Sei sulla pagina 1di 12

Res Gestae Divi Augusti

Svetonio e Cassio Dione raccontano con parole molto simili che Augusto, un anno prima di morire, aveva consegnato alle Vestali dei documenti di natura testamentaria, e che questi furono portati in Senato e letti pubblicamente dopo la sua morte, il 19 agosto del 14 d. C. (Aug., 101; Dion Xiph., 56, 32). Insieme al testamento vero e proprio di Augusto vi era un altro documento, che conteneva l'elenco delle sue imprese, ed un terzo, costituito da una sorta di bilancio aggiornato dello stato. Di questi atti a noi giunto quello che Svetonio e Cassio Dione ricordano come Index rerum a se gesta rum. (Dion, 56, 33).

Come ci pervenuto questo testo? Per volont esplicita del Principe, il resoconto delle sue imprese doveva venir inciso su tavole (colonne?) di bronzo, e queste, dopo la sua morte, esser collocate all'ingresso del Mausoleo, che egli stesso aveva iniziato a costruire fin dall'immediato dopoguerra aziaco (29 a. C.), in Campo Marzio a Roma. Queste iscrizioni bronzee sono andate perdute ma, probabilmente gi durante il regno di Tiberio, se ne fecero delle copie da mandare in provincia. Ignoriamo quante furono queste copie, ma nell'odierna Turchia si trovano alcuni esemplari di questo testo. La testimonianza oggi meglio conservata quella di Ancyra ( lattuale Ankara). Stato attuale delle testimonianze Monumentum Ancyranum. Con questo nome convenzionale si definisce il testo inciso sulle pareti del tempio in onore della Dea Roma e di Augusto. L'edificio si trova ad Ankara, ed stato costruito quasi certamente quando il Principe era ancora in vita, su un precedente monumento cultuale. Nel corso dei secoli il tempio ha subito gravi danni provocati dalla natura (non dimentichiamo che la zona anche altamente sismica) e dall'uomo, con interventi architettonici ed infine con asporto e reimpiego di materiali. Del monumento augusteo oggi rimangono, pericolanti, il pronao e le pareti della cella e dell'opistodomo. Il muro di fondo della cella andato distrutto, mentre rimasta in situ l'abside della chiesa bizantina, costruita a partire dal V secolo, in una delle fasi di trasformazione del tempio.

Il testo bilingue conservato ad Ankara la testimonianza pi completa fra quelle superstiti. Sulle pareti interne del pronao incisa la versione latina, suddivisa specularmente in tre colonne di scrittura da un lato (iniziando dalla parete sinistra per chi si pone di fronte all'ingresso della cella), e tre dall'altro, per un'altezza di m. 2, 70, ed una larghezza di m. 4. Il titolo dell'epigrafe composto da lettere pi grandi, rispetto al resto del testo, e dice che si tratta proprio di una copia dell'esemplare che Augusto aveva fatto incidere nel bronzo a Roma. Sulla parete esterna della cella, ben esposta alla vista del pubblico, si sviluppa invece la traduzione greca dell'elogio augusteo. Lo stato attuale di tutto lo specchio epigrafico versa in condizioni di assoluto degrado: il marmo presenta un po' ovunque grossi fori in coincidenza delle grappe di bronzo asportate nel corso dei secoli, e la pietra completamente annerita dall'inquinamento e divenuta friabile anche a causa delle forti escursioni termiche e delle piogge acide. Fra non molto la scrittura greca non sar pi leggibile. Il confronto con il Monumentum Antiochenum di Antiochia e con il Monumentum Apolloniense di Apollonia, ha consentito il recupero integrale delle parole di Augusto.

Il testo L'iscrizione stata suddivisa per comodit in capitoletti e paragrafi dagli editori moderni (1 - 14). gli honores decretatigli a vario titolo, specificando quelli che ha accettato e quelli che ha rifiutato. (15 - 24). opere di evergetismo, le impensae, la sistemazione monumentale di Roma. (25 - 33), res gestae di Augusto. (34 e 35) i momenti chiave della carriera politica di Augusto, culminanti.

Introduzione [modifica]
Narrazione dei fatti del divino Augusto attraverso i quali sottomise tutto il mondo al potere del popolo
romano, e del denaro che spese per la Repubblica e per il popolo romano, come sta scritto in due stele di bronzo a Roma

Pars prima. Capitoli 1-14 [modifica]


1. A 19 anni[7], di mia iniziativa e con spesa privata, misi insieme un esercito, con il quale vendicai la
Repubblicaoppressa nella libert dalla dominazione di una fazione. In quel nome, essendo consoli Gaio Vibio Pansa e Aulo Irzio (43 a.C.), ilSenato mi incluse nel suo ordine per decreto onorifico, dandomi assieme il rango consolare e l'imperium militare. La Repubblica mi ordin di provvedere, essendo io propretore, insieme ai consoli che nessuno potesse portare danno. Nello stesso anno il Popolo romano mi

elesse console[8] e triumviro per riordinare la Repubblica, poich entrambi i consoli erano stati uccisi in guerra.

