Sei sulla pagina 1di 4

LE AZIONI MARIE CURIE DI OSPITALIT

Programma Persone del Settimo Programma Quadro

Si tenuto venerd 5 ottobre a Bruxelles, presso la sede dellAgenzia per la Promozione della Ricerca Europea (APRE), un corso sulle azioni Marie Curie di ospitalit.

Le azioni Marie Curie sono borse di ricerca europee: programmi di formazione,


mobilit e sviluppo della carriera dei ricercatori che si fondano sui tre principi fondatori di mobilit, internazionalit (il 25% del budget del programma dedicato alla dimensione internazionale) e interdisciplinarit (collaborazione tra settore pubblico e privato). Le azioni, nate 25 anni fa, fanno oggi parte del Programma Persone del settimo programma quadro (7PQ) e si basano sullapproccio bottom-up per cui ricercatori o istituti di ricerca presentano proposte di progetti in qualsivoglia campo e sottomettono la proposta alla valutazione della Commissione per ricevere i nanziamenti. Obiettivo del programma quello di attirare i giovani nel campo della ricerca, cercando di coinvolgere sempre pi la componente femminile. Oggi le donne rappresentano il 38% dei ricercatori partecipanti, avvicinandosi allobiettivo del programma che era stato ssato al 40%. Katia Insogna, esperta del Programma Pesone e coordinatrice della rete National Contact Points (NCP), presenta le otto azioni Marie Curie del 7PQ e gli ultimi bandi che chiuderanno il ciclo di nanziamenti 2007-2013. Le azioni Marie Curie del 7PQ, infatti, scadranno lanno prossimo e il programma ha un budget residuo ancora a disposizione di 960 milioni di euro: un ammontare molto pi alto del solito che far si che la lista dei progetti accettati sar pi lunga del solito, rendendo particolarmente consigliabile la partecipazione alle ultime calls. Nella tabella che segue sono riportati tutti gli ultimi bandi del programma con le relative date di apertura e chiusura:

Descrizione delle azioni Le azioni Marie Curie si dividono in azioni di ospitalit


(dove le organizzazioni sono la parte attiva che propone il progetto alla Commissione e i ricercatori subentrano in un secondo tempo) e azioni individuali (dove invece sono i ricercatori con esperienza che propongono il loro progetto afnch venga nanziato). Katia Insogna parla solo delle azioni di ospitalit, durante la mattinata, perch sono quelle per cui i bandi sono ancora aperti. I progetti Marie Curie durano 48 mesi e il nanziamento della Commissione mette a disposizione sia gli stipendi dei ricercatori che un fondo destinato allUniversit per coprire le spese dei viaggi e delle attivit di formazione extra-curriculari del ricercatore.

ITN - INITIAL TRAINING NETWORK Le azioni ITN sono essenzialmente dei dottorati rivolti a coloro che desiderano intraprendere la carriera nel campo della ricerca e nascono con lobiettivo di formare ricercatori con competenze rivendibili sul mercato. Il coinvolgimento del settore privato nel programma ITN non obbligatorio ma fortemente incentivato per cui i progetti che lo prevedono hanno maggiori probabilit di successo nella valutazione per i nanziamenti. Vi sono tre modalit di implementazione di un progetto ITN: 1.Multi-partner ITN Richiede la partecipazione di minimo tre organizzazioni diverse appartenenti a tre stati membri diversi. 2.European Industrial Doctorate (EID) Prevede che il 50% del progetto di formazione si svolga presso un ente industriale privato. Il ricercatore pu essere reclutato solo dalluniversit o da entrambi i settori pubblico e privato. Di solito pi semplice se lo recluta solo luniversit, dovendolo iscrivere al dottorato, facendo poi passare il ricercatore nel privato tramite il distacco del personale. Anche i centri di ricerca possono partecipare ma devono essere associati ad ununiversit (per liscrizione al programma di dottorato). 3. Innovative Doctorate Programme (IDP) Luniversit realizza dei programmi di dottorato e recluta direttamente i suoi ricercatori (no ad un massimo di 13) offrendo loro una formazione che soddis i criteri di mobilit e interdisciplinarit del programma ITN. Questo sistema amministrativamente molto pi semplice da gestire ma pi difcile da vincere come progetto perch valutato sulla stessa scala degli altri ITN e quindi penalizzato. Purtroppo la valutazione dei progetti non si divide per schemi quindi lanno scorso sono stati nanziati solo 6 progetti IDP. E un errore usare gli stessi criteri per valutare schemi diversi e per questo Katia Insogno sconsiglia la partecipazione a questo programma per il momento e consiglia di puntare sullEID. La data di scadenza per la presentazione dei progetti ITN il 22 novembre per cui non vi il tempo materiale per scrivere un nuovo progetto da zero ma se qualcuno avesse dei progetti gi scritti e riutati in passato, questo sarebbe il momento giusto per rafnarli e sottometterli nuovamente alla Commissione. A questo proposito APRE offre un pre-screening gratuito dei progetti. Il criterio principale in fase di valutazione, da tenere particolarmente in considerazione nella stesura del progetto ITN, la formazione che si offre al ricercatore.

