Sei sulla pagina 1di 6

GUSTAVOROL(19031994):ungrandepiemontesedietrolaleggenda

Conferenzadel29/03/2008 Relatore:RobertoRosso

Introduzione
Disolito,quandosiaffrontalabiografiadipersonaggicontroversi,dotatidispecialicapacitnecessario schierarsi a favore o contro di esse. Da me ciascuno di voi si aspetterebbe elementi che confermino la propriaopinionesulfenomenoRol,affinchquestapossavenireminimamenteavvalorataeconfortata. Altrettanto frequentemente gli incontri che si fanno sulla vita di Rol si riducono a una serie di aneddoti strabilianti,inunpreoccupantecrescendochenullaaggiungeallastaturadelpersonaggioEbbenetemodi dover deludere queste aspettative, di non avere il minimo elemento capace di risolvere la questione, n particolari aneddoti nuovi da potere aggiungere alle migliaia che su questo grande piemontese si raccontano.

L'uomodietroilmito
E' mia personaleconvinzionechelafiguradiRolvengapenalizzatadaunsimileatteggiamentochesviai lettori da quelle che sono state le linee guida del suo pensiero e del suo impegno. Ci che propongo dunque di lasciare sullo sfondo la questione dei prodigi per andare alla ricerca dell'uomo, del colto borgheseprofondamentecristianochecoisuoimodigarbatihaabitatoTorinopertuttoloscorsosecolo.

Onorealmerito
Qualunquesialavostraopinionesulpersonaggiocredosiadoverosopuntualizzare: 1)Roleradifamigliasostanzialmentericca,nonhamaiavutobisognodidenaro,naccettatodenaroda alcunocomecompensoperl'impiegodellepropriecapacit. 2) Considerando un dono le proprie capacit e l'impiego gratuito e disinteressato di esse non ha mai accettatol'ideadidoversisottoporreadanalisiedaccertamentidapartedellascienzaufficiale. 3) Bench quest'ultimo venga ritenuto il maggiore argomento contrario all'accettazione delle capacit di Rol, di per s solo indicativo della statura del personaggio che coerentemente ha sempre diffidato di quell'approccioscientistachelasuavisionedellavitahasemprerifiutato.

Biografia
GustavoAdolfoRolnasceaTorinoil20giugno1903dafamigliaagiata.Ilpadre,Vittorio,unavvocatoche nel1909verrincaricato diaprire edirigerelasededi TorinodellaBancaCommercialeItaliana. Gustavo cresceinunambientericcoecolto,frequentasindagiovanelefamigliepiinvistadellacitt,siinteressa allearti,entrandoinrelazioneconvariartistiediniziandoprestoacimentarsinellapitturaenellamusica. Nel1923siiscriveallafacoltdigiurisprudenzadell'UniversitdiTorino,dovesilaureernel1933.Siala scelta del corso universitario in legge, sia la carriera bancaria che intraprende nel 1925 avvengono per adeguamento alle tradizioni familiari. Rol fa pratica presso le filiali della COMIT in giro per l'Europa: Marsiglia,Parigi,LondraedEdimburgosonolecittincuiviveelavora.Apartiredagliannitrentalasua fama si diffonde nei circoli dell'aristocrazia, della cultura e della politica. Gli si attribuiscono incontri con personaggi del mondo della politica, dello spettacolo, dell'arte e della scienza, in alcuni casi non ancora documentati.Muoreil22settembre1994.

LamoglieElna
A Parigi, in un caf, conosce la ragazza che poi diverr sua moglie. Si chiama Elna ReschKnudsen, norvegese, figlia di un capitano di marina e nipote di un ministro di Stato. Gustavo era solito presentare Elnaconorgoglio,facendonotarecheben17Refacevanopartedellasuafamiglia.

Passerannocircatreannidaquell'incontroalloromatrimonio,avvenutoaTorino,nellachiesadiSanCarlo inPiazzaSanCarlo,il17dicembre1930.Allafinedeglianni'30RolacquistaunalloggioinviaSilvioPellico 31,doveabiterfinoallamorte.

LapassioneperNapoleone
LafiguradiNapoleoneglisarstrettamentelegatapertuttalavita,diventandouncollezionistadirilievo internazionale di cimeli napoleonici, un esperto delle campagne, delle battaglie e delle imprese napoleoniche.Negliannitrenta,aParigi,stavapasseggiandoinunastradaquando,spintoistintivamentead entrareinunacasa,chiesealportinaiodicondurlonellecantine,cheavevanoilpavimentoditerrabattuta, e l, fattosi consegnare una pala da quel tizio che lo guardava in modo interrogativo, dissotterr uno splendidobustodimarmodiNapoleone.

