Sei sulla pagina 1di 2

Quindi astenersi da commenti noi abbiamo ragione e voi avete torto, che non fac cio parte ne dei

noi dei loro e alla fin fine penso che hanno torto tutti i cont endenti di questo gioco. Come funziona il sistema adesso ? Un'azienda investe in ricerca e sviluppo. Scop re o progetta un nuovo oggetto o una nuova funzione. La brevetta. A volte la pro duce e a volte le basta addirittura avere solo il brevetto. Se l'ha prodotta inc omincia ad incassare (se l'idea buona) maggiori profitti rispetto ai suoi concor renti. Per un certo periodo di tempo quindi leader di quel mercato. A questo punto plausibile che qualcuno le copi l'idea e produca la stessa cosa a d un prezzo inferiore o con delle migliorie rispetto alle funzioni base. Nel sistema attuale cosa f l'azienda copiata ? Chiunque essa sia. Spende soldi e tempo a far valere le sue ragioni in tribunale e diciamo che ci r iesce anche. Alla fine il copiatore economico o il copiatore migliorativo vengon o sconfitti e l'azienda mantiene il controllo del mercato con la sua vecchia car a idea che aveva avuto. Ad una lettura superficiale sembrerebbe una storia a lieto fine, ma a volte per capire le storie bisogna guardare il quadro generare, perch i particolari sono tr aditori. Nel quadro generale mancano fattori come i consumatori, il libero mercato e l'in novazione. Questo sistema cos come pensato adesso sottrae risorse all'innovazione per destin arle alla difesa della posizioni conquistate. In soldi porta via soldi dai labor atori di ricerca per farli andare verso gli studi legali. Inoltre dal punto di vista del consumatore sempre auspicabile avere il miglior p rodotto al prezzo minore. Se questo vero per un dispositivo elettronico immagina te quando sia vero in campo medicale. Un piccolissimo miglioramento in un farmac o. Semmai eliminando solo un microscopico effetto collaterale che impedisce di u sarlo ad un tizio su un milione, immaginate quanto sia importante per quel tizio che potr usarlo e forse salvarsi la vita. Bene, Il sistema come concepito adesso non lo permette. Funziona diversamente e Apple seguendo le regole ha vinto, correttamente. Ma chi ha perso davvero. Samsu ng ? O noi ? Immaginate ora una scenario diverso. Con regole diverse. Senza brevetti. Senza c opyright. Uno scenario open source e copy left direbbe qualcuno. Che succederebb e. Un'azienda ricerca e sviluppa ed innova con una bella nuova scoperta. A questo p unto non pu brevettarla. Quindi gi una cosa buona. Per monetizzare deve produrla. Non le basta avere un foglio di carta con scritto sopra che sua per usarla un do mani contro qualcun altro e farci soldi. Quindi primo piccolo risultato positivo . Le idee diventano cose subito disponibile alla collettivit. Prodotta la cosa incomincia a venderla e a godere di un periodo di egemonia del mercato (se l'idea buona) e a fare extra profitti rispetto alle sue concorrenti. Fino ad adesso le due storie procedono parallele,ma adesso divergono. In un mondo senza brevetti l'azienda in questione sa che centinaia di occhi stan no smontando e studiando la sua innovazione e che il suo periodo di gloria durer poco se si siede sugli allori. E che non pu impedire in alcun modo che questo acc ada. Cosa potr fare allora. Solo investire in ricerca e sviluppo da subito. Appen a ha lanciato la sua idea innovativa. In modo che quando i suoi concorrenti prod urranno prodotti simili ai suoi, ma ad un costo inferiore o con piccoli migliora menti lei gi sar pronta con una nuova idea che potr come la prima innovare il merca to. Se anche questa un idea buona ricomincer il ciclo per la nostra azienda innov ativa in un rincorrersi di innovazioni su innovazioni e se invece non sar buona l 'azienda in questione soccomber ed un altra che ha fatto un piccolo miglioramento sar al comando, ma sicura che alle spalle centinaia di occhi la scrutano pronti a prenderne il posto. In parole povere: al mattino non importa se tu sia Leone o Gazzella incomincia a correre se vuoi salvarti la vita. Sembra ad uno sguardo superficiale uno scenario apocalittico, ma lo scenario del la vita, dell'evoluzione e del progresso tecnologico. Mentre quello brevettuale lo scenario della stagnazione e della morte.

Se ancora non ci soffermiamo sul particolare, ma allarghiamo lo sguardo al gener ale, Uscendo dal conflitto tra guelfi e ghibellini e pensando anche alla collett ivit tutta. Uno scenario cosi' concepito permetterebbe un'innovazione pi veloce e corposa o ad avere prodotti ad un prezzo inferiore e quindi a disposizione di mo lti invece che di pochi. Solo che invece di comprare sempre la stessa cosa, allo stesso prezzo, dalla stessa azienda protetta da orde di avvocati comprerebbe og getti nuovi (pi economici e/o pi avanzati) da aziende sempre uguali se molto innov ative o diverse se scalzate dal mercato, ma alla fin fine poco importerebbe per il cittadino/consumatore perch avrebbe sempre il meglio al prezzi pi basso. E non questo auspicabile ? La vera forza dell'uomo che lo ha portato ha primeggiare su tutte le specie la c apacit di imitare e migliorare ci che osserva nel contesto in cui vive. Con il sis tema dei brevetti vogliamo negare la nostra stessa essenza, E per questo che trovo sterili i discorsi su chi ha vinto o perso dato che chiun que vincesse fin dall'inizio di questa storia cmq avremmo perso noi come collett ivit. Il sistema dei brevetti e della propriet intellettuale il pi grosso freno che c'e' al momento alla crescita della nostra civilt. E ribadisco che se questo pu essere poco importante in un campo non vitale come l 'elettronica di massa, immaginate quanto sia nodale in altri campi come il medic ale o l'agroalimentare. Preferire che Bayern e Pfizer investissero tutto quello che guadagnano nei loro laboratori invece che nei loro studi legali. Vuoi vedere che l'ennesima Lamborgh ini che si comprato con la sua parcella l'ennesimo avvocato non si trasformi nel la cura per il cancro ? My 2 cents.