Sei sulla pagina 1di 6

CITTA DI VIZZINI

(Provincia Regionale di Catania)

Settore dei Servizi Tecnici


AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SERVIZI ALLINTERNO DELLAREA ARTIGIANALE DESTINATA AD INSEDIAMENTI PRODUTTIVI FINALITA Il Comune di Vizzini, in esecuzione della deliberazione di Giunta Municipale n. 109 del 18/09/2012, intende verificare la disponibilit di soggetti interessati alla concessione per la gestione funzionale ed economica del Centro Servizi di propriet comunale allinterno dellarea artigianale destinata ad insediamenti produttivi. Lobiettivo dellEnte, attraverso il presente avviso, consiste nel selezionare il soggetto concessionario, al termine di un confronto concorrenziale e del relativo processo valutativo operato tra le proposte progettuali presentate. In particolare, il presente avviso rivolto ad operatori economici, anche in raggruppamento o in associazione temporanea di scopo (ATS), consorzi, associazioni, societ, enti o altri soggetti idonei alla gestione, con priorit alle realt aventi sede nel territorio comunale di Vizzini, individuando nella fase della manifestazione di interesse un unico referente. IL CENTRO SERVIZI Il Centro Servizi ricade allinterno dellarea degli insediamenti produttivi artigianali di Vizzini e sorge ai margini dellabitato fra le contrade Garofano, Albanicchi e Formiche ed ha accesso diretto dalla strada comunale oggi denominata Via Aldo Moro. La zona inquadrata nel vigente Piano Regolare Generale come Za con destinazione Zona Artigianale e la composizione urbanistica caratterizzata da una strada principale che si sviluppa a doppio anello e che serve i vari lotti su cui insistono n. 21 opifici, ove la parte centrale ospita il Centro Servizi. Limmobile, di concezione moderna, si presenta con una struttura portante in acciaio, pannellature di tompagno in prefabbricati coibentati, infissi esterni in metallo e vetro e specchiature in vetro tipo U-glass. Limpianto compositivo di forma pressoch

rettangolare, con gli elementi di collegamento verticali posti alle due estremit e con vari accessi che, sfruttando lorografia del terreno, permettono lingresso alla struttura sia al primo livello sia al secondo direttamente dalle vie pubbliche dando cos ampie possibilit di utilizzazione. La struttura si sviluppa su tre livelli principali ed un quarto livello di dimensioni ridotte dal quale possibile ispezionare la copertura piana. Di recente il Centro Servizi stato oggetto di due finanziamenti pubblici comunitari per il completamento e la fruizione, i cui lavori, stando al cronoprogramma progettuale, dovrebbero essere ultimati entro il primo semestre 2013. Esso dotato di tutti gli impianti tecnologici quali impianto idrico, fognario, elettrico; ascensore; antincendio; fotovoltaico e solare termico. Le destinazioni duso derivanti dai progetti finanziati sono i seguenti, restando inteso che i soggetti interessati potranno prevedere anche alte destinazioni, comunque compatibili: Destinazioni duso piano terra: E prevista una zona che ospiter tutte le centrali tecnologiche dei vari impianti; un centro polifunzionale destinato a tutte quelle attivit collaterali alla principale (ad es: un centro sportivo per lorganizzazione delle attivit fisiche post-lavoro degli addetti alle attivit artigiane; un possibile centro ricreativo; un luogo di incontro fra i vari operatori per discutere dei problemi della categoria o dellarea) utilizzato per poco tempo come uffici dello Sportello Comunale delle Energie Rinnovabili; un bar che occupa la parte centrale del piano terra con annessi dei locali ad uso deposito, servizi igienici e telefoni; una mensa aziendale che comprende la sala mensa, eventualmente suddivisibile in due zone di cui una per self service ed una per ristorante, con i relativi servizi igienici e la cucina con i relativi ambienti di servizio (dispensa-deposito, spogliatoi e servizi igienici per il personale, etc.). Destinazioni duso 1 piano: E previsto un centro di formazione professionale, a cui stata dedicata una particolare attenzione poich la sua funzione non solamente quella di aggiornare o preparare nuovi artigiani ma anche quella di creare nuove generazioni di bravi artigiani che abbiano la capacit di mantenere in vita lintera area; degli sportelli periferici della Posta e di una Banca con i rispettivi servizi ed aree di relazione con il pubblico; uno Sportello Unico per le Imprese che potrebbe essere il momento risolutivo di tutte quelle pratiche amministrative e contabili che, notoriamente, sono uno scoglio particolarmente difficile da superare; unarea dedicata allexpo, collegata con il centro di formazione ma con possibilit di essere completamente indipendente, in cui potranno trovare posto mostre permanenti o temporanee dedicate alle varie branchie dellartigianato passato, presente e, perch no, anche futuro.

