Sei sulla pagina 1di 17

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani

Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012

Premessa: in Italia il turismo non cresce pi


In Italia il valore aggiunto del comparto alberghi e ristoranti negli anni 90 cresciuto di circa il 3% allanno (il doppio del PIL). Negli anni duemila la crescita media del comparto si azzerata (-0,1%), il PIL cresciuto dello 0,2%.
4,5% 4,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% 1990-2000 -0,5% 2000-10

PIL Alberghi e ristoranti Alberghi, campeggi ed altri alloggi

Obiettivi del lavoro


Descrivere la dinamica della spesa turistica incoming in Italia, e nelle ripartizioni territoriali, avendo a riferimento le dinamiche della spesa internazionale Valutare landamento della quota di mercato mondiale detenuta dallItalia distinguendo tra: eventuali problemi di competitivit del sistema turistico italiano effetti dei mutamenti intervenuti nella composizione della domanda internazionale

Analisi Constant Market Share

LItalia e le tendenze internazionali (1)


Arrivi di turisti internazionali (var % media annua, 2001-10)

I paesi emergenti entrano nel mercato turistico internazionale dal lato dellofferta. Aumenta la competizione tra localit, facilitata dalla diminuzione dei costi di trasporto.

6 5 4 3 2 1 0 PAESI EMERGENTI ECONOMIE AVANZATE Europa meridionale e mediterranea ITALIA

ITALIA (var % media annua, 2001-10)


3

Il prodotto turistico si diversifica, emergono nicchie di mercato. Nel complesso la durata dei viaggi diminuisce

2 1 0 -1 -2 -3

Arrivi

Durata del soggiorno

Spesa giornaliera

Spesa totale

LItalia e le tendenze internazionali (2)


La stagnazione dellItalia deriva dalla diminuzione della spesa nel segmento business e dalla debole crescita della spesa per vacanze Cresce solo il segmento delle citt darte Diminuiscono le presenze delle famiglie e negli alberghi
Spesa (var. % media 2001-10) e spesa giornaliera (2010)

4 2 0 -2 -4 -6 -8 -10
120 LAVORO ALTRI MOTIVI PERSONALI 66 101 VACANZA 80 mare 88 montagna 75 lago

117

citt d'arte

La riallocazione delle quote di mercato


Nel 1999 lItalia perde il primato in Europa. Francia e Spagna tengono meglio (fino al 2003) Aumentano le quote dei paesi extra-europei 8
7
Francia Spagna

(Valori percentuali)

Si riduce la quota di 6 mercato del turismo 5 internazionale detenuta dallItalia 4


3 2 1 0

Italia

Cina

Australia

Turchia

Tailandia Malaysia India Egitto Brasile 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010

Analisi CMS della variazione della quota di mercato dellItalia (1)


QIT = q IT pi,t 1 + pi,t q IT + q IT pi,t W ,t i ,t i,t 1 i,t i i i 14 244 14 244 14 244 4 3 4 3 4 3
COMPETITIV ITA' STRUTTURA ADATTAMENT O

Effetto competitivit: misura leffetto delle variabili competitive di prezzo e non di prezzo che agiscono sulla penetrazione del turismo italiano in un dato paese (qITi,t) Effetto struttura: misura leffetto della ricomposizione della domanda mondiale outgoing (pi,t) a parit di capacit competitiva dellItalia Effetto adattamento: misura come la capacit competitiva dellItalia si correlata alla ricomposizione della domanda

Considerati 120 paesi 90% della spesa outgoing mondiale (periodo 1997-2010)

Specializzazione internazionale del turismo italiano


Indici a l Balassa simmetrici (2004)
25 20 15 10 5 0 -5
Svizzera

Francia Spagna Italia

-10
Regno Unito Spagna Francia

Paesi Nordici

Germania

Stati Uniti

Paesi Bassi

Austria (1)

(1) Dato mancante per la Spagna

Grandi paesi europei confinanti ma anche maggior peso dei paesi extraeuropei

Giappone (1)

BRIC (1)

Emergono nuovi mercati (outgoing)



5% 4% 3% 2% 1% 0% -1% -2% -3% -4%
DANIMARCA AUSTRALIA GERMANIA NORVEGIA SVIZZERA CINA REP.POP. SINGAPORE ARGENTINA GIAPPONE COREA DEL SUD REGNO UNITO HONG KONG INDONESIA MALAYSIA

Il peso dei principali mercati dei paesi avanzati diminuisce Aumenta il peso dei mercati extra-europei pi lontani
Variazione del peso della domanda outgoing (1998-2010)

