Sei sulla pagina 1di 5

L'invasione di Gaza:

�Operazione piombo fuso�. Parte di una pi� vasta agenda militare e dei servizi
segreti israeliani

di Michel Chossudovsky

I bombardamenti aerei e l'attuale invasione di Gaza da parte di forze terrestri di


Israele devono essere analizzati in un contesto storico. L'operazione �Piombo
fuso� � un progetto attentamente pianificato, che fa parte di un'agenda militare e
pi� in generale dai servizi segreti, formulata per la prima volta nel 2001.

�Fonti del personale militare di difesa hanno detto che il Ministro di Difesa Ehud
barak aveva dato istruzioni alle Forze di Difesa di Israele (l'esercito
israeliano) di prepararsi all'operazione da pi� di 6 mesi, quando Israele
cominciava a negoziare l'accordo di tregua con Hamas� (Barak Ravid, Operazione
�Piombo Fuso�: La forza area Israeliana colpisce dopo mesi di pianificazione,
Haaretz, 27 dicembre 2008)

Israele ha violato la tregua il giorno delle elezioni presidenziali americane, il


4 di novembre

Israele ha utilizzato questa distrazione per interrompere la tregua con Hamas


bombardando la striscia di Gaza. Israele ha affermato che questa violazione del
cessate il fuoco � avvenuta per impedire che Hamas scavasse tunnel all'interno del
territorio israeliano.

Proprio il giorno dopo, Israele ha lanciato un attacco terrificante su Gaza,


tagliando la somministrazione di alimenti, carburante, medicine di altri prodotti
di prima necessit� nel tentativo di �sottomettere� i palestinesi, e
contemporaneamente intraprendeva incursioni armate.

Come risposta, Hamas ed altri a Gaza hanno ripreso a lanciare razzi rudimentali,
artigianali e fondamentalmente imprecisi verso Israele. Negli ultimi 7 anni,
questi razzi sono stati responsabili della morte di 17 israeliani. Nello stesso
lasso di tempo, gli attacchi di guerra lampo israeliani hanno ucciso migliaia di
palestinesi, provocando proteste in tutto il mondo, rimaste per� inascoltate da
parte dell'ONU. (Shamus Cooke, Il Massacro in Palestina e il pericolo di una
guerra pi� vasta, Global Research, dicembre 2008)

Disastro umanitario pianificato

L' 8 dicembre, il vice segretario degli Stati Uniti, John Negroponte, era a Tel
Aviv per discutere con la controparte israeliana, compreso Meir Dagan, direttore
del Mossad (Servizio di spionaggio israeliano)

L' �operazione piombo fuso� � iniziata due giorni dopo Natale. E' stata abbinata
ad una campagna internazionale di pubbliche relazioni preparata molto attentamente
sotto gli auspici della Ministra degli Esteri israeliana.

Gli obiettivi miliari di Hamas non sono l' obiettivo principale. L' �Operazione
piombo fuso� ha il fine, chiaramente voluto, di causare vittime civili. Quello a
cui assistiamo � un �disastro umanitario pianificato� a Gaza.

L'obiettivo di lungo termine di questo piano, cos� come � stato formulato dai
responsabili politici israeliani, � l'espulsione dei palestinesi dalle terre
palestinesi.
�Terrorizzare la popolazione civile, assicurando la massima distruzione di
propriet� e risorse culturali. La vita giornaliera dei palestinesi deve arrivare
ad essere insopportabile: bisogna segregarli in citt� e borghi, impedire loro lo
svolgimento di una vita economica normale, allontanarli dai luoghi di lavoro,
scuole e ospedali. Ci� incoragger� l'emigrazione e indebolir� la resistenza alle
espulsioni future.� (Ur Shlonsky, citato da Ghali Hassan, Gaza: �La prigione pi�
grande del mondo, Global research, 2005)

�Operazione vendetta giustificata�

Siamo arrivati ad un punto decisivo. L' �Operazione piombo fuso� � parte di una
pi� vasta operazione militare e dei servizi segreti cominciata agli esordi del
governo di Ariel Sharon nel 2001. Sotto l' �Operazione vendetta giustificata� di
Sharon gli aerei di guerra F-16 sono stati utilizzati inizialmente per bombardare
citt� palestinesi.

