Sei sulla pagina 1di 52

2012

Massimo Fornari

TANTRA
Larte di amare

Pag. |1

Sommario
Intro ............................................................................................................................................... 3 Il tantrismo ................................................................................................................................ 4 Le 3 fasi della vita tantrica......................................................................................................... 7 RESPIRO, POSIZIONI YOGA E TANTRA ........................................................................................... 8 La triade induista: Brahma, Shiva e Vishnu ............................................................................... 8 Shakti, superiorit del principio femminile ............................................................................... 8 Tantra e chakra.......................................................................................................................... 9 Il respiro .................................................................................................................................. 10 Kundalini e i chakra ................................................................................................................. 10 Esercizi tantrici ........................................................................................................................ 13 Hatha Yoga e Tantra ................................................................................................................ 14 Asana utili allamore................................................................................................................ 15 Migliorare le prestazioni sessuali ............................................................................................ 18 Bandha e kryia ......................................................................................................................... 19 Principi e segreti del Tantra ........................................................................................................ 21 Raccoglimento, meditazione e cura di s................................................................................ 21 Creare la giusta atmosfera ...................................................................................................... 22 Bevande inebrianti .................................................................................................................. 23 La protezione psichica del partner .......................................................................................... 24 La fantasia e il gioco ................................................................................................................ 25 L orgasmo naturale ................................................................................................................ 26 La ritenzione del seme e l orgasmo di valle ........................................................................... 27 Fusione dei liquidi organici...................................................................................................... 29 Scambio dei ruoli ..................................................................................................................... 31 Il Massaggio erotico ................................................................................................................ 32 Abbraccio del cuore ................................................................................................................ 34 Le zone erogene ...................................................................................................................... 34 Toccarsi consapevolmente ...................................................................................................... 35 Il punto G per lei ed il punto L per lui...................................................................................... 36 Il massaggio intuitivo............................................................................................................... 37 Il massaggio kundaliini ............................................................................................................ 38 Il massaggio speciale per lei .................................................................................................... 39

2|Pag.

I testi classici dellarte di amare orientale .................................................................................. 40 Kamasutra ............................................................................................................................... 40 Kama Sastra ............................................................................................................................. 41 Ananga Ranga .......................................................................................................................... 42 Il rapporto tantrico .................................................................................................................. 43 Alcune posizioni consigliate ........................................................................................................ 44 Posizione del missionario ........................................................................................................ 44 Posizione della stretta ............................................................................................................. 44 Posizione a X............................................................................................................................ 44 Posizione in sella ..................................................................................................................... 45 Il Tao del sesso ........................................................................................................................ 46 Esercizi sessuali suggeriti dal Tao ................................................................................................ 48 Respirazione testicolare .......................................................................................................... 48 Esercizio del cervo maschio..................................................................................................... 48 L'abbraccio .............................................................................................................................. 49 Il bacio ..................................................................................................................................... 49 Glossario ...................................................................................................................................... 50

Pag. |3

Intro
La parola Tantra, di origine sanscrita, pu assumere una vastissima gamma di significati: essa infatti rappresenta tanto la trama del tessuto, quanto la spola del telaio, ma anche una dottrina mistica o magica, un testo scientifico e lo svolgimento di una cerimonia. Un termine polisemantico, impossibile quindi da tradurre in italiano e del quale difficile cogliere appieno tutte le sfumature di significato. Provare a definire questo termine dunque arduo, ma necessario per evitare fraintendimenti pericolosi; esso deriva dalla radice tan, espansione, e tra, liberazione: il termine Tantra sta dunque a indicare un insieme di dottrine e di pratiche millenarie volte allespansione dellordinario stato di coscienza nei vari settori della vita. Dei molti significati attribuiti al termine i pi esatti sono senza dubbio successione, procedimento continuo, ovvero crescita nella conoscenza e maturazione di se stessi. Negli ultimi tempi il Tantra ha suscitato grande curiosit e interesse in Occidente, soprattutto per leccessiva enfasi posta sullutilizzo di alcune posizioni e pratiche sessuali; giusto chiarire come queste in realt costituiscano solo una piccola parte della dottrina tantrica, che in realt combina sapientemente fisicit e spiritualit, che ricerca lestasi ma anche la quiete e lequilibrio interiore. Il Tantra poggia infatti su solidi principi morali e su una rigida disciplina che si fonda sullesercizio quotidiano delle asana (posizioni yoga) per la purificazione del corpo e dei canali energetici (i chakra), e su esercizi di concentrazione. Solo una volta arrivato a uno stadio pi elevato di consapevolezza, tramite il controllo della propria energia vitale (kundalini) e attraverso la regolare pratica dello yoga e della meditazione, per il discepolo diviene possibile utilizzare anche il sesso per favorire la crescita spirituale. dunque questa la vera e autentica filosofia di fondo del Tantra, quindi sbagliano clamorosamente quanti credono che Tantra sia un sinonimo di perversione e vizio, o un semplice campionario di posizioni erotiche ardite. Chi non conosce i segreti della disciplina tantrica vivr latto sessuale sempre come unesperienza limitata sia in senso spaziale (incentrata cio solo sugli organi sessuali) sia temporale (di durata limitata perch interrotta dalleiaculazione nelluomo). Grazie al Tantra ladepto riesce a espandere la propria percezione della sessualit, facendo s che diventi unesperienza divergente e pervasiva, che coinvolge ogni cellula del suo corpo, ogni fibra del suo essere; in cui il tempo perde il suo significato comune e si dilata incredibilmente; nella quale, soprattutto, lorgasmo non legato tanto alleiaculazione quanto allamplificazione delle sensazioni di piacere che derivano da una profonda, quasi mistica, sintonia con il proprio partner. Lorgasmo diventa, senza leiaculazione (oppure ritardandola notevolmente), unesperienza estremamente appagante e che pervade il corpo e la mente. Gli adepti del Tantra giungono a questo risultato incanalando lenergia della kuntlalini attraverso le nadi, o canali sottili, facendola risalire da muladhara chakra, il centro energetico posto alla radice della colonna vertebrale, dove normalmente risiede, fino a sahasrara chakra, il centro energetico dellilluminazione, posto allestremit del capo. Nel corso della sua ascesa lungo la colonna, kundalini tocca e riattiva tutti i centri energetici principali del corpo. Volendo quindi usare la sua accezione corretta, per Tantra sintende una sorta di sessualit meditativa il cui scopo quello di sviluppare nei partner una sessualit pi matura e consapevole e affinare larmonia di coppia. A questo fine il Tantra propriamente detto non dovrebbe comprendere latto sessuale in s ma solo i numerosi e articolati preliminari, che comprendono esercizi di

4|Pag.

meditazione, di contatto e di elevata consapevolezza delle reazioni emotive che avvengono dentro di s e nel partner. Su questa linea dunque nascono le definizioni Tantra bianco e Tantra rosso, che indicano la presenza o meno del rapporto sessuale completo. Due sono dunque i Tanrra: quello rosso (o Tantra della mano sinistra), pi fisico, e quello bianco (o della mano destra), che ricerca iunione tra il maschile e il femminile solo a livello energetico, senza badare pi al contatto fisico, e che quindi la versione pi metafisica della dottrina. Il rituale che coinvolge il sesso detto paricha-makara (ovvero, rituale delle cinque M): Gli adepti del Tantra della mano sinistra (o Tantra rosso) bevono vino (madya), mangiano carne (mamsa), pesce (rnatsya), un cereale afrodisiaco (mudra) e si uniscono sessualmente (maithuna). Letteralmente, queste prescrizioni significano ben poco per luomo contemporaneo, ma hanno una risonanza profonda, che svela il fine del Tantra: il congiungimento dellenergia di Shakti con la consapevolezza di Shiva. I rituali classici che vengono riadattati per la contemporaneit sono tecniche dellunione del femminile con il maschile: situazioni sessualmente intense, in cui lenergia del cuore raggiunge una profonda commozione sia nelluomo sia nella donna. Ed proprio latmosfera rispettosa, nata dalla fusione di unalta energia dellamore, a distinguere un rituale tantrico da una volgare orgia dei sensi.

Il tantrismo
Trasmesso da numerose linee di tradizione di cui alcune trovano origine cinque o seimila anni fa nella valle dellIndo, il Tantra una via non-duale giunta al suo apogeo tra il VII e il XIII secolo nel regno dellOddyana, nel vicino Kashmir e nellAssam, posto agli antipodi della catena himalayana. DallOddyana, nellVIII secolo, il Tantra nel Tibet fu introdotto da Padmasambhava, e contemporaneamente si diffondeva in tutta lIndia, nel Nepal e persino in Cina, Giappone e Indonesia. nei pi antichi testi dedicati al tantra che va individuata lorigine del tantrismo, e va ricollegata a quella dello shaktismo. Questi testi che si distinguono in: Tantra ind, esistenti dal V secolo dC. (Samhita visnuite della scuola Pancaratra e Agarna shivaiti), e Tantra buddisti, databili a partire dal III secolo dC., anche se la tradizione tibetana li colloca agli inizi del VII secolo d.C. Da un punto di vista letterario, quindi, per Tantra sintende il corpus di testi redatti in Oriente a partire dal VI secolo d.C. e che si distinguono in due filoni separati: ind e buddista. Entrambi i sistemi di meditazione . Tantra prevedono luso di rituali esoterici, il cui significato tramandato da maestro a discepolo. In tutti e due viene rappresentata la bipolarit fondamentale delluniverso: il principio maschile lingarn (da cui il cinese yang e il principio femminile yoni (da cui il cinese yin). Lenergia cosmica femminile (Shakti), che nella forma oscura e addormentata la pura forza sessuale (il serpente kundalini) , ha un ruolo importantissimo nel tantrismo; il principio maschile Shiva. Questi due principi antagonistici unendosi generano il mondo. E quindi latto primordiale di Shiva e Shakti a essere simboleggiato nello yoga tantrico delle posizioni, che si centra sui nodi corporei di energia cosmica. Inoltre, il rituale prevede poi lattuazione dei mantra e dei mandala che elevano la spiritualit attraverso la risonanza mistica dei suoni e dei simboli universali, avendo come obiettivo finale la

Pag. |5

liberazione dal mondo fisico dei fenomeni e il ricongiungimento con lentit ShivaShakti. Latto sessuale nel Tantra costituisce la radice prima ed essenziale della vita, realizzando in un unico rituale sacro materia e spirito in unespressione divina. Bisogna quindi dimenticare tutti i rigori antierotici, i tab e i falsi pudori, perch la sessualit una forza spirituale e come tale va vissuta, e lorgasmo il momento di massima energia vitale nellesistenza di un uomo e di una donna. Nei templi induisti vengono usate figure, sculture o dipinti per raffigurate lunione dei due principi. In tutte le immagini la divinit di sesso maschile unita sessualmente con una compagna di sesso femminile. Nella tradizione induista e nei suoi Tantra e quindi nel tantrismo, queste shakti rappresentano la potenza femminile del dio, quindi il tantrismo ind dovrebbe forse pi propriamente definirsi shaktismo, dato che si incentra sul culto dellaspetto femminile della divinit, ispirandosi alla venerazione degli uomini preistorici per la Grande Madre. Nel Vajrayana (Tantra buddisti tibetani), la donna (pandhara) rappresenta la saggezza (prajna), mentre luomo (il bodhisattva Amitabha) la pratica compassionevole di quella saggezza. Entrambi i Tantra si servono, per la meditazione, di particolari formule rituali (mantra), di gesti rituali (mudra) e di dia grammi (yantra). Tornando a parlare dei Tantra ind, possiamo meglio definirli come uninsieme di libri dottrinali sacri, collegati ma esterni ai Veda, che furono elaborati da numerosi autori, spesso ignoti, in un periodo compreso dai primi secoli dellera volgare alle soglie dei nostri giorni. Non sono semplici le relazioni tra Tantra e Veda: a unanalisi attenta, possibile riscontrare che i Tantra e i Veda hanno diversi punti di contatto. Alcune pratiche rituali vediche, come iuso di certi utensili e di formule sacre, sono continuate nei Tantra, che hanno tuttavia unorigine diversa. Infatti essi attingono ad antiche tradizioni non sistematizzate, rituali, yogiche, magiche ed erotico-religiose tipiche della cultura arcaica delle popolazioni autoctone a economia agricola preesistenti allarrivo degli Arii, in contrasto con il pastoralivedico. Queste popolazioni adoravano la Grande Madre e seguivano culti di fertilit e pratiche sessuali ritualizzate. Le dottrine e i rituali tantrici si diffusero enormemente nelle scuole intorno al X secolo d.C. e con esse la fusione fra le culture religiose della tradizione ind e gli elementi del tantrismo. Da questo momento in poi ci sono numerose fonti che attestano la diffusione del tantrismo. I templi pi famosi per ladorazione delle divinit tantriche in India sono il Vaital Deul (VIII secolo d.C.), il Varahi (X secolo d.C.), entrambi in Orissa, e il Tempio delle Yogini di Bheraghat (x secolo d.C.). Suscita grande interesse liconografia di questi cos come di altri centri di culto, testimoniando la moda, in voga allepoca e non limitata al tantrismo, delle sculture erotiche. Nellambito del Tanrta bisogna ricordate personaggi storici e leggendari come Srikantha, menzionato anche nel poema epico pi famoso dellIndia, il Mahabharata; Matsyendrabatha (X secolo), fondatore del culto Kaulayogini e del movimento Natha Yogini (tuttora esistente); il filosofo mistico Abhinavagupta (XI secolo); Lakshmidhara propagatore della scuola Samayacara (XVI secolo); Bhaslcararayail, teorizzatore della scuola Srividya ecc. Il pi importante pensatore moderno influenzato dal tantrismo stato Sri Aurobindo (1872-1950), e tra i guru tantrici viventi figurano nomi famosi nel mondo intellettuale indiano. quindi chiaro che il tantrismo un ricco e complesso intreccio di pensieri, scuole e dottrine nate nel sub-continente indiano nel IV secolo della nostra era (ma che affondano le radici in epoche molto pi remote). A questa tessitura variegata partecipano uno stupefacente corpo di tradizioni psicologiche, fisiologiche, spirituali e mitologiche altamente sviluppate.

6|Pag.

Secondo il tantrismo, come nel Sufismo, le tecniche di liberazione si devono adeguare al diverso livello di spiritualit dellumanit. Quindi i comportamenti e le pratiche adatte agli uomini di epoche precedenti non sono pi valide in quella attuale. In questo senso, nel tantrismo c un superamento che non contraddice gli insegnamenti precedenti, ma che necessario e inevitabile per le diverse condizioni materiali e spirituali delluomo. Il rigido estraniamento predicato dalle vie contemplative del periodo upanishadico, non adatto, secondo il tantrismo, al mutato livello spirituale delluomo. Si dovevano quindi adottare tecniche che permettessero di giocare al gioco dellesistenza attingendo a quello stato spirituale non incatenato alla realt materiale. Quando si parla di tantrismo, dunque, si intende unesperienza di vita, da cui tanto ha preso lalchimia indiana, e non una dottrina filosofica vera e propria. Esso peraltro non ha mai provato a imporre un nuovo ordine sociale e, al tempo stesso, non ha mai perso i contatti con il mondo, con la vita di ogni giorno, ove i desideri terreni e le emozioni influiscono fortemente sulle vite degli uomini. Valorizza lidea per cui il corpo fisico un involucro attraverso il quale passa lenergia. Il corpo concepito come un veicolo, il carro sul quale percorriamo la nostra vita, mentre lo spirito il cocchiere che stringe le redini, che sono la mente, che controllano i cavalli che sono i sensi, mentre il terreno percorso il mondo. Il tantrismo riuscito a comprendere che questo veicolo pu essere addestrato per temprare lindividuo in tutte le sue dimensioni e portarlo a raggiungere il proprio S, lUomo Interiore. Si tratta dunque di una curva ciclica, che parte dal corpo come involucro e attraverso lesperienza della perfetta disciplina del corpo e della mente, raggiunge la meta prefissata :lessere padroni di se stessi. Il corpo quindi unentit che viene addestrata a trascendere. Le scuole tantriche mostrano come sia possibile raggiungere la liberazione (moksha) dai piaceri futili in qualsiasi modo e come ogni atto possa essere investito di un significato profondo e possa essere la base di una pratica di autorealizzazione. Anche ci che apparentemente sembra profano assume un carattere sacrale nellimpostazione tantrica; si ritiene infatti che il seme dellilluminazione risieda ovunque. Quindi nulla viene rigettato e ogni evento della vita pu diventare un trampolino di lancio per il salto nellIn condizionato e nellAssoluto. Il principio che sta alla base del tantrismo che gli uomini si elevano attraverso ci che ne sa spesso la propria caduta. Infatti, il tantrismo afferma che luomo pu liberarsi definitivamente grazie a questa stessa caduta: tutto ci che lo ostacola, che lo paralizza pu diventate la chiave della sua liberazione. A chi ha il coraggio di andare fino in fondo nei propri desideri, il tantrismo promette la realizzazione interiore. Infatti la condizione umana pu esprimersi in modo autentico solo se non frena i propri desideri e li segue docilmente. Questa via spirituale si propone dunque come un radicale superamento delle proibizioni morali, dei tab culturali e rituali che regolavano i costumi della civilt indiana nel momento in cui si svilupp il tantrismo. Questa pratica si dedica allo studio e alla sperimentazione dei condizionamenti, delle pulsioni, dei desideri che permeano la condizione umana. Invece di frenare le pulsioni primarie, le intensifica continuamente in modo da risvegliare le energie originarie nascoste nella materia.

