Sei sulla pagina 1di 9

Per una societ meritocratica.

Si dovrebbe effettuare al pi presto una seria revisione conti/ debiti e prestiti statali e accertarsi del controllo effettivamente esistente ed eseguito sulla riscossione delle imposte pagate dalle imprese, attivit ed esercizi pubblici e privati. Si dovrebbero inserire controlli a tappeto su registri dei conti e fiscalit anche oltre gli orari di chiusura. Ogni titolare/responsabile di un qualsiasi esercizio, di un' attivit o impresa (pubblica o privata che sia) dovrebbe essere obbligato per legge ad essere sempre rintracciabile, ad esporre fuori dall'esercizio e su portale del sito web il nr. di cellulare e l'indirizzo di domicilio per sottoporsi ad un eventuale controllo. Dovrebbe essere applicato un rigido controllo fiscale in merito ai contributi, alle imposte versate su beni mobili e immobili dai cittadini, anche residenti allestero. Dovrebbero essere create una o pi assicurazioni statali o statalizzare le assicurazioni private italiane per permettere allo Stato un maggiore gettito fiscale complessivo. Dovrebbe essere applicata una tassa patrimoniale proporzionata in base al reddito ed al capitale accumulato (in Italia ed allestero) applicando criteri rigidi sulla contingenza patrimoniale anche quando essa sia depositata presso un istituto bancario o un fondo patrimoniale estero. Dovrebbe essere obbligatoria la raccolta differenziata in ogni comune d'Italia e lo smistamento presso i cassonetti principali dovrebbe essere effettuato giornalmente ovunque. Si dovrebbe coordinare meglio l'economia del Paese, partendo dal basso e agendo sulle risorse (antropomorfiche e non) del territorio su cui si vive per evitare o almeno diminuire gli sprechi, prima di tutto alimentari. Mettere in comunicazione tra loro i diversi rami e settori dell'industria su base territoriale per promuovere un paese federalista e valorizzare il proprio territorio in base alle risorse disponibili materiali energetiche e culturali. Per questo, essendo il paese sull'orlo di una crisi economica che ha come centro e sfogo principale il ristagno e la paralisi dei settori produttivi dell'economia si dovrebbero effettuare le assunzioni di qualunque tipo in ogni ambito lavorativo in base ai titoli e ai curricula informativi specifici che comprovino teoricamente le capacit delle singole persone, dopo un'attenta valutazione faccia a faccia ed una prova almeno settimanale retribuita a prescindere dal tipo di impiego e dalla paga stabilita. Si devono sempre e comunque lasciare/mantenere preservare e garantire le agevolazioni garantite in ogni campo ai soggetti diversamente abili o portatori di qualsivoglia handicap psicofisico o diversit. Si dovrebbero coordinare in maniera pi proficua i diversi settori dell'industria per cercare di evitare il deperimento dei generi freschi, moderando il ricarico nei supermercati per evitare di dovere smaltire e sprecare del prodotto scaduto, oltre che ad incentivare la circolazione di mezzi inquinanti. Il riciclo si dimostra un'importante risorsa anche per evitare di perdere comunque un prodotto qualsiasi. Dietro ogni supermercato dovrebbero essere inseriti appositi cassoni per la raccolta del cibo scaduto, scatolame e generi non deperibili da una parte e generi deperibili e di prima necessit, per favorirne lo smaltimento e il riutilizzo (se possibile) e comunque non lo spreco.