L' �Operazione vendetta giustificata� fu presentata nel luglio del 2001 al governo
israeliano di Ariel Sharon dal capo di stato maggiore dell'esercito israeliano
Shaul Mofaz, con il titolo �La distruzione dell'autorit� palestinese e il disarmo
di tutte le forze armate.�

�Un piano di emergenza, con il nome in codice �Operazione vendetta giustificata� �


stato redatto lo scorso giugno [2001] per rioccupare tutta la Cisgiordania e
possibilmente la striscia di Gaza ad un probabile costo di �centinaia� di vittime
israeliane.� (Washington Times, 19 marzo 2002).

Secondo la �relazione estera� di Jane (12 luglio 2001) l'esercito israeliano sotto
Sharon aveva realizzato i suoi piani per un �attacco generalizzato per schiacciare
l'autorit� palestinese, espellere il leader Yasir Arafat, uccidere o detenere il
suo esercito.�

�Giustificazione dello spargimento di sangue�

La �giustificazione dello spargimento di sangue� era una componente essenziale del


programma militare e d'intelligence. L'uccisione di civili palestinesi veniva
giustificata su �basi umanitarie�. Le operazioni militari israeliani furono
cronometrate con attenzione affinch� coincidessero con attacchi suicidi.

L' attacco sarebbe stato lanciato, a discrezione del governo, dopo un grosso
attacco suicida in Israele, che avesse causato molte morti e feriti, usando lo
spargimento di sangue come giustificazione. (Tanya Reinhart, Il male scatenato,
l' azione di Israele per distruggere l'Autorit� Palestinese � un piano calcolato,
preparato da tempo - Global Research, dicembre 2001).

Il Piano Dagan

L' �Operazione vendetta giustificata� veniva anche chiamata � Piano Dagan�, dal
nome del generale Meir Dagan, ora in congedo, il quale dirige attualmente la
Mossad, l'agenzia di servizi segreti di Israele.
Il generale della Riserva Meir Dagan era il consigliere di sicurezza nazionale di
Sharon durante la campagna elettorale del 2000. A quanto pare, il piano fu
preparato prima dell'elezione di Sharon come primo ministro nel febbraio del 2001.
�Se condo quanto riferito da Alex Fishman che scrive su Yediot Aharonot, il piano
Dagan, consisteva nella distruzione della Autorit� Palestinese e nel �mettere
fuori gioco� Yasir Arafat.� (Ellis Shulman, �Operazione vendetta giustificata�: un
piano segreto per la distruzione dell'Autorit� della Palestina, [marzo 2001]. In
base a quanto riportato nella relazione estera (Jane) e riferito a livello locale
[dal quotidiano] Ma'ariv, il piano d'invasione di Israele- denominato �Vendetta
giustificata� - sarebbe stato lanciato immediatamente dopo il prossimo attentato
suicida con molte vittime, sarebbe durato circa un mese e si prevedeva che avrebbe
provocato la morte di centinaia di israeliani e di migliaia di palestinesi.

Il �Piano Dagan� prevedeva la cosiddetta �cantonizzazione� dei territori


palestinesi la quale avrebbe separato totalmente la Cisgiordania da Gaza, con
�governi� separati in ognuno dei territori. Secondo questo piano, previsto gi� nel
2001, Israele:

�avrebbe negoziato separatamente con le forze palestinesi dominanti in ognuno dei


territori- forze palestinesi responsabili della sicurezza, dei servizi segreti, e
addirittura del Tanzim (Fatah).� Il piano somiglia quindi molto all'idea di
�Cantonizzazione� dei territori palestinesi, proposto da molti ministri.� Sylvain
Cypel, L'infame piano Dagan, il piano di Sharon per disfarsi di Arafat, Le Monde,
17 dicembre 2001)

Il Piano Dagan ha stabilito una continuit� con l'agenda militare e dei servizi
segreti. Dopo le elezioni del 2000, a Meir Dagan fu asseganto un ruolo cruciale.
�Si convert� nell' intermediario di Sharon per le questioni di sicurezza con gli
inviati speciali del presidente Bush, Zinni e Mitchell.� Successivamente fu
nominato Direttore del Mossad dal Primo ministro Ariel Sharon nell'agosto del
2002. Nel periodo post-Sharon, � rimasto a capo di Mossad. E' stato riconfermato
nella sua carica di direttore dei servizi segreti dal Primo Ministro Ehud Olmert,
nel giugno 2008.

