Sei sulla pagina 1di 3

Il Giudice dr.

ssa Elena Raganelli


-sciogliendo la riserva che precede in ordine al ricorso cautelare ex art.2378c.c. proposto da Fabio Duranti, nella qualit di socio della Radio Roma Nord s.r.l., titolare del 34,411% del capitale sociale, al fine di ottenere la sospensione delle deliberazioni adottate dalla assemblea della predetta societ in data 26 luglio 2011, con cui era stato approvato il bilancio relativo ali ' esercizio 20 l O, nominato un nuovo organo amministrativo nella f01ma di un consiglio di amministrazione, ed era stato inoltre ratificato il contratto di affitto di azienda stipulato con la IDG Network s.rl.;

OSSERVA

Nella memoria di costituzione nella fase cautelare la resistente s.r.l. Radio Roma Nord ha rappresentato in primo luogo l'opp01iunit di astensione di questo giudice, in quanto presidente del collegio che aveva emesso l'ordinanza che definiva il procedimento cautelare n.260 17/2011, "pi volte invocata dalla difesa del ricorrente . ed avente identit di soggetti e pressoch coincidente per gran parte dei fatti posti a fondamento della domanda". In

proposito deve ritenersi che, una volta esclusa la sussistenza dell'ipotesi di astensione obbligatoria ex art.51 n.4 c.p.c., trattandosi di procedimenti del tutto diversi, non esiste

norma alcuna che consenta alle parti di fare richiesta di astensione del giudice titolare del procedimento. Il presente giudizio di cognizione piena, nel cui ambito risulta proposta istanza cautelare di sospensione ex art.2378c.c., ha per oggetto l'impugnazione delle deliberazioni assembleari della Radio Roma Nord s.r.l. adottate in data 26-7-2011. Secondo la nuova formulazione del quarto comma dell'art.2378c.c., che ha recepito principi da tempo elaborati dalla giurisprudenza di merito, ai fini della sospensione della esecuzione della deliberazione assembleare impugnata il giudice - anzich valutare esclusivamente la ricorrenza dei gravi motivi richiesti dalla norma previgente - deve ora provvedere valutando comparativamente il pregiudizio che subirebbe il ricorrente dalla esecuzione e quello che subirebbe la societ dalla sospensione dell'esecuzione della deliberazione: si tratta in realt di compiere un giudizio delibativo che consiste non tanto nell'esame del punto se l'illegittimit dedotta sia, prima facie, palese, quanto nella valutazione comparativa degli inconvenienti che potrebbero verificarsi, a scapito del buon funzionamento della societ, nell'ipotesi in cui la

societ fosse costretta, per l'accoglimento dell ' impugnativa, a porre nel nulla le deliberazioni gi portate ad esecuzione. Nel caso di specie i diversi profili di illegittimit dedotti dal socio Fabio Duranti riguardano non soltanto la dedotta illegittima convocazione dell'assemblea ad opera della amministratrice revocata Antonella Duranti - che poteva anche intendersi in regime di prorogatio fino alla nomina del nuovo organo amministrativo - questione che appare comunque superata dal carattere totalitario dell'assemblea, bens aspetti ancor pi gravi quali sono il difetto di

informazione dei soci sia in ordine al contenuto del bilancio che alla composizione del nuovo organo amministrativo, l'abuso di potere della maggioranza in ordine alla ratifica del contratto di affitto di azienda concluso dall'amministratrice revocata, in presumibile conflitto di interessi con la societ s.r.l. Radio Roma Nord, nonch la mancata discussione degli argomenti all'ordine del giorno nonostante l'espressa richiesta fattane dal socio Fabio Duranti. La societ resistente, nella sua memoria di costituzione nel presente procedimento cautelare, dopo avere genericamente rilevato che l'assemblea era totalitaria, che Fabio Duranti non si era opposto alla trattazione dei punti ali' ordine del giorno, e che non aveva chiesto informazioni o chiarimenti di sorta, tanto che in precedenza aveva egli stesso convocato l'assemblea su analogo ordine del giorno, si dilunga poi a contestare specificamente un precedente provvedimento adottato da questo tribunale di revoca ex art.2476c.c. di Antonella Duranti dalla carica di amministratore della Radio Roma Nord s.r. l. , ed ancora ad enumerare una lunga serie di addebiti a carico di Fabio Duranti nella sua qualit di precedente amministratore della societ stessa, che potrebbero semmai rilevare come fondamento di una eventuale azione di responsabilit da proporre nei confronti del medesimo Fabio Duranti. In particolare, quanto al difetto di informazione in ordine al bilancio relativo ali' esercizio 201 O, la societ resistente Radio Roma Nord s.r.l. sembra ignorare del tutto la censura del ricorrente e non deduce neppure di avere depositato il bilancio con la documentazione allegata presso la sede sociale, come prescritto dall'art.2429c.c., nei quindici giorni precedenti l' assemblea convocata per l'approvazione del bilancio stesso, dovendo peraltro rilevarsi che detto bilancio neppure risulta depositato dalla societ resistente in occasione della sua costituzione nel presente giudizio cautelare: deve quindi ritenersi provata la grave omissione lamentata in assemblea dal socio Fabio Duranti (''tali scritture non sono state messe a disposizione dei soci nei termini di legge ... "), e non contestata dali' organo amministrativo, con inevitabili conseguenze in ordine alla validit della delibera di approvazione del bilancio.

Parimenti evidente la circostanza che al socw Fabio Duranti stata impedita la discussione in assemblea in merito al contratto di affitto di azienda stipulato con la IDG Network s.r.l., oggetto del primo punto dell'ordine del giorno. Nel laconico verbale di assemblea si legge infatti "il socio Fabio Duranti tenta di discutere l'argomento, ma il socio Maria Grazia Baiocchi non ritiene necessario affrontare nuovamente l'argomento", con palese violazione del diritto individuale del socio odierno ricorrente. Detta violazione appare altres rilevante ai tini della invocata sospensione della deliberazione di ratifica da parte dell'assemblea di quel contratto di affitto di azienda con opzione irrevocabile alla vendita, la cui conclusione costituiva il principale addebito mosso ad Antonella Duranti in occasione della sua revoca dalla carica di amministratore della societ, a causa del ritenuto conflitto di interessi della stessa Antonella Duranti con la societ di cui era amministratrice, in quanto con lo stesso la s.r.l. Radio Roma Nord si spogliava in sostanza della azienda di sua propriet, con la conseguente impossibilit di raggiungimento dell'oggetto sociale, in favore della IDG Network s.r.l., societ facente capo ad Ilario Di Giovanbattista, coniuge della Duranti. Deve pet1anto ritenersi, sia pure con i limiti derivanti dalla cognizione

necessariamente sommaria consentita in questa sede cautelare, che nel caso di specie sussistano gravi motivi tali da giustificare l'accoglimento del ricorso ex art.2378c.c .. Infatti, la sospensione di tutte le deliberazioni assembleari adottate dalla Radio Roma Nord s.r.l . in data 26-7-2011 sembra garantire al tempo stesso l'esigenza di tutela del ricorrente socio di

minoranza Fabio Duranti, e l'interesse della societ Radio Roma Nord s.r.l. alla proficua prosecuzione della sua attivit sociale, che sarebbe viceversa impedita o comunque ostacolata dall'affitto della azienda alla IDG Network s.r.l. ad un canone sicuramente inferiore a quello di mercato per aziende similari, oltre che dalla approvazione di un bilancio che presenta rilevanti perdite, mai depositato presso la sede sociale.

P.Q.M.

-sospende l'esecuzione delle deliberazioni adottate dalla assemblea della Radio Roma Nord s.r.l. in data 26luglio 2011.Si comunichi. Roma 25 ottobre 2011