Sei sulla pagina 1di 12

FACOLT TEOLOGICA DI SICILIA S.

GIOVANNI EVANGELISTA

ANDREA VOLPE

Dottorato in Teologia Biblica

LA PROFEZIA ENTUSIASTICA

Elaborato desame

RELATORE PROF.A. ROF

PALERMO

Anno Accademico 2007/2008

LA PROFEZIA ENTUSIASTICA Introduzione La profezia un fenomeno che abbraccia gran parte della storia di Israele e, che, secondo i testi canonici, va da Mos (XIII sec. a.C.) a Malachia (V sec. a.C.). comprensibile che, essendo cos vasto larco di tempo interessato dal fenomeno profetico, esso abbia preso forme e sembianze nei secoli molto diverse tra loro ed abbia seguito un processo di sviluppo influenzato anche dal contesto storico nel quale si evolveva e dalla progressiva presa di coscienza religiosa del popolo ebraico. Questa evoluzione ancor pi comprensibile, se si considera che il fenomeno profetico non originario del popolo ebraico, ma, come gran parte della cultura religiosa biblica, mutuato e trova le sue radici in similari realt nate e sviluppatesi nellambito dei popoli del Vicino Oriente Antico1. Si conoscono pertanto diverse tipologie di profezia, ciascuna con sue proprie modalit di comunicazione della volont divina. Qui si tratter specificatamente della cosiddetta profezia entusiastica. Lo studio verr suddiviso in quattro capitoli. Nel primo capitolo si presenter a titolo introduttivo una schematica rassegna delle diverse modalit con le quali si sono espresse le facolt profetiche nei testi biblici. Nel secondo capitolo si illustreranno alcuni brani della Bibbia nei quali presente la profezia entusiastica. Nel terzo capitolo si indagher levoluzione della profezia entusiastica nellambito dei profeti scrittori. Infine ci sar una breve conclusione, nella quale si esamineranno i risultati raggiunti, si evidenzieranno alcune prospettive scaturite nellambito dello studio e verranno formulate alcune riflessioni finali.
1

utile la consultazione di: MARTTI NISSINEN, Prophets and Prophecy in the Ancient Near East (Writings from the Ancient World, 12), Society of Biblical Literature, Atlanta 2003.

1.0. Caratterizzazione delle diverse modalit profetiche Diverse sono le modalit profetiche che si incontrano nella Bibbia. Probabilmente la pi arcaica quella che, in seguito, sar specifico oggetto del presente studio, cio la cosiddetta profezia entusiastica, da molti autori indicata come profezia estatica. una profezia che ha stretta attinenza allo spirito di JHWH, che penetra dentro luomo, si fonde con lui e parla per suo mezzo2. Unaltra modalit arcaica di operare profetico lazione magica, che, attraverso un gesto simbolico del profeta, realizza ci che vuole JHWH3. Vicino alla modalit operativa dellazione magica, almeno per certi aspetti, il modo di fare di Eliseo (IX sec. a.C.), che si comporta come se avesse in s una potenza divina stabilmente incorporata, che gli consente di fare azioni non consentite alla gente comune4. Unaltra modalit con cui si esplica la profezia la veggenza, o visione profetica, che la facolt di vedere a distanza nello spazio e nel tempo. [] Si tratta di unimmagine reale, ma non presente5. Qui c una duplice valenza temporale e spaziale. Molta importanza per la sua diffusione, che arriva fino al Nuovo testamento, la profezia onirica, cio il sogno con valenza profetica, spesso utilizzata anche come mezzo di divinazione, accanto allinterrogazione dei profeti o la consultazione dei sacerdoti portatori dellEfod, una sorta di pettorale con dentro gli Urim e i Tummim 6. Infine con i profeti scrittori, cio nella cosiddetta profezia classica, avr il definitivo sopravvento la profezia della Parola: JHWH mette in bocca al profeta la sua propria Parola, per proclamarla al popolo e mettere in guardia Israele e le Nazioni.
2 3 4 5 6

A. ROF, Introduzione alla letteratura profetica (STUDI BIBLICI 111), Paideia, Brescia 1995, p. 83. Ib., p.85. Ib., p.87. Ib., p.88. Ib., pp.88-89. gli Urim e i Tummim erano probabilmente delle specie di dadi, che venivano tirati dai sacerdoti per leggervi la sorte di coloro che ki interpellavano sul futuro: R. DE VAUX, Le Istituzioni dellAntico Testamento, Marietti 1820, Genova 19773 (2002), pp. 348-349.

