P. 1
La Caduta Libera - per

La Caduta Libera - per

|Views: 241|Likes:
Published by Adele Pinto

More info:

Published by: Adele Pinto on Jun 02, 2012
Copyright:Attribution Non-commercial

Availability:

Read on Scribd mobile: iPhone, iPad and Android.
download as DOC, PDF, TXT or read online from Scribd
See more
See less

06/02/2012

pdf

text

original

Archive All • Download Newest

Adele's e-textbook
Il moto di caduta libera - Fisica e realtà ebook.scuola.zanichelli.it Cinematica digilander.libero.it Esercizi di fisica webalice.it Archive All • Download Newest Become an Instapaper Subscriber for just $1/month to get up to 50 articles at a time and support Instapaper’s development. Visit the Account section of Instapaper.com to subscribe.
Il moto di caduta libera - Fisica e realtà

ebook.scuola.zanichelli.it • Archive • Like & Archive • Like

Il moto in una dimensione Il moto di caduta libera L’accelerazione di gravità
Il moto di un oggetto lasciato cadere verso il basso è influenzato dalla presenza dell’aria. Infatti l’aria oppone una resistenza al moto che dipende dalla forma dell’oggetto: un foglio di alluminio cade molto più lentamente di un foglio identico ma appallottolato. Con una serie di esperimenti che segnano l’inizio della fisica moderna, Galileo Galilei (15641642) dimostrò che le differenze fra i moti di caduta dipendono solo dalla resistenza dell’aria. Infatti quando la resistenza dell’aria è trascurabile, tutti i corpi cadono con la stessa accelerazione g, detta accelerazione di gravità. Sulla superficie terrestre l’accelerazione di gravità è (con due cifre significative): g = 9,8 m/s2 In realtà il valore di g cambia da punto a punto, perché dipende fra l’altro dall’altezza del punto sul livello del mare e dalla sua latitudine. Sulla superficie terrestre g è compreso fra 9,78 m/s2 e 9,83 m/s2; nei calcoli useremo sempre il valore 9,8 m/s2.

r1f_07.jpg Il moto in una dimensione
Il moto di caduta libera

Accelerazione in unità g

Possiamo renderci conto se una velocità è grande o piccola confrontandola con una velocità nota, come quella che abbiamo quando camminiamo (circa 5 km/h = 1,4 m/s), corriamo (circa 25 km/h = 6,9 m/s) o procediamo in autostrada alla massima velocità consentita (130 km/h = 36 m/s). Per valutare un’accelerazione, possiamo confrontarla con l’accelerazione di gravità g. Per esprimere l’accelerazione a in unità g basta dividere a per 9,8 m/s2.

1Nella partenza dei 100 m gli atleti accelerano a 7 m/s2: a=7m/s2  ag=7m/s29,8m/s2=0,7g shutterstock_61089607.jpg 2Nelle frenate più impegnative della Formula 1 si registrano decelerazioni di −50 m/s2: a=−50m/s2 ag=−50m/s29,8m/s2=−5,1g shutterstock_65095834.jpg shutterstock_61089607.jpg shutterstock_65095834.jpg Il moto in una dimensione
Il moto di caduta libera

La caduta libera
In questo capitolo trascuriamo la resistenza dell’aria, per cui il moto di caduta di un corpo ha luogo con accelerazione costante g. Anche un corpo lanciato verso l’alto o verso il basso effettua un moto con accelerazione g. In generale si dice che un corpo è in caduta libera quando durante il moto è sottoposto alla sola accelerazione di gravità. Per studiare un moto di caduta libera basta quindi applicare le formule del moto rettilineo uniformemente accelerato. In genere si sceglie un sistema di riferimento in cui la posizione del corpo è riferita a un asse verticale con l’origine a livello del terreno. Il senso positivo dell’asse è diretto verso l’alto e quindi l’accelerazione g è sempre negativa, mentre la velocità del corpo è positiva quando il corpo sale e negativa quando scende.