2. Mandai in esilio quelli che trucidarono mio padre punendo il loro delitto con procedimenti legali[9]; e muovendo poi essi guerra alla repubblica li vinsi due volte in battaglia.[10] 3. Combattei spesso guerre civili ed esterne in tutto il mondo per terra e per mare; e da vincitore lasciai in vita tutti quei cittadini che implorarono grazia. Preferii conservare i popoli esterni, ai quali si pot perdonare senza pericolo, piuttosto che sterminarli. Quasi cinquecentomila cittadini romani in armi sotto le mie insegne; dei quali inviai pi di trecentomila in colonie o rimandai nei loro municipi, compiuto il servizio militare; e a essi (tutti) assegnai terre o donai denaro in premio del servizio. Catturai 600 navi oltre a quelle minori per capacit alle triremi. 4.
Due volte ebbi un'ovazione trionfale e tre volte celebrai trionfi curuli e fui acclamato ventun volte imperator, sebbene il senato deliberasse un maggior numero di trionfi, che tutti declinai. Deposi l'alloro dai fasci in Campidoglio, sciogliendo cos i voti solenni che avevo pronunciato per ciascuna guerra. Per le imprese per terra e per mare compiute da me o dai miei legati, sotto i miei auspici, cinquantacinque volte il senato decret solenni ringraziamenti agli di immortali. I giorni poi durante i quali per decreto del senato furono innalzate pubbliche preghiere furono ottocentonovanta. Nei miei trionfi furono condotti davanti al mio carro nove re o figli di re. Ero stato console tredici volte quando scrivevo queste memorie ed ero per la trentasettesima volta rivestito della podest tribunizia.

5. Non accettai la dittatura che sotto il consolato di Marco Lello e Lucio Arrunzio mi era stata offerta, sia
mentre ero assente sia mentre ero presente nell'Urbe, e dal popolo e dal senato. Non mi sottrassi invece, in una estrema carestia ad accettare la sovrintendenza dell'annona, che ressi in modo tale da liberare in pochi giorni dal timore e dal pericolo l'intera Urbe, a mie spese e con la mia solerzia. Anche il consolato, offertomi allora annuo e a vita, non accettai.

6.

Sotto il consolato di Vinicio e Lucrezio e poi di Publio Lentulo e Gneo Lentulo e ancora di Fabio Massimo e Tuberone nonostante l'unanime consenso del senato e del popolo romano affinch io fossi designato unico sovrintendente delle leggi e dei costumi con sommi poteri, non accettai alcuna magistratura conferitami contro il costume degli antenati. E allora ci che il senato volle che fosse da me gestito, lo portai a compimento tramite il potere tribunizio, di cui chiesi ed ottenni dal senato per pi di cinque volte consecutive un collega.

7. Fui triumviro per riordinare la Repubblica per dieci anni consecutivi. Fui Princeps senatus fino al giorno
in cui scrissi queste memorie per 40 anni. E fui pontefice massimo, augure,quindecemviro alle sacre cerimonie, settemviro degli epuloni,fratello arvale, sodale Tizio, feziale.

8. Durante il mio quinto consolato accrebbi il numero dei patriziper ordine del popolo e del senato. Tre
volte procedetti aun'epurazione del senato. E durante il sesto consolato feci ilcensimento della popolazione,[11] avendo come collega Marco Agrippa. Celebrai la cerimonia lustrale dopo quarantadue anni. In questo censimento furono registrati quattromilionisessantatremila cittadini romani. Poi feci un secondo censimento[12] con potere consolare, senza collega, sotto il consolato di Gaio Censorio e Gaio Asinio, e in questo censimento furono registrati quattromilioni e duecentotrentamila cittadini romani. E feci un terzo censimento[13] con potere consolare, avendo come collega mio figlio Tiberio Cesare, sotto il consolato di Sesto Pompeio e Sesto Apuleio; in questo censimento furono registrati quattromilioni e novecentotrentasettemila cittadini romani. Con nuove leggi, proposte su mia iniziativa, rimisi in vigore molti modelli di comportamento degli avi, che ormai nel nostro tempo erano caduti in disuso, e io stesso consegnai ai posteri esempi di molti costumi da imitare.

(IT)

9. Il senato decret che venissero fatti voti per la mia salute dai consoli e dai sacerdoti ogni quattro anni.
Il seguito a questi voti spesso, durante la mia vita, talvolta i quattro pi importanti colleghi sacerdotali, talvolta i consoli allestirono giochi. Anche i cittadini, tutti quanti, sia a titolo personale, sia municipio per municipio, unanimemente, senza interruzione, innalzarono pubbliche preghiere per la mia salute in tutti i templi. (IT)

10.