LaCarrozzadiNapoleone
NellaPalazzinadicacciadiStupinigi,unapregiataresidenzadeiSavoiaappenafuoriTorino,conservatoun preziosodonodiRol,lacarrozzaconlaqualeNapoleonedaParigisirecaMilanoperessereincoronatore d'Italia. Rol l'aveva acquistata a Marengo, dove l'Imperatore l'aveva lasciata perch si era rotta ed aveva frettadiritornareinFrancia.

L'impegnodurantelaguerra
Ungiorno,aPinerolo,uncomandantetedescoavevamessoalmuroungruppodipartigiani.Rolaccorsea chiedernelaliberazione."Sonoinnocenti,nonhannocommessonientedimale",diceva."Eleicomefaad esserne tanto sicuro?", chiese il comandante. "Alla stessa maniera con cui sono sicuro di conoscere cosa contengono i cassetti della scrivania nella sua casa ad Amburgo", rispose sicuro di conoscere cosa contengono i cassetti della scrivania nella sua casa ad Amburgo", rispose Rol e cominci a descrivere minuziosamenteglioggettichequelcomandanteavevanellasuascrivaniaadAmburgo,soffermandosisul contenuto di alcune lettere privatissime e di documenti segreti. Il tedesco, confuso e spaventato, liber immediatamente i prigionieri. Nel 1945 Rol ottenne un riconoscimento per il suo operato da parte del SindacodiS.SecondodiPinerolo,anomedelComitatodiLiberazioneNazionale.

L'incontrocolDuce
Nel 42 il primo fatto di rilievo. Pitigrilli scrive a Rol:" ...si parla in altissimo luogo di te. Il Duce ti vuole incontrare."Rol,CapitanodegliAlpini,vieneconvocatoaVillaTorlonia;Pitigrilliloaccompagna.Intornoa mezzanotte,ilDuceconvocaRolnelsuostudio,chesipresentasugliattenticolsalutoromano.Pitigrilli fuori."MidiconocheLeifadelleprevisioni",tuonailDuce."Iosonounbuonsoldato",rispondeRol."Parli, parlipureliberamente,nonlesarfattoalcunmale."."Duce,permelaguerraperduta!"IlDucescattain piedi, si batte la mano sul petto e tuona " Staremo a vedere. Ora vada.". E Rol usc, in silenzio. L' Italia, all'epoca della previsione, era, con la Germania, vittoriosa su tutti i fronti. Nulla faceva presagire ad una sconfitta,comelastoriainsegna.ManonsoloRolavvertilDucedelladisfattachel'Italiaavrebbesofferto, mapuntualizzadueufficialiintimidelDuce,ilgiorno,l'orael'annoincuiMussolinisarebbemorto.Enon sbagli.

RoleFellini
Federico Fellini, noto regista italiano vincitore di cinque premi oscar (autore de La Dolce Vita) stato un grandeamicodiRol.Nel suolibroFareunfilm,(1983),nedquestoritratto:CichefaRoltalmente meravigliosochediventanormale;insomma,c'unlimiteallostupore.Infattilecosechefa,luilechiama 'giochi',nelmomentoincuilevedipertuafortunanontistupiscono,nelricordoassumonounadimensione sconvolgente.Com'Rol?Achiassomiglia?Cheaspettoha?Eunpo'arduodescriverlo.Hovistounsignore daimodicortesi,l'eleganzasobria,potrebbeessereunpresidediginnasiodiprovincia,diquellichequalche volta sanno anche scherzare con gli allievi e fingono piacevolmente ad interessarsi ad argomenti quasi frivoli. Ha un comportamento garbato, impostato a una civile contenutezza contraddetta talvolta da

allegrezze pi abbandonate, e allora parla con una forte venatura dialettale che esagera volutamente, comeMacario,eraccontavolentieribarzellette.

L'amicoFellini
Credochelaragionediquestocomportamento(...)sianellasuacostanteeprevidentepreoccupazionedi sdrammatizzareleattese,itimori,losgomentochesipuprovaredavantiaisuoitraumatizzantiprodigidi mago. Ma, nonostante tutta questa atmosfera di familiarit, di scherzo tra amici, nonostante questo suo sminuire, ignorare, buttarla in ridere per far dimenticare e dimenticare lui per primo tutto ci che sta accadendo, i suoi occhi, gli occhi di Rol non si possono guardare a lungo. Son occhi fermi e luminosi, gli occhi di una creatura che viene da un altro pianeta, gli occhi di un personaggio di un bel film di fantascienza. Quando si fanno 'giochi' come i suoi, la tentazione dell'orgoglio, di una certa misteriosa onnipotenza, deve essere . Eppure Rol sa respingerla, si ridimensiona quotidianamente in una misura umana accettabile. Forse perch ha fede e crede in Dio. I suoi tentativi spesso disperati di stabilire un rapporto individuale con le forze terribili che lo abitano, di cercare di definire una qualche costruzione concettuale,ideologica,religiosa,chegliconsentadiaddomesticareinunparziale,tollerabilearmistiziola tempestosa notte magnetica che lo invade scontornando e cancellando le delimitazioni della sua personalit,hannoqualcosadipateticoederoico.

