Sei sulla pagina 1di 62

Dipartimento

di Meccanica
Politecnico di Torino



CeTeM









Massimo Rossetto






COMPORTAMENTO MECCANICO
DEI MATERIALI






Soluzione esercizi di statica










febbraio 2002

Comportamento Meccanico dei Materiali
1 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 1 di 3
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 1-1
Dato lo stato di tensione in un punto di un componente in Fe430
xx
= 120 MPa,

yy
= 20 MPa,
xy
= 100 MPa,
xz
=
yz
= 0 MPa e
zz
= 30 MPa:
1. tracciare i cerchi di Mohr e determinare le tensioni principali;
2. calcolare la tensione ideale secondo le tre ipotesi indicate;
3. calcolare il coefficiente di sicurezza in quel punto adottando una opportuna ipotesi di
cedimento
4. calcolare le deformazioni nel sistema di riferimento originario e le deformazioni
principali.
Risposta al quesito 1.
Lo stato di tensione assegnato, scritto sotto forma di tensore delle tensioni :
1
1
1
]
1

1
1
1
]
1





30 0 0
0 20 100
0 100 120
zz yz xz
yz yy xy
xz xy xx
MPa
Dato che 0
yz xz
, la direzione z principale e la tensione
zz
principale
(
Z
=30MPa).
Uno dei tre cerchi di Mohr passa per i punti (
yy
= 20 ,
xy
= 100) e (
xx
= 120 ,
xy
= 100);
| |

Y
c
r

yy
=20
xx
=120

xy
=
yx
=100
[MPa]
[MPa]

Z
=
zz
(20,100)
(120,100)
le intersezioni tra questo cerchio e lasse delle ascisse sono le tensioni principali.
MPa 182 112 70
2 2
r c
MPa 42 112 70
2 2
r c
2
2
X
2
2
Y
+ +

,
_


+
+
+
+

,
_

+

xy
yy xx yy xx
xy
yy xx yy xx
Comportamento Meccanico dei Materiali
1 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 2 di 3
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Note le tre tensioni principali possibile tracciare i tre cerchi di Mohr
| |

Y
c
r

yy
=20
xx
=120

xy
=
yx
=100
[MPa]
[MPa]

Z
=
zz
(20,100)
(120,100)
In definitiva le tre tensioni principali ordinate sono:

1
=
X
=182 MPa
2
=
Z
=30 MPa
3
=
Y
=-42 MPa
Risposta al quesito 2
ipotesi della massima:
id
= 182 MPa
ipotesi della massima MPa 224 MPa ) 42 ( 182
3 1

id
ipotesi di von Mises:
( ) ( ) ( )
( ) ( ) ( )
MPa 198
MPa 42 30 42 182 30 182
2
1
2
1
2 2 2
2
3 2
2
3 1
2
2 1 id

+ + + +
+ +
Risposta al quesito n3
Il materiale duttile (R
m
=430 MPa, R
eH
=275 MPa, A=23%) quindi non opportuno
utilizzare lipotesi di rottura della tensione normale massima.
Con le altre due ipotesi si ottengono i seguenti valori
snervamento rottura (convenzionale)
Ipotesi Tresca
23 . 1
224
275 R
id
eH

CS 92 . 1
224
430 R
id
m

CS
Ipotesi von Mises
39 . 1
198
275 R
id
eH

CS 17 . 2
198
430 R
id
m

CS
Comportamento Meccanico dei Materiali
1 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 3 di 3
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Risposta al quesito 4
Si utilizzano le relazioni che legano tensioni e deformazioni:
dati E= 200000 MPa, v=0.3.
il modulo di elasticit tangenziale risulta:
( )
MPa 77000
6 . 2
200000
1 2
E
G
+

nel sistema di riferimento originale abbiamo dunque:


( ) ( )
( ) ( )
( ) ( )
rad
G
E
E
E
xy
xy
3
5
yy xx zz zz
4
zz xx yy yy
4
zz yy xx xx
10 3 . 1
10 00 . 6
1
10 25 . 1
1
10 25 . 5
1


+
+
+
Nel sistema di riferimento principale abbiamo:
( ) ( )
( ) ( )
( ) ( )
0
10 28 . 5
1
10 00 . 6
1
10 28 . 9
1
4
2 1 3 3
5
3 1 2 2
4
3 2 1 1

+
+
+

ij
E
E
E
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 1 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 2-1
Data una sezione rettangolare 60x100 mm soggetta ad uno sforzo normale N =- 60000 N
calcolare la tensione normale sulla sezione
Soluzione
La formula da utilizzare
zz
= N/S, dove larea S della sezione risulta essere S = 60 x
100 = 6000 mm
2
. Si ricava quindi:

zz
N
S
MPa


60000
6000
10
N.B. 1 1000 1 1 1 1
2 2
Nm Nmm
N
m
Pa
N
mm
MPa ; ;
Esercizio 2-2
Calcolare la tensione normale in una sezione circolare di diametro 60 mm soggetta ad
uno sforzo normale N = 50000 N.
Soluzione
Larea della sezione circolare vale: S
D
mm


2 2
2
4
60
4
2827
Da cui risulta una tensione normale:
zz
N
S
MPa
50000
2827
18
Si noti che i valori delle tensioni espressi in MPa vengono usualmente arrotondati allunit,
in quanto non ha senso fisico una precisione maggiore.
Esercizio 2-3
100
60
y
x
Data la sezione rettangolare in figura soggetta ad un momento flettente M
x
= 12000 Nm:
a) Calcolare le tensioni minima e massima.
b) Calcolare la tensione nel punto di coordinate (20,30).
c) Tracciare landamento delle sollecitazioni lungo la sezione.
d) Calcolare le deformazioni massime e minime in direzione z.
e) Calcolare la lunghezza finale dei lati della sezione paralleli allasse x
Si assuma un modulo elastico E = 200000 MPa e un coefficiente di Poisson = 0.3
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 2 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Soluzione
domanda a)
Si utilizzano le formule:
zz
x
f
M
W
max

zz
x
f
M
W
min

Il modulo di resistenza a flessione W
f
vale:
W
bh
mm
f

2 2
5 3
6
60 100
6
10
da cui

zz
x
f
zz
x
f
M
W
MPa
M
W
MPa
max min





12 10
10
120
12 10
10
120
6
5
6
5
domanda b)
Si utilizza la formula
zz
x
xx
M
J
y . Il momento dinerzia rispetto allasse x vale:
J
bh
mm
xx



3 3
6 4
12
60 100
12
5 10
da cui , per il punto p(20,30) si ottiene:

zz
x
xx
M
J
y MPa


12 10
5 10
30 72
6
6
Si noti che in tutti i punti che distano 30 mm dallasse x vi una tensione normale che vale
72 MPa.
domanda c)

zz
y
z
x
M
x
Landamento nella sezione triangolare lungo lasse y e la tensione e costante per valori
di y costanti.
domanda d)
Ricordiamo la legge di Hooke:
( ) ( ) ( )
E E E
G G G
xx xx yy zz yy yy xx zz zz zz xx yy
xy xy xz xz yz yz


+ + +

nel nostro caso
xx
,
yy
e
ij
sono nulle, quindi:
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 3 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
E
E
E
zz zz
zz
zz
zz
zz

max
max
min
min
120
2 10
6 10
120
2 10
6 10
5
4
5
4
domanda e)
La lunghezza finale dei lati viene calcolata con la formula l
f
=l
i
(1+
xx
). I lati di nostro
interesse sono posti a y = 50 mm e y = -50 mm. In entrambi i casi la lunghezza iniziale di
60 mm.
Calcoliamo le deformazioni
xx
per i valori di y estremi. Dalla legge di Hooke troviamo:


xx
zz
xx
zz
xx
zz E
y
E
y
E

( . .
( . .
max
min
50) 0 3
120
2 10
18 10
50) 03
120
2 10
18 10
5
4
5
4
Da cui:
( )
( )
l y mm
l y mm
f
f
( . .
( . .

+

50) 60 1 18 10 599892
50) 60 1 18 10 600108
4
4
Si vede che le variazioni di dimensione della sezione sono del tutto trascurabili!!!!
Esercizio 2-4
Si ripeta lesercizio 3 (domande a e b) considerando la sola presenza di un momento
flettente My = 12000 Nm
Soluzione
domanda a)
Si utilizzano le formule:
zz
y
f
M
W
max

zz
f
My
W
min

Il modulo di resistenza a flessione W
f
in questo caso

vale:
W
bh
mm
f



2 2
4 3
6
100 60
6
6 10
dove con h si intende laltezza della sezione e con b la sua larghezza rispetto al momento
applicato.
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 4 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
100
60
y
x

min

max
Le tensioni massima e minima valgono quindi:

zz
x
f
zz
x
f
M
W
MPa
M
W
MPa
max
min


12 10
6 10
200
12 10
6 10
200
6
4
6
4
In questo caso la tensione massima nel lato delle x negative, mentre la tensione minima
nel lato delle x positive (a causa del verso positivo preso per il momento M
y
)
domanda b)
Si utilizza la formula
zz
y
yy
M
J
x . Il momento dinerzia rispetto allasse y vale:
J
bh
mm
yy



3 3
6 4
12
100 60
12
18 10 .
dove con h si intende laltezza della sezione e con b la sua larghezza rispetto al momento
applicato.
Per il punto p(20,30) si ottiene:

zz
y
yy
M
J
x MPa


12 10
18 10
20 133
6
6
.
In tutti i punti che distano 20 mm dallasse y vi una tensione normale che vale -133 MPa.
Esercizio 2-5
Una sezione circolare di diametro 60 mm soggetta ad un momento flettente M =
10000 Nm. Calcolare le tensioni minima e massima.
Il modulo di resistenza a flessione della sezione vale:
W
D
mm
f


3 3
3
32
60
32
21206
e le tensioni massime e minime:

zz
x
f
zz
x
f
M
W
MPa
M
W
MPa
max min

10
21206
472
10
21206
472
7 7
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 5 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Queste tensioni si riscontrano agli estremi del diametro ortogonale a quello attorno al
quale agisce il momento flettente.
Esercizio 2-6
Data la sezione rettangolare in figura calcolare le tensioni normali nei quattro spigoli
dovute alla presenza contemporanea dei momenti flettenti M
x
= 10000 Nm, M
y
= -4000
Nm e di uno sforzo normale N = 64 kN.
80
40
y
x
A
B
C
D
Soluzione
Nei quattro punti di interesse, A (-20,40), B(20,40), C(20,-40),
D(-20,-40) si applica la formula

zz
x
xx
y
yy
N
A
M
J
y
M
J
x +
dove A = 80 x 40 = 3200 mm
2
larea della sezione, J
xx
e J
yy
sono i momenti dinerzia
della sezione e valgono:
J
bh
mm J
hb
mm
xx yy



