Sei sulla pagina 1di 6

CRITICA ANARCHICA ALLA DEMOCRAZIA.

Libera traduzione di "An Anarchist Critique of Democracy" di Moxie Marlinspike and Windy Hart (Audio Anarchy Radio) In questo periodo si palesa il conflitto intrinseco tra la democrazia e la libert degli individui di creare la propria vita come meglio credono. Alcuni dei problemi della democrazia sono stati riconosciuti anche dai difensori della democrazia, ma hanno solo portato allo sviluppo di tipi modificati di democrazie (diversi pensatori hanno cercato di eliminare il concetto in una forma accettabile). Al contrario, alcuni difetti fondamentali dell'idea in s non possono essere riconciliati con modifiche o riforme. Questa critica alla democrazia in tutte le sue varie forme, sia essa rappresentativa o diretta. Non riecheggia confuse grida per una maggiore democrazia, ne chiede lintera l'abolizione. La democrazia promuove il concetto di alienazione. Occorre mettere in discussione la logica del processo decisionale decontestualizzato, la riduzione delle idee a opinioni, e la quasi universale accettazione della "regola della maggioranza." Bisogna andare oltre quelle immanenti critiche alla democrazia che riguardano la demagogia, il lobbying e la corruzione che sono pi facilmente accettate anche dai difensori della democrazia, mettere in discussione perch la democrazia cos brava a mantenere e riprodurre se stessa. Definizione di democrazia La democrazia una teoria di governo in cui la legge riflette la volont della maggioranza, determinata dal voto diretto o da rappresentanti eletti. In genere, la legittimit di una democrazia inizia con l'adozione di una costituzione, che stabilisce le regole fondamentali, i principi, i doveri, i poteri del governo e un insieme di diritti individuali limitanti quelli del governo. L'elargizione dei diritti cerca di proteggere gli individui dai capricci di una maggioranza democratica, un concetto repubblicano sviluppatosi durante il rovesciamento della monarchia. Alienazione Gli anarchici si distinguono per affermare un collegamento diretto e senza ostacoli tra pensiero e azione, tra i desideri e la loro realizzazione gratuita. Rifiutano tutti i processi sociali che rompono il collegamento - come la propriet privata, le relazioni di scambio, la divisione del lavoro e la democrazia. Quel collegamento interrotto detto lalienazione. Passioni e desideri non possono che essere piaceri quando sono forze reali e definite nella nostra vita. In questa condizione di alienazione, tuttavia, sono inevitabilmente smorzate dalla consapevolezza che le condizioni della nostra esistenza non sono sotto il nostro controllo. In questo contesto, i sogni sono solo per i sognatori, perch i nostri desideri sono costantemente di fronte all'impossibilit di azione. In questo modo sinistro, quando perdiamo il nostro legame con i desideri e le passioni che ci spingono in avanti, non possibile riprenda il controllo della nostra vita e ci ritroviamo a rimanere in una condizione di passivit. Anche il desiderio di cambiare le condizioni materiali e sociali che funzionano sullalienazione soggetto a questa passivit e disperazione, il che le lascia sostanzialmente intatte. La societ finisce cos divisa in alienati, la cui capacit di creare la propria vita come meglio credono stata presa a loro, mentre coloro che detengono il controllo di questi processi, beneficiano di questa separazione per mezzo dellaccumulazione e il controllo dell'energia alienata al fine di riprodurre l'attuale societ e il proprio ruolo come suoi governanti. La maggior parte di noi rientrano nella prima categoria, mentre persone come magnati, boss e politici compongono quest'ultima. Lesistenza stessa di questa divisione dimostra che la democrazia andrebbe abolita. La democrazia non fa altro che mantenere l'esistenza del potere alienato, in quanto richiede che i nostri desideri siano separati dal nostro potere di agire, mentre invece qualsiasi tentativo di impegnarsi in tale sistema servir solo a riprodurlo. Le democrazie di qualsiasi tipo prendono decisioni attraverso le elezioni, che sono in sostanza proprio