Pag. |7

Le 3 fasi della vita tantrica


La via tantrica segue 3 passaggi fondamentali, ovvero: Prima fase della via tantrica - Liberare la propria energia sessuale: Questo non significa dedicarsi al sesso sfrenato, ma vuole lavorare sullaffettivit: sentirsi a proprio agio, smettere di separare sesso e sentimenti, rilassarsi nellatto amoroso e goderselo fino in fondo, allontanarsi dai falsi ideali contemporanei (il supermaschio, la donna sempre bella), vivere il piacere nel proprio corpo come in un tempio, imparare a comunicare intimamente col partner, abbandonarsi alle sensazioni pi profonde e condividerle. Dopo avere affrontato i nostri demoni, dopo esserci ricollegati allenergia pura del primo chakra, tutto questo smette di essere un sogno, e diventa realt: iniziamo ad accettarci per quello che siamo, con le nostre paure, le nevrosi, i sentimenti, i desideri e i bisogni pi intimi e profondi. Seconda fase della via tantrica - Aumentare il piacere: alcune persone non sono pronte a ricevere il piacere che deriva dalla pratica meditativa. Siamo abituati a un tipo limitato di piacere e appena lo superiamo, inconsciamente mettiamo in atto delle strategie per contenerlo. lo stesso meccanismo per cui talvolta linnamoramento finisce, non sopportiamo di essere troppo a lungo vulnerabili, e di vivere in una condizione rischiosa. Nel Tantra invece si ricostruisce proprio la condizione dellinnamoramento, che ci permette di raggiungere lestasi, la chiave magica che ci apre la porta verso il divino e che ognuno ha dentro di s. La via tantrica, e quindi il Tantra ci fa vedere la sessualit sotto una nuova luce: possiamo riconoscere che quello che chiamiamo sesso soltanto un 10% del suo potenziale effettivo e che, in quanto autodidatti (nel sesso lo siamo tutti), abbiamo una visione molto limitata del piacere. Da questo momento siamo pronti a sperimentare gli aspetti pi sottili della sessualit, vivendola in un modo pi sereno e pi interiore, e a provare altre forme di orgasmo oltre a quella naturale che conosciamo, a trasportare lenergia sessuale (la kundalini) nei chakra superiori, scambiando tra uomo e donna energie di cui ignoravamo lesistenza. Terza fase della via tantrica - La fase successiva ci porta dallorgasmo allestasi: nella via tantrica non si tratta di trasformate il sesso in qualcosa di pi puro o pi spirituale, ma di sperimentare un orgasmo speciale, che ci coinvolge totalmente, che pervade corpo fisico, mente e corpo energetico per portarci al nostro centro, alla vacuit, alla piena consapevolezza, alla grande beatitudine. Quando luomo sperimenta la sua parte femminile e la donna la sua parte maschile, avviene il cosiddetto matrimonio interiore che ci prepara a incontrate noi stessi e il partner senza inibizioni, senza maschere, senza limiti e ci insegna ad amarci in quello spazio meditativo, dove uomo e donna si aiutano a vicenda a risalire i chakra per unirsi nellesperienza dellorgasmo estatico, prolungando latto sessuale anche per ore. Nel Tantra la sessualit percepita a un livello pi profondo, in cui si combinano sesso, amore e meditazione. Nello stesso modo in cui la donna apre il suo corpo e luomo la penetra materialmente, luomo apre il suo cuore e la donna lo penetra e lo vivifica con il suo amore. Entrambi si aprono allenergia dellaltro e si lasciano invadere completamente da essa.

8|Pag.

RESPIRO, POSIZIONI YOGA E TANTRA


La triade induista: Brahma, Shiva e Vishnu
I Tantra ind, redatti in epoca medievale, sono strutturati sotto forma di dialoghi in cui il dio Shiva illustra alla sua sposa, Parvati, la filosofia e i miti su cui si basa il rito tantrico, rituale tutto incentrato sui principio energetico femminile (Shakti). Infatti, questo cerimoniale si discosta dalle abitudini ind ortodosse (cio quelle trasmesse dai libri dei Veda) sia nelle pratiche sessuali sia in quelle di purificazione. I guru tantrici insegnano agli adepti a sprigionare la loro energia psicosessuale che, una volta attivata, deve raggiungere, partendo dal chakra della radice, il centro energetico pi alto, quello posto alla sommit della testa, permettendo di sperimentare lunione del dio e della dea dentro di s. Come abbiamo gi visto, nel tantrismo lenergia cosmica femminile (Shakti) ha un ruolo importantissimo. Essa, insieme al principio maschile, Shiva, genera il mondo, ed il principio creatore di tutta la realt. Lei la materia energia creatrice, Lui la coscienza che pervade ogni cosa.

Shakti, superiorit del principio femminile


Per la tradizione tantrica, la donna quindi il centro del rapporto erotico, attorno a cui, nellatto sessuale, ruota il processo di fusione con il principio energetico maschile, i testi tantrici prescrivono un complesso rituale affinch la donna riceva piacere preliminare, in modo che possa predisporsi al risveglio delle componenti maschili e femminili che si scontrano e si armonizzano durante il rapporto. A differenza di quanto si verifica nella tradizione occidentale, per il tantrismo lorgasmo non tanto lo scopo dellatto sessuale, quanto uno stato energetico che permea lessere, e che pu essere sperimentato in maniera continuativa. A tale fine, sono state messe a punto varie tecniche che permettono al maschio il prolungamento o lesperienza multipla dello stato orgasmico, senza giungere alleiaculazione. E tramite simili tecniche che consentono di controllare il respiro e lo stato di tensione muscolare che il Tantra diviene un metodo del tutto naturale di amplificazione del piacere. Nellespansione della coscienza conseguita con le tecniche tantriche, le donne, viste come esseri magnetici, lunari, polarit energetica negativa (mentre luomo rappresenta quella positiva) hanno un ruolo essenziale. Shakti ha due significati principali: filosoficamente lEnergia della Divinit, popolarmente la sua controparte femminile, presente nelle divinit femminili e nelle donne. Facendo un parallelo con la religione cattolica, possiamo affermare che Shakti lo Spirito Santo, la controparte del Figlio, ci che gli attribuisce Energia. La kundalini presente nelluomo, per esempio, una Forza, un Potere, e quindi una Shakti.

Pag. |9

Mahashakti, la grande Shakti, la sposa di Shiva, corrisponde a livello cosmico alla kundalini presente in ogni uomo. Shakti, la Grande Madre, il potere della vita e la manifestazione dellesistenza, la natura, il motore del divenire. Shakti Eva, la donna nel grembo della quale Shiva si addormenta e luniverso sogna. anche Maya, il grande velo della mente che nasconde la realt agli occhi delluomo. Chi pratica il Tantra non vuole dilaniare o disintegrare Maya, ma trascenderla e viverla fino in fondo, perch Maya la chiave che porta a Shiva, uno dei tanti volti della Shakti cosmica. Per essere vivi veramente non basta aver ricevuto la vita, bisogna anche essere disposti a viverla autenticamente. Ed solo vivendola fino in fondo che la si pu trascendere. Con il progredire della sadhana (la disciplina spirituale), il rito e la vita si fondono, senza comportare una banalizzazione del rito, o una rinuncia alla vita; la vira diventa il rito e il rito si fa vita. Shiva spesso raffigurato unito a Shakti nel maithuna e cio nellatro sessuale rituale. Lunione del dio e della natura continua e persegue il puro scopo dellestasi. Il dio e la dea non sono uniti per generare figli, per farlo si uniscono con altre divinit, in modi diversi e a volte casuali, e mai attraverso il maithuna, lunione sessuale sacra.

Tantra e chakra
Letteralmente chakra significa cerchio o ruota, ma una definizione migliore potrebbe essere vortice o gorgo I chakra infatti sono centri, fisici e psichici, dove lenergia concentrata circola: in ogni persona sono presenti moltissimi chakra, ma nelle pratiche yoga e tantra vengono presi in considerazione solo i sei principali (spesso identificati con i sei plessi), collocati lungo la colonna vertebrale. Ad essi va aggiunto un settimo, sahasrara o nirvana chakra, posto sopra il capo. Esso la sede della consapevolezza superiore ed fisicamente collegato all'ipofisi. Vediamoli uno a uno: Muladhura (plesso coccigeo): situato alla base della colonna vertebrale, nello spazio fra i genitali e lano; il primo chakra nel percorso di evoluzione spirituale delluomo. Esso controlla lintera gamma delle funzioni escretorie e sessuali; Svadhistana (plesso sacrale): situato alla base della colonna vertebrale; controlla linconscio e la creativit; Manipura (plesso solare): situato nella regione lombare allaltezza dellombelico, controlla lintero procedimento della digestione; Anahata (plesso cardiaco): situato allaltezza del cuore, controlla le funzioni cardiache, polmonari e degli altri organi in questa regione del corpo; Vishuddi (plesso cervicale): situato nella regione della gola, controlla il sistema tiroideo, il palato superiore e lepiglottide; Ajna (plesso pineale): il chakra del comando o terzo occhio, situato fra le sopracciglia, corrisponde allepifisi, e controlla i muscoli e lo stimolo dellattivit sessuale nelluomo. Nelle convinzioni di Tantra e yoga questo chakra ha il controllo complessivo sulle principali funzioni vitali del discepolo.

10 | P a g .

Il respiro
La respirazione ha un ruolo fondamentale nel Tantra poich permette il recupero della propria capacit di sentire il piacere. Dopo una vita trascorsa a controllare, giudicare, razionalizzare, il respiro pu far breccia nei condizionamenti, alterando i vecchi riferimenti che pur essendo una difesa rispettabile impediscono al flusso di energia di nutrire il proprio corpo con sensazioni intense e piacevoli. Aprirsi alla vita significa respirare la propria sessualit, la propria forza: non c vero piacere senza un respiro rilassato e profondo. Il controllo della respirazione e quindi del respiro assume grande rilievo nel Tantra, infatti essa viene rallentata fino a un livello tale che i movimenti respiratori sono quasi impercettibili, immobili, e regolari. La quasi immobilit dellinspirazione e dellespirazione aiuta a liberarsi da tutte le inibizioni e le tensioni, e conducendo alla perpetuazione dellorgasmo. Cos mentre la respirazione raggiunge la quasi fissit, latto damore si trasforma in unesperienza orgasmica potenzialmente senza fine. Cos come le tensioni muscolari croniche limitano lespressione di s, anche una respirazione corta, affannosa, lenta riduce la vitalit dellorganismo, con pesanti ripercussioni anche sulla soddisfazione sessuale e sulla qualit dellorgasmo. Un modo di respirare superficiale e contratto accompagnato immancabilmente dalla rigidit muscolare della regione pelvica (genitale) ostacola leccitazione sessuale, impedendole di propagarsi a tutto lorganismo. In condizioni normali, infatti, il flusso del respiro parte dalla bocca per dirigersi verso la zona genitale, ma riesce a raggiungerla solo se sufficientemente profondo e se non trova ostacoli (tensioni muscolari) lungo il suo cammino. Daltra parte una respirazione davvero profonda non solo ricarica il corpo, ma come scrive il padre della Bioenergetica A. Lowen lo riporta letteralmente in vita.

Kundalini e i chakra
Le culture, le societ, le religioni insegnano alluomo a reprimere il proprio lato animale, perch ritenuto pericoloso, in quanto governato dallistinto e quindi incomprensibile. Il tantrismo riunifica invece laspetto animale e mentale delluomo. Luomo che sappia conciliare la sua parte animale e quella intellettuale ha la porta aperta alla pi profonda realizzazione di s. Non forse vero che lo sciamano, per farsi tramite tra lumano e il divino, si traveste da animale? Il potere vitale delluomo risiede nella sua parte oscura, animale, ci che R. Assagioli, il padre della Psicosintesi, chiamava la fame primordiale. La sempre lumanit ha trovato in questa aggressivit la forza che le ha permesso di sopravvivere e di affermarsi su questo pianeta. Questa energia dorme nelluomo, concentrata alla base della sua colonna vertebrale, in quellarea che nel tantrismo viene definita il primo chakra.

P a g . | 11

I Tantra chiamano kundalini la forza latente delluomo, la sua dimensione primitiva, fisica e selvaggia, raffigurandola come un serpente avvolto in due spire e mezza intorno alla base della colonna vertebrale. A questo livello, il serpente un potere feroce, terrifico. Ma, risvegliandosi, la forza vitale pu risalire a livelli successivi, raggiungendo altri chakra che rappresentano espressioni pi evolute dellessere, come la capacit di provare sentimenti elevati, di creare, di comunicare, di espandere la propria coscienza. La kundalini nelluomo lenergia nervosa, sessuale, la ferocia animale che vuole sfamarsi, riprodursi e perpetuare la propria specie. Se la kundalini si risveglia in un uomo che non in grado di canalizzarla verso livelli successivi e pi elevati spiritualmente, essa assume un comportamento devastante, manifestandosi come perversione e sfrenato edonismo. Gli insegnamenti contenuti nei Tantra aiutano a risvegliare correttamente la kundalini, cosicch il potere vitale, che lenergia nervosa a carattere sessuale, apra tutti i poteri delluomo fino al pi elevato potere spirituale. Il processo del risveglio dellakundalini una sorta di viaggio dantesco; passando dallinferno al paradiso si scopre, infine, che essi sono luno limmagine speculare dellaltro e che solo affrontando e imparando a dominare il proprio spirito animale lindividuo pu accedere ai pi alti regni dellilluminazione e della liberazione. Luomo deve affrontare la propria anima nera, non pu evolversi se non passa per la liberazione, lascensione e la conseguente trasformazione dellenergia aggressiva, sessuale. Come nelle favole e nelle leggende, da questo confronto si esce vincenti o dannati. Soltanto chi puro riuscir a superare questa prova. solo chi ha una meta di vera conoscenza ed evoluzione non si perder negli oscuri labirinti della sere di potere e dellavidit. In generale, per arrivare a quello stato esistenziale che si chiama Amore occorre trovare un equilibrio fra le caratteristiche del secondo e terzo chakra. Infatti, se rimaniamo a met tra il secondo e il terzo vortice energetico, ci ritroviamo sballottati in un continuo e apparentemente infinito altalenare di sentimenti. Le dinamiche affettive (marcare i nostri confini, ricercare lintimit, ritrovare lio allinterno dellunit con il partner) invadono la nostra mente fino a far sembrare inconciliabile la possibilit di essere noi stessi ed essere in relazione. Se le dinamiche di coppia ruotano principalmente intorno a questi due chakra, il rapporto difficilmente riuscir appagante e sar invece fonte di nuovi attriti, discussioni, analisi; qualcosa in noi si stancher per la mancanza di pace, soddisfazione e amore. Durante latto sessuale ci sar eccitazione ma mancher quellerotismo pi profondo che ci coinvolge e soddisfa pienamente. Nellevoluzione dei chakra riscontriamo queste sensazioni: nel primo chakra proviamo piacere e sicurezza nel corpo; nel secondo chakra entriamo in contatto con laltro, con lerotismo e lintimit; nel terzo chakra definiamo il nostro io, la forza attiva e la volont; nel quarto chakra amiamo incondizionata- mente; nel quinto chakra esprimiamo gli impulsi interiori in modo autentico; nel sesto chakra ci apriamo allintuizione e alla comprensione dei messaggi sottili.

12 | P a g .

Come possiamo notare, i chakra dispari rinforzano lessere, mentre quelli pari ci mettono in contatto con gli altri e con il mondo. Riuscire a entrare in intimit con laltro (secondo chakra) pur percorrendo la nostra strada (terzo chakra) sono elementi ugualmente importanti per poter amare nel senso pi profondo e autentico del termine. Fino a che avremo problemi nel raggiungere lintimit e vivremo sempre sentendoci abbandonati, invasi dallaltro o inautentici, non saremo bilanciati nel nostro baricentro, il secondo chakra. Imparare a bilanciare il rapporto in questo senso indispensabile per mettere in comunicazione re e sesso. Ecco perch a volte succede che linnamoramento finisca, perch incontra nei partner un io ancora troppo debole. La carica erotica iniziale ha aperto la strada, ma non sufficiente per mantenerla sgombra in eterno. Trovare una stabilit del proprio Io necessario per mantenere in vita la relazione. Stabilit emotiva, solidit caratteriale e costanza si sviluppano attivando il plesso solare, e rendono superfluo chiederci se siamo potenti o no, dominati o dominatori, giudicati o giudici, se esercitiamo un controllo o lo subiamo. Solo quando la relazione non pi permeata da questi temi lenergia pu salire il gradino per arrivare al quarto chakra. Intraprendendo la ricerca per comprendere le dinamiche di coppia e per rinforzare il secondo e il terzo chakra, possiamo sperare di arrivare al quarto e di proseguire senza ulteriori grandi sforzi, lasciandoci guidare dallamore. Se invece attraversiamo queste fasi, la passione iniziale si affievolir e lenergia complessiva della coppia si appiattir e ritorner ai livelli normali, simili a quelli conosciuti prima dellinnamoramento. Chiaramente il percorso dellenergia non sempre cos lineare dal basso verso lalto: per alcuni procede in senso opposto; per altri non inizia dal primo chakra, ma dal secondo o dal terzo; pochi cominciano dal quarto per risolvere successivamente le tappe evolutive connesse al secondo o al terzo; per qualcuno, ma raramente, inizia da chakra ancora pi alti. Le persone che vivono e si esprimono attraverso i primi tre vortici energetici si dimostrano solide e compiacenti sia verso se stesse sia nei confronti degli altri. Al contrario, quanti reprimono i primi tre chakra e arrivano in prevalenza nei centri energetici superiori, bench intelligenti e creativi, vivono in una sorta di realt parallela, intessuta di originalit e fantasia. Bilanciare le forze e sviluppare il secondo e terzo chakra per agire e sentire sempre di pi dalle energie che gli sono proprie, anzich dagli strati esteriori, non indispensabile solo per amare, ma naturalmente anche per fare buon sesso. Infatti, fino a che siamo poco equilibrati nel secondo centro e usiamo il sesso per tenere incollato il rapporto, legare il partner a noi o compensare una carenza di intimit, lenergia del primo chakra rimarr perennemente al servizio delle strategie del secondo e il piacere non potr svilupparsi liberamente. Quando avremo imparato ad accettare sia la solitudine sia lintimit, allora potremo assaporare il sesso per quello che : unenergia forte, piacevolissima, capace di colmare e nutrire il nostro corpo fisico portandoci alle pi alte vette dellessere. E abbastanza diffusa lopinione che abbracci e carezze siano spesso usati per arrivare al sesso e che questa strumentalizzazione disturbi la relazione. Purtroppo non altrettanto comune lopinione contraria, cio che usare il sesso per ottenere contatto intimo e affetto sia altrettanto nocivo. Possiamo affermare, in linea generale, che qualsiasi chakra lascia una ferita se viene utilizzato a favore delle strategie di un altrochakra, perch sfrutta unenergia profonda per uno scopo che non gli proprio: la difesa.

P a g . | 13

Possiamo usare il sesso per sentirei pi maschili o femminili; usare lamore per coinvolgere il partner; i sentimenti per controllarlo; lintuizione per sedurlo; la conoscenza per manipolarlo; il carisma per evitare intimit. In tutti questi casi stiamo abusando di unenergia che invece dovrebbe essere vissuta e aiutata a realizzarsi per quello che , e anche se otterremo lo scopo a lungo andare non faremo che ostacolarci, limitandoci nella crescita. Pi siamo in contatto con lenergia chiara e pulita del chakra, e maggiormente crescer lintesa a due, la stima di s e del partner, la qualit del sesso, arrivando a risvegliare lamore nel quarto chakra. Questo, a sua volta, ci aiuter a comprendere meglio i primi vortici energetici, a essere pi sinceri, accettando i nostri limiti e affrontando con pazienza e indulgenza le eventuali difficolt della nostra vita sessuale.

