Sei sulla pagina 1di 24

CAM

ComplementAry And AlternAtIVe medICIne proFeSSIonAlS


a cura del Dott. G.Galluzzo
difese immunitarie Faringite Immuno-deficienza Infezioni batteriche Infezioni virali micosi raffreddore Stati influenzali tosse tracheite

Detox Plan
Selezione prodotti 2012

IMMUNIT
Stimolo, Difesa, Azione

02

Contenuto
Forza Vitale Italia s.r.l. Sede Legale e Stabilimento Autorizzato: Via Castel del Monte 194/C C.da Chiuso Nuovo a.c. 70033 Corato (BA) - ITALY Tel. +39 (080) 8987548 Fax. +39 (080) 8987547 email. info@forzavitale.it Pec. forzavitale@pec.forzavitale.it

coNteNuto
Immunit: a cura del Dr. G. Galluzzo ........ 03 Focus: Il Sistema immunitario ...................... 04 Il prodotto: Ekinflu ......................................... 06 Azione sinergica ............................................. 07 Il prodotto: Arresto Prevento PSc .............. 08 Disturbi invernali............................................ 09 Il prodotto: Ribes composto.......................... 10 Raffreddore & congestione nasale ................ 11 Il prodotto: Manugola ..................................... 12 Faringite Laringite e Mal di gola ................... 13 Il prodotto: DMG-Vitale ................................. 14 Immuno-modulazione .................................... 15 Il prodotto: Malva composta......................... 16 Affezioni delle basse vie respiratorie ........... 17 Prodotti complementari ................................. 18 Pubblicazioni scientifiche.............................. 19 consigli nutrizionali ....................................... 21 Research: a cura del Dr. A.Salerno ...............22

I edizione - SetteMBRe 2012 2012 Forza Vitale Italia s.r.l. tutti i diritti riservati

PSC e il logo PSCGEM sono marchi di propriet della PSc DIStRIButIoN LLc, uSA Le referenze del catalogo PSc sono prodotte e confezionate in Italia da Forza Vitale Italia s.r.l. I prodotti PSc sono distribuiti in europa da Forza Vitale Italia s.r.l.

Bibliografia: A.V., PDR Integratori nutrizionali, cec edizioni, Milano 2003. Brigo B., Fitoterapia e gemmoterapia nella pratica clinica, La Grafica Briantea, Como 1991. campanini e., Manuale pratica di gemmoterapia, Tecniche Nuove, Milano 1996. Campanini E., Dizionario di fitoterapia e piante medicinali, Tecniche Nuove, Milano 2004. camporese A., oli essenziali e malattie infettive, Tecniche Nuove, Milano 1998. European Scientific Commission on Phytotherapy., Monographs on the medicinal use of plant drugs 1997. Rossi M., tinture Madri in Fitoterapia, Studio edizioni, Milano, 1992. Piter F., compendio di gemmoterapia clinica, De Ferrari, Genova 2007.

CAM Numero 1 / Anno 2012

l'eSperto

03

IMMuNIt
A cura del Dr. G. Galluzzo
alla visione del sistema immunitario come un esercito con soldati, armi, strategie rivolti a difendere il proprio territorio, si passati a una concezione olistica di un sistema integrato di comunicazione. Potremmo definire lIMMuNIt come una sorta di societ ideale, in cui gli individui convivono e cooperano per la salvaguardia del benessere globale: svolgono ognuno le proprie funzioni interagendo con tutti gli altri, in una fitta ed efficiente rete di scambi di informazione. Possono per verificarsi eventi, condizioni in cui le capacit funzionali del sistema sono compromesse o comunque alterate. Nella normale pratica clinica si assiste ogni giorno al verificarsi di disturbi pi o meno gravi che possono coinvolgere pi di un distretto corporeo e di una funzione organica: siamo un complesso intreccio di innumerevoli reazioni, processi, sostanze, oltre che sensazioni, emozioni, stati danimo. Si sta sempre pi diffondendo lapproccio psicosomatico in diversi ambiti della medicina: lessere umano da considerare nella sua complessa totalit. Aristotele affermava che Il tutto maggiore della somma delle parti. Il sistema immunitario parte essenziale e integrata di questo tutto che il corpo umano; la PNEI dimostra come ogni singola frazione del nostro organismo sia in stretta connessione con le altre. come ogni elemento in continuo cambiamento, cos il sistema immunitario in incessante movimento, ridefinisce se stesso

Dott. Giovanni Galluzzo


Specialista in Diabetologia e Malattie del Ricambio, esperto in Omeopatia, Omotossicologia e Discipline integrate, in Fitoterapia e in Medicina di Biorisonanza. Socio ordinario della Societ Italiana di Diabetologia e dell'Associazione Medici Diabetologi ed altres socio della Federazione Medico Sportiva Italiana e dell'Associazione Italiana di OmoTossicologia. autore di diverse pubblicazioni scientifiche, nonch esperto nel trattamento delle tireopatie, delle connettivopatie e delle patologie osteoarticolari autoimmunitarie e delle allergopatie e disreattivit immunitarie.

continuamente, si autoregola, si sostiene e si riproduce: un sistema autopoietico in grado di monitorare ogni singola parte dellorganismo, di costruire e mantenerne l'equilibrio. eppure questa titanica struttura pu indebolirsi, perdere in efficacia, non rispondere adeguatamente a stimoli endogeni ed esogeni. I ritmi di vita ogni giorno pi frenetici, gli stili di vita spesso inadeguati, gli insulti ambientali sempre pi offensivi mettono costantemente a dura prova la nostra immunit. Frequentemente in medicina si riscontrano disturbi nella capacit di risposta/reazione immunitaria, aumentano i casi di soggetti iper o ipo-responder. In situazioni simili indispensabile intervenire adeguatamente per ripristinare i corretti meccanismi fisiologici, prestando profonda attenzione a non alterare ulteriormente un equilibrio gi compromesso. Il ricorso alla medicina integrata rappresenta ormai un efficace mezzo sempre pi apprezzato e largamente convalidato; parte integrante di questo approccio terapeutico, la moderna fitoterapia propone validi strumenti per intervenire anche nella singola unit ma abbracciando il tutto. Dallechinacea al ribes nigrum, dalla potenza degli oli essenziali alla profondit di azione degli estratti di cellule vegetali staminali, la natura offre numerose fonti per il benessere immunitario e dallaccurata ricerca scientifica di appassionati pionieri nascono comprovati rimedi impiegati con successo nella pratica clinica.

Stimolo, Difesa, Azione IMMUNIT

04

FoCuS

IL SISteMA IMMuNItARIo
llinterno del nostro corpo c una straordinaria quanto complessa rete di protezione: il sistema immunitario. con il termine sistema si intende ununit fisica e funzionale, un insieme di organi e tessuti che sono in interazione, in relazione funzionale tra loro e con altri sistemi. Questo intricato ed efficientemente integrato network di mediatori chimici, cellule, tessuti, organi, che forma ununica entit, ha la funzione di proteggere lintegrit dellorganismo da qualsiasi forma di insulto, sia esso infettivo, chimico, fisico o psichico. Il sistema immunitario un sistema biologico in grado di reagire e modificare la sua reattivit sia sulla base di stimoli esterni fisici, emozionali e psicosociali sia di meccanismi automatici interni geneticamente programmati. esso strutturato in modo da distinguere il self (strutture endogene o esogene che non costituiscono un pericolo e che dunque possono o devono essere preservate) dal non self (strutture endogene o esogene potenzialmente dannose che si dimostrano nocive per lorganismo e che devono essere eliminate) ed finalizzato a distruggere il non self per proteggere il self e mantenere lomeostasi. La Psico-Neuro-endocrinoImmunologia (PNEI) ha ampiamente dimostrato lesistenza di articolate connessioni tra psiche, sistema nervoso, sistema endocrino e sistema immunitario; come questi sistemi, cos tutti gli elementi del sistema immunitario, pur non necessariamente connessi tra loro dal punto di vista anatomico, formano un tuttuno, interagiscono finemente tra loro e svolgono la funzione comune di salvaguardare lorganismo. Nella moderna immunologia al termine sistema si sta via via CAM Numero 1 / Anno 2012

Difesa interattiva e integrata attraverso un complesso network di comunicazione: protezione e sostegno per il benessere dellorganismo

affiancando e pian piano sostituendo il termine rete. tanto quanto il sistema nervoso, il sistema immunitario si configura come una complessa rete interattiva, i cui elementi appaiono come un esteso gruppo di individui che tra loro conversano, si scambiano informazioni, non soltanto dunque come sentinelle guerriere alla ricerca di nemici. Linsieme delle reazioni e comunicazioni che interessano gli elementi immunitari e non immunitari disegna una rete che crea una specie di processo cognitivo (da qui la nuova scienza dellimmunologia cognitiva, figlia del neuroscienziato, filosofo, biologo ed epistemologo cileno Francisco J. Varela). In questo quadro il sistema immunitario e quello nervoso si collocano come due sistemi cognitivi interagenti, dove il processo cognitivo si rivolge in primis al proprio interno e successivamente allesterno, come se, con questa operazione cognitiva, il sistema immunitario ridefinisse continuamente lidentit biologica individuale in costante trasformazione; in questa prospettiva immunit e identit si identificano luna nellaltra perch luna equivale allaltra. Per il filosofo e scienziato A. I. tauber lidentit immunitaria un essere vivente, che continuamente si ridefinisce, si riafferma e si ridetermina. Nella teoria della rete autonoma (ANt - Autonomous Network Theory), formulata da F. Varela, il sistema immunitario ha una sua attivit endogena indipendente e non necessita di un management centrale. come nella corteccia motoria e sensitiva esiste una mappa corporea, cos nel sistema immunitario presente una sorta di homunculus, una raffigurazione interna del proprio s in continua autodefinizione/ autoriconoscimento in risposta prima