Meir Dagan, in coordinazione con le sue controparti statunitensi, � stato


responsabile di varie operazioni di servizi segreti militari. E' importante
segnalare che da giovane il colonnello Meir Dagan aveva lavorato a stretto
contatto con l'allora ministro della difesa Ariel Sharon negli attacchi a danno
degli insediamenti palestinesi a Beirut nel 1982. Le invasioni di terra del 2008 e
del 2009 a Gaza, hanno per molti aspetti una strana somiglianza con l'operazione
militare del 1982.

E' importante considerare una serie di eventi cruciali che hanno condotto agli
eccidi di Gaza sotto l' �Operazione piombo fuso:�

1. L'assassinio nel novembre del 2004 di Yasir Arafat. Questo assassinio era stato
pianificato fin dal 1996 nell'ambito dell'operazione �Operazione campo di spine.�
Secondo un documento dell'ottobre del 2000 �preparato dai servizi di sicurezza, su
richiesta dell'allora Primo Ministro, Ehud Barak, si affermava che �Arafat, la
persona, � una minaccia grave alla sicurezza dello Stato (di Israele) e il danno
che seguir� alla sua sparizione sar� minore del danno causato dalla sua
esistenza.� (Tanya Reinhart, Il male scatenato, l' azione di Israele per
distruggere l'Autorit� Palestinese � un piano calcolato, preparato da tempo)
Global Research, dicembre 2001. Dettagli del documento furono pubblicati in
Ma'ariv, il 6 luglio del 2001.).

L'assassinio di Arafat fu ordinato nel 2003 dal gabinetto di governo israeliano.


Fu approvato dagli USA , che posero il veto ad una Risoluzione di Sicurezza dell'
Onu che condannava la decisione del consiglio dei ministri israeliano. Come
reazione ai crescenti attacchi palestinesi, nell'agosto 2003, il ministro di
difesa israeliano, Shaul Mofaz, dichiar� una �guerra totale� contro i militanti,
cui giur� che erano �marchiati a morte�.

"A met� settembre il governo israeliano approv� una legge per sbarazzarsi di
Arafat. Il consiglio dei ministri per gli affari di sicurezza politica la defin�
�una decisione per rimuovere Arafat in quanto ostacolo alla pace.� Mofaz minacci�:
�sceglieremo il modo e il tempo giusti per uccidere Arafat.� Il ministro
palestinese Saeb Erekat disse alla CNN che pensava che Arafat sarebbe stato il
prossimo obiettivo. La CNN chiese al portavoce di Sharon, Ra�anan Gissan se il
voto significasse l�espulsione di Arafat. Gissan chiar�: �Non significa questo. Il
consiglio di gabinetto ha deciso oggi di rimuovere questo ostacolo. Il momento, il
metodo, i modi con cui ci� avverr� saranno decisi in separata sede, e i servizi di
sicurezza sorveglieranno la situazione e faranno le raccomandazioni sull�azione
pi� adeguata" (Trish Shuh, �Percorso per un piano di morte� Road Map for a
Decease Plan� www.mehrnews.com, 9 novembre 2005).
L�assassinio di Arafat era parte del Piano Dagan del 2001. Molto probabilmente, fu
portato avanti dall�intelligence israeliana. Il suo fine era distruggere
l�Autorit� Palestinese, fomentare divisioni all�interno di al-Fatah cos� come tra
al-Fatah e Hamas. Mahmud Abbas divenne leader di al-Fatah, con l�approvazione di
Israele.

