Sei sulla pagina 1di 898

1 Prefazione

UTK009560006___00000_002
UTK009560006001000000

1.1 Note per il lettore

GR 009560001000000000
Destinatari

Queste istruzioni per l’uso sono destinate agli opera-


tori della Heidelberg Speedmaster SM 74 e sono
valide per tutte le macchine di questa serie di modelli
con CP2000 Center. Le istruzioni illustrano come
utilizzare la macchina e come ottenere velocemente
buoni risultati. Conservare le istruzioni preferibil-
mente a portata di mano in prossimità della mac-
china.

Struttura delle Istruzioni per l’uso

Le Istruzioni per l’uso sono suddivise per ordine alfa-


betico nei capitoli principali A, B, C e D. I capitoli
principali B e C sono rispettivamente suddivisi con
ordine numerico in capitoli.
Il capitolo principale A Sicurezza contiene tutte le
informazioni necessarie per lavorare in sicurezza
sulla macchina.
Il capitolo principale B Comando descrive i quadri
Fig. 1 comandi della macchina e le funzioni del comando
elettronico.
Il capitolo principale C Macchina descrive i compo-
nenti meccanici della macchina nonché il relativo
comando e regolazione.
Il capitolo principale D – Indice alfabetico agevola
la ricerca mirata di determinate informazioni.
All’inizio di ogni capitolo principale e del capitolo si
trova il relativo indice.

Quadri comandi e display

In queste Istruzioni la macchina viene descritta con


la massima dotazione. I quadri comandi e i display
possono però risultare differenti – secondo tipo e
dotazione.

Abbreviazioni utilizzate

Fig. = figura
LV = lato volano
LM = lato manovra
US = unità di stampa
LED = diodo luminoso
MID = display informazione macchina
Aggiornamento

I dati contenuti in questo manuale corrispondono


alla versione di serie della macchina al momento
della pubblicazione del presente documento. Ci ri-
serviamo il diritto di apportare modifiche in funzione
del progresso tecnico.
Per informazioni e ulteriori spiegazioni vi preghiamo
di rivolgervi alla rappresentanza HEIDELBERG di
competenza.

Tutela

I componenti, gli allestimenti e le disposizioni princi-


pali, nonché il software, i dispositivi di comando e di
misurazione delle nostre macchine sono tutelati in
Germania e all’estero da diritti d’autore o da richie-
ste di brevetto, brevetti e modelli di utilità.

Per i diritti d’autore è valido l’indirizzo della


Casa costruttrice

E Copyright 2004 by
Heidelberger Druckmaschinen AG
Kurfürsten-Anlage 52 – 60
69115 Heidelberg
Germany
Printed in Germany
Sommario completo dei capitoli

Indice

A Sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1
Sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.1
1 Norme per la sicurezza fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.3
2 Apparecchiature e dispositivi supplementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.12
3 Dati tecnici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.18
4 Posti di lavoro alla macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.20
5 Dispositivi di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.21
6 Elementi di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.32
7 Modi operativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.38
8 Controllo dei dispositivi di sicurezza sul CP2000 Center . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.40
9 Disaerazione del sistema pneumatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.45
10 Rotazione della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.46

B Comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1
Posti di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.1
1 Quadro comandi del mettifoglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.3
2 Quadro comandi delle unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.7
3 Quadro comandi dell’unità di verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.10
4 Quadro comandi uscita alta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.14
5 Display di informazioni della macchina (MID) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.18
6 Pulizia dei quadri comandi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.23
Fondamenti su CP2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.1
1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.3
2 Struttura del comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.12
Impostazioni base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.1
1 Segnale acustico di avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.5
2 Lingua, ora e data . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.6
3 Luce verde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.12
4 Color Booster . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.14
5 Correzione liquido di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.15
6 Controllo dei fogli doppi a ultrasuoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.16
7 Controllo fogli doppi nella squadra di tiro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.18
8 Antiscartino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.20
9 Visualizzazione della temperatura in gradi Fahrenheit (solo con collegamento CAN) . . . . . . . . . . .
B.3.23
10 Funzioni di stampa - Comando diretto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.24

