Sei sulla pagina 1di 3

Descrizione di Schrödinger e di Heisemberg

Secondo la formulazione dei postulati generali della Meccanica Quantisica, l’ evoluzione dinamica

del sistema fisico è descritta (si veda il Postulato N° 1) dall’ evoluzione del vettore di stato che

dψ (t ) ˆ
deve soddisfare l’ equazione di Schrödinger i = Hψ (t ) e riflette certe informazioni iniziali
dt

che abbiamo sul sistema (si veda il Postulato N° 3). Tuttavia alle varie Osservabili ( ovvero si

intendono le varie osservazioni che possiamo eseguire sul sistema) sono associati degli Operatori

autoaggiunti. Si osservi, comunque, che dal punto di vista fisico ciò che interessa non sono

separatamente il vettore di stato e l’ operatore associato ad una osservabile, bensì la probabilità che

una determinata osservazione al tempo “t” fornisca un certo risultato. Poiché d’ altra parte una tale

probabilità si può sempre ricondurre al valore dell’ aspettazione di una opportuna osservabile,

possiamo dire che ciò che interessa fisicamente è la dipendenza dal tempo dei valori di aspettazione

delle osservabili, cioè di espressioni del tipo:

< A >=< ψ | Aˆ ψ >

L’ evoluzione temporale di <A> è stata finora descritta tenendo fisso l’ operatore  e facendo

dipendere dal tempo il solo ψ. Tuttavia la stessa legge di evoluzione può essere, però,

evidentemente ottenuta mantenendo fisso ψ e facendo dipendere dal tempo  . Abbiamo così la

possibilità di diverse Descrizioni dell’ evoluzione dinamica del sistema.

Pertanto possiamo riassumere quanto detto in tale modo:

• Descrizione di Schrödinger
Gli operatori risultano indipendenti dal tempo, ovvero Aˆ s (t ) ≡ Aˆ ed in particolare Hˆ s (t ) ≡ Hˆ ed il

∂ψ s (t ) ˆ
vettore di stato obbedisce all’ equazione i = H sψ s (t ) che assieme alla condizione ψs(0) = ψ
∂t

determina completamente ψs(t).

• Descrizione di Heisemberg

In questo caso il vettore di stato è indipendente dal tempo, ovvero ψH(t) ≡ ψ e gli operatori obbediscono all’

equazione i
dAˆ H (t )
dt
[ ]
= Aˆ H (t ), Hˆ H (t ) . Tale equazione prende il nome di Equazione di Heisemberg.

Inoltre l’ equazione di Heisemberg assieme alla condizione iniziale Aˆ H (0) ≡ Aˆ determina univocamente

Aˆ H (t ) .

Come precisazione si osservi che con ψ ed  si sono indicati, rispettivamente, il vettore di stato e l’
operatore corrispondente ad un’ osservabile A al tempo “t = 0”.
Inoltre se l’ Hamiltoniana del sistema non dipende esplicitamente dal tempo si ha Hˆ H (t ) = Hˆ s = Hˆ e
quindi:

−i ˆ −i ˆ
Ht Ht
ψ s (t ) = e ψ =e ψH
i ˆ −i ˆ i ˆ −i ˆ
Ht Ht Ht Ht
Aˆ H (t ) = e Aˆ e =e Aˆ s e

avendo soppresso, per l’ operatore Hmiltoniano, l’ indice, irrilevante, che specifica la descrizione.