Sei sulla pagina 1di 5

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE - Ing.

Fabrizio Paolacci - A/A 2012-12

STATI LIMITE DI ESERCIZIO:


1) VERIFICA ALLO STATO LIMITE DI APERTURA DELLE LESIONI Con riferimento alla trave indicata in figura, si effettui la verifica allo Stato Limite di apertura delle lesioni nel rispetto dellEC2. \ b
Pd s As 6m b0 h c

Dati trave Altezza sezione h= 60 cm Base inferiore sezione b0 = 25 cm Base superiore sezione b = 60 cm Spessore soletta s= 20 cm Copriferro c = 3.0 cm As = 4 26 = 21.11 cm2 Propriet dei materiali Calcestruzzo C25/30 Mpa Acciaio B450C Carichi esterni Carico distribuito di calcolo: Pd = 50 kN/m

Dati aggiuntivi Condizioni ambientali ordinarie Condizione di carico di tipo quasi permanente

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE - Ing. Fabrizio Paolacci - A/A 2012-12

SOLUZIONE 1. Caratteristiche meccaniche dei materiali Calcestruzzo Resistenza media a compressione Resistenza media a trazione Modulo elastico Acciaio Modulo elastico Coefficiente di omogeneizzazione
f cm = f ck + 8 = 33Mpa

f ctm = 0.30 3 Rck = 2.56 Mpa


2

Ec = 22.000 ( f cm / 10) 0.3 = 28960MPa

Es = 205000 Mpa n = 15

2. Caratteristiche della sollecitazione Momento Flettente Il carico fornito come dato gi di calcolo per cui non deve essere moltiplicato per nessuno coefficiente di sicurezza:
Pd

Mmax = PL2/8 = 225 kNm

3. Caratteristiche della sezione I STADIO La sezione considerata interamente reagente per cui per trovare lasse neutro della sezione occorre semplicemente valutare la posizione del baricentro geometrico della sezione a calcestruzzo (trascuriamo larea delle armature perch il loro contributo al momento statico pu ritenersi trascurabile): considerando la sezione suddivisa in tre rettangoli (vedi figura accanto) la ycI posizione del baricentro data dalla seguente espressione
G

yc

S = A
i i

ni

20 (17.5 + 17.5) 10 + 25 60 30 = 23.64 cm 20 35 + 25 60

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE - Ing. Fabrizio Paolacci - A/A 2012-12

dove Sni e Ai sono rispettivamente il momento statico rispetto alla fibra superiore e larea delli-mo rettangolo in cui stata suddivisa larea. Nel calcolo stato trascurato i contributo dellarmatura. Il momento dinerzia della sezione rispetto allasse neutro si valuta come somma dei momenti dinerzia dei tre rettangoli rispetto allasse neutro stesso: Momento dinerzia dei due rettangoli pi piccoli 1 J 1 = 35 20 3 + 35 20 ( 23.64 10) 2 = 153490 cm 4 12 Momento dinerzia del rettangolo maggiore 1 J 2 = 25 60 3 + 25 60 (30 25.76) 2 = 510750 cm 4 12 Il momento dinerzia al I stadio sar quindi dato dalla somma dei precedenti: JI = J1 + J2 = 664241 cm4 II STADIO Il calcestruzzo ora considerato non reagente a trazione per cui per trovare lasse neutro della sezione occorre valutare la posizione del baricentro geometrico della sezione parzializzata.

yc

ipotizzando la sezione come rettangolare con base b la distanza dellasse neutro dal lembo superiore si valuta annullando il momento statico della sezione parzializzata. Ci, come noto, porta alla seguente equazione
yc =
II

nAs b

bd 1 + 2 G 1 = 19.86 cm nAs

dove n il coefficiente di omogeneizzazione assunto pari a 15, dG la distanza dal lembo superiore del baricentro delle armature che nel nostro caso vale 57 cm. Poich yc risulta essere inferiore allo spessore della soletta lipotesi iniziale verificata. Il momento dinerzia della sezione al II stadio dato come noto dalla seguente espressione
1 3 1 2 J II = by c + nAs (d y c ) 2 = 60 19.86 3 + 15 21.24 (57 19.86 ) = 596133.80 cm 4 3 3

5. Calcolo Momento di Fessurazione Per il calcolo del momento di fessurazione si fa riferimento alla sezione al I stadio ad incipiente fessurazione. Si pu quindi adottare la formula di Navier considerando come modulo di resistenza a flessione quello della sezione omogeneizzata al I stadio relativo alla fibra tesa (nel caso specifico la fibra inferiore). Lo stato di incipiente fessurazione si valuta con riferimento alla tensione media di trazione ridotta di un coefficiente di sicurezza pari a 1.2

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE - Ing. Fabrizio Paolacci - A/A 2012-12

Mfess = WIIi fctm/1.2 = JI / ( h - ycI ) fctm/1.2 = 0.256/1.2 =

664241 0.256 = 3897kN cm 60 23.64 1.2

La trave, sotto lazione del carico uniformemente distribuito, risulta dunque abbondantemente al di la del limite di fessurazione. 5. Verifica dello stato limite di apertura delle fessure (EC2) La verifica dellampiezza delle fessure secondo lEC2 si effettua valutando lampiezza massima delle lesioni Wk che deve risultare minore di Wmax=0.3 mm (classe di esposizione XC3, condizione di carico di tipo quasi permanente vedi Tab 4.1.III) Wk 0.3 mm
Wk = ( sm cm ) s r ,max

dove

s kt sm cm =

f ct ,eff

eff
Es

(1 + e eff ) > 0 .6

s
Es

s r ,max = 3.4c + 0.425k1k 2

eff

la distanza massima tra le fessure

I simboli utilizzati nelle formule hanno il seguente significato

s = n
stadio

Md II (d y c ) J II

tensione nellacciaio nella sezione maggiormente sollecitata al II

e=Es/Ec k1 = 0.4 per barre ad aderenza migliorata k2 = 0.5 per sollecitazione di flessione eff percentuale geometrica darmatura rispetto alla cos detta Area efficace di cls, scelta come il minimo tra le seguenti tre quantit deff = 2.5 (h-d) = 2.5 (60-57) = 7.5 cm, deff = (h-x)/3=(60-19.86)/3=13.38, deff=h/2=30

dove h laltezza della sezione e d la distanza dal lembo superiore del baricentro delle armature Larea efficace data dal prodotto che nel caso in esame vale Aeff = b0 deff = 257.5 = 187.5 cm2 eff = As/Aeff = 21.23 / 187.5 = 0.11

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TRE FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE - Ing. Fabrizio Paolacci - A/A 2012-12

Le tensioni da utilizzare nellespressione della deformazioni media dellacciaio valgono

s = n

Md 22500 II (d y c ) = 15 (57 19.86) = 21.02 kN / cm 2 J II 596133.8

A questo punto possibile valutare lapertura media delle lesioni


0.256 (1 + 15 0.11) 21.02 0.11 sm cm = = 0.000875 > 0.6 = 0.00061 20500 20500 2.6 s r ,max = 3.4c + 0.425k1 k 2 = 3.4 3 + 0.425 0.8 0.5 = 14.22 cm eff 0.11 21.02 0.5

Infine si pu calcolare il valore caratteristico dellapertura delle lesioni: Wk = 0.000875 14.22 = 0.124 < 0.3 mm condizione verificata

5. Calcolo dellarmatura minima LEC2 al punto prescrive che oltre alla verifica dellampiezza della fessura si disponga nella trave un quantitativo minimo darmatura valutabile con la relazione seguente As min = k c k f ct ,eff Act

dove kc = 0.4 per flessione pura, 1 per trazione pura. Per il caso di presso flessione c un termine correttivo che diminuisce il valore di kc. fct,eff = 3 MPa k compreso tra 0.5 e 1. Si pu assumere cautelativamente 1 Act = area del cls nella zona tesa prima della fessurazione. Essendo in tali condizioni lasse neutro pari a 25.76 cm larea del cls teso pari allarea della sezione A=2200 cm2 diminuita dellarea del cls compresso pari a 1291 cm 2. Dunque Act = 909 cm2 s = tensione nellacciaio che pu assumersi pari a 0.9 fyk = 336.6 MPa Tale prescrizione non presente nella normativa italiana vigente (NTC08) In definitiva larea dacciaio teso da disporre nella trave deve essere superiore a As min = k c k f ct , eff Act = 0.4 1 0.3 909 = 3.24 cm 2 < As=21.26 cm2 33.66