3 3
4
3 3
4
12
40 80
12
1706667
12
80 40
12
426667 . . .
risulta quindi:
( ) ( ) ( )
( ) ( ) ( )
( ) ( ) ( )
( ) ( ) ( )
A MPa
B MPa
C MPa
D MPa


+
+


+ +
+



+
+




64000
3200
1 10
1706667
40
4 10
426667
20 20 234 188 67
64000
3200
1 10
1706667
40
4 10
426667
20 20 234 188 442
64000
3200
1 10
1706667
40
4 10
426667
20 20 234 188 27
64000
3200
1 10
1706667
40
4 10
426667
20 20 234 188 402
7 6
7 6
7 6
7 6
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 6 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 2-7
Data una sezione circolare di diametro 50 mm soggetta ai momenti flettenti M
x
= -5000
Nm e M
y
= 3000 Nm. Calcolare la tensione massima e minima nella sezione.
Soluzione
Poich siamo in presenza di una sezione circolare, per la quale tutti i diametri sono assi
principali dinerzia, conviene calcolare il momento flettente complessivo agente sulla
sezione:
( ) M M M Nm
x y
+ +
2 2 2 2
5000 3000 5831
Per ottenere le tensioni massima e minima il momento complessivo deve essere diviso per
il modulo di resistenza a flessione:



max min max
.
;




M
W
M
D D
MPa MPa
f
32 32 5831 10
475 475
3
6
3
Esercizio 2-8
Data la sezione in figura 1 calcolare la posizione del baricentro, linclinazione del sistema
di riferimento principale rispetto ai lati della figura e i valori dei momenti dinerzia principali.
Soluzione
La prima operazione quella di definire un sistema di riferimento generico (a,b) e
suddividere la sezione in figure elementari individuandone le dimensioni e la posizione del
baricentro (figura 2).
120
100
20
20

a
b
80
20
110
60
G2
G1
60
10
20
120
Figura 1 Figura2
I risultati ottenuti con un foglio di calcolo eXell dallapplicazione delle formule prima
descritte sono i seguenti:
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 7 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Dimensioni (mm)
h1= 120 d1= 60
b1= 20 f1= 10
h2= 20 d2= 110
b2= 80 f2= 60
Aree (mm
2
) Momenti inerzia baricentrici (mm
4
)
S(1)= 2400 J
xx
(1)= 2880000 J
yy
(1)= 80000 J
xy
1= 0
S(2)= 1600 J
xx
(2)= 53333 J
yy
(2)= 853333 J
xy
2= 0
S= 4000
Momenti Statici Totali (mm
3
) Posizione baricentro (mm)
Sa= 320000 a
G
= 30
Sb= 120000 b
G
= 80
Distanze baricentri locali da baricentro tot. (mm)
d1
G
= -20 f1
G
= -20
d2
G
= 30 f2
G
= 30
Momenti rispetto agli assi AB (baricentrici) (mm
4
)
J
AA
(1)= 3840000 J
BB
(1)= 1040000 J
AB
(1)= 960000
J
AA
(2)= 1493333 J
BB
(2)= 2293333 J
AB
(2)= 1440000
J
AA
= 5333333 J
BB
= 3333333 J
AB
= 2400000
Inclinazione assi principali
tan2= 2.4 (rad)= 0.588 ()= 33.7
Momenti d'inerzia principali (mm
4
)
J
XX
= 6933333
J
YY
= 1733333
Esercizio 2-9
Data una sezione circolare piena di diametro 70 mm soggetta a un momento torcente M
z
=
5000 Nm calcolare:
a) il valore della tensione tangenziale massima;
b) il valore della tensione tangenziale sulla circonferenza di diametro 55 mm;
c) le componenti della tensione tangenziale
zx
e
zy
in un punto di coordinate (-24,18) nel
sistema di riferimento baricentrico.
Soluzione
domanda a)
Il modulo di resistenza a torsione per la sezione :
W
D
mm
t


3 3
3
16
70
16
67348
La tensione tangenziale massima sar dunque pari a:
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 8 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM

max

M
W
MPa
z
t
5000000
67348
74
Questa tensione agisce su tutti i punti esterni della sezione in direzione tangenziale alla
circonferenza.
domanda b)
Il momento dinerzia della sezione vale:
J
D
mm
p


4 4
4
32
70
32
2357176 . .
La tensione tangenziale sulla circonferenza di diametro 55 mm (r = 22.5 mm) vale:

r
z
p
M
J
r MPa
5 000 000
2357176
22 5 58
. .
. .
.
Anche questa tensione agisce in tutti i punti che distano dal centro 22.5 mm (il raggio della
circonferenza considerata) in direzione tangenziale alla circonferenza stessa (cio
ortogonalmente al raggio).
domanda c)
P

p
/2

zy

zx
r
Il punto P (-24,18) si trova ad una distanza dal centro r:
r x y mm +
2 2
30
La tensione
P
agente in quel punto varr quindi:

r
z
p
M
J
r MPa
5 000 000
2357176
30 64
. .
. .
La tensione tangenziale agisce perpendicolarmente al segmento r che forma con lasse x
un angolo :

_
,

_
,
arc
y
x
arc rad tan tan . .
18
24
2 5 1431
(attenzione, siamo nel secondo quadrante.....)
Le componenti della tensione tangenziale
zx
e
zy
lungo gli assi x e y sono le proiezioni di

P
sugli assi:



zx P zy P
MPa MPa +

_
,
+

_
,
cos sen
2
38
2
51
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 9 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 2-10
Data una sezione circolare cava con diametro esterno D = 70 mm e diametro interno d=50
mm soggetta a un momento torcente M
z
= 5000 Nm calcolare:
a) il valore della tensione tangenziale massima;
b) il valore della tensione tangenziale sulla circonferenza di diametro 55 mm;
c) le componenti della tensione tangenziale
zx
e
zy
in un punto di coordinate (-24,-18) nel
sistema di riferimento baricentrico;
Soluzione
domanda a)
Il modulo di resistenza a torsione per la sezione :
( ) ( )
W
D d
D
mm
t



4 4 4 4
3
16
70 50
16 70
49817
La tensione tangenziale massima sar dunque pari a:

max

M
W
MPa
z
t
5000000
49817
100
Questa tensione agisce su tutti i punti esterni della sezione in direzione tangenziale alla
circonferenza esterna.
domanda b)
Il momento dinerzia della sezione vale:
( ) ( )
J
D d
mm
p


4 4 4 4
4
32
70 50
32
1743584
La tensione tangenziale sulla circonferenza di diametro 55 mm (r = 22.5 mm) vale:

r
z
p
M
J
r MPa
5000 000
1743585
225 79
. .
. .
.
Anche questa tensione agisce in tutti i punti che distano dal centro 22.5 mm (il raggio della
circonferenza considerata) in direzione tangenziale alla circonferenza stessa (cio
ortogonalmente al raggio).
domanda c)
Il punto P (-24,-18) si trova ad una distanza dal centro r:
r x y mm +
2 2
30
La tensione
r
agente in quel punto varr quindi:

r
z
p
M
J
r MPa
5000000
30 86
. .
1.743.584
La tensione tangenziale agisce perpendicolarmente al segmento r che forma con lasse x
un angolo :

_
,

_
,
arc
y
x
arc rad tan tan . .
18
24
38 2169
(attenzione, siamo nel terzo quadrante.....)
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 10 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Le componenti della tensione tangenziale
zx
e
zy
lungo gli assi x e y sono le proiezioni di

r
sugli assi:



zx P zy P
MPa MPa +

_
,
+

_
,
cos sen
2
52
2
69
Esercizio 2-11
Sia data una barra a sezione circolare piena di diametro D = 40 mm, realizzata in
39NiCrMo3. Come sistema di riferimento si assumano gli assi x e y giacenti nel piano della
sezione retta della barra e lasse z coincidente con lasse della barra. La barra sollecitata
da uno sforzo normale N = 310
4
N, da un momento flettente M
x
= 500 Nm, da un momento
flettente M
y
= 450 Nm e da un momento torcente M
z
= 850 Nm costanti lungo lasse.
Tracciare i cerchi di Mohr e determinare le tensioni principali e la tensione ideale in un
punto sulla superficie della barra
Tracciare i cerchi di Mohr e determinare le tensioni principali e la tensione ideale in un
punto al centro della barra
Calcolare il coefficiente di sicurezza contro lo snervamento e contro la rottura duttile.
Soluzione
Punto sulla superficie esterna
La barra soggetta a uno sforzo normale N, a due momenti flettenti, che si compongono
vettorialmente nel momento flettente totale:
Nm 673
2 2
+
y x f
M M M
e a un momento torcente M
z
.
Lo sforzo normale N agisce lungo lasse z e genera, nella generica sezione trasversale,
una tensione normale con distribuzione costante pari a:
MPa 24
A
N
n zz
con
4
2
D
A

il momento flettente totale M


f
agisce intorno ad un asse angolato rispetto agli assi x e y
della sezione trasversale e genera, nella generica sezione trasversale, una tensione
normale con distribuzione a farfalla (cio simmetrica e variabile linearmente lungo lasse
della sezione), massima sulla periferia della barra e pari a:
MPa 107
f
f
f zz
W
M
con
32
3
D
W
f

il momento torcente M
z
agisce intorno allasse z e genera, nella generica sezione
trasversale, una tensione tangenziale con distribuzione a farfalla (cio simmetrica e
variabile linearmente lungo lasse della sezione), massima sulla periferia della barra :
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 11 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
MPa 68
t
z
zy zx
W
M
con
16
3
D
W
t

M
t

n
+
f
M
f

Su un cubetto elementare in un punto appartenente alla periferia della barra si tracciano le
tensioni applicate.
La tensione normale in direzione z la somma delle tensioni dovute allo sforzo normale e
alla flessione:
=
n
+
f
=24+107=131 MPa
Si noti che nel punto diametralmente opposto la tensione di flessione negativa (-107
MPa) e quindi la tensione risultante vale
=
n
+
f
=24-107=-83 MPa
Il punto pi sollecitato quindi quello in trazione.
Sulla faccia colorata in grigio non agisce alcuna tensione tangenziale: la direzione
perpendicolare a tale faccia principale e la tensione normale associata principale. In
particolare questa tensione principale nulla. Lo stato di tensione biassiale:
MPa. 29 r c
MPa, 0 MPa, 160 r c
3
2 1