Si dovrebbero installare impianti fotovoltaici, eolici o idroelettrici presso le sedi di ogni Comune e nei centri storici, privilegiandoli anche per l'allestimento e il funzionamento di capannoni industriali ed impianti del settore secondario e terziario in genere. Si dovrebbe promuovere inoltre per legge l' acquisizione progressiva del fotovoltaico nelle abitazioni private specie quelle di nuova costruzione o recente risistemazione o adattamento. Si dovrebbero introdurre o aumentare gli incentivi statali sull'acquisto di mezzi gas e/o elettrici di produzione made in Italy. Si dovrebbero abbassare delle soglie dei prezzi tra minimi e massimi stabiliti, prima di potere effettuare riforme concrete sugli stipendi, le paghe in genere dei lavoratori, sulle pensioni ed i sussidi in genere sovvenzionati. Si dovrebbero ribilanciare al pi presto i criteri di paga e degli stipendi di ogni ordine in base al tipo di servizio offerto e qualit del lavoro svolto sulla base di nuovi criteri da concordare. Si dovrebbero ridurre a prezzi standard di generi di prima necessit, acqua, pane latte zucchero sale olio o lardo farina uova verdure/frutti di stagione limoni in ogni esercizio pubblico e privato di ogni comune del Paese secondo criteri fissi da stabilire in base al principio per il quale non ci si discosti di oltre il 15% rispetto al prezzi base di produzione dei medesimi. Per migliorare le entrate dello Stato oltre che esercitare un costante controllo sugli ingressi fiscali si dovrebbero inserire nuovi generi di lusso e tassarli in modo adeguato. Lo Stato non consiglia alla gente di fumare meno, ma ci lucra. Il tabacco nuoce alla salute ma in quasi tutti gli Stati esso monopolio dello stesso. Se lo Stato intende continuare ad agire cos necessario che il fumo divenga un vero e proprio bene di lusso e costoso e che venga promossa prima possibile la ricerca sul tabacco e sulle sigarette per cercare di rendere questa azione meno nociva per l'uomo e l'ambiente . Si dovrebbero inserire nuovi generi di lusso, imporre con giudizio e sulla base di trattative comuni dazi o ricarichi sull'importazione dei generi non autoctoni a meno che non si tratti per qualsivoglia motivo di importare o esportare prodotti o risorse necessarie o indispensabili alla salute pubblica. Si dovrebbe di norma vigilare meglio ed effettuare maggiori controlli sull'import export per garantire in primo luogo il mantenimento di uno standard qualitativo su merci certificate perch selezionate ed approvate grazie a qtest (test qualitativi equipollenti a dop) approvati che certifichino artigianato manufatti prodotti agricoli industriali e artistici ludici ecc... (mobili, vestiario, vasellame, giocattoli, libri, automezzi autoveicoli... ...). Si dovrebbero tassare certi generi alimentari considerati a rischio per la salute come i prodotti dolciari e le caramelle in genere ottenuti avvalendosi di conservanti chimici e coloranti non naturali e dannosi per la salute, alcune merendine confezionate, i salumi e gli insaccati , la maionese e tutti i grassi troppo saturi o insaturi / idrogenati come il burro la panna spray e il mascarpone, le patatine fritte confezionate e alcuni cibi precotti o congelati assemblati attraverso preparazioni che alterano fortemente la natura degli alimenti che li compongono. Si dovrebbero tassare e considerare genere di lusso anche le proteine nobili derivate dalla frutta secca (tranne quelle provenienti da semi non importati e autoctoni), non per un danno che recano alla salute, ma per comprenderne l'importanza cos da permettere allo Stato e ai privati di potersi avvalere ai fini del commercio di tali risorse in modo pi equo e solidale anche se importate ad un prezzo pi alto.

