Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 4 ottobre 2012


anno XLV (nuova serie)

numero 35 euro 1,20

35
10 Allinterno
In dialogo con i lettori del Corriere
direttore risponde Ilalle numerose lettere giunte in redazione negli ultimi giorni

Miracolo eucaristico
Tanta gente per il cardinale Tarcisio Bertone
segretario di Stato celebraIlVaticano haBagno di to la messa a Romagna

Cesena
A SantAgostino un incontro con Carlo Casini
di noi. Dignit e diritti Titolo:finUnoconcepiumani dal mento

50 anni dopo
Gli occhi del mondo sul Vaticano II
universale Per la Chiesastato unoccasione di grande rinnovamento

11 e 23

EDITORIALE Fede e nuova Pentecoste


di Piero Altieri
eggendo i cronisti del Seicento, i nostri vecchi si compiacevano a far risalire il primo annuncio del Vangelo ad opera di missionari inviati da Roma. Se non proprio da san Pietro, certamente da un suo immediato successore. Gli studi degli storici hanno ridimensionato le date. Da Roma, risalendo le vie consolari o pi probabilmente da Ravenna percorrendo la via del Decumano per risalire a Sarsina e poi valicare lAppennino il vescovo Apollinare provenendo dalle province dellOriente sbarcato a Classe! Rimane comunque la certezza che i nostri padri ci hanno tramandato: nella nostra terra ben presto risuonata la Buona Notizia. stata annunciata, accolta e testimoniata risanando il cuore di chi lha accolta e in Cristo Signore la comunit dei credenti ha iniziato il cammino della fede. Un cammino che ha dato volto al nostro paesaggio; ha, soprattutto, forgiato lidentit e la cultura della nostra gente. Eppure! Papa Benedetto, che ha di fronte (e nel cuore) il mondo intero soprattutto quella parte del mondo cui diamo il nome di Occidente ha convocato il Sinodo dei Vescovi per riettere sulla Nuova Evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana e a partire dall11 ottobre prossimo, ricorrendo il 50esimo anno dellinizio del Concilio Ecumenico Vaticano II, ha invitato tutta la Chiesa a vivere lAnno della Fede. Il vescovo Douglas ci d appuntamento in Cattedrale per vivere linizio di questo tempo di Grazia, con la celebrazione dellEucaristia. Non che la Fede sia scomparsa dalle nostre contrade e ancor pi nel vissuto del nostro popolo urgente, tuttavia, in questi tempi di crisi, una crisi che venuta maturando gi prima della crisi nanziaria, una crisi che ha intaccato nelle radici il senso pi profondo dellesistenza e della storia, camuffando cos lingorda rapina che si abbattuta sullecosistema mondiale, tanto da porre come urgente lemergenza educativa per affrontare la rivoluzione antropologica che una cultura maturata e diffusa a prescindere dalla Fede e dalla Tradizione vissuta alla luce del Vangelo, ha posto in primo piano nel dibattito culturale che i mass media globalizzano, spesso disorientando lo sguardo di chi pur vorrebbe orientarsi verso la Verit. LAnno della Fede, introdotto dalla lettera Porta Fidei che richiama il sussidio prezioso del Catechismo della Chiesa Cattolica, scandito dal calendario liturgico e dalle iniziative proposte dalla nostra Chiesa, dovr essere una nuova Pentecoste che ravviva la gioia della Fede, che rinsalda i vincoli dellamicizia ecclesiale, che sospinge a testimoniare a tutti la Buona Notizia.

La Wellness Valley indicata anche in un cartello sullautostrada

Laboratorio Romagna

Cesena insegna. Nerio Alessandri, con la sua Technogym, ha realizzato un punto di eccellenza di livello mondiale. Partito dal garage di casa, a Calisese, il perito industriale, ora ingegnere, ne ha fatta di strada. La sua nuova fabbrica inaugurata sabato scorso, a Cesena, lesempio di unItalia che non si arrende di fronte alla crisi. Anzi, rappresenta quella fetta di Paese che negli anni pi difficili investe decine di milioni di euro su un futuro da affrontare con lassillo dellinnovazione, la passione di sempre e nuova responsabilit, industriale e sociale. Il Technogym Village e la Wellness Valley rappresentano due traguardi importanti, ma costituiscono al tempo stesso punti di una nuova ripartenza, per lazienda e per tutto il territorio. Primo piano a pag. 5

Cesena 13 Movimento Romagnolo, un nuovo partito Longiano 16 Contro il disavanzo la Giunta aumenta lImu

Cesenatico 15 Boom di presenze al Museo della Marineria Valle Savio Il Cammino di SanVicinio sotto la lente 17

Opinioni

Gioved 4 ottobre 2012

San Francesco, azione e contemplazione Per essere liberi di donarsi agli altri

on deve conoscere flessioni o ripiegamenti limpegno dei politici, animati dalla fede, a impegnarsi per la difesa della vita e della famiglia. questo il monito che Benedetto XVI ha recentemente rivolto ai partecipanti allincontro promosso dallInternazionale Democratico Cristiana. Questo obiettivo primario non solo dovr essere perseguito senza cedimenti, ma anche con rinnovata vitalit. A tutti i livelli si auspica un rinnovamento, soprattutto dopo i recenti scandali accaduti in Italia, ma esso, ha detto il Santo Padre, non sar tale se non partir proprio dallassumere come centrale e imprescindibile la ricerca del bene comune inteso come la promozione e la tutela della inalienabile dignit della persona umana. Rinnovamento che dovr essere, come lha definito il cardinale Bagnasco nella prolusione con la quale ha aperto la sessione autunnale del Consiglio episcopale permanente, reale e intelligente non una operazione di semplice cosmesi. Benedetto XVI, nelludienza svoltasi il 22 settembre scorso, ha anche ricordato come il rispetto della vita in tutte le sue fasi dal concepimento fino al suo esito naturale un impegno che si intreccia con il rispetto del matrimonio come unione indissolubile tra un uomo e una donna e come fondamento a sua volta della comunit di vita familiare. Non potrebbe essere diversamente perch la famiglia il UNA RIFLESSIONE IN VISTA DELLINCONTRO CON LONOREVOLE CARLO CASINI, luogo in cui la vita umana viene generata e accolta. Il legame tra tutela della famiglia PRESIDENTE DEL MOVIMENTO PER LA VITA. Dignit umana, diritti delluomo, uguaglianza. LINCONTRO SI TERR VENERD 5 OTTOBRE ALLE 21 A CESENA, naturale e difesa della vita umana nella NELLA CHIESA DI SANTAGOSTINO Con Uno di noi si vuole mettere in evidenza che sua inderogabile dignit stato (FOTO ARCHIVIO SIR) ribadito anche dai vescovi che, nel questi diritti vanno intesi sin dal concepimento comunicato finale del Consiglio Permanente, hanno definito limpegno in questo senso come profondamente laico, a beneficio dellintera comunit civile. Chi chiamato a ruoli di rappresentanza ha maggiori responsabilit, ma sarebbe ipocrita pensare che siano problemi solo di altri. Nelle pagine di questo giornale, qualche settimana fa, lamico Domenico Tallarico invitava a non confondere le orto due immagini, a me particolarmente care. La prima quella legittime richieste di cambiamento della della statua di San Francesco posta allingresso del santuario di politica con ideologie che somigliano a La Verna. Ci saremo stati in tanti pi di una volta, e certamente vecchie o nuove religioni mascherate. avremo notato come San Francesco sia chinato a parlare con un Noi cattolici non abbiamo bisogno di bambino. Il bambino ha in mano due tortore e il Santo lo invita a cercare ideologie lontane per rimotivare liberarle. La seconda immagine, ripresa di recente dal nuovo musical il nostro impegno politico, ma Francesco e Chiara, lamore quello vero, proposto in anteprima al sufficiente che cominciamo a mettere in Festival Francescano tenutosi a Rimini dal 28 al 30 settembre, riguarda pratica quei principi inderogabili, lincontro di Francesco con un lebbroso. Questa immagine la troviamo strettamente connessi alla natura nelle fonti francescane e in particolare il Santo nel suo testamento la umana, che trovano luce e conferma descrive cos: Quando ero ancora nei peccati mi sembrava cosa troppo nella nostra fede. Principi che, come ha amara vedere i lebbrosi; e il Signore stesso mi condusse tra loro e usai ribadito Benedetto XVI, riguardano gli con essi misericordia. interessi pi vitali e delicati della Francesco ci insegna, e lo stile francescano chiamato a proporci oggi persona, l dove hanno luogo le scelte con lesempio, a prenderci cura del nostro cuore sempre un po fondamentali inerenti il senso della vita malato per poter essere liberi di donarci alle persone che il Signore ci e la ricerca della felicit. mette vicino. Francesco e Chiara, azione e contemplazione, sono i due Liniziativa dei cittadini europei per la principali volti della spiritualit francescana che ci ricorda che solo un vita, che porta il nome Uno di noi, si abbandono fiducioso in Dio ci rende capaci di fare dono di noi stessi. muove proprio su questa linea di Lamore che Cristo versa in noi quando rimaniamo con Lui, impegno auspicato dal Magistero nellEucaristia, nella preghiera, nellascolto della sua Parola, nella perch, come affermato nel documento contemplazione del Creato, lo stesso che ci rende capaci di amare di presentazione della stessa iniziativa, Dio, il mondo e gli altri. riconoscere nel concepito un soggetto e Francesco conosciuto dai pi per la radicalit con la quale ha vissuto non un oggetto, una persona e non una il Vangelo. La scelta della sua povert un valore indiscusso per tutta la cosa, indispensabile per costruire una Chiesa e non solo, scelta scomoda, ma da non sottovalutare, cultura della vita che sia razionale, per soprattutto nellattuale contesto socio-economico. Chiaramente non ci tutti, indipendentemente dalla fede della Chiesa custode di questo prezioso patrimonio. Ogni chiesto di spogliarci di tutti i nostri beni come ha fatto ad Assisi pi di religiosa. Nella Carta europea dei diritti francescano impegnato a vivere, nel proprio stato di vita, i 800 anni fa Francesco di Bernardone, ma possiamo imparare un po di fondamentali e nei vari Trattati valori evangelici di povert, obbedienza e castit. Riparare la pi e un po meglio, con un gesto di fiducia e un po controcorrente, ad dellUnione Europea i termini dignit propria casa significa orientare il cuore a Dio, cio fidarci di accontentarci di ci che abbiamo. umana, diritti delluomo, uguaglianza si Lui, e staccarci dal bisogno di possedere le cose e le persone, Assisi ospita un flusso continuo di pellegrini che visitano i santuari trovano ripetuti con insistenza. Con liberarlo da un atteggiamento egoistico. dedicati ai santi Francesco e Chiara. Ogni persona che si dirige ad Uno di noi si vuole mettere in Chiuderei con il titolo dellincontro di domenica 30 Assisi porta con s un desiderio di pace: pace per il proprio cuore, pace evidenza che questi diritti vanno intesi settembre, allinterno del Festival Francescano, con per la propria famiglia, pace nelle relazioni e per lintera societ. sin dal concepimento altrimenti rimarr Alessandro DAvenia: La bellezza sta salvando il mondo. La Ancora oggi questo anelito di riconciliazione, di giustizia e di pace, pu la discriminazione tra gli esseri umani bellezza delluomo, che accompagnato dallo sguardo di Dio ricevere una risposta dalla spiritualit francescana, che ci propone uno nati e quelli non ancora nati e in Ges Cristo, libero di diventare ci per cui chiamato, stile di vita semplice, povero, aperto verso tutti, fiducioso nella bont e luguaglianza non sar realizzata. dono per gli altri e con gli altri. nella misericordia di Colui che ci ha creato e ci tiene in vita. La famiglia Marco Castagnoli Elisa Romagnoli francescana oggi, composta da frati, clarisse, suore, e laici, allinterno

Tutti impegnati in difesa della vita N

Riflessione per il 4 ottobre

La Vignetta

Gioved 4 ottobre 2012

Primo piano

Il fotoservizio della giornata di Pippofoto

Nerio Alessandri con moglie e figli

Il ct Prandelli in mezzo ai dipendenti Technogym

Il convegno di sabato pomeriggio

Sabato scorso nessun problema di viabilit e ordine pubblico attorno a Technogym a Cesena, anche grazie alle forze dellordine

Foto Technogym

Una giornata normale per un evento speciale


na normale mattinata con il presidente della Repubblica e un ex presidente degli Stati Uniti. Sabato scorso Cesena ha vissuto questo evento grazie allinaugurazione del Technogym Village di via Calcinaro. Ma la vita, attorno al nuovo stabilimento, non ha registrato particolari scossoni. Poco dopo le 8 del mattino mi dirigo da casa verso la Technogym. La via la stessa, la distanza di circa 3 chilometri. Penso di trovare qualche posto di blocco, ma cos non . Allaltezza della Cac, la cooperativa sementiera, un chilometro prima della Technogym, c gi movimento. In un loro prato adiacente ai capannoni di selezione delle sementi stato allestito lo spazio datterraggio per gli elicotteri. Per la via tutto normale: auto, camion pi o meno grandi, scooter, tutto come un consueto

sabato mattina. Solo allaltezza dellazienda di Nerio Alessandri si nota che non una giornata come le altre: vi sono pattuglie di Carabinieri, Polizia, vigili urbani. Una pattuglia anche alla rotonda con la via Cervese. Davanti al nuovo stabile si vedono molte persone, per lo pi agenti in borghese. A gruppi si avvicinano uomini e donne con pantaloni neri e maglietta gialla: sono i dipendenti Technogym che arrivano alla spicciolata. Ognuno di loro avr un ruolo durante la giornata, pi o meno visibile, ugualmente importante. I vigili colgono loccasione per multare un paio di scooter che sono stati imprudentemente parcheggiati sul marciapiede nei pressi della Technogym. Posteggio lauto a circa 400 metri e percorro a piedi questo breve tratto: la giornata di quelle "Wellness", quindi camminare un po dobbligo. Nellampia zona dingresso si notano larmonia degli spazi, la recinzione perimetrale costituita da barre dacciaio verticali, ma senza elementi orizzontali e il perfetto prato nonostante larida

estate. In alcune di quelle zone, fino a un paio di mesi fa, vi erano delle abitazioni poi abbattute. Sono stati trapiantati alberi di alto fusto, sostenuti da tiranti dato che le radici non hanno ancora radici sufficienti. Il prato tenuto perfetto da un paio di tagliaerba-robot. Unampia pista ciclabile rossa porta allo stabilimento principale. Qui, gi a quellora, vi sono gruppi di dipendenti che corrono. Altri giocano a basket nel campetto che ben si vede anche da via I fratelli Alessandri con Bruno Vespa Calcinaro. Altri ancora fanno ginnastica coordinati da un istruttore. E chiaro che una forzatura, giusto ammirazione ci che i suoi figli, in per fare un po di scena, ma ci sta: pochi anni, sono riusciti a realizzare, sono attesi un migliaio di ospiti un vanto per tutta la Romagna. stranieri e un po di coreografia non Poi la giornata fila via liscia e guasta. "Possiamo anche camminare, tranquilla. Alla Cac sono arrivati ogni tanto" implora agli altri un diversi elicotteri: lospite pi dipendente mentre corre ansimando. blasonato qui atterrato stato John Vista lora, non c quasi nessuno in Elkann. Il presidente Giorgio giro. Ne approfitto per un giro Napolitano e Bill Clinton sono arrivati panoramico negli uffici: lordine regna allaeroporto di Pisignano. Molta sovrano e ci che cattura lattenzione curiosit ha suscitato il corteo sono le sedie per gli impiegati: non presidenziale. Un residente di sono sedie, ma palloni gonfiabili sui Calabrina ci dice che ha ricevuto il quali ci si appoggia e si mantiene una saluto di Napolitano mentre passava postura diritta. in automobile in via Cervese. Mentre scendo allingresso principale Cesena, per un giorno, al centro del arriva la mamma di Nerio e Pierluigi mondo. Alessandri che guarda con una grande Cristiano Riciputi

Il saluto del vescovo


Anche il vescovo Douglas Regattieri stato invitato allinaugurazione del Technogym Village. Nella foto, il presule viene accolto da Nerio Alessandri. In pi monsignor Regattieri aveva partecipato, un paio di settimane fa, alla giornata di visita riservata alle famiglie dei dipendenti. In questo modo aveva potuto portare il suo saluto e impartire la benedizione a dipendenti e familiari.

Con gli olimpionici

Allevento Technogym hanno partecipato anche diversi olimpionici medagliati a Londra. Al centro, davanti a Nerio Alessandri, si nota Cecilia Camellini, medaglia doro nel nuoto alle Paraolimpiadi.

Primo piano

Gioved 4 ottobre 2012

Technogym

Il fondatore Nerio Alessandri: "Ogni prodotto va pensato come unopera darte"

Nel cuore della Romagna nata la "valle del benessere"


Francesco Zanotti
stato un evento straordinario, difficilmente ripetibile per il territorio cesenate. Linaugurazione del Wellness campus avvenuta sabato scorso, in via Calcinaro, a Cesena, ha portato la nostra citt alla ribalta nazionale e internazionale. Quasi duemila gli ospiti arrivati da 75 diversi Paesi. Centinaia fra giornalisti, cineoperatori e fotografi, questi ultimi per lo pi a caccia dei tantissimi vip che hanno risposto in massa allappello lanciato da tempo da Nerio Alessandri, fondatore e presidente di Technogym, una realt leader mondiale in un settore, quello del benessere, che ha ancora ampi margini di crescita. Dal garage di casa, a Calisese, ai 14 capannoni a Gambettola, fino al nuovo spettacolare siluro, un gioiello che ha richiesto un investimento di diverse decine di milioni di euro. In quasi trentanni un salto inimmaginabile per chiunque, ma non per Alessandri, uno che forse con fatica trova il tempo per riposare. S, perch per pensare alla sola parola "wellness" ce ne vuole di inventiva. E anche per tutto ci che lha seguita. Il neologismo nato nel 1992 diventato un modo di vivere, un trend di livello planetario che condiziona non pochi in giro per il mondo. Per ottenere risultati di questo genere non ci si pu di certo cullare sugli allori. Il 90 per cento del fatturato di Technogym costituito dallexport, ma nellinnovazione la marcia in pi, anzi le marce in pi su cui pu contare lazienda cesenate. "Innovazione fino allossessione", dice

Al centro, il presidente Napolitano. Nella foto a destra, Bill Clinton (Pippofoto)

Cos il Wellness
Alessandri camminando avanti e indietro e parlando a braccio sul grande palco predisposto allinterno della fabbrica. E aggiunge: "Ogni prodotto va visto come unopera darte". Il patron di Technogym detta la ricetta per il rilancio del Paese, le carte da calare per fare funzionare una macchina che appare perfetta. Prima di tutto non accontentarsi mai. Poi pensare a ogni nuovo giorno come fosse il primo. Davanti al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, Alessandri non si sottrae alle sue responsabilit e cala il suo poker. Ai primi due assi aggiunge "passione e responsabilit", valori condivisi con chi decide di fare parte di una squadra giovanissima. Let media dei dipendenti di soli 32 anni, un bel biglietto da visita per chi afferma che quanto realizzato " la dimostrazione "Il Wellness equilibrio - ha spiegato Alessandri - fra corpo, mente e spirito e si raggiunge attraverso un regolare esercizio sico, una sana alimentazione ed un approccio mentale positivo. Il Wellness ci permette di star bene con noi stessi e con gli altri, di avere pi energia e creativit sul lavoro e soprattutto di vivere meglio e pi a lungo".

se c un sogno si pu realizzare. Basta crederci". Alessandri ha al suo fianco la moglie Stefania e i figli Erica ed Edoardo . Fa salire accanto a lui il fratello Pierluigi. Insieme si commuovono quando ricordano il babbo morto due anni fa. In prima fila c la mamma Filomena. Non manca nessuno dei suoi, a voler rimarcare limportanza della famiglia anche per chi si trova ai vertici

mondiali del pianeta imprenditoriale e da cinque edizioni fornitore ufficiale delle Olimpiadi. "Abbiamo messo a frutto ci che gi esiste", dice ancora Alessandri che si gode, dopo anni di fatiche e lavori per realizzare uno stabilimento allavanguardia sotto moltissimi punti di vista, una giornata da autentico protagonista nazionale. "Ai giovani dico: prendete coraggio, rischiate. Per noi il Technogym village non un punto di arrivo, ma un punto di partenza, the new garage for a new era". Poi lancia i suoi slogan che sono un vero e proprio programma di lavoro per i prossimi anni. "Siamo passati dallapparire a un responsabile sentirsi bene, perch star bene conviene. Conviene a tutti: Stato, imprese, persone. Lets move for a better world (muoviamoci per un mondo migliore). Luomo deve ritornare al centro, come ci hanno insegnato i maestri del nostro Rinascimento". I Tg della sera dedicano ampi servizi allinaugurazione, alla presenza del presidente Napolitano e di tre ministri del governo Monti, Passera (Sviluppo economico), Balduzzi (Salute) e Gnudi (Sport). Per non parlare dellex presidente degli Usa, Bill Clinton, che chiudi i lavori di una giornata indimenticabile non solo per la Technogym, ma per tutta la Romagna, ora il regno della Wellness Valley, come indicato dal cartello dellA14, alluscita di Cesena, la citt del benessere.

