Sei sulla pagina 1di 1

Urbino

MARTED 4 SETTEMBRE 2012

13
ASSOCIAZIONE SGARZINI DOMANI IL PREMIO BIENNALE
DOMANI alle ore 17,30 nella Sala Mastroianni del Museo della Citt, in via Valerio a Urbino, si terr la cerimonia di premiazione del Premio biennale regionale di ceramica Paolo Sgarzini, giunto alla XII edizione. Saranno premiate associazioni, botteghe artigiane e laboratori di ceramica del territorio. I lavori in concorso saranno esposti nel Museo della Citt fino al 16 settembre. Orari : dal luned al venerd 9,30-13,30. Il sabato e la domenica dalle 10 alle 18. Chiusa il marted.

IL PROGRAMMA

VISITA ATTESA A lato, il presidente del parlamento europeo Martin Schulz, col sindaco Franco Corbucci ed il magnifico rettore Stefano Pivato (foto Luca Toni)

Oggi Lectio Magistralis di Eco


OGGI sar la giornata di Umberto Eco (foto) alla Festa Democratica di Urbino. Lintellettuale interverr nellambito della sezione nazionale su scuola e universit alle 18, al Collegio Raffaello maltempo, con una lectio magistralis che occuper tutto lo spazio dedicato al dibattito giornaliero. A questo, uno degli arrivi pi attesi della kermesse, seguir lincontro con Umberto Piersanti, il poeta e scrittore urbinate che alle 19,30 presenter allinterno del contenitore dellAperilibro il suo ultimo romanzo Cupo tempo gentile sul 68 vissuto a partire da Urbino alla citt ducale. Alle 21 di nuovo spazio ai temi della politica: i deputati Pd Gianclaudio Bressa e Oriano Giovannelli si confronteranno col collega del Pdl Peppino Calderisi su Democrazia e Riforme moderati dal giornalista dellUnit Simone Collini. Mentre alle 22,15 la consueta diretta in onda sul canale 16 di Tele2000, parler dei volontari della festa. Nellarea spettacoli di Borgo Mercatale, alle 21, si esibir intanto il gruppo The Insane Blues Band con un tributo ai Blues Brother e a John Belushi. In via Mazzini partiranno varie iniziative: dalle 20 alle 23 il Villaggio bambini con laboratori a cura della cooperativa sociale Francesca; alle 20,30 suoner il bossa duo composto da Clarissa Vichi e Marco Di Meo (con lo special guest Israel Freire). Cos come nella piazzetta del Carmine con il torneo di buracco delle 20,30 e in piazza san Francesco con la serata danzante con Ciullu dj delle 21.

Il presidente europeo Martin Schulz infiamma la platea contro Silvio


Ospite ieri alla festa del Pd. Salutato da Corbucci, incontro con Pivato
di EMANUELE MAFFEI

IL PRIMO presidente del Parlamento Europeo a mettere piede in Urbino. Martin Schulz ha partecipato ieri sera alla Festa Democratica per parlare di Europa e del suo destino seduto al fianco di David Sassoli, capo delegazione Pd in Europa, Giancarlo Ferrero, prorettore allAteneo urbinate e Chiara Geloni, direttore di YouDem tv. In arrivo da Bologna alle 20 circa, il primo commento andato allaccoglienza: Non ho mai vi-

ANALISI ECONOMICA Gli investitori scelgono lAmerica perch non frammentaria come noi
sto ha rotto il ghiaccio un saluto cos caloroso. Urbino luogo bellissimo. Ma il tema urgente era ovviamente un altro, quello della crisi, che ha occupato una serie di considerazioni sul Paesi dellUnione e sulla necessit di un Governo centrale europeo pi forte in un momento tra i pi duri mai conosciuti. Mi chiedo ha poi proseguito perch gli investitori credano pi nel dollaro che nelleuro visto che lAmerica ha un tasso di crescita debole quanto il nostro. La risposta da ricercare negli stessi investitori

per i quali, dicono gli esperti, la crescita un fattore prevalente. LAmerica quindi offre loro maggiore sicurezza. Motivo? La centralit nelle decisioni: Gli Stati Uniti ha osservato Schulz hanno un solo Governo, un solo Parlamento, una sola banca. Quando una decisione presa, presa. Mentre in Europa la situazione frammentaria. Si cambia opinione da un Paese allaltro. E qual linvestitore cos stupido da fidarsi? Ci provoca un crollo. Che in Italia e altrove si traduce in un fortissima speculazione. Pi in generale nella scommessa (sempre pi diffusa) sulla caduta delleuro. Ci che per Schulz

non accadr. Il discorso dunque trasvolato sulle azioni per difendersi. In primis ha sottolineato il presidente europeo necessario non pensare solamente a politiche di rigore. Abbiamo bisogno di una contro-strategia, affinch si possa adottare la linea di Draghi oppure dare licenza alla Bce di emettere prestiti decidendo a chi concederli. ALLA BASE di tutto serve per tornato a ribadire un Governo che dipenda dal Parlamento europeo, in grado di fare scelte unitarie in tempi rapidi. Nelle parole di Schulz poi rimbalzata

la questione della disoccupazione: Siamo ha detto il continente pi ricco ma soffriamo della fuga di cervelli e la ricchezza mal distribuita. C uno squilibrio (tra le generazioni e le fasce sociali, ndr) da superare. Un punto di partenza che ha restituito loccasione per ridefinire la proposta da tempo difesa in campo europeo: quella di intervenire tassando le transazioni per non fare pagare i soliti noti. Alla domanda su come i tedeschi percepiscano gli italiani ha quindi risposto: Li amano, lasciandosi andare tuttavia ad una valutazione politica sul governo del Paese di questi ultimi anni. Meglio: su Berlusconi, col quale sono noti i pesanti attriti. Questa persona ha affermato senza citarlo non degna di fiducia eppure gli italiani glielhanno concessa. Ora? Monti una figura seria, ma gli italiani non gli danno altrettanta fiducia. Cos anche i mercati e mi chiedo perch ha commentato Schulz. A prevalere alla fine stata una visione ottimistica: Credo ha concluso che se lItalia riuscir a ridurre il debito pubblico combinandolo con la stabilizzazione potr risparmiare 20 miliardi in quattro o cinque anni. Soldi da investire su giovani e crescita. Al termine il presidente passato dallaula Magna del Rettorato dove ha ricevuto il Sigillo dellAteneo.