Sei sulla pagina 1di 5

Giovani eccellenti si sfidano a Bratislava

Comunicato stampa, Milano, 7 agosto 2012 Dal 21 al 26 settembre a Bratislava si svolge la 24a edizione del concorso dellUe per giovani scienziati. 3 progetti di 2 ragazze e 4 ragazzi italiani, selezionati dalla Fast con il concorso I giovani e le scienze, si confrontano con altri 80 lavori di 104 studenti delle superiori. Coinvolti 36 paesi: 24 dellUnione europea pi le scuole europee e 12 di Asia, America e Oceania. La biologia e lingegneria sono i campi scelti dai nostri ragazzi provenienti da: Malignani di Udine, Cavanis di Possagno (Treviso), Marconi di Rovereto (Trento). La finale europea mette in palio premi fino a 7000 e soggiorni studio presso primarie istituzioni di ricerca. La Fast ha gi pubblicato il bando per il 2013.

Si sta avvicinando la finale del 24 concorso dellUnione europea per i giovani scienziati (www.eucys2012.eu) in programma a Bratislava, Slovacchia, dal 21 al 26 settembre 2012. I National Organizer dei vari paesi (in Italia la FastFederazione delle associazioni scientifiche e tecniche) hanno fatto le loro proposte alla Commissione europea e i 19 componenti la giuria sono al lavoro per valutare i testi scritti ed essere pronti per visionare gli stand e intervistare i finalisti durante lesposizione. La manifestazione si conferma il pi significativo appuntamento comunitario per gli studenti con pi di 14 anni e meno di 21, che possono gareggiare da singoli o in gruppi di non pi di tre. Intende promuovere idee di cooperazione e di interscambio tra i giovani; la vetrina annuale delle migliori scoperte scientifiche da parte di ragazze e ragazzi che hanno cos lopportunit di confrontarsi con colleghi con simili interessi ed attitudini. Attraverso la manifestazione, la Commissione valorizza gli sforzi fatti in tutti i paesi che partecipano alla gara con lobiettivo di avvicinare i giovani alla scienza e alla ricerca; individuare e incoraggiare i talenti migliori e pi promettenti; promuovere lo spirito di innovazione e collaborazione. Lappuntamento si tiene annualmente a fine settembre in un paese a rotazione. E stato ospitato in Italia, a Milano, organizzato dalla Fast, nel 1997 in occasione del centenario della Federazione. Complessivamente i partecipanti alledizione del 2012 sono 107 con 83 progetti nei seguenti settori: ambiente, biologia, chimica, fisica, ingegneria, matematica, materiali, medicina, scienze sociali, tecnologie dellinformazione. Una vera olimpiade delle scienze per premi davvero importanti (riportati nellallegato 1). Tra i paesi comunitari si nota ancora una volta lassenza di Olanda, Romania e Cipro, giustificata non certo dalla mancanza di studenti meritevoli, bens da noie burocratiche: la Commissione europea non riesce ad individuare lorganizzazione nazionale di riferimento in tali nazioni. I 12 paesi non comunitari sono: in Europa: Bielorussia, Federazione russa, Georgia, Norvegia, Svizzera; in America: Canada e Stati Uniti; in Asia: Cina, Corea del Sud, Israele, Turchia; in Oceania: Nuova Zelanda. La scelta dei finalisti italiani viene fatta con il concorso I giovani e le scienze che la Fast organizza fin dal 1989 e che individua pure quanti vanno a rappresentare il nostro paese negli altri prestigiosi eventi internazionali; si ricordano i riconoscimenti pi significativi, oltre a quello europeo: . ISEF, fiera internazionale della scienza e dellingegneria (www.societyforscience.org), Stati Uniti;

. LIYSF, forum internazionale giovanile della scienza (www.liysf.org.uk), Londra (Gran Bretagna); . INESPO, olimpiade internazionale dellambiente e della sostenibilit (www.inespo.org), Utrecht (Olanda); . ESE ed ESI, esposizione scientifica europea e/o internazionale di Milset; . SIWI, premio internazionale dellacqua per i giovani, Stoccolma (Svezia); . Mostratec (www.mostratec.com.br), Novo Hamburgo (Brasile); . Fiera internazionale di Taipei; . Expo Science Belgio; . Divento un astronomo, soggiorno studio presso lOsservatorio astronomico di Asiago (www.pd.astro.it); . attestati di merito di prestigiose associazioni internazionali. LItalia partecipa alla finale europea di Bratislava con 6 giovani e tre progetti, profittando del massimo dei posti che ciascun paese (nel discutibile ugualitarismo comunitario dal Lussemburgo alla Germania le condizioni sono uguali) pu ottenere. Due riguardano lingegneria e il terzo biologia/medicina (nellallegato 2 si riportano i ragazzi selezionati e la sintesi dei loro contributi). E doveroso ricordare che sul sito della Fast (www.fast.mi.it) si trova il bando per ledizione 2013, selezione per il 25 concorso dellUe dei giovani scienziati previsto a Praga e per gli altri grandi appuntamenti dei migliori talenti. La scadenza per linvio dei progetti il 15 febbraio 2013. Lesposizione dei migliori lavori programmata a Milano dal 13 al 15 aprile 2013. Persona di contatto: Alberto Pieri, segretario generale Fast alberto.pieri@fast.mi.it tel. +39.0277790304 cell. 335.302570 ________________________________________________
Allegato 1 I premi del 24 EUCYS (European Union Contest of Young Scientists) di Bratislava Premi in denaro 3 3 3 1 primi premi di 7.000 ciascuno secondi premi di 5.000 ciascuno terzi premi di 3.500 ciascuno premio della cooperazione internazionale di 5.000

Premi di partecipazione Seminario internazionale per i giovani di Stoccolma in occasione della consegna dei Nobel Forum internazionale giovanile della scienza di Londra Premi speciali - Premio alloriginalit dellEuropean Patient Office - Premi di Euroforum: . Cern, the European Organisation for Nuclear Research (Switzerland and France) . Efda-Jet, the European Fusion Development Agreement (Germany and the UK)

. Embl, the European Molecular Biology Laboratory (Germany, France, Italy and UK) . Esa, the European Spacy Agency (France, the Netherlands, Spain, etc.) . Eso, the European Southern Observatory (Chile and Germany) . Esrf, the European Synchroton Radiation Facility (France) . Ill, the Institute Laue-Langevin (France) . European Xfel (Germany) - Premio del Centro comune di ricerca - Premio Isef-Intel

ALLEGATO 2 Gli studenti italiani e i progetti selezionati per il 24 EUCYS, Bratislava, 21-26 settembre. Freno a fluido non newtoniano Giulio Favaro (1994), Liceo scientifico tecnologico-Istituto Cavanis Collegio Canova, Possagno (TV) Il progetto presenta un nuovo tipo di freno che sfrutta, anzich lattrito tra le pastiglie del freno e la ruota, quello di alcune pale immerse in un liquido non newtoniano, cio un fluido che modifica la sua viscosit in modo non costante se sottoposto a forze. Lo studente usa un liquido dilatante che pu aumentare di molto la viscosit. Con i fluidi non newtoniani possibile ad esempio camminare sullacqua, ma nel momento in cui ci si ferma si comincia ad affondare. Al momento della frenata viene trasmessa la rotazione dellalbero motore della macchina al freno, il quale genera unalta forza dattrito. Il meccanismo costituito da due cilindri, uno dentro laltro, con delle pale rivolte verso lo spazio tra i due, che contengono il liquido non newtoniano. Mentre le pale del cilindro interno hanno lo scopo di fermare la rotazione, quelle del cilindro esterno hanno la funzione di impedire al fluido di entrare in rotazione con lalbero motore e quindi di non produrre pi attrito. Giulio sicuro che il sistema proposto non richiede interventi di manutenzione finch la macchina stessa ha vita; inoltre ha un ingombro ridotto. Il costo maggiore del meccanismo al momento dellacquisto ampiamente compensato dalle prestazioni migliori e dallassenza delle spese di manutenzione. Fresatrice CNC Michele Simoncelli (1992), Luca Passerini (1992), Istituto tecnico industriale G. Marconi, Rovereto (TN) Lobiettivo del progetto riprodurre fisicamente qualunque oggetto tridimensionale disegnato al computer. Michele e Luca progettano e realizzano hardware elettronico e software dedicato per controllare una fresatrice, macchina utensile per la lavorazione in forme complesse di parti metalliche o di altri materiali. Essenzialmente tale macchinario costituito da un elettromandrino (motore che tramite un albero trasmette il moto rotatorio ad un utensile) in grado di muoversi su tre assi (avantiindietro, destra-sinistra, su-gi). Gli assi sono movimentati da motori passo, attuatori che convertono impulsi di energia elettrica in piccoli spostamenti. Lhardware prodotto composto da tre schede di controllo motore passo, ununit centrale di comando, un alimentatore e una scheda per laccensione e spegnimento dellelettromandrino. Ogni motore dispone di una scheda di controllo a sua volta interfacciata con lunit centrale di comando che coordina i movimenti dei tre motori in contemporanea. Questultima controllata da computer tramite il software CNC driver 1.0, scritto interamente dai due studenti. CNC driver 1.0 interpreta ed invia allhardware i dati di una bump map (immagine in cui ad ogni pixel sono associate tre grandezze x, y, z: rispettivamente posizione x, posizione y e colore) realizzabile con programmi di elaborazione grafica 3D. Grazie a questo preciso controllo del movimento degli assi lutensile pu essere posizionato in precisi punti nello spazio ed asportare determinate porzioni di materiale. Il risultato finale sorprendente, da un comune blocchetto di legno si ottiene loggetto modellizzato al PC! Un nuovo protocollo per la diagnosi dei Tumori Stromali GastroIntestinali (GIST) e non GIST Ilaria Furlan (1993), Anastasia Moravskaya (1992), Sebastian Gregoricchio (1993), Istituto statale di istruzione superiore A. Malignani, Udine Il Friuli Venezia Giulia risultata, negli ultimi anni, la regione italiana con la pi alta incidenza di tumori. Partendo da questo presupposto nata lidea di indagare sulle procedure mediante le quali possibile identificarli. I tre allievi del Malignani si concentrano principalmente sui Tumori stromali gastroIntestinali (GIST), i pi frequenti tumori mesenchimali del tratto gastroenterico. Essi vengono classificati come GIST o non GIST mediante limmunoistochimica (IHC) e losservazione al microscopio. In genere le normali indagini per la diagnosi non vanno

oltre a queste due analisi. I GIST vengono trattati con due farmaci (Imatinib e Sunitinib), che per risultano efficaci solo in presenza di determinate mutazioni. Anastasia, Ilaria e Sebastian utilizzano le pi comuni tecniche di biologia molecolare al fine di verificare la presenza di tali mutazioni in 27 campioni precedentemente classificati con lIHC in GIST e non GIST. I risultati mostrano che alcuni tumori classificati come GIST non presentano le mutazioni che rendono efficace il trattamento con Imatinib o Sunitinib, mentre alcuni non GIST (45% circa) possiedono tali mutazioni. Inoltre avanzano unipotesi per un trattamento anti-tumorale meno invasivo basato sullutilizzo di anticorpi, vitamina H (biotina) e avidina (proteina). Il lavoro permette una diagnosi pi accurata ed un conseguente trattamento con un farmaco specifico a seconda del tipo di tumore. In questo modo si possono evitare cicli di terapia con farmaci inefficaci che implicano un notevole stress psicologico e fisico per il paziente. La possibilit di indirizzare il malato verso un trattamento con maggiori probabilit di successo riduce inoltre il costo della cura.