificazione degli obiettivi e degli interventi assistenziali: a. Gestione assistenziale del deficit di linguaggio b. Gestione assistenziale dello stato confusionale acuto c. Gestione assistenziale della persona con dolore Bibliografia essenziale: 6

Luisa Saiani, Anna Brugnolli, Trattato di cure infermieristiche, Idelsongnocchi, 2011. pp 772-779 783-789 pag 808-824. Judith M. Wilkinson, Processo infermieristico e pensiero critico, CEA, Milano, 2009 NANDA , Diagnosi infermieristiche. Definizioni e classificazione 2009-2011 Edizioni Cea. pp 2009 182; 190; 198,383-384

UD n7: MODELLO DI PERCEZIONE DI SE- CONCETTO DI SE


Contenuti Accertamento sulla persona, famiglia, comunit Bibliografia essenziale: Mariory Gordon, Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazione, CEA, 2009. pp 91-135

UD n8: MODELLO DI RUOLI E RELAZIONI


Contenuti Accertamento sulla persona, famiglia, comunit Bibliografia essenziale: Mariory Gordon, Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazione, CEA, 2009. pp 91-135

UD N.9: MODELLO DI SESSUALITA E RIPRODUZIONE


Contenuti Accertamento sulla persona, famiglia, comunit Bibliografia essenziale: Mariory Gordon, Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazione, CEA, 2009. pp 91-135

UD N.10: MODELLO DI COPING E TOLLERANZA ALLO STRESS


Contenuti Accertamento sulla persona, famiglia, comunit Bibliografia essenziale: Mariory Gordon,Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazione, CEA, 2009. pp 91-135

UD N 11: MODELLO DI VALORI E CONVINZIONI


Contenuti Accertamento sulla persona, famiglia, comunit Bibliografia essenziale: Mariory Gordon,Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazione, CEA, 2009. pp 91-135 3. Metodi di insegnamento/apprendimento Il modulo si articola in una serie di lezioni frontali 4. Forme di verifica e di valutazione Test a risposta multipla ed integrazione orale 7. Disponibilit per il tutorato rivolto agli studenti 8. Disponibilit per attivit opzionali (a scelta dello studente) 9. Docente: Dr.