Sei sulla pagina 1di 37

FACOLT DI INGEGNERIA

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici

Prof. Dott. Ing. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it

Le Basi Legislative della Sicurezza


Panorama Normativo

Le Basi Legislative della Sicurezza

Lo Stato tutela lindividuo come cittadino e come lavoratore, in particolare per quanto riguarda: LA SALUTE; LA SICUREZZA Conseguentemente la maggior parte della legislazione relativa agli impianti elettrici riguarda laspetto della sicurezza degli impianti nei confronti di persone e cose.

Le Basi Legislative della Sicurezza


COSTITUZIONE ITALIANA Art. 32: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dellindividuo e interesse della collettivit; Art. 35: La Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni; Art. 41: Liniziativa economica privata libera. Non pu svolgersi in contrasto con lutilit sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libert, alla dignit umana.

Le Basi Legislative della Sicurezza


CODICE CIVILE Art. 2050: Chiunque cagiona danni ad altri nello svolgimento di una attivit pericolosa, per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati, tenuto al risarcimento se non prova di aver adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno; Art. 2087: Limprenditore tenuto ad adottare nellesercizio dellimpresa le misure che secondo la particolarit del lavoro, lesperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare lintegrit fisica e la personalit morale dei prestatori di lavoro;

Le Basi Legislative della Sicurezza


CODICE PENALE Art. 437: Chiunque omette di collocare impianti, apparecchi o segnali destinati a prevenire disastri o infortuni sul lavoro,ovvero li rimuove o danneggia, punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni; se dal fatto deriva un disastro o un infortunio, la pena della reclusione da tre a dieci anni; Art. 451: Chiunque, per colpa, omette di collocare, ovvero rimuovere o rende inservibili apparecchi o altri mezzi destinati alla estinzione di un incendio o al salvataggio o al soccorso contro disastri o infortuni sul lavoro, punito con la reclusione

Le Basi Legislative della Sicurezza


GLI IMPIANTI ELETTRICI SONO INOLTRE OGGETTO DI: Legislazione Specifica in materia i cui riferimenti principali sono dati da: Legge 186/68 - Legge 46/90 (solo art. 14 - Verifiche) D.M. n 37/2008 Legislazione riguardante norme generali e particolari di prevenzione degli infortuni e di igiene del lavoro, i cui riferimenti principali sono: DPR 547/55 DPR 164/56 DPR 321/56 DPR 303/56 DPR 320/56 DLgs 81/2008 Legislazione in materia di Prevenzione Incendi attraverso Circolari del Ministero dellInterno

Le Basi Legislative della Sicurezza

I componenti limpianto elettrico, ovvero il materiale elettrico, soggetto a legislazione specifica di emanazione Comunitaria (recepimento di Direttive della Comunit Europea) rappresentata principalmente da:

Legge 791/77 integrata da D Lgs 626/96 (Direttiva Bassa Tensione, Marcatura CE)

Le Basi Legislative della Sicurezza


LEGGE n186/68: Sicurezza Settore Elettrico DISPOSIZIONI CONCERNENTI LA PRODUZIONE DI MATERIALI, APPARECCHIATURE, MACCHINARI, INSTALLAZIONI E IMPIANTI ELETTRICI ED ELETTRONICI Il testo costituito da due soli articoli che sanciscono: Art. 1: Tutti i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere realizzati a regola darte; Art. 2: I materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici secondo le norme del CEI si considerano costruiti a regola darte;

Le Basi Legislative della Sicurezza


D.M. n 37/2008 Si applica agli impianti elettrici negli edifici ad uso civile e negli immobili adibiti ad attivit produttive, al commercio, al terziario e ad altri usi.

Il D.M. n 37/08 fissa gli obblighi di sicurezza per la realizzazione degli impianti tra cui gli impianti elettrici.

Le Basi Legislative della Sicurezza


D.M. n 37/2008 Tra gli obblighi principali si possono indicare: OBBLIGO PER IL COMMITTENTE affidamento dei lavori di realizzazione esclusivamente ad imprese abilitate. Per le IMPRESE NON INSTALLATRICI, in presenza di uffici tecnici interni, possono essere previste linstallazione, la trasformazione, l'ampliamento e la manutenzione dei soli impianti relativi alle proprie strutture interne, nei limiti della tipologia di lavori per i quali il responsabile possiede i requisiti.

Le Basi Legislative della Sicurezza


D.M. n 37/2008 OBBLIGO PER LIMPRESA INSTALLATRICE avere un responsabile che possieda tutti i requisiti tecnico professionali fissati; realizzare limpianto a regola darte; rilasciare la dichiarazione di conformit dellimpianto alla regola darte. OBBLIGO DELLA PROGETTAZIONE Il progetto per l'installazione, la trasformazione e lampliamento e' redatto da un professionista iscritto agli albi professionali secondo le specifiche competenze tecniche richieste.