1
Sommario completo dei capitoli

11 Avvertenze sulle curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.26


12 Curve caratteristiche per la preimpostazione dell’inchiostro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.34
13 Curve caratteristiche per la compensazione velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.43
14 Rilevamento dati di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.56
15 Rilevamento manuale dei dati di esercizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.59
16 Configurazione Prinect . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.74
17 Intervallo di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.82
18 Moduli software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.90
19 Modulo di software Banca dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.96
20 Modulo software PresetLink . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.100
21 Modulo di software MetaDimension . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.108
22 Modulo software Management Gate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.117
23 Modulo di software Memoryplus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.131
24 Modulo software OnlineAssistance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.134
Preparazione ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.1
1 Il menu ”Ordine” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.5
2 Designazione ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.8
3 Immissione annotazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.10
4 Immissione delle proprietà del materiale da stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.11
5 Configurazione macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.24
6 Determinazione del processo di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.29
7 Assegnazione colori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.31
8 Assegnazione curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.43
9 Definizione delle vernici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.50
10 Funzioni dell’unità di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.55
11 Sistema Vario (optional) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.62
12 Convogliamento automatico inchiostro InkLine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.64
13 Menu ”Salva ordine attuale” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.73
14 Regolazioni per ”Inizio ordine” e ”Fine produzione” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.76
15 Riepilogo preparazione ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.83
16 Preparazione dell’ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.86
17 Carica dati inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.98
18 Preimpostazioni nel menu Tiratura e Velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.101
19 Il menu ”Salva ordine preparato” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.103
20 Gestione memoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.105
21 Contatore di tiratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.108
22 Velocità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.116
23 Impostazione dei programmi di lavaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.118
24 Modifica programmi di lavaggio rulli inchiostratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.128

2
Sommario completo dei capitoli

25 Preinchiostrazione, prebagnatura e postbagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.141


Stampa ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.1
1 Panoramica della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.5
2 Trasporto della pila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.7
3 Immissione fogli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.8
4 Impostazione dell’aria soffiante e aspirante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.10
5 Rotelline separatrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.12
6 Squadre di tiro e registri frontali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.14
7 Funzioni del registro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.17
8 Crocini di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.21
9 Registro automatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.27
10 Uso della funzione automatica dei registri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.30
11 Indicazione di stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.46
12 Pressione di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.50
13 Attivazione e disattivazione stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.53
14 Prenditore inchiostro e rulli inchiostratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.56
15 Profili inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.62
16 Comando inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.64
17 Comando correzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.65
18 Correzione automatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.70
19 Quadro di comando zone di inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.75
20 Regolazione del singolo inchiostro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.81
21 Progressive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.85
22 Comando diretto dei dispositivi di lavaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.87
23 Temperazione dell’inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.95
24 Approntamento del liquido di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.100
25 Verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.109
26 Funzioni dell’uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.113
27 Pareggiatore del foglio e manina fermafogli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.117
Anomalie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.1
1 CP2000 Center - Indicazione di disturbo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.3
2 Indicazione di disturbo dell’intera macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.7
3 Anomalia durante l’arretramento a scatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.9
4 Indicazione di disturbo del mettifoglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.10
5 Indicazione di disturbo dell’unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.14
6 Indicazione di disturbo durante il processo di voltura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.18
7 Indicazione di disturbo del gruppo di verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.21
8 Indicazione di disturbo dell’uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.24
9 Indicazione di disturbo degli apparecchi periferici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.27

3
Sommario completo dei capitoli

10 Indicazione di disturbo del comando inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.30


11 Indicazione di disturbo della centrale di lubrificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.31
12 Indicazione di disturbo del processo di lavaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.34

C Macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1
Mettifoglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.1
1 Mettifoglio – Misure da rispettare per l’esecuzione di ogni operazione . . . . . . . . . . . C.1.5
2 Mettifoglio standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.6
3 Mettifoglio a pallet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.7
4 Cambio pila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.11
5 Allineamento automatico della pila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.14
6 Dispositivo di ionizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.20
7 Regolazioni dell’aria per la pila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.22
8 Pareggiatori della pila posteriori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.24
9 Spazzolini e molle di separazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.25
10 Smazzatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.26
11 Staffe guidafoglio sopra la pila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.28
12 Impostazioni sulla testa aspirante ......................................... C.1.29
13 Aspiratore sollevatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.32
14 Aspiratore trasportatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.35
15 Manutenzione della testa aspirante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.37
16 Regolazione e dotazione di testa aspirante e mettifoglio per diversi materiali da stampa . . . . . . . .
C.1.39
17 Rullini di sincronizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.42
18 Controllo elettromeccanico dei fogli doppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.43
19 Controllo fogli doppi a ultrasuoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.46
20 Controllo fogli doppi nella squadra di tiro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.47
21 Squadra di tiro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.48
22 Rotelline separatrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.52
23 Registri frontali e squadre di copertura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.57
24 Nastro aspirante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.1.61
Unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.1
1 Unità di stampa – Osservare durante tutti i lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.5
2 Lastre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.6
3 Cambio lastra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.10
4 Raccogligrumi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.16
5 Registro periferico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.18
6 Cilindro caucciù . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.19
7 Dispositivo lavaggio cilindro di stampa/caucciù . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.26

4
Sommario completo dei capitoli

8 Lavaggio manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.44


9 Pulizia e cura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.48
10 Tamburi di trasferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.52
11 Sistema Super Blue 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.54
12 Rivestimento in cromo strutturato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.2.62
Inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.3.1
1 Unità di inchiostrazione – da rispettare durante tutti i lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.3.3
2 Calamaio a lama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.3.4
3 Calamaio regolabile a distanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.3.7
4 Macinazione laterale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.3.11
5 Temperazione dell’inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.3.13
6 Lavarulli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.3.16
7 Rulli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.3.17
8 Smontaggio dei rulli da 1 a 14 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.3.19
9 Montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.3.24
10 Smontaggio e montaggio del prenditore inchiostro 15 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.3.33
Bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.4.1
1 Unità di bagnatura – Da osservare in tutti i lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.4.3
2 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.4.4
3 Produzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.4.7
4 Pulizia manuale dei rulli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.4.8
5 Regolazione meccanica della barra soffiante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.4.9
6 Rulli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.4.10
7 Preparazione del liquido di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.4.20
Uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.1
1 Uscita - Aspetti a cui prestare attenzione durante tutti i lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.3
2 Protezione dell’operatore mediante il dispositivo di sicurezza per il rilevamento dell’accesso del
corpo umano (RACU) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.5
3 Funzioni manuali dell’uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.18
4 Regolazione dell’aria nell’uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.20
5 Aria soffiante per la guida del foglio nella pila alta dell’uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.23
6 Aspirazione dell’aria sul bordo posteriore del foglio da stampare . . . . . . . . . . . . . . . C.5.27
7 Frenafoglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.32
8 Dispositivo non stop . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.44
9 Piastra della pila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.47
10 Raccoglitori dell’olio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.48
11 Antiscartino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.49
12 Forno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.5.54
Dispositivo di voltura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.6.1

5
Sommario completo dei capitoli

1 Da osservare in tutti i lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.6.3


2 Modalità di lavoro dell’inversione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.6.4
3 Indicazioni tecniche di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.6.6
4 Rimedio errori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.6.11
5 Sistema di sorveglianza per il controllo fogli errati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.6.15
6 Tamburo di trasferimento UII . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.6.17
7 Regolazioni meccaniche sul tamburo intermedio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.6.22
8 Dispositivo di volta semiautomatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.6.24
Unità di verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.1
1 Unità di verniciatura – Rispettare durante tutti i lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.3
2 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.4
3 Avvertenze di tecnica tipografica sulla verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.5
4 Tamburo di trasferimento davanti all’unità di verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.7
5 Preparazione della verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.9
6 Sostituzione del tessuto vernice e del cartino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.11
7 Regolazioni meccaniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.16
8 Tubo dell’aria soffiante sopra il cilindro di impressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.20
9 Verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.21
10 Pulizia dell’unità di verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.23
11 Bacinella per vernice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.25
12 Pescatore vernice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.27
13 Rullo di dosaggio sostituibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.30
14 Indicazioni per il trattamento del cilindro retinato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.36
15 Apparecchio alimentazione vernice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C.7.38