Destinazioni duso 2 piano: E prevista una sala conferenze; gli uffici dedicati alla Direzione del Centro (direzione, segreteria, saletta riunioni, archivio documenti e servizi); un Internet Point; unarea per lintrattenimento dei bimbi al fine della conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare di imprenditori e/o imprenditrici e rispettivi addetti/e. Destinazioni duso 3 piano: Sono previsti spazi per deposito e archivi oltre ad un locale di sgombero. INDIVIDUAZIONE DEL CONCESSIONARIO I soggetti interessati dovranno presentare, congiuntamente alla manifestazione di interesse ed alla dichiarazione in ordine al possesso dei requisiti generali di cui allart. 38 del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i., una proposta progettuale avente ad oggetto: le modalit di esercizio e gestione del Centro; i tempi di attivazione della gestione frazionata o unitaria; la durata della concessione; il canone annuo offerto; le eventuali migliorie o adeguamenti di carattere edilizio e/o tecnologico. A tal fine i soggetti interessati possono richiedere di effettuare apposito sopralluogo, previo appuntamento da fissare con il responsabile del procedimento. Sar necessaria la presentazione di un piano economico finanziario relativo allintera durata della concessione, nonch di una bozza di convenzione. Su richiesta del Comune le proposte presentate potranno essere chiarite, precisate e perfezionate. La comparazione e la valutazione delle proposte pervenute sar effettuata da apposita commissione tecnica da nominare successivamente sulla base dei criteri di seguito indicati: qualit della proposta gestionale (punti 25/100); modalit organizzative di conduzione e funzionamento del Centro (punti 25/100); durata della concessione (punti 10/100); canone annuo offerto (punti 20/20); qualit degli eventuali interventi migliorativi o di adeguamento di carattere edilizio e/o tecnologico proposti (punti 20/100). Al termine del processo valutativo verr individuato il soggetto concessionario, che verr invitato a confermare gli impegni contenuti nella proposta presentata, sottoscrivendo apposito disciplinare di concessione.

Il Soggetto concessionario dovr comprovare il possesso dei requisiti generali di cui allart. 38 del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.. Sono a carico del Soggetto concessionario tutti gli oneri connessi alla gestione, manutenzione ordinaria e straordinaria del Centro affidato in concessione, nonch tutti gli eventuali interventi di miglioramento o adeguamento contemplati nella proposta progettuale presentata. Il Soggetto concessionario beneficer di tutti i proventi derivanti dallo sfruttamento economico e dalla gestione funzionale del Centro affidato in concessione. OBBLIGHI DEL CONCESSIONARIO Il disciplinare di concessione dovr contenere le condizioni concordate tra il Comune ed il concessionario al fine di garantire luso del Centro, la disciplina degli accessi, leventuale regime tariffario, se applicabile, il programma di utilizzo, le modalit di controllo e di vigilanza da parte dellEnte, nonch la piena facolt del Comune di utilizzare il Centro per lo svolgimento di attivit e manifestazioni organizzate dallo stesso Comune in proprio ovvero in collaborazione con enti pubblici o soggetti privati. Laffidamento del Centro, che avr natura concessoria, avverr nello stato di fatto e di diritto in cui limmobile si trover allatto della presa in consegna per la quale verr redatto apposito verbale. Tutti gli interventi di miglioramento, di adeguamento o di manutenzione straordinaria operati dal concessionario dovranno essere preventivamente approvati ed autorizzati dallAmministrazione Comunale e dovranno risultare conformi alle eventuali prescrizioni di ordine tecnico ed urbanistico. Al termine del periodo concessorio il Centro torner nella piena disponibilit del Comune di Vizzini, comprensivo delle nuove opere o dei miglioramenti e adeguamenti eventualmente realizzati dal concessionario, senza onere alcuno per il Comune. E escluso il riconoscimento al concessionario di qualsiasi forma di avviamento o di indennizzo per la gestione operata. In ogni caso, linizio della attivit gestionale subordinata alle preventive autorizzazioni specifiche per le attivit da svolgere. Si precisa sin da ora che il Centro dovr essere completato a cura del soggetto concessionario dei necessari arredi ed attrezzature. TRASMISSIONE DELLE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE

La richiesta, redatta in forma libera, dovr indicare con esattezza gli estremi identificativi del richiedente, sede e/o recapito. Il plico contenente: 1) la manifestazione di interesse; 2) la dichiarazione in ordine al possesso dei requisiti generali di cui allart. 38 del D.Lgs. n. 163/2006, resa da tutti i soggetti ivi contemplati; 3) lAtto costitutivo o lo Statuto del soggetto concorrente o il Certificato camerale; 4) la proposta gestionale/progettuale; 5) il piano economico finanziario sviluppato per lintera durata della concessione; 6) la bozza di convenzione; pu essere trasmesso a mezzo raccomandata del servizio postale, ovvero mediante agenzia di recapito autorizzata, ovvero a mano, negli orari di apertura al pubblico, previo rilascio di apposita ricevuta, e deve essere indirizzato al Comune di Vizzini Piazza Umberto I n. 3 Settore dei Servizi Tecnici. Il recapito del plico rimarr ad esclusivo rischio del mittente, ove, per qualsiasi motivo non giunga a destinazione in tempo utile. La richiesta dovr pervenire entro e non oltre le ore 13.00 del giorno 3 dicembre 2012 presso il recapito sopraindicato. Il plico chiuso ed idoneamente sigillato dovr recare allesterno l'indicazione: "NON APRIRE CONTIENE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA GESTIONE DEL CENTRO SERVIZI ALLINTERNO DELLAREA ARTIGIANALE DESTINATA AD INSEDIAMENTI PRODUTTIVI. ALTRE INFORMAZIONI Il presente avviso non costituisce offerta contrattuale n sollecitazione a presentare offerte, ma da intendersi come mero procedimento preselettivo, finalizzato alla raccolta di manifestazioni di interesse, non comportante diritti di prelazione o preferenza, n impegni o vincoli per le parti interessate. La presentazione della proposta non vincola in alcun modo lAmministrazione, nemmeno sotto il profilo della responsabilit precontrattuale ex art. 1337 c.c.. Sin da ora il Comune si riserva di non procedere allaffidamento della concessione nel caso in cui nessuna delle proposte pervenute sia ritenuta idonea; in tal caso verranno tempestivamente avvisati i partecipanti, ai quali non spetta alcun indennizzo o risarcimento.

Il Comune potr, altres, procedere allindividuazione del concessionario anche in presenza di una sola proposta valida. Si applicano le disposizioni del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i.. Ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003 e s.m.i., si precisa che il trattamento dei dati personali sar improntato a liceit e correttezza nella piena tutela dei diritti dei concorrenti e della loro riservatezza; il trattamento dei dati ha la finalit di consentire laccertamento dellidoneit dei concorrenti a partecipare alla procedura di affidamento di cui trattasi. Il presente avviso disponibile sul sito Internet: www.comune.vizzini.ct.it ed pubblicato allAlbo comunale on_line. Responsabile del Procedimento il dott. arch. Salvatore Lentini raggiungibile ai seguenti recapiti: tel. 0933/1937313; fax 0933/965892; e_mail: arch.lentini@comune.vizzini.ct.it; pec: arch.lentini@pec.comune.vizzini.ct.it. Vizzini, 1 ottobre 2012 F.to Il Responsabile del Settore (dott. arch. Salvatore Lentini)