Sei sulla pagina 1di 138
ibroelrivolge a chi intend ‘ars allo studio della Meccanica ‘ia, in partcolare, agli student ni anni corso dolla Facolts ner ‘ima parte del testo si forniscono ‘nent fondamental di cinematica se el punto, del ergo ice temi a corpi gic, limitatamente ‘dimot pian, © una daseriziona stave dalle forze di interazione die tra oligo eMuido, ‘cond parte, tali concetti iizat per stare ta ginamica nsechina, qu intesa come sistema forma energia di vari tipo ‘18 meceanica. Dopo una parte Tinalzzata alla scritura femante moriologica principal organi ‘issione del mato. Taigemant tattati sano corredati ‘np! appllentvi ed esereai numeric ino tiferimento a maccaine tine utilzz0 (velco, macchine womento, robot et te dal testo eono dieponibill por tt sul sto nweratencantine,Ubrun of afferiscona al Dipartimento ‘neria Meceanica dal Politecnico rho, dave insagnane nel'ambito Aeccanica applicata, BO (ii) wrewemegrawe hilt ‘wwwsteneonline.it vwervwtryperbook.it isan T ii 2 A 1660832) 962 “19 eweunou > s/u0s uedco vy i ‘ Fondamenti di meccanica teorica e applicata Nicolé Bachschmid Stefano Bruni Andrea Collina Bruno Pizzigoni Ferruccio Resta McGraw-Hill wee 2 Prefazione 1 Introduzione 2 smatica del punto e del corpo rigido Cinematien del punto net piano Cinematiea del corpo rigido nel piano 221 Definizoni reative al movimento in un corpo 222. Definizione di corpo rigido 2.2.3. Gradi di liber del corpo rigid nel piano eclassificazione dei mot right 2.24 Ato di moto rigido piano 22.5. Velociti¢ accelerazion dei punti di un corpo rigido 22.6 Vineoli 23° Cinematica del punto: studio mediante § mot relatvi 23.1 Cinemalica del punto: metodo cartesiano eon mot relativi 23.2. Confronto con ’approccio con i numeri compless 24 Bsercizi 3. Cinematica dei sistemi di corpi rigici 3.1 Introduzione 3.11 Meceanismi e struture 3.12 Computo dei gradi dilbert di un sistema di corpi 3.1.3. Catene cinematiche apertee chiuse 32 Manipolatore piano R-R 3.3 Manovellismo ordinario centrato 3.3.1 Approssimzioni del primo e secondo ordine det moro ll piede di biella 33.2 Unesempio numericn: il motore della vestura Alfa Romeo GTV2000 (1971) 34 Alui sistemi antcotati 35 3.4.1 Quachilatero articolato 342 Cinematica del glifo oscillante Esercizi 4 Geometria delle masse 69 t 7 Dinamica della macchina a un grado di liberta 139 42. Baricentro di massa o 72 Laon, ate peieenpetanr gs fa aE 7.2.1 Carateristica meccanica di un motore i raemeaty laeeaa Gl nee a f ‘7.2.2 Caratteristica meccanica di un motore asincrono trifasc 144 Ash sero %6 { 7.2.3 Moore asincrono trifase azionato da inverter 145 ‘ . f 73° Lutilizzatore 45 Statica e dinamica dei sistemi di corpi rigidi 79 t 7A Lateasmissions 148 5.1 Equazioni cardinali dell statica oe 7.4.1. Espressione della potenza persa in condizioni 5.2. U principio dei lavori virtuali 80 r di moto diretto 149 52.1 Applcazion: asta su guide retilinee on | 742 Espressione della potenza pera in condzioni 5.3. Principio di D'Alémbert ed equazioni detia dinamica 83 f 7.4.3 Determinazione del flusso di potenza attraverso 3.3.1 Punto materiale 83 E Ia trasmissione 151 oe a cee | ea 76 Dinamica della macchina a regime e in moto vario 155 3A Realons el blerto delle poten - t 7.6.1 Condizioni di funzionamento in regime 156, 2 ee _ 7.7 Moto di un impianto di sollevamento catichi 157 eee 2 7.74 Panzionamento in salitadel'impianto 158 5.5.2 _ Cinetostatica del glifo oscillante 8 ' 7.8.1 Verifica dell’ aderenza tra pneumatici e strada 164 5.6 Bsercizi 99 : 7.82 Determinazione delle condizioni di regime 166 Azioni mutue tra element di machine 107 7.9 Dinamica longitudinale di un convoglio ferroviario wm Sait Up mabelin lementes ¢i unm a f 8.2.1 La machina alternativa come escmpio di machina 6.5 Azioni tra solido ¢ fii 120 | a regime periodico 203