RoleBiagi
ViveaTorinoildott.GustavoAdolfoRol,unsensitivocapacediimpresechenonhannonulladinormalee che impossibile interpretare. in grado perfino di fare viaggi nel tempo, di conversare con entit che hannoraggiuntol'oltretombadasecoliodifarpiombareinunsalottocolbelatodellacapraancheilsuo campanaccio.Unbustodimarmopesantissimo,senzachenessunosimuovesse,passdauncaminettoal centrodiundesco.EnzoBiagi,Etulosai?(Rizzoli,1978)

RoleBuzzati
Colpisce in Rol, che a sessantadue anni ne dimostra almeno dieci di meno, una vitalit straordinaria, e gioiosa. Insisto sulla serenit e l'allegrezza che ne emanano. Qualcosa di benefico si irraggia sugli altri. questa la caratteristica immancabile, almeno secondo la mia esperienza dei rari uomini arrivati, col superamento di se stessi, a un alto livello spirituale, e di conseguenza all'autentica bont. In quanto alla faccia,descriverladifficile.Qualcunol'hadefinitada'bonvivant'.Nonvero.Potrebbeesserequelladiun guru indiano. Ma potrebbe anche appartenere a un chirurgo, a un vescovo, a un tenero bambino. Ci si aspetta una maschera impressionante e magnetica. Niente di questo. Ci che sta dietro a quella fronte, almenoaprimavista,nontraspare.

RoleRegge
ReggesirecacasadiRolpermetterloallaprova.Eccol'estrattodell'avvenimentodallibro"Torinocitt magica"scrittodaGiudittaDembech.StaparlandoRol:EvenutodameTullioRegge,eraaccompagnato dallamoglie,daunprofessoredimedicina,moltofamosoedaun'altrapersona.Hannoportatolorodelle carte,nonsimaiutilizzatonulladimio.Durantelosvolgersidell'esperimentomihannofattostareconle manidietroalloschienaledellamiasedia.Nonhomaitoccatonulla.Reggemescolavalecartetenendole nascoste sotto al tavolo. Io gli ho detto: "Pensi ad una carta. La pensi soltanto, non la cerchi". "L'ho pensata" "Allora metta il suo mazzo sul tavolo" "Posso cambiare la carta che ho gi pensato? sceglierne un'altra?" "Certamente, la cambi pure..." "Allora va bene, ne ho scelta un'altra" "Mescoli ancora le sue carte".Ioavevosemprelemanidietroalloschienaledellasedia."Oraposilecartesultavoloetaglipurenel punto che preferisce..." Salta fuori l'asso di fiori." quella che ho pensato in un secondo momento... Lo rifaccia!""Nonpossorifarlo,iononsonoDiochepuripetereall'infinito.L'esperimentovenutomaionon possorifarlo...""Maiononpossoammetterlo.Bisognerebbechesifacesseesaminaredaunprestigiatore, esserecerti chenoinonsiamotuttistatisuggestionati,ochelei abbiafattoqualcosadicuinoncisiamo accorti...Scientificamenteiononpossoammettereunacosasimile....

LoSpiritualismo
Solitamente parlando di spiritualismo come filosofa ottonovecentesca si suole rinviare a due specifiche correnticontiguemadifferenti.Laprimanacquesusuolofranceseefuterrenocomunedidiscussionetra filosofi del calibro di Cousin e Bergson intesa come reazione al meccanicismo di stampo positivista comtiano.Lasecondacorrentefuinveceunesitosquisitamenteitalianocheinteressfilosofidelcalibrodi AugustoGuzzoechefuintesacomeapprofondimentodellatopiintimodelladottrinacristianocattolica. Fortunate vicende biografiche permisero a Rol di entrare in contatto proficuamente con entrambi i movimenti