Il SIStemA ImmunItArIo
a eventi e cambiamenti interni e poi a eventi e stimoli esterni. Guardando al sistema immunitario come a una rete cognitiva autonoma, ne deriva che la sua funzione principale relazionarsi con il self, lorganismo, il s in continuo divenire, e secondariamente rispondere a eventuali insulti provenienti dall'esterno. Per Varela lintero organismo e il sistema immunitario sono coinvolti in una danza reciproca che consente al corpo di avere un'identit mutevole e plastica nel corso di tutta la sua vita e dei suoi molteplici incontri. Il sistema immunitario agisce come una sorta di bilancia della vita, i cui piatti oscillano in base a molteplici fattori, inclusi i cambiamenti emotivi, lalimentazione, lattivit fisica, lintero ambiente in cui inserito lorganismo nonch le relazioni e le situazioni che questo si trova a vivere. Le patologie a carico del sistema immunitario possono quindi essere di differenti tipologie e avere multiformi caratteristiche. un disordine immunitario - ossia unalterazione funzionale del network - pu, infatti, essere classificata in base alla componente del sistema che interessata, se la condizione congenita o acquisita o ancora se il sistema iper o ipo-responder. Il sistema immunitario unefficiente rete contraddistinta da specificit, inducibilit e adattamento; tuttavia possono verificarsi anomalie che possono essere suddivise in tre estese categorie: immunodeficienze (incapacit qualitativa o quantitativa di produrre difese contro agenti patogeni provenienti dall'esterno o generatisi internamente), autoimmunit (risposta immunitaria patologica rivolta verso elementi del proprio organismo con danni di vario grado) e ipersensibilit o allergia (risposta eccessiva ad antigeni esterni normalmente innocui). Quando uno o pi componenti della rete immunitaria sono inattivi, si verifica limmunodeficienza. Le immunodeficienze possono essere di natura ereditaria quindi congenite o comunque dovute ad un difetto genetico (primitive) o acquisite (secondarie), quando causate da trattamenti farmacologici (es. prednisone, ciclosporina), infezioni virali (es. AIDS) o condizioni iatrogene (splenectomia). Nei paesi in via di sviluppo la malnutrizione proteica e calorica creano alterazioni nelle risposte di difesa, laddove nei paesi sviluppati lobesit, lalcolismo, luso di droghe sono cause comuni di disfunzionalit immunitaria. Ne consegue che un sano stile di vita pu costituire un elemento cruciale per lequilibrio immunitario. Insieme a corrette scelte alimentari e una salutare attivit fisica, giocano un ruolo determinante le complesse e delicate dinamiche della vita interiore: ritmi frenetici, stress fisico e psicologico, stati emotivi difficili possono determinare modificazioni psicofisiologiche e alterare anche la rete immunitaria, rendendola ad esempio pi vulnerabile alle aggressioni virali e batteriche. Non dimentichiamo il motto di Giovenale mens sana in corpore sano dallinterpretazione ambivalente. Quando i meccanismi di riconoscimento del self dal non self si alterano, il sistema immunitario schiera le sue difese contro elementi dello stesso organismo. Fu Paul Ehrlich, agli inizi del secolo scorso, a coniare il termine horror autotoxicus per indicare una risposta immune dannosa verso gli antigeni autologhi. Le risposte autoimmuni sono parte integrante del nostro sistema immunitario, solitamente indicate come autoimmunit naturale; importante, infatti, distinguere tra reazione autoimmune (stato fisiologico) e malattia autoimmune (stato patologico), quando cio il sistema immunitario non pi in grado di controllare e spegnere i processi diretti contro l'organismo al termine di una fisiologica risposta infiammatoria o di prevenirne lo sviluppo al di fuori di essa. Quotidianamente riceviamo insulti pi o meno aggressivi dallambiente in cui viviamo. un sistema immunitario efficiente interviene a difesa del nostro

05

organismo; quando invece lattivit immunitaria alterata, sostanze normalmente innocue (es. i pollini) possono scatenare unabnorme risposta immune che da protettiva diventa dannosa, innescando reazioni allergiche e di ipersensibilit. un sistema immunitario indebolito pu inoltre subire gli effetti di condizioni atmosferiche non favorevoli a cui spesso si sommano stati di malessere psicofisico, causando ricorrenti disturbi stagionali. Il network immunitario si configura come un sistema oscillante in fragile e variabile equilibrio; immunostimolare e immunomodulare significa saper sapientemente proteggere, potenziare, bilanciare questa rete integrata e interattiva senza perturbarne le complesse dinamiche, ma intervenire con il suo stesso linguaggio, quello della vis medicatrix naturae.

Insieme a corrette scelte alimentari e una salutare attivit fisica, giocano un ruolo determinante le complesse e delicate dinamiche della vita interiore: ritmi frenetici, stress fisico e psicologico, stati emotivi difficili.

Stimolo, Difesa, Azione IMMUNIT

06

eKInFlu

> Difese dell'organismo > oli essenziali ad azione antibiotica

EKINFLU

Note bibliografiche
L'Echinacea definita come pianta immunitaria, impiegata secondo la tradizione per le sue propriet immunostimolanti, a livello sia profilattico sia curativo; la specie Angustifolia presenta livelli pi elevati di echinacoside (dallazione antibiotico simile) e di polisaccaridi (dallazione antiinfiammatoria e immunostimolante). La British Herbal Pharmacopoeia riconosce all'Arpagofito, pianta originaria dellAfrica del Sud, propriet analgesiche, sedative e diuretiche; ufficiale anche nella Farmacopea europea, largamente impiegato per le sue azioni antiinfiammatoria, analgesica, antireumatica, nonch antiossidante, immunomodulatoria e, secondo la medicina tradizionale indiana, stimolante del sistema linfatico. La Mirra, oleoresina di biblica memoria, largamente usata nella Medicina tradizionale cinese, cos come in quella Ayurvedica; anche la Medicina occidentale le riconosce attivit antisettica, antimicrobica, analgesica e antiinfiammatoria; studi condotti da Piero Dolara, docente delluniversit di Firenze, e pubblicati sulla rivista Nature, confermano che la mirra un potentissimo analgesico e ha meccanismo d'azione simile a quello della morfina. Lolio essenziale di Origano, grazie alla presenza di fenoli quali timolo e carvacrolo, esercita una potente azione antibatterica, ampiamente dimostrata da numerosi studi. Gi Ippocrate lo impiegava come antisettico e nella cura di disturbi gastrici e respiratori. Del Timo sono note sin dallantichit le sue propriet antisettiche; al timolo, contenuto in tutte le parti della pianta, si deve, oltre che il suo forte aroma, soprattutto la sua azione antibatterica. L'olio essenziale di Santoreggia, antimicotico, espettorante, carminativo, cicatrizzante, astringente e vermifugo, svolge anche un'azione disinfettante e protettiva, oltre che immunostimolante e antinfettiva; per le sue elevate capacit battericide, trova impiego in caso di tonsilliti, laringotracheiti o di faringiti, cos come in tutti i malanni della gola di origine batterica e per curare la tosse da infiammazione delle mucose.

Supplement facts
Dosaggio: 25 gocce 3 volte al giorno (2 ml) 75 somministraziono per flacone (25 giorni) INGREDIENTI: Alcool, Acqua, Echinacea (Echinacea angustifolia) radice, Arpagofito (Harpagophytum procumbens) radice, Mirra (Commiphora molmol) resina, olii essenziali di Timo (Thymus vulgaris), Origano (Origanum vulgare) e Santoreggia (Satureja montana), miele, Solidago (Solidago virga-aurea) sommit, Bardana (Arctium lappa) radice, Betulla (Betula pubescens) foglie, Garofano (Eugenia caryophyllata) frutti, Ginseng (Panax ginseng) radice, Uncaria (Uncaria tomentosa) radice, Arancio (Citrus sinensis) o.e., Cumino (Cuminum cyminum) o.e.

