Sei sulla pagina 1di 130

COMUNE DI STRONCONE

(PROVINCIA DI TERNI)

PIANO REGOLATORE GENERALE - PARTE STRUTTURALE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE


Adottato con Delibera di Consiglio Comunale N. 24 del 21.04.2009 Esame Osservazioni con Delibera di Consiglio Comunale N. 85 del 11.11.2009

Redatto in data

30.12.2009

dal gruppo multidisciplinare di progettazione:

Ing.

Stefano Bufi Studio Associato OFFICINA8

Agr. Masimo Barbarossa Geol. Pietro Tarquini

Pag. 1

Indice generale
TITOLO I CONTENUTI E MODALITA' DI ATTUAZIONE DEL P.R.G. ..................................... 5 CAPITOLO I - GENERALITA E CONTENUTI DEL PIANO REGOLATORE GENERALE .. 5 ARTICOLO 1 - GENERALITA' ................................................................................................ 5 ARTICOLO 2 - ELABORATI DEL P.R.G. - PARTE STRUTTURALE ................................... 6 ARTICOLO 3 - COSTRUZIONI PREESISTENTI ................................................................... 9 ARTICOLO 4 - NORME DI SALVAGUARDIA .................................................................... 10 CAPITOLO II - ATTUAZIONE DEL P.R.G................................................................................. 11 ARTICOLO 5 - MODALITA' DI ATTUAZIONE DEL P.R.G................................................. 11 ARTICOLO 6 - PIANI ATTUATIVI........................................................................................ 11 ARTICOLO 7 - INTERVENTO DIRETTO PER I NUOVI INSEDIAMENTI DEL P.R.G.. .. 13 ARTICOLO 8 ATTUAZIONE DEL P.R.G. TRAMITE PROGRAMMA URBANISTICO. 14 TITOLO II STRUTTURA DEGLI ELEMENTI DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE......... 16 CAPITOLO I LIVELLI DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE .......................................... 16 ARTICOLO 9 UNITA' DI PAESAGGIO............................................................................ 16 ARTICOLO 10 Disciplina delle Unit di Paesaggio norme generali................................. 17 ARTICOLO 11 Disciplina delle Unit di Paesaggio norme particolari ............................. 19 ARTICOLO 12 SISTEMI TERRITORIALI ....................................................................... 28 ARTICOLO 13 MACROZONE.......................................................................................... 28 ARTICOLO 14 COMPARTI. .............................................................................................. 28 TITOLO III DISCIPLINA URBANISTICA PARAMETRI URBANISTICI DEFINIZIONE DELLE ZONE OMOGENEE............................................................................................................ 29 CAPITOLO I PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI ...................................................... 29 ARTICOLO 15 GRANDEZZE URBANISTICHE, INDICI,GRANDEZZE EDILIZIE,DISTANZE. ............................................................................................................ 29 CAPITOLO II DEFINIZIONE DELLE ZONE OMOGENEE.................................................. 43 ARTICOLO 16 DEFINIZIONE E SUDDIVISIONE DELLE ZONE ................................. 43 CAPITOLO III ZONE RESIDENZIALI ................................................................................... 44 ARTICOLO 17 DESTINAZIONE D'USO DELLE ZONE RESIDENZIALI...................... 44 ARTICOLO 18 ZONE A CENTRI STORICI ................................................................. 44 ARTICOLO 19 - INTERVENTI SU BENI CULTURALI SPARSI NEL TERRITORIO ....... 50 ARTICOLO 20 - ZONE DI COMPLETAMENTO -B - .......................................................... 66 ARTICOLO 21 - ZONE "C"- ZONE RESIDENZIALI DI ESPANSIONE............................ 74 ARTICOLO 23 - ZONE Cp- ZONE RESIDENZIALI PERIURBANE.............................. 76 CAPITOLO IV ZONE PRODUTTIVE ..................................................................................... 80 ARTICOLO 24 - ZONE INDUSTRIALI E ARTIGIANALI DI COMPLETAMENTO - D-.. 80 ARTICOLO 25 - INDUSTRIALI E ARTIGIANALI MISTE -D1- ......................................... 81 ARTICOLO 26 - ZONE - Dt - ATTREZZATURE TURISTICO-RICETTIVE.................... 82 CAPITOLO V ZONE AGRICOLE E BOSCHIVE ................................................................... 83 ARTICOLO 27 DISPOSIZIONI GENERALI. ..................................................................... 83 ARTICOLO 28 NORME GENERALI ZONE AGRICOLE -E- ........................................... 84 ARTICOLO 29 ZONA - E1 - zona agricola con funzione di Unit di connessione della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000............................................... 88 ARTICOLO 30 ZONA E2 - zona agricola con funzione di Fascia di biopermeabilit (connettivit) della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000 ...... 93 ARTICOLO 31 ZONA - E3 - zona agricola con funzione di Corridoio della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000;............................................................... 95 ARTICOLO 32 ZONA E4 - ZONE BOSCHIVE ............................................................ 100 ARTICOLO 33 ALLEVAMENTI ZOOTECNICI .............................................................. 103
Pag. 2

CAPITOLO VI - ZONE DI INTERESSE PUBBLICO................................................................... 105 ARTICOLO 34 ZONE PER SERVIZI DI INTERESSE GENERALE - FA- ..................... 105 FA1) - aree per la salute e l'assistenza ................................................................................... 105 FA2) - aree per verde pubblico in parchi urbani e territoriali................................................. 106 FA3) - aree per attrezzature per lo sport e per le attivita culturali......................................... 107 FA4) - Aree per infrastrutture tecnologiche compreso le aree per la protezione Civile ......... 107 ARTICOLO 35 ZONE PER SERVIZI DI PERTINENZA DEGLI INSEDIAMENTI RESIDENZIALI - FB- ........................................................................................................... 108 FB1) - Istruzione scuola materna e dellobbligo .................................................................... 109 FB2) - Attrezzature di interesse comune ............................................................................... 110 FB3) - Spazi pubblici attrezzati a parco ................................................................................. 110 FB4) Parcheggi pubblici........................................................................................................ 111 ARTICOLO 36 ZONE DESTINATE ALLA VIABILIT ............................................... 112 ARTICOLO 37 ZONE DESTINATE A PARCHEGGIO E SOSTA PRIVATI................... 112 CAPITOLO VII - ZONE DI RISPETTO E VINCOLI DI SALVAGUARDIA TERRITORIALE . 114 ARTICOLO 38 - ZONE DI RISPETTO DEI CIMITERI V1 -.......................................... 114 ARTICOLO 39 - ZONE DI PARTICOLARE INTERESSE NATURALISTICO E AMBIENTALE -V2- .............................................................................................................. 114 ARTICOLO 40 FASCE DI RISPETTO DELLA FERROVIA - V3_ ............................... 114 ARTICOLO 41 - AREA ARCHEOLOGICA -V4-................................................................. 114 ARTICOLO 42 AREA DI RISPETTO DEI POZZI ........................................................... 114 ARTICOLO 43 ZONE DI RISPETTO DEI DEPURATORI ............................................ 115 ARTICOLO 44 AREE A RISCHIO IDRAULICO............................................................. 116 ARTICOLO 45 AREE A RISCHIO GEOMORFOLOGICO ............................................. 118 ARTICOLO 46 AREE SOGGETTE A RISCHIO SISMICO............................................. 120 ARTICOLO 47 AREE SOGGETTE A VINCOLI PAESAGGISTICI E AMBIENTALI .. 121 LA RETE DI CONNESSIONE ECOLOGICA REGIONALE (art. 9 e 10 L.R. 27/2000 come riscritti rispettivamente dagli artt. 46-47 della L.R. 11/2005 D.G.R. n. 2003 del 30 novembre 2005)....................................................................................................................................... 121 ARTICOLO 48 STRADE PANORAMICHE E CONI VISIVI DA TUTELARE (Art. 25 della L.R. 27/2000)................................................................................................................. 124 ARTICOLO 49 ZONE SOTTOPOSTE A TUTELA AI SENSI DELLART. 136 DLGS. 42/2004 ................................................................................................................................... 124 ARTICOLO 50 SALVAGUARDIA DELLE ACQUE SOTTERRANEE.......................... 125 ARTICOLO 51 FASCE DI RISPETTO DEI DEI CORSI DACQUA............................. 125 ARTICOLO 52 IMPIEGO DELLE TECNICHE DELLINGEGNERIA NATURALISTICA................................................................................................................. 126 ARTICOLO 49 IMPIEGO DELLE TECNICHE DELLINGEGNERIA NATURALISTICA................................................................................................................. 126 ARTICOLO 53 AREE SENSIBILI DI TUTELA DALL'ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTRICI, MAGNETICI ED ELETTOMAGNETICI....................................................... 127 ARTICOLO 54 FASCE DI RISPETTO DEGLI ELETTRODOTTI ................................ 127 CAPITOLO VIII - RECINZIONI ............................................................................................... 127 ARTICOLO 55 - RECINZIONI NEI CENTRI ABITATI E ZONE RESIDENZIALI .......... 127 ARTICOLO 56 - RECINZIONI NELLE ZONE AGRICOLE............................................... 128 ARTICOLO 57 - RECINZIONI NELLE ZONE INDUSTRIALI ......................................... 128 ARTICOLO 58 - NORME GENERALI SULLE RECINZIONI ........................................... 129 TITOLO IV DISPOSIZIONI FINALI .......................................................................................... 130

Pag. 3

Pag. 4

TITOLO I CONTENUTI E MODALITA' DI ATTUAZIONE DEL P.R.G. CAPITOLO I - GENERALITA E CONTENUTI DEL PIANO REGOLATORE GENERALE
ARTICOLO 1 - GENERALITA' Le presenti norme tecniche valgono per l'attuazione del Piano Regolatore Generale , che in seguito, per brevit, indicheremo con la sigla P.R.G., nel quadro della L. 1150 del 17/08/1942 e della L.R. n. 31/97 e della L.R. 11/2005, e successive modifiche ed integrazioni, della L.R. 27/2000 (PUT) e del PTCP della Provincia di Terni e loro successivi aggiornamenti ed integrazioni. Dette norme forniscono indicazioni e prescrizioni per l'esecuzione di opere pubbliche e la disciplina delle iniziative private tendenti alla utilizzazione dei terreni a scopo edificatorio. Per quanto non specificato si fa riferimento al Regolamento Edilizio ed alle vigenti leggi in materia urbanistico-edilizia nazionali e regionali. Lapprovazione del PRG comporta labrogazione delle previsioni del vigente Programma di Fabbricazione e sue successive varianti. Sono fatte salve le previsioni dei Piani Attuativi vigenti, alla data di adozione del Piano Regolatore Generale. In accordo con la legge regionale n. 11/2005 il P.R.G. composto da: a) una parte strutturale che, in coerenza con gli obiettivi e gli indirizzi della programmazione regionale e della pianificazione territoriale provinciale, con particolare riferimento al Piano urbanistico territoriale (PUT) e al Piano territoriale di coordinamento provinciale (PTCP), e tenendo conto delle relazioni con altri territori comunali coinvolti, definisce le strategie per il governo dell'intero territorio comunale, provvedendo a: 1) identificare le strutturali del territorio; 2) articolare il territorio comunale in sistemi ed unit di paesaggio; 3) configurare il sistema delle principali attivit e funzioni urbane e territoriali, anche definendo scenari di sviluppo qualitativo e quantitativo atti a caratterizzarne la sostenibilit; 4) indicare le azioni di conservazione, di valorizzazione e di trasformazione considerate strategiche ai fini dello sviluppo sostenibile; b) una parte operativa, che individua e disciplina gli interventi relativi alle azioni di conservazione, valorizzazione e trasformazione del territorio, considerate strategiche nella parte strutturale, nel rispetto degli scenari qualitativi e quantitativi da quest'ultima definiti e con specifica attenzione alle dimensioni sociali, economiche, ambientai i e morfologico funzionali degli interventi. La Parte Strutturale del PRG ha validit a tempo indeterminato e potr essere modificata con le procedure di cui all'art. 18 della L.R. n. 11/2005 e sue successive modifiche ed integrazioni. La Parte Operativa del PRG, essendo lo strumento con cui lAmministrazione Comunale precisa le trasformazioni urbanistiche ed edilizie ammissibili della Parte Strutturale del piano quelle che possono essere eseguite o avviate nel periodo corrispondente al mandato amministrativo del Consiglio Comunale, e comunque entro un massimo di otto anni dalla data della sua approvazione. Entro un massimo di otto anni dalla data di approvazione, il Consiglio comunale deve approvare una nuova stesura aggiornata della Parte Operativa del PRG, che sostituisce la precedente. Trascorsi otto anni dalla data di approvazione, senza che, il Consiglio Comunale abbia provveduto

Pag. 5

allapprovazione della nuova stesura della Parte Operativa del PRG, essa decade, fatta salva la disciplina degli interventi diretti e le previsioni dei piani attuativi vigenti al momento della decadenza. ARTICOLO 2 - ELABORATI DEL P.R.G. - PARTE STRUTTURALE Recependo i contenuti dall'art. 3 della L.R. 11/2005, per la parte strutturale del P.R.G. sono stati redatti i seguenti elaborati: Documento programmatico Relazione illustrativa Individuazione dei beni immobili di interesse storico architettonico e culturale ai sensi dell'art. 33 della L.R. 11/2005 Schede descrittive degli immobili con indicazione delle prescrizioni particolari Norme tecniche di attuazione del P.R.G., parte strutturale ELENCO TAVOLE PREVISIONI URBANISTICHE
Tav. 1U COROGRAFIA - scala 1:50.000 Tav. 2U PREV. DI PIANO: INQUADRAMENTO TERRITORIALE COMUNALE - scala 1:25.000 Tav. 3,1U PREVISIONI DI PIANO: S. ROCCO - scala 1:5000 Tav. 3,2U PREVISIONI DI PIANO: FIAIOLA - scala 1:5000 Tav. 3,3U PREVISIONI DI PIANO: MONTEMAGGIO - scala 1:5000 Tav. 3,4U PREVISIONI DI PIANO: S. EUGENIA - scala 1:5000 Tav. 3,5U PREVISIONI DI PIANO: PIANO DI CANALE - scala 1:5000 Tav. 3,6U PREVISIONI DI PIANO: AGUZZO - scala 1:5000 Tav. 3,7U PREVISIONI DI PIANO: STRONCONE - scala 1:5000 Tav. 3,8U PREVISIONI DI PIANO: CIMITELLE - scala 1:5000 Tav. 3,9U PREVISIONI DI PIANO: I PRATI - scala 1:5000 Tav. 3,10U PREVISIONI DI PIANO: S. URBANO - scala 1:5000 Tav. 3,11U PREVISIONI DI PIANO: FINOCCHIETO - scala 1:5000 Tav. 3,12U PREV. DI PIANO: M. MACCHIALUNGA - scala 1:5000 Tav. 3,13U PREVISIONI DI PIANO: PIANI DI RUSCHIO - scala 1:5000 Tav. 3,14U PREVISIONI DI PIANO: M. S. PANCRAZIO - scala 1:5000 Tav. 3,15U PREVISIONI DI PIANO: C.S. LUCIA - scala 1:5000 Tav. 3,16U PREVISIONI DI PIANO: COSTA MARTONI - scala 1:5000

ELENCO TAVOLE VINCOLI PAESAGGISTICI


Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. Tav. 1,1VP Carta dei vincoli Paesaggistici: S. ROCCO - scala 1:5000 1,2VP Carta dei vincoli Paesaggistici: FIAIOLA - scala 1:5000 1,3VP Carta dei vincoli Paesagg. : MONTEMAGGIO - scala 1:5000 1,4VP Carta dei vincoli Paesaggistici: S. EUGENIA - scala 1:5000 1,5VP Carta dei vincoli Paes. : PIANO DI CANALE - scala 1:5000 1,6VP Carta dei vincoli Paesaggistici: AGUZZO - scala 1:5000 1,7VP Carta dei vincoli Paesaggistici: STRONCONE - scala 1:5000 1,8VP Carta dei vincoli Paesaggistici: CIMITELLE - scala 1:5000 1,9VP Carta dei vincoli Paesaggistici: I PRATI - scala 1:5000 1,10VP Carta dei vincoli Paesaggistici: S. URBANO - scala 1:5000 1,11VP Carta dei vincoli Paesagg. : FINOCCHIETO - scala 1:5000 1,12VP Carta dei vincoli Paes.: M. MACCHIALUNGA - scala 1:5000 1,13VP Carta dei vincoli Paes. : PIANI DI RUSCHIO - scala 1:5000 1,14VP Carta dei vincoli Paes. : M. S. PANCRAZIO - scala 1:5000 1,15VP Carta dei vincoli Paesaggistici: C.S. LUCIA - scala 1:5000 1,16VP Carta dei vincoli Paes. : COSTA MARTONI - scala 1:5000

Pag. 6

ELENCO TAVOLE VINCOLI AMBIENTALI TAV. 1.VA Carta dinsieme dei Vincoli Ambientali: U.d.P. e R.E.C. TAV. 2.01.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 S.Rocco TAV. 2.02.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - Fiaiola TAV. 2.03.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - Monte Maggio TAV. 2.04.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - S.Eugenia TAV. 2.05.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - Piano di Canale TAV. 2.06.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - Aguzzo TAV. 2.07.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - Stroncone TAV. 2.08.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - Cimitelle TAV. 2.09.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - I Prati TAV. 2.10.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - S.Urbano TAV. 2.11.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - Finocchieto TAV. 2.12.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - M.Macchialunga TAV. 2.13.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - Piani di Ruschio TAV. 2.14.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - M.S.Pancrazio TAV. 2.15.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - C.le S.Lucia TAV. 2.16.VA Rete Ecologica Comunale scala 1:5000 - Costa Martoni TAV. 3.VA Carta delle aree della Rete Natura 2000 STUDIO GEOLOGICO-TECNICO-IDROGEOLOGICO TAV. 1 CARTA GEOLOGICA ( il territorio suddiviso in N. 5 tavole rapp. 1 : 5.000) TAV. 2 CARTA GEOMORFOLOGICA ( il territorio suddiviso in N. 5 tavole rapp. 1 : 5.000) TAV. 3 CARTA IDROGEOLOGICA ( il territorio suddiviso in N. 5 tavole rapp. 1 : 5.000) ALL. TAV. 3 CARTA DELLE SEZIONI IDRAULICHE ( tavola unica rapp. 1 : 5.000) TAV. 3 bis CARTA DELLA VULNERABILITA' DEGLI ACQUIFERI ( il territorio suddiviso in N. 2 tavole rapp. 1 : 10.000) TAV. 4 CARTA DEL COMPORTAMENTO GEOMECCANICO ( il territorio suddiviso in N. 2 tavole rapp. 1 : 10.000) TAV. 5 CARTA DI ZONIZZAZIONE ( il territorio suddiviso in N. 5 tavole rapp. 1 : 5.000) STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA TAV. 1 CARTA GEOLOGICA ( il territorio suddiviso in N. 5 tavole rapp. 1 : 5.000) TAV. 2 CARTA GEOMORFOLOGICA ( il territorio suddiviso in N. 5 tavole rapp. 1 : 5.000) TAV. 3 CARTA LITOTECNICA ( il territorio suddiviso in N. 5 tavole rapp. 1 : 5.000) TAV. 4 CARTA DELLE ZONE SUSCETTIBILI DI AMPLIFICAZIONI SISMICHE ( il territorio suddiviso in N. 5 tavole rapp. 1 : 5.000) TAV. 5 CARTA DELLE SEZIONI GEOLOGICHE ( tavola unica rapp. 1 : 5.000) Relazione illustrativa dello studio geologico tecnico idrogeologico sismico. 1. Il PRG, parte strutturale, negli elaborati sopra elencati, identifica, in riferimento ad un'idea condivisa di sviluppo socio - economico e spaziale e mediante individuazione fondiaria, le componenti strutturali del territorio e cio: a) gli elementi del territorio che costituiscono il sistema delle componenti naturali e assicurino il rispetto della biodiversit; b) le aree instabili o a rischio, per caratteristiche geomorfologiche, idrogeologiche, idrauliche e sismiche; c) le aree agricole, e delle produzioni agricole di pregio, nonch quelle boscate, anche con riferimento alle normative di settore;

Pag. 7

d) gli insediamenti esistenti e gli elementi del territorio che rivestono valore storico culturale di cui all'articolo 29 della legge regionale 24 marzo 2000, n. 27, i beni vincolati ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, nonch gli edifici sparsi nel territorio agricolo, di cui all'articolo 33, comma 5 e le eventuali relative fasce di rispetto; e) gli insediamenti esistenti non aventi le caratteristiche di cui alla lettera d); f) le infrastrutture lineari e nodali per la mobilit ed in particolare la rete ferroviaria e viaria di interesse regionale, provinciale e comunale, nonch gli elettrodotti e gli impianti radioelettrici, di telefonia mobile e radiodiffusione esistenti. 2. Il PRG, parte strutturale, negli elaborati sopra elencati, illustra: a) l'idea complessiva dello sviluppo socio-economico e spaziale della citt e del suo territorio posta a base del PRG, evidenziando la coerenza in rapporto alle componenti strutturali di cui al comma 1 e prospettandone la realizzabilit tramite azioni sul sistema ambientale, della mobilit, nonch su quello delle dotazioni territoriali e funzionai i dei servizi e delle attrezzature, nello spazio rurale e nello spazio urbano; b) il sistema delle funzioni insediative urbane e territoriali, esistenti e di progetto quantificandolo in rapporto ad ipotesi dimensionali relazionate a presunti andamenti demografici, migrazionali ed occupazionali e tenendo conto delle dotazioni, attuali e potenziali, di infrastrutture e servizi, nonch delle indicazioni del PTCP; c) le azioni di cui alla lettera a) relative allo spazio rurale, articolandole in riferimento alle politiche di sviluppo, ad obiettivi di tutela e valorizzazione delle risorse naturalistiche e antropiche e di valorizzazione del paesaggio ed a quelli di riqualificazione ambientale e paesaggistica delle situazioni di degrado; d) le azioni di cui alla lettera a) relative allo spazio urbano articolandole in quelle di tutela e valorizzazione dell'insediamento storico, in quelle di mantenimento, miglioramento e riqualificazione dell'assetto funzionale e morfologico dell'insediamento esistente e in quelle relative a nuovi insediamenti la cui definizione urbanistica affidata al PRG, parte operativa. 3. In particolare negli elaborati , il PRG, parte strutturale: a) articola, in coerenza con la pianificazione sovraordinata, il territorio comunale in sistemi ed unit di paesaggio, intesi come porzioni del territorio comunale, all'interno delle quali le componenti naturali, di tipo morfologico, idrografico e vegetazionale, e le componenti antropiche, di tipo insediativo e di uso del suolo, presentano caratteri omogenei e relazioni tali da attribuire a ciascuna porzione specificit ed identit riconoscibili sotto il profilo territoriale e paesaggistico; per essi indica il tipo di considerazione dei diversi paesaggi, e delle relative componenti, che occorre avere nella progettazione e realizzazione degli interventi di trasformazione del territorio e dell'insediamento; b) definisce, anche in riferimento al sistema ed alle unit di paesaggio di cui alla lettera a) ed eventualmente rinviando al PRG, parte operativa, approfondimenti specifici, la disciplina di tutela e valorizzazione delle componenti strutturali, di cui al comma 1, lettere a), b), c) e d), nonch di valorizzazione per i beni vincolati dal D.Lgs. 42/2004 di cui alla stessa lett. d); c) indica, anche con riferimento al sistema ed alle unit di paesaggio di cui alla lettera a), i criteri di conservazione e valorizzazione, mantenimento o riqualificazione della citt esistente, da assumere in sede di PRG, parte operativa, per la definizione della disciplina delle componenti strutturali di cui al comma 1, lettere d), e) ed f); d) individua gli elementi insediativi, funzionali e infrastrutturali esistenti e di progetto che nel loro insieme costituiscono la struttura urbana minima di cui necessario garantire l'efficienza in caso di eventi sismici allo scopo di ridurre la vulnerabilit sismica urbana; a tal fine definisce gli obiettivi da perseguirsi mediante la qualificazione antisismica degli interventi dai quali detti elementi sono interessati ordinariamente, demandando al PRG, parte operativa, la promozione di detta
Pag. 8

qualificazione anche attraverso meccanismi compensativi di cui all'articolo 30; e) individua le principali infrastrutture lineari e nodali per la mobilit di progetto; f) individua e disciplina, eventualmente rinviando al PRG, parte operativa, approfondimenti specifici, gli interventi di riqualificazione e valorizzazione delle risorse naturali, antropiche e paesaggistiche relative alle azioni nello spazio rurale di cui al comma 2, lettera c); g) individua, in continuit con l'insediamento esistente, aree che classifica come zona agricola utilizzabile per nuovi insediamenti di cui al comma 2, lettera d), e stabilisce i criteri cui il PRG, parte operativa, deve attenersi nella relativa disciplina urbanistica; tali criteri, relazionati in base a quanto previsto al comma 2, lettera b), riguardano l'eventuale dimensionamento e la programmazione nel tempo dell'uso insediativo delle aree agricole utilizzabili, l'assetto funzionale e morfologico da perseguire, i meccanismi perequativi e compensativi da attivare; h) individua le aree per le quali necessario ridurre il rischio ambientale e, in particolare, indica, anche in relazione ai contenuti del PTCP, le aree destinate alla produzione di beni e servizi a rischio di incidente rilevante; i) stabilisce, con riferimento alle discipline relative all'inquinamento acustico, elettromagnetico, luminoso e da immissioni nell'atmosfera, eventuali verifiche da effettuare in sede di PRG, parte operativa, sul territorio da quest'ultimo interessato; I) fissa i campi di variazione percentuale, non superiori al dieci per cento delle dimensioni da esso stabilite in materia di definizione fondiaria e di capacit insediativa di cui alla lettera g), all'interno dei quali eventuali modifiche del PRG, parte operativa, non costituiscono variante al PRG, parte strutturale; m) fissa i criteri per la elaborazione di eventuali piani e programmi comunali di settore, aventi incidenza sulle componenti strutturali, con particolare riferimento a quelli relativi alla riduzione della vulnerabilit urbana. 4. Le previsioni del PRG, parte strutturale, di cui al comma 1, lettere a), b), c), d) ed f) hanno valore prescrittivo nei confronti della propriet e degli altri diritti reali. Per le previsioni di nuove infrastrutture stradali e ferroviarie di cui al comma 1, lettera f), il PRG, parte strutturale, definisce ambiti di salvaguardia proporzionati all'interesse della infrastruttura, all'interno dei quali verr sviluppato il tracciato definitivo dell'infrastruttura medesima. I diritti edificatori all'interno degli ambiti di cui sopra sono fatti salvi e possono essere esercitati su altra area del territorio comunale con le modalit di cui all'articolo 30 della L.R. 11/2005. Il territorio del Comune di Stroncone deve considerarsi tutto interessato dal P..R.G. secondo le indicazioni, i modi ed i limiti indicati negli elaborati sopra indicati facenti parte integrante delle presenti norme. Per la determinazione e la definizione di distanze e di dettagli planimetrici fanno sempre testo le planimetrie a scala minore, quando queste esistono. Quando nelle tavole di P.R.G. si individuano zone bianche esse sono sempre da considerarsi come spazi per l'adeguamento della viabilit pedonale, carrabile, ferroviaria, per la sosta, per slarghi e piazze. ARTICOLO 3 - COSTRUZIONI PREESISTENTI Le costruzioni di qualunque tipo e destinazione esistenti alla data di adozione del P.R.G., che siano in contrasto con le presenti norme e gli allegati di cui al precedente articolo, non potranno essere oggetto di trasformazione alcuna se non per adeguarle alle nuove prescrizioni di P.R.G..

Pag. 9

ARTICOLO 4 - NORME DI SALVAGUARDIA Per le costruzioni che, all'atto dell'adozione del P.R.G., hanno gi ottenuto un regolare procedimento autorizzativo ( Permesso di costruire, D.I.A., ecc.) e sia ancora valido, qualora esso si trovi in contrasto con le nuove previsioni del P.R.G., pu essere soltanto variato per essere adeguato alle presenti norme. Sono comunque consentiti interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria senza per cambiare la destinazione d'uso originale. Tutti i piani Attuativi approvati alla data di Adozione del P.R.G., parte strutturale,qualora si trovino in contrasto con le nuove previsioni di Piano conservano i diritti acquisiti per il loro completamento; eventuali modifiche successive dovranno essere adeguate alle previsioni del nuovo P.R.G. e delle presenti norme. Fino all'approvazione del P.R.G si adottano le misure di salvaguardia previste dalla L. 03/11/'52 n. 1902 e successive integrazioni e modificazioni. Qualora intervengano modifiche o integrazioni di leggi, regolamenti e normative sovra ordinate queste vengono automaticamente ad integrare e/o variare le presenti norme senza che sia necessario predisporre una apposita variante al P.R.G.

Pag. 10

CAPITOLO II - ATTUAZIONE DEL P.R.G.


ARTICOLO 5 - MODALITA' DI ATTUAZIONE DEL P.R.G. Lattuazione del P.R.G. avverr mediante: 1. piani attuativi: a) di iniziativa pubblica, se promosso da soggetti pubblici; b) di iniziativa privata, se promosso da soggetti privati; c) di iniziativa mista, se promosso da soggetti pubblici e privati. 2. iniziativa edilizia diretta. Le trasformazioni urbanistiche ed edilizie sono regolate dalle presenti norme, nonch dalle norme tecniche di attuazione del P.R.G., parte operativa, del Regolamento Edilizio, delle norme di settore, delle vigenti leggi e normative pertinenti in materia Regionali e Nazionali. 3. programma urbanistico. L'art. 28 della L.R. 11/2005, per i casi stabiliti nell'art. 4, comma 2, lett. e) della stessa legge individua e disciplina le parti dell'edificato esistente da riqualificare ed eventuali aree libere insediabili ove prevede incrementi premiali dei diritti edificatori ed eventuali ulteriori destinazioni d'uso purch compatibili, per interventi integrati finalizzati ad obiettivi di riqualificazione urbana, da attuarsi in forma privata o mista pubblico-privata; l'entit dell'incremento premiale dei diritti edificatori contenuta in limiti tali che i diritti edificatori complessivi non comportino un indice di utilizzazione territoriale maggiore di 1,5 mq/mq comprese le volumetrie esistenti. A fronte di interessi pubblici da perseguire in termini di maggiori dotazioni qualitative-quantitative delle attrezzature e degli spazi pubblici o in termini di interventi di miglioramento della qualit ambientai e, sono ammissibili eventuali incrementi premiali dei diritti edificatori che eccedano i limiti sopra detti, che possono essere esercitati anche al di fuori dell'ambito interessato, in aree individuate e cedute dal comune con priorit tra quelle da esso acquisite. ARTICOLO 6 - PIANI ATTUATIVI Gli articoli 20, 21, 22, 23, 24, 25 e 26 della L.R. 11/2005 disciplinano la redazione dei piani Attuativi. Il piano attuativo consegue gli obiettivi fissati nel PRG mediante: a) la delimitazione degli spazi collettivi, destinati a servizi pubblici, di interesse generale, privati e di uso pubblico e a infrastrutture, ivi comprese quelle di cui all'articolo 12 della L.R. 46/97; b) la realizzazione e la localizzazione del complesso degli interventi previsti, nonch la relativa articolazione per comparti o unit minime d'intervento; c) l'individuazione delle propriet interessate con l'eventuale indicazione di quelle da espropriare o vincolare, attraverso idonea documentazione da presentare a cura dei proprietari, in caso di piani attuativi d'iniziativa privata o mista, o da accertare a cura del comune, in caso di piani attuativi di iniziativa pubblica. Il piano attuativo contiene: a) l'analisi e le indagini conoscitive atte a definire i caratteri e le qualit degli elementi del territorio interessato;
Pag. 11

b) la definizione degli interventi consentiti, delle loro caratteristiche tecniche e le modalit di esecuzione. Gli interventi previsti dal piano attuativo ricadenti in zone vincolate ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, nei siti di interesse naturalistico, nelle aree contigue alle aree naturali protette, negli ambiti interessati dai centri storici, nonch negli ambiti interessati dagli elementi del paesaggio antico, dall'edificato civile di particolare rilievo architettonico e paesistico, indicati agli articoli 13, 17, comma 3 e 29, della I.r. 27/2000, devono rispettare i valori riconosciuti dal vincolo, i provvedimenti di tutela vigenti, le peculiari caratteristiche dei siti ed immobili interessati e le prescrizioni della normativa paesistica. Il piano attuativo, nell'ipotesi che contenga previsioni di media e grande struttura di vendita ai sensi dell'articolo 4 della legge regionale 3 agosto 1999, n. 24, deve indicare la localizzazione degli insediamenti e le relative aree per dotazioni territoriali e funzionai i di competenza. La deliberazione comunale di approvazione del piano attuativo d'iniziativa pubblica o mista stabilisce il termine, non superiore a dieci anni, entro il quale il piano deve essere attuato, e pu stabilire il termine entro il quale il decreto di esproprio va eseguito, secondo quanto previsto dalle vigenti normative. La convenzione del piano attuativo, ove prevista, fissa il termine, non superiore a dieci anni, entro il quale deve essere ultimata la realizzazione delle opere di urbanizzazione. Decorsi i termini stabiliti dalla Deliberazione di approvazione, il piano attuativo decade automaticamente per la parte non attuata, rimanendo ferma, a tempo indeterminato, la possibilit di realizzare gli interventi edilizi, condizionatamente all'esistenza delle opere di urbanizzazione relative, con l'obbligo di osservare, nella costruzione di nuovi edifici e nella modificazione di quelli esistenti, gli allineamenti e le prescrizioni di zona stabiliti dal piano stesso, fermo restando quanto indicato all'articolo 33, 34 comma 7 della I.r. 1/2004. La parte di piano attuativo non attuata entro i termini stabiliti dalla Delibera di approvazione pu essere urbanizzata ed edificata previa approvazione di un nuovo piano attuativo. I piani attuati vi approvati per le finalit della I. 167/1962, ivi compresi quelli della legge regionale in materia di edilizia residenziale pubblica, nonch dell'articolo 27 della I. 865/1971 hanno efficacia per il periodo previsto dalle rispettive normative. La proroga del termine di cui all'articolo 9, comma 2 della I. 167/1962 disposta dal comune

interessato.
La deliberazione comunale di approvazione del piano attuativo costituisce titolo abilitativo per la realizzazione degli allacci e delle opere di urbanizzazione previste, compresi gli elementi di arredo urbano e il sistema del verde, purch sia stata stipulata l'apposita convenzione di cui all'articolo 62, comma 1, lett. g) della L.R. 11/2005 e nel rispetto delle eventuali prescrizioni dettate ai sensi dell'articolo24, comma 11 della stessa legge. 1. Piano attuativo di iniziativa pubblica. Il piano attuativo di iniziativa pubblica, la cui approvazione equivale a dichiarazione di pubblica utilit delle opere previste, fermo restando quanto previsto dal d.p.r. 327/2001 in materia di apposizione del vincolo preordinato all'esproprio, riguarda: a) gli interventi di dettaglio delle previsioni del PRG;
Pag. 12

b) le aree da acquisire per la costruzione di alloggi a carattere economico e popolare ai sensi della legge 18 aprile 1962, n. 167 e delle disposizioni regionali in materia di edilizia residenziale pubblica; c) le aree da acquisire per la realizzazione di insediamenti produttivi ai sensi dell'articolo 27 della legge 22 ottobre 1971, n, 865. La formazione di tale piano non soggetta alla preventiva autorizzazione; d) gli interventi di recupero; e) gli interventi previsti da programmi edilizi e urbanistici, comunque denominati in base alla legislazione vigente, che per la loro realizzazione necessitano di piano attuativo, anche secondo le previsioni del PRG, parte operativa. 2. Piano attuativo di iniziativa privata e mista. Il piano attuativa di iniziativa privata o mista riguarda: a) l'utilizzazione di aree a scopo edilizio; b)gli interventi di recupero; c) gli interventi concernenti le attivit estrattive; d) gli interventi per la valorizzazione del paesaggio di cui all'articolo 32, comma 2, lettera i); e)gli interventi previsti da programmi edilizi e urbanistici, comunque denominati in base alla legislazione vigente, che per la loro realizzazione necessitano di piano attuativo, anche secondo le previsioni del PRG, parte operativa. I piani di iniziativa privata o mista promossi da soggetti misti, pubblici e privati, producono gli effetti dei pian attuativi di iniziativa pubblica. I proprietari di almeno il cinquantuno per cento del valore catastale degli immobili e della superficie delle aree perimetrate dal PRG, parte operativa, possono presentare una proposta di piano attuativo, purch riferita a un comparto che costituisca un'entit funzionale. La proposta deve prevedere, in ogni caso, la sistemazione complessiva delle aree perimetrate dal PRG, in maniera da consentirne la corretta e razionale attuazione, in termini planovolumetrici, di allaccio ai servizi tecnologici, nonch di assetti viari. II piano di iniziativa privata per la parte proposta dai proprietari e di iniziativa pubblica per la restante parte. La parte di iniziativa pubblica attuata con convenzione urbanistica nella quale sono stabiliti gli oneri a carico dei privati, nonch le forme, i termini e le modalit per l'eventuale recupero di quanto anticipato per la realizzazione delle opere infrastrutturali. Qualora i proprietari proponenti rappresentino almeno il settantacinque per cento del valore catastale degli immobili e della superficie delle aree si procede per la realizzazione degli interventi finalizzati all'attuazione dei piani attuativi con le modalit previste all'articolo 27, comma 5 della legge 1 agosto 2002, n. 166. ARTICOLO 7 - INTERVENTO DIRETTO PER I NUOVI INSEDIAMENTI DEL P.R.G.. Nelle aree individuate dal PRG, parte operativa, ai sensi dell'articolo 4, comma 2, lettera g) della L. R. 11/2005, consentito l'intervento diretto a condizione che: a) il progetto dell'intervento sia relativo all'intero comparto o all'unit minima d'intervento, come definiti dal PRG, e contenga, obbligatoriamente, gli elaborati previsti per il piano attuativo; b) preliminarmente al titolo abilitativo, sia stipulata apposita convenzione di cui all'articolo 62, comma 1, lett .g) della L. R. 11/2005, o atto d'obbligo, con l'indicazione delle opere di urbanizzazione da realizzare e degli interventi di conservazione e/o restauro paesaggistico, come prevista per il piano attuativo e corredata dello schema di sistemazione delle opere di
Pag. 13

urbanizzazione e degli interventi di conservazione e/o restauro paesaggistico. ARTICOLO 8 ATTUAZIONE DEL P.R.G. TRAMITE PROGRAMMA URBANISTICO.

Nelle parti del territorio per le quali il PRG prevede, ai fini degli interventi integrati finalizzati alla riqualificazione urbana, regolato dall'articolo 4, comma 2, lettera e) della L.R. 11/2005, l'attuazione del PRG ha luogo tramite programma urbanistico. Gli interventi integrati finalizzati alla riqualificazione urbana riguardano parti del territorio ove sono presenti fenomeni di degrado edilizio, di abbandono, di dismissione, ovvero carenza di servizi e infrastrutture. Il programma urbanistico costituito da un insieme organico di interventi relativi alle opere di urbanizzazione, alle infrastrutture, all'edilizia per la residenza, per le attivit produttive ed i servizi, al superamento delle barriere architettoniche. La loro attuazione favorita dal PRG tramite le norme di tipo premiale, di cui all'articolo 4, comma 2, lettera e)della L.R. 11/2005. L'incremento della capacit edificatoria commisurato ai benefici pubblici conseguiti a fronte della cessione al comune, a titolo gratuito, di immobili, di infrastrutture, servizi e spazi aggiuntivi rispetto alle dotazioni territoriali e funzionali minime, nonch a fronte della realizzazione di interventi di qualit urbanistica e ambientale, anche in applicazione delle direttive di cui all'articolo 43 della L.R. 1/2004, secondo le modalit stabilite dai criteri di valutazione nel preliminare di programma urbanistico. Il comune promuove i programmi urbanistici con le modalit previste per i piani attuativi mediante l'adozione di un preliminare del programma urbanistico, reso noto come previsto all'articolo 24 della L.R. 11/2005 per ogni ambito indicato dal PRG, parte operativa. Il preliminare del programma urbanistico pu interessare anche aree non contigue. I soggetti aventi la disponibilit degli immobili possono comunque presentare al comune le proposte di intervento sulla base delle indicazioni del PRG. Il preliminare di programma urbanistico definisce gli obbiettivi del programma in termini urbanistici, sociali, economici ed ambientali, gli interventi pubblici da realizzare e le relative priorit, nonch gli indirizzi per la progettazione degli interventi privati. Successivamente il comune tramite un avviso pubblico stabilisce i tempi e le modalit di presentazione, anche in pi fasi, delle proposte di intervento per la formazione e approvazione del programma urbanistico definitivo, nonch i relativi criteri di valutazione. Il preliminare di programma urbanistico indica eventuali risorse finanziarie pubbliche per la sua realizzazione. I soggetti privati ed i soggetti pubblici competenti, anche in applicazione di quanto previsto agli articoli 12 e 22, commi 3 e 4 della L.R. 11/2005, presentano proposte di intervento coerenti con il preliminare di programma urbanistico. Il comune procede alla formazione e approvazione del programma urbanistico definitivo sulla base delle proposte pervenute, come eventualmente modificate. ed integrate attraverso le opportune forme di concertazione con i proponenti ai sensi dell'articolo 29 della direttiva CE n. 18/2004. Il programma urbanistico definitivo deve conseguire una parte rilevante degli obiettivi stabiliti dal preliminare di programma urbanistico, e comunque consentire la realizzazione di almeno il
Pag. 14

cinquanta per cento, in termini economici, degli interventi pubblici previsti dal programma preliminare stesso. AI programma urbanistico definitivo, che ha valore di piano attuativo, si applicano le disposizioni previste agli articoli 23, 24, 29, 30 e 31 della L.R. 11/2005. Il programma urbanistico definitivo, in particolare, stabilisce, al livello progettuale previsto dagli strumenti urbanistici attuativi, l'assetto delle aree interessate, nonch contiene i documenti di cui all'articolo 15, comma 5, del regolamento per i lavori pubblici approvato con decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1999, n. 554, il piano finanziario comprendente le risorse pubbliche e private, il cronoprogramma degli interventi e la convenzione con i soggetti attuatori e con i gestori dei servizi. Qualora il preliminare di programma urbanistico ed il programma urbanistico definitivo abbiano contenuti e forma dei Programmi urbani complessi di cui alla L.R. 13/1997, le maggiorazioni di edificabilit sono dimensionate tenendo anche conto dei contributi finanziari pubblici eventualmente attribuiti dalla Regione. Il PRG, parte operativa, adottato o approvato ai sensi della L.R. 31/1997, pu essere integrato con le indicazioni dei programmi urbanistici con atto del consiglio comunale.

Pag. 15

TITOLO II STRUTTURA DEGLI ELEMENTI DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

CAPITOLO I LIVELLI DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE


ARTICOLO 9 UNITA' DI PAESAGGIO. 1. Il D.Lgs. 42/2004 all'art. 135 obbliga lo Stato e le regioni ad assicurare che il paesaggio sia adeguatamente conosciuto, tutelato e valorizzato. A tale fine le regioni, anche in collaborazione con lo Stato, nelle forme previste dall'articolo 143, del citato D.Lgs. 42/2004, sottopongono a specifica normativa d'uso il territorio, approvando piani paesaggistici, ovvero piani urbanistico-territoriali con specifica considerazione dei valori paesaggistici, concernenti l'intero territorio regionale, entrambi di seguito denominati "piani paesaggistici". 2. I piani paesaggistici, in base alle caratteristiche naturali e storiche, individuano ambiti definiti in relazione alla tipologia, rilevanza e integrit dei valori paesaggistici. 3. Al fine di tutelare e migliorare la qualit del paesaggio, i piani paesaggistici definiscono per ciascun ambito specifiche prescrizioni e previsioni ordinate: a) al mantenimento delle caratteristiche, degli elementi costitutivi e delle morfologie dei beni sottoposti a tutela, tenuto conto anche delle tipologie architettoniche, nonch delle tecniche e dei materiali costruttivi; b) all'individuazione delle linee di sviluppo urbanistico ed edilizio compatibili con i diversi livelli di valore riconosciuti e con il principio del minor consumo del territorio, e comunque tali da non diminuire il pregio paesaggistico di ciascun ambito, con particolare attenzione alla salvaguardia dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO e delle aree agricole; c) al recupero e alla riqualificazione degli immobili e delle aree compromessi o degradati, al fine di reintegrare i valori preesistenti, nonch alla realizzazione di nuovi valori paesaggistici coerenti ed integrati; d) all'individuazione di altri interventi di valorizzazione del paesaggio, anche in relazione ai principi dello sviluppo sostenibile. 4. Il P.R.G. recepisce le Unit di paesaggio del P.T.C.P. della provincia di Terni. Nella delimitazione effettuata dal PTCP, il comune di Stroncone ricade in 5 unit di paesaggio: 1-Larea montana di Stroncone e Miranda (codice 1Msm); 2-La valle dellAia ( Codice 2Va); 3-Le colline interne di Valenza, Collescipoli, Fiaiola (Codice 2Ca); 4-Le colline interne di Coppe e Stroncone (Codice 2Cb); 5-Le colline interne di Castelvecchio-Villa Eroli di Narni (Codice 2Cc). Il Nuovo PRG recepisce le indicazioni del PTCP ponendo le U.D.P. quadro di riferimento indispensabile per la pianificazione comunale. Per ogni unit di paesaggio vengono verificate la compatibilit delle trasformazioni urbanistiche e

Pag. 16

le specifiche norme di tutela paesaggistica, nonch le prescrizioni e previsioni di cui al precedente comma 3.

ARTICOLO 10 Disciplina delle Unit di Paesaggio norme generali


1. Postulato lapproccio ecologico del PTCP, la disciplina generale delle Unit di paesaggio nel PRG-Parte Strutturale definisce il quadro normativo entro il quale possono giustificarsi gli interventi sul territorio in unottica di compatibilit con lassetto paesaggistico-ambientale della specifica UdP. 2. Il PRG-Parte Operativa invece lo strumento tecnico agile ed aggiornabile che consente il passaggio dalle singole norme di richiamo della pianificazione strutturale alla pianificazione/progettazione operativa, in grado di individuare i singoli e reali miglioramenti possibili. Coerentemente con limpostazione della parte strutturale, la parte operativa del P.R.G. di Stroncone definisce le trasformazioni del territorio comunale e gli strumenti con cui realizzarle nel rispetto dei criteri di una progettazione ecologica, che tenga conto di tutte le componenti ambientali coinvolte. In altri termini, ogni intervento viene valutato dipendentemente dal beneficio apportato alla qualit ambientale del contesto in cui si inserisce, valutandone non solo l effetto funzionale/ tecnologico, ma anche le modalit di integrazione nellambiente e leventuale valore aggiunto in termini di recupero di naturalit. 3. In relazione alle connotazioni di ogni singola UdP, i criteri generali di valutazione di un intervento saranno i seguenti: a)Udp 2Va 2Cb - 2Cc (connotate come aree agricole con prevalente funzione di conservazione del territorio e del paesaggio agrario tradizionale): 1.mantenimento e potenziamento delle reti ecologiche minori, dei loro elementi fissi di appoggio e delle tessere dellagroecosistema (siepi, filari, alberature singole o raggruppate, fasce ecotonali di mantello, ciglionamenti, muri a secco, etc.); 2.aggregazione dei nuovi insediamenti al tessuto edificato esistente, investendo prioritariamente seminativi semplici rispetto a seminativi arborati; 3.riduzione della frammentazione delle aree agricole per effetto dei nuovi insediamenti; 4.massimo rispetto possibile della trama agro-paesaggistica esistente per la realizzazione degli interventi edificatori, in particolare di nuove infrastrutture viarie e di nuovi impianti a rete (acqua, energia, etc.), la cui realizzazione deve in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate; 5.studio di incidenza ed inserimento ecologico e paesaggistico a corredo della progettazione dei nuovi interventi edificatori ricadenti nelle zone E1-E3 di cui al successivo specifico articolato; 6.nella gestione delle fitocenosi boschive, preferenza ai principi della selvicoltura naturalistica come meglio definiti nello specifico articolato; 7.mantenimento e tutela delle rete viaria rurale e forestale esistente, essendo la garanzia di accessibilit agli ambiti agrosilvo-pastorali condizione indispensabile per una gestione ambientalmente qualificata e sostenibile degli stessi; 8.esclusione ove possibile dellasfaltatura nella pavimentazione della rete stradale rurale, privilegiando soluzioni con materiali filtranti, tipo inerti stabilizzati con leganti; 9.adozione ove possibile delle tecniche di Ingegneria Naturalistica negli interventi di sistemazione territoriale ed idraulica, con particolare riferimento al consolidamento di scarpate, argini e sponde fluviali, banchine stradali, etc.. b)UdP 1Msm (connotata come area marginale dal punto di vista dellattivit agricola) : 1.mantenimento e potenziamento delle reti ecologiche minori, dei loro elementi fissi di appoggio e delle tessere dellagroecosistema (siepi, filari, alberature singole o
Pag. 17

raggruppate, fasce ecotonali di mantello, ciglionamenti, muri a secco, etc.); 2.aggregazione dei nuovi insediamenti, ove ammessi, al tessuto edificato esistente, rispettando totalmente i mantelli di vegetazione, i pascoli e prati-pascoli, le comunit vegetazionali e specie rare; 3.massimo rispetto possibile della trama agroforestale e paesaggistica esistente per la realizzazione di nuove infrastrutture viarie e di nuovi impianti a rete (acqua, energia, etc.), ove ammessi, la cui realizzazione deve in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate; 4.studio di incidenza ed inserimento ecologico e paesaggistico a corredo della progettazione dei nuovi interventi edificatori ricadenti nelle zone E1-E3 di cui al successivo specifico articolato; 5.nella gestione delle fitocenosi boschive, preferenza ai principi della selvicoltura naturalistica come meglio definiti nello specifico articolato, considerati come lo strumento migliore per raggiungere l'obiettivo-target della pianificazione territoriale nell'ambito forestale della esaltazione della multifunzionalit del bosco; 6.valorizzazione e tutela dei popolamenti di castagno, attraverso le azioni meglio definite nello specifico articolato; 7. mantenimento e tutela delle rete viaria rurale e forestale esistente, essendo la garanzia di accessibilit agli ambiti silvo-pastorali condizione indispensabile per una gestione ambientalmente qualificata e sostenibile degli stessi; 8.esclusione ove possibile dellasfaltatura nella pavimentazione della rete stradale rurale, privilegiando soluzioni con materiali filtranti, tipo inerti stabilizzati con leganti; 9.adozione ove possibile delle tecniche di Ingegneria Naturalistica negli interventi di sistemazione territoriale ed idraulica, con particolare riferimento al consolidamento di scarpate, argini e sponde fluviali, banchine stradali, etc.. c)UdP 2Ca (connotata come area ad attivit agricola residuale per lelevata diffusione insediativa) : 1.mantenimento e potenziamento delle reti ecologiche minori, dei loro elementi fissi di appoggio e delle tessere dellagroecosistema (siepi, filari, alberature singole o raggruppate, fasce ecotonali di mantello, ciglionamenti, muri a secco, etc.); 2.aggregazione dei nuovi insediamenti al tessuto edificato esistente, investendo prioritariamente seminativi semplici rispetto a seminativi arborati; 3.riduzione della frammentazione delle aree agricole per effetto dei nuovi insediamenti; 4.massimo rispetto possibile della trama agropaesaggistica esistente per la realizzazione degli interventi edificatori, in particolare di nuove infrastrutture viarie e di nuovi impianti a rete (acqua, energia, etc.), la cui realizzazione deve in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate; 5.studio di incidenza ed inserimento ecologico e paesaggistico a corredo della progettazione dei nuovi interventi edificatori ricadenti nelle zone E1-E3 di cui al successivo specifico articolato; 6.uso di conglomerati bituminosi autodrenanti e fonoassorbenti per interventi di sostituzione e/o rifacimento del manto stradale della rete viaria principale, per contenere linquinamento acustico e per migliorare lassorbimento delle acque meteoriche da parte del suolo; 7.creazione di barriere antirumore, privilegiando soluzioni con materiale vegetale vivo, a protezione degli insediamenti lineari in corrispondenza delle infrastrutture viarie a maggiore percorrenza; 8.esclusione ove possibile dellasfaltatura nella pavimentazione della rete stradale rurale secondaria, privilegiando soluzioni con materiali filtranti, tipo inerti stabilizzati con
Pag. 18

leganti; 9.adozione ove possibile delle tecniche di Ingegneria Naturalistica negli interventi di sistemazione territoriale ed idraulica, con particolare riferimento al consolidamento di scarpate, argini e sponde fluviali, banchine stradali, etc..