D Indice alfabetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . D.1

6
Sommario del capitolo

Sicurezza

1 Norme per la sicurezza fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.3


1.1 Avvertenze per il gestore e l’operatore della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.3
1.2 Suddivisione delle norme per la sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.3
1.3 Uso secondo le norme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.6
1.4 Equipaggiamento di sicurezza personale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.6
1.5 Alcool, detergenti, inchiostri, solventi e vernici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.7
1.6 Lavorare alla macchina senza rischi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.7

2 Apparecchiature e dispositivi supplementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.12


2.1 Indicazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.12
2.2 Antiscartino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.13
2.3 Forno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.13
2.4 Dispositivi di lavaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.16
2.5 Unità di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.16
2.6 Apparecchiatura per la preparazione del liquido di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.17
2.7 Apparecchio di temperazione dell’inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.17

3 Dati tecnici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.18


3.1 Materiale da stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.18
3.2 Inchiostro/Vernice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.18
3.3 Detergenti per il lavaggio automatico e manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.18
3.4 Valori di emissione dei rumori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.19
3.5 Peso massimo della pila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.19
3.6 Protezione elettrica della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.19

4 Posti di lavoro alla macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.20


4.1 Descrizione dei posti di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.20

5 Dispositivi di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.21


5.1 Dispositivi di sicurezza fissi del mettifoglio e dell’unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . A.1.21
5.2 Dispositivi di sicurezza mobili del mettifoglio e dell’unità di stampa . . . . . . . . . . . . . A.1.23
5.3 Dispositivi di sicurezza nell’uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.25
5.4 Dispositivi di sicurezza sull’uscita con prolunga . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.26
5.5 Dispositivo di sicurezza per il rilevamento dell’accesso del corpo umano . . . . . . . . A.1.27
5.6 Dispositivi di sicurezza dell’unità di verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.29
5.7 Ulteriori dispositivi di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.30

A.1.1
Sommario del capitolo

6 Elementi di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.32


6.1 Interruttore principale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.32
6.2 Pulsante Stop di emergenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.33
6.3 Pulsante Selezione posto di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.35
6.4 Pulsante Reset RACU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.37

7 Modi operativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.38


7.1 Modo operativo con il pulsante Seleziona posto di comando attivo . . . . . . . . . . . . . A.1.38

8 Controllo dei dispositivi di sicurezza sul CP2000 Center . . . . . . . . . . A.1.40


8.1 Controllo dei dispositivi di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.40
8.2 Simboli relativi ai dispositivi di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.42

9 Disaerazione del sistema pneumatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.45


9.1 Sfiato dell’impianto pneumatico in caso di emergenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.45

10 Rotazione della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.46


10.1 Indicazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.46
10.2 Macchina a più colori (2 – 7 unità di stampa) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.46
10.3 Macchine con 8 e più unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A.1.49

A.1.2
Sicurezza

1 Norme per la sicurezza fondamentali


UTKLS9010000___00000_007
UTKLS9010000008000000

1.1 Avvertenze per il gestore e l’operatore della macchina

D Prima della messa in funzione della macchina,


leggere attentamente le istruzioni per l’uso.
D Accertarsi che tutte le persone che lavorano a
questa macchina
D siano addestrate e informate,
D abbiano letto il manuale,
D osservino le norme e le istruzioni per la
sicurezza del lavoro.

D Conservare il manuale in modo che sia sempre


a disposizione dell’operatore della macchina.
UTKLS9010000___00000_002

1.2 Suddivisione delle norme per la sicurezza

Questo manuale contiene due categorie di avver-


tenze per la sicurezza che descriviamo qui di se-
guito. La macchina può essere equipaggiata facolta-
tivamente, secondo il tipo e la dotazione, con diverse
apparecchiature o dispositivi supplementari.
Per esemplificare le diverse norme di sicurezza, ad
ogni categoria sono assegnate delle immagini sim-
bolo (pittogrammi) con un significato preciso. In parte
i pittogrammi sono anche applicati come adesivi
sulla macchina da stampa.