Una parata di vip


Quelli che contano non sono mancati. Niente a che vedere con le "frivole" slate di vip che fanno bella mostra nelle pagine dei rotocalchi gossippari, partecipano alle grandi serate della "Milano bene" o alle aperture di show room griffati. Nessuna presenza anticonformista e poco elegante. Tutto assomigliava pi ad una grande riunione di Conndustria, ma senza tensioni, e con tanti sorrisi e strette di mano al patron Alessandri. Orgogliosi di esserci e di poterlo dire e in particolare tutti sorpresi di poter ammirare, nellanno della crisi, un impero nascente, notevole nella sua struttura che colpisce chiunque nel presentarsi. Il dress code (indicazione su come presentarsi vestiti) della giornata era indicato nellinvito degli ospiti, e prevedeva un semplice business casual, ossia non era richiesta la cravatta e la giacca poteva essere abbandonata: in pochi lhanno fatto e le signore hanno preferito uno stile cocktail o spezzati, solo allapparenza semplici. Niente eccessi e tanta nezza. Uno stile sobrio in armonia con pregiati spazi lignei del Technogym Village. In un solo giorno i fratelli Alessandri sono riusciti a riunire un sesto del consiglio dei ministri (Renato Balduzzi, Piero Gnudi e Corrado Passera), due presidenti, un principe della casa reale saudita e lo sceicco della famiglia reale di Abu Dhabi Al - Nayan, senza dimenticare i grandi volti delleconomia italiana e dello sport. Se non fosse stato per le Olimpiadi di Londra da poco disputate, forse molti volti dello sport nazionale non sarebbero stati individuati. E invece quei campioni, che con le loro vittorie a volte si sono resi inconsapevoli testimonial dellazienda cesenate riempiendo le pagine dei quotidiani nazionali estivi, si sono ritrovati tra i modernissimi spazi del Technogym Village catturando decide e decine di ash di fotogra. Si poteva nire a anco dellaltissima campionessa olimpica di canoa Se Idem o passeggiare per il Village vicino a Cecilia Camellini, trionfatrice nel nuoto alle Paralimpiadi. Non sono mancati gli schermidori Diego Occhiuzzi, Andrea Baldini e Andrea Cassar, Fabrizio Donato (salto triplo), la ginnasta Elisa Santoni, il pugile Clemente Russo, lo sciatore Giuliano Razzoli, il nuotatore Fabio Scozzoli e Mauro Nespoli, campione nel tiro con larco. Ma non solo: tra tanti completi blu e grigio scuro sono spiccati volti noti e autorit quali il presidente della Fiat John Elkann, Gianni Letta, Alessandro Benetton, lamministratore di Unicredit Federico Ghizzoni, il presidente di Montepaschi Alessandro Profumo, lamministratore della Bnl Fabio Galli, il rettore dellUniversit di Bologna Ivano Dionigi, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentis e il suo omologo cesenate Igor Campedelli, il presidente di Lega Calcio Maurizio Beretta, il ct della nazionale Cesare Prandelli, il direttore dellEnit Andrea Babbi, lex presidente del Consiglio Romano Prodi, loncologo Dino Amadori, il governatore Vasco Errani, il presidente della Cciaa Alberto Zambianchi, il deputato Sandro Gozi e lex sottosegretario Roberto Pinza, il prefetto Angelo Trovato e un folta rappresentanza di sindaci fra cui Paolo Lucchi col collega forlivese Roberto Balzani e il presidente della Provincia Massimo Bulbi. Numerosi gli imprenditori locali a partire da Francesco Amadori e Davide Trevisani. Come ogni grande evento non sono mancate le belle donne. Ma anche in questo caso nessuna forzatura, ma contegno e una raffinatezza, in alcuni tratti inuenzata dallimpronta di Chanel. Incantevoli Martina Colombari e Cristina Parodi, senza dimenticare lelegante rst lady Stefania, moglie di Alessandri, che ha fatto gli onori di casa. Barbara Baronio

Pasolini Elisabetta
Agenzia Immobiliare
VENDITE

corso Cavour, 157 CESENA tel. 348 6031576 340 8017213 info@immobiliarepasolini.it

PONTE VECCHIO (Cesena): in contesto storico e signorile di recentissima ristrutturazione vendesi bellissima porzione di fabbricato terra-cielo di ca mq.100 con ingresso indipendente e su due livelli. L'immobile di recente ristrutturazione presenta una luminosa sala con cucina a vista, ripostiglio, ampia camera matrimoniale, bagno con finestra + ampi soppalchi abitabili con studio, cam. matrim., ampio ripostiglio, bagno. Soffitti rivestiti in legno con travi a vista. Impianti autonomi. Cantina e posto bicicletta. AFFACCIO SULLA CORTE E SUL PONTE VECCHIO. RIFINITURE MODERNE E SIGNORILI. No spese cond.li Cl. energ. D RIF. A 299 Prezzo: euro 250.000 IPPODROMO (Cesena): In moderno complesso residenziale di nuova realizzazione, in bioedilizia certificata, vendesi luminoso e confortevole appartamento con ing. indip. su un unico piano composto da: ingresso, soggiorno e cucinotto con balcone solarium, disimp., due camere da letto con balcone, ripostiglio, un bagno. Disponibilit di garage, cantina, posto auto. Rifiniture di pregio. Porte scorr., finestre a ribalta, riscald. pav., antifurto, pannelli solari e fotovoltaici, frangisoli. Rif. A 2 Prezzo: euro 220.000 SANTANDREA IN BAGNOLO (Cesena): vendesi graziosa casa di recente costruzione con ingresso indipendente e giardino. La casa composta da: P.t. sala e cucinotto; p. 1 camera matrim. e cam. singola con ampio terrazzo, bagno. Mansarda con attacchi cucina e taverna con zona lavanderia, bagno e ripostiglio. Il giardino privato di ca. mq. 100 presenta un pergolato e due posti auto scoperti. Rif. C 12 Prezzo: euro 190.000 AURONZO DI CADORE: a due passi dagli impianti sciistici vendesi grazioso appartamento arredato in palazzina di 4 unit composto da sala con terrazzo, cucinotto, due camere letto, un bagno, cantina e garage. Imp. autonomi. Giardino cond.le. Rif. A 320 Prezzo: euro 150.000 BAIA SARDINIA: a due passi dal mare prospiciente il gruppo della Maddalena, in borgo verde e fiorito vendesi graziosa casa su due livelli con porticato e giardino privato. L'immobile composto da: p.t.: sala con portico e veranda sul giardino privato, cucina semiabitabile, bagno; p.1: disimpegno, camera matrimoniale, camera tripla, bagno. RIFINITURE SIGNORILI. ARREDATO. Rif. C 36 Prezzo: euro 350.000 CESENA: IN CENTRO DIREZIONALE VENDESI ALLULTIMO PIANO LUMINOSO UFFICIO DI MQ. 84 COMPOSTO DA: INGRESSO/ATTESA, DUE AMPI VANI, BAGNO E ANTIBAGNO. BALCONE TUTTATTORNO. ARIA CONDIZIONATA. IMPIANTI AUTONOMI. BELLISSIMA VISTA PANORAMICA DALLE AMPIE FINESTRE SCORREVOLI. AFFITTATO A OTTIMO CANONE MENSILE. POSSIBILIT DI CAMBIO DUSO. SI ACCETTANO PERMUTE. RIF. UV 40 PREZZO: EURO 210.000 CENTRO STORICO (Cesena): vendesi negozio di ca. mq. 50 con ampia vetrina, bagno e antibagno. A norma. Impianti autonomi. Rif. NV 50 Prezzo: euro 110.000

AFFITTI
CESENA ZONA CENTRALE: affittasi graziosa casa storica semiarredata completamente ristrutturata composta da sala con cucina a vista, disimpegno + ampia camera matrimoniale, bagno, antibagno/zona lavanderia. Mansarda abitabile con finestra e lucernaio elettrico. Rifiniture signorili, aria cond. Rif. AA 50 Canone: euro 600 CESENA: in zona centrale e ben servita affittasi in casa bifamiliare comodo e moderno appartamento dagli ampi spazi composto da sala con ampio balcone, cucina abitabile, tre camere letto, due bagni, garage con bagno, posto auto scoperto, porticato e giardino in comune. Non arredato/semiarredato. Disponibile dal 1 novembre. Rif. AA 430 Canone: euro 850 CL:D

Gioved 4 ottobre 2012

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO

In Cattedrale a Cesena lapertura dellAnno della Fede


Gioved 11 ottobre alle 20,30
Il vescovo di Cesena-Sarsina monsignor Douglas Regattieri presieder la solenne concelebrazione eucaristica di gioved 11 ottobre alle 20,30, in Cattedrale a Cesena, in occasione dellapertura dellAnno della Fede.

IL GIORNO DEL SIGNORE


Ci benedica il Signore tutti i giorni della nostra vita
Domenica 7 ottobre - Anno B XXVII Domenica del Tempo Ordinario Gen 2,18-24; Sal 127; Eb 2,9-11; Mc 10,2-16
frequenti. Il divorzio molto diffuso ed una sconfitta dellamore. Anche la legge civile lo riconosce. Per gli sposi necessario un amore reciproco e generoso. Se ciascuno pensa al proprio interesse, al proprio piacere e alle proprie soddisfazioni, non c vero amore. La loro unione diventa unione di due egoismi. Hanno scritto i nostri vescovi in questi anni che la famiglia luogo di missione. Per questo vengono proposti cammini di formazione ai fidanzati in preparazione al matrimonio e alla famiglia. necessario scoprire la dignit della famiglia e la sua origine. Le sue radici sono in Dio. Oggi luomo ha tentato di stravolgere questa sublime realt, riducendola a semplice convivenza. Ma non questo il progetto di Dio. Certo non vanno dimenticati momenti di difficolt. Sono di aiuto i gruppi famiglia e un inserimento pieno nella comunit parrocchiale che accompagna e sostiene la vita delle famiglie. Chiediamo al Signore di aiutarci a fare della famiglia una piccola comunit dove si fa esperienza di una comunione a immagine di Dio Trinit. Sauro Rossi

La Parola di ogni giorno


luned 8 ottobre san Simeone Gal 1,6-12; Sal 110; Lc 10,25-37 marted 9 santi Dionigi e comp. san Giovanni Leonardi Gal 1,13-24; Sal 138; Lc 10,38-42 mercoled 10 san Daniele Comboni Gal 2,1-2.7-14; Sal 116; Lc 11,1-4 gioved 11 beato Giovanni XXIII Gal 3,1-5; Cant Lc 1,68-75; Lc 11,5-13 venerd 12 san Serafino Gal 3,7-14; Sal 110; Lc 11,15-26 sabato 13 san Venanzio Gal 3,22-29; Sal 104; Lc 11,27-28

n questa domenica la liturgia della Parola ci invita a riflettere sul matrimonio. Luomo non trov fra gli animali, gli uccelli e il bestiame che Dio aveva creato e condotto, un aiuto che gli corrispondesse. Allora Dio form la donna con la costola tolta alluomo. Questo osso delle mie ossa. Luomo non stato creato per essere solo, ma per vivere lamore. La donna della stessa natura delluomo. Luomo abbandoner suo padre e sua madre e si unir a sua moglie, e i due saranno una carne sola. la nascita della famiglia. Nel Vangelo i farisei mettono alla prova Ges, chiedendogli: lecito per un marito ripudiare la propria moglie? Ges risponde: per la durezza del vostro cuore, Mos scrisse questa norma. Ma questa non era lintenzione originaria di Dio. La sua era unintenzione di unione e di fedelt. Dunque luomo non separi ci che Dio ha congiunto. Il matrimonio ununione damore. E lamore esige la fedelt. Oggi le rotture matrimoniali sono

A MESSA DOVE
8.45 San Giuseppe (corso U. Comandini) 9.00 Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Macerone, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa 9.15 San Martino in Fiume 9.30 Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, Bagnile, Casale 9.45 Rio Marano, Bulgarn 10.00 Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta 10.30 Santuario del Suffragio, Casalbono, Borello 10.45 Ronta, Capannaguzzo 11.00 Basilica del Monte, San Pietro, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico, SantEgidio, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone, Ruffio 11.10 Torre del Moro 11.15 Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli 11.30 Cattedrale, Osservanza, San Pio X, Istit. Lugaresi, Case Finali 17.00 Cappella del Cimitero 17.30 Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale, San Rocco, Osservanza 18.30 San Pietro, Cappuccini, San Domenico 19.00 San Bartolo

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 17.00 Cappella del cimitero Cappella dellospedale (no al sabato) 17.30 Istituto Lugaresi 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, Osservanza, SantEgidio 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, Cappuccini San Bartolo 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X 20.30 San Giuseppe Artigiano (Villachiaviche)

Sabato e vigilie
15.00 Formignano 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 17.00 Cappella del cimitero 17.30 Santuario del Suffragio, Istituto Lugaresi, Santuario dellAddolorata 18.00 Cattedrale, Santo Stefano, Case Finali, Osservanza, San Vittore, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, San Domenico, San Bartolo, SantEgidio, San Rocco, Cappuccini, Santa Maria della Speranza, Bulgarn 19.00 San Giorgio 20.00 San Giovanni Bono, Gattolino, Tipano, Bulgaria, Calisese 20.30 Ponte Pietra, Martorano, Ruffio, Villachiaviche, San Pio X, Santa Maria Nuova, Pievesestina, Pioppa, San Cristoforo

Gatteo a Mare; 9.30 Cannucceto; 9,45 San Pietro; 10 San Giacomo, Valverde; 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Bagnarola, Santa Maria Goretti, Gatteo a Mare; Sala, Villalta; 11.15 San Giacomo, Boschetto, Gatteo a Mare; 17.30 Cappuccini; 18 San Giacomo, Gatteo a Mare; 18,30 Zadina (Park Hotel); 20,45 Gatteo a Mare Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19.00 Crocetta 20.30 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 20 (sabato); 9 / 11.15 / 18 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10 / 11,15 / 18 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20.30 (sabato, chiesina del castello), 10,30. Mercato Saraceno

10.00; San Romano: 11.00; Taibo: 10; Pieve di San Damiano 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11; Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 18 (sabato, chiesa San Giuseppe), 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9 / 11 / 18; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8 / 11; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Pieve di Rivoschio: 16 Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10

Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30 San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 18.30 (sabato); 8 / 11.15 / 18.30; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 16 (sabato), 9.15; Balze: 16 (sabato), 11.30; eremo di SantAlberico: 15,30; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola 9.30; Capanne: 11.00

Messe festive

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

7.00 Cattedrale 7,30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, San Mauro in Valle, Ponte Pietra, Macerone, San Giuseppe Artigiano 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Giorgio, San Pio X, Gattolino, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco, Tipano, San Cristoforo, Ruffio, Roversano

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Villamarina; 17,30 Cappuccini, Santa Maria Goretti; 18 San Giacomo, Gatteo a Mare; 18,45 San Giuseppe; 20 Sala; 20,30 Villalta; 20,45 Gatteo a Mare Festivi: 7 Gatteo a Mare; 8 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo a Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9 Cappuccini,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

Tiratura del numero 34 del 27 settembre 2012: 8.000 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 18 di marted 2 ottobre 2012

Vita della Diocesi


BAGNO DI ROMAGNA Il Segretario di Stato vaticano cardinale Tarcisio Bertone domenica 30 settembre ha celebrato in piazza Ricasoli in occasione del 600esimo anniversario del Sacro Corporale

Gioved 4 ottobre 2012

Fuori programma
Incontri ravvicinati per il cardinale Tarcisio Bertone. Domenica scorsa il segretario di Stato vaticano, prima della messa solenne in piazza Ricasoli a Bagno di Romagna, ha fatto sosta al cimitero di San Piero in Bagno per una visita e una preghiera sulla tomba di Manuela Camagni, la memor domini che prestava servizio nellappartamento pontificio. La Camagni mor il 24 novembre 2010 a Roma, investita da unauto. Cordialissimo il cardinale, come conosciuto dal grande pubblico grazie ad alcune sue partecipazioni televisive, anche durante il pranzo consumato in canonica assieme a una ristretta cerchia di ospiti, non pi di una ventina. Alla sua destra il vescovo di Cesena-Sarsina, monsignor Douglas Regattieri (al suo fianco il vescovo emerito, monsignor Lino Garavaglia), alla sinistra il prefetto di Forl-Cesena, Angelo Trovato. Sempre in piedi il parroco, linstancabile monsignor Alfio Rossi, circondato dai suoi pi stretti collaboratori che hanno reso la giornata memorabile, sia per Bagno che per lintera Diocesi. Non sono mancate la battute sul calcio. Dopo le piroette di Giovinco, dovr consolare i miei amici della Roma (il cardinale juventino e la Juve sabato sera ha battuto 4-1 la Roma, ndr) e sul buon cibo preparato con estrema cura dalle donne di Bagno. Al momento del dolce, servito in abbondanza, il segretario di Stato ha commentato, come per scusarsi del consumo di tante calorie, devo dire che buono!. Alle 14,30 esatte la partenza in auto per il rientro in Vaticano, dopo aver salutato con affettuosa cordialit, tutti i presenti, uno a uno. Fz

Oltre il rito e il ricordo


e celebrazioni nella Chiesa non sono mai dei semplici ricordi del passato. NellEucarestia si celebra una realt viva, sempre attuale, che cinterpella, che ci coinvolge personalmente. Non si tratta di un fatto puramente rituale, ma una realt esistenziale che deve esprimersi in una condotta di vita conforme alla parole date da Dio. Limportanza dellEucarestia nella vita di un cristiano: a riproporla stato il segretario di Stato della Santa Sede, cardinale Tarcisio Bertone, dallaltare allestito allesterno della basilica di Santa Maria Assunta a Bagno di Romagna (Fc), nella diocesi di CesenaSarsina. Un corporale miracoloso. La cittadina romagnola impegnata a celebrare il seicentesimo anniversario del miracolo eucaristico di cui la chiesa conserva il Corporale, una tela inamidata che porta impresse otto gocce di sangue. Dellevento miracoloso, avvenuto nel 1412, ne d testimonianza labate Benedetto Tenaci che, si legge nel suo diario, mentre celebrava la messa dopo aver consacrato lEucarestia, non credeva che il vino si fosse veramente trasformato in sangue di Cristo. Per questa ricorrenza

il segretario di Stato vaticano stato presente a Bagno di Romagna per rilanciare lattualit dellEucaristia, perch ogni persona pu trovare l, in quella fonte inesauribile, la possibilit di essere lavata, perdonata, riconciliata, pacificata. Il porporato ha celebrato la messa insieme al vescovo cesenate monsignor Douglas Regattieri, a quello di Forl-Bertinoro monsignor Lino Pizzi, al parroco di Bagno monsignor Alfio Rossi, al vescovo emerito di Cesena-Sarsina monsignor Lino Garavaglia. Non sono cose del passato. Ges - ha detto Bertone - non un di pi, un optional, una specie di decorazione che i credenti possono permettersi; al contrario, sentiamo quanto sia necessario. Senza Ges non c salvezza perch luomo rimane prigioniero e vittima della propria meschinit. Solo il sangue di Cristo apre la via duscita che appunto la purificazione della coscienza. Se non cambia linterno delluomo - ha riflettuto il porporato - la nostra societ non pu cambiare veramente. Questo vale per ogni persona, per ogni famiglia, per ogni paese o citt, per ogni nazione, per il mondo intero. Quello che noi stiamo celebrando - ha proseguito il cardinale rivolgendosi ai fedeli che riempivano piazza Ricasoli, antistante la

Basilica - non una cosa del passato, ma ben di pi. Nei miracoli eucaristici, Dio ci vuole ricordare qual il centro della Salvezza: la trasformazione del mondo grazie allamore di Dio, mediante il sacrificio di Ges. Come nel miracolo di Bagno di Romagna, Dio ci offre un segno che richiede da parte nostra la fede. I miracoli non sono fatti per dare la fede, ma per esaudirla quando c ed viva, oppure provocarla quando carente o flebile. Risvegliare la fede. Vogliamo - ha concluso Bertone - che lodierna commemorazione contribuisca a risvegliare in noi lamore e la fede in Ges Eucarestia, affinch spazzi via un po del dubbio e di quella incredulit che presente anche in noi. Un monito, quello del segretario di Stato, che apparso ancor pi significativo posto in correlazione con linizio dellAnno della fede e la commemorazione del 50esimo del Concilio Vaticano II. A margine della celebrazione il cardinale ha salutato i pellegrini tedeschi e italiani dellassociazione Via Romea di Stade, che stanno compiendo un pezzo del cammino da Subbiano fino a Fabro avvicinandosi alla meta, che Roma. Michela Mosconi

Gioved 4 ottobre 2012

Vita della Diocesi

Spazio Ascolto Famiglia, un aiuto alla persona e alla coppia


Un servizio gratuito promosso dallUfficio per la Pastorale della Famiglia. La sede a San Carlo di Cesena
Ufficio per la Pastorale della Famiglia Lconoscere lattivit di Saf, Spazio della diocesi di Cesena-Sarsina desidera far Ascolto Famiglia, laiuto di consulenti familiari alla persona, alla coppia e alla famiglia. Spazio Ascolto Famiglia offre alle persone in difficolt un luogo di accoglienza, ascolto,

confronto e orientamento, anche in una dimensione spirituale. Si rende disponibile per una relazione di aiuto nelle situazioni di crisi e di difficolt, di disorientamento e di incomprensione. a disposizione di persone, coppie e famiglie che vivono situazioni di disagio relazionale, anche legato allesperienza della separazione e del divorzio. Gli operatori di Spazio Ascolto Famiglia sono consulenti familiari volontari, diplomati alla scuola Sicof (Scuola italiana consulenti familiari) di Roma, sensibili al bene della

famiglia, formati sulle problematiche del disagio familiare e relazionale e allascolto empatico. Il servizio offerto gratuitamente (su appuntamento) nei giorni di luned, gioved, venerd, dalle 15 alle 18; per appuntamenti telefonare dal luned al venerd, dalle 10 alle 17, al numero 346 3694421. La sede presso lIstituto Ancelle Sacro Cuore di San Carlo (accanto alla scuola materna), via San Carlo 316, San Carlo di Cesena. Info: www.noifamiglia.it; email: spazioascoltofam@tiscali.it

Venerd 5 ottobre alle 21 incontro nella chiesa di SantAgostino, a Cesena

Brevi
Giornata di inizio anno scolastico
LUfficio diocesano per la pastorale scolastica propone per gioved 4 ottobre alle 14,30, nellaula magna del Liceo scientico A. Righi di Cesena, la riessione guidata da don Agostino Tisselli Rendere cultura la fede. Sono invitati alunni, docenti e genitori.

