Sei sulla pagina 1di 1

Il Ladro

di Alessandro Fadda

Il tram era rovente. Addormentata da quel caldo insopportabile, la gente sembrava in trance. Un giovane accarezzava un orologio da tasca di evidente valore. Era stranamente a suo agio in quel clima assonnato. Sveglio, guardava in giro attento ed osservava tutto. Sembrava compiaciuto del disagio degli altri. Ad un tratto gli comparve sul viso uno strano sorriso, quasi un ghigno. .. Dalla borsa semiaperta di un una giovane donna faceva capolino un portafogli. Si sposto e con naturalezza si pose al suo fianco. La giovane, bella donna davvero, fece in passo laterale ed egli si trovo in una posizione strana.. Aderiva a lei, alle sue forme meravigliose. Senza volerlo si eccito. Provava una sensazione intensa Non glimportava pi del portafogli della donna. Per un tempo indefinito rimasero in quella posizione, finch, dolcemente ma in modo deciso, ella si scosto. Gli rivolse un sorriso e scese dal tram. Il giovane ladro la guardo sognante, scomparire. Poi con gesto automatico mise la mano in tasca per prendere lorologio. Non lo trovo. Non cera pi. Era sceso dal tram anche lui!