Esercizi tantrici
Ecco quattro esercizi di Tantra bianco (o Tantra della mano destra) per la coppia. 1 Sedetevi di fronte al partner e guardatelo negli occhi, permettendo cos lincontro dei vostri campi magnetici. In questo modo si creer un flusso di energia positiva in cui le angosce e le fobie che impediscono il contatto con laltro si risolvono nella comprensione reciproca. 2 Sedete con la schiena a contatto con quella del partner e tenete le mani in grembo. Espirando, piegatevi fino a toccare con la fronte il pavimento, poi inspirate tornando in posizione eretta. Quindi inclinatevi indietro appoggiandovi alla schiena del partner, che ripeter gli stessi movimenti. Continuate per cinque minuti. 3 Krya del loto. Sedetevi luno di fronte allaltro a gambe divaricate, congiungendo le piante dei piedi e prendetevi le mani. Guardandovi negli occhi e inspirando sollevate le gambe a 45. Mantenete questa posizione finch potete. Poi ritornate alla posizione iniziale espirando. 4 Sedete a gambe incrociate o sui talloni, uno di fonte allaltro, guardatevi negli occhi e portate a contatto le palme delle mani. Cominciate a muoverle come per pulire il vetro di una finestra. Continuate per almeno tre minuti. Asvini mudra Gli esrcizi di Tantra Asvini mudra, o mudra della giumenta, lavorano sulla contrazione e il rilassamento degli sfinteri anali. Esecuzione 1: sedetevi a terra gambe incrociate, con la schiena e il collo eretti e gli occhi chiusi. Respirate normalmente. Contraete i muscoli sfinterici dellano per alcuni secondi. Poi rilassateli per alcuni secondi. Ripetete pi volte. Esecuzione 2: inspirate contraendo contemporaneamente lano. Trattenete il respiro mantenendo in contrazione i muscoli sfinterici. Espirate e rilassate i muscoli. Ripetete pi volte. Benefici: gli esercizi costanti consentono di migliorare il controllo sui muscoli sfinterici dellano e, quindi, aiuta a canalizzare lenergia sessuale. assai utile per contrastare alcune forme di impotenza.

14 | P a g .

Vajroli mudra Vajroli mudra, detto anche mudra del fulmine. Esecuzione: sedendo a terra con le gambe incrociate, ponete le mani sulle ginocchia, chiudete gli occhi e rilassatevi. Cercate di elevare gli organi sessuali contraendo la parte bassa delladdome (questa contrazione simile a quella che si fa quando si vuole trattenere la minzione). I testicoli nel maschio e la vagina nella femmina dovrebbero muoversi un po verso lalto. Benefici: questo mudra influisce sul canale psichico che fornisce energia agli organi sessuali. Praticandolo si pu controllare lenergia vitale che si perde normalmente dopo leiaculazione. assai utile per contrastare alcune forme dimpotenza. Alcune regole doro del sesso tantrico Rilassarsi profondamente. Liberare il pensiero dallossessione di provare e far provare piacere a tutti i costi. Fare lamore con calma e lentezza. Aprirsi mentalmente verso se stessi e i propri sensi. Evitare gli stimoli esterni e ogni possibile fonte di distrazione (rumori fastidiosi, tv ecc.). Respirare consapevolmente. Mano sul cuore Sedetevi comodamente con le gambe incrociate di fronte al vostro partner. Appoggiate la mano destra allaltezza del chakra del cuore del vostro compagno e tenete la vostra mano sinistra sulla mano destra del partner. Sintonizzate il ritmo dei vostri cuori e del vostro respiro. Meditazione energizzante La posizione che dovete assumere per sperimentare questa tecnica e quella detta del cucchiaio. Entrambi distesi sul fianco sinistro, stabilite chi dei due ha pi bisogno di ricevere energia in quel determinato momento. Il partner che si posiziona dietro svolger il ruolo del donatore, anche se lo scopo dellesercizio e di riequilibrare entrambi. Dopo qualche secondo ascoltate il respiro del vostro partner e sincronizzate il vostro. Yab- Yum Yab-Yum (che in tibetano significa madre-padre) una tipica posizione del sesso tantrico, forse la pi rappresentativa in assoluto. Negli esercizi di tantra Yab-Yum, i due partner sono seduti uno di fronte allaltro: luomo siede nella posizione del loto (padmasana) mentre la donna assisa sul suo grembo con le gambe strette attorno al bacino del partner e le mani intrecciate dietro al collo, in uno stato di abbandono totale. Rimanete immobili in questa posizione e prolungate labbraccio affinch lo scambio energetico risulti passivo e naturale. Questa posizione allinea i chakra della coppia e permette ai partner di sintonizzare il respiro e di unire i chakra della fronte.

Hatha Yoga e Tantra


Lo yoga offre i mezzi per trovare chiarezza, per purificare corpo e mente, per aprirsi a una visione superiore, per diventare uomini e donne pienamente realizzati, anche nella sfera sessuale. Il Tantra kriya yoga nella tradizione indiana detto Vama marga, o Via della mano sinistra: si tratta di un complesso di tecniche che permette di muovere consapevolmente lenergia attraverso le nadi; a differenza di altre forme di yoga, dove

P a g . | 15

lunione sessuale ridotta al minimo o addirittura sconsigliata, nel Tantra viene utilizzata per facilitare il risveglio e il bilanciamento delle energie del corpo. Le tecniche utilizzate comprendo- no la pratica delle asana, per la purificazione del corpo e delle nadi, del pranayama, per controllare la circolazione delle energie, della meditazione (dhyana) per sintonizzarsi con la coscienza divina, dei mantra, dei mudra e dei bandha; vengono praticate inoltre visualizzazioni e concentrazioni sugli yantra, e il maithuna, ovvero lunione sessuale sacralizzata.

Asana utili allamore


Le tecniche presentate in questa sezione, per quanto possano avere effetti profondi, sono da intendersi come preliminari ed hanno lo scopo di preparare il discepolo a pratiche pi avanzate e pi specificamente erotiche. SURYA NAMASKAR Il saluto al sole consiste in una sequenza di posizioni yoga (asana) utilissime per imparare a lasciarsi andare e ad aprirsi allaltro. Dal punto di vista fisico, inoltre, tonifica i muscoli della fascia addominale, coinvolta in maniera importante nellamplesso. Il consiglio di eseguirla quotidianamente per poterne ricavare maggiore tonicit muscolare e trarne cos beneficio anche nella sfera sessuale. MARJARIASANA Detta anche gatto dinamico, un esercizio che se praticato con regolarit, aiuta a rendere molto flessibile la colonna vertebrale, scioglie la muscolatura del bacino e massaggia alcune importanti zone di agopuntura che presiedono alla formazione del seme umano. Mettetevi in posizione carponi: le mani a terra devono avere la stessa distanza delle spalle. Tenete le braccia perpendicolari al suolo, le ginocchia divaricate e le punte dei piedi unite. Inspirando, sollevate il capo guardando di lato e marcate il dorso, spingendo la pancia verso terra. Espirando, abbassate il capo fra le braccia e portate la schiena a curvarsi in posizione contraria. Continuate cos, lentamente, per diverse volte, abbinando ai movimenti la corretta respirazione. DHANURASANA Detta anche posizione dellarco. Sdraiatevi a terra, pancia e fronte a terra. Espirate, piegate le ginocchia, tendete le braccia indietro e con le mani afferratevi le caviglie. Espirate, sollevate le gambe alzando contemporaneamente le ginocchia e il petto da terra. Soltanto laddome deve sopportare il peso del vostro corpo. Ruotate indietro la testa e rimanete in posizione per almeno 20 secondi. Espirate, liberate le caviglie e sciogliete la posizione. Questa posizione rende la colonna vertebrale elastica, rinforza i dischi intervertebrali prevedendo il loro slittamento combatte le cifosi molto efficace a rinforzare le gonadi, che governano la sessualit, e stimola la tiroide. Agisce sui disturbi della prostata. URDHVA DHANURASANA Detta anche posizione dellarco rovesciato. Sdraiatevi a terra sui dorso. Flettete le gambe (i talloni toccano i glutei e i piedi sono paralleli e distanziati tra loro di 30 cm). Appoggiate i palmi delle mani a terra vicino alle orecchie, con le dita rivolte verso le spalle. Espirate, sollevate il tronco.

16 | P a g .

Appoggiate la sommit del capo a terra. Espirate, sollevate il tronco e la testa e arcuate la schiena in modo che il peso del corpo sia tutto sostenuto dalle mani e dai piedi. Distendete le braccia ai gomiti. Tirate in alto i muscoli delle cosce. Rimanete in posizione per almeno 30 secondi. Quindi espirate e sciogliere la posizione. Urdhva Dhanurasana consigliata in quanto rinforza la schiena e rende il corpo agile e scattante. Cura limpotenza e stimola il funzionamento delle ovaie e della prostata. HALASANA Detta anche posizione dellaratro. Sdraiatevi supini ed espirate profondamente: con il busto a terra portate le gambe in alto e poi sollevando il busto spostatele tese al di l della testa, appoggiando le dita dei piedi a terra. Tendete le ginocchia e la parte posteriore delle cosce. Tenete il tronco perpendicolare a terra. Allungate le braccia sul pavimento dalla parte opposta rispetto alle gambe. Intrecciate le dita, ruotare i polsi, appoggiate i pollici a terra, tendete i gomiti, allungate bene le braccia partendo dalle spalle. Rimanete quindi fermi in posizione per almeno 3-10 minuti. Dopodich tornate nella posizione iniziale, scioglietevi e rilassatevi. Halasana una posizione utilissima in quanto decongestiona gola e stimola la tiroide, ringiovanisce gli organi addominali e in particolare stomaco e reni; allevia il mal di schiena e rende pi agili nellesecuzione delle posizioni sessuali pi ardite. MATSYASANA Detta anche posizione del pesce. Sedetevi in padmasana (posizione del loto), sistemando cio il piede sinistro sullinguine destro e viceversa. Sdraiatevi a terra sui dorso, continuando a tenere le gambe sempre incrociate in padmasana. Distendete le braccia tese sopra la testa e mantenete tutta la schiena a contatto col pavimento. Rimanete in posizione per 30 secondi. Inspirate e tornate in padrnasana. Ripetete incrociando le gambe nellaltro senso. Con matsyasana la regione dorsale viene completamente distesa e rilassata, il torace dilatato facilita il respiro e le giunture pelviche diventano pi elastiche. Cura i disturbi delle ovaie e favorisce lo sviluppo del seno. UTTANASANA Detta anche posizione dintenso allungamento. Questa posizione yoga utile soprattutto per gli uomini. Partite dalla posizione in piedi (taaasana). Stringete e tendete le ginocchia. Espirate, flettete in busto in avanti e appoggiate le mani a terra. Non piegate le gambe alle ginocchia. Dirigete il peso del corpo in avanti verso le dita dei piedi. La testa sollevata. Tendete la colonna vertebrale. Espirate, avvicinate il busto alle cosce e appoggiate la testa sulle ginocchia. Mantenete ben tese le gambe e le rotule verso lalto (i glutei sono paralleli alle caviglie). Rimanete in posizione per circa 30 secondi respirando tranquillamente. Inspirate e sollevate la testa (senza staccare le mani da terra), rendete concava la colonna vertebrale. Inspirate e sollevate le mani da terra e tornate in tadasana. In questa posizione si richiede grande forza a livello addominale per piegare il corpo in due e permettere alle mani di toccare i piedi. In questo modo, lenergia scorre in un circuito chiuso creato dalla posizione stessa. unasana eccellente per riscaldare il corpo allinizio della pratica. BADDHA KONASANA Detta posizione del ciabattino. Si tratta di una posizione utile soprattutto per gli uomini perch permette di eseguire un profondo massaggio alla prostata e in generale a tutti gli organi del basso ventre. La potete eseguite stando seduti a terra, con le gambe allungate in avanti e i piedi disposti a martello. Piegate le gambe, unite le piante dei

P a g . | 17

piedi e avvicinateli al perineo, divaricate le cosce e abbassate le ginocchia fino a terra. Tenete con le mani le dita dei piedi. Spina dorsale ben eretta. Appoggiate i gomiti sulle cosce spingendole in basso. Espirate, flettetevi in avanti, appoggiate a terra la fronte, poi il naso e infine il mento. Rimanete in posizione per almeno 30 secondi. Quindi inspirate e sciogliete la posizione. La posizione del ciabattino utile a chi soffre di disturbi a reni, ovaie, prostata e vescica perch consente unottima irrorazione sanguigna di tutte queste zone. JANU SIRSASANA Detta posizione della testa verso il ginocchio. Questa posizione, utile soprattutto per gli uomini, permette di eseguire un profondo massaggio alla prostata e in generale a tutti gli organi del basso ventre. Sedetevi a terra, con le gambe distese, con i piedi a martello. Piegate la gamba sinistra, quindi appoggiate il piede allinterno della coscia sinistra (il tallone sinistra bene a contatto col perineo). Spingete ora il ginocchio sinistro il pi indietro possibile, cos che la gamba pi alta possa tendere il corpo. Afferrate con le mani il piede destro, tendere la gamba destra con la parte posteriore del ginocchio che tocca a terra. Espirate, flettete il busto in avanti ruotando lemitorace sinistro verso la gamba destra. Tendete completamente la schiena e appoggiare il torace sulla coscia destra. Rimanete in posizione per circa 30 secondi. Inspirate quindi e sollevate la testa, tendete al massimo le braccia e sciogliere la posizione. Ripetete lesercizio sullaltro lato. HANUMANASANA Detta posizione della scimmia. una posizione utilissima soprattutto per gli uomini in quanto permette di contrastare efficacemente limpotenza. E tuttavia una posizione molto difficile che richiede esercizio e molto allenamento. Attenzione quindi! Partite mettendovi in ginocchio e appoggiate le mani a terra ai lati del corpo. Allungate la gamba destra in avanti, mentre la sinistra va in dietro. Sostenete il peso del corpo sulle mani fino a che i glutei toccheranno terra, gradualmente e senza sforzi inutili che porrebbero solo rivelarsi controproducenti. Quando sarete stabili in posizione, sollevate le mani da terra, rendete le braccia verso lalto e unite i palmi. Con le braccia tese sollevate i fianchi. A questo punto rimanete in posizione per almeno 20 secondi, dopodich sciogliere e ripetere sullaltro lato. Sciogliere e rilassatevi. Hanumanasana ricontrasta efficacemente vari disturbi sessuali e svolge unottima azione stimolante sugli organi e i muscoli delladdome. PASCHIMOTTASANA Detta posizione rivolta a occidente. utile soprattutto agli uomini nel controllo delle funzioni sessuali. Si esegue la posizione da seduti, le gambe sono distese, i piedi disposti a martello e i palmi delle mani a terra, ben ancorati ai lati delle anche. Espirare e flettere il busto in avanti mentre rendere le braccia fino ad afferrare gli alluci con le dita delle mani (se non riuscite va bene anche appoggiare le mani sulle gambe). Tendere al massimo la colonna vertebrale, appoggiando bene la regione pelvica sulle cosce. Espirare e, utilizzando le braccia come fossero delle leve, appoggiare il tronco avanti sulle cosce, la fronte si protende verso le vostre tibie. La parte posteriore delle ginocchia invece poggia a terra. Mantenete la posizione da 1 a 5 minuti. Quindi inspirare, e riportate il busto in alto, sempre tenendo ben allungata la colonna, non incurvandovi e con le braccia rese. Sciogliere la posizione. Paschimottasana serve a regolarizzare le finzioni genitali nella donna ma soprattutto nelluomo.

18 | P a g .

SALAMBA SARVANGASANA Detta posizione della candela. Si comincia a eseguire la posizione da sdraiati sul dorso. Le gambe sono distese, le mani a lato delle gambe, con i palmi rivolti verso il pavimento. Espirare, piegare le ginocchia (appoggiate bene le cosce contro lo stomaco). Espirare, sollevate i glutei da terra e posare le mani sui fianchi piegando le braccia ai gomiti. Espirare, sollevare il tronco in alto, sino a che il mento tocca il busto. Posizionare le mani appena sorto le scapole (devono toccare terra soltanto: le braccia sino ai gomiti, il collo, la nuca e le spalle). Espirare, rendere le gambe con i piedi a martello. Con le gambe rese, ruotare le cosce dallesterno allinterno. Mettete il bacino in retroversione stringendo i glutei. Schiacciare bene a terra le spalle e rendere tutto il corpo. Rimanere in posizione da 3 a 15 minuti, fino a quando la posizione non diventa troppo faticosa e scomoda. Espirare, sciogliere la posizione e rilassatevi. Salamba sarvangasana calma i nervi, agisce sul mal di testa, stimola la tiroide, le ovaie e la prostata, contrasta limpotenza, la sterilit e la spermatorrea.

Migliorare le prestazioni sessuali


Un esercizio per migliorare le prestazioni sessuali Mettetevi in piedi con e gambe divaricate, scendete, espirando, nella posizione accucciata. Divaricate le ginocchia il pi possibile, portate le mani giunte davanti al petto e puntate i gomiti sulle ginocchia per divaricarle ulteriormente. La schiena deve essere ben dritta. Tenete la posizione per 30 secondi, portando la respirazione nelladdome. Poi sciogliete e sedetevi a terra. Questo esercizio rilassa i muscoli della fascia addominale e favorisce la vascolarizzazione degli organi dellapparato genitale. Lesercizio rinforza gambe e caviglie ed consigliato soprattutto agli uomini per prevenire i disturbi della prostata. Principalmente, per, aumenta la scioltezza dellarticolazione del bacino e lavora molto su inguine e articolazione coxo-femorale, con apprezzabili miglioramenti a livello di prestazioni sessuali. Sesso e salute Oltre che per la tradizione tantrica, anche secondo la medicina tradizionale cinese lerotismo rappresenta z. con- una riserva di energia, vitalit, gioia inesauribile ed fonte di benessere. Lintimit sessuale , inoltre, unir e la mezzo per ristabilire salute, armonia, longevit e per mettersi in relazione con il divino. Lenergia sessuale infatti viene considerata sinonimo della forza vitale definita chi. Questa energia, sprigionata attraverso corrette pratiche sessuali, si diffonde in tutto il corpo come un tonico, portando con s la capacit di rafforzare gli organi e guarire molti disturbi psicofisici. La medicina occidentale ha oramai accertato la veridicit di simili affermazioni, confermando il ruolo decisivo che una vita sessuale completa e appagante riveste nel prevenire tanti disturbi: emicrania, insonnia, disturbi della vista ecc. Pi virili con Io yoga Da quando stato messo sul mercato il Viagra, il concetto di disfunzione erettile ha smesso di essere un tabu e ha concentrato lattenzione dellopinione pubblica su un problema di cui soffrono non pochi uomini. Ma il Viagra, che produce effetti collaterali molto comuni come rossore del viso, mal di testa e disturbi di stomaco, non lunica soluzione possibile. Esistono altri approcci che si sono dimostrati efficaci, fra cui lo yoga. Numerose ricerche dimostrano che i benefici fisici e psicologici di certe posizioni

P a g . | 19

possono contribuire notevolmente a migliorare le prestazioni sessuali. Molte asana sollecitano il centro della forza vitale, che si trova tre dita sotto lombelico, armonizzando tutte le attivita, comprese quelle sessuali. Per potenziare le prestazioni erotiche, sono utili gli esercizi che coinvolgono il pavimento pelvico. Tra questi uttanasana, baddha konasana e janu sirsasana che aumentano lafflusso di sangue, appunto, nellarea pelvica.