ARTICOLO 11 Disciplina delle Unit di Paesaggio norme particolari


1.1Msm - Area montana di Stroncone e Miranda Larea caratterizzata da una morfologia tipicamente montana con estese aree sommitali di cresta e di crinale, con inserimento di pianori montani di medio-alta quota altimetrica, fasce di versanti e aree basso montane ad elevata acclivit, interrotte da valli fluviali incassate; presenza prevalente di litologie calcaree. Il paesaggio caratterizzato da estese estese superfici boscate. Tra queste spiccano, per compattezza ed estensione, le formazioni arboree a dominanza di carpino nero, nelle quali a volte diviene dominante il ruolo della roverella. Nei versanti pi caldi e a quote pi basse si sviluppa la serie mesofila del leccio. Sulle parti pi elevate del M.te Abbruciaticcio (Monti Sabini) si sviluppa la serie appenninica del Faggio. Sono presenti ambiti di pascolo naturale in corrispondenza dei pianori montani. Interessanti per le specie floristiche sono i Piani Carsici di Ruschio posti a circa 900 m.s.l.m. Uso del suolo a bosco misto a prevalenza di leccio con ambiti di pascolo naturale in corrispondenza dei pianori montani. Gli unici ambiti a seminativo semplice li ritroviamo prima dei Prati. Sono presenti insediamenti storici e testimonianze di rilevante interesse: il centro storico di Stroncone, il borgo di Finocchieto, lAbbazia di S.Benedetto in Fundis, i monasteri di S.Franceso e S.Simeone. Il territorio attraversato da infrastrutture viarie provinciali e comunali dimensionate rispetto a un traffico limitato e da una moltitudine di sentieri e vie forestali. Ledilizia recente prevalentemente costituita dalle case sparse e seconde case dellarea limitrofa ai Prati e alle Cimitelle. La pressione antropica caratterizzata dallattivit forestale del ceduo, dalla rete di viabilit forestale e infrastrutture viarie di modeste dimensioni, da piccole lottizzazioni in prossimit dei centri e lungo gli assi viari e dalle citate lottizzazioni di seconde case presso i Prati e le Cimitelle. Il PTCP classifica il paesaggio di questa unit come SEMINATURALE. Tipico paesaggio agricolo con Matrice bosco. Funziona come regolatore degli equilibri del territorio provinciale, pertanto le trasformazioni dovranno essere compatibili con tale funzione. I vincoli presenti sono del tipo: idrogeologico, ex paesistico 1497/39 (,DM 6/12/1969 - DM 26/01/1957 - DM 5/01/1956), ex paesistico 431/85 (Usi Civici - Boschivo - Fiumi e torrenti.), aree della rete Natura 2000 (SIC n.IT5220021 Piani di Ruschio), aree di particolare interesse naturalistico, zone di elevata diversit floristico vegetazionale. Il PTCP giudica lUdP lontana da soglie critiche, capace di assorbire un incremento di carico antropico pari a circa il 10% degli abitanti attuali; e un incremento della superficie equivalente (urbanizzabile) del 5% della superficie gi insediata a varie destinazioni duso.

Pag. 19

L'UdP si connota come area marginale" dal punto di vista dell'attivit agricola. Non si rilevano squilibri nel mosaico ambientale pertanto l'indirizzo prevalente quello del mantenimento con lobiettivo di sviluppare i pascoli e i prati pascoli. Indirizzi normativi per la gestione ed utilizzazione del territorio e degli agroecosistemi: 1.mantenimento e potenziamento delle reti ecologiche minori, dei loro elementi fissi di appoggio e delle tessere dellagroecosistema (siepi, filari, alberature singole o raggruppate, fasce ecotonali di mantello, ciglionamenti, muri a secco, etc.); 2.aggregazione dei nuovi insediamenti, ove ammessi, al tessuto edificato esistente, rispettando totalmente i mantelli di vegetazione, i pascoli e prati-pascoli, le comunit vegetazionali e specie rare; 3.massimo rispetto possibile della trama agroforestale e paesaggistica esistente per la realizzazione di nuove infrastrutture viarie, di nuovi impianti a rete (acqua, energia, etc.) e di recinzioni, ove ammessi, la cui realizzazione deve in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate; 4.studio di incidenza ed inserimento ecologico e paesaggistico a corredo della progettazione dei nuovi interventi edificatori ricadenti nelle zone E1-E3 di cui al successivo specifico articolato, mirato ad individuare e valutare i principali effetti che i lavori progettuali possono avere sulla struttura portante degli habitat naturali e sugli elementi fissi del paesaggio e dellagroecosistema, alla luce degli obiettivi di conservazione degli stessi, a partire dallinquadramento stazionale dei siti di intervento per finire con lindividuazione delle misure idonee ad evitare, ridurre o compensare gli effetti negativi sugli habitat e sulle specie presenti nei siti; 5.nella gestione delle fitocenosi boschive, preferenza ai principi della selvicoltura naturalistica, considerati come lo strumento migliore per raggiungere l'obiettivo-target della pianificazione territoriale nell'ambito forestale della esaltazione della multifunzionalit del bosco, con azioni mirate a: a)distribuire gli interventi di utilizzazione su piccole superfici, lasciando fasce di bosco intatte o sottoposte ad altri tipi di interventi (avviamenti all'alto fusto, diradamenti, etc.), allo scopo di aumentare la diversit strutturale del bosco; b)favorire la "matricinatura a gruppi" al posto di quella tradizionale con matricine distribuite uniformemente sulla tagliata, al fine di accrescere la vigoria del bosco, limitare l'impatto paesaggistico degli interventi di utilizzazione, aumentare numero e tipo di nicchie ecologiche (ovvero l'indice di biodiversit) nell'area di intervento; c)promuovere interventi di avviamento all'alto fusto, soprattutto nei boschi cedui che presentino uno stadio evolutivo molto avanzato e laddove spiccata la funzione turistico-ricreativa dei boschi; d)favorire interventi di diradamento localizzato, al fine di promuovere l'incremento di biodiversit nel bosco; e)agevolare la formazione di fasce ecotonali con il mantenimento delle specie di mantello; f)favorire il mantenimento e la riqualificazione delle rete viaria rurale e forestale esistente, essendo la garanzia di accessibilit agli ambiti silvo-pastorali condizione indispensabile per una gestione ambientalmente qualificata e sostenibile degli stessi. g)rinaturare i rimboschimenti artificiali di conifere (ben presenti anche nel territorio del comune di Stroncone), favorendo il superamento della pur importante fase pioniera del rimboschimento con la ripresa delle specie di latifoglie autoctone; h)incentivare interventi selvicolturali (ripuliture, sfolli, diradamenti, etc.) o di altro tipo (realizzazione di invasi artificiali in punti strategici, manutenzione della rete carrabile montana esistente), finalizzati alla prevenzione degli incendi boschivi e delle epidemie fitopatologiche; i)mantenere e tutelare i pascoli primari e secondari esistenti, tramite la limitazione dell'espansione di arbusteti e cespuglieti nelle aree pascolive, la difesa dal degrado
Pag. 20

idrogeologico delle aree pascolive, la conservazione di radure e garighe nel contesto boschivo difendendole dall'assalto della vegetazione forestale con interventi mirati e periodici; j)viceversa incentivare l'espansione della vegetazione arbustiva nelle zone di riforestazione e di protezione idrogeologica (fatta eccezione per i pascoli); k)conservare e ripristinare le siepi camporili quali elementi fondamentali di connessione nel sistema delle reti ecologiche e del paesaggio rurale. 6.Valorizzazione e tutela dei popolamenti di castagno, attraverso le seguenti azioni: 1.garantire la conservazione e la riqualificazione della rete viaria e sentieristica di accesso agli ambiti castanicoli, quale prima condizione per consentirne una gestione ottimale sotto l'aspetto naturalistico ed economico; 2.incentivare il mantenimento di un adeguato stato fitosanitario dei castagneti tramite l'adozione periodica di buone pratiche colturali, soprattutto la potatura di rimonda e/o neoformazione delle piante, nonch la regimazione ottimale delle acque superficiali negli appezzamenti e nelle piste di accesso; 3.incentivare la conversione dei castagneti cedui in castagneti da frutto, ove ne ricorrano le condizioni; 4.vietare il cambio di destinazione nei castagneti cedui e da frutto; 7.esclusione ove possibile dellasfaltatura nella pavimentazione della rete stradale rurale, privilegiando soluzioni con materiali filtranti, tipo inerti stabilizzati con leganti; 8.adozione ove possibile delle tecniche di Ingegneria Naturalistica negli interventi di sistemazione territoriale ed idraulica, con particolare riferimento al consolidamento di scarpate, argini e sponde fluviali, banchine stradali, etc.. 2.2Ca - Colline interne di Valenza, Collescipoli, Fiaiola Larea caratterizzata da una morfologia prevalentemente collinare con pendenze variabili e quote compre tra i 100 e i 300 m.s.l.m. La valle alluvionale del torrente il Fossato (fosso di Stroncone) divide la sub unit 2Ca1 dalla UdP. Il paesaggio caratterizzato da campi coltivati a seminativo semplice, interrotti da lembi di seminativo arborato a macchia di leopardo con fasce di vegetazione in corrispondenza dei fossi, che costituiscono una debole rete ecologica minore. Delle tipologie colturali sono presenti, oltre agli oliveti, vigneti e orticolture. Lattivit agricola si configura con un ruolo residuale. Nella subunit 2Ca1 luso prevalente certamente loliveto, interrotto dalle espansioni edilizie di tipo lineare lungo gli assi stradali per Valenza e Stroncone. La UdP interessata da infrastutture viarie di collegamento intercomunale e locali e di distribuzione locale a bassa-media frequenza. Il sistema delle infrastrutture viarie, caratterizzato dagli assi Terni- Collescipoli-S. LuciaStroncone, Terni-Stazione di Stroncone -Stroncone, si configura come elemento generatore di notevoli espansioni edilizie. Ricca certamente la tessitura delle strade interpoderali, caratterizzate da presenza di filari e siepi. Lelemento archeologico principale la strada che da Terni conduce a Rieti attraverso la via di S.Valentino, Vascigliano di Stroncone, che sulla base dei rinvenimenti si pu ritenere un diverticolo della via Salaria. Il territorio caratterizzato da piccoli centri di nuova formazione e da case sparsi.
Pag. 21

E da tempo in atto una trasformazione delledilizia rurale in seconda casa. Si registrano fenomeni di decentramento abitativo dalla citt di Terni. Rimangono pertanto pochi i casolari tipici. La pressione antropica caratterizzata principalmente dalle consistenti espansioni lineari. Il PTCP classifica il paesaggio di questa unit di tipo AGRICOLO RURALE/SUBURBANO, caratterizzato da una matrice data da seminativo semplice e seminativo arborato. I Vincoli presenti sono del tipo: idrogeologico, paesistico (ex 1497/39: DM 26/01/1957 - DM 3/04/1959), paesistico (ex 431/85: Boschivo - Fiumi e torrenti), aree di particolare interesse naturalistico. Il PTCP consente per lUnit leggere espansioni insediative. Si ritiene accettabile un incremento di carico antropico pari a circa il 10% degli abitanti attuali. La superficie equivalente (urbanizzabile) stimata pari a un incremento del 8% della superficie gi insediata a varie destinazioni duso. L'UdP si connota come residuale dal punto di vista dellattivit agricola a causa dell'elevata diffusione insediativa, nonostante tutto la qualit ambientale ancora sufficientemente elevata. Indirizzi normativi per la gestione ed utilizzazione del territorio e degli agroecosistemi: a)mantenimento e potenziamento delle reti ecologiche minori, dei loro elementi fissi di appoggio e delle tessere dellagroecosistema (siepi, filari, alberature singole o raggruppate, fasce ecotonali di mantello, ciglionamenti, muri a secco, etc.); b)aggregazione dei nuovi insediamenti al tessuto edificato esistente, investendo prioritariamente seminativi semplici rispetto a seminativi arborati; c)riduzione della frammentazione delle aree agricole per effetto dei nuovi insediamenti; d)massimo rispetto possibile della trama agropaesaggistica esistente per la realizzazione degli interventi edificatori, in particolare di nuove infrastrutture viarie e di nuovi impianti a rete (acqua, energia, etc.), la cui realizzazione deve in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate; e)studio di incidenza ed inserimento ecologico e paesaggistico a corredo della progettazione dei nuovi interventi edificatori ricadenti nelle zone E1-E3 di cui al successivo specifico articolato, mirato ad individuare e valutare i principali effetti che i lavori progettuali possono avere sulla struttura portante degli habitat naturali e sugli elementi fissi del paesaggio e dellagroecosistema, alla luce degli obiettivi di conservazione degli stessi, a partire dallinquadramento stazionale dei siti di intervento per finire con lindividuazione delle misure idonee ad evitare, ridurre o compensare gli effetti negativi sugli habitat e sulle specie presenti nei siti; f)uso di conglomerati bituminosi autodrenanti e fonoassorbenti per interventi di sostituzione e/o rifacimento del manto stradale della rete viaria principale, per contenere linquinamento acustico e per migliorare lassorbimento delle acque meteoriche da parte del suolo; g)creazione di barriere antirumore, privilegiando soluzioni con materiale vegetale vivo, a protezione degli insediamenti lineari in corrispondenza delle infrastrutture viarie a maggiore percorrenza; h)esclusione ove possibile dellasfaltatura nella pavimentazione della rete stradale rurale secondaria, privilegiando soluzioni con materiali filtranti, tipo inerti stabilizzati con leganti; i)adozione ove possibile delle tecniche di Ingegneria Naturalistica negli interventi di sistemazione territoriale ed idraulica, con particolare riferimento al consolidamento di scarpate, argini e sponde fluviali, banchine stradali, etc..
Pag. 22

3.2Va - Valle dell'Aia Il territorio di questa U.D.P. interessa marginalmente il territorio di Stroncone nella parte terminale della UdP, dove il torrente lAia va a delimitare larea marnosa ed arenaria della subunit collinare 2Va1, di media pendenza, con quote dai 250 ai 350 m.s.l.m.. Questa subunit divide la valle dellAia da quella del fosso di Vasciano, suo principale affluente. Il paesaggio caratterizzato a valle da colture prevalentemente di seminativo semplice con presenza di filari e siepi e il corridoio ripariale del torrente Aia si configura con una larga fascia di vegetazione, presente, in dimensioni molto contenute, anche lungo il fosso di Vasciano. Larea collinare caratterizzata da un uso equilibrato a seminativo arborato e a seminativo semplice, con infiltrazioni di macchie boschive consistenti, spesso nate dallabbandono dei campi coltivati. Sono presenti strade di collegamento intercomunale e di distribuzione locale di basso flusso di traffico. Gli insediamenti residenziali sono costituiti da nuclei di nuova formazione di piccolissime dimensioni e da casolari sparsi. Lelemento pi rilevante dei nuovi insediamenti costituito dallarea produttiva di Vascigliano. Linsediamento storico di maggiore rilevanza il Castello di Aguzzo. Non si conoscono siti archeologici rilevanti; un elemento archeologico di potenziale interesse la strada che da Terni conduce a Rieti attraverso la via di S. Valentino, Vascigliano di Stroncone, ecc., che sulla base dei rinvenimenti si pu ritenere un diverticolo della via Salaria. La pressione antropica caratterizzata principalmente dallinsediamento produttivo di Vascigliano e dal seminativo semplice delle valli. Il PTCP classifica il paesaggio di questa unit come rurale. Tipico paesaggio AGRICOLO PRODUTTIVO, con Matrice data dal seminativo semplice e seminativo arborato. I vincoli presenti sono del tipo: idrogeologico; paesistico (ex 431/85: Boschivo - Fiumi e torrenti). Il PTCP ritiene che questa UdP possa accettare il doppio dei residenti attuali, mantenendo il consumo di suolo attuale anche per la presenza di servizi e infrastrutture utilizzate da altre U.D.P. limitrofe. Tale possibilit inoltre da attribuirsi alla presenza degli ambienti fluviali e lacustri che effettuano funzione depurativa nei confronti dei carichi inquinanti dellUdP in oggetto e limitrofe. In una prospettiva di riqualificazione dei bacini idrici si ritiene accettabile un incremento di superficie insediabile pari al 5% delledificato. L'UdP si connota come Area agricola con prevalente funzione di conservazione del territorio e del paesaggio agrario tradizionale"; Indirizzi normativi per la gestione ed utilizzazione del territorio e degli agroecosistemi: 1.mantenimento e potenziamento delle reti ecologiche minori, dei loro elementi fissi di appoggio e delle tessere dellagroecosistema (siepi, filari, alberature singole o raggruppate, fasce ecotonali di mantello, ciglionamenti, muri a secco, etc.); 2.impulso allaumento della connettivit degli attuali frammenti forestali e stepping stones con incremento della presenza di corridoi florofaunistici soprattutto lungo le aste fluviali, rispetto delle comunit e delle specie rare, mantenimento delle cenosi di sostituzione allo scopo di tutelare la

Pag. 23

biodiversit, creazione di una fascia di rispetto a ridosso della vegetazione ripariale, mantenimento dei prati palustri; 3.aggregazione dei nuovi insediamenti al tessuto edificato esistente, investendo prioritariamente seminativi semplici rispetto a seminativi arborati, con particolare salvaguardia degli ultimi vigneti con viti maritate; 4.riduzione della frammentazione delle aree agricole per effetto dei nuovi insediamenti; 5.massimo rispetto possibile della trama agropaesaggistica esistente per la realizzazione degli interventi edificatori, in particolare di nuove infrastrutture viarie e di nuovi impianti a rete (acqua, energia, etc.), la cui realizzazione deve in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate; 6.al fine di mantenere la permeabilit biotica della valle, evitare la connessione tra insediamenti lineari lungo la Salaria (Passo Corese), mantenendo un intervallo di almeno 500 metri tra un nucleo abitativo e l'altro; 7.studio di incidenza ed inserimento ecologico e paesaggistico a corredo della progettazione dei nuovi interventi edificatori ricadenti nelle zone E1-E3 di cui al successivo specifico articolato, mirato ad individuare e valutare i principali effetti che i lavori progettuali possono avere sulla struttura portante degli habitat naturali e sugli elementi fissi del paesaggio e dellagroecosistema, alla luce degli obiettivi di conservazione degli stessi, a partire dallinquadramento stazionale dei siti di intervento per finire con lindividuazione delle misure idonee ad evitare, ridurre o compensare gli effetti negativi sugli habitat e sulle specie presenti nei siti; 8.nella gestione delle fitocenosi boschive, preferenza ai principi della selvicoltura naturalistica; 9.mantenimento e tutela delle rete viaria rurale e forestale esistente, essendo la garanzia di accessibilit agli ambiti agrosilvo-pastorali condizione indispensabile per una gestione ambientalmente qualificata e sostenibile degli stessi; 10.individuazione di una fascia di rispetto non lavorata di larghezza non inferiore a ml 1,50 lungo le strade della rete viaria comunale e/o vicinale di uso pubblico; 11.esclusione ove possibile dellasfaltatura nella pavimentazione della rete stradale rurale, privilegiando soluzioni con materiali filtranti, tipo inerti stabilizzati con leganti; 12.mantenimento e ripristino dei canali principali di deflusso delle acque, del reticolo idrografico minore e dei sistemi di drenaggio dei campi; protezione dei canali agricoli attraverso una fascia di ml.30 da sottrarre alla lavorazione con mezzi meccanici; 13.adozione ove possibile delle tecniche di Ingegneria Naturalistica negli interventi di sistemazione territoriale ed idraulica, con particolare riferimento al consolidamento di scarpate, argini e sponde fluviali, banchine stradali, etc.. 4.2Cb - Colline interne di Coppe-Stroncone Larea dellUdP, ricadente nel territorio comunale, interessa il versante collinare che scende dai monti di Stroncone verso la valle dellAia, con una litologia a calcari marnosi, marne e arenarie di origine marina e caratterizzato da unalta acclivit con quote da 250 a 400 m.s.l.m. Il paesaggio caratterizzato da due fasce: la prima, che si sviluppa longitudinalmente alla macchia boschiva della UdP Msm (area montana di Stroncone con margine non stabile caratterizzato da direttrici di arretramento del bosco), interessata dal seminativo arborato, nella parte meridionale, e dalloliveto nella parte settentrionale; la seconda invece caratterizzata dal seminativo semplice. Lambito della UdP solcato trasversalmente da fossi vegetati che connettono le macchie boschive con le fasce di scarsa consistenza di vegetazione ripariale del torrente lAia. LUdP intercetta porzioni di strade di collegamento intercomunale e viabilit locale di distribuzione a basso flusso di traffico (Narni-Finocchieto, Stroncone-Coppe-Finocchieto) Sono presenti insediamenti storici di interesse quali: il castello-palazzo di Coppe e qualche
Pag. 24

piccolo borgo rurale. La pressione antropica caratterizzata dalla rete di viabilit interpoderale di modeste dimensioni e dalle case sparse lungo gli assi viari. Il PTCP classifica il paesaggio come RURALE. Tipico paesaggio rurale produttivo, con Matrice data da seminativo semplice e seminativo arborato. I vincoli presenti sono del tipo: idrogeologico, paesistico (ex 1497/39: DM 3/04/1959), paesistico (ex 431/85: Boschivo - Fiumi e torrenti), aree di particolare interesse naturalistico. Il PTCP giudica lUdP in grado di accettare ulteriori insediamenti, eventualmente compensandoli con interventi di riqualificazione del paesaggio agrario. Viene giudicato accettabile: -un incremento di carico antropico pari a circa il 10% degli abitanti attuali; -un icremento della superficie (urbanizzabile) pari a circa il 20% della superficie gi insediata a varie destinazioni duso. L'UdP pu descriversi come Area agricola con prevalente funzione di conservazione del territorio e del paesaggio agrario tradizionale". Non si rilevano squilibri nel mosaico ambientale pertanto l'indirizzo prevalente quello del Mantenimento, con lobiettivo di incentivare la trasformazione dei seminativi semplici in seminativi arborati e lo sviluppo dellagricoltura biologica. Nell'unit di paesaggio, svolgendo un ruolo di collegamento tra la zona di valle e la zona montana, dovranno essere ripristinate e rafforzate le reti ecologiche minori (siepi interpoderali, filari alberati); inoltre dovr essere favorita la creazione di zone di fito-depurazione. Gli elementi strutturanti il paesaggio agricolo e paesaggi rurali storici-tradizionali sono caratterizzati dalla eterogeneit data dall'alternanza dei diversi usi del suolo e dalla trama agraria molto fitta ed articolata. L'abbandono dei centri minori ha favorito la salvaguardia delle tipologie e forme insediative rurali storiche. Allo stato attuale non si a conoscenza dellesistenza di elementi archeologici caratterizzanti. Indirizzi normativi per la gestione ed utilizzazione del territorio e degli agroecosistemi: 1.mantenimento e potenziamento delle reti ecologiche minori, dei loro elementi fissi di appoggio e delle tessere dellagroecosistema (siepi, filari, alberature singole o raggruppate, fasce ecotonali di mantello, ciglionamenti, muri a secco, etc.); 2.impulso allaumento della connettivit degli attuali frammenti forestali e stepping stones con incremento della presenza di corridoi florofaunistici soprattutto lungo le aste fluviali, rispetto delle comunit e delle specie rare, mantenimento delle cenosi di sostituzione allo scopo di tutelare la biodiversit, creazione di una fascia di rispetto a ridosso della vegetazione ripariale, mantenimento dei prati palustri; 3.aggregazione dei nuovi insediamenti al tessuto edificato esistente, investendo prioritariamente seminativi semplici rispetto a seminativi arborati, con particolare salvaguardia degli ultimi vigneti
Pag. 25

con viti maritate; 4.riduzione della frammentazione delle aree agricole per effetto dei nuovi insediamenti; 5.massimo rispetto possibile della trama agropaesaggistica esistente per la realizzazione degli interventi edificatori, in particolare di nuove infrastrutture viarie e di nuovi impianti a rete (acqua, energia, etc.), la cui realizzazione deve in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate; 6.studio di incidenza ed inserimento ecologico e paesaggistico a corredo della progettazione dei nuovi interventi edificatori ricadenti nelle zone E1-E3 di cui al successivo specifico articolato, mirato ad individuare e valutare i principali effetti che i lavori progettuali possono avere sulla struttura portante degli habitat naturali e sugli elementi fissi del paesaggio e dellagroecosistema, alla luce degli obiettivi di conservazione degli stessi, a partire dallinquadramento stazionale dei siti di intervento per finire con lindividuazione delle misure idonee ad evitare, ridurre o compensare gli effetti negativi sugli habitat e sulle specie presenti nei siti; 7.nella gestione delle fitocenosi boschive, preferenza ai principi della selvicoltura naturalistica con le azioni descritte al precedente punto A.5 di questo Articolo; 8.mantenimento e tutela delle rete viaria rurale e forestale esistente, essendo la garanzia di accessibilit agli ambiti agrosilvo-pastorali condizione indispensabile per una gestione ambientalmente qualificata e sostenibile degli stessi; 9.individuazione di una fascia di rispetto non lavorata di larghezza non inferiore a ml 1.50 lungo le strade della rete viaria comunale e/o vicinale di uso pubblico; 10.esclusione ove possibile dellasfaltatura nella pavimentazione della rete stradale rurale, privilegiando soluzioni con materiali filtranti, tipo inerti stabilizzati con leganti; 11.mantenimento e ripristino dei canali principali di deflusso delle acque, del reticolo idrografico minore e dei sistemi di drenaggio dei campi; protezione dei canali agricoli attraverso una fascia di ml.30 da sottrarre alla lavorazione con mezzi meccanici; 12.adozione ove possibile delle tecniche di Ingegneria Naturalistica negli interventi di sistemazione territoriale ed idraulica, con particolare riferimento al consolidamento di scarpate, argini e sponde fluviali, banchine stradali, etc.. 5.2Cc - Colline interne di Castel vecchio villa Eroli di Narni LUdP interessa un ambito collinare di medio-basso acclivit, con quote dai 200 ai 400 m.s.l.m formato prevalentemente da marne e arenarie con lembi di calcare e calcari marnosi. Nella subunit 2Cc1 si rilevano detriti e conglomerati, acclivit basse e quote tra i 120 e i 250 m.s.l.m. Il paesaggio ha una funzione di margine tra i Monti Narnesi e la valle del Naia, e presenta caratteristiche eterogenee, con grandi macchie boschive , con infiltrazioni di aree agricole a seminativo arborato e oliveto, in prossimit della fascia calcarea dei Monti Narnesi, e a seminativo semplice nelle aree con quote pi basse. Il territorio solcato da strade di distribuzione locale ed caratterizzato dalla presenza della rocca di Vasciano, e di un consistente numero di case sparse. La pressione antropica caratterizzata principalmente dalla diffusione di case sparse, e dalla rete viaria minore. Il PTCP classifica il paesaggio come RURALE/SEMINATURALE. Tipico paesaggio rurale produttivo molto vario, caratterizzato dall'alternanza dei diversi usi del suolo e da una trama agraria molto fitta ed articolata, matrice costituita da unalternanza di seminativi arborati, oliveti e frutteti.
Pag. 26

I vincoli presenti sono del tipo: idrogeologico; paesistico (ex 1497/39: DM 5/06/1956), paesistico ( ex 431/85: Boschivo - Fiumi e torrenti). Il PTCP assegna alla UdP una qualit ambientale medio-alta, capace di accettare leggere espansioni insediative, fino ad un incremento di carico antropico pari a circa il 5% degli abitanti attuali. La superficie equivalente stimata pari a un incremento del 10% della superficie gi insediata a varie destinazioni duso. L'UdP si pu definire Area agricola con prevalente funzione di conservazione del territorio e del paesaggio agrario tradizionale". Non si rilevano squilibri nel mosaico ambientale pertanto l'indirizzo prevalente quello del mantenimento. Allo stato attuale non si a conoscenza dellesistenza di elementi archeologici caratterizzanti. Indirizzi normativi per la gestione ed utilizzazione del territorio e degli agroecosistemi: 1.mantenimento e potenziamento delle reti ecologiche minori, dei loro elementi fissi di appoggio e delle tessere dellagroecosistema (siepi, filari, alberature singole o raggruppate, fasce ecotonali di mantello, ciglionamenti, muri a secco, etc.); 2.impulso allaumento della connettivit degli attuali frammenti forestali e stepping stones con incremento della presenza di corridoi florofaunistici soprattutto lungo le aste fluviali, rispetto delle comunit e delle specie rare, mantenimento delle cenosi di sostituzione allo scopo di tutelare la biodiversit, creazione di una fascia di rispetto a ridosso della vegetazione ripariale, mantenimento dei prati palustri; 3.aggregazione dei nuovi insediamenti al tessuto edificato esistente, investendo prioritariamente seminativi semplici rispetto a seminativi arborati, con particolare salvaguardia degli ultimi vigneti con viti maritate; 4.riduzione della frammentazione delle aree agricole per effetto dei nuovi insediamenti; 5.massimo rispetto possibile della trama agropaesaggistica esistente per la realizzazione degli interventi edificatori, in particolare di nuove infrastrutture viarie e di nuovi impianti a rete (acqua, energia, etc.), la cui realizzazione deve in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate; 6.studio di incidenza ed inserimento ecologico e paesaggistico a corredo della progettazione dei nuovi interventi edificatori ricadenti nelle zone E1-E3 di cui al successivo specifico articolato, mirato ad individuare e valutare i principali effetti che i lavori progettuali possono avere sulla struttura portante degli habitat naturali e sugli elementi fissi del paesaggio e dellagroecosistema, alla luce degli obiettivi di conservazione degli stessi, a partire dallinquadramento stazionale dei siti di intervento per finire con lindividuazione delle misure idonee ad evitare, ridurre o compensare gli effetti negativi sugli habitat e sulle specie presenti nei siti; 7.nella gestione delle fitocenosi boschive, preferenza ai principi della selvicoltura naturalistica; 8.mantenimento e tutela delle rete viaria rurale e forestale esistente, essendo la garanzia di accessibilit agli ambiti agrosilvo-pastorali condizione indispensabile per una gestione ambientalmente qualificata e sostenibile degli stessi; 9.individuazione di una fascia di rispetto non lavorata di larghezza non inferiore a ml 1.50 lungo le strade della rete viaria comunale e/o vicinale di uso pubblico; 10.esclusione ove possibile dellasfaltatura nella pavimentazione della rete stradale rurale, privilegiando soluzioni con materiali filtranti, tipo inerti stabilizzati con leganti;
Pag. 27

11.mantenimento e ripristino dei canali principali di deflusso delle acque, del reticolo idrografico minore e dei sistemi di drenaggio dei campi; protezione dei canali agricoli attraverso una fascia di ml.30 da sottrarre alla lavorazione con mezzi meccanici; 12.adozione ove possibile delle tecniche di Ingegneria Naturalistica negli interventi di sistemazione territoriale ed idraulica, con particolare riferimento al consolidamento di scarpate, argini e sponde fluviali, banchine stradali, etc.. ARTICOLO 12 SISTEMI TERRITORIALI I Sistemi Territoriali sono porzioni di territorio aventi caratteristiche naturali e antropiche storicamente definite la cui articolazione funzionale alle scelte di tutela, mantenimento e trasformazione urbanistica. I sistemi territoriali possono comprendere una o pi destinazioni di zona compatibili tra loro. Nel P.R.G. Sono individuati i seguenti sistemi territoriali: 1.Stroncone C.S.; 2.S. Liberatore-S. Lucia-S. Antimo; 3.Cannucciano- Molenano Termine; 4.Colle S. Eugenia; 5.Vascigliano; 6.Coppe; 7.Aguzzo; 8.Vasciano; 9.Finocchieto; 10.zona montana Prati Cimitelle. Il P.R.G., parte Operativa, approfondir a scala 1 : 2000, le previsioni di trasformazione urbanistica della parte Strutturale. ARTICOLO 13 MACROZONE. Tutto il territorio del Comune di Stroncone suddiviso in zone aventi diverse destinazioni, secondo le delimitazioni riportate nelle tavole allegate al P.R.G. e contrassegnate con la lettera maiuscola. Le lettere maiuscole sono seguite da un numero quando quelle zone di eguale destinazione sono previste norme diverse per la loro tutela e sviluppo. Le macrozone zone si distinguono secondo la seguente classificazione: 1) Zone Residenziali; 2) Zone Produttive; 3) Zone agricole e boschive; 4) Zone di Interesse Pubblico; 5) Zone di rispetto e vincoli di salvaguardia del territorio; ARTICOLO 14 COMPARTI. Il comparto comprende una parte di territorio; in esso possiamo trovare aree di propriet diverse e con diverse destinazioni d'uso, edificate ed inedificate. Esso costituisce l'unit minima per gli interventi urbanistici preventivi, sia pubblici che privati. Il perimetro dei comparti delimitato negli elaborati grafici da linee continue.

Pag. 28

TITOLO III DISCIPLINA URBANISTICA PARAMETRI URBANISTICI DEFINIZIONE DELLE ZONE OMOGENEE.
CAPITOLO I PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI
ARTICOLO 15 GRANDEZZE URBANISTICHE, INDICI,GRANDEZZE EDILIZIE,DISTANZE. 1) Riferimenti a)Il presente articolo recepisce integralmente il Regolamento regionale n. 9 del 3 novembre 2008,emanato in attuazione dellarticolo 12, comma 1, lettere a) e d-bis) della legge regionale 18 febbraio 2004, n. 1 (Norme per lattivit edilizia) detta criteri per regolamentare lattivit edilizia e per il calcolo delle superfici, delle volumetrie, delle altezze e delle distanze relative alla edificazione, finalizzate allelaborazione dei regolamenti comunali per lattivit edilizia previsto allarticolo 5-bis della stessa l.r. 1/2004. b)Le disposizioni del citato RR n. 9 del 2008 , ai sensi dellarticolo 45, comma 2 della l.r. 1/2004 assicurano, nel territorio regionale, luniformit dellattivit tecnico amministrativa e una omogenea applicazione di requisiti, parametri tecnici e tipologici delle opere edilizie ai fini del relativo titolo abilitativo. c)Le disposizioni del capo V, del citato RR n. 9 del 2008, in materia di distanze sostituiscono quelle dellarticolo 9 del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444. 2) St = Superficie territoriale St k)Si definisce superficie territoriale la superficie di una porzione di territorio definito o perimetrato dallo strumento urbanistico generale, comprensivo delle aree gi edificate o destinate alledificazione e delle aree per opere di urbanizzazione primaria e secondaria, per altre opere e servizi pubblici, sia esistenti che di progetto, nonch di eventuali aree di rispetto. 3) Superficie per opere di urbanizzazione primaria. 1.Le opere di urbanizzazione primaria, definite dallarticolo 24, comma 7 della l.r.1/2004, riguardano: strade locali e urbane, compresi i percorsi ciclo pedonali, spazi di sosta o di parcheggio di quartiere, fognature, rete idrica, reti di distribuzione tecnologiche e per le telecomunicazioni, pubblica illuminazione, spazi di verde attrezzato di quartiere e per corridoi ecologici, piazze ed altri spazi liberi, piazzole per la raccolta differenziata dei rifiuti e per le fermate del trasporto pubblico locale. Gli strumenti urbanistici prevedono, sulla base del regolamento regionale di cui allarticolo 62, comma 1, lettera b) della l.r. 11/2005 e dellarticolo 1, commi 258 e 259 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - legge finanziario 2008), aree aggiuntive o immobili, quali opere di urbanizzazione primaria, destinate ad insediamenti per ledilizia residenziale

Pag. 29

pubblica e sociale. 2.La superficie e la qualificazione delle opere di urbanizzazione primaria definita dal P.R.G. Parte strutturale e parte operativa, dal piano comunale dei servizi e dal progetto delle opere. 3.Si definisce sede stradale larea delimitata dai confini della propriet stradale, che comprende la carreggiata, i marciapiedi, le piste ciclabili, le opere di sostegno e le fasce di pertinenza destinate alla viabilit, oltre a quanto indicato dalla legge regionale 16 dicembre 1997, n. 46 (Norme per la riqualificazione della rete di trasporto e viario nel territorio regionale e procedure per lattuazione dei relativi interventi) e relative disposizioni attuative. 4.Per spazi di sosta o di parcheggio, si intende la superficie dellarea destinata alla sosta degli autoveicoli con esclusione di una quota pari al trenta per cento della superficie delle corsie di distribuzione. Larea di sosta ha dimensione minima di metri lineari 2,50 per 5,50. Le corsie di manovra hanno dimensione minima pari a metri lineari 3,50 e metri lineari 6,00, rispettivamente per la sosta longitudinale e perpendicolare al bordo della carreggiata, ferme restando le normative in materia di prevenzione incendi. La corsia di manovra resa indipendente dalle sedi stradali extraurbane ed urbane di scorrimento. Per quanto non espressamente disposto dal presente comma sono applicabili le possibilit di deroga previste dal decreto ministeriale 5 novembre 2001 (Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade). 5.La larghezza dei marciapiedi di pertinenza delle strade, delle aree di sosta o dei parcheggi non pu essere inferiore a metri lineari 1,50, liberi da qualsiasi ostacolo. 4) Superficie per opere di urbanizzazione secondaria. 1.Le opere di urbanizzazione secondaria, definite dallarticolo 24, comma 8 della l.r. 1/2004, riguardano: asili nido e scuole dinfanzia, scuole dell'obbligo nonch strutture e complessi per l'istruzione superiore all'obbligo, mercati di quartiere, delegazioni comunali, chiese e altri edifici religiosi, impianti sportivi di quartiere, verde in parchi urbani e territoriali e per corridoi ecologici, piazze ed altri spazi liberi, centri sociali e attrezzature culturali, sanitarie, costruzioni cimiteriali, nonch quelli previsti dalla legge 1 agosto 2003, n. 206 (Disposizioni per il riconoscimento della funzione sociale svolta dagli oratori e dagli enti che svolgono attivit similari e per la valorizzazione del loro ruolo). Nelle attrezzature sanitarie sono comprese le opere, le costruzioni e gli impianti destinati allo smaltimento, al riciclaggio o alla distruzione dei rifiuti speciali pericolosi, solidi e liquidi, alla bonifica di aree inquinate. Tra le opere di urbanizzazione secondaria sono comunque incluse, ove non sopra precisato, le aree per dotazioni territoriali e funzionali destinate ad attrezzature di interesse sovracomunale. 2.La superficie e la qualificazione delle opere di urbanizzazione secondaria definita dal PRG parte strutturale e operativo, dal piano comunale dei servizi e dal progetto delle opere. 5) Sf = Superficie fondiaria (mq) 13.Si definisce superficie fondiaria la superficie del terreno gi edificato e/o destinato alledificazione, al netto delle superfici destinate dallo strumento urbanistico generale e dal piano attuativo alle urbanizzazioni primarie e secondarie esistenti o previste. 14.Nel caso di intervento edilizio diretto la superficie fondiaria corrisponde alla superficie edificabile del lotto. 15.Eventuali previsioni duso di superficie fondiaria finalizzata al miglioramento degli spazi pubblici esistenti, contenute nel titolo abilitativo e regolate da convenzione o atto dobbligo, qualora non prescritte dagli strumenti urbanistici non riducono la superficie fondiaria da computare ai fini del calcolo della potenzialit edificatoria del lotto. 16.Alla superficie fondiaria, misurata in metri quadrati, si applica lindice di utilizzazione fondiaria di cui al successivo punto 14.

Pag. 30

17.In base alla superficie fondiaria viene calcolata la potenzialit edificatoria dei lotti. 6) Sa = Superficie asservita. a)Si definisce superficie asservita la superficie asservita la superficie territoriale o fondiaria, espressa in metri quadrati, necessaria a legittimare ledificazione rispetto alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente. b)Le aree asservite ad un edificio per lapplicazione degli indici di cui ai successivi punti 13,14,15 e 16 , possono restare di propriet diversa ovvero essere cedute a terzi, purch nellatto pubblico di trasferimento, registrato e trascritto, risulti lobbligo della loro inedificabilit in rapporto allindice utilizzato. c)Nel caso si intervenga su di un edificio esistente mediante aggiunta di un nuovo corpo di fabbrica, o si realizzino nuovi edifici nelle superfici territoriale o fondiaria di cui ai precedenti punti 2 e 5, per determinare la superficie da asservire al nuovo intervento, devono essere considerati anche gli edifici gi esistenti. E fatta salva l'ipotesi in cui le norme di attuazione del PRG, strutturale ed operativo, consentano incrementi di superficie utile coperta indipendentemente dal rispetto dell'indice di zona o i casi in cui sono applicabili modalit premiali, compensative e perequative dei diritti edificatori in base a specifiche normative. d)Larea asservita a costruzioni esistenti non pu essere asservita ad altre costruzioni, fatto salvo il caso di incremento dellindice di edificabilit o di una sua sottoutilizzazione, rispetto a quanto considerato al momento dellasservimento o di modifica della destinazione e normativa urbanistica dellarea medesima. Restano ferme le normative in materia di vincolo di asservimento dei terreni previste dagli strumenti urbanistici o da normative di settore. 7) As = Area di sedime. 1.Si definisce area di sedime larea, misurata in metri quadrati, ottenuta dalla proiezione sul piano orizzontale delle murature e delle strutture portanti esterne della costruzione sovrastante il piano di campagna e delle parti di costruzioni entroterra non ricoperte superiormente da terreno vegetale di idoneo spessore come previsto al successivo punto 8, comma 2, lettera b). 2.Sono escluse dalla misurazione le sole opere aperte aggettanti dal filo esterno delle murature quali: balconi, scale, pensiline, cornicioni, spioventi, gronde, fasce di coronamento ed elementi decorativi e rampe esterne richieste da specifiche normative di sicurezza o per labbattimento della barriere architettoniche. Sono altres escluse le scale esterne se aventi altezza non superiore a metri lineari 2,00 rispetto alla linea di spiccato delledificio. 3.Nel caso di interventi di ristrutturazione edilizia, effettuati ai sensi dellarticolo 13, comma 1, lettera c) della l.r. 1/2004, larea di sedime di un edificio esistente pu essere modificata sia come forma che come superficie, a condizione che la variazione mantenga un punto di contatto con larea di sedime esistente, nel rispetto dei parametri edilizi e di specifici limiti stabiliti dallo strumento urbanistico o dal regolamento comunale per lattivit edilizia e purch le modifiche siano tali da garantire migliori soluzioni architettoniche, ambientali e paesaggistiche. Tra gli interventi di ristrutturazione di cui sopra rientra la delocalizzazione degli edifici determinata da norme speciali, anche qualora la nuova area di sedime non mantenga alcun punto di contatto con la precedente area. 8) Sp -Si = Superficie permeabile (Sp) e impermeabile (Si). 9.Si definisce superficie permeabile la parte di superficie fondiaria priva di costruzioni sia fuori terra che interrate e di pavimentazione impermeabile, sistemata a verde o comunque con soluzioni filtranti alternative destinata principalmente a migliorare la qualit dell'intervento e del

Pag. 31

contesto urbano, in grado di assorbire direttamente le acque meteoriche. 10.A tal fine: a)sono considerate superfici permeabili, le superfici finite a prato, orto o comunque coltivate, quelle in terra, terra battuta, ghiaia; sono inoltre considerate tali quelle soluzioni che non compromettono la permeabilit del terreno quali le superfici finite con masselli o blocchi di calcestruzzo su fondo sabbioso sovrastante il terreno naturale, non cementate con posa degli elementi con fuga permeabile, oltre a quelle che impiegano materiali idonei a garantire il passaggio dellacqua almeno per il cinquanta per cento della superficie; b)sono considerate altres superfici permeabili le superfici aventi le caratteristiche di cui alla lettera a) realizzate a copertura di costruzioni interrate con terreno di riporto contiguo al terreno naturale o a sistemazioni realizzate, avente spessore non inferiore a metri lineari 0,50 rispetto al piano di copertura della costruzione. 11.Sono considerate superfici impermeabili quelle con caratteristiche diverse da quanto indicato al comma 2, per le quali vanno comunque previsti e realizzati opportuni sistemi di smaltimento o convogliamento delle acque meteoriche che evitino azioni di dilavamento e ruscellamento. 9) Pe = Perimetro edificio. 1.Si definisce perimetro di un edificio il perimetro delimitato da qualunque struttura edificata fuori terra o entroterra, con la esclusione delle opere di cui allarticolo 7del Regolamento regionale del 3 novembre 2008, n.9, comma 2 e di eventuali intercapedini aventi le caratteristiche di cui al successivo punto 17, comma 3, lettera j). 10) Qs = Quota di spiccato. 6.Si definisce quota di spiccato la quota del terreno sistemato nel punto di contatto con la parete del prospetto delledificio, rappresentato dal piano stradale o dal piano del marciapiede o dal piano del terreno a sistemazione definitiva. 7.Per sistemazione definitiva si intende la modifica motivata dellandamento della linea naturale del terreno, dedotta dal piano quotato a corredo del progetto, mediante sbancamenti e/o rilevati. 8.Il regolamento comunale per lattivit edilizia pu stabilire, in base alla presenza di terreni pianeggianti o in pendenza, tenendo conto dell'atto d'indirizzo di cui alla delibera della Giunta regionale 27 aprile 2006, n. 674 dello strumento urbanistico, nonch delle diverse situazioni idrogeologiche, idrauliche, paesaggistiche e di assetto territoriale, le limitazioni per la formazione di scavi o di rilevati rispetto alla linea naturale del terreno ante operam ai fini della realizzazione delle quote di spiccato. 11) Ls = Linea di spiccato. 1.Si definisce linea di spiccato la linea, sulla quale giacciono i punti coincidenti con le quote di spiccato, di cui al precedente punto 10, lungo il perimetro esterno delledificio. 12) Se = Sagoma di un edificio. 13.Si definisce sagoma di un edificio la figura planovolumetrica ottenuta dal contorno esterno delledificio escluse le opere previste al precedente punto 7, comma 2. 14.Nel caso di interventi di ristrutturazione edilizia, effettuati ai sensi dellarticolo 13, comma 1, lettera c) della l.r. 1/2004, la sagoma di un edificio esistente pu essere modificata, nel rispetto dei parametri edilizi stabiliti dallo strumento urbanistico o dal regolamento comunale per lattivit edilizia, ferma restando la possibilit di mantenere il volume, le superfici e le altezze preesistenti, e purch le modifiche siano tali da garantire migliori soluzioni architettoniche, ambientali e paesaggistiche.
Pag. 32

13) Iut = Indice di utilizzazione territoriale. 1.Si definisce indice di utilizzazione territoriale il rapporto massimo consentito in una porzione di territorio definito o perimetrato dallo strumento urbanistico generale tra la superficie utile coperta, edificata ed edificabile e la superficie territoriale di tale porzione di territorio. Esso espresso in mq/mq. 2. fatto salvo quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. 13,1) It = Indice di fabbricabilit territoriale - It Per Indice di Fabbricabilit Territoriale si intende il rapporto massimo consentito tra il Volume del Fabbricato o dei Fabbricati e la St (Superficie Territoriale) su cui insiste o insistono i fabbricati. 14) Iuf = Indice di utilizzazione fondiaria. 1.Si definisce indice di utilizzazione fondiaria il rapporto massimo consentito tra la superficie utile coperta massima edificata ed edificabile e la superficie fondiaria. Esso espresso in mq/mq. 2.E fatto salvo quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. 14,1) IF = INDICE FABBRICABILIT FONDIARIA: Per Indice Fabbricabilit Fondiaria si intende il rapporto massimo consentito tra V (Volume del Fabbricato o dei Fabbricati) e SF (Superficie Fondiaria) su cui insiste o insistono i fabbricati. 15) Ic = Indice di copertura. 14.Si definisce indice di copertura il rapporto, espresso in mq/mq o in percentuale, tra larea di sedime delle costruzioni edificate o realizzabili, di cui allarticolo 7 del regolamento regionale 3 novembre 2008 n.9, e la superficie fondiaria del lotto edificabile di pertinenza. 16) Ip = Indice di permeabilit. 1.Si definisce indice di permeabilit, espresso in mq/mq o in percentuale, lindice dato dal rapporto tra la superficie permeabile del suolo e la superficie fondiaria del lotto o del comparto libera da costruzioni. Esso stabilito dagli strumenti urbanistici comunali. 17) Suc = Superficie utile coperta. 5.Si definisce superficie utile coperta la sommatoria, espressa in metri quadrati, delle superfici coperte di ogni piano delledificio, misurate allesterno dei muri o comunque delle strutture portanti perimetrali, da computare con le seguenti modalit: a)nel caso in cui laltezza utile interna dei piani o parti di essi di edifici ecceda i metri lineari tre e cinquanta, la superficie utile coperta conteggiata dividendo il relativo volume per tre e cinquanta. Nella medesima fattispecie, per gli edifici a destinazione diversa da quella residenziale situati allinterno delle zone specificamente previste dal PRG e per i piani completamente interrati di qualsiasi edificio, lo strumento urbanistico pu prevedere un divisore maggiore; b)la superficie utile coperta dei piani interrati e seminterrati ottenuta moltiplicando la superficie utile coperta complessiva del piano per il rapporto tra la superficie delle pareti fuori terra o comunque scoperte del piano medesimo e la superficie complessiva delle pareti del piano stesso escludendo dal computo le superfici delle pareti per laccesso al piano indicate allarticolo 18, comma 3 della lettera c). La superficie delle pareti fuori terra misurata rispetto