Norma per la sicurezza di primo livello

Questa norma avverte l’utente di situazioni potenzial-


mente pericolose. La non osservanza di tale norma
può comportare gravi lesioni. In casi estremi esiste il
pericolo di morte. Inoltre vi è il rischio di danneggiare
gravemente la macchina e i dispositivi supplemen-
tari.
Pittogrammi con relativi messaggi di avvertimento:

Attenzione – <Pericolo generico>!

Attenzione – Pericolo di lesioni per


la corrente elettrica!

Attenzione – Superficie calda, peri-


colo di lesione!

A.1.3
Sicurezza

Attenzione – Pericolo di lesione


causato da rulli, cilindri ed ingra-
naggi in rotazione!

Attenzione – Pericolo di lesioni cau-


sato dai sistemi di pinze a catena
per le catene in movimento!

Attenzione – Pericolo laser!

Attenzione – Pericolo di esplosione!

Attenzione – Pericolo di incendio!

Esempio:

Attenzione – Pericolo di lesione


causato da rulli, cilindri ed ingra-
naggi in rotazione!
La mancata attenzione può provocare
lo schiacciamento delle dita. Durante
la pulizia dei cilindri rivolgere il palmo
della mano in direzione della fessura di
entrata. Le dita devono essere rivolte
in direzione di uscita. Scegliere la dire-
zione di rotazione appropriata.

A.1.4
Sicurezza

Norma di sicurezza di secondo ordine

Questa norma avverte l’utente di situazioni che po-


trebbero causare possibili pericoli. La non osser-
vanza può comportare danneggiamenti della mac-
china e dei dispositivi supplementari.
Pittogramma con relativo messaggio di avvertimento:

Avviso – <Breve descrizione del ri-


schio>!

Esempio:

Avviso – Rischio di danni alle pinze


e ai cilindri!
Nel funzionamento all’indietro i fogli
possono piegarsi e danneggiare le
pinze, i tubi dell’aria soffiante e le su-
perfici dei cilindri. Muovere all’indietro
o posizionare la macchina solo quando
non vi sono più fogli nella macchina.

A.1.5
Sicurezza

UTKLS9010000___00000_003

1.3 Uso secondo le norme

La macchina è indicata per stampare materiali da


stampa flessibili in foglio (carta, cartone, film). Per il
formato e lo spessore massimo del materiale da
stampa fare riferimento al capitolo ”Dati tecnici”.
La macchina deve essere utilizzata e operata solo
da personale adeguatamente addestrato e infor-
mato. Installazione, trasformazione e smontaggio
della macchina devono essere eseguiti solo dall’As-
sistenza tecnica Heidelberg.
Durante la messa in funzione e l’uso della macchina
da stampa, gestore e personale devono rispettare le
norme per la sicurezza e la prevenzione degli infor-
tuni.
L’utilizzo non conforme alle norme nonché la man-
cata osservanza delle indicazioni contenute nel ma-
nuale possono costituire un rischio

D per la vita,
D per la salute,
D per la macchina ed i dispositivi.

Dispositivi di sicurezza della macchina

D non smontare,
D non manipolare,
D non deviare,
D controllarne quotidianamente il funzionamento.

Heidelberg si assume la responsabilità solo per lo


stato di consegna della macchina e per tutti i lavori
eseguiti dal personale specializzato Heidelberg.
UTKLS9010000___00000_004

1.4 Equipaggiamento di sicurezza personale

Durante i lavori alla macchina indossare

D scarpe di sicurezza,
D indumenti aderenti,
D eventualmente una retina per capelli,
D durante la pulizia manuale e il rifornimento di
prodotti chimici indossare guanti e occhiali di
protezione,
D non indossare gioielli, orologi e così via, che
possono restare impigliati nelle pinze, nelle
parti mobili o nelle fessure di entrata dei cilindri,
D durante la manipolazione di componenti ta-
glienti (ad es. racla a camera, racla di lavaggio)
indossare guanti di protezione.

