Sei sulla pagina 1di 10

Yohimb-Yohimba-Yohimbehe

NOMI POPOLARI E INTERNAZIONALI Yohimb -Yohimba-Yohimbehe NOME BOTANICO Corynanthe Yohimbe K. Schum SINONIMI DEL NOME BOTANICO Pausinystalia Yohimba (K. Schum.) Pierre Pseudocinchona Yohimbe K. Schum. FAMIGLIA BOTANICA Rubiacee / Cinchonee DESCRIZIONE BOTANICA ALBERO GRANDE SEMPREVERDE CON GRANDI FOGLIE CORIACEERICURVE AI MARGINI E FIORI BIANCHI A OMBRELLE DROGA UTILIZZATA CORTECCIA ERBE SINERGICHE DAMIANA ELEUTEROCOCCO GINKGO BILOBA MUIRA PUAMA SANTOREGGIA MONTANA TOSSICIT MEDIA CONTROINDICAZIONI EFFETTI COLLATERALI: TURBE DEL SNC, TURBE DIGESTIVE E CARDIOVASCOLARI [IPOTENSIONE, TACHICARDIA, PRIAPISMO]. CONTROINDICATA NELLINSUFFICIENZA EPATICA, RENALE E NELL'IPERTENSIONE. LE DOSI TOSSICHE PRODUCONO GRAVI EFFETTI SUL CUORE E PARALISI RESPIRATORIA. NON USARE IN GRAVIDANZA AVVERTENZE QUESTA PIANTA RIENTRA NELLA LISTA DEL MINISTERO DELLA SALUTE PER L'IMPIEGO NON AMMESSO NEL SETTORE DEGLI INTEGRATORI ALIMENTARI QUALIT DELL'ATTIVIT FITOTERAPICA CONFERMATA PROPRIET AFRODISIACO (SPINALE-SACRALE) ook SPASMOLITICO CORONARICO +++ VASODILATATORE CORONARICO +++ SPASMOLITICO VIE RENALI E FAVORENTE LESPULSIONE DI CALCOLI +++ SIMPATICOLITICO +++ SPASMOLITICO NEUROTROPO SIMPATICOLITICO +++ SPASMOLITICO VIE RESPIRATORIE +++ PERISTALTICO INTESTINALE ++ STUPEFACENTE ++ PSICOSTIMOLANTE O PSICODISLETTICO ++ INDICAZIONI: IMPOTENZA SESSUALE ook IPERTENSIONE ARTERIOSA (IPOTENSIVO PERIFERICO) +++ ASTENIA SESSUALE +++ SPASMI E DOLORI SPASMODICI DI VARIA NATURA +++ ASTENIA O ESAURIMENTO E STRESS +++ NEVRALGIE (+) +++ FEBBRE O IPERTERMIA (+) ++ ESTRATTI: Yohimbe Tisana Decotto della radice per 10 min. 3 g in 150 ml di acqua Bere durante il giorno Yohimbe Tintura Madre Preparata dalla corteccia essiccata tit.alcol.65 XX gtt 3 volte al giorno

Disturbi della sessualit


a) terapia Medicina ufficiale. Primo approccio terapeutico sia per l'impotenza sia per la mancanza di orgasmo femminile l'individuazione dei fattori organici, farmacologici, eccetera, che le possono causare. In tal senso, ad esempio, si sostituiscono i farmaci considerati nocivi oppure, come nel diabete, si cerca sempre farmacologicamente di impedire o ritardare questa complicanza. Se per la donna non esistono farmaci specifici per il disturbo sessuale, per l'uomo, invece, vi sono alcuni metodi sia farmacologici sia chirurgici. Vediamoli. Farmaci. Microiniezioni di "prostaglandine" direttamente sul pene (sostanze aumentanti il flusso del sangue) il metodo pi comunemente usato e la persona che lamenta impotenza impara, 10-15 minuti circa prima del rapporto sessuale, ad iniettarsi la sostanza. E' questo un modo quasi sempre efficace per ottenere l'erezione dell'organo maschile e pressoch privo di effetti collaterali se si rispettano le dosi tante volte diverse da caso a caso. Le microiniezioni fra non molto potranno essere sostituite con microcapsule che iniettano le prostaglandine, attraverso una cannula, nel pene dal suo orifizio esterno. C' poi il famoso Viagra (SILDENAFIL) assumibile per bocca che sembrerebbe ben tollerato ed efficace soprattutto in uomini sofferenti di impotenza lieve o moderata. Questo farmaco agirebbe su di una particolare sostanza (un enzima) che aumenta l'afflusso di sangue al pene e l'efficacia (gli studi sono in corso) sarebbe nel 60-80 per cento dei casi. Gli effetti collaterali, per, possono essere: mal di testa, nausea, diarrea, vertigini, vampate di calore al viso, disturbi della vista. Altri farmaci sono in fase di sperimantazione: ne riparleremo quando i dati disponibili saranno sufficientemente approfonditi. Chirurgia. In alternativa ai farmaci esiste la "protesi" del pene, dispositivo che mima molto bene la naturalit dell'erezione salvaguardando le sensazioni della persona. L'operazione chirurgica si effettua con anestesia generale in day hospital e si pu fare a qualsiasi et. Cure psicologiche. Queste cure a volte sono mirate ad un semplice "sostegno" psicologico che accompagna le terapie con i farmaci oppure sono specifiche per il disturbo emotivo che si diagnostica come causa predominante. I terapeuti a cui rivolgersi sono medici specialisti in sessuologia, psicoterapeuti - psicosomatisti, psicologi, terapeuti della coppia, psicanalisti (presso gli ordini dei medici e quelli degli psicologi esistono elenchi di terapeuti abilitati). Vediamo brevemente tre tipi di intervento curativo psicologico. Psicoterapia breve. Incontri cadenzati con un terapeuta (medico - sessuologo, psicologo) finalizzati alla cura della perdita di sicurezza e/o dell'autostima, dell'ansia legata al rapporto sessuale, della depressione tante volte presente. Psicoterapia della coppia. Incontri con il terapeuta (in genere psicologo esperto di terapia di coppia) atti a sviscerare le problematiche appunto di coppia in cui l'impotenza o la mancanza di orgasmo rappresentano un "fenomeno" finale di una catena di eventi emotivi conflittuali extra - sessuali. Psicanalisi. Terapia finalizzata ad analizzare i vari aspetti della personalit di un'individuo sia consapevoli sia inconsapevoli (questi ultimi soprattutto attraverso i sogni, fantasie, immagini, associazioni libere) e le possibili conflittualit che portano a disturbi ansiosi, depressivi, anomalie di

comportamento, disagio esistenziale, eccetera, tutti molte volte presenti prima o concomitantemente il disturbo sessuale. Medicina alternativa. Nell'ambito delle cosiddette medicine alternative o parallele sono possibili numerose possibilit di intervento curativo riguardo i disturbi della sessualit. Vediamone qualcuno. a) Medicina cinese. Per questa antica medicina i disturbi sopradescritti sono originati principalmente dagli organi reni, depositari e propulsori appunto dell'energia sessuale insieme a parte dell'energia psichico - mentale. Questi organi possono ammalarsi energeticamente (pur avendo nella norma i valori dei comuni esami della medicina ufficiale) quando vi sono strapazzi fisici, psichici od anche sessuali, in situazioni perduranti da tempo di ansia, depressione o angoscia, in seguito a forti spaventi (incidenti, catastrofi naturali, violenze, eccetera) dopo esposizioni prolungate a freddo e umidit, nella convalescenza di lunghe malattie od in concomitanza a patologie croniche, infine, fisiologicamente nell'invecchiamento psico - corporeo. I sintomi che accompagnano l'impotenza o l'assenza di orgasmo (con anche il calo del desiderio) possono essere: colorito pallido; arti freddi; dolore o indolenzimento con debolezza nella regione lombare della colonna vertebrale e/o alle ginocchia; stanchezza sia fisica sia psichica; a volte diarrea soprattutto mattutina; urine pallide e frequenti; vertigini o sensazione di instabilit con talvolta ronzii auricolari (acufeni); eiaculazione precoce nell'uomo che a volte precede la vera e propria "disfunzione erettile"; non raramente gonfiori agli arti inferiori ed alle caviglie; palpitazioni con sensazione di non pote r respirare bene. Il principio terapeutico dunque quello di "rinforzare" e "riscaldare" la sorgente del "fuoco sessuale" utilizzando l'agopuntura, la dietetica (attraverso il privilegio di alcuni sapori su altri possibile tonificare gli organi del corpo), la moxa (bastoncini di erbe utilizzati per scaldare alcuni punti del corpo), decotti, in questo caso nel tardo pomeriggio, per circa un mese. b) Cura con le erbe. Nella tradizione erboristica sono numerose le erbe che hanno pi o meno veramente una funzione di stimolo dell'energia sessuale; vediamo quelle pi frequentemente utilizzate dal medico esperto di medicine naturali e soprattutto con buona efficacia. DAMIANA. Chiamata anche "turnera aphrodisiaca" appunto la pianta pi indicata per ristabilire il desiderio sessuale sia nella donna sia nell'uomo. La sua azione, soprattutto nell'uomo, si esplicherebbe con lo stimolo del centro nervoso dell'erezione localizzato a livello dell'osso sacro. L'erba indicata anche nell'affaticamento e nella debilitazione generale ed in alcuni casi di sterilit maschile e femminile ove non vi siano cause organiche. PANACE. E' un'"ombrellifera" molto comune e famosa nel Rinascimento anche per combattere la crisi depressive. L'infuso della radice con le foglie insieme a quello di zafferano una ricetta per combattere impotenza e frigidit nota fin dall'antico Egitto. SANTOREGGIA. E' il rosmarino selvatico chiamato propriamente "saturejan", nome derivante da "satiro" per indicarne appunto le qualit afrodisiache. E' un'erba da assumere con cautela perch provoca un effettivo aumento dell'energia in toto e dunque modicamente controindicata in chi soffre di crisi ansiose e di ipertensione arteriosa tant' che il suo utilizzo in genere associato ad altre piante "calmanti" la psiche come il biancospino, la valeriana, il tiglio. YOHIMBEHE. Grande albero della foresta equatoriale africana di cui si utilizza la corteccia per i disturbi sessuali insieme ad ipereccitabilit psichica, ipertensione

arteriosa, vertigini, vampate di calore. La sua azione appunto di dilatare i vasi sanguigni aumentando l'afflusso di sangue al pene od alla vagina. c) Omeopatia. Due sono le possibilit curative con l'omeopatia riguardo le disfunzioni sessuali: omeopatia classica ed omeopatia complessa. * Classica. Attraverso l'individuazione della personalit e delle caratteristiche corporee di una persona, l'omeopata cerca di svelare quando ed in che modo possa essere nato il disequilibrio alla base del disturbo, e la terapia con rimedi atti a riarmonizzare l'insieme mente - corpo risolvendo via via cos anche il sintomo. * Complessa. Recente differenziazione da quella classica (comunque sempre un riferimento anche qui) questo tipo di metodica utilizza da un lato anche strumenti diagnostici bioelettronici (come ad esempio il Vega test) e dall'altro pi rimedi, a volte associati fra loro, atti a riequilibrare l'organismo in toto agendo anche sui sintomi dei disturbi sessuali, in modo diretto. Ecco allora che la terapia pu essere attuata attraverso ovuli vaginali, pomate, olii, uniti a gocce, granuli, eccetera, utilizzando molte volte anche iniezioni intramuscolari o sotto cutanee. Vediamo comunque due componenti che spesso vengono utilizzati per le disfunzioni sessuali descrivendo brevemente le loro caratteristiche omeopatiche psico - somatiche. CONIUM MACULATUM. E' il rimedio per le persone con disturbi della sessualit accompagnati da malumore, depressione, misantropia, con a volte vertigini stando coricati o girandosi nel letto; la sessualit bloccata, il desiderio diminuito in genere sono conseguenti ad un relativamente breve periodo di ipereccitabilit sia psichica sia motoria. GELSENIUM. Rimedio per le "stanchezze" sessuali insieme a quelle fisiche e psichiche; nella tipologia omeopatica Gelsenium un "tipo" apatico, indolente, che "vuole essere lasciato in pace" alternando momenti di depressione ad altri di apprensione ed inquietudine nervosa soprattutto prima di esami, prove ed appunto rapporti sessuali (ansia di prestazione).

Si pu dare una definizione circa la natura degli afrodisiaci? Isabel Allende, nel suo libro Afrodita, ha cos parlato degli afrodisiaci: ".....a questo punto mi sento in dovere di confessare[...] che l'unico afrodisiaco davvero infallibile l'amore. Niente pu smorzare la passione che si accende tra due persone innamorate. In questo caso, le seccature dell'esistenza, il tempo che corre inesorabile, la goffaggine fisica o la penuria di occasioni non riusciranno a scoraggiare gli amanti, che troveranno sempre il modo di amarsi perch, per definizione, questo il loro destino. Ma l'amore, come la fortuna, giunge quando meno te lo aspetti. Ti scaraventa nella confusione e svanisce come la nebbia quando vorresti trattenerlo. Le sue propriet stimolanti sono quindi un lusso riservato a pochi fortunati, ma precluso a chi non stato trafitto dal suo dardo. E allora bisogna ricorrere alla variet, al secondo posto nella graduatoria dei pi potenti afrodisiaci". Che cosa sono gli afrodisiaci?

Il termine afrodisiaco deriva dalla dea greca dell'amore Afrodite, conosciuta dai romani come Venere. Per afrodisiaco intendiamo una sostanza, nel nostro caso naturale, capace di generare particolari stimoli erotici, di incrementare l'attivit sessuale e, in particolare nel maschio, di produrre l'erezione. Sono molte le sostanze (erbe, cibi, bevande) che la tradizione considera in grado di riaccendere la fiamma della sessualit, anche se, va precisato che, non mai stata provata una vera relazione scientifica tra gli afrodisiaci e il desiderio sessuale. Alcune erbe in particolare possono contribuire a ritrovare il giusto equilibrio nei rapporti sessuali, ma sicuramente l'afrodisiaco pi efficace costituito in primo luogo dall'intesa di coppia nonch dal suo grado di complicit. Come funzionano gli afrodisiaci? Dal punto di vista farmacologico, sono poche le sostanze dotate di una specifica attivit afrodisiaca, ma quelle pi potenti non sono certamente prive di effetti secondari, dal viagra alla cantaridina. Per quanto riguarda le erbe, l'estratto vegetale con maggior effetto afrodisiaco sicuramente lo Yohimbehe (Corynanthe yohimbe o Pausinystalia yohimbe). Esso contiene l'alcaloide yohimbina che provoca la vasodilatazione di tutta larea lombo-sacrale, genitali compresi. La controindicazione di maggior rilievo dello yohimbe quella di poter determinare uno stato di erezione permanente, il cosiddetto priapismo, doloroso e pericoloso, di conseguenza questa pianta non di nostra competenza. Esistono Erbe afrodisiache sicure? Vi sono sicuramente alcune erbe come la Maca delle Ande (Lepidium peruvianum), la Damiana (Turnera aphrodisiaca), la Muira Puama (Ptychopetalum olacoides). Il Ginseng (Panax ginseng) ed altre, che possono essere assunte su consiglio dell'erborista senza il rischio di poter incorrere in chiss quale effetto indesiderato. Yohimbe, Pausinystalia yohimbe, Corynanthe yohimbe Della pianta di yohimbe viene utilizzata la corteccia. L'albero di yohimbe originario del Camerun, contiene dal 2 al 5% di alcaloidi fra cui la yohimbina. Gli isomeri presenti manifestano attivit afrodisiaca, cos come la coriantina. Descrizione del Prodotto: Yohimbe: potente stimolatore della libido, stimolatore energizzante. un potente afrodisiaco sia per gli uomini sia per le donne. Pu essere usato per combattere limpotenza. Si dimostrato essere un efficace antiossidante. Aiuta a prevenire le ostruzioni nelle arterie. Aiuta nelle prestazioni sessuli e aumenta la libido. Si dimostrato utile nella prevenzione degli infarti.

sessuale

ed

Che cosa la yohimbe? La yohimbe una pianta originaria del Sud Africa, universalmente nota per le sue evidenti propriet afrodisiache. Viene estratta dalla parte interna della corteccia dellalbero tropicale dellAfrica occidentale (Corynanthe Yohimbe). Per secoli la corteccia allo stato puro stata usata come tonico per migliorare la potenza e il piacere sessuale.

Lo yohimbe stato scoperto e utilizzato per le sue qualit afrodisiache dai Pigmei e dai Boscimani dellAfrica Occidentale, dove cresce allo stato naturale. Le trib Bantu dellAfrica Occidentale la utilizzano ancora oggi per le sue evidenti propriet afrodisiache. Queste trib dellAfrica Occidentale lo usano anche per curare le febbri, la lebbra e le tossi. stato usato anche per dilatare le pupille, per le cardiopatie e come anestetico locale. Nel XIX secolo alcuni missionari tedeschi hanno scoperto lo yohimbe mentre si trovavano in Africa Occidentale e lo hanno portato in Europa, dove si diffuso molto rapidamente. Nel 1960, la Food and Drug Administration statunitense ha avviato sullo yohimbe varie prove per determinarne i suoi effetti come afrodisiaco. I ricercatori hanno scoperto che lo yohimbe era in effetti un potente ed efficace afrodisiaco, soprattutto per gli uomini. Questi studi hanno anche rilevato che lo yohimbe aiuta a innalzare il senso del tatto e trasmette sensazioni stimolanti lungo la spina dorsale. Lo yohimbe stato per anni uno dei pi comuni integratori sia per gli uomini sia per le donne. Quando viene ingerito, il corpo lo converte in yohimbina che viene assimilata nel flusso sanguigno. La yohimbina, un alcaloide, lingrediente attivo principale dello yohimbe. Chi dovrebbe assumere lo yohimbe? La sua popolarit si costruita non solo per i suoi effetti come afrodisiaco, ma anche perch le ricerche recenti hanno indicato che si tratta di un elemento erboristico con un forte potere antiossidante. Le ricerche hanno rilevato che un vasodilatatore, il che significa che aumenta il flusso sanguigno nelle estremit e nelle appendici. In altre parole, pu essere un efficace trattamento contro limpotenza maschile ed in grado anche di aumentare gli stimoli sessuali (libido) sia negli uomini sia nelle donne. Inoltre, si rilevato che lo yohimbe contribuisce a prevenire le ostruzioni delle arterie che sono allorigine di disfunzioni miocardiche o di infarti. Lo yohimbe non solo aiuta gli uomini ad aumentare le prestazioni sessuali e la libido e a prevenire gli infarti, ma si dimostrato anche utile per diminuire la sintesi dei grassi nel corpo aumentando la mobilit degli acidi grassi. Quali sono i riscontri scientifici a supporto? In uno studio in doppio cieco condotto su 182 uomini con disfunzione erettile, sono stati somministrati 42 mg/giorno di yohimbe . Nellarco di 1 mese, il 34% dei partecipanti allo studio hanno riportato un recupero totale delle funzioni sessuali e nel 24% si verificata una risposta parziale. In un altro studio condotto su 48 uomini con problemi di impotenza, il 46% ha assistito a un miglioramento delle funzioni sessuali; in uno studio condotto presso lUniversit di Stanford, nello Yorkshire, nel 90% dei soggetti sottoposti a studio, in meno di 1 ora si assistito a un aumento del desiderio sessuale. Infine, in un precedente studio del 1977 condotto in Germania, si sono somministrati 30 mg/giorno di yohimbe a 86 pazienti con disfunzione erettile per

un periodo di otto settimane. Il 71% dei partecipanti ha risposto con un miglioramento generalizzato della funzione sessuale e della libido. Chi dovrebbe assumere lo yohimbe? I soggetti che trarranno il massimo beneficio dallintegrazione di yohimbe sono quelli che soffrono di impotenza o di stati di depressione. Per non parlare dei culturisti o degli atleti che desiderano avere uno stomaco scolpito e/o un cuore sano. Qual il dosaggio consigliato? Vi sono effetti collaterali? Le persone che assumono lo yohimbe dovrebbero evitare alimenti contenenti tiramina, come i formaggi, il vino rosso o il fegato, che contengono tiramina. Sarebbe meglio evitare questi alimenti quando si assume lo yohimbe. Inoltre, si dovrebbe evitare lassunzione di alcuni antidepressivi come il Prozac in concomitanza con lo yohimbe, se non sotto stretto controllo da parte di un medico.

Provenienza: Africa Occidentale: Nigeria, Camerun, Congo Principio attivo: yohimbina, a-yohimbina, ?-yohimbina, allo-yohimbina, corinanteina. La yohimbina lalcaloide principale (nonch lalcaloide pi studiato) estratto dalla corteccia di Pausinystalia yohimbe dellAfrica occidentale. La qualit e la quantit di yohimbina nella corteccia altamente variabile, raggiungendo loptimum quali-quantitativo nella corteccia dei fusti principali. La stessa concentrazione di principio attivo soggetta anche a delle oscillazioni stagionali, essendo massima durante la stagione delle piogge e minima durante la stagione secca. Normalmente si utilizza la corteccia sminuzzata sciolta in acqua o alcool. La Pausinystalia yohimbe contiene fino al 6% di alcaloidi totali di cui il 1015% di yohimbina. Uso storico: tradizionalmente la Pausinystalia yohimbe (o yohimbe) viene utilizzata nel trattamento dellimpotenza maschile e nel trattamento di una vasta gamma di problemi di tipo vascolare. Il suo uso storico, tuttavia, quello che la vede impiegata come afrodisiaco. La pianta viene consumata polverizzando o macinando la corteccia, ed assunta come liquido, dopo che la stessa ha bollito in acqua assieme ad altre erbe. Uso attuale: lo yohimbe viene talvolta utilizzato dagli atleti per aumentare le proprie performance, nonch dai cantanti per ottenere maggior chiarezza del tono di voce durante le lunghe tournee. I consumatori occidentali ne ricercano soprattutto le propriet afrodisiache. possibile trovare ed acquistare yohimbe in capsule, s pesso in miscela assieme ad altre erbe (damiana, ginseng, guaran, Muira puama) su siti internet che vendono liberamente smart drugs. Il consumatore viene attratto dalle propriet afrodisiache pubblicizzate: .aumenta le sensazioni erotiche e sessuali, afrodisiaco e, potenzia il vigore sessuale.... Legislazione: in Italia n yohimbina, a-yohimbina, d-yohimbina, allo-yohimbina, corinanteina, n lintera pianta o parte di essa sono inserite nella tabella 1 di cui allarticolo 14 del DPR 309/90. La Finlandia, la Norvegia, lAustralia e il Canada hanno reso illegale la vendita ed il commercio dello yohimbe perch ritenuto pericoloso per la salute. Lo yohimbe non sottoposto a controllo negli Stati Uniti:

possibile infatti comprare, vendere, coltivare e possedere senza licenza o prescrizione lintera pianta o i suoi estratti. Qualora la pianta o i suoi derivati siano venduti come integratori alimentari, occorre che la vendita sia conforme alle leggi statunitensi relative agli integratori. Propriet farmaco-tossicologiche: la maggior parte delle ricerche che riguardano la Pausinystalia yohimbe sono state effettuate in realt sulla yohimbina, il principale alcaloide presente negli estratti della pianta. La yohimbina agisce da stimolante centrale e ad alte dosi pu esercitare un effetto ansiogeno. In uno studio condotto su volontari sani stato dimostrato che la yohimbina, somministrata per via orale, inibisce ex vivo laggregazione piastrinica indotta dalladrenalina. Nello studio il farmaco stato somministrato in singole dosi di 4, 8 e 12 mg. Leffetto antiaggregante stato osservato a partire dalla dose di 8 mg, mentre alla dose di 12 mg la sua durata risultata di almeno 10 ore. Nessuna delle dosi somministrate ha determinato variazioni della pressione ematica, della frequenza cardiaca o dei livelli plasmatici di catecolamine e glucosio. La yohimbina inibisce i recettori serotoninerigici periferici e, penetrando con facilit nel SNC, causa eccitazione, incremento dellattivit motoria, tremori e rilascio di ormone antidiuretico (ADH). La liberazione di ADH causa, a sua volta, ritenzione idrica, incremento della pressione ematica e della frequenza cardiaca. Tossicit: la dose tossica di tossina nell'uomo pari a 0,643 mg/Kg. Effetti avversi: gli effetti avversi associati alluso di yohimbina comprendono incremento della pressione ematica e della frequenza cardiaca, stati di ansia, sonnolenza e sintomi maniacali. Pi raramente causa piloerezione, rinorrea, riduzione della diuresi ed uno stato di eccitazione centrale generalizzato che si manifesta con incremento dellattivit motoria, agitazione, irritabilit e tremori. In alcuni casi sono state segnalate anche parestesie, difficolt a coordinare i movimenti e stati dissociativi. In letteratura riportato il caso di un uomo di 42 anni che, in seguito allassunzione di yohimbina per il trattamento dellimpotenza, ha sviluppato uneruzione cutanea eritrodermica accompagnata da insufficienza renale progressiva e da una sindrome simil-lupoide. In un altro paziente affetto da impotenza una reazione avversa caratterizzata da broncospasmo stata correlata allassunzione di yohimbina. Gli autori hanno ipotizzato che alla base del broncospasmo ci sia stato un aumento del tono colinergico con conseguente incremento delle contrazioni e delle secrezioni bronchiali. In un articolo apparso su Consumer Report (rivista scientifica ufficiale del sindacato dei Consumatori negli Stati Uniti) la yohimbina stata segnalata come potenzialmente pericolosa ed stata inserita in un elenco di dodici prodotti di origine vegetale associati allinsorgenza di importanti effetti avversi. Nel novembre del 2001 la FDA ha messo in guardia i consumatori dallassumere un integratore alimentare utilizzato per perdere peso contenente yohimbina ed altri principi farmacologicamente attivi (norefedrina, caffeina, diiodotironina ed usniato di sodio) poich sospettato di epatotossicit. Loverdose di yohimbina si manifesta con incremento della salivazione, midriasi, diarrea, ipotensione e con un effetto inotropo negativo. La morte pu sopraggiungere per insufficienza cardiaca. Il trattamento prevede lo svuotamento del tratto intestinale (induzione del vomito e/o lavanda gastrica), somministrazione di carbone attivato, trattamento dei disturbi del ritmo cardiaco, eventuale somministrazione di fisostigmina, somministrazione di elettroliti ed infusione di bicarbonato di sodio per trattare le eventuali acidosi metaboliche. Interazioni: la yohimbina pu interagire con numerosi farmaci causando reazioni avverse caratterizzate da ipertensione arteriosa, tremori, insonnia, palpitazioni e

ansia. In particolare interazioni possono aversi con: sibutramina, clonidina, morfina, naloxone, ACE-inibitori, Antagonisti recettoriali dellangiotensina, Betabloccanti, Calcio-antagonisti, Diuretici, Guanetidina, Guanfacina, Idralazina, Minoxidil, Reserpina, Metildopa, Carbamazepina, Litio, Acido valproico, Desipramina, Tiroxina, Clomipramina Sinefrina ed efedrina.

Yohimbe un'erba popolare che viene originalmente dalla Sudafrica e conosciuta universalmente come aphrodisiac eccellente. In effetti la corteccia interna dell'albero africano ad ovest tropicale Corynanthe Yohimbe. Per i secoli, la gente da queste regioni ha usato la corteccia grezza come tonico per aumentare il prowess ed il piacere sessuali. Yohimbine il farmaco sessuale di aumento con ulteriore effetto sistematico raggiungente: le palpitazioni cardiache e l'eccitazione con insonnia per fino a 30 ore possono accadere dopo l'ingestione persino della quantit piccola di yohimbine. Yohimbe stato uno dei supplementi pi popolari per gli uomini e le donne per gli anni. Una volta ingerito, il corpo lo converte in yohimbine e lo assimila nella circolazione sanguigna. L'alcaloide attivo, bitartrato di yohimbine, il componente di uniche medicine allopathic conosciute per causare la costruzione in maschi impotent e si avvicina al concetto di un aphrodisiac. Il bitartrato di Yohimbine interessa specialmente i nervi e cambia i regolatori di flusso di anima nella zona genitale. I testi medici non accennano mai che fa la stessa cosa alle donne, mostranti una negligenza tipica per la costruzione femminile. La corteccia di Yohimbe stimola le reazioni chimiche nel corpo che pu aiutare nei casi psychogenic de l impotence, dovuto affaticamento, tensionamento e lo sforzo. Gli studi clinici hanno indicato l'erba per essere efficaci nel ristabilimento della potenza nei pazienti del cuore e del diabetico che soffrono dal impotency. Nelle dosi elevate (magnesio circa 50 o pi al giorno), il yohimbine sembra ostruire sia un enzima denominato ossidasi di monoamine (MAO) che anche i neurotrasmettitori? specialmente dopamina e serotonina, che sono tutto il pensiero per svolgere un ruolo nell'effettuare la condizione impressionabile. Pausinystalia yohimbe: Yohimbina potente afrodisiaco
La Pausinystalia yohimbe una pianta che, grazie al suo alcaloide principale, la Yohimbina, viene utilizzata come potente afrodisiaco BOTANICA Parte utilizzata - Corteccia del tronco. Principi attivi - Alcaloidi (yohimbina) Attivit principali - Afrodisiaco Nome botanico - Pausinystalia yohimbe Nome comune: Yohimbe Famiglia - Rubiaceae Descrizione - Albero a foglie ovali, fiori biancastri con lobi prolungati radunati.

INFORMAZIONI Yohimbe una pianta popolare proviente dal Sud Africa ed conosciuto come eccellente afrodisiaco. La corteccia viene utilizzata dalle popolazioni di questa regione da secoli come tonico e afrodisiaco. Anche le moderne ricerche erboristiche si sono concentrate sulla parte interna della corteccia ottenendo ottimi risultati. Agli estratti di Yohimbe non vengono attribuite solo propriet afrodisiache, infatti alcune ricerche hanno dimostrato che la Yohimbina, il principale alcaloide contenuto, riesce ad avere effetti positivi anche sull' umore, sarebbe in grado di ridurre l'ansiet e la depressione, preverrebbe attacchi di cuore (mancano ancora conferme certe) e donerebbe altri benefici salutistici. Per quanto riguarda le dosi, un dosaggio sicuro varia da da 18mg a 100mg al giorno il quale dovrebbe essere diviso in tre o in quattro assunzioni. Propriet della Yohimbina: La Yohimbina l' alcaloide principale contenuto nella corteccia della rubiacea Coryannthe yohimbe. Questo alcaloide in grado di stimolare i comportamenti sessuali del sistema centrale e di produrre vasodilatazione a livello periferico. Indicazioni della yohimbina : La Yohimbina viene utilizzata nel trattamento di impotenza di origine organica o psicosomatica. Effetti indesiderati: Rari alle dosi consigliate. Tuttavia possono presentarsi i emicrania, insonnia, emicrania, ipertensione arteriosa, tachicardia e palpitazioni. E' ovviamente controindicaa in malattie di tipo epatico o renale. Attenzione deve essere fatta spasmi vascolari. Sulla Yohimbina Vedi anche AFRODISIACI su Rodiola.it seguenti sintomi: diarrea, vomito, gravidanza, nelle inoltre in caso di