Dignit e diritti umani fin dal concepimento


u iniziativa del Movimento per la Vita, lo scorso 20 maggio, nellaula Paolo VI in Vaticano, si sono incontrati i rappresentanti dei pi importanti movimenti e delle associazioni ecclesiali (Azione Cattolica, Acli, Papa Giovanni XXIII, Scienza e Vita, Forum delle famiglie, Comunione e liberazione, Rinnovamento nello spirito, Movimento dei focolari, Mcl, ecc). In questo contesto Carlo Casini, parlamentare europeo e presidente del Movimento per la vita italiano, ha comunicato liniziativa denominata Uno di noi, finalizzata alla raccolta di almeno un milione di firme in sette Paesi dellUnione Europea, per far riconoscere la persona umana fin dal concepimento. uniniziativa promossa da un Comitato rappresentativo delle associazioni prolife dEuropa, tra cui anche il Movimento per la Vita italiano. Si chiede al Governo dEuropa che il riconoscimento del bambino concepito e non ancora nato implichi, con un apposito atto legislativo, ricadute positive sulla ricerca scientifica, sulle leggi per la procreazione, sulla sanit. Per essere presentata alla Commissione

Sar presente lonorevole Carlo Casini, presidente nazionale del Movimento per la vita
Europea, liniziativa Uno di noi deve essere sostenuta da almeno un milione di firme raccolte in almeno sette Stati membri. I rappresentanti di venti Movimenti per la vita di altrettanti Paesi europei hanno presentato il primo aprile tale richiesta alla Commissione Europea, accolta il 10 maggio, data dalla quale iniziata la raccolta di firme che andr avanti fino al 10 maggio 2013. Venerd 5 ottobre alle 21, nella chiesa di SantAgostino, in centro a Cesena, Carlo Casini viene a lanciare liniziativa sostenuta dai movimenti ecclesiali e culturali di Cesena pro-life. Titolo dellincontro, aperto a tutti, Uno di noi. Dignit e diritti umani fin dal concepimento. Per informazioni: Anna Maria Amaducci, cell. 339 7017684; Marco Castagnoli, cell. 338 4649668.

Gioved 4 ottobre Festa di San Francesco patrono dItalia


ioved GCesena,4laottobre, nella Cattedrale di celebrazione della festa di San Francesco, patrono dItalia. Alle 17,30 vespri; alle 18 solenne liturgia eucaristica presieduta dal vescovo monsignor Douglas Regattieri. Saranno presenti le famiglie religiose della diocesi. In preparazione alla festa, nella chiesa delle Clarisse Cappuccine, a Cesena, si celebrato il Triduo.

Lincontro di venerd 5 ottobre alle 21, nella chiesa di SantAgostino, con lonorevole Carlo Casini (presidente nazionale del Movimento per la vita), promosso da: associazione Amici di Angelina, associazione Benigno Zaccagnini, associazione Comunit Papa Giovanni XXIII, associazione Genitori Scuole Cattoliche, associazione Scienza e Vita, Centro di Aiuto alla Vita, Centro Volontari della Sofferenza, Forum delle associazioni familiari, Istituto di Bioetica di Cesena, Movimento per la Vita, Unione Giuristi Cattolici Italiani, Unitalsi. Lappuntamento sostenuto da Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, thos Istituto di Bioetica, associazione Scienza&Vita Cesena.

I coniugi Schilir relatori al primo incontro del seminario di studi per famiglie, luned 8 ottobre in seminario a Cesena
domandare limpossibile. Senza pretenderlo. Chiesero cos per Pietro il miracolo della guarigione per intercessione dei coniugi Luigi e Zelia Martin, a cui padre Antonio Sangalli, carmelitano, aveva chiesto di affidarsi con una novena. proprio vero che da coniugi a coniugi, dalla terra al cielo, pu nascere unamicizia speciale e una missione come coppia. Sottolinea Walter: Aver conosciuto i Martin ci ha dato lopportunit di rivedere la nostra vocazione matrimoniale. Pensavamo che la santit fosse un cammino che ognuno porta avanti da solo; invece abbiamo imparato che nella vita dobbiamo prenderci cura luno dellaltro, vivere insieme ogni cosa con pienezza. Questo pensiero ci rimanda a quanto disse Giovanni Paolo Il: Il cammino di santit compiuto insieme, come coppia, possibile, bello, straordinariamente fecondo, ed fondamentale per il bene della famiglia, della Chiesa e della societ. Luned 8 ottobre alle 21, nellauditorium del seminario a Case Finali di Cesena, primo dei quattro incontri di studio organizzati dallUfficio Famiglia, avremo con noi Adele e Walter Schilir che ci racconteranno la loro esperienza riguardo al miracolo ricevuto. E padre Antonio Sangalli che ci parler dei beati coniugi Martin che sono per noi esempio di quellAmore che scaturisce dal riconoscersi ciascuno per laltro segno dellinfinito Amore di Dio, nellordinariet della vita di tutti i giorni.

Preghiera del Roveto Ardente


Venerd 5 ottobre, dalle 21 alle 24, presso la parrocchia San Giacomo apostolo in Cesenatico, preghiera del Roveto Ardente: adorazione eucaristica animata dal Rinnovamento nello Spirito Santo. Lincontro di preghiera aperto a tutti.

Incontro per divorziati risposati e separati conviventi


LUfficio diocesano per la Pastorale della famiglia propone per sabato 6 ottobre, dalle 18,30 alle 20, lincontro di ripresa del cammino spirituale per divorziati risposati e separati conviventi. Questanno il percorso avr come lo conduttore Coltivare la fede nella vita di ogni coppia. Lappuntamento in seminario, a Case Finali di Cesena; a conclusione, cena condivisa.

I santi nascono sulle ginocchia dei genitori


uando sono nato avevo una brutta malattia e i miei genitori hanno chiesto aiuto a Luigi e Zelia che sono andati da Ges e gli hanno chiesto: Guarisci Pietro?. E io sono guarito. Oggi Pietro Schilir, dieci anni, un bambino come tutti gli altri. Eppure la sua vita nasconde il miracolo di una guarigione inspiegabile per la scienza, guarito grazie allintercessione dei genitori di santa Teresa del Bambino Ges che, proprio attraverso questo miracolo, sono stati dichiarati beati il 19

Zona Rubicone-Rigossa, convegno per educatori


LUfficio catechistico diocesano e il Servizio di Pastorale Giovanile, in collaborazione con la Zona pastorale Rubicone-Rigossa, propongono il convegno formativo Mi educo per educare. In cammino per accompagnare. Il convegno formativo per educatori e catechisti si terr domenica 7 ottobre, dalle 9 alle 18, presso la parrocchia di Montenovo. Alle 17 verr celebrata la messa; pranzo al sacco e servizio di babysitteraggio. Iscrizioni presso: Giacomo, 347 7668788, Giovanni 348 8298958, parrocchiamontenovo@gmail.com.

ottobre del 2008. La sera tra il 5 e il 6 giugno del 2002 Adele e Walter Schilir sono rincasati dallospedale San Gerardo di Monza in attesa del peggio, come avevano predetto i medici. Quella notte, per, presero una decisione: Se per i medici non cera pi niente da fare, la nostra fede ci rendeva assolutamente certi che qualsiasi cosa fosse accaduta sarebbe stata per il bene di Pietro; e anche per il nostro stesso bene. Dopo questa decisione, abbiamo sperimentato il dono di una familiarit tale con Dio che ci permetteva di osare

10

Gioved 4 ottobre 2012

Attualit

Anniversario

Cinquantanni dopo dallevento, la riflessione di un giornalista allora ventenne

Villaggio globale
di Ernesto Diaco

Gli occhi del mondo sul Concilio Vaticano II


n gesto damore, verso la Chiesa e verso lumanit. Cinquantanni dopo, le emozioni e la straordinariet dellevento, i sussulti e le tensioni che esso aveva provocato allinterno della Chiesa appaiono sfumate, e con il senno del poi si preferisce

DIO PADRE, NOI IL GRANDE FRATELLO


I social network, come facebook e twitter, sono i nuovi spazi dellevangelizzazione. Su questo tema si terr il 12 maggio 2013 la prossima Giornata mondiale delle comunicazioni sociali. In attesa del messaggio di Benedetto XVI, tradizionalmente pubblicato in gennaio, la sala stampa della Santa Sede ha annunciato il titolo della giornata: Reti sociali: porte di verit e di fede; nuovi spazi di evangelizzazione. Una prospettiva su cui il Papa si gi soffermato in passato, ricordando che esiste uno stile cristiano di presenza anche nel mondo digitale: esso si concretizza in una forma di comunicazione onesta e aperta, responsabile e rispettosa dellaltro. Anche quando non si affrontano online discussioni dichiaratamente religiose, infatti, possibile testimoniare con coerenza, nel proprio profilo digitale e nel modo di comunicare, scelte, preferenze, giudizi che siano profondamente coerenti con il Vangelo. Fra i primi a commentare il comunicato vaticano padre Antonio Spadaro, direttore de La civilt cattolica e propugnatore di una cyberteologia che esprima la fede di sempre in dialogo con le categorie delluomo iperconnesso di oggi. Quello di Benedetto XVI afferma il gesuita un gesto sorprendente, perch alcuni ritengono che i social network siano un pericolo insidioso per le relazioni e per leducazione dei pi giovani. Il Papa, invece, salta a pi pari lapproccio di tipo moralistico andando al sodo, cio al significato profondo delle reti sociali. come se dicesse: La prima cosa da fare, capire cosa succede, cio di cosa stiamo parlando, cosa sono i social network, individuandoli come un ambiente di relazione, di conoscenza, capace di fornire opportunit. Intanto, sta per uscire negli Stati Uniti lultimo libro di Zygmunt Bauman, dedicato alla sorveglianza liquida nella rete. Viviamo in una societ-confessionale, dichiara il noto sociologo. I social network, registrando pubblicamente gli aspetti pi intimi e altrimenti inaccessibili delle nostre vite private, sono il territorio di una forma di sorveglianza volontaria. Una vera e propria servit scambiata per manifestazione di libert, a cui dunque ci consegniamo con il sorriso sulle labbra. Continua visibilit, infatti, significa anche controllo incessante. Dietro a tutto ci, spiega Bauman, sta la mentalit sempre pi diffusa secondo cui sono visto, dunque esisto. Dove basta il quadratino rosso delle notifiche di facebook per infonderci lebbrezza del sentirci pensati da qualcuno. Sar per questo che il Papa chiede di evangelizzare le reti digitali: far giungere agli uomini della rete la bella notizia di un Dio che ci vicino in ogni momento. Anche se non si accende il quadratino rosso di facebook.

Chiudiamo una giornata di pace, disse il Pontefice la sera di quel grande evento, accomiatandosi dalle migliaia di fedeli che con le loro fiaccole vegliavano in Piazza San Pietro, e a cui Giovanni XXIII raccomand di dare una carezza ai propri bambini,la carezza del Papa. A loro, uomini e donne di domani, protagonisti di un mondo migliore, era dedicato il Concilio appena iniziato

SI INTITOLA LA PORTA DELLA FEDE" IL MOTU PROPRIO, PUBBLICATO IL 17 OTTOBRE 2011 DAL VATICANO, CON CUI IL PAPA INDICE UN ANNO DELLA FEDE, A PARTIRE DALL11 OTTOBRE DEL 2012, A CINQUANTA ANNI DALLAPERTURA DEL CONCILIO. LE DATE DELLANNO DELLA FEDE E QUELLE DEL CONCILIO VATICANO II

pesare sulla bilancia il bene (e i problemi) che il Concilio Vaticano II ha comportato per la Chiesa Cattolica. Ma per Giovanni XXIII, che laveva voluto, fu uno slancio damore, e come tutti i grandi gesti di carit gli richiese grande coraggio e certezza interiore. In quella piazza, quel giorno non erano presenti soltanto 2.500 cardinali e vescovi di ogni continente, un evento assolutamente inedito per la basilica di San Pietro. In quella manifestazione di Chiesa universale si appuntavano gli occhi e le speranze del mondo. Perch, profeticamente, il Papa era convinto della sua necessit, per la Chiesa e per lumanit. Si

vivevano giorni drammatici. Il mondo, con il duro confronto tra Kennedy e Krusciov sui missili a Cuba aveva rischiato la distruzione atomica. E la Chiesa, e il suo Vangelo, avevano assistito impotenti. La verit, la giustizia, la solidariet e la libert tra gli uomini erano viandanti sperduti nel deserto, dove ininfluente echeggiava la voce di Cristo. E "profeti di sventura", arroccati nel proprio recinto di certezze, si frapponevano allapertura di un dialogo tra la Chiesa e lumanit intera. Come se lo Spirito Santo non agisse nel cuore degli uomini, anche di quelli "lontani", e nella storia. "Chiudiamo una giornata di pace", disse il

Pontefice la sera di quel grande evento, accomiatandosi dalle migliaia di fedeli che con le loro fiaccole vegliavano in piazza San Pietro, e a cui Giovanni XXIII raccomand di dare una carezza ai propri bambini, "la carezza del Papa". A loro, in fondo, uomini e donne di domani, protagonisti di un mondo migliore, era dedicato il Concilio appena iniziato. Una giornata di pace, il suo assillo, ma anche la sostanza di quellamore di Cristo verso lumanit, incarnato dalla Chiesa. E molti, quella notte di luna, si asciugarono gli occhi. Ripensare la Chiesa alla luce dei tempi nuovi e aprirla al mondo, ma soprattutto mettere al

centro del suo annuncio gli uomini, anche quelli di buona volont, anche quelli nemici o persecutori. Non per stabilire, in quel mondo di ideologie contrapposte e pervicacemente ostili, una pace qualsiasi. "Pacem in terris", aveva chiesto il Papa nella sua enciclica, poco prima che prevalesse la malattia, con lottimismo della fede di chi si apre al soffio dello Spirito e ritiene che la pace, costruita sullamore, non solo lassenza di guerra, ma una stagione di dialogo, perseguito con costanza nel segno della solidariet e della giustizia tra i popoli. Cinquantanni dopo il grande cuore di Giovanni XIII ci interpella ancora. Silvano Spaccatrosi

il Periscopio

di Zeta
In pi vorrei ricordare che Budan transitato anche dal Cesena calcio. Non ha giocato tantissimo nel suo anno in Romagna, ma vederlo ora che squaderna i suoi sentimenti dalle pagine di Avvenire me lo fa sentire ancora pi vicino rispetto a quando indossava la maglia bianconera. Ricordo quando i ragazzini gli giravano attorno, alluscita dallallenamento al centro sportivo di Martorano, e lui saliva a bordo del suo bolide bianco, rigorosamente tedesco. Eppure, anche questi uomini che tirano al pallone, cos invidiati e cos ammirati, hanno vicende come tutti e, soprattutto, un cuore come quello di tutti noi. Pare scontato, ma non sempre si pensa che anche i calciatori, o gli attori, o qualsiasi altro uomo pubblico possa vivere gli stessi sentimenti di chiunque altro. Budan: Gioco per un angelo, stupendo il titolo di una pagina di sport da incorniciare. Non certo perch racconta di una tragedia familiare, ma perch narra di un uomo e di una famiglia che si stringe nel dolore, ma non dispera. Anzi, nel dolore sa trovare le forze per resistere, per restare ancorati a ci che vale sul serio, al di l della vita e della morte.

Avvenire ha raccontato il dramma che ha colpito la famiglia del calciatore Igor Budan

Anche nel dolore si possono trovare le forze per resistere

n quei momenti terribili, pensi che ormai non sar pi come prima e lunica cosa da fare fuggire via. Cambiare casa, citt, continente. Poi capisci, comunque, che il dolore ti verr a cercare. E allora ti fermi un istante e provi a dare una spiegazione. Ma lunica risposta io e Gina labbiamo trovata nella fede che grazie a Dio non ci ha mai abbandonato, anche nei giorni pi duri da sopportare. Ho tratto questo brano virgolettato da Avvenire di mercoled 26 settembre. Massimiliano Castellani ha incontrato il giocatore di calcio, il croato Igor Budan, cui morta quasi improvvisamente la figlia Amber, di due anni. La piccola Biba stata colpita da una sindrome assai rara, la waterhouse (acqua in casa): lacqua invade il corpo e conduce al decesso in brevissimo tempo. La lunga intervista mi ha colpito in modo particolare anche perch me lhanno segnalata i miei figli che si interessano di calcio. E che il mondo del calcio, in tv, abbia trovato il modo e il tempo per raccontare del dramma della famiglia di Budan mi pare un bel segnale che merita attenzione.

Quando sei un professionista dice ancora Budan nel lungo colloquio con Avvenire diventi una macchina da soldi e vieni visto e usato come tale. Molti spendono di pi di quello che guadagnano. Nonostante questo, per, ci pu stare dellaltro. Ci sono i bambini di Palermo dei quartieri pi popolari, quelli a cui Budan ora guarda in maniera ancora pi particolare. Vorrei fare qualcosa anche per loro, anche se considero veramente poveri quei bimbi che non lamore dei propri genitori. Quando c lamore di un pap e di una mamma io so che anche la miseria fa meno male. (763)

Parole in dialogo
Lettera aperta a Vincenzo Andreucci Prima erano i cristiani adulti, adesso quelli pensanti...

Gioved 4 ottobre 2012

11

Da dove viene la spinta per i registri delle unioni di fatto?

arissimo Vincenzo, la tua lettera sul tema (anche fin troppo dibattuto) del riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali mi trova, nel merito, in sostanziale dissenso. Cerco di spiegartene le ragioni. La prima riguarda, in realt, tutto il non detto della tua lettera, cio quella oggettiva censura, tipica di una certa cultura oggi (apparentemente) dominante, che tende ad accreditare il fenomeno dellomosessualit come un dato di realt ineludibile (son tue parole) la cui esistenza, perci, non dovrebbe porre ormai pi alcuna domanda o problema - n agli interessati, n alle loro famiglie, e neppure alla pi vasta societ - se non, appunto, quello soltanto del suo pieno riconoscimento sociale e giuridico. Come ogni censura culturale, anche questa a me pare profondamente ingiusta e fonte, altres, di sofferenze personali e rischi sociali. Studiosi seri e autorevoli affermano che lomosessualit non il risultato inevitabile di un determinismo genetico o biologico innato, predeterminato e immutabile, e non definisce pertanto la natura della persona (intendendo tale termine come il principio che dispone lo sviluppo dellessere umano secondo la direzione inscritta nella persona stessa), ma affonda le sue radici in un problema riguardante la formazione dellidentit di genere ed il sintomo, o la ferita, di bisogni affettivi non soddisfatti durante linfanzia o la prima adolescenza, quando tale identit normalmente si forma. Non uno stato dunque, n una condizione personale o una identit ascritta (F. Grillini, ex presidente dellArcigay), non scelta e soprattutto non modificabile, come sostengono gli ideologi dei movimenti gay, bens una tendenza o inclinazione sessuale verso persone dello stesso sesso che molti studiosi, confermati dalle evidenze di serie esperienze professionali e da positivi risultati clinici raggiunti, ritengono peraltro normalmente reversibili. () Una seconda ragione attiene al merito della tua lettera, cio a quella domanda di riconoscimento di dignit umana piena da parte delle persone omosessuali cui si dovrebbe dare, come auspichi, una risposta soddisfacente in termini di diritto. Su questo occorre intendersi. Vi , a favore degli omosessuali, una domanda di riconoscimento di dignit umana sulla quale nessuno, oggi, non pu non concordare. In particolare, per quanto riguarda i cattolici da almeno un quarto di secolo che la Chiesa ha deplorato, pubblicamente e con assoluta fermezza, come le persone omosessuali siano state e siano ancora oggetto di espressioni malevoli e di azioni violente. Simili comportamenti meritano la condanna dei pastori della Chiesa, ovunque si verifichino. Essi rivelano una mancanza di rispetto per gli altri lesiva dei principi elementari su cui si basa una convivenza civile. La dignit propria di ogni persona devessere sempre rispettata nelle parole, nelle azioni e nelle legislazioni (Congregazione per la Dottrina della Fede, 1986: Cura pastorale delle persone omosessuali Lettera ai vescovi della Chiesa Cattolica, par. 10). Ma ben diverso il discorso del riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali (rectius: sullintroduzione del matrimonio fra persone dello stesso sesso e sulla sua sostanziale equiparazione alla condizione giuridica della famiglia, cui puntano apertamente tutti i movimenti gay) su cui lecito e, per un cattolico, anche doveroso dissentire. Le motivazioni di ordine razionale, biologico, antropologico, sociale e giuridico sono state ampiamente illustrate, da ultimo, nel documento della Congregazione per la Dottrina della Fede Considerazioni circa i progetti di riconoscimento

legale delle unioni tra persone omosessuali (2003), approvato espressamente da Giovanni Paolo II, che spero tu conosca. Non potendo riportarle integralmente, ne richiamo qui una soltanto e, cio, la oggettiva differenza tra il matrimonio eterosessuale e lunione omosessuale: in quanto costitutivamente (e non accidentalmente) sterile, infatti, il rapporto omosessuale, bench non considerabile illecito per la legge civile, non pu tuttavia rivendicare alcuna obbiettiva somiglianza nei confronti del matrimonio, la cui rilevanza pubblica e istituzionale sta, anzitutto, nelladempiere alla funzione sociale preziosissima di garantire lordine delle generazioni. Riconoscere legalmente le unioni omosessuali, e addirittura equipararle al matrimonio significherebbe, di fatto, non soltanto approvare socialmente una relazione interpersonale oggettivamente problematica e deviante (con la conseguenza, perniciosa, di farlo assurgere in qualche modo a modello per lintera societ), ma anche offuscare il valore dellunione matrimoniale eterosessuale che alla base della famiglia, cellula primaria e fondamentale di ogni societ umana. () Ancora due osservazioni, prima di concludere. La prima. Per cercare risposte adeguate alla domanda di giustizia nascente dalla realt tu, Vincenzo, ti appelli in primo luogo allo stesso insegnamento della Chiesa. Ti chiedo: a quale insegnamento ti richiami (oltre al brano della Gaudium et Spes citato nella tua lettera il quale nulla afferma per, in specifico, sul tema trattato)? Quello che io conosco, infatti, assolutamente chiaro e costante nellaffermare, fondandosi sulla Sacra Scrittura e in accordo con la Tradizione della Chiesa, che gli atti omosessuali sono intrinsecamente disordinati e che in nessun caso possono essere approvati. () La seconda osservazione riguarda, infine, quello strano accenno nella tua lettera ai credenti pensanti (con riferimento implicito, ma evidente, a quelli che non sarebbero abituati, invece, a far uso della loro materia grigia!). Ci risiamo: credenti pensanti, cristiani adulti,... Spero siano stati la foga o la fretta, Vincenzo, a tradirti... Se cos non fosse, infatti, risulterebbe assai poco credibile, perch singolarmente contraddittorio, il tuo appello conclusivo ad un dialogo franco ed aperto fra tutti i cattolici con pari dignit. Con laffetto e la stima di sempre. Roberto Iacuzzi (La versione integrale della lettera si pu trovare su www.corrierecesenate.it, sezione Opinioni e lettere)

arissimo direttore, gli interventi di Stefano Spinelli e Vincenzo Andreucci sono unoccasione per cercare di capire (possibilmente insieme e senza antipatiche distinzioni) come nascono certe decisioni politiche e valutare se sono ispirate al bene comune che tutti vogliamo vedere realizzato nella nostra societ oggi. Penso non sia in discussione che la Chiesa Cattolica si batta per il rispetto della persona omosessuale, a cui si deve dignit, accoglienza, aiuto. Vincenzo Andreucci molto opportunamente ha richiamato lart. 2 della Costituzione che tutela le formazioni sociali e quindi anche realt che possono riguardare persone omosessuali. Lordinamento giuridico italiano e la giurisprudenza hanno nel tempo garantito tutele per le coppie di fatto su svariati aspetti (patrimoniali, assicurativi, sanitari). Se ci sono settori su cui c bisogno di migliorare le tutele penso che nessuno intenda sottrarsi a un confronto per verificare cosa si pu cambiare. Il regolamento comunale di Pisapia nasce da questa esigenza? Leggendo la delibera comunale di Milano pare proprio di no. La premessa su cui si fonda la decisione di istituire un registro data da una sentenza della Corte Costituzionale (n. 138/2010) con cui la Corte ha rigettato listanza di registrazione in Comune del matrimonio tra due persone dello stesso sesso, chiedendo lequiparazione allart. 29 della Costituzione. Se questa la motivazione su cui si fonda tutto, allora la vera posta in gioco sui registri unaltra: quella di rivedere profondamente un impianto costituzionale che non stato pensato e costruito allo scopo di dare forma giuridica a qualsiasi tipo di convivenza o di fornire riconoscimenti ideologici. La nostra Costituzione, dagli artt. 29 in poi, ha messo in campo una serie di principi che vedono la famiglia aperta alla vita come cellula della societ che garantisce la continuit e la cura delle generazioni. I vari costituenti (da Aldo Moro a Palmiro Togliatti passando per Giorgio La Pira) che si sono confrontati avevano in mente la salvaguardia delle condizioni economiche delle famiglie, leguaglianza dei coniugi, i diritti della prole all'educazione e all'istruzione, leguaglianza tra figli illegittimi e legittimi e il riconoscimento della funzione sociale della maternit. La legalizzazione delle unioni di persone dello stesso sesso contrasta con la volont del costituente. Unultima annotazione sulla carriera di questi registri: a Gubbio stato cancellato (dopo 10 anni era iscritta una sola coppia). Bologna resiste con zero iscritti mentre al comando nella classifica delle iscrizioni ci sono Torino e Firenze con un centinaio di coppie iscritte. Non allora pi produttivo evitare dibattiti estenuanti sulla creazione di nuovi status giuridici, che tra laltro dovrebbe stabilire eventualmente il legislatore statale (lo sa anche Pisapia che lo ha scritto nella sua delibera comunale), per concentrarsi sui problemi concreti della famiglia? William Casanova