Lavocazionemancata
Tralepersoneacuirivolgounapreghieraquandosonoindifficoltc'anchelui...(V.Messori)Leparole diMessoriedifrequentiaccenniteocentricidiRolinmerito,offronoaparermiounaprospettivadavvero interessante: se nel 1920 avesse seguito il fantomatico polacco e la sua propria vocazione forse oggi ci troveremmo di fronte alla semplice vicenda di un fraticello in odor di santit. Bench coincidenze biografiche lo portarono alla vita laica ritengo che quel tipo di impronta sia rimasta e costituisca un elemento ineliminabile nell'analisi della vicenda Rol Esiste per Rol una energia o spirito che controlla e governalamateriaelesueleggi.Lospiritototalmentealtrorispettoadesseelanaturadiquestaalterit propriocicheglipermetteilgoverno.Lospirito,l'energiasottentratuttelecose,ovunquealdildella materia. Ogni essere del mondo parte di questo Spirito. All'uomo spetta una possibilit di essere consapevoledelproprioesserespirito,diessere"spiritointelligente".Compitodell'uomodovrebbeessere quellodiapprofondirequestaconsapevolezza,diaprirsialloSpirito.LepossibilitdiRoledaltridipendono dallalorocapacitdiesseretramitidelloSpirito...Rolebbeadire:Iosonolagrondaia...

Dicedise'...
Certamenteunrapportotraspiritoemateriaesiste:laScienzanonloconosce,ioappenalointuiscoelo possodimostrare,manoncomelovoglioecomemisichiededifarlo.Unacollaborazioneconlascienzaio la invoco, senza quel presupposto di sfiducia che non offende la mia trascurabile persona bens la conoscenza che ho raggiunta e che gi patrimonio della Scienza di Domani Ho scoperto possibilit riservateall'uomo,chesinquieranostateignoratedallascienza,laqualenonaccettaloSpiritoinquanto esso ammetterebbe una Creazione che sta al di sopra di qualsiasi attuale ricerca di laboratorio. Meglio rimanere ignorato da una Scienza ufficiale che non in grado, per ora, di comprendermi, piuttosto che veniremenoaqueiprincipiaiqualimisonosempreispiratoeconirisultatichetutticonosconoImiei modesti esperimenti fanno parte della scienza. Sono cose che in un futuro tutti gli uomini potranno realizzareImieisegreti?SonotuttinellaBibbiaNonvisonolimitiallepossibilitumane.Allacondizione, per, che esse non intervengano a sottrarre alla vita quel carattere di unica, insostituibile, meravigliosa anchesetravagliatissimaprovachelavitastessa.Isensirappresentanounmezzodieccezionalemisura ondeconoscerelemeravigliosepossibilitcheDiooffredisestessoall'uomo.Possibilitchenellostesso tempo formano quella trappola mortale che i sensi stessi rappresentano. I sensi, inoltre, sono una modestissima anticipazione di tutte le infinite meraviglie riservate all'uomo per estrinsecazione che Dio stesso rivela nel suo costante desiderio e diritto di affermarsi. A quelle meraviglie l'uomo accede nel perfezionarsi non soltanto in questa vita... Se l'errore compatito, spesso giustificato, ma non sempre assolto,purogestodimisericordiadivinailrigettarloeanchepunirlo,inquantonellapunizionestessa insito il desiderio di offrire all'uomo la possibilit di redimersi, quindi di avvicinarsi maggiormente alla stupendaperfezionecheDio.QualepadreamorosissimoEglinonsolononabbandonanessuno,matutti aiuta,anchecoloro,gliindegnieireprobi,nelcastigarli.Correggerenonpunire,bensaiutarealiberarsi datuttocichetieneilmalatolungidallafontecheglidonalavita.Sel'errorenonperseveranzadiabolica altro non pu essere che diritto alla conoscenza. beninteso per che nessun diritto pu giustificare il perseverarenell'errorestesso,quand'anchel'uomosappia,inunraptusintellettivo,considerarel'erroreun mezzo orrendo altrettanto quanto nobile. Con queste parole ho inteso qui rivelare il perch dell'errore stesso, della necessit di non . ripeterlo e della possibilit etica che Dio lo consenta. Oggi, 25 settembre 1975. Vi fu un tempo in cui credevo che le mie 'possibilit' (che io allora ritenevo essere delle vere e proprie'facolt')avesserounabasebiologica.Midicevocheseverocheilcoipoalbergalospirito,deve

