Sei sulla pagina 1di 2

Progetto deccellenza 2012-2013

Spettroscopia e astrofisica
It is undoubtedly one of the most exciting times to be an astronomer Tim de Zeeuw, ESO Director General, 2012 venerd 5 ottobre
QUANDO ore 8.00 ore 8.30 entro le ore 9.00 ore 9.00-9.30 ore 9.30-11.00 ore 11.00-12.30 ore 12.30-14.00 ore 14.00-15.00 ore 15.00-17.00 ore 17.00-19.00 ore 19.00-21.00 ore 21.00-23.00 ore 23.00 Osservatorio Astronomico Osservatorio Astronomico Sala conferenze Sala conferenze DOVE Aosta Nus Ostello Sala conferenze Sala conferenze Sala conferenze ATTIVIT ritrovo di fronte alla Stazione ferroviaria di Aosta fermata a richiesta (da comunicare anticipatamente) arrivo allOstello e sistemazione benvenuto e presentazione delliniziativa Lo spettro continuo e le leggi del corpo nero Lo spettro a righe e la fisica atomica pausa pranzo in Ostello visita guidata alla struttura e osservazioni del Sole in Laboratorio Eliofisico I colori delle stelle (I): spettroscopia stellare I colori delle stelle (II): evoluzione stellare pausa cena in Ostello Una serata al telescopio osservazioni spettroscopiche in Terrazza Didattica (in caso di brutto tempo prevista unattivit sostitutiva) rientro in Ostello per il pernottamento D. Cenadelli, A. Bernagozzi A. Bernagozzi D. Cenadelli D. Cenadelli RESPONSABILE S. Occhipinti S. Occhipinti S. Occhipinti S. Occhipinti, A. Bernagozzi D. Cenadelli D. Cenadelli

sabato 6 ottobre
ore 9.00-9.30 ore 9.30-11.00 ore 11.00-12.30 ore 12.30-14.00 ore 14.00-15.00 ore 15.00-18.00 ore 18.00-18.15 ore 18.15-19.00 Planetario Sala conferenze Sala conferenze Sala conferenze Sala conferenze Sala conferenze Assegnamento del compito A ciascuno la sua stella Metodologie teoriche di analisi degli spettri stellari Elaborazione e classificazione degli spettri ripresi pausa pranzo in Ostello Il cielo sopra Saint-Barthlemy: lautunno *LECTIO MAGISTRALIS* 1962-2012: 50 anni di grandi scoperte in astronomia rilascio degli attestati di frequenza e certificazione delle competenze rientro ad Aosta con pullman riservato P. Pellissier A. Wolter S. Occhipinti, A. Bernagozzi A. Bernagozzi D. Cenadelli D. Cenadelli, A. Bernagozzi

Fondazione Clment Fillietroz - ONLUS Saint-Barthlemy Loc. Lignan, 39 11020 Nus Aosta Italy CF/P.IVA 01055080079 0165-770050 0165-770051 www.oavda.it info@oavda.it

Relatori del Progetto deccellenza 2012-2013


Andrea Bernagozzi*, fisico, ha conseguito il Master in Comunicazione della Scienza alla Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste. ricercatore allOsservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle dAosta per il progetto di ricerca sui pianeti extrasolari. Con Davide Cenadelli autore di Seconda stella a destra. Guida turistica al Sistema Solare (Sironi, Milano 2009). Davide Cenadelli, fisico, dottorato in Storia dellastronomia, ricercatore con borsa FSE allOsservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle dAosta per il progetto di ricerca sui pianeti extrasolari. autore dei volumi I colori delle stelle (Mursia, Milano 2001) e con Andrea Bernagozzi Seconda stella a destra. Guida turistica al Sistema Solare (Sironi, Milano 2009). Anna Wolter, fisica, dal 1991 ricercatrice allINAF-Osservatorio Astronomico di Brera a Milano. Dopo la laurea allUniversit degli Studi di Milano ha cominciato la sua carriera scientifica allo Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics di Cambridge, Massachusetts (USA). L ha contribuito alla costruzione di uno dei campioni di sorgenti X pi utilizzati, la Extended Medium Sensitivity Survey (EMSS), basata sui dati del satellite artificiale Einstein, e ha cominciato lo studio di tutte le tipologie di sorgenti che emettono raggi X, dalle stelle agli ammassi di galassie, dai nuclei galattici attivi noti come BL Lac allemissione diffusa. Attualmente studia le sorgenti Ultra Luminose in X (ULX), una classe di sorgenti che probabilmente ospita buchi neri massicci, di massa intermedia tra quella delle stelle e quella dei buchi neri supermassicci al centro delle galassie. Ritenendo che un approccio multibanda sia fondamentale per la miglior comprensione dei fenomeni astrofisici, ha ottenuto tempo osservativo con strumenti per indagare non solo lemissione in raggi X, ma anche quella ottica, radio e di raggi Gamma di varie sorgenti celesti. Ha pubblicato, come autrice principale o coautrice, oltre un centinaio di articoli su riviste con referee e circa altrettanti contributi a conferenze internazionali. Negli ultimi anni si dedicata anche allinsegnamento e alle attivit di didattica e divulgazione. In questultimo ambito, da qualche anno rappresenta il Punto di contatto per lItalia dellESO Science Outreach Network. Paolo Pellissier, laureato in matematica con indirizzo di studi orientato alla fisica-matematica e allastronomia, responsabile del Planetario di Lignan. Per conto della Fondazione Clment Fillietroz-ONLUS partecipa al progetto mondiale di ricerca nel campo della comunicazione della scienza Public Understanding of Astronomy, promosso e coordinato dallInstitut fr Avancerade Studier Strmstad Akademi in Svezia. Susanna Occhipinti*, geologa e insegnante, la referente per lArea matematica, scienze sperimentali, educazione ambientale dellAssessorato Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle dAosta-Ufficio Supporto Autonomia Scolastica (USAS) del Dipartimento Sovraintendenza agli studi. In questo ambito si occupa dellAttivit di promozione delleccellenza con lorganizzazione di Atelier delle scienze per gli studenti del quinto anno delle scuole secondarie di secondo grado della Regione.

*Coordinatori del Progetto deccellenza 2012-2013

Il Progetto deccellenza 2012-2013 organizzato dallAssessorato Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle dAosta-Ufficio Supporto Autonomia Scolastica (USAS) del Dipartimento Sovraintendenza agli studi in collaborazione con la Fondazione Clment Fillietroz-ONLUS, che gestisce lOsservatorio Astronomico della Regione Autonoma Valle dAosta (OAVdA) e il Planetario di Lignan. LOAVdA, impegnato fin dalla sua apertura, nel 2003, in attivit di didattica e divulgazione dellastronomia e dellastrofisica, dal 2006 partecipa anche a programmi di ricerca scientifica nazionali e internazionali. Nel 2009 stato affiancato dal Planetario, che ha ampliato lofferta formativa della Fondazione. LOAVdA e il Planetario si trovano a Lignan, frazione montagna del Comune di Nus (AO), a oltre 1600 m di quota nella Valle di Saint-Barthlemy. Si raccomanda pertanto un abbigliamento adeguato al clima. Se possibile, si invitano gli studenti a munirsi di torcia elettrica, preferibilmente con lampadina o vetro di colore rosso, da puntare verso il basso per illuminare la strada di notte senza disturbare le osservazioni eventualmente in corso.

Venerd 5 ottobre 1962 i rappresentanti dei governi di Belgio, Francia, Germania, Paesi Bassi e Svezia firmarono la convenzione per la costruzione nellemisfero australe di un grande osservatorio comune degli astronomi europei. Nacque cos lEuropean Southern Observatory (ESO), che venerd 5 ottobre 2012 celebra cinquantanni dalla sua fondazione. Oggi lorganizzazione europea per la ricerca astronomica nellemisfero australe conta quindici stati membri: lItalia ha aderito nel 1982. Il Progetto deccellenza organizzato in collaborazione con ESO Science Outreach Network-Italia per celebrare cinquantanni di grandi scoperte in astronomia: http://www.eso.org/public/outreach/50years.html

Pag. 2 -