Il mio nome per senatoconsulto fu inserito nel carme Saliare e fu sancito per legge che fossi inviolabile per sempre e che avessi la potest tribunizia a vita. Rifiutai di diventare pontefice massimo al posto di un mio collega ancora in vita, bench fosse il popolo ad offrirmi questo sacerdozio, che mio padre aveva rivestito. E questo sacerdozio accettai, qualche anno dopo, sotto il consolato di Publio Sulpicio e Gaio Valgio, morto colui che ne aveva preso possesso approfittando del disordine politico interno, e confluendo ai miei comizi da tutta l'Italia una moltitudine tanto grande quanta mai a Roma si dice vi fosse stata fino a quel momento. (IT)

11.

Il senato deliber al mio ritorno la costruzione dell'altare della Fortuna Reduce, davanti ai templi dell'Onore e della Virt, presso la porta Capena, e ordin che su di esso i pontefici e le vergini Vestali celebrassero un sacrificio ogni anno nel giorno in cui, sotto il consolato di Quinto Lucrezio e Marco Vinicio, ero tornato a Roma dalla Siria, e design quel giorno Augustalia, dal mio soprannome. (IT)

12. Per decisione del senato

una parte dei pretori e dei tribuni della plebe con il console Quinto Irzio Lucrezio e con i cittadini pi influenti mi fu mandata incontro in Campania, e questo onore non stato decretato a nessuno tranne che a me[14]. Quando, sotto consolato di Tiberio Nerone e Publio Quintilio, tornai a Roma dalla Spagna e dalla Gallia, dopo aver portato a termine con successo i programmi prestabiliti[15], il senato decret che per il mio ritorno dovesse essere consacrato l'altare della Pace Augusta vicino al Campo Marzio, e ordin che su di esso i magistrati, i sacerdoti e le vergini Vestali facessero ogni anno un sacrificio. (IT)

13. Il tempio di Iano Quirino, che i nostri antenati vollero che venisse chiuso quando fosse stata partorita
la pace con la vittoria per tutto l'impero Romano per terra e per il mare, prima che io nascessi, dalla fondazione della citt fu chiuso in tutto due volte, sotto il mio principato per tre volte il senato decret che dovesse essere chiuso.[16] (IT)

14. I miei figli, che la sorte mi strapp in giovane et, Gaio eLucio Cesari, in mio onore il senato e il popolo
romano designarono consoli all'et di quattordici anni, perch rivestissero tale magistratura dopo cinque anni. E il senato decret che partecipassero ai dibattiti di interesse pubblico dal giorno in cui furono accompagnati nel Foro. Inoltre i cavalieri romani, tutti quanti, vollero che entrambi avessero il titolo di principi della giovent e che venissero loro donato scudi e aste d'argento[17].

Pars altera. Capitoli 15-24 [modifica]


(IT)

15.

Alla plebe di Roma[18] pagai in contanti a testa trecentosesterzi in conformit alle disposizioni

testamentarie di mio padre[19], e a mio nome diedi quattrocento sesterzi a ciascun provenienti dalla vendita del bottino delle guerre, quando ero console per la quinta volta [20]; nuovamente poi, durante il mio decimo consolato[21], con i miei beni pagai quattrocento sesterzi di congiario a testa, e console per l'undicesima volta[22] calcolai e assegnai dodici distribuzioni di grano, avendo acquistato a mie spese il grano in grande quantit e, quando rivestivo la potest tribunizia per la dodicesima volta[23], diedi per la terza volta quattrocento nummi a testa. Questi miei congiari non pervennero mai a meno di duecentocinquantamila uomini. Quando rivestivo la potest tribunizia per la diciottesima volta ed ero console per la dodicesima volta [24]diedi sessanta denari a testa a trecentoventimila appartenenti alla plebe urbana. E ai coloni che erano stati miei soldati, quando ero console per la quinta volta, distribuii a testa mille nummi dalla vendita del bottino di guerra; nelle colonie ricevettero questo congiario del trionfo circa centoventimila uomini. Console per la tredicesima volta diedi sessanta denari alla plebe che allora riceveva frumento pubblico; furono poco pi di duecentomila uomini[25]. (IT)

16.