MindbuildingSimmetrie del moto di caduta di un corpo lanciato verso l’alto
Consideriamo un corpo lanciato verso l’alto dalla quota s0 = 0 m con velocità v0. 1La sua legge oraria è: 2Il corpo è in caduta libera, cioè è soggetto all’accelerazione di gravità g, e la sua legge velocità-tempo è: s=v0t−12gt2 v=v0−gt cap_01_f54_p24.jpg cap_01_f55_p24.jpg A causa dell’accelerazione di gravità la velocità del corpo, inizialmente positiva, diminuisce progressivamente, fino a quando si annulla nel punto più alto della traiettoria. Ciò avviene all’istante di tempo t tale che 0=v0−gt cioè tS=v0g In quell’istante, il corpo raggiunge la massima altezza: s=v0v0g−12g(v0g)2=v202g Per calcolare a quale istante il corpo tocca terra, cioè quando torna nell’origine del moto, poniamo s = 0 m nella sua legge oraria: 0=v0t−12gt2 Raccogliamo t e scriviamo l’equazione nella forma:

t(v0−12gt)=0 Le due soluzioni sono t = 0 s, che corrisponde all’istante iniziale, e t = 2v0/g. Notiamo che quest’ultimo è il doppio del tempo ts = v0/g necessario per arrivare alla massima altezza, quindi la discesa dura: tD=2v0g−tS=2v0g−v0g=v0g Come si poteva prevedere, il tempo di salita è uguale al tempo di discesa. Per calcolare la velocità con cui giunge a terra, inseriamo nella legge velocità-tempo il valore t = 2v0/g: v=v0−g2v0g=−v0 Il corpo arriva a terra con una velocità che ha lo stesso modulo di quella iniziale ma verso opposto. In generale in ogni punto della sua traiettoria la velocità del corpo ha lo stesso modulo in salita e in discesa. Per dimostrarlo utilizziamo la (9) con a = g: v2=v20−2gs Per ogni data posizione s, l’equazione ha due soluzioni v=±v20−2gs−−−−−−−  che hanno lo stesso modulo e segno opposto: la velocità di salita è positiva, mentre quella di discesa è negativa. ebook.scuola.zanichelli.it • Archive • Like & Archive • Like Cinematica digilander.libero.it • Archive • Like & Archive • Like

Cinematica
Caduta libera
Un tipico esempio di moto uniformemente accelerato è il moto di un corpo in caduta libera. In particolare, ogni corpo in caduta libera nel vuoto e sulla superficie terrestre cade con accelerazione costante e pari a g = 9.8 m / s2. Questo significa che la velocità di un corpo aumenta di 9.8 m / s che equivalgono a circa 35 km / h per ogni secondo di caduta libera: in 5 secondi un corpo in caduta ha raggiunto la velocità di ben 175 km / h. L’accelerazione g = 9.8 m / s2 di un corpo in caduta libera è detta accelerazione di gravità ed è indipendente dalla massa, ossia è la stessa per tutti i corpi. Come vedremo meglio nelle prossime lezioni, la situazione cambia se invece del vuoto consideriamo un fluido viscoso: in tal caso infatti dobbiamo considerare anche gli attriti, le accelerazioni diventano minori e le caratteristiche del moto vengono a dipendere dalla massa del corpo. La situazione cambia anche se consideriamo pianeti diversi dalla Terra. Infatti vedremo che l’accelerazione di gravità dipende dal raggio e dalla massa del pianeta che si prende in considerazione. Moto uniformemente accelerato ‘); //—> digilander.libero.it • Archive • Like & Archive • Like Esercizi di fisica webalice.it • Archive • Like & Archive • Like

Vai ai contenuti Esercizi di fisica
In questa pagina trovate verifiche ed esercizi svolti per la fisica del Liceo Scientifico. Esercizi sul moto rettilineo uniforme