In questa nuova intelligenza religiosa di Israele, la Parola di JHWH come un martello che spacca la roccia (Ger 23,29b)7. 2.0. La profezia entusiastica nella Bibbia ebraica

La radice verbale che indica la profezia nellebraico biblico solo due forme:
-

abn. Essa presenta

al nifal indica il parlare da profeta, cio profetizzare nel senso pi tradizionale del termine di pronunciare profezie; allhitpael indica lfare il profeta, cio, nel caso specifico della profezia entusiastica, indicherebbe lessere in trance.

Il brano biblico pi noto, nel quale evidente questo diverso uso della radice nel caso specifico della profezia entusiastica, 1Sam 10,5-118:

abn

5 Giungerai poi a Gbaa di Dio, dove c' una guarnigione di Filistei e mentre entrerai in citt, incontrerai un gruppo di profeti che scenderanno dall'altura preceduti da arpe, timpani, flauti e cetre, in atto di fare i profeti. 6 Lo spirito del Signore investir anche te e ti metterai a fare il profeta insieme con loro e sarai trasformato in un altro uomo. 7 Quando questi segni che ti riguardano saranno accaduti, farai come vorrai, perch Dio sar con te. 8 Tu poi scenderai a Glgala precedendomi. Io scender in seguito presso di te per offrire olocausti e immolare sacrifici di comunione. Sette giorni aspetterai, finch io verr a te e ti indicher quello che dovrai fare. 9 Ed ecco, quando quegli ebbe voltato le spalle per partire da Samuele, Dio gli mut il cuore e tutti questi segni si verificarono il giorno stesso. 10 I due arrivarono l a Gbaa ed ecco, mentre una schiera di profeti avanzava di fronte a loro, lo spirito di Dio lo invest e si mise a fare il profeta in mezzo a loro. 11 Allora quanti lo avevano conosciuto prima, vedendolo d'un tratto parlare da profeta assieme ai profeti, si dissero l'un l'altro fra la gente: Che accaduto al figlio di Kis? dunque anche Saul tra i profeti?.

Al v. 5 compare la forma participiale hitpael

~yai(B.n:t.mi(, cio in atto di

fare i profeti, quindi presi dallestasi profetica. Compaiono ancora due forme allhitpael ai vv. 6 (t'yBin:t.hiw>) e 10 (aBen:t.YIw:), ma al v. 11 compare la forma participiale nifal tradurre, stavolta, con parlare da profeta, cio pronunciare profezie.
7 8

aB'_nI, da

Ib., p.91. Ib., pp. 83-84. Consulta pure J.JENSEN, Ethical Dimensions of the Prophets (A Michael Glazier Book), Liturgical Press, Collegeville-Minnesota 2006, pp. 44-46 e C.D. ISBELL, The origins of prophetic frenzy and ecstatic utterance in the Old Testament World allindirizzo internet: http://wesley.nnu.edu/wesleyan_theology/theojrnl/11-15/11-5.htm