Bandha e kryia
Per migliorare lattivit sessuale molto importante tonificare i muscoli della zona genitale. A tal fine lo yoga suggerisce la tecnica dei bandha, che permette di controllare coscientemente, con una serie ci contrazioni, organi e nervi, stimolando direttamente il sistema nervoso neurovegetativo (simpatico e parasimpatico). I bandha pi importanti dello yoga sono: Jihva bandha (contrazione della lingua); Jalandhara bandha (contrazione della gola); Uddyana bandha (contrazione addominale); Mula baridha (contrazione del perineo). Si tratta di contrazioni muscolari interne che completano gli esercizi di respirazione profonda e consapevole del pranayama e ne amplificano la potenza. Il migliore di tutti i bandha uddyana bandha. Allontana il decadimento fisico ed ha effetto di ringiovanimento e tonificazione delle fasce muscolari addominali. Non eseguite mai la contrazione con laria presente nei polmoni. Gli intestini e lo stomaco devono essere sgombri. La fase preparatoria allesecuzione di questo prezioso bandha pu durare circa un mese e si pu eseguire sia in piedi (con le gambe leggermente divaricate e le braccia lungo i fianchi) sia da distesi. Concentratevi sui muscoli delladdome contratti a abbassate e alzare ritmicamente il diaframma per una decina di volte. Soffermiamoci ora, nello specifico, nella preparazione allesercizio nella posizione in piedi. Le gambe divaricate sono leggermente flesse, i piedi distano circa 30-50 cm luno dallaltro. I gomiti sono piegati vicino ai fianchi, le mani appoggiate sulle cosce con le dita rivolte in dentro. Il mento ben appoggiato contro la gola jalandhara bandha). Rilassare i muscoli addominali. Sollevare e curvare un poco in avanti le spalle. Inspirare profondamente gonfiando il ventre (respirazione addominale yogica). Espirate vigorosamente e rapidamente a fondo. Quindi bloccare il respiro. Eseguire una falsa inspirazione allargando le costole e tirando aria dal di dentro. Il ventre viene in tal modo risucchiato verso lalto come se fosse stato aspirato allinterno senza contrazione muscolare, ma grazie al sollevamento del diaframma. Conservare questa ritenzione per cinque secondi senza irrigidirvi, laddome deve restare rilassato. Abbassare dolcemente le costole e inspirate normalmente rilasciando il ventre. A questo punto espirando di nuovo a fondo come prima, ricominciare fino a cinque volte tenendo sempre il mento premuto contro la gola. Lallenamento progressivo consiste in un non esagerato prolungamento della ritenzione, pi che nella ripetizione delle fasi. Per il massaggio profondo operato sulle viscere ha molti effetti positivi, riduce ladipe addominale, conferisce snellezza e vigore a tutto il corpo e rende pi tonici e bene predisposti ad affrontare latto sessuale. Mulabandha, altro bandha fondamentale, consiste nella contrazione del perineo e si esegue cos: inginocchiatevi a terra, seduti col perineo premuto sui talloni.

20 | P a g .

Le mani sono aperte e appoggiare sul pavimento, gli occhi socchiusi e il corpo rilassato. Espirare profondamente, quindi bloccate il respiro. Eseguite jalandhara bandha. Contraete, sollevandoli, tutti i muscoli della regione perineale compreso lano. Mantenere la contrazione finch si pu. Allentate la tensione. Rialzare la testa e inspirare piano. Le contrazioni perineali agiscono sul sistema nervoso simpatico, rinforzano i muscoli del basso ventre, stimolano la peristalsi intestinale e tonificano tutta la parere muscolare della zona genitale rendendovi pi tonici durante lamplesso. Per evitare disturbi al sistema digestivo evitare comunque di effettuare contrazioni troppo violente e troppo prolungate. Mulabandhai si pu praticare ovunque, in qualsiasi momento e posizione. Inspirando contraete perineo, ano, addome, glutei e organi genitali. Mantenere la contrazione trattenendo il respiro. Poi, espirando, rilassatevi.

P a g . | 21

Principi e segreti del Tantra


Raccoglimento, meditazione e cura di s
Il Tantra mette in luce le dinamiche affettive della vita a due e ci offre delle soluzioni pratiche per uscire dalla routine dilatando il tempo dellamore e della passione. Grazie alle antiche tecniche tantriche impariamo a sciogliere uno dopo laltro, semplicemente e con dolcezza, tutti i nodi che ci impediscono di scoprire i tesori del nostro corpo e di quello del nostro compagno. Nella pratica del Tantra, uno dei segreti pi grandi che possiamo far crescere insieme dentro di noi il desiderio e il suo soddisfacimento, senza che nessuno dei due esaurisca laltro. Con il Tantra impariamo che la sessualit rivelazione, congiungimento con il cosmo, e offre alluomo e alla donna la possibilit di acquisire una completa conoscenza di s vivendo lattimo con passione e controllando i intensit delle emozioni. Tantra significa trarre piacere dalla genuinit e sincerit del contatto con il partner. Per esempio importante imparare a guardare il proprio partner, a toccano, ad ascoltare la sua voce. Prima di incontrarlo, per, fondamentale raccogliersi in se stessi, attraverso la meditazione, la danza, o anche con un bagno o una doccia rivitalizzanti; limportante essere consapevoli e saper ritrovare in questi momenti la propria pienezza. Il Tantra consiglia di iniziare un incontro amoroso con un saluto rituale per ricordarvi che state entrando in contatto con lo spirito del vostro compagno. Nella prima fase, a occhi chiusi, raccoglietevi profondamente in voi stessi, poi riaprire gli occhi per riconoscere lessenza del partner e inchinatevi fino a unire le fronti in corrispondenza del terzo occhio (ajna chakra). Tenendo gli occhi aperti guardate il partner e unitevi mentalmente a lui; staccatevi poi lentamente, mantenendo per il contatto oculare reciproco. La danza Grazie alla danza potrete liberare lenergia creativa e sessuale in un movimento istintivo che diventa facilmente estasi. Ballate da soli prima dellincontro con il vostro partner o ballate con lui per entrare in armonia e liberare le vostre energie. Bagno erotizzante Fare il bagno insieme e un ottimo inizio per un incontro sessuale tantrico. Lavarsi, massaggiandosi reciprocamente e facendosi inebriare dalle essenze aromaterapiche dei sali disciolti nellacqua, agevola il contatto tra i corpi e le menti, preparandole a ununione fisica prolungata. Per un bagno afrodisiaco unite tre gocce di olio di zenzero e tre gocce di sandalo allacqua della vasca. Olio profumato fai da te Per preparare un olio profumato che favorisca leccitazione degli amanti, basta semplicemente procurarsi alcuni estratti naturali in erboristeria, da diluire poi nelle proporzioni descritte qui di seguito in alcol puro: un quarto di alcol puro (quello utilizzato per i liquori); 10 gocce di essenza di muschio; 5 gocce di essenza di rosa; 4 gocce di essenza di verbena; 3 gocce di essenza di vaniglia.

22 | P a g .

Creare la giusta atmosfera


importante prestare molta attenzione ai colori della camera in cui si svolger lincontro sessuale. Il colore una propriet della luce composta sia da frequenze sia da lunghezze, per esempio il rosso caratterizzato da una lunghezza donda pi corta e da una vibrazione pi lenta, mentre il viola ha una lunghezza donda pi corta ma una vibrazione pi rapida; questa distinzione importante perch i colori, a seconda della loro particolare lunghezza donda e della vibrazione, possono assumere valenze positive o negative, favorendo o meno lincontro intimo col partner. Possiamo quindi affermare che il colore rosso il pi indicato per una stanza che dovr ospitare un incontro sessuale, perch associato al primo chakra (muladara) che influenza positivamente la sessualit, la volont e la forza vitale. Chi non dispone di una stanza di questo colore, potr rimediare con un gioco di luci e bruciando un buon incenso bianco naturale. Infatti la potenza dei profumi indissolubilmente legata alla carica erotica, alla capacit di evocare ricordi e immagini sensuali, contribuendo cos al raggiungimento delleccitazione; gli antichi riconoscevano notevoli poteri ai profumi in genere e agli incensi in particolare: la lo r preparazione e la conservazione venivano considerate arti sacre. Nel sesso tantrico attribuito un valore fondamentale allutilizzo di profumi sotto forma di essenze o fumigazioni. Ciascun aroma derivante da piante e resine ha un preciso corrispondente sul piano zodiacale e planetario queste corrispondenze, collegate anche a specifiche parti del nostro corpo e ai centri energetici, danno origine a particolari vibrazioni e favoriscono il risveglio e il potenziamento di kundalii. Nella pratica sessuale tantrica, luso dei profumi dunque di fondamentale importanza; nella preparazione allamplesso previsto un momento in cui i partner si massaggiano a vicenda con creme profumate e con movimenti circolari concentrati sul plesso solare (la zona attorno allombelico), sulle palme delle mani, lungo la colonna vertebrale con movimenti che procedono dallalto verso il basso, arrivando in prossimit del coccige e risalendo verso lalto. Il massaggio viene eseguito in questo modo: i due pollici accompagnano delicatamente landamento della colonna vertebrale avanzando in parallelo; le mani risalgono tutta la colonna fino alla base del collo dalla quale poi ridiscendono delicatamente verso il basso, ripetendo pi volte il movimento ascendente/discendente. Il massaggio reciproco serve ad aumentare leccitazione, e permette a entrambi di prendere contatto luno col corpo dellaltro, di percepirne le vibrazioni delleccitazione e ogni emozione inespressa. Gelsomino, geranio, rosa, muschio di quercia, patchouli, sandalo: sono queste le essenze floreali profumate maggiormente stimolanti. La rosa il fiore per eccellenza, il simbolo universale dellamore, sacro e profano. Il suo profumo d un senso di sicurezza e darmonia e permette di superare individualismo ed egocentrismo. Attiva il chakra del cuore (anahata chakra) e induce a permeare i nostri pensieri e le nostre azioni con lenergia dellamore puro e disinteressato. Laroma della rosa unisce armoniosamente il sacro e il sensuale e aiuta a spiritualizzare le relazioni sessuali. Il sandalo, profumo di base nella profumeria tradizionale, fissa gli aromi fioriti, ed ha effetti afrodisiaci e mistici.

P a g . | 23

Respirarlo chiudendo gli occhi procura un piacere intenso, unestasi che dai centri olfattivi si espande in tutto il corpo. E una fragranza che raccoglie lessenza dellOriente, delle favole delle Mille e una notte e dei miti narrati dal Baghavad Gita. Il legno di sandalo armonizza il chakra della base (muladhara) con quello della corona (sahashrara), il primo e lultimo, e quindi mette in relazione e riequilibra tra loro i chakra intermedi. Gli si attribuisce la capacit di trasformare lamore carnale in esperienza spirituale ed usato a tale scopo nellarte del Tantra. Inoltre, viene usato nelle persone che soffrono di depressione lieve e di difficolt nellespressione della sessualit, perch il suo profumo libera la mente dalle paure e dalle inibizioni. Anche le luci giocano un ruolo importante nellincontro amoroso: le candele sono di gran lunga la scelta migliore, preferibili sia alla luce artificiale, fredda e asettica, sia anche al buio totale. La luce fioca delle candele carezzevole e suadente: riflette sulle pareti della stanza sfumature, tremolii e oscillazioni imprevedibili, quasi ad accompagnare la danza amorosa dei partner. Le candele danno un tocco di serenit e di mistero al tempo stesso: permettono di vedersi riflessi nello specchio, senza scorgere distintamente le sagome dei corpi, aiutano insomma ad accendere la fantasia degli amanti pi di qualunque altra forma dilluminazione. Lalcova E di grande aiuto, per praticare il Tantra, creare un ambiente avvolgente, con unatmosfera quasi mistica: incensi, tessuti naturali, colori caldi e un sottofondo musicale rilassante, contribuiscono a definire il contesto pi favorevole allincontro tantrico. Champaka e il gelsomino E un profumo indiano estratto dal gelsomino rosso e viene utilizzato negli incensi e nei riti Tantra per risvegliare lassopita energia kundalini. Lestratto di gelsomino, fiore notturno che non emana il suo profumo di giorno, e ricavato dai fiori raccolti allalba. Occorrono circa un milione di fiori per produrre i kg di essenza. Della sua fragranza magica ed erotica sono impregnate sia le favole persiane e arabe, sia la tradizione ind, Il gelsomino euforizzante e stimola la produzione dellenkefalina, una sostanza liberata dallipofisi capace di inibire il dolore, procura uno stato di benessere e dissolve le paure legate alla sessualit. Il suo profumo sensuale afrodisiaco naturale e privo di controindicazioni; aiuta a superare i blocchi emotivi e stimola la libido.

Bevande inebrianti
Spesso i Tantristi si servono di bevande eccitanti che agevolano il rilassamento e facilitano leuforia; questa usanza appartiene principalmente al Tantra della mano sinistra, filone della tradizione tantrica che ci insegna tutto quando possibile sapere sulle bevande inebrianti. Gi nel mondo antico infatti si conoscevano le propriet di alcune bevande come stimolanti delleccitamento o, comunque, di particolari stati di coscienza. Per esempio, il soma, una bevanda inebriante ricavata dallAsclepia acida, detta anche bevanda dellimmortalit, cio amrita, termine affine al greco ambrosia. Nel tantrismo, il vino viene definito acqua di sapienza (jnanamrta), oppure acqua causale (karanavari); grazie a queste bevande si esegue un rituale, volto al risveglio dellakundalini, che prende il nome di pancatattva, ovvero rituale dei Cinque Elementi. I Cinque Elementi sono nellordine: la donna(maithuna), il vino o in

24 | P a g .

alternativa unaltra bevanda inebriante (madya) laria (mamsa), il fuoco (matsya) e lacqua (mudra).Per il fatto che la lettera m appare in tutti gli Elementi, questo rituale prende anche il nome di cerimonia delle Cinque M(pancamakara). T afrodisiaco La radice del ginseng popolare da sempre come afrodisiaco e potente ricostituente. Potete preparare un delizioso te afrodisiaco mescolando alcune spezie con la radice di ginseng secco. Procuratevi in erboristeria quantit eguali di corteccia di cinnamomo e di cardamomo verde in polvere. Aggiungete un piccolo pezzo di radice di zenzero fresco ridotta in polpa. Aggiungete 9 grani di pepe nero, 2 o 3 chiodi di garofano, un po di noce moscata e un pizzico di zafferano. Il miscuglio va fatto bollire a fuoco basso circa 10 minuti, dopodich va filtrato e gustato come un normale infuso, con laggiunta di radice di ginseng schiacciata. Linfuso cosi ottenuto va fatto riposare e poi consumato, a piacere, caldo o freddo, con laggiunta o meno di un cucchiaino di miele. Infuso alla menta La menta era apprezzata nellantichit per le sue propriet afrodisiache: era ritenuta capace infatti di risvegliare gli ardori sopiti degli amanti. Ecco come preparare un infuso afrodisiaco con la menta. Fate bollire un litro dacqua, aggiungete 30 g di foglie di sommit fiorite di menta piperita secche o fresche. Lasciatele in infusione per 10 minuti. Quindi filtrate e bevetene una tazza con un cucchiaino di miele.

La protezione psichica del partner


Il segreto del Tantra che per raggiungere lorgasmo tantrico, detto orgasmo di valle, non bisogna impegnarsi per il raggiungimento di al cu obiettivo particolare: il segreto semplicemente quello di rilassarsi e abbandonare qualsiasi ansia da prestazione che spesso rende il viso dei partner serio e contratto. Luomo in particolare deve imparare a vincere lansia legata al mantenimento di unerezione perfetta: sar sufficiente infatti il semplice contatto fisico. Inizialmente i muscoli del corpo sono piacevolmente rilassati: quindi luomo non deve tentare di prolungare lerezione contraendo i muscoli pelvici, mentre la donna, se vuole, pu muovere i muscoli vaginali stimolando cos lirrorazione delle pareti e favorendo leccitazione. Una cosa che pu accadere che la donna pur non raggiungendo lorgasmo si senta appagata dal nuovo tipo dintimit sperimentato col proprio partner. Si crea infatti una condizione di benessere fisiologica dovuta a una situazione psicologica preesistente di relax, di coccole, di scambio di affettuosit tra i partner, di comunicazione della reciproca accettazione. Infatti, mantenendo la posizione per un lasso di tempo di almeno trentacinque minuti, avviene una reazione fisica che fa s che le onde cerebrali dei due amanti si sintonizzino sullo stesso livello. Al contrario, affrontare i rapporti sessuali con una forte, o latente, ansia da prestazione e senza aver creato nella fase dei preliminari una situazione di protezione psichica, produce affaticamento cerebrale e dispersione energetica in quanto il cervello costretto a lavorare a un ritmo fatto di onde corte e veloci. Energie preziose vengono cos sottratte al fisico che, come inevitabile conseguenza, vede notevolmente diminuita la sua capacit di percepire sensazioni piacevoli derivanti dal contatto con il partner.

