Sei sulla pagina 1di 21

1

LE AVVENTURE
DI
BEATRICE
LA LAVATRICE

1
2

Cari ragazzi, quella che vi

sto per raccontare è una

storia un po’ speciale.

Vi parlerò della mia vita e del

pasticcio in cui un brutto

giorno sono finita.

Mi chiamo Beatrice e sono

una vecchia lavatrice.

1 2
3

Tanti anni fa, quando ero


giovane e molto bella, fui
esposta nella vetrina del
negozio di elettrodomestici.
Tutti i passanti si
fermavano per ammirarmi e
io mi sentivo importante
come una regina.
Un giorno, il signor
Consumoni e sua moglie

2 3
4

3 4
5

decisero di acquistarmi e
di portarmi nella loro casa.
Ero felice di stare con la
mia nuova famiglia e loro
erano molto orgogliosi di
me: nessuna lavatrice,
infatti, lavava come
Beatrice!!
I giorni, purtroppo,
passarono velocemente e

4 5
6

presto diventarono anni.


Io, intanto, cominciavo ad
invecchiare e, nonostante il
mio impegno, non riuscivo
più a lavare tutti i panni
della mia famiglia.
Ero molto preoccupata
perché sapevo che presto
mi sarei guastata.
Infatti, un brutto giorno,

5 6
7

il mio cestello non volle


proprio più girare.
La famiglia Consumoni decise
di acquistare una nuova
lavatrice e, non sapendo dove
mettermi, mi buttò in un
bosco lontano da casa.
Disperata e sola piansi tutta
la notte fino a quando, sfinita,
non mi addormentai.

7
6
8

Alle prime luci dell’alba, fui


svegliata da uno strano
rumore. Driin!! Driin!!
Impaurita cominciai ad urlare:
“Aiuto!! Aiuto!! Qualcuno mi
aiuti!!”. All’improvviso un
telefonino e una lampadina
sbucarono da un cespuglio.
Il telefonino mi sorrise e
disse: “Non gridare!! Non ti
vogliamo spaventare.

7 8
9

8 9
10

Mi chiamo Giannino e sono un


vecchio telefonino. Lei, invece,
è Dina, la mia amica lampadina.
Anche noi, proprio come te,
siamo stati abbandonati dai
nostri proprietari perché
troppo vecchi per poter
lavorare”.
“Davvero?!”risposi io sorpresa.
“E adesso” - sospirai - ” Cosa

9 10
11

“possiamo fare qui tutti soli


nel bosco?!!”.
“Non preoccuparti” - rispose
Dina sorridendo - “So che c’è
un posto dove raccolgono
tutte le apparecchiature
elettriche ed elettroniche”.
“E che cosa sono queste
apparecchiature?” la
interruppi io.

10 11
12

Ma come, non lo sai?! Siamo


tutti Noi: cellulari, lavatrici,
frigoriferi, sveglie, televisori,
computer, orologi, stampanti e
moltissimi altri!!” rispose Dina.
“Ma siamo tantissime!!”
esclamai. “Certamente” -
continuò Dina - “e quando
diventiamo vecchie ci
chiamano Raee.

11 12
13

Ma ora, possiamo essere


recuperate e da vecchi
oggetti ingombranti diventare
dei beni preziosi. Ci sono
infatti delle persone che ci
vengono a prendere alla
Piazzola Ecologica del Comune
e, dopo averci smontato,
utilizzano i nostri materiali
per fare cose tutte nuove!!

12 13
14

Pensa che vecchie lampadine


come me sono diventate delle
bellissime e luccicanti
piastrelle”.
“Allora” - gridai - “Che stiamo
aspettando?! Andiamo alla
Piazzola Ecologica!!”.
Io, Giannino e Dina partimmo
per questa lunga avventura.
Camminammo per ore ed ore e
durante il nostro viaggio
incontrammo molti altri amici
che decisero di seguirci.

13 14
15

14 15
16

Piano piano formammo una


lunga fila e la gente che ci
vedeva passare si fermava a
guardarci stupita e qualcuno
urlava: “Arrivano i Raee!! I
Raee!!”.
Attraversammo così tutta la
città quando all’improvviso
Giannino incominciò a saltare
e a gridare: “Siamo arrivati!!

15 16
17

Guardate!! Guardate! La
Piazzola Ecologica!”.
Eravamo tutti felicissimi.
Subito cercammo la nostra
postazione.
C’erano, infatti, delle grandi
casse: quella del vetro, quella
della plastica, quella della
carta, quella del legno…ed
infine, eccola lì, quella per i

16 17
18

Raee.
Adesso stiamo aspettando che
ci vengano a prendere alla
Piazzola Ecologica e non
vediamo l’ora di diventare
cose tutte nuove.
Prima però di salutarci, cari
ragazzi, voglio essere sicura
che abbiate capito che Noi,
vecchi oggetti elettrici ed

18
17
19

elettronici, non siamo solo


rifiuti.
Se recuperati, infatti, i
nostri materiali possono
essere utilizzati per fare cose
nuove e utili.
Quindi, ricordatevi di non di
buttarci nella spazzatura
comune ma portateci alla
Piazzola Ecologica.

19
18
20
Se, invece, acquistate una
nuova apparecchiatura
consegnateci al rivenditore
che sarà obbligato a
ritirarci.
Mi raccomando, Io e i miei
amici Raee contiamo su di
Voi!!!!

a t r i c e
e
B avatrice
L a L

19 20
21

Stampato in proprio.

Allegato al n. 12 anno VI di LegalinetNews,


periodico on-line, regolarmente registrato presso il
Tribunale di Milano in data 6 giugno 2001 con il n.
347.

Autori: Antonietta Vezzaro, Sonia Delli Santi,


Studio Legale Pasqualini Salsa

Stante la tutela del diritto d’autore, si informa


che chiunque ne tragga copia od utilizzi il materiale
pubblicato, senza aver ottenuto preventiva
autorizzazione, sarà perseguito nelle forme e nei
modi previsti dalla vigente normativa.

21