A.1.6
Sicurezza

UTKLS9010000___00000_005

1.5 Alcool, detergenti, inchiostri, solventi e vernici

Alcol, detergenti, inchiostri, solventi e vernici pos-


sono essere combustibili, esplosivi, corrosivi, tossici
e volatili. Attenersi quindi alle indicazioni riportate di
seguito:

Indicazioni generali

D Provvedere ad una buona ventilazione dell’am-


biente.
D Vietate fiamme libere, vietate fonti di accen-
sione.
D Osservare le norme antiesplosione.
D Durante i lavori con questi materiali è vietato
fumare, bere o mangiare.
D Indossare guanti e occhiali di protezione.
D Non riscaldare oltre il punto di infiammabilità.
D Rispettare le pertinenti norme per la preven-
zione degli infortuni, le norme per la sicurezza e
le specificazioni tecniche del produttore.
D Utilizzare solo detergenti e solventi con le spe-
cifiche prescritte.
D Immagazzinare solamente in recipienti adatti.
D Non conservare sulla macchina o nelle vici-
nanze di forni UV e IR.
D Rimuovere subito e correttamente i prodotti ver-
sati.
D Smaltire i rifiuti generati secondo le norme an-
tinquinamento.
D I vapori creati da detergenti e solventi non de-
vono arrivare nella zona delle aperture di aspi-
razione dell’aria.
UTKLS9010000___00000_006

1.6 Lavorare alla macchina senza rischi

Prima di accendere la macchina controllare che

D la ringhiera e le maniglie siano essere installate


saldamente.
D le protezioni, i coperchi e le parti mobili siano
correttamente montati e ben agganciati.
D nessun corpo estraneo possa entrare nella
macchina (ad esempio attrezzi poggiati nelle
zone circostanti o caduti).

A.1.7
Sicurezza

Prima di avviare la macchina e prima di sollevare


o abbassare la pila, accertarsi visivamente che
nessuno si trovi nella zona di rischio di parti mo-
bili (in particolare nella zona dei sistemi di pinze
a catena nell’uscita e delle piastre per la pila di
carta).

Durante il funzionamento

D Durante i lavori nella zona del mettifoglio non


afferrare le parti in movimento (ad esempio
aspiratore sollevatore e aspiratore trasporta-
tore, barra aspirante e barra tastatrice) e i com-
ponenti adiacenti (pericolo di schiacciamento
delle dita).
D Durante i lavori nella zona di entrata del mate-
riale prestare attenzione ai movimenti che pos-
sono causare pericoli (pericolo di lesione). Non
introdurre le mani nella fessura tra il riparo e
l’entrata materiale.
D Sorvegliare sempre la macchina in funzione.
D Tenere lontano dalle zone pericolose il perso-
nale non autorizzato.
D Quando si lavora nel calamaio aperto in fun-
zione, prestare particolare attenzione al movi-
mento del duttore inchiostrazione.
D Nei lavori sull’uscita (cambio della pila, scarico
del foglio di prova, lavori con cunei) prestare
particolare attenzione al movimento dei ponti
portapinze a catena.
D Non sostare mai sopra o sotto la piastra della
pila, se la macchina non è stata assicurata con-
tro la rimessa in funzione. Non farsi mai tra-
sportare dalla piastra della pila.

A.1.8
Sicurezza

Avviamento, pulizia e manutenzione

A causa dell’elevato pericolo di lesioni, eseguire le


suddette operazioni come segue:

D Con la massima cura ed attenzione.


