Sei sulla pagina 1di 9

Il problema fondamentale che emerge nel Parmenide il confronto-scontro con la logica parmenidea secondo la quale solo lessere esiste.

. Platone si rende conto che questa affermazione porterebbe alla morte della teoria delle idee, poich ogni idea, non essendo laltra, implicherebbe limmissione del non essere. Platone non intende per rinunciare alla teoria delle idee e lo scontro con Parmenide si conclude con il parmenicidio.

Platone elabora la cosiddetta teoria dei generi sommi: lessere, lidentico, il diverso, la quiete e il movimento. Inoltre per Platone lerrore di Parmenide quello di confondere il diverso con il nulla, di conseguenza lunico modo in cui pu esistere il non essere quello di essere diverso.
essere Generi sommi identico

diverso
quiete

moto

Platone giunge alla tesi secondo cui lessere possibilit, dunque esiste tutto ci che agisce o subisce.

Mediante la dialettica Platone determina quali idee si connettono tra loro e quali no. Per fare ci si utilizza un processo di tipo dicotomico, che ci porta, attraverso successive divisioni, a unidea indivisibile.

1. 2.

3.
4. 5.

Nel filebo Platone determina cosa il bene per luomo. Possiamo dunque dire che per Platone il problema del bene un problema di misura che viene posta dallintelligenza. Inoltre Platone stabilisce la gerarchia dei valori nellordine seguente: Ordine, misura; Ci che bello e compiuto; Intelligenza; Scienza e opinione Piaceri puri

Per capire meglio il rapporto tra le idee e le cose Platone introduce il demiurgo, presentato come un divino artefice che si trova tra le idee e le cose. Nel timeo viene approfondito il problema cosmologico dellorigine e della formazione delluniverso. Il mondo allinizio era solo un caos uniforme, il demiurgo, essendo buono, ha voluto ordinare le cose del mondo a immagine e somiglianza delle idee.

La novit pi rilevante del Timeo consiste nellavvicinamento al pitagorismo. I numeri vengono infatti interpretati come schemi strutturali delle cose e la matematica diviene il codice di interpretazione di tutto ci che esiste.

A cura di Nicole Maria Zanon IIIf

30-04-2012