Sei sulla pagina 1di 2

Consuetudine e Trattato internazionale Corte internazionale di giustizia 1986 -caso Controversia nata tra il Nicaragua e gli Stati Uniti.

Dopo la caduta del governo il Nicaragua era retto da un governo di coalizione egemonizzato dal principale esponente del movimento di opposizione del regime precedente. Gli Stati Uniti dopo un atteggiamento inizialmente favorevole presero ad appoggiare gli oppositori del governo. Il Nicaragua conveniva gli Stati Uniti dinnanzi alla corte sostenendo che essi avevano violato norme di diritto internazionale generale che sancivano il principio del non intervento e del non utilizzo della forza armata. Ma la dichiarazione di accettazione della competenza della corte da parte degli USA la escludeva, in forza di una riserva, per le controversie nate da trattati multilaterali eccetto che la stessa non fosse stata accettata dagli Stati Uniti. La corte si riteneva competente sulla base di una consuetudine internazionale sul principio del non intervento ma doveva dimostrarne lesistenza. -la corte -lopjinio iuris degli stati coinvolti necessaria alla formazione della consuetudine confermata in quanto entrambi ammettono di conformarsi ad un obbligo giuridico internazionale oltre che convenzionale rispettando tale principio -la prassi della stessa corte conferma questo principio dato che sebbene non accettato da tutti gli stati comunque dalla generalit di questi stato applicato frequentemente. Dunque anche lelemento oggettivo soddisfatto Pu dunque concludersi che la corte pu giudicare in merito a tal caso. Ricerca sulla riserva Le riserve sono dichiarazioni di volont con cui uno stato dichiara di aderire ad un trattato a condizione che nei propri confronti non si applichino talune disposizioni del trattato oppure che a talune di esse venga attribuito il significato che con la stessa dichiarazione lo stato indica. Esse sono disciplinate dagli art 19 e 23 della convenzione di Vienna sui trattati e sono valide solo per i trattati multilaterali non per quelli bilaterali in cui gli interessi in gioco sono solo due e dunque si esige solo una proposta cui pu seguire da parte dellaltro stato unaccettazione o un diniego.

La finalit della stessa quella di favorire ladesione del maggior numero di stati. Essa pu essere apposta anche dopo la firma del trattato purch non entri in contrasto con loggetto o lo scopo dello stesso. Lo stato che vuole apporre una riserva ad un trattato ha un onere. Esso deve ratificare la volont di aderire al trattato a tale condizione. La riserva quindi non automaticamente efficace, gli altri stati, se ne traggono vantaggio, possono dichiarare la loro posizione a favore o contro la riserva espressa da un determinato stato che chiede tale riserva, pu quindi subentrare un contrasto tra lo stato che appone la riserva e lo stato che ne esterno. E individuato un termine, fissato a dodici mesi dalla notifica della riserva, se questo termine si oltrepassa senza che lo stato che ha ricevuto tale riserva non abbia espresso nulla in favore o in demerito, ossia non si sia espresso, significa che esso acconsente alla riserva altrui, quindi essa stata accolta.