Costituenti della miscela Gold-Vitale (0.1%)

Costituenti della miscela Copper-Vitale (0.1%)

Adulti

Adu

Tenore degli ingredienti vegetali per dose da 2 ml Echinacea 0.192 g; Arpagofito 0.160 g; Mirra 0.060 g; Timo o.e. 0.02 ml; Origano 0.02 ml; Santoreggia 25gocce o.e. 0.02 ml; Solidago 1.65 mg; Bardana 1.65la mg; sotto lingua in Betulla 1.65 mg; Garofano 12 g; Ginseng o 12 poca acqua 3 volte g; Uncaria 12 g; Arancio dolce o.e. 0.002all; giorno Cumino o.e. 0.002 l;

25

2 co da d con vo g

Codice Articolo: E-21 Adulti Forma: Gocce Contenuto: 50 ml - Alc. 60% Vol

Adu

2
X

2 vaporizzazioni nella cavit orale 3 volte al giorno

ADULTI:
Adulti

FINO A 12 ANNI:
Adulti

25

25gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

10

10 gocce sotto 2 compresse la lingua da deglutire o in poca acqua con acqua 3 volte3 volte al al giorno giorno

X 2 X

3 3

CAM Numero 1 / Anno 2012

Adulti

Adulti

1 X

AZIone SInerGICA

07

AZIoNe SINeRGIcA

INFLUENZA

Dello spettro fitochimico delle piante nel trattamento degli stati influenzali, delle infezioni batteriche e di quelle virali
Patogenesi
Quando il virus dellinfluenza introdotto nel tratto respiratorio, ad esempio attraverso il contatto con un individuo infetto, colpisce le cellule epiteliali, principale target virale, e inizia a proliferare. Il virus si replica nelle cellule del tratto respiratorio sia superiore sia inferiore. Cos come un'infezione batterica delle vie respiratorie pu aprire la strada ad una polmonite influenzale, parimenti il danno a carico delle vie respiratorie provocato dal virus pu favorire una superinfezione batterica. La patogenicit e la virulenza del virus dellinfluenza dipende da: fattori dellospite presenza di recettori target sulle cellule disponibilit di enzimi nelle cellule ospiti necessari alla penetrazione del virus e alla sua replicazione stato di immunocompetenza dellindividuo ospite capacit del sistema immunitario di controllare efficacemente la replicazione virale senza provocare seri danni collaterali allorganismo ospite attraverso la risposta infiammatoria fattori virali capacit di legarsi alle cellule ospiti capacit di diffondersi restrizione dei meccanismi citopatogenetici per consentire un bilanciamento tra la replicazione virale e il controllo da parte dellorganismo ospite capacit di eludere i meccanismi di immunosorveglianza modulazione della risposta immunitaria per attenuare i meccanismi di difesa dellospite.

uotidianamente entriamo in contatto con microrganismi potenzialmente patogeni (virus, batteri, funghi). Linterazione tra luomo e le popolazioni microbiche inevitabile: essi sono presenti in tutti i distretti del nostro corpo, ad eccezione del sistema nervoso centrale (SNC), del sangue e degli organi e tessuti interni. Perch si instaura uninfezione, sia essa batterica o virale? La patogenesi delle infezioni la risultante di una sorta di conflitti tra le capacit invasive dellagente infettante (batteri, funghi, virus) e le difese dellospite. Ci significa che quando il sistema immunitario non in grado di far fronte alle offese di patogeni esterni, questi prendono il sopravvento e cominciano a proliferare, causando stati infettivi e infiammatori. Lalterazione dell'equilibrio della flora batterica intestinale (disbiosi),

che pu verificarsi per svariati motivi (cattiva alimentazione, stress, cause patologiche, cause iatrogene) pu ad esempio comportare delle reazioni a carico del sistema immunitario e di tutto lorganismo. fondamentale da un lato non trascurare le difese dellorganismo contro i vari agenti patogeni soprattutto durante le stagioni pi fredde, dallaltro bisogna considerare anche le diverse esigenze, come quelle di anziani e bambini pi suscettibili ai disturbi di questi periodi, ma anche di soggetti che presentano stati immunocompromessi o comunque deficitarii. occorre quindi intervenire attraverso salutari misure di integrazione, prevenzione e cura e stimolare opportunamente le naturali difese dellorganismo.

Approfondimenti
Con il termine influenza sono spesso impropriamente indicate diverse affezioni del primo tratto respiratorio, siano esse di natura batterica o virale, che possono presentare sintomi molto simili: febbre, mal di testa, malessere generale, mancanza di appetito, dolori muscolari e osteoarticolari, sintomi respiratori, quali mal di gola, congestione nasale, difficolt respiratoria e tosse secca o catarrale, congiuntivite; soprattutto nei bambini si possono inoltre manifestare sintomi a carico dell'apparato gastro-intestinale, come nausea, vomito, diarrea.

Stimolo, Difesa, Azione IMMUNIT

08

ArreSto preVento pSC

> Rafforzamento difese immunitarie > Prevenzione influenzale

ARRESTO PREVENTO PSC

Adulti

Adul

Note bibliografiche
Il Sambuco trova largo impiego nel trattamento di tosse, bronchite, disturbi del tratto respiratorio superiore, febbre, infezioni batteriche e virali. L'estratto della pianta aiuta infatti a ridurre sia la gravit sia la durata dell'influenza, nonch a prevenire l'adesione dei virus alle cellule umane. Agisce come preventivo, in particolare nei confronti dei ceppi influenzali. I pazienti trattati con Sambucus nigra hanno mostrato una maggiore presenza di anticorpi specifici del virus nel plasma e una diminuzione della sintomatologia. Lestratto inoltre in grado di promuovere la produzione di citochine ad azione antinfiammatoria tNF-, IL-6, IL-1, IL-8, il che ne fa un rimedio sicuro per il trattamento degli stati influenzali nonch per una profilassi preventiva invernale. L'Echinacea considerata tra le erbe officinali Adulti pi popolari anche nella medicina occidentale, grazie allazione combinata dei principi attivi che la caratterizzano in generale e in particolare quelli presenti nelle sue cellule staminali. Le radicelle della variet Echinacea purpurea sono ricche di alchilammidi, utili ad un arresto preventivo dei sintomi 25gocce sotto la lingua o in influenzali. Lazione di modulazione della risposta immunitaria poca acqua 3 volte al sarebbe da ricondurre, almeno in parte, allinterazione giorno delle alchilammidi con i recettori CB2; lEchinacea, inoltre, favorisce un aumento della conta delle cellule natural killer, parte integrante del nostro sistema immunitario.

Supplement facts

25

Dosaggio: 20 gocce 3 volte al giomo (1.5 ml) 25gocce sotto la 100 somministraziono per flacone (33lingua o in giorni)

3
2

INGREDIENTI: Alcool bio, glicerolo, Sambuco Bio Adulti PSC (Sambucus nigra) gemme, Adulti Echinacea Bio PSC (Echinacea purpurea) radicelle, Achillea Adulti Bio PSC (Achillea millefolium) giovani getti.

poca acqua 3 volte al giorno

2 com da d con a vo gi

25

Tenore degli ingredienti per dose da 1.5 ml Sambuco 0.5 ml; Echinacea 0.5 ml; Achillea 0.5 ml. 25gocce
con acqua 3 poca acqua Codice Articolo: ARRESTO-BIO50 volte al 3 volte al giorno Forma: Gocce giorno Contenuto: 50 ml - Alc. 60% Vol vaporizzazioni nella cavit 2 orale 3 volte al giorno sotto la lingua o in 2 compresse da deglutire

Adul

3 X3
X

AdultiA931070078 Adulti

25

Adulti Adulti Adulti

2 compresse da deglutire con acqua 3 2 vaporizzazioni nella cavit volte al volte al giorno orale 3 giorno

X X

3 3

25 20 10 1 X X X X

Adulti e Adul

BASE ADULTI:
Adulti

BASE BAMBINI:
AdultiAdulti

25gocce 10 gocce sotto la sotto la lingua o in 1 cucchiaino lingua o in poca acqua 20 gocce sotto la lingua 3 3 volte al giorno poca acqua 3 al giorno volte volte al 3 giornoal volte giorno

33 3

2 2

2 com da d con 20 goccea vo volt gi

Adulti

Ricerche fitochimiche hanno rivelato lelevata bioattivit di molti costituenti delle gemme di Achillea. La presenza di sostanze appartenenti al gruppo dei lattoni sesquiterpenici giustifica la sua azione di prevenzione e di sostegno nei casi di sintomi da raffreddamento. Lachilleina (principio attivo) agisce sui vasi sanguigni diminuendo il flusso del sangue verso 2 vaporizzazioni nella cavit orale 3 volte al giorno le membrane delle mucose, che risulteranno meno permeabili a virus e batteri.