D Nei settori con funzionamento a scatti con limi-
tazione di corsa far operare solo una persona
addestrata.
D Durante la pulizia dei cilindri rivolgere il palmo
della mano in direzione della fessura di entrata.
Le dita devono indicare in direzione fessura di
uscita (selezionare la corrispondente direzione
di rotazione).
D Pulire il calamaio aperto solo con duttore d’in-
chiostro fermo. Le dita devono essere sempre
rivolte lontano dalla fessura di entrata.
D Muovere all’indietro o posizionare la macchina
solo quando non vi sono più fogli nella mac-
china. Nel funzionamento all’indietro i fogli pos-
sono piegarsi e danneggiare le pinze, i tubi sof-
fianti e le superfici dei cilindri.
D Osservare le indicazioni per la cura e la manu-
tenzione della macchina. Una macchina scarsa-
mente curata o con manutenzione insufficiente
può essere fonte di pericoli di per sé evitabili.

A.1.9
Sicurezza

Uso corretto del interruttore principale e del pul-


sante Stop d’emergenza

La seguente procedura deve essere utilizzata


solo nella misura in cui non violi le norme nazio-
nali per la sicurezza e la prevenzione degli infor-
tuni, ad es. lockout/tagout (USA).

D Interruttore principale

Prima di qualsiasi intervento complesso di allesti-


mento, manutenzione e pulizia sotto la machina,
nella zona dell’azionamento della macchina, nel met-
tifoglio, nell’uscita o nei gruppi (forno, apparecchia-
tura di raffreddamento, alimentazione centralizzata
dell’aria ecc.) che richieda più di 5 minuti come
pure prima di qualsiasi lavoro su parti sotto tensione:

1. Portare l’interruttore principale su 0/OFF e bloc-


carlo con un lucchetto.
2. Applicare un cartello di avvertimento, che riporti
il nome della persona autorizzata a riattivare la
macchina.

Risultato
Finché l’interruttore principale rimane
bloccato, la macchina risulta messa in
sicurezza contro l’avviamento.

D Pulsante Stop di emergenza

Per tutte le uscite con un’altezza d’accesso infe-


riore a 800 mm (serie QM 46, QM 46 DI, SM 52,
PM 52, PM 74) vale:
Prima di qualsiasi lavoro sull’uscita che richieda
meno di 5 minuti:

1. Premere il pulsante Stop d’emergenza nel po-


sto di comando dell’uscita.

Per tutte le uscite con un’altezza d’accesso supe-


riore a 800 mm (serie SM 74, SM 74 DI, CD 74,
SM 102, CD 102) vale:
Prima di qualsiasi lavoro sull’uscita che richieda
meno di 5 minuti:

1. Premere il pulsante Stop d’emergenza nel po-


sto di comando dell’uscita.
2. Inoltre è necessario aprire la protezione frontale
dell’uscita.

Risultato
La macchina non può essere rimessa
in moto, finché il pulsante Stop d’emer-
genza è premuto.

A.1.10
Sicurezza

Dopo il disinnesto della macchina prestare atten-


zione

D I ventilatori dell’uscita e gli smazzatori degli ag-


gregati rimangono ancora in funzione per circa
un minuto.
D Il forno e le apparecchiature supplementari pos-
sono ancora avere temperature elevate. Far
raffreddare prima il forno e le apparecchiature
supplementari prima di lavorarci.
D Il sistema pneumatico della macchina rimane
sotto pressione anche dopo il disinnesto. Le
parti di questo sistema (ad esempio il polmone
del compressore) possono mantenere tale
pressione anche per settimane. È necessario
scaricare il sistema pneumatico prima di ese-
guirvi qualsiasi tipo di lavoro.

In caso di anomalia o avaria di un dispositivo di


sicurezza

D Arrestare immediatamente la macchina.


D Consultare immediatamente l’Assistenza tec-
nica Heidelberg.

Dispositivi elettrici

D I lavori sulle istallazioni elettriche devono es-


sere eseguiti esclusivamente dal personale
specializzato autorizzato.
D Mantenere sempre chiuse le cabine elettriche e
gli involucri.
D Non collegare apparecchiature elettriche sup-
plementari nella cabina elettrica.

A.1.11
Sicurezza

2 Apparecchiature e dispositivi supplementari


UTKLS9010001___00000_002
UTKLS9010001004000000

2.1 Indicazioni generali

Le macchine da stampa della Heidelberg possono


essere equipaggiate con diverse apparecchiature
supplementari per adeguarle alle esigenze specifi-
che nel processