Sei sulla pagina 1di 18

LA NUTRIZIONE PARENTERALE TOTALE ( N.P.T.

INDICAZIONI
Nella N.P.T. tutte le sostanze nutrienti di cui abbisogna lorganismo vengono somministrate direttamente nel circolo sanguigno, attraverso un catetere venoso centrale (c.v.c. ),ed in forma direttamente utilizzabile dai tessuti.

Descrizione del sistema e dei materiali


1. 2. 3.

Il sistema della N.P.T. costituito da 4 componenti: Sacca con la miscela dei


nutrienti.

Catetere,inserito in una vena


di grosso calibro

Deflussore, tubo di

collegamento tra la sacca e il catetere

4.

Dispositivo che regola la velocit di infusione della


miscela nelle vene (pompa infusionale o altro tipo di dispositivo ).

Posizionamento del
C.V.C.
Per poter attuare la N.P. necessario posizionare la punta del catetere nella vena cava superiore dove il sangue corre velocemente consentendo alle sostanze nutritive presenti nelle miscele di diluirsi rapidamente. Le vene pi utilizzate sono: la v. succlavia e la v. giugulare interna. Raramente viene utilizzata la v. cava inferiore,alla quale si accede attraverso la v. femorale.

Il deflussore

in materiale plastico e raccorda la sacca al catetere. Le parti che compongono il deflussore sono: Perforatore da inserire nella sacca Camera di gocciolamento Morsetto di chiusura Parte intermedia da inserire nella pompa (se prevista) Punto dingresso laterale Raccordo per il catetere o per lago di Huber

I cateteri percutanei non tunnellizzati

Sono quelli normalmente utilizzati in ambiente ospedaliero. Rispetto ai tunnellizzati, mancano della parte intermadia e possono non essere dotati di morsetto di chiusura; possono essere a singola via o a pi vie ( bilume , trilume ).

Regolatori di flusso

Sono dispositivi a regolazione manuale, da inserire tra deflussore e catetere, consentono di controllare la velocit dinfusione della miscela. Sono imperfetti,il loro controllo risente della quantit di miscela presente nella sacca e della posizione del soggetto durante linfusione. Sono tuttavia utili poich evitano linfusione della miscela ad una velocit involontariamente elevata.

I cateteri totalmente impiantabili

Sono a totale scomparsa sotto la cute della parete anteriore del torace. Anche questo tipo di catetere costituito di 3 parti

1.

Una piccola camera posizionata sotto la cute della parete toracica anteriore. La camera di forma semiconica, di materiale metallico, chiusa sul lato sottocutaneo da una membrana di silicone. La miscela nutrizionale viene infusa nella camera per mezzo dell ago di Huber che attraversando la cute, punge la membrana. Lago di Huber garantisce lintegrit della membrana che pu essere perforata con questo per circa 2.000 volte

I cateteri totalmente impiantabili


2 Una parte sottocutanea costituita da un tubicino in silicone, che va dalla camera fino al punto di ingresso nella vena di grosso calibro.

3 Una parte intravascolare, del tutto simile a quella descritta per il catetere percutaneo

I cateteri totalmente impiantabili

Lago di Huber presenta forma particolare: ripiegato con un angolo di 90, per consentire di pungere la membrana del catetere in modo perpendicolare; lungo la via, esso dotato del morsetto che ne consente la chiusura, quando necessario; allestremit esterna ha il punto di raccordo con il deflussore.

Prevenzione delle infezioni da catetere

Nellintrodurre un c.v.c. si viene a formare una comunicazione tra ambiente esterno e circolo ematico,che costituisce un fattore di rischio per il passaggio di microrganismi nel sangue, quindi per lo sviluppo di infezioni. Occorre porre in atto tutte le misure per evitare che i microrganismi contaminino i punti del sistema attraverso cui possono entrare nel sangue: catetere,deflussore,raccordi o connessioni, infusioni e materiale duso. La corretta gestione della linea dinfusione da parte del personale infermieristico larma fondamentale per la difesa delle infezioni da catetere

Punti dingresso dei microrganismi

Punti dingresso dei microrganismi

Il catetere venoso centrale

Tipi di catetere
C.V.C. monolume C.V.C. multilume Catetere non tunnellizzato Catetere tunnellizzato Port totalmente impiantabile

Materiale del C.V.C.


Polivinilcloruro Polietilene Poliuretano Silicone Cateteri medicati: antibiotici disinfettanti

Inserimento del C.V.C.

Reparto operatorio

Reparto di degenza

Gestione del C.V.C.


Tipologia di medicazione Tempo Materiali e presidi disponibili Esperienza del personale N di infermieri per turno

Protocollo di gestione del C.V.C.


Lavaggio chirurgico delle mani Cure igieniche al paz. Prima di posizionare un c.v.c. Cambio della biancheria prima di posizionare un c.v.c. La tricotomia, se necessaria La medicazione effettuata da 2 infermieri 30 minuti prima della procedura dellinserimento applicare Emla

Segni e sintomi dellinfezione


Aumento della T.C. con brivido Aumento della F.C. Segni di infiammazione del sito dingresso del c.v.c. Identificazione del microrganismo