2. La rimozione, in base agli ordini del Primo Ministro Ariel Sharon nel 2005, di
tutte le colonie ebraiche a Gaza. Una popolazione ebraica di 7mila persone venne
spostata..
�� mia intenzione [Sharon] portare avanti un�evacuazione � scusate, una
ridislocazione � degli insediamenti che ci causano problemi e dei luoghi che
conserveremo in un accordo finale, come gli insediamenti di Gaza. Sto lavorando
nel presupposto che in futuro non ci saranno ebrei a Gaza� ha detto Sharon� (CBC,
Marzo 2004) ".
La questione delle colonie di Gaza fu presentata come parte della �percorso verso
la pace� sponsorizzata da Washington. Celebrata dai palestinesi come una
�vittoria�, questa misura non era diretta contro i coloni ebrei. Al contrario:
faceva parte della operazione clandestina complessiva, che consisteva nel
convertire Gaza in un campo di concentramento. Finch� i coloni ebrei vivevano
dentro Gaza, non si poteva raggiungere l�obiettivo di mantenere un vasto
territorio come una prigione sigillata. La realizzazione della �Operazione Piombo
Fuso� imponeva �niente ebrei a Gaza�.

3. La costruzione del famigerato Muro dell�Apartheid fu decisa all�inizio del


governo Sharon

4. La fase successiva fu la vittoria elettorale di Hamas nel gennaio 2006. Senza


Arafat, gli architetti dell�intelligence militare israeliana sapevano che al-Fatah
sotto Mahmud Abbas avrebbe perso le elezioni. Questo faceva parte del piano, gi�
previsto e analizzato molto prima.
Hamas, in quanto responsabile dell�autorit� palestinese, e nell�usare il pretesto
che Hamas � un�organizzazione terroristica, Israele avrebbe intrapreso il processo
di �cantonalizzazione� cos� come era stato formulato nel Piano Dagan. Al-Fatah
sotto la guida di Mahmud Abbas sarebbe rimasta formalmente responsabile della
Cisgiordania. Il governo di Hamas, regolarmente eletto, sarebbe stato confinato
nella Striscia di Gaza.
L�attacco di terra

Il 3 gennaio, i carri armati e la fanteria sono entrati a Gaza in un�offensiva di


terra totale.
"L�operazione di terra � stata preceduta da varie ore di fuoco pesante di
artiglieria durante la notte, che ha mandato i bersagli in fiamme divampate nel
cielo notturno. Il fuoco delle mitragliatrici risuonava mentre proiettili
traccianti illuminavano l�oscurit� e lo scoppio di centinaia di proiettili di
artiglieria lanciava scie di fuoco" (AP, 3 gennaio 2009).
Fonti israeliane hanno precisato che l�operazione militare avr� un lungo decorso.
Essa "non sar� facile e non sar� breve", ha affermato il ministro della Difesa
Ehud Barak in un discorso alla TV.
Israele non sta cercando di obbligare Hamas a �cooperare�. Ci� a cui assistiamo �
la messa in pratica del �Piano Dagan� cos� come formulato inizialmente nel 2001,
il quale esigeva:
"un�invasione del territorio controllato da palestinesi da parte di circa 30mila
soldati israeliani, con la ben definita missione di distruggere l�infrastruttura
della leadership palestinese e di requisire gli armamenti attualmente posseduti
dalle varie forze palestinesi, ed espellendo o uccidendo la sua leadership
militare." (Ellis Shulman, op. cit)
La questione pi� generale � se Israele d�intesa con Washington abbia l�intenzione
di scatenare una guerra pi� ampia
L�espulsione di massa potrebbe avvenire in qualche fase successiva all�invasione
di terra, se fossero gli israeliani ad aprire i confini di Gaza per consentire un
esodo della popolazione. Ariel Sharon si rifer� all'espulsione come "una
soluzione in stile 1948". Per Sharon "� solo necessario trovare un altro Stato per
i palestinesi: �la Giordania � Palestina�, era una frase che fu Sharon a coniare"
(Tanya Reinhart, op. cit.)

Michel Chossudovsky
8 gennaio 2009

Tratto da
Global Research
www.globalresearch.ca/
Corriente(a)alterna
http://www.espacioalternativo.org/