Riguardo l'utilizzo di alcolici si dovrebbe instaurare un massimo stabilito per legge uguale per tutti oltre il quale non pi consentito assumerne, per tutti, guidatori e non. Non solo per il rischio sulla salute, ma perch da ubriachi pi facile perdere il controllo e diventare violenti o aggressivi. Intensificare il controllo nei locali e nei luoghi in cui ne consentito il consumo e la vendita importante per accertare attraverso controlli a campione se si oltrepassato il limite stabilito dalla legge e per imporre multe ai trasgressori (la multa sul trasgressore comprende anche una contravvenzione al proprietario del locale o attivit proporzionale al tasso alcolico del trasgressore). Per quanto riguarda le bevande di importazione bisognerebbe fossero inserite tra i beni di lusso e vendute ad un prezzo pi alto per incentivare il consumo di alcolici nazionali. Il tasso attuale prevede per i guidatori tot., per coloro che non guidano non ancora stato stabilito per legge ma ci si pu informare chiedendo consiglio al proprio medico di base. Al fine di permettere un'integrazione ed una convivenza armonica tra le diverse etnie presenti sul territorio in ogni Comune e far sentire a proprio agio in ogni senso chiunque si trovi per ragioni di lavoro o di soggiorno in visita nel nostro paese si dovrebbero creare sportelli in apposite strutture pubbliche (tutte coperte attraverso reti internet funzionanti ad orari di apertura rigidamente stabiliti e comprendenti anche i giorni festivi) che consentano di accogliere ed interagire con gli interlocutori al fine di supportarli ascoltandoli ed indirizzandoli nella conoscenza del territorio e delle risorse disponibili su di esso (dai monumenti paesaggistici e non, luoghi di culto, servizi culturali, di svago e ricreativi, ospedali, scuole, comandi di polizia, pubblici esercizi e stradari). Essendo divenuta l'Italia multietnica e multiculturale sarebbe, a mio parere, giunta l'ora di togliere i crocifissi dalle aule di ogni ordine tranne dalle scuole cristiane . Per reincentivare il turismo verso il nostro paese necessario offrire citt, spazi, ambienti e strutture confortevoli oltre all'arte ed alle opere artistiche di cui disponiamo. Conservare al meglio il nostro patrimonio faunistico, le spiagge, i mari i laghi e i fiumi, l'habitat in cui viviamo e il patrimonio culturale sono le migliori armi di cui disponiamo e con le quali possiamo combattere per risollevare noi stessi, il Paese e nello stesso tempo aiutare il nostro prossimo. Si dovrebbe provvedere ad effettuare controlli a tappeto sul territorio ( parchi, laghi fiumi, spiagge, aree verdi e con animali, private e pubbliche) per vigilare sull'ecosistema, sulle condizioni della flora e della fauna, e per mantenere il pi possibile l'ambiente e la natura che ci circonda. Si dovrebbe vigilare maggiormente sugli impianti di scarico e sulla reta fognaria in ogni comune al fine di migliorarli e riqualificarne (se necessario) l'intero apparato in relazione alle esigenze territoriali e strutturali delle comunit e nel rispetto e per la tutela dell'ambiente in cui viviamo. Si dovrebbero chiudere i centri storici delle citt (con nr. di abitanti uguale o superiore ai 50.000) al traffico di veicoli inquinanti salvo eccezioni. In ogni grande centro (superiore ai 200mila abitanti) dovrebbe essere prevista l'introduzione o la garanzia a preservare (tendendo a ridurle) le aree di traffico consentito a pagamento per i mezzi privati e non adibiti al soccorso o al controllo e alla tutela della salute pubblica. In questo modo si valorizzebbero i servizi pubblici compresi i mezzi di soccorso , di controllo e vigilanza pubblica e privata che dovrebbero essere tutti mezzi poco o non inquinanti come i tram, che nelle grandi e medie citt dovrebbero lentamente sostituire i bus e le corriere. E' in ogni modo necessario ed auspicabile il passaggio graduale ma progressivo per tutti i mezzi pubblici di soccorso e di servizio ad una tecnologia meno inquinante per legge. Lo stesso dovrebbe essere per le cosiddette auto blu e tutti i mezzi di cui si avvalgono le

amministrazioni pubbliche dotazione, ecc... ...).