P a g . | 25

Se invece ci si rilassa, il ritmo del lavoro cerebrale rallenta e le onde che lo contraddistinguono si allungano. In questo stato le energie consumate dalla mente sono pochissime e lorganismo si serve di tutte le forze disponibili per rigenerarsi e curare eventuali disfunzioni. Nel caso di una coppia che prova lesperienza del sesso tantrico (ma anche in qualsiasi situazione in cui si accomunati da una situazione e da sensazioni rilassanti) le onde cerebrali non solo rallentano ma si sintonizzano sulla stessa lunghezza donda. Insomma bisogna dare a se stessi e al proprio corpo il tempo di sintonizzarsi con il partner. Questa situazione di unione profonda tra i partner che si viene a creare in un incontro sessuale davvero intimo, fa s che scompaiano le ansie di ottenere un risultato, e rafforza lunione della coppia. Questo, unito alle sensazioni piacevoli generate da un abbraccio fisico e genitale, consente lestasi che gli estimatori del sesso tantrico raccontano e consigliano a tutti di sperimentare in prima persona.

La fantasia e il gioco
E' importante che nel matrimonio non ci si abbandoni troppo alla monotonia; un incontro sessuale fugace e insoddisfacente, e soprattutto legato al senso del dovere, impedisce di raggiungere la sfera pi intima della coppia e alla lunga fa perdere interesse nei confronti del partner, la cui presenza comincia a essere data per scontata. Le stimolazioni erotiche sono cerebrali ancor prima che genitali, e la fantasia uno degli afrodisiaci pi incredibili e potenti. Si pu ricorrere a un po dinventiva infatti nella scelta del posto dove fare lamore: il letto evidentemente uno dei luoghi possibili, ma il meno usato da tantrici e taoisti. Rotolarsi insieme in un prato o sulla spiaggia lascia spazio a effusioni pi libere, fa sentire pi vivi e mette in contatto con le vibrazioni cosmiche presenti nella natura. Se per usate il letto, assicuratevi che sia grande e comodo. Non sceglietelo n troppo duro e compatto n troppo soffice, e diffidate del letto ad acqua, invenzione americana pi adatta a favorire il rilassamento e a migliorare la qualit del sonno, che non a ospitare lincontro amoroso tantrico. Il letto migliore la classica pedana in legno (o a riloghe) con un materasso ortopedico, per il quale consigliamo di non badare a spese: un investimento impagabile in termini di salute e di comfort. La tradizione orientale predilige da sempre letti bassi e molto grandi che lasciano libero spazio alla fantasia degli amanti. Guanciali e cuscini di varie fogge e colori sono indispensabili per stimolare la creativit a letto. In Cina, per esempio, era di uso comune un particolare cuscino a forma di mezzaluna utilizzato per sostenere le natiche della donna durante latto sessuale: si rivela un valido aiuto nella penetrazione profonda. Anche in mancanza di questo cuscino particolare, si pu tranquillamente ricorrere a un cuscino tradizionale. Limportante la fantasia: usate pi spazio possibile e variate di tanto in tanto, trovando spazi differenti per fare lamore: molti angoli inconsueti della vostra casa possono trasformarsi in luoghi perfetti per i vostri momenti di passione.

26 | P a g .

Le coppie che sanno sognare, e che hanno il coraggio di tradurre in pratica le loro fantasie erotiche, non hanno nessun bisogno di cercare fonti di eccitazione allesterno della loro relazione. I partner che movimentano i loro incontri con giochi erotici, dopo affermano di sentirsi pi vicini e uniti in maniera pi autentica. E questo avviene perch per giocare insieme, bisogna a ere il coraggio di aprirsi, di confessare le proprie segrete fantasie, le pulsioni pi intime e ci rende pi solido il legame: qualcosa che molte coppie non riescono a fare neppure dopo anni e anni di matrimonio. Questo non significa che le fantasie delluno vadano bene anche allaltro: si pu giocare, si deve giocare, ma solo con ci che stimola e re- gaia piacete a entrambi. Alcuni pensano che i giochi erotici siano sporchi e innaturali, ma nella maggior parte dei casi essi sono divertenti e innocui, esattamente come i giochi dei bambini, con in pi lo stimolo delleccitazione e dellattrazione reciproca.

L orgasmo naturale
Normalmente, tralasciando momentaneamente le pratiche del sesso tantrico, l orgasmo nelluomo si concretizza nellemissione spermatica, leiaculazione. La prostata subisce contrazioni ritmiche che spingono il fluido in essa contenuto allinterno del condotto seminale, cui segue la fase di espulsione del liquido seminale allesterno grazie a potenti contrazioni in grado di lanciarlo fino a 30-60 cm di distanza. La sensazione di piacere sessuale legata a questo meccanismo e si tratta di un processo che, una volta innescato, impossibile interrompere. Al termine delleiaculazione, nella fase cosiddetta risolutiva, leccitazione maschile sparisce rapidamente. Non solo, segue nelluomo un periodo refrattario durante il quale non gli fisiologicamente possibile rispondere alla stimolazione erotica della propria partner. Tuttavia molti uomini imparano a ridurre tale periodo a intervalli assai brevi o addirittura a ottenerne, dopo un primo coito con eiaculazione, un secondo di durata maggiore e senza eiaculazione. Nella donna l orgasmo una faccenda un po pi complessa. Viene raggiunto molto pi gradualmente e altrettanto progressivamente si esaurisce. La vagina, con le sue contrazioni serra il glande, impedendogli di uscire. Molte donne descrivendo le sensazioni che compaiono durante l orgasmo parlano di unondata dintensa consapevolezza che si diffonde nella regione pelvica e di una sorta di perdita, o forte attenuazione, della sensibilit complessiva. Il corpo risulta avvolto da una sensazione di calore spesso accompagnata da un fremito diffuso. Se l orgasmo non si presenta o viene interrotto, i fenomeni di vasocongestione e di dilatazione dei diversi organi permangono per molte ore, causando a livello emotivo delusione, irritabilit, aggressivit e la successiva depressione che molte donne manifestano dopo un rapporto. Infatti la mancata soddisfazione fa s che rimangano in uno stato di tensione in quanto lorganismo fatica a tornare autonomamente a uno stato di riposo. Sono diverse anche le sensazioni che seguono l orgasmo: solitamente luomo crolla per la stanchezza e spesso si abbandona al sonno, la donna invece avrebbe bisogno di concludere lincontro intimo con un momento di effusione. A prescindere che si

P a g . | 27

scelga o meno di praticar sesso tantrico, dopo l orgasmo, consigliamo alla coppia di restare un poco abbracciati senza avere fretta di ricomporsi, facendo cos dubitare che ci sia reale intimit col partner. Troppo spesso quando si fa lamore ci si lascia trasportare dalla fretta di arrivare all orgasmo. Nella nostra affannosa corsa verso quella meta, non facciamo altro che sorpassarci. Non siamo veramente presenti in modo consapevole, n siamo insieme allaltra persona. Ci usiamo reciprocamente e ogni nostro movimento o gesto calcolato per raggiungere lo scopo. L orgasmo lunica fonte di soddisfazione, e non siamo soddisfatti di un rapporto se non raggiungiamo un culmine e una conseguente liberazione di energia. Cos milioni di donne si angosciano perch non raggiungono l orgasmo e milioni di uomini si preoccupano perch eiaculano troppo in fretta o comunque prima di riuscire a soddisfare la propria compagna. Se non raggiungiamo il piacete insieme ci sentiamo incompleti, falliti o sessualmente inadeguati. un circolo vizioso: pi vogliamo raggiungere l orgasmo, pi non ci poniamo altro obiettivo che quello, perdendo interesse per tutte le sfaccettature emotive legate al sesso. Diventa cos un istinto, una necessit incontrollabile, che non lascia spazio alla fantasia e rende impossibile immaginare che esistono altri modi di fare lamore! E cos il nostro sesso diventa ripetitivo, alla continua ricerca di un reale appagamento che non riusciamo mai a trovare. Ormai la nostra cultura radicata in questa tendenza a raggiungere uno scopo finale e nella conseguente fretta di concludere lamplesso che reprimono o imbrigliano ingiustamente la nostra energia sessuale.

La ritenzione del seme e l orgasmo di valle


Una delle tecniche che vengono illustrate nei testi tantrici e taoisti il controllo delleiaculazione. Anche se chi si avvicina a questi testi pu pensare che bloccare o ritardate leiaculazione consista nel chiudete un rubinetto, attraverso uno sforzo fatto dal perineo o dai genitali, non ha niente a che vedete con questo. Non si tratta di bloccate lenergia, n di interrompete un processo naturale gi avviato. sbagliato pensate che la crescita spirituale debba avvenite alle spese della natura maschile; si tratta invece di una violenza, di un pregiudizio che vorrebbe che uomo, per realizzarsi, si contenesse e controllasse. Quello che realmente significa la non-eiaculazione la capacit di canalizzare, e non di frenare, quelle energie che di solito si disperdono con leiaculazione. E questo avviene se luomo impara, durante la fase di eccitazione, a espandere il contenitore energetico nel bacino in modo tale che lenergia accumulata non raggiunga quel livello di pressione che la rende insostenibile, oltre il quale essa fuoriesce insieme allo sperma, analogamente al getto di vapore emesso da una valvola di sfiato. Con lutilizzo delle pratiche tantriche, si impara a espandere questo contenitore energetico espandendone la capacit: non si tratta quindi di esercitare una giusta pressione su un punto in particolare al momento giusto, ma di una vera e propria apertura energetica, che si accompagna a una trasformazione emotiva. Focalizzatevi quindi sulle pulsioni derivanti dalla zona genitale, osservandole quasi con distacco, abbandonandovi al ritmo della respirazione lenta e addominale e lasciando

28 | P a g .

che le cose seguano il loro corso, impegnati unicamente a percepire le sensazioni nel vostro corpo per quelle che sono e non come vorreste che fossero. La pratica del Tantra ci insegna ad aprire il nostro piccolo corpo energetico e a focalizzare quelle enormi energie racchiuse dentro di noi e che ancora non conosciamo. Non una cosa semplice, richiede del tempo e molto lavoro su se stessi per liberarsi di vecchi schemi e preconcetti legati al conformismo morale. Bisogna imparare a essere consapevoli della mente cos come della propria energia sessuale. In molti testi pubblicati recentemente sul tantra si fa una certa confusione tra quello che lo stato psicocorporeo di chi impara a canalizzate lenergia sessuale, e il suo fenomeno, la sua traduzione fisiologica, e cio la non-eiaculazione. Quando si sperimenta lorgasmo di valle, si accede a uno spazio meditativo nel quale si talmente assorbiti da tutto il nostro essere che lo stimolo a eiaculare svanisce: lenergia accumulata non ha pi bisogno di uscire fuori, poich ha trovato altre strade. Non si sta pi trattenendo nulla, ma semplicemente lo stato di rilassamento tale, che la nostra carica energetica trova modo di espandersi oltre la zona genitale per raggiungere e diffondersi nei centri energetici (chakra) superiori. Quando al contrario tratteniamo leiaculazione, non otteniamo che questa carica si diffonda in tutto il corpo permettendoci di raggiungere quegli stessi livelli meditativi. Anzi, pi probabile che un simile sforzo aggiunga soltanto un carico di tensione ulteriore. Il miglior amante, possiamo affermare, semplicemente luomo completamente rilassato e perfettamente consapevole di quanto avviene dentro di lui. Il fattore che contraddistingue un rapporto sessuale tantrico da uno normale non tanto la mancata eiaculazione, ma piuttosto il picco di piacere che luomo riesce a raggiungere nella propria curva orgasmica e lo straordinario coinvolgimento fisico, emotivo e mentale che si concede prima di eiaculare. Una volta arrivati a un livello di carica superiore al solito, e raggiunta unenergia pi elevata, si pu decidere se mantenere la carica ulteriormente o godersi leiaculazione. Provando entrambe le possibilit si impara a conoscerne gli effetti sul proprio organismo. Ci sono uomini che affermano di sentirsi pi svegli e pi pieni di forza se non eiaculano a ogni rapporto, altri invece sostengono che subito dopo un rapporto senza eiaculazione si sentono bene, ma dopo qualche ora diventano nervosi e tesi. Altri ancora preferiscono eiaculare una vo1ta su due o una su tre o quattro. Il modo pi si curo per trovare la propria risposta quello di sperimentare in prima persona e capire cosa meglio per s e la propria partner. Lorgasmo di valle caratterizzato dal fatto che leiaculazione non necessaria se non se ne sente il bisogno; si pu non eiaculare oppure farlo normalmente, ma nessuna delle due cose deve essere forzata. Semplicemente si raggiunge uno stato di benessere che non richiede obbligatoriamente di raggiungere la vetta delleccitazione che corrisponde allorgasmo classico. Orgasmo di valle Quando si parla di sesso tantrico si parla spesso del cosiddetto orgasmo di valle. Questo orgasmo e caratterizzato dal riconoscimento dellirrilevanza delleiaculazione in un atto sessuale non finalizzato alla procreazione, bens al puro appagamento sensuale dei partner. Il motivo che il percorso che conduce allorgasmo comunemente inteso, produce di per se delle sensazioni cosi intense e piacevoli da rendere lorgasmo di picco superfluo. per questo che si parla di valle, termine con il quale si allude a un luogo placido e tranquillo dove bello abbandonarsi alle proprie percezioni e alla beatitudine, senza porsi per forza lobiettivo di scalare le vette del

P a g . | 29

piacere che, per proseguire nella nostra metafora, potremmo definire come il monte sopra la valle. In altre parole, il sesso tantrico indica la strada per raggiungere il piacere a prescindere dal raggiungimento del culmine delleccitazione inteso come orgasmo classico (eiaculazione).

Fusione dei liquidi organici


Nella sessualit tantrica molto importante il controllo e la successiva eliminazione delleiaculazione durante il rapporto. Nei testi tantrici tradizionali si afferma che lo sperma contiene la coscienza mentre lovulo femminile lenergia creativa primordiale. Attraverso il Tantra si cerca quindi di non disperdere lenorme energia contenuta nello sperma, ma di unirla a quella femminile che si sprigiona nellorgasmo, in modo tale da sublimare e trascendere la realt carnale dellamplesso in una dimensione pi spirituale. Secondo gli antichi saggi, il potere riproduttivo sessuale si pu trasformare in forme superiori di energia delle quali si nutre e si giova la mente dei due amanti. Cos come il cervello ha bisogno di ossigeno e di proteine per funzionare adeguatamente, la mente necessit di grandi quantit di queste energie. Questa trasformazione e canalizzazione dellenergia non avviene solo negli uomini, ma anche nelle donne che praticano il Tantra. Ormai chiaro perch lorgasmo maschile considerato una perdita di flussi vitali e di potenza, anche se sul momento pu sembrare un momento rigenerativo e rilassante. I testi tantrici, cos come quelli taoisti, sottolineano che lunico modo per luomo di riequilibrare la dispersione energetica causata dalleiaculazione consiste nellassorbite consapevolmente le secrezioni della donna. Il reciproco assorbimento si raggiunge ritraendo leggermente il membro dalla vagina e visualizzando mentalmente lassorbimento, come se fosse un fenomeno reale e tangibile. Il glande assorbe facilmente le secrezioni sessuali femminili attraverso la sottile membrana epidermica che lo riveste. Parimenti la donna pu assorbire le secrezioni maschili attraverso le pareti interne dellutero. Anche la sessuologia occidentale ha finalmente riconosciuto che quando la donna sperimenta lorgasmo produce secrezioni differenti da quelle prodotte allinizio del rapporto, che servono ad agevolare la penetrazione e la lubrificate le pareti della vagina. I testi tantrici suggeriscono alluomo di non ritrarsi frettolosamente dal corpo della partner alla fine del rapporto: quando infatti svanita lerezione, il membro diventa morbido allinterno della vagina, assorbe in modo naturale le secrezioni orgasmiche femminili. Il Tantra sottolinea anche che lassorbimento delle secrezioni femminili attraverso la bocca, le labbra e la lingua, assai benefico per lo scambio energetico tra i partner. Il mutuo rapporto orale per esempio consente la circolazione e lo scambio dei liquidi vitali. Se una donna in grado di controllare e canalizzare correttamente la sua energia emotiva, mantenendo il suo cuore calmo e composti i suoi pensieri durante lamplesso, allora essa si rivela fonte inesauribile di nutrimento psichico per il suo partner.

30 | P a g .

Sia linsegnamento taoista che quello tantrico spiegano che la maturit emotiva, lequilibrio dei partner, lautentica chiave per cogliere e realizzare lalchimia dellestasi. Nel Chandamasharaana Tantra, lorgano sessuale femminile definito come crogiuolo, vaso di trasformazione nel quale si fondono sinergicamente i liquidi maschili e femminili secreti durante lamplesso, qui si trasformano e nutrono la coppia. Una delle pi note tecniche tantriche per assorbire e trasformare la vitalit sessuale Vajrolmudra, che abbiamo introdotto gi in precedenza. Questa tecnica yogica mira a invertire il flusso dellenergia sessuale. consigliabile pertanto sia agli uomini sia alle donne che possono in tal modo imparare ad assorbire consapevolmente le secrezioni del partner e far risalire verso lalto kundalini. La donna si esercita in Vajrol/i mudra facendo in modo che lassorbimento si verifichi mediante la contrazione ritmica della pareti vaginali. La contrazione si realizza in due movimenti distinti: il primo consiste nella contrazione cosciente del muscolo dello sfintere uretrale, posto subito sotto la clitoride, che controlla lemissione dellurina. Se la donna contrae questo muscolo durante la minzione, il flusso sinterrompe per riprendere solo con il rilassamento volontario del muscolo stesso. Facendo ci la donna deve spingere la parte inferiore delladdome, alternando contrazione e rilassamento. Il secondo momento consiste in un altro esercizio yogico noto come Uddiyana bandha che preleva lenergia sessuale dalla zona genitale per canalizzarla verso i chakra superiori. Si realizza espirando profondamente e contraendo saldamente i muscoli dello stomaco. Cos facendo si forma una cavit nella parte inferiore delladdome. Un movimento aggiuntivo, detto natili, consiste nellindividuare i retti addominali dei due lati del tronco e nel contrarli in maniera alternata, dando cos limpressione di un movimento rotatorio. Questi movimenti sono eseguiti per esempio con grande maestria e apparente facilit dalle danzatrici del ventre. Ottenendo il controllo dei muscoli della zona genitale e delladdome, la donna amplifica il proprio piacere e quello del partner. Anche luomo pu trarre beneficio da questa pratica: praticate Uddiyana bandha nellamplesso lo rende capace di estrarre le secrezioni sessuali della partner attraverso il membro. La contrazione dello sfintere urinario delluomo durante il rapporto crea un vuoto interno che favorisce lassorbimento, oltre a produrre un ulteriore indurimento del membro che risulter assai gradito alla donna. Vajiroli mudra ha insomma leffetto di favorire lo scambio energetico tra i partner.