+
I tre cerchi di Mohr sono:
|
T
|

3
c
r

[MPa]
[MPa]
2
=0
Adottando lipotesi di rottura di von Mises (in questo caso pu essere adottata nella forma
senza le tensioni principali) si ottiene:
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 12 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
MPa 176 3 ) (
2 2
id
+ +
f n
Utilizzando questa formula per calcolare la tensione ideale non necessario il calcolo
delle tensioni principali, ma si ribadisce che questo possibile perch nel punto di
progetto agiscono una sola e una sola .
Punto al centro della barra
Su un cubetto elementare in un punto al centro della barra (dove diversa da zero
soltanto la tensione normale) si tracciano le tensioni applicate
MPa 24
A
N
n zz
.Sulle facce colorate in grigio non agiscono tensioni tangenziali: le direzioni perpendicolari
a tali facce sono principali e le tensioni normali associate sono principali.
In particolare queste due tensioni principali sono nulle. Lo stato di tensione monoassiale
con lunica tensione principale diversa da zero che pari a:
MPa 24
1

n
.
=
n

M
t
M
f
Dei tre cerchi di Mohr due sono coincidenti e uno degenerato in un punto nellorigine:

N

|
T
|

2
=
3
=0
1
=
n

[MPa]
[MPa]
In questo caso la tensione ideale coincide, qualunque sia lipotesi adottata, con quella
applicata.
Calcolo dei coefficienti di sicurezza
Il punto pi sollecitato della sezione quello sulla superficie esterna, dove la tensione
ideale vale 176 MPa.
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 13 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Il materiale presenta un carico unitario di rottura di 740 MPa, e un carico unitario di
snervamento di 540 MPa.
Il coefficiente di sicurezza contro lo snervamento sar quindi:
07 . 3
176
540
R
id
p02

CS
Il coefficiente di sicurezza contro la rottura sar:
20 . 4
176
740 R
id
m

CS
Esercizio 2-12
Si abbia una sezione rettangolare 100 x 80 mm soggetta ad un momento torcente di
10.000 Nm. Calcolare il valore della tensione tangenziale massima.
Soluzione
Il fattore di rigidezza della sezione dato da:
( ) ( ) J b a a mm
t

1
3
0 6
1
3
100 06 80 80 8874667
3 3 4
. .
Dove con b si indicato il lato maggiore della sezione rettangolare.
La tensione tangenziale massima si ha in corrispondenza del punto medio del lato pi
lungo ad una distanza dal baricentro x=a/2 e viene calcolata con la formula:

zy
z
t
M
J
x MPa
2 10000000
8874667
80 90
Esercizio 2-13
Si abbia un tubo formato da una lamiera di spessore t=3 mm di sezione ellittica con
semiassi, misurati allesterno A=100 mm e B= 80 mm soggetto ad un momento torcente
M
z
di 2500 Nm
Calcolare il valore della tensione tangenziale media nello spessore.
Soluzione
Si pu considerare la figura come cava a parete sottile. Larea racchiusa dalla linea media
quella di una elisse con semiassi a=(A-t) = 97 mm e b=(B-t) = 77 mm:


4 4
97 77 5866
2
ab mm
La tensione tangenziale media nello spessore sar dunque:



M
t
MPa
z
2
2500000
2 5866 3
71

Comportamento Meccanico dei Materiali


2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 14 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 2-14
Le due sezioni illustrate in figura hanno dimensioni identiche ma nella prima (a) i lembi
convergenti in P sono solo accostati, nella seconda (b) sono collegati per mezzo di una
saldatura. Calcolare la massima tensione tangenziale in ciascuna delle due sezioni
causata dallapplicazione di un momento torcente di 210
5
Nmm.
4
a)
b)
P
100
58
Soluzione a)
Si utilizzano le formule valide per le sezioni in parete sottile aperte. Il fattore di rigidezza a
torsione totale J
t
vale:
( ) J J b a mm
t ti i
i
+ + +

1
3
4
3
98 54 96 52 6400
3
3
4
dove con b
i
sono indicate le lunghezze delle linee medie e con a gli spessori. la tensione
risulta quindi di :

max
i
z
t
i
M
J
a MPa
200000
6400
4 125
Soluzione b)
Si utilizza la formula valida per le sezioni in parete sottile chiuse:
( )



M
t
MPa
z
2
200000
2 96 54 4
5

Comportamento Meccanico dei Materiali


2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 15 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 2-15
Si consideri una sezione rettangolare 12x40 mm in cui lasse x parallelo alla dimensione
maggiore. La sezione soggetta ad un momento flettente M
y
= -4.510
5
Nmm ed a un
taglio T
x
= 1.3 10
4
N.
Calcolare le tensioni normali e tangenizli nei punti G(0,0), Q(10,0) e P(20,0)
y
x
G Q P
12
40
10
x
GA
= 15
A
Soluzione
punto G)
Nel punto G, che giace sullasse baricentrico y, la tensione dovuta la momento flettente
nulla, mentre la tensione dovuta al taglio puo essere calcolata con la formula:

max
.




3
2
3 13 10
2 12 40
41
4
T
A
MPa
x
punto Q)
Per questo punto necessario utilizzare le formule generali:

zx
x y
yy
T S
J c

zz
y
yy
M
J
x
dove:
J S c mm x mm
yy
bh
mm
y
A x mm
GA



3 3
4 3
12
12 40
12
64000 12 10 15 1800 12 10
si ottengono quindi i seguenti valori:

zx
x y
yy
T S
J c
MPa



13 10 1800
64 10 12
30
4
3
.

zz
y
yy
M
J
x MPa


4 5 10
64 10
10 70
5
3
.
punto P)
In tale punto la tensione tangenziale dovuta al taglio nulla, mentre la tensione normale
vale:
( )

zz
y
f
y
M
W
M
b h
MPa

6
6 4 5 10
12 40
141
2
5
2
.
(il segno meno dipende dal sistema di riferimento scelto, si veda la scheda relativa alle
tensioni dovute al momento flettente).
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 16 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 2-16
Si abbia una sezione circolare di diametro = 46 mm soggetta ad un taglio T
y
= 3000 N
ed un taglio T
x
= 4000 N. Calcolare la massima tensione tangenziale dovuta al taglio.
Soluzione
Grazie alla simmetria della sezione, analogamente a quanto visto per il momento flettente,
conviene riferirsi al taglio complessivo:
T T T N
x y
+ +
2 2 2 2
3000 4000 5000
La tensione tangenziale massima risulta:

max


4
3
4
3
4 5000
50
4
2
T
A
MPa
Esercizio 2-17
La figura mostra lo schema di una sezione di un profilato IPE 120 UNI 5398 realizzato in
Fe 360 (tensione ammissibile
am
= 160 MPa, tensione tangenziale ammissibile
am
= 80
MPa ). Supponendo che ogni caratteristica di sollecitazione agisca separatamente
determinare i massimi valori sopportabili per i momenti flettenti M
x
e M
y
, e per i tagli T
x
e
T
y
.
y
x
120
64
4.4
6.3
Soluzione
Da un qualunque manuale, o utilizzando la geometria delle aree, possibile ricavare i dati
geometrici della sezione:
A = 1.3210
3
mm
2
J
xx
= 3.1810
6
mm
4
J
yy
= 2.7710
5
mm
4
I massimi valori dei momenti flettenti si ricavano utilizzando le formule g viste;
supponendo che agisca il solo momento M
x
:


max max max
max
.
.


M
J
y M
x
xx
am x
am
J
xx
y
Nmm
160 318 10
6
60
8 48 10
6
Analogamente, supponendo che agisca il solo momento M
y
:


max max max
max
.
.


M
J
x M
y
yy
am x
am
J
yy
x
Nmm
160 2 77 10
6
32
1385 10
6
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 17 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Per quanto riguarda i tagli si fa riferimento alle figure viste in precedenza; per il taglio T
y
,
per il quale la massima tensione tangenziale si ha in corrispondenza del baricentro:


max max
. .
. . . .
. +

_
,

_
,

_
,


T
s J
bs h s h y
xx
am
T
y
am
s J
xx
bs h s h
N
2
1 2
2
2
1
2
2
2
8
80 4 4 318 10
6
64 6 3113 7
2
4 4 1137
2
8
3 73 10
4
2 8
mentre per il taglio T
x,
per il quale la massima tensione tangenziale si ha allincrocio fra le
ali e lanima:


max max
max .
.


T b
J
T
J
b
x
yy
am x
yy
N
2
2
5
2
4
8
8
8 2 77 10 80
64
433 10
Esercizio 2-18
La sezione di un profilato a U 100 UNI 5680 schematizzata in figura viene sollecitata da un
taglio T
y
= 10 kN. Valutare :
a) la posizione del centro di taglio;
b) le massime tensioni tangenziali causate dal taglio nellanima e nelle piattabande;
c) le tensioni aggiuntive che si producono nellanima e nelle piattabande se il taglio
applicato nel baricentro della sezione.
Caratteristiche della sezione:
y
x
100
50
g
15.5
C
t

8.5
6
A = 1.3510
3
mm
2
J
xx
= 2.0510
6
mm
4
J
yy
= 2.9110
5
mm
4
Soluzione
La posizione del centro di taglio g facilmente determinabile con la formula:
g
xx
e
b h s
J
mm + +



2 2
1
2 2
6
4
125
47 915 85
4 2 05 10
317 .
. .
.
.
La massima tensione tangenziale dovuta al taglio nellanima vale:

max
.
. . .
+

_
,

_
,


T
s J
bs h s h
MPa
y
xx 2
1 2
2
6
2
2 8
10000
6 205 10
47 8 5 915
2
6 915
8
20
La massima tensione tangenziale dovuta al taglio nelle piattabande vale:
Comportamento Meccanico dei Materiali
2 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 18 di 18
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM

max
.
.