Le Basi Legislative della Sicurezza


DIAGRAMMA DI FLUSSO PER LOBBLIGO DELLA PROGETTAZIONE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI IN IMMOBILI ADIBITI AD ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIALI DEL TERZIARIO ED ALTRI USI

Le Basi Legislative della Sicurezza


Novit introdotte dal D.M. n 37/2008 Definizione e classificazione degli impianti di applicazione del Decreto; Definizione di Potenza impegnata e Uffici Tecnici Interni; Competenze per le imprese non installatrici; Requisiti tecnico professionali; Abolizione del concetto di Sicurezza Equivalente.

Marcatura CE
La Legge 791/77 Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunit Europee (73/23/CEE) relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere utilizzato entro taluni limiti di tensione. E integrata dal D. Lgs 626/96 Attuazione della direttiva 93/68/CEE in materia di marcatura CE del materiale elettrico destinato ad essere utilizzato in taluni limiti di tensione. Si applica: al materiale elettrico destinato ad essere utilizzato ad una tensione nominale compresa tra 50 e 1000 V in corrente alternata e tra 75 e 1500 V in corrente continua.

Marcatura CE
Stabilisce che: -il materiale elettrico soggetto al campo di applicazione pu essere posto in commercio solo se costruito a regola darte in materia di sicurezza; .-i principi generali in materia di sicurezza che tale materiale deve soddisfare; -il materiale elettrico deve essere munito della marcatura CE che ne attesta la conformit alle disposizioni di Legge (la responsabilit di tale attestazione del costruttore).

Gli Enti Normativi Nazionali


Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI) : unassociazione che ha lo scopo di stabilire i requisiti che devono avere i materiali, le macchine, le apparecchiature e gli impianti elettrici perch essi rispondano alle regole della buona elettrotecnica, e i criteri coi quali detti requisiti devono essere controllati. SOCI CNR: Centro Nazionale delle Ricerche AEI: Associazione Elettrotecnica ed Elettronica Italiana ENEL: Ente Nazionale per LEnergia Elettrica ANIE: Associazione Nazionale Industrie Elettrotecniche ed Elettroniche

Normativa Tecnica
Le Norme CEI Le Norme CEI sono norme ma non sono norme di legge Le Norme CEI sono riconosciute regola darte nel settore elettrico dalla Legge 186/68 Pertanto seguire le Norme CEI condizione sufficiente ma non necessaria per costruire un apparecchio o realizzare un impianto a regola darte (obbligo legislativo)

Normativa Tecnica
Le Norme CEI riguardano sia gli impianti che i singoli componenti. Le principali Norme CEI utilizzabili come riferimento nella realizzazione degli impianti elettrici sono: -Norma CEI 11-.. (Impianti elettrici ad alta tensione e di distribuzione pubblica -Norma CEI 31.. (Materiali antideflagranti) -Norma CEI 64-.. (Impianti elettrici utilizzatori di bassa tensione)

Gli Enti Normativi Internazionali


Al fine di rendere uniforme, per quanto possibile, le regole in materia di sicurezza elettrica tra i paesi industrializzati, sono sorti alcuni organismi normativi internazionali: IEC: Intenational Electrotechnical Commission (raccoglie tutti i paesi industrializzati del mondo) CEEel: International Commission on Rule for the Approval of Electrical Equipment. Esso agisce in sede Europea e tratta solo lunificazione delle prove di laboratorio ed il loro riconoscimento reciproco tra i vari paesi.

Gli Enti Normativi Europei


Un altro importante organismo normatore per il settore elettrico, di cui il CEI membro, il Comit Europen de Normalisation Electrotecnique CENE-LEC. Esso ha il compito di preparare normative riguardanti il settore elettrotecnico che facilitino e rendano possibile lo scambio di mezzi e servizi nell'ambito dell'Unione Europea. Il CENELEC prepara documenti di armonizzazione, a cui le norme nazionali devono adeguarsi, oppure direttamente norme europee, che devono essere (tradotte e) adottate a livello nazionale.

Classificazione delle Norme


Le norme italiane sono contrassegnate dalla sigla CEI e sono classificate con un codice a due campi: -il primo indica il Comitato Tecnico responsabile della norma; - il secondo un numero progressivo, con eventuali sottocampi (indicanti parte, variante, ecc.). Le norme CENELEC sono contrassegnate dalla sigla EN e sono numerate a partire da 50000. Le norme europee tratte da norme della IEC sono indicate aggiungendo 60000 al numero della norma IEC.

Classificazione delle Norme

Cos, ad esempio, la norma CEI 33-8, emessa dal CT 33 del CEI e riguardante condensatori per il rifasamento in impianti a tensione nominale fino a 1000 V, anche indicata come norma CEI EN 60931-1. Ci significa che essa la traduzione in italiano della norma europea EN 60931-1, che a sua volta tratta dalla norma IEC 931-1.

Conformit alle Norme

La conformit alle norme assume aspetti diversi, secondo che si tratti dei singoli componenti dellimpianto e degli utilizzatori (materiale elettrico), o dellintero impianto.