Pagai ai municipi il risarcimento dei terreni che durante il mio quarto consolato [26] e poi sotto il consolato di Marco Crasso e Gneo Lentulo Augure[27] assegnai ai soldati. E la somma, che pagai in contanti, per le propriet italiche ammont a circa seicento milioni di sesterzi e fu di circa duecentosessanta milioni ci che pagai per i terreni provinciali. E a memoria del mio tempo compii quest'atto per primo e solo fra tutti coloro che fondarono colonie di soldati in Italia o nelle province. E poi sotto il consolato di Tiberio Nerone e Gneo Pisone e nuovamente sotto il consolato di Gaio Antistio e Decimo Lelio e Gneo Calvisio e Lucio Pasieno e di Lucio Lentulo e Marco Messalla e Lucio Caninio e Quinto Fabrizio [28]ai soldati che, terminato il servizio militare, feci ritornare nei loro municipi, pagai premi in denaro contante, e per questa operazione spesi circa quattrocento milioni di sesterzi. (IT)

17. Quattro volte aiutai l'erario con denaro mio, sicch consegnai centocinquanta milioni di stesterzi a
coloro che sovrintendevano l'erario. E sotto il consolato di Marco Lepido eLucio Arrunzio trasferii l'erario militare[29], che fu costituito su mia proposta perch da esso si prelevassero i premi da dare ai soldati che avessero compiuto venti o pi anni di servizio[30], centosettanta milioni di sesterzi prendendoli dal mio patrimonio. (IT)

18. Dall'anno in cui furono consoli Gneo e Publio Lentulo[31], scarseggiando le risorse dello Stato, feci
donazioni in frumento e in denaro ora a centomila persone ora a molte pi, attingendo dal mio granaio e dal mio patrimonio. (IT)

19. Ho fatto la Curia[32] e ci che contiene il Calcidico e ilTempio di Apollo[33] sul Palatino con i portici, il
tempio del divinoGiulio, il Lupercale, il portico nei pressi del circo Flaminio che tollerai che venisse chiamato Ottavio con il nome di quello che aveva fatto il precedente in quello stesso luogo, il Pulvinar al Circo Massimo, i templi sul Campidoglio di Giove Feretro e Giove Tonante, il tempio di Quirino, i templi di Minerva e di GiunoneRegina e di Giove Liberatore sull'Aventino, il tempio di Lar sulla sommit della via sacra, il tempio dei Penati sulla Velia, il tempio dei giovani e il tempio alla Grande Madre (IT)

20. Restaurai il Campidoglio e il Teatro di Pompeo, l'una e l'altra opera con grande spesa, senza apporvi
alcuna iscrizione del mio nome. Restaurai gli acquedotti cadenti per vetustit in parecchi punti, e raddoppiai il volume dell'acqua detta Marcia con l'immissione nel suo condotto di una nuova sorgente. Terminai ilForo Giulio e la basilica fra il Tempio di Castore e il Tempio di Saturno, opere iniziate e quasi

ultimate da mio padre, e dopo averne ampliato il suolo, iniziai a ricostruire la medesima basilica, che era stata divorata da un incendio intitolandola al nome dei miei figli, e stabilii che, se non l'avessi terminata io da vivo, fosse terminata dai miei eredi. Console per la sesta volta[34], restaurai nell'Urbe, per volont del senato, ottantadue templi degli di, e non ne tralasciai nessuno che in quel tempo dovesse essere restaurato. Console per la settima volta[35], rifeci la Via Flaminia dall'Urbe a Rimini e tutti i ponti, tranne il Milvio e il Minucio[36]. u(IT)

21. Su suolo privato costruii il Tempio di Marte Ultore e il Foro di Augusto col bottino di guerra.[37] Presso
il Tempio di Apollo su suolo comprato in gran parte da privati costruii un teatro, che volli fosse intitolato a mio genero, Marco Marcello. Consacrai doni ricavati dal bottino di guerra nel Campidoglio, e nel Tempio del Divo Giulio, e nel Tempio di Apollo, e nel tempio di Vesta[38], e nel tempio di Marte Ultore: essi mi costarono circa cento milioni di sesterzi. Console per quinta volta[39], restituii trentacinquemila libbre di oro coronario[40] ai municipi e alle colonie d'Italia che lo donavano per i miei trionfi, e in seguito, tutte le volte che fui proclamato imperator, non accettai l'oro coronario, anche se imunicipi e le colonie lo decretavano con la medesima benevolenza con cui lo avevano decretato in precedenza. (IT)

22. Tre volte allestii uno spettacolo gladiatorio a nome mio e cinque volte a nome dei miei figli o nipoti; e
in questi spettacoli combatterono circa diecimila uomini. Due volte a mio nome offrii al popolo spettacolo di atleti fatti venire da ogni parte, e una terza volta a nome di mio nipote[41]. Allestii giochi a mio nome quattro volte, invece al posto di altri magistrati ventitr volte. In nome del collegio dei quindecemviri, come presidente del collegio, avendo per collega Marco Agrippa, durante il consolato di Gaio Furnio e Gaio Silano, celebrai i Ludi Secolari[42]. Durante il mio tredicesimo consolato[43] celebrai per primo i Ludi di Marte che in seguito e di seguito negli anni successivi, per decreto dl senato e per leggi, furono celebrati dai consoli. Allestii per il popolo ventisei volte, a nome mio o dei miei figli e nipoti, cacce di belve africane, nel circo o nel foro o nell'anfiteatro, nelle quali furono ammazzate circa tremilacinquecento belve. (IT)