P a g . | 31

Scambio dei ruoli


Il piacere sessuale pi intenso scaturisce da un mix ben dosato di attivit e passivit e lorgasmo tantrico deriva proprio dallequilibrio tra dare/ricevere nella coppia. Lintima natura bisessuale degli esseri umani trova piena soddisfazione nello scambio dei ruoli nellatto sessuale, senza mai agire in base a rigidi schemi e a convenzioni sociali. Le dottrine tantriche sottolineano gli enormi benefici derivanti dallo scambio dei ruoli e, in generale, da un atteggiamento pi versatile e flessibile nei rapporti di coppia. A tal proposito, ecco alcuni suggerimenti pratici per le donne: Per affrontare al meglio il rapporto sessuale dovete sentirvi emotivamente sicure col vostro partner. Lautentica ricettivit richiede fiducia e senso di reciproca protezione psichica. Imparate a riconoscere e rispettare i vostri ritmi naturali e il vostro tempo di reazione agli stimoli. Forzare il proprio corpo a provare sensazioni intense prima che esso sia realmente pronto a recepire gli stimoli non utile n salutare. Affrontate latto sessuale nella consapevolezza che il vostro partner va aiutato a conoscere e a soddisfare al meglio i vostri desideri intimi. Ogniqualvolta vi sentite ispirate assumete un ruolo attivo durante il rapporto. Scambiare i ruoli e le responsabilit vi aiuter a stabilire un rapporto di empatia, e a vivere il sesso in maniera sempre nuova ed eccitante. Non permettete al vostro uomo di penetrarvi quando non siete pronte a riceverlo dentro di voi. Col tempo rischiate di andare incontro a tutta una serie di disturbi fisici ed emotivi.

Ecco ora alcuni consigli indirizzati agli uomini: Rispettare la vostra sfera intima e ritagliatevi del tempo nellarco della settimana da dedicare a unattivit sessuale appagante. Limitate il sesso alle ore della sera, quando sia voi sia la vostra compagna siete stanchi, non il modo migliore per gustate questa esperienza. Cominciate a fare lamore celebralmente, prima che fisicamente. Parole, gesti e carezze predispongono al rapporto sessuale completo. Occasionalmente assumete voi il ruolo passivo e lasciate che sia la vostra compagna a condurre il gioco. Non abbiate mai fretta: il corpo della donna ha ritmi diversi dal vostro. Lasciatele il tempo necessario per aprirsi e assecondate i suoi ritmi e le sue richieste di stimolazione. Non avanzate richieste del tipo tutto o niente: se per voi un rapporto sessuale soddisfacente consiste nel rapido raggiungimento dellorgasmo, state limitando la vostra creativit. Non fate lamore quando siete molto stanchi, anche se provate un forte stimolo.

32 | P a g .

Il Massaggio erotico
Nella lunga serie dei preliminari che conducono allestasi tantrica, il massaggio svolge un ruolo fondamentale: il tatto, infatti, pu aiutare a rinsaldare il legame di una coppia meglio di tante parole. Lessere umano ha un innato bisogno di carezze, nellinfanzia cos come nellet adulta, e la mancanza di contatto fisico provoca una serie di disturbi, sia negli uomini sia nelle donne, a riprova di quanto siano importanti i massaggi in un rapporto sentimentale. Il massaggio pu essere costituito anche da semplici carezze e lievi sfioramenti eseguiti sul corpo del partner con tocco leggero, senza basarsi su una tecnica precisa e seguendo semplicemente il proprio intuito. consigliabile in ogni caso lutilizzo di un olio per massaggi e la consultazione di testi specialistici dedicati a questargomento. In ogni caso tenete ben presente che al massaggio non deve necessariamente seguire latto sessuale completo: lobiettivo del massaggio semplicemente quello di creare unatmosfera dintimit profonda nel corso del quale la coppia si regala sensazioni piacevoli senza avere uno scopo secondario e inutili ansie da prestazione. Chi pratica il massaggio muove le mani in senso orario e impasta quasi a voler ammorbidire i muscoli del partner allungandoli e allargandoli. Chi riceve il massaggio invece sente i propri muscoli espandersi, come se il volume da essi occupato nello spazio fisico lievitasse aumentando a vista docchio. Lunico risultato da ottenere durante una sessione di massaggio lespansione della percezione, il rilassamento e lequilibrio della mente. Talvolta si sottovaluta limportanza del contatto fisico con il nostro partner, non solo come stimolante prima del rapporto sessuale, ma come fonte reciproca di piacere, di armonia, di relax profondo e completo. Recenti studi hanno messo chiaramente in luce come uno dei motivi del deteriorarsi nel rapporto di coppia sia proprio dovuto a uneccessiva trascuratezza nella ricerca dintimit. Spesso, infatti, il contatto fisico ricercato dai partner coinvolge esclusivamente la zona genitale, ed finalizzato perci al raggiungimento del solo orgasmo, in modo troppo frettoloso, superficiale e incompleto. un grosso errore pensare che la sensazione di piacere fisico dipenda unicamente allatto sessuale penetrativo: si pu ottenere infatti una gratificazione fisica altrettanto soddisfacente mediante la pratica del massaggio reciproco di tutto il corpo, comprese le zone pi remote e apparentemente non collegate in alcun modo alleccitazione sessuale, per esempio: La testa e il viso Gli avambracci e i bicipiti I palmi e le dita delle mani Lincavo delle ginocchia e dei gomiti Linterno delle cosce I polpacci Le piante e le dita dei piedi Tutte le zone del corpo dove lepidermide pi sottile e le terminazioni nervose pi sensibili.

P a g . | 33

Il massaggio in queste zone peculiari e troppo spesso trascurate, pu essere molto piacevole in quanto coinvolge punti che sono raramente stimolati, e il cui contatto provoca unimmediata sensazione di benessere e di abbandono. Carezze, coccole e massaggi permettono di recuperare lemozione e il piacere del contatto totale dei corpi e di riscoprirsi, pelle contro pelle, liberi di vivere la propria sessualit in modo diverso, senza per forza arrivare alla penetrazione. Considerate dunque il messaggio come una vera e propria cerimonia. Scegliete dunque il momento giusto, quando non siete troppo stanchi e presumete di potervi dedicare completamente a voi stessi e al partner. Lambiente inoltre deve essere caldo e rilassante: lideale sono le luci soffuse e una musica rilassante come sottofondo. Cercate di armonizzare il vostro respiro e di concentrarvi su quello che state facendo, allontanando gli altri pensieri e le preoccupazioni della giornata. Fate risalire la vostra energia e visualizzatela come un fluido che potete trasmettere al partner mediante le vostre dita. Il massaggio deve concentrarsi inizialmente sulla parte interna del corpo (e cio linterno delle gambe, delle braccia, la zona del busto e il vi so e il movimento delle mani del massaggiatore ascendente. La seconda fase del massaggio consiste nella manipolazione, questa volta in senso discendente, lungo tutto il lato esterno del corpo, ovvero la nuca, il dorso, i glutei, lesterno delle gambe e delle braccia. Un massaggio di questo tipo, che parte dai piedi e risale lungo le gambe e il busto, gira dietro la nuca e infine ridiscende, serve a eliminare il carico di stress e le tensioni che ostacolano il libero fluire dellenergia sessuale. Il massaggio che invece procede nel senso inverso, partendo dalla zona della nuca, per poi scendere fino ai piedi raggiungendo la parte anteriore del corpo, aiuta a raccogliere e a concentrare lenergia. Massaggio ed emozioni Usate il massaggio per esprimere al partner le vostre emozioni e i vostri sentimenti. Sia una profonda manipolazione muscolare, sia il semplice sfioramento della pelle sono piacevoli ed efficaci, Il vero segreto di un buon massaggio non risiede tanto nella tecnica usata, quanto nellintenzione, nella concentrazione e in una buona stabilit emotiva da parte del massaggiatore, e nel totale abbandono e nella fiducia in esso da parte del ricevente. Massaggio thailandese Il massaggio thailandese ha alle spalle una tradizione millenaria e la sua peculiarit quella di essere effettuato con ogni parte del corpo: innanzitutto il corpo del massaggiatore e del ricevente vengono lubrificati con oli profumati o sapone, dopodich chi massaggia strofina il corpo dellaltro utilizzando i gomiti, le ginocchia, le cosce, i seni, I mento, la fronte ecc. Il confine tra piacere ed erotismo e pressoch inesistente: questa forma di massaggio sensuale, dunque, pu concludersi col coito, ma pu anche considerarsi un atto amoroso gi completo ed appagante di per se. Massaggio del viso I massaggi facciali sono indicati per stabilire un rapporto di intimit e fiducia tra i partner ma anche per stimolare i sensi, in quanto agiscono sui numerosi meridiani energetici che, secondo lo shiatsu, attraversano la testa. Per eseguirlo in maniera

34 | P a g .

ottimale potere usare lolio di mandorle che e particolarmente indicato per i massaggi alla testa, alle tempie e alla zona intorno agli occhi.

Abbraccio del cuore


Lesercizio che proponiamo di seguito, labbraccio del cuore, molto semplice, ma provandolo vedrete che porta in s la potenzialit di creare amore e intimit, instaurando un legame profondo con il compagno. Prendetevi cinque minuti per un abbraccio: rimanete entrambi in piedi per mantenere il flusso energetico dal basso verso il cuore e abbracciatevi in modo tale da essere in contatto totalmente, dai piedi alla testa. Concentratevi sulla respirazione, sulle sensazioni corporee e sulle emozioni. Ripetete questo abbraccio ogni giorno, per esempio la mattina prima di andare al lavoro. Concentratevi sul corpo, in modo da percepire anche le piccole sensazioni e i piccoli spostamenti di energia. Se avete la sensazione che non accada nulla, lasciate fluire questo nulla nel corpo. Ripetete lesercizio per un mese, aumentando gradualmente a durata dellabbraccio. Chiudetelo l' abbraccio del cuore con un saluto, una parola, un mantra (anche condividendo la vostra esperienza con il partner). Pu darsi che inizialmente ci saranno dei momenti in cui non sentirete nulla e vi chiederete che senso ha, ma non smettete, continuate lesercizio, focalizzando lattenzione sul respiro e sulle sensazioni corporee. Vi pu anche accadere di sentirvi completi, di sentir annullare i confini con il partner, nonostante vi resti la chiara percezione dei vostri limiti: vi siete uniti energeticamente. lo stesso fenomeno che avviene quando ci si innamora, anche se pi consapevole. E meraviglioso per sapere che, volendo, potete riassaporarlo tutti i giorni grazie a un semplice abbraccio.

Le zone erogene
Si definiscono zone erogene tutte quelle parti del corpo particolarmente sensibili alle sollecitazioni tattili. Sarebbe dunque lecito affermate che lintera superficie epidermica tempestata di zone erogene. La donna, in genere, trova particolarmente eccitanti le carezze sul seno e, in particolare, la stimolazione dei capezzoli, che il piacete congestiona e inturgidisce. Altrettanto sensibile la zona del collo, soprattutto nella parte laterale e verso la nuca e, risalendo, tutto il cuoio capelluto. I capelli della partner, specialmente se molto lunghi e vaporosi, sono da sempre una potente arma di seduzione per luomo, che si eccita a toccarli e, a volte, ama afferrarli energicamente stimolando cos il cuoio capelluto della compagna. Linterno delle cosce, lombelico, le mani, i piedi sono marcatamente erogeni sia per luomo che per la donna. Entrambi amano le carezze sui glutei, che taluni mordono con voracit, quasi per un istintivo e primordiale desiderio di possesso e fusione totale col partner. Per quanto riguarda luomo, oltre alla stimolazione, sicuramente molto apprezzata, del pene e dei testicoli, il punto a pi alto tasso di gradimento erotico la zona compresa tra lo scroto e lano, ovvero il perineo, in cui risiedono i corpi erettili del pene. Nelluomo

P a g . | 35

poi anche il petto estremamente sensibile e trae un godimento assai intenso dal contatto con il seno e con i capelli della compagna. Lorecchio un punto estremamente erogeno per entrambi i partner e si presta a innumerevoli giochi erotici che prevedono lesplorazione con le dita o con la lingua del padiglione auricolare. Il morso del lobo, inoltre, induce una sorta di scarica elettrica lungo tutto il corpo, che percorso da un brivido di piacere e smarca per una sorta di riflesso incondizionato. Altre zone erogene, solitamente sottovalutate, sono quelle in cui il sangue scorre pi in superficie e la pelle pi sensibile e ricettiva: i polsi, la parte posteriore delle ginocchia, le caviglie ecc. La curva dei fianchi femminili, infine, attira in maniera irresistibile le carezze delluomo, ma anche per una donna pu essere emozionante sfiorare coi polpastrelli la tonicit del ventre maschile, in quanto durante la fase di eccitazione, gli addominali si contraggono e divengono turgidi e tesi.

Toccarsi consapevolmente
Sapersi accarezzare e massaggiare dedicando pari attenzione a tutte le patti del corpo non cosa affatto semplice e scontata per la maggior parte delle coppie. Vi proponiamo questo esercizio molto semplice e assai utile: spogliatevi completamente e mettetevi in piedi, uno di fronte allaltro. Lesercizio si divide in due fasi: nella prima, uno di voi sar attivo e laltro passivo, nella seconda invece vi scambierete i ruoli. Lesercizio si svolge a occhi chiusi: il partner attivo deve andare alla scoperta del corpo che gli sta di fronte, senza vederlo; il partner passivo si deve lasciar esplorare da mani invisibili e sconosciute. Partite esplorando il volto: il contatto deve essere delicato, uno sfibramento appena accennato, e molto lento, percepite lintensit di quel tocco e al tempo stesso cercate di registrare qualsiasi messaggio che quel tocco vi trasmette. Ricordatevi che per ora lo scopo primario non produrre piacere nellaltra persona, tuttavia potete indugiare sulle parti del corpo che provate pi piacere a toccare. Dimenticate per un attimo quanto sapete della persona che avete di fronte: fatene conoscenza in modo nuovo, come fosse la prima volta, attraverso le sensazioni del vostro tocco. Non date per scontato nessun punto del corpo, esploratene ogni parte con attenzione, mantenendo gli occhi chiusi e senza parlare. Lapproccio migliore quello che evita completamente la verbalizzazione, anche quella interiore: fate dunque silenzio pure nella vostra mente e concentratevi esclusivamente sul flusso delle vostre sensazioni ed emozioni. Una volta perlustrato il viso passate al collo, alle spalle, alla braccia, al petto, e cos via, fino ai piedi, soffermandovi su ogni punto il tempo che volete. Spostatevi solo quando siete certi di aver tratto tutte le sensazioni possibili. Quando il partner attivo ha finito, deve prendere la mano del partner passivo, comunicandogli cos, in silenzio, lo scambio dei ruoli. Mentre siete passivi, percepite il

36 | P a g .

tocco della mano che vi esplora, e scordate di conoscere la persona che vi sta di fronte: quella che vi tocca una mano ignora e misteriosa che vi esplora per la prima volta. Cercate di trasmettere al vostro partner come volete essere toccati, senza sforzarvi, con una semplice presenza mentale intensa: se non ci riuscite non demoralizzatevi: al termine dellesercizio potrete scambiarvi le reciproche impressioni, raccontarvi cosa avete sentito e, nel ruolo attivo, come vi apparso il corpo che toccavate. Questo confronto col partner sar di certo molto utile per arrivare a una migliore intesa nellamore. Un esercizio alternativo, utile per sentire il partner in profondit, e per familiarizzare meglio con la sua energia vitale, far seguire al tocco epidermico, una carezza a breve distanza dal corpo, quasi a voler accarezzare il corpo pi sottile (aura) che avvolge come un involucro invisibile ma reale, quello fisico, a una distanza di circa 5 centimetri. In questo caso importante accertarsi di sentire realmente questo corpo, provando ad allontanare la mano e ad avvicinarla, diverse volte, fino a quando non si certi che si sta toccando qualcosa di reale, che non sia per il corpo fisico. Da parte sua, il partner passivo pu acuire la sua sensibilit e imparare a percepire anche questo tipo di tocco del suo corpo astrale.

Il punto G per lei ed il punto L per lui


Il punto G nella donna Nella cultura orientale, sin dallantichit, era nota la presenza nel corpo femminile di una zona (oltre alla clitoride) determinante per il raggiungimento dellorgasmo. Essa veniva indicata come punto del sole o punto del piacere. Nel 1950 il ginecologo tedesco Ernst Grfenberg pubblic uno studio scientifico con il quale localizzava il punto G nello spazio compreso tra la parete anteriore della vagina e la parete posteriore della vescica, a una profondit di 6-8 centimetri dallingresso della vagina, indicativamente allaltezza dellosso pubico. Le migliori condizioni per stimolare efficacemente il punto G si hanno quando la donna gi molto eccitata. Il punto L nelluomo Il punto L maschile pu essere definito come il punto G femminile. Si tratta di una zona alla radice del pene (esattamente posto tra scroto e perineo) che pu essere sollecitata in vari modi. Lorgasmo che luomo prova se sollecitato in corrispondenza del punto L travolgente: la scarica orgasmica giunge in modo graduale e fluido, come se fosse un respiro, profondo e ritmato. Le contrazioni di piacere sono pi intense e pi durature rispetto a quelle derivanti da una stimolazione normale: esse, infatti, cominciano gi prima delleiaculazione e terminano dopo. Insomma un piacere speciale da sperimentare aiutando la propria partner a individuare il punto e a stimolarlo correttamente durante il rapporto orale o attraverso il massaggio. Il rapporto orale deve essere limitato alla punta del glande, praticando una lieve aspirazione. Un ulteriore modo per sollecitare il punto L, infine, la stimolazione anale.