Esercizi sul moto uniformemente accelerato (23 maggio 2011) (20 aprile 2011) con (12 aprile 2011) con (11 aprile 2011) con e (21/03/2011) con (06/03/2011) con (28/02/2011) con (21/02/2011) con con - formule per il moto parabolico; legge oraria del moto parabolico; equazione della traiettoria parabolica; tempo di volo; altezza massima raggiunta dal proiettile; angolo di lancio; velocità nel moto parabolico. Problema con un tuffatore di Acapulco; pallone calciato con un angolo di 30 gradi; gittata orizzontale; gittata massima; record da battere per il lancio del peso; problema di Guglielmo Tell; velocità minima che consente ad una palla di superare un muro; Pierino tira con la fionda ad una mela che cade dall’albero; pallone che rimbalza contro un muro; massima gittata su un piano inclinato; applicazione della parabola di sicurezza. (17/01/2011) con - Quesiti sui grafici posizione-tempo e velocità-tempo, sullo spazio di frenata di un’auto che viaggia a 150 km/h e sul moto di caduta di una pallina di gomma lanciata verso il basso da un balcone alto 20 m. Problema 1: Un’auto parte da ferma e percorre 360 m con accelerazione costante, successivamente prosegue a velocità costante. Sapendo che dopo 1 minuto dalla partenza lo spazio totale percorso è pari a 1,8 km, si determini l’accelerazione iniziale dell’auto. Problema 2: Un sasso viene lasciato cadere dal punto più alto di una torre. Sapendo che nell’ultimo secondo percorre 5/9 dell’altezza della torre, quanto è alta la torre? (20/12/2010) con 1) Un’auto parte da ferma e raggiunge in 10 s la velocità di 108 km/h; successivamente percorre a velocità costante i successivi 1500 m; infine frena fino ad arrestarsi con accelerazione a = - 5 m/s^2. Si determini: a) quanta strada ha percorso l’auto; b) la sua velocità media. 2) Una pallina da tennis viene lanciata verso l’alto da un terrazzo alto 12 m; sapendo che raggiunge la quota massima (rispetto al suolo) di 20 m, si determini: a) la velocità iniziale della pallina da tennis; b) il tempo impiegato per raggiungere la quota massima; c) la velocità con cui giunge al suolo. 3) Alice e Barbara stanno passeggiando una incontro all’altra in un parco pubblico. Charlie, il cane di Alice, appena vede Barbara, corre alla velocità di 18 km/h verso di lei e la raggiunge; appena raggiunta Barbara, torna indietro e raggiunge la sua padrona, correndo sempre a 18 km/h. Sapendo che, quando Charlie inizia a correre verso Barbara, le due amiche sono distanti 80 m e che camminano entrambe ad una velocità di 5, 4 km/h, determinare: a) l’istante e la posizione in cui Charlie raggiunge Barbara; b) l’istante e la posizione in cui Charlie raggiunge di nuovo Alice. 4) Una biglia A viene lasciata cadere da un’altezza h; nello stesso istante e dalla stessa altezza viene lanciata verso il basso una seconda biglia B con velocità iniziale pari a 20 m/s. Sapendo che la biglia A raggiunge il suolo 1,00 s più tardi dell’altra biglia, si determini l’altezza h.

(13/12/2010) - grafico posizione-tempo; grafico velocità-tempo; grafico accelerazione-tempo (29/11/2010) con - legge oraria per il moto di caduta di un grave; formule per il moto di caduta libera; altezza di una torre dato il tempo di caduta di un grave; grave lanciato verso l’alto; grave lanciato verso il basso; altezza massima raggiunta da un grave lanciato verso l’alto; velocità di impatto con il suolo; legge di Galileo dei numeri dispari; calcolo dell’altezza di una rupe a picco sul mare (tenendo conto della velocità del suono); problemi sul lancio di due sassi. (29/11/2010) con con - calcolo della velocità iniziale di un corpo che triplica la velocità in un tratto di 200 m; calcolo dei riflessi di un pilota; esercizio sul grafico velocità-tempo; velocità media; moto vario con accelerazione iniziale, velocità costante (da determinare) e frenata finale; calcolo dell’accelerazione di un corpo conoscendo la sua velocità iniziale e gli istanti di passaggio da due punti distanti 6 m. con - grafico velocità-tempo; calcolo dell’accelerazione; applicazione delle formule per il moto uniformemente accelerato; calcolo dello spazio di frenata; problema: un treno lungo 200 m parte dalla stazione e attraversa una galleria lunga 150 m; problema: un treno A inizia a frenare per evitare di tamponare un treno B che si muove a velocità costante. (8/11/2010) con - formule del moto uniformemente accelerato; legge oraria del moto rettilineo uniformemente accelerato; spazio di frenata; caduta di un grave; tempo di caduta; velocità di impatto; problemi di cinematica (18/10/2010) con - due treni si vengono incontro; gatto che insegue un topo; padre che va a riprendere il figlio dopo l’allenamento; problema con la velocità media; calcolo della profondità di una mina sottomarina fatta esplodere; velocità del suono nell’aria e nell’acqua. (14/10/2010) con - gara sui 200 metri piani; esercizio sulla velocità media; sfida tra due piloti di formula uno; polizia che insegue un ladro (problema di inseguimento); uno studente si dimentica il libro di fisica e torna a casa per riprenderlo; Dante rincorre Beatrice dopo un litigio; problema di incontro tra uno scooter e un’auto; un professore un po’ distratto non trova la carta di credito e parte in ritardo. (4/10/2010) con (25/10/2007) con (23/11/2006) (24/03/2007) (26/03/2007) (03/12/2011) (23/11/2011) (18/11/2011) (25/11/2011) con