23. Allestii per il popolo uno spettacolo di combattimento navale al di l del Tevere, nel luogo in cui ora
c' il bosco dei Cesari[44], scavato il terreno per un lunghezza di milleottocento piedi e per una larghezza di milleduecento; in esso vennero a conflitto trenta navi rostrate triremi o biremi, e, pi numerose, di stazza minore; in questa flotta combatterono, a parte i rematori, circa tremila uomini. (IT)

24. Nei templi di tutte le citt della provincia d'Asia ricollocai, vincitore, gli ornamenti che , spogliati i
templi, aveva posseduto a titolo privato colui al quale avevo fatto guerra. [45] mie statue pedestri ed equestri e su quadrighe, in argento, furono innalzate nell'Urbe in numero di ottanta circa, ma io spontaneamente le rimossi e dal denaro ottenuto ricavai doni d'oro che collocai nel tempio di Apollo a nome mio e di quelli che mi tributarono l'onore delle statue.

Pars tertia. Capitoli 25-35 [modifica]


25. Stabilii la pace sul mare liberandolo dai pirati[46]. In quella guerra catturai circa trentamila schiavi che
erano fuggiti dai loro padroni e avevano impugnato le armi contro lo Stato, e li consegnai ai padroni perch infliggessero una pena. Tutta l'Italia giur spontaneamente fedelt a me[47] e chiese me come comandante della guerra in cui (poi) vinsi presso Azio; giurarono parimenti fedelt le province di Gallia, delle Spagne, di Africa, diSicilia e di Sardegna. I senatori che militarono allora sotto le mie insegne furono pi di settecento , tra essi, o prima o dopo, fino al giorno in cui furono scritte queste memorie, ottantatr furono

eletti consoli, e circa centosettanta sacerdoti.

26. Allargai i confini di tutte le province del popolo romano, con le quali erano confinanti popolazioni che
non erano sottoposte al nostro potere. Pacificai le provincie delle Gallie e delle Spagne[48], come anche la Germania nel tratto che confina con l'Oceano, da Cadice alla foce del fiume Elba[49]. Feci s che fossero pacificate le Alpi[50], dalla regione che prossima al mareAdriatico fino al Tirreno, senza aver portato guerra ingiustamente a nessuna popolazione. La mia flotta navig l'Oceano dalla foce del Reno verso le regioni orientali fino al territorio dei Cimbri, dove n per terra n per mare giunse alcun romano prima di allora[51], e i Cimbri e i Caridi e i Sennoni e altri popoli germani della medesima regione chiesero per mezzo di ambasciatori l'amicizia mia e del popolo romano. Per mio comando e sotto i miei auspici due eserciti furono condotti, all'incirca nel medesimo tempo, inEtiopia e nell'Arabia detta Felice[52], e grandissime schiere nemiche di entrambe le popolazioni furono uccise in battaglia e conquistate parecchie citt. In Etiopia arriv fino alla citt diNabata, di cui vicinissima Meroe. In Arabia l'esercito avanz fin nel territorio dei Sabei, raggiungendo la citt di Mariba.

27.

Aggiunsi l'Egitto all'impero del popolo romano. [53] Pur potendo fare dell'Armenia maggiore una provincia dopo l'uccisione del suo re Artasse, preferii, sull'esempio dei nostri antenati, affidare quel regno a Tigrane, figlio del re Artavaside e nipote di re Tigrane, per mezzo di Tiberio Nerone, che allora era mio figliastro[54]. E la medesima popolazione che in seguito cercava di staccarsi e si ribellava, domata per mezzo di mio figlioGaio, affidai da governare al re Ariobarzane, figlio di Artabazo re dei Medi, e dopo la sua morte a suo figlio Artavaside[55]. E dopo che questi fu ucciso, mandai su quel trono Tigrane, discendente della famiglia reale armena. Riconquistai tutte le province che al di l del mare Adriatico sono volte a Oriente[56], e Cirene, ormai in gran parte possedute da re, precedentemente, la Sicilia e la Sardegna, occupate nel corso della guerra servile[57].

28. Fondai colonie di soldati in Africa, in Sicilia, in Macedonia, in entrambe le Spagne, in Acaia, in Asia,
in Siria, nella Gallia Narbonense, in Pisidia. L'Italia poi possiede, fondate per mia volont, ventotto colonie, che durante la mia vita furono assai prosperose e popolose[58].

29.

Recuperai dalla Spagna e dalla Gallia e dai Dalmati, dopo aver vinto i nemici, parecchie insegne militari perdute da altri comandanti. Costrinsi i Parti a restituirmi spoglie e insegne di tre eserciti romani e a chiedere supplici l'amicizia del popolo romano[59]. Quelle insegne, poi, riposi nel penetrale che nel tempio di Marte Ultore.

30. Le popolazioni dei Pannoni, alle quali prima del mioprincipato l'esercito del popolo romano mai si
accost, sconfitte per mezzo di Tiberio Nerone, che allora era mio figliastro e luogotenente, sottomisi all'impero del popolo romano, estesi i confini dell'Illirico fino alla riva del Danubio. E un esercito di Daci, passati al di qua di esso, sotto i miei auspici fu vinto e sbaragliato, e in seguito il mio esercito, condotto al di l del Danubio, costrinse la popolazione dei Daci a sottostare ai comandi del popolo romano.

31. Furono inviate spesso a me ambascerie di re dall'India, non viste prima di allora da alcun comandante
romano. Chiesero la nostra amicizia per mezzo di ambasciatori i Basrani, gli Sciti e i re dei Sarmati che abitano al di qua e al di l del fiume Tnai [60], e i re degli Albani, degli Iberi e dei Medi .

32.

Presso di me si rifugiarono supplici i re dei Parti Tiridate e poi Fraate, figlio del re Fraate, e Artavaside re dei Medi, Artassare degli Adiabeni, Dumnobellauno e Tincommio dei Britanni, Melone dei Sigambri, Segimero dei Marcomanni Svevi. Presso di me in Italia il re dei Parti Fraate, figlio di Orode, mand tutti i suoi figli e nipoti, non perch fosse stato vinto in guerra, ma perch ricercava la nostra amicizia con il pegno dei suoi figli. E moltissime altre popolazioni sperimentarono, durante il mio principato, la lealt del popolo romano, esse che in precedenza non avevano avuto nessun rapporto di ambascerie e di

amicizia con il, popolo romano.

33.

Da me le popolazioni dei Parti e dei Medi, che me ne avevano fatto richiesta per mezzo di ambasciatori che erano le persone pi ragguardevoli di quelle popolazioni, ricevettero i loro re: i Parti Vonone, figlio del re Fraate e nipote del re Orode; i MediAriobarzane, figlio del re Artavasde e nipote del re Ariobarzane.

34.

Nel mio sesto e settimo consolato, dopo aver sedatol'insorgere delle guerre civili, assunsi per consenso universale il potere supremo, trasferii dalla mia persona al senato e al popolo romano il governo della repubblica[61]. Per questo mio atto, in segno di riconoscenza, mi fu dato il titolo di Augusto per delibera del senato e la porta della mia casa per ordine dello Stato fu ornata con rami d'alloro, e una corona civica fu affissa alla mia porta, e nella Curia Giulia fu posto uno scudo d'oro, la cui iscrizione attestava che il senato e il popolo romano me lo davano a motivo del mio valore e della mia clemenza, della mia giustizia e della mia piet. Dopo di che, sovrastai tutti per autorit, ma non ebbi potere pi ampio di quelli che mi furono colleghi in ognimagistratura.

35. Quando rivestivo il tredicesimo consolato, il senato, l'ordine equestre e tutto il popolo Romano, mi
chiam padre della patria[62], decret che questo titolo dovesse venire iscritto sul vestibolo della mia casa, e sulla Curia Iulia e nel Foro di Augusto sotto la quadriga che fu eretta a decisione del senato, in mio onore. Quando scrissi questo, avevo settantasei anni.

Appendix [modifica]
App. I. Somma di denaro che don o all'erario o alla plebe romana o ai soldati congedati: seicento milioni di sesterzi.
App. II.Costru nuove opere: i templi di Marte, di Giove Tonante e Feretrio, di Apollo, del Divo Giulio, di Quirino, di Minerva, di Giunone Regina, di Giove Libert, dei Lari, degli di Penati, della Giovinezza, della Grande Madre, il Lupercale, il palco del Circo, laCuria con Calcidico, il Foro di Augusto, la Basilica Giulia, il Teatro di Marcello, il Portico di Ottavia, il bosco dei Cesari al di l delTevere.

App. III. Restaur il Campidoglio e sacri templi in numero di ottantadue, il Teatro di Pompeo, gli

acquedotti,la via Flaminia.

App. IV. Spese sostenuta per spettacoli scenici, giochi gladiatori, gare atletiche, cacce e per la naumachia, e quantit di denaro donato a colonie, municipi, citt distrutte da terremoti e incendi, o singolarmente ad amici e senatori, di cui complet il censo: enormi.