P a g . | 37

Il massaggio intuitivo
Questo tipo di massaggio, sempre pi conosciuto, pu essere molto utile, e ci sono molti testi validi per imparare a manipolare un corpo con consapevolezza e con la certezza di dare beneficio e di non fare danni. Un semplice massaggio pu sciogliere le tensioni accumulate nellarco della giornata e facilitare un incontro amoroso. Lo si pu utilizzare come tappa intermedia e preparazione al rapporto sessuale vero e proprio, partendo da una prospettiva diversa. attraverso la conquista di confidenza e di piacere. Se non avete mai ricevuto un massaggio non preoccupatevi. Basta prestate attenzione alle sensazioni che provate nel riceverlo, dove provate piacete a essere toccati con maggior forza e pressione e dove invece a essere sfiorati con delicatezza. Quando invece siete voi a eseguirlo, mettetevi in ascolto del corpo del vostro partner, cercate di capire dove accumula pi tensione: spesso la fronte, la muscolatura del viso, la zona del collo e delle spalle. Anche un massaggio a piedi e gambe pu risultare molto piacevole, la cosa pi importante coordinare bene il movimento e il tocco delle vostre mani e cercare di sincronizzare il vostro stesso respiro con la respirazione del vostro partner. Il corpo facilmente vi trasmetter messaggi che guideranno i vostri movimenti: se sentite di soffermarvi su un punto, fatelo, ma senza mai fare movimenti bruschi, e possibilmente senza mai perdere il contatto fisico staccando le mani dal suo corpo. Alcune tensioni, come quelle alle spalle, possono essere liberate emettendo suoni inarticolati, come pure si possono esprimere le sensazioni piacevoli attraverso gemiti di piacere e sospiri liberatori: questo permetter a chi vi sta massaggiando di basarsi sulla vostra comunicazione non verbale per sapere come continuare il massaggio. In questa maniera si apprende anche un nuovo modo di conoscersi, che stimoli il piacere attraverso lesplorazione concentrata e attenta del corpo dellaltro. molto importante la comunicazione; al termine del massaggio ci si pu scambiare le impressioni, dire cosa stato piacevole e cosa invece ha provocato in qualche misura fastidio. Si pu dite dove si sarebbe voluto un tocco pi energico, dove uno pi delicato, quali parti sono state trascurate e quali troppo toccate. Infine non dimenticatevi mai di verificare, dopo aver ricevuto un massaggio, che il vostro corpo sia in equilibrio: a volte, una manipolazione energica da una parte pu lasciare laltra squilibrata; quindi conviene, prima di massaggiare una persona, prendere un testo di riferimento che aiuti a familiarizzare con i principi e gli elementi pi comuni dellarte del massaggio.

38 | P a g .

Il massaggio kundaliini
Il massaggio kundalini, con la stimolazione dei chakra lungo la colonna vertebrale, una delle tecniche tantriche pi efficaci per canalizzare e trasformare lenergia sessuale. I chakra, infatti, si trovano in corrispondenza di ghiandole endocrine, e sono strettamente collegati con il sistema nervoso parasimpatico e autonomo e con la regolazione degli ormoni. Lefficacia del massaggio pu essere raggiunta grazie a manipolazioni molto prolungate (anche due ore) effettuate da un operatore esperto: non cimentatevi quindi con questo massaggio senza padroneggiarne perfettamente la tecnica. Scopo del massaggio quello di favorire il rilassamento dei muscoli adiacenti alla colonna vertebrale, per preparare il canale centrale (sushumua) ad accogliere il flusso verso lalto dellenergia kundalini. Una volta che schiena, spalle e collo sono aperti, bisogna massaggiare vigorosamente la parte inferiore della schiena, comprese gambe, piedi e natiche, per allentare la tensione nelle estremit inferiori per agevolare la risalita di kundalini verso lalto. Con la parte posteriore del corpo rilassata, larea pelvica inferiore preparata per essere rilassata e aperta attraverso un massaggio circolare e profondo nellarea sacrale e pelvica. In questo modo si purifica la natii principale o canale astrale cos che le correnti kundalini possano fluire e unirsi al Vishnu. La direzione sempre dal basso verso lalto. Per questo motivo, il lavoro sul corpo comincia nella parte inferiore. I centri chakra vanno aperti e bilanciari in ordine, dal basso, quindi dal muladhara chakra, verso laltro, attraverso gli altri centri chakra fino al sahasrara. Questa apertura serve a preparare il corpo a ulteriori rilasci e movimenti di energia kundalini. Quando la cavit pelvica inferiore inizia ad aprirsi grazie al massaggio profondo, bisogna preparare i siri dei chakra superiori con tocchi gentili lungo la spina in direzione del collo. Il chakra pi alto, ajna, e larea sahasrara che si trova sulla sommit del capo, si preparano allapertura attraverso un bilanciamento energetico ottenuto senza il contatto con il corpo. Lapertura dei chakra successivi creer un passaggio che permetter alla kundalini di irradiarsi verso lalto. Questa prima parte del massaggio, in cui il ricevente sta sdraiato col viso rivolto verso il basso, preparatoria alla seconda, ovvero quella in cui star sdraiato sulla schiena. Una volta che i centri chakra sono attivati, lenergia kundalini contenuta nel chakra muldhara, posto alla base della colonna, viene delicatamente rilasciata. Lenergia kundalini viene spesso chiamata energia del serpente perch giace inerte, arrotolata alla base dellasse vertebrale; statica e sigillata alla radice della colonna, appena oltre la punta dellosso sacro. Rilasciando questa energia, si creano due forze, una centripeta (Shakti) e laltra centrifuga (Shiva). Shakti viene indirizzata allins verso i chakra pi alti, per completare ununione con Shiva. la cui sorgente originaria, secondo il Tantra, il sole. grazie allunione di queste due forze che si ottengono armonia e bilanciamento, secondo le antiche credenze tantriche.

P a g . | 39

Spesso la prima esperienza di rilascio di energia kundalini deludente: difficilmente lenergia sinnalza al di sopra del primo o secondo chakra. Comunque, dopo un numero di sessioni che varia da soggetto a soggetto, avviene il rilascio dellenergia hondalini risvegliata: chi lha sperimentata la descrive come unesperienza indimenticabile, nella quale si percepisce una sorta di fuoco liquido che scorre su lungo la sushumna, attraverso la testa e la sommit del corpo.

Il massaggio speciale per lei


Per ricevere il massaggio che ora andremo a spiegarvi, la vostra partner dovr sdraiarsi a pancia in gi sopra un materasso rigido oppure su un panno steso sul pavimento, con un cuscino sotto il seno. Voi le starete di fianco oppure potrete sedervi a cavalcioni sul suo fondoschiena. Il primo massaggio che vi suggeriamo e il seguente: ungetevi le mani con lolio profumato preferito da lei, poggiatele quindi sulle spalle della partner e da li cominciate a tracciare movimenti lenti e circolari con i pollici premuti ai lati della spina dorsale. Proseguite il massaggio scendendo verso il basso, seguendo la linea della spina dorsale e arrestandovi una volta arrivati allaltezza delle natiche. La donna stessa dovr guidarvi nel massaggio, consigliando di volta in volta il grado di pressione dei pollici che preferisce. importante in questo tipo di massaggio non interrompere mai il contatto con il corpo della partner: mantenete quindi sempre almeno una mano sulla schiena. Prendete altro olio e con i palmi delle mani cominciate a descrivere grandi e profondi movimenti circolari, sempre lentamente. Lavorate sul corpo del partner come se doveste impastarlo, e fate movimenti sempre pi profondi a mano a mano che vi avvicinate allesterno. Discendete lungo tutta la schiena, arrivando fino ai glutei, e ripetete lintero movimento almeno quattro o cinque volte. Dopo aver usato il palmo, cominciate a massaggiare usando la base della mano, che vi dar la possibilit di affondare nei muscoli, e di sciogliere cosi eventuali contratture, con maggiore forza e usando il peso del vostro corpo; eseguite questo tipo di massaggio partendo dalla schiena e arrivando fino alle cosce. Quando risalite, eseguite un massaggio alla nuca e alla parte posteriore della testa usando i polpastrelli.

40 | P a g .

I testi classici dellarte di amare orientale


I testi classici riguardanti lerotismo nella letteratura indiana coprono un arco di oltre 1.200 anni. Il pi celebre di tutti, il Kamasutra, fu composto probabilmente attorno al III secolo d.C., mentre lAnanga Ranga, un testo ind relativamente tardo, databile attorno al XVI secolo. Naturalmente, nel corso dei secoli, i costumi sessuali della popolazione cambiarono, e questi cambiamenti si riflettono anche nellevoluzione dei testi riguardanti il sesso. La societ descritta nel Kamasutra appare molto pi libera e disinibita di quella del Koka Sastra (XI secolo), il secondo testo sul sesso in ordine di celebrit, non fosse altro perch questultimo dedicato espressamente alle coppie ufficiali, stabili, e non agli amanti occasionali. Ma per quante differenze si possono trovare in tutti i testi erotici indiani, altrettante sono le similitudini e i punti di contatto: la principale senzaltro il desiderio di indicate al lettore i segreti per trarre dallatto amoroso il massimo grado di piacere, godimento e soddisfazione. Il lettore moderno, seppur a distanza di secoli, pu ricavate dalla consultazione di questi testi, dedicati alle posizioni per fare l' amore, spunti interessanti per imparare a vivete in maniera pi intensa e variata la propria sessualit.

Kamasutra
Il Kamasutra di certo il pi famoso libro di arte erotica della letteratura indiana. stato composto da Vatsyayana sotto forma di brevi aforismi in prosa, i sutra per lappunto. Del suo autore non si sa praticamente nulla e c addirittura chi ne mette in dubbio la reale esistenza, considerandolo un personaggio leggendario alla stregua di Omero. Lopera del Kamasutra si articola in sette sezioni e si occupa dei rapporti fra uomo e donna nella loro totalit e non solo di posizioni erotiche, come comunemente si pensa quando si parla di Kamasutra senza conoscerlo a fondo: il termine kamasutra entrato infatti nel linguaggio comune a indicare una sessualit sfrenata, stravagante e viziosa. Questa erronea fama la si deve allungo e dettagliato elenco contenuto nella seconda sezione di baci, abbracci, graffi, morsi e posizioni amorose. In Occidente il Kamasutra evoca lo sperimentalismo erotico che pu sconfinare nella perversione o nella volgarit, ma in realt si tratta di un trattato erotico-religioso nel quale le posizioni sono le rappresentazioni degli elementi naturali (come avviene anche nello yoga) e rispondono pi a un intento meditativo che lussurioso. Inoltre, il fatto che il Kamasutra indirizzato tanto agli uomini quanto alle donne, lo rende un testo eccezionale rispetto alla tradizione letteraria brahamanica, di stampo prettamente maschilista. Vatsyayana ha classificato nel Kamasutra 529 modi possibili di fare lamore. Pur riservando sempre ampio spazio alla fantasia e allinventiva, oltrech alle preferenze personali, la prima regola che non vale la pena perdersi a cercare posizioni troppo astruse e bizzarre per amplificare le sensazioni di piacere: questultimo, infatti, scaturisce pi dalla sintonia mentale dei due partner che non da fattori tecnici e posizioni acrobatiche e spettacolari. Il Tantra ne privilegia due in particolare: luomo sopra alla donna (posizione del missionario) e la donna sopra alluomo (posizione di decubito o con lei sopra): nella

P a g . | 41

prima il ruolo attivo assunto dalluomo, nella seconda dalla donna. Al di l di questa semplice scelta non esiste una posizione che si possa definire in assoluto migliore delle altre: esistono posizioni pi o meno comode e questo ovviamente varia da persona a persona, dallambiente e dalla situazione. La posizione del missionario di sicuro la pi popolare e usata: in essa luomo ha il lo dominante, detta il ritmo dellamplesso e riesce a controllare meglio leiaculazione. Tuttavia, in alcuni casi, la posizione sconsigliabile, in modo particolare se luomo molto pesante: la partner infatti trova difficile rilassarsi e si sente imprigionata e costretta. Nella posizione di decubito (per luomo) con la donna a cavalcioni. lei a ritmare lamplesso. In questa posizione luomo pu prolungare il coito pi che in qualsiasi altra, facilitando alla donna il suo, pi lento, processo orgasmico. Questa posizione riduce listinto naturale delluomo ad agire, il suo ruolo di aggressiva supremazia viene mitigato e riequilibrato, cos come si compensa nella donna la tendenza alla ricettivit passiva nel coito. Alcune donne scarsamente allenate dal punto di vista fisico (scarso tono dei muscoli addominali) la trovano talvolta troppo stancante. sempre possibile comunque alternare le diverse posizioni, ricordandosi che nelluomo soprattutto la contrazione del bacino e delladdome che accelera leccitazione, portandolo a eiaculare e allontanandolo dal ritmo della donna. Una posizione compresa nel Kamasutra che aiuta a trovare la giusta sincronia quella sul fianco che mette entrambi i partner sullo stesso piano, non pesando luno sullaltro e non prevaricandosi. Le posizioni sul fianco possono essere diverse: frontale e dal tetro. Quella frontale pi intima (ma pi facilmente il pene fuoriesce dalla vagina), e permette al partner di abbandonarsi sempre pi tra le braccia della persona amata, fino a scivolare nel sonno. Dal retro invece la posizione consigliata se si vuole evitare che, nella foga dellamplesso, i corpi si separino, il pene fuoriesca dalla vagina e si perda cos lintensit del momento. Questa la posizione che pu offrire alla donna le sensazioni di volutt pi sublimi in quanto lapice del pene accarezza la clitoride. Anche luomo ne trae grande eccitamento perch le sue mani sono libere di spaziare sul corpo della partner, raggiungendo agevolmente durante il coito le sue zone erogene pi sensibili (fianchi, capezzoli, ventre, genitali).

Kama Sastra
Gedun Chopel, intellettuale tantrista contemporaneo, ispirandosi ai tradizionali trattati indiani sullamore, ha composto il suo Kama Sastra (edizioni Astrolabio-Ubaldini, 1995), unetica dellamore basata sulluguaglianza dei sessi, sul sostegno reciproco, sul rispetto della donna e delle sue diverse esigenze sessuali. Il Kama Sastra, oltre a contenere copiosi consigli su come arricchire la forza e lintimit dellamplesso ordinano, il libro sottolinea una pi alta forma damore praticata nel buddismo tantrico. Convinto assertore della compatibilit di piacere sessuale ed elevazione spirituale, esorta il lettore ad abbandonare ogni inibizione, e a vivere la propria sessualit come preziosa porta daccesso verso lesperienza dei livelli superiori di coscienza.

42 | P a g .

Posizioni sedute Nel Tantra come nelle altre vie spirituali, la posizione sessuale non quasi mai sdraiata, ma seduta, cos da rendere verticale lasse psicofisico interiore. Questo permette di vivere latto amoroso come una sessione di meditazione, trasformandolo cos da istinto animale in pratica spirituale ed evolutiva.

Ananga Ranga
Ananga Ranga affronta in chiave tantrica le varie tecniche erotiche e amatorie, che hanno quindi come obiettivo sia il miglioramento dei rapporti sessuali in se, sia il raggiungimento dellequilibrio psicofisico individuale. In tal modo a coppia potr sperimentare attraverso il sesso, la danza e il massaggio la gioia assoluta dellestasi, lo stato in cui lessere umano si avvicina di pi alla condizione degli illuminati e degli dei. Nell Ananga Ranga le differenti posizioni erotiche sono classificate in base a sei categorie: 1. la donna giace sulla schiena in posizione supina; 2. la donna giace su un fianco; 3. posizioni sedute; 4. posizioni in piedi; 5. la donna giace a faccia in gi, sullo stomaco; 6. la donna siede sopra luomo. Tra le posizioni sedute, quelle maggiormente consigliate dal Tantra, si annoverano 10 varianti: 1.Posizione del loto; 2. Posizione della gamba alzata; 3. Congiunzione del sole e della luna; 4. Posizione del mantenersi con la mano, o accovacciata; 5. Posizione avanzando-retrocedendo; 6. Posizione della tartaruga; 7. Posizione che circonda; 8. Posizione a gambe pari e dei gemelli; 9. Posizione del ruggito; 10. Posizione della scimmia. Posizioni sedute Posizione del loto: luomo siede con le gambe incrociate nella posizione tipica di chi pratica lo yoga. La donna gli siede in grembo e gli stringe le gambe attorno alla vita. Le mani di entrambi sono appoggiate sulle spalle del partner. La donna, raggiunta una buona eccitazione, fa penetrare delicatamente il fallo (lingam) nella vagina (yoni). In questa posizione i due partner sono in stretto contatto e hanno poco bisogno di muoversi. Posizione della gamba alzata: a partire dalla posizione del loto, la donna solleva delicatamente la gamba sostenendo il piede con la mano corrispondente. Muovendo questa gamba in avanti e indietro, produce nel partner una stimolazione molto intensa.

P a g . | 43

Congiunzione del sole e della luna: a partire dalla posizione del loto, luomo abbraccia fortemente il collo della compagna e lei lo imita. I movimenti dei due amanti risultano ritmati dalloscillazione delle loro braccia.

Il rapporto tantrico
Il Tantra consiglia di prolungare per ore lesperienza di fare lamore: la donna deve stimolare luomo e luomo eccitare la donna fino a farle provare un primo orgasmo senza per penetrarla. Raggiunto il picco delleccitazione, la donna a desiderare e a chiedere di essere penetrata dal compagno. Sar sempre lei a determinare il ritmo del rapporto, prestando attenzione a frenare i movimenti quando leccitazione delluomo si avvicina allorgasmo. Quindi rimane semplicemente abbracciata a lui, immersa nella vibrazione che avvolge entrambi i partner. Quando luomo sente diminuire la propria eccitazione, far segno alla compagna, con baci e carezze di riprendere con maggiore slancio e passione la stimolazione, e la donna torner a eccitarlo, tutto ci possibilmente senza che il pene esca mai dalla vagina. In questo processo di continua eccitazione e rilassamento si pu continuare in un vortice di piacere fino a cadere addormentati. Se accadesse non vi preoccupate: la sensazione di energia vibrante si protrarr nel sonno avvolgendo il vostro essere in una profonda comunione. Nel caso che la donna fosse assalita da nuove e potenti spinte orgasmiche non le deve frenare, anche se queste dovessero portare luomo a eiaculare. Con il tempo e lesercizio anche il partner imparer ad avere il controllo totale e a decidere se eiaculare o raggiungere lorgasmo senza eiaculare. Le posizioni consigliate dai vari trattati dellars amandi orientale sono davvero numerosissime e vi rimandiamo alla consultazione degli stessi per poter dar sfogo alla vostra fantasia e rendere sempre nuovo e diverso ogni incontro con il vostro partner.

44 | P a g .

Alcune posizioni consigliate


Posizione del missionario
La posizione del missionario d quasi vita a una sorta di danza. La donna in piedi, mentre luomo le di fronte con le gambe fra quelle di lei. La donna si aggrappa alluomo, che la sostiene sotto i glutei. C un grande contatto tra i partner e una stretta intimit faccia a faccia (sempre che siano della medesima statura). Sebbene la posizione eretta liberi entrambi dallinerzia della posizione orizzontale del missionario, la donna, che vuole grande libert di movimento, potrebbe continuare a sentirsi infilzata e inerte. Una variante della posizione del missionario pu essere adottata con minimo sforzo. La donna si pu appoggiare al muro o agli stipiti della porta. In questo modo supplisce alla sua eventuale bassezza di statura: sostenuta dalla parete pu rendere meno faticoso il lavoro di sostegno del partner. Un caso inverso, la maggior robustezza della donna, rende ancor pi complicato questo tipo di rapporto in piedi. Il passaggio dalla posizione orizzontale a quella verticale, dimostra che gli amanti sono disposti a muoversi, possono spostarsi, ondeggiare come in un ballo o separarsi rapidamente.