ci che trasferisce la propria volont, il pensiero, l'autonomia e la libert a una potenza esterna. Non fa differenza che il potere sia trasferito a un rappresentante eletto o a una maggioranza sfuggente. Il punto che non pi tuo, la democrazia lha dato alla maggioranza. Siete stati alienati dalla vostra capacit di determinare le condizioni della vostra esistenza, in gratuita collaborazione con coloro che vi circondano. Vi una distinzione importante. I soggetti politici hanno la pretesa di rappresentare loro gli interessi degli altri. Si tratta di una pretesa di potere alienato, perch quando qualcuno prende il potere con la pretesa di rappresentare me, io sono separato dalla mia libert di agire. In questo senso, gli anarchici sono anti-politica. inutile interessarsi, alle diverse cause del potere alienato, a una direzione diversa, a un'altra forma di rappresentazione, a un cambio di regime, o a qualsiasi cosa che meramente rimescola tutto il trucco del potere alienato. Essere contro la politica, comporta l'autoorganizzazione del potere degli individui. Questa tensione verso l'auto-organizzazione completamente ortogonale alla democrazia indipendentemente dalle sue varie forme. Decontestualizzazione come forma di alienazione Nelle democrazie, le decisioni vengono emarginate dai contesti in cui esse si manifestano. Le democrazie richiedono che le leggi, le regole e le decisioni siano separate dalle circostanze in cui le persone si trovano - costringendo cos gli individui in ruoli predeterminati e reattivi, piuttosto che permettere al libero pensiero individuale o a gruppi dindividui di prendere decisioni in contesti diversi e in diversi momenti come meglio credono. Per organizzare una votazione, la complessit di un problema, le sue cause e gli effetti, e le sue risoluzioni possibili si riducono a s o no, luno o laltro, a favore o contro. Le domande non hanno senso se il metodo falso: il processo di riduzione del problema a portata di mano a quella dicotomia non democratico, e come potrebbe esserlo? Con un voto pre-voto? Questo provato in alcuni luoghi, come le primarie di partito o lo spareggio (ballottaggio), ma anche in questo caso il processo funziona riducendo la gamma di scelte in modo incrementale, in quanto ogni turno elimina un altro candidato o opzione. Opinioni La democrazia richiede anche l'importante singolarita di "opinioni". Gli elettori diventano spettatori di un processo in cui vengono presentati i pareri tra cui scegliere, mentre, in realt, coloro che realmente creano gli ordini del giorno sono del controllo. Abbiamo visto tutti il riduzionismo e gli slogan che si manifestano quando i rappresentanti o i telecronisti riducono le idee verso il basso a significare i pareri che possono essere scelti. La riduzione didee per la selezione dei pareri ha un effetto polarizzante sulle persone coinvolte. Quando "selezione" l'unico metodo disponibile, non c' altro da fare che scegliere tra 'A' o 'B', i partiti su entrambi i lati di un problema si spingono oltremodo a rafforzare la loro certezza reciproca di "giustezza" - piuttosto che riconoscere la complessit dei problemi, si uniscono per un compromesso o cercano di trovare una soluzione comune. Il voto assomiglia molto al sistema economico capitalista che sempre accompagna la democrazia. Ci sono produttori che dettano l'ordine del giorno, e ci sono consumatori che trascorrono la maggior parte del loro tempo nel ruolo di spettatore - scegliendo tra le opinioni del mercato delle idee. Queste scelte diventano anche un gioco competitivo, ogni decisione si concluder con "vincitori" e "perdenti." Sembra probabile che questo fa parte della polarizzazione che si verifica con il processo decisionale in democrazia - le persone consolidano le loro posizioni e sostengono fieramente la parte perch le loro idee sono state contaminate con il desiderio di essere visti come "giusti" o "vincitori", anche se il compromesso o il comune accordo sarebbe stato possibile. Maggioranze Il concetto di "maggioranza" particolarmente preoccupante. Sempre con lo accettare la volont della maggioranza, la democrazia permette alle maggioranze di avere un'assoluta tirannia su tutti gli altri.