Note [modifica]
1. 2. ^ Svetonio, Augustus, 101. ^ Sul testo di tutti i frammenti dalle varie localit menzionate vedi C. Barini, Res Gestae Divi Augusti, ex monumenti Ancyrano Antiocheno, Apolloniensi, Roma 1937 3. 4. 5. 6. 7. ^ F. Guizzi, Augusto. La politica della memoria, Roma 1999, pp.71-73 ^ Progetto Ancyra ^ I. Borsak, Zum Monumnetum Ancyranum, "AAntHung" 38 (1998), pp. 41-50. ^ Livio, XXVIII, 46, 1; Polibio, III, 33, 18; 56. ^ Ottaviano allora si trovava ad Apollonia in Macedonia, in attesa dell'arrivo di Cesare per la programmata campagna partica del dittatore, di cui forse doveva divenire il magister equitum. 8. ^ Il 19 agosto del 43 a.C. assieme a Quinto Pedio, figlio o nipote di Giulia, una sorella di Cesare, che fu legato di Cesare in Gallia e proconsole in Spagna. 9. ^ Si tratta della Lex Pedia de interfectoribus Caesaris del 43 a.C., che promuoveva l'esilio, e la perdita della cittadinanza romana agli uccisori di Cesare 10. ^ La battaglia di Filippi nell'ottobre-novembre del 42 a.C. controBruto e Cassio. 11. ^ 28 a.C. 12. ^ 8 a.C. Per alcuni studiosi cristiani questo censimento coincide col "primo censimento" (il secondo fu quello provinciale del 6-7 d.C.) ricordato in Luca 2,1-2, in occasione del quale nacque Ges (vedi Censimento di Quirinio). 13. ^ 14 d.C. 14. ^ Si tratta della legazione inviata nel 19 a.C. per esortare Augusto a far rapido ritorno a Roma, dove persistevano disordini sorti in seguito alle pretese di Marco Egnazio Rufo di accedere al consolato; infatti in quell'anno era stato nominato un solo console, Gaio Senzio Saturnino e Augusto, non vendo accettato il consolato, aveva stabilito che il posto vacante fosse occupato da Quanto Lucrezio Vespillone, uno dei membri della legazione. 15. ^ Dal 16 al 13 a.C., Augusto si trattenne in Gallia e in Spagna dove ottenne un successo di grande portata politica col pacificare quelle terre e col gettare le basi per un profondo processo di romanizzazione. 16. ^ Nel 30 a.C., dopo la vittoria su Cleopatra, nel 25 a.C. dopo leGuerre cantabriche e una terza volta, non ancora identificata con certezza. 17. ^ Il titolo, modellato su quello offerto ad Augusto di Princeps senatus, fu conferito dal ordo equester, in quanto il termineiuventus in senso pi lato designava tutto il corpo di equites equo publico, ossia i cavalieri sotto i 35 anni tecnicamente ancora iuniores e i figli di senatori sotto i 25 anni che non avevano ancora ricoperto alcuna magistratura senatoria.

18. ^ La plebe urbana erano i cittadini residenti a Roma, appartenenti non soltanto alle quattro trib urbane (Esquilina, Palatina, Collina, Suburbana) , ma anche ai cittadini iscritti alletrib rustiche e residenti a Roma da pi generazioni. 19. ^ 44 a.C. 20. ^ Nel 30 a.C.; il bottino in gran parte il tesoro dei Tolomeiacquisito per diritto di conquista nella compagna controCleopatra (e Antonio) dello stesso anno. 21. ^ Al ritorno dalle Guerre cantabriche nel 24 a.C. 22. ^ Nel 23 a.C. 23. ^ In occasione dell'elezione di Augusto a pontefice massimo nel 12 a.C. 24. ^ 5 a.C. in occasione della deductio in Forum di Gaio Cesare 25. ^ In occasione della deductio in Forum di Lucio Cesare nel 2 a.C. 26. ^ Nel 30 a.C., dopo la battaglia di Azio 27. ^ Nel 14 a.C. 28. ^ Le coppie consolari indicano gli anni 7, 6, 4, 3, e 2 a.C. 29. ^ L'istituzione dell'erario militare avvenne nel 6 d.C. 30. ^ Nel 5 d.C Augusto fiss la nuova durata del servizio militare: 16 anni per i pretoriani, 20 per i legionari. Ma la ferma veniva spesso prolungata, come Augusto tesso riconosce, sino a 30 o 40 anni. 31. ^ 18 a.C. 32. ^ Si tratta della Curia Iulia (iniziata a suo tempo da Cesare) inaugurata nel 29 a.C. in occasione del triplice trionfo. Cassio Dione, LI, 22, 1 33. ^ Iniziato nel 36 a.C. dopo la vittoria navale su Sesto Pompeo aNauloco 34. ^ 28 a.C. 35. ^ Nel 27 a.C. 36. ^ Nulla si sa con esattezza di questa costruzione. 37. ^ Ricavato dalla battaglia di Filippi e dalle proscrizioni 38. ^ Non chiaro se si tratti del tempio di Vesta sul Foro Romanoo una piccola edicola ricavata nel palazzo imperiale e inaugurata nel 12 a.C., dopo l'elezione di Augusto a pontefice massimo 39. ^ 29 a.C. 40. ^ L'oro coronario era un donativo in oro o in denaro, fatto a un generale vittorioso, al posto della corona aurea o trionfale. 41. ^ Druso minore, figlio di Tiberio. 42. ^ Furono celebrati il 17 a.C. dalla notte del 3 maggio a tutto il 17 giugno, periodo pi felice dell'anno, quello della mietitura. Venivano chiamati saeculares perch avrebbero dovuto avere la cadenza di un secolo. Essi esaltavano il rinnovarsi della vita e, nell'intenzione di Augusto, il rinnovarsi di Roma dopo l'oscuro periodo delle guerre civili.