10 1

10 gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno 1 cucchiaino 3 volte al giorno

X X

3 3 3 3

5 gocce 20 gocce sotto la sotto la lingua 1 chicchiainoin o in lingua o poca acqua poca acqua da scogliere in 3 volte al bicchiereal un 3 volte giorno giornodacqua 3 volte 2 vaporizzazioni nella cavital giorno orale 3 volte al giorno

5 20 21 X X X X

Adulti Adul

3 33 3 33 3 3

1 vap cavit o

URTO ADULTI:

10

10 gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

3 3

5 20 X X

URTO BAMBINI:

5 gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 gocce 20volte al giorno sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

20 10 XX X

20 10 gocce gocce sotto la sotto la cucchiaioo lingua lingua oal giornoin in 3 volte poca acqua poca acqua 3 3 volte al volte al giorno giorno

CAM Numero 1 / Anno 2012

5 1

dISturBI InVernAlI

09

DIStuRBI INVeRNALI
roteggere il sistema immunitario rappresenta sicuramente la condicio sine qua non per affrontare al meglio le stagioni pi fredde. In tal senso una corretta integrazione pu indubbiamente aiutare le difese organiche nel loro funzionamento. Il presupposto ideale sarebbe quello di intervenire a sostegno del network immunitario a livello profilattico e prevenire cos influenza e malattie da raffreddamento. Si pu favorire la funzionalit del sistema immunitario attraverso strategie che ne regolano/potenziano la risposta naturalmente. Dalla natura, sapiente alleata, vengono ancora una volta numerosi rimedi sia per la prevenzione sia per la cura delle sindromi influenzali: i cosiddetti vaccini naturali. con le piante si pu modulare la risposta immunitaria ad esempio migliorando la produzione di cellule e mediatori immunitari come gli anticorpi antivirali; alcuni rimedi possono essere impiegati prima dellinsorgenza della malattia, altri dopo, altri ancora sia nella profilassi sia nel trattamento variando la posologia secondo necessit. Numerose sono infatti le piante dalle propriet preventive e curative grazie allelevata concentrazione di sostanze ad azione immunostimolante,

Prevenzione e trattamento: integrare l'alimentazione per proteggere e attivare le difese immunitarie

antiossidante, antiinfiammatoria, antimicrobica; i flavonoidi, ad esempio, sono composti che possono inibire la neuraminidasi, una glicoproteina ad azione enzimatica presente sulla superficie dei virus influenzali e indispensabile affinch il patogeno penetri nelle cellule delle vie respiratorie; questo enzima infatti favorisce la diffusione del virus dopo la replicazione evitando lautoaggregazione delle particelle e impedendo il loro sequestro nel muco o sulla superficie di cellule

inappropriate (comprese quelle in cui il virus si replicato). I flavonoidi, tra le numerose azioni farmacologiche e terapeutiche, hanno anche propriet antiinfiammatoria grazie allinibizione dei radicali liberi dellossigeno e al blocco degli enzimi coinvolti nel ciclo dellacido arachidonico. Si pu quindi intervenire adeguatamente scegliendo rimedi adatti e modulandone dosi e tempi di somministrazione tanto per prevenire quanto per curare i disturbi legati alle stagioni fredde.

Approfondimenti
Una sana alimentazione rappresenta innegabilmente la premessa per garantire uno stato di benessere generale e ancor pi quando le condizioni ambientali possono indebolire il nostro organismo e le sue difese. Per prevenire ma anche per favorire il risultato ottimale di interventi curativi, indispensabile compiere opportune scelte alimentari. Diventa allora importante ladozione di una dieta nutriente e leggera che prediliga ad esempio verdure e frutta di stagione, carni bianche e pesce, che riduca i latticini, poich possono determinare un ispessimento delle secrezioni mucose, e che preveda lassunzione di abbondanti quantit di liquidi. Pu essere utile il consumo di probiotici per proteggere leubiosi intestinale, cos come un corretto apporto di vitamine. Da ricordare che alcuni alimenti, come laglio, offrono naturali propriet antibiotiche. Alimenti ricchi di fibre, come i legumi, aiutano poi l'organismo a smaltire i sovraccarichi migliorando cos le funzionalit intestinali.

RESEARCH

La sinergia dinamica del FITOCOMPLESSO


Ogni pianta medicinale ha una sua composizione chimica, che comprende un numero pi o meno ampio di diverse sostanze chimiche. Alcune hanno una propria azione e sono attive, altre sono considerate inerti o, meglio, regolatrici, poich, anche se inattive, aiutano l'azione delle prime. Si distinguono cos i principi attivi, sostanze dotate di attivit salutistica, e i coadiuvanti, che collaborano allattivit dei principi attivi modulandone la farmacocinetica, lassorbimento, il metabolismo, leliminazione e,

quindi, il profilo funzionale. Linsieme di tutti questi composti e della loro interazione forma quello che si definisce fitocomplesso. Il fitocomplesso delinea quindi la fisionomia clinica e dinamica della pianta e le conferisce una molteplicit di azione che, a seconda della parte utilizzata, permette di intervenire, come prevenzione o trattamento, in diversi disturbi e condizioni cliniche. Lattivit di una pianta medicinale da considerarsi come il risultato sinfonico di tutte le sostanze contenute nel fitocomplesso e non riconducibile ai singoli principi attivi isolati.

Stimolo, Difesa, Azione IMMUNIT

10

rIBeS CompoSto

> congestione nasale > Drenaggio alte vie respiratorie

RIBES COMPOSTO

Note bibliografiche
Il gemmoderivato di Ribes nero possiede una marcata azione antinfiammatoria, antiallergica e sinergizzante nei confronti di altri gemmoterapici cui spesso viene associato. Lutilizzo della gemma indicato nelle manifestazioni cliniche in cui necessario drenare la corteccia surrenale, come nelle manifestazioni allergiche, in quelle di natura infiammatoria generali e locali, in particolare a carico dellapparato locomotore, ma anche dellapparato respiratorio, digestivo e urinario. Lattivit antinfiamamtoria attribuita al gemmoderivato sostenuta, oltre che dallazione cortison-like, anche dai flavonoidi che si oppongono alla liberazione delle sostanze proflogogene e che, grazie allazione vitamino-simile, determinano un miglioramento del microcircolo e quindi della vascolarizzazione locale. Le gemme di Rosa canina vengono ampiamente utilizzate in quanto risultano molto efficaci nella prevenzione e nel trattamento delle patologie infettive a carico dellapparato respiratorio (rinofaringiti, otiti, tonsilliti). Luso delle gemme di Rosa canina pu aiutare in questi casi ad aumentare le difese dellorganismo ed quindi importante iniziarne la somministrazione per tempo, in autunno, e mantenerla, se pur a cicli, per tutto linverno. LAbete bianco risulta essere particolarmente indicato per lazione di sostegno a carico delle vie aeree superiori e per lazione trofica a livello dellapparato scheletrico. Eccellente rimineralizzante, la gemma che favorisce lequilibrio minerale e la fissazione del calcio nelle ossa. Le gemme di Abete bianco presentano un organotropismo elettivo nei confronti del tessuto linfatico, equilibrandone la funzionalit, e sono particolarmente indicate nelle infezioni recidivanti delle vie aeree superiori.

Supplement facts
Dosaggio: 25 gocce 3 volte al giomo (2 ml) 75 somministraziono per flacone (25 giorni) INGREDIENTI: Acqua, alcool, glicerolo, macerati di: Ribes nero (Ribes nigrum) gemme 36%, Rosa di macchia (Rosa canina) gemme, Abete bianco (Abies pectinata) gemme, miele, Garofano (Eugenia caryophyllata) frutti, Echinacea (Echinacea angustifolia) radice, Ginseng (Panax ginseng) radice, Uncaria (Uncaria tomentosa) radice, Arancio dolce (Citrus sinensis) o.e., Cumino (Cuminum cyminum) o.e.

Costituenti della miscela spagyrica Gold-Vitale (0.1%)

Tenore degli ingredienti vegetali per dose da 2 ml Adulti Ribes nero 0.072 ml; Rosa di macchia 0.064 ml; Abete bianco 0.064 ml; Garofano 12 g; Echinacea 12 g; Ginseng 12 g; Uncaria 12 g; Arancio dolce o.e. 0.002 l; Cumino o.e. 0.002 l; 25gocce

Adu

25

Codice Articolo: E-54 Forma: Gocce Contenuto: 50 ml - Alc. 33% Vol


A901398103

sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

2 co da d con vo g

Adulti

Adu

2
X

2 vaporizzazioni nella cavit orale 3 volte al giorno

ADULTI:
Adulti

FINO A 12 ANNI:
Adulti

25

25gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

10

10 gocce sotto 2 compresse la lingua da deglutire o in poca acqua con acqua 3 3 volte al volte al giorno giorno

X 2 X

3 3

CAM Numero 1 / Anno 2012

Adulti

Adulti

1 X

rAFFreddore & ConGeSIone 11

SINTOMATOLOGIA

Il Raffreddore
I sintomi del raffreddore sono dovuti alla naturale risposta immunitaria del nostro corpo allinfezione, piuttosto che agli insulti tissutali da parte dei virus. I sintomi generalmente raggiungono lapice dopo 2 o 3 giorni dallinsorgere dellinfezione e normalmente si risolvono in 7 o 10 giorni anche se, in alcuni casi, possono protrarsi per alcune settimane. Il raffreddore colpisce principalmente naso, gola (faringite) e seni paranasali (sinusite). Il sintomo di naso chiuso associato a diversi altri disturbi: rinorrea mal di gola (40% dei casi) difficolt a respirare tosse (50% dei casi) catarro occhi che lacrimano.

Spesso questi sintomi possono essere accompagnati da: dolori muscolari (50% dei casi) affaticamento cefalea perdita di appetito.

RAFFReDDoRe & coNGeStIoNe NASALe


Liberare le alte vie respiratorie per garantire una corretta respirazione e ristorare l'organismo
l raffreddore, indicato anche come congestione nasale, nasofaringite, rinofaringite, o coriza, uninfezione delle vie respiratorie superiori, causata da uno degli oltre 200 virus; nel 30-80% dei casi si tratta del Rhinovirus. Quando il virus arriva sulla superficie mucosa del naso (o anche della gola) si aggancia alle cellule e crea fori nelle membrane, consentendo cos al materiale genetico virale di penetrare e di replicarsi. In risposta allinvasione virale, lorganismo schiera le sue difese: il naso e la gola rilasciano mediatori chimici che stimolano il sistema immunitario; le cellule danneggiate producono prostaglandine che innescano il processo infiammatorio e richiamano i leucociti. Pi dellaccumulo di muco, proprio linfiammazione della mucosa nasale ad aumentare la quantit di edema locale e a ostruire quindi il passaggio dell'aria, causando congestione. La temperatura corporea pu alzarsi per aumentare la risposta immunitaria; viene rilasciata istamina con aumento della produzione di muco nasale in modo da intrappolare e rimuovere le particelle virali. Man mano che la

battaglia contro il virus del raffreddore procede, il corpo contrattacca con la sua artiglieria pesante: monociti, linfociti, interferone (definito lautofarmaco antivirale del nostro organismo) e numerose proteine circolanti nel plasma, che ricoprono il virus e le cellule infettate, rendendo pi facile il loro riconoscimento e la loro distruzione da parte dei globuli bianchi. Solitamente il processo temporaneo e nel giro di poco tempo tende a risolversi; tuttavia la congestione nasale pu cronicizzarsi e creare disturbi nel tempo. Il naso strettamente collegato alle altre strutture del sistema respiratorio: l'infiammazione dal naso pu estendersi alle principali vie aeree fino alla trachea e ai bronchi. Pu essere coinvolto anche l'orecchio, determinando, nei casi pi gravi, anche otiti e muco nel condotto uditivo. Inoltre, se per la maggior parte delle persone un raffreddore semplicemente un raffreddore, per alcune pu determinare sgradevoli complicazioni come problemi respiratori (es. bronchite).

Stimolo, Difesa, Azione IMMUNIT

12

mAnuGolA

> Benessere del cavo orale > Faringiti e tracheiti

MANUGOLA

Note bibliografiche
Le classi chimiche maggiormente rappresentate nella Propoli sono i flavonoidi, i fenoli e i terpeni. La maggior parte delle sostanze contenute nella propoli sono scarsamente solubili in acqua pertanto consigliato lutilizzo di estratti idroalcolici ad una gradazione alcolica di 70. Lestere feniletilico dellacido caffeico (CAPE) inibisce la via della lipo-ossigenasi per lacido arachidonico, determinando unattivit antinfiammatoria. Gli studi in vitro e in vivo hanno mostrato effetti contro un ampio spettro di patogeni, compresi i virus dellinfluenza e dellherpes come pure nellHIV e verso organismi fungini e batterici. Lolio essenziale di Manuka noto per le sue propriet antisettiche e antimicrobiche; utilizzato da centinaia di anni dalle popolazioni indigene della Nuova Zelanda per alleviare le infezioni. Lolio essenziale ha dimostrato in vitro attivit contro agenti batterici quali Staphylococcus, Listeria e Streptococcus, cos come contro alcuni funghi tra cui Trichophyton e Microsporum. Le straordinarie capacit espettoranti e balsamiche dell'Eucalipto sono ampiamente conosciute. Facilita la respirazione e rigenera i tessuti tanto da rendersi utile nel caso di asma, bronchiti, riniti, sinusiti e tosse. Analgesico, antinevralgico, antisettico, antivirale, balsamico, Adulti Adulti decongestionante, espettorante, febbrifugo, parassicida, vermifugo.

Supplement facts
Dosaggio: 2 vaporizzazioni 3 volte al giorno (0.75 ml) 78 somministraziono per flacone (13 giorni) INGREDIENTI: Alcool, acqua, Propoli (Propolis), miele, oli essenziali di: Manuka (Leptospermum scoparium), Eucalipto (Eucalyptus globulus), Menta (Mentha piperita); Solidago (Solidago virga-aurea) sommit, Bardana (Arctium lappa) radice, Betulla (Betula pubescens) foglie.

Costituenti della miscela spagyrica Copper-Vitale (0.1%)

Tenore degli ingredienti vegetali per dose da 2 ml Propoli 0.123 g; Manuka o.e. 3 l; Eucalipto o.e. 3 l; Menta o.e. 3 l; Solidago 0,3 mg; Bardana 0,3 mg; Betulla 0,3 mg.
Codice Articolo: E-83 Forma: Spray Contenuto: 10 ml - Alc. 55% Vol
A904326079

Adulti

25

La Menta decisamente utile grazie agli effetti balsamici ed espettoranti. Il suo effetto mercuriale votato a facilitare tutti 25gocce 2 compresse sotto la gli scambi che interessano il sistemao cardio-respiratorio, si da deglutire lingua in con acqua 3 poca acqua 3 pu estende a quello digestivo dove si volte al apprezzare volte al la sua per giorno giorno qualit di contenere flatulenze e gonfiori.

25 20 X X

Adulti Adulti e bambini

25gocce sotto la lingua o in poca acqua 20 gocce sotto la3lingua al volte 3 volte al giorno giorno

3 3

20
2 compresse da deglutire con acqua 3 20 gocce sotto volte al 3 la lingua volte al giorno giorno

3X3
X 33

ADULTI:
Adulti Adulti Adulti Adulti

FINO A 12 ANNI:
Adulti Adulti

2
X

1 2

2 vaporizzazioni nella cavit orale 3 volte al giorno

1 cucchiaino 3 volte al giorno

1 chicchiaino da scogliere in un bicchiere dacqua 3 2 vaporizzazioni nella cavit volte al giorno orale 3 volte al giorno

X X

3 3

1 1
X

1 cucchiaino 1 vaporizzazione nella giorno 3 volte al cavit orale 2 volte al giorno

CAM Numero 1 / Anno 2012

10

20

10 20

20

FArInGIte & lArInGIte

13

FARINGIte LARINGIte e MAL DI GoLA

Sintomatologia

Difficolt a deglutire, gola arrossata e dolente: chiari sintomi di mucose infiammate

Faringite
La faringite acuta caratterizzata inizialmente da una sensazione dolorosa localizzata a livello faringeo, seguita da arrossamento e congestione delle mucose, difficolt nella deglutizione e pu essere accompagnata da tosse e secrezioni catarrali, infiammazione a livello dei linfonodi cervicali, otalgia, aumento della temperatura corporea. Oltre al dolore locale, la forma cronica, che inizialmente pu essere asintomatica, successivamente presenta frequente necessit di deglutire, di raschiare la gola e di tossire, abbassamento della voce, febbre lieve, ma persistente.

rocessi infiammatori a carico delle prime vie respiratorie, sia la faringite (comunemente mal di gola) sia la laringite sono causate nella maggior parte dei casi da infezioni di tipo virale (adenovirus, enterovirus, coronavirus, rhinovirus, virus influenzali e parainfluenzali), meno frequentemente da infezioni di tipo batterico (Chlamydophila pneumoniae, Mycoplasma pneumoniae, Streptococchi, Stafilococchi,Haemophilus influenzae) e si verificano solitamente con maggiore incidenza nel periodo invernale e all'inizio della primavera. La faringite uninfiammazione della faringe che presenta sia sulla mucosa faringea sia sulla superficie tonsillare una formazione di essudato con dolenzia e ipertrofia linfonodale del collo e al di sotto della mandibola.

In base alla virulenza dellagente eziologico e della risposta immunitaria, una faringite acuta pu essere: catarrale purulenta ulcerativa

La faringite cronica il pi comune disturbo otorinolaringoiatrico e pu avere tre fasi evolutive: catarrale ipertrofica atrofica La laringite pu associarsi a processi infiammatori a carico della faringe (faringolaringite) e della trachea (laringotracheite), cos come pu seguire stati infiammatori come appunto faringite e tracheite o anche rinite. Si pu classificare la laringite in base al suo decorso - acuta, subacuta o cronica - e in base alla forma - catarrale, edematosa, suppurativa o pseudomembranosa.

Laringite
Nella laringite acuta catarrale, si osservano raucedine o in alcuni casi afonia, arrossamento della mucosa laringea e delle corde vocali, sensazione di secchezza e bruciore della gola, tosse che prima si presenta secca e stizzosa e poi si accompagna a espettorazioni di catarro denso e vischioso. Nella laringite cronica i sintomi sono simili a quella acuta ma con manifestazioni pi lievi: la laringite cronica semplice presenta leggero ispessimento della mucosa laringea e delle corde vocali insieme a congestione; nella cronica ipertrofica si riscontra un notevole ispessimento dell'epitelio mentre in quella cronica atrofica si osserva una mucosa laringea pallida, sottile e lucida.

Approfondimenti
In individui di giovane et, anziani e soggetti immunocompromessi il mal di gola pu verificarsi con maggiore probabilit: nei primi il calibro delle vie respiratorie ridotto rispetto agli adulti e il sistema immunitario non ha ancora completato la sua struttura; nei secondi come negli ultimi il sistema immunitario perde in efficienza e pu non rispondere adeguatamente agli insulti esogeni. In queste categorie di soggetti lapparato orofaringeo pu rappresentare la prima via di accesso per agenti patogeni.

Stimolo, Difesa, Azione IMMUNIT

14

dmG-VItAle

> Immunomodulazione > Resistenza psico-fisica

DMG-VITALE

Note bibliografiche
Secondo ricerche svolte negli Stati Uniti e in Russia la N,NDimetilglicina (o dimetiliglicina DMG) trova utile impiego nel trattamento di diverse condizioni correlate con stati di stress sia fisico sia psichico (risposte immuno-deficenti, problemi respiratori, sindromi da affaticamento cronico, stati allergici, alterazioni neurologiche, artriti, disturbi glicemici, affezioni cardiovascolari ed epatiche). Alcuni studi hanno inoltre dimostrato come il DMG possa favorire e incrementare la risposta immunitaria umorale e cellulo-mediata. Il DMG ha un ruolo essenziale nei processi di transmetilazione (si conoscono pi di 41 reazioni di transmetilazione presenti nel nostro organismo): ormoni, enzimi, neurotrasmettitori, vitamine, anticorpi e gli stessi acidi nucleici (RNA, DNA) dipendono in qualche modo dal trasferimento di gruppi metilici per compiere la loro resintesi e funzione nell'organismo. Il DMG ha una vasta attivit metabolica cellulare e pu quindi potenziare molte funzioni fisiologiche del corpo o comunque sostenerle in condizioni di stress. essendo un metabolita intermedio presente in diverse reazioni biochimiche del nostro organismo, il DMG viene per rapidamente metabolizzato da altri importanti substrati secondari e quindi i suoi livelli non sono alti. Ne deriva che una sua integrazione in stati di surmenage, sia fisico sia psichico, possa facilitare il recupero delle normali funzionalit. In numerose indagini cliniche il DMG si rivelato un integratore alimentare fisiologicamente attivo in unampia gamma di condizioni: pu aumentare la resistenza a infezioni e patologie rafforzando la risposta del sistema immunitario, stimolando ad esempio la produzione di anticorpi e linfociti; in stati di scarsa ossigenazione dei tessuti pu apportare e stimolare l'utilizzazione dell'ossigeno; favorisce la disintossicazione; interviene come agente anti-stress e potenzia la performance psicofisica; pu migliorare il metabolismo del glucosio negli atleti, nei diabetici e negli ipoglicemici;pu ridurre l'elevato tasso di colesterolo e trigliceridi; pu migliorare la circolazione, abbassare l'elevata pressione sanguigna e dare significativi miglioramenti in pazienti con insufficienza circolatoria e angina pectoris; presenta propriet lipotropiche che aumentano le funzioni del fegato.

Supplement facts
Dosaggio: 10 gocce 3 volte al giomo (0.25 ml) 200 somministraziono per flacone (66 giorni) INGREDIENTI: Acqua demineralizzata, DMG (N,N-Dimetilglicina), aroma naturale di arancio. Tenore degli ingredienti per dose da 0.25 ml DMG 200 mg;
Codice Articolo: E-19 Forma: Gocce Contenuto: 50 ml - No Alcool
A907173203

Adulti

Adu

25

25gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

2 co da d con vo g

Adulti

Adu

2
X

2 vaporizzazioni nella cavit orale 3 volte al giorno

ADULTI:
Adulti

FINO A 12 ANNI:
Adulti

25

25gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

10

10 gocce sotto 2 compresse la lingua da deglutire o in poca acqua con acqua 3 3 volte al volte al giorno giorno

X 2 X

3 3

CAM Numero 1 / Anno 2012

Adulti

Adulti

1 X

Immuno-modulAZIone

15

IMMuNo MoDuLAZIoNe
S
i pu definire immunomodulazione linsieme dei processi di regolazione attraverso cui le risposte immunitarie sono attivate, ridotte e/o aumentate in base alle condizioni in cui si trova lorganismo. Precisamente nel trattamento di reazioni inadeguate del sistema immunitario, limmunomodulazione pu essere intesa come approccio terapeutico con cui si intende intervenire sui processi di regolazione dei sistemi di difesa. Regolare le reazioni immunitarie significa impostare le difese organiche sul giusto livello di azione, stimolando un sistema immunitario non reattivo oppure frenando risposte immunitarie se iperreattive o, se necessario, mantenendo i sintomi clinici, ad esempio di infiammazione, entro livelli accettabili per il paziente. Le situazioni in cui questo tipo di intervento pu rendersi necessario sono molteplici. costanti fattori stressogeni, siano essi psicologici, emozionali o fisici, possono portare la rete immunitaria a non rispondere correttamente e determinare danni di diversa entit. Il nostro organismo continuamente sottoposto a stimoli di varia natura e origine (esogeni/endogeni, psichicoemozionali, fisici, ambientali); riuscire a rispondervi in maniera efficiente, adottare i corretti meccanismi di interazione, mantenere e proteggere lomeostasi non sempre semplice e spesso possono verificarsi difetti pi o meno gravi in base allo stato di salute. Ritmi di vita frenetici, persistenti stress lavorativi, superallenamenti fisici possono determinare un sovraffaticamento dellorganismo in generale e del sistema immunitario in particolare. ormai ampiamente dimostrato come stati di stress psicofisico possano determinare una riduzione delle prestazioni sia fisiche sia mentali e, soprattutto, unalterazione delle difese immunitarie con conseguente predisposizione a malattie, infezioni, stati infiammatori. In questi casi indispensabile intervenire a sostegno della complessa rete immunitaria al fine di potenziare e migliorare le performance psicofisiche, garantendo un complessivo stato di efficienza e di benessere.

Favorire e sostenere le difese immunitarie - migliorare e potenziare le performance psicofiche

Approfondimenti

Sforzo fisico
Energia sinonimo oltre che di potenza anche di resistenza. La molecola simbolo dellenergia corporea lATP, adenosintrifosfato, implicato nella maggior parte delle reazioni metaboliche endoergoniche. Anche lo sforzo fisico, per essere compiuto, richiede una certa quantit di questa moneta energetica. Tanto pi i sistemi energetici coinvolti nellesercizio fisico sono efficienti, migliore sar il risultato. Un corretto funzionamento degli apparati respiratorio e cardiovascolare, un buono stato muscolare contribuiscono a migliorare la

resistenza fisica, intesa come capacit di mantenere un determinato sforzo fisico per un certo lasso di tempo, contrastando il senso di fatica. Nella sintesi di ATP indispensabile la presenza di fosfocreatina, che viene dalla fosforilazione della creatina, a sua volta generata da alcuni aminoacidi tra cui la glicina. Altro processo chiave nella produzione di energia la metilazione, che influenza molteplici reazioni metaboliche, come il rendimento psicofisico, nonch reazioni a carico del DNA. Rendimento energetico e longevit del materiale genetico sono quindi strettamente dipendenti dalla presenza di gruppi metilici.

Stimolo, Difesa, Azione IMMUNIT

16

mAlVA CompoStA

> tosse grassa > Benessere dei bronchi

MALVA COMPOSTA

Note bibliografiche
La Malva possiede propriet emollienti, antinfiammatorie e debolmente lassative; forma uno strato protettivo sulla mucosa irritata ed infiammata come pure delle vie respiratorie ed agisce nelle malattie da raffreddamento delle prime vie aeree. Il Rosolaccio pu essere utile come coadiuvante nelle bronchiti, nelle dispnee asmatiche, nellinsonnia e nellagitazione nei bambini.
Adulti Adulti

Supplement facts
Dosaggio: 1 cucchiaio 3 volte al giomo (34.5 g) 15 somministraziono per flacone (5 giorni) INGREDIENTI: Miele, estratto acquoso di: Malva (Malva sylvestris) foglie e fiori 45%, Rosolaccio Adulti Adulti Pino e bambini Adulti (Papaver rhoeas) petali, Adulti(Pinus montana) gemme, Zenzero (Zingiber officinale) rizoma; Balsamo del Tol (Myroxylon balsamum), Cannella (Cinnamomum zeylanicum) olio essenziale, acido citrico, potassio sorbato.

Adulti

25

X Gi Ippocrate utilizz il Pino contro le polmoniti il che


2 compresse dimostra che riconobbe il suo effetto antisettico sulle deglutire vie da respiratorie. Le gemme vengono raccolte in maggio con acqua 3 poich volte al giorno la resina in esse contenuta molto pi efficace contro raffreddore, sinusite ed influenza. Hanno inoltre un effetto guaritore in caso di nefrite, cistite e prostatite. 25gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

2
X

25

20 2 X X Tenore degli ingredienti per dose daX ml X34.5


25gocce sotto la lingua o in poca acqua 20 gocce sotto la lingua 3 3 volte al al giorno volte giorno

20

Malva 0.86 g; Rosolaccio 0.43 g; Pino 0.43 g; Zenzero 0.19 g; Balsamo del Tol 0.96 g; Cannella 0.0048 g.

2 compresse da deglutire con 20 gocce sotto la lingua 3 acqua 3 volte alvolte al giorno giorno

3 3

20 gocc vo

Adulti

Adulti

ll Balsamo del Tol si ricava da dal Myroxylon balsamum per incisioni sulla corteccia del tronco. Contiene il 75-80% di esteri dellacido cinnamico con alcoli resinosi, il 20-25% di acidi balsamici. e utilizzato come antisettico, espettorante e balsamico in preparati per la gola e i bronchi.

Adulti Adulti Codice Articolo: E-76

2 1
X

Forma: Sciroppo Contenuto: 100 ml - No Alcool

Adulti Adulti

Adulti

vaporizzazioni nella cavit Lo Zenzero coadiuvante2 tradizionale per mal d'auto,3 volte al giorno mal orale 3 volte al giorno di mare e di aereo, nausea, aerofagia, difficolt digestiva, raffreddore, dispepsia, mancanza di appetito, stanchezza, astenia, convalescenza.

3 3

1 cucchiaino

2 vaporizzazioni nella cavit orale 3 volte al giorno

A901397428

1 chicchiaino da scogliere in un bicchiere dacqua 3 volte al giorno

11
11 vaporizzazione nella cucchiaino 3 volte al giorno cavit orale 2 volte al giorno

XX

33 3

Nel caso della Cannella fondamentale fare riferimento alluso energetico della pianta; ha un sapore Caldo e Dolce. La sua azione antifreddo si esplica a livello del tAI YANG in 10 gocce quanto combatte il Freddo nocivo che attacca lIG ed il TR. 20 gocce sotto la sotto la

10

3 3

20

10 20 X X
10 gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

3 3
20 gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

20

20

lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

20 gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

ADULTI:

FINO A 12 ANNI:

5 gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno

1 X

cucchiaio 3 volte al giorno

5 gocce sotto la lingua o in poca acqua 3 volte al giorno 1 cucchiaio 3 volte al giorno

1
X

cucchiaio 3 volte al giorno

1 cu 3 volte

CAM Numero 1 / Anno 2012

BASSe VIe reSpIrAtorIe

17

Approfondimenti

Cause
Risultato di unirritazione ai canali bronchiali, la tosse solitamente causata dallintroduzione nelle vie respiratorie inferiori di virus e batteri, specialmente nella stagione fredda, che provocano infiammazione e irritazione.

Fattori
La tosse il meccanismo con cui lorganismo cerca di eliminare il catarro che si forma nei bronchi come strumento di difesa in cui intrappolare i patogeni, causa dei processi infiammatori. Agenti dannosi come inquinanti ambientali e fumo di sigaretta peggiorano la tosse per la loro azione irritativa diretta sulle vie aeree e perch facilitano le infezioni causate da batteri e da virus.

AFFeZIoNI DeLLe BASSe VIe ReSPIRAtoRIe


La tosse con espettorazione il sintomo comune di infezione del tratto respiratorio inferiore: intervenire per fluidificare e liberare le vie aeree

e malattie da raffreddamento, patologie a carico dell'apparato respiratorio tipiche della stagione fredda, si presentano come stati infiammatori e infettivi (in genere virali). Tosse, mal di gola, febbre, starnuti, rinorrea sono i sintomi pi frequenti che accompagnano i malanni di stagione: raffreddore, laringite, faringite fino a condizioni pi serie come influenza, bronchite, polmonite. tra i disturbi stagionali pi frequenti troviamo la tosse. Fastidio molto comune e diffuso soprattutto nella stagione invernale, pu essere suddivisa in: tosse grassa o produttiva: accompagnata dalla presenza di espettorato (secrezione bronchiale) tosse secca: non presenta la produzione di muco.

bronchi.

Come lo starnuto, anche la tosse un riflesso importante e primitivo a protezione della corretta respirazione. Il suo meccanismo regolato da un centro nervoso situato nel midollo allungato. un riflesso difensivo che lorganismo attua per liberare le vie respiratorie da eccessi di secrezione, microbi, particelle estranee e irritanti. La tosse infatti permette di espellere il muco dai polmoni pi rapidamente rispetto alle cilia che rivestono le cellule. Se da un lato la tosse costituisce un riflesso naturale protettivo e quindi sopprimerlo pu avere effetti deleteri, soprattutto se produttiva, dallaltro importante fluidificare e favorire la fuoriuscita del muco e liberare efficacemente le vie respiratorie. La tosse classificata come acuta se perdura per meno di tre settimane, subacuta dalle tre alle otto settimane, e cronica se va oltre le otto settimane.

Associata a difficolt di respirazione ed eventualmente ad aumento della temperatura corporea, la tosse con espettorazione il sintomo comune di infezione delle basse vie respiratorie, rappresentate da: laringe trachea

Stimolo, Difesa, Azione IMMUNIT

18

prodottI ComplementArI

PRoDottI coMPLeMeNtARI

L'azione degli integratori alimentari si pu esplicare a diversi livelli ed spesso necessario, al fine di garantire un perfetto riequilibrio dello stato di benessere, personalizzare il protocollo nutrizionale con estratti di piante singole

PSC ECHINACEA
INGREDIENTI: Alcool bio, glicerolo, Echinacea Bio PSC (Echinacea purpurea) radicelle. INDICAzIONE: Stimola le naturali difese dell'organismo. NOTE: A differenza dellestratto della pianta adulta, le cellule staminali di Echinacea non hanno azione pro-infiammatoria e sono pertanto utili anche nel trattamento di soggetti autoimmuni; infatti in grado di aumentare la produzione di IgA, IgG e IL10. Tra le sostanze responsabili dellazione di stimolazione della risposta immunitaria le a lchilammidi svolgono un ruolo chiave: sono in grado di inibire gli enzimi COX e 5-LOX e ridurre i fenomeni infiammatori. PAROLE ChIAvE: Immunostimolazione.

PSC SALIX ALBA


INGREDIENTI: Alcool bio, glicerolo, Salice Bio PSC (Salix alba) gemme. INDICAzIONE: Contrasto degli stati di tensione localizzati. NOTE: Nelle cellule staminali delle radicelle di Salix Alba gi si trova, in concentrazione considerevole, la sostanza caratteristica di questa pianta: la salicina, che conferisce alla pianta le sue note propriet: antinfiammatorie, antipiretiche, antinevralgiche, antispasmodiche. Nellorganismo umano, a differenza dei salicilati di sintesi, la salicina non irrita lo stomaco poich a livello intestinale ed epatico che viene trasformata in acido salicilico. PAROLE ChIAvE: Infiammazioni; Febbre.

SYS UNCARIA
INGREDIENTI: Acqua, Alcool, Uncaria (Uncaria tomentosa) corteccia 20%, miele. INDICAzIONE: Favorisce le naturali difese dell'organismo. NOTE: La sua azione immunostimolante da attribuirsi alla presenza di alcaloidi pentaciclici, ritenuti i componenti pi importanti del fitocomplesso, perch inducono nelle cellule endoteliali umane il rilascio di un fattore attivante la regolazione e proliferazione dei linfociti B e T. Sembra che la pianta abbia come bersaglio elettivo le cellule ad azione citotossica sia specifiche sia aspecifiche, con un effetto simile a quello di alcuni interferoni umani. PAROLE ChIAvE: Immunostimolazione.

A931070066

CAM Numero 1 / Anno 2012

puBBlICAZIonI SCIentIFICHe

19

PuBBLIcAZIoNI SCIENTIFICHE

Il crescente utilizzo terapeutico dei fitoestratti trova conferma anche nella letteratura scientifica che progressivamente si arricchisce di studi clinici sempre pi approfonditi e sempre pi estesi ai vari campi di indagine. Gli abstract riportati sono un esempio di alcuni dei diversi studi condotti su piante di interesse farmacologico in ambito immunitario
Ribes nigrum DMG - Dimetilglicina Echinacea angustifolia

Gli effetti benefici del Ribes nero


Gopalan A, reuben SC, Ahmed S, darvesh AS, Hohmann J, Bishayee A. Source: Food Funct. 2012 Jun 6.
Il ribes nero (Ribes nigrum L., Grossulariceae), un piccolo, perenne arbusto nativo delleuropa centrale e dellAsia settentrionale. oltre agli usi della medicina tradizionale erboristica, i moderni laboratori hanno dimostrato i potenti effetti antiinfiammatori, antiossidanti e antimicrobici dei componenti del ribes nigrum in numerosi stati patologici. Le sue propriet sono dovute alla presenza di composti biochimici, tra cui gli antociani (in particolare delfinidina 3-O-glucoside, delfinidina-3-Orutinoside, cianidina-3-o-glucoside e cianidina3-O-rutinoside), flavonoli, acidi fenolici e acidi grassi polinsaturi. Il presente articolo riassume questi studi, offrendo una panoramica della ricerca in questo campo. Diversi studi si concentrano sul potenziale terapeutico del ribes nigrum in merito a ipertensione e altri disturbi a carico del sistema cardiovascolare, neoplastici, neurodegenerativi, oculari, nefrolitiasi e neuropatia diabetica. Si evidenzia interesse anche riguardo a profilo di sicurezza e direzioni future, suggerendo lesame critico dellesatto meccanismo dazione, delle specifiche capacit di radical-scavenging (depurazione dai radicali liberi) del ribes nigrum e la necessit cruciale di trial clinici ben progettati per assicurarne il valido utilizzo nella pratica clinica.

Propriet immunomodulatrici del DMG nelluomo


C. d. Graber, Jean m. Goust, Armand d. Glassman, roger Kendall, C.B. loadholt. Source: J. of Infectious Diseases. Vol. 143, No. 1 (Jan., 1981), pp. 101-105.
La dimetilgicina (DMG), un aminoacido terziario, stato ampiamente accettato come nutriente non energetico; probabilmente la DMG aumenta lutilizzazione di ossigeno nei tessuti e forma complessi con i radicali liberi. uno studio in doppio cieco su 20 soggetti volontari ha dimostrato un aumento di quattro volte della risposta anticorpale al vaccino pneumococcico negli individui a cui era stata somministrata DMG (per os) rispetto ai controlli (P < 0.01). La produzione di fattore di inibizione leucemica in risposta alla concanavalina A stata simile nei due gruppi, ma nei soggetti che assumevano compresse di DMG c stata una risposta media significativamente pi alta di fattore di inibizione leucemica alla streptochinasi-streptodornasi (P < 0.01) e agli antigeni pneumococcici dopo immunizzazione con vaccino (P < 0.001). Le risposte in vitro dei linfociti da pazienti con diabete e da quelli con anemia falciforme a fitoemoagglutinina, concanavalina A e pokeweed sono aumentate di circa tre volte dopo somministrazione di DMG. Questi risultati suggeriscono che la DMG potenzia la risposta immunitaria nelluomo sia umorale sia cellulo-mediata.

Estratti alcolici di Echinacea inibiscono in vitro la produzione di NO e di TNF- da parte di macrofagi


Zhai Z, Solco A, Wu l, Wurtele eS, Kohut ml, murphy pA, Cunnick Je.

Source: Food Agric Immunol. 2007 September ; 18(3-4): 221236.


stato indicato che lEchinacea ha attivit antiinfiammatoria in vivo. Lossido nitrico (NO), il tumor necrosis factor-alpha (TNF-) e linterleuchina 1- sono importanti mediatori nella risposta infiammatoria. Sono stati esaminati gli effetti di estratti alcolici di e. angustifolia (EA), E. pallida (EPA) ed E. purpurea (EP) sulla produzione di questi mediatori infiammatori sia in vitro, in macrofagi RAW 264.7 LPS stimolati, sia in vivo, in cellule di essudato peritoneale di topo (PECs). Poich i macrofagi producono questi mediatori infiammatori in risposta a infezioni patogene, culture parallele di macrofagi sono state studiate circa i processi di fagocitosi e di uccisione intracellulare di Salmonella enterica. EPA ed EP in vitro hanno inibito la produzione di No e il rilascio di tNF- in misura dose-dipendente. cellule RAW 264.7 trattate con EA o EP hanno dimostrato una riduzione nelleliminazione patogena nelle 24 ore. I risultati indicano che tutte le specie di Echinacea riducono significativamente i mediatori dellinfiammazione in vitro, tuttavia solo eA ed eP riducono luccisione batterica.

Stimolo, Difesa, Azione IMMUNIT

20

puBBlICIt

Preparazione Spagyrica
Contiene gli

OLIGOELEMENTI
dei sali delle piante

Difendi la tua famiglia dai disturbi invernali


Lesclusiva formula a base di estratti concentrati di cellule staminali vegetali di Echinacea PSC, Sambuco PSC, e Achillea PSC, rendono Arresto Prevento un prodotto utile ed efficace per favorire i naturali processi di difesa e preparare lorganismo ad affrontare linverno con serenit. Richiedi la scheda tecnica su www.forzavitale.it

IN FARMACIA, PARAFARMACIA ED ERBORISTERIE CON PERSONALE QUALIFICATO

www.forzavitale.it

PSC un marchio prodotto e distribuito in Europa da Forza Vitale Italia s.r.l.

CAM Numero 1 / Anno 2012

ConSIGlI nutrIZIonAlI

21

coNSIGLI NutRIZIoNALI
L'integrazione nutrizionale contribuisce al mantenimento dell'omeostasi dell'organismo e pu essere eseguita in diverse fasi:
DISTURBO Influenza FASE ACUTA EKINFLU 30 gtt 3 volte al di ARRESTO PREVENTO 20 gtt 3 volte al di SUPPORTO RIBES COMPOSTO 30 gocce 3 volte al di C-GENOM 1 cpr 3 volte al di TERRENO PSC ECHINACEA 10 gtt 3 volte al di EQUISETUM MnCu 7 globuli al mattino RIBES COMPOSTO 30 gtt 3 volte al di EQUISETUM S 7 globuli al mattino EQUISETUM MnCu 7 globuli al mattino EQUISETUM Cu 7 globuli al mattino

Faringiti Tracheiti

EKINFLU 30 gtt 3 volte al di MANUGOLA 2 vaporizzazioni 3 volte al di

PSC RIBES NIGRUM 3 gocce 3 volte al di C-GENOM 1 cpr 2 volte al di

Infezioni batteriche

EKINFLU 30 gtt 3 volte al di Q.E. di CHIODI DI GAROFANO 3 gtt 3 volte al di

SYS MIRRA 25 gtt 3 volte al di SYS BARDANA 25 gtt 3 volte al di

Micosi

EKINFLU 30 gtt 3 volte al di Q.E. di CANNELLA 3 gtt 3 volte al di

DMG-VITALE 25 gocce 3 volte al di

EQUISETUM ZnCu 7 globuli al mattino TIMO COMPOSTO 3 gtt 3 volte al di

Immunodeficenza

ARRESTO PREVENTO 20 gtt 3 vole al di IMUNOGEN 1 cpr 3 volte al di

DMG-VITALE 25 gocce 3 volte al di

SYS UNCARIA 30 gtt 3 volte al di EQUISETUM CuAuAg 7 globuli al mattino

Stimolo, Difesa, Azione IMMUNIT

22

lABorAtory reSeArCH

RESEARCH

A cura del Dr. Antonio Salerno Direttore Laboratorio Analisi e Ricerca Forza Vitale

ed ossidata ad acido salicilico, responsabile delleffetto terapeutico, nel fegato o nel sangue. Sono stati confrontati con cromatografia liquida ad alta prestazione (HPLC) un lotto del prodotto PSC SALIX ALBA (FV58A0611P) ed un lotto del prodotto SYS SALICE FORZA VITALE (FV3118-0810) con uno standard di Salicina, che rappresenta il marcatore fitochimico del Salice bianco (Salix alba), per stabilirne la concentrazione e valutare cos il processo estrattivo.

dalla Extrasynthese (Genay Francia), stato pesato in ragione di 1 mg e disciolto in 1 ml di Acqua per HPLC. I cromatogrammi sono dei grafici in cui ogni sostanza presente nel campione iniettato caratterizzata da un proprio tempo di ritenzione e da unarea. Avendo come riferimento la sostanza pura ad una determinata concentrazione, possibile, confrontando le aree stabilire la concentrazione della salicina nei nostri campioni. Lanalisi condotta ci ha permesso di valutare che la salicina presente in concentrazioni importanti anche nelle gemme della pianta e non solo nella corteccia che normalmente considerata la droga di elezione per lestrazione di questo principio attivo. Questo dimostra lestrema potenzialit dei tessuti meristematici delle piante che in ultima analisi altro non sono che cellule staminali vegetali.

a droga utilizzata per la preparazione di estratti di Salix Alba la corteccia dei giovani rami, di due o tre anni di et. Le componenti fitochimiche variano moltissimo a seconda della specie a cui ci riferiamo. I glicosidi fenolici (salicoside o salicina, populina, salicortina, tremulacina, fragilina...), variano dal1,5% fino a superare I11%. Sono presenti aldeidi ed acidi aromatici: salidroside, vanillina, aldeide siringica e siringina, gli acidi salicilico, vanillico, siringico, lalcool salicilico o saligenina, flavonoidi come lisoquercitrina e la naringina. I tannini variano dall8 al 20%. Per avere valore terapeutico, il contenuto in salicina non dovrebbe scendere al di sotto dell1%. La salicina e la saligenina vengono assorbite per oltre l86% e determinano nel plasma un livello di salicilati che rimane costante per molte ore. La droga, come gi detto, costituita dalla corteccia, che si presenta in frammenti irregolari coriacei ma flessibili, che si sfaldano facilmente. E priva di odore, ha sapore amarognolo. Il glicoside salicilico tipico del salice la salicina, costituita da una parte zuccherina (glucosio) ed una parte non zuccherina (aglicone o genina). Il glicoside rappresenta una sorta di profarmaco; infatti, per lazione idrolitica della flora batterica intestinale, la salicina viene scissa in saligenina e glucosio. La saligenina viene assorbita

Sono stati utilizzati un cromatografo Varian costituito da pompa, autocampionatore e detector DAD con lunghezza donda selezionata a 210 nm, una colonna Phenomenex Luna 5 C18(2), una fase mobile isocratica costituita da Acqua e Metanolo (90/10), alla velocit di flusso di 1 ml/min per 30 minuti. Lo standard di Salicina utilizzato, fornito

Salix PSC diluito Area del picco 61693544 Tempo di ritenzione 16.403 Concentrazione 1.55 mg/ml

SYS Salice Forza Vitale Area del picco 34124124 Tempo di ritenzione 16.742 Concentrazione 0.43 mg/ml

CAM Numero 1 / Anno 2012

noteS

23

Stimolo, Difesa, Azione IMMUNIT

NOTES

IMMUNIT
Stimolo, Difesa, Azione

www.forzavitale.it professional@forzavitale.it