Il direttore risponde
Carissimi, grazie infinite per i vostri interventi. Dopo la lettera di Vincenzo Andreucci credo si sia sviluppato un interessante dibattito che ha messo in evidenza come il tema della famiglia sia assolutamente sottovalutato in Italia. Lo ribadisce molto bene William Casanova, fra laltro appena nominato dal vescovo quale nuovo direttore dellufficio diocesano per la pastorale sociale (cfr. Corriere Cesenate del 13 settembre, pag. 9) che ricorda come tutto limpianto costituzionale disciplinato dagli articoli 29 e seguenti preveda una serie di principi in favore della famiglia aperta alla vita come cellula della societ che garantisce la continuit e la cura delle generazioni. Anche sui registri e sul loro valore esclusivamente strumentale non aggiungo altro a quanto gi ampiamente esposto da quanti hanno preso parte a questo dialogo franco e aperto, proprio come auspicava Andreucci. Mi permetto unultimissima annotazione, come ha rilevato anche Iacuzzi nella lettera in pagina, sui credenti pensanti. Andando avanti con queste categorie e con questi pregiudizi, che a mio avviso non dovrebbero avere cittadinanza fra chi condivide la medesima esperienza cristiana, sono convinto che non si ottenga alcun risultato positivo. Mi dispiace solo che ogni tanto vengano tirati fuori, alla maniera di chi guarda gli altri dallalto al basso, come fossero di rango inferiore, non allaltezza dei ragionamenti proposti, succubi di direttive imposte. Assicuro tutti che qua siamo su unaltra strada, con tanta serenit e animati dal desiderio di metterci sempre in discussione, alla ricerca della verit, quella Verit che vi far liberi (Gv 8,32). Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

12

Gioved 4 ottobre 2012

Cesena

Macfrut si chiude con bilancio positivo

Il ministro auspica un settore pi equo


gni anno gli espositori Mario Catania: "Gli agricoltori tornano, gli spazi vengono hanno diritto a contratti scritti tutti occupati nonostante la crisi, i visitatori non e a pagamenti in tempi certi mancano quindi, quando si parla di A loro, finora, resta solo Macfrut, sono i numeri e i fatti a sancire che la formula azzeccata. il 17 per cento del valore" Fermo restando che il prossimo anno sar la 30esima edizione e gli organizzatori devono pensare a finale della frutta. Qui in Romagna la situazione meno qualcosa di nuovo che sappia stupire. critica rispetto ad altre parti dItalia, per occorre La fiera si svolta la scorsa settimana e il secondo giorno, ovunque un ripensamento. Dove possibile necessario il gioved, c stata davvero tanta gente. Anche il giorno ridurre i passaggi e orientarsi verso nuovi mercati". desordio si era notata una partecipazione molto buona. "Una presenza quella del ministro - commenta Domenico Pi tranquilla invece, la giornata di chiusura. Scarpellini, presidente di Cesena Fiera- che, oltre a Lospite pi atteso stato sicuramente il ministro Mario renderci orgogliosi, qualifica la nostra rassegna anche per Catania il quale si trattenuto da mercoled al gioved lapprezzamento ricevuto dal ministro. Questanno sono pomeriggio. E non ha deluso le attese: "Con aumentate le partecipazioni dallestero, con personalit lintroduzione del cosiddetto "Articolo 62" - ha detto di alto livello: ministri, ambasciatori e responsabili della pensiamo di favorire il comparto produttivo. Prima di grandi catene dei supermercati. In sintesi direi che la tutto sar obbligatorio stabilire dei tempi certi per i ventinovesima edizione di Macfrut ha fornito risultati pagamenti, un aspetto che permetter una migliore positivi sia sul piano delle presenza, sia su quelle delle programmazione da parte delle aziende. Daltra parte strategie proposte. Basti pensare alla qualit degli Oscar e prevede un accordo scritto nelle transazioni alla presentazione del Progetto Frutta Sport e Benessere ortofrutticole". che ha debuttato con una testimonial deccezione quale Non ha poi evitato una riflessione sulla crisi del settore: Josefa Idem, proprio a Macfrut". "La filiera non funziona, occorre ammetterlo. Al E per aumentare i consumi di frutta fresca c chi ha produttore resta solo il 17 per cento, in media, del valore

portato in fiera delle novit. La proposta innovativa viene da Canova, la societ del gruppo Apofruit, specializzata nel biologico e licenziataria del marchio Almaverde Bio per il comparto ortofrutta fresca. Canova propone a tutti gli operatori della ristorazione quali bar, pasticcerie, gelaterie un kit dedicato alla somministrazione al pubblico di frutta fresca biologica "chiavi in mano". Agli operatori verr offerta una gamma completa di frutta fresca pronta al consumo, lavata, sbucciata, senza conservanti n liquido di governo. Oltre alla frutta biologica pronta, il kit fornito agli operatori sar arricchito dagli ingredienti per la preparazione di yogurt freddo rigorosamente biologico e da granelle decorative. Saranno messi inoltre a disposizione pratici banchi frigoriferi appositamente adattatati per la distribuzione del prodotto e una macchina per la produzione di yogurt gelato.

Partecipano Orogel, Amadori, Apofruit e altre 6 aziende del territorio

Le imprese agroalimentari aprono le porte agli studenti


e aziende agroalimentari del territorio aprono le proprie porte agli studenti delle scuole superiori. Liniziativa "Filiere aperte... il territorio che ti nutre" stata presentata durante il Macfrut ed un progetto nato dalla collaborazione fra Alimos, la provincia di ForlCesena e, soprattutto le aziende che si sono rese disponibili. Si tratta di Amadori, Apofruit, Orogel, Centrale del Latte, Cac, Associazione forlivese apicoltori, Cem, Consorzio Agrario Adriatico, Bovinitaly. Nel mese di ottobre le classi interessate potranno accedere alle aziende toccando con mano le varie fasi della filiera produttiva. "Si tratta della seconda esperienza - ha affermato il direttore di Alimos, Massimo Brusaporci - dopo lesordio dellanno scorso quando aprirono le proprie porte

Amadori, Centrale del latte e Orogel. La nostra missione quella di trasmettere alle giovani generazioni i principi della sana alimentazione e le nostre imprese locali sono lesempio concreto di qualit e legame col territorio". Una spinta al progetto stata data dallassessorato provinciale allagricoltura, guidato da Gianluca Bagnara. "Dobbiamo far conoscere ai nostri studenti le filiere alimentari locali. Penso che lesperienza della nostra provincia, di apertura sistematica e organizzata delle ditte, non estemporaneo, sia un esempio quasi unico in Italia. Lo scopo anche quello di spiegare ai giovani il percorso completo dei prodotti dalla terra alla tavola". Liniziativa gode anche dellappoggio delle centrali Legacoop e Confcoopera-

tive, rappresentate al Macfrut da Antonio Zampiga e Mirco Coriaci. In sede di presentazione non se ne parlato, ma riguardo ai prodotti locali e alla ristorazione delle mense scolastiche, vi il nodo delle forniture. Il capitolato di fornitura di Cesena pretende prodotti biologici e quindi non tutte le aziende locali possono fornire le materie prime (ad esempio Amadori) che devono essere recuperate altrove. Vi poi il caso particolare di Bovinitaly, il Consorzio delle razze da carne Romagnola, Marchigiana, Chianina dellAppennino centrale, che lavora molto di pi fuori che non in Romagna: rifornisce la ristorazione collettiva di Roma, con 140mila pasti al giorno. Il 50% della carne Romagnola finisce proprio sulle mense romane.

Cesena

Gioved 4 ottobre 2012

13

Il Movimento Romagnolo si presenta con un convegno venerd 5 ottobre


(presidente Confcooperative), Franco Fregni (direttore La Voce). A concludere interverr il politico di professione Pier Ferdinando Casini. "E nostra intenzione aggregare il centro ha aggiunto Fiori - dando vita a un partito che non abbia un leader, piuttosto una leadership costituita da un gruppo di persone volenterose. E vorremmo davvero avvicinare i giovani alla nostra realt". "Siamo certi - gli ha fatto eco Cappelli - che proponendo una politica seria e dai sani principi, anche i giovani ne rimarranno entusiasti". Cappelli, che con i suoi 90 anni una memoria storica del territorio, ha ricordato che lesempio del politico deve essere quello di De Gasperi, "morto in povert senza neppure una casa. Tanto che i suoi amici organizzarono, tramite il partito, una colletta per dare un tetto alla famiglia". Il Movimento Romagnolo si presenta con unimpronta chiaramente cattolica e lo scopo quello di confluire lUdc nella nuova realt. "Ma siamo aperti a tutti coloro che approvano le nostre idee e il nostro modo di intendere la politica" ha sottolineato Zoffoli. Il nome del partito, e la presenza di Cappelli come presidente, potrebbe far confondere il partito con il Mar, il Movimento per lautonomia della Romagna. "Nessun fraintendimento precisa il senatore - in quanto le due realt sono ben differenti. Il Mar una corrente culturale che abbraccia tutti i partiti, il Movimento Romagnolo un partito con idee e obiettivi chiari". Cristiano Riciputi

Ispezioni
Controlli alla Brc
Ispezioni presso Banca Romagna Cooperativa e nelle case di alcuni dipendenti. Listituto di credito comunica, con una nota, "che sono stati disposti accertamenti della Magistratura presso la propria sede. Questi accertamenti scaturiscono da una segnalazione effettuata dai vertici della Banca alla Procura della Repubblica per tutelare lIstituto relativamente ad alcuni fatti da accertare, riferibili al periodo antecedente il 2010". In pratica alcuni imprenditori del forlivese hanno detto al presidente Nazario Sintini che in passato avrebbero fatto dei regali preziosi a dei dipendenti della zona di Forlimpopoli, affinch le loro pratiche avessero buon esito. Appena saputo questo, il presidente ha avvisato la Procura e a quel punto sono scattate le indagini. Tutto ci in un momento in cui la banca ha dato segni di ripresa. Il bilancio, approvato dal Cda al 30 giugno, vede lutile netto a 73mila euro (943mila euro al lordo delle imposte), 983 milioni di raccolta totale e 939 milioni in impieghi (prestiti a famiglie e imprese). Gli accantonamenti sono pari a 6,2 milioni di euro. "Purtroppo - hanno detto alcuni giorni fa il presidente e il direttore Piergiorgio Giuliani abbiamo anche erogato meno soldi ai comitati locali, che sostengono parrocchie e associazioni, e di questo ci scusiamo. Ma in questo periodo siamo concentrati su una gestione prudente della banca".

Un nuovo partito che richiama la Romagna


n "Movimento Romagnolo" per tornare a fare politica dal basso e avvicinare i giovani al bene comune. E questo lobiettivo del neonato partito presentato luned scorso presso labbazia del Monte di Cesena. "Siamo qui al Monte - ha spiegato il coordinatore Giorgio Fiori - in quanto il nostro Movimento romagnolo di pensiero e di agire politico intitolato a Eligio Cacciaguerra che aveva una particolare devozione per questo santuario". I cesenati che fanno parte del direttivo

sono, oltre a Fiori, Gilberto Zoffoli, Maurizio Fantini e Franca Lucchi. In pi vi linossidabile senatore Lorenzo Cappelli nominato presidente del Movimento. Per presentare a tutti i cesenati la nuova realt, venerd 5 ottobre, dalle 17,30 alle 19,30 si svolger un convegno al quale sono invitati "tutti coloro che hanno a cuore il bene comune e una politica seria" ha detto Fiori. I relatori saranno Damiano Bartolini (Comitato paritetico volontario), Arturo Alberti (Presidente Romagna solidale), Maurizio Gardini

Forl | La giornata del Ricordo

Venezia | Gita degli Amici del Monte

Cera anche una folta delegazione da Cesena alla Giornata del ricordo che si svolta nei giorni scorsi a Forl, al parco urbano. A organizzare levento stata lassociazione nazionale familiari caduti e dispersi in guerra, la cui sezione locale presieduta da Dino Benini. La messa stata celebrata dal vescovo Lino Pizzi. Sono state premiate alcune vedove di guerra. Nella foto, il discorso di Sergio Gori, presidente provinciale.

Viaggio alla scoperta dellArmenia per gli "Amici del Monte" di Cesena. Un gruppo dellassociazione culturale s recato in visita a Venezia venerd 28 e sabato 29 settembre. Due le mete del viaggio: il monastero benedettino posto sullIsola di San Giorgio e le tracce della presenza armena a Venezia, attraverso luoghi che ancora oggi testimoniano il duraturo affetto fra la Serenissima e i figli della terra dArmenia.

I VIAGGI DI GRUPPO FIRMATI ROBINTUR Splendidi tours esclusivi con accompagnatore dallItalia
TOUR DELLA THAILANDIA: BANGKOK E IL NORD Luci, suoni e profumi. Volo da Bologna 10 giorni, dal 25 novembre al 4 dicembre 2012 quota da 1.730 euro

VACANZE, TOURS E SOGGIORNI E PELLEGRINAGGI AUTUNNO 2012


PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA: dall8 al 15 novembre, con volo da Bologna (con un piccolo gruppo guidato da don Paolo Notari, priore dellAbbazia di Nonantola). Itinerario completo: da Nazareth a Betlemme e Gerusalemme da 1.340 euro Programma in agenzia! PONTE DI NOVEMBRE ALLE CANARIE, LA SPLENDIDA ISOLA DI FUERTEVENTURA DAL 29 ottobre al 5 novembre, con volo speciale da Rimini! Veraclub Tindaya, all inclusive da 750 euro CARAIBI, ISOLA DI SANTO DOMINGO 9 giorni, 7 notti Dal 3 novembre, volo e Eden Barcelo Bavaro all inclusive

PER IL 2013 ABBIAMO PROGRAMMATO 11 TOUR FIRMATI DI GRUPPO


TOUR MESSICO Citt del Messico e tour della bassa California... con le sue balene volo da Bologna, 13 giorni dal 16 gennaio 2013 da 2.895 euro TOUR DELLA BIRMANIA: lo splendore di mille pagode Yangon, Lago Inle, Indein, Pyndaya e le grotte, Mandalay, Mingun, Amarapura e minicrociera sul fiume, Bagan 13 giorni dal 13 al 25 febbraio 2013, volo da Roma da 2.990 euro

da 950 euro

Ecco gli altri tour 2013: CUBA, OPPURE CINA - LA SPAGNA DEL NORD, OPPURE IL TOUR DEL MAROCCO - TOUR DEL MAGNIFICO PER - TOUR DELLUZBEKISTAN TOUR DELLISLANDA - TOUR DELLA TURCHIA - TOUR SUD AFRICA - TOUR DELLAUSTRALIA Programmi disponibili da ottobre 2012

MAR ROSSO - SHARM EL SHEIKH - SPLENDIDO CLUB SUL MARE dal 25 novembre al 2 dicembre, 8 giorni, volo da Bologna Veraclub Queen Sharm all inclusive, ultimi posti! da 540 euro

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it/viaggi-veneri


VI INVITIAMO A VISITARE IL NOSTRO SITO INTERNET WWW.ROBINTUR.IT PER LE NOSTRE OFFERTE DI VIAGGI, SOGGIORNI, TOURS E CROCIERE AUTUNNO-INVERNO 2012

VIAGGI VENERI

14

Gioved 4 ottobre 2012

Cesena

Feste Luned 8 ottobre incontro con Maurizio Mussoni e William Casanova


MARTORANO
Comunit in festa per un duplice avvenimento: oltre alla consueta festa della Madonna del Rosario, questanno viene ricordato il 400esimo anno di Fondazione della parrocchia. Levento stato celebrato in giugno, durante la celebrazione della solennit del Sacro Cuore con la presenza del vescovo emerito di Carpi, monsignor Elio Tinti. A fine anno sar pubblicato un libro sulla storia della parrocchia. Il primo appuntamento della festa parrocchiale (7-14 ottobre) in programma luned 8 ottobre alle 21 nel salone. Maurizio Mussoni, delluniversit di Bologna, e William Casanova, direttore della Commissione diocesana Gaudium et Spes, tratteranno il tema "Comunit cristiana: saldi nella fede e solidali". Mercoled 10 ottobre alle 20,30 sar inaugurata la nuova sede Caritas intitolata a Bruna e Consilio Pistocchi. "In accordo con il diacono Consilio - spiega il parroco don Andrea Budelacci - e con la comunit, avevamo deciso di dedicare la sala a Bruna Buratti, moglie di Consilio morta due anni fa, per quanto ha rappresentato per la parrocchia. Poi il 19 settembre anche Consilio venuto a mancare e quindi stato deciso in maniera unanime di dedicare la sala a questa coppia di sposi, eroi della carit quotidiana". Venerd 12 alle 20,30 si terr la processione per le vie del paese, mentre sabato 13 dalle 15 alle 18 ci sar la possibilit di confessarsi. Domenica 14 la messa solenne sar celebrata alle 11. Il giorno precedente, sabato 13, alle 21 la compagnia teatrale parrocchiale "Dria larnaz de fium" presenta la commedia dialettale brillante "E nost prosum". Nel pomeriggio di domenica 14, negli spazi parrocchiali, ci sar musica dal vivo con il complesso Happy Band, stand gastronomico, stand dei fiori (il ricavato sar destinato alla missione di padre Giorgio Biguzzi), finale e premiazione del torneo di Beach volley.

Martorano compie 400 anni

SAN MAURO IN VALLE Sar dedicata alla Madonna della Misericordia la festa a San Mauro in valle. Le celebrazioni inizieranno sabato 13 ottobre alle 14.30 con la fiorita dei bambini, domenica 14 ottobre, dopo le messe delle 7.30 e delle 9.30, durante quella delle 11 sar conferito il mandato ai catechisti. Alle 15 ci sar la messa con unzione degli ammalati e rinfresco. Durante la giornata sar organizzato il mercatino pro Caritas. Luned 15 ottobre alle 7.30 sar celebrata la messa per i defunti della parrocchia e alle 20.15 il rosario e la messa. Seguiranno gli incontri del consiglio pastorale e dei catechisti. Marted 16 ottobre la messa sar alle 7.30 e alle 20.15 dopo il rosario, la messa sar celebrata da padre Francesco, cappuccino. Ci sar poi lincontro con i genitori dei bimbi di terza elementare per la prima Confessione. Mercoled 17 e gioved 18 ottobre ogni sera si terr la messa sempre con padre Francesco, cappuccino e al termine si svolgeranno rispettivamente gli incontri con i genitori dei bambini che dovranno ricevere la prima Comunione e la Cresima. Il programma proseguir venerd 19 ottobre con ladorazione ed esposizione del Corporale miracoloso di Bagno di Romagna e bacio della reliquia, dalle 14 alle 18. Sabato 20, la messa sar alle 7.30 e nel pomeriggio sono in programma catechismo e confessioni. Domenica 21 ottobre festa della Misericordia della Misericordia le messe si terranno come di consueto alle 7,30, alle 9 e alle 11. Durante tutto larco della mattinata sar possibile dare il proprio contributo alliniziativa "una torta per un libro". Dalle 8 alle 12 saranno vendute le torte fatte in casa dalle mamme e nonne di San Mauro. Il ricavato verr destinato allacquisto dei libri di catechismo. Bb

SAN DOMENICO
Anche alla parrocchia di San

Domenico tempo di festa. Dopo le celebrazioni iniziate lo scorso fine settimana, gli appuntamenti proseguono gioved 4 ottobre alle 20,45 con il rosario e la meditazione guidata da don Pier Giulio Diaco. Venerd 5 ottobre la messa delle 15,30 sar dedicata agli anziani e agli ammalati della parrocchia e alle 20,45 seguir la solenne processione della Madonna del Rosario per le strade della parrocchia: (partenza dalla chiesa di San Domenico, via Pio Battistini, via IX Febbraio, via Mura Porta Fiume, viale Mazzoni, ritorno a San Domenico). Sabato 6 ottobre alle 16,30 ci sar la Fiorita alla Madonna del Rosario da parte dei fanciulli e dei ragazzi del catechismo e a seguire ci sar un momento di festa al Lugaresi. Alle 17,30 si terr la merenda del catechismo e alle 18 prevista lapertura dello stand gastronomico. La serata tutta dedicata alla musica inizier alle 19 con il concerto del gruppo The Finch, alle 20,30 si esibir il gruppo Splinters of Jtmo e alle 21 gli Smoking Pants. Domenica 7 ottobre, festa della Madonna del Rosario, dalle 9 sar attivo lo stand della colazione. Alle 9, 11 e 18 ci saranno le messe a San Domenico e dalle 16 prender il via la festa al Lugaresi con animazione, giochi e tornei per tutti.

