Sei sulla pagina 1di 1

Circolo Didattico di Vinci – a.s.

2004-05 – Classe 1a

Diario di bordo – Un anno di scuola …

ITINERARIO MODULARE 1 – LA POSTA DEL CUORE

Il percorso sulla messaggeria ha riproposto l’itinerario modulare 1, con le fasi, le modalità


e i tempi di attuazione già sperimentate nelle classi I nei precedenti anni scolastici.

I FASE→ Motivare II Fase→Leggere per capire III FASE→Riflessione linguistica

All’interno di questo itinerario si è svolto il percorso comune con la scuola dell’Infanzia che
ha visto lo scambio epistolare e l’incontro diretto tra gli alunni delle classi I A- B- C della
scuola primaria di Spicchio e delle scuole dell’infanzia di Sovigliana e Spicchio.

Gli obiettivi previsti per le tre fasi di lavoro sono stati conseguiti in modo naturale, poiché
nella situazione reale, gli alunni di prima hanno dovuto produrre messaggi interagendo
efficacemente con i destinatari, hanno dovuto risolvere problemi pratici:
“…ma i nostri piccoli amici non sanno leggere…..Come facciamo?”
“…sì, ma una lettera senza parole che lettera è…..”
“…allora si possono mandare i nostri messaggi scritti sotto al disegno di quello che
si vuole dire…le loro maestre li aiuteranno a leggere….”
“…sì, e loro come ci risponderanno ?…Con i disegni perché alla scuola di S. si
disegnava tanto”
“…potrebbero mandarci una cassetta registrata con le loro voci…” “Sì,
sì….proponiamoglielo !….”

La partenza dei nostri ricchi plichi ha sempre alimentato speranze, puntualmente


gratificate dalle risposte: enormi buste contenenti messaggi iconici e verbali ed anche la
“famosa” cassetta con le voci registrate.
La scrittura per scambiare pensieri ed emozioni si è servita anche della moderna
tecnologia.
I bambini hanno battuto al computer alcuni loro messaggi a riprova di quante novità
avrebbero trovato i loro amici più piccoli nella scuola primaria!

Interessante è stato vedere come la riflessione linguistica nell’aspetto ortografico


dell’autocorrezione sia risultata assai più divertente se eseguita su PC, ma soprattutto
come sia stata ampiamente motivata dalla volontà di produrre messaggi corretti e ben
chiari.
La funzione di dare informazioni, ed anche quella persuasiva, sono state applicate nei
messaggi di invito presso la nostra scuola per incontrarci direttamente.
In quella occasione tutti i bambini hanno giocato e, come si erano promessi, si sono
reciprocamente raccontati le storie costruite e/o lette (funzione narrativa).