Sei sulla pagina 1di 2

ASSOCIAZIONE CIVICA PORTA NUOVA – VASTO

www.portanuovavasto.it

COMUNICATO STAMPA 17 Settembre ’05

PUNTA PENNA: UNA QUESTIONE AMBIENTALE.

Il mistero delle emissioni inquinanti a Punta Penna. Anche quest’estate ne hanno


parlato i giornali; ma non è una novità. Si verificano ogni anno, per tutto l’anno, da
decenni. E neppure riguardano solo Punta Penna: sono avvertibili spesso sino alla
periferia della città. Dopo venti, trenta anni e più, restano ancora ufficialmente un
mistero: non se ne conosce la natura, l’intensità e (men che meno) la fonte. E’ il
mistero delle emissioni inquinanti di Punta Penna.
Una questione ambientale. Un mistero che, tuttavia, non sta da solo. Esso non è che
la punta emergente, il risultato ultimo di una situazione ambientale lasciata per
decenni, e tuttora, colpevolmente fuori controllo. Di una politica urbanistica, in
particolare, che senza colpo ferire ha lasciato accostare e convivere, in un fazzoletto
di terra, una zona residenziale, un insediamento industriale e un’area naturale
protetta. Perché questo possa accadere, e duri, occorre il consenso di tutta la classe
politica locale. Ma non basta. Occorre anche un sistematico occultamento della
verità; e una costante disapplicazione delle leggi. E’ precisamente ciò che sino ad ora
è accaduto; e che tenteremo, punto per punto, di illustrare.

1. Aria di Punta Penna. I primi –e sino ad ora unici- rilevamenti della qualità
dell’aria nella zona di Punta Penna sono stati compiuti dalla centralina mobile
dell’ARTA nel periodo tra il 14 Gennaio e l’11 Febbraio 2004. Ne avevamo già
parlato in alcuni comunicati precedenti; vale la pena di tornarci. La foto che
accompagna la relazione mostra il camioncino dell’ARTA acquattato dietro il muro di
cinta del faro, in modo da ricevere da questo il massimo schermo rispetto alla zona
industriale. Non solo: durante tutto il periodo dei rilevamenti, hanno dichiarato i
residenti, il cattivo odore era sparito1. “Non appena il furgone è ripartito, i miasmi
sono tornati. Ed è esattamente quello che temevamo2”. Se non è stata un’aperta presa
in giro, certo vi somiglia molto. Nonostante ciò, nei risultati ottenuti dai 29 giorni di
rilevamento vi sono alcuni dati interessanti:
1) Per il benzene: “in alcuni giorni i valori massimi si sono verificati nelle ore
notturne o nel primo mattino, soprattutto quando il vento spirava da Sud o da
angolazioni vicine”: il che è strano. Grave però è il dato che riguarda:

1
“Fino a quando nella zona è rimasto il furgone mobile dell’Arta, il fenomeno non si è mai presentato” (Il Centro,
19.5.04). Dichiarazioni ribadite su Il Centro del 12.7.04.
2
Il Centro, 19.5.04 .
2) lo stirene3. “Eccetto che in aree altamente inquinate,” scrivevamo lo scorso
Gennaio in un nostro comunicato citando l’OMS, “le concentrazioni di stirene
nell’aria ambiente sono in genere inferiori a 1 μg/m3”. “In un ambiente
urbano inquinato e nel raggio di 1 km da industrie che lavorano lo stirene, la
[sua] concentrazione può raggiungere i 20-30 μg/m3 [microgrammi al metro
cubo]”. In Piazza Verdi, a Vasto, l’ARTA ha rilevato una concentrazione media
di stirene pari a 9,6 μg/m3, con picchi fino a 24,7 μg/m3. A Punta Penna la
concentrazione media rilevata è stata quasi il doppio: 18,3 μg/m3, con un
massimo orario fino a 36,1 μg/m3.4
Nonostante le promesse dell’allora assessore Desiati5 non vi sono stati altri
rilevamenti.
Lo scorso 22 Febbraio la Giunta regionale aveva approvato6 -nell’ambito di un
faraonico programma regionale, il Piano regionale triennale di tutela e risanamento
ambientale 2005/2007- un consistente programma di spesa (27 milioni di euro) per
interventi nell’intera regione; per il solo settore “aria” sono stati stanziati 2 milioni e
800 mila euro. “Sono state previste azioni mirate e coordinate che verranno attuate
mediante la concessione agli enti locali di contributi fino al 70% delle spese
preventivate7”. Era prevista, in particolare, l’installazione di ben 4 centraline fisse nel
solo territorio di Vasto, e di 2 a San Salvo8 (nell’intera regione se ne prevedevano 88),
per una spesa complessiva di 150.000 euro, dei quali 105.000 finanziati dalla Regione
per “affidamento diretto in seguito a presentazione di progetto”.
“Una grande operazione politico-amministrativa sull’ambiente, la prima nella storia
della regione Abruzzo che in questo modo si pone all’avanguardia tra le regioni
italiane”, aveva dichiarato l’assessore Desiati9. Da allora del Piano si sono perse le
tracce. Ci piacerebbe avere notizie dall’attuale assessore regionale all’Ecologia,
Franco Caramanico, e dal capogruppo regionale dei Verdi, Walter Caporale, che in
altre occasioni si sono dimostrati sensibili al problema.

3
Lo stirene origina principalmente da attività industriali e, in misura minore, dal traffico veicolare. Le conoscenze su
questa sostanza non sono ancora tali, sostiene l’Organizzazione Mondiale della Sanità, da consentire di tracciare un
quadro certo della sua tossicità sull’uomo. Sono stati accertati effetti genotossici, neurologici e sullo sviluppo; non
ancora certa appare la sua cancerogenicità. Non sono stati ancora introdotti limiti di legge all’inquinamento da stirene.
4
A proposito dello stirene: qualcuno forse ricorderà che il fenomeno della cosiddetta nube tossica di San Salvo (a
proposito del quale è ancora in corso un procedimento giudiziario) fu all’epoca attribuito proprio all’emissione, dai
camini della Marelli, di vapori contenenti stirene. Ebbene, la prima rilevazione della presenza di stirene nella zona –da
cui tutto il resto si originò- proveniva da una relazione del Laboratorio di Salute Ambientale dell’Istituto Mario Negri
Sud: “Indagine analitica sui fenomeni di inquinamento atmosferico nel comune di San Salvo (Luglio-Ottobre 1994). In
essa si afferma testualmente che “è stato possibile stimare la presenza dello stirene nell'ordine delle decine di
nanogrammi per metro cubo”. Nella tabella allegata questa quantità viene ulteriormente precisata: “stirene (5-50
ng.)”. Questo è stranissimo. Si consideri, infatti, che un nanogrammo è pari a un miliardesimo di grammo; e un
microgrammo (μg) a un milionesimo. Espresso in nanogrammi, quindi, il dato medio rilevato a Punta Penna (18,3
μg/m3 ) darebbe la fantastica cifra di 18.300 nanogrammi: 366 volte maggiore del dato rilevato dal Mario Negri Sud a
San Salvo nel 1994. Sono cifre che fanno pensare. Tutti i tentativi che abbiamo compiuti fino ad ora per venire a capo di
questa incredibile stranezza –pur confermando le cifre- non hanno sortito a tutt’oggi esito alcuno.
5
“La prima cosa da fare, per valutare la qualità dell'aria nella città di Vasto ed essere credibili nelle affermazioni, è
programmare altri rilevamenti” (27 Gennaio 2005).
6
Regione Flash n. 7,”Tutela ambientale: Desiati, via libera a Piano di 27 mln”, 22 Febbraio 2005.
7
Ib.
8
Il Centro, 27.2.05; TRSP 24.2.05.
9
Regione Flash, cit.