Ci significa che nel contesto di democrazia il-vincitore-prende-tutto, le minoranze non hanno alcuna influenza sulle decisioni che vengono prese. Questo anche peggio di quello che sembra, dato che la "maggioranza" in una determinata situazione di solito non nemmeno la maggioranza di una popolazione, ma in realt solo il pi grande gruppo di molte minoranze. Per una minoranza stabile e coerente, questo scenario sempre presente significa che le democrazie forniscono la libert non pi di quella del dispotismo o della dittatura. Fornendo l'illusione di partecipazione a tutti, la democrazia consente alle maggioranze di giustificare le loro azioni, non importa quanto opprimenti. Poich la democrazia fa l'affermazione che tutti possano partecipare al processo politico, non c' nulla di male nella fornitura di suffragio per i gruppi con pareri di minoranza, giacch la perdita dei voti sar la giustificazione alle azioni contrarie della maggioranza. Allo stesso modo, se gli individui scelgono di non partecipare a una votazione, anche la loro azione interpretata come un consenso al parere di maggioranza, in quanto avrebbero potuto votare contro se avessero voluto. Non c' scampo. Inoltre, il modello democratico una-persona-un-voto non pu spiegare la forza delle preferenze individuali. Due elettori che sono casualmente interessati a fare qualcosa contro la mia accanita e determinata opposizione la vinceranno. In questo modo, le maggioranze offrono ben poche opportunit di rompere lo status quo. Nelle parole di Enrico Malatesta, anarchico italiano del 19 secolo: "Il fatto di avere la maggioranza dalla propria parte non dimostra in alcun modo che uno sia giusto. In effetti, l'umanit sempre stata fatta avanzare attraverso l'iniziativa e gli sforzi degli individui e delle minoranze, mentre la maggioranza, per sua stessa natura, lenta, conservatrice, sottomessa a una forza superiore e ai privilegi stabiliti. Critiche immanenti La demagogia si riferisce a una strategia politica di ottenere un risultato desiderato o il potere utilizzando la retorica e la propaganda facendo appello agli impulsi pregiudiziali e reazionari della popolazione. Tutte le forme di democrazia cadono preda di demagoghi ansiosi di cogliere ogni opportunit per promuovere i propri obiettivi con il consenso di fabbricazione dalla paura momentanea, la speranza, la rabbia e la generale confusione del pubblico. In cima a questo, la democrazia rappresentativa ha una vulnerabilit particolare al lobbismo. Gruppi dinteresse speciali inviano persone estremamente ben pagate dopo che i rappresentanti sono stati eletti a persuadere, minacciare, permutare o corromperli nella fornitura di legislazione, finanziamenti del governo, o altri favori per il loro gruppo. Poich gli eletti spesso provengono da industrie, settori d'attivit, religioni e dalla classe superiore, molti hanno in tal modo interessi al di l della volont del popolo, quando in carica. I lobbisti possono essere molto efficaci a ottenere ci che vogliono. Questi sono anche i sintomi di problemi che si verificano quando gli individui si trasformano in spettatori passivi in un processo decisionale, o quando il coinvolgimento individuale nella creazione del proprio ambiente ridotto a mera opinione-scelta. A differenza di altri che hanno individuato i problemi demagogia e lobbying nelle democrazie, lanarchico non sostiene le modifiche alla democrazia che gli permettono di diventare miglior demagogo o lobbista. disinteressato a temi come la riforma elettorale, perch nel riconoscere la tirannia della manipolazione politica, non cerca poi di cambiare le cose in modo tale che possa fare di questa tirannia la sua. La democrazia offre solo la scelta di riposarsi dalloppressione, diventando loppressore - la libert sta nella soppressione dell'intera istituzione. La riproduzione della democrazia La democrazia vista come l'unica forma legittima di espressione o di potere decisionale con la scarna spiegazione di come e perch venuta a essere. Gli esseri umani oggi vivono nelle democrazie e nei paesi sotto il dominio economico e militarista di paesi non-democratici. Alla luce di queste due opzioni, sembra ragionevole concludere la democrazia come mezzo di libert e felicit. Negli Stati Uniti, l'indottrinamento inizia con le elezioni democratiche dalla scuola elementare: adorazione mattutina della bandiera, cantilena e giuramento. Tuttavia, l'esistenza di uno status quo non nega