T bh
J
MPa
y
xx
2
10000 47 915
2 2 05 10
10
6
Per calcolare le tensioni di torsione che si hanno nel caso in cui il taglio sia applicato al
baricentro della sezione si utilizzano i metodi visti per le sezioni aperte in parete sottile, in
cui il momento applicato, in modulo, dato da:
M T g Nmm
z y
10000 317 317000 .
Per il calcolo delle tensioni si deve prima valutare il fattore di rigidezza a torsione,
considerando che gli spessori non sono trascurabili:
( ) J J b a m a mm
t ti i i i
i
+

1
3
03
2
3
47 03 85 85
1
3
915 6 24800
3 3 4
( . ) . . . .
da cui le tensioni aggiuntive dovute al momento torcente rispettivamente nellanima e nella
piattabanda valgono:

max
anima
z
t
anima
M
J
a MPa
317000
24800
6 77

max
.
.
.
piat
z
t
piat
M
J
a MPa
317000
24800
85 109
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 1 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 3-1a
1
Data la struttura schematizzata in figura calcolare le reazioni vincolari.
Dimensioni: a= 70 mm, b= 80 mm, c= 100 mm; Forze F1= 1000 N, F2 = 1500 N
Risolvere prima in modo letterale.
a
l
c b
F1 F2
Soluzione
Prima di tutto bisogna sostituire ai vincoli le corrispondenti reazioni vincolari:
a
l
c b
F1 F2
N
A
R
A
R
B
Scriviamo le tre equazioni di equilibrio (NB: l=(a+b+c)= 250 mm)
0 ) ( 2 1
0 2 1
0
= = + +
= = + + + + + +
= =
b a F a F l R A
R R F F
N
B
B A
A
oppure
0 ) ( 2 1
0 2 ) ( 1
0
= = + +
= = + +
= =
b a F a F l R A
c F c b F l R B
N
B
A
A
In entrambi i casi il risultato finale (compresi i valori numerici) il seguente:
N 1180
) ( 2 1
N 1320
2 ) ( 1
0
= =
+ + + +
= =
= =
+ + + +
= =
= =
l
b a F a F
R
l
c F c b F
R
N
B
A
A
Conviene sempre verificare che la somma vettoriale delle forze applicate sia uguale alla
somma delle reazioni vincolari
B A
R R F F + + = = = = + + N 2500 2 1

1
I disegni degli esercizi 3-1 e 3-2 non sono in scala!
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 2 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 3-1b
Data la struttura schematizzata in figura calcolare le reazioni vincolari.
Dimensioni: a= 70 mm, b= 80 mm, c= 100 mm; Forze F1= 1000 N, F2 = 1500 N
Risolvere prima in modo letterale.
a
l
c b
F1 F2
Soluzione
Sostituzione vincoli con reazioni vincolari
a
l
c b
F1 F2
N
A
R
A
R
B
Scrittura equazioni di equilibrio
0 ) ( 2 1
0 2 ) ( 1
0
= = + + + +
= = + + + +
= =
b a F a F l R A
c F c b F l R B
N
B
A
A
Soluzione:
N 620
) ( 2 1
N 120
2 ) ( 1
0
= =
+ + + +
= =
= =
+ + + +
= =
= =
l
b a F a F
R
l
c F c b F
R
N
B
A
A
anche in questo la verifica della somma delle reazioni vincolari positiva.
Si noti che gli esercizi 3-1a e 3-1b sono in realt uguali. Lesercizio b) infatti pu essere
risolto con lo schema a) semplicemente dando un valore uguale ed opposto alla forza F2.
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 3 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 3-1c
Data la struttura schematizzata in figura calcolare le reazioni vincolari.
Dimensioni: a= 90 mm, b= 135 mm, c= 75 mm; Forze F1= 1000 N, F2 = 1500 N
Risolvere prima in modo letterale.
a
l
c b
F1 F2
Soluzione
Sostituzione vincoli con reazioni vincolari
a
l
c b
F1 F2
N
A
R
A
R
B
Scrittura equazioni di equilibrio:
0 ) ( 2 1 ) (
0 2 1 ) (
0
= = + + + + + +
= = + + + +
= =
c b a F a F b a R A
c F b F b a R B
N
B
A
A
Soluzione:
N 2400
) (
) ( 2 1
N 100
) (
2 1
0
= =
+ +
+ + + + + +
= =
= =
+ +

= =
= =
b a
c b a F a F
R
b a
c F b F
R
N
B
A
A
Anche in questo caso la somma delle reazioni vincolari uguale alla somma vettoriale
delle forze applicate
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 4 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 3-1d
Data la struttura schematizzata in figura calcolare le reazioni vincolari.
Dimensioni: a= 90 mm, b= 135 mm, c= 75 mm; Forze F1= 1000 N, F2 = 1500 N N
Risolvere prima in modo letterale.
a
l
c b
F1 F2
Soluzione
Sostituzione vincoli con reazioni vincolari
a
l
c b
F1 F2
N
A
R
A
R
B
Scrittura equazioni di equilibrio:
0 ) ( 2 1 ) (
0 2 1 ) (
0
= = + + + + + + + +
= = + +
= =
c b a F a F b a R A
c F b F b a R B
N
B
A
A
Soluzione:
N 1600
) (
) ( 2 1
N 1100
) (
2 1
0
= =
+ +
+ + + +
= =
= =
+ +
+ +
= =
= =
b a
c b a F a F
R
b a
c F b F
R
N
B
A
A
Anche in questo caso la somma delle reazioni vincolari uguale alla somma vettoriale
delle forze applicate
Si noti che gli esercizi 3-1c e 3-1d sono in realt uguali. Lesercizio d) infatti pu essere
risolto con lo schema d) semplicemente dando un valore uguale ed opposto alla forza F2.
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 5 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 3-2a
Con riferimento allesercizio 3-1a tracciare i diagrammi delle caratteristiche di
sollecitazione
Soluzione (si considera la terna destrorsa)
F1 F2
R
A
R
B
-
|R
B
c | = 118000 Nmm | R
A
a | = 92400 Nmm
Momento
flettente
1180 N
Taglio
-320 N
-1320 N
Esercizio 3-2b
Con riferimento allesercizio 3-1b tracciare i diagrammi delle caratteristiche di
sollecitazione.
Soluzione (si considera la terna destrorsa)
F1
F2
R
A
R
B
+
| R
b
c | = 62000 Nmm
|R
A
a | = 8400 Nmm
Momento
flettente
-620 N
Taglio
880 N
-120 N
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 6 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 3-2c
Con riferimento allesercizio 3-1c tracciare i diagrammi delle caratteristiche di
sollecitazione
Soluzione (si considera la terna destrorsa)
F1
F2
R
A
R
B
+
| F2

c | = 112500 Nmm
|R
A
a | = 900 Nmm
Momento
flettente
-1500 N
Taglio
900 N
-100 N
Esercizio 3-2d
Con riferimento allesercizio 3-1d tracciare i diagrammi delle caratteristiche di
sollecitazione
Soluzione (si considera la terna destrorsa)
F1 F2
R
A
R
B
-
|R
B
c | = 112500 Nmm | R
A
a | = 99000 Nmm
Momento
flettente
1500 N
Taglio
-100 N
-1100 N
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 7 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 3-3
Una trave di sezione rettangolare 60x40 mm lunga 2 m, appoggiata alle estremit,
soggetta ad un carico verticale di 6000 N che agisce nella mezzeria.
Calcolare le massime tensioni normali e tangenziali.
F=6000 N
60
40
2000
= =
Soluzione
- Calcolo delle reazioni vincolari
F=6000 N
R
za
R
ya
R
yb
y
z
x
R
R R F
R F
za
ya yb
ya

+

0
0
2000 1000 0

R F N
R F R N
ya
yb ya


1000
2000
6000
1
2
3000
6000 3000 3000
Il risultato ottenuto poteva venire facilmente intuito per la simmetria rispetto alla mezzeria
della geometria e dei carichi.
- Diagrammi di taglio e di momento flettente (lo sforzo normale nullo su tutta la
trave)
T
y
-3000
3000
M
x
M
xMAX
=-3000 1000 = -3 10
6
Nmm
-
+
-
- Calcolo delle tensioni
La sezione pi sollecitata (sezione di progetto) quella di mezzeria, dove il momento
flettente ha il valore massimo (in modulo). Il calcolo delle tensioni verr effettuato solo in
tale sezione.
Si utilizzano le formule:
zz
x
f
M
W
max

zz
x
f
M
W
min

Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 8 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Il modulo di resistenza a flessione W
f
vale:
W
bh
mm
f



2 2
3 3
6
40 60
6
24 10
da cui, nei punti di progetto della sezione, cio quelli in cui la tensione massima(minima)
si ha

zz
x
f
zz
x
f
M
W
MPa
M
W
MPa
max min


3 10
24 10
125
3 10
24 10
125
6
3
6
3
Si noti che, poich il momento M
x
negativo nel nostro sistema di riferimento, la tensione
massima di trazione si trova nella parte inferiore della sezione, mentre nella parte
superiore le tensioni sono di compressione.
A rigore in questa sezione non si potrebbero utilizzare le formule viste perch siamo in una
zona di applicazione delle forze. E comunque consuetudine in questi casi non considerare
gli effetti locali.
Nella sezione considerata il taglio risulta nullo, o meglio presenta una discontinuit. Se ci
si sposta di un piccolo a piacere dalla sezione di progetto, dove le tensioni di flessione
possono considerarsi uguali a quelle della sezione di progetto, si trova un taglio non nullo.
Calcoliamo le tensioni dovute al taglio in tale sezione.

max




3
2
3 3000
2 60 40
2
T
A
MPa
y
La tensione tangenziale massima agisce in corrispondenza dellasse neutro, cio in un
punto diverso da dove agiscono le tensioni normali massime.
Si noti inoltre che le tensioni tangenziali sono molto piccole, il che capita quando si hanno
travi snelle. In questi casi il calcolo delle tensioni dovute al taglio del tutto superfluo.
Questo calcolo pu invece essere importante con i profilati a parete sottile, in cui le
tensioni tangenziali possono essere elevate.
Esercizio 3-4
Una trave IPE 120 UNI 5398 lunga 2 m soggetta ai carichi indicati in figura. Determinare
le tensioni agenti sulla trave.
x
120
64
4.4
6.3
2000
500 500
F
1
= 15 KN F
2
= 15 KN
Caratteristiche della sezione: A = 1.3210
3
mm
2
J
xx
= 3.1810
6
mm
4
J
yy
= 2.7710
5
mm
4
)
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 9 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Soluzione
- Calcolo delle reazioni vincolari
F
1
F
2
V
1
V
2
H
l
a

+

H V
F l a F a
l
kN
V l F l a F a
V l F l a F a V
F l a F a
l
kN
0 15
1 0
2 0 15
2
2 1
2 2 1
1 1 2 1
1 2
( )
( )
( )
( )
Il risultato ottenuto poteva venire facilmente intuito per la simmetria rispetto alla mezzeria
della geometria e dei carichi.
- Diagrammi di Taglio e di Momento flettente
Si noti che il momento costante nella zona compresa fra le due forze e che di
conseguenza il taglio, che la derivata del momento, nullo in questa zona.
2000
500
500
T
y
-
+
-
M
x
15 kN
15 kN
-7500 Nm
- Calcolo delle tensioni
Tensioni dovute al momento flettente. Le sezioni dove le tensioni dovute al momento
flettente sono massime sono quelle comprese fra le diue forze. Le tensioni massime si
hanno nelle piattabande (cio allestremita della sezione e sono di trazione in basso e di
compressione in alto.

max max
.