Dopo lapertura dello stand gastronomico, alle 18,30 si terr il concerto di musica tradizionale africana del Gruppo del Benin, alle 19,45 si potr assistere alla proiezione fotografica "Un anno di comunit: 2011-2012" e alle 20,15 si svolgeranno le premiazioni dei tornei sportivi e lestrazione dei biglietti della lotteria. Chiuder la serata il concerto del gruppo Black Mamba a partire dalle 20,45.

insieme inizier alle 19, durante la quale sar proiettato un fotoracconto dei momenti pi belli vissuti al camposcuola. Alle 21 lo spettacolo di variet "Campo Caf live" presentato dal gruppo superiori e giovaniadulti.

RUFFIO
Tutto pronto di SantAndrea apostolo a Ruffio per la festa parrocchiale che avr inizio gioved 4 ottobre alle 20 con la messa e ladorazione eucaristica. Venerd 5 ottobre alle 20 si terr la messa e dopo la processione mariana per le vie del paese guidata da don Agostino Tisselli ci sar la maccheronata per tutti. Sabato 6 ottobre alle 14.30 sono in programma le confessioni, alle 19 il rosario e la messa. Alle 21.15 la serata inizier con lo spettacolo "La corrida di Ruffio" e poi ci sar lasta delle torte. Domenica 7 ottobre le messe saranno alle 8.30 e alle 11. Questultima sar celebrata da monsignor Lino Garavaglia, vescovo emerito di Cesena-Sarsina. Alle 15 saranno organizzati giochi vari a premi e alle 16 si potr ridere con la farsa dialettale dei bambini del Gelso e a seguire non mancher una ricca tombolata. A chiusura della festa ci sar lo spettacolo dei ballerini di "Settecrociari". Barbara Baronio

VILLACHIAVICHE
La comunit di San Giuseppe Artigiano in Villachiaviche, che domenica scorsa ha accolto con tanta gioia e partecipazione il nuovo vicario parrocchiale don Daniele Bosi, vive unaltra giornata di festa parrocchiale, domenica 7 ottobre, ricordando la Madonna del Rosario. Sabato 6 la messa prefestiva alle 18, mentre domenica le messe sono alle 7.30 e 9.30. Alle 11 la messa solenne nella quale i catechisti faranno la loro promessa e riceveranno il mandato. Il mini torneo parrocchiale di calcio a 5 fissato per le 16, dopo il quale si terr un momento ricreativo animato dal corpo di ballo e dal gruppo superiori e giovani adulti. Alle 18 la premiazione del gruppo vincitore del Camposcuola, tenutosi a Mazzin di Fassa dal 25 agosto al 1 settembre. La cena

viale Carducci, 49 47521 Cesena tel. e fax 0547 22211 cell. 336 548370

ZONA SEMINARIO/OSPEDALE: in palazzina immersa nel verde e nella tranquillit appartamento al piano rialzato composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 3 letto, 2 bagni, terrazzo, cantina e ampio garage. 260.000 / Rif. 1129 VIA ROVERSANO: su una corte di circa 340 mq casa indipendente composta al primo piano da cucina, retro, soggiorno, 3 camere, bagno e balcone; al piano terra 2 ripostigli e garage; al piano interrato cantina; nella corte esterna garage pi ripostiglio in lamiera. Informazioni in ufficio AFFITTI ZONA STADIO: appartamento di ampie dimensioni ristrutturato al quarto piano con ascensore composto da soggiorno, cucina abitabile, 2 letto matrimoniali, bagno con vasca e doccia, ripostiglio, balcone, cantina. ARREDATO. Libero da settembre. 640 mensili / Rif. 1195 ZONA CENTRALE: appartamento di recente costruzione composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi e garage. Impianti a norma e indipendenti. ARREDATO. 650 mensili / Rif. 1085 ZONA SEMINARIO: in palazzina molto riservata appartamento al primo piano composto da soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, bagno, 2 balconi di cui 1 verandato, garage, cantinetta e ampio giardino condominiale. ARREDATO. 670 mensili / Rif. 0329 VIGNE: n palazzo degli anni 90 allultimo piano con ascensore appartamento molto luminoso composto da soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto, bagno, 2 balconi, garage e uso esclusivo di parte del tetto a terrazzo. OTTIMO STATO. PARZIALMENTE ARREDATO. 600 mensili / Rif. 1192

info@agenziamedri.com

maurizio@agenziamedri.com
SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso

CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. BORCA DI CADORE: in palazzina signorile ultimi due appartamenti. Ottimo investimento. Informazioni in ufficio.

Cesenatico

Gioved 4 ottobre 2012

15

Davide Gnola: "In estate registrate oltre 30mila presenze"


ultimi dati ci mostrano un trend in aumento circa le visite al museo: un bel segnale in un anno di crisi". Il Museo organizza, quasi senza soluzioni di continuit, continue mostre. Quella degli ex voto sta riscuotendo particolare successo: si tratta di riproduzioni, da parte di artisti contemporanei, dei quadretti votivi che la gente di mare della zona di Chioggia faceva realizzare come segno di riconoscenza per una grazia ricevuta. Un po come accaduto alla Basilica del Monte a Cesena, con tanti dipinti su legno che raffigurano scene di vita marinara. Questa mostra chiude il 14 ottobre. "Dal 20 ottobre a met novembre aggiunge il direttore - organizziamo la mostra sulla baleneria, tramite lesposizione di foto depoca e moderne dellarchivio dellesperto Giancarlo Costa. Oggi la caccia alla balena vietata o contingentata, mentre in passato in certi Paesi ha rappresentato una fonte di sussistenza. Senza dimenticare che la narrativa ha prodotto storie epiche circa il mondo delle balene". Ogni mostra che il Museo organizza ha come tema il mare, il suo ambiente o linterazione con la popolazione locale. Questa caratterizzazione ha dato vita a una specializzazione che rende il Museo di Cesenatico fra i migliori in Italia, nel campo della marineria. Cristiano Riciputi

Sala
Parrocchia in festa
Entra nel vivo la festa parrocchiale a Sala di Cesenatico. Venerd 5 ottobre alle 20 sar celebrata la messa in memoria dei defunti e alle 21 si potr partecipare alla cena della comunit parrocchiale. Sabato 6 ottobre alle 17 celebrazione della messa durante la quale il vescovo Douglas Regattieri amministrer il sacramento della Confermazione ai ragazzi; alle 21 animer la serata il gruppo di ballo "Rimini dance company" e alle 22 sar al volta del gruppo musicale "Strikeballs". Domenica 7 ottobre, festa della Madonna del Rosario, dopo le messe delle 8 e delle 11, animazione liturgica dei cori parrocchiali. Alle 15.30 rosario, canto litanie e celebrazione solenne del vespro. Alle 16,30 si terranno le corse dei gokart e il gioco della pentolaccia per grandi e piccini, alle 20,30 inizier lesibizione dellorchestra Castellina Pasi e alle 23 lestrazione della lotteria. Oltre alle manifestazioni organizzate nel week end saranno attivi stand gastronomici, lotteria e pesca di benecenza. Luned 8 ottobre prender il via lanno catechistico, sabato13 ottobre alle 15 incontro dei ragazzi delle elementari e delle medie. Domenica 14 ottobre si celebrer la messa alle 11 con lamministrazione del sacramento dellunzione degli infermi. Alle 12 si terr il pranzo con gli anziani (prenotazioni allo 0547/680515) e pomeriggio di musica con lorchestra "Sorrisi e musica".

Museo della Marineria Tante visite in pi


i di 30mila presenze: il Museo della Marineria di Cesenatico durante i mesi estivi ha fatto il pieno di turisti. Lo conferma il direttore Davide Gnola (foto) il quale, insieme allo staff del Museo, gi impegnato nellallestimento delle prossime mostre e nella gestione di quella che si sta per concludere (aperta fino al 14 ottobre) relativa agli ex voto di scuola chioggiotta.

"Cerchiamo di dare al nostro museo spiega Gnola - unimpronta aperta alle novit e in continua evoluzione. Tutti conoscono la sezione del Museo nel Portocanale, costituita dalle barche storiche, mentre la sezione a terra poco frequentata dagli stessi residenti del territorio. Anzi, a volte le visite sono maggiori da parte dei turisti che provengono da fuori piuttosto da chi abita a pochi chilometri dalla nostra sede. Gli

Incontro a Ravenna
Nei giorni scorsi il sindaco di Cesenatico Roberto Buda si recato in visita alla Capitaneria di Porto di Ravenna insieme al Comandante della Capitaneria di Porto di Cesenatico, Tenente di Vascello, Rosamaria Sardella. Il Direttore marittimo dellEmilia Romagna e Comandante del Porto, Francesco Saverio Ferrara ha accolto i due presso il comando di Ravenna. Il sindaco Buda e il comandante Sardella sono arrivati via mare, imbarcati su una unit della Guardia Costiera in forza allUfficio Marittimo di Cesenatico, nuova unit della classe 700, che il 7 agosto stata consegnata dal comando di Ravenna a Cesenatico per i servizi di polizia marittima. Al termine Buda ha detto che "lincontro stata loccasione per sottolineare i rapporti di collaborazione che intercorrono tra la Guardia Costiera e lAmministrazione comunale. Cesenatico vive di mare e di turismo e il ruolo della Guardia Costiera fondamentale per il bene comune della nostra citt".

Domenica 7 ottobre musica, scuola di ballo e stand gastronomico

Festa a Santa Maria Goretti


Battute finali per la festa di Santa Maria Goretti in Cesenatico. Gioved 4 e venerd 5 alle 17 si reciter il Rosario e alle 17.30 sar celebrata la messa, per la comunit, per i sacerdoti e tutti i defunti. Gioved 4 ottobre dopo la messa alle 19.30 seguir la cena comunitaria e lanimazione. Venerd alle 20.30 si terr la veglia di preghiera e adorazione eucaristica e celebrazione del sacramento della Confessione. Sabato 6 ottobre il pomeriggio di festa inizier alle 14.30 con lo spettacolo dei burattini e lanimazione per i bambini. Alle 18 si esibiranno nello spettacolo "Ensemble di Chitarre" gli allievi della scuola di musica "I.Caimmi" diretti da Marzio Zoffoli. Alle 20.30 la serata continuer con il concerto grosso per i giovani. Saliranno sul palco tre gruppi musicali del quartiere: i Funky ape, i Cry Baby e i Noise Makers. Dalle 18.30 sar in funzione lo stand gastronomico curato dai cuochi della grande sfida con men ai sapori del mare e dei monti. Sar possibile giocare alla pesca, alla lotteria e partecipare a diverse attivit ludiche. Domenica 7 ottobre alle 8 si terr la messa, alle 10.45 in programma la benedizione degli automezzi e alle 11 la messa solenne. Alle 15,30 ci sar la celebrazione comunitaria del Battesimo. Il pomeriggio proseguir alle 16,30 con giochi e animazione per i ragazzi del catechismo, alle 20.30 si potr assistere allesibizione della scuola di ballo Gruppo "Kriterion" e alle 22.30 si terr lestrazione dei ricchi premi della lotteria a favore dei terremotati. Domenica dalle 18.30 sar sempre attivo lo stand gastronomico. Barbara Baronio

16

Gioved 4 ottobre 2012

Valle del Rubicone


Gambettola
Canducci alla guida della Mostrascambio
Nella Mostrascambio passaggio di consegne fra Carlo Zavatta e Claudio Canducci. La scorsa settimana, nella sala Fellini a Gambettola, si svolta lassemblea dei soci. Per lultima volta Carlo Zavatta ha presieduto i lavori, ma prima di passare la mano ha voluto fare il riassunto dei suoi 25 anni trascorsi alla guida della Mostrascambio e ricordare una per una le tappe pi signicative e i successi ottenuti. "In 25 anni - ha detto Zavatta - la manifestazione passata da 30 a 700 espositori, e oggi ha un posto di rilievo fra le rassegne italiane. La Mille Miglia stata unaltra importante conquista". A conclusione del suo intervento Zavatta ha evidenziato le qualit di Claudio Canducci, suo vice da sempre e oggi pronto per assumere il timone della Mostrascambio. Il sindaco Iader Garavina ha salutato Zavatta e lha ringraziato per la collaborazione che c sempre stata fra il Comune e il direttivo della Mostrascambio. Claudio Canducci ha toccato alcuni punti del suo programma: "Nella Mostrascambio occorre potenziare il settore della meccanica a discapito di qualche banco di antiquariato. Per quanto riguarda la Mille Miglia dobbiamo fare il possibile per mantenerla perch una volta perduta non torner pi. Il mio direttivo sar composto dalle stesse persone perch squadra che vince non si cambia". Dopo il dibattito lassemblea ha proceduto alla elezione per alzata di mano di Claudio Canducci a presidente della Mostrascambio no al 2016. Carlo Zavatta rester nella Mostrascambio come presidente onorario con diritto di voto.

Longiano, seconda rata pi pesante

Imu, una sorpresa in vista del Natale


cittadini di Longiano pagheranno a dicembre una rata Imu pi salata del previsto. La decisione stata presa la scorsa settimana dal Consiglio comunale di Longiano per far fronte a un bilancio che si attesta in negativo. "La situazione attuale dei conti del Comune segna un sostanziale disavanzo - ha comunicato il vicesindaco e assessore al bilancio Massimo Ciappini -. In assenza di manovre correttive, a fine anno la differenza negativa fra incassi e spese del Comune si attesterebbe sui 380-620 mila euro. Le cause sono due: il Comune ha avuto meno entrate rispetto a quelle preventivate, dovute soprattutto ai minori trasferimenti da parte dello Stato (250mila euro, rispetto ai 790mila euro pronosticati), e ha sostenuto maggiori spese rispetto alla previsione, dettate dallemergenza neve, costata al Comune 186mila euro". "Per chiudere lesercizio in pareggio - ha ricordato Ciappini - si profilano

Fra le cause del disavanzo i costi sostenuti per leemergenza neve e i minori trasferimenti dallo Stato
due soluzioni: o si bloccano le spese dellente o si aumentano le entrate. Se si vuole garantire il finanziamento di attivit importanti per il Comune ed evitare nuovi disservizi, lunica possibilit che abbiamo quella di adeguare le entrate dellente". Da qui la soluzione tecnica e politica: un adeguamento delle aliquote Imu dallo 0,4 allo 0,45 per cento sullabitazione principale e dallo 0,76 allo 0,86 per cento sugli altri immobili, portando, nelle casse del Comune, 395 mila euro di entrate in pi. Non sar introdotta laddizionale Irpef. Contro il ritocco lineare dellImu si espresso il gruppo di opposizione "Aria fresca" che ha ricordato, per bocca del capogruppo Giacomo Pasini, come lattuale maggioranza in campagna elettorale avesse promesso di "confermare ai limiti minimi di legge lapplicazione della nuova imposta Imu". Da Pasini anche due proposte per il prossimo anno: il "contenimento della spesa, innalzando le tariffe di accesso ai servizi alle categorie meno svantaggiate" e una "rimodulazione delle aliquote Imu operata in base a molteplici categorie catastali". Matteo Venturi

Rubicone Sindaci visitano le aziende


Tour alla scoperta dei problemi e delle esigenze delle imprese artigianali per i sindaci del Rubicone protagonisti di Essere in Impresa, liniziativa promossa da Confartigianato Federimpresa Cesena. Elena Battistini, sindaco di Savignano e Miro Gori di San Mauro Pascoli (per problemi familiari non era presente Gianluca Vincenzi sindaco di Gatteo) hanno visitato insieme le imprese artigiane dei tre Comuni, mentre Quintino Sabattini (Sogliano), Mirella Mazza (Borghi) e Franco Cedioli (Roncofreddo) sono entrati nei laboratori di vari settori artigianali delle tre piccole municipalit collinari, accompagnati dal presidente Confartigianato del Rubicone Marco Evangelisti e dal responsabile Bruno Della Motta: fabbricazione parti in cuoio per calzature, lavorazione materiale plastico, realizzazione e sviluppo modelli e design per calzature, panificazione, confezioni di magleria, movimentazione terra, tutte imprese radicate da tempo nel territorio.

Gambettola, evento dedicato agli sposi


Dopo il successo riscosso nelle passate edizioni, sabato 6 e domenica 7 ottobre, negli spazi espositivi di "Fabbrica" in viale Carducci 119 a Gambettola, (nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria), ritorna "Idee di nozze", la manifestazione a ingresso gratuito dedicata al matrimonio e alla vita insieme, organizzata da "di Punto in Bianco" di Cesena con il patrocinio del Comune di Gambettola. Fra tutti coloro che visiteranno la manifestazione, sia nella giornata di sabato o di domenica, verr messo in palio "una confettata per il matrimonio" offerta da "di Punto in Bianco". Allinterno degli spazi espositivi aziende e ditte specializzate nel settore, saranno a disposizione per dare tutte le informazioni necessarie per le vostre cerimonie con lesposizione di prodotti e servizi accompagnati anche da degustazioni. Il programma di ogni singola giornata che inizier alle ore 10 e terminer alle ore 20, sar cos suddiviso: dalle 10 alle 13 "Prova trucco" gratuita curata da Apollonia e Natalia Make-up Artists; alle 16 "Taglio della torta" con assaggi a tutti i presenti, offerta dalla Pasticceria Gran Caff 900 di Castrocaro Terme; alle 17 sfilata di abiti

sposa e per la cerimonia; dalle 18,30 alle 20 secondo appuntamento con la "Prova trucco" di Apollonia e Natalia intercalato alle 19 dallestrazione del premio in palio. Per ulteriori informazioni: www.ideedinozze.it o info@dipuntoinbiancocesen a.com o 345-8041045. Piero Spinosi

Per la tua pubblicit sul CORRIERE CESENATE


e sul sito www.corrierecesenate.com
La tua pubblicit SPEDITA IN ALLEGATO al CORRIERE CESENATE raggiunge gli abbonati nelle zone di Cesena, Cesenatico, Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Gambettola, Longiano, Roncofreddo, Sogliano al Rubicone, Montiano, Mercato Saraceno, Bagno di Romagna, Sarsina, Verghereto

contatta: 0547 300258; commerciale@corrierecesenate.com

Valle del Savio

Gioved 4 ottobre 2012

17

Il Cammino di San Vicinio

Festa a Turrito
Nel fine settimana
In ottobre, mese dedicato al Rosario, alcune parrocchie del sarsinate festeggiano la Madonna, prima fra tutte la comunit di Turrito che ricorda appunto la Madonna del Rosario. Ci sar, in preparazione alla festa, il rosario con omelia nelle serate di venerd 5 e sabato 6 alle 20.15. Inoltre sabato 6 ci sar la messa vespertina alle 17. La festa, esclusivamente religiosa, avr il culmine domenica alle 10 con la messa solenne a cui seguir la processione con la statua della Madonna per le vie del paese. Lultimo momento ci sar alle 20,15 con il Rosario e il canto delle Litanie. Turrito, il cui toponimo signica luogo forticato, ha origini anteriori al Mille, sebbene il primo documento che lo menzioni sia datato 1182. Tale scritto di Papa Lucio III una lettera al vescovo di Sarsina in cui sono elencati i beni della chiesa sarsinate fra cui compare Turrito e il suo castello. Di tale struttura rimangono poche pietre sul monte di Turrito. Fino a qualche decennio fa era visibile una piccola torretta sulla vetta della quale restano poche pietre. A anco del castello si trovava la chiesa, che ha svolto la funzione di parrocchiale no al 1929, quando un terribile terremoto danneggi la struttura a tal punto che si decise di abbandonarla. Nel volume "Un fotografo nel Medioevo" sono visibili la chiesa e la canonica, di anco alla torretta nel 1927, due anni prima della distruzione. Il parroco don Getulio Merciari fece una scelta molto sapiente, quella di ricostruire la chiesa non pi sul monte ma in basso, lungo la strada statale, dove poi si sviluppata la nuova urbanizzazione. Tale edico, ampio e armonico, venne inaugurato dal piacentino monsignor Pallaroni il 26 settembre 1937. Nel 1939 vennero fuse le tre campane dalla ditta Bastanzetti di Arezzo, colando le due piccole precedenti campane e aggiungendo nuovo bronzo. Il parroco attuale, don Ezio Ostolani, nei suoi 38 anni di ministero si adoperato per un rinnovamento generale della struttura, iniziando con la ristrutturazione della canonica e la creazione del Circolo Acli. E del 2006 il nuovo pavimento artistico. Turrito forse lunica comunit della zona che non ha subto lo spopolamento. Anzi, per la comodit del luogo, vi ha trovato abitazione diversa gente "scesa" dalle montagne sovrastanti. Il territorio parrocchiale stato prima ridotto, cedendo la zona della "Casetta" e della Vossloh alla parrocchia di Sarsina, poi ampliato ricevendo, nel 2006, la zona di Valbiano Vigne e C di Camilla. Ora gli abitanti sono 350. Daniele Bosi