con con (30/01/2008) - massa di un cubo di marmo; densità del ferro; conversioni; calcolo della densità e sua incertezza; numero teorico di persone che possono entrare nella Torre di Pisa; copia della Tour Eiffel a Las Vegas; volume di matrioske; densità media del mantello e della crosta terrestre a partire dalla densità del nucleo della Terra e dalla densità media della Terra (24/01/2008) - calcolo della densità e sua incertezza; conversioni da una unità di misura ad un’altra; massa di un cubo di ferro; massa della Terra; calcolo del volume di un corpo osservando l’innalzamento del livello dell’acqua in un cilindro; cilindri di materiali diversi in scala (4/02/2008) (19/02/2008) (19/11/2007) (3/03/2008) - densità del marmo; conversioni; massa di una statua di marmo; statue in scala e relazione tra le loro masse; raggio della Terra, raggio del Sole; densità del Sole, densità della Terra; rapporto tra la massa della Terra e la massa del Sole; problema con una sfera cava; recipiente a forma di cono da riempire con olio (26/05/2008) (27/05/2008) (30/10/2007) (5/03/2008) - temperatura di equilibrio; calore specifico; calorimetro di alluminio; equivalente in acqua di un calorimetro; problemi sulla dilatazione termica (23/04/2008) (12/02/2008) (31/05/2008) (21/05/2008) - legge di Snell per la rifrazione; indici di rifrazione; angolo di incidenza e angolo di rifrazione; calcolo dell’angolo limite nel passaggio vetro-acqua; velocità della luce nel vuoto; velocità della luce nel vetro; fenomeno della riflessione totale; pesce che osserva i piedi di un pescatore; spostamento di un raggio luminoso dopo il passaggio attraverso una lastra a face piane e parallele (23/10/2007) (3/03/2008) - velocità angolare, velocità scalare, modulo dell’accelerazione centripeta; orbita di uno

shuttle; sasso che ruota legato ad una corda; corpi che si muovono su una circonferenza (28/02/2008) - periodo del moto delle pale di un ventilatore; rapporto tra il modulo dell’accelerazione centripeta e il modulo della velocità vettoriale istantanea; cavallucci montati su una giostra a diversa distanza dal centro; vettore posizione; velocità vettoriale media; accelerazione vettoriale media; accelerazione vettoriale istantanea; modulo dell’accelerazione centripeta in funzione della frequenza f e del raggio R; calcolo del modulo dell’accelerazione centripeta della Terra nel suo moto intorno al Sole (24/11/2007) - definizione di pressione; pressione atmosferica; barometro di Torricelli; applicazione della Legge di Stevino; fori su una bottiglia; vasi comunicanti; pressione a 50 metri di profondità in mare (13/02/2008) - formula per la dilatazione termica lineare; gradi Celsius e gradi Fahrenheit; coefficiente di dilatazione lineare; coefficiente di dilatazione superficiale; coefficiente di dilatazione cubica; comportamento dell’acqua tra 0 e 4 gradi; dilatazione di un foro circolare ritagliato nel centro di una lamina metallica; unità di misura del coefficiente di dilatazione lineare; la carta brucia a 451 gradi Fahrenheit; rapporto raggio/altezza di un cilindro riscaldato; periodo di un pendolo variabile con la temperatura; lamina bimetallica (29/05/2008) (4/06/2008) (19/05/2008) - somma delle forze agenti su un corpo; azione di una forza costante su un corpo; attrito dinamico; due corpi che scendono su un piano inclinato liscio; accelerazione di un corpo che scende su un piano inclinato scabro; modulo della forza elastica; periodo di un moto armonico; ampiezza di un moto armonico; problema con moto parabolico (26/05/2008) Torna ai contenuti | Torna al menu webalice.it • Archive • Like & Archive • Like ♦ Archive All • Download Newest Become an Instapaper Subscriber for just $1/month to get up to 50 articles at a time and support Instapaper’s development. Visit the Account section of Instapaper.com to subscribe.

You're Reading a Free Preview

Download
scribd
/*********** DO NOT ALTER ANYTHING BELOW THIS LINE ! ************/ var s_code=s.t();if(s_code)document.write(s_code)//-->