-5%
CANADA SPAGNA SVEZIA FRANCIA AUSTRIA OLANDA TAIWAN RUSSIA BELGIO USA

MESSICO

IRLANDA

BRASILE

I paesi sono in ordine decrescente di peso sulla spesa outgoing mondiale

POLONIA

KUWAIT

INDIA

EAU

Analisi CMS - Risultati


(%) Europa
Germania

Variazione della quota e contributi -1,5


-1,2

Effetto competitivit -0,9


-0,7

Effetto struttura -0,4


-0,5

Effetto adattamento -0,2


0,0

Extra-europa
Stati Uniti Giappone

-1,5
-0,4 -0,7

-1,3
-0,2 -0,5

-0,1
-0,2 -0,2

-0,1
0,0 -0,0

TOTALE

-2,9

-2,2

-0,6

-0,2

Competitivit: diminuisce la penetrazione nei principali paesi partner (D, J, US, F) Struttura: penalizzati dallavere partner la cui domanda cresce pi lentamente (D, J, US, AU, CH). Contributi positivi da Spagna ed Est Europeo (ma pesano poco) Adattamento: scarsa capacit di seguire i cambiamenti della domanda mondiale (specialmente la crescita del peso dellEuropa dellEst e dei BRIC)

Gli andamenti territoriali


Quote di mercato (%)
2,5

2,0

Nord Est

Centro
1,5

Nord Ovest
1,0

Mezzogiorno
0,5

0,0 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010

Le aree a maggiore specializzazione turistica subiscono gli arretramenti pi ampi


11

Le specializzazioni territoriali Il tipo di viaggio


70

(quote percentuali della spesa, anno 2004)

Nord Ovest
60

Nord Est Centro Mezzogiorno

50

40

30

20

10

Lavoro

Altri motivi personali

Vacanza di cui: Mare

Montagna

Lago

Citt d'arte
12

Le specializzazioni territoriali I mercati di riferimento


Indici di Balassa simmetrici (anno 2001, %)
25 20 15 10 5 0 -5 -10 -15 Spagna Francia Regno Unito Svizzera Austria Germania Paesi Bassi Paesi Nordici Europa dell'Est Stati Uniti Giappone BRIC (4)

Nord Ovest Centro

Nord Est Mezzogiorno

13

Analisi CMS Risultati territoriali


0,0 12% 52% 11% 25% 51% 61%

Contributi alla variazione della quota di mercato (%)

17%

21%

-0,2 -0,4 -0,6 -0,8 -1,0 -1,2 -1,4 -1,6

26% 49% 4%

14% 25% 8%

21% 3%

Competitivit - Europa Struttura


Nord Ovest Nord Est

Competitivit - Extra-Europa Adattamento


Centro Mezzogiorno

Nord Ovest: effetto competitivit negativo (Nord America e Asia orientale) Mancanza di adattamento (Est Europa) Nord Est: effetto competitivit preponderante (Germania). Effetto struttura negativo per la riduzione del peso di Germania e Austria

Centro: effetto competitivit preponderante (Asia orientale, US, Brasile, Australia). Effetto struttura negativo per US e J Mezzogiorno: effetto struttura preponderante (Germania, UK, US e Svizzera). Effetto competitivit molto limitato (tenuta, grazie ai voli low cost)

Conclusioni
Lo scorso decennio il contributo del comparto turistico alla crescita del prodotto nazionale si azzerato. La spesa turistica internazionale ha ristagnato. diminuito il contributo dei paesi di lingua tedesca (famiglie - mare). La spesa dei turisti provenienti dai paesi extra-europei non ha compensato il calo. Le citt darte hanno registrato la performance pi positiva. La quota di mercato dellItalia diminuita. Lanalisi CMSA mostra come sia preponderante leffetto competitivit (specie per Germania e Giappone) Il modello di specializzazione internazionale del comparto ha fornito un ulteriore contributo negativo Non vi stato adattamento ai mutamenti intervenuti nella composizione della domanda mondiale.

15

Conclusioni
Cina, Corea de Sud, Australia, Singapore, Russia, Canada e India concentrano il 16% della spesa mondiale (il peso aumentato di 12 punti percentuali). La quota di mercato dellItalia in questi paesi stata, in media, del 2,4%, ed calata di 1,7 punti.

Grande potenziale di crescita: in paesi altrettanto lontani (US e Giappone) la quota dellItalia del 4-5%.

La spesa dei turisti tedeschi


18% 16% 14% 12%

Paesi europei non UE27 Spagna ITALIA

10% 8% 6% 4% 2% 0% 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010

Nuovi paesi UE27 Francia Turchia