M
x
J
xx
y MPa
7500000
318 10
6
60 142
Tensioni dovute al taglio. Trattandosi di un profilato a parete sottile conviene valutare le
tensioni dovute al taglio, anche se la trave risulta snella. Vi sono tensioni dovute al taglio
solo nelle due estremit della trave allesterno delle due forze applicate. La tensione
massima si ha nellanima in corrispondenza della linea dasse e vale:
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 10 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM

max
. .
. . . .
+

_
,

_
,


T
y
s J
xx
bs h s h
MPa
2
1
2
2
2
8
15000
4 4 318 10
6
64 63 1137
2
44 1137
2
8
32
Esercizio 3-5
Una trave incastrata lunga 500 mm, di sezione circolare 35 mm, soggetta ad un
momento torcente M
z
= 360 Nm, ad un carico distribuito in direzione verticale (q) di 700
N/m diretto verso il basso, ad un carico F
y
= 1000 N verso lalto ed un carico in direzione
orizzontale F
x
= 1200 N, applicati allestremit libera della sezione.
Calcolare la tensione ideale nel punto pi sollecitato della trave.
y
z
x
F
x
F
y
M
z
q
l = 500
Soluzione
Si tratta di un problema tridimensionale, che conviene separare tre problemi: uno relativo
al comportamento torsionale, uno nel piano yz e uno nel piano xz.
- Comportamento torsionale
La reazione vincolare al momento torcente sar un momento torcente uguale e contrario a
quello applicato. Il diagramma di momento torcente sar quindi:
M
t
= 360 Nm
Tutte le sezioni sono ugualmente sollecitate a torsione. La tensione tangenziale massima
vale:


max

16
3
16 360000
35
3
43
M
t
D
MPa
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 11 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
- Piano xz
- Reazioni vincolari
F
x
F
x
V
ix
M
iy
i
H
i
= 0
V
ix
+F
x
=0 V
ix
= -F
x
= -1200 N
i M
iy
+F
x
l=0 M
iy
=-F
x
l = -600 Nm
- Diagrammi di taglio e di momento flettente
T
x
= 1200 N
M
ymax
= 600 Nm
+
+
- Piano yz
- Reazioni vincolari
F
y
V
iy
M
ix
H
i
i
q
V
iy
+F
y
-ql = 0 V
iy
= -F
x
+ql = -650 N
i
M
ix
-F
x
l+ql
2
/2 =0 M
iy
=F
y
l-ql
2
/2 = 412.5 Nm
H
i
= 0
- Diagrammi di taglio e di momento flettente.
Per tracciare i diagrammi di taglio e momento conviene utilizzare una coordinata locale
con origine allestremit libera della mensola. I diagrammi di taglio di taglio e di momento
flettenete risultano:

T
y
=F
y
q*
M
x
= q
2
/2- F
y

T
y
M
x
F
y
T
ymax
= 1000 N
T
ymin
= 650 N
M
xmax
= - 412.5 Nm
+
- Momento flettente complessivo e calcolo delle tensioni
La situzione dei momenti quella indicata in figura. Poich la sezione circolare conviene
calcolare punto per punto il momento complessivo con la formula:
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 12 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
M
x
M
y
M M M
x y
+
2 2
Il valore massimo del momento complessivo si trova allincastro, dove sono massimi
entrambi i momenti M
x
e M
y
.
M
max
=728.12 Nm
La tensione normale calcolata sulla base del momento complessivo massimo:


max
max

32
3
32 728120
35
3
173
M
D
MPa
Ii diagramma disegnato non giace su un unico piano. Infatti il rapporto fra i momenti nei
due piani non si mantiene costante. Questo vero in generale quando i diagrammi sui due
piani seguono leggi diverse.
La direzione in cui agisce il taglio complessivo:

_
,
arctg . .
T
T
rad
y
x
0496 28 4
a differenza di quanto avviene nel caso piano, non ortogonale alla direzione in cui agisce
il momento complessivo:

_
,
arctg . .
M
M
rad
y
x
0 969 555
y
x
T
y
T
x
T

M
y
M
x

y
x
M
x
andamento medie
andamento
y
Questo fatto comporta che dove la tensione di flessione massima (minima) la tensione
dovuta al taglio non nulla. Poich le tensioni dovute al taglio nelle travi snelle sono
comunque piccole rispetto alle tensioni di flessione, esse vengono di norma trascurate . Si
noti inoltre che il valore fornito dalle formule di Jourawski forniscono solo il valore medio
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 13 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
della tensione lungo una corda, e non il valore alle estremit, dove comunque le tensioni
devono essere tangenti al profilo della sezione.
La tensione ideale, secondo lipotesi di Tresca, vale:
MPa 193 4
2
max
2
max id
+ + = =
Esercizio 3-6
La figura illustra schematicamente un assale ferroviario con i carichi ad esso applicati. Si
noti che, a causa della geometria del contatto fra ruota e rotaia, se la rotaia applica un
carico P in direzione verticale, sar presente anche un carico orizzontale P pari ad un
ventesimo di P.(nel nostro caso 5000 N). Calcolare le tensioni agenti nel tratto fra le due
ruote.
100 kN
250 250
2000
160
920
130
100 kN
P
P = P/20
Soluzione
-Schematizzazione e calcolo delle reazioni vincolari.
Il problema pu essere schematizzato nel modo indicato in figura. Si noti che in
corrispondenza degli appoggi agiscono due carichi normali che si equilibrano e due
coppie C pari al carico assiale per il raggio di contatto della ruota: C = PR = 50000.460=
2300 Nm.
P
P
a
b
a
C
P
C
P
P
P
C
P
C
P
V
B
V
A
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 14 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
V b P a b P a C C V b P b
V b P a b P a C C V b P b
B B
A A
+ + +
+ + +
( )
( )
0
0
Da cui
V
P b
b
kN
V
P b
b
kN
B
A

100
100
come ovvio per ragioni di simmetria.
- Diagrammi di sforzo normale, taglio e momento flettente.
Equazioni per il diagramma di momento
-
-
+
+
-5000 N
100 kN
N
T
25000 Nm 27300 Nm
M
-100 kN
P
C
V
A
P
M
Per z < a:
M = P z
z
M
Per z > a:
M = Pz-V
A
(z-a)+C=
= Pa+C
- Tensioni nel tratto fra le due ruote dovute allo sforzo normale.


N
N
A
N
D
MPa


4 4 5000
160
0 25
2 2
( )
.
Come si vede le tensioni dovute allo sforzo normale in questo caso sono insignificanti.
- Tensioni nel tratto fra le due ruote dovute al momento flettente.




M M
M
D
MPa
M
D
MPa
max
max
min
max


32 32 27300000
160
68
32 32 27300000
160
68
3 3 3 3
- Tensioni complessive
In questo specifico caso le tensioni dovute allo sforzo normale sono trascurabili, ma in
generale si deve ricordare che le tensioni dovute allo sforzo normale e quelle dovute al
momento flettente si sommano algebricamente. A rigore quindi il punto pi sollecitato nel
nostro caso quello in compressione, mentre il punto della sezione in trazione risulta
leggermente scaricato. Le tensioni nei due punti estremi saranno quindi:
MPa 25 . 68 25 . 0 68
MPa 75 . 67 25 . 0 68
min min
max max
+ + = =
+ + = =
N M
N M


Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 15 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 3-7
Nella figura schematizzato il braccio di un paranco formato da una trave orizzontale di
sezione rettangolare cava incernierata in un muro e da unasta
2
che funge da tirante.
Calcolare le tensioni agenti.
l
1
l
2
l
3
P
B
A
B
A
100
50
6
Sez. AA
b
20
40
Sez. BB
Dati: l
1
= 1 m ; l
2
= 1.5 m; l
3
= 0.9 m b= 100 mm; P = 5 kN
Soluzione
- Calcolo delle reazioni vincolari.
La struttura formata da due corpi collegati con una cerniera che non interrompe la
continuit della trave principale. Si possono quindi scrivere le equazioni di equilibrio dei
due corpi presi separatamente
l
1
-b
l
2
l
3
b
l
2
P
y
z
x
V
A
H
A
V
B
H
B
V
C
H
C
V
C H
C

2
Asta = elemento che sopporta solo carichi normali, agenti lungo lasse del corpo. Sono aste tutti i
corpi incernierati alle estremit in cui i carichi sono applicati solo in corrispondenza delle
cerniere. La risultante delle forze applicate diretta lungo lasse dellasta.
Tirante = Asta posta in trazione. Puntone = Asta posta in compressione.
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 16 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
( )
( )


+
+
+
+ +
V V
H H
A H l b V l
V V P
H H
B H b V l P l l
A C
A C
C C
B C
B C
C C
0
0
0
0
0
0
1 2
2 2 3
Risolvendo queste equazioni si ottiene:
( ) ( )
H H P
l l
l
N
H N
V V P
l l
l
l b
l
N
V P V N
C A
B
C A
B C

+


2 3
1
2 3
1
1
2
12000
12000
7200
2200
Si noti che la risultante delle reazioni vincolari alle estremit dellasta diretta lungo lasse
dellasta stessa:
( )
tan . tan .


l b
l
V
H
V
H
A
A
C
C
1
2
0 6 0 6
- Diagrammi delle caratteristiche di sollecitazione
N
N
-12000 N
13995 N
T
y
2200 N
-5000 N
+
-
+
M
x
3300 Nm
4500 Nm
Si noti che:
- sullasta agisce solo uno sforzo normale di trazione;
- nella parte di trave vicina al muro agiscono sia un momento flettente sia uno sforzo
normale di compressione;
- il diagramma di momento flettente della trave presenta un salto pari alla coppia
applicata da Hc, cio pari a Hcb= -1200 Nm.
- Calcolo delle tensioni
- Asta.
Lunica caratteristica di sollecitazione lo sforzo normale. La tensione vale:

N
N
A
MPa


13995
40 80
18
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 17 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
- Trave.
Il modulo di resistenza a flessione W
f
vale:
( )( )
W
bh b s h s
mm
f

2
2
2 2
3
6
2 2
6
40 100
6
38 88
6
34288
Le tensioni massime e minime nella sezione in cui si ha il momento massimo valgono:

M
x
f
M
x
f
M
W
MPa
M
W
MPa
max min
. .





45 10
34288
132
45 10
34288
132
6 6
Nel tratto fra le due cerniere si ha un momento flettente ed uno sforzo normale.
Le tensioni dovute allo sforzo normale valgono:

N
N
A
MPa



12000
50 100 38 88
7
Mentre in questo tratto le tensioni minima e massima nella sezione appena precedente la
cerniera valgono:

M
x
f
M
x
f
M
W
MPa
M
W
MPa
max min
. .