(autoveicoli aziendali, mezzi di soccorso, pattuglia e vigilanza, auto blu o in

Si dovrebbero ridurre gli orari di circolazione di tutti gli automezzi superiori a tot tonnellate . Dovrebbero essere riformate le norme di sucurezza edilizia e di sicurezza sul lavoro. Dovrebbe essere monitorato, tenuto sotto controllo e contenuto il tasso di inquinamento sulle principali arterie stradali cittadine e su tutte le autostrade per cercare di tenere monitorato e calcolare in coefficente o grediente di inquinamento proporzionato rispetto all'ecosistema. I dati che si manifestano a rischio, di poco sotto la soglia di sicurezza comune, andrebbero comunicati al telegionarnale e attraverso radio, giornali e tv. La ricerca in questo campo pu e deve ancora fare molto. A tutti i mezzi inquinanti (esclusi quelli a gas ed elettrici) dovrebbe essere imposta tassativamente e senza eccezioni una contravvenzione se vengono lasciati fermi sul posto col motore acceso, anche se questi si trovassero sull'autostrada in attesa di smaltire una lunga coda di traffico. La crescita edilizia di utilizzo pubblico e privato a meno che non per scopi puramente artistici nelle periferie delle citt dovrebbe essere disincentivata e limitata il pi possibile per preservare il territorio e l'ecosistema il pi possibile nonostante la nostra presenza e lo svolgimento delle nostre quotidiane attivit . Per puntare sulla ristrutturazione ed il riutilizzo del patrimonio esistente e delle aree gi antroporfizzate prima di usufruire di quelle territoriali scarsamente contaminate dall'azione umana dovrebbe essere un obbligo ontologico da rispettare, a maggior ragione nel nostro Bel Paese. Si dovrebbe a mio parere prima costruire in altezza sullo spazio gi in parte edificato o comunque cercare di limitare al massimo in questo Paese la contaminazione del territorio a strutture strettamente indispensabili o urgenti a causa di disastri naturali o in seguito a impatti ambientali tali da modificare l'assetto biologico strutturale dell'habitat in questione. Si dovrebbe rendere obbligatoria, all'orario di ingresso e uscita dalle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado, presso i principali luoghi di studio e di interesse culturale, la presenza dei vigili presso ogni passaggio pedonale circostante all'area di riferimento. All'ingresso e all'uscita di ogni comune dovrebbero essere presenti cartine illustrate con la configurazione della struttura della comunit ed i luoghi principali suddetti evidenziati visivamente in qualche modo con i rispettivi numero di telefono e l' indirizzo. Si dovrebbero ridimensionare i turni aziendali notturni e festivi per permettere alle persone di conservare e mantenere il pi possibile i propri ritmi psicofisici, per stare al meglio nella societ e riuscire a vivere vivere in modo pi disteso e armonico. Gli uffici pubblici di ospedali, scuole, i servizi, le banche le assicurazioni gli studi notarili, medici e specialistici dovrebbero adeguare i propri orari in fascie costanti e pi elastiche per garantire un migliore servizio al pubblico. Multe dovrebbero essere applicate dai capoturni, capireparto o responsabili di settore in genere anche a tutti quei cittadini (lavoratori, studenti o altro) che si comportano in modo pericoloso verso se stessi o il prossimo o l'ambiente che li circonda, pubblico o privato che sia, sul luogo di lavoro e di studio, di svago ecc...