Percorso naturalistico sconosciuto ai pi


lungo circa 320 chilometri, da percorrere in 14 tappe, ma per i pi allenati pu essere diviso in un numero minore di frazioni. Ad alcuni sono stati sufficienti 11 giorni. Parliamo del Cammino di San Vicinio, il percorso pedonale (ma anche per mountain bike o cavallo) certamente pi lungo dItalia, interamente segnalato, eppure, come spesso accade, poco conosciuto proprio nel territorio che attraversa. Realizzato nel 2008, anno delle celebrazioni del millenario della cattedrale di Sarsina in cui sono custodite le reliquie del santo taumaturgo Vicinio, parte e arriva davanti a questo importante tempio della cristianit meta, ogni anno, di migliaia di fedeli e visitatori. Ad illustrare le caratteristiche di un percorso che avvicina i pi importanti luoghi di culto di un territorio che va dalla citt di Cesena e dalla sua abbazia di Santa Maria del Monte fino ai pi famosi luoghi francescani dellAppennino tosco/romagnolo come La Verna, stato stampato un volumetto

E lungo 320 chilometri e offre occasioni di riflessione e contatto con una natura di rara bellezza
scritto da William Rossi Vannini. In programma ci sono una cartografia e un pieghevole di facile e svelta lettura. Ad oggi, comunque, non sono pochi i pellegrini che hanno gi percorso lintero Cammino, provenendo fin da lontani paesi europei come lOlanda o la Germania. C anche chi, da questo suo camminare, ha tratto video di grande effetto che si possono ammirare in rete. Abbiamo parlato di pellegrini quando, forse pi correttamente, avremmo dovuto annotare come il Cammino di San Vicinio attiri sempre pi gli amanti del trekking ma per capire e vivere meglio il fascino unico del Cammino non si pu prescindere dallo spirito di grande religiosit che ne ha ispirato la nascita. Lungo il cammino ci si imbatte in conventi, grance, pievi ma anche piccole maest, tutti o quasi collocati in luoghi che oggi paiono isolati, ma che anche nel tempo della loro edificazione erano il riferimento di piccole societ rurali sparse in ampi territori nei quali era difficile anche il solo sopravvivere. In pi puntate su queste colonne saranno raccontate le storie di religiosit e di natura che, anche nella narrazione, saranno divise in tappe. La speranza che il Cammino di San Vicinio possa diventare unopportunit di conoscenza e quindi unattrattiva turistica che dia modo agli imprenditori di investire sul proprio territorio. Pier Luigi Bazzocchi

Lo strumento musicale stato sistemato dalla ditta Baldazza di Longiano

A Montegelli pieve e organo restaurati


Un organo restaurato. Gioved 27 settembre a Montegelli di Sogliano al Rubicone si tenuta linaugurazione della Pieve di Santo Stefano appena restaurata, con una santa messa celebrata da Monsignor Giovanni Tani, arcivescovo di Urbino e successiva processione per le vie del paese. I restauri hanno riportato la Pieve allantico splendore, dopo un lungo periodo di chiusura per lavori. In questa occasione lantico organo, anche questo sottoposto a restauro, ha nuovamente fatto sentire la sua voce, accompagnando i canti eseguiti dal Coro Magnificat di SantArcangelo di Romagna diretto dal maestro Ludovico Buonamano. un organo positivo, costruito nel 1853 da Pietro Orsi, importante rappresentante della scuola organaria bolognese, attivo nella seconda met del 1800, dapprima come unico titolare e successivamente in societ con Gioacchino Sarti. Tante sue realizzazioni sono tuttora presenti nel territorio Emiliano Romagnolo. Lorgano, andato in disuso da diverse decine di anni, si era tutto sommato mantenuto originale (solo la manticeria era stata sostituita, pochi anni dopo la costruzione, dal bolognese Adriano Verati). Seppure di piccole dimensioni (12 registri per un totale di 444 canne), ha dei registri ben caratterizzati ed rappresentativo del gusto musicale del tempo. Il restauro ha comportato, fra laltro, la ricostruzione in copia di 62 canne (relative ai registri di Tromba, VigesimaSesta e Ottavino) e dei Campanelli mancanti. Il restauro dellorgano, che ha richiesto un anno di lavoro, stato eseguito dalla bottega organaria Baldazza Mauro di

Longiano, sotto la direzione della Soprintendenza ai Beni Storici e Artistici di Bologna. stato finanziato, assieme al restauro dellarmonium Debain presente nella stessa pieve, dalla famiglia (ex montegellese) Castellani Massimo e Sanzio. Tutta la comunit di Montegelli si stretta attorno alla parrocchia, collaborando fattivamente alla riuscita dellevento.

Linaro | Don Calvo sacerdote da 60 anni

Sabato 29 settembre, dopo la messa solenne e la processione serale in onore della Madonna, i parrocchiani di Linaro (foto) si sono raccolti attorno allottantatreenne parroco, don Pietro Calvo, in occasione del suo 60 anniversario di ordinazione sacerdotale. Don Pietro guida la comunit di Linaro, ora anche Giaggiolo e Rivoschio, dal 1992. Le famiglie hanno donato al parroco un clergyman, mentre il parroco ha offerto a tutti una gustosa torta preparata dal famoso cuoco Gaspare Brasini, parrocchiano di Linaro.

18

Gioved 4 ottobre 2012

Solidariet
dellAipas. A queste figure e alle conseguenze che derivano dalla Fede si ispirano i lavori del convegno di questanno". Il convegno si aprir con lintervento di monsignor Vincenzo Paglia, vescovo di Terni, da poco nominato presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, sul tema "La fede nel Dio di Ges Cristo", ponendo quella base teologica e pastorale da cui partiranno i lavori delle giornate successive. Si esaminer lazione concreta della Chiesa nella pastorale sanitaria, attraverso la relazione sui sacramenti di guarigione di fra Vittorio Viola, docente di liturgia presso il Pontificio Istituto SantAnselmo di Roma, e attraverso i vari laboratori di studio che avranno luogo nel pomeriggio, durante i quali si tratter di Celebrazione con disabili mentali e malati di Alzheimer, Parola nellaccompagnamento dei malati, Sacramento della Riconciliazione, dellUnzione degli Infermi, Rito delle Esequie, bisogni spirituali del malato e formazione dei Ministri della Comunione. Una giornata sar dedicata alle opere di misericordia che nascono dalla fede. Suor Michela Carrozzino, direttrice del Centro Studi Guanelliani, parler delle opere della fede per mezzo della carit, a cui seguiranno le testimonianze di don Noicir Marchetti, cappellano dellospedale Sacro Cuore di Negrar di Verona, e di fra Marco Fabello, direttore generale dellIrccs San Giovanni di Dio di Brescia, su realt significative nel campo della salute e della pastorale sanitaria. I lavori si chiuderanno con la relazione del professor Stefano Zamagni, noto e apprezzato economista, sui profeti di giustizia. Oltre a momenti di riflessione e di confronto di idee ed esperienze personali, i partecipanti al convegno potranno celebrare insieme la fede nei luoghi francescani, sotto la guida di figure ecclesiali significative come monsignor Giuseppe Merisi, presidente della Commissione Carit e Salute della Cei, monsignor Domenico Sorrentino, vescovo di Assisi, monsignor Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto, e monsignor Andrea Manto, direttore dellUfficio nazionale per la pastorale della Sanit della Cei. Per informazioni e iscrizioni al convegno: fra Angelo De Padova, tel. 0831 304330 o 328 2420044, frateangelo@alice.it.

Limportanza della fede nella cura del malato


Ad Assisi, dal 15 al 18 ottobre, il 28esimo convegno nazionale dellAipas, Associazione italiana di pastorale sanitaria
FOTO ARCHIVIO SIR

In breve
Progetto Einstein In aiuto ai ragazzi con Dsa
Mercoled 10 ottobre, dalle 15,30 alle 17,30, presso il Centro educativo "LArca", in via Ancona 310, a Cesena, il professor Andrea Canevaro, la dottoressa Maria Grazia Benassi e la dottoressa Sara Giovagnoli terranno una "Chiacchierata intorno ai Dsa". In particolare, verr illustrato il "Progetto Einstein, sostegno agli apprendimenti per bambini e ragazzi con Dsa". I Dsa sono i Disturbi Specici dellApprendimento. Alcuni bambini, pur possedendo una buona intelligenza, faticano ad apprendere a leggere, scrivere, fare calcoli. Lincontro e il progetto sono a cura del Centro Educativo "LArca", Asp (Azienda pubblica di servizi alla persona del Distretto Cesena Valle Savio), in collaborazione con la cooperativa sociale "La mongolera". Per info: tel. 0547 601705, arca.diurno@aspcesenavallesavio.eu

Mercatino dellusato a SantEgidio di Cesena


Sabato 6 e domenica 7 ottobre, con orario continuato dalle 8 alle 19 (domenica apertura alle 9), si terr il secondo mercatino dellusato organizzato da un gruppo di volontari della parrocchia di SantEgidio di Cesena. Nei banchi allestiti sotto i tendoni della parrocchia si potranno trovare oggetti di ogni tipo: dai casalinghi alla biancheria per la casa, dallabbigliamento agli accessori no ad alcuni abiti da sposa, dai libri alla bigiotteria. Non mancano oggetti rari e di particolare curiosit, come una collezione di pipe e letti antichi. Tutto quanto sar ricavato dalla vendita degli oggetti sar destinato alle necessit della parrocchia. Per info: Gino, tel. 0547 383699; Rosanna, tel. 0547 384760; Daniela, 0547 384617.

estimoni della fede nella pastorale della salute" il tema del 28esimo convegno nazionale dellAipas, Associazione italiana di pastorale sanitaria che si terr dal 15 al 18 ottobre presso la Domus Pacis di Assisi - Santa Maria degli Angeli (Perugia) e che si colloca allinizio dellAnno della Fede indetto da Benedetto XVI. LAipas(www.associazioneitalianapastoralesanitaria.it) riunisce, oltre agli Ordini Ospedalieri religiosi fondatori (Fatebenefratelli, Camilliani, Francescani Minori e Cappuccini), quanti prestano assistenza spirituale presso le strutture sociosanitarie pubbliche e private in Italia: laici, sacerdoti diocesani, religiose e religiosi, operatori sanitari e volontari. "Il decisivo atteggiamento del credere sta alla base delle scelte fondamentali che molti cristiani hanno compiuto nella storia e sta allorigine delle grandi innovazioni compiute dai credenti nellambito della cura della salute", ha detto don Carmine Arice, sacerdote del Cottolengo di Torino e presidente nazionale

Oltre a momenti di riflessione e di confronto di idee ed esperienze personali, i partecipanti al convegno potranno celebrare insieme la fede nei luoghi francescani, sotto la guida di figure ecclesiali significative

Verifiche reddituali e indebiti


Sugli indebiti la Fnp Cisl impegnata nel confronto con lInps in favore dei pensionati interessati alla restituzione di somme ricevute indebitamente. I pensionati stessi devono essere messi in condizioni di conoscere la motivazione e poter procedere al ricorso, dopo di che lInps proceder al recupero della somma solo dopo la reiezione del ricorso stesso. Oltre alla quattordicesima percepita nel 2009 e ricalcolata sui redditi dellanno 2008, altre prestazioni che comportano un recupero somme sono le maggiorazioni sociali, le maggiorazioni del trattamento minimo, gli assegni al nucleo familiare, gli assegni familiari, nonch le prestazioni assistenziali. Sar premura della Fnp tenere informati i pensionati su eventuali sviluppi. a. Indebito derivante da conguaglio tra pensione provvisoria e denitiva Le sezioni riunite della Corte dei Conti si sono pronunciate con la recente sentenza 2/2012/Qm sulla questione del recupero delle somme indebitamente erogate al pensionato, accertate in sede di conguaglio fra trattamento pensionistico provvisorio e denitivo. Alcune Corte dei Conti con precedenti sentenze hanno dato pareri discordanti. Le sezioni riunite con la sentenza sopra citata hanno statuito che pure avendo lamministrazione il diritto-dovere di procedere al recupero delle somme indebitamente erogate a titolo provvisorio, deve accertare

NOTIZIARIO PENSIONATI
elementi quali il decorso del tempo e le ragioni che hanno giusticato la modica del trattamento provvisorio e il momento di conoscenza da parte dellamministrazione di ogni altro elemento necessario per la liquidazione del trattamento denitivo. Alla luce di questo principio di diritto, prima di intraprendere un giudizio, consigliamo di procedere, anche con lausilio della consulenza legale dellInas, a unapprofondita valutazione dei presupposti sopradetti. b. Incontro Fnp Inps su indebiti Il sindacato pensionati si incontrato con la Dirigenza dellInps per affrontare la questione degli indebiti pensionistici per i quali, ad oggi, manca ancora una procedura che permetta al pensionato interessato di far valere i propri diritti prima che iniziano le trattenute riguardanti lindebito. Per quanto riguarda gli indebiti riferiti alla quattordicesima, abbiamo chiesto allIstituto di predisporre un "percorso di verica" delle somme, un allungamento del numero delle rate, per la sua restituzione, e un differimento del termine di recupero ad oggi indicato con la rata di novembre. LIstituto, a fronte delle nostre rivendicazioni, si impegnato a vericare lentit

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Non autosufficienza: serve una normativa organica


Le confederazioni Cgil, Cisl e Uil hanno fatto pervenire al Ministro della Salute, a quello del Lavoro e delle Politiche sociali e al Presidente e ai capigruppo della Commissione Affari Sociali una nota unitaria, concordata con le federazioni dei pensionati, nella quale stata rimarcata lurgenza di uniniziativa legislativa che affronti in maniera organica il tema della non autosufficienza. Il decreto legge recante Disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un pi alto livello di tutela della salute presentato dal ministro Balduzzi e attualmente in discussione alla Camera, aveva previsto nella stesura iniziale un articolo specifico che per non stato presentato nel testo definitivo. Le Ooss ritengono che il tema per la sua rilevanza e urgenza sia nellambito della tutela della salute che della promozione del benessere delle famiglie non possa essere derubricato. Cgil, Cisl Uil ribadiscono che un intervento organico sulla non autosufficienza non rappresenti una spesa, ma un investimento finalizzato a garantire una migliore appropriatezza degli interventi, a creare nuova e stabile occupazione e a ridurre la pressione e i costi della rete ospedaliera, puntando decisamente sulla domiciliarit e sul potenziamento dei servizi socio assistenziali. Pertanto le organizzazioni sindacali chiedono al Parlamento e al Governo di rimettere allordine del giorno questo importante tema, assumendo limpegno di presentare, in accordo con regioni ed enti locali, una normativa che preveda ladozione, entro la fine dellanno, di un Piano nazionale per la non autosufficienza in cui vengano definiti i punti essenziali di un intervento organico nella materia. necessario inoltre individuare, nellambito della legge di stabilit, le risorse necessarie a finanziare un processo di riforma complessivo del settore urgente ed indispensabile per il Paese. Cgil Cisl Uil e Spi Fnp Uilp chiedono pertanto alla Commissione un incontro nellambito delle audizioni relative al Decreto Legge e al Governo di avviare un confronto sul programma per la non autosufficienza.

delle somme richieste e a predisporne il recupero suddividendole tra 12 e 36 rate, favorendo i pensionati con redditi pi bassi.

Marted si terr unulteriore riunione tecnica con lInps per procedere alla suddivisione dei pensionati interessati per fascia di reddito, vericare il meccanismo

utilizzato per il calcolo dellindebito, e in presenza di eventuali errori compiuti dallIstituto, procedere alla relativa eliminazione dellindebito.

Cultura&Spettacoli
Autori il forlivese Giancarlo Mazzuca e il santasofiese Luciano Foglietta

Gioved 4 ottobre 2012

19

Cinema
Eliseo, Uci Savignano

di Filippo Cappelli

ono Giancarlo Mazzuca, Mauro Mazza, Giuseppe Vacca, Giovanni Tassani, i vincitori della 45 edizione del Premio Acqui Storia. Bruno Vespa, Carlo Verdone, Maria Gabriella di Savoia, Paola Pitagora Testimoni del Tempo. A Valerio Massimo Manfredi il Premio La Storia in Tv. A Mario Cervi il Premio alla Carriera con la Medaglia Presidente della Repubblica. Sabato 20 ottobre alle 18 al teatro Ariston di Acqui Terme si terr la cerimonia di premiazione condotta da Elisa Isoardi e Franco Di Mare. Il Premio Acqui Storia, nato nel 1969 per onorare il ricordo della Divisione Acqui e i caduti di Cefalonia nel settembre 1943, divenuto in questi ultimi anni uno dei pi importanti riconoscimenti europei nellambito della storiografia e del romanzo storico, ottenendo una grande visibilit internazionale e un importante rilancio

Acqui Terme, premiato Sangue romagnolo S


scientifico e culturale. Il forlivese Giancarlo Mazzuca gi direttore de Il Resto del Carlino, del Quotidiano Nazionale e del Giorno stato inviato speciale al Corriere della Sera , vicedirettore a Fortune e alla Voce di Montanelli, caporedattore del Giornale. Insieme a Luciano Foglietta, decano dei giornalisti romagnoli, viene premiato nella sezione storico-divulgativa con il volume Sangue romagnolo. I compagni del Duce, Minerva Edizioni. Non sono i personaggi del libro di Mazzuca e Foglietta a rappresentare la novit del volume. Bombacci sicuramente il pi conosciuto dei tre mentre Nanni e Arpinati lo sono molto meno: in questo caso vengono analizzati in profondit gli assassinii di Arpinati e Nanni a Malacappa. Sangue Romagnolo analizza nel profondo lanimo e la mentalit di un popolo sanguigno.

REALITY
di Matteo Garrone Linquadratura plana dallalto su una carrozza con i cavalli bianchi. Latmosfera irreale, e invece si tratta di una rappresentazione nemmeno troppo esagerata di un sontuoso matrimonio del Sud. il fiabesco inizio di Reality, film del regista italiano di Gomorra, Matteo Garrone, che ha ricevuto il Gran Premio della Giuria allultimo Festival di Cannes. La trama: lidea di partenza, tratta da una storia vera, semplice e diretta: un pescivendolo napoletano, estroverso e apprezzato da amici e parenti per la sua simpatia (lergastolano Aniello Arena), partecipa alle selezioni per entrare al Grande Fratello. Convinto di aver fatto unottima impressione, aspetta con ansia la chiamata del programma, ma quando questa non arriva, non si rassegna allevidenza e comincia a pensare di essere spiato dalla trasmissione, come in una sorta di surreale provino permanente. Comincia cos il lento e inesorabile distacco da una realt che per lui perde ogni significato, finendo per diventare solo il palcoscenico di una costante e buffa rappresentazione di un s immaginato... Con Reality, Matteo Garrone conferma di essere un ottimo regista. Ha stile e sa come farlo fruttare, ma restando in simbiosi con il racconto in modo perfetto. Ha uno sguardo che aderisce al contenuto: i suoi occhi questa volta calano dallalto, almeno nella citata prima scena, ma non vogliono rapire nulla. Vengano anzi rapiti da ci che raccontano. Lo sa bene il protagonista di Reality, Luciano, che per troppa televisione non riesce pi a distinguere il vero. Non film di denuncia, ma il destino di un universo chiuso, un acquario nel quale i personaggi galleggiano come pesci, in trance. Il falso gemello del vero, tanto da rendere indistinguibile luno dallaltro: ed ecco che allora carrozze sfilano per le strade, robot vengono smerciati come copie regredite dei pi potenti macchinari per cucina, improbabili fenomeni da baraccone riempiono piazze e locali. Una interessante riflessione che per perde qualche colpo nella parte centrale lasciandosi andare a qualche estetismo di troppo e qualche alleggerimento eccessivo, con intuizioni registiche non sempre in grado di sottolineare il gioco di alternanza tra ci che vero e ci che un sogno, per quanto sogno indotto e sognato collettivamente. La camera ad altezza uomo di Garrone, comunque, che pedina con distacco apparente i suoi attori, capace di scarti minimali e voli profondi. Nel suo desiderio ossessivo di mostrare, Garrone costringe il suo protagonista, e noi con lui, a guardare fissi se stessi dentro uno specchio che sono gli occhi degli altri. E questo, in definitiva, la vera, ridicola, tragedia.

Opere di Monia Marchionni e Luca Bellumore a Cesena fino al 14 ottobre

Esercizi di REsistenza al Palazzo del Ridotto


in corso dal 15 settembre a Cesena, presso la Galleria comunale darte del Palazzo del Ridotto, la mostra dal titolo Esercizi di R-Esistenza, tenuta dagli artisti marchigiani Luca Bellumore e Monia Marchionni. Luca Bellumore nasce a Fermo nel 1981. Nel 2007 si laurea allUniversit di Bologna in Filosofia estetica. Quindi si trasferisce a Milano, iniziando la sua carriera di fotografo di moda collaborando con le maggiori testate editoriali ed agenzie pubblicitarie. Vive tra Milano e New York. Monia Marchionni nasce a Fermo nel 1981. Si laurea in Decorazione nel 2005 presso lAccademia di Belle Arti di Bologna e nel 2008 consegue una seconda laurea in Storia dellArte Contemporanea presso il Dipartimento di Arti Visive della Facolt di Lettere e Filosofia della stessa citt. Ha partecipato a numerose mostre di rilievo internazionale. Le sue opere sono installazioni e sculture atte a trasmettere delle sensazioni che lo spettatore chiamato a condividere. Vive tra Bologna e Fermo.