43. ^ 2 a.C. 44. ^ Un bosco fatto piantare da Augusto in onore di Gaio e Lucio Cesari; Tacito, Annales, XIV, 5, 2. 45. ^ Si tratta naturalmente di Marco Antonio; qui Augusto tace il nome sia per il fatto che per decreto del senato tutto ci che rendeva onore a Marco Antonio doveva essere distrutto o celato sia perch, in linea con la sua propaganda, Augusto voleva che il bellum fosse considerato externum, quindi contro Cleopatra, e non, come invece fu, civile 46. ^ Si tratta della guerra contro Sesto Pompeo,figlio di Gneo Pompeo Magno, che aveva occupato la Sardegna, la Corsica e la Sicilia e dalle quali affamava l'Italia con un'imponente flotta. La guerra, nel 38-36 a.C., si concluse con la vittoria di Ottaviano a Nauloco nel 36 a.C. 47. ^ Augusto fa riferimento alla coniuratio totius Italiae et provinciarum in verba Octaviani del 32 a.C. Un atto politico anticostituzionale ed axtracostituzionale, giacch si trattava di un atto plebiscitario fondato su di un giuramento d'origine militare esteso a tutta la popolazione d'Italia e delle province occidentali. Su di esso, Ottaviano fond il suo potere sino al 27 a.C. quando divenne Augusto; fu sulla scorta di questa investitura come dux (come lui stesso si definisce) che il futuro imperatore condusse la guerra contro Cleopatra e Antonio. 48. ^ Vedi sopra quanto detto al par. 12 49. ^ Augusto si riferisce alle due campagne di Druso (12-9 a.C.) e di Tiberio 8-7 a.C. vanificate, come noto, dalla disfatta diTeutoburgo dove 3 legioni, sotto il comando di Publio Quintilio Varo, vennero distrutte dai Germani nel 9 d.C. Roma mantenne un controllo sulla zone costiera fino all'Elba. 50. ^ La sottomissione dell'intero arco alpino avvenne in un serie di campagne militari fra il 35 ae il 7 a.C., di cui la pi importante la doppia manovra di Tiberio e Druso nel 15 a.C., in occasione della conquista della Rezia e della Vindelicia. 51. ^ La spedizione marittima nel mare del Nord avvenne nel 5 a.C. durante la campagna germanica di Tiberio 52. ^ Si tratta delle spedizioni del 3 e del 2 prefetto d'Egitto, rispettivamente Gaio Petronio ed Elio Gallo. Le campagne avvennero nel 24/25 a.C. in Arabia e nel 24-22 a.C. in Etiopia 53. ^ Nel 30 a.C. dopo la morte di Antonio e Cleopatra, Ottaviano ridusse a provincia il regno d'Egitto, affidandolo ad un cavaliere di sua nomina, con il titolo di praefectus Alexandreae et Aegypti. 54. ^ Svetonio, Tiberius, 9, 1 55. ^ Nel 2 a.C. Tacito, Annales, II, 4, 1

56. ^ Sono le province che nel trattato di Brindisi del 40 a.C. erano state affidate a Marco Antonio e che questi aveva poi donato aCleopatra (Cassio Dione LV, 10) 57. ^ Vedi sopra capitolo 12 58. ^ Ricordiamo fra le altre, Trieste, Aosta e Torino. 59. ^ Nel 20 a.C.Si tratta in particolare delle insegne di Crasso, perse nella battaglia di Carre nel 53 a.C. L'episodio raffigurato nella lorica della statua d'Augusto, detta l'Augusto diPrima Porta 60. ^ (Tanais in latino) era il nome greco arcaico del fiume Don oltre al nome di una colonia greca (fondata nel III secolo a.C., ma l'area era visitata dai greci fin dal VII secolo) situata proprio in corrispondenza della foce del fiume. 61. ^ Nella seduta del 13 gennaio del 27 a.C. 62. ^ Il titolo di pater patriae venne assunto il 5 febbraio del 2 a.C.