Si dovrebbe promuovere l'organizzazione di centri volti al riutilizzo, riciclo e smaltimento di materiali usati e risorse in genere. Il riciclo rappresenta uno stile di vita che consentirebbe di risparmiare, reinvestire danaro e potrebbe garantire una migliore conservazione del patrimonio di risorse particolari che questo paese possiede. Potrebbe addirittura incrementarle e permettere il passaggio graduato ad uno sfruttamento pi consapevole e proficuo delle risorse rinnovabili. Si dovrebbero tutelare maggiormente gli animali effettuando controlli a tappeto e campione sugli stessi (di qualunque razza essi siano) per verificarne le condizioni di salute e vigilare sul loro mantenimento su tutto il territorio: presso aziende agricole, allevamenti, stalle e parchi faunistici, locali pubblici che ne fanno uso o che ne consentono l'ingresso e abitazioni private. Tutti gli animali comprese le creature acquatiche sotto l'amministrazione e la tutela di un privato o del servizio pubblico (Stato, regione, provincia, capoluogo, Comune) devono essere mantenuti nelle migliori condizioni psicofisiche possibili qualunque sia lo scopo o la ragione per cui se ne dispone, e lo stesso dovrebbe avvenire per il verde pubblico e privato. Per preservare e migliorare l'habitat di ogni ordine e grado per migliorare il nostro stile di vita. Per divenire consapevoli di vivere in un paese molto migliore, perch non solo potenzialmente molto dotato sotto diversi punti di vista, ma anche in grado di potere trasporre in atto quelle energie e quelle risorse di cui dispone per natura attraverso l'opera dell'uomo che lavora e vive con scienza e coscienza. Dovrebbe essere stabilito un comitato permanente per la ricerca in ogni campo del sapere dotato di uno statuto e di regole deontologiche, morali e professionali stabilite che permetta ai diversi Paesi del mondo di rimanere in contatto permanente e costante sugli sviluppi e sull'andamento degli studi svolti al fine di promuovere la salute pubblica globale. Tale comitato dovrebbe prendersi in carico la responsabilit di portare attraverso uno o pi impianti di canalizzazione, risorse idriche potabili o depurate sufficienti a dissetare e permettere un progressivo rifiorire del suolo del continente africano. Per fare ci, lOccidente e lOriente dovrebbero collaborare per accumulare risorse monetarie, aprendo uno o pi fondi che rendano obbligatorio in modo proporzionale per ogni nucleo familiare il versamento di una quota stabilita dal comitato stesso (svincolato dal parere dei singoli Stati) a maggioranza relativa e da attuare come misura prioritaria. Questo comitato permanente si dovr anche fare carico di attuare una progressiva redistribuzione della ricchezza verso le Nazioni del mondo in difficolt, della tutela e vigilanza dellecosistema globale creando cellule di monitoraggio, prevenzione e controllo dellinnalzamento dei tassi di inquinamento e deturpamento delle zone incontaminate ed extraurbane, delle foreste, dei parchi nazionali e delle aree faunistiche o di interesse culturale e antropologico; del progressivo abbassamento dei livelli dei ghiacci, dellinnalzamento del livello dei mari e degli oceani e delle aree in fase di progressiva antropomorfizzazione (collaborando con le amministrazioni dei diversi Stati membri affinch si cerchi di arrecare meno danni possibili allambiente)e di utilizzare le risorse disponibili provocando meno danni possibili. Dovr anche vigilare su quelle aree della Terra che vengono solamente sfruttate per lestrazione di materie prime, risorse non rinnovabili altamente inquinanti e risorse rinnovabili da utilizzare con giudizio al fine di permettere, se possibile, il mantenimento dell equilibrio biofisico dellecosistema, provvedendo ad una diminuzione progressiva delluso di pesticidi e concimi chimici inquinanti. Attraverso lutilizzo di sonde, satelliti, o altri mezzi si dovr inoltre provvedere ad un monitoraggio regolare delle diverse aree della biosfera e fare il possibile per capire in quali condizioni si trovi latmosfera terrestre e lo spazio circostante, monitorando il nostro Sole che ha permesso o contribuito allo svilupparsi della vita su questo pianeta. Si dovrebbe promuovere lo sviluppo della ricerca consapevole all'interno dei laboratori, nelle universit e