Pag. 33

alla linea di spiccato di cui all precedente punto 11; c)non costituisce incremento della superficie utile coperta l'inserimento di nuovi piani all'interno di edifici esistenti a destinazione artigianale e industriale, fermo restando il rispetto delle norme igienico-sanitarie, di quelle in materia di dotazioni territoriali e funzionali, nonch di contributo di costruzione; d)per gli interventi da effettuare nelle zone agricole la superficie utile coperta misurata con le modalit previste dalla normativa regionale di riferimento oltre a quanto previsto ai commi 3 e 5, ferme restando le disposizioni di cui allarticolo 69, comma 9 della l.r. 11/2005. 2.Il calcolo della superficie utile coperta finalizzato alla verifica dellapplicazione dellindice di utilizzazione territoriale e dellindice di utilizzazione fondiaria previsti dagli strumenti urbanistici. 3.Nel calcolo della superficie utile coperta delledificio non sono conteggiati: a)gli extra spessori murari, finalizzati al comfort ambientale ed al risparmio energetico, nei limiti e con le modalit previste dallarticolo 37, comma 1, lettera a) della l.r.1/2004; b)i vani e gli spazi connessi alle soluzioni di architettura bioclimatica, di cui allarticolo 38, comma 1, lettere a) e b) della l.r. 1/2004, nei limiti e con le modalit ivi previste; c)le superfici relative agli interventi di prevenzione sismica di edifici esistenti, di cui allarticolo 41, comma 1, lettera a) della l.r. 1/2004, nei limiti e con le modalit previste dallo stesso articolo, ottenibili dividendo il relativo volume di incremento consentito (10 per cento) per tre; d)i locali strettamente necessari agli impianti tecnologici al servizio delledificio per le parti emergenti dalla linea di estradosso del solaio dellultimo piano abitabile delledificio (vani scala, extracorsa o vano macchina ascensore, apparecchiature tecnologiche, vani motore, canne fumarie e di ventilazione, impianti di condizionamento e simili) purch contenuti nei limiti strettamente indispensabili ed architettonicamente integrati alla costruzione; e)le superfici per porticati, logge, cavedi, passaggi pedonali, gallerie, atri, nonch le superfici coperte da tettoie anche se risultano aperte lateralmente su un solo lato: 1)senza limitazioni per quelle da rendere pubbliche, su richiesta del comune o se previste dagli strumenti urbanistici ovvero per scelta progettuale, purch la loro utilizzazione sia vincolata a mezzo di atto pubblico registrato e trascritto; 2)secondo le modalit stabilite dal regolamento comunale per lattivit edilizia o dallo strumento urbanistico per quelle da realizzare negli edifici al di fuori della zone agricole; 3)nelle zone agricole, entro il limite del dieci per cento della superficie utile coperta del primo piano fuori terra a protezione degli accessi di edifici residenziali o per attivit extralberghiere o per alloggi agrituristici, computando quelli esistenti alla data di entrata in vigore della l.r. 11/2005; e)i vani per ascensori, le scale di sicurezza esterne e le opere per la eliminazione delle barriere architettoniche di cui allarticolo 21, comma 2, lettera a), punto 5) e lettera b, punto 2); f)i vani scala, compresi gli androni e i pianerottoli, fino ad un massimo di mq. 20 per ogni piano; g)le superfici dei locali ricavati tra lintradosso del solaio di copertura inclinato e lestradosso del solaio dellultimo livello di calpestio, per le sole parti aventi altezza utile inferiore a m. 1,80; h)le nuove costruzioni per pertinenze edilizie fuori terra, di cui all'art.21 del RR 3 nov 2008 n. 9, comma 2, lettera b), punto 4) e lettera c), punti 1), 2) e 4) nei limiti di metri quadrati 30 di superficie utile coperta ovvero del cinque per cento della superficie utile coperta complessiva di ogni edificio; i)le intercapedini ventilate completamente interrate, aventi una larghezza utile interna non
Pag. 34

superiore a metri lineari 1,50 esternamente alle murature perimetrali e portanti delledificio; j)i locali per attrezzature tecnologiche completamente interrati di cui allarticolo 21 RR 3 nov 2008 n. 9, comma 2, lettera b), punto 4) e lettera c), punti 7) e 9); k)i locali necessari per lalloggio di impianti o serbatoi di acqua calda sanitaria prodotta da fonti energetiche rinnovabili. l)le strutture leggere di sostegno di pannelli fotovoltaici o pannelli solari per la produzione di energia o acqua calda privi di sovrastante serbatoio, posti a copertura di aree per parcheggi pubblici o di interesse pubblico costituenti dotazioni territoriali e funzionali in attuazione delle relative normative, con esclusione delle zone A ed E. 4.Per i servizi pubblici la superficie utile coperta ammissibile e le relative modalit di calcolo sono stabilite dagli strumenti urbanistici. 5.Per le attivit produttive, anche agricole, il regolamento comunale per lattivit edilizia o lo strumento urbanistico, possono stabilire le tipologie e/o le superfici dei locali tecnologici per impianti idrici, di riscaldamento, di condizionamento, elettrici e pompaggio indispensabili allattivit aziendale, da non computare nella superficie utile coperta, ad integrazione di quelle elencate nel comma 3. 18) Ae = Altezza edificio. 1.Si definisce altezza di un edificio la distanza massima verticale, misurata in metri lineari, nel modo seguente: a)nel caso di edifici con coperture inclinate, la distanza, misurata in gronda, intercorrente tra la linea di spiccato, di cui allarticolo 10 e lintersezione reale o virtuale del lato esterno della parete perimetrale con lintradosso della falda della copertura, posta al livello pi alto delledificio stesso considerando anche i corpi di fabbrica arretrati. Qualora linclinazione delle falde della copertura sia superiore al trentacinque per cento, laltezza delledificio viene misurata con riferimento alla distanza media tra la linea di colmo e lestradosso dellultimo solaio; b)nel caso di edifici con coperture piane, la distanza intercorrente tra la linea di spiccato e lintersezione reale o virtuale del lato esterno della parete perimetrale con lintradosso della parte strutturale del solaio di copertura posto al livello pi alto delledificio stesso anche in caso di corpi di fabbrica arretrati, escludendo lo spessore delle eventuali coibentazioni fino ad un extraspessore massimo di 10 cm. Ove laltezza del parapetto superi i metri 1,20 rispetto al piano di calpestio della copertura, laltezza delledificio viene misurata con riferimento alla sommit del parapetto medesimo. 2.Per edifici con particolare articolazione plani-volumetrica e composizione architettonica o posti su terreni in pendenza a quote diverse, laltezza data dalla maggiore delle altezze di ogni facciata dei corpi di fabbrica in cui pu essere scomposto ledificio stesso, di cui allarticolo 19 del RR 3 nov 2008 n. 9. 3.La misura dellaltezza non tiene conto: a)dei soli volumi tecnici emergenti dalla linea di estradosso del solaio dellultimo piano abitabile delledificio (vani scala, extracorsa o vano macchina ascensore, apparecchiature tecnologiche destinate anche alla produzione di acqua calda o di energia da fonti rinnovabili, vani motore, canne fumarie e di ventilazione, impianti di condizionamento), purch contenuti nei limiti strettamente indispensabili ed architettonicamente integrati con la costruzione; b)degli impianti tecnologici e di servizio rispondenti a particolari esigenze di funzionalit delledificio in relazione alla sua destinazione;

Pag. 35

c)delle maggiori altezze in corrispondenza di bocche di lupo o agli accessi esterni, carrabili e pedonali, al piano seminterrato o interrato, purch gli accessi stessi, realizzati al di sotto della linea di sistemazione definitiva, non siano di larghezza superiore a metri lineari 5, fatte salve maggiori dimensioni derivanti da normative sulla sicurezza. Per ogni piano potr essere realizzato un solo accesso con tale tipologia, fatti salvi i casi in cui per motivi di sicurezza siano prescritti dagli organi competenti due accessi per entrata e uscita degli autoveicoli. Dette limitazioni non trovano applicazione nel caso di destinazione a dotazioni territoriali e funzionali dei piani seminterrati o interrati. 19) Af = Altezza di una facciata di un edificio. 1.Si definisce altezza di una facciata di un edificio, laltezza di ogni prospetto del corpo di fabbrica omogeneo per forma e definizione architettonica in cui pu essere scomposto ledificio stesso. Tale altezza data dalla media delle distanze misurate relativamente al prospetto considerato come indicato al precedente punto 18, comma 1. 2.Nella media di cui al comma 1 non si tiene conto di parti di pareti rientranti o sporgenti rispetto al piano prevalente del prospetto. 3.Nel caso di pareti non verticali laltezza data dalla loro proiezione virtuale sulla verticale. 20) Au = Altezza utile di un piano di un edificio edificio e altezza utile di un locale. 1.Si definisce altezza utile di un piano o di un locale la distanza netta tra il pavimento ed il soffitto o controsoffitto, misurata senza tener conto delle travi principali, delle irregolarit e dei punti singolari delle travi e delle capriate a vista. 2.Le altezze utili interne dei piani e dei locali con coperture inclinate sono computate, nel caso che le pareti interessate abbiano altezze variabili e non omogenee, calcolando laltezza media ponderale di ogni singola parete, data dal rapporto tra la sua superficie e la rispettiva lunghezza. 3.Il regolamento comunale per lattivit edilizia stabilisce per gli edifici di nuova costruzione laltezza dei locali per le diverse destinazioni duso o funzioni nel rispetto delle normative statali e regionali. 21) Op = Opere pertinenziali 1.Si definiscono opere pertinenziali i manufatti che, pur avendo una propria individualit ed autonomia sono posti in durevole ed esclusivo rapporto di propriet, di subordinazione funzionale o ornamentale, con uno o pi edifici principali di cui fanno parte e sono caratterizzati: a)dalla oggettiva strumentalit; b)dalla limitata dimensione; c)dalla univoca destinazione duso; d)dalla collocazione in aderenza o a distanza non superiore a 30 metri lineari dalledificio principale o ricadenti, comunque, allinterno del lotto in zone B, C, D ed F e fatte salve distanze superiori rese obbligatorie da norme di sicurezza o igienico sanitarie o qualora si tratti di opere di recinzione o di muri di sostegno; e)dal rapporto di propriet o di altro titolo equipollente. 2.Le opere pertinenziali, ove siano verificate le caratteristiche di cui sopra e comunque fatte salve le disposizioni del regolamento comunale per lattivit edilizia o dello strumento urbanistico, sulle tipologie e sui materiali utilizzabili, sono cos differenziate: a)opere pertinenziali di cui all'articolo 7, comma 1, lettera d) della l.r. 1/2004, eseguibili senza titolo abilitativo, fermo restando quanto disposto dal comma 3 del medesimo articolo:
Pag. 36

1.i manufatti per impianti tecnologici a rete o puntuali (quali acqua, telefono, energia elettrica, gas, fognature, illuminazione, telecomunicazioni), se posti al di sotto del livello del terreno sistemato ovvero se emergenti da questo, purch aventi superficie utile coperta non superiore a metri quadrati 3,00 ed altezza non superiore a metri lineari 1,80; 2.opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni anche per aree di sosta che siano contenuti entro lindice di permeabilit, ove stabilito; 3.pannelli solari senza serbatoio di accumulo da realizzare al di fuori delle zone di tipo A di cui al d.m. 1444/1968; 4.elementi di arredo quali panchine, lampioni, giochi per bambini allaperto, rivestimento di pozzi esterni, fontane, statue, fioriere; 5.opere pertinenziali per leliminazione di barriere architettoniche da realizzare nei limiti e con le modalit di cui allarticolo 7, comma 1, lettera b) della l.r. 1/2004 che, pertanto, non interessino immobili compresi negli elenchi di cui alla parte prima e seconda del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, nonch gli immobili di cui allarticolo 4, comma 2, della stessa l.r. 1/2004 e quelli di interesse storico, architettonico e culturale individuati dagli strumenti urbanistici. Tali opere non debbono riguardare elementi strutturali n comportare la realizzazione di manufatti che alterino la sagoma di un edificio ; 6.manufatti per il ricovero di animali domestici o da compagnia o manufatti per ripostigli e barbecue di superficie utile coperta complessiva non superiore a mq. 4,00 e altezza non superiore a metri lineari 2,00; 7.le serre che non comportano trasformazione permanente del suolo di cui alla delibera della Giunta regionale 7 giugno 2006, n. 955, destinate alla coltivazioni di prodotti per il consumo delle famiglie anche diverse dallimpresa agricola, aventi una superficie utile coperta non superiore a mq. 20,00; 8.le tende installate in corrispondenza di aperture ovvero su terrazze, balconi, cavedi o logge, escluse quelle aggettanti su spazi pubblici o di uso pubblico; 9.le strutture a carattere precario facilmente smontabili previste dal Progetto dArea per la valorizzazione del paesaggio in territorio agricolo approvato ai sensi dellarticolo 32, comma 2, lettera i) della l.r. 11/2005; 10.linstallazione di serbatoi di gpl, fino alla capacit di 13,00 metri cubi purch completamente interrati; 11.i pergolati con struttura leggera, in ferro o legno, purch collocati a terra senza opere fondali e privi di qualsiasi copertura, destinati esclusivamente a sorreggere essenze vegetali o teli ombreggianti; 12.opere di scavo e rinterro per la posa in opera di serbatoi prefabbricati per laccumulo di acque piovane; b)opere pertinenziali ai sensi dellarticolo 3, comma 1, lettera e), punto 6) della l.r. 1/2004, ma sottoposte a denuncia di inizio attivit: 1.recinzioni, muri di cinta e cancellate che non fronteggiano strade o spazi pubblici o che non interessino superfici superiore a metri quadrati tremila come previsto allarticolo 13, comma 1, lettera f) della l.r. 1/2004; 2.opere per la eliminazione di barriere architettoniche quali scale, accessi, rampe, ascensori, apparecchiature elettriche e vani di servizio strettamente correlati, come previsto allarticolo 20, comma 1, lettera d) della l.r. 1/2004;
Pag. 37

3.parcheggi o autorimesse da destinare a servizio di singole unit immobiliari da realizzare nel sottosuolo o al piano terreno dei fabbricati,di cui allarticolo 9, comma 1 della legge 24 marzo 1989, n. 122 che non comportano deroga agli strumenti urbanistici; 4.impianti sportivi e ricreativi al servizio delle abitazioni o delle attivit di tipo ricettivo o agrituristico che non comportano una occupazione di superficie superiore a mq. 400,00 e nuova superficie utile coperta. Tali impianti possono comprendere locali per attrezzature tecnologiche completamente interrati di superficie utile coperta non superiore a mq. 6,00, con la possibilit di prevedere una parete scoperta per laccesso, avente superficie non superiore a mq. 6,00; 5.installazione di pannelli solari con serbatoio di accumulo esterno o, relativamente alle zone A, senza serbatoio di accumulo; 6.installazione di serbatoi di gpl diversi da quelli di cui alla lettera a), punto 10), purch adeguatamente schermati con essenze vegetali autoctone; 7.tende aggettanti su spazi pubblici o di uso pubblico; 8.strutture leggere aggettanti su terrazze, balconi, logge e cavedi; 9.installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, nei limiti di cui allarticolo 12, comma 5 del d.lgs. 387/2003 e d.m. 19 febbraio 2007 e relative disposizioni regionali. c)opere pertinenziali ai sensi dellarticolo 3, comma 1, lettera e), punto 6) della l.r. 1/2004 sottoposti a permesso di costruire: 1.le tettoie, le pergole, i gazebo, i manufatti per barbecue e per il ricovero di animali domestici o di compagnia aventi caratteristiche superiori rispetto a quelle di cui alla lettera a), punti 6) e 10), per una superficie utile coperta non superiore a mq. 20,00 e di altezza non superiore a metri lineari 2,40, di pertinenza di edifici residenziali e per attivit di tipo ricettivo, agrituristico, sportive, ricreative e servizi; 2.le cabine idriche, le centrali termiche ed elettriche o di accumulo di energia dimensionate in base alle esigenze delledificio principale; 3.i parcheggi o autorimesse da destinare a servizio di singole unit immobiliari da realizzare nel sottosuolo o al piano terreno dei fabbricati esistenti, ai sensi dellarticolo 9, comma 1 della l. 122/1989, che comportano deroga agli strumenti urbanistici, con esclusione delle zone agricole; 4.manufatti per impianti tecnologici a rete o puntuali emergenti dal terreno, aventi dimensioni eccedenti quelle di cui alla lettera a), punto 1); 5.i muri di sostegno; 6.recinzioni, muri di cinta e cancellate di qualunque tipo che fronteggiano strade o spazi pubblici o recinzioni necessarie alle imprese agricole, che interessino superficie superiore a mq. 3.000, purch esclusivamente a protezione di attrezzature, impianti o allevamenti anche allo stato brado o semibrado; 7.i locali strettamente necessari per i serbatoi, per le cisterne per laccumulo di acque piovane completamente interrati con la possibilit di prevedere una parete scoperta per laccesso avente superficie non superiore a metri quadrati 6,00; 8.gli impianti sportivi e ricreativi al servizio delle abitazioni o delle attivit di tipo ricettivo, agrituristico o servizi di dimensione eccedenti quelle previste alla lettera b), punto 4); 9.nelle zone agricole, i servizi igienici a servizio delle aree di sosta dei campeggiatori per le attivit agrituristiche di cui allarticolo 4, commi 3 e 4 della legge regionale 14 agosto 1997, n.

Pag. 38

28, nei limiti di metri quadrati 20,00 di superficie utile coperta. 22) Definizione di edificio esistente. 1. Si definiscono edifici quelli presenti sul territorio comunale e legittimati da titolo abilitativo o gi esistenti alla data di entrata in vigore della legge 6 agosto 1967, n. 765 o per quelli anteriori, se gi esistenti alla data di entrata in vigore di normative che prevedevano lobbligo di atti autorizzatori per realizzare interventi edilizi. 2. Ai fini di cui al comma 1 perch ledificio possa essere considerato esistente necessaria la presenza delle opere strutturali, tali da rendere bene individuabile la consistenza delledificio stesso. 3.La destinazione duso delledificio determinata con le modalit previste allarticolo 33, comma 2 della l.r. 1/2004. 4.. Quando ledificio non individuabile nella sua interezza originaria, perch parzialmente diruto o fatiscente, semprech siano presenti gran parte degli elementi strutturali di cui al comma 2, la sua consistenza, in assenza di chiari elementi tipologici e costruttivi definita dai seguenti elementi, semprech sufficienti a determinare la consistenza edilizia e luso dei manufatti: a)studi e analisi storico-tipologiche supportate anche da documentazioni catastali o archivistiche; b)documentazione fotografica; c)atti pubblici di compravendita; d)certificazione catastale. 5.Resta invariato quanto previsto: a)allarticolo 11 dellallegato A della delibera della Giunta regionale 19 marzo 2007, n. 420 in merito alla ricostruzione di parte di edifici con valore storico ed architettonico; b)dall'allegato "A" della delibera della Giunta regionale 14 settembre 1998, n. 5180 in materia di riparazione dei danni causati dagli eventi sismici. 23) De = Distanze tra edifici 1.Per distanza tra edifici deve intendersi il minor segmento orizzontale congiungente le pareti fronteggianti in senso orizzontale. La distanza si applica quando le pareti sono fronteggianti per oltre metri lineari 1,00. 2.Negli interventi di cui allarticolo 3, comma 1, lettere b), c) e d) della l. r. 1/2004 le distanze tra gli edifici non possono essere inferiori a quelle intercorrenti tra i volumi edificati preesistenti. 3.Nei centri e nuclei storici (zone di tipo A di cui al d.m. 1444/1068) per gli interventi di cui allarticolo 3, comma 1, lettera f) e allarticolo 13, comma 1, lettera c) della l.r. 1/2004, o per eventuali nuove costruzioni ammesse, le distanze tra gli edifici rispettano le disposizioni del codice civile. 4.Per tutti gli altri interventi edilizi diversi da quelli indicati ai commi 2 e 3 sono prescritte distanze minime tra edifici, con lesclusione di muri di contenimento del terreno e di delimitazione del confine di propriet, come di seguito indicati: a)nelle zone di tipo B ed E, di cui al d.m. 1444/1968, metri lineari 10,00 tra pareti di edifici finestrate o non finestrate o porticate, salvo distanze maggiori previste dallo strumento urbanistico generale;

Pag. 39

b)nelle zone di tipo C, D, F di cui al d.m. 1444/1968, la misura non inferiore allaltezza delledificio pi alto e comunque non inferiore a metri lineari 10,00, tra pareti di edifici finestrate o non finestrate o porticate, salvo distanze maggiori previste dallo strumento urbanistico generale; c)nei casi di sopraelevazione di edifici esistenti, le distanze possono essere inferiori a metri lineari 10,00 purch non risultino inferiori allaltezza delledificio pi alto; d)nei casi di edifici pertinenziali della stessa propriet delledificio principale, non sono previste distanze minime; e)tra edifici di propriet diversa che costituiscono opere pertinenziali realizzate in applicazione dellarticolo 21 del RR 3 nov 2008 n. 9, comma 2, lettere b) e c), aventi altezza non superiore a metri lineari 2,40, la misura di metri lineari 6,00. Dalle pareti di tali edifici non si applicano le disposizioni di cui alle lettere a) e b). 5.Il regolamento comunale per lattivit edilizia stabilisce le distanze minime tra gli edifici residenziali o per attivit ricettive, direzionali o servizi rispetto a edifici, strutture o infrastrutture che hanno rilevanza sotto il profilo del rischio ambientale, igienico sanitario e della sicurezza. 6.La distanza minima tra muri di contenimento del terreno anche a sostegno di terrapieni artificiali, rispetto a pareti di edifici di propriet diversa non pu essere inferiore allaltezza del muro di sostegno stesso, qualora questo superi metri lineari 2. 7. fatto salvo quanto previsto dallarticolo 41, comma 2 della l.r. 1/2004 in materia di interventi edilizi di prevenzione sismica. Ai fini della distanza tra edifici esistenti non si computano gli extraspessori murari finalizzati al comfort ambientale e al risparmio energetico necessari alla realizzazione di rivestimenti termici esterni nei limiti di spessore di cm 5. 8.Per le opere pertinenziali di cui all'articolo 21 del RR 3 nov 2008 n. 9, comma 2, lettera a) e quelle di cui allarticolo 38, comma 1 della l.r. 1/2004, nonch per le opere volte alleliminazione della barriere architettoniche, trovano applicazione le disposizioni del codice civile. 24) Dc = Distanze dai confini. 1.Per distanza dai confini deve intendersi il segmento orizzontale valutato in senso radiale, tra il perimetro dell'edificio di cui all'articolo 9 ed il confine. 2.Per gli interventi edilizi sono prescritte le distanze minime come di seguito indicati: a)dai confini: metri lineari 5 nel caso di edifici con altezza superiore a 2,40 metri lineari; b)dai confini: metri lineari 3,00 nel caso di edifici che costituiscono opere pertinenziali realizzate in applicazione dellarticolo 21, comma 2, lettere b) e c), aventi altezza non superiore a metri lineari 2,40; c)dai comparti o ambiti o zone edificabili a destinazione pubblica previste dallo strumento urbanistico: metri lineari 5,00; d)nel caso di locali o strutture realizzati completamente al di sotto del livello del terreno sistemato debbono essere posti a distanza dal confine non inferiore a metri lineari 1,50, indipendentemente dallaltezza e dal numero dei piani interrati. Per i manufatti e gli impianti tecnologici a rete o puntuali, completamente interrati non prescritta alcuna distanza dal confine di propriet fatte salve normative in materia igienicosanitaria e di sicurezza; e)fatto salvo quanto previsto al comma 4, non sono previste distanze minime dai confini per la realizzazione di muri di contenimento del terreno anche a sostegno di terrapieni artificiali fino a
Pag. 40

m. 2,00 di altezza anche volti a delimitare confini di propriet. Per la realizzazione dei muri di contenimento di cui sopra, aventi altezza superiore a ml. 2,00, prevista una distanza minima dal confine pari allaltezza del muro eccedente i metri lineari 2,00, ferma restando la possibilit di realizzare recinzioni e ringhiere in struttura leggera alla sommit del muro medesimo. 3.Per gli edifici e manufatti realizzati entro e fuori terra la distanza dai confini di cui ai commi 1 e 2 e dai confini stradali, pu essere definita da un accordo tra i proprietari, da presentare al comune, fermo restando il rispetto di quelle di cui allarticolo 23. 4.Le distanze dai confini indicate al comma 1 possono essere ridotte, rispetto a piazze o altri spazi pubblici o parcheggi, mediante approvazione di piano attuativo con previsioni planivolumetriche che comprenda tutti gli immobili e le aree interessate. 5. fatto salvo quanto previsto dallarticolo 41, comma 2 della l.r. 1/2004 in materia di interventi edilizi di prevenzione sismica. Ai fini della distanza dai confini non si computano gli extraspessori murari finalizzati al comfort ambientale e al risparmio energetico di edifici esistenti necessari alla realizzazione di rivestimenti termici esterni nei limiti di spessore di cm 5. 6.Per le strutture a sbalzo non chiuse, quali balconi, terrazze, scale, e simili, la sporgenza massima dovr distare dal confine di propriet non meno di metri lineari 3,00. 7.Per le opere pertinenziali di cui all'articolo 21 del RR 3 nov 2008 n. 9, comma 2, lettera a) e quelle di cui allarticolo 38, comma 1 della l.r. 1/2004, nonch per le opere volte alleliminazione della barriere architettoniche, trovano applicazione le disposizioni del codice civile. 25) Ds = Distanze dalle strade. 1.La distanza dalla strada il segmento orizzontale, valutato in senso radiale, tra il perimetro dell'edificio di cui all'articolo 9 del RR 3 nov 2008 n. 9 ed il confine della sede stradale, completa degli elementi di cui allarticolo 3 sempre del RR 3 nov 2008 n. 9 , comma 3. 2.Allinterno dei centri abitati le distanze minime non derogabili tra edifici ed il confine stradale sono previste nel PRG e/o nel regolamento comunale per lattivit edilizia. La distanza minima stabilita in metri lineari 5. 3.In caso di ampliamento, anche interrato, o sopraelevazione degli edifici esistenti a distanza dalla strada inferiore a quelle derivanti dalle disposizioni di cui al comma 2, le nuove opere non possono ridurre le distanze esistenti, salvo eventuale accordo con lente proprietario della strada. 4.Le opere di recinzione di ogni tipo e le opere di sostegno dei terreni o la realizzazione di manufatti di arredo di ogni tipo e dimensione nel caso in cui fronteggino strade pubbliche o di uso pubblico posti allesterno dei centri abitati, debbono essere arretrate almeno metri lineari 6,00 dallasse stradale e di metri lineari 4,50 in caso di strade vicinali fatte salve le maggiori distanze stabilite dal regolamento comunale per lattivit edilizia e da normative nazionali e regionali. 5.Le distanze di cui al comma 2 possono essere ridotte nel caso di edifici pubblici mediante approvazione di piano attuativo con previsioni planivolumetriche che comprenda tutti gli immobili e le aree interessate. 6.Il regolamento comunale per lattivit edilizia stabilisce le norme per larretramento delle opere di recinzione e di sostegno dei terreni da strade pubbliche o di uso pubblico, poste allinterno dei centri abitati o degli insediamenti, previsti dallo strumento urbanistico generale, salvo quanto previsto al comma 4. 26) Volume urbanistico di un edificio. 1.Qualora lo strumento urbanistico generale utilizzi indici volumetrici, il calcolo delle quantit
Pag. 41

urbanistiche ammesse si effettua applicando detti indici alla superficie fondiaria o territoriale di cui ai precedenti punti 2 e 5 del presente articolo. 2.Ai fini del rispetto della densit dello strumento urbanistico generale, il volume degli edifici quello fuori terra e quello derivante dalle pareti laterali scoperte di piani seminterrati. 3.Il conteggio del volume di un edificio si effettua moltiplicando la superficie utile coperta dei singoli piani per la relativa altezza media ponderale. 4.Laltezza media ponderale di ogni piano determinata dal rapporto tra la somma delle superfici delle pareti laterali scoperte ed il perimetro, calcolando le altezze come previsto agli articoli 18 e 19 del RR 3 nov 2008 n. 9 . 5.La superficie utile coperta dei singoli piani computata con le stesse modalit, limitazioni, criteri previsti al precedente punto 17 del presente articolo. 6.Gli indici di edificabilit territoriale o fondiaria previsti dagli strumenti urbanistici generali vigenti possono essere ricondotti rispettivamente a indice di utilizzazione territoriale o fondiario di cui agli articoli 4 e 5 del RR 3 nov 2008 n. 9, dividendo gli stessi indici volumetrici per 3, fatto salvo quanto previsto allarticolo 32, comma 2, lettera c) della l.r. 11/2005 con riferimento alle norme per il territorio agricolo. 7.Le opere o i manufatti non incidenti, ai sensi dell'articolo 18 del RR 3 nov 2008 n. 9, sulla valutazione dell'altezza non si computano nella superficie utile coperta e nel volume di un edificio. 8.Il coefficiente di conversione volumetrica per il quale occorre moltiplicare il valore in metri quadrati della superficie utile coperta per ottenere il valore in metri cubi di un edificio viene stabilito pari a 3,00. 27) Raccordo con la legislazione urbanistica. a)Sono fatte salve le previsioni vigenti di strumenti urbanistici generali riferite alle disposizioni di cui allarticolo 3, comma 2, lettera g) della l.r. 31/97 e allarticolo 4, comma 2, lettera g) della l.r. 11/2005, ovvero di piani attuativi adottati alla data di pubblicazione nel Bollettino ufficiale della Regione del Regolamento Regionale n. 9 del3 novembre 2008. b)In pendenza dell'approvazione del PRG, sono fatte salve, fino al 31 dicembre 2009, le modalit per definire le altezze massime, le superfici utili coperte e il volume degli edifici. c)Essendo recepite nel PRG, le disposizioni del Regolamento Regionale n. 9 del3 novembre 2008., l'adeguamento avviene senza la necessit di varianti, ma con le modalit di approvazione del regolamento comunale per l'attivit edilizia. d)Per la definizione di edificio ai fini degli articoli 17 e 21 del RR 3 nov 2008 n. 9 si fa riferimento a quanto stabilito allarticolo 32, comma 2, lettera f) della l.r. 11/2005. e)Fino alla definizione delle distanze tra edifici ed il confine stradale come previsto allarticolo 25, comma 2,del citato RR n. 9 del 2008, si applicano le disposizioni dellarticolo 9, comma 2, primo periodo del d.m. 1444/1968.

Pag. 42

CAPITOLO II DEFINIZIONE DELLE ZONE OMOGENEE


ARTICOLO 16 DEFINIZIONE E SUDDIVISIONE DELLE ZONE Tutto il territorio del Comune di Stroncone suddiviso in zone aventi diverse destinazioni, secondo le delimitazioni riportate nelle tavole allegate al P.R.G. e contrassegnate con la lettera maiuscola. Le lettere maiuscole sono seguite da un numero quando quelle zone di eguale destinazione e le stesse sono suddivise in comparti in cui sono previste diversificazioni quantitative e qualitative nella loro utilizzazione. Le zone si distinguono secondo la seguente classificazione: 1) Zone Residenziali: A - Centri storici B - Zone di completamento C - Zone di espansione residenziale Cp Zone residenziali periurbane 2) Zone Produttive: D - Zone industriali, artigianali di completamento; D1 - Zone industriali, artigianali miste; Dt - zone per attrezzature turistico ricettive; 3) Zone agricole e boschive: E1 - Zone agricole con funzione di Unit di connessione della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000; E2 - Zone agricole con funzione di fascia di biopermeabilit della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000; E3 - Zone agricole con funzione di Corridoio della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000; E4 Zone boschive 4) Zone di Interesse Pubblico FA Aree per attrezzature di interesse generale: FA1 aree per la salute e l'assistenza; FA2 aree per verde pubblico e parchi urbani territoriali; FA3 aree per lo sport e le attivit culturali; FA4 aree per le attrezzature tecnologiche, compreso le aree per la Protezione Civile. FB Aree pubbliche al servizio di insediamenti residenziali: FB1 aree per l'istruzione, scuola materna e dell'obbligo; FB2 aree per attrezzature di interesse comune; FB3 aree per spazi pubblici attrezzati a parco; FB4 aree parcheggi pubblici; FC - Zone cimiteriali; 5) Zone di rispetto e vincoli di salvaguadia: V - Zone di rispetto stradale; V1 - Zone di rispetto cimiteriale; V2 Aree di particolare interesse naturalistico ambientale V3 Zona di rispetto ferrovia; V4 Zona con vincolo archeologico;

Pag. 43

CAPITOLO III ZONE RESIDENZIALI


ARTICOLO 17 DESTINAZIONE D'USO DELLE ZONE RESIDENZIALI. Le zone residenziali sono destinate, prevalentemente, ad abitazioni. Dalle zone residenziali sono esclusi: - laboratori per artigianato di servizio che producono rumori ed odori molesti - depositi di merce allingrosso - case di cura e ospedali - macelli - stalle di qualunque genere, pollai e simili - qualunque attivit e destinazioni che lAmministrazione Comunale ritenesse, a suo giudizio, in contrasto con il carattere residenziale della zona. Sono consentite stazioni di servizio, officine per auto e motoveicoli purch munite di zone di parcheggio privato pari a quattro volte la superficie utile dellofficina e purch i locali siano isolati acusticamente in modo che i rumori prodotti non abbiano esito sonoro superiore ai 60-70 decibel. Nelle zone residenziali non consentita ledificazione a distanza inferiore a m 25.00 da edifici scolastici esistenti al momento dellapprovazione del presente strumento. ARTICOLO 18 ZONE A CENTRI STORICI I centri storici, sono le le aree delimitate come zone A nel P.R.G., parte strutturale. Si intendono per: a) centri storici: gli insediamenti urbani di cui allarticolo 29 della legge regionale 24 marzo 2000, n. 27 (Piano urbanistico territoriale), che rivestono carattere storico, artistico, culturale, ambientale e paesaggistico. Gli insediamenti sono individuati e perimetrati dal Comune, nello strumento urbanistico generale, quali zone A, ai sensi dellarticolo 2 del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444 (Limiti inderogabili di densit edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi destinati agli insediamenti residenziali e produttivi e spazi pubblici o riservati alle attivit collettive, al verde pubblico o a parcheggi da osservare ai fini della formazione dei nuovi strumenti urbanistici o della revisione di quelli esistenti, ai sensi dellarticolo 17 della legge 6 agosto 1967, n. 765); b) ambiti di rivitalizzazione prioritaria (ARP): aree, delimitate dai Comuni, prevalentemente allinterno dei centri storici, che presentano caratteri di degrado edilizio, urbanistico, ambientale, economico, sociale e funzionale e pertanto costituiscono luoghi prioritari da rivitalizzare; c) quadro strategico di valorizzazione: programma di valorizzazione dei centri storici, compresi gli ambiti di rivitalizzazione prioritaria di cui alla lettera b), che delinea le politiche generali che il Comune intende attuare per conseguire gli obiettivi di cui allarticolo 3 della L.R. 12/ 2008; d) edificio: insieme di strutture portanti ed elementi costruttivi, architettonici e decorativi, reciprocamente connessi in modo da formare con continuit da cielo a terra una entit strutturalmente autonoma, sia isolata o parzialmente collegata ad edifici adiacenti, composta da una o pi unit immobiliari o parti di esse, indipendentemente dal regime della propriet; e) isolato: uno o pi edifici contigui circondati da strade e spazi liberi; f) esercizio multisettoriale: attivit integrata da un punto di vista imprenditoriale e spaziale, che ricomprende almeno due delle seguenti tipologie: artigianato, commercio, pubblici esercizi, servizi alberghieri ed extralberghieri di ricettivit.

Pag. 44

La Regione ed il Comune favoriscono la realizzazione di programmi, progetti, azioni ed interventi di rivitalizzazione, riqualificazione e valorizzazione dei centri storici, che perseguono i seguenti obiettivi: a) creazione delle condizioni ambientali, sociali ed economiche per la permanenza o il reinserimento di famiglie residenti, di operatori economici e per lo sviluppo turistico; b) recupero edilizio ed urbanistico e riqualificazione architettonica e ambientale del patrimonio edilizio esistente, pubblico e privato; c) valorizzazione e tutela degli edifici di particolare pregio ed interesse storico, architettonico e monumentale; d) riqualificazione degli spazi pubblici e privati esistenti, mediante il recupero e la manutenzione delle aree inedificate, degradate o sottoutilizzate e leliminazione delle opere o edifici incongrui rispetto al contesto storico-architettonico e paesaggistico, nonch mediante linserimento di opere darte; e) riduzione della vulnerabilit sismica del patrimonio immobiliare pubblico e privato e della vulnerabilit urbana; f) miglioramento dellaccessibilit e della mobilit, anche con lindividuazione di nuovi percorsi con modalit alternative e con lattuazione di interventi per labbattimento delle barriere architettoniche o urbanistiche; g) adeguamento dei fabbricati, dei loro impianti e dei servizi pubblici puntuali ed a rete, al fine di conseguire adeguati livelli di sicurezza e di sostenibilit ambientale, con particolare riguardo per il risparmio energetico, luso contenuto delle risorse, la riduzione degli inquinamenti e la cura estetica dei manufatti; h) raggiungimento, negli spazi pubblici o aperti al pubblico, di livelli di sicurezza pubblica adeguati ai bisogni delle diverse fasce di et e dei soggetti diversamente abili, anche mediante ladozione di sistemi di sicurezza attivi e passivi; i) mantenimento, insediamento e valorizzazione di attivit artigiane, turistico-ricettive, direzionali, commerciali, di servizi, sociali, ricreative, culturali e artistiche per i servizi alla persona, anche con caratteristiche e spazi innovativi, nonch tramite il riuso di spazi ed edifici pubblici; l) cura dellimmagine del centro storico come componente del paesaggio, anche con riguardo alla tutela della luce, delle prospettive e delle visuali; m) recupero, manutenzione, restauro e conservazione dei beni culturali e dei luoghi storico-artistici, per migliorarne la fruizione; n) individuazione di percorsi culturali e museali, comprendente anche i locali storici esistenti, definendo modalit di gestione che assicurino forme permanenti di auto sostentamento totale o parziale; o) realizzazione di punti informativi che costituiscono porte di accesso ai servizi e alle reti turisticoricettive, compreso luso delle tecnologie informatiche, telematiche e satellitari. Quadro strategico di valorizzazione 1. Il Comune, anche in forma associata con altri Comuni e con il concorso dei cittadini, delle associazioni di categoria degli operatori economici, dei portatori di interessi collettivi e delle istituzioni pubbliche o di interesse pubblico, redigono il quadro strategico di valorizzazione dei centri storici e delle altre parti di tessuto urbano contigue che con essi si relazionano, per il conseguimento degli obiettivi di cui allarticolo 3 della L.R. 12/2008. 2. Il quadro strategico, redatto secondo le linee guida approvate dalla Giunta regionale, contiene, in particolare: a) lanalisi delle criticit e delle potenzialit di sviluppo del centro storico; b) lindicazione del ruolo che il centro storico pu svolgere nel proprio contesto territoriale mediante linsediamento e lo sviluppo di attivit e funzioni con esso coerenti e compatibili;

Pag. 45

c) lindicazione delle azioni strategiche a carattere pluriennale e la sequenza temporale di realizzazione delle stesse, con le relative motivazioni, nonch degli strumenti anche di carattere urbanistico da utilizzare; d) gli interventi concreti che si intendono attivare; e) le procedure e le modalit per verificare lo stato di attuazione degli interventi di cui alla lettera d), mediante un apposito monitoraggio; f) il piano economico e finanziario; g) i programmi di formazione professionale per operatori del commercio, turismo, servizi e artigianato; h) i programmi, piani e progetti di promozione e sviluppo di centri commerciali naturali, centri polifunzionali di servizi e attivit di prossimit, nonch le eventuali deroghe di cui allarticolo 5 della citata L.R. 12/2008, comma 1, lettera b); i) la qualificazione della segnaletica toponomastica, turistica, commerciale, di pubblica utilit e dei servizi nonch della cartellonistica pubblicitaria, secondo i criteri e gli indirizzi della deliberazione della Giunta regionale 19 marzo 2007, n. 420 (Disciplina interventi recupero patrimonio edilizio esistente, articolo 45, comma 1, lettera b) della legge regionale 18 febbraio 2004, n. 1 (Norme per lattivit edilizia) con il Repertorio dei tipi e elementi ricorrenti nelledilizia tradizionale), allegato A), capo VI; l) lelenco dei beni di interesse pubblico di valore culturale di portata storica e di valore ambientale; m) lindicazione degli strumenti di carattere normativo, procedurale amministrativo, partecipativo, organizzativo e gestionale necessari per lattuazione del quadro strategico. 4. Il quadro strategico approvato dal Comune ed sottoposto a verifica con modalit e frequenza stabilite dal Comune stesso. 5. Il Comune ed i soggetti indicati al comma 1, con riferimento alle scelte e previsioni contenute nel quadro strategico che richiedono azioni integrate e coordinate, concludono accordi o protocolli dintesa, anche con valenza contrattuale. Allinterno del centro storico e dellARP consentito lo svolgimento congiunto di attivit economiche e di servizi di particolare interesse per la collettivit, eventualmente in convenzione con soggetti pubblici e privati cos come regolamentato dall'art. 5 della L.R. 12/2008. Nei centri storici sono consentiti, senza il piano attuativo, fermo restando il rispetto delle norme del Piano regolatore e dei vincoli di tutela ambientale e paesaggistica, i seguenti interventi ad attuazione diretta: a) ristrutturazione edilizia come definita allarticolo 3, comma 1, lettera d) della l.r. 1/2004; b) cambiamenti di destinazione duso ai sensi dellarticolo 33, commi 3 e 4 della l.r. 1/2004; c) interventi relativi alla prevenzione sismica di cui allarticolo 41 della l.r. 1/2004; d) interventi di cui agli articoli 35 e 38 della l.r. 1/ 2004; e) interventi per le infrastrutture viarie, tecnologiche a rete o puntuali, nonch per larredo urbano. Gli interventi di cui al precedente comma sono consentiti a condizione che siano rispettate la classificazione degli immobili e le modalit di realizzazione contenute nella deliberazione della Giunta regionale 19 marzo 2007, n. 420, Allegato A), articoli da 1 a 30 e da 41 a 44. I proprietari di almeno il settantacinque per cento del valore in base allimponibile catastale delle unit immobiliari ricomprese in un isolato, che attuano, a mezzo di piano attuativo o programma urbanistico, interventi di ristrutturazione edilizia ed urbanistica, nonch gli interventi di cui al
Pag. 46

comma 1, lettere c) e d), possono costituire un consorzio, da attuare con le modalit previste allarticolo 27, comma 5 della legge 1 agosto 2002, n. 166 (Disposizioni in materia di infrastrutture e trasporti), ai fini della presentazione al Comune delle proposte di intervento di recupero. I piani attuativi ed i programmi urbanistici che interessano i centri storici, sono adottati ed approvati con le modalit di cui allarticolo 24 della l.r. 11/2005, i cui termini di pubblicazione sono ridotti della met, ai sensi dell'art. 6 della L.R. 12/2008. Ambiti di rivitalizzazione prioritaria 1. Il Comune pu delimitare, allinterno dei centri storici, ambiti di rivitalizzazione prioritaria ricomprendenti uno o pi isolati, che presentano caratteri di degrado edilizio, urbanistico, ambientale, economico, sociale e funzionale. La delimitazione pu interessare anche aree aventi i medesimi caratteri di degrado adiacenti al centro storico, purch non prevalenti, in termini di superficie, a quelle ricomprese nel centro storico stesso e la cui rivitalizzazione comunque funzionale e complementare a queste ultime. Nella delimitazione dellARP il Comune tiene conto della relazione funzionale esistente, in termini urbanistici ed ambientali, con il tessuto urbano circostante e con le aree di futura espansione, al fine di assicurare organicit e funzionalit agli interventi di recupero. 2. La delimitazione di cui al precedente comma 1 effettuata quando ricorrono, allinterno della parte di centro storico ricompresa nellARP, almeno tre delle seguenti condizioni: a) inadeguatezza funzionale, manutentiva, igienica, tecnologica degli isolati e degli edifici che li compongono; b) stato di dismissione totale o parziale degli edifici e delle relative aree di pertinenza da oltre cinque anni; c) carenza o obsolescenza delle infrastrutture a rete, dei servizi e delle aree verdi; d) inadeguatezza della accessibilit e della sosta; e) perdita di famiglie residenti superiore al venticinque per cento negli ultimi dieci anni; f) assenza o riduzione di almeno un terzo di attivit economiche e culturali negli ultimi dieci anni; g) presenza di gravi situazioni di declino sociale e carenza di sicurezza pubblica; h) presenza di gravi dissesti idrogeologici classificati dal piano di assetto idrogeologico, ovvero elevata vulnerabilit sismica dellisolato, accertata con le modalit di cui alla legge regionale 23 ottobre 2002, n. 18 (Norme in materia di prevenzione sismica del patrimonio edilizio). 3. Il Comune effettua la verifica delle condizioni di cui al precedente comma 2 sulla base degli indicatori e delle modalit stabilite con apposito atto dalla Giunta regionale. 4. Il provvedimento comunale di delimitazione dellARP e la relativa documentazione sono depositati e pubblicati con le modalit previste allarticolo 30, commi 4, 5, 6 e 7 della legge regionale 21 ottobre 1997, n. 31 (Disciplina della pianificazione urbanistica comunale e norme di modificazione della l.r. 2 settembre 1974, n. 53, della l.r. 18 aprile 1989, n. 26, della l.r. 17 aprile 1991, n. 6 e della l.r. 10 aprile 1995, n. 28). Interventi premiali nellARP 1. Il Comune approva programmi urbanistici e piani attuativi di cui alla l.r. 11/2005, nonch programmi urbani complessi di cui alla l.r. 13/1997, comprendenti interventi di restauro, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia o urbanistica di edifici od isolati situati prevalentemente, in termini di superficie utile coperta, nella parte di centro storico ricompresa nellARP, finalizzati al perseguimento contemporaneo di almeno tre degli obiettivi di cui allarticolo 3 della L.R. 12/2008. 2. Qualora gli interventi di cui al precedente comma 1 riguardino interventi di restauro, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia ed urbanistica per il riuso di edifici o di isolati di superficie utile coperta superiore a cinquecento metri quadrati ovvero a mille metri quadrati nel caso di centri storici di estensione territoriale maggiore di quattordici ettari, i proprietari possono beneficiare di
Pag. 47

quantit edificatorie premiali, commisurate anche ad eventuali interventi di infrastrutturazione e di dotazioni territoriali e funzionali pubbliche eccedenti i limiti di legge, eseguiti nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente in materia di appalti di lavori pubblici, da utilizzare nelle aree di cui al comma 1 dellarticolo 10 della L.R. 12/2008. I limiti di superficie degli interventi possono essere motivatamente ridotti dal Consiglio comunale purch lintervento riguardi almeno un intero edificio. 3. La quantit premiale costituita da diritti edificatori espressi in superficie utile coperta, il cui valore convenzionale, corretto sulla base dei parametri definiti dalla legge di cui allarticolo 10, comma 5 della L.R. 12/2008, non pu superare il cinquanta per cento o il venti per cento del costo degli interventi ricompresi nel programma o nel piano di cui al precedente comma 1, a seconda che trattasi di interventi eseguiti nellARP, rispettivamente allinterno od allesterno del centro storico. 4. Il Comune stabilisce, con le delibere di delimitazione dellARP ed in base ai diversi caratteri di degrado, le percentuali massime da applicare ai fini del calcolo della quantit premiale entro i limiti di cui al precedente comma 3. Il Comune pu altres superare i predetti limiti per gli interventi concernenti dotazioni territoriali e funzionali pubbliche eccedenti i limiti di legge. 5. Il Comune, con la delimitazione dellARP, individua le aree nelle quali non si possono localizzare le quantit edificatorie premiali e pu stabilire una riduzione delle capacit edificatorie previste dal vigente strumento urbanistico generale per compensare, anche parzialmente, le quantit premiali. 6. Le quantit premiali possono essere riconosciute solo nel caso in cui il costo degli interventi ricompresi nel programma o nel piano di cui al precedente comma 1 riguardi almeno per lottanta per cento il restauro, il risanamento conservativo, la ristrutturazione edilizia ed urbanistica degli edifici o degli isolati di cui al precedente comma 2. Misura della quantit premiale 1. La superficie utile coperta conseguita come diritto edificatorio premiale, a seguito della realizzazione degli interventi ricompresi nei programmi o nei piani di cui al comma 1 dellarticolo 8, della L.R. 12/2008 determinata dal Comune dividendo il costo degli interventi stessi, calcolato con le modalit indicate nel successivo comma 2, per il costo totale a metro quadrato di superficie complessiva stabilito dalla Regione per gli interventi di nuova costruzione di edilizia residenziale pubblica, ridotto del venti per cento, vigente al momento dellapprovazione del programma o del piano. 2. Il costo degli interventi di cui al precedente comma 1 comprende il costo degli interventi di restauro, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia ed urbanistica, delle infrastrutture e delle dotazioni territoriali e funzionali pubbliche eccedenti gli obblighi di legge, nonch delle eventuali demolizioni di manufatti finalizzati a migliorare la fruibilit degli spazi pubblici ed determinato con il ricorso allelenco prezzi regionale vigente al momento dellapprovazione del programma o del piano. Il costo documentato negli elaborati del progetto e asseverato dal progettista. Modalit di utilizzo della quantit premiale 1. La superficie utile coperta, conseguita come diritto edificatorio premiale ai sensi dellarticolo 9 della L.R. 12/2008, utilizzata per nuove costruzioni o ampliamenti di quelle esistenti in aree individuate dal programma o dal piano allesterno dellARP, allinterno di quelle classificate dallo strumento urbanistico generale come zone omogenee B, C, D ed F ai sensi del D.M. 1444/1968, comprese quelle acquisite dal Comune ai sensi dellarticolo 1, comma 258 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - Legge finanziaria 2008), ovvero in quelle di cui allarticolo 4, comma 2, lettere e) ed f) e comma 5 della l.r. 11/2005.

Pag. 48

2. Lutilizzo della quantit premiale deve avvenire nel rispetto dei seguenti limiti: a) non possono essere superate le altezze massime previste dagli strumenti urbanistici; b) non possono essere incrementate di oltre un terzo le potenzialit edificatorie attribuite dallo strumento urbanistico vigente alle aree ed alle zone di cui al precedente comma 1; c) non pu riguardare nuove superfici a destinazione commerciale. 3. La quantit premiale utilizzata solo successivamente alla realizzazione degli interventi di restauro, risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia ed urbanistica previsti nel programma o nel piano di cui allarticolo 8, comma 1, della L.R. 12/2008, e pu essere impiegata anche per ampliamenti di edifici esistenti interni allARP, ma esterni al centro storico, purch ricompresi negli stessi programmi o piani. 4. La quantit edificatoria premiale determinata nella convenzione che disciplina i rapporti per lattuazione dei programmi e dei piani di cui allarticolo 8, comma 1, della L.R. 12/2008, e pu essere trasferita dai beneficiari successivamente alla realizzazione degli interventi previsti dal programma o dal piano, al Comune o a terzi. Capacit edificatoria e destinazione duso 1. Al fine di ripristinare la tipologia originaria degli edifici, le volumetrie o superfici utili coperte provenienti dalleliminazione di superfetazioni o soprastrutture di epoca recente prive di valore storico e artistico od opere incongrue, allinterno dei centri storici, possono essere delocalizzate, per la realizzazione di nuove costruzioni o ampliamento di quelle esistenti, in aree gi edificabili con esclusione delle zone agricole, in aggiunta alle potenzialit edificatorie previste dagli strumenti urbanistici, con volumetrie e superfici non superiori a due volte quelle dei manufatti oggetto di demolizione. 2. Qualora allinterno dei centri storici insistano edifici, costruiti in epoca recente, senza alcun valore storico, artistico, culturale ed ambientale ed il cui sedime indispensabile per migliorare o realizzare spazi ed infrastrutture pubbliche, il piano attuativo od il programma urbanistico di cui allarticolo 28 della l.r. 11/2005 possono prevedere la totale demolizione delledificio e la sua ricostruzione, con volumetria o superficie utile coperta incrementata nella misura stabilita dal Comune e comunque non superiore a tre volte quella esistente, in altre aree edificabili a destinazione diversa dallagricola, previste dallo strumento urbanistico vigente, nel rispetto dei limiti di altezza massimi stabiliti. La convenzione del piano attuativo e del programma prevede la cessione gratuita al Comune dellarea di pertinenza delledificio oggetto di demolizione, necessaria alla realizzazione dellopera pubblica. 3. Allinterno dei centri storici sono consentite destinazioni duso residenziali, nonch quelle di servizio e produttive compatibili con la residenza stessa, senza limitazioni nei rapporti dimensionali tra le diverse destinazioni. Il Comune pu comunque escludere, in particolari ambiti del centro storico, specifiche destinazioni duso. 4. Allinterno dei centri storici, tenuto conto delle caratteristiche orografiche e, ove le condizioni di accessibilit dei luoghi lo consentano, nel rispetto dei complessi storici o siti panoramici e di belvedere, ammessa la realizzazione, al di sotto del livello di terreno, di locali da adibire ad autorimesse private o pubbliche, purch di stretta pertinenza delle residenze e dei servizi, a condizione che il terreno di copertura sia ripristinato come in origine in maniera da rendere possibile limpianto di essenze vegetali. Il Comune, nell'attuazione del P.R.G. individua le aree nelle quali non possono essere realizzati gli interventi di cui al presente comma. Contributo di costruzione Ai sensi dell'art. 6 della L.R. n. 12/2008: 1. Nei centri storici il contributo di costruzione relativo agli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria di cui allarticolo 24 della l.r. 1/2004 non dovuto per gli interventi a fini residenziali, di ristrutturazione edilizia, urbanistica e cambiamento di destinazione duso. 2. Negli ambiti di rivitalizzazione prioritaria il contributo di costruzione relativamente agli oneri di
Pag. 49

urbanizzazione primaria e secondaria ed al costo di costruzione, di cui agli articoli 24 e 25 della l.r. 1/2004, non dovuto per gli interventi a fini residenziali, di ristrutturazione edilizia, urbanistica e cambiamento di destinazione duso. Servizi e infrastrutture 1. Nei centri storici consentita, nel rispetto dei vincoli ambientali e paesaggistici, la realizzazione di servizi, attrezzature, infrastrutture tecnologiche a rete o puntuali, pubbliche e private di interesse pubblico o collettivo, opere relative allabbattimento delle barriere architettoniche e per gli interventi per la riduzione del rischio sismico a scala urbana. 2. La deliberazione del Consiglio comunale di approvazione delle opere pubbliche di cui al precedente comma 1, comporta anche lapprovazione delleventuale variante allo strumento urbanistico generale e lapposizione del vincolo preordinato allesproprio di cui al decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilit) purch siano effettuate le procedure di adozione, deposito e pubblicazione previste allarticolo 30, commi 4, 5, 6 e 7 della l.r. 31/1997, con i tempi ridotti della met. Dotazioni territoriali e funzionali minime 1. Per gli interventi nei centri storici il Comune pu prevedere la facolt che la cessione delle aree per dotazioni territoriali e funzionali minime prevista dalle vigenti normative, sia sostituita, anche a richiesta del proponente lintervento o del concessionario, dalla realizzazione di adeguati servizi e infrastrutture, previsti dagli strumenti urbanistici, anche allesterno dei comparti o delle zone oggetto di intervento, purch ci garantisca una adeguata e funzionale soluzione urbanistica. 2. I Comuni possono prevedere, anche in relazione alle disposizioni di cui al precedente comma 1 i casi in cui, anche a richiesta del proponente lintervento o del concessionario, le aree per dotazioni territoriali e funzionali minime, possono essere, in tutto o in parte, monetizzate in alternativa alla sistemazione e cessione gratuita o in alternativa alla sola cessione o al vincolo di uso pubblico. 3. Il Comune stabilisce il valore dellarea e delle opere di cui al precedente comma 2 e disciplina le modalit di pagamento a carico dei proprietari, tenendo conto delle norme regolamentari di cui allarticolo 62, comma 1, lettera b) della l.r. 11/2005 e allarticolo 12, comma 1, lettera b) della l.r. 1/2004. 4. Il Comune utilizza il cinquanta per cento delle somme ricavate ai sensi del precedente comma 2 esclusivamente per la realizzazione delle attrezzature e dei servizi allinterno dei centri storici con priorit per gli interventi di arredo urbano, di miglioramento dellaccessibilit e della mobilit, per la promozione e la gestione di servizi culturali, museali e sociali, nonch per lattuazione del quadro strategico di valorizzazione. Utilizzo dei vani 1. Per lutilizzo di tutti i vani degli edifici esistenti nei centri storici si applicano le disposizioni di cui agli articoli 34, 35 e 36 della l.r. 1/2004. ARTICOLO 19 - INTERVENTI SU BENI CULTURALI SPARSI NEL TERRITORIO

1 Finalit ed ambito d'applicazione delle norme La presente normativa stata redatta in ottemperanza a quanto disposto dall'art.8 della L.R. n. 53 del 2 settembre 1974, come modificata ed integrata dall'art. 34 della L.R. n. 31 del 21/10/1977 e successive modifiche ed integrazioni. Le prescrizioni dei successivi articoli sono finalizzati alla tutela, alla conservazione e valorizzazione

Pag. 50

dei beni immobili di interesse storico, architettonico e paesaggistico sparsi nel territorio comunale. L'individuazione ed i criteri di intervento tengono conto delle linee guida tracciate da Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio (D.lgs. 22 gennaio 2004, n.42), della L. 24 dicembre 2003 n. 378; recepiscono gli indirizzi del P.T.C.P. della Provincia di Terni adempiendo a quanto richiesto dall'art. 133 delle N.T.A. dello stesso. Tutti gli interventi sugli immobili individuati negli elaborati allegati, dovranno rispettare il presente regolamento per: la redazione della pianificazione urbanistica; la progettazione e l'esecuzione degli interventi previsti. 2 Classificazione dei beni immobili di interesse storico, artistico e architettonico e paesaggistico. Nell'ambito del territorio comunale sono stati individuati i beni di interesse cuturale e paesaggistico tramite la delimitazione dei Centri e nuclei storici, i borghi ed i complessi edilizi rurali e l'individuazione puntuale dei beni immobili: - soggetti a tutela ai sensi dell'art. 10 del D.lgs. n. 42 del 22 gennaio 2004 di cui sia stato dichiarato l'interesse culturale; - l'architettura rurale realizzata tra il XIII ed il XIX secolo; - l'architettura rurale di interesse tipologico ed architettonico realizzata nel XX secolo; - l'architettura rurale inserita in contesti naturalistici ed ambientali di rilevante interesse, riconosciuto da Piani Paesistici e/0 dallo strumento urbanistico generale comunale. Il Comune di Stroncone provveder periodicamente ad aggiornare cartografia e norme, in accordo con i competenti uffici: del Ministero dei Beni culturali, della Regione Umbria e della Provincia di Terni. 3 Sistema per l'individuazione degli immobili censiti Il censimento individua in cartografia, con apposita simbologia: - i centri ed i nuclei urbani di antica formazione; - i borghi ed i nuclei rurali di antica formazione; - gli immobili sogggetti a tutela ai sensi dell'art. 10 del d.lgs. n. 42 del 22 gennaio 2004; - gli immobili di architettura rurale di interesse tipologico ed architettonico realizzati nel XX secolo; - gli immobili di architettura rurale inseriti in contesti naturalistici ed ambientale di rilevante interesse riconosciuto da Piani Paesistici e/o dallo strumento urbanistico generale comunale. Per l'architettura rurale stata predisposta una schedatura che ne individua: - l'individuazione catastale; - l'epoca di costruzione; - l'utilizzo; - i vincoli sovraordinati; - la descrizione degli elementi strutturali e delle finiture esterne; - le prescrizioni particolari di tutela; - il riferimento alle N.T.A. da rispettare. Il Comune di Stroncone provveder periodicamente ad aggiornare cartografia e schedatura, in accordo con i competenti uffici: del Ministero dei Beni culturali, della Regione Umbria e della Provincia di Terni. 4 Immobili ricadenti nei centri urbani di antica formazione Vengono individuati i centri urbani di antica formazione con apposita perimetrazione nella cartografia del P.R.G come zone A.
Pag. 51

La perimetrazione tiene conto anche delle esigenze di tutela del paesaggio. Tutti gli interventi dovranno essere improntati a criteri che tendano alla conservazione, alla tutela ed al recupero del patrimonio edilizio esistente nonch a mantenere inalterati i valori paesaggistici. Vengono classificati come elementi architettonici con incidenza paesaggistica: - forma urbana; - forma degli edifici; - facciate (con relativi elementi accessori) - coperture; - pavimentazioni esterne; - recinzioni; - decorazioni ed arredi; - elementi vegetali; Per ognuno di questi elementi, il P.R.G. , nella parte operativa, nei Piani Attuativi e nei Piani di settore, preveder adeguate normative che evitino l anarchia che ha prodotto i guasti attuali. In mancanza di specifiche prescrizioni nel PRG,parte Operativa, ed in assenza di Piani attuativi, tutti gli interventi in queste zone sono subordinati al rispetto delle norme del precedente art. 43 e della normativa di seguito elencata. LA FORMA DEGLI EDIFICI. I caratteri volumetrici e formali degli edifici esistenti condizionano e caratterizzano gli interventi di recupero e di conservazione. Eventuali nuovi volumi o la modifica di quelli esistenti dovr essere messa in relazione con il contesto costruito e con il paesaggio circostante; LE FACCIATE. - Il rivestimento degli edifici andr normalmente eseguito ad intonaco; i paramenti murari a facciavista sono consentiti per ledilizia storica che gi li prevedeva. - Nel trattamento di finitura esterna sono proibite le idropitture legate con polimeri, i rivestimenti al quarzo plastico e le finiture graffiate; le tonalit dei colori saranno quelle delle pitture a base di terre tipiche riscontrabili nella tradizione locale. - Qualora le facciate di edifici da recuperare prevedessero murature di pregio lasciate a facciavista, queste vanno tenute o ripristinate secondo l originaria tessitura, preferibilmente con materiale di recupero. - Le pietre da impiegarsi dovranno provenire da cave locali oppure avere caratteristiche del tutto simili ai materiali locali. Il trattamento di superficie dovr rifarsi necessariamente alla tradizionale lavorazione locale, quando previsto l uso a facciavista. - E' vietato l uso dei marmi per la realizzazione degli elementi accessori di facciata (es. Scale esterne, soglie, mensole, etc.) mentre sar sempre preferibile luso delle pietre locali o del laterizio. - E' vietata la realizzazione di balconi in aggetto con i parapetti in muratura piena o in materiali diversi da quelli tradizionali. Saranno ammesse soluzioni di piccoli balconi su mensoloni lapidei o metallici progettati in coerenza con l inferriata e motivati dal disegno architettonico adottato per il prospetto, che dovr sempre tenere presente i caratteri locali presenti. - Le proporzioni e le forme delle porte e delle finestre dovranno essere coerenti con quelle documentate localmente. - Sono proibiti in tutte le aperture gli infissi e le persiane di alluminio naturale e anodizzato, le tapparelle avvolgibili in alluminio o plastica. LE COPERTURE. - Le coperture degli edifici dovranno essere consone alla tradizione locale, a falde inclinate, con pendenza da realizzarsi a seconda del luogo. - Sono di norma vietate le coperture a terrazza. - I manti di copertura dovranno essere realizzati con coppi o con tegole e coppi. - E' vietato l uso di zampini in cemento prefabbricati; in caso di rifacimento del tetto, questi
Pag. 52

verranno rimossi e sostituiti con quelli in legno o in laterizio o altra tipologia storica presente. - Eventuali lucernai dovranno essere realizzati a raso delle coperture e limitati, nel numero e nelle dimensioni, allo stretto indispensabile per assicurare il passo d uomo . - Gli abbaini, le altane ed i sopralzi esistenti, purch autorizzati, potranno esclusivamente essere ripristinati utilizzando materiali e tipologie della tradizione. - Le opere da lattoniere dovranno essere riproposte secondo gli elementi caratteristici della tradizione locale. - In caso di rifacimento, la configurazione degli sporti di gronda e degli sporti laterali dovr rimanere proporzionata e conforme alla tipologia dell abitazione. - I comignoli tipici andranno conservati e consolidati nella forma e possibilmente nella posizione originaria; nel caso di realizzazione di nuovi comignoli, questi dovranno rifarsi a tipologie attestate localmente e con materiali consoni. - Sono vietati i cappellotti in eternit, cemento e acciaio, quelli esistenti andranno rimossi. PAVIMENTAZIONI ESTERNE E STRUTTURE DI SOSTEGNO. - Qualora debbano realizzarsi strutture di sostegno o di sottoscarpa, verr evitato l uso del calcestruzzo a vista e realizzazione di superfici continue e di estese dimensioni; verranno invece ricercate soluzioni che utilizzino anche come rivestimento, materiali propri della tradizione costruttiva locale e soluzioni di ingegneria naturalistica. - Le pavimentazioni esistenti, ove di valore tradizionale storico, verranno salvaguardate, ripristinate ed integrate con materiali analoghi per natura, colore e lavorazione; le nuove pavimentazioni esterne dovranno essere eseguite con materiali tradizionali posti in opera secondo tessiture attestate, comunque in tono con il contesto edificato. RECINZIONI. - Le recinzioni e le cancellate di particolare valore, in particolare quelle in ferro battuto, dovranno essere mantenute per quanto possibile ripristinando le parti mancanti. - Sono vietate le recinzioni che alterino profondamente i caratteri del luogo e realizzate con materiali impropri. - Le nuove recinzioni verranno progettate come segno strettamente connesso alla struttura ed allaspetto del centro storico e alla sua forma urbana. DECORAZIONI ED ARREDI - La scelta delle forme e dei materiali degli elementi concorrenti alla formazione dellarredo urbano, dovr essere eseguita in coerenza, con le immagini ambientali che si vorranno evidenziare. - Le insegne commerciali, le bacheche, le vetrine dovranno essere progettate in forma semplice e non mostrarsi invasive rispetto alle caratteristiche architettoniche degli edifici e certamente non alterare la percezione degli elementi architettonici di pregio. - I nuovi arredi dovranno essere di pregio e concordi tra loro nelle tipologie in modo da non creare effetti di stridente contrasto con lambiente circostante. Fino all'approvazione del nuovo P.R.G., parte strutturale, le aree perimetrate come centri urbani di antica formazione, sono soggetti alle norme urbanistiche attualmente in vigore integrate dalle prescrizioni del presente articolo. 5 Immobili appartenenti a complessi rurali di antica formazione Vengono individuati e perimetrati nella cartografia allegata i complessi rurali di antica formazione, quali Castelli e borghi fortificati e borghi rurali storici. Il PRG, parte Operativa, preveder norme di salvaguardia e gli eventuali interventi di valorizzazione. Per quanto possibile, devono essere evitate previsioni per la realizzazione di parcheggi a raso a diretto contatto con gli edifici da salvaguardare e con le mura; favorendo altres la distribuzione funzionale dei parcheggi per gruppi di posti macchina separati da modesti terrazzamenti o fasce
Pag. 53

verdi in funzione della morfologia del sito, prevedendo fasce di rispetto tra le mura e la pavimentazione dei parcheggi. Sempre in prossimit delle mura si adotteranno criteri per la piantumazione di specie arbustive che non limitino la visuale dei monumenti dal territorio circostante. In attesa di specifiche norme del PRG, parte operativa, ed in assenza di Piani attuativi, tutti gli interventi in queste zone sono subordinati al rispetto della normativa di di seguito elencata e al Regolamento tipo per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente di cui alla D.G.R. n.420/2007 ed alle specifiche tecniche di seguito elencate. Tutti gli interventi dovranno essere improntati a criteri che tendano alla conservazione, alla tutela ed al recupero del patrimonio edilizio esistente nonch a mantenere inalterati i valori paesaggistici. Vengono classificati come elementi architettonici con incidenza paesaggistica: - forma urbana; - forma degli edifici; - facciate (con relativi elementi accessori) - coperture; - pavimentazioni esterne; - recinzioni; - decorazioni ed arredi; - elementi vegetali; LA FORMA DEGLI EDIFICI. I caratteri volumetrici e formali degli edifici esistenti condizionano e caratterizzano gli interventi di recupero e di conservazione. Eventuali nuovi volumi o la modifica di quelli esistenti dovr essere messa in relazione con il contesto costruito e con il paesaggio circostante; LE FACCIATE. - Il rivestimento degli edifici andr normalmente eseguito ad intonaco; i paramenti murari a facciavista sono consentiti per ledilizia storica che gi li prevedeva. - Nel trattamento di finitura esterna sono proibite le idropitture legate con polimeri, i rivestimenti al quarzo plastico e le finiture graffiate; le tonalit dei colori saranno quelle delle pitture a base di terre tipiche riscontrabili nella tradizione locale. - Qualora le facciate di edifici da recuperare prevedessero murature di pregio lasciate a facciavista, queste vanno tenute o ripristinate secondo l originaria tessitura, preferibilmente con materiale di recupero. - Le pietre da impiegarsi dovranno provenire da cave locali oppure avere caratteristiche del tutto simili ai materiali locali. Il trattamento di superficie dovr rifarsi necessariamente alla tradizionale lavorazione locale, quando previsto l uso a facciavista. - E' vietato l uso dei marmi per la realizzazione degli elementi accessori di facciata (es. Scale esterne, soglie, mensole, etc.) mentre sar sempre preferibile luso delle pietre locali o del laterizio. - E' vietata la realizzazione di balconi in aggetto con i parapetti in muratura piena o in materiali diversi da quelli tradizionali. Saranno ammesse soluzioni di piccoli balconi su mensoloni lapidei o metallici progettati in coerenza con l inferriata e motivati dal disegno architettonico adottato per il prospetto, che dovr sempre tenere presente i caratteri locali presenti. - Le proporzioni e le forme delle porte e delle finestre dovranno essere coerenti con quelle documentate localmente. - Sono proibiti in tutte le aperture gli infissi e le persiane di alluminio naturale e anodizzato, le tapparelle avvolgibili in alluminio o plastica. LE COPERTURE. - Le coperture degli edifici dovranno essere consone alla tradizione locale, a falde inclinate, con pendenza da realizzarsi a seconda del luogo. - Sono di norma vietate le coperture a terrazza.
Pag. 54

- I manti di copertura dovranno essere realizzati con coppi o con tegole e coppi. - E' vietato l uso di zampini in cemento prefabbricati; in caso di rifacimento del tetto, questi verranno rimossi e sostituiti con quelli in legno o in laterizio o altra tipologia storica presente. - Eventuali lucernai dovranno essere realizzati a raso delle coperture e limitati, nel numero e nelle dimensioni, allo stretto indispensabile per assicurare il passo d uomo . - Gli abbaini, le altane ed i sopralzi esistenti, purch autorizzati, potranno esclusivamente essere ripristinati utilizzando materiali e tipologie della tradizione. - Le opere da lattoniere dovranno essere riproposte secondo gli elementi caratteristici della tradizione locale. - In caso di rifacimento, la configurazione degli sporti di gronda e degli sporti laterali dovr rimanere proporzionata e conforme alla tipologia dell abitazione. - I comignoli tipici andranno conservati e consolidati nella forma e possibilmente nella posizione originaria; nel caso di realizzazione di nuovi comignoli, questi dovranno rifarsi a tipologie attestate localmente e con materiali consoni. - Sono vietati i cappellotti in eternit, cemento e acciaio, quelli esistenti andranno rimossi. PAVIMENTAZIONI ESTERNE E STRUTTURE DI SOSTEGNO. - Qualora debbano realizzarsi strutture di sostegno o di sottoscarpa, verr evitato l uso del calcestruzzo a vista e realizzazione di superfici continue e di estese dimensioni; verranno invece ricercate soluzioni che utilizzino anche come rivestimento, materiali propri della tradizione costruttiva locale e soluzioni di ingegneria naturalistica. - Le pavimentazioni esistenti, ove di valore tradizionale storico, verranno salvaguardate, ripristinate ed integrate con materiali analoghi per natura, colore e lavorazione; le nuove pavimentazioni esterne dovranno essere eseguite con materiali tradizionali posti in opera secondo tessiture attestate, comunque in tono con il contesto edificato. RECINZIONI. - Le recinzioni e le cancellate di particolare valore, in particolare quelle in ferro battuto, dovranno essere mantenute per quanto possibile ripristinando le parti mancanti. - Sono vietate le recinzioni che alterino profondamente i caratteri del luogo e realizzate con materiali impropri. - Le nuove recinzioni verranno progettate come segno strettamente connesso alla struttura ed allaspetto del centro storico e alla sua forma urbana. DECORAZIONI ED ARREDI - La scelta delle forme e dei materiali degli elementi concorrenti alla formazione dellarredo urbano, dovr essere eseguita in coerenza, con le immagini ambientali che si vorranno evidenziare. - Le insegne commerciali, le bacheche, le vetrine dovranno essere progettate in forma semplice e non mostrarsi invasive rispetto alle caratteristiche architettoniche degli edifici e certamente non alterare la percezione degli elementi architettonici di pregio. - I nuovi arredi dovranno essere di pregio e concordi tra loro nelle tipologie in modo da non creare effetti di stridente contrasto con lambiente circostante. 6 - Beni immobili soggetti a tutela ai sensi dell'art. 10 del d.lgs. n. 42 del 22 gennaio 2004. Viene istituito l'elenco dei Beni Immobili soggetti a tutela ai sensi dell'art. 10 del d.lgs. n. 42 del 22 gennaio 2004. Essendo immobili con particolari caratteristiche tipologiche ed edilizie che hanno determinato e determineranno l'identit del paesaggio agricolo. Per tutti gli immobili che appartengono a tale elenco, ad uso residenziale e non, sono consentiti solo interventi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria e restauro conservativo, nonch
Pag. 55

interventi di ristrutturazione interna, purch non pregiudichino le caratteristiche tipologiche e storico architettoniche del medesimo. Le demolizioni e ricostruzioni totali e parziali dei volumi sono consentite solamente per ripristinare i volumi originari e la tipologia edilizia. Gli ampliamenti, previsti e consentiti dalla vigente legislazione, dovranno essere organizzati in un nuovo organismo edilizio posto nelle vicinabnze dell'immobile in modo da salvaguardare le sue caratteristiche e quelle del paesaggio circostante, secondo quanto previsto all'art. 35, comma 4, della Legge regionale n. 11/2005, purch per l'edificio esistente sia gi completato il recupero e la riqualificazione e gli ampliamenti siano realizzati a distanza non inferiore a dieci metri lineari e non superiore a trenta metri lineari dall'edificio esistente in ragione della tutela delle visuali godibili in direzione dell'edificio medesimo. L'altezza massima degli ampliamenti non potr superare quella degli edifici esistenti e comunque non dovr superare m. 5,50 all'imposta della sporgenza di gronda. Specifiche tecniche: 1. (Materiali). Gli interventi di restauro, di adeguamento e di ricostruzione , sono di regola effettuati con l'impiego di materiali appartenenti alla tradizione locale. 2. (Murature). La conservazione, il consolidamento, il ripristino e, nei casi ammessi, la ricostruzione delle murature, sono attuati con l'impiego di tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali. 3. (Solai, volte, coperture). Le strutture orizzontali (solai in legno, volte) sono di regola mantenute nelle loro caratteristiche costruttive. La conservazione, la manutenzione, il restauro e il ripristino delle coperture sono attuati con tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali, estese agli elementi accessori (comignoli, gronde, doccioni), fatti salvi gli adeguamenti necessari quali l'impermeabilizzazione e la coibentazione, con esclusione della modifica delle quote d'imposta, di gronda, di colmo e delle pendenze. 4. (Facciate e superfici esterne). La conservazione e il restauro delle facciate e delle superfici esterne sono attuati sulla base della valutazione analitica delle tecniche tradizionali, dei materiali e delle successive trasformazioni. Il ripristino generalizzato dell'intonaco su superfici in pietra o in laterizio, al presente a vista, appartenenti ad edifici anteriori al XIX secolo e' consentito solo se rispondente ad esigenze di un corretto e rigoroso restauro. La rimozione degli intonaci tradizionali e' di norma vietata. 5. (Infissi e serramenti). Il rinnovo degli infissi esterni e' sottoposto alle limitazioni derivanti dal mantenimento dell'omogeneit tecnologica propria della tradizione locale. A tal fine dovranno essere utilizzati materiali e tecniche della tradizione locale ed elementi propri dell'edilizia rurale (ante, oscuri, persiane) e non potranno essere impiegati materiali plastici, alluminio anodizzato e leghe metalliche in genere. I portoncini, le cancellate, le inferriate, e gli altri elementi di chiusura e apertura di vani che siano espressione della tradizione locale sono preferibilmente conservati o restaurati; altrimenti sono realizzati con tecniche e materiali uguali o simili agli originali. 6. (Pavimentazioni esterne e recinzioni). Le pavimentazioni tradizionali degli spazi aperti o porticati (acciottolati, lastricati, ammattonati) e gli elementi di recinzione e perimetrazione (muri, steccati, barriere) sono mantenuti, restaurati e ripristinati, nella loro estensione e consistenza materiale, di struttura, di disegno, escludendo interventi distruttivi o sostitutivi con materiali non conformi. 7. (Servizi e impianti tecnologici). E' ammesso l'adeguamento e l'inserimento di impianti tecnologici, purche' non alterino la struttura statica degli edifici e l'immagine complessiva degli ambiti storico-antropologici di riferimento. Prima della redazione di appositi Piani e Regolamenti di settore,si far riferimento al Regolamento tipo per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente di cui alla D.G.R. n.420/2007.

Pag. 56

7 Beni immobili di architettura rurale realizzati tra il XIII ed il XIX secolo. Vengono censiti gli edifici costituenti tipologie di architettura rurale realizzati tra il XIII e il XIX secolo, che siano testimonianze significative, nell'ambito dell'articolazione e della stratificazione storica, antropologica ed urbanistica del territorio, della storia delle popolazioni e delle comunit rurali, delle rispettive economie agricole tradizionali, dell'evoluzione del paesaggio. Rientrano nelle predette tipologie, costituendone parte integrante, gli spazi e le costruzioni adibiti alla residenza ed alle attivit agricole. Vi rientrano altres le testimonianze materiali che concorrono alla definizione di unita' storico antropologiche riconoscibili, con particolare riferimento al legame tra insediamento e spazio produttivo e, in tale ambito, tra immobili e terreni agrari. Sono, altresi', elementi distintivi e costitutivi delle tipologie indicate al comma 1, in particolare, le recinzioni degli spazi destinati alla residenza ed al lavoro, le pavimentazioni degli spazi aperti residenziali o produttivi, la viabilita' rurale storica, i sistemi di canalizzazione, irrigazione e approvvigionamento idrico, i sistemi di contenimento dei terrazzamenti, i ricoveri temporanei anche in strutture vegetali o in grotta, gli elementi e i segni della religiosita' locale. Per tutti gli immobili che appartengono a tale elenco, ad uso residenziale e non, sono consentiti solo interventi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria e restauro conservativo, nonch interventi di ristrutturazione interna, purch non pregiudichino le caratteristiche tipologiche e storico architettoniche del medesimo. Le demolizioni e ricostruzioni totali e parziali dei volumi sono consentite solamente per ripristinare i volumi originari e la tipologia edilizia. Gli ampliamenti, previsti e consentiti dalla vigente legislazione, dovranno essere organizzati in modo tale da non alterare le tipologie edilizie preesistenti ed eventualmente in un nuovo organismo edilizio posto nelle vicinanze dell'immobile in modo da salvaguardare le sue caratteristiche e quelle del paesaggio circostante, secondo quanto previsto all'art. 35, comma 4, della Legge regionale n. 11/2005, purch per l'edificio esistente sia gi completato il recupero e la riqualificazione e gli ampliamenti siano realizzati a distanza non inferiore a dieci metri lineari e non superiore a trenta metri lineari dall'edificio esistente in ragione della tutela delle visuali godibili in direzione dell'edificio medesimo. L'altezza massima degli ampliamenti non potr superare quella degli edifici esistenti e comunque non dovr superare m. 5,50 all'imposta della sporgenza di gronda. Specifiche tecniche: 1. (Materiali). Gli interventi di restauro, di adeguamento e di ricostruzione , sono di regola effettuati con l'impiego di materiali appartenenti alla tradizione locale. 2. (Murature). La conservazione, il consolidamento, il ripristino e, nei casi ammessi, la ricostruzione delle murature, sono attuati con l'impiego di tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali. 3. (Solai, volte, coperture). Le strutture orizzontali (solai in legno, volte) sono di regola mantenute nelle loro caratteristiche costruttive. La conservazione, la manutenzione, il restauro e il ripristino delle coperture sono attuati con tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali, estese agli elementi accessori (comignoli, gronde, doccioni), fatti salvi gli adeguamenti necessari quali l'impermeabilizzazione e la coibentazione, con esclusione della modifica delle quote d'imposta, di gronda, di colmo e delle pendenze. 4. (Facciate e superfici esterne). La conservazione e il restauro delle facciate e delle superfici esterne sono attuati sulla base della valutazione analitica delle tecniche tradizionali, dei materiali e delle successive trasformazioni. Il ripristino generalizzato dell'intonaco su superfici in pietra o in laterizio, al presente a vista, appartenenti ad edifici anteriori al XIX secolo e' consentito solo se rispondente ad esigenze di un corretto e rigoroso restauro. La rimozione degli intonaci tradizionali e' di norma vietata.
Pag. 57

5. (Infissi e serramenti). Il rinnovo degli infissi esterni e' sottoposto alle limitazioni derivanti dal mantenimento dell'omogeneit tecnologica propria della tradizione locale. A tal fine dovranno essere utilizzati materiali e tecniche della tradizione locale ed elementi propri dell'edilizia rurale (ante, oscuri, persiane) e non potranno essere impiegati materiali plastici, alluminio anodizzato e leghe metalliche in genere. I portoncini, le cancellate, le inferriate, e gli altri elementi di chiusura e apertura di vani che siano espressione della tradizione locale sono preferibilmente conservati o restaurati; altrimenti sono realizzati con tecniche e materiali uguali o simili agli originali. 6. (Pavimentazioni esterne e recinzioni). Le pavimentazioni tradizionali degli spazi aperti o porticati (acciottolati, lastricati, ammattonati) e gli elementi di recinzione e perimetrazione (muri, steccati, barriere) sono mantenuti, restaurati e ripristinati, nella loro estensione e consistenza materiale, di struttura, di disegno, escludendo interventi distruttivi o sostitutivi con materiali non conformi. 7. (Servizi e impianti tecnologici). E' ammesso l'adeguamento e l'inserimento di impianti tecnologici, purche' non alterino la struttura statica degli edifici e l'immagine complessiva degli ambiti storico-antropologici di riferimento. Prima della redazione di appositi Piani e Regolamenti di settore,si far riferimento al Regolamento tipo per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente di cui alla D.G.R. n. 420/2007. 8 Beni immobili di architettura rurale di interesse tipologico ed architettonico realizzati nel XX secolo Vengono censiti gli edifici costituenti tipologie di architettura rurale realizzati XX secolo che testimoniano le tipologie edilizie tradizionali del territorio comunale. Per tutti gli immobili che appartengono a tale elenco, ad uso residenziale e non, sono consentiti solo interventi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria e restauro conservativo, nonch interventi di ristrutturazione interna, purch non pregiudichino le caratteristiche tipologiche e storico architettoniche del medesimo. Le demolizioni e ricostruzioni totali e parziali dei volumi sono consentite solamente per ripristinare i volumi originari e la tipologia edilizia. Gli ampliamenti, previsti e consentiti dalla vigente legislazione, dovranno essere organizzati in modo tale da non alterare le tipologie edilizie preesistenti ed eventualmente in un nuovo organismo edilizio posto nelle vicinanze dell'immobile in modo da salvaguardare le sue caratteristiche e quelle del paesaggio circostante, secondo quanto previsto all'art. 35, comma 4, della Legge regionale n. 11/2005, purch per l'edificio esistente sia gi completato il recupero e la riqualificazione e gli ampliamenti siano realizzati a distanza non inferiore a dieci metri lineari e non superiore a trenta metri lineari dall'edificio esistente in ragione della tutela delle visuali godibili in direzione dell'edificio medesimo. L'altezza massima degli ampliamenti non potr superare quella degli edifici esistenti e comunque non dovr superare m. 5,50 all'imposta della sporgenza di gronda. Specifiche tecniche: 1. (Materiali). Gli interventi di restauro, di adeguamento e di ricostruzione , sono di regola effettuati con l'impiego di materiali appartenenti alla tradizione locale. 2. (Murature). La conservazione, il consolidamento, il ripristino e, nei casi ammessi, la ricostruzione delle murature, sono attuati con l'impiego di tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali. 3. (Solai, volte, coperture). Le strutture orizzontali (solai in legno, volte) sono di regola mantenute nelle loro caratteristiche costruttive. La conservazione, la manutenzione, il restauro e il ripristino delle

Pag. 58

coperture sono attuati con tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali, estese agli elementi accessori (comignoli, gronde, doccioni), fatti salvi gli adeguamenti necessari quali l'impermeabilizzazione e la coibentazione, con esclusione della modifica delle quote d'imposta, di gronda, di colmo e delle pendenze. 4. (Facciate e superfici esterne). La conservazione e il restauro delle facciate e delle superfici esterne sono attuati sulla base della valutazione analitica delle tecniche tradizionali, dei materiali e delle successive trasformazioni. Il ripristino generalizzato dell'intonaco su superfici in pietra o in laterizio, al presente a vista, appartenenti ad edifici anteriori al XIX secolo e' consentito solo se rispondente ad esigenze di un corretto e rigoroso restauro. La rimozione degli intonaci tradizionali e' di norma vietata. 5. (Infissi e serramenti). Il rinnovo degli infissi esterni e' sottoposto alle limitazioni derivanti dal mantenimento dell'omogeneita' tecnologica propria della tradizione locale. A tal fine dovranno essere utilizzati materiali e tecniche della tradizione locale ed elementi propri dell'edilizia rurale (ante, oscuri, persiane) e non potranno essere impiegati materiali plastici, alluminio anodizzato e leghe metalliche in genere. I portoncini, le cancellate, le inferriate, e gli altri elementi di chiusura e apertura di vani che siano espressione della tradizione locale sono preferibilmente conservati o restaurati; altrimenti sono realizzati con tecniche e materiali uguali o simili agli originali. 6. (Pavimentazioni esterne e recinzioni). Le pavimentazioni tradizionali degli spazi aperti o porticati (acciottolati, lastricati, ammattonati) e gli elementi di recinzione e perimetrazione (muri, steccati, barriere) sono mantenuti, restaurati e ripristinati, nella loro estensione e consistenza mater iale, di struttura, di disegno, escludendo interventi distruttivi o sostitutivi con materiali non conformi. 7. (Servizi e impianti tecnologici). E' ammesso l'adeguamento e l'inserimento di impianti tecnologici, purche' non alterino la struttura statica degli edifici e l'immagine complessiva degli ambiti storico-antropologici di riferimento. Prima della redazione di appositi Piani e Regolamenti di settore,si far riferimento al Regolamento tipo per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente di cui alla D.G.R. n.420/2007. 9 - Beni immobili di architettura rurale inseriti in contesti naturalistici ed ambientali di rilevante interesse, riconosciuto da Piani paesistici e/o dallo strumento urbanistico generale comunale. Viene istituito l'elenco dei beni immobili di architettura rurale inseriti in contesti naturalistici ed ambientali di rilevante interesse, riconosciuto da Piani paesistici e/o dallo strumento urbanistico generale comunale. Attualmente nell'elenco verranno inseriti tutti gli immobili ricadenti nelle zone boschive e nelle zone di particolare interesse ambientale (art. 14 L.R. n.27/2000) che hanno rilevanza paesaggistica. Nella redazione del nuovio PRG, l'elenco verr ampliato con le altre zone di tutela paesaggistica previste. Per tutti gli immobili che appartengono a tale elenco, ad uso residenziale e non, sono consentiti tutti gli interventi previsti dalle vigenti disposizioni in materia edilizia ed urbanistica. Gli ampliamenti previsti e consentiti dalla vigente legislazione, dovranno essere organizzati in modo tale da non alterare le tipologie edilizie preesistenti ed eventualmente in un nuovo organismo edilizio posto nelle vicinanze dell'immobile in modo da salvaguardare le sue caratteristiche e sopratutto quelle del paesaggio circostante, secondo quanto previsto all'art. 35, comma 4, della Legge regionale n. 11/2005, purch per l'edificio esistente sia gi completato il recupero e la riqualificazione, secondo quanto stabilito nelle specifiche tecniche, e gli ampliamenti siano realizzati a distanza non inferiore a dieci metri lineari e non superiore a trenta metri lineari dall'edificio esistente in ragione della tutela delle visuali godibili in direzione dell'edificio medesimo.
Pag. 59

L'altezza massima degli ampliamenti non potr superare quella degli edifici esistenti e comunque non dovr superare m. 5,50 all'imposta della sporgenza di gronda. Per evidenti interventi di restauro paesaggistico ammessa la demolizione e ricostruzione dei volumi incongrui con spostamento dell'ubicazione in altro sito nelle immediate vicinanze attraverso la presentazione di Piano attuativo e sottoscrizione di Convenzione che definisca e regoli l'intervento. Specifiche tecniche: 1. (Materiali). Gli interventi di restauro, di adeguamento e di ricostruzione , sono di regola effettuati con l'impiego di materiali appartenenti alla tradizione locale. 2. (Murature). La conservazione, il consolidamento, il ripristino e, nei casi ammessi, la ricostruzione delle murature, sono attuati con l'impiego di tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali. 3. (Solai, volte, coperture). Le strutture orizzontali (solai in legno, volte) sono di regola mantenute nelle loro caratteristiche costruttive. La conservazione, la manutenzione, il restauro e il ripristino delle coperture sono attuati con tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali, estese agli elementi accessori (comignoli, gronde, doccioni), fatti salvi gli adeguamenti necessari quali l'impermeabilizzazione e la coibentazione, con esclusione della modifica delle quote d'imposta, di gronda, di colmo e delle pendenze. 4. (Facciate e superfici esterne). La conservazione e il restauro delle facciate e delle superfici esterne sono attuati sulla base della valutazione analitica delle tecniche tradizionali, dei materiali e delle successive trasformazioni. Il ripristino generalizzato dell'intonaco su superfici in pietra o in laterizio, al presente a vista, appartenenti ad edifici anteriori al XIX secolo e' consentito solo se rispondente ad esigenze di un corretto e rigoroso restauro. La rimozione degli intonaci tradizionali e' di norma vietata. 5. (Infissi e serramenti). Il rinnovo degli infissi esterni e' sottoposto alle limitazioni derivanti dal mantenimento dell'omogeneita' tecnologica propria della tradizione locale. A tal fine dovranno essere utilizzati materiali e tecniche della tradizione locale ed elementi propri dell'edilizia rurale (ante, oscuri, persiane) e non potranno essere impiegati materiali plastici, alluminio anodizzato e leghe metalliche in genere. I portoncini, le cancellate, le inferriate, e gli altri elementi di chiusura e apertura di vani che siano espressione della tradizione locale s ono preferibilmente conservati o restaurati; altrimenti sono realizzati con tecniche e materiali uguali o simili agli originali. 6. (Pavimentazioni esterne e recinzioni). Le pavimentazioni tradizionali degli spazi aperti o porticati (acciottolati, lastricati, ammattonati) e gli elementi di recinzione e perimetrazione (muri, steccati, barriere) sono mantenuti, restaurati e ripristinati, nella loro estensione e consistenza materiale, di struttura, di disegno, escludendo interventi distruttivi o sostitutivi con materiali non conformi. 7. (Servizi e impianti tecnologici). E' ammesso l'adeguamento e l'inserimento di impianti tecnologici, purche' non alterino la struttura statica degli edifici e l'immagine complessiva degli ambiti storico-antropologici di riferimento. Prima della redazione di appositi Piani e Regolamenti di settore,si far riferimento al Regolamento tipo per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente di cui alla D.G.R. n.420/2007. 10 - Definizione delle categorie di intervento. Tutti gli interventi relativi al recupero dell'edilizia esistente di , richiamati nella presente normativa,, sono distinti e classificati secondo le categorie d'intervento definite all'articolo 3 della L.1/2004. Ai fini della citata legge si intendono per: a)interventi di manutenzione ordinaria, gli interventi edilizi che riguardano le opere di
Pag. 60

riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e delle loro pertinenze, senza apportare modifiche allaspetto esteriore, alla qualit dei materiali e agli elementi architettonici esistenti, ivi compresi quelli necessari a mantenere in efficienza, integrare o sostituire gli impianti esistenti; b)interventi di manutenzione straordinaria, le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici e delle loro pertinenze, nonch per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unit immobiliari e non comportino modifica della destinazione duso, e inoltre le opere e le modifiche necessarie a sostituire o eliminare materiali inquinanti; c)interventi di restauro e di risanamento conservativo, gli interventi edilizi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalit mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'organismo stesso, ne consentano destinazioni d'uso con essi compatibili. Tali interventi comprendono il consolidamento, il ripristino e il rinnovo degli elementi costitutivi dell'edificio, l'inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell'uso, l'eliminazione degli elementi estranei all'organismo edilizio, nonch la conseguente modifica delle aperture; d)interventi di ristrutturazione edilizia, gli interventi rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare a un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. Tali interventi comprendono la sostituzione degli elementi costitutivi dell'edificio, l'eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuovi elementi e impianti, la modifica o realizzazione di aperture anche esterne, nonch la modifica del numero delle unit immobiliari e delle superfici utili interne. Nell'ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria, sagoma e area di sedime preesistenti, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica, per gli interventi di prevenzione sismica e per linstallazione di impianti tecnologici; e)interventi di nuova costruzione, quelli di trasformazione edilizia e urbanistica del territorio non rientranti nelle categorie definite alle lettere precedenti. Sono comunque da considerarsi tali: 1)la costruzione di manufatti edilizi fuori terra o interrati, ovvero l'ampliamento planivolumetrico di quelli esistenti, fermo restando, per gli interventi pertinenziali, quanto previsto al numero 6); 2)gli interventi di urbanizzazione primaria e secondaria realizzati da soggetti diversi dal comune, compresa lescavazione dei pozzi(mod da art. 36 LR 21 del 2004); 3)la realizzazione di infrastrutture e di impianti, che comporti la trasformazione in via permanente di suolo inedificato; 4)l'installazione di torri e tralicci per impianti radio-ricetrasmittenti e di ripetitori per i servizi di telecomunicazione; 5)l'installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere, quali roulottes, campers, case mobili, imbarcazioni, aeromobili che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili, e che non siano diretti a soddisfare attivit meramente temporanee ed inoltre il campeggio fuori delle aree autorizzate qualora non costituisca parcheggio temporaneo; 6)le opere pertinenziali agli edifici che comportino nuova volumetria urbanistica o superficie utile coperta, nonch quelli che le norme tecniche di attuazione degli strumenti urbanistici o i regolamenti edilizi comunali, in relazione alla zonizzazione e al pregio ambientale e paesaggistico delle aree, qualificano come interventi di nuova costruzione; 7)la realizzazione a cielo aperto di depositi di merci o di materiali, di impianti per attivit produttive ove comportino l'esecuzione di lavori cui consegua la trasformazione permanente del suolo inedificato; f)interventi di ristrutturazione urbanistica, quelli rivolti a sostituire l'esistente tessuto urbanisticoPag. 61

edilizio, urbano o rurale, con altro diverso, mediante un insieme sistematico di interventi edilizi, anche con la modifica e/o lo spostamento dellarea di sedime e la modificazione del disegno dei lotti, degli isolati e della rete stradale; g)opere interne, quelle da realizzare allinterno delle unit immobiliari concernenti leliminazione, lo spostamento e la realizzazione di aperture e pareti divisorie interne che non costituiscano elementi strutturali, sempre che non comportino aumento del numero delle unit immobiliari o implichino incremento degli standard urbanistici, da realizzare nel rispetto delle norme di sicurezza, di quelle igienico sanitarie, sul dimensionamento dei vani e sui rapporti aero illuminanti. Resta ferma la definizione di restauro prevista dall'articolo 29, comma 4, del decreto legislativo n. 42 del 2004. 11 - Interventi ammissibili ai finanziamenti di cui alla L 378/2003 e Decreto 6 Ottobre 2005 e successive mod. e itegrazioni. Il Decreto 6 ottobre 2005 individua i criteri di ammissibilit al finanziamento per il recupero dell'architettura rurale di cui alla L. 378 del 2003. 1. Sono ammissibili al contributo previsto dalla Legge le unita' d'intervento di ampiezza tale da essere riconoscibili per le caratteristiche storico-antropologiche e spaziali e da consentire un uso compatibile con le caratteristiche originarie. 2. Sono considerati prioritari gli interventi preordinati alla ricomposizione del rapporto funzionale tra insediamento e spazio produttivo e, in particolare, tra immobili e terreni agrari. 3. Nell'ambito dell'unita' minima d'intervento, previa redazione di adeguati studi e rilievi, costituenti parte integrante del progetto e volti a documentare analiticamente i caratteri storico-architettonici e costrutti vi delle tipologie di cui all'art. 1 sono ammessi: a) gli spostamenti minimi in verticale dei solai interni, nei s oli casi in cui le altezze esistenti rendano i locali inidonei alle destinazioni d'uso abitative, produttive e aziendali; b) la ricomposizione e la riorganizzazione degli spazi interni nella misura strettamente necessaria all'adeguamento tecnologico e funzionale; c) le modifiche delle destinazioni d'uso per comprovate esigenze abitative, produttive ed aziendali, purche' non ne compromettano l'immagine architettonica e la struttura storica; d) la ricostituzione di edifici non piu' abitati o utilizzati le cui strutture in elevazione si siano anche in parte mantenute, secondo i limiti volumetrici e planimetrici identificabili attraverso la lettura dell'esistente o mediante idonea documentazione iconografica attestante le utilizzazioni agricole tradizionali di cui all'art. 1, comma 1, della legge. 4. Gli interventi sono in ogni caso coerenti con il mantenimento della struttura architettonica e del tessuto insediativo. Non sono ammesse modificazioni di volumi, sopraelevazioni e trasformazioni dei loro elementi costitutivi ed accessori, quali, ad esempio, scale esterne, logge, porticati. E' vietata qualsiasi modificazione dimensionale delle aperture esistenti, nonche' la realizzazione di nuove aperture che alterino significativamente l'aspetto esteriore dell'edificio. 5. Sono ammessi interventi di riuso funzionali all'esercizio di attivita' agricole che richiedano maggiori superfici o volumetrie, a condizione che ne sia dimostrata la necessita' ai fini dell'esercizio delle attivita' stesse. A tal fine e' consentita l'aggiunta di parti nuove, purche' compatibili con le parti preesistenti e rispettose delle tradizioni edilizie locali. 6. I progetti relativi alle architetture rurali in zone sismiche sono ammessi a contributo solo qualora prevedano interventi di miglioramento sismico ai sensi della legge 2 febbraio 1974, n. 64 e successive modifiche ed integrazioni.

Pag. 62

12 - Specifiche tecniche per gli interventi di restauro, adeguamento, ricostruzione ed ampliamento. In generale vengono di seguito descritte le tecniche per gli interventi di restauro, adeguamento, ricostruzione ed ampliamento alle quali attenersi per gli interventi previsti dalla presente normativa. Tale normativa verr recepita ed integrata nel nuovo P.R.G., parte Operativa, nei Piani Attuativi e nei Piani di settore. LA FORMA DEGLI EDIFICI. I caratteri volumetrici e formali degli edifici esistenti condizionano e caratterizzano gli interventi di recupero e di conservazione. Eventuali nuovi volumi o la modifica di quelli esistenti dovr essere messa in relazione con il contesto costruito e con il paesaggio circostante; MURATURE La conservazione, il consolidamento, il ripristino e, nei casi ammessi, la ricostruzione delle murature, sono attuati con l'impiego di tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali. SOLAI, VOLTE Le strutture orizzontali (solai in legno, volte) sono di regola mantenute nelle loro caratteristiche costruttive. LE FACCIATE. -La conservazione e il restauro delle facciate e delle superfici esterne sono attuati sulla base della valutazione analitica delle tecniche tradizionali, dei materiali e delle successive trasformazioni. Il ripristino generalizzato dell'intonaco su superfici in pietra o in laterizio, al presente a vista, appartenenti ad edifici anteriori al XIX secolo e' consentito solo se rispondente ad esigenze di un corretto e rigoroso restauro. La rimozione degli intonaci tradizionali e' di norma vietata. - Il rivestimento degli edifici andr normalmente eseguito ad intonaco; i paramenti murari a facciavista sono consentiti per ledilizia storica che gi li prevedeva. - Nel trattamento di finitura esterna sono proibite le idropitture legate con polimeri, i rivestimenti al quarzo plastico e le finiture graffiate; le tonalit dei colori saranno quelle delle pitture a base di terre tipiche riscontrabili nella tradizione locale. - Qualora le facciate di edifici da recuperare prevedessero murature di pregio lasciate a facciavista, queste vanno tenute o ripristinate secondo l originaria tessitura, preferibilmente con materiale di recupero. - Le pietre da impiegarsi dovranno provenire da cave locali oppure avere caratteristiche del tutto simili ai materiali locali. Il trattamento di superficie dovr rifarsi necessariamente alla tradizionale lavorazione locale, quando previsto l uso a facciavista. - E' vietato l uso dei marmi per la realizzazione degli elementi accessori di facciata (es. Scale esterne, soglie, mensole, etc.) mentre sar sempre preferibile luso delle pietre locali o del laterizio. - E' vietata la realizzazione di balconi in aggetto con i parapetti in muratura piena o in materiali diversi da quelli tradizionali. Saranno ammesse soluzioni di piccoli balconi su mensoloni lapidei o metallici progettati in coerenza con l inferriata e motivati dal disegno architettonico adottato per il prospetto, che dovr sempre tenere presente i caratteri locali presenti. - Le proporzioni e le forme delle porte e delle finestre dovranno essere coerenti con quelle documentate localmente. INFISSI E SERRAMENTI Il rinnovo degli infissi esterni e' sottoposto alle limitazioni derivanti dal mantenimento dell'omogeneita' tecnologica propria della tradizione locale. A tal fine dovranno essere utilizzati materiali e tecniche della tradizione locale ed elementi propri dell'edilizia rurale (ante, oscuri,
Pag. 63

persiane) e non potranno essere impiegati materiali plastici, alluminio anodizzato e leghe metalliche in genere. I portoncini, le cancellate, le inferriate, e gli altri elementi di chiusura e apertura di vani che siano espressione della tradizione locale sono preferibilmente conservati o restaurati; altrimenti sono realizzati con tecniche e materiali uguali o simili agli originali. LE COPERTURE. - Le coperture degli edifici dovranno essere consone alla tradizione locale, a falde inclinate, con pendenza da realizzarsi a seconda del luogo. - Sono di norma vietate le coperture a terrazza. - I manti di copertura dovranno essere realizzati con coppi o con tegole e coppi. - E' vietato l uso di zampini in cemento prefabbricati; in caso di rifacimento del tetto, questi verranno rimossi e sostituiti con quelli in legno o in laterizio o altra tipologia storica presente. - Eventuali lucernai dovranno essere realizzati a raso delle coperture e limitati, nel numero e nelle dimensioni, allo stretto indispensabile per assicurare il passo d uomo . - Gli abbaini, le altane ed i sopralzi esistenti, purch autorizzati, potranno esclusivamente essere ripristinati utilizzando materiali e tipologie della tradizione. - Le opere da lattoniere dovranno essere riproposte secondo gli elementi caratteristici della tradizione locale. - In caso di rifacimento, la configurazione degli sporti di gronda e degli sporti laterali dovr rimanere proporzionata e conforme alla tipologia dell abitazione. - I comignoli tipici andranno conservati e consolidati nella forma e possibilmente nella posizione originaria; nel caso di realizzazione di nuovi comignoli, questi dovranno rifarsi a tipologie attestate localmente e con materiali consoni. - Sono vietati i cappellotti in eternit, cemento e acciaio, quelli esistenti andranno rimossi. Prima della redazione di appositi Piani e Regolamenti di settore, per la riproposizione delle tipologie e forme si far riferimento al Regolamento tipo per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente di cui alla D.G.R. n.420/2007. 13 - Disciplina delle sistemazioni esterne, degli accessi, delle recinzioni, impianti e canalizzazioni. Vista la rilevanza paesaggistica delle sistemazioni esterne, in attesa della redazione di appositi piani di settore gli interventi dovranno essere uniformati ai principi ed alle prescrizioni del presente articolo. STRUTTURE DI SOSTEGNO. - Qualora debbano realizzarsi strutture di sostegno o di sottoscarpa, verr evitato l uso del calcestruzzo a vista e realizzazione di superfici continue e di estese dimensioni; verranno invece ricercate soluzioni che utilizzino anche come rivestimento, materiali propri della tradizione costruttiva locale e soluzioni di ingegneria naturalistica. PAVIMENTAZIONI ESTERNE - Le pavimentazioni esistenti, ove di valore tradizionale storico, verranno salvaguardate, ripristinate ed integrate con materiali analoghi per natura, colore e lavorazione; le nuove pavimentazioni esterne dovranno essere eseguite con materiali tradizionali posti in opera secondo tessiture attestate, comunque in tono con il contesto edificato. Sono vietati interventi distruttivi o sostitutivi con materiali non conformi. RECINZIONI. - Le recinzioni e le cancellate di particolare valore, in particolare quelle in ferro battuto, dovranno essere mantenute per quanto possibile ripristinando le parti mancanti. -Gli elementi di recinzione e perimetrazione (muri, steccati, barriere) sono mantenuti, restaurati e ripristinati, nella loro estensione e consistenza materiale, di struttura, di disegno.

Pag. 64

- Sono vietate le recinzioni che alterino profondamente i caratteri del luogo e realizzate con materiali impropri. - Le nuove recinzioni verranno progettate come segno strettamente connesso alla struttura ed allaspetto del centro storico e alla sua forma urbana. DECORAZIONI ED ARREDI - La scelta delle forme e dei materiali degli elementi concorrenti alla formazione dellarredo urbano, dovr essere eseguita in coerenza, con le immagini ambientali che si vorranno evidenziare. - Le insegne commerciali, le bacheche, le vetrine dovranno essere progettate in forma semplice e non mostrarsi invasive rispetto alle caratteristiche architettoniche degli edifici e certamente non alterare la percezione degli elementi architettonici di pregio. - I nuovi arredi dovranno essere di pregio e concordi tra loro nelle tipologie in modo da non creare effetti di stridente contrasto con lambiente circostante. SERVIZI ED IMPIANTI TECNOLOGICI E' ammesso l'adeguamento e l'inserimento di impianti tecnologici, purche' non alterino la struttura statica degli edifici e l'immagine complessiva degli ambiti storico-antropologici di riferimento. 14 - Interventi di mantenimento e sistemazione sulle aree inedificate di pertinenza Nelle aree di pertinenza degli edifici dovranno essere salvaguardati i principali elementi caratterizzanti il paesaggio. Sono di norma vietati tutti i movimenti terra non strettamente necessari per gli interventi edilizi autorizzati. Il nuovo P.R.G., parte Operativa, definir le prioncipali misure di tutela dei biotopi esistenti. Particolare attenzione andr riservata alle sistemazioni arboree tipiche esistenti quali: filari di siepi, pergolati, piante d'alto fusto tradizionali nelle corti e lungo le strade. Sono comunque vietati gli accumuli permanenti di materiali di risulta da demolizioni o da rottamazione di attrezzature o autoveicoli. 15 - Salvaguardia della vegetazione Dovr essere mantenuta e/o ripristinata la coltivazione delle essenze arboree originali, eliminando tutte le specie non congrue. Il nuovo P.R.G., parte Operativa, definir le piantumazioni ammesse all'interno dei singoli ambiti dei biotopi. 16 Regolamentazione degli interventi nel sottosuolo. Negli interventi edilizi possono essere previsti interventi vani interrati esclusivamente per realizzare impianti tecnici, autorimesse e accessori necessari per il funzionamento dell'unit edilizia. La realizzazione di tali vani dovr comunque essere rispettosa della morfologia naturale esistente senza alterarla in maniera significativa. 17 Disciplina degli interventi previsti per il risparmio energetico. Tutti gli elementi necessari per il funzionamento di eventuali installazioni per il risparmio energetico dovranno essere posti in luoghi che non abbiano nessun impatto sull'edificio e sul paesaggio circostante; potranno altres essere mimetizzati a terra in idonee aree circostanti gli edifici.

Pag. 65

18 Contenuti minimi degli elaborati di progetto. Con riferimento al Decreto del P.C.M. 12 dicembre 2005, oltre allla normale documentazione richiesta dal Regolamento Edilizio Comunale e dalle normaive tecniche viene anche richiesta una Relazione Paesaggistica i cui contenuti minimi sono fissati dal citato decreto. 19 - Modalit di controllo della fase di realizzazione degli interventi. Il controllo degli interventi sar monitorato attraverso una documentazione fotografica esaustiva che dovr essere realizzata prima, durante ed a fine lavori. Sar a cura del Committente, tramite il Direttore dei lavori, predisporre tale documentazione asseverata. Il Comune dovr predisporre controlli a campione per verificare quanto dichiarato in sede di richiesta dell'autorizzazione, durante i lavori ed a fine lavori. ARTICOLO 20 - ZONE DI COMPLETAMENTO -B In queste zone il P.R.G., di norma si attua tramite intervento edilizio diretto. L'indice di fabbricabilit fondiaria variabile da 0,5 a 1,0 mc/mq ed definito per ogni comparto. Le le altezze delle nuove costruzioni, delle ricostruzioni, e delle sopraelevazioni, non potranno superare il limite di mt. 7,50. il P.R.G., parte Operativa, tenuto conto del grado di densit edilizia esistente e dei valori paesaggistici ed ambientali assegner ad ogni comparto un incremento massimo di cubatura rispetto ai volumi gi edificati o assentiti alla data di adozione del P.R.G., parte strutturale. Nelle zone B, sottoposte a tutela paesaggistica, di cui allart . 136 del D.Lgs 42/04 le altezze massime raggiungibili, non potranno superare mt. 6,50, fatto salvo che per le zone montane dei Prati e Cimitelle ove l'altezza massima non potr superare mt 4,50. Il PRG, Parte Operativa, individuer le sottozone destinate al mantenimento, alla conservazione ed alla trasformazione degli edifici esistenti nel rispetto della disciplina di cui alla D.G.R n. 420 del 19 marzo 2007 e delle aree inedificate, tenuto conto dei seguenti criteri : 1) Zone B, di completamento e conservazione dei volumi esistenti Il P.R.G. parte, strutturale individua i seguenti comparti che, il P.R.G. parte Operativa, potr ulteriormente suddividere:
IF mc / mq 0,8 1,0 1,0 1,0 0,8 0,8 0,5 0,5 0,8 0,8 0,8 0,8 Superficie territoriale mq 14 858,77 15 202,76 1 806,82 3 515,56 20 346,54 6 736,82 4 786,96 9 539,12 3 203,48 4 748,62 8 407,18 802,84
Pag. 66

ID comparto B-01 B-02 B-03 B-03,1 B-04 B-05 B-06 B-07 B-08 B-09 B-10 B-10,1

Localit Termine S. Antimo S. Antimo S. Antimo S. Antimo S. Antimo S. Antimo S. Antimo Fontana Fonti Fontana Fonti S. Lucia S. Lucia

ID comparto B-12 B-12,1 B-13 B-14 B-15 B-16 B-17 B-18 B-19 B-20 B-21 B-22 B-23 B-24 B-25 B-26 B-27 B-28 B-29 B-30 B-31 B-32 B-33 B-34 B-35 B-35,1 B-36 B-36,1 B-37 B-37,1 B-38 B-39 B-40 B-41 B-42 B-43 B-44 B-45 B-46 B-47 B-47,1 B-48

Localit S. Lucia S. Lucia S. Lucia S. Lucia S. Lucia S. Lucia Pizzicone S. Lucia S. Lucia Soffiano Soffiano Montemaggio Montemaggio Montemaggio Montemaggio Montemaggio S. Lorenzo S. Lorenzo S. Lorenzo S. Lorenzo S. Lorenzo S. Lorenzo S. Liberatore Colle Pila S. Lorenzo S. Lorenzo Piciolo Piciolo Piciolo Piciolo Cerreta Piciolo Piciolo Piciolo S. Liberatore S. Liberatore S. Liberatore S. Liberatore S. Liberatore S. Liberatore S. Liberatore S. Liberatore

IF Superficie mc / territoriale mq mq 1,0 14 461,98 1,0 333,34 1,0 8 870,10 1,0 13 473,37 1,0 11 429,79 0,5 10 328,12 0,8 8 617,80 1,0 17 499,85 1,0 14 509,15 1,0 18 043,14 1,0 11 006,97 1,0 28 277,14 1,0 13 184,97 1,0 9 206,64 1,0 1 901,18 1,0 16 503,42 1,0 1 682,31 1,0 12 107,48 1,0 11 449,52 1,0 14 804,23 1,0 31 277,26 1,0 20 958,30 1,0 21 188,26 1,0 2 374,82 1,0 13 748,80 1,0 4 136,74 1,0 20 623,52 1,0 2 431,47 1,0 19 543,29 1,0 3 032,93 1,0 8 682,22 1,0 7 911,22 1,0 19 784,71 1,0 14 109,48 1,0 3 105,58 1,0 4 300,40 1,0 23 996,07 1,0 18 859,58 1,0 7 330,32 1,0 6 345,99 1,0 2 231,62 1,0 7 400,39

Pag. 67

ID comparto B-50 B-51 B-51,1 B-51,2 B-52 B-52,1 B-53 B-54 B-55 B-56 B-57 B-58 B-59 B-60 B-61 B-62 B-63 B-64 B-65 B-66 B-67 B-68 B-69 B-70 B-71 B-72 B-73 B-74 B-75 B-76 B-77 B-77,1 B-77,2 B-78 B-79 B-80 B-81 B-82 B-83 B-84 B-84,1 B-85

Localit Cerreta S. Lucia S. Lucia S. Lucia Stazione Stazione Stazione Stazione Stazione Molenano Cannucciano Cannucciano Cannucciano Cannucciano Cannucciano Molenano Molenano Molenano Molenano Molenano Molenano Molenano Collorello Molenano Collorello Collorello Collorello Cisterna Molenano Cisterna Cisterna Cisterna Cisterna Cisterna Cisterna Colle Colle Colle Colle Colle Colle Colle

IF Superficie mc / territoriale mq mq 1,0 11 467,60 1,0 4 023,31 1,0 1 741,88 1,0 1 611,94 0,5 13 765,48 0,8 470,04 0,8 4 992,26 0,8 4 789,52 0,8 6 183,45 0,8 1 458,28 0,8 13 926,76 0,8 6 233,02 0,8 11 051,40 0,8 1 406,40 0,8 2 090,48 0,8 699,10 0,8 2 228,80 0,8 7 357,23 0,8 3 022,66 0,8 5 478,89 0,8 10 554,14 0,8 4 926,29 0,8 2 298,82 0,8 1 253,61 0,8 2 374,30 0,8 3 335,45 0,8 2 322,97 1,0 1 018,57 1,0 4 849,00 1,0 7 442,48 0,8 2 235,14 0,8 327,84 0,8 328,91 0,8 6 208,88 0,8 7 038,88 0,8 7 762,25 0,8 6 495,77 1,0 8 632,59 1,0 4 174,56 1,0 10 701,13 1,0 195,80 1,0 2 760,24

Pag. 68

ID comparto B-86 B-87 B-88 B-89 B-90 B-91 B-92 B-93 B-94 B-94,1 B-95 B-96 B-97 B-98 B-99 B-100 B-100,1 B-101 B-102 B-103 B-104 B-104,1 B-105 B-106 B-107 B-108 B-109 B-110 B-111 B-111,1 B-112 B-113 B-114 B-114,1 B-115 B115,1 B-116 B-117 B-118 B-118,1 B-119 B-120

Localit Colle Colle Stroncone Stroncone Stroncone Stroncone Stroncone Stroncone Stroncone Stroncone Stroncone Stroncone Stroncone Stroncone Il Cesale S. Gregorio S. Gregorio S. Gregorio S. Gregorio Col Martino Le Piane Le Piane Le Piane Vascigliano Vascigliano Vascigliano Vascigliano Vascigliano Vascigliano Vascigliano Vascigliano Vascigliano Aguzzo Aguzzo Vasciano Vasciano Vasciano Vasciano Finocchieto Finocchieto Finocchieto Finocchieto

IF Superficie mc / territoriale mq mq 0,8 7 426,28 1,0 1 622,64 1,0 5 341,32 1,0 4 325,52 1,0 1 272,30 1,0 755,28 1,0 866,66 1,0 15 124,38 1,0 16 166,54 1,0 1 756,01 1,0 9 824,45 1,0 14 980,17 1,0 3 940,36 1,0 2 005,35 1,0 1 930,34 1,0 10 597,56 1,0 6 145,54 1,0 2 179,97 1,0 2 192,26 1,0 5 212,87 0,8 4 404,79 1,0 322,93 0,8 2 314,20 0,8 9 538,19 0,8 18 715,99 0,8 7 437,52 0,8 3 837,86 0,8 3 169,90 0,8 12 641,00 0,8 1 149,37 0,8 5 321,69 0,8 3 027,77 1,0 30 621,89 1,0 3 500,39 0,8 14 842,84 0,8 1 496,38 0,8 25 396,58 0,8 2 829,50 0,8 9 732,19 0,8 642,23 0,8 3 264,97 0,8 8 622,39

Pag. 69

ID comparto B-122 B-123 B-124 B-125 B-125,1 B-126 B-127 B-128 B-128,1

Localit Finocchieto Finocchieto Finocchieto Finocchieto Finocchieto Finocchieto Finocchieto Finocchieto Finocchieto

IF Superficie mc / territoriale mq mq 0,8 3 430,43 0,8 4 236,73 0,8 2 511,39 0,8 2 453,61 0,8 370,07 0,8 575,23 0,8 2 771,06 0,8 24 772,86 0,8 1 431,00

Liniziativa edilizia diretta pu essere attuata, in tali zone, con le seguenti prescrizioni: a) indice di fabbricabilit fondiaria massima stabilita per ogni compartoda 0,5 a 1.00 mc/mq; il P.R.G., parte Operativa, tenuto conto del grado di densit edilizia esistente e dei valori paesaggistici ed ambientali assegner ad ogni comparto un incremento massimo di cubatura rispetto ai volumi gi edificati o assentiti alla data di adozione del P.R.G., parte strutturale. b) parcheggi privati destinati al fabbricato: 1 posto auto per appartamento con un minimo di 1 mq x 10 mc; c) per eventuale parte ad uso direzionale e/o commerciale e ricettiva in aggiunta agli spazi a parcheggio previsti al punto -b- vanno aggiunte aree a parcheggio privato ad uso pubblico nella misura di 40 mq per ogni per ogni 100 mq di pavimento al netto delle murature; d) altezza massima: m 7,50; e) distanza dai confini: m 5,00; f) distanza tra i fabbricati tra pareti finestrate: m 10,00. Distanze inferiori potranno essere consentite nel rispetto dellultimo comma dellart.9 del D.M. 2 aprile 1968. g) distanza dal confine stradale: m 5,00 Le aree sulle quali si richiede il Permesso a costruire devono essere dotate delle opere di urbanizzazione primaria come definite dalle presenti norme. Il PRG, Parte Operativa, individuer i comparti, attribuir la volumetria massima aggiuntiva all'edificato esistente per ogni comparto; inoltre, direttamente o attraverso il rimando a Piani attuativi, potr distribuire la volumetria aggiuntiva per ogni singolo edificio esistente o per nuovi edifici su aree inedificate. Il PRG, Parte Operativa, altres,direttamente o attraverso il rimando a Piani Attuativi, pu prevedere la riorganizzazione della rete viaria, dei parcheggi pubblici e delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica. Il PRG, Parte Operativa, potr subordinare l'attuazione delle previsioni nei singoli comparti alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica previsti dallo stesso PRG, Parte Operativa. Oltre, la residenza, sono compatibili, le destinazioni duso extraresidenziali, di seguito riportate: direzionale; insediamenti ricettivi, incluse le attivit alberghiere; esercizi commerciali, dei mercati, e degli esercizi commerciali allingrosso e depositi; attivit connesse al sistema della mobilit e impianti tecnologici; laboratori artigianali la cui attivit sia compatibile con gli insediamenti residenziali ed in ogni modo non produca qualsiasi tipo di inquinamento o pericoli per la pubblica o privata incolumit.
Pag. 70

Il PRG, parte operativa, potr prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. 1bis) Zone B*, di completamento e conservazione dei volumi esistenti Il P.R.G. parte, strutturale individua i seguenti comparti che, il P.R.G. parte Operativa, potr ulteriormente suddividere:
IF mc / mq 0,8 Cubatura Superficie max. territoriale Realizzabile mq mc 1 831,06 350,00

ID comparto B*-01

Localit Stazione

Liniziativa edilizia diretta pu essere attuata, in tali zone, con le seguenti prescrizioni: a) volumetria massima consentita sulla superficie fondiaria 350 mc. il P.R.G., parte Operativa, tenuto conto del grado di densit edilizia esistente e dei valori paesaggistici ed ambientali assegner ad ogni comparto un incremento massimo di cubatura rispetto ai volumi gi edificati o assentiti alla data di adozione del P.R.G., parte strutturale. Tutte le altre prescrizioni sono quelle della zona B. 2) Zone B, di completamento e conservazione dei volumi esistenti in localit Prati-Cimitelle Il P.R.G. parte, strutturale individua i seguenti comparti che, il P.R.G. parte Operativa, potr ulteriormente suddividere:
ID comparto Localit IF mc/mq Superficie territoriale

B-129 B-130 B-131 B-133 B-133,1 B-134 B-134,1 B-135 B-136 B-137 B-139 B-140 B-141 B-142 B-143 B-144

Prati Prati Prati Prati Prati Prati Prati Prati Prati Prati Prati Prati Prati Cimitelle Cimitelle Cimitelle

0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5

11 302,91 2 514,36 3 172,62 8 040,39 3 006,74 8 659,87 10 589,56 10 802,61 10 409,39 11 035,47 2 705,80 3 042,84 7 753,36 8 136,96 13 796,10 4 494,47

Queste zone sono destinate prevalentemente alla residenza temporanea, gi esistenti (ex B1 nel

Pag. 71

preced. P.d.F.)e si attuano, di norma, con intervento diretto . a) indice di fabbricabilit fondiaria: 0,5 mc/mq; b) parcheggi privati destinati al fabbricato: 1 posto auto per appartamento con un minimo di 1 mq x 10 mc; c) per eventuale parte ad uso direzionale e/o commerciale e ricettiva in aggiunta agli spazi a parcheggio previsti al punto -b- vanno aggiunte aree a parcheggio privato ad uso pubblico nella misura di 40 mq per ogni per ogni 100 mq di pavimento al netto delle murature; d) altezza massima: non potr mai superare m 4,50, sia a valle che a monte; e) distanza dai confini: m 5.00; f) distanza tra i fabbricati: m 10.00 tra pareti finestrate. Distanze inferiori potranno essere consentite nel rispetto dellultimo comma dellart.9 del D.M. 2 aprile 1968. g) distanza dal confine stradale: m 5.00 Le finiture e le sistemazioni esterne degli edifici dovranno rispettare le norme di edificazione previste dal regolamento edilizio per i Prati e Cimitelle. In ogni lotto dovranno essere messi a dimora almeno un albero ogni 100 mq di superficie fondiaria. Gli alberi dovranno essere di alto fusto di specie uguali a quelle presenti in zona e di altezza non inferiore a m 2,00. Il PRG, Parte Operativa, potr suddividere ulteriormente i comparti, attribuir la volumetria massima aggiuntiva all'edificato esistente per ogni comparto; inoltre, direttamente o attraverso il rimando a Piani attuativi, potr distribuire la volumetria aggiuntiva per ogni singolo edificio esistente o per nuovi edifici su aree inedificate. Il PRG, Parte Operativa, altres,direttamente o attraverso il rimando a Piani Attuativi, pu prevedere la riorganizzazione della rete viaria, dei parcheggi pubblici e delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica. Il PRG, Parte Operativa, potr subordinare l'attuazione delle previsioni nei singoli comparti alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica previsti dallo stesso PRG, Parte Operativa. Oltre, la residenza, sono compatibili, le destinazioni duso extraresidenziali, di seguito riportate: insediamenti ricettivi, incluse le attivit alberghiere; esercizi commerciali; attivit connesse al sistema della mobilit e impianti tecnologici; Il PRG, parte operativa, potr prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. 3) Zone B, Completamento case isolate in localit Prati Cimitelle Il P.R.G. parte, strutturale individua i seguenti comparti che, il P.R.G. parte Operativa, potr ulteriormente suddividere:
ID comparto B-132 Localit Prati IF mc/mq Superficie territoriale

15 062,08

Queste zone ricadono in un' area gi prevista dal P.d.F. in vigore e gi completata (ex B2), esse sono destinate prevalentemente alla residenza temporanea e si attuano con intervento diretto. a) indice di fabbricabilit fondiaria: 1 mc/mq; b) parcheggi privati destinati al fabbricato: 1 posto auto per appartamento con un minimo di 1 mq x 10 mc;
Pag. 72

c) per eventuale parte ad uso direzionale e/o commerciale e ricettiva in aggiunta agli spazi a parcheggio previsti al punto -b- vanno aggiunte aree a parcheggio privato ad uso pubblico nella misura di 40 mq per ogni per ogni 100 mq di pavimento al netto delle murature; d) altezza massima: non potr mai superare m 4,50, sia a valle che a monte; e) distanza dai confini: m 5.00; f) distanza tra i fabbricati: m 10.00 tra pareti finestrate. Distanze inferiori potranno essere consentite nel rispetto dellultimo comma dellart.9 del D.M. 2 aprile 1968. g) distanza dal confine stradale: m 5.00 Le finiture e le sistemazioni esterne degli edifici dovranno rispettare le norme di edificazione previste dal regolamento edilizio per i Prati e Cimitelle. In ogni lotto dovranno essere messi a dimora almeno un albero ogni 100 mq di superficie fondiaria. Gli alberi dovranno essere di alto fusto di specie uguali a quelle presenti in zona e di altezza non inferiore a m 2,00. Il PRG, Parte Operativa, potr individuare ulteriori comparti, attribuir la volumetria massima aggiuntiva all'edificato esistente per ogni comparto; inoltre, direttamente o attraverso il rimando a Piani attuativi, potr distribuire la volumetria aggiuntiva per ogni singolo edificio esistente o per nuovi edifici su aree inedificate. Il PRG, Parte Operativa, altres,direttamente o attraverso il rimando a Piani Attuativi, pu prevedere la riorganizzazione della rete viaria, dei parcheggi pubblici e delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica. Il PRG, Parte Operativa, potr subordinare l'attuazione delle previsioni nei singoli comparti alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica previsti dallo stesso PRG, Parte Operativa. Oltre, la residenza, sono compatibili, le destinazioni duso extra residenziali, di seguito riportate: insediamenti ricettivi, incluse le attivit alberghiere; esercizi commerciali; attivit connesse al sistema della mobilit e impianti tecnologici; Il PRG, parte operativa, potr prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. 4) Zone B3, Riqualificazione edilizia ed ambientale in localit Prati Cimitelle Il P.R.G. parte, strutturale individua i seguenti comparti che, il P.R.G. parte Operativa, potr ulteriormente suddividere:
ID comparto B-138 Localit Prati IF mc/mq Superficie territoriale

0,5

14 789,76

In queste aree (ex B3 nel preced. P.d.F.), gi edificate destinate prevalentemente a residenza temporanea, stante la necessit di riqualificare i manufatti edilizi e inserirli meglio nel contesto circostante, consentito, tramite attuazione di un Piano Attuativo di iniziativa pubblica, adeguare le costruzioni ai requisiti minimi igienico sanitari ed agli standards urbanistici, anche attraverso la demolizione e ricostruzione dei volumi e la ridefinizione dei lotti. Il Piano particolareggiato dovr riprogettare la zona per reperire gli spazi minimi per parcheggi e verde privato, nonch allacciare le abitazioni alla pubblica fognatura e a tutte le altre reti tecnologiche necessarie per garantire l'abitabilit. Il Piano particolareggiato dovr comunque rispettare i seguenti indici: 1.lindice di fabbricazione sar di 0,5 mc per ogni mq di superficie fondiaria;
Pag. 73

2.laltezza massima degli edifici, sia a monte che a valle, non dovr superare m 4,50; 3.la distanza minima dalle strade comunali m. 5,0; Le finiture esterne degli edifici dovranno rispettare le norme di edificazione previste dal regolamento edilizio per i Prati e Cimitelle. In ogni lotto dovranno essere messi a dimora almeno un albero ogni 100 mq di superficie fondiaria. Gli alberi dovranno essere di alto fusto di specie uguali a quelle presenti in zona e di altezza non inferiore a m 2,00. Il PRG, Parte Operativa, potr individuare ulteriori comparti, attribuir la volumetria massima aggiuntiva all'edificato esistente per ogni comparto; inoltre, direttamente o attraverso il rimando a Piani attuativi, potr distribuire la volumetria aggiuntiva per ogni singolo edificio esistente o per nuovi edifici su aree inedificate. Il PRG, Parte Operativa, altres,direttamente o attraverso il rimando a Piani Attuativi, pu prevedere la riorganizzazione della rete viaria, dei parcheggi pubblici e delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica. Il PRG, Parte Operativa, potr subordinare l'attuazione delle previsioni nei singoli comparti alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica previsti dallo stesso PRG, Parte Operativa. Oltre, la residenza, sono compatibili, le destinazioni duso extra residenziali, di seguito riportate: insediamenti ricettivi, incluse le attivit alberghiere; esercizi commerciali; attivit connesse al sistema della mobilit e impianti tecnologici; Il PRG, parte operativa, potr prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. ARTICOLO 21 - ZONE "C"- ZONE RESIDENZIALI DI ESPANSIONE Il P.R.G. parte, strutturale individua i seguenti comparti che, il P.R.G. parte Operativa, potr ulteriormente suddividere:
ZONE C IF mc / mq 0,3 0,3 0,5 0,5 0,3 0,3 0,5 0,5 0,3 0,8 0,8 0,8 0,3 0,5 Superficie territoriale mq 20 967,24 8 156,56 6 388,88 8 085,73 11 075,80 10 969,75 3 933,54 5 824,21 2 259,72 11 976,34 14 303,53 7 671,67 10 937,77 10 708,27 Cubatura Superficie max. fondiaria Realizzabile mq mc 13 628,71 5 301,76 4 152,77 5 255,72 7 199,27 7 130,34 2 556,80 3 785,74 1 468,82 7 784,62 9 297,29 4 986,59 7 109,55 6 960,38 4 088,61 1 590,53 2 076,39 2 627,86 2 159,78 2 139,10 1 278,40 1 892,87 440,65 6 227,70 7 437,84 3 989,27 2 132,87 3 480,19
Pag. 74

ID comparto C-01 C-02 C-03 C-04 C-05 C-05,1 C-06 C-07 C-08 C-09 C-10 C-11 C-12 C-13

Localit S. Antimo S. Antimo S. Lucia Fontana Fonti Stazione Stazione S. Lucia S. Lucia S. Lucia - Bivio S. Lorenzo S. Lorenzo S. Lorenzo Cannucciano Molenano

ID comparto C-14,1 C-15 C-16 C-17 C-18 C-18,1 C-19 C-20 C-21 C-22 C-23 C-24 C-25 C-26 C-27 C-28 C-29 C-30 C-31

Localit Molenano Le Piane Le Piane Le Piane Vascigliano Vascigliano Montemaggio Montemaggio Montemaggio Montemaggio Cerreta Colle Pila Colle Pila Stroncone Collorello Collorello Collorello Collorello Collorello

IF mc / mq 0,3 0,3 0,8 0,8 0,8 0,5 0,5 0,8 0,8 0,8 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 0,3 0,3 0,3

Superficie territoriale mq 2 758,56 6 193,78 9 569,50 24 876,18 12 259,00 5 317,30 4 698,40 11 277,45 10 691,17 16 407,41 3 044,65 2 165,45 2 531,30 12 069,95 13 114,69 6 368,83 29 729,07 9 319,49 10 872,00

Cubatura Superficie max. fondiaria Realizzabile mq mc 1 793,06 537,92 4 025,96 1 207,79 6 220,18 4 976,14 16 169,52 12 935,61 7 968,35 6 374,68 3 456,25 1 728,12 3 053,96 1 526,98 7 330,34 5 864,27 6 949,26 5 559,41 10 664,82 8 531,85 1 979,02 989,51 1 407,54 703,77 1 645,35 822,67 7 845,47 3 922,73 8 524,55 4 262,27 4 139,74 2 069,87 19 323,90 5 797,17 6 057,67 1 817,30 7 066,80 2 120,04 TOTALE TOTALE 219 776,39 115 571,05

Le zone residenziali di espansione sono destinate prevalentemente alla realizzazione di nuovi alloggi. Oltre, la residenza, sono compatibili, le destinazioni duso extra residenziali, di seguito riportate: direzionale; insediamenti ricettivi, escluse le attivit alberghiere; esercizi commerciali, dei mercati, e degli esercizi commerciali allingrosso e depositi; attivit connesse al sistema della mobilit e impianti tecnologici; laboratori artigianali la cui attivit sia compatibile con gli insediamenti residenziali ed in ogni modo non produca qualsiasi tipo di inquinamento o pericoli per la pubblica o privata incolumit. Il PRG, parte operativa, potr prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. Il PRG, Parte Operativa, potr suddividere ulteriormentei comparti, attribuir la volumetria massima realizzabile per ogni comparto. Gli interventi si attuano mediante Piano Attuativo dei comparti cos come individuati dal P.R.G. Parte operativa. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria, dei parcheggi e dei servizi pubblici, delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le aree destinate all'edificato residenziale; e aree destinate alle urbanizzazioni primarie e secondarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare. Di norma nel comparto dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 50 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte operativa
Pag. 75

per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. L'attuazione delle previsioni nei singoli comparti subordinata alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica e quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. Laltezza massima delle nuove costruzioni, non potr superare mt. 6,50; il P.R.G., parte Operativa, per esigenze di salvaguardia del Paesaggio potr prevedere altezze inferiori. ARTICOLO 23 - ZONE Cp- ZONE RESIDENZIALI PERIURBANE 1) Zone Cp Zone residenziali periurbane Il P.R.G. parte, strutturale individua i seguenti comparti che, il P.R.G. parte Operativa, potr ulteriormente suddividere:
ZONE CP Cubatura Superficie Superficie max. territoriale fondiaria Realizzabile mq mq mc 11 568,07 7 410,48 7 748,04 41 993,00 22 222,59 38 889,41 8 482,94 1 441,48 22 466,42 79 837,80 4 079,99 12 863,25 22 379,77 91 624,63 6 456,50 21 672,72 61 820,28 16 834,67 10 814,93 5 859,64 17 407,79 3 245,69 6 109,02 9 925,62 11 568,07 7 410,48 7 748,04 41 993,00 22 222,59 38 889,41 8 482,94 1 441,48 22 466,42 79 837,80 4 079,99 12 863,25 22 379,77 91 624,63 6 456,50 21 672,72 61 820,28 16 834,67 10 814,93 5 859,64 17 407,79 3 245,69 6 109,02 9 925,62 1 735,21 1 111,57 1 162,21 6 298,95 3 333,39 5 833,41 1 272,44 216,22 3 369,96 11 975,67 612,00 1 929,49 3 356,97 13 743,69 968,48 3 250,91 9 273,04 2 525,20 1 622,24 878,95 2 611,17 486,85 916,35 1 488,84
Pag. 76

ID comparto Cp-01 Cp-02 Cp-02 Cp-03 Cp-04 Cp-05 Cp-5,1 Cp-5,2 Cp-06 Cp-07 Cp-7,1 Cp-08 Cp-09 Cp-10 Cp-11 Cp-12 Cp-13 Cp-14 Cp-15 Cp-16 Cp-17 Cp-18 Cp-19 Cp-20

Localit Colloccio Colloccio Colloccio S Antimo S Antimo Le Piane Le Piane Le Piane Le Piane Fontana Fonti Fontana Fonti S Lucia S Lucia Pizzicone Stazione Soffiano Cannucciano Cannucciano St Colle Fontana Cupero Colle Pila S Liberatore St Colle Montemaggio

ID comparto Cp-21 Cp-21,1 Cp-22 Cp-23 Cp-24 Cp-25 Cp-26 Cp-27 Cp-28 Cp-29 Cp-30 Cp-30,1 Cp-31 Cp-32 Cp-32,1 Cp-33 Cp-33,1 Cp-34

Localit S Lorenzo S Lorenzo S Gregorio Coppe Coppe Coppe Finocchieto C Martino Finocchieto Cisterna Collorello Collorello Cerreta Osteria Osteria Osteria Osteria S Lorenzo

Cubatura Superficie Superficie max. territoriale fondiaria Realizzabile mq mq mc 2 825,98 2 825,98 423,90 5 376,18 5 376,18 806,43 5 465,17 5 465,17 819,78 20 069,51 20 069,51 3 010,43 3 176,52 3 176,52 476,48 12 176,65 12 176,65 1 826,50 6 236,33 6 236,33 935,45 15 768,78 15 768,78 2 365,32 5 893,90 5 893,90 884,09 15 667,87 15 667,87 2 350,18 8 605,88 8 605,88 1 290,88 2 279,60 2 279,60 341,94 32 899,17 32 899,17 4 934,88 8 658,17 8 658,17 1 298,73 5 257,28 5 257,28 788,59 20 732,39 20 732,39 3 109,86 16 994,01 16 994,01 2 549,10 4 844,61 4 844,61 726,69 TOTALE TOTALE 730 296,79 109 544,52

Le zone residenziali periubane Cp sono destinate prevalentemente alla realizzazione di residenze nei comprensori agricoli lungo direttrici storiche gi dotate o facilmente dotabili delle opere di urbanizzazione primaria. Oltre, la residenza, sono compatibili, le destinazioni duso extra residenziali, legate all'uso del territorio agricolo e per attivit ricettive, escluso quelle alberghiere. L'indice di Fabbricabilit Territoriale non potr superare il limite di IF 0,15 mc/mq. Il P.R.G., parte Operativa, tenuto conto dei valori paesaggistici ed ambientali assegner ad ogni comparto un incremento massimo di cubatura rispetto ai volumi gi edificati o assentiti alla data di adozione del P.R.G., parte strutturale. Gli interventi si attuano mediante intervento edilizio diretto nel rispetto delle prescrizioni ed obblighi individuati dal P.R.G. Parte operativa che dovranno essere accettati e sottoscritti tramite Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica e quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria, dei parcheggi e dei servizi pubblici, delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio, con particolare riferimento agli elementi caratterizzanti il paesaggio. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le aree destinate all'edificato residenziale; e aree destinate alle urbanizzazioni primarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare. Le aree per l'urbanizzazione secondaria saranno di norma monetizzate secondo i parametri stabiliti dall'Ente, salvo prescrizioni
Pag. 77

diverse del P.R.G., parte Operativa. Di norma nei singoli interventi dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 50 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte Operativa per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. Laltezza massima delle nuove costruzioni, non potr superare mt. 4,50. Le aree da riservare o monetizzare per lurbanizzazione secondaria: 14 mq/150 mc Distanza dai confini e dal confine stradale: pari alla met delledificio pi alto con un minimo di m 5.00, salvo quanto previsto dal codice della Strada. Distanza dai fabbricati e dalle pareti finestrate: pari allaltezza delledificio pi alto e comunque non inferiore a m 10.00. Le caratteristiche degli interventi edilizi in queste zone saranno precisati nel P.R.G., parte Operativa , da Piani specifici di settore e dal Regolamento Edilizio. 2) Zone Cp* Zone residenziali periurbane Il P.R.G. parte, strutturale individua i seguenti comparti che, il P.R.G. parte Operativa, potr ulteriormente suddividere:
ZONE CP * Superficie territoriale mq 5 029,22 2 668,48 43 487,07 432,05 4 120,04 2 012,91 5 435,29 6 709,41 4 415,32 7 864,76 12 611,18 12 299,39 4 841,86 4 718,51 Cubatura Superficie max. fondiaria Realizzabile mq mc 5 029,22 2 668,48 43 487,07 432,05 4 120,04 2 012,91 5 435,29 6 709,41 4 415,32 7 864,76 12 611,18 12 299,39 4 841,86 4 718,51 TOTALE 116 645,49 350,00 350,00 350,00 350,00 350,00 350,00 350,00 350,00 350,00 350,00 350,00 350,00 350,00 350,00 TOTALE 4 900,00

ID comparto Cp*-01 Cp*-02 Cp*-03 Cp*-04 Cp*-05 Cp*-06 Cp*-07 Cp*-08 Cp*-09 Cp*-10 Cp*-11 Cp*-12 Cp*-13 Cp*-14

Localit Termine Termine Termine Termine Cannucciano Cerreta Casa Paterni Il Poggio Il Poggio Il Poggio Il Poggio Il Poggio Il Poggio Coppe

La volumetria massima consentita sulla superficie fondiaria di 350 mc. Il P.R.G. Parte operativa individuer la localizzazione della volumetria ammessa. Tutte le altre prescrizioni sono quelle delle zone Cp. 3) Zone Cp** Zone residenziali periurbane
Pag. 78

Il P.R.G. parte, strutturale individua i seguenti comparti che, il P.R.G. parte Operativa, potr ulteriormente suddividere:
ZONE CP * Superficie territoriale mq 6 442,53 14 051,07 Cubatura Superficie max. fondiaria Realizzabile mq mc 6 442,53 14 051,07 TOTALE 20 493,60 450,00 450,00 TOTALE 900,00

ID comparto Cp**-01 Cp**-02

Localit Vascigliano Vascigliano

La volumetria massima consentita sulla superficie fondiaria di 450 mc. edificabile applicando l'indice di 0,15 sulla superficie di mq. 3.000. Tutte le altre prescrizioni sono quelle delle zone Cp.

Pag. 79

CAPITOLO IV ZONE PRODUTTIVE


ARTICOLO 24 - ZONE INDUSTRIALI E ARTIGIANALI DI COMPLETAMENTO - DLe zone industriali e artigianali di completamento sono destinate prevalentemente alla realizzazione di costruzioni ad uso industriale ed artigianale. Oltre le attivit produttive , sono compatibili le destinazioni duso di seguito riportate: Oltre le attivit produttive , sono compatibili le destinazioni duso di seguito riportate: linstallazione di magazzini, magazzini con vendita diretta al minuto aventi una superficie destinata alla vendita non superiore al 30% della superficie coperta destinata allindustria/artigianato, depositi, silos, rimesse, ricoveri camper, uffici, esposizioni e mostre connesse alle attivit di produzione locale; edifici di abitazione per il personale di custodia e per i titolari delle aziende. Tali costruzioni non possono superare i due piani fuori terra e complessivamente la superficie lorda di mq 300 se sviluppati su un piano, o di mq 150 per piano se sviluppati su due piani, misurata allesterno dei muri perimetrali, esclusa leventuale scala condominiale. In aggiunta a tale superficie consentito un piano seminterrato destinato a pertinenze (cantine, magazzini, garage, parcheggi, ecc.) dellingombro massimo del fabbricato ad uso abitazione o un piano pilotis di altezza netta non superiore a m 3,00. Per gli immobili esistenti sono inoltre consentite le seguenti destinazioni duso per attivit compatibili: a) Attivit assistenziali (ambulatori); b)Formazione e aggiornamento professionale, convegnistica; c) Attivit sportive (palestre, circoli sportivi); d) Pubblici esercizi (mense, ristoranti, bar, ecc.); e) Attivit ricettive; e) Attivit direzionali (uffici e studi professionali, banche ed assicurazioni, uffici postali). In tali zone sono vietati gli insediamenti di industrie graveolenti, moleste o nocive definite tali per legge. Il PRG, parte operativa, potr prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nei singoli comparti. Il PRG, Parte Operativa, definir i comparti, stabilir la graduazione degli standards, in relazione alla tipologia di attivit produttiva, con particolare riguardo alla dotazione di parcheggi di uso pubblico afferenti le attivit commerciali. Gli interventi di nuovi comparti e quelli di ristrutturazione urbanistica e ambientale si attuano mediante Piano Attuativo dei comparti cos come individuati dal P.R.G. Parte operativa. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria, dei parcheggi e dei servizi pubblici, delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le superfici coperte e le e aree destinate alle urbanizzazioni primarie e secondarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare. Di norma nel comparto dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 30 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte operativa per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. L'attuazione delle previsioni nei singoli comparti subordinata alla stipula di una Convenzione o di

Pag. 80

Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica e quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. Gli scarichi di fognatura o simili sono consentiti solo dopo preventiva depurazione secondo le disposizioni sanitarie impartite dagli organi competenti e nel rispetto delle leggi ed i regolamenti vigenti in materia. Gli edifici industriali ed artigianali non hanno limiti di cubatura, altezza e numero di piano ma dovranno di norma rispettare i seguenti limiti e prescrizioni: a) parcheggi destinati alle costruzioni: 10% della volume coperto degli edifici; b) parcheggi pubblici inerenti lurbanizzazione primaria: 5% della superficie fondiaria; c) distanza dai confini e dal confine stradale: pari alla met delledificio pi alto e comunque non inferiori a m 5,00; d) distanza tra i fabbricati: pari allaltezza delledificio pi alto e non inferiore a m 10,00; e) distanza minima degli edifici dal piede dellargine del torrente: m 10,00 Il P.R.G., parte Operativa, potr prevedere ristrutturazioni urbanistiche di comparti gi edificati per adeguamenti della viabilit principale e secondaria o per riqualificazioni ambientali e potr prevedere .incrementi premiali dei diritti edificatori. Allinterno delle propriet dovranno, altres, essere previsti gli spazi necessari alle operazioni di movimento, carico e scarico di materiali dagli automezzi senza arrecare intralcio ed ingombro nelle strade di servizio della zona produttiva. Il P.R.G., parte Operativa, indicher i provvedimenti, gli studi, le indagini e quant'altro necessario prima che si attui qualsiasi intervento ed in particolare essere preceduto da uno studio di sistemazione idraulica del fosso di Stroncone e dei necessari lavori a cura del Comune e degli altri soggetti interessati, con la pi opportuna gradualit dei tempi esecutivi. ARTICOLO 25 - INDUSTRIALI E ARTIGIANALI MISTE -D1Nelle zone industriali consentito, mediante piano Attuativo convenzionato, limpianto stabile di costruzioni ad uso artigianale ed industriale, anche per produzioni legate all'agricoltura. E consentita inoltre linstallazione di magazzini, con vendita diretta aventi una superficie destinata alla vendita non superiore al 30% della superficie coperta destinata allindustria/artigianato, depositi, ricoveri per camper, rimesse, uffici, esposizioni, mostre connesse alle attivit di produzione locale, silos, ecc.. E consentita la costruzione di edifici di abitazione per il personale di custodia e per i titolari delle aziende. Tali costruzioni non possono superare i due piani fuori terra per una superficie massima di mq 300 se sviluppati su un piano, o di mq 150 per piano se sviluppati su due piani, misurata allesterno dei muri perimetrali, esclusa leventuale scala condominiale. In aggiunta a tale superficie consentito o un piano seminterrato destinato a pertinenze (cantine, magazzini, garage, parcheggi, ecc.) dellingombro massimo del fabbricato ad uso abitazione, o un piano pilotis di altezza netta non superiore a m 2.50. In tali zone sono vietati gli insediamenti di industrie graveolenti, moleste o nocive definite tali per legge. Gli scarichi di fognatura o simili sono consentiti solo dopo preventiva depurazione secondo le disposizioni sanitarie impartite dagli organi competenti e riflettenti le leggi ed i regolamenti vigenti in materia. Gli edifici industriali o artigianali non hanno limiti di cubatura, altezza e numero dei piani ma dovranno rispettare i limiti di distanza dai confini e dalle strade nonch le prescrizioni sui parcheggi pubblici, come indicato nei seguenti
Pag. 81

paragrafi c), d) ed f). Nelle zone sottoposte a vincolo ambientale e paesaggistico consentita un'altezza massima di mt.6,50. Allinterno delle propriet dovranno, altres, essere previsti gli spazi necessari alle operazioni di movimento, carico e scarico di materiali dagli automezzi senza arrecare intralcio ed ingombro nelle strade di servizio della zona industriale. In tali zone il piano si attua mediante Piani Attuativi con una superficie minima di intervento di mq 30000, quando la superficie di intervento non sia gi individuata nelle tavola di P. R.G. Parte Operativa, come comparto a se stante. Nellattuazione dellintervento, di norma, dovranno essere rispettate le seguenti prescrizioni: a) indice di utilizzazione territoriale: 4500 mq/ha; b) aree per urbanizzazione secondaria: 10% della superficie territoriale; c) parcheggi destinati alle costruzioni: 10% del volume degli edifici; d) parcheggi pubblici inerenti lurbanizzazione primaria: 5% della superficie fondiaria; e) distanza dai confini e dal confine stradale: pari alla met delledificio pi alto e comunque non inferiore a m 5.00; f) distanza tra i fabbricati: pari allaltezza delledificio pi alto e comunque non inferiore a m 10.00; g) distanza dai fossi: vale quanto previsto dalla normativa vigente. I proprietari dovranno cedere al Comune le aree relative allurbanizzazione primaria e, nella quantit prescritta al paragrafo b), le aree relative alla urbanizzazione secondaria, in alternativa il Comune potr monetizzare il valore di parte di dette aree che rimarranno in propriet ai proprietari. Il P.R.G., parte Operativa, potr prevedere ristrutturazioni urbanistiche di comparti gi edificati per adeguamenti della viabilit principale e secondaria o per riqualificazioni ambientali e potr prevedere .incrementi premiali dei diritti edificatori. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le superfici coperte e le e aree destinate alle urbanizzazioni primarie e secondarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare. Far carico ai proprietari anche una quota parte delle opere di urbanizzazione secondaria o delle opere di allacciamento ai pubblici servizi come prescritto dalla Convenzione. Di norma nel comparto dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 30 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte operativa per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. ARTICOLO 26 - ZONE - Dt - ATTREZZATURE TURISTICO-RICETTIVE In queste zone consentito realizzare costruzioni per attivit turistico-ricettive quali: esercizi alberghieri, e per attivit ricettive extra alberghiere, case per vacanze, residenze temporanee, nonch per attivit di ristorazione nei limiti previsti dalla L.R.18/2006; sono anche ammessi interventi quali: alloggi per anziani ( residenziale assistito) e /o nuclei di cura. Il PRG, Parte Operativa, definir i comparti, attribuir la volumetria massima realizzabile per ogni comparto e individuer la percentuale da destinare ad abitazioni con qualifica di seconde case. Gli interventi si attuano mediante Piano Attuativo dei comparti cos come individuati dal P.R.G. Parte operativa, nel quale, di norma, si dovranno rispettare le seguenti regole: - l'altezza massima fuori terra non potr superare i 5,50 m sia a monte che a valle; - l'indice di fabbricazione massimo sar di 0,5 mc per ogni mq di superficie fondiaria; - la distanza minima dai confini e strade sar di m 5,00; - sono consentite costruzioni da adibire ad abitazione del personale di custodia o per il titolare per un massimo di 500 mc. I nuovi parcheggi, pubblici e privati, dovranno esser dotati di sistemi per evitare la dispersione di
Pag. 82

oli e altre sostanze inquinanti nel sottosuolo. I Piani attuativi dovranno precisare i sistemi e i criteri per procedere al recupero delle acque piovane ed alla permeabilit dei suoli, al raggiungimento di livelli ottimali di soleggiamento dei fabbricati per garantire maggiore risparmio energetico. Nelle zone montane, le finiture e le sistemazioni esterne degli edifici dovranno rispettare le norme di edificazione previste dal regolamento edilizio per i Prati e Cimitelle. In ogni lotto dovranno essere messi a dimora almeno un albero ogni 100 mq di superficie fondiaria. Gli alberi dovranno essere di alto fusto di specie uguali a quelle presenti in zona e di altezza non inferiore a m 2,00. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria, dei parcheggi e dei servizi pubblici, delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le aree destinate all'edificato necessario per le attivit turistico-ricettive e le aree destinate alle urbanizzazioni primarie e secondarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare. Di norma nel comparto dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 40 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte operativa per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. L'attuazione delle previsioni nei singoli comparti subordinata alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica e quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. In particolare, P.R.G., parte Operativa, dovr regolare ed incentivare interventi eco sostenibili, coniugando la salvaguardia dell'ambiente e delle risorse naturali con il benessere e la salute degli individui, in cui l'obiettivo primario il risparmio delle risorse naturali. Il P.R.G., parte Operativa, dovr regolamentare la salvaguardia: della risorse idriche, la permeabilit dei suoli, comprese le aree di pertinenza degli edifici, per garantire un adeguato ricarico naturale dei corpi idrici, la tutela delle falde sotterranee da agenti inquinanti. Il P.R.G., parte Operativa, dovr normare e incentivare il miglioramento delle prestazioni energetiche dei fabbricati e la produzione di energia pulita.

CAPITOLO V ZONE AGRICOLE E BOSCHIVE


ARTICOLO 27 DISPOSIZIONI GENERALI. Il P.R.G., sulla base dei criteri suggeriti dal PTCP, per quanto attiene lo spazio rurale, distingue nelle tavole di progetto le seguenti sottozone: E1 zona agricola con funzione di Unit di connessione della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000; E2 zona agricola con funzione di Fascia di biopermeabilit (connettivit) della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000; E3 zona agricola con funzione di Corridoio della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000; E4 zona boschiva.

Pag. 83

Le attivit consentite nellambito dello spazio rurale sono quelle agricole, residenziali, produttive e terziarie, e le finalit da perseguire sono le seguenti: a.) la valorizzazione delle produzioni agricole tipiche del luogo; b) la conservazione e riproduzione degli equilibri ambientali essenziali in una prospettiva di sviluppo sostenibile; c) il recupero e la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente e la valorizzazione del paesaggio agrario e boschivo; d) la creazione di un'offerta di servizi e di strutture, anche telematiche, in rete e complementari a quelle urbane, per garantire alle popolazioni residenti adeguata redditivit da lavoro e qualit della vita, nonch un agevole accesso ai servizi di ambito urbano; e) il conseguimento di uno sviluppo rurale durevole e sostenibile fondato su un'equilibrata gestione delle risorse naturali, che garantisca il mantenimento dei caratteri della biodiversit; f) la diversificazione e l'integrazione delle varie attivit economiche, sia per migliorare la ricchezza di componenti dello spazio rurale, che per contenere i rischi di crisi dovute a produzioni monocolturali. ARTICOLO 28 NORME GENERALI ZONE AGRICOLE -E1. Il P.R.G. disciplina l'uso dello spazio rurale in coerenza con i principi, i criteri e le azioni previste dalla programmazione regionale (P.U.T.) e Provinciale (P.T.C.P.), al fine di salvaguardare la funzione che i terreni agricoli svolgono per il sistema socio economico, per la difesa dell'ambiente, per l'integrit del paesaggio e per la conservazione degli aspetti storici e culturali. 2. Ai fini dell'applicazione del presente capitolo, si assumono le seguenti definizioni: a) impresa agricola: quella condotta dall'imprenditore agricolo sotto qualsiasi forma, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 2135 del codice civile, in possesso dei requisiti- previsti dall'articolo 5 del regolamento del Consiglio della Comunit europea n. 1257 del 17 maggio 1999, con una adeguata capacit di reddito; b) nuovi edifici: sono quelli di nuova costruzione destinati a residenza, ad attivit produttive agricole e attivit connesse; c) edifici esistenti, ai fini dell'articolo 35, commi 1, 5, 7 e 8 della L.R. 11/2005: sono quelli presenti e legittimati nel territorio destinato dagli strumenti urbanistici generali a usi agricoli, purch siano stati ultimati i lavori relativi alle strutture alla data del 13 novembre 1997; d) indice di utilizzazione territoriale: il rapporto massimo consentito tra la superficie utile coperta e la superficie di terreno interessato; e) superficie utile coperta: la sommatoria delle superfici coperte ad ogni piano del fabbricato, misurate all'esterno dei muri perimetrali, fatto salvo quanto previsto dalle norme regionali in materia di miglioramento del comfort ambientale e del risparmio energetico di cui agli articoli 37 e 38 della I.r. 1/2004; nel caso in cui l'altezza utile interna dei piani o parti di essi di nuovi edifici ecceda i metri lineari tre e cinquanta, la superficie utile coperta conteggiata dividendo il relativo volume per tre e cinquanta (3,50). La superficie utile coperta dei piani completamente interrati e seminterrati ottenuta moltiplicando la superficie utile coperta complessiva del piano per il rapporto tra la superficie delle pareti fuori terra o scoperte del piano medesimo e la superficie complessiva delle pareti del piano stesso. La superficie delle pareti fuori terra misurata rispetto al piano naturale di campagna ante operam. Ai fini del computo di cui sopra il piano completamente interrato deve comunque far parte di edifici costituiti da uno o pi piani fuori terra e la sua
Pag. 84

superficie planimetrica non deve eccedere quella del piano sovrastante. La superficie del piano completamente interrato che ecceda quella del piano sovrastante, deve essere computata per intero e, nel caso di realizzazione del solo piano completamente interrato, si computa la sua intera superficie utile coperta; f) singolo edificio: si intende l'immobile nel suo complesso costituito anche da pi unit immobiliari, nonch ciascuna unit immobiliare individuabile come organismo edilizio strutturalmente autonomo da cielo a terra per tipologia costruttiva, nonch per consistenza catastale e propriet, ancorch posta in contiguit con altre; g) piano aziendale: l'insieme delle azioni tese al miglioramento produttivo e ambientale delle attivit dell'impresa agricola, secondo criteri di sostenibilit ambientale del processo produttivo. Il Piano prevede in via prioritaria l'utilizzo e il recupero degli edifici esistenti, nonch la realizzazione di nuovi edifici, in coerenza con le esigenze dell'impresa, contenente gli interventi tesi a valorizzare il paesaggio rurale interessato. Il piano aziendale costituisce parte integrante del progetto edilizio; h) piano aziendale convenzionato, di cui all'articolo 34, comma 4, della l.r. 11/2005: ferma restando la definizione contenuta alla lettera g), esso ha valore di piano attuativo di iniziativa privata, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 22 della citata l.r. 11/2005, e la sua realizzazione, relativamente agli interventi previsti, garantita da apposita convenzione; i) progetto d'area per la valorizzazione del paesaggio: un piano attuativo per la valorizzazione del paesaggio e Io sviluppo dello spazio rurale. 3. Gli interventi relativi a nuove costruzioni, ampliamenti e trasformazioni di edifici esistenti nel territorio agricolo sono realizzati nel rispetto delle tradizionali caratteristiche tipologiche e costruttive della edilizia rurale dei relativi territori, individuate dal comune, anche in base a studi e ricerche promossi dalla Regione sul patrimonio architettonico e di interesse toponomastico rurale. 4. In tutte le zone agricole, ivi comprese quelle di particolare interesse agricolo, previste dal P.R.G., compatibile la realizzazione di attrezzature sportive e ricreative di modeste dimensioni strettamente connesse alle abitazioni o alle attivit di tipo ricettivo e agrituristico. In tali zone altres consentita la realizzazione di infrastrutture tecnologiche a rete o puntuali, di rilevante interesse pubblico, fatto salvo quanto previsto al comma 3 e all'articolo 20, comma 3 della L.R.. 27/2000. 5. I comune, in ragione di particolari aspetti ambientali da tutelare ed al fine di ridurre l'impatto nel territorio agricolo, disciplina: a) le caratteristiche degli interventi di cui ai commi 3 e 4; b) le eventuali prescrizioni in ordine alla realizzazione degli interventi di cui al comma 4. 6. Il P.R.G., parte Operativa, pu stabilire indici di utilizzazione territoriale per la realizzazione di nuovi edifici, inferiori agli indici massimi stabiliti all'articolo 34 della L.R. 11/2005, anche tenendo conto del sistema e delle unit di paesaggio di cui all'articolo 3, comma 2, lettera a) lella citata L.R. 11/2005, ove previste dal P.R.G, parte strutturale, e della normativa paesistica, per particolari interessi ambientali da tutelare, nonch tenendo conto delle disposizioni legislative in materia di distretti rurali e agroalimentari di qualit. 7. Il P.R.G individua, con le modalit previste all'articolo 18, commi 3 e 8 e all'articolo 67 della L.R. 11/2005, comma 3, gli edifici sparsi nel territorio costituenti beni immobili di interesse storico, architettonico e culturale oltre a quelli indicati all'articolo 29 della I.r. 27/2000. 8. Il comune, in attuazione dei programmi in materia di valorizzazione del paesaggio, pu approvare progetti d'area di cui all'articolo 32, comma 2, lettera i) della L.R. 11/2005.
Pag. 85

(Realizzazione di nuovi edifici) 9. Nel territorio destinato dal P.R.G. a usi agricoli, l'indice di utilizzazione territoriale massimo consentito per la realizzazione di nuovi edifici destinati a residenza di due metri quadri di superficie utile coperta per ogni ettaro di superficie di terreno interessato. 10. Nel territorio destinato dal P.R.G. a usi agricoli consentita la realizzazione di nuovi edifici per le attivit produttive agricole necessari all'attivit dell'impresa, con un indice di utilizzazione territoriale massimo di quaranta metri quadri di superficie utile coperta per ogni ettaro di superficie di terreno interessato. Le serre qualora non comportino trasformazione permanente del suolo non costituiscono superficie utile coperta. La realizzazione di tali edifici subordinata alla presentazione al comune di un piano aziendale. 11. La realizzazione di nuovi edifici, di cui al precedente comma 10, subordinata alla condizione che l'impresa agricola eserciti la sua attivit su superfici non inferiori a cinque ettari, con esclusione delle aree boscate di cui all'articolo 15, commi 1, 2 e 8 della Le 27/2000, 12. L'impresa agricola pu realizzare nuovi edifici ai sensi del precedente comma 10 in deroga all'indice di utilizzazione, nonch alla superficie di cui al comma 11 che comunque non devono risultare, rispettivamente, superiore a cento metri quadri di superficie utile coperta per ettaro e inferiore a tre ettari, nei casi previsti al comma 13, previa approvazione di un piano aziendale convenzionato, Il piano approvato dal comune, secondo le procedure previste dall'articolo 24 della L.R. 11/2005, previo parere favorevole della Regione in merito alla congruit dell'intervento previsto in rapporto alla potenzialit produttiva dell'impresa agricola. L'approvazione non comporta l'applicazione delle disposizioni di cui all'articolo 68, comma 2 della citata L.R. 11/2005. 13. Gli interventi in deroga di cui al comma 12 sono consentiti esclusivamente per produzioni tipiche di qualit, ad alta redditivit, anche a seguito di piani regionali di riconversione produttiva, nonch coerenti con la programmazione regionale di settore, da definire con le norme regolamentari di cui all'art. 62, comma 1 lettera h) della L.R. 11/2005 che individuano le specialit produttive, le tipologie degli impianti, nonch le caratteristiche edilizie degli edifici al fine di favorirne l'inserimento nell'ambiente rurale. 14. L'altezza massima per i nuovi edifici residenziali, di cui al comma 9 fissata in metri cinque e cinquanta (5,50 m) dal piano di campagna tranne che per le zone montane in cui l'altezza massima fissata in metri quattro e cinquanta (4,50 m). 15. Gli interventi di cui ai commi 9, 10, 11 e 12 sono subordinati alla costituzione, prima del rilascio del titolo abilitativo, di un vincolo di asservimento dei terreni interessati, registrato e trascritto nei modi previsti dalla legge, nei limiti della superficie utile coperta prevista dall'intervento. Il vincolo relativo agli interventi di cui sopra riguarda i terreni corrispondenti all'applicazione del relativo indice di utilizzazione territoriale considerando la superficie utile coperta sia del nuovo edificio che quella di tutti gli edifici dell'impresa agricola. 16. Sui nuovi edifici per attivit diverse dalla residenza, di cui ai precedenti commi 9 e 12 e nei casi di utilizzazione di singoli annessi agricoli per attivit agrituristiche, costituito un vincolo di destinazione d'uso ventennale decorrente dalla data di ultimazione dei lavori, registrato e trascritto nei modi previsti dalla legge.

Pag. 86

17. L'applicazione dell'indice di utilizzazione territoriale per la realizzazione di nuovi edifici al servizio dell'impresa agricola effettuata tenendo anche conto di terreni non contigui. Tale applicazione ammessa anche per terreni ricadenti in comuni confinanti e, in caso di edifici diversi. dalla residenza, previa comunicazione ai comuni interessati. Per la localizzazione di nuovi edifici, con le modalit di cui sopra, resa in sede progettuale ampia e motivata dimostrazione, al fine di ridurre sia l'impatto ambientale che l'eccessivo sviluppo delle reti infrastrutturali e di servizio. 18. Ai fini dell'applicazione dell'indice di utilizzazione territoriale, sono considerati tutti gli immobili del richiedente il titolo abilitativo esistenti sui terreni interessati al momento della presentazione della domanda al comune, tenendo conto dei vincoli di asservimento gi gravanti sui terreni, nonch di tutti gli edifici esistenti o in corso di costruzione alla data del 13 novembre 1997, ancorch oggetto di successivo trasferimento, frazionamento di propriet, o cambiamento di destinazione d'uso. (Interventi relativi agli edifici esistenti) 19. Nei singoli edifici destinati a residenza sono ammessi gli interventi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, nonch, per quelli gi esistenti alla data del 13 novembre 1997, ampliamenti per un incremento massimo di cento metri quadri di superficie utile coperta, purch la superficie utile coperta complessiva del singolo edificio oggetto di intervento, comprensivo dell'ampliamento, non risulti superiore a quattrocentocinquanta metri quadri. In caso di ampliamento, l'altezza massima della parte ampliata pu eccedere il limite di metri lineari cinque e cinquanta, e comunque non superiore dell'altezza massima dell'edificio esistente. 20. L'ampliamento di cui al precedente comma 19 comprensivo di quelli gi realizzati in applicazione della normativa previgente la LR 11/2007. 21. Per gli edifici di gli edifici sparsi nel territorio costituenti beni immobili di interesse storico, architettonico e culturale oltre a quelli indicati all'articolo 29 della I.r. 27/2000 si applicano le norme di cui al precedente articolo articolo 19 delle presenti norme. 22. Per gli edifici rurali esistenti, non adibiti a residenza, sono consentiti gli interventi edilizi di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, di restauro e risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia ed urbanistica, al fine di migliorare la qualit strutturale e favorire la riqualificazione urbanistica e ambientale. Gli interventi di ristrutturazione urbanistica, con riferimento ai quali prevista la demolizione e ricostruzione degli edifici in sito diverso, sono consentiti purch la ricostruzione del fabbricato avvenga nelle aree dove sono gi presenti insediamenti edilizi di tipo abitativo, produttivo o ricettivo, entro cinquanta metri dall'insediamento edilizio pi vicino e comunque nel rispetto della disciplina del sistema e delle unit di paesaggio di cui all'articolo 3, comma 2 della L.R. 11/2005, ove prevista dal PRG. L'eventuale delocalizzazione di edifici destinati ad attivit zootecniche, ai fini delle riqualificazione urbanistica degli ambiti interessati, comunque effettuata nel rispetto delle norme igienico sanitarie, e di quanto previsto all'articolo 27, comma 6 della I.L 27/2000 o comunque in allontanamento. 23. La ricostruzione in sito diverso di edifici rurali esistenti, non adibiti a residenza, da parte dell'impresa agricola, consentita nell'ambito dell'azienda previa presentazione al comune di piano aziendale.

Pag. 87

24. Gli interventi negli edifici destinati a residenza di cui ai precedenti commi 19 e 21 possono comprendere anche il cambiamento di destinazione d'uso dell'intero edificio, incluso l'eventuale ampliamento, ai fini residenziali, per attivit extra alberghiere, per residenze d'epoca, nonch per servizi connessi all'attivit agricola, 25. Per gli edifici rurali esistenti alla data del 13 novembre 1997, non adibiti a residenza, gli interventi di cui al comma 22 possono comprendere anche il cambiamento di destinazione d'uso, come previsto al comma 24, purch tali edifici siano in muratura o a struttura in cemento armato o metallica chiusa almeno su tre lati e purch ricadenti nelle aree dove sono gi presenti insediamenti edilizi di tipo abitativo, o ricettivo, entro cinquanta metri da questi e limitatamente a una superficie utile coperta di duecento metri quadri per ciascuna impresa agricola o propriet fondiaria, da realizzare in un unico edificio. Negli interventi di cui sopra sono computate le superfici gi eventualmente interessate da cambiamento di destinazione d'uso in applicazione della normativa previgente, ancorch oggetto di successivo trasferimento o frazionamento di propriet. E' fatto salvo quanto previsto dalle normative in materia di agriturismo. 26. Gli interventi di ristrutturazione urbanistica e/o di cambiamento della destinazione d'uso per gli edifici di cui ai precedenti commi 22 e 25, nonch gli interventi di ampliamento di cui al comma 21, sono condizionati all'approvazione di un piano attuativo per il quale non si applicano le disposizioni di cui all'articolo 68, comma 2 della L.R. 11/2005. 27. Il comune, in sede di adozione del piano attuativo di cui al precedente comma 26 valuta l'entit dei manufatti da ricomprendere nell'intervento, in ragione degli obiettivi di riqualificazione da raggiungere per il miglioramento delle condizioni del territorio e dei manufatti edilizi presenti, con particolare riferimento alle aree sottoposte a vincolo di cui al d.lgs. 42/2004 ed alla normativa paesistica. Il piano attuativo dovr inoltre tutelare gli edifici eventualmente presenti che rivestono interesse storico - architettonico, gli elementi del paesaggio antico, nonch l'edificato civile di particolare rilievo architettonico e paesistico, anche in riferimento alle disposizioni regionali in materia. Il comune, in caso di interventi di demolizione e successiva ricostruzione in sito diverso, tenuto ad accertare che la demolizione dell'edificio preesistente avvenga preliminarmente agli interventi di ricostruzione. 28. Gli interventi concernenti il cambiamento di destinazione d'uso, di cui al comma 25, sono subordinati alla costituzione, prima del rilascio del titolo abilitativo, di un vincolo di asservimento dei terreni interessati, registrato e trascritto nei modi previsti dalla legge. Il vincolo riguarda i terreni necessari e corrispondenti all'applicazione dell'indice di utilizzazione territoriale per le nuove costruzioni, di cui all'articolo 34, comma 2 della L.R. 11/2005, considerando la superficie utile coperta degli immobili interessati dall'intervento. In carenza di terreno necessario ai fini dell'applicazione dell'indice di utilizzazione territoriale sono vincolati i terreni agricoli di propriet del richiedente comunque disponibili nel territorio comunale. ARTICOLO 29 ZONA - E1 - zona agricola con funzione di Unit di connessione della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000 1.In queste zone valgono le norme generali di cui al precedente articolo 28 per le zone agricole con le prescrizioni e restrizioni di seguito elencate. 2.I nuovi interventi edificatori nelle zone E1 devono essere corredati di uno studio di incidenza ed

Pag. 88

inserimento ecologico e paesaggistico, redatto da figura professionale abilitata e competente ai fini dello specifico studio. Lo studio deve essere mirato ad individuare e valutare i principali effetti che i lavori progettuali possono avere sulla struttura portante degli habitat naturali e sugli elementi fissi del paesaggio e dellagro-ecosistema, alla luce degli obiettivi di conservazione degli stessi. Partendo dallanalisi dellinquadramento stazionale e biologico dei siti interessati dallintervento, con individuazione degli aspetti geografici, geobotanici e faunistici, nonch dei livelli di vulnerabilit degli habitat e delle specie presenti nel sito, dovranno essere descritti gli interventi di trasformazione previsti nel progetto e la loro presunta incidenza sugli habitat e le specie presenti nei siti. Infine dovranno essere individuate le misure idonee ad evitare, ridurre o compensare gli effetti negativi sugli habitat e sulle specie presenti nei siti. 3.Nelle zone E1 localizzate nel PRG, la realizzazione di opere infrastrutturali in particolare viarie e ferroviarie, ove consentita, non deve costituire barriera, le medesime devono essere adeguate allart. 11 comma 2 della L.R. 16/12/1997, n. 46, e devono essere previsti interventi di ambientazione. 4.Nelle zone E1 localizzate nel PRG vietato alterare in maniera permanente la vegetazione legnosa spontanea preesistente a seguito di interventi agri colturali e selvi colturali o per lesecuzione di opere pubbliche e private, con lesclusione di quelle indicate al punto precedente e salvo quanto precisato ai punti successivi. 5.Nelle zone E1 comunque consentita la coltivazione delle aree agricole e boscate ivi ricomprese, purch sia condotta secondo i criteri e le modalit previste negli articoli da 28 a 33 e da 119 a 128 delle NTA del PTCP, in armonizzazione con le norme dettate dagli articoli da 142 a 147 delle medesime NTA del PTCP riguardanti le Unit di Paesaggio interessate, nonch con le norme di salvaguardia previste per le aree boschive di cui al successivo art. 32 delle NTA del PRG Parte Strutturale. 6.Nel caso in cui la zona E1 relativa ad unit di connessione ecologica ricada in aree SIC e/o ZPS ai sensi delle Direttive 92/43/CEE e 79/409/CEE, varranno e saranno applicate prioritariamente le norme gestionali previste nei rispettivi Piani di Gestione adottati dalla Regione Umbria. 7.Nelle aree E1 possono essere ricomprese aree urbanizzate o oggetto di pianificazione edificatoria che non ne interrompano la connettivit, prevedendo adeguati varchi per garantire la biopermeabilit, evitando fenomeni di linearizzazione urbana e prevedendo interventi di riambientazione e riconnessione secondo soluzioni e tecniche di seguito indicate. 8.Soluzioni progettuali e tecniche da adottare per interventi di salvaguardia e/o miglioramento della connettivit ambientale. A)Infrastrutture lineari (strade, ferrovie, canali, etc.)
realizzazione

di attraversamenti per la fauna ubicati in corrispondenza delle accertate rotte di spostamento, con vegetazione agli ingressi in funzione di invito e con siepi e similia schermanti dal territorio antropizzato; di dispositivi di risalita per la fauna caduta in pozzetti di scolo delle banchine stradali e/o in canali artificiali; di sagome anticollisione volatili su pannelli fonoassorbenti trasparenti eventualmente installati;

realizzazione apposizione messa

in opera di posatoi per uccelli (soprattutto rapaci notturni) ai lati delle strade (circa 5 m dal bordo stradale) nei punti di pi frequente impatto per tali volatili. B)Infrastrutture lineari (elettrodotti e cavi aerei) Per gli elettrodotti a media tensione:

Pag. 89

interramento uso

delle linee ovunque possibile;

di conduttori ricoperti di guaina isolante ad evitare rischi di elettrocuzione per gli uccelli nei nuovi tracciati, o in alternativa distanza tra i cavi maggiore di m 1.50; di posatoi, dissuasori e segnalatori sui pali o lungo le linee. Per gli elettrodotti ad alta tensione:
apposizione

apposizione

di segnalatori lungo le linee, ad evitare rischi di collisione degli uccelli.

C)Edifici
apposizione

di sagome e/o strisce anticollisione volatili su vetri o pannelli di materiali trasparenti o

riflettenti;
apposizione apposizione adozione,

di rete metallica a maglia elettrosaldata da cm 2 intorno alle aperture di comignoli e/o canne fumarie in genere, per impedire lintrappolamento di animali;

di nidi artificiali (per rapaci notturni come barbagianni e civetta, per rondini e rondoni, per pipistrelli, etc.) sugli edifici per favorire le specie utili e/o rare; negli interventi edilizi, di accorgimenti tipologico-architettonici atti a mantenere o incrementare lofferta di rifugio per la fauna. D)Corsi dacqua
realizzazione

di scale o rampe di risalita per pesci in corrispondenza di punti di discontinuit del corso fluviale (dighe, briglie, etc.). E)Aree di verde pubblico o privato o per servizi.
adozione

di azioni e tecniche in grado di enfatizzare i contenuti naturalistici di queste aree, come:

progettuale volta ad esaltare linterconnessione tra i vari elementi strutturali tale da potenziarne la funzione di habitat per specie faunistiche di interesse, piuttosto che a rilevarne un contenuto estetico formale, artificializzato e frammentato;
realizzazione

organizzazione

di fasce o macchie verdi con vegetazione arborea ed arbustiva intorno agli elementi artificiali e/o nelle aree residuali intercluse, in grado di unire le funzioni di quinta e mascheramento a quelle di connessione ecologica per specie di interesse;
utilizzo

di specie autoctone per il corredo vegetazionale scelte tra quelle di cui allAllegato W del R.R. 7/2002 ai sensi dellart. 105 c.3 del medesimo Regolamento. 9.Soluzioni progettuali e tecniche da adottare per interventi di riambientazione. Gli interventi di riambientazione saranno informati ai seguenti criteri: uso delle tecniche dellIngegneria Naturalistica cos come normate dagli artt. da 82 a 91 delle N.T.A. del PTCP in armonizzazione con quanto previsto nellart. 52 delle NTA del PRG parte strutturale per gli interventi di consolidamento, stabilizzazione, recupero e bonifica di sponde ed alvei fluviali, versanti, scarpate, cave, discariche ed aree contaminate, per gli interventi di realizzazione, sistemazione, manutenzione e ripristino della viabilit rurale e montana e della sentieristica, nonch per gli interventi di mitigazione ed inserimento ambientale delle reti tecnologiche ed infrastrutturali, delle aree produttive ed industriali, delle lottizzazioni e delle opere

Pag. 90

di urbanizzazione primaria e delle opere di scavo in genere; mantenimento e/o neoformazione di punti dacqua stagni, pozze, invasi, ristagni idrici temporanei, etc. con profondit preferibilmente non superiore al metro, come riferimento primario negli interventi di riambientazione, ripristinando la vegetazione erbacea, arbustiva ed arborea autoctona allintorno; mantenimento e/o neoformazione delle formazioni spontanee arbustive e delle fasce ecotonali di larghezza non inferiore al metro - tra zone boscate , zone coltivate o zone di insediamento; mantenimento o ripristino di siepi, filari arborei, vegetazione ripariale, boschetti, alberate (vigneti maritati), muri a secco, macere, ciglioni, terrazze, scarpate naturali, ed ogni altro elemento tipico del paesaggio rurale, storico e culturale, lungo la viabilit rurale e montana, al limite degli appezzamenti ed in ogni altro contesto significativo dellambito intercomunale; mantenimento e ripristino di sistemi di lavorazione dei terreni agricoli compatibili con la salvaguardia e conservazione dei suoli: cavalcapoggio nelle medie pendenze, girapoggio in quelle elevate, arature di profondit non superiore a m 0,50, reticoli di sgrondo lento delle acque meteoriche, etc.; ripristino della permeabilit del suolo ovunque possibile in ambito urbano, periurbano e rurale; adozione delle tecniche della selvicoltura naturalistica nella coltivazione forestale, in particolare: a)distribuzione degli interventi di utilizzazione su superfici non superiori ad Ha 5 per stagione, lasciando fasce boscate intatte o sottoposte ad altri tipi di intervento (diradamenti, avviamenti allalto fusto, etc.) al fine di aumentare la diversit strutturale del bosco; b)adozione delle tecniche di matricinatura a gruppi al posto di quella tradizionale, per accrescere la vigoria del bosco, limitare limpatto paesaggistico degli interventi di utilizzazione e soprattutto aumentare numero e tipo di nicchie ecologihe (ovvero lindice di biodiversit) nellambito di riferimento; c)mantenimento di un certo numero di piante mature o stramature ed anche di alcune morte o marcescenti in piedi; d)promozione degli interventi di avviamento e conversione allalto fusto; e)ricorso ad interventi di diradamento localizzato per enfatizzare lincremento dellindice di biodiversit nel bosco; f)agevolazione della formazione delle fasce ecotonali con il mantenimento delle specie di mantello. 10.Per gli interventi edilizi si dovranno evitare sbancamenti e riporti che alterino significativamente lo stato dei luoghi. 11.Sono di norma vietati tutti i movimenti terra non strettamente necessari per gli interventi edilizi autorizzati. Sono comunque vietati gli accumuli permanenti di materiali di risulta da demolizioni o da rottamazione di attrezzature o autoveicoli. 12.La realizzazione degli annessi rurali, nei limiti degli indici fondiari previsti, ammessa in subordine alla presentazione di un Piano di Sviluppo Aziendale, redatto da tecnico abilitato e con specifica competenza professionale in materia, che dimostri la necessit funzionale degli stessi allattuale situazione aziendale o al percorso di sviluppo ipotizzato, evidenziando limpossibilit di

Pag. 91

utilizzare a tali scopi gli edifici esistenti nellazienda agricola. Qualora ammissibile, la realizzazione degli annessi deve avvenire in adiacenza a edifici esistenti o entro il perimetro degli aggregati edificati aziendali, ad eccezione dei casi nei quali sia dimostrata l'impossibilit ad osservare tale prescrizione. 13.Le altezze massime dei nuovi edifici e di quelli ampliati o sopraelevati, nelle zone E1, non potranno superare m 4,50. 14.Per evidenti interventi di restauro paesaggistico/ambientale, ammessa la demolizione e ricostruzione dei volumi incongrui con spostamento dell'ubicazione in altro sito nelle immediate vicinanze attraverso la presentazione di Piano attuativo e sottoscrizione di Convenzione che definisca e regoli l'intervento. 15.Gli interventi edilizi in zona E1 dovranno rispettare le seguenti specifiche tecniche: a)(Materiali). Gli interventi di restauro, di adeguamento e di ricostruzione , sono di regola effettuati con l'impiego di materiali appartenenti alla tradizione locale. b)(Murature). La conservazione, il consolidamento, il ripristino e, nei casi ammessi, la ricostruzione delle murature, sono attuati con l'impiego di tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali. c)(Solai, volte, coperture). Le strutture orizzontali (solai in legno, volte) sono di regola mantenute nelle loro caratteristiche costruttive. La conservazione, la manutenzione, il restauro e il ripristino delle coperture sono attuati con tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali, estese agli elementi accessori (comignoli, gronde, doccioni), fatti salvi gli adeguamenti necessari quali l'impermeabilizzazione e la coibentazione, con esclusione della modifica delle quote d'imposta, di gronda, di colmo e delle pendenze. d)(Facciate e superfici esterne). La conservazione e il restauro delle facciate e delle superfici esterne sono attuati sulla base della valutazione analitica delle tecniche tradizionali, dei materiali e delle successive trasformazioni. Il ripristino generalizzato dell'intonaco su superfici in pietra o in laterizio, al presente a vista, appartenenti ad edifici anteriori al XIX secolo e' consentito solo se rispondente ad esigenze di un corretto e rigoroso restauro. La rimozione degli intonaci tradizionali e' di norma vietata. e)(Infissi e serramenti). Il rinnovo degli infissi esterni e' sottoposto alle limitazioni derivanti dal mantenimento, dell'omogeneit tecnologica propria della tradizione locale. A tal fine dovranno essere utilizzati materiali e tecniche della tradizione locale ed elementi propri dell'edilizia rurale (ante, oscuri, persiane) e non potranno essere impiegati materiali plastici, alluminio anodizzato e leghe metalliche in genere. I portoncini, le cancellate, le inferriate, e gli altri elementi di chiusura e apertura di vani che siano espressione della tradizione locale sono preferibilmente conservati o restaurati; altrimenti sono realizzati con tecniche e materiali uguali o simili agli originali. f)(Strutture di sostegno). Qualora debbano realizzarsi strutture di sostegno o di sottoscarpa, verr evitato l uso del calcestruzzo a vista e realizzazione di superfici continue e di estese dimensioni; verranno invece ricercate soluzioni che utilizzino anche come rivestimento, materiali propri della tradizione costruttiva locale e soluzioni di ingegneria naturalistica e di altezza inferiore a m. 0,50. g)(Pavimentazioni esterne). Le pavimentazioni esistenti, ove di valore tradizionale storico, verranno salvaguardate, ripristinate ed integrate con materiali analoghi per natura, colore e lavorazione; le nuove pavimentazioni esterne dovranno essere eseguite con materiali tradizionali posti in opera secondo tessiture attestate, comunque in tono con il contesto ambientale. Sono vietati interventi distruttivi o sostitutivi con materiali non conformi.

Pag. 92

h)(Recinzioni). Le recinzioni e le cancellate di particolare valore, in particolare quelle in ferro battuto, dovranno essere mantenute per quanto possibile ripristinando le parti mancanti. Gli elementi di recinzione e perimetrazione (muri, steccati, barriere) sono mantenuti, restaurati e ripristinati, nella loro estensione e consistenza materiale, di struttura, di disegno. Sono vietate le recinzioni che alterino profondamente i caratteri del luogo e realizzate con materiali impropri. Le nuove recinzioni verranno progettate come segno strettamente connesso alla struttura ed allaspetto del paesaggio rurale. Le recinzioni dei fondi agricoli o forestali devono in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate. i)(Servizi ed impianti tecnologici). E' ammesso l'adeguamento e l'inserimento di impianti tecnologici, purche' non alterino la struttura statica degli edifici e l'immagine complessiva degli ambiti paesaggistici ed ambientali. j)(Salvaguardia della vegetazione). Deve essere mantenuto il corredo vegetazionale esistente, con lutilizzo, in caso di reimpianto o nuovo impianto di specie autoctone scelte tra quelle di cui allAllegato W del R.R. 7/2002 ai sensi dellart. 105 c.3 del medesimo Regolamento. k)(Regolamentazione degli interventi nel sottosuolo). Negli interventi edilizi possono essere previsti interventi vani interrati esclusivamente per realizzare impianti tecnici, autorimesse e accessori necessari per il funzionamento dell'unit edilizia. La realizzazione di tali vani dovr comunque essere rispettosa della morfologia naturale esistente senza alterarla in maniera significativa. l)(Disciplina degli interventi previsti per il risparmio energetico). Tutti gli elementi necessari per il funzionamento di eventuali installazioni per il risparmio energetico dovranno essere posti in luoghi che non abbiano nessun impatto sull'edificio e sul paesaggio circostante; potranno altres essere mimetizzati a terra in idonee aree circostanti gli edifici. m)(Modalit di controllo della fase di realizzazione degli interventi). Il controllo degli interventi sar monitorato attraverso una documentazione fotografica esaustiva che dovr essere realizzata prima, durante ed a fine lavori. Sar a cura del Committente, tramite il Direttore dei lavori, predisporre tale documentazione asseverata. Il Comune dovr predisporre controlli a campione per verificare quanto dichiarato in sede di richiesta dell'autorizzazione, durante i lavori ed a fine lavori. 17. E' vietato aprire nuovi allevamenti industriali e/o intensivi. 18. Prima della redazione di appositi Piani e Regolamenti di settore, in zona E1 si far riferimento al Regolamento tipo per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente di cui alla D.G.R. n.420/2007. Vista la rilevanza paesaggistica delle sistemazioni esterne, in attesa della redazione di appositi piani di settore gli interventi dovranno essere uniformati ai principi ed alle prescrizioni del presente articolo. 19. Il PRG Parte Operativa formula in ogni caso le previsioni specifiche finalizzate alla protezione, ricostituzione e all'adeguamento degli elementi ecologici e paesaggistici prevedendo nel dettaglio le modalit di attuazione degli interventi. ARTICOLO 30 ZONA E2 - zona agricola con funzione di Fascia di biopermeabilit (connettivit) della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000 4.In queste zone valgono le norme generali di cui al precedente art. 28 per le zone agricole con le prescrizioni e restrizioni di seguito elencate. 5.Per gli interventi edilizi si dovranno evitare sbancamenti e riporti che alterino significativamente lo stato dei luoghi. 6.Nel caso in cui la zona E2 relativa a Fasce di Biopermeabilit tra Habitat ricada in aree SIC e/o ZPS ai sensi delle Direttive 92/43/CEE e 79/409/CEE, varranno e saranno applicate
Pag. 93

prioritariamente le norme gestionali previste nei rispettivi Piani di Gestione adottati dalla Regione Umbria. 7.Sono di norma vietati tutti i movimenti terra non strettamente necessari per gli interventi edilizi autorizzati. Sono comunque vietati gli accumuli permanenti di materiali di risulta da demolizioni o da rottamazione di attrezzature o autoveicoli. 8.La realizzazione degli annessi rustici ammessa in adiacenza a edifici o entro il perimetro degli aggregati abitativi ad eccezione dei casi nei quali sia dimostrata l'impossibilit ad osservare tale prescrizione. 9.Le altezze massime dei nuovi edifici e di quelli ampliati o sopraelevati, nelle zone E2, non potranno superare m 5,50. 10.Per evidenti interventi di restauro paesaggistico/ambientale, ammessa la demolizione e ricostruzione dei volumi incongrui con spostamento dell'ubicazione in altro sito nelle immediate vicinanze attraverso la presentazione di Piano attuativo e sottoscrizione di Convenzione che definisca e regoli l'intervento. 11.Gli interventi edilizi in zona E2 dovranno rispettare le seguenti specifiche tecniche: a)(Materiali). Gli interventi di restauro, di adeguamento e di ricostruzione , sono di regola effettuati con l'impiego di materiali appartenenti alla tradizione locale. b)(Murature). La conservazione, il consolidamento, il ripristino e, nei casi ammessi, la ricostruzione delle murature, sono attuati con l'impiego di tecniche definite in continuit con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali. c)(Solai, volte, coperture). Le strutture orizzontali (solai in legno, volte) sono di regola mantenute nelle loro caratteristiche costruttive. La conservazione, la manutenzione, il restauro e il ripristino delle coperture sono attuati con tecniche definite in continuit con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali, estese agli elementi accessori (comignoli, gronde, doccioni), fatti salvi gli adeguamenti necessari quali l'impermeabilizzazione e la coibentazione, con esclusione della modifica delle quote d'imposta, di gronda, di colmo e delle pendenze. d)(Facciate e superfici esterne). La conservazione e il restauro delle facciate e delle superfici esterne sono attuati sulla base della valutazione analitica delle tecniche tradizionali, dei materiali e delle successive trasformazioni. Il ripristino generalizzato dell'intonaco su superfici in pietra o in laterizio, al presente a vista, appartenenti ad edifici anteriori al XIX secolo e' consentito solo se rispondente ad esigenze di un corretto e rigoroso restauro. La rimozione degli intonaci tradizionali e' di norma vietata. e)(Infissi e serramenti). Il rinnovo degli infissi esterni e' sottoposto alle limitazioni derivanti dal mantenimento, dell'omogeneita' tecnologica propria della tradizione locale. A tal fine dovranno essere utilizzati materiali e tecniche della tradizione locale ed elementi propri dell'edilizia rurale (ante, oscuri, persiane) e non potranno essere impiegati materiali plastici, alluminio anodizzato e leghe metalliche in genere. I portoncini, le cancellate, le inferriate, e gli altri elementi di chiusura e apertura di vani che siano espressione della tradizione locale sono preferibilmente conservati o restaurati; altrimenti sono realizzati con tecniche e materiali uguali o simili agli originali. f)(Strutture di sostegno). Qualora debbano realizzarsi strutture di sostegno o di sottoscarpa, verr evitato l uso del calcestruzzo a vista e realizzazione di superfici continue e di estese dimensioni; verranno invece ricercate soluzioni che utilizzino anche come rivestimento, materiali propri della tradizione costruttiva locale e soluzioni di ingegneria naturalistica e di altezza inferiore a m. 1.50. g)(Pavimentazioni esterne). Le pavimentazioni esistenti, ove di valore tradizionale storico,

Pag. 94

verranno salvaguardate, ripristinate ed integrate con materiali analoghi per natura, colore e lavorazione; le nuove pavimentazioni esterne dovranno essere eseguite con materiali tradizionali posti in opera secondo tessiture attestate, comunque in tono con il contesto ambientale. Sono vietati interventi distruttivi o sostitutivi con materiali non conformi. h)(Recinzioni). Le recinzioni e le cancellate di particolare valore, in particolare quelle in ferro battuto, dovranno essere mantenute per quanto possibile ripristinando le parti mancanti. Gli elementi di recinzione e perimetrazione (muri, steccati, barriere) sono mantenuti, restaurati e ripristinati, nella loro estensione e consistenza materiale, di struttura, di disegno. Sono vietate le recinzioni che alterino profondamente i caratteri del luogo e realizzate con materiali impropri. Le nuove recinzioni verranno progettate come segno strettamente connesso alla struttura ed allaspetto del paesaggio rurale. Le recinzioni dei fondi agricoli o forestali devono in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate. i)(Servizi ed impianti tecnologici). E' ammesso l'adeguamento e l'inserimento di impianti tecnologici, purch non alterino la struttura statica degli edifici e l'immagine complessiva degli ambiti paesaggistici ed ambientali. j)(Salvaguardia della vegetazione). Deve essere mantenuto il corredo vegetazionale esistente, con lutilizzo, in caso di reimpianto o nuovo impianto di specie autoctone scelte tra quelle di cui allAllegato W del R.R. 7/2002 ai sensi dellart. 105 c.3 del medesimo Regolamento. k)(Regolamentazione degli interventi nel sottosuolo). Negli interventi edilizi possono essere previsti interventi vani interrati esclusivamente per realizzare impianti tecnici, autorimesse e accessori necessari per il funzionamento dell'unit edilizia. La realizzazione di tali vani dovr comunque essere rispettosa della morfologia naturale esistente senza alterarla in maniera significativa. l)(Disciplina degli interventi previsti per il risparmio energetico). Tutti gli elementi necessari per il funzionamento di eventuali installazioni per il risparmio energetico dovranno essere posti in luoghi che non abbiano nessun impatto sull'edificio e sul paesaggio circostante; potranno altres essere mimetizzati a terra in idonee aree circostanti gli edifici. m)(Modalit di controllo della fase di realizzazione degli interventi). Il controllo degli interventi sar monitorato attraverso una documentazione fotografica esaustiva che dovr essere realizzata prima, durante ed a fine lavori. Sar a cura del Committente, tramite il Direttore dei lavori, predisporre tale documentazione asseverata. Il Comune dovr predisporre controlli a campione per verificare quanto dichiarato in sede di richiesta dell'autorizzazione, durante i lavori ed a fine lavori. 12.Prima della redazione di appositi Piani e Regolamenti di settore, in zona E2 si far riferimento al Regolamento tipo per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente di cui alla D.G.R. n.420/2007. Vista la rilevanza paesaggistica delle sistemazioni esterne, in attesa della redazione di appositi piani di settore gli interventi dovranno essere uniformati ai principi ed alle prescrizioni del presente articolo. 13.Il PRG Parte Operativa formula in ogni caso le previsioni specifiche finalizzate alla protezione, ricostituzione e all'adeguamento degli elementi ecologici e paesaggistici prevedendo nel dettaglio le modalit di attuazione degli interventi. ARTICOLO 31 ZONA - E3 - zona agricola con funzione di Corridoio della Rete Ecologica Regionale di cui agli artt. 9 e 10 della L.R. 27/2000;

Pag. 95

3.In queste zone valgono le norme generali di cui al precedente articolo 28 per le zone agricole con le prescrizioni e restrizioni di seguito elencate. 4.I nuovi interventi edificatori nelle zone E3 devono essere corredati di uno studio di incidenza ed inserimento ecologico e paesaggistico, redatto da figura professionale abilitata e competente ai fini dello specifico studio. Lo studio deve essere mirato ad individuare e valutare i principali effetti che i lavori progettuali possono avere sulla struttura portante degli habitat naturali e sugli elementi fissi del paesaggio e dellagro-ecosistema, alla luce degli obiettivi di conservazione degli stessi. Partendo dallanalisi dellinquadramento stazionale e biologico dei siti interessati dallintervento, con individuazione degli aspetti geografici, geobotanici e faunistici, nonch dei livelli di vulnerabilit degli habitat e delle specie presenti nel sito, dovranno essere descritti gli interventi di trasformazione previsti nel progetto e la loro presunta incidenza sugli habitat e le specie presenti nei siti. Infine dovranno essere individuate le misure idonee ad evitare, ridurre o compensare gli effetti negativi sugli habitat e sulle specie presenti nei siti. 5.Nelle zone E3 localizzate nel PRG, la realizzazione di opere infrastrutturali in particolare viarie e ferroviarie, ove consentita, non deve costituire barriera, le medesime devono essere adeguate allart. 11 comma 2 della L.R. 16/12/1997, n. 46, e devono essere previsti interventi di riambientazione. 6.Nelle zone E3 localizzate nel PRG vietato alterare in maniera permanente la vegetazione legnosa spontanea preesistente a seguito di interventi agricolturali e selvicolturali o per lesecuzione di opere pubbliche e private, con lesclusione di quelle indicate al punto precedente e salvo quanto precisato ai punti successivi. 7.Nei Frammenti di cui all'articolo 9, comma 2, lettera c) della L.R. 27/2000 cos come riscritto dallart. 46 della L.R. 11/2005 , il censimento delle aree di vegetazione legnosa da sottoporre a protezione totale o particolare e la loro definizione in termini fondiari, effettuato nel PRG Parte Operativa, sulla base di quanto indicato dal PTCP. 8.Nelle zone E3 comunque consentita la coltivazione delle aree agricole e boscate ivi ricomprese, purch sia condotta secondo i criteri e le modalit previste negli articoli da 28 a 33 e da 119 a 128 delle NTA del PTCP, in armonizzazione con le norme dettate dagli articoli da 142 a 147 delle medesime NTA del PTCP riguardanti le Unit di Paesaggio interessate, nonch con le norme di salvaguardia previste per le aree boschive di cui al successivo art. 32 delle NTA del PRG Parte Strutturale. 9.Nel caso in cui la zona E3 relativa a corridoi e/o frammenti ricada in aree SIC e/o ZPS ai sensi delle Direttive 92/43/CEE e 79/409/CEE, varranno e saranno applicate prioritariamente le norme gestionali previste nei rispettivi Piani di Gestione adottati dalla Regione Umbria. 10.Nelle aree E3 possono essere ricomprese aree urbanizzate o oggetto di pianificazione edificatoria che non ne interrompano la connettivit, prevedendo adeguati varchi per garantire la biopermeabilit, evitando fenomeni di linearizzazione urbana e prevedendo interventi di riambientazione e riconnessione secondo soluzioni e tecniche di seguito indicate. 11.Soluzioni progettuali e tecniche da adottare per interventi di salvaguardia e/o miglioramento della connettivit ambientale. A)Infrastrutture lineari (strade, ferrovie, canali, etc.) realizzazione di attraversamenti per la fauna ubicati in corrispondenza delle accertate rotte di spostamento, con vegetazione agli ingressi in funzione di invito e con siepi e similia schermanti dal territorio antropizzato;