In 1Sam 10, 5-11 la progressione esplicita: Saul, venendo a contatto con lo spirito di JHWH nel contesto di un corteo di profeti entusiastici, acquisisce le loro stesse facolt e si mette a pronunciare profezie. Lesperienza cambier Saul in un altro uomo(v. 6) e, di conseguenza, ora abilitato a diventare re. Altro brano significativo della profezia entusiastica 1Sam 19, 20-24:
20 E Saul invi dei messi per pigliar Davide; ma quando questi videro i profeti che profetavano, con Samuele che teneva la presidenza, lo spirito di Dio invest i messi di Saul che si misero anch'essi a fare i profeti. 21 Ne informarono Saul, che invi altri messi, i quali pure si misero a fare i profeti. Saul ne mand ancora per la terza volta, e anche questi si misero a fare i profeti. 22 Allora si rec egli stesso a Rama; e, giunto alla gran cisterna che a Secu, chiese: 'Dove sono Samuele e Davide?' Gli fu risposto: 'Ecco, sono a Naioth, presso Rama'. 23 Egli and dunque l, a Naioth, presso Rama; e lo spirito di Dio invest anche lui; ed egli continu il suo viaggio e profet finch giunse a Naioth, presso Rama. 24 E anch'egli si spogli delle sue vesti, anch'egli fece il profeta in presenza di Samuele, e giacque nudo per terra tutto quel giorno e tutta quella notte. Donde il detto: 'Saul anch'egli tra i profeti?'.

Anche qui c unalternanza di nifal ed hitpael della radice

abn, ma qui la forma

hitpael, cio la caduta in trance (fare i profeti), applicata ai messi ai vv. 20 e 21(2 volte) e applicata allo stesso Saul al v. 24, in accordo alla volont del Signore impedisce la cattura di David da parte dello stesso Saul. Inoltre questo brano mostra come la nudit, la frenesia e la trance siano modalit ricorrenti della profezia entusiastica. Altra caratterizzazione della profezia entusiastica, probabilmente di provenienza cananea, era farsi incisioni, come descritto nel ciclo di Elia in 1Re 18,28: Gridarono a voce pi forte e si fecero incisioni, secondo il loro costume, con spade e lance, fino a bagnarsi tutti di sangue. Tuttavia la testimonianza pi antica, almeno per il periodo al quale vengono attribuiti i fatti narrati, costituita da Nm 11,16-30, non presenta caratterizzazioni cos cruente della profezia entusiastica, ma piuttosto tende a sottolineare il protagonismo dello spirito del Signore sui profeti:
16 Il Signore disse a Mos: Radunami settanta uomini tra gli anziani d'Israele, conosciuti da te come anziani del popolo e come loro scribi; conducili alla tenda del convegno; vi si presentino con te. 17 Io scender e parler in quel luogo con te; prender lo spirito che su di te per metterlo su di loro, perch portino con te il carico del popolo e tu non lo porti pi da solo. 18 Dirai al popolo: Santificatevi per domani e mangerete carne, perch avete pianto agli orecchi del Signore, dicendo: Chi ci far mangiare carne? Stavamo cos bene

in Egitto! Ebbene il Signore vi dar carne e voi ne mangerete. 19 Ne mangerete non per un giorno, non per due giorni, non per cinque giorni, non per dieci giorni, non per venti giorni, 20 ma per un mese intero, finch vi esca dalle narici e vi venga a noia, perch avete respinto il Signore che in mezzo a voi e avete pianto davanti a lui, dicendo: Perch siamo usciti dall'Egitto?. 21 Mos disse: Questo popolo, in mezzo al quale mi trovo, conta seicentomila adulti e tu dici: Io dar loro la carne e ne mangeranno per un mese intero! 22 Si possono uccidere per loro greggi e armenti in modo che ne abbiano abbastanza? O si raduner per loro tutto il pesce del mare in modo che ne abbiano abbastanza?. 23 Il Signore rispose a Mos: Il braccio del Signore forse raccorciato? Ora vedrai se la parola che ti ho detta si realizzer o no.24 Mos dunque usc e rifer al popolo le parole del Signore; radun settanta uomini tra gli anziani del popolo e li pose intorno alla tenda del convegno. 25 Allora il Signore scese nella nube e gli parl: prese lo spirito che era su di lui e lo infuse sui settanta anziani: quando lo spirito si fu posato su di essi, quelli fanno i profeti, ma non lo fecero pi in seguito. 26 Intanto, due uomini, uno chiamato Eldad e l'altro Medad, erano rimasti nell'accampamento e lo spirito si pos su di essi; erano fra gli iscritti ma non erano usciti per andare alla tenda; si misero a fare i profeti nell'accampamento. 27 Un giovane corse a riferire la cosa a Mos e disse: Eldad e Medad fanno i profeti nell'accampamento. 28 Allora Giosu, figlio di Nun, che dalla sua giovinezza era al servizio di Mos, disse: Mos, signor mio, impediscili!. 29 Ma Mos gli rispose: Sei tu geloso per me? Fossero tutti profeti nel popolo del Signore e volesse il Signore dare loro il suo spirito!. 30 Mos si ritir nell'accampamento, insieme con gli anziani d'Israele.

Qui lo spirito viene effuso a 70 anziani di Israele, perch collaborino Mos nella sua azione profetica di salvezza del popolo. Lazione dello spirito del Signore viene presentata senza atti particolari, se non quelli connessi allessere pervasi dalla presenza dello spirito. Questa effusione dello spirito avviene solo una volta, ma il testo lascia intendere che la sua azione benefica permane anche dopo, considerato che da questo momento in poi questi anziani dIsraele condivideranno con Mos il carico di guidare il popolo. La forma della radice

abn, utilizzata ai vv. 25, 26 e 27 ancora una volta lhitpael,

a sottolineare lazione del venire in contatto con la potenza divina: anche qui, come in 1Sam 10,6, lesperienza di prossimit allo spirito di JHWH abilita a ricoprire incarichi di servizio a favore della comunit tutta. Ma un aspetto ancora pi interessante dellepisodio che leffetto benefico dello spirito non esclusivo: quando il focoso Giosu sembrerebbe voler punire Eldad e Medad, che stavano profetando lontano dalla tenda del convegno, Mos non solo lo ferma, ma si augura che il Signore voglia concedere il suo spirito a tutto il popolo (v. 29).
6

Questo un sentire comune che arriver fino al Nuovo Testamento, come viene riportato nel Vangelo di Luca: 49 Allora Giovanni disse: Maestro, noi abbiamo visto un tale che scacciava i demni nel tuo nome, e glielo abbiamo vietato perch non ti segue con noi.
50

Ma Ges gli disse: Non glielo vietate, perch chi non

contro di voi per voi(Lc 9,49-50). 3.0. La reazione dei profeti classici: dalla possessione divina alla Parola Da Amos a Geremia i profeti classici non menzionano lo spirito di JHWH come fonte dellattivit profetica: essa non si esplica pi attraverso la possessione divina da parte dello spirito di JHWH che irrompe nel profeta, ma attraverso la Parola che il Signore mette in bocca alluomo da lui chiamato. Ci che adesso caratterizza i profeti la Parola del Signore (rb'D'), come afferma Geremia: La mia parola non forse come il fuoco - oracolo del Signore - e come un martello che spacca la roccia?. Parrebbero fare eccezione due brani del profeta Isaia: Is 11,1-9 e Is 61,1-3. Tuttavia entrambi, anche se si riferiscono a due epoche storiche molto diverse, sono comunque accomunati dalla necessit di suscitare un re, o almeno un potere, come in Is 61,1-3, in grado di restaurare lo splendore di Sion: dietro c unistanza imperialista piuttosto che profetica. Unaltra eccezione potrebbe essere costituita da Mi 3,8: Ma, quanto a me, io sono pieno di forza, dello spirito del Signore, di giustizia e di coraggio, per far conoscere a Giacobbe la sua trasgressione e a Israele il suo peccato. Per, secondo S. Mowinckel, dello spirito del Signore unaggiunta tardiva9. Nel profeta Zaccaria la condanna della profezia entusiastica appare chiara:
2 In quel giorno - dice il Signore degli eserciti - io estirper dal paese i nomi degli idoli, n pi saranno ricordati: anche i profeti e lo spirito di immondezza far sparire dal paese. 3 Se qualcuno oser ancora fare il profeta, il padre e la madre che l'hanno generato, gli diranno: Tu morirai, perch proferisci menzogne nel nome del Signore, e il padre e la madre che l'hanno generato lo trafiggeranno perch fa il profeta. 4 In quel
9

S. MOWINCKEL, The Spirit and the Word in the Pre-exilic Reforming Prophets, in JBL 53 (1934), pp. 199-227.

giorno ogni profeta si vergogner della visione che avr annunziata, n indosser pi il mantello di pelo per raccontare bugie. 5 Ma ognuno dir: Non sono un profeta: sono un lavoratore della terra, ad essa mi sono dedicato fin dalla mia giovinezza. 6 E se gli si dir: Perch quelle piaghe in mezzo alle tue mani?, egli risponder: Queste le ho ricevute in casa dei miei amici (Zc 13,2-6).

Lo spirito non pi quello di JHWH, ma dellidolo Baal, e per questo spirito di immondezza (genitivo epesegetico) e lantico uso profetico di incidersi le carni viene nascosto diversamente giustificato da qualche rissa o gioco con i compagni. In mezzo, tra la profezia arcaica e la profezia classica, c il ciclo di Elia (IX sec. a.C.), che ebbe a contrastare il tentativo di introdurre in Israele il culto del dio fenicio di Tiro Baal Melqart10 ad opera della regina Gezabele, moglie del re dIsraele Acab (1Re 16-21). La profezia entusiastica qui appare una caratteristica peculiare dei profeti idolatri, che nel IX sec. a.C. risiedevano alla corte della regina fenicia e che il profeta Elia uccider nel famoso episodio del sacrificio del Carmelo di cui in 1RE 18,20-40. Significativa a tal proposito anche la vicenda del profeta Michea11, figlio di Imla (1Re 22,1-28): Michea un vero profeta, perch ha assistito allassemblea celeste e pu profetizzare senza spirito dinganno, contrapponendosi ai quattrocento profeti della corte di Acab, che morir in battaglia (853 a.C.):
19 Michea disse: Per questo, ascolta la parola del Signore. Io ho visto il Signore seduto sul trono; tutto l'esercito del cielo gli stava intorno, a destra e a sinistra. 20 Il Signore ha domandato: Chi inganner Acab perch muova contro Ramot di Glaad e vi perisca? Chi ha risposto in un modo e chi in un altro. 21 Si fatto avanti uno spirito che - postosi davanti al Signore - ha detto: Lo inganner io. Il Signore gli ha domandato: Come? 22 Ha risposto: Andr e diventer spirito di menzogna sulla bocca di tutti i suoi profeti. Quegli ha detto: Lo ingannerai senz'altro; ci riuscirai; va' e fa' cos. 23 Ecco, dunque, il Signore ha messo uno spirito di menzogna sulla bocca di tutti questi tuoi profeti; ma il Signore a tuo riguardo preannunzia una sciagura (1Re 22,19-23).

Per lautore della parabola di 1Re 22,1-28 la profezia dello spirito costituisce una sorta di modalit profetica inferiore, non sempre veritiera e pu essere indotta in errore.

10

H. NIEHR, Il contesto religioso dellIsraele antico (Introduzione allo studio della Bibbia: Supplementi 7), Paideia , Brescia 2002, pp. 130-131 e J.JENSEN, op. cit, p. 46. J.JENSEN, op. cit, p.47 e A. ROF, op. cit, p. 85.

11

Con il profeta Ezechiele lo spirito ritorna, anche se con diverse modalit: rapisce, trasporta, mostra e rianima le ossa dei morti. Tuttavia, questo sta a dimostrare quanto il fenomeno profetico non sia stato monolitico e attraverso i secoli si sia presentato molto variegato. Tuttavia c anche da chiedersi se, con i profeti classici, veramente scompare la profezia dello spirito. Infatti, quello che essi vogliono sottolineare in ogni occasione la sovranit divina su tutte le loro azioni. In conseguenza, in aggiunta alla Parola, tutte le modalit profetiche, come spirito, visione, sogno e azione magica, vengono a concretizzarsi sempre come rivelazioni personali della volont del Signore ai profeti e al popolo. Ci sarebbe ancora da chiedersi quanto possa aver influito lopera dei discepoli rispetto agli scritti o ai detti originari dei profeti classici in riferimento allesclusione di ogni modalit profetica, ad eccezione di quella del conferimento diretto della Parola di JHWH agli stessi profeti. Infine, necessario sottolineare che c una certa contiguit tra profezia dello spirito e profezia onirica: tali modalit profetiche torneranno ad avere un ruolo attivo nellapocalittica12. Conclusione Dallindagine svolta emerge che la profezia entusiastica si caratterizza per la spontaneit della profezia: il profeta si accende quando lo spirito del Signore lo prende. Inoltre tale fenomeno contagioso, come si visto nellepisodio di Saul in Gbaa in 1Sam 10,5-11 e predispone luomo a rendere un servizio alla collettivit, come si ancora visto nello stesso episodio di Saul ed anche nel caso dei settanta anziani di Israele scelti da Mos in Nm 11, 16-30. Di per s quindi una tale modalit profetica dovrebbe esulare dal profetismo professionista, ben noto nellantichit del Vicino Oriente Antico ed anche in Israele.
12

A. ROF, op. cit., p. 93.

In effetti, dai testi dellAntico Testamento risulta che cerano circoli di profeti di professione al servizio della casa regnante. Tuttavia, i due episodi citati del sacrificio del Carmelo, di cui in 1RE 18,20-40, e del profeta Michea figlio di Imla, di cui in 1Re 22,1-28, danno di tali circoli, operanti attorno alla figura del re, un giudizio negativo, probabilmente connesso alla loro provenienza cananea, oltre che allo spirito immondo, del quale venivano accusati esser stati presi. Malachia, lultimo profeta canonico, chiude la profezia biblica con questi tre versetti:
22 Tenete a mente la legge del mio servo Mos, al quale ordinai sull'Oreb, statuti e norme per tutto Israele. 23 Ecco, io invier il profeta Elia prima che giunga il giorno grande e terribile del Signore, 24 perch converta il cuore dei padri verso i figli e il cuore dei figli verso i padri; cos che io venendo non colpisca il paese con lo sterminio(Ml 3, 22-24).

Leffetto dello spirito in Israele non si sente pi e, con esso, anche la profezia cessata: non ci sono pi nuovi profeti da mandare e, per questo, bisogna attendersi il ritorno di un profeta del passato, cio di Elia. Lultima Parola della Bibbia ebraica non sar la profezia, ma lapocalittica13.

13

Ib., pp. 135-144.

10

BIBLIOGRAFIA DE VAUX R., Le Istituzioni dellAntico Testamento, Marietti 1820, Genova 19773 (2002). ISBELL C.D., The origins of prophetic frenzy and ecstatic utterance in the Old Testament World, in internet: http://wesley.nnu.edu/wesleyan_theology/theojrnl/11-15/11-5.htm JENSEN J., Ethical Dimensions of the Prophets (A Michael Glazier Book), Liturgical Press, Collegeville-Minnesota 2006. MOWINCKEL S., The Spirit and the Word in the Pre-exilic Reforming Prophets, in JBL 53 (1934), pp. 199-227. NIEHR H., Il contesto religioso dellIsraele antico (Introduzione allo studio della Bibbia: Supplementi 7), Paideia , Brescia 2002. NISSINEN M., Prophets and Prophecy in the Ancient Near East (Writings from the Ancient World, 12), Society of Biblical Literature, Atlanta 2003. ROF A., Introduzione alla letteratura profetica (STUDI BIBLICI 111), Paideia, Brescia 1995.

11

INDICE Introduzione 1.0. Caratterizzazione delle diverse modalit profetiche 2.0. La profezia entusiastica nella Bibbia ebraica 3.0. La reazione dei profeti classici: dalla possessione divina alla Parola Conclusione

BIBLIOGRAFIA

12