33 10
34288
97
33 10
34288
97
6 6
In questa sezione il punto pi sollecitato quello in compressione dove si ha una tensione
complessiva pari a -104 MPa.
Esercizio 3-8
La figura illustra schematicamente lalbero di rinvio fra due ruote dentate a denti diritti con
angolo di pressione di 20. Il cuscinetto di sinistra bloccato sia sullanello esterno sia
sullanello interno e sopporta eventuali carichi assiali; il cuscinetto di destra libero di
muoversi assialmente. Sapendo che il momento torcente trasmesso di 200 Nm,
calcolare le tensioni agenti sullalbero.
283
255
218
200
121
18
40
50 50 40
Diametro
primitivo 80
Diametro
primitivo 100
F
r2
F
r1
F
t2
F
t1
97
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 18 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Soluzione
In primo luogo occorre calcolare le forze agenti sullalbero. E noto che la forza tangenziale
agente sulla ruota pari al momento torcente diviso il raggio primitivo e che la forza
radiale si ottiene moltiplicando la forza tangenziale per la tangente dellangolo di
pressione. Si avr quindi:
F
M
D
N F
M
D
N
F F N F F N
t
p
t
p
r t r t
1
1
2
2
1 1 2 2
2 2 200000
100
4000
2 2 200000
80
5000
20 1456 20 1820

tan tan
I cuscinetti possono essere schematizzati con degli appoggi. Tenendo conto delle
dimensioni in figura la schematizzazione dellalbero quella riportata a sotto
100
60 100
Ruota 1 Ruota 2
Le forze risultanti non stanno su un unico piano, quindi conviene scomporre il problema
flessionale nei due piani tangenziale e radiale.
- Comportamento torsionale
Il momento torcente agisce nel tratto fra le due ruote; il diagramma di momento torcente
sar quindi quello riportato nella figura. L
100 60 100
M
t
= 200 Nm
e tensioni nominali massime dovute al momento torcente si saranno diverse nei due tratti
con diametro 40 e 50 mm:


max( ) max( ) 40
16
3
16 200000
40
3
16
50
16
3
16 200000
50
3
8

M
t
D
MPa
M
t
D
MPa
- Comportamento flessionale nel piano radiale.
Le forze radiali sono concordi; si ha quindi la seguente situazione:
100 60 100
V
r1
F
r2
F
r1
V
r2
H
r
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 19 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
- reazioni vincolari

+
+

H
V F F V
F F
N
V F F V
F F
N
r
r r r r
r r
r r r r
r r
0
1 200 100 260
100 260
200
3094
2 200 100 60
100 60
200
182
2 1 2 2
1 2
1 1 2 1
1 2
- diagrammi di taglio e momento flettente
109200 Nmm
M
fr
-18200 Nmm
T
r
- 182 N
- 1820 N
1274 N
+
+
-
-
-
- Comportamento flessionale nel piano tangenziale.
Le forze tangenziali sono discordi; si ha quindi la seguente situazione:
100 60 100
V
t1
F
t2
F
t1
V
t2
H
t
- reazioni vincolari




+
+

H
V F F V
F F
N
V F F V
F F
N
t
t t t t
t t
t t r r
t t
0
1 200 100 260
100 260
200
4500
2 200 100 60
100 60
200
3500
2 1 2 2
1 2
1 1 2 1
1 2
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 20 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
-diagrammi di taglio e momento flettente
T
t
- 300000 Nmm
- 5000 N
500 N +
-
- 350000 Nmm
M
ft
Si noti che, per comodit, abbiamo utilizzato in entrambi i casi le convenzioni di segno del
piano yz.
-Momento flettente complessivo e calcolo delle tensioni di flessione.
Poich lalbero a sezione variabile conviene riportare in diagrammi distinti landamento
del momento flettente complessivo, del modulo di resistenza e il diagramma delle tensioni
dovute al momento flettente calcolando i valori nei punti significativi. In corrispondenza
delle ruote non vengono svolti i calcoli delle tensioni, che sarebbero poco significativi.
Nella tabella seguente sono riportati i calcoli nei vari punti (coordinata dallestremo
sinistro).
Coord. M
rad.
(Nmm) M
tang.
(Nmm)
M
tot
(Nmm)
D
mm
W
f
mm
3

(Mpa)
0 0 0 0 40 6283 0
18sx -1638 -31500 31543 40 6283 6
18dx -1638 -31500 31543 50 12272 3
97sx -16016 -308000 308417 50 12272 26
97dx -16016 -308000 308417 100
109 -18200 -350000 350473 100
121sx -2912 -344000 344013 100
121dx -2912 -344000 344013 50 12272 29
200sx 97734 -304500 319801 50 12272 27
200dx 97734 -304500 319801 40 6283 51
209 109200 -300000 319257 40 6283 51
255sx 25480 -70000 74494 40 6283 12
255dx 25480 -70000 74494 80 6283
269 0 0 0 80
Risultano quindi i seguenti diagrammi, ottenuti con un foglio elettronico, ma che sono
facilmente ottenibili anche manualmente.
Comportamento Meccanico dei Materiali
3 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 21 di 21
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Diagramma Momento Totale
0 50 100 150 200 250
(mm)
319256
354073
(Nmm)
0
50000
100000
150000
200000
250000
300000
350000
400000
Diagramma Modulo di Resistenza
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
14000
0 50 100 150 200 250
(mm)
6283
12272
6283
(mm
3
)
Diagramma Tensioni di Flessione
0
10
20
30
40
50
60
0 50 100 150 200 250
(mm)
25
28
51
(MPa)
Comportamento Meccanico dei Materiali
4 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 1 di 7
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 4-1
Una piastra in S355 EN 10027/1 (Fe510 UNI 7070) delle dimensioni indicate in figura
viene sollecitata da un carico assiale T = 64 kN.
Con riferimento alla sezione con intaglio, calcolare i coefficienti di sicurezza a rottura
duttile e a primo snervamento.
200
8
0
1
2
0
R10
T
Spessore 20 mm
Soluzione
Calcolo la tensione nominale agente nella sezione dellintaglio:
MPa 40
20 80
64000
A
T
om


n
Il coefficiente di sicurezza per la rottura duttile risulta:
75 . 12
40
510
om

n
m
R
CS
Il fattore di concentrazione delle tensioni viene letto nellapposito diagramma tenendo
conto che:
125 . 0
80
10
h
r
5 . 1
80
120
h
H

e vale K
t
= 1.95
La tensione massima allapice dellintaglio vale quindi:
MPa 78 40 95 . 1
om max

n t
K
e qindi il coefficiente di sicurezza a primo snervamento vale:
55 . 4
78
355
max

eH
R
CS
Comportamento Meccanico dei Materiali
4 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 2 di 7
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 4-2
La struttura indicata in figura costituita da una piastra in acciaio S355 EN 10027/1
(Fe510 UNI 7070) incastrata in un soffitto.Il carico applicato P = 3000 N.
Con riferimento alla sezione con intaglio, calcolare i coefficienti di sicurezza a rottura
duttile e a primo snervamento.
60
40
40
100
100
R10
R10
R10
Spessore piastra 15
P
La struttura viene schematizzata nel seguente modo:
M=Pl
l=80
Zona dellintaglio
P
P
Si noti che il momento flettente costante lungo tutto il tratto verticale
Nella zona dellintaglio si ha quindi una sollecitazione dovuta al carico P (sforzo normale) e
un momento flettente M=P l, con l = 80 mm.
Comportamento Meccanico dei Materiali
4 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 3 di 7
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Le relative tensioni valgono:
MPa 60
40 15
80 3000 6
h b
l P 6
MPa 5
15 40
3000
A
P
2 2


f
n
e la tensione complessiva:
MPa 65 60 5 + +
f n
Il coefficiente di sicurezza per la rottura duttile risulta:
85 . 7
65
510

m
R
CS
Per il calcolo del coefficiente di sicurezza a primo snervamento si devono considerare i
due fattori di concentrazione delle tensioni separatamente. Tenendo conto che
25 . 0
40
10
h
r
5 . 1
40
60
h
H

risulta K
t,n
= 1.6 e K
t,f
= 1.4
La tensione massima allapice dellintaglio vale quindi:
MPa 92 60 4 . 1 5 6 . 1
, , max
+ +
f f t n n t
K K
e qindi il coefficiente di sicurezza a primo snervamento vale:
86 . 3
92
355
max

eH
R
CS
Comportamento Meccanico dei Materiali
4 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 4 di 7
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 4-3
Lalbero schematizzato in figura costruito in acciaio 39NiCrMo3 e viene caricato dalle
forze complanari F1 = 10 kN e F2 = 7500 N; fra le due ruote viene trasmesso un momento
torcente di 900 Nm.
1. Calcolare le reazioni vincolari sopportate dai cuscinetti
2. Tracciare i diagrammi delle caratteristiche di sollecitazione
3. Tracciare i diagrammi delle tensioni di flessione e di torsione massime
4. Verificare staticamente lalbero.
150 150 150
60
70 70
90
F2
F1
A B
50
R4
11
R1.5
Soluzione
- Caratteristiche del Materiale (UNI 7670/84) diametri da 40 a 100 mm:
R
m
= 880 MPa R
p02
= 685 MPa
- Comportamento flessionale
Schema della struttura e sostituzione dei vincoli con le reazioni vincolari
F2 F1
R
B
F1
F2
a b c
A C B D
R
D
H
D
Comportamento Meccanico dei Materiali
4 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 5 di 7
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Calcolo reazioni vincolari:
kN 25 . 16
c) (b
c) b a ( F2 c F1
R 0 c F1 c) (b R c) b (a F2 D
kN 25 . 1
c) (b
a F2 - b F1
R 0 c) (b R b F1 - a F2 B
0 H
B B
D D
D

+
+ + +
+ + + +

+

+ +

NB: risulta verificata la relazione F1+F2= R
D
+R
B
Diagrammi delle caratteristiche di sollecitazione
Conviene effettuare i calcoli del momento flettente anche nei punti in cui vi sono delle
variazioni di sezione (intagli)
R
B
F1 F2
A
C B D
R
D
E F G H
150
161
250
150
100
11
Versi positivi dei momenti
Punti A e D: M
A
=M
B
=0
Punto B Nmm 000 125 1 150 F2 M
B

Punto E Nmm 750 028 1 11 R - 161 F2 M
B E
= = = =
Punto F Nmm 000 250 100 R - 50 2 F2 M
B F
= = = =
Punto C Nmm 500 187 150 R M
D C

Punto G Nmm 000 125 100 R M
D G

Punto H Nmm 375 1 1 1 R M
D H
= = = =
Comportamento Meccanico dei Materiali
4 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 6 di 7
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Diagrammi di Taglio e Momento flettente :
A
C B D E F G H
1125000
1028750
250000
-187500
-125500
-1375
-8750
7500
1250
T (N)
M
f
(Nmm)
- Comportamento Torsionale
Fra le due ruote (punti A e C) agisce un Momento Torcente costante pari a 900 Nm
A
C B D E F G H
900000
M
T
(Nmm)
Calcolo delle tensioni e diagrammi
Le tensioni vengono calcolate, punto per punto e considerando le variazioni delle sezioni
con le formule:
3
T
3
f
D
6M 1
D
M 32