Pag. 96

realizzazione di dispositivi di risalita per la fauna caduta in pozzetti di scolo delle banchine stradali e/o in canali artificiali; apposizione di sagome anticollisione volatili su pannelli fonoassorbenti trasparenti eventualmente installati; messa in opera di posatoi per uccelli (soprattutto rapaci notturni) ai lati delle strade (circa 5 m dal bordo stradale) nei punti di pi frequente impatto per tali volatili. B)Infrastrutture lineari (elettrodotti e cavi aerei) Per gli elettrodotti a media tensione: interramento delle linee ovunque possibile; uso di conduttori ricoperti di guaina isolante ad evitare rischi di elettrocuzione per gli uccelli nei nuovi tracciati, o in alternativa distanza tra i cavi maggiore di m 1.50; apposizione di posatoi, dissuasori e segnalatori sui pali o lungo le linee. Per gli elettrodotti ad alta tensione: apposizione di segnalatori lungo le linee, ad evitare rischi di collisione degli uccelli. C)Edifici apposizione di sagome e/o strisce anticollisione volatili su vetri o pannelli di materiali trasparenti o riflettenti; apposizione di rete metallica a maglia elettrosaldata da cm 2 intorno alle aperture di comignoli e/o canne fumarie in genere, per impedire lintrappolamento di animali; apposizione di nidi artificiali (per rapaci notturni come barbagianni e civetta, per rondini e rondoni, per pipistrelli, etc.) sugli edifici per favorire le specie utili e/o rare; adozione, negli interventi edilizi, di accorgimenti tipologico-architettonici atti a mantenere o incrementare lofferta di rifugio per la fauna. D)Corsi dacqua realizzazione di scale o rampe di risalita per pesci in corrispondenza di punti di discontinuit del corso fluviale (dighe, briglie, etc.). E)Aree di verde pubblico o privato o per servizi. adozione di azioni e tecniche in grado di enfatizzare i contenuti naturalistici di queste aree, come: organizzazione progettuale volta ad esaltare linterconnessione tra i vari elementi strutturali tale da potenziarne la funzione di habitat per specie faunistiche di interesse, piuttosto che a rilevarne un contenuto estetico formale, artificializzato e frammentato; realizzazione di fasce o macchie verdi con vegetazione arborea ed arbustiva intorno agli elementi artificiali e/o nelle aree residuali intercluse, in grado di unire le funzioni di quinta e mascheramento a quelle di connessione ecologica per specie di interesse; utilizzo di specie autoctone per il corredo vegetazionale scelte tra quelle di cui allAllegato W del R.R. 7/2002 ai sensi dellart. 105 c.3 del medesimo Regolamento. 12.Soluzioni progettuali e tecniche da adottare per interventi di riambientazione. Gli interventi di riambientazione saranno informati ai seguenti criteri: uso delle tecniche dellIngegneria Naturalistica cos come normate dagli artt. da 82 a 91 delle N.T.A. del PTCP in armonizzazione con quanto previsto nellart. 52 delle NTA del PRG Parte Strutturale, per gli interventi di consolidamento, stabilizzazione, recupero e bonifica di sponde ed alvei fluviali, versanti, scarpate, cave, discariche ed aree contaminate, per gli interventi di realizzazione, sistemazione, manutenzione e ripristino della viabilit rurale e montana e della sentieristica, nonch per gli interventi di mitigazione ed inserimento ambientale delle reti tecnologiche ed infrastrutturali, delle aree produttive ed industriali, delle lottizzazioni e delle opere di urbanizzazione primaria e delle opere di scavo in genere; mantenimento e/o neoformazione di punti dacqua stagni, pozze, invasi, ristagni idrici temporanei, etc. con profondit preferibilmente non superiore al metro, come riferimento primario

Pag. 97

negli interventi di riambientazione, ripristinando la vegetazione erbacea, arbustiva ed arborea autoctona allintorno; mantenimento e/o neoformazione delle formazioni spontanee arbustive e delle fasce ecotonali di larghezza non inferiore al metro - tra zone boscate , zone coltivate o zone di insediamento; mantenimento o ripristino di siepi, filari arborei, vegetazione ripariale, boschetti, alberate (vigneti maritati), muri a secco, macere, ciglioni, terrazze, scarpate naturali, ed ogni altro elemento tipico del paesaggio rurale, storico e culturale, lungo la viabilit rurale e montana, al limite degli appezzamenti ed in ogni altro contesto significativo dellambito intercomunale; mantenimento e ripristino di sistemi di lavorazione dei terreni agricoli compatibili con la salvaguardia e conservazione dei suoli: cavalcapoggio nelle medie pendenze, girapoggio in quelle elevate, arature di profondit non superiore a m 0,50, reticoli di sgrondo lento delle acque meteoriche, etc.; ripristino della permeabilit del suolo ovunque possibile in ambito urbano, periurbano e rurale; adozione delle tecniche della selvicoltura naturalistica nella coltivazione forestale, in particolare: d)distribuzione degli interventi di utilizzazione su superfici non superiori ad Ha 5 per stagione, lasciando fasce boscate intatte o sottoposte ad altri tipi di intervento (diradamenti, avviamenti allalto fusto, etc.) al fine di aumentare la diversit strutturale del bosco; e)adozione delle tecniche di matricinatura a gruppi al posto di quella tradizionale, per accrescere la vigoria del bosco, limitare limpatto paesaggistico degli interventi di utilizzazione e soprattutto aumentare numero e tipo di nicchie ecologihe (ovvero lindice di biodiversit) nellambito di riferimento; f)mantenimento di un certo numero di piante mature o stramature ed anche di alcune morte o marcescenti in piedi; g)promozione degli interventi di avviamento e conversione allalto fusto; h)ricorso ad interventi di diradamento localizzato per enfatizzare lincremento dellindice di biodiversit nel bosco; i)agevolazione della formazione delle fasce ecotonali con il mantenimento delle specie di mantello. 13.Per gli interventi edilizi si dovranno evitare sbancamenti e riporti che alterino significativamente lo stato dei luoghi. 14.Sono di norma vietati tutti i movimenti terra non strettamente necessari per gli interventi edilizi autorizzati. Sono comunque vietati gli accumuli permanenti di materiali di risulta da demolizioni o da rottamazione di attrezzature o autoveicoli. 15.La realizzazione degli annessi rurali, nei limiti degli indici fondiari previsti, ammessa in subordine alla presentazione di un Piano di Sviluppo Aziendale, redatto da tecnico abilitato e con specifica competenza professionale in materia, che dimostri la necessit funzionale degli stessi allattuale situazione aziendale o al percorso di sviluppo ipotizzato, evidenziando limpossibilit di utilizzare a tali scopi gli edifici esistenti nellazienda agricola. Qualora ammissibile, la realizzazione degli annessi deve avvenire in adiacenza a edifici esistenti o entro il perimetro degli aggregati edificati aziendali, ad eccezione dei casi nei quali sia dimostrata l'impossibilit ad osservare tale prescrizione. 16.Le altezze massime dei nuovi edifici e di quelli ampliati o sopraelevati, nelle zone E3, non potranno superare m 5,00. 17.Per evidenti interventi di restauro paesaggistico/ambientale, ammessa la demolizione e ricostruzione dei volumi incongrui con spostamento dell'ubicazione in altro sito nelle immediate vicinanze attraverso la presentazione di Piano attuativo e sottoscrizione di Convenzione che definisca e regoli l'intervento.
Pag. 98

18.Gli interventi edilizi in zona E3 dovranno rispettare le seguenti specifiche tecniche: a)(Materiali). Gli interventi di restauro, di adeguamento e di ricostruzione , sono di regola effettuati con l'impiego di materiali appartenenti alla tradizione locale. b)(Murature). La conservazione, il consolidamento, il ripristino e, nei casi ammessi, la ricostruzione delle murature, sono attuati con l'impiego di tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali. c)(Solai, volte, coperture). Le strutture orizzontali (solai in legno, volte) sono di regola mantenute nelle loro caratteristiche costruttive. La conservazione, la manutenzione, il restauro e il ripristino delle coperture sono attuati con tecniche definite in continuita' con le caratteristiche costruttive ed estetiche tradizionali, estese agli elementi accessori (comignoli, gronde, doccioni), fatti salvi gli adeguamenti necessari quali l'impermeabilizzazione e la coibentazione, con esclusione della modifica delle quote d'imposta, di gronda, di colmo e delle pendenze. d)(Facciate e superfici esterne). La conservazione e il restauro delle facciate e delle superfici esterne sono attuati sulla base della valutazione analitica delle tecniche tradizionali, dei materiali e delle successive trasformazioni. Il ripristino generalizzato dell'intonaco su superfici in pietra o in laterizio, al presente a vista, appartenenti ad edifici anteriori al XIX secolo e' consentito solo se rispondente ad esigenze di un corretto e rigoroso restauro. La rimozione degli intonaci tradizionali e' di norma vietata. e)(Infissi e serramenti). Il rinnovo degli infissi esterni e' sottoposto alle limitazioni derivanti dal mantenimento, dell'omogeneita' tecnologica propria della tradizione locale. A tal fine dovranno essere utilizzati materiali e tecniche della tradizione locale ed elementi propri dell'edilizia rurale (ante, oscuri, persiane) e non potranno essere impiegati materiali plastici, alluminio anodizzato e leghe metalliche in genere. I portoncini, le cancellate, le inferriate, e gli altri elementi di chiusura e apertura di vani che siano espressione della tradizione locale sono preferibilmente conservati o restaurati; altrimenti sono realizzati con tecniche e materiali uguali o simili agli originali. f)(Strutture di sostegno). Qualora debbano realizzarsi strutture di sostegno o di sottoscarpa, verr evitato l uso del calcestruzzo a vista e realizzazione di superfici continue e di estese dimensioni; verranno invece ricercate soluzioni che utilizzino anche come rivestimento, materiali propri della tradizione costruttiva locale e soluzioni di ingegneria naturalistica e di altezza inferiore a m. 0,50. g)(Pavimentazioni esterne). Le pavimentazioni esistenti, ove di valore tradizionale storico, verranno salvaguardate, ripristinate ed integrate con materiali analoghi per natura, colore e lavorazione; le nuove pavimentazioni esterne dovranno essere eseguite con materiali tradizionali posti in opera secondo tessiture attestate, comunque in tono con il contesto ambientale. Sono vietati interventi distruttivi o sostitutivi con materiali non conformi. h)(Recinzioni). Le recinzioni e le cancellate di particolare valore, in particolare quelle in ferro battuto, dovranno essere mantenute per quanto possibile ripristinando le parti mancanti. Gli elementi di recinzione e perimetrazione (muri, steccati, barriere) sono mantenuti, restaurati e ripristinati, nella loro estensione e consistenza materiale, di struttura, di disegno. Sono vietate le recinzioni che alterino profondamente i caratteri del luogo e realizzate con materiali impropri. Le nuove recinzioni verranno progettate come segno strettamente connesso alla struttura ed allaspetto del paesaggio rurale. Le recinzioni dei fondi agricoli o forestali devono in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate.
Pag. 99

i)(Servizi ed impianti tecnologici). E' ammesso l'adeguamento e l'inserimento di impianti tecnologici, purch non alterino la struttura statica degli edifici e l'immagine complessiva degli ambiti paesaggistici ed ambientali. j)(Salvaguardia della vegetazione). Deve essere mantenuto il corredo vegetazionale esistente, con lutilizzo, in caso di reimpianto o nuovo impianto di specie autoctone scelte tra quelle di cui allAllegato W del R.R. 7/2002 ai sensi dellart. 105 c.3 del medesimo Regolamento. k)(Regolamentazione degli interventi nel sottosuolo). Negli interventi edilizi possono essere previsti interventi vani interrati esclusivamente per realizzare impianti tecnici, autorimesse e accessori necessari per il funzionamento dell'unit edilizia. La realizzazione di tali vani dovr comunque essere rispettosa della morfologia naturale esistente senza alterarla in maniera significativa. l)(Disciplina degli interventi previsti per il risparmio energetico). Tutti gli elementi necessari per il funzionamento di eventuali installazioni per il risparmio energetico dovranno essere posti in luoghi che non abbiano nessun impatto sull'edificio e sul paesaggio circostante; potranno essere mimetizzati a terra in idonee aree circostanti gli edifici. m)(Modalit di controllo della fase di realizzazione degli interventi). Il controllo degli interventi sar monitorato attraverso una documentazione fotografica esaustiva che dovr essere realizzata prima, durante ed a fine lavori. Sar a cura del Committente, tramite il Direttore dei lavori, predisporre tale documentazione asseverata. Il Comune dovr predisporre controlli a campione per verificare quanto dichiarato in sede di richiesta dell'autorizzazione, durante i lavori ed a fine lavori. 17. E' vietato aprire nuovi allevamenti industriali e/o intensivi. 18. Prima della redazione di appositi Piani e Regolamenti di settore, in zona E3 si far riferimento al Regolamento tipo per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente di cui alla D.G.R. n.420/2007. Vista la rilevanza paesaggistica delle sistemazioni esterne, in attesa della redazione di appositi piani di settore gli interventi dovranno essere uniformati ai principi ed alle prescrizioni del presente articolo. 19. Il PRG Parte Operativa formula in ogni caso le previsioni specifiche finalizzate alla protezione, ricostituzione e all'adeguamento degli elementi ecologici e paesaggistici prevedendo nel dettaglio le modalit di attuazione degli interventi. ARTICOLO 32 ZONA E4 - ZONE BOSCHIVE 1. Ai sensi della L.R. 19/11/2001 n. 28 art. 5, costituisce bosco o foresta ogni appezzamento di terreno di superficie maggiore di duemila metri quadrati e di larghezza complessiva, misurata al piede delle piante di confine, non inferiore a venti metri, in cui sia presente una copertura arborea forestale superiore al venti per cento. 2. Si considerano bosco: a) i castagneti da frutto; b) le superfici boscate che, a seguito di interventi selvicolturali o di danni per calamit naturali o per incendio, presentano una copertura arborea forestale anche inferiore al venti per cento; c) i terreni imboschiti o rimboschiti in qualsiasi stadio di sviluppo; d) le radure e tutte le superfici di estensione inferiore a 2.000 mq. che interrompono la continuit
Pag. 100

del bosco. 3. Non si considerano bosco: a) gli impianti di arboricoltura da legno o da frutto; b) i giardini o parchi urbani; c) i boschi ricadenti nelle aree indicate al comma 2 dellart. 146 del D.Lgs. 29 ottobre 1999, n. 490, nei termini ivi stabiliti. 4. Per arboricoltura da legno, individuata dalla Giunta regionale su apposita cartografia, si intende la coltivazione di alberi, in terreni non boscati, finalizzata principalmente alla produzione di legno. La coltivazione reversibile al termine del ciclo colturale. 5. Ai sensi della L.R. 24/03/2000 n. 27 art. 15 c. 2, le aree boscate e quelle dove il bosco parzialmente o totalmente distrutto da incendi, alluvioni o frane, sono ulteriormente disciplinate dal PTCP quale piano paesistico- ambientale, ai fini della tutela e salvaguardia dellestensione della superficie boscata e delle relative radure perimetrali o interne, fermo restando il divieto assoluto di nuovi interventi edilizi. 6. Ai sensi della L.R. 24/03/2000 n. 27 art. 15 c.8, gli impianti di arboricoltura da legno, gli imboschimenti ed i rimboschimenti sono individuati dalla Giunta regionale su apposita cartografia. 7. Il P.R.G. Parte Strutturale recepisce ed integra la perimetrazione delle aree boscate gi effettuata ai sensi della L.R. 24/03/2000 n. 27 art. 15 c.3 alla luce delle definizioni di cui alla L.R. 19/11/2001 art. 5 ed individua, nelle aree extraurbane una fascia di transizione in cui l'attivit edilizia limitata agli interventi di cui all'art. 31, lett. a), b), c) e d) della L. 5 agosto 1978, n. 457; di norma la fascia si estende per 20 m dal limite del bosco e, per particolari esigenze di tutela viene ampliata e riportata in cartografia. 8. Le aree boscate non sono computabili ai fini dell'applicazione della densita' edilizia prevista per le zone agricole dall'art. 8 della L.R. 2 settembre 1974, n. 53, e successive modificazioni ed integrazioni. Nelle fasce di transizione, fermi restando i vincoli all'attivit edilizia di cui al comma precedente, le relative superfici sono computabili ai fini dell'applicazione della densita' edilizia prevista per le zone agricole dall'art. 8 della legge regionale 2 settembre 1974, n. 53, e successive modificazioni ed integrazioni. 9. Nelle aree boscate vietato ogni intervento a carattere edificatorio, ad eccezione di quelli destinati al riuso e recupero del patrimonio edilizio esistente, consentito nei limiti fissati dall'art. 8 dalla L.R. 2 settembre 1974, n. 53 e successive modificazioni ed integrazioni, ovvero: sono ammessi gli interventi di cui all'articolo 31, lettere a), b), c) e d) della legge 5 agosto 1978, n. 457, nonch ampliamenti per un incremento massimo di mc. 300, purch il volume totale del fabbricato ristrutturato, comprensivo dell'ampliamento, non risulti superiore a mc. 1.400; sono consentiti con Piano Attuativo gli interventi di cui all'articolo 31 della legge 5 agosto 1978, n. 457, lettere d) ed e) per gli annessi rurali, esistenti alla data di entrata in vigore della presente legge, per migliorarne la qualit igienico-strutturale e favorirne la riqualificazione urbanistica ed ambientale, anche con cambiamento di destinazione d'uso, ai fini residenziali, agrituristici o attivit extralberghiere compatibili con la zona agricola, purch ricadenti nelle aree di pertinenza di fabbricati residenziali e limitatamente ad una volumetria di mc. 600; l'altezza massima degli interventi non dovr superare mt quattro virgola cinquanta (m 4,50) e comunque non superare quella massima esistente. 10. Nelle zone boschive e nelle fasce di transizione, sono: a) consentite: -recinzioni che non comportino opere murarie e di ancoraggio stabili e che comunque siano subordinate a piani di taglio o inserite nell'ambito di interventi di carattere zootecnico. Tali recinzioni devono in ogni caso garantire la permeabilit e la connessione tra le parti attraversate. b) vietati:
Pag. 101

-qualsiasi nuovo intervento edificatorio e tipo di recinzione che non ricada nei casi previsti nel precedente punto a). 11. Nelle aree boscate e nelle fasce di transizione e' consentita altres la realizzazione di infrastrutture a rete e puntuali di rilevante interesse pubblico, qualora sia dimostrata l'impossibilita' di soluzioni alternative, nonch le opere di sistemazione idraulica e forestale e gli interventi previsti dalla L.R. 3 gennaio 2000, n. 2 con le modalit ivi indicate. 12. Ogni intervento nelle aree boscate deve essere condotto nel rispetto del quadro normativo tracciato dalla L.R. 19/11/2001 n. 28, dal Regolamento Regionale 17/12/2002 n. 7, dalla L. 21/11/2000 n. 353, dalla L.R. 24/03/2000 n. 27 art. 15, nonch dagli articoli da 119 a 126 delle NTA del PTCP. 13. Nelle aree boscate di propriet pubblica (Comune, Comunanze, etc.) il trattamento delle diverse Classi Colturali (ceduo produttivo fustaia di latifoglie fustaia di conifere soprassuoli destinati ad evoluzione naturale pascoli, prati pascoli e coltivi) cos come individuate negli specifici Piani di Gestione elaborati dalla ex Comunit Montana Valle del Nera e Monte S. Pancrazio di Terni ed approvati dopo conferenza di servizi con DGC n. 44 del 30/11/2007, deve conformarsi alle prescrizioni contenute nei Piani medesimi. 14. Oltre alle norme sopra illustrate, il P.R.G. nella parte Operativa, prescrive e/o raccomanda ladozione delle tecniche della selvicoltura naturalistica nella coltivazione forestale, in particolare: e)distribuzione degli interventi di utilizzazione su superfici non superiori ad Ha 5 per stagione, lasciando fasce boscate intatte o sottoposte ad altri tipi di intervento (diradamenti, avviamenti allalto fusto, etc.) al fine di aumentare la diversit strutturale del bosco; f)adozione, ove possibile, delle tecniche di matricinatura a gruppi al posto di quella tradizionale, per accrescere la vigoria del bosco, limitare limpatto paesaggistico degli interventi di utilizzazione e soprattutto aumentare numero e tipo di nicchie ecologiche (ovvero lindice di biodiversit) nellambito di riferimento; g)mantenimento di un certo numero di piante mature o stramature ed anche di alcune morte o marcescenti in piedi; h)promozione degli interventi di avviamento e conversione allalto fusto; i)ricorso ad interventi di diradamento localizzato per enfatizzare lincremento dellindice di biodiversit nel bosco; j)agevolazione della formazione delle fasce ecotonali con il mantenimento delle specie di mantello; k)mantenimento e riqualificazione delle rete viaria rurale e forestale esistente, essendo la garanzia di accessibilit agli ambiti silvo-pastorali condizione indispensabile per una gestione ambientalmente qualificata e sostenibile degli stessi. l)rinaturazione dei rimboschimenti artificiali di conifere, favorendo il superamento della pur importante fase pioniera del rimboschimento con la ripresa delle specie di latifoglie autoctone; m)incentivazione di interventi selvicolturali (ripuliture, sfolli, diradamenti, etc.) o di altro tipo (realizzazione di invasi artificiali in punti strategici, manutenzione della rete carrabile montana esistente), finalizzati alla prevenzione degli incendi boschivi e delle epidemie fitopatologiche; n)mantenimento e tutela dei pascoli primari e secondari esistenti, tramite la limitazione dell'espansione di arbusteti e cespuglieti nelle aree pascolive, la difesa dal degrado idrogeologico delle aree pascolive, la conservazione di radure e garighe nel contesto boschivo; o)viceversa incentivazione dell'espansione della vegetazione arbustiva nelle zone di riforestazione e di protezione idrogeologica (fatta eccezione per i pascoli); p)conservazione e ripristino delle siepi camporili quali elementi fondamentali di connessione nel sistema delle reti ecologiche e del paesaggio rurale. 15. Il P.R.G. nella parte Operativa, prescrive e/o raccomanda la valorizzazione e tutela dei popolamenti di castagno, attraverso le seguenti azioni:
Pag. 102

a)conservazione e riqualificazione della rete viaria e sentieristica di accesso agli ambiti castanicoli, quale prima condizione per consentirne una gestione ottimale sotto l'aspetto fitopatologico, naturalistico ed economico; b)incentivazione del mantenimento di un adeguato stato fitosanitario dei castagneti tramite l'adozione periodica di buone pratiche colturali, soprattutto la potatura di rimonda e/o neoformazione delle piante, nonch la regimazione ottimale delle acque superficiali negli appezzamenti e nelle piste di accesso; c)incentivazione della conversione dei castagneti cedui in castagneti da frutto, ove ne ricorrano le condizioni; d)divieto del cambio di destinazione nei castagneti cedui e da frutto. 16. LAmministrazione comunale istituisce un registro su base catastale delle superfici boscate percorse da incendio, corredato da planimetrie a scala non inferiore ad 1:10.000, ai sensi della vigente normativa in materia. ARTICOLO 33 ALLEVAMENTI ZOOTECNICI 1. Il PRG, individua gli allevamenti intensivi esistenti ed i relativi impianti, nonch i perimetri fertirrigui autorizzati. 2. Conformemente a quanto specificato nei Quaderni Tecnici allegati al PTCP, sono definiti industriali quegli allevamenti con una notevole consistenza di capi per unit di superficie ( 1.50 UBA/Ha), caratterizzati da tecniche di allevamento come la stabulazione fissa, allinterno di strutture edilizie e impianti a ci organizzati in forma industriale, non collegati con un nesso funzionale a uno specifico fondo rustico. 3. Sono definiti intensivi quegli allevamenti con una consistenza di capi per unit di superficie 1.50 UBA/Ha, caratterizzati da tecniche di allevamento come la stabulazione fissa. 4. Sono vietati allevamenti industriali e/o intensivi nelle zone E1, E3 ed E4. 5. La realizzazione di nuovi impianti di allevamenti suinicoli, avicoli ed ittiogenici o l'ampliamento di quelli esistenti non assoggettati alle norme di cui alla legge regionale 9 aprile 1998, n. 11, e sottoposta a valutazione di incidenza ambientale ai sensi del DPR 8 settembre 1997, n. 357. La normativa regionale determina le dimensioni massime degli allevamenti esclusi dalle procedure del presente comma e quelli che per le loro dimensioni minimali sono sempre possibili anche in deroga a quanto previsto dal comma 3, nel rispetto di quanto previsto dal piano di risanamento delle acque di cui alla legge 10 maggio 1976, n. 319. 6. Il Comune, per la migliore gestione e localizzazione degli allevamenti zootecnici, promuove appositi studi agro-pedologici e idrogeologici al fine di individuare le aree potenzialmente idonee in cui consentire la fertirrigazione. 7. Fatto salvo lo studio di incidenza ambientale, previsto dalla normativa vigente, ammessa la costruzione di allevamenti zootecnici di tipo industriale, ovvero di strutture edilizie e impianti a ci organizzati in forma industriale, non collegati con un nesso funzionale a uno specifico fondo rustico, qualora siano rispettate le seguenti ulteriori prescrizioni: 2.la superficie fondiaria minima del lotto di pertinenza non pu essere inferiore a 20.000 mq.; 3.l'indice di utilizzazione fondiaria non pu essere superiore a 0.20 mq/mq; 4.l'altezza massima degli edifici non pu superare ml. 6.50, esclusi i volumi tecnici. 8. I manufatti di pertinenza di allevamenti zootecnici di qualsiasi tipo, anche di autoconsumo, devono essere circondati da filari o piantate di essenze autoctone, scelte tra quelle di cui allAllegato W del R.R. 7/2002 ai sensi dellart. 105 c.3 del medesimo Regolamento, arricchiti dalle relative specie di mantello. Qualora risulti tecnicamente impossibile la messa a dimora di detti

Pag. 103

impianti vegetazionali lineari a ridosso dei manufatti, dovranno comunque essere previsti anche in forma non lineare nel contesto dellintera propriet. Negli impianti lineari le piante devono succedersi ad intervalli regolari non superiori a ml. 5.00 ed avere, al momento della messa a dimora, un tronco con un diametro di base non inferiore a cm. 15 (quindici). 9. E consentita la stabulazione brada e/o semibrada, in una logica di estensivazione degli allevamenti, nei terreni pascolivi pubblici gravati da uso civico, nonch in quelli appartenenti al proprietario degli animali. 10. Al fine di razionalizzare lattivit pastorale nei pascoli di propriet pubblica, lEnte proprietario predispone annualmente un calendario di utilizzazione delle singole particelle pascolive, nellottica di una precisa movimentazione del bestiame tramite idonee recinzioni meglio se mobili, o distribuendo in modo opportuno i punti di abbeverata, anche con lausilio della Comunit Montana competente per territorio. 11. Il pascolo nei boschi disciplinato conformemente al dettato del R.R. 7/2002 art. 20. E inoltre consentito esclusivamente nel periodo 1 Luglio 31 Agosto, quando il beneficio ottenibile in termini di riduzione della biomassa secca in funzione antincendio compensa gli inevitabili danni che tale pratica comporta. In ogni caso il carico di bestiame nelle aree boscate non pu eccedere il limite di 0.3 UBA/Ha. Nelle zone del PRG sulle quali sono formulate nuove previsioni residenziali o l'ampliamento di quelle esistenti non possono essere localizzate in avvicinamento agli impianti zootecnici di cui al comma 6 dell'art. 22, della L.R. 27/2000, o alle industrie insalubri, determinando distanze inferiori a metri lineari 800.

Pag. 104

CAPITOLO VI - ZONE DI INTERESSE PUBBLICO


ARTICOLO 34 ZONE PER SERVIZI DI INTERESSE GENERALE - FA1. Il Comune di Stroncone, con popolazione residente inferiore a 20.000, abitanti prevede la realizzazione di attrezzature di interesse comunale o sovra comunale sia pubbliche che private di interesse generale o collettivo, nelle zone "F", di cui al D.M. 2 aprile 1968, n. 1444, nel PRG in misura non inferiore a quelle appresso indicate: FA1) aree per la salute e l'assistenza: 2,00 mq/utenti; FA2) aree per verde pubblico in parchi urbani e territoriali: 5,00 mq/utenti; FA3) aree per attrezzature per lo sport e per le attivit culturali: 5,00 mq/utenti; FA4) aree per infrastrutture tecnologiche e di distribuzione dell'elettricit, del gas o metano, dell'acqua, per quelle relative alla raccolta ed allo smaltimento dei rifiuti, ai servizi di trasporto ed altri servizi collegati, alla protezione civile, nonch ad impianti di distribuzione di merci quali depositi, mercati generali, autostazioni e scali ferroviari: 5,00 mq/utenti. 2. Il P.C.S. stabilisce motivatamente i casi in cui la previsione e realizzazione delle attrezzature di cui sopra non e necessaria. 3. Le aree di cui al presente articolo sono dimensionate nella parte strutturale del PRG e sono perimetrate nella parte operativa, in coerenza alle indicazioni del P.C.S., distinguendo quelle per le quali e prevista l'attuazione pubblica da quelle ad attuazione privata o mista. 4. La determinazione del numero degli utenti per ogni singola attrezzatura e effettuata determinando il numero degli utenti dei servizi dell'intero territorio, secondo i seguenti criteri: a) popolazione stabilmente residente nel comune gravitante sulle diverse tipologie di servizi anche in base alla distribuzione territoriale; b) popolazione da insediare secondo le previsioni dello strumento urbanistico, articolata per tipologia di servizi anche in base alla distribuzione territoriale; c)popolazione gravitante nel territorio, stimata in base agli occupati nelle grandi strutture pubbliche e private, agli studenti, agli utenti dei servizi di rilievo sovra comunale, nonch in base ai flussi turistici. 5. Il P.R.G., parte Operativa, stabilir le modalit di attuazione degli interventi, che potranno essere realizzati dallAmministrazione comunale o da soggetti privati, previa stipula di specifica Convenzione o Atto unilaterale d'obbligo, contenente la disciplina delle modalit di esercizio, i canoni, le tariffe, nonch la durata della Concessione. FA1) - aree per la salute e l'assistenza In queste aree sono ammesse ammesse le seguenti destinazioni d'uso: cliniche, case di cura, centri di riabilitazione, centri di assistenza, riabilitazione e residenza protetta per anziani, servizi socio-sanitari, residenze temporanee per gli eventuali degenti e assistenti in strutture tipo day hospital quant'altro serva per garantire la salute e l'assistenza alle persone. Il PRG, parte operativa, potr prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. Il PRG, Parte Operativa, definir i comparti, attribuir la volumetria di servizio massima realizzabile per ogni comparto in base alla sua specifica destinazione. Gli interventi si attuano mediante Piano Attuativo dei comparti cos come individuati dal P.R.G. Parte operativa. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria, dei parcheggi e dei servizi pubblici, delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e
Pag. 105

quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le aree destinate ai volumi da costruire e le aree destinate alle urbanizzazioni primarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare; la eventuale densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di intervento. La densit fondiaria, non dovr superare UF 0,50 mq/mq.; il PRG parte operativa stabilir, per ogni zona, la densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di attuazione e di intervento.. Di norma nel comparto dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 50 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte operativa per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. L'attuazione delle previsioni nei singoli comparti subordinata alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica e quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. Laltezza massima delle nuove costruzioni, non potr in ogni caso superare mt. 6,50 tranne che per le zone montane dove non potr superare mt 4,50. FA2) - aree per verde pubblico in parchi urbani e territoriali In queste aree sono ammesse ammesse le seguenti destinazioni d'uso: parchi urbani e parchi territoriali, orti botanici, campi scouts, piste e attrezzature per giochi all'aperto e lo svago dei cittadini. In queste zone sono consentite costruzioni che abbiano esclusivamente funzione di integrare la destinazione specifica della zona, come attrezzature di gioco per bambini, chioschi, centri ristoro, centri servizi, e simili. La costruzione e la gestione di tali attrezzature e servizi possono essere oggetto di iniziativa privata diretta ma sono subordinate a concessioni temporanee con lobbligo di sistemazione a parco e conservazione del verde pubblico esistente nelle aree di pertinenza delle costruzioni, aree che dovranno comunque essere di uso pubblico. Il PRG, parte operativa, potr prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. Il PRG, Parte Operativa, definir i comparti, attribuir la volumetria di servizio massima realizzabile per ogni comparto in base alla sua specifica destinazione. Gli interventi si attuano mediante Piano Attuativo dei comparti cos come individuati dal P.R.G. Parte operativa. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria, dei parcheggi e dei servizi pubblici, delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le aree destinate ai volumi da costruire e le aree destinate alle urbanizzazioni primarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare; la eventuale densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di intervento. La densit fondiaria, non dovr comunque superare UF 0,10 mq/mq.; il PRG parte operativa stabilir, per ogni zona, la densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di attuazione e di intervento.. Di norma nel comparto dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 50 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte operativa per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. L'attuazione delle previsioni nei singoli comparti subordinata alla stipula di una Convenzione o di
Pag. 106

Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica e quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. Laltezza massima delle nuove costruzioni, non potr in ogni caso superare mt. 6,50 tranne che per le zone montane dove non potr superare mt 4,50. FA3) - aree per attrezzature per lo sport e per le attivita culturali In queste aree sono ammesse ammesse le seguenti destinazioni d'uso: teatri, centri sociali, biblioteche, centri sportivi , campi da gioco vari per stage di allenamento estivi, centri ippici, , palestre, impianti natatori, palestre per escursionisti e rocciatori, ecc. con i relativi servizi di supporto, quali ristoro, ricettivit, parcheggi pubblici e privati, ecc. . Il PRG, parte operativa, potr precisare e/o prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. Il PRG, Parte Operativa, definir i comparti, attribuir la volumetria di servizio massima realizzabile per ogni comparto in base alla sua specifica destinazione. Gli interventi si attuano mediante Piano Attuativo dei comparti cos come individuati dal P.R.G. Parte operativa. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria, dei parcheggi e dei servizi pubblici, delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le aree destinate ai volumi da costruire e le aree destinate alle urbanizzazioni primarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare; la eventuale densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di intervento. La densit fondiaria, non dovr superare UF 0,50 mq/mq.; il PRG parte operativa stabilir, per ogni zona, la densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di attuazione e di intervento.. Di norma nel comparto dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 50 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte operativa per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. L'attuazione delle previsioni nei singoli comparti subordinata alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica e quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. Laltezza massima delle nuove costruzioni, non potr in ogni caso superare mt. 6,50 tranne che per le zone montane dove non potr superare mt 4,50. Per gli elementi di spiccato interesse pubblico e per ragioni funzionati ad essi legati quali palestre, teatri, torri civiche l'altezza massima potr essere derogata in fase di approvazione del Piano Attuativo, di cui comunque dovr essere dimostrata la compatibilit paesaggistica ed ambientale . FA4) - Aree per infrastrutture tecnologiche compreso le aree per la protezione Civile In queste aree sono ammesse ammesse le seguenti destinazioni d'uso: infrastrutture tecnologiche e di distribuzione dell'elettricit, del gas o metano, dell'acqua, per quelle relative alla raccolta ed allo smaltimento dei rifiuti, ai servizi di trasporto ed altri servizi collegati, alla protezione civile, nonch ad impianti di distribuzione di merci quali depositi, mercati generali, autostazioni e scali ferroviari
Pag. 107

Il PRG, parte operativa, potr prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. Il PRG, Parte Operativa, definir i comparti, attribuir la volumetria di servizio massima realizzabile per ogni comparto in base alla sua specifica destinazione. Gli interventi si attuano mediante Piano Attuativo dei comparti cos come individuati dal P.R.G. Parte operativa. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria, dei parcheggi e dei servizi pubblici, delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le aree destinate ai volumi da costruire e le aree destinate alle urbanizzazioni primarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare; la eventuale densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di intervento. La densit fondiaria, non dovr superare UF 0,50 mq/mq.; il PRG parte operativa stabilir, per ogni zona, la densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di attuazione e di intervento.. Di norma nel comparto dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 50 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte operativa per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. L'attuazione delle previsioni nei singoli comparti subordinata alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica e quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. Laltezza massima delle nuove costruzioni, non potr in ogni caso superare mt. 6,50 tranne che per le zone montane dove non potr superare mt 4,50. Per gli elementi di spiccato interesse pubblico e per ragioni funzionati ad essi legati l'altezza massima potr essere derogata in fase di approvazione del Piano Attuativo, di cui comunque dovr essere dimostrata la compatibilit paesaggistica ed ambientale. ARTICOLO 35 ZONE PER SERVIZI DI PERTINENZA DEGLI INSEDIAMENTI RESIDENZIALI - FB1. Il P.R.G., parte Operativa, nel P.C.S., per soddisfare le esigenze degli abitanti, valuta prioritariamente l'insieme delle attrezzature al servizio degli insediamenti residenziali esistenti nel territorio comunale e in caso di accertata insufficienza delle attrezzature stesse, anche rispetto agli standard minimi stabiliti dalla legislazione urbanistica vigente, individua le necessarie modalita di adeguamento dei servizi e delle aree connesse. 2. Le quantit minime di spazi pubblici e per attrezzature, al servizio di insediamenti residenziali previsti dal PRG, sono determinate applicando i valori minimi di seguito riportati, espressi in metri quadrati rapportati agli abitanti insediati o da insediare in ogni singolo comparto, considerando che per il Comune di Stroncone la popolazione residente inferiore a 20.000: FB1) Istruzione scuola materna e dellobbligo 4 mq/ab. FB2) Attrezzature di interesse comune 2 mq/ ab. FB3) Spazi pubblici attrezzati a parco 5 mq/ab. FB4) Parcheggi pubblici 3 mq/ab. Per la verifica delle quantit minime delle aree per servizi di pertinenza degli insediamenti residenziali si ipotizza il rapporto 150 mc/abitante, salvo diversa dimostrazione sulla base delle caratteristiche tipologiche ed insediative in sede di redazione del P.R.G., parte operativa. 3. Le aree per standard di cui al comma 2 sono dimensionate nella parte strutturale del PRG e sono
Pag. 108

perimetrate, in coerenza con il P.C.S., nella parte operativa del PRG e/o in sede di formazione dei relativi Piani Attuativi. 4. Le aree per standard previste nei piani attuativi di iniziativa privata o mista, da urbanizzare e sistemare, sono cedute gratuitamente al Comune e soddisfano anche la necessita di aree di urbanizzazione primaria, per verde e parcheggio, di cui all'art. 4 della legge 29 settembre 1964, n. 847 e successive modifiche ed integrazioni, da definire eventualmente in quota parte. 5. Il PRG, parte operativa, stabilisce i casi in cui le aree per standard di cui al presente articolo possano essere previste all'esterno dei comparti residenziali ovvero i casi in cui il valore delle rispettive aree possa essere monetizzato in alternativa alla loro sistemazione e cessione gratuita al Comune, definendone il valore e disciplinando le modalit di pagamento a carico dei proprietari delle aree oggetto del Piano attuativo. 6. Il Comune utilizza le somme ricavate esclusivamente per la realizzazione dei servizi previsti dal P.C.S. FB1) - Istruzione scuola materna e dellobbligo In queste aree sono ammesse ammesse le seguenti destinazioni d'uso: asili nido, scuola materna, istituti, pubblici e privati, per l'istruzione primaria, secondaria, centri studi, ecc.. Il PRG, parte operativa, potr precisare e/o prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. Il PRG, Parte Operativa, definir i comparti, attribuir la volumetria di servizio massima realizzabile per ogni comparto in base alla sua specifica destinazione. Gli interventi si attuano mediante Piano Attuativo dei comparti cos come individuati dal P.R.G. Parte operativa. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria, dei parcheggi e dei servizi pubblici, delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le aree destinate ai volumi da costruire e le aree destinate alle urbanizzazioni primarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare; la eventuale densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di intervento. La densit fondiaria, non dovr superare UF 0,50 mq/mq.; il PRG parte operativa stabilir, per ogni zona, la densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di attuazione e di intervento.. Di norma nel comparto dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 50 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte operativa per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. L'attuazione delle previsioni nei singoli comparti da parte di privati subordinata alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica e quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. Laltezza massima delle nuove costruzioni, non potr in ogni caso superare mt. 6,50 tranne che per le zone montane dove non potr superare mt 4,50. Per gli elementi di spiccato interesse pubblico e per ragioni funzionati ad essi legati quali palestre, auditorium, torri didattiche l'altezza massima potr essere derogata in fase di approvazione del Piano Attuativo, di cui comunque dovr essere dimostrata la compatibilit paesaggistica ed ambientale .

Pag. 109

FB2) - Attrezzature di interesse comune In queste aree sono ammesse ammesse le seguenti destinazioni d'uso: uffici pubblici o di interesse pubblico, attivit commerciali, servizi sociali, centri per attivit socioculturali, biblioteche, attivit sportive, teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli, edifici per il culto, oratori, centri ricreativi, etc. Il PRG, parte operativa, potr precisare e/o prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. Il PRG, Parte Operativa, definir i comparti, attribuir la volumetria di servizio massima realizzabile per ogni comparto in base alla sua specifica destinazione. Gli interventi si attuano mediante Piano Attuativo dei comparti cos come individuati dal P.R.G. Parte operativa. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria, dei parcheggi e dei servizi pubblici, delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le aree destinate ai volumi da costruire e le aree destinate alle urbanizzazioni primarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare; la eventuale densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di intervento. La densit fondiaria, non dovr superare UF 0,60 mq/mq.; il PRG parte operativa stabilir, per ogni zona, la densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di attuazione e di intervento.. Di norma nel comparto dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 40 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte operativa per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. L'attuazione delle previsioni nei singoli comparti da parte di privati subordinata alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica e quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. Laltezza massima delle nuove costruzioni, non potr in ogni caso superare mt. 6,50 tranne che per le zone montane dove non potr superare mt 4,50. Per gli elementi di spiccato interesse pubblico e per ragioni funzionati ad essi legati quali sale cinematografiche, auditorium, torri civiche, campanili, ecc., l'altezza massima potr essere derogata in fase di approvazione del Piano Attuativo, di cui comunque dovr essere dimostrata la compatibilit paesaggistica ed ambientale . FB3) - Spazi pubblici attrezzati a parco In queste aree sono ammesse ammesse le seguenti destinazioni d'uso: parchi urbani e parchi di quartiere destinati al libero accesso e godimento dei cittadini. In queste zone sono consentite costruzioni che abbiano esclusivamente funzione di integrare la destinazione specifica della zona, come attrezzature di gioco per bambini, chioschi e simili. Il PRG, parte operativa, potr precisare e/o prevedere limitazioni alle destinazioni compatibili nelle singole zone. Il PRG, Parte Operativa, definir i comparti, attribuir la volumetria di servizio massima realizzabile per ogni comparto in base alla sua specifica destinazione. Gli interventi si attuano mediante Piano Attuativo dei comparti cos come individuati dal P.R.G. Parte operativa. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria, dei parcheggi e dei servizi pubblici, delle opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e

Pag. 110

quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. Il PRG, Parte Operativa, definir in maniera adeguata le aree destinate ai volumi da costruire e le aree destinate alle urbanizzazioni primarie; indicher gli eventuali elementi di interesse paesaggistico e/o ambientale da salvaguardare e/o da riqualificare; la eventuale densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di intervento. La densit fondiaria, di norma non dovr superare UF 0,05 mq/mq.; il PRG parte operativa stabilir, per ogni zona, la densit fondiaria, le destinazioni ammesse, le altezze massime, le ubicazioni e le modalit di attuazione e di intervento.. Di norma nel comparto dovr essere garantita una permeabilit minima dei terreni pari al 95 % della superficie territoriale, tale percentuale potr essere aumentata dal P.R.G. Parte operativa per motivi di salvaguardia degli acquiferi e dell'ambiente in generale. L'attuazione delle previsioni nei singoli comparti da parte di privati subordinata alla stipula di una Convenzione o di Atto d'obbligo che definisca tempi e modalit di esecuzione degli interventi ivi quelli previsti per la riorganizzazione urbanistica, ambientale e paesaggistica e quanto disposto da specifiche normative o dallo strumento urbanistico in materia di incrementi premiali dei diritti edificatori, compensazione e perequazione. Laltezza massima delle nuove costruzioni, non potr in ogni caso superare mt. 3,50. FB4) Parcheggi pubblici In queste aree aree possibile solo la realizzazione di infrastrutture per parcheggio, di superficie o pluripiano, anche di interscambio tra sistemi di trasporto e l'approntamento di isole ecologiche per la raccolta dei rifiuti solidi urbani. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria e dei parcheggi esistenti, indicher le aree ove possibile realizzare, oltre ai parcheggi di superficie, anche i parcheggi pluripiano, le altezze e le modalit di intervento, pu prevedere le opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. Gli interventi possono essere realizzati dallAmm.ne Comunale e/o da soggetti privati, previa stipula di specifica convenzione con la stessa Amm.ne Comunale, contenente la disciplina delle modalit di esercizio, i canoni, le tariffe, nonch la durata delle concessioni. L'indicazione grafica, ha valore di massima, fino alla redazione del progetto dell'opera. La realizzazione dei parcheggi deve garantire la tutela delle falde sotterranee da contaminazione dovuta allinfiltrazione di agenti inquinanti. Nella realizzazione di parcheggi con finitura superficiale impermeabile e capienza non superiore a cinquanta posti auto, dopo la necessaria raccolta delle acque piovane ammessa limmissione nel sistema fognario delle acque chiare o, in alternativa, la dispersione diretta nel terreno a condizione che in corrispondenza del punto di dispersione sia realizzato un idoneo strato filtrante opportunamente dimensionato in relazione alla natura e permeabilit media del terreno. Per la realizzazione di parcheggi con finitura superficiale impermeabile e capienza pari o superiore a cinquanta posti auto obbligatoria la raccolta delle acque piovane ed il loro trattamento mediante appositi sistemi di separazione e raccolta degli oli inquinanti. Per la realizzazione di parcheggi con finitura superficiale permeabile ammessa la dispersione diretta nel terreno delle acque piovane solamente a condizione che inferiormente alla finitura superficiale dellintera area interessata sia realizzato un idoneo strato filtrante opportunamente dimensionato in relazione alla natura e permeabilit del terreno. Il riutilizzo delle acque piovane raccolte nei parcheggi per gli scopi di cui allarticolo 9, comma 2, lettere a), b) e c) della L.R. 17/2008 avviene previa depurazione mediante appositi sistemi di separazione e raccolta degli oli inquinanti. Le prescrizioni di cui al presente articolo sono obbligatorie per i parcheggi realizzati
Pag. 111

successivamente allentrata in vigore della L.R. 17/08. Per i parcheggi gi esistenti con copertura impermeabile obbligatorio ladeguamento in occasione dei rifacimenti della finitura superficiale.

ARTICOLO 36 ZONE DESTINATE ALLA VIABILIT


Le zone destinate alla viabilit comprendono: le strade, i nodi stradali, i parcheggi, le relative aree di rispetto. La loro rappresentazione grafica ha valore di massima fino al progetto esecutivo dellopera. Nel PRG, la viabilit stradale rispetta le tipologie previste dal Nuovo Codice della Strada e dalla legislazione regionale, e precisamente: 1. Strade extraurbane principali (tipo b) 2. Strade extraurbane secondarie (tipo c) 3. Strade urbane di quartiere (tipo e) 4. Strade locali urbane ed extraurbane (tipo f) 5. piste ciclabili e ciclo-pedonali,viabilit minore e sentieristica (tipo f bis) Nel PRG, parte Operativa , la viabilit di quartiere e locale meglio definita, anche nelle intersezioni con la viabilit principale.

ARTICOLO 37 ZONE DESTINATE A PARCHEGGIO E SOSTA PRIVATI


Gli spazi destinati al parcheggio ed alla sosta degli autoveicoli devono essere previsti in funzione della destinazione duso degli edifici, come opere di urbanizzazione primaria e dovranno essere ubicate in posizione opportuna ai margini della sede viaria o degli edifici. Le quote di spazio da destinare a parcheggi privati e pubblici, quando non siano specificatamente indicate nei vari articoli delle presenti norme, sono disciplinate secondo la seguente tabella: DESTINAZIONI PARCHEGGI PRIVATI a) Zone di completamento -B-: -edifici uso abitazione 10mq/100mc -eventuali superfici uso uffici/commerciale (parcheggi privati ad uso pubblico) 40mq/100mq b) Zone di espansione -C e Cp: -edifici uso abitazione 10mq/100mc -eventuali superfici uso uffici/commerciale (parcheggi privati ad uso pubblico) 40mq/100mq c) Zone industriali e artigianali -D: d) Zone ricettive: 10mq /100mc 10 mq/100mc

e) Zone agricole: 10mq /100mc. Il PRG, Parte Operativa, pu prevedere la riorganizzazione ed il potenziamento della rete viaria e dei parcheggi esistenti, indicher le aree ove possibile realizzare, oltre ai parcheggi di superficie, anche i parcheggi pluripiano, le altezze e le modalit di intervento, pu prevedere le opere di riqualificazione paesaggistica ed ambientale e quant'altro necessario per la riqualificazione urbanistica, paesaggistica ed ambientale del territorio. La realizzazione dei parcheggi deve garantire la tutela delle falde sotterranee da contaminazione dovuta allinfiltrazione di agenti inquinanti.
Pag. 112

Nella realizzazione di parcheggi con finitura superficiale impermeabile e capienza non superiore a cinquanta posti auto, dopo la necessaria raccolta delle acque piovane ammessa limmissione nel sistema fognario delle acque chiare o, in alternativa, la dispersione diretta nel terreno a condizione che in corrispondenza del punto di dispersione sia realizzato un idoneo strato filtrante opportunamente dimensionato in relazione alla natura e permeabilit media del terreno. Per la realizzazione di parcheggi con finitura superficiale impermeabile e capienza pari o superiore a cinquanta posti auto obbligatoria la raccolta delle acque piovane ed il loro trattamento mediante appositi sistemi di separazione e raccolta degli oli inquinanti. Per la realizzazione di parcheggi con finitura superficiale permeabile ammessa la dispersione diretta nel terreno delle acque piovane solamente a condizione che inferiormente alla finitura superficiale dellintera area interessata sia realizzato un idoneo strato filtrante opportunamente dimensionato in relazione alla natura e permeabilit del terreno. Il riutilizzo delle acque piovane raccolte nei parcheggi per gli scopi di cui allarticolo 9, comma 2, lettere a), b) e c) della L.R. 17/2008 avviene previa depurazione mediante appositi sistemi di separazione e raccolta degli oli inquinanti. Le prescrizioni di cui al presente articolo sono obbligatorie per i parcheggi realizzati successivamente allentrata in vigore della L.R. 17/08. Per i parcheggi gi esistenti con copertura impermeabile obbligatorio ladeguamento in occasione dei rifacimenti della finitura superficiale.

Pag. 113

CAPITOLO VII - ZONE DI RISPETTO E VINCOLI DI SALVAGUARDIA TERRITORIALE


ARTICOLO 38 - ZONE DI RISPETTO DEI CIMITERI V1 Tali zone sono destinate esclusivamente alle attrezzature cimiteriali e vi sono soltanto consentite, a titolo precario, piccole costruzioni per vendita di fiori o di oggetti di carattere funerario. Debbono comunque essere totalmente rispettate le disposizioni tecniche generali di cui al D.P.R. 285 del 10/09/90 e succ. m. e int. Regolamento di Polizia Mortuaria.

ARTICOLO 39 - ZONE DI PARTICOLARE INTERESSE NATURALISTICO E AMBIENTALE -V2Nelle aree di particolare interesse naturalistico ambientale, fatto obbligo il mantenimento allambiente naturale esistente, ed vietato qualsiasi tipo di nuova costruzione. Gli interventi sul patrimonio edilizio esistente, potranno essere eseguiti nei limiti di cui allart. 35 della L.R. 11/2005

ARTICOLO 40 FASCE DI RISPETTO DELLA FERROVIA - V3_


La disciplina delle fasce di rispetto delle ferrovie quella dettata dal D.P.R. n. 753/1980 e s.m.i. e della Legge 24 marzo 2000, n.ro 27 e s.m.i.