DIFFERENZIARE-DIFFERIRE, STAMPA LAMBDA SU GATORFOAM, CM 70X92, 2009

Fare artevuol dire porre domande, mettere in dubbio la veridicit di ci che si sta guardando, creare una apertura mentale che metta in crisi le certezze di ognuno
I due artisti, coetanei e amici fin dallinfanzia, pur lavorando con linguaggi diversi, parallelamente alle ricerche individuali, nel 2008 prendono la decisione di collaborare nellambito della fotografia darte, utilizzando le rispettive conoscenze. Dicono Bellumore e Marchioni che per loro, fare arte vuol dire porre domande, mettere in dubbio la veridicit di ci che si sta guardando, creare unapertura mentale che metta in crisi le certezze di ognuno e prima di tutto le loro. Dicono ancora che la capacit di un artista quella di farsi testimone del proprio tempo usando i linguaggi e gli strumenti che il contemporaneo gli offre. Quelle di Bellumore e Marchionni sono opere concettuali realizzate con grande sensibilit ed equilibrio, dove il bianco dominante ed i personaggi ieratici e simbolici si caricano di emotivit nel loro diretto richiamo a una realt avvilita e logora: opere ricche di fascino e di partecipazione umana, che mettono in rilievo il disagio dei giovani trentenni che devono scontrarsi con la precariet quotidiana e sempre pi sono sopraffatti dalle contraddizioni e condizioni del vivere. La mostra rimarr aperta fino al 14 ottobre, con il seguente orario: mercoled, sabato e domenica 9,3012,30; 16,30-19,30; marted e venerd 16,30-19,30. Enrico Guidi

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
NON ABBIATE PAURA. Unintroduzione narrativo-missionaria allAnno della fede
di E. Grasso - (www.missionerh.it) (Emi, Bologna 2012, pp. 144, 12 euro) Il nuovo libro di Emilio Grasso, Non abbiate paura, raccoglie in tre ampie parti (La vita che ti interroga, Memoria e Teologia della missione), una serie di suoi articoli apparsi in tempi, situazioni e luoghi diversi, che hanno, tuttavia, un filo conduttore che egli considera comune: il discorso del Santo Padre Benedetto XVI ai cattolici tedeschi impegnati nella Chiesa e nella societ, pronunziato a Friburgo il 25 settembre 2011: Non si tratta qui di trovare una nuova tattica per rilanciare la Chiesa. Si tratta piuttosto di deporre tutto ci che soltanto tattica e di cercare la piena sincerit, che non trascura n reprime alcunch della verit del nostro oggi, ma realizza la fede pienamente nelloggi vivendola, appunto, totalmente nella sobriet delloggi, portandola alla sua piena identit, togliendo da essa ci che solo apparentemente fede, ma in verit convenzione e abitudine. Diciamolo ancora con altre parole: la fede cristiana per luomo uno scandalo sempre e non soltanto nel nostro tempo. Nel libro sono affrontati diversi temi. Dalla crisi di fede che la societ occidentale vive attualmente con le chiese sempre pi vuote, anche se le piazze si riempiono nelle diverse manifestazioni religiose, al suo viaggio in Turchia, una volta culla del cristianesimo, durante il quale lAutore si lasciato interrogare, e a sua volta interroga, su quello che sar il futuro della Chiesa, chiamando a riscoprire la missione come lindice esatto della nostra fede in Cristo e nel suo amore per noi; al grande tema della morte, riportando le omelie pronunciate da Emilio per accompagnare lultimo viaggio di Rita e Maurizio, due membri della nostra Comunit, che iniziarono con lui la loro avventura negli anni Sessanta al Tiburtino in Roma e che sono rimasti fedeli alla loro prima scelta fino alla fine della loro vita. Scorrendo il libro, ci appaiono anche temi di pastorale, come quello della domenica, luogo teologico, ove la comunit cristiana si raduna attorno allEucaristia, formata e unita dal Cristo risorto e basata sullunica fede che unisce e non separa, e quello della pastorale dell'intelligenza, ossia una pastorale capace di suscitare vere domande nelluomo, evitando qualsiasi tipo di scorciatoia che porti luomo a mettere sulla bocca di Dio risposte che invece egli stesso chiamato a dare perch dotato di libert e responsabilit. Pieni di pathos sono i dialoghi con persone che hanno incrociato il cammino della vita di Emilio (monsignor Biagio Terrinoni, monsignor Marcello Zago e monsignor Jean Zoa), incontri che lo hanno richiamato a tener sempre presente la porta della morte, come domanda esistenziale sulla nostra fede e sul nostro vivere quotidiano. Senza dimenticare don Ercole Magnani, un parroco di Sassuolo tutto cuore, - come scrive Emilio nella premessa -, che egli ha unito nella memoria a Pulcherie, una ragazza camerunese morta di epatite fulminante, proprio nello stesso tempo in cui don Ercole si apprestava a partire e a visitare le nostre missioni in Camerun. Pulcherie, poco prima di morire, preg cos: Affinch Emilio continui ad avere il coraggio di custodire i figli che il Signore gli ha affidato. Questo libro vuole essere una risposta a Pulcherie. Emilio le risponde parafrasando le parole der sor Giovanni, un indimenticabile, semplice uomo della Borgata Alessandrina dove nacque la prima Comunit e che una volta gli confid: Non ho coraggio e di paura ne ho tanta. Ma la pi grande paura quella di non saper difendere chi amo. Il libro termina con due interventi, di carattere pi sistematico, sul tema della missione: uno tenuto al primo Congresso Missionario della Provincia Italiana dei Carmelitani nel 2007, e laltro, al Convegno teologico tenutosi a Roma nel 2011, nel 5 anniversario della morte di don Divo Barsotti. Non abbiate paura vuole essere un contributo a una rinnovata conversione al Signore Ges e a vivere con fede riscoperta e rinnovata lAnno della fede, indetto a partire dall11 ottobre 2012 da Benedetto XVI con la Lettera apostolica Porta fidei. Sandro Puliani

20

Gioved 4 ottobre 2012

Cesena e Comprensorio
Bagno di Romagna
Sagre di ottobre

Cesena flash
Risposte alla crisi
Nella sede di Confartigianato in via Ilaria Alpi, sabato 6 ottobre alle 17,30, sar presentato il libro di Roberta Fabbri "Attori della rinascita. Risposte efficaci alla crisi per professionisti e imprese" (Edizioni Simone). Interverranno Ivano Scarpellini, Paolo Lucchi, Elide Giordani, Caterina Lucchi, Umberto Selleri. Alle 18,40 la parola allautrice del libro. Seguiranno gli interventi dei presenti. Sar anche presentato il percorso formativo "Economia e impresa nel quaternario" previsto per il gennaio 2013.

Bagno di Romagna
Ottobre a Selvapiana

Sogliano

I Santi nellarte

In piazza Ricasoli e nelle vie del centro storico si svolgeranno le domeniche 7, 14 e 21 ottobre dalle 10 alle 19 le sagre dei prodotti della tradizione locale con stand gastronomici allestiti dalla Pro loco, animazione itinerante al pomeriggio. Anche i ristoranti prepareranno men a base di prodotti tipici locali.

Si fa festa nelle quattro domeniche di ottobre a Selvapiana. Domenica 7 alle 12,30 pranzo presso la sede della Pro loco. Dalle 14 nel campo sportivo in programma animazione, musica, giochi e apertura degli stand gastronomici. Alle 14,30 prender il via la quarta edizione del giro podistico "La corsa della castagna" cui seguiranno le premiazioni.

Proseguono gli incontri del progetto "I nostri Santi nellarte" promosso dal Comune in collaborazione con lassociazione "Linea Christa" e lassociazione culturale Montegelli. Domenica 7 ottobre alle 16,30 si visiter la chiesa dedicata a santo Stefano, recentemente restaurata. Sar presentata licona della Madonna del Rosario la cui festa celebrata dalla Chiesa il 7 ottobre, anniversario della battaglia di Lepanto (1571).

Cesenatico
Ex voto in mostra

Sogliano

Libro di poesie

Forl

Convegno nazionale in carcere


La Societ San Vincenzo de Paoli e la fondazione Ozanam organizzano al carcere di Forl un convegno sul tema: "Cos diversi, cos uguali, mille differenze stessa dignit". Organizzato in occasione del premio "Carlo Castelli", interverranno la direttrice del carcere Palma Mercurio, Mauro Cavicchioli della Papa Giovanni XXIII, Ezio Savasta della Comunit di SantEgidio. monsignor Giancarlo Perego direttore di Migrantes, don Dario Ciani cappellano del carcere. Coordina Alessandro Rondoni.

Incontro sul cardinale Carlo Maria Martini


Un incontro pubblico sul tema "Leredit del cardinale Carlo Maria Martini", a cura del gruppo "Ricerca e confronti" si terr gioved 4 ottobre alle 20,45 nella sala Auser "Primavera 3". Relatore il teologo cesenate don Carlo Molari.

Chiuder domenica 14 ottobre al Museo della Marineria la mostra che ripropone i segni della devozione popolare della gente di mare attraverso gli ex voto. Sono riproposti da due artisti moderniAttilio Scarpa e Wladimiro Bordignon- dalla collezione di Luciano Boscolo Cucco.

Al teatro comunale "Elisabetta Turroni", sabato 6 ottobre alle 16, Bruno Bartoletti presenter il suo ultimo libro di poesie "Sparire in silenzio ritrovando il vento delle strade" (Youcanprint Editore, Lecce, pp 122, 12 euro). Nativo di Montetiffi, docente di Lettere e dirigente scolastico in pensione, ha pubblicato il primo volume di liriche nel 1997.

Acquari e tartarughe
A Cesena Fiera a Pievesestina, sabato 6 e domenica 7 ottobre, dalle 9 alle 19, sono aperte le mostre mercato di acquari, tartarughe, bonsai e piante grasse. Si possono ammirare su una supercie di 3500mila metri quadri e acquistare pesci, acquari ed accessori. Si terranno conferenze. Ingresso 8 euro. Gratis per bambini entro i 123 centimetri di altezza.

Cesena: al festival protagonista anche luniversit di Bologna

Lezioni allUte
Nella sala Vaienti in via Renato Serra, a cura dellUniversit della Terza et-Fnp Cisl, venerd 5 ottobre alle 15,30, Giovanni Maroni terr una lezione sul tema "La pi celebre autobiograa della storia: "Le Confessioni di santAgostino. Autoritratto senza sconti e capolavoro letterario". Padre Giorgio Busni, marted 9 ottobre alle 15,30 nella sala Fantini celebrer la messa in suffragio di Nello Vaienti e dei soci defunti. Poi tratter il tema "Dalla collaborazione alla corresponsabilit".

Raduno camper
LIppodromo del Savio ospiter dal 5 al 7 ottobre il VII raduno Camper "Cesena Citt Malatestiana". Per i camperisti sono organizzate visite guidate ai principali monumenti della citt. La quota di partecipazione di 12 euro ad equipaggio. E in programma anche la visita guidata a Cesenatico. Domenica 7 dalle 10,30 sono previste escursioni naturalistiche a piedi o in bicicletta.

l 7 Festival Internazionale del Cibo di Strada si terr nel centro storico di Cesena, da venerd 5 a domenica 7 ottobre. Laccesso allarea del Festival libero, senza biglietto di ingresso. Dopo lo straordinario successo delle edizioni precedenti il Festival biennale, organizzato da Confesercenti Cesenate, Slow Food Cesena e Conservatoire des Cuisines Mditerranennes, torna con una ventina di isole gastronomiche che proporranno i cibi di strada provenienti da svariati paesi: dal Messico allIndia, dalla Grecia al Kurdistan iracheno, dal Venezuela alla Provenza, dalla Russia al Marocco, dalla Romania allArgentina e da numerose regioni italiane. Durante il festival ci saranno incontri e degustazioni su vari argomenti. Questanno particolare la collaborazione tra il Festival e lUniversit di Bologna, campus di Scienze degli Alimenti che coordinatrice del

Le strade si riempiono di buon cibo I


progetto europeo "Basefood", sugli alimenti tradizionali dellarea del del Mar Nero. Venerd 5 ottobre, dalle ore 16, presso la sala riunione "Biagio Dradi Maraldi", in via Tiberti, 5 a Cesena, si terr si terr "Street Food Seminar" Un seminario universitario in lingua inglese, con la Foto Cp partecipazione di relatori internazionali (info www.tfi2012.com). Sabato 6 ottobre, alle ore 10,30 si terr il convegno "Gli alimenti tradizionali dei paesi del Mar Nero", con il docen-

te Filippo DAntuono che illustrer il Progetto dellUnione Europea "Basefood", coordinato dallUniversit di Bologna, sede di Cesena.

Cesena

Seminario al Campus degli alimenti


Al Campus di Scienze degli alimenti di Cesena (via Ravennate, zona concessionarie), marted 9 ottobre dalle 16 alle 18, si terr un seminario su esperienze di cooperazione in Africa. Il tema trattato riguarder il ritorno alle radici della tecnologia alimentare. Interviene il professor Davide Barbanti, docente di tecnologie alimentari alluniversit di Parma

Gatteo a Mare
La Cantarla

Comuni terr un breve corso di educazione stradale per i bambini. Alle 17 salita al palo della cuccagna. Alle 20,30 sda sul palco di piazza della Libert tra il parroco don Derno Giorgetti e il sindaco Gianluca Vincenzi nella preparazione della Cantarla. Conclusione con lorchestra "Grande Evento" e lesibizione dei ballerini del gruppo Casadei danze Cesena. Con il sostegno della Bcc di Gatteo.

Tre giorni dal 5 al 7 ottobre dedicati allantico e povero dolce romagnolo, la Cantarla. Si comincia venerd con lapertura degli stand gastronomici alle 18,30 e poi musica con la band "Marg 80". Sabato dalle 14,30 giochi e spettacolo di burattini per i bambini. La sera musica e cabaret. Domenica 7 alle 12 pranzo; alle 14,30 la Polizia municipale dellUnione dei

Magazzini Generali, impianto fotovoltaico


Magazzini Generali ha inaugurato il pi grande impianto fotovoltaico su edicio di Cesena, installando sui tetti della propria sede 4500 mq di pannelli fotovoltaici per una fornitura di energia elettrica di 650kw a impatto zero. Gli amministratori delegati della Magazzini Generali, Massimiliano e Michele Montalti hanno celebrato limportante traguardo ospitando numerose autorit fra le quali il prefetto di Forl Cesena Angelo Trovato, lassessore alle attivit produttive della Regione Emilia Romagna Gian Carlo Muzzarelli, il presidente della Provincia Massimo Bulbi, il sindaco Paolo Lucchi e il presidente della Camera di Commercio Alberto Zambianchi. Levento stato loccasione per premiare il proprio dipendente, Maurizio Romagnoli, che dopo 38 anni di lavoro alla Magazzini Generali, attraversando tre generazioni della famiglia Montalti, ha raggiunto il pensionamento. (foto Mauro Armuzzi)

Longiano
E partita marted scorso liniziativa "Longiano cammina sotto le stelle". I longianesi interessati potranno ritrovarsi ogni marted alle 20,30 in piazza Tre Martiri per partecipare a camminate notturne lungo strade asfaltate e sentieri di campagna. Liniziativa, voluta dal Comune di Longiano e coordinata dallarchitetto Alessandro Galbucci, ha lobiettivo - stando alle parole di Maria Cristina Minotti, assessore alla cultura e al turismo del Comune di Longiano - di "contrastare la sedentariet, favorire la socializzazione e riscoprire il territorio". I partecipanti saranno accompagnati per circa unora e mezza da volontari longianesi amanti delle camminate allaria aperta e dal Cai (Club alpino italiano) di Cesena. Ogni settimana il percorso (minimo 6 chilometri) sar diverso. La partecipazione aperta a tutti e gratuita. I minori dovranno essere accompagnati da un adulto. Sar necessario munirsi di scarpe da ginnastica, torcia elettrica e giubbino catarifrangente. Matteo Venturi

Cesena

Incontro ai Servi
"Cercatori di Dio". Il gruppo si incontrer marted 9 ottobre alle 20,30 presso la chiesa dei Servi (cortile interno), per dialogare sul seguente argomento: "Ostacoli alla fede". Per informazioni, contattare don Luciano Bugnola (0547 21143), relatore e coordinatore degli incontri.

Cesena

Spettacolo al Comandini
Il teatro Bonci apre la stagione con Socetas Raffaello Sanzio e Teatro delle Albe per il titolo di ricerca Poco lontano da qui, in scena al teatro Comandini, corte del Volontariato 22 (e non al Bonci), da marted 9 a gioved 11 ottobre, ore 21.00. Lo spettacolo rientra nellambito dellevento Mntica 2012 che durer no al 14 ottobre (www.raffaellosanzio.org). Biglietteria Bonci: 0547 355959. Info: www.teatrobonci.it

Cesena

Malattie mentali: incontro


Come guarire dal male mentale il tema della conferenza pubblica tenuta da Ron Coleman, in programma marted 9 ottobre, dalle 9.30 alle 17, nella Sala Cacciaguerra della Banca di Cesena (viale Bovio 79), promossa da Porte aperte e Se questo un uomo. Coleman ha sviluppato un approccio alla malattia mentale nalizzato a riprendere il controllo della propria vita e alla guarigione.

Sport

Gioved 4 ottobre 2012

21

Contro il Varese di Castori bianconeri efficaci e concreti


fronte due formazioni appaiate in classifica a quota 7 e che condividono anche lo stesso obiettivo: quello della salvezza. Guardare sopra non peccato e Bisoli questo lo sa. I play-off, anche se molto presto guardare la classifica, sono a soli 3 punti. Cos come a 3 punti ci sono i play-out. Insomma, va tutto giocato e valutato partita per partita, restando umili e cementando un nuovo gruppo che dalla sapiente mano del "demiurgo" Bisoli potrebbe tramutarsi da un brutto anatroccolo ad un bel cigno. Ovviamente solo il tempo e il campo di gioco potranno dirlo. Nel frattempo la truppa bianconera si coccolata in settimana un prezioso successo ai danni di un Varese nato per centrare ancora una volta i play-off, come peraltro avviene da due stagioni. Luned sera al Manuzzi era la partita di Fabrizio Castori, per la prima volta tornato nella "sua" Cesena come avversario in campionato. Lha spuntata la squadra di Bisoli con un 2-0 firmato Comotto e Defrel, ma come da copione la formazione di Castori non ha gettato la spugna fino al termine, menomata tra laltro dalle espulsioni dellex Rea e di Martinetti. Prima della partita il mister marchigiano stato salutato calorosamente dal pubblico del Manuzzi, mentre durante la gara la Curva Mare ha voluto ricordare con uno striscione lindimenticato presidente Edmeo Lugaresi, deceduto due anni fa. Eric Malatesta

Motori
Bertozzi vince
Una doppia vittoria per Davide Bertozzi e Marco Coldani, ottenuta sullimpegnativo circuito del Mugello (Firenze) lo scorso ne settima, permette ai portacolori del team Mc Motortecnica, di ritornare al comando del Trofeo Peugeot Rcz Racing Cup. Dopo la pausa estiva si svolto nel tecnico tracciato toscano del Mugello, il penultimo doppio appuntamento del Campionato italiano super produzione endurance allinterno del quale si sviluppano anche le prove del Trofeo Peugeot Rcz Racing Cup, in cui gareggia il driver gambettolese Davide Bertozzi. Il portacolori della scuderia Rubicone Corse di San Mauro Pascoli in coppia col milanese Marco Coldani ha conquistato il successo in entrambe le gare salendo anche sul podio,

Uno degli striscioni dedicati al Mister Fabrizio Castori (Pippofoto)

Cesena, altri tre punti Ora trasferta a Modena


rriva un derby emilianoromagnolo, quello col Modena. E il Cesena vuole continuare alla grande dopo aver ritrovato il sorriso contro il Varese. Forte dei 3 punti conquistati nel "Monday night" contro i lombardi allenati dallacclamatissimo Fabrizio Castori, il Cesena si presenta al "Braglia" con la voglia di inanellare una striscia positiva. Con 7 punti raggranellati in 7 partite, i bianconeri hanno sistemato in parte lo scadente

avvio di stagione sotto la breve parentesi targata Nicola Campedelli. La cura Bisoli comincia a funzionare: sistemata la difesa che ora concede davvero poco, deve arrivare ancora un po di tenuta fisica e pi cinismo l davanti, ma la strada, seppur in salita, sembra quella giusta. La mano dellallenatore di Porretta si vede e lui si sente in tutti i sensi. Si far sentire anche a Modena dove sabato 6 ottobre alle 15 andr in scena un derby che mette di

Volley club Cesena protagonista dellevento a Mirabilandia

Pallavolo in Romagna, grande passione


Sono stati pi di 1400 i partecipanti alla presentazione ufficiale delle squadre dellAssociazione Romagna in Volley che si tenuta domenica 30 settembre a Mirabilandia. Per atleti, atlete, familiari e appassionati di volley stata una grande occasione per vivere unintera giornata nella splendida cornice del parco giochi ravennate. Come da programma, levento iniziato con lingresso della folla pallavolistica allinterno dellArena di Scuola di Polizia di Mirabilandia. La manifestazione si realizzata potuto grazie anche allintervento di qualificati partner come Graziani Packaging Cesena, Industria Dolciaria Babbi, Effegibi Saune e Benessere e Camac Industria Moda Cesena. A seguire, la presentazione delle prime squadre di tutte le societ affiliate. Per quanto riguarda il settore femminile, erano presenti: le B2 del Volley Club Cesena e Cervia Volley, la C del Longiano Sport e la prima divisione del Cesenatico. Per quanto concerne, invece, il movimento maschile presenti la B2 della Fenice Forlimpopoli, la C del Volley Club Cesena e la C della Pallavolo San Mauro Pascoli. Nel pomeriggio, a tutti i partecipanti stato concesso il libero accesso alle attrattive del parco giochi disponibili fino a sera inoltrata. Il binomio sport e divertimento uno dei punti fondamentali dellassociazione nata ufficialmente tre mesi fa e di cui fanno parte tutte le pi importanti societ pallavolistiche romagnole. Lo scopo dellassociazione quello di creare unarea di libero scambio di atleti ed allenatori fra le associazioni aderenti, al fine di realizzare squadre agonistiche e ludiche che permettano a tutti di valorizzarsi e di crescere in un ambiente adatto alle proprie caratteristiche. Condizione necessaria per la partecipazione era quello di adottare allinterno della propria societ il Codice Etico. La sua adozione lespressione della volont di promuovere uno standard elevato di qualit e professionalit nello svolgimento delle prestazioni sportive e di tutte le altre attivit riconducibili allassociazione. Il Codice Etico specifica i fondamentali doveri di lealt, correttezza e diligenza fondamentali per la convivenza sociale e per una corretta pratica sportiva. Il progetto, gestito e guidato dal prof. Pietro Mazzi, era in fase di sperimentazione gi da alcune stagioni, quindi i legami tra le varie societ aderenti sono gi ben consolidati e destinati a durare. Il futuro del Volley romagnolo sicuramente in buone mani.

