Sei sulla pagina 1di 4

la Repubblica la Repubblica

MERCOLED 26 SETTEMBRE 2012

CRONACA

NAPOLI

PER SAPERNE DI PI www.comune.napoli.it www.regione.campania.it

Assedio ai Palazzi, la citt va in tilt


Napoli Sociale, Astir, Caan e Bros: proteste ad alta tensione
TIZIANA COZZI
ASSEDIO ai Palazzi della politica. Comune e Regione sono nel mirino dei lavoratori delle societ partecipate, ex bacini ora in piena crisi. cos che il centro della citt si trasforma nel teatro di una protesta ad alta tensione, concentrata in blitz contemporanei al Centro direzionale e a via Verdi, sedi dei consigli regionale e comunale. Le strade del centro vanno in tilt, auto e bus restano incolonnati nel traffico bloccato, le forze dellordine presidiano gli edifici, c qualche momento di tensione. Quattro gruppi tra precari Bros, lavoratori di Napoli Sociale, una ditta di pulizie del Caan, il mercato agroalimentare di Volla e un comitato civico che chiede la spiaggia di Bagnoli aperta a tutti (la delibera stata approvata), si radunano davanti alla sede del consiglio comunale. Fuori alledificio, la folla di lavoratori esasperati. Dentro, riunito il consiglio comunale. Nella ressa, accade che un consigliere Pdl Stanislao Lanzotti, venga assalito dalle proteste dei manifestanti e nel rispondere, provochi le reazioni e si sfiori la rissa. Tanto che un vigile urbano lo spintona dentro il palazzo per metterlo al sicuro. Alla stessa ora, un gruppo di lavoratori Astir, piomba allisola F13 del Centro direzionale. La protesta, cominciata ieri con un blocco stradale organizzato dai re Sergio DAngelo diventa un aspetto non pi trascurabile. Dubbi sui quali provvede a gettare acqua sul fuoco proprio lassessore DAngelo: Pagheremo gli stipendi non appena arriveranno le risposte positive dalle banche. E, sulla privatizzazione: Smentisco categoricamente le voci insistenti di una possibile privatizzazione. La spending review obbliga gli enti locali a collocare sul mercato entro il 2013 le societ in house, o a scioglierle entro lo stesso anno. Ma non lo faremo e conserveremo il 100 per cento della propriet. Entro fine anno la societ sar ristrutturata completamente - rassicura il sindaco Luigi de Magistris - il nostro obiettivo non chiuderla e non far perdere nemmeno un posto di lavoro. I lavoratori per, devono avere lintelligenza di stare lontano dalle strumentalizzazioni. E sul Caan: Va ripulito dalla criminalit ma per il resto una grande risorsa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il retroscena

Laula di via Verdi non piace al sindaco


IO sono assolutamente favorevole al Consiglio aperto, incontro tutti, tutti i giorni. Ma mi interrogo anche su chi a suo tempo ha deciso luso di questa sede per le sedute del Consiglio. Pressato come gli altri dalle urla dei manifestanti che salgono da via Verdi, e stuzzicato da consiglieri come Sandro Fucito (Fds), Pietro Rinaldi (Napoli tua), Aniello Esposito (Pd) che vogliono far entrare delle delegazioni, il sindaco Luigi de Magistris ha dato ieri lennesima stoccata al suo predecessore, Rosa Russo Iervolino, criticando il trasferimento da lei deciso del Consiglio nella angusta saletta rossa del nuovo palazzo di via Verdi. Sede nella quale non ci sono condizioni di sicurezza, ammette de Magistris, mentre altri consiglieri ricordano che la capienza di appena 100 persone. Un colpo duro a unaula mai amata da nessuno. Con tanto di opzioni di abbandono della stessa. Apriamo una riflessione in Consiglio - aggiunge il sindaco - In alcune occasioni pu essere opportuno tenere sedute in ambienti migliori. Da qui lannuncio. Si sta gi lavorando a una seduta su crisi e lavoro, probabilmente il 20 ottobre, da tenere in una fabbrica cittadina. Unaltra seduta invece si vorrebbe portarla a Scampia. (r.f.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le vertenze
NAPOLI SOCIALE
I 427 dipendenti non prendono lo stipendio da due mesi. Ma non la lasceremo in mano ai privati dice DAngelo

I PRECARI BROS
I precari Bros protestano contro un bando per 50 guardie ambientali al quale non hanno avuto accesso

IL CAAN
In bilico anche i lavoratori di una ditta di pulizie del mercato agroalimentare di Volla: 143 i licenziamenti

LASTIR
I lavoratori della partecipata ella Regione non prendono lo stipendio da 6 mesi. Protestano ad oltranza

Si sfiora la rissa tra un consigliere comunale del Pdl e alcuni manifestanti


lavoratori nella stessa zona, va avanti per tutta la mattinata. La storia un po la stessa per tutti. Si reclamano stipendi non pagati e lavoro non assicurato. Alcuni come i disoccupati storici (precari Bros) protestano per il primo bando aperto alle figure di guardie ambientali e scendono in piazza per 50 posti, dalla cui selezione, raccontano, sono stati esclusi. Siamo noi i pi qualificati dice Salvatore invece il Comune non ci ha dato la possibilit di partecipare al bando che si chiuso oggi (ieri, ndr). Chiediamo la riapertura dei termini e di rientrare nel bando, destinato soltanto ai volontari delle associazioni. Si parla di compensi arretrati (6 mesi) anche per i lavoratori dellAstir, societ partecipata della Regione. Chiedono 3 mesi di paga anche i dipendenti di Napoli Sociale che a piazza Municipio sono arrivati a protestare contro la paventata privatizzazione della societ partecipata del Comune. Ci occupiamo di assistenza ai disabili nelle scuole spiega uno dei 427 operatori, Guglielmo Limatola. Indignati i genitori dei bambini che del servizio usufruiscono: Perch gli operatori protestano sempre a inizio anno scolastico invece che in estate? si chiede Giancarlo Marzano. Quello che pi temono i lavoratori la trasformazione della societ in fondazione, aperta alla partecipazione privata, unoperazione troppo rischiosa si lamenta Grazia e poi potrebbero nascere conflitti di interesse se concorressero societ del gruppo Gesco. Si sta preparando il rientro delle cooperative sociali in sostituzione della Napoli Sociale spiega Antonio Sollo, marito di una lavoratrice - in questo caso il conflitto di interessi dellassesso-

Circumvesuviana

Lintervista

Il capo dellopposizione in consiglio comunale, Gianni Lettieri: Nonostante lultimatum dei revisori consuntivo ancora da approvare

Ritardi e gestione allegra delle spese la finanza del Comune al collasso


Gennaro Carbone

Non ci sono gli stipendi treni a rilento


STIPENDI in ritardo e stato di agitazione per il personale della Circumvesuviana. Il sindacato Orsa, dopo la comunicazione dello slittamento del pagamento delle spettanze da parte dellamministratore Gennaro Carbone, annuncia ritardi di 10 minuti per i treni, rispetto allorario di partenza. Saranno prese in considerazioni altre forme di protesta anche pi gravi a tutela del diritto dei lavoratori alla corresponsione dello stipendio, spiegano i sindacalisti in una nota. Il pagamento delle spettanze potrebbe avere solo qualche giorno di ritardo ma il provvedimento stato preso dai sindacati anche alla luce delle difficolt dei mesi precedenti. Potrebbe essere linizio di un autunno molto caldo per il trasporto pubblico locale - conclude la nota - con i lavoratori gi provati dai tagli e dalle precarie condizioni di sicurezza.

LA situazione finanziaria del Comune di Napoli un disastro. Se un imprenditore avesse i numeri dellamministrazione e delle sue societ partecipate non avrebbe alternative, dovrebbe portare i libri in tribunale e dichiarare fallimento. La cosa pi tragica che non c la percezione della reale condizione dellamministrazione comunale. Gianni Lettieri, capo dellopposizione in Consiglio comunale, entra a gamba tesa sui problemi finanziari di Palazzo San Giacomo. Si riferisce al bilancio consuntivo 2011 non ancora approvato anche dopo lavviso dei revisori? S. De Magistris paladino della legalit non ha ancora redatto il primo bilancio consuntivo al 31 dicembre 2011, nonostante lultimatum dei revisori dei conti. Su quali basi ha approvato il preventivo 2012? De Magistris magistrato lo avrebbe tollerato? E allora perch tiene alloscuro Consiglio e cittadini? C ancora una settimana di tempo per lapprovazione. Cosa chiedete? Come opposizione pretenderemo che si faccia luce sui numeri. La gestione corrente addirittura peggiorata rispetto alle precedenti. La spesa delle partecipate, rispetto al 2010, aumentata di 15 milioni. La spesa complessiva di assistenti e staffisti passata da 2 milioni e 400 a 2 milioni ma gli assessori sono diminuiti da 16 a 12, quindi la spesa per ogni singolo assessorato aumentata. Lo staff del sindaco conta lo stesso numero dello staff di Obama: 18

Gli sprechi

Le partecipate costano 15 milioni in pi rispetto al 2010. Lo staff del sindaco:18 persone per 600 mila euro annui
EX PRESIDENTE
Gianni Lettieri, capo dellopposizione in consiglio comunale persone che costano 600 mila euro allanno. Infine, lo spreco della rassegna Cinema a sdraio, abbiamo speso 38 mila e 500 euro per laffitto delle sdraio ma nessuno ha visto gli spettatori. Accusa lamministrazione di non trasparenza? S. Se cos non fosse, perch si continuerebbe ad assegnare appalti diretti sotto i 40 mila euro senza fare gare pubbliche? Perch volevano presentare in Consiglio il cambiamento dello statuto di Bagnolifutura? Invece di mettere capitali freschi in una societ prossima al fallimento, si vuol ricapitalizzarla cedendo patrimoni del Comune che invece non pu cederli. Una follia. Vorrei segnalare anche quanto sia diventato pericoloso il centro storico, abbandonato a se stesso. E quanto la citt sia sempre meno sicura. Insomma, tutte le promesse fatte dal sindaco in campagna elettorale sono state disattese. Lettieri, in tempi di crisi economica, i partiti sperperano le risorse. Come arginare queste abitudini? Dobbiamo cominciare un percorso di trasparenza e una condotta low profile. necessaria una corretta gestione della spesa. Affidiamo i soldi pubblici ad unautorit esterna che li deposita su un conto vincolato e trasferisce i soldi sui conti correnti dei partiti soltanto a consuntivo, dopo la presentazione delle fatture. Praticamente necessario commissariare i partiti. Non sono in grado di gestirsi da soli finanziariamente? Purtroppo la storia di questi giorni dimostra di no. Non pi tempo di autonomia finanziaria per i partiti. Quindi applicherebbe la sua ricetta al Pdl? Il problema non riguarda soltanto la destra e quindi il Pdl. Negli sprechi sono invischiati tutti. Conosciamo tutti lo scandalo della Margherita, Idv si fatta la sua organizzazione per gestire i fondi della campagna elettorale, lo stesso ha fatto il Pd. una cosa non pi tollerabile. C il caso Lazio ma abbiamo assistito anche allo scandalo del comune di Parma. (tiz. co.)
RIPRODUZIONE RISERVATA