Conformit alle Norme del Materiale Elettrico


Esistono due segni grafici, corrispondenti a due diversi accertamenti della conformit del prodotto alle norme CEI: -il contrassegno CEI -il marchio IMQ

Conformit alle Norme del Materiale Elettrico


Contrassegno CEI
Viene applicato dal costruttore ai prodotti che, secondo il suo parere, corrispondono alle norme CEI. Si tratta, quindi, di una autocertificazione di rispondenza alle norme, che ricade sotto la completa responsabilit del costruttore. Per esporre il contrassegno CEI occorre seguire una certa procedura amministrativa, e il CEI si riserva, in teoria, la facolt di effettuare in qualsiasi momento la verifica della rispondenza alle norme del prodotto

Conformit alle Norme del Materiale Elettrico


Marchio IMQ
Su alcuni prodotti di grande serie, destinati soprattutto ad uso domestico o similare, il costruttore pu chiedere la concessione duso del marchio IMQ (Istituto Italiano del Marchio di Qualit).

Conformit alle Norme del Materiale Elettrico


Marchio IMQ
Il marchio di qualit viene concesso, e mantenuto, se sono soddisfatte le seguenti condizioni: A) APPROVAZIONE DEL COSTRUTTORE: le strutture produttive ed il controllo del costruttore, che richiede la concessione del marchio di qualit, sono atte a garantire la qualit del prodotto; B) APPROVAZIONE DEL PROTOTIPO: il prototipo supera le prove di tipo previste nelle norme CEI corrispondenti;

Conformit alle Norme del Materiale Elettrico


Marchio IMQ
C) CONTROLLO DELLA PRODUZIONE: la produzione corrisponde al prototipo (controlli di qualit effettuati in fabbrica e su campioni prelevati dal mercato) Il MARCHIO fornisce quindi maggiori garanzie allutente che non il contrassegno CEI. Non a caso il primo previsto per materiale elettrico a bassa tensione destinato al pubblico profano di elettricit, mentre il secondo si applica a grosse apparecchiature e macchine elettriche ad uso industriale

La Direttiva Comunitaria per il Materiale Elettrico a Bassa Tensione


Direttiva Comunitaria 73/23/CEE Recepita con la Legge 791/77 (Riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al materiale elettrico destinato ad essere adoperato entro taluni limiti di tensione) Si applica al materiale elettrico a tensione compresa tra 50 V e 1000V in c.a. e tra 75 V e 1500 V in c.c. con alcune eccezioni.

La Direttiva Comunitaria per il Materiale Elettrico a Bassa Tensione

In base allart. 2 un prodotto elettrico pu essere posto in commercio e pu liberamente circolare in Italia, solo se risponde ai principi generali di sicurezza elencati nellallegato della Legge (Condizione necessaria e sufficiente)

La Direttiva Comunitaria per il Materiale Elettrico a Bassa Tensione


PRINCIPI: REQUISITI GENERALI1 1)Le caratteristiche essenziali del materiale elettrico devono essere elencate; 2)Il marchio di fabbrica o del commerciante sono apposti sul materiale elettrico o sullimballaggio; 3)Il materiale elettrico e le sue parti costitutive sono costruiti in modo da poter essere collegati in maniera sicura ed adeguata;

La Direttiva Comunitaria per il Materiale Elettrico a Bassa Tensione


REQUISITI GENERALI 4) Il materiale elettrico progettato e fabbricato in modo da assicurare la protezione dai pericoli citati in seguito, sempre che esso sia adoperato in conformit della sua destinazione e osservando le norme di manutenzione.

La Direttiva Comunitaria per il Materiale Elettrico a Bassa Tensione


PROTEZIONE DAI PERICOLI CHE POSSONO DERIVARE DAL MATERIALE ELETTRICO Sono previste misure di carattere tecnico affinch: 1) le persone e gli animali domestici siano adeguatamente protetti dal pericolo di ferite o altri danni che possano derivare da contatti diretti o indiretti; 2) non possono prodursi sovratemperature, archi elettrici o radiazioni che possono causare un pericolo;

La Direttiva Comunitaria per il Materiale Elettrico a Bassa Tensione


PROTEZIONE DAI PERICOLI CHE POSSONO DERIVARE DAL MATERIALE ELETTRICO 3) le persone e gli animali domestici siano protetti da pericoli di natura non elettrica che possono derivare da materiale elettrico; 4) lisolamento sia proporzionato alle sollecitazioni previste.

La Direttiva Comunitaria per il Materiale Elettrico a Bassa Tensione


PROTEZIONE DAI PERICOLI DOVUTI ALLINFLUNZA DI FATTORI ESTERNI SUL MATRIALE ELETTRICO Sono previste misure di carattere tecnico affinch il materiale elettrico: 1) Presenti le caratteristiche meccaniche richieste in modo da non causare pericolo alle persone, agli animali domestici e agli oggetti; 2) Sia resistente a fenomeni di natura non meccanica nelle condizioni ambientali previste;

La Direttiva Comunitaria per il Materiale Elettrico a Bassa Tensione


PROTEZIONE DAI PERICOLI DOVUTI ALLINFLUNZA DI FATTORI ESTERNI SUL MATRIALE ELETTRICO

3) Nelle condizioni di sovraccarico previste, non causi pericolo.