Sei sulla pagina 1di 3

Al Presidente del Collegio delle Garanzie Statutarie

RICHIESTA DI PARERE DI CONFORMITA ALLO STATUTO

Oggetto: Richiesta al Collegio per le Garanzie Statutarie di parere di conformit allo Statuto regionale della della deliberazione di giunta regionale n. 605, del 1 settembre 2011, ed il relativo Avviso Indirizzi generali per la gestione delle popolazioni di cinghiale e principi generali per la gestione delle popolazioni di cervo e caprioli gi approvati con delibera di G.R. n. 605 del 1/9/2011, pubblicato sul BURA n. 51 del 26.09.2012.

Premesso che sul B.U.R.A. del 26/09/2012 stato pubblicato un avviso relativo all'approvazione da parte della Giunta Regionale di un testo intitolato Indirizzi generali per la gestione delle popolazioni di cinghiale e principi generali per la gestione delle popolazioni di cervo e capriolo; la Delibera di Giunta Regionale risale al 2011 (deliberazione di G.R. n. 605 del 1/9/2011); il testo approvato dalla Giunta si presenta come un vero e proprio articolato suddiviso in Titoli e Articoli. Il Titolo primo Principi e disposizioni generali; questo provvedimento contiene numerosissime decisioni relative alla gestione venatoria del Cinghiale e dei cervidi (Cervo e Capriolo); ad avviso dello scrivente, sulla base dell'Articolo 13 comma 1 dello Statuto regionale, tale provvedimento esula dalle competenza della Giunta Regionale in quanto lo Statuto riserva al Consiglio non solo la potest legislativa ma anche quella regolamentare; infatti, il provvedimento non si configura solamente come un atto regolamentare generale ma, addirittura, apporta modifiche di carattere legislativo rispetto alla legge regionale 10/2004, in ci invadendo chiaramente la competenza riservata al Consiglio Regionale; constatato che la legge regionale 10/2004 disciplina all'art.28 le modalit di accesso dei cacciatori agli ATC, precisando, ad esempio, i criteri per l'ammissione degli stessi; il provvedimento approvato contiene una ulteriore specificazione circa le modalit di accesso al prelievo (Art. 5 Accesso al prelievo degli ungulati) con norme pi restrittive (ad esempio, il titolo abilitante; oppure le modalit di accesso dei cacciatori non residenti nella Regione ecc.); sempre l'Art.28 della legge regionale 10/2004 disciplina le modalit di pagamento delle quote per l'accesso ai cacciatori negli ATC; l'Art.5 del provvedimento approvato dalla Giunta Regionale introduce al comma 5 un nuovo contributo, stabilendo anche la destinazione dello stesso (ai successivi commi 6 e 7); l'Art.6 del provvedimento definisce le modalit di adozione dei Piani di gestione per i cervidi. Il comma 7 prevede che alcune funzioni, tra cui l'adozione di Piani di Prelievo Annuale di cui al Comma 3, siano delegabili dalle province agli ATC; le funzioni degli ATC e il riparto delle competenze sono stabilite dalla Legge regionale 10/2004. In particolare la funzione di programmazione assegnata alle province in base all'Art.26 comma 3 e non agli ATC,