IRSES - INTERNATIONAL RESEARCH STAFF EXCHANGE SCHEME E un bando aperto a tutti i paesi, che ha lo scopo di rafforzare le collaborazioni scientiche con i paesi terzi. E consigliato solo nei casi in cui esiste gi una cooperazione tra universit e centri di ricerca e si necessitano fondi per distaccare il personale. (Non funziona altrettanto bene nel caso in cui la collaborazione deve essere creata da zero). LItalia prima beneciaria in assoluto nel campo di questi progetti nel cui ambito effettua collaborazioni soprattutto con il Canada, gli Stati Uniti (soprattutto il MIT) e il Nord Africa. Per far partire il progetto necessario che ci siano minimo 2 organizzazioni di ricerca indipendenti di 2 paesi associati diversi tra cui poi si potr scambiare tutto lo staff da 1 a 12 mesi continuativi o spezzati e gli scambi devono essere bidirezionali. Il prossimo novembre APRE organizza ad Istanbul un corso di formazione per scrivere progetti IRSES.

IEF - INTRA-EUROPEAN FELLOWSHIPS FOR CAREER DEVELOPMENT LIEF un programma che il ricercatore svolge allestero, in uno dei paesi europei. La regola di mobilit per accedere a questo dottorato richiede di non aver vissuto nel paese ospitante per pi di 12 mesi negli ultimi 3 anni.

IAPP - INDUSTRY-ACADEMIA PARTNERSHIPS AND PATHWAYS IAPP nasce per creare collegamenti e partenariati tra industria e mondo accademico con lobiettivo di incrementare lo scambio di conoscenza tra i due settori. Ha una durata tra 24 e 48 mesi ed consigliato soprattutto per le start-up e le spin-off perch il progetto d la possibilit di reclutare personale che viene pagato dalla Commissione europea. Non c un massimo di budget destinato ai progetti perch i nanziamenti dipendono dal programma, dal numero dei distacchi e dai mesi di reclutamento. Il budget copre anche le spese per lorganizzazione di conferenze, workshop e convegni e destina un massimo del 10% del fondo allacquisto di attrezzature. Il 30% degli scambi (distacchi di personale) possono essere effettuati anche a livello nazionale ma non vengono nanziati e devono essere giusticati.

COFUND - COFINANZIAMENTO DI PROGRAMMI REGIONALI, NAZIONALI E INTERNAZIONALI LItalia vanta cinque progetti a coordinamento in questo programma (cos come lInghilterra) che rappresentano la punta di orgoglio nazionale. A differenza dellITN nel COFUND gli stipendi dei ricercatori vengono pagati dallazienda ospitante. Si tratta dellunica azione che non al 100% a contributo comunitario (questo arriva al massimo al 60%) ma si basa sul co-nanziamento privato di programmi nazionali o internazionali.

Informazioni pi dettagliate per ciascunazione Marie Curie possono essere trovate alla seguente pagina web: http://ec.europa.eu/research/mariecurieactions/index_it.htm

Cosa cambier con H2020 Alessandra Luchetti, capo unit del Programma
Persone, dona una panoramica su come cambieranno le azioni Marie Curie con Horizon 2020. E stata avanzata da molti Stati la richiesta di una maggior presenza dellindustria nel programma, e di unarmonizzazione delle procedure di accesso, alla luce delle otto azioni diverse che esistono oggi, ognuna con distinte regole di ammissibilit. E quindi ora in fase di discussione la proposta di ridurre il numero delle azioni che, da 13 nel 6PQ, sono diventate 8 nellattuale 7PQ, e dovrebbero ridursi a 4 in Horizon 2020 secondo il seguente raggruppamento: Azione 1 - ITN - Formazione iniziale dei ricercatori ITN - Initial Training Network. Le ITN per la formazione iniziale di ricercatori e dottorandi, rimarrebbero invariate. Potrebbe cambiare solo il nome delliniziativa da Initial Training Network a Innovative Training Network. Azione 2 - Giovani ricercatori con esperienza IEF IOF IIF CIG - Intra-European Fellowships for Career Development - International Outgoing Fellowships - International Incoming Fellowships - Career Reintegration Grants

Le 4 azioni individuali IEF, IOF, IIF, CIG si raggrupperanno in una sola azione destinata ai ricercatori con dottorato o almeno 4 anni di esperienza al momento della proposta. Azione 3 - RISE - Staff Exchange IAPP - Industry-Academia Partnerships and Pathways IRSES - International Research Staff Exchange Scheme IAPP e IRSES si fonderanno in una nuova azione che coprir sia la dimensione internazionale che quella intersettoriale. Per partecipare il richiedente dovr essere afliato ad ununiversit. Il nome della nuova azione dovrebbe diventare RISE, Research and Innovation Staff Exchange. Azione 4 - COFUND COFUND - Co-funding of Regional, National and International Programmes Liniziativa COFUND rimarr invariata. Il nanziamento solo parziale da parte della Commissione (massimo il 60%) si rivelato problematico, come dimostra il numero e lentit delle proposte presentate in questo campo, per cui stata proposta una norma che permetta lutilizzo dei fondi strutturali per integrare il 40% del contributo investito dallente privato.

Giovanna Sartori 5 ottobre 2012