Sei sulla pagina 1di 2

Or.S.A.

Organizzazione Sindacati Autonomi e di base

tel. fax sede az.le 081.772.2565 tel. fax Coord. 0823.796.771 Tel. fax RLS/ 081. 012.6649

Settore Ferrovie - Compartimento Circumvesuviana NAPOLI


http://nuke.orsacircumvesuviana.org

circumvesuviana@sindacatoorsa.it

COMUNICATO STAMPA
Con larrivo della stagione calda, cos i problemi della Circumvesuviana si moltiplicano e si accentuano, non basta che il personale di servizio sui treni sia costretto a lavorare in cabine di guida mal climatizzate, la cui temperatura interna, nella migliore delle ipotesi superiore di 5 a quella esterna (ma solo destate, perch dinverno linverso), con rilevazioni che in certi giorni hanno sfiorato i 50 C, succede invece che le temperature elevate fanno, anche e soprattutto, da catalizzatore a tutta una serie di situazioni, talvolta addirittura di rilevanza penale, da parte dei viaggiatori. I treni, specialmente quelli sulla linea Napoli-Sorrento e nei week-end, sono ostaggio di bande di vandali che, privi ovviamente di biglietto, durante il tragitto si sentono in diritto di rompere, tagliare o frantumare quanto capita alla loro portata, oltre a provocare gli altri esterrefatti viaggiatori, se non addirittura ad aggredirli fisicamente, se non sono impegnati in qualche rissa tra di loro. Ogni luned tiriamo le somme del fine settimana passato e siamo costretti a registrare decine e decine di treni vandalizzati, con un enorme dispendio economico e di personale impegnato ad arginare vanamente questorda barbarica, con la controlleria nelle stazioni oppure a lavorare fino a tardi nelle officine per poter ripristinare al pi presto il nostro, fin troppo ridotto, parco rotabile. Le istituzioni TUTTE (Regione Campania, Prefettura, Questura, Ente Autonomo Volturno), sono ben consapevoli di questa annosa, penosa, pericolosissima e ripetitiva situazione e, vengono periodicamente sollecitate ed invitate dal Sindacato Or.S.A. ad intervenire per poter prevenire questo scempio, ma purtroppo registriamo, come al solito, solo blandi interventi per arginare o gestire al risparmio i casi pi difficili. Registriamo poi un atteggiamento ostile ed in certi casi omertoso da parte dei viaggiatori che sono costretti aa assistere o a subire le violenze dei teppisti. Ostile perch essi accusano il personale della Circumvesuviana e non le Autorit di Pubblica Sicurezza di non sapere o di non volere in qualche modo bloccare questi delinquenti, attribuendo ai lavoratori un potere ed un compito che essi non hanno. Omertoso perch quando finalmente giungono le forze dellordine a supporto del personale, gli stessi viaggiatori che ne avevano reclamato lintervento a gran voce, non hanno il coraggio di denunciare ci che hanno subito o visto, chiedendo solo di poter proseguire il viaggio al pi presto, salvo poi ingiuriare poi il personale che aveva cercato di fare il proprio lavoro nel miglior modo possibile, sol perch ci ha causato ritardo al treno. Queste situazioni critiche si sommano poi alle altre gi note vicende aziendali negative, rendendo sempre pi pesanti le condizioni lavorative quotidiane ed

solo lalto spirito di sacrificio dei dipendenti della Circumvesuviana che consente allazienda di avere un servizio ferroviario adeguato. Denunciamo poi, un atteggiamento estremamente superficiale di alcuni giornalisti, giornali e siti internet di informazione, che si limitano a pubblicare, copiare e diffondere notizie non confermate e che ledono profondamente sia la professionalit che lonore di tutti i dipendenti della Circumvesuviana, un comportamento sicuramente di rilevanza penale, che ci riserviamo di valutare coi nostri legali, per poter difendere al meglio i lavoratori da questi figuri che, atteggiandosi a giornalisti, non cercano la verit ma solo lo scoop, dando unenorme rilevanza a dichiarazioni di persone alla ricerca dei loro 15 minuti di notoriet, e scatenando anche altre reazioni negative verso il personale da parte dei lettori pi sprovveduti, i quali credono ancora che tutto ci che si legge su certi giornali corrisponda al vero. Tutto quanto sopra esposto si ripete oramai ogni anno, a cominciare da Pasqua, in ogni giorno festivo fino alla fine dellestate, rimaniamo pertanto sempre negativamente e periodicamente colpiti dallatteggiamento passivo che le Aziende di Trasporto, la Prefettura, lAssessorato ai Trasporti, la Questura, hanno rispetto a questi fatti, eppure basterebbe un maggiore coordinamento, magari soltanto una maggiore visibilit delle forze dellordine per arginarli o almeno limitarli, per non poter poi parlare, di tragica fatalit, nel momento in cui dovesse capitare qualcosa di peggio.
Napoli 08.07.2012 Coordinamento Or.S.A.