presso i luoghi di studio di ogni ordine e grado. Si dovrebbe fare in modo di promuovere la ricerca per cercare di rendere le sigarette, e il tabacco in genere, meno nocivo, visto che sono un rischio per la salute, che gente fuma lo stesso e lo Stato intende continuare a lucrarci . La ricerca sul tabacco e sulla reazione che le combustioni hanno sull'aria avr un impatto positivo per il mantenimento e il miglioramento delle condizioni dell'ecosistema e di quelle di vita dell'uomo. Per ora si consiglia al fumatore di smettere, anche se non abbastanza; si dovrebbero almeno inserire in tutti i centri abitati e i parchi i posaceneri appositi dove smaltire in modo rispettoso la cicca per limitare il danno alla sola combustione, a quello personale e a quello arrecato al proprio prossimo e all'ambiente in genere. Dovrebbero essere intensificati i controlli sulle aree verdi per individuare eventuali soggetti inquinanti che dovrebbero essere tassativamente e senza eccezioni sottoposti a severe sanzioni. Si dovrebbero intensificare i controlli di qualunque genere e applicare rigidamente delle contravvenzioni su intestatari o figure responsabili di animali, verde, risorse idriche, patrimonio del paese ed esseri viventi in generale che manifestino in qualunque modo trascuratezza, incuria o disinteresse conclamato verso il soggetto/patrimonio/bene/risorsa di cui si dovrebbero occupare in modo responsabile. Tali sanzioni dovrebbero essere eguali in ogni Tutti gli zoo attualmente esistenti dovrebbero rispettare regole severe ed essere vigilati alla stregua dei parchi faunistici e nei circhi dovrebbe essere vietato l'utilizzo improprio degli animali. Si dovrebbe provvedere a illuminare le strade periferiche e non anche nei centri piu piccoli abitati. La Presidenza della rai dovrebbe essere accorpata con quella del Consiglio per promuovere una riforma del servizio pubblico radio televisivo e un miglioramento della rete informatica e dei collegamenti esistenti al fine di tenere uno sguardo pi aperto e cosciente sul mondo, per informare e farsi in qualche maniera carico di quel accade su questa Terra. Per riuscire ad conoscere un minimo quel che accade facendo in modo che le informazioni ottenute non si traducano in puro nozionismo scivolandoci addosso come gocce d'acqua quando siamo coperti da un impermeabile, ma penetrino, almeno in parte, nutrendo il nostro senso di stima o disistima, arricchendoci insomma, anche nell'animo. Contribuendo in modo costruttivo alla formazione della nostra sensibilit. Solo cos l'informazione pu contribuire ad un miglioramento delle attitudini umane. L'occidente si plasmato appoggiandosi su mezzi di comunicazione senza dotarli di uno statuto ontologico, finendo cos per servirsiquasi sempre di questi sempre in maniera strumentale ma poco coscienzoso. Oggi necessario riccorrere a svariati mezzi di comunicazione combinando le informazioni ottenute (dalla stampa alla tv o internet ), ma rimanendo tuttavia disinformati su troppe cose importanti, nel mondo e in Italia. Le notizie appaiono quasi sempre (a meno che non si tratti di reportages) frammentarie e poco esaustive, carenti di dati che potrebbero interessare materialmente o moralmente per dare rilievo al gossip e a notizie di secondo piano, riducendo a castrofi, incidenti , morti sul lavoro e poco altro le notizie valide perch moralmente utili . Ci riguarda tutti i canali di informazione . Ogni Comune, frazione di centro abitato o singolo responsabile di area territoriale di accertato interesse sociale, culturale, paesaggistico, turistico, ricreativo, lavorativo, di soggiorno o di transito intenso dovrebbe essere dotato di una fontana pubblica perennemente funzionante e di un distributore simile a quelli posti negli ospedali e in molti locali pubblici o privati destinato all'erogazione a prezzo fisso (sempre quel solito prezzo minimo oscillante stabilito sopra) dei generi di prima necessit (come latte, zucchero o miele in dosi e pane

comune) funzionante 24 ore su 24 e monitorato regolarmente rispetto ai consumi per provvedere al ricarico in modo consapevole. Si dovrebbe promuovere l'orientamento nelle scuole per scegliere l'accesso al grado successivo ed incentivare lezioni che comprendano la tutela e il miglioramento della salute psicofisica fin dall'infanzia per promuovere una crescita sana e cercare di garantire un'esistenza felice all'umanit che verr. Si dovrebbero inoltre dotare tutte le scuole pubbliche di distributori automatici erogatori (a prezzi standard e fissi da stabilire) di snack salutari come succhi di frutta e barrette di cereali dolcificate, pi altri prodotti scelti in base alla produzione territoriale e regionale, variando a seconda della disponibilit e del periodo dell'anno. Si dovrebbe rendere possibile in tutto il Paese il collegamento wifi in ogni citt con pi di 50000 abitanti. Si dovrebbe incentivare attraverso spot tv radio e stampa la ricerca per la salute e indirizzare la gente ad aprirsi verso la solidariet, visto che siamo occidentali e mediamente, nonostante la crisi e lo spread, rimaniamo benestanti e molto menefreghisti o comunque carichi di un bagaglio che ci porta restare pressoch insensibili riguardo a ci che ci accade intorno, ad ignorare la miseria e le comunit in condizioni disagiate, preferendo, almeno cos pare, continuare a lamentarci pi o meno silenziosamente o in maniera poco proficua. Oppure continuare a fare NIENTE. Almeno con qualche spot in pi ci sentiremo tutti la coscienza un p pi sporca. Un documentario sui campi di concentramento, su chi ha poco o niente stremato da una guerra o da una pestilenza, sulle condizioni di un ospedale o di una casa di riposo maltenuti, sul funzionamento degli allevamenti intensivi, su come si lavora e si viene sfruttati, su come ci si dovrebbe accontentare di poco, pu servire a molto anche se le prime volte magari uno cambia canale o spegne la tv. Si dovrebbero promuovere anche spot radio, tv e sulla rete contro gli sprechi di energie, risorse e sull'incentivo al riciclo dei beni, affinch anche la pubblicit possa divenire un servizio e un supporto per un'esistenza da vivere con scienza e coscienza . Per riuscire ad avvalerci nei modi migliori dei mezzi di comunicazione che ancora oggi costituiscono il quarto potere, il tam tam pi rapido e veloce per potersi sorreggere e districare all'interno di questa giungla che abbiamo contribuito a creare, di cui siamo stati custodi molto negligenti e di cui ora bisogna cercare di divenire amministratori responsabili. Si dovrebbero promuovere spot radio, tv e sulla rete per informare in che modi e tempi certi rifiuti come quelli per esempio della cicca della sigaretta (i medicinali, i detersivi i solventi ,le pile o altro) siano difficili da smaltire se non accuratamente separati dall'indifferenziata e promuovere inserimento di appositi bidoni per migliorare la raccolta prendendo spunto dalle aree migliori sul territorio (come l'Alto Adige). Si dovrebbe riformare la programmazione radio e tv sulle reti nazionali non a pagamento arricchendo ogni giornata con la visione di documentari, servizi informativi e reportage, corsi di meccanica, giardinaggio, lingua, musica e lezioni universitarie on line, concerti e rappresentazioni teatrali, film, cartoni animati. Si dovrebbero diminuire le interruzioni pubblicitarie per legge sulle reti pubbliche nazionali riducendole a stacchi di 10min ogni ora e selezionando il materiale pubblicitario secondo un criterio qualitativo e variando di giorno in giorno gli spot proposti. Si dovrebbe promuovere l'agricoltura e l'industria italiana attraverso la messa in onda o la trasmissione di spot tv che valorizzino e facciano conoscere i loro prodotti attraverso i diversi canali di informazione e che