rispettivamente al secondo e terzo posto, della classe Super produzione del Campionato italiano turismo endurance. Quando mancano solamente le due gare dellultimo week end di Monza, in programma il 20 e 21 ottobre, la lotta per la vittoria nale fra gli attuali leader Bertozzi Coldani (che hanno 6 punti di margine) e la coppia Mauro Trentin Mario Ferraris (team Romeo Ferraris), giunti secondi in entrambe le gare toscane. Con questo duplice successo lequipaggio Bertozzi-Coldani si gi aggiudicato la classica nale del Trofeo Peugeot Rcz Racing cup Italia senior Gen-Art, ma lobiettivo principale rimane la vittoria nella classica assoluta del Trofeo, che grazie allo scarto di due risultati su dodici gare, diventer raggiungibile con un successo nellultimo doppio appuntamento di Monza. Eravamo carichi al massimo - afferma con soddisfazione Bertozzi -, e grazie al minuzioso lavoro di messa a punto da parte del team, siamo riusciti ad ottenere due meritati successi che ci fanno guardare duciosi a Monza. Piero Spinosi

Il nostro impegno per chi si impegna


Il leasing della

via Marinelli, 6 - 47521 CESENA (Fc) tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141 e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Progettazione e fornitura chiavi in mano Impianti:


FEDERIMPRESE EMILIA-ROMAGNA

ARREDI SACRI DI SEMPRINI


Gabriele e Severino
sas

e degli Istituti Azionisti: Cassa di Risparmio di Cesena Banca di Romagna Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola Cassa di Risparmio di Cento Cassa di Risparmio di Rimini Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana Emil Banca Socit Gnrale

PETROLCHIMICI AGROALIMENTARI ECOLOGIA DEPURAZIONE ACQUEDOTTI METANODOTTI in ITALIA... nel MONDO

via Alberti, 3/a tel. e fax 0541 21424 Rimini

22

Gioved 4 ottobre 2012

Sport Csi

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

Campionato

Luned 8 ottobre al via il torneo di calcio, suddiviso nelle categorie Scuola calcio, Pulcini, Esordienti, Giovanissimi

Calcio a 5 e a 7 Tutte le squadre iscritte ai campionati


Dopo la riunione delle societ, risultano iscritte al 23esimo campionato di calcio a 5 femminile 22 formazioni: lAc Virtus San Mauro Mare, il Bar Cesare Savignano sul Rubicone, il New Team Longiano, la Pol. Osservanza 1980, la Dinamo Rontagnano, la Pol. Panighina New Sport, la Pol. Soglianese, la Pro Loco Ranchio, la Longobarda Drink Team, la Pol. 1980 Asd, lAsd Placci Bubano-Mordano, lEvergreen Meldola, il Calcetto Femminile Ravenna, lo Stewart Team Asd, lAsd Diamik Ronco, lAsfo Santa Chiara, il Santa Caterina Furie Rosse, lAsd Calcio Cotignola, il Nuoto Club Asd e il Futsal Club Castello. La competizione, che si congura come un vero e proprio campionato romagnolo di categoria (vista la provenienza delle squadre aderenti), prevede due gironi con gare di andata e ritorno e accesso delle prime sei compagini classicate al turno dei playoff, mentre quelle classicate dal 7 al 12 posto daranno via ai playout. Lavvio previsto per il mese di ottobre. Al termine della riunione delle societ interessate, si registra la partecipazione di 14 societ al 21esimo campionato di calcio a 5 maschile: il Real Circolo Sarsina, la Dinamo Rontagnano, lAtletico Circolo Sarsina, la Pol. Soglianese, il Circolo United Sarsina, lAs La Torre, la Pol. 1980 Asd, il Bar Ciccio Futsal, la Pol. Savio 5-4 Fighting, il Borgorosso Senio, lUs San Zaccaria, il Parkins Cesenatico, il Borgorosso Circolo 09, il Gs Cella e lAs La Torre. La competizione contempla come formula di svolgimento la disputa di due gironi con gare di andata e ritorno e laccesso delle prime tre formazioni classicate di ogni girone ai playoff e delle squadre restanti ai playout. Linizio del campionato previsto per il mese di ottobre. Dopo la riunione delle societ risultano iscritte all11esimo campionato di calcio a 7 maschile ben 30 squadre: Asd Romagna Sport, Collinello Calcio 1964 A e B Asd San Giorgio, G.P. Vigne Arisan, Salumicio del Fumaiolo, San Cristoforo Frigoriferi Caporali, Virtus Cesena, Pol. San Lorenzo, New Team San Piero, Ac Sgumb, Montaletto, Lucy Bar Villa Inferno, Atletico Il Passatore, Vecchie Glorie, Gs Santa Paola, Dl Costruzioni 2000 Forl, Ritorno-Autotrasporti Bragagni, Ristorante Da Mario Cervia, Ki Burdel San Mauro Mare, Galaxy Forl, Pagigi, Gp Vigne New, associazione Homo Viator, Montenovo Montiano I e II, Torpedo Montecastello, Tecnoperforazioni, Zenit San Pietro, Pol. Osservanza e Atletich Mvl. Si prevede di strutturare il campionato, che inizier nel mese di ottobre, in tre gironi: uno di Eccellenza e due di serie A.

CategorieGiovanili,tuttopronto
uned 8 ottobre partiranno i campionati di calcio riservati alle categorie giovanili. Passiamo in rassegna le varie competizioni. Iniziamo dal campionato rivolto alla categoria Scuola calcio, che prevede squadre di 8 giocatori nati nel 2004/05 (con possibilit di schierare un fuoriquota nato nel 2003), chiamati a giocare due tempi da 20 minuti ognuno. Sono iscritte 15 formazioni, suddivise in due raggruppamenti. Del girone A fanno parte la

PREMIAZIONE DI UNA FINALE DEL CAMPIONATO GIOVANILE ANNO 2011-2012 (FOTO ARCHIVIO M. ARMUZZI)

Per tutte le categorie sono contemplati cambi volanti (tipo calcio a 5) e non prevista lapplicazione della regola del fuorigioco
Pol. Longianese A, la Coop. Granata Bagnarola, la Pol. Sala, il Ponte Pietra, il San Mauro Pascoli Calcio, la Pol. Soglianese, lAsd Bakia e lAsd San Marco; del girone B lAsd Dismano, la Palazeta Ronta, la Pol. Forza Vigne, la Virus Cesena, il Romagna Sport, la Pol. Longianese B e la Pol. Osservanza.

Passiamo al campionato che interessa la categoria Pulcini, le cui compagini schierano in campo sempre 8 atleti, nati nel 2002/03 (con possibilit di schierare due fuoriquota nati nel 2001), che devono affrontare due tempi da 25 minuti cadauno. Hanno aderito11 societ: Roncofreddo, Ponte Pietra, Pol. Sala, Pol. Longianese A e B, Asd San Marco A e B, Virus Cesena, Pol. Osservanza, Pol. Forza Vigne, Coop. Granata Bagnarola. Il campionato che riguarda la categoria Esordienti vede per ogni squadra 8 giocatori

nati nel 2000/01 (con possibilit di schierare due fuoriquota nati nel 1999), disputare due tempi da 30 minuti ciascuno; 15 risultano le squadre, suddivise in due raggruppamenti. Nel girone A troviamo la Pol. 5 Cerchi Giallo, il Roncofreddo, il Rubicone Calisese, la Pol. Longianese, la Borghigiana, il San Mauro Pascoli Calcio, lAsd Savignanese Cdr, la Pol. Forza Vigne Blu, nel girone B la Coop. Granata Bagnarola, la Palazeta Ronta, la Pol. Osservanza, lAsd ValleSavio, la Pol. 5 Cerchi Rosso, la Pol. Forza Vigne Gialli e lAsd

San Marco. Per tutte queste categorie sono contemplati cambi volanti (tipo calcio a 5) e non prevista lapplicazione della regola del fuorigioco. Per quanto concerne il campionato riservato alla categoria Giovanissimi, i giocatori nati nel 1998/99 (con possibilit di schierare un fuoriquota nato nel 1997), per ogni squadra sono 7 e il campo sar adeguato al calcio a 7. Cinque sono le societ iscritte: Asd Del Duca, Pol. Sala, Pol. Osservanza, Pol. Forza Vigne e Borghigiana (le iscrizioni a questa competizione sono ancora aperte).

Csi Cesena | Un po di storia... recente


La foto di questa settimana relativa alla Pol.Forza Vigne, che ha partecipato al campionato giovanile di calcio, categoria Scuola calcio, nella stagione sportiva 2004-05

Nuovifischietti Corso per arbitro di calcio


in fase di organizzazione corsoIlper diventare arbitroun di calcio. corso organizzato dal gruppo arbitri calcio del Csi di Cesena. Per informazioni: 339 3354945; 338 7464130; cartellinoazzurro@libero.it. Per i partecipanti al corso saranno disponibili ingressi gratuiti per le partite di calcio.

Pagina Aperta

Gioved 4 ottobre 2012

23

Il direttore risponde

LOcchio indiscreto

Una mamma sulla scuola cattolica: In attesa di tempi migliori, io pago volentieri
gruppo o ad unarea politica o che la solita conoscenza consenta un ingresso privilegiato nel mondo del lavoro? Allora per certi aspetti la scuola paritaria pubblica, per altri esclusivamente privata! ( Per esperienza personale so di dirigenti di scuole paritarie della zona che hanno persino negato lesistenza di cattedre di insegnamento a chi ne presentava regolare domanda e senza neppure un vero colloquio le hanno poi assegnate ad altri di una certa area anche appena laureati e non certo abilitati! ) Leggendo la lettera della signora Sirotti mi sento di aggiungere che ho insegnato per pi di trentanni nella scuola pubblica, secondaria di primo grado, e col mio consiglio di classe ci siamo sempre preoccupati della formazione dei nostri ragazzi. Gli obiettivi che ci ponevamo andavano oltre la pura istruzione, riguardavano il metodo di lavoro, il creare motivazioni per i vari aspetti della realt, lo sviluppo di capacit critiche, ma anche la consapevolezza di s, il confronto con gli altri, la convivenza civile Ho avuto classi con circa il 50 per cento di alunni stranieri, con ragazzi provenienti da situazioni familiari disastrose, ragazzi difficili e tutti naturalmente sostenevano le prove INVALSI! Cordialmente. Marisa Brighi (dal sito) PS. Mi permetto di aggiungere, in merito alle risposte che spesso lei direttore d, e aldil di queste ultime e delle argomentazioni espresse, che trovo il suo tono spesso aggressivo ed arrogante. Allora credo che le opinioni e le idee a confronto non permettano unadeguata riflessione e divengano una contesa in cui uno vuole umiliare laltro. Oltretutto, senza voler semplificare e ridurre, questo atteggiamento , mi scusi, sicuramente poco cristiano. Gentilissima professoressa Brighi, mi pare che il suo cordialmente stoni un po, ma dico solo un po, con il suo Ps. Comunque, nel rispetto delle opinioni di tutti, pubblico integralmente il suo intervento. Mi permetto solo di ricordare, come ho gi fatto scrivendo sul sito, che un conto sono le scuole private, un altro quelle paritarie. La legge n. 62 del 2000, con ministro dellistruzione Berlinguer, afferma che il sistema nazionale di istruzione, fermo restando quanto previsto dallarticolo 33 II comma della costituzione, costituito dalle scuole statali e dalle scuole paritarie private e degli enti locali. Pi chiaro di cos. Per il resto, la invito in redazione per uno scambio di idee. A presto, quindi. Alla mamma Annamaria desidero esprimere un grande grazie per la sua testimonianza. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it
Un campo a Case Finali di Cesena, dove si da poco conclusa la raccolta dei semi di girasole, stato il luogo prescelto da un folto stormo di piccioni e colombi per una ghiotta merenda. Un affollamento paragonabile a quello di piazza San Marco a Venezia...

arissimo direttore, sono la mamma di tre bimbi che frequentano una paritaria. Spesso io e mio marito ci chiediamo fino a quando saremo in grado di sostenere questa scelta, visto che, in termini economici, davvero pesante. Ma ogni volta rispondiamo che meglio togliersi il pane di bocca. E a nostro conforto non portiamo i dati. Quando si tratta delleducazione dei nostri figli i dati non ci interessano. E non ci interessa nemmeno che cosa dica la Costituzione da rispettare, per carit n che cosa facciano gli altri Paesi. Ci interessa che cosa accade nei nostri figli quando vanno a scuola. Alla nostra scuola non chiediamo solo istruzione quella gliela posso dare anchio, che faccio un altro lavoro. Chiediamo di educarli, di dare loro un metodo, di introdurli alla realt con un desiderio di cose grandi e belle, di far nascere in loro una domanda, di renderli certi. LInvalsi lunico, inutile, parametro oggettivo per monitorare i livelli di apprendimento conseguiti dal sistema scolastico (www.invalsi.it). La nostra scuola (Sacro Cuore di Cesena) ha un punteggio Invalsi di gran lunga superiore alla media nazionale e regionale. Ma c un di pi: al Sacro Cuore lInvalsi lo fanno fare anche a mia figlia che disabile poi il suo test non fa media, per non incidere sul livello della classe-scuola ( lo dice sempre http://www.invalsi.it). Per noi potr anche essere poco, ma vi assicuro che per mia figlia rappresenta tantissimo. E in attesa che le cose cambino io pago volentieri! Annamaria Sirotti (dal sito) gregio direttore, quando si parla di scuole paritarie e in particolare di fondi, bisogna considerare la variet di tale tipo di scuole, alcune delle quali sono dei veri e propri diplomifici, nonostante le ispezioni ministeriali. Ho limpressione che Antonio Belluzzi (cfr. Corriere Cesenate n. 31 del 6 settembre 2012, pag. 3) si riferisca alle scuole presenti a Cesena, di un certo orientamento che egli chiaramente condivide. In riferimento poi al gruppo di insegnanti veramente in gamba , io mi chiedo: insegnanti bravi perch? Perch professano una certa fede religiosa? O per come vengono scelti? Questi insegnanti, proprio perch acquisiscono lo stesso punteggio di quelli della scuola pubblica, spesso superano nelle graduatorie del Provveditorato altri insegnanti forse altrettanto bravi che li precedevano nelle stesse. giusto che una fede religiosa o lappartenenza ad un

Test Invalsi e certificazioni confermano la validit delle scuole paritarie


Carissimo direttore, se per scuola privata si intende anche la pubblica paritaria, chi parla di mancata valutazione degli istituti si sbaglia. Io insegno in una di queste scuole: tutti gli anni sosteniamo i test Invalsi i cui risultati, sempre al di sopra delle medie nazionali e regionali, sono disponibili e consultabili da tutti. Inoltre, certificazioni esterne di vario tipo, ad esempio quelle di lingua straniera - che hanno parametri a livello europeo o mondiale - hanno sempre evidenziato una qualit di preparazione dei ragazzi oggettivamente indiscutibile. Antonietta Campana (dal sito)

TESTIMONIANZA. A Gambettola, dove abita Alfio Guadagnino insieme alla moglie Antonietta

Una casa aperta a tutti in cui si respira serenit


arissimo direttore, ho letto larticolo che hai pubblicato sul Corriere Cesenate di tre settimane fa (n. 32 del 13 settembre), relativo a Vladimiro Andreoli. Mi piaciuto molto, e visto che hai affrontato largomento, avevo piacere di sottoporti anche la storia di Alfio Guadagnino di Gambettola. Frequento la sua casa da qualche anno e sono letteralmente pazza di lui. Ha 75 anni ed ammalato di Sla da 16 anni e da sempre accudito dalla moglie Antonietta che non lo ha mai abbandonato un minuto nel corso di tutti questi anni. La loro una storia davvero fantastica! Ecco alcune mie righe in argomento. Grazie per lo spazio che vorrai riservarmi. Ti saluto con grande amicizia e ti auguro buon lavoro. Ciao. Letizia Tronetti

C una casa a Gambettola dove si respira aria di serenit, dove ci si rilassa, dove, quando si entra, ci si dimentica di tutti i problemi e di tutte le ansie, perch l di problemi ce ne sono s, di veramente importanti. Ci sono entrata per caso, invitata da unamica, che mi ha chiesto di dedicare due ore settimanali a una persona che aveva bisogno di aiuto. Ero timorosa, sapevo che l dentro cera una persona ammalata gravemente e non sapevo cosa avrei trovato e se ce lavrei fatta a fare le cose giuste o a dire qualcosa di adeguato. La malattia fa paura a tutti e vederla da vicino fa ancora pi paura, si preferisce non toccarla con mano, non esserne coinvolti. Ma la mia sorpresa stata tanta. Subito mi sono sentita a mio agio, accolta come una di casa, con semplicit e naturalezza, come

se ci fossi sempre stata; e ho capito che non cera bisogno di tante parole e neppure di gesti eclatanti; bastava essere se stessi. Il primo impatto lho avuto con lAntonietta, una donna vivace, forte, sicura di s, in grado di trasmettere a chiunque tranquillit e serenit. Mi ha subito coinvolta nelle piccole e grandi mansioni quotidiane con lumilt di chi sa di avere bisogno degli altri, ma anche con tanta dignit. La cura e la dedizione che ha nei confronti del marito attraverso i mille gesti quotidiani ripetuti da anni, senza mai stancarsi, senza mai dimostrare un momento di sconforto, sono il pi grande esempio di devozione, di amore puro e incondizionato che mi potesse capitare di vedere. Poi c lui, Alfio, il protagonista, che con il suo sorriso da quel letto mi ha subito conquistata. Lui che con i suoi silenzi riesce a raccontare tutta la gioia di vivere, molto pi di quanto potrebbe fare con mille parole. Lui, il fulcro della casa, che dal suo letto o dalla sua sedia, posti al centro della casa come un focolare, irradia la stanza con i suoi sorrisi che contagiano chiunque si avvicini e con quegli occhi ballerini e vispi trasmette a tutti la sensazione di essere uno spirito libero, a dispetto delle limitazioni che gli vengono imposte dalla sua malattia. Mi hanno colpito la sua forza di volont, la sua tenacia, la sua caparbiet nellaffrontare i problemi che gli si presentano, ma anche la sua fiducia nellaffidarsi a coloro che possono aiutarlo, consapevole che il dolore e la malattia sono universali, sono di tutti, non possono essere una cosa personale. Veramente ho avuto la possibilit di conoscere due

persone fantastiche, che insieme sono una forza; si tocca con mano la loro intesa, il loro amarsi cos come sono; e allora mi vengono in mente tante storie di matrimoni falliti per lincapacit di ascolto reciproco, per la mancanza di coraggio, di pazienza, di altruismo e di dedizione. E laltruismo si diffonde a macchia dolio contagiando tutti i frequentatori della casa: per chiunque entri l dentro c un pensiero, un momento di ascolto, di coinvolgimento nei problemi quotidiani, ma anche di partecipazione alle gioie e alle esperienze vissute. Entrare in quella casa come rigenerarsi, riacquistare la capacit di dare il giusto valore alle cose della vita, ed anche loccasione per pensare alla propria vita, per assaporarne il gusto giorno per giorno senza pretese e con tanta gratitudine. Ecco perch da allora sono io che ho bisogno di loro, della serenit che mi trasmettono, sono io che ogni settimana mi avvicino a quella casa con gioia, sicura che ne uscir migliorata. E se la mia presenza pu aiutarli in piccole cose pratiche da fare, loro non si rendono conto di quanto prezioso sia il dono che mi fanno ogni volta che li vedo. Ecco allora il mio grazie a loro che viene dal profondo del mio cuore: grazie per essere cos come siete; grazie per avermi fatto capire cosa significa affidarsi agli altri; grazie per avermi dimostrato cosa significa avere fede in Dio; grazie per avermi parlato damore con ogni gesto e con ogni sorriso! Il mio invito va a chiunque voglia conoscerli: che si faccia avanti senza problemi; la casa aperta a tutti e le cose da fare sono tante; chiunque nel suo piccolo pu contribuire. Alfio e Antonietta aspettano pazienti (tel. 0547 58760).

PARROCCHIA SACRO CUORE DI GES - MARTORANO

F E S TA D E L L A M A D O N N A DEL ROSARIO
7-14 OTTOBRE 2012

DIO E FEDELE ALLA SUA ALLEANZA


PROGRAMMA RELIGIOSO
Domenica 7 ottobre Luned 8 ottobre ore 11 S. Messa con gli anziani e malati ore 21 Comunit cristiana: saldi nella fede e solidali Tavola rotonda sulla dottrina sociale della Chiesa. Interverranno il professor Maurizio Mussoni e il dott. William Casanova ore 20.30 ore 20,30 ore 15-18 Inaugurazione della nuova sede Caritas Bruna e Consilio PROCESSIONE con la statua della Madonna In chiesa, confessioni

1612 - 2012 UNA PARROCCHIA IN CAMMINO DA 400 ANNI

Mercoled 10 ottobre Venerd 12 ottobre Sabato 13 ottobre

Domenica 9 ottobre GIORNO DELLA FESTA ore 8,30 ore 11 ore 14,15 S. Messa Messa solenne, animazione della corale parrocchiale, conferimento del mandato ai catechisti ed educatori ACR recita del Rosario e litanie; benedizione eucaristica

PROGRAMMA RICREATIVO
Sabato 13 ottobre Ore 21 Commedia brillante dialettale: E nost prosum a cura della compagnia filodrammatica parrocchiale Dria larnaz de fium; FESTA INSIEME con attrazioni varie: stand dei fiori, stand gastronomico, giochi per i ragazzi, pesca, mercatino della solidariet musica col complessino parrocchiale Happy Band; finale e premiazione del torneo di Beach volley Ore 19.30 CENA INSIEME (con prenotazione) Stand dei fiori: il ricavato sar devoluto per la missione di Padre Giorgio
Veduta aerea di Martorano con, al centro, il Santuario del Sacro Cuore (foto Giuseppe Mariggi)

Domenica 14 ottobre

Ore 15,15

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

CARLO CASINI A CESENA PARLA DI RISPETTO DELLA VITA


C.I.P - Corso Sozzi 39 - Corriere Cesenate 2012 .