il provvedimento, quindi, introduce una novit rispetto alla Legge regionale 10/2004; l'Art.3 del provvedimento introduce una suddivisione del territorio prevedendo i Comprensori Faunistici di Gestione (CFG) sui quali organizzare il prelievo; in realt non si comprende la relazione tra questi e gli ATC, visto che la Legge 10/2004 prevede all'Art.9 comma 2 lettera a) che in ogni comprensorio faunistico individuato sia costituito un ATC (la localizzazione dei comprensori faunistici, in ciascuno dei quali successivamente individuato, ai sensi dell'art. 27 un ambito territoriale di caccia); l'Art.10 introduce addirittura CFG specifici per una singola specie, il Cinghiale. Sulla base della Legge regionale a quel punto, la perimetrazione degli ATC sarebbe variabile a seconda della specie (infatti, una volta individuato un Comprensorio omogeneo, le Province dovrebbero localizzarvi un ATC, secondo l'obbligo previsto dall'Art. 9 comma 2 lettera a) delle Legge 10/2004 sopra richiamato; pertanto, il Provvedimento appare introdurre nuove modalit di organizzazione (e perimetrazione) degli ATC; gli Artt. 16 (comma 6), 17 (comma 4), 18 (comma 4), 19 (comma 4) prevedono la possibilit per le Province di autorizzare i cacciatori per interventi di controllo numerico nelle aree vietate alla caccia, ivi comprese le Aree Protette (!), al di fuori del periodo di caccia; A parte il fatto che tale previsione in palese contrasto con la Legge nazionale 394/91 (si veda l'Art.11), essa viola anche la stessa Legge 10/2004 che all'Art. 44 comma 3 disciplina le modalit di autorizzazione dei controlli numerici nei parchi naturali regionali, l'Art.2 comma 3 sui piani di reintroduzione e ripopolamento fa riferimento agli ungulati tout court, non escludendo, quindi, il Cinghiale (tra l'altro il provvedimento norma specificatamente la gestione delle popolazioni di Cinghiale); l'Art.11 comma 4 della Legge regionale 10/2004 recita espressamente su tutto il territorio regionale vietato immettere, qualunque ne sia la motivazione, il cinghiale (Sus scrofa); l'Art.21 (Norme finali) prevede la possibilit per le Province di delegare, in tutto o in parte, le attivit di cui al Provvedimento, agli ATC; in questo modo il Provvedimento produce numerose innovazioni della Legge 10/2004 in quanto quest'ultima, ad esempio, come gi detto assegna alle province l'adozione di piani di gestione (anche quelli quinquennali) e la definizione dei comprensori faunistici omogenei senza possibilit di delega agli ATC; con la previsione di possibilit di delega prevista all'Art.21, le competenze di cui agli stessi Artt.3 e 6 del provvedimento di Giunta potrebbero essere delegate agli ATC, cosa non prevista, come detto, dalla Legge 10/2004; rilevato che l'Art.2 della legge 10/2004 ripartisce le competenze tra Consiglio e Giunta regionale; oltre alle questioni legate alla potest legislativa sopra ricordata, numerosi contenuti del provvedimento appaiono rientrare tra le specifiche competenze del Consiglio anche per gli aspetti amministrativi di carattere regolamentare generale, quali, ad esempio, quelli di programmazione e di coordinamento ai fini della pianificazione faunistico-venatoria, che l'Art.2 pone in capo al Consiglio; basta richiamare in tal senso i contenuti degli Artt.3 (che attengono specificatamente alla pianificazione faunistico-venatoria individuando i CFG e le aree di prelievo), 6 (che prevede l'adozione da parte della Province di Piani Quinquennali di Gestione dei Cervidi), 9 (che prevede l'adozione da parte della Province di Piani Quinquennali di Gestione del Cinghiale), 10 (che prevede, gi nel titolo, la Destinazione differenziata del territorio), per rilevare una palese inosservanza dello Statuto regionale e dello stesso Art.2 della Legge 10/2004, in quanto la competenza di provvedere alla programmazione e al coordinamento della pianificazione spetta al Consiglio Regionale; anche se l'Art.2 al comma 2 assegna alla Giunta Regionale alcune attivit di carattere regolamentare e d'indirizzo, appare evidente che il provvedimento approvato dalla Giunta Regionale, oltre alle

problematiche sopra ricordate di carattere legislativo, travalichi le competenze in quanto si occupa addirittura di sancire all'Art.2 i principi alla base dell'attivit di gestione del cinghiale e degli ungulati (peraltro lo stesso titolo del provvedimento fa riferimento ai principi generali per la gestione delle popolazioni di Cervo e Capriolo); del tutto pacifico, a nostro avviso, che tali principi generali debbano essere fissati dal Consiglio Regionale, in quanto tale provvedimento assume, in questi ed altri punti, i caratteri dell'astrattezza e della generalit propri degli atti regolamentari spettanti al Consiglio;

i sottoscritti consiglieri regionali rivolgono istanza al Collegio per le Garanzie Statutarie al fine di ottenere il rilascio del parere di conformit allarticolo 13 dello Statuto regionale, sui rilievi di compatibilit della deliberazione di giunta regionale n. 605, del 1 settembre 2011, ed il relativo Avviso Indirizzi generali per la gestione delle popolazioni di cinghiale e principi generali per la gestione delle popolazioni di cervo e caprioli gi approvati con delibera di G.R. n. 605 del 1/9/2011, pubblicato sul BURA n. 51 del 26.09.2012. LAquila,