l'esistenza passata o futura di altre condizioni, e dovremmo applicare il nostro pensiero critico dei modi della democrazia, che si pone come condizione necessaria prima della libert. Quando la nostra discussione ci costringe a sostenere nei suoi termini i telai della democrazia, tutte le azioni per cambiare il contesto socio-politico devono avvenire attraverso il suo mezzo e raggiungere solo i fini che sancir. Per queste ragioni, la democrazia si riproduce con poco sforzo da parte della classe dirigente. Un sistema democratico a "regola della maggioranza" incoraggia la classe alienata e sfruttata a sentire come se ne avesse il controllo mentre rimane in realt saldamente sfruttato nelle mani della classe alienante. Anche le pi evidenti critiche attuali trascurano perch il sistema ha equiparato la sua esistenza con la libert e pone cos la sua esistenza al di fuori dal regno delle idee contestabili. Sostenendo a priori se stessa o il primo principio della libert individuale e sociale, la democrazia appare come fonte tollerante e flessibile del bene pubblico, sopra di ogni controllo. Nel frattempo, le nozioni stesse di una persona un voto o "regola della maggioranza" implica che Noi, il Popolo abbiamo il potere, non importa quanto si accumulano prove del contrario. Ne consegue logicamente che quando il popolo non influisce nei cambiamenti del nostro sistema, non deve voler cambiare. Ipoteticamente, crediamo nella giustizia, la libert, ecc., o non avremmo formato una democrazia. Essendo amante della libert, il popolo democratico sarebbe naturalmente portato ad agire per porre fine all'oppressione non appena l'abbia scoperta, ne consegue che, se una politica, legge o pratica non cambia, allora non deve opprimere veramente le persone. Chiaramente, questa linea di pensiero non , e non sar mai in grado di trasportarci in una societ veramente libera e uguale. Tuttavia, rifiutare questa logica senza l'adozione di una critica pi generale della democrazia ci porta a un'altra conclusione sospetta spesso doppiata da fazioni liberali progressiste. Che suona cos: il nostro governo ci riesce perch noi, gente siamo troppo apatici, o troppo inconsapevoli, o troppo stupidi, o che non cediamo il nostro potere immenso come dovremmo. Se noi progressisti possiamo mobilitare, informare o educare il pubblico, allora tutto dovrebbe funzionare a meraviglia. Cos si vedono persone presumibilmente intelligenti annodarsi, cercando di riformare un sistema che nella sua forma migliore e pi funzionale pu solo sperare di opprimere tutti, allo stesso modo, in ugual lasso di tempo. Anche in questo caso, la classe dirigente pu stare tranquilla, continuer fino a quando diamo la colpa a noi stessi e non a loro per la nostra posizione alienata nella societ moderna, finir quando ci renderemo conto dei difetti intrinseci nel concetto stesso della democrazia e ci rifiuteremo di riprodurla. Riproduciamo la democrazia approvando con il nostro voto la nostra sottomissione nel giorno del risultato delle elezioni. Se si capisce che la democrazia non ti consente di agire al di fuori dei suoi stretti parametri e si accetta la critica della regola di maggioranza, logico quindi che voto ed elezioni non fanno che riaffermare e legittimare il potere statale non importa come si vota. In votazione, possibile eliminare qualsiasi politica, pratica o persona ad eccezione del sistema stesso. Per questo motivo la classe dirigente di un governo democratico nel suo complesso, non trova vera minaccia al suffragio, anche se singoli politici potrebbero soffrire di disapprovazione pubblica. Molti storici politici hanno fatto notare che il governo ha esteso il suffragio dei diritti civili a gruppi privati nei periodi in cui aveva bisogno di un sostegno di massa per raggiungere un fine, di solito militarista, piuttosto che durante i periodi in cui il pubblico lo richiedeva pi vocalmente. il classico: "se vuoi ottenere un po', devi usare un po' di strategia". Inoltre, la fornitura di suffragio ha permesso al governo di incanalare le energie dei movimenti di massa, che avrebbe potuto rappresentare una vera sfida al potere dello stato, in una forma sicura di azione - voto - che ha ridotto la velocit e l'entit delle modifiche desiderate e la riproduzione simultanea della democrazia. I principali movimenti di suffragio sono solo riusciti a creare razze e donne "libere" da emarginazione ufficiale, impegnate in un sistema di emarginazione. Come risultato dei loro sforzi, tutti i cittadini hanno un uguale diritto di partecipare a un sistema oppressivo e sperano che funzioni a loro favore. In realt, un attento osservatore avrebbe visto qualsiasi dibattito pubblico su chi pu o non pu votare come specchietto per le allodole. Il governo usa il voto per mitigare le richieste delle minoranze e fiaccare lenergia che edifica lazione diretta. Dove c' fumo c' fuoco e dove c' il suffragio, c' emarginazione motivata. Quando ingoiamo l'esca del governo attraverso il voto, diamo loro il potere di tirar su il nostro potenziale per assumere il controllo della vita nella sua ampiezza e portata. Le