Posizione della stretta


La posizione della stretta una posizione seduta in cui lei sta sopra a lui. I partner sono completamente abbracciati e si possono quindi baciare come e quanto lo desiderano. Ovviamente sono in grado di accarezzarsi o di stringersi con forza. Questa posizione non presenta alcuna difficolt di esecuzione e pu essere fatta anche dai non pi giovani, perch consente, soprattutto alluomo, di allungare le pause tra una spinta e laltra durante lamplesso. Inoltre la donna in questa posizione pu calibrare lintensit dei movimenti.

Posizione a X
unaltra posizione utile a ritardare lorgasmo nelluomo aiutando i partner ad avere rapporti pi prolungati.

P a g . | 45

La posizione a X, per esempio (donna e uomo a gambe divaricate), ha la capacit di curare un problema diffuso anche tra le giovani coppie: leiaculazione precoce. Godendo di un rapporto prolungato, la coppia si rilassa passando alcuni minuti senza bisogno di muoversi, per poi riprendere un ritmo che scaturisce dalla sintonia naturale, lontano dai complessi psicologici e dai tempi forsennati che niente hanno a vedere con la vera sessualit. Qui entrambi sono abbastanza inerti, dovendo mantenere lequilibrio. L'uomo pu allungare le mani e manipolare i genitali e lano della donna oppure i seni, ma non ha grandissime possibilit di movimento, essendo appunto costretto a reggere la donna con le cosce e nello stesso tempo a sostenersi appoggiato allo stipite della porta. Se luomo poi, appoggia completamente la schiena a uno stipite e fa perno con i piedi sullaltro, si trova in una posizione ancora pi svantaggiata. Deve rimanere praticamente immobile e aspettare i movimenti pelvici della donna. Per concludere, la posizione pi semplice con la donna sopra fuori dal letto su una sedia o una poltrona. Se luomo si siede, la donna pu semplicemente sedersi su di lui, faccia a faccia. Molte sedie hanno traverse frontali, dove luomo pu posare i piedi, e braccioli pi alti ai lati, per i piedi della donna. Ma lei pu anche sedersi su1 grembo maschile, con il viso rivolto dallaltra patte. Le sedie, come tutti i mobili, possono essere una fonte inesauribile di divertimento erotico. Cercate di fare lamore appoggiandovi allo schienale o di traverso sulla sedia. Pochi uomini resistono a una donna che prende liniziativa sessuale. E si pu raggiungere una dimensione nuova nella posizione con la donna sopra se la donna posa le piante dei piedi sul collo di quelli delluomo. Questo fa di solito allargare le gambe alla donna, e questa posizione prende il nome di posizione della rana. Qui, luomo e la donna hanno un contatto diretto per tutta la lunghezza delle gambe.

Posizione in sella
Alcune posizioni con lei sopra permettono di raggiungere un maggior grado di intimit. Quella detta in sella, nella quale luomo seduto su una poltrona o una sedia, riporta i partner faccia a faccia. importante rendersi conto che quando una posizione con la donna sopra ruotata di 90, in modo che luomo sia eretto, la configurazione che ne risulta molto diversa. Adesso luomo ha i piedi per terra e tiene la donna per la vita (o sotto i glutei) e quindi la sorregge.

46 | P a g .

Conclusione del rapporto Infine ecco qualche semplice ma prezioso consiglio su come concludere il rapporto secondo la dottrina del Tantra. Alla fine del vostro incontro amoroso evitate di alzarvi subito per raggiungere il bagno e fare la doccia: i momenti che seguono il rapporto sessuale sono delicati e possono regalare emozioni impagabilmente intense cos come nella fase dei preliminari. Dopo la conclusione del rapporto, i partner dovrebbero rimanere uniti ancora per un certo tempo per consentire lo scambio vicendevole delle energie e lassorbimento delle secrezioni orgasmiche. Questo scambio di fluidi dona a entrambi nuovo vigore e grande vitalit. Restate quindi a letto il pi a lungo possibile dopo aver fatto lamore e continuate ad assaporare la fusione completa delle vostre individualit. Accarezzatevi a vicenda, coccolatevi, giocate, parlate, recitate il vostro mari- tra personale o cantate un motivetto che vi piace, oppure meditate in silenzio. Renderete cos i vostri rapporti sessuali unesperienza unica e straordinaria, accompagnata ogni volta da sfumature emozionali diverse. Le tecniche e i consigli tramandati lungo i secoli dal Tantra gettano un ponte tra sessualit e spirito e conciliano controllo ed estasi.

Il Tao del sesso


La tradizione cinese del taoismo afferma che possibile allenare e conservare lenergia vitale per migliorare la propria vita sessuale. Il seme (jing) contiene la maggior quantit di energia vitale (chi) e anche recenti studi hanno dimostrato che ha altissimi valori nutrizionali: per questo che i taoisti consigliavano di non disperdere il jing, ma di praticare la ritenzione del seme durante il rapporto sessuale, suggerendo le tecniche per sperimentare orgasmi intensi senza eiaculazione. Probabilmente I testo pi importante di sessuologia cinese eIl Classico della Signora Bianca (Su Nu Chng), attribuito al leggendario Imperatore Giallo, che spiega dettagliatamente come conservare il proprio jing (energia sessuale o anche seme) e godere in modo pieno e appagante della sessualit. La tradizione taoista afferma lesistenza di un conflitto tra i sessi, ben rappresentato dalla nota opposizione dinamica tra i principi yin e yang, la coppia universale di opposti che si manifesta anche nella sfera sessuale. In questo conflitto, luomo risulta pi debole della donna perche, a differenza di questultima, disperde molta energia con leiaculazione. Secondo il taoismo, la perdita del seme affatica enormemente il sistema ghiandolare e quello immunitario, compromettendo con il tempo lo stato di salute. I taoisti ritengono che la donna goda invece di unenergia yin pressoch inesauribile, e che quindi luomo nutra nei suoi confronti una sorta di risentimento inconscio.

P a g . | 47

Questa situazione spiegherebbe tra laltro perche gli uomini hanno sempre cercato di reprimere il sesso femminile e prevaricarlo in tutti i campi. Con le sue tecniche volte alla ritenzione dello sperma, il Tao del sesso dunque si prefigge di correggere questa disparita e di rendere possibile un rapporto meno conflittuale tra i due sessi, dando vita a una societ pi armoniosa. Il taoismo inoltre ritiene che il coito abbia valore terapeutico e che, grazie al controllo del ritmo e del respiro e attraverso la scelta di determinate posizioni, i partner possano ricavare enormi benefici fisici e spirituali. Nel coito terapeutico le secrezioni orgasmiche femminili e la sua carica emotiva sono essenziali per sanare gli squilibri energetici presenti nel partner. Mentre luomo quindi si concentra sulla ritenzione del seme, la donna si abbandona completamente al suo compagno (provando anche diversi orgasmi), permettendogli cosi di assorbire lenergia yIn presente nelle sue secrezioni. Secondo il Tantra la donna ha pi energia sessuale perch i suo organi genitali devono assolvere compiti assai gravosi come la gravidanza, il parto e lallattamento. Ma anche la donna perde un po della sua energia attraverso lapparato genitale: non con orgasmo, bens con le mestruazioni.

48 | P a g .

Esercizi sessuali suggeriti dal Tao


Respirazione testicolare
a respirazione testicolare consiste nel dirigere lenergia vitale (chi), associata alla respirazione, verso gli organi genitali, rinfrescando lo scroto. La respirazione testicolare, se praticata quotidianamente, rende luomo in grado di alzare e abbassare i testicoli a suo piacimento. Dal momento che leiaculazione si verifica quando i testicoli sono ritratti verso lalto, se luomo riesce ad abbassarli volontariamente, allora sar in grado di ritardare leiaculazione fino a che lo desidera. Lesercizio si esegue in piedi. Le gambe sono divaricate, la colonna vertebrale ben eretta e le spalle e il collo lievemente inclinati. Concentrate lattenzione sullo scroto, inspirate profondamente attraverso le narici e provate a visualizzare mentalmente il tragitto del respiro dal naso fino ai genitali. Contraete al contempo i muscoli posti nello scroto (muscolo cremasterico) responsabili del sollevamento dei testicoli. Espirate e rilassatevi riportando in tal modo i testicoli nella posizione di partenza. Proseguite lesercizio con cicli da tre a sei contrazioni.

Esercizio del cervo maschio


Per i taoisti il cervo e un simbolo di potenza sessuale e di longevit. Si ritiene che questo esercizio dia sollievo in numerosi disturbi quali: eiaculazione precoce e impotenza. Va eseguito tutte le mattine al risveglio e la sera prima di andare a letto. Eseguitelo da seduti, con la schiena ben dritta e i piedi poggiati sul pavimento. Sfregate le mani tra loro per scaldarle e produrre energia. Con la mano destra poi sostenete i testicoli trasferendo loro I calore prodotto dalla mano. Appoggiate la mano sinistra sulladdome, a circa tre centimetri al di sotto dellombelico, ed eseguite 81 frizioni imprimendo alla mano un movimento rotatorio. Ripetete poi la sequenza usando la mano opposta. Contraete infine lo sfintere anale e inspirate profondamente. Durante lespirazione rilassate lo sfintere.

P a g . | 49

L'abbraccio
Il primo argomento trattato del Kamasutra l abbraccio, esso pu essere di quattro tipi: 1. Sfiorante: avviene quando luomo con un pretesto qualsiasi, si colloca di fronte oppure al lato della donna e il suo corpo sfiora quello della donna. 2. Penetrante: avviene quando in un luogo appartato, la donna si piega come per raccogliere qualcosa, e sfiora con il suo seno un uomo seduto o in piedi e questi ne approfitta per toccarle il seno. Questi due tipi di abbraccio avvengono fra due persone che ancora non si conoscono. 3. Strofinante: avviene tra due innamorati che passeggiano al buio o in un posto frequentato da altri, o in un posto solitario e che strofinano i loro corpi luno contro laltro. 4. Premente: si ha quando uno dei due innamorati preme con forza il corpo dellaltro contro un muro o una colonna. Questi sono invece abituali fra due persone che gi sanno cosa vogliono. Durante gli incontri sono usati quattro tipi di abbraccio: Jataveshtitaka: il contorcimento di un rettile; Vrikshadhirudhaka: lo scalare di un albero; TiIa-Tandulaka: il miscuglio di sesamo e riso, Kshiraniraka: labbraccio latte e acqua. Quando una donna si stringe a un uomo nello stesso modo con cui il serpente si attorciglia allalbero, e piega la sua testa verso di lui per baciarlo emettendo dei suoni lievi e guardandolo con amore, si ha lo jataveshtitaka. Quando una donna, dopo aver messo un piede fra quelli del suo innamorato e laltro fra le sue cosce, passa un braccio intorno alla schiena delluomo e laltro sulle sue spalle, tubando e cantando sottovoce, desiderando avvinghiarsi a lui per essere baciata si ha il vrikshadhrudhaka. due tipi di abbraccio sono adatti agli innamorati che sono in piedi. Quando un uomo e una donna giacciono in un letto e sono abbracciati in modo tale che le braccia e le gambe sono intrecciate fra di loro strofinandosi, si ha il tila-Tandulaka. Quando un uomo o una donna, al colmo della passione e dimentichi di ogni dolore, si abbracciano come se i loro corpi dovessero fondersi, mentre la donna seduta in grembo alluomo oppure di fronte a lui o sul suo letto, si ha il kshirniraka. Questi due tipi di abbraccio avvengono durante il rapporto sessuale.

Il bacio
Secondo il Kamasutra labbraccio, il bacio, il premere o il graffiare con le unghie sono azioni che devono essere compiute prima dellunione sessuale, ma fra di loro non ce un tempo stabilito n una precisa regola da osservare; al contrario la pressione e lemissione dei vari suoni sono di solito compiuti durante il rapporto. Ma per Vatsyayana nessuno di questi atti pu essere determinato dal tempo perche in amore non bisogna attenersi n a un tempo ne un ordine preciso. Durante il rapporto gli amanti devono alternare il bacio con le altre azioni, ma esse non devono durare a lungo, al contrario nei rapporti seguenti devono essere compiute tutte e senza moderazione per accrescere il loro desiderio. Il bacio, secondo il Kamasutra, pu essere dato in queste parti del corpo: la fronte, gli occhi, le guance, la gola, le labbra, il seno, linterno della bocca.

50 | P a g .

Glossario
Afrodisiaco: sostanza ritenuta capace di stimolare lattivit sessuale. Apana: nello yoga soffio discendente, la forza vitale che opera nellorganismo eliminando lenergia negativa. Ardhanarisvara: viene cos denominato Shiva nel suo aspetto met uomo e met donna. Asana: posizione yogica. Asvini mudra: contrazione, seguita da rilassamento degli sfinteri anali (quello interno e quello esterno), ripetuta pi volte per almeno un minuto. Aurobindo, Sri Ghosh (1872-1950): guru indiano, fondatore dello yoga integrale, che fonde la via spirituale e la vita pratica. Avadhuti: la nadi (canale energetico) centrale del corpo umano. Bandha: letteralmente chiusura: tipi di contrazione o blocco muscolare usati nello yoga e nella pratica del pranayama. Uno degli scopi di queste chiusure quello di spingere lenergia dai chakra pi bassi verso lalto. Chakra: letteralmente cerchio, ruota. Indica i punti energetici del corpo sottile disposti lungo sushu urna. Devadasi: termine con cui, in India, viene indicata la ballerina sacra al dio Shiva. La danza rituale da esse eseguita il Bharatanatyam. Dorje: letteralmente scettro di diamante. Simbolo tantrico dellorgano sessuale maschile (vedi anche Lingam e Vajra: Il doije, o vajra, pu essere considerato il pi importan te oggetto d culto del buddismo tibetano. Eiaculazione: emissione dello sperma da parte del pene, mediante contrazioni ritmiche, al momento di massima eccitazione (orgasmo). Eiaculazione precoce: rappresenta la pi frequente disfunzione sessuale maschile, che si manifesta con una scarsa capacit di controllare leiaculazione. Essenza di donna: termine taoista per indicare le secrezioni sessuali femminili. Frigidit: incapacit di raggiungere unadeguata eccitazione sessuale durante un rapporto. Ganesha: divinit ind (figlio primogenito di Shiva e Parvati) dalla testa di elefante, consi derato lincarnazione dei misteri tantrici. Gopi: pastorelle amanti spirituali di Krishna. Imperatore Giallo: Huang-Ti, Figlio del Cie lo Citato nelle dottrine mediche e sessuologiche del taoismo, in particolare nel Su Nu Ching, Il classico della Signora Bianca. Impotenza: disturbo per il quale luomo ha difficolt a raggiungere o a mantenere lerezione. Kali: La nera; il nome di Parvati, la compagna di Shiva. La dea talvolta rappresentata con Otto mani e con i piedi sul corpo del marito morto. Kama/Kamadeva: figlio di Vishnu e di Lakshmi, sposo della Dea Rari, era considerato il dio dellamore. Corrisponde al Cupido dei Greci, del quale indossa arco e frecce fiorite. Krishna: divinit di carnagione scura, ogget to di un culto erotico-religioso. Kundalini: forza vitale rappresentata come un serpente avvolto su se stesso e posto alla base di sushurnna nel muladhara chakra. Lingam: lorgano genitale maschile, simbolo della fecondit, rappresentato nei templi dedicati a Shiva. Loto/Fiore di Loto: termine tantrico che designa lorgano sessuale femminile, layoni. Maithuna: nella liturgia tantrica lunione sacra tra principio maschile e femminile. Mantra: suono o formula capace di sintonizzare la mente con la vibrazione del cosmo. il mana pu essere ripetuto molte volte aiutati dalla ma/a (una sorta di rosario) in maniera udibile, sottovoce o solo mentalmente.

P a g . | 51

Mudra: letteralmente sigillo, usato per indicare alcuni particolari gesti rituali vogici. Nadi: sono i canali attraverso il quale il prima (forza vitale) scorre. fr/a, piaga/a e sushumna sono i principali. Nauli: esercizi addominali dello voga. Orgasmo: fase culminante del rapporto sessuale, ossia il momento di massima eccitazione. Nelluomo si accompagna in genere alleiaculazione, nella donna lorgasmo un evento pi complesso, legato al tipo di stimolazione ricevuta e al coinvolgimento emotivo. Molte donne possono avere diversi orgasmi nellarco di pochi minuti. Padma: il loro, simbolo della femminilit, della yoni. Padmasana: posizione del loro. Parvati: la consorte di Shiva, incarnazione della sensualit e del piacere che scaturisce dallunione rantrica. Preliminari: fase del rapporto sessuale che precede la penetrazione vera e propria e che comprende tutte le sollecitazioni erotiche che i partner si scambiano per portarsi al culmine delleccitazione. Punto G: zona localizzata a circa 6-8 centimetri dallingresso della vagina, nella parete superiore, la cui stimolazione provoca in alcune donne una sensazione di piacere molto intenso. Scroto: sacca cutanea che contiene i resticoli, Shakti: lenergia attiva femminile degli dei. Shiva: divinit della Trinit ind (Trimurti composta da: Brahma (il Creatore), Vishnu (il Conservatore), Shiva (il Distrurrore). La sua consorte Parvari Devi (detta anche Shakti) che da lui scaturisce, generando gli universi materiali e determinandone la trasformazione. Tantra: insieme di dottrine di matrice induista-buddista volte ad accrescere la consapevolezza e il rilassamento nellatto sessuale per entrare in uno stato di coscienza pi profonda e sublime. Vajra: folgore, lampo, indica lorgano suale maschile. Vajradhara: manifestazione di Budda Shakyamuni in unione con la consorte per gli insegnamenti del Tantra. Vishnu: La seconda persona della Trimurti (trinit) Ind, composta da Brahma, Vishnu e Shiva, la forza che sostiene lUniverso, e quindi il suo Preservatore. Yab: principio maschile. Yab-Yum: unione dei principi maschile e femminile. Unit cosmica. Yang: principio maschile nel taoismo. Yin: principio femminile nel taoismo. Yoni: lorgano sessuale femminile. Yum: principio femminile. Zone erogene: parti del corpo parricolar mente sensibili alleccitamento sessuale.