garantiscano la qualit di un marchio approvato. Si dovrebbe consigliare attraverso spot pubblicitari su tutti i mezzi di comunicazione come difendersi e quale stile di vita anche alimentare sarebbe meglio adottare per tollerare al meglio l'impatto di questa sostanza sul nostro fisico e limitare al minimo i danni. Si dovrebbero proporre spot in tv a diversi orari ripetuti per smettere di fumare e per proporre consigli alimentari e migliorare il proprio stile di vita. Veri e propri spot per il manenimento fisico e psichico trasmessi a diverse ore e su diverse fasce orarie in tv e per radio. Si dovrebbero vietare le trasmissioni di contenuto erotico durante il giorno e vigilare sulla programmazione e sui mezzi di informazione in genere al fine di limitare la scarsa qualit dell'informazione e la trasmissione di sconcerie, per innescare una controtendenza che porti ad innalzare la qualit del livello di vita generale. Sono da considerarse di scarsa qualit per ora diversi serial tv , fotoromanzi, film a puntate, show, quiz e spettacoli di intrattenimento o dibattito radio/tv. Si dovrebbero introdurre e mantenere uno o pi centri sociali pubblici o circoli privati in ogni centro abitato o almeno in ogni Comune al fine di promuovere la socializzazione in genere anche al di fuori del contesto economico o lavorativo. Aggregazione spontanea presso sedi che consentano attivit ludiche sportive e culturali da concordare, e mai per obbligo fissate o imposte da qualsivoglia organismo esterno. I suggerimenti per l'utilizzo e l'impiego la conservazione e la tutela di questi luoghi sono graditi e permessi a chiunque, ma le attivit da svolgere sono approvabili solo a maggioranza degli iscritti al medesimo. Si dovrebbero allestire (riadattando spazi gi edificati o antropomorfizzati) palestre, aree verdi e/o giardini pubblici e biblioteche, anche nei centri piu piccoli, al fine di promuovere l'arricchimento di tutti i territori indipendentemente dalla loro posizione rispetto agli aggregati maggiori. Dovrebbe essere incentivata la pratica di qualsiasi sport anche attraverso l'introduzione di premi e gratifiche per chi sceglie di condurre una vita che lo porti ad abbandonare per sempre (o comunque a fare a meno di utilizzare per tutta la vita) mezzi inquinanti o a motore e si affidi esclusivamente ai propri piedi, gambe o braccia, perch cos facendo renderebbe un immenso servizio alla societ e al territorio in genere (tra i mezzi consentiti potrebbero rientrare pattini, sci, bicicletta, roller, zattere, battelli a remi o a pedali e qualsivoglia altro mezzo sfrutti l'energia cinetica della o delle persone). I premi e le gratifiche per chi decida di adottare un siffatto stile di vita potrebbero consistere in buoni statali premio da concordare con le rispettive amministrazioni locali e utilizzabili sul territorio del proprio paese o di altri. Il rilascio dei buoni dovrebbe essere subordinato ad un'iscrizione a prezzo fisso da concordare sulla base di criteri stabiliti e vincolante dal momento in cui la si compila che prevede controlli a campione e esami obbligatori da effettuare ogni mese sulla salute psicofisica dei candidati presso apposite strutture. L'iscrizione e quindi il diritto di partecipare dovrebbe essere garantita soprattutto a tutti gli individui oltre la soglia dei 65 anni per offrire in primo luogo a chi ha gi vissuto e lavorato un po' di potere usufruire della possibilit, per esempio, di viaggiare gratis a spese del proprio Stato secondo modalit e in tempi da concordarsi. Non ci si dovrebbe suicidare per nessuna ragione al mondo per mantenere sempre il rispetto di s, per mostrare che si di sani e robusti principi morali, per non spezzare in modo traumatico ed antisociale il legame che lega ognuno a questo pianeta e che consiste nel s con l'io. Dovrebbe per essere permesso ai maggiorenni

capaci di intendere e di volere di stilare un testamento biologico che permetta di scegliere se tutelarsi o meno da eventuali incidenti gravi o colluttazioni che comportino lincapacit del corpo e dei sensi di agire. Firmato JeQui o JoQui alias Stefania Bacchilega