esservi un rapporto diretto fra lo spirito e gli organi attraverso i quali la vita si esprime. Ed in questa espressioneincludevolaresponsabilitmoraleeleesaltazionidellospirito.Fuproprioinquestaseconda partechelamiafilosofiacrollperchnonmifupipossibileottenerealcunfenomenosevolevotrovarne lasedenelcervelloodinqualunquealtraformaorganizzatadelmiocomportamentofisico.lostessotentai dei controlli dei quali ebbi a rammaricarmi. Si studino pure a fondo le possibilit racchiuse nell'energia psichica degli uomini, ma per quanto mi riguarda ho concluso che allo stato attuale della conoscenza scientifica i miei esperimenti non hanno alcun rapporto con la psiche. Essi, secondo me, debbono considerarsi una manifestazione dello spirito che definito 'intelligente' per identificare in esso e quindi nell'Uomo,l'espressionepialtadituttalaCreazione.Hosempreprotestatodinonessereunsensitivo,un veggente,medium,taumaturgooaltrodelgenere.tuttounmondo,quellodellaParapsicologia,alquale nonappartengoEinsteincredevainDio,nonnenegaval'esistenza.Ungiornochediscutevamopropriodi questo,EinsteincredevainDio,nonnenegaval'esistenza.Ungiornochediscutevamopropriodiquesto, luialzunamano,lafrapposefralalampadaeiltavoloemidisse:"Vedi?Quandolamateriasimanifesta, proietta un'ombra scura, perch materia. Dio puro spirito e dunque quando si materializza non pu manifestarsi se non attraverso la luce. La luce non altro se non l'ombra di Dio". da Maria Luisa Giordano:"Rolmiparlaancora",Sonzogno,1999

Rolelapittura
Rol era un pittore che produceva poco, non perch poco lavorasse, ma perch l'elaborazione dei suoi dipinti era molto meditata, quindi lenta. Faceva e rifaceva, scavava, trasfigurava l'immagine che aveva davanti agli occhi fino a penetrarne l'essenza, a scoprirne lo spirito. Questo metodo e questi risultati aiutanoacapirelasuateoriasecondolaqualetuttelecoseegliesseriviventihannounospirito,chepoi nell'uomolospiritointelligenteilqualerestaoperanteanchedopolafinedellamateria.Inunaletterache nel1944indirizzavaaunconoscentecheesordivainpittura,Rolscriveva:"Undipintononnullaanchese riproduce fedelmente una persona, un luogo o un oggetto. Ma esso deve rappresentare "un momento", unasensazionevissutadall'artista,ecometaledevesaperconvincereecommuovere.

BibliografiaCartacea
RenzoAllegri.Rolilmistero.MusumeciEditore,1993. RenzoAllegri.Rolilgrandeveggente.Mondadori,2003. MaurizioBonfglio.IlpensierodiRol.LaTeoriadelloSpiritoIntelligente.Ediz.Mediterranee,2003. MaurizioBonfiglio.Rol.L'uomo,ilmistero,lavita,documentarioDVD,regiadiMaurizioLeone,Ariess.r.l, 2005 GiudittaDembech.GustavoAdolfoRol.ScrittiperAlda.LAriete,1999. GiudittaDembech.GustavoAdolfoRol.Ilgrandeprecursore.LAriete,2005. GiorgioDiSimone.Oltrel'umano.GustavoAdolfoRol.ReverditoEdizioni,1996. Gustavo Adolfo Rol. "Io sono la grondaia..." Diari, Lettere, Riflessioni di Gustavo Adolfo Rol. a cura di CatterinaFerrari.Giunti,2000. CatterinaFerrari(acuradi).Diariodiuncapitanodeglialpini.GustavoAdolfoRol.MusumeciEditore,2003. Gustavo Adolfo Rol. La Coscienza Sublime. L'incontro con la poetessa Elda Trolli Ferraris, a cura di M.L. GiordanoeG.FerrarisdiCelle,L'Etdell'Acquario,2006 LucianaFrassati.L'improntadiRol.DanielaPiazzaEditore,1996. MariaLuisaGiordano.Rolmiparlaancora.Sonzogno,1999. MariaLuisaGiordano.Rolel'altradimensione.Sonzogno,2000. MariaLuisaGiordano.Rol.Unavitaperimmagini,ed.Etdell'Acquario,2005. RemoLugli.GustavoRol.Unavitadiprodigi.Mediterranee,1995. VincenzoMercante.IlMisteroelaFede.GustavoRolePadrePiodaPietrelcina.EdizioniSegno,2006. MarioPincherle.IlsegretodiRol.EIFIS,2005. MaurizioTernavasio.GustavoRol.Lavita,l'uomo,ilmistero,L'Etdell'Acquario,2002 MaurizioTernavasio.GustavoRol.EsperimentieTestimonianze.L'Etdell'Acquario,2003. MarianoTomatis.Rol,RealtOLeggenda?.Avverbi,2003.

BibliografiaWeb
http://www.gustavorol.org http://it.wikipedia.org/wiki/Gustavo_Adolfo_Rol http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=101869