elezioni tendono a mettere le persone in condizione di passivit, per offrire la salvezza attraverso la fede nella saggezza della maggioranza, piuttosto che attraverso l'azione l'auto-diretta. Una divisione tra leader e sostenitori si sviluppa dove gli elettori restano in disparte, come spettatori del loro stesso governo, non agenti a pieno titolo. I sistemi politici di tutti i tipi escludono la possibilit di azione diretta, ma l'insidiosa capacit della democrazia, di riprodurre se stessa come un sistema restrittivo, continua a incorporare maggior numero di persone nel suo retorico "Let Freedom Ring" rendendolo particolarmente subdolo. La democrazia solo un singolo componente della nostra vita La formale organizzazione politica affronta solo alcuni aspetti della realt materiale, e cos la democrazia non determina del tutto il nostro diritto all'autodeterminazione. Per esempio, qualsiasi libert si senta di avere sotto un governo democratico per la strada non si estende, nel mondo del lavoro Salario minimo, orario massimo, le condizioni di sicurezza e di altre condizioni regolamentari emanate attraverso il governo sotto la pressione di azione diretta e di campagne di base potrebbe migliorare le condizioni di lavoro e vietare gli abusi specifici. Tuttavia, il datore di lavoro e il dipendente non interagiscono come due pari democratici. Uno ha il ruolo di capo, l'altro di lavoratore, ed entrambi pagano in un certo senso con la vita per questi ruoli - ma un'altra elezione non cambier le cose. La democrazia esiste solo come parte della nostra esperienza totale. Quando accompagnato dal capitalismo come sistema economico, ci troviamo pure a faccia a faccia con un altro set di difficolt. Si gi sottolineato come la democrazia media le azioni degli individui, ma l'azione risultante di dirigenti statali o referendum pu fallire in modi simili. Perch in verit, la classe dominante dei capitalisti controlla i processi di democrazia con pressioni di alcuni che non sono apertamente riconosciuti come parte del processo democratico, e che sono certamente "non democratici." Questo rende la cosiddetta legislazione "progressista" molto difficile, perch le azioni progressive di solito sono ostili alla classe capitalista, e provocano risposte molto specifiche nel settore economico. Questo successo pi e pi volte in tutti i grandi Stati democratici, e pi significativamente in Sud America e nel Regno Unito. Come disse Jacques Camatte: "Lo specialista diventato un uccello da preda, il burocrate un misero lustra-scarpe". La democrazia diretta non anarchia, unulteriore fregatura Si spera di aver dimostrato che "logica maggioritaria" di qualsiasi tipo la repressione delle libert individuali e la decurtazione di azione diretta a favore delle varie e diverse decisioni imposte. Per questo motivo, il numero di siti web e la quantit di materiale che proclama che gli anarchici desiderano la democrazia diretta sorprendente. Gli anarchici credono nei rapporti non mediati tra individui liberi, l'assenza di tutte le forze coercitive o alienanti nelle societ, e un indiscutibile, diritto universale all'autodeterminazione. Le convinzioni portano a molte diverse visioni del mondo, ma quando genuine non potranno mai portare alla democrazia. Anche la "democrazia diretta" esige la riduzione allo status quo che produce una gerarchia di gruppo su un individuo, cos ci separa dai nostri desideri e dal nostro desiderio della loro libera realizzazione in azioni dirette. Chiunque rinuncia a questi principi dovrebbe anche rinunciare a definirsi "anarchico" forse a favore di liberista. Conclusione In conclusione, facile vedere che nella sua promozione di alienazione, nella sua riduzione di idee a pareri, nella sua richiesta di decisioni decontestualizzate, nella sua base di "regola della maggioranza", nella sua necessit di riprodursi come sistema e la sua suscettibilit alla demagogia, la democrazia ha problemi molto gravi ed di gran lunga inferiore quella libert che pretende di rappresentare. Questi

non sono problemi che con vari modi la democrazia ha implementato, ma sono endemici al processo democratico stesso. A differenza dei partiti politici, facile capire perch gli anarchici (che non sono interessati a sfruttare queste lacune a loro vantaggio) rifiutano del tutto la democrazia. Traduzione di Belva64