Sei sulla pagina 1di 2

Le citt invisibili 1972 ( di Italo Calvino )

Trama:
Il primo tra i due protagonisti Marco Polo che, alla corte di Kublai Khan, fornisce attraverso i suoi dispacci al Sovrano, le descrizioni delle citt che vengono toccate dai suoi viaggi all'interno dello sterminato Impero: in queste narrazioni parla degli uomini che le hanno costruite, della forma della citt, delle relazioni tra la gente che le popola e la forma architettonica delle citt stesse. Queste citt per esistono solo nella mente del viaggiatore veneziano: Marco Polo infatti le descrive ora nei pi minuziosi dettagli, ora valutando l'insieme, ma sempre guardando dove tutti gli altri non guardano, verso dettagli che ad altri paiono invisibili. Le citt di cui Marco Polo racconta sono intese come mondi conchiusi: le citt invisibili infatti non entrano in relazione tra loro. Grazie al racconto Marco Polo stesso che le "crea" mentre le racconta, cos come per Calvino lo scrittore "crea" i mondi di cui tratta. Le citt invisibili infatti un romanzo metanarrativo, in quanto porta il lettore a riflettere sui meccanismi stessi della scrittura.

Le citt:
Le citt e la memoria (Diomira, Isidora, Zaira, Zora, Maurilia) Le citt e il desiderio (Dorotea, Anastasia, Despina, Fedora, Zobeide) Le citt e i segni (Tamara, Zirma, Zoe , Ipazia, Olivia) Le citt sottili (Isaura, Zenobia, Armilla, Sofronia, Ottavia) Le citt e gli scambi (Eufemia, Cloe, Eutropia, Ersilia, Smeraldina) Le citt e gli occhi (Valdrada, Zemrude, Bauci, Fillide, Moriana) Le citt e il nome (Aglaura , Leandra, Pirra, Clarice, Irene) Le citt e i morti (Melania, Adelma, Eusapia, Argia, Laudomia) Le citt e il cielo (Eudossia , Bersabea, Tecla, Perinzia, Andria) Le citt continue (Leonia, Trude, Procopia, Cecilia, Pentesilea) Le citt nascoste (Olinda , Raissa, Marozia, Teodora, Berenice)

Le citt e il desiderio:
Zobeide: Tra le citt del desiderio certamente la pi austera. Gli abitanti arrivano tra le sue vie inseguendo i ricordi di un sogno amoroso in cui una bella fanciulla fuggiva tra le strade. Cos gli stranieri giungono e modificano disperatamente le strade, in modo da chiudere ogni via di fuga nel caso la ragazza ritorni. Essi vivono tristi ogni giorno perch ci che tanto sperano non si avvera. una vera trappola, ma almeno qui, in questa brutta citt, ci sono uomini che vivono ogni giorno credendo con tutte le proprie forze in un sogno. una citt che gira intorno a se stessa in cerchi concentrici. A edificarla furono degli uomini che, in parti diverse della terra, avevano fatto lo stesso sogno: una bellissima ragazza dalle lunghe chiome al vento, il corpo nudo, che, invano, avevano cercato di raggiungere, continuando a girare, nel tentativo di afferrarla. Per dare vita a questo sogno, tenere desto il desiderio di quella divinit, erano giunti, insieme, nello stesso luogo e in quel luogo avevano costruito Zobeide. La citt riproduceva i giri che ognuno aveva

percorso, ma, a differenza del sogno, non c'era via di uscita, per bloccare, imprigionare la fuggitiva, se fosse riapparsa. Il miracolo non ebbe pi luogo e, col tempo, anche il sogno era stato dimenticato. In seguito altri uomini giunsero l e, con meraviglia degli abitanti, avevano cercato di apportare dei cambiamenti, spinti anche loro da un sogno... Anche il tentativo degli ultimi arrivati di riafferrare quel sogno era fallito. Forse Zobeide pu continuare a vivere se chi la abita non crede possibile intrappolare i desideri. I desideri come i sogni in cui si materializzano non possono essere costretti in una prigione. La ragazza del sogno mi riporta al messaggio contenuto in due poesie in cui un io cacciatore insegue le prime luci dell'Alba dalle sembianze di una meravigliosa fanciulla nuda: un'illuminazione, un'apparizione, un sogno... Impossibile imbrigliarlo, trattenerlo.

Le citt continue:
Leonia: La citt che si rimette a nuovo tutti i giorni: tutto, proprio tutto deve essere fiammante, appena tirato fuori dall'involucro che lo proteggeva. Cos sui marciapiedi continuano ad accumularsi i rifiuti del giorno prima, nell'attesa del passaggio degli spazzaturai. L'opulenza della citt si misura pi che dalle cose acquistate da quelle che ogni giorno vengono eliminate: solo scarti? Non solo, molti oggetti vengono buttati via perch nuovi modelli sono stati lanciati sul mercato. Leonia, facile prevederlo, morir sepolta tra montagne di spazzatura. Il nostro mondo, il mondo dell'usa e getta, dovrebbe imparare molto da Leonia, una Napoli di oggi, una delle tante Napoli del mondo ricco, un mondo che finir cos con il distruggere tutto, anche se stesso. Altro da aggiungere? Ancora molto, ma lasciamolo implicito. La lezione di Leonia gi molto chiara. Potremmo chiederci se Marco Polo e Kublai Kan ci sono veramente , nel senso che il loro insegnamento non lettera morta o se tutto quanto stato sinora ripreso non che una pura invenzione della mente, mentre il mondo vero fatto solo di spazzini, di avidi consumatori. Che l'insegnamento dei due non sia vano, ecco il mio, il nostro augurio! Soffocata dai rifiuti che gli abitanti riversano nelle strade: alte mura di spazzatura circondano i confini, tanto che le citt confinanti non sanno dove riversare la propria. Questi bastioni infetti si mescoleranno ininterrottamente finch un giorno, franate le montagne, arriveranno rulli compressori pronti a dar vita ad una nuova pianura su cui edificare.