Punto M
f
(Nmm) M
T
(Nmm) D (mm) (MPa) (MPa)
A 0 0 60 0 0
B 1125000 900000 60 54 22
Edx 1028750 900000 60 49 22
Esx 1028750 900000 70 31 14
Fdx 250000 900000 70 8 14
Fsx 250000 900000 90 4 7
C -187500 0 90 3 0
Gdx -125000 0 90 2 0
Gsx -125000 0 70 4 0
Hdx -1375 0 70 1 0
Hsx -1375 0 60 1 0
D 0 0 60 0 0
Comportamento Meccanico dei Materiali
4 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 7 di 7
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Tensioni di flessione (MPa)
54
49
31
8
2
1 4
4 3
A E B F C G HD
Tensioni di Torsione (MPa)
A E B F C G HD
14
22
7
Verifica per la rottura duttile:
Il punto pi sollecitato risulta il PUNTO B dove si ha una tensione normale di 54 MPa e
una tensione tangenziale di 22 MPa.
La tensione ideale (ipotesi di Tresca) in tale punto vale: MPa 69 4
2 2
id
= = + + = =
e quindi il coefficiente di sicurezza rispetto alla rottura duttile:
75 . 12
69
880 R
id
m

CS
Verifica a primo snervamento.
Il punto da verificare il punto E, dove vi sono sollecitazioni elevate e lintaglio pi gravoso
Essendo:
025 . 0
60
5 . 1
d
r
17 . 1
60
70
d
D
= = = = = = = =
dagli appositi diagrammi si ottiene :
flessione K
t,f
= 2.3 torsione K
t,t
= 1.8
e quindi il calcolo convenzionale della tensione ideale :
MPa 46 1 ) K ( 4 ) K (
2
f t,
2
f t, id
+
da cui il coefficiente di sicurezza per il primo snervamento risulta:
69 . 4
146
685
R
id
p02

CS
Si noti che una volta tracciati i diagrammi di momento evidente che i punti critici saranno
B e E, e quindi si pu effettuare il calcolo con riferimento solo a tali punti.
Comportamento Meccanico dei Materiali
5 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 1 di 9
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 5-1
Calcolare lo spostamento dellestremo e le sollecitazioni presenti nella struttura in figura,
composta da due aste in serie con sezione circolare di diametro D
1
= 10 mm e D
2
= 8 mm,
lunghe entrambe 100 mm e soggette ad un carico P di 10 kN.
Il materiale un acciaio da costruzione con modulo elastico E = 200000 MPa
100 100
10 8
P
Soluzione
Lo spostamento pu essere calcolato in due modi: sommando gli allungamenti delle
singole aste e sommandoli, oppure calcolando la rigidezza complessiva e, nota la forza,
calcolare lo spostamento.
I modo:
mm . L L L
mm . L
D E
P
L
EA
P
L
mm . L
D E
P
L
EA
P
L
163 0
099 0
8 200000
100 4 10000 4
064 0
10 200000
100 4 10000 4
2 1
2
2
2
2
2
2
2
2
1
2
1
1
1
1
+


II modo:
mm .
K
P
L
mm
N
K
mm
N
K
mm
N
K
K K
K K
K
L
EA
K
L
EA
K
t
t
t
163 0
61299 100531
4 100
8 200000
157080
4 100
10 200000
2
2
2
1
2 1
2 1
2
2
2
1
1
1


Il calcolo delle tensioni risulta banale:
MPa 128
10
10 4
2
4
1
1


A
P
MPa 199
8
10 4
2
4
2
2


A
P
Comportamento Meccanico dei Materiali
5 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 2 di 9
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 5-2
Si considerino le due aste dellesercizio precedente disposte in parallelo, come indicato in
figura, e si calcoli lo spostamento dellelemento rigido di collegamento, la forza agente su
ognuna delle aste e la tensione nelle aste.
100
10
8
P
Soluzione
In questo caso il problema pu essere risolto considerando che le due aste sono costrette
a subire lo stesso spostamento. nel caso di aste in parallelo. In questo caso la rigidezza
totale non altro che la somma delle rigidezze; infatti, considerando che il carico totale,
per ragioni di equilibrio, la somma dei carichi agenti sulle due aste (P=P
1
+P
2
), si ha:
mm
N
K K
L
P
L
P
L
P
K
t
257611 100531 157080
2 1
2 1
+ +

Calcolata la rigidezza e noto il carico facile calcolare lo spostamento.


mm .
K
P
L
t
039 0
257611
10000

Ricordando la definizione di rigidezza possibile calcolare le forze agenti sulle aste:
N . L K P N . L K P 3902 039 0 100531 6098 039 0 157080
2 2 1 1

A questo punto possibile calcolare le tensioni con le solite formule:

1
1
1
2
2
2
2
2
4 6098
10
78
4 3902
8
78


P
A
MPa
P
A
MPa
Non deve stupire il fatto che le due tensioni risultino uguali; infatti i due elementi sono
soggetti agli stessi spostamenti, ed essendo di ugual lunghezza subiscono la stessa
deformazione; avendo la stessa deformazione ed essendo costruiti con lo stesso
materiale, per via della legge di Hooke, sono soggetti alla stessa tensione. La tensione
pu quindi essere calcolata semplicemente come:
E E
L
L
MPa

200000
0039
100
78
.
Comportamento Meccanico dei Materiali
5 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 3 di 9
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 5-3
Si considerino ancora le due aste dellesercizio 1, soggette per ad un momento torcente
M=10 Nm.
Si calcolino lo spostamento angolare totale e le tensioni tangenziali presenti nelle due
aste.
100 100
10 8
M
Soluzione
Lo schema di soluzione formalmente identico a quello dellesercizio 1, salvo il calcolo
delle rigidezze che sono di tipo torsionale; sar considerato solo il II metodo di soluzione.
Per il calcolo della rigidezza necessario valutare il modulo elastico tangenziale del
materiale; supponendo un coefficiente di Poisson pari a 0.3 si ottiene:
( )
G
E
MPa
+

2 1
76923

si ha quindi:
K
GJ
L
K
GJ
L
K
K K
K K
K
N
mm
K
N
mm
K
N
mm
M
K
rad
t
t
t
1
1
1
2
2
2
1 2
1 2
1
4
2
2
76923 10
100 32
755191
76923 8
100 32
309326 219442
10000
219442
0 046


+




.
Il calcolo delle tensioni risulta banale:

1
1
3
2
2
3
16 10000
10
51
16 10000
8
99


M
W
MPa
M
J
MPa
Comportamento Meccanico dei Materiali
5 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 4 di 9
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 5-4
La figura mostra la schematizzazione di un albero costituito da due tratti: il tratto AB ha
una lunghezza a = 400 mm con sezione di diametro D
1
=60 mm, il tratto BC ha una
lunghezza b = 200 mm con sezione di diametro D
2
=50 mm. Il materiale acciaio (E =
200000 MPa), e la forza applicata F = 5000 N. Calcolare gli spostamenti nel punto C
A B C
a b
F
D
1
, J
1
D
2
, J
2
Soluzione
Il calcolo proceder in modo letterale fino al risultato finale.
In primo luogo occorre valutare le reazioni vincolari:
F
R
A
R
B
a b
A R a F a b R F
a b
a
F
b
a
B R a Fb R F
b
a
B B
A A
+
+
+

_
,

+
( )
( )
0 1
0
Quindi si possono scrivere le equazioni del momento e tracciare il relativo diagramma; per
semplificare i calcoli conviene utilizzare una coordinata locale per ognuno dei due tratti.
Fb
+
z
a
z
b
( )
b
a a A
z b F M : BC Tratto
z
a
b
F z R M : AB Tratto


Scriviamo adesso lequazione della linea elastica.
Comportamento Meccanico dei Materiali
5 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 5 di 9
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Tratto AB:
d v
dz
d
dz
M
EJ
Fb
aEJ
z
M
EJ
dz
Fb
aEJ
z
C
v dz
Fb
aEJ
z
C z C
a
a
a
a
a
a
a
a
2
2
1 1
1 1
2
1
1
3
1 2
2
6

+
+

Tratto BC:
d v
dz
d
dz
M
EJ
F
EJ
b z
M
EJ
dz
F
EJ
z F
EJ
bz C
v dz
F
EJ
z Fb
EJ
z
C z C
b
b
b
b
b
b
b
b b
b
2
2
2 2
2 2
2
2
3
2
3
2
2
3 4
2
6 2

+
+ +

( )
Le quattro costanti di integrazione possono essere calcolate facilmente considerando le
condizioni al contorno, che per lelemento BC risultano equazioni di continuit (delle frecce
e delle rotazioni) con lelemento AB, ovviamente in B:
Tratto AB: v(z
a
=0)=0 C
2
=0
v(z
a
=a)=0 C
Fba
EJ
1
1
6

Tratto BC: v(z
b
=0)= v(z
a
=a)=0 C
4
=0
(z
b
=0)= (z
a
=a) C
Fba
EJ
3
1
3

Sostituendo questi valori si ottengono le equazioni cercate:


Tratto AB
Fb
aEJ
z Fba
EJ
Fba
EJ
z
a
v
Fb
aEJ
z Fba
EJ
z
Fba
EJ
z
z
a
a a
a
a a
a

_
,

_
,

1
2
1 1
2
2
1
3
1 1
3
2
2 6 2
1
3
6 6 6
Tratto BC
F
EJ
z F
EJ
bz
Fba
EJ
F
EJ
z
z b
baJ
J
v dz
F
EJ
z Fb
EJ
z Fba
EJ
z
F
EJ
z bz
baJ
J
z
b
b
b
b
b
b b
b b b b

+ + +

_
,

_
,

2
2
2 1 2
2
2
1
2
3
2
2
1 2
3 2 2
1
2 3 2 3
6 2 3 6
3
2
Comportamento Meccanico dei Materiali
5 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 6 di 9
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
I momenti di inerzia flessionale delle sezioni valgono:
J
D
mm J
D
mm
1
1
4
4
2
2
4
4
64
636173
64
306796

Utilizzando le formule ricavate si ottengono quindi gli spostamenti cercati:
Nella sezione di mezzeria del tratto AB:
z mm rad v mm
a
+