ARTICOLO 41 - AREA ARCHEOLOGICA -V4Larea archeologica, individua siti tutelati da vincoli sovraordinati, nelle quali, qualsiasi tipo di intervento, pubblico e/o privato, dovr essere sottoposto al preventivo parere da parte dellEnte preposto alla tutela. Prima di realizzare qualsiasi tipo di intervento, in tali aree, si dovranno effettuare idonee indagini conoscitive di concerto con la competente Soprintendenza. Ogni e qualsiasi intervento, dovr essere realizzato nel rispetto degli art.li 130,131 e 132 delle N. di A. del PTCP.

ARTICOLO 42 AREA DI RISPETTO DEI POZZI


ZONE DI RISPETTO DEI POZZI Nelle zone di rispetto dei pozzi e delle sorgenti, si applica la norma di salvaguardia dei punti di prelievo delle acque destinate al consumo umano nel seguente modo: La zona di tutela assoluta Interessa larea immediatamente circostante i punti di prelievo. Essa deve avere una estensione di almeno 10 metri di raggio dal punto di captazione e dovr essere adeguatamente protetta. La zona di tutela assoluta va acquisita al patrimonio pubblico per motivi di pubblico interesse. Nella zona di tutela assoluta sono vietati tutti gli interventi edilizi ed attivit antropiche, tranne la
Pag. 114

realizzazione di opere di captazione e infrastrutture di servizi connessi al prelievo e alla distribuzione idrica. Oltre la zona di tutela assoluta, e per un raggio di mt. 200 dal punto di captazione, fatte salve le maggiori o minori dimensioni stabilite da normative sovraordinate, sono vietati linsediamento dei seguenti centri di pericolo e lo svolgimento delle seguenti attivit: - dispersione di fanghi ed acque reflue, anche se depurati; - accumulo di concimi chimici, fertilizzanti e pesticidi; - spandimento di concimi chimici, fertilizzanti e pesticidi, salvo che limpiego di tali sostanze sia effettuato sulla base delle indicazioni di uno specifico piano di utilizzazione che tenga conto della natura dei suoli, delle colture compatibili, delle tecniche agronomiche impiegate e delle vulnerabilit delle risorse idriche; - dispersione nel sottosuolo di acque meteoriche provenienti da piazzali strade; - aree cimiteriali; - apertura di cave che possano essere in connessione con la falda; - apertura di pozzi, ad eccezione di quelli che estraggono acqua destinata al consumo umano e di quelli finalizzati alla variazione della estrazione e alla protezione delle caratteristiche qualitative e quantitative della risorsa idrica; - gestione di rifiuti; - stoccaggio di prodotti ovvero sostanze chimiche pericolose e sostanze radioattive; - centri di raccolta, demolizione e rottamazione di autoveicoli; - pozzi perdenti; - pascolo e stabulazione di bestiame, che ecceda i 170 Kg per ettaro di azoto presente negli effluenti, al netto delle perdite di stoccaggio e distribuzione. E comunque vietata la stabulazione del bestiame nella zona di rispetto ristretta. Per gli insediamenti e le attivit sopra descritte, preesistenti alla data di adozione, ove possibile e comunque ad eccezione delle aree cimiteriali, dovranno essere adottate le misure per il loro allontanamento e, in ogni caso, per la loro messa in sicurezza. I diritti edificatori prodotti dalle aree di rispetto sono utilizzabili in altre aree del territorio comunale del proprietario richiedente. I proprietari delle aree di rispetto sono tenuti alla regimazione idrogeologica e idraulica al fine di prevenire il rischio di inquinamento a causa del ruscellamento di acque superficiali o di scarichi non incanalati. La delimitazione delle aree di salvaguardia resta anche nel caso in cui le captazioni siano temporaneamente disattivate.

ARTICOLO 43 ZONE DI RISPETTO DEI DEPURATORI


Allinterno delle zone di rispetto dei depuratori, per una distanza di mt. 100 dallimpianto, larea vincolata alla inedificabilit assoluta, (DISPOSIZIONI DEL MINISTERO DEL LAVORI PUBBLICI 4 FEBBRAIO 1977 G.U. 21-2-1977, n. 48 supp. l.); conseguentemente sono vietati gli interventi di nuova costruzione, ristrutturazione e rmpliamento di edifici esistenti; gli edifici preesistenti, ricadenti allinterno della zona di rispetto, potranno essere oggetto, nel rispetto delle prescrizioni di zona, di interventi di recupero, con demolizione ricostruzione, traslata al di fuori della zona di rispetto. E ammessa la costruzione di impianti tecnici e di infrastrutture.

Pag. 115

ARTICOLO 44 AREE A RISCHIO IDRAULICO

R2e Aree a rischio elevato per fenomeni idraulici Nelle zone individuate dal P.R.G. come a rischio elevato per fenomeni idraulici, identificate nello specifico studio con R2e nelle Tav. 3-1, che riporta l'impronta delle aree di esondazione per tempi di ritorno Tr 50 anni, Tr 200 anni, Tr 500 per il torrente Aia, mentre per il Fosso di Stroncone le Tr50 anni e le Tr 100 anni. Fatto salvo quanto previsto allart. 4, commi 2 e 3 del PAI e ferme restando le limitazioni poste in essere dallautorit regionale competente in materia di pubblica incolumit, sono ammessi esclusivamente: l)gli interventi di demolizione senza ricostruzione dei manufatti edilizi; m)gli interventi sugli edifici, sulle infrastrutture sia a rete che puntuali e sulle attrezzature esistenti, sia private che pubbliche che di pubblica utilit, di manutenzione ordinaria, e straordinaria, restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, cos come definiti dalle normative vigenti, nonch le opere interne agli edifici, ivi compresi gli interventi necessari alladeguamento alla normativa antisismica, alla prevenzione sismica, allabbattimento delle barriere architettoniche ad al rispetto delle norme in materia di sicurezza ed igiene sul lavoro, nonch al miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie, funzionali abitative e produttive. Gli interventi di cui sopra devono essere realizzati in condizioni di sicurezza idraulica senza modifica delle condizioni di deflusso della piena previo parere e verifica dellautorit regionale idraulica competente, e senza aumentare l'area di sedime; n)gli interventi di consolidamento volti alla messa in sicurezza delle aree e degli edifici esposti al rischio purch tali interventi non pregiudichino le condizioni di sicurezza idraulica a monte e a valle dellarea oggetto dellintervento; o)gli interventi necessari a ridurre la vulnerabilit degli edifici, delle attrezzature ed infrastrutture esistenti ed a migliorare la tutela della pubblica incolumit senza aumento di superficie di sedime e di volume; p)gli interventi di ampliamento di opere pubbliche o di pubblico interesse, riferite a servizi essenziali e non delocalizzabili, nonch la realizzazione di nuove infrastrutture lineari e/o a rete non altrimenti localizzabili, compresa la realizzazione di manufatti funzionalmente connessi, attrezzature ed impianti sportivi e ricreativi allaperto con possibilit di realizzazione di modesti manufatti accessori a servizio degli stessi, a condizione che tali interventi non costituiscano significativo ostacolo al libero deflusso e/o significativa riduzione della capacit di invaso, non costituiscano impedimento alla realizzazione di intereventi di attenuazione e/o eliminazione delle condizioni di rischio e siano coerenti con la pianificazione degli interventi di protezione civile, e comunque soggetti al parere di fattibilit rilasciato dall'Ufficio Idraulico della Regione; q)gli interventi per reti ed impianti tecnologici, per sistemazioni di aree esterne, recinzioni ed accessori pertinenziali di arredo agli edifici, alle infrastrutture ed alle attrezzature esistenti, purch non comportino la realizzazione di nuove volumetrie, alle condizioni di cui alla lettera e); r)la realizzazione di manufatti di modeste dimensioni al servizio di edifici, infrastrutture, attrezzature ed attivit esistenti realizzati in condizioni di sicurezza idraulica e senza incremento dellattuale livello di rischio e comunque soggetti al parere di fattibilit rilasciato dall'Ufficio Idraulico della Regione; s)le attivit connesse alle coltivazioni agricole, con esclusione di ogni intervento che comporti modifica della morfologia del territorio; t)gli interventi volti alla bonifica dei siti inquinati, ai recuperi ambientali ed in generale alla
Pag. 116

ricostituzione degli equilibri naturali alterati e alla eliminazione dei fattori di interferenza antropica; l)le occupazioni temporanee, a condizione che non riducano la capacit di portata dellalveo, realizzate in modo da non arrecare danno o da risultare di pregiudizio per la pubblica incolumit in caso di piena, anche esse soggette al parere di fattibilit rilasciato dall'Ufficio Idraulico della Regione;; m) gli interventi di manutenzione idraulica come definiti dal P.A.I. nellallegato Linee guida per lindividuazione e la definizione degli interventi di manutenzione delle opere idrauliche e di mantenimento dellofficiosit idraulica della rete idrografica; n)gli edifici e i manufatti finalizzati alla conduzione delle aziende agricole purch realizzate in condizioni di sicurezza idraulica e senza incremento dellattuale livello di rischio; previa acquisizione del parere di fattibilit rilasciato dall'Ufficio Idraulico della Regione; o)gli interventi di difesa idraulica cos come previsti dallarticolo 30 del P.A.I.; p)lattivit estrattiva nei limiti previsti dallarticolo 31 del P.A.I. Per gli interventi di cui alle lettere c), l), m), n), o) sempre necessario richiedere il parere di cui al R.D. n. 523/1904 rilasciato dallautorit regionale competente in materia idraulica.

R1e Aree a rischio medio-basso per fenomeni idraulici Nelle zone individuate dal P.R.G., identificate come Rle, aree a rischio medio basso per fenomeni idraulici, localizzate non ammessa ledificazione di strutture pubbliche e private che prevedano la realizzazione di locali di ritrovo interrati o seminterrati di uso collettivo (sale riunioni, palestre, cinema, teatri ecc.) o come magazzini o depositi di materiali pericolosi e/o inquinanti, merci deperibili etc. I progetti relativi agli interventi di attivit produttive che rientrano nella fascia di rispetto dei 100 ml. dai corsi dacqua, dovranno prevedere uno studio di fattibilit idraulica finalizzato alla verifica della sicurezza ai fini della allagabilit del sito, tale da determinare una riduzione della fascia di rispetto medesima. I bacini sottesi, a monte delle aree a rischio di esondazione fluviale, sono oggetto ulteriori studi ed indagini di carattere particolareggiato, ai fini di ridurre il rischio ambientale. Tali studi costituiranno parte integrante di eventuali strumenti urbanistici attuativi, relativamente ad aree oggetto di previsione insediativa o per lo svolgimento di servizi, che siano interessate dal rischio di esondazione, ovvero che siano contigue alle stesse. Nelle aree a rischio di esondazione fluviale, fino alla esecuzione degli studi sopra citati e alla eventuale realizzazione degli interventi compensativi necessari ad eliminare il rischio a) sono vietati: la realizzazione di nuovi insediamenti a qualunque uso destinati, con la sola eccezione di opere finalizzate alla regimazione idrogeologica e idraulica lapertura di cave, la realizzazione di pozzi per acqua, lo stoccaggio anche provvisorio di rifiuti di qualunque genere, lo spandimento sul suolo di reflui di qualunque natura, compresi quelli zootecnici e dei frantoi oleari. b) sono consentite: sugli edifici sparsi esistenti, solo trasformazioni che non aumentino il carico antropico, quali interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, risanamento conservativo, cos come definiti alle lettere a), b), c) dellart. 13 della legge 457/1978 e s.m.i.associate ad opere di consolidamento strutturale e fondale ai fini della salvaguardiadella pubblica incolumit. Nella parte Operativa del P.R.G. verr eseguita la perimetrazione catastale delle aree di esondazione del torrente Aia e del Fosso di Stroncone.
Pag. 117

ARTICOLO 45 AREE A RISCHIO GEOMORFOLOGICO


Sono considerate aree a rischio geomorfologico le parti di territorio che presentano situazioni di instabilit dei versanti come riportato nelle tav. 1 geolitologica e tav. 2 geomorfologica. Nelle tavole della Carta geomorfologica si individuano le varie zone con diverso grado di instabilit e a cui si rimanda per la loro esatta definizione. Aree con accumuli di frane attive Sono vietati nuovi interventi edilizi ed infrastrutturali.In queste aree sono consentiti solo gli interventi tesi a diminuire il grado di vulnerabilit dei beni e degli edifici eventualmente esposti al rischio, le opere classificate tra quelle di cui alle lettere a), b), c) dellArt. 31 della L. 457/78 finalizzate alla conservazione delledificio o di altre costruzioni esistenti. Sono vietati gli interventi che determinano un incremento delle condizioni di rischio ( es. opere per lo smaltimento delle acque nere, bianche e di qualsiasi derivazione; movimenti di terra che modificano in maniera sostanziale le condizioni geomorfologiche esistenti etc. ). Qualsiasi intervento tra quelli consentiti, potr essere realizzato solo dopo adeguate opere di consolidamento e stabilizzazione, decise a seguito di specifiche indagini e studi di tipo geologico, geomorfologico ed idrogeologico dellarea oggetto dellintervento. Tali analisi, studi ed indagini effettuati sulla base dello studio geomorfologico del P.R:G, dovranno prevedere: -rilievi di dettaglio dei fenomeni di instabilit e dei regimi idrici di superficie e profondi ad esso eventualmente collegati, , a scala non inferiore ad 1: 2000, ; -definizione della geometria del corpo di frana attraverso indagini geognostiche dirette ed indirette esperite anche con lausilio di strumentazioni per il monitoraggio (inclinometri, piezometri); -campionamento dei materiali costituenti il corpo frana e definizione dei parametri di picco e residui; -analisi di stabilit del declivio da effettuarsi in fase sismica considerando leventuale presenza di falde acquifere e sovraccarichi. -Proposizione di schemi tipologici di soluzioni atte a bonificare e/o consolidare larea in oggetto sulla base dei parametri acquisiti. Non inoltre consentita la realizzazione di nuove strade ed infrastrutture lineari di alcun genere (metanodotti, condotte idriche, collettori fognanti, piloni di elettrodotti etc.) se non compatibili con gli studi di cui sopra. Lutilizzo del suolo dovr in ogni caso essere congruente con il livello di sicurezza conseguito con le opere di bonifica e consolidamento. Lutilizzazione agricola delle aree in frana potr avvenire previa stabilizzazione e consolidamento idrogeologico e dovr comunque essere indirizzata verso colture arboree da frutto o da legno, bosco o pascolo. Aree con accumuli di frane quiescenti In queste aree lattuazione delle previsioni urbanistiche e la realizzazione di nuove strutture potr essere consentita solo dopo che sia stato eliminato il pericolo di mettere in moto fenomeni franosi; gli eventuali interventi di consolidamento e stabilizzazione, da effettuarsi sulla base di specifiche indagini e studi di tipo geologico, geomorfologico ed idrogeologico dellarea oggetto dellintervento dovranno essere conclusi e l'idoneit alla loro realizzazione sia certificata ed asseverata da idoneo tecnico abilitato. In mancanza di idonei intervento di consolidamento e stabilizzazione in queste aree sono

Pag. 118

consentiti solo gli interventi tesi a diminuire il grado di vulnerabilit dei beni e degli edifici eventualmente esposti al rischio, le opere classificate tra quelle di cui alle lettere a), b), c) dellArt. 31 della L. 457/78 finalizzate alla conservazione delledificio o di altre costruzioni esistenti. Sono vietati gli interventi che determinano un incremento delle condizioni di rischio ( es. opere per lo smaltimento delle acque nere, bianche e di qualsiasi derivazione; movimenti di terra che modificano in maniera sostanziale le condizioni geomorfologiche esistenti etc. ). Qualsiasi intervento tra quelli consentiti, potr essere realizzato solo dopo adeguate opere di consolidamento e stabilizzazione, decise a seguito di specifiche indagini e studi di tipo geologico, geomorfologico ed idrogeologico dellarea oggetto dellintervento. Tali analisi, studi ed indagini effettuati sulla base dello studio geomorfologico del P.R:G, dovranno prevedere: -rilievi di dettaglio dei fenomeni di instabilit e dei regimi idrici di superficie e profondi ad esso eventualmente collegati, , a scala non inferiore ad 1: 2000, ; -definizione della geometria del corpo di frana attraverso indagini geognostiche dirette ed indirette esperite anche con lausilio di strumentazioni per il monitoraggio (inclinometri, piezometri); -campionamento dei materiali costituenti il corpo frana e definizione dei parametri di picco e residui; -analisi di stabilit del declivio da effettuarsi in fase sismica considerando leventuale presenza di falde acquifere e sovraccarichi. -Proposizione di schemi tipologici di soluzioni atte a bonificare e/o consolidare larea in oggetto sulla base dei parametri acquisiti. Non inoltre consentita la realizzazione di nuove strade ed infrastrutture lineari di alcun genere (metanodotti, condotte idriche, collettori fognanti, piloni di elettrodotti etc.) se non compatibili con gli studi di cui sopra. Lutilizzo del suolo dovr in ogni caso essere congruente con il livello di sicurezza conseguito con le opere di bonifica e consolidamento. Lutilizzazione agricola di eventuali aree in frana potr avvenire previa stabilizzazione e consolidamento idrogeologico e dovr comunque essere indirizzata verso colture arboree da frutto o da legno, bosco o pascolo. Aree con accumuli di frane inattive Sono aree per le quali non stato possibile distinguere chiaramente gli elementi che caratterizzano le frane (nicchia di distacco, accumulo), ma indizi geomorfologici e deformazioni della superficie topografica riconducibili a fenomeni di instabilit gravitativa, quali irregolarit e ondulazioni del pendio, gibbosit e avvallamenti. Spesso tali aree sono caratterizzate da coltri di alterazione a spessore variabile, con movimenti gravitativi che interessano solo gli strati superficiali, generalmente in concomitanza di eventi meteorici importanti, ma tuttavia possibile che, da uno studio approfondito, supportato da indagini geognostiche, risultino stabili. In dette aree qualsiasi intervento richiede indagini puntuali che accertino la distribuzione verticale e la continuit laterale dei terreni, la granulometria in relazione al fuso critico in fase sismica, i parametri meccanici mediante prove in sito e di laboratorio, la possibile interazione della falda con le opere previste, levoluzione dei cedimenti prevedibili. Inoltre, lattivazione delle previsioni urbanistiche subordinata alla realizzazione di uno studio di compatibilit. Lo studio dovr accertare la pericolosit geomorfologica dellarea e stabilire la compatibilit geologica e geomorfologica dei nuovi complessi insediativi e di trasformazione edilizia ed urbanistica. Nel caso di frane gi stabilizzate mediante interventi di consolidamento, lutilizzazione urbanistica possibile previa verifica di compatibilit tra gli
Pag. 119

interventi edilizi ed urbanistici e le opere di consolidamento presenti nellarea. La verifica dovr avvenire mediante studio geologico, geomorfologico e idrogeologico di dettaglio, che dovr provvedere a: -rilievi di dettaglio dei fenomeni di instabilit e dei regimi idrici di superficie e profondi ad esso eventualmente collegati, , a scala non inferiore ad 1: 2000, ; -definizione della geometria del corpo di frana attraverso indagini geognostiche dirette ed indirette esperite anche con lausilio di strumentazioni per il monitoraggio (inclinometri, piezometri); -campionamento dei materiali costituenti il corpo frana e definizione dei parametri di picco e residui; -analisi di stabilit del declivio da effettuarsi in fase sismica considerando leventuale presenza di falde acquifere e sovraccarichi. -Proposizione di schemi tipologici di soluzioni atte a bonificare e/o consolidare larea in oggetto sulla base dei parametri acquisiti. Lattuazione di qualsiasi intervento ed in particolare la realizzazione di opere che possono determinare un incremento delle condizioni di rischio (es. opere per lo smaltimento delle acque nere, bianche e di qualsiasi provenienza, movimenti terra che modificano in maniera sostanziale le condizioni geomorfologiche esistenti etc.) dovr essere preceduta da studi di fattibilit tecnica e verifiche di dettaglio come previsto dalla normativa vigente in materia. Le indagini e gli studi eseguiti dovranno escludere la possibilit di un incremento delle condizioni di rischio. Nel caso in cui le indagini specifiche accertino lesistenza di situazioni di pericolosit superiore rispetto a quelle riscontrate attraverso il rilevamento di superficie verranno applicate le condizioni relative al caso individuato (frane attive o quiescenti). Nel caso in cui gli studi di dettaglio comprovino lesistenza di movimenti gravitativi ormai stabilizzati naturalmente o artificialmente (frane inattive) lutilizzo del suolo ai fini urbanistici sar consentito previo accertamento della fattibilit tecnica come indicato nei punti precedenti. Dovr essere comunque documentata, attraverso le indagini e le relative elaborazioni, linesistenza di un incremento delle condizioni di rischio e della possibilit di riattivazione dei dissesti. Nel caso in cui invece le ricostruzioni effettuate mediante indagini specifiche, opportunamente correlate, consentano di escludere lesistenza di fenomeni gravitativi in atto o potenziali (attivi, quiescenti o inattivi), sar consentito lutilizzo del suolo ai fini urbanistici, nel rispetto delle prescrizioni del D.M. 11/03/1988 e norme successive e della normativa sismica vigente.

Compiti del P:R:G:, parte operativa.


Visto il gran numero di parti del territorio comunale interessate da aree instabilie l'impossibilit di effettuare specifiche indagini e studi di tipo geologico, geomorfologico ed idrogeologico, in fase di redazione del P.R.G., parte operativa, per le zone soggette a fenomeni di instabilit verranno dettate specifiche norme e precrizioni, sia per i Piani Attuativi e sia per le zone ad attuazione diretta, tese a prevedere indagini geologiche di dettaglio tramite esperti di settore (geologi) secondo la normativa nazionale e regionale vigente che verifichino la compatibilit degli interventi con la pericolosit geologica accertata e del rischio sismico.

ARTICOLO 46 AREE SOGGETTE A RISCHIO SISMICO


Il Comune di Stroncone classificato a sismicit elevata. Il valore del rischio sismico IR= 0,1288 superiore al valore medio nazionale con IR= 0,0455.
Pag. 120

A corredo della P.R.G., parte strutturale, sono stati eseguiti, ai soli fini della zonizzazione urbanistica, studi di microzonazione sismica del territorio comunale sulla base della D.G.R. Del 14/03/2001, n. 226, corredati da indagini specifiche finalizzate a valutare la compatibilit delle destinazioni d'uso residenziali del tipo A, B, C, produttive del tipo D e a servizi generali del tipo F, di cui al D.M. 2 aprile 1968, con gli effetti sismici locali e studi di microzonazione sismica di dettaglio per i piani attuativi. Gli interventi di nuova edificazione e quelli di cui ai punti d) ed e) dellart. 31 della L. 457/78, ricadenti allinterno delle aree classificate a vario titolo nella carta del rischio sismico, dovranno essere corredati di indagini geologiche e geotecniche di carattere particolareggiato volte alla valutazione del corretto coefficiente sismico di fondazione. INDAGINI DI MICROZONAZIONE SISMICA DI DETTAGLIO In fase di attuazione del piano dovranno essere eseguite indagini puntuali per le zone, individuate nello Studio di microzonazione sismica, per valutare il reale grado di pericolosit e definire la fattibilit di eventuali interventi di stabilizzazione; per le zone individuate dal P.R.G., attraverso indagini sismiche sia superficiali che in foro, dovranno essere determinate le misure dirette delle velocit di propagazione delle onde Vs al fine di valutare leventuale possibilit di cedimenti o costipamenti differenziali, sotto sollecitazione sismica. I cedimenti differenziali possibili potranno, altres, essere stimati sulla base del risultato di un numero adeguato di prove di laboratorio (prove edometriche e prove triassiali) su campioni indisturbati, prelevati nel corso di sondaggi geognostici, e attraverso lesecuzione di prove penetrometriche in sito.

ARTICOLO 47 AREE SOGGETTE A VINCOLI PAESAGGISTICI E AMBIENTALI


LA RETE DI CONNESSIONE ECOLOGICA REGIONALE (art. 9 e 10 L.R. 27/2000 come riscritti rispettivamente dagli artt. 46-47 della L.R. 11/2005 D.G.R. n. 2003 del 30 novembre 2005) 1. La Rete Ecologica Regionale Umbra, costituita dalla Giunta Regionale umbra con atto Deliberativo n. 2003 del 30/11/2005, comunque gi recepita nel P.U.T. L.R. 27/2000 - con L.R. n. 11 del 22/02/2005, individua nel territorio regionale una rete di ecosistemi al cui interno si stabiliscono rapporti relazionali e continui tra una serie di aree naturali sufficientemente vaste e complesse (nodi) tramite fasce di connessione vegetazionale (corridoi) in modo tale da garantire un adeguato grado di biopermeabilit del territorio, a beneficio del mantenimento della sua biodiversit. 2. Gli elementi funzionali della R.E.R.U. (al pari della sua definizione e delle sue finalit) sono individuati dallart. 9 della L.R. n. 27 del 24/03/2000 (istitutiva del P.U.T.), cos come riscritto dallart. 46 della L.R. n. 11 del 22/02/2005, e sono: le Unit Regionali di Connessione Ecologica, ovvero aree di habitat delle specie ombrello di estensione superiore alla soglia critica, reciprocamente connesse e relativa fascia di permeabilit ecologica; i Corridoi quali aree di habitat di estensione inferiore alla soglia critica, ma reciprocamente connesse, e relativa fascia di permeabilit ecologica in forma lineare o areale, collegate con le unit regionali di connessione ecologica; i Frammenti ovvero aree di habitat di estensione inferiore alla soglia critica, reciprocamente

Pag. 121

non connesse e non collegate alle unit regionali di connessione ecologica, ma circondate da una fascia di categorie ambientali non selezionate dalle specie ombrello. 3. Il PRG Parte Strutturale: definisce e localizza in termini fondiari, alla scala 1:5000, gli elementi della Rete Ecologica regionale (RERU) riconoscibili nel territorio comunale, applicando un criterio simile a quello regionale - con particolare riferimento alle distanze critiche superabili dalle specie ombrello calibrato sulla specificit territoriale; favorisce la concentrazione del tessuto urbanizzato, disincentivando gli insediamenti lineari filamentosi e/o a macchia di leopardo, con lobiettivo di stabilizzare quantomeno il livello di frammentazione ambientale, in alcuni casi avviando anche processi virtuosi di deframmentazione, al fine ultimo di recuperare il massimo grado possibile di continuit ecologica nel territorio comunale; detta norme di conservazione e/o miglioramento delle connessioni ambientali, in riferimento alle precipue categorie tipologiche della RERU individuate sul territorio, in recepimento delle indicazioni regionali sovraordinate espresse dalla DGR n. 2003 del 30/11/2005, ed in stretto rapporto con le disposizioni normative gi vigenti in materia (artt. 9-10 del PUT L.R. 27/2000 cos come riscritti dagli artt. 46-47 della L.R. 11/2005). In particolare: le Unit regionali di Connessione Ecologica, laddove non coincidano con aree boscate, sono incluse nella zona agricola omogenea E1 e sono normate ai sensi dellart. 29 delle NTA del PRG Parte Strutturale; le Fasce di Biopermeabilit tra Habitat sono incluse nella zona agricola omogenea E2 e sono normate ai sensi dellart. 30 delle NTA del PRG Parte Strutturale; i Corridoi ed i Frammenti sono inclusi nella zona agricola omogenea E3 e sono normati ai sensi dellart. 31 delle NTA del PRG Parte Strutturale. 4. Nel caso in cui corridoi/frammenti ed unit di connessione ecologica con le relative fasce di permeabilit ricadano in aree SIC e/o ZPS ai sensi delle Direttive 92/43/CEE e 79/409/CEE varranno e saranno applicate le norme gestionali previste nei rispettivi Piani di Gestione. 5.Soluzioni progettuali e tecniche da adottare per interventi di salvaguardia e/o miglioramento della connettivit ambientale: 2.Infrastrutture lineari (strade, ferrovie, canali, etc.) realizzazione di attraversamenti per la fauna ubicati in corrispondenza delle accertate rotte di spostamento, con vegetazione agli ingressi in funzione di invito e con siepi e similia schermanti dal territorio antropizzato; realizzazione di dispositivi di risalita per la fauna caduta in pozzetti di scolo delle banchine stradali e/o in canali artificializzati; apposizione di sagome anticollisione volatili su pannelli fonoassorbenti trasparenti eventualmente installati; messa in opera di posatoi per uccelli (soprattutto rapaci notturni) ai lati delle strade (circa 5 m dal bordo stradale) nei punti di pi frequente impatto per tali volatili. 3.Infrastrutture lineari (elettrodotti e cavi aerei) Per gli elettrodotti a media tensione: interramento delle linee ovunque possibile; uso di conduttori ricoperti di guaina isolante ad evitare rischi di elettrocuzione per gli uccelli nei nuovi tracciati, o in alternativa distanza tra i cavi maggiore di m 1.50; apposizione di posatoi, dissuasori e segnalatori sui pali o lungo le linee. Per gli elettrodotti ad alta tensione: apposizione di segnalatori lungo le linee, ad evitare rischi di collisione degli uccelli. 4.Edifici

Pag. 122

apposizione di sagome e/o strisce anticollisione volatili su vetri o pannelli di materiali trasparenti o riflettenti; apposizione di rete metallica a maglia elettrosaldata da cm 2 intorno alle aperture di comignoli e/o canne fumarie in genere, per impedire lintrappolamento di animali; apposizione di nidi artificiali (per rapaci notturni come barbagianni e civetta, per rondini e rondoni, per pipistrelli, etc.) sugli edifici per favorire le specie utili e/o rare; adozione, negli interventi edilizi, di accorgimenti tipologico-architettonici atti a mantenere o incrementare lofferta di rifugio per la fauna. 5.Corsi dacqua realizzazione di scale o rampe di risalita per pesci in corrispondenza di punti di discontinuit del corso fluviale (dighe, briglie, etc.). E)Aree di verde pubblico o privato o per servizi. adozione di azioni e tecniche in grado di enfatizzare i contenuti naturalistici di queste aree, come: organizzazione progettuale volta ad esaltare linterconnessione tra i vari elementi strutturali tale da potenziarne la funzione di habitat per specie faunistiche di interesse, piuttosto che a rilevarne un contenuto estetico formale, artificializzato e frammentato; realizzazione di fasce o macchie verdi con vegetazione arborea ed arbustiva intorno agli elementi artificiali e/o nelle aree residuali intercluse, in grado di unire le funzioni di quinta e mascheramento a quelle di connessione ecologica per specie di interesse; utilizzo di specie autoctone per il corredo vegetazionale. 5. Soluzioni progettuali e tecniche da adottare per interventi di riambientazione: Gli interventi di riambientazione saranno informati ai seguenti criteri: uso delle tecniche dellIngegneria Naturalistica cos come normate dagli artt. da 82 a 91 delle N.T.A. del PTCP per gli interventi di consolidamento, stabilizzazione, recupero e bonifica di sponde ed alvei fluviali, versanti, scarpate, cave, discariche ed aree contaminate, per gli interventi di realizzazione, sistemazione, manutenzione e ripristino della viabilit rurale e montana e della sentieristica, nonch per gli interventi di mitigazione ed inserimento ambientale delle reti tecnologiche ed infrastrutturali, delle aree produttive ed industriali, delle lottizzazioni e delle opere di urbanizzazione primaria e delle opere di scavo in genere; mantenimento e/o neoformazione di punti dacqua stagni, pozze, invasi, ristagni idrici temporanei, etc. con profondit preferibilmente non superiore al metro, come riferimento primario negli interventi di riambientazione, ripristinando la vegetazione erbacea, arbustiva ed arborea autoctona allintorno; mantenimento e/o neoformazione delle formazioni spontanee arbustive e delle fasce ecotonali di larghezza non inferiore al metro - tra zone boscate , zone coltivate o zone di insediamento; mantenimento o ripristino di siepi, filari arborei, vegetazione ripariale, boschetti, alberate (vigneti maritati), muri a secco, macere, ciglioni, terrazze, scarpate naturali, ed ogni altro elemento tipico del paesaggio rurale, storico e culturale, lungo la viabilit rurale e montana, al limite degli appezzamenti ed in ogni altro contesto significativo dellambito intercomunale; mantenimento e ripristino di sistemi di lavorazione dei terreni agricoli compatibili con la salvaguardia e conservazione dei suoli: cavalcapoggio nelle medie pendenze, girapoggio in quelle elevate, arature di profondit non superiore a m 0.50, reticoli di sgrondo lento delle acque meteoriche, etc.; ripristino della permeabilit del suolo ovunque possibile in ambito urbano, periurbano e rurale; adozione delle tecniche della selvicoltura naturalistica nella coltivazione forestale, in particolare: a)distribuzione degli interventi di utilizzazione su superfici non superiori ad Ha 5 per stagione, lasciando fasce boscate intatte o sottoposte ad altri tipi di intervento (diradamenti, avviamenti allalto fusto, etc.) al fine di aumentare la diversit strutturale del bosco;
Pag. 123

b)adozione delle tecniche di matricinatura a gruppi al posto di quella tradizionale, per accrescere la vigoria del bosco, limitare limpatto paesaggistico degli interventi di utilizzazione e soprattutto aumentare numero e tipo di nicchie ecologihe (ovvero lindice di biodiversit) nellambito di riferimento; c)mantenimento di un certo numero di piante mature o stramature ed anche di alcune morte o marcescenti in piedi; d)promozione degli interventi di avviamento e conversione allalto fusto; e)ricorso ad interventi di diradamento localizzato per enfatizzare lincremento dellindice di biodiversit nel bosco; f)agevolazione della formazione delle fasce ecotonali con il mantenimento delle specie di mantello.

ARTICOLO 48 STRADE PANORAMICHE E CONI VISIVI DA TUTELARE (Art. 25 della L.R. 27/2000)
1. Il PTCP tutela l'immagine dell'Umbria ed i suoi singoli componenti, costituiti dai centri storici e dagli altri elementi paesaggistici di particolare valore estetico-culturale, anche in rapporto alla percezione degli stessi dalla viabilit di interesse regionale, provinciale e dalle strade statali, individuando i coni di visuale da preservare. 2. Il PRG Parte Strutturale, disciplina lo spazio rurale in conformit alla L.R. 27/2000 ed al PTCP, definendo in particolare: a) la inedificabilit di crinali e delle sommit di rilievi in base alla loro percettibilit dalla viabilita di interesse regionale e provinciale, nonch dalle ferrovie al fine di garantire la visione di un orizzonte sempre naturale; b) l'ampliamento, con modalit di complementariet, del sistema di tutela e valorizzazione territoriale e ambientale gi previsto dal PUT e dal PTCP. 3. Dai punti di vista come appena individuati ai commi 1 e 2, cos come definiti nelle carte dei Vincoli Paesaggistici, del PRG Parte Strutturale, per una fascia di metri 40, non sono ammessi interventi di nuova costruzione e o ampliamenti che riducono il cono visivo preesistente. Inoltre non ammesso limpianto di nuove alberature. Sugli edifici esistenti sono ammessi gli interventi di cui allart. 34 della L.R. 31/97.

ARTICOLO 49 ZONE SOTTOPOSTE A TUTELA AI SENSI DELLART. 136 DLGS. 42/2004


L'art. 136 del D.Lgs. 42/2004 indica che sono tutelati come Beni paesaggistici per il loro notevole interesse pubblico: a) le cose immobili che hanno cospicui caratteri di bellezza naturale o di singolarit geologica; b) le ville, i giardini e i parchi, non tutelati dalle disposizioni della Parte seconda del presente D.Lgs 42/2004, che si distinguono per la loro non comune bellezza; c) i complessi di cose immobili che compongono un caratteristico aspetto avente valore estetico e tradizionale, ivi comprese le zone di interesse archeologico; d) le bellezze panoramiche considerate come quadri e cos pure quei punti di vista o di belvedere, accessibili al pubblico, dai quali si goda lo spettacolo di quelle bellezze.

Pag. 124

In tali ambiti, gli interventi, sono consentiti con le modalit previste dagli articoli 129, 134 (con particolare riferimento allallegato tecnico di indirizzo, punti 8 e 9), 135, 136, 137 delle NTA del PTCP della Provincia di Terni . Gli stessi, dovranno essere realizzati, nel rispetto delle tecniche di bioedilizia, previste al quaderno tecnico n.ro 4, allegato al PTCP.

ARTICOLO 50 SALVAGUARDIA DELLE ACQUE SOTTERRANEE


Le aree individuate nelle Tavole 3bis, la Carta della vulnerabilit degli acquiferi. La Carta della vulnerabilit degli acquiferiindividua le classi di grado di vulnerabilit allinquinamento dei corpi idrici sotterranei e le classifica in 4 classi che hanno grado di vulnerabilit decrescente: ELEVATO PERICOLO DI INQUINAMENTO, con una permeabilit da medio alta ad elevata K> 0,1 m/sec.; con profondit della falda da 4,00 a 5,00 m di profondit; corrispondono alle classi a b dellart. 96 delle NTA del PTCP. A tali aree si applicano le prescrizioni dellart. 98 delle NTA del PTCP; inoltre si stabilisce una fascia di rispetto di 10 m dal torrente Aia dove non possibile concimare e si rende obbligatorio lo stoccaggio dei rifiuti civili e industriali in adeguate aree aree che impediscano la percolazione sul terreno con successivo trasferimento in idonee discariche. MEDIO PERICOLO DI INQUINAMENTO, con una permeabilit da medio alta ad elevata con 0,1<K>0,001 m/sec.; con una profondit di falda relativamente profonda; corrispondono alle classi c d dellart. 96 delle NTA del PTCP. A tali aree si applicano le prescrizioni dellart. 99 delle NTA del PTCP; inoltre si rende obbligatorio lo stoccaggio dei rifiuti civili e industriali in adeguate aree aree che impediscano la percolazione sul terreno con successivo trasferimento in idonee discariche e si rende necessario eliminare le concimazioni in prossimit dei corsi d'acqua, almeno 10 metri, nelle suddette aree. BASSO PERICOLO DI INQUINAMENTO, con una permeabilit per fessurazione da bassa a media con 0,001<K>0,000001 m/sec.; caratterizzata da una falda di acqua molto profonda non raggiungibile dalle acque di superficie; corrispondono alla classe e dellart. 96 delle NTA del PTCP. A tali aree si applicano le prescrizioni dellart. 100 delle NTA del PTCP; PERICOLO DI INQUINAMENTO NULLO - Ricomprendono le porzioni di territorio provinciale nelle quali lassetto idrogeologico tale da determinare la presenza di:- complessi marnosi ed argillosi, in particolare marne, marne argillose e marne arenacee, praticamente privi di circolazione idrica sotterranea; - complessi sedimentari a granulometria fine quali argille, limi e torbe, praticamente privi di circolazione idrica sotterranea ad esclusione di una episodica presenza nei livelli pi sabbiosi; corrispondono alla classe f dellart. 96 delle NTA del PTCP. A tali aree si applicano le prescrizioni dellart. 100 delle NTA del PTCP. Il P.R.G., parte Operativa, valuter nei singoli comparti di trasformazione urbanistica la necessit di apporre specifiche misure di salvaguardia, individuando interventi efficaci e puntiformi per contrastare l'inquinamento creato dalle attivit umane.

ARTICOLO 51 FASCE DI RISPETTO DEI DEI CORSI DACQUA


Le fasce di rispetto dei laghi e dei corsi dacqua, sono quelle tutelate ai sensi dellart. 146 del D.Lgs 490/99 e per le stesse valgono le norme stabilite dallart. 48 del PUT L-R. n. 27/2000 e dagli art. 111, 125, 126 delle N.T.A. del PTCP della Provincia di Terni.

Pag. 125

ARTICOLO 52 IMPIEGO DELLE TECNICHE DELLINGEGNERIA NATURALISTICA


ARTICOLO 49 IMPIEGO DELLE TECNICHE DELLINGEGNERIA NATURALISTICA 1. Le tecniche dellIngegneria Naturalistica devono essere sempre adottate allinterno dei territori ricadenti nelle Aree a Parco, nelle Aree Naturali Protette ed in quelle ad Elevato Valore Naturalistico e Paesaggistico individuate dal PTCP, negli ambiti sottoposti a Vincolo Paesaggistico ex LL.1497/39 e 431/85, per gli ambiti di intervento di cui allart. 83 comma 4 e all'art. 88 comma 1 del PTCP, e pi in generale nel campo delle azioni per la tutela del suolo e la prevenzione dei rischi idrogeologici, nelle diverse fasi di lavoro cos come specificato all'art. 84 comma 2 del PTCP. 2. Le tecniche dellIngegneria Naturalistica vengono adottate di preferenza anche allinterno dei territori non sottoposti ai vincoli territoriali precedenti, negli ambiti di intervento di cui: A)allart. 83 comma 4 delle NTA del PTCP, ovvero per: - il consolidamento e la riqualificazione ecologica di sponde di corsi d'acqua, laghi ed invasi; - il consolidamento, la bonifica e la riqualificazione ecologica di versanti naturali soggetti a dissesti idrogeologici; - il consolidamento e la riqualificazione ecologica di rilevati e trincee di infrastrutture (strade, ferrovie ecc.); - il consolidamento e la riqualificazione ecologica di fronti di cava e discariche; - il consolidamento e la riqualificazione ecologica di versanti nudi derivanti da azioni di progetto (spalle di dighe, portali di gallerie, ecc.); - la messa in opera di barriere visive e mascheramenti vegetali; - la messa in opera di barriere anti rumore mediante rilevati rinverditi; - la messa in opera di barriere vegetali per combattere la diffusione di polveri ed aerosol; - la realizzazione di ecosistemi-filtro a valle di scarichi idrici; - lesecuzione di sistemazioni temporanee o permanenti di aree di cantiere; - la realizzazione di nuove unit di ecosistemi in grado di aumentare la biodiversit locale territoriale e/o di offrire fruizioni di tipo naturalistico, con particolare riferimento alle soluzioni progettuali e tecniche da adottare per interventi di riambientazione e per interventi di salvaguardia e/o miglioramento della connettivit ambientale di cui agli artt. 26-27-28-44 delle NTA del PRG Parte Strutturale; - la realizzazione di nuove strutture ambientali in grado di garantire la permanenza e la mobilitdella fauna protetta (ad es. scale di risalita per pesci, sovrappassi o sottopassi per fauna). B)all'art.88 comma 1, delle NTA del PTCP e del punto 6,3 dell'Allegato tecnico di indirizzo, ovvero per: la realizzazione, sistemazione, manutenzione e ripristino della sentieristica e delle altre opere connesse; la realizzazione, sistemazione, manutenzione e ripristino della viabilit di servizio e delle piste forestali nelle aree montane e delle altre opere connesse; gli interventi di ripristino morfologico e recupero ed inserimento ambientale dei siti di cava e delle opere connesse; gli interventi di recupero ed inserimento ambientale: la realizzazione di discariche e delle opere connesse; la realizzazione dei tagli stradali, ferroviarie e di altre infrastrutture lineari e delle opere connesse;
Pag. 126

lesecuzione

delle altre opere di scavo (sbancamenti, scavi e rinterri, livellazioni e rilevati,

ecc.); la posa di linee elettriche e delle altre opere connesse; la posa di linee di metano, gasdotti e similari e delle altre opere connesse; la posa di linee telefoniche e similari e delle altre opere connesse; la realizzazione delle aree produttive ed industriali; la realizzazione delle lottizzazioni e delle altre opere connesse; la realizzazione di portali e gallerie; la riambientazione di superfici messe a nudo da qualunque opera (dighe, sbarramenti, ecc.). pi in generale nel campo delle azioni per la tutela del suolo e la prevenzione dei rischi geologici, nelle diverse fasi di lavoro cos come specificato all'art.84 comma 2 delle NTA del PTCP, ovvero per: pianificazione-programmazione, progettazione, esecuzione e collaudo. 3. Ladozione delle tecniche dellIngegneria Naturalistica costituisce un preciso vincolo progettuale per i territori di cui al comma 1 ed un fattore preferenziale per la valutazione positiva della compatibilit ambientale dellintervento in progetto per i casi di cui al comma 2. 4. Le tecniche dellIngegneria naturalistica di cui al Manuale di Ingegneria Naturalistica della Provincia di Terni, approvato con D.P.G. n.15 del 04/02/2003 devono essere sempre adottate allinterno dei territori e nelle fattispecie previste dallart. 89 delle NTA del PTCP.

ARTICOLO 53 AREE SENSIBILI DI TUTELA DALL'ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTRICI, MAGNETICI ED ELETTOMAGNETICI


In tali aree devono essere rispettati gli obiettivi di qualit di cui all'art. 3 primo comma lettera d) punto 2 della legge 22 febbraio 2001 n. 36. Gli interventi dovranno essere realizzati, nel rispetto della L.R. 14 giugno 2002 n. 9.

ARTICOLO 54 FASCE DI RISPETTO DEGLI ELETTRODOTTI


Le fasce di rispetto degli elettrodotti, sono quelle di cui allapplicazione della Legge 22/2/2001 n. 36 e successivi provvedimenti applicativi; in particolare sono quelle derivanti dallapplicazione dellart. 4 comma 1 lettera h) di detta Legge e s.m.i.. Nellambito delle fasce di rispetto, come definite dalla Legislazione vigente in relazione alla tensione delle linee, non sono ammessi edifici o impianti adibiti ad abitazione o a qualunque altra attivit che comporti tempi prolungati di permanenza di persone o animali. Sugli edifici preesistenti aventi un uso in essere abitativo o che comunque comporti tempi prolungati di permanenza sono ammessi esclusivamente interventi di Manutenzione Ordinaria, Straordinaria, Restauro e risanamento conservativo e la Demolizione, oppure interventi di cambio duso, verso usi che comportino minore esposizione.

CAPITOLO VIII - RECINZIONI

ARTICOLO 55 - RECINZIONI NEI CENTRI ABITATI E ZONE RESIDENZIALI


Nei centri abitati e nelle zone destinate alla residenza dagli strumenti urbanistici, le recinzioni a confine col suolo pubblico o di pubblico transito dovranno essere costruite con caratteristiche
Pag. 127

intonate allambiente in cui sono inserite ed in modo tale da armonizzarsi le une con le altre anche per il tipo di materiali impiegati. Di norma tali recinzioni saranno costituite da muretto in pietra, mattoni o materiali simili di altezza compresa tra m 0.40 e m 0.60 con soprastante cancellata preferibilmente in ferro lavorato. Le recinzioni inoltre saranno collocate in allineamento con gli edifici o le recinzioni gi esistenti. E facolt dellAmministrazione Comunale prescrivere arretramenti ove ci si renda necessario per esigenze di viabilit o di sicurezza del traffico. In ogni caso deve essere garantita la massima viabilit in corrispondenza degli incroci e la sicurezza del traffico sulla strada adiacente allarea da recingere. Qualora gli strumenti urbanistici prevedano modifiche alla viabilit esistente ed agli allineamenti dei fabbricati, lAmministrazione Comunale far collocare le recinzioni secondo i nuovi allineamenti previsti dai predetti strumenti urbanistici. Le recinzioni o muri divisori dei giardini e dei cortili e in genere fra propriet private, visibili dalle vie pubbliche, dovranno uniformarsi ai criteri sopra indicati in analogia con quanto prescritto dal vigente Regolamento Edilizio.

ARTICOLO 56 - RECINZIONI NELLE ZONE AGRICOLE


Le recinzioni da eseguirsi nelle zone agricole, lungo le strade comunali o vicinali, dovranno essere improntate con estrema semplicit ed essere costituite da siepi o rete metallica sostenuta da paletti in ferro. Tali recinzioni dovranno rispettare le distanze minime previste dal nuovo Codice della Strada del 30 aprile 1992 n. 285 e successivi regolamenti di esecuzione ed attuazione (D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495 e D.P.R. 26 aprile 1993 n. 147). E facolt dellAmministrazione Comunale prescrivere arretramenti maggiori ove ci si renda necessario per esigenze di viabilit o di sicurezza del traffico. E tassativamente vietato convogliare le acque meteoriche al di fuori delle recinzioni nelle cunette delle strade adiacenti. Con i criteri sopra citati sar consentita anche la costruzione di muri di sostegni, ove necessari, aventi caratteristiche intonate allambiente e agli eventuali manufatti preesistenti e la costruzione di recinzioni, analoghe a quelle indicate, per le aree di pertinenza di fabbricati di abitazioni regolarmente autorizzati ai sensi della vigente normativa delle zone agricole.

ARTICOLO 57 - RECINZIONI NELLE ZONE INDUSTRIALI


Per le recinzioni da costruire nelle zone industriali, di norma, prescritto larretramento minimo di m 0.50 dal filo stradale. E facolt dellAmministrazione Comunale prescrivere arretramenti maggiori al fine di garantire la sicurezza del traffico e lagevole transito dei mezzi pesanti. Qualora anche per effetto di particolari processi produttivi, si renda indispensabile edificare muri di recinzione di altezza non superiore a m 3.00, sono stabilite le seguenti norme: a) sui lati della recinzione a confine con strade o con aree destinate ad uso pubblico fatto divieto di utilizzare tali muri per la costruzione di tettoie o manufatti anche a carattere provvisorio; b) su lati della recinzione confinanti con altre propriet, tali muri potranno essere utilizzati per la costruzione di corpi di fabbrica soltanto nel caso in cui sia intervenuto tra i proprietari laccordo per la costruzione a confine.

Pag. 128

ARTICOLO 58 - NORME GENERALI SULLE RECINZIONI


Il rilascio delle autorizzazioni per la costruzione di recinzioni comunque subordinato al permesso relativo allapertura delleventuale passo carrabile. Nelle zone di particolare pregio ambientale o montane le recinzioni sono regolate da apposita normativa delle singole zone. Per le case isolate, fuori dalle zone di completamento, sono ammesse recinzioni con siepi e rete metallica interposta di altezza massima di m 2.00. La recinzione dei fabbricati, nelle zone montane, non potr estendersi oltre i 20 metri dal perimetro dei fabbricati.

Pag. 129

TITOLO IV DISPOSIZIONI FINALI


ARTICOLO 59 - ABROGAZIONE DI PRECEDENTI DISPOSIZIONI
Sono abrogate tutte le precedenti disposizioni di P.di F., tranne quelle specificate dalle presenti norme. Per quanto non previsto dalle presenti norme si fa riferimento al Regolamento Edilizio ed alla vigente legislazione e normativa vigente in materia.

Pag. 130