200 131 10 0079


4
. ; .
Nel punto di applicazione della forza (C):
z mm rad v mm
b

200 2 68 10 0427
3
. ; .
La freccia nel punto C pu essere ricavata semplicemente utilizzando le formule presenti
nei manuali.
Infatti il tratto BC pu essere visto come una mensola incastrata in B, in cui la sezione di
incastro ruotata di un angolo
b
pari a quello di un elemento analogo a AB caricato con
un momento C=Fb. La freccia totale si trova sommando alla freccia dovuta alla
deformabilit dellelemento BC (v
c0
) quella dovuta alla rotazione rigida dello stesso
elemento (v
c1
= -
b
b).
Nei manuali si trova facilmente:
a b

B
v
Co
C=Fb
v
C1
F
v
Fb
EJ
Ca
EJ
v
Fba
EJ
b
v v v
Fb
EJ
Fba
EJ
b
C B C
C C C
0
3
2 1
1
1
0 1
3
2 1
3 3 3
3 3

+

Svolgendo i calcoli risulta v


C
=-0.427 mm, risultato analogo a quello ottenuto in precedenza
Comportamento Meccanico dei Materiali
5 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 7 di 9
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 5-5
Si consideri la struttura iperstatica ottenuta sostituendo allappoggio sinistro dellalbero
presentato nellesercizio 5-4 un incastro (ad esempio perch stato utilizzato un
cuscinetto a rulli o due cuscinetti a sfere affiancati): il tratto AB ha una lunghezza a = 400
mm con sezione di diametro D
1
=60 mm, il tratto BC ha una lunghezza b = 200 mm con
sezione di diametro D
2
=50 mm. Il materiale acciaio (E = 200000 MPa), e la forza
applicata F = 5000 N. Si ricavino le reazioni vincolari e gli spostamenti sotto al carico e
nella mezzeria del tratto AB.
a b
F
D
1
, J
1
D
2
, J
2
A B C
Soluzione
Definiamo il sistema ridotto e il sistema supplementare: per comodit conviene assumere
come sistema ridotto quello gi risolto nellesercizio 4, in cui non presente il vincolo alla
rotazione. Tale vincolo viene sostituito nel sistema siupplementare con una coppia C.
a b
F
D
1
, J
1
D
2
, J
2
+
a b
F
D
1
, J
1
D
2
, J
2
a b
F
D
1
, J
1
D
2
, J
2
C
=
Risolviamo quindi il sistema supplementare (le cui grandezze sono indicate con il pedice
1)
Reazioni vincolari:
R
A1
R
B1
a b
C
A R a C R
C
a
B R a C R
C
a
B B
A A

+
1 1
1 1
0
0
Comportamento Meccanico dei Materiali
5 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 8 di 9
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Equazione del momento e relativo diagramma:
M C R z C
C
a
z
A
+
1
a b
-C
z
Si noti che nel tratto BC il momento nullo. La variabile z deve essere quindi considerata
fra A e B.
Ricaviamo le equazioni degli spostamenti (z variabile fra 0 e a)
2 1
3
1
2
1
1
1
2
1 1 1
1
1
1 1 1
1 1
2
1
2
6 2
2
D z D
z
aEJ
C z
EJ
C
dz v
D
z
aEJ
C
z
EJ
C
dz
EJ
M
z
aEJ
C
EJ
C
EJ
M
dz
d
dz
v d
+
+ +

Le costanti di integrazione si ricavano imponendo le condizioni al contorno:


v
1
(z=0)=0 D
2
=0
v
1
(z=a)=0 D
Ca
EJ
1
1
3

Le equazioni degli spostamenti risultano quindi:

1
1 1
2
1 1
2
1
1
2
1
3
1 1
2 3
2 3 2 3
2 6 3 2 6 3
+ + + +

_
,

_
,

C
EJ
z
C
aEJ
z Ca
EJ
C
EJ
z
z
a
a
v
C
EJ
z C
aEJ
z Ca
EJ
z
C
EJ
z z
a
a z
Il valore dellincognita C si ricava imponendo che la rotazione nellestremo sinistro del
sistema supplementare sia uguale e contraria alla rotazione nello stesso punto del sistema
ridotto (z=0):
Sist. ridotto Sist. suppl

( ) ( ) z
Fba
EJ
z
Ca
EJ
Ca
EJ
Fba
EJ
C
Fb


0
6
0
3
3 6 2
1
1
1
1
1 1
Comportamento Meccanico dei Materiali
5 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 9 di 9
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Ricavato il valore dellincognita iperstatica, utilizzando la sovrapposizione degli effetti, si
ricavano facilmente le reazioni vincolari e gli spostamenti voluti:
Reazioni vincolari:
Vincolo a R R R F
b
a
C
a
F
b
a
F
b
a
Fb
a
R N
Vincolo b R R R F
b
a
C
a
F
b
a
F
b
a
F
b
a
R N
At A A At
Bt B B Bt
+
+ +

_
,
+ +

_
,
+ +

_
,

1
1
2
3
7500
1 1
2
1
3
2
12500
Ovviamente la reazione vincolare alla rotazione pari a C=50.000 Nmm
Analogamente per lo spostamento in mezzeria, dove svolgendo i calcoli per il sistema
supplementare si ottiene
1
=-6.510
-5
e v
1
=-0.039 mm:
rotazione z z z rad
freccia v z v z v z mm
t
t
( ) ( ) ( ) .
( ) ( ) ( ) .
+
+

200 200 200 196 10


200 200 200 0040
1
4
1
Per quanto riguarda lo spostamento allestremit C, il contributo del sistema
supplementare pu essere calcolato considerando che lelemento BC subisce in questo
sistema una rotazione rigida e che quindi:

1 1 1 1
0052 ( ) ( ) ( ) ( ) . C B v C C b mm
sommando questo valore a quello del sistema ridotto si otiene:

t t
C C B rad v C v C v C mm ( ) ( ) ( ) . ( ) ( ) ( ) . + +

1
3
1
242 10 0375
Agli stessi risultati si puo arrivare integrando lequazione del momento globale che si
ottiene una volta risolta liperstatica, cio una volta determinato il valore dellincognita C. Si
lascia al lettore tale verifica.
Comportamento Meccanico dei Materiali
6 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 1 di 3
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
Esercizio 6-1
Data una struttura costituita da una trave in acciaio (E = 200000 MPa), di sezione
rettangolare cava 30x40, spessore 3 mm, incastrata ad una estremit e libera allaltra
estremit, di lunghezza L = 2 m, calcolare il carico critico e la tensione di compressione in
corrispondenza di tale carico.
Soluzione
Date le condizioni di vincolo, la lunghezza libera di inflessione vale l
0
= 2*L = 4000 mm
Il momento di inerzia (minimo) della sezione e larea della sezione valgono:
J mm A mm
min



40 30
12
34 24
12
50832 40 30 34 24 384
3 3
4 2
per cui il carico critico risulta:
P
EJ
l
N
cr

2
0
2
6271
La tensione (di compressione) in corrispondenza di tale carico vale:

P
A
MPa
cr
16
Esercizio 6-2
Si consideri unasta in acciaio (E=200.000 MPa, = 12 10
-6
1/C) di sezione quadrata con
A=100 mm
2
e lunghezza 1000 mm ( a 20) incastrata fra due pareti indeformabili. Si
calcolino le tensioni nella barra se questa viene portata alla temperatura uniforme di 100.
L
La differenza di temperatura fra il montaggio e il funzionamento T
m
= 100-20= + 80
Si consideri lasta libera di dilatarsi (togliendo uno degli incastri):
L
T
m
L
Lallungamento della barra L = LT
m
= 1210
-6
100080 = 0.96 mm
Tale allungamento in realt impedito da una forza F tale da provocare un allungamento
L=-L dal quale si ricava facilmente il valore della forza:
F
F L= - L
Comportamento Meccanico dei Materiali
6 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 2 di 3
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM


L L
FL
EA
F
EA L
L
'
Calcolata la forza si ottengono le tensioni con le usuali formule:
F
EA L
L

19200 N
F
A
192 MPa
Allo stesso risultato si giunge utilizzando la legge di Hooke, ricordando che i vincoli
impediscono gli spostamenti e quindi le deformazioni:
E
zz
=s
zz
+ET
m
;
zz
=0
zz
=-ET
m
=-192 MPa
Si noti che le tensioni calcolate sono piuttosto elevate e aste particolarmente snelle
potrebbero essere soggette, a causa delle variazioni di temperatura, a instabilit di tipo
elastico: nel campo delle tubazioni, ad esempio, tali instabilit, pur non portando a
collasso, ma solo ad una incurvatura dei tubi ( i vincoli sono fissi) possono provocare molti
problemi; per tale motivo vengono previsti dei giunti di dilatazione che permettono
lallungamento del tubo senza generare reazioni vincolari lungo lasse del tubo.
Esercizio 6-3
Si consideri una trave in acciaio (E= 200000 MPa, = 12 10
-6
1/K) di sezione
rettangolare hxb = 30x10 mm, di lunghezza L = 200 mm, incastrata da un lato e vincolata
con una coppia prismatica dallaltro soggetta ad una variazione di temperatura fra
intradosso ed estradosso 2T= 50. Calcolare il momento applicato dal vincolo alla trave e
le tensioni allestradosso e allintradosso
L
2T

= T
2
- T
1
T
2
T
1
Se viene eliminata la coppia prismatica la trave si inflette.
v
L

L
e la sezione terminale subisce una rotazione che facilmente calcolabile integrando la
linea elastica:
k
T
h
t.
x

2
cos

x x
k dz
T
h
z C

+
2
1

Comportamento Meccanico dei Materiali


6 Soluzione degli esercizi proposti
Politecnico di Torino Pagina 3 di 3
Data ultima revisione 06/02/03 Massimo Rossetto
Politecnico di Torino
CeTeM
la costante di integrazione si calcola imponendo la condizione al contorno z=0
x
=0
C
1
=0
Si ha dunque:

L
T
h
L
2
La coppia prismatica impone una reazione vincolare che annulla tale rotazione, cio il suo
valore tale per cui
x
= -
x
, e vale quindi:


'
'
L
x
xx
x
L xx L xx
M
EJ
L M
EJ
L
EJ
L

Essendo J
xx
il momento di inerzia della sezione possibile calcolare il momento che il
vincolo applica alla trave: (vedi anche figura)
J
bh
mm M
T E J
h
Nmm
xx x
xx



3
4
12
22500
2
90000

Calcolato tale momento facile calcolare le tensioni di origine termica con le usuali
formule:

zz
x
xx
zz zz
M
J
y y
h
MPa y
h
MPa +

_
,

_
,

2
60
2
60
y
z
x
M
T E J
h
x
xx

2

zz
x
xx
M
J
y
Alla stessa conclusione si pu arrivare con la legge di Hooke, considerando che le fibre
esterne sono soggette ad una variazione di temperatura T (25) ; si ha quindi

zz zz
y
h
T E MPa y
h
T E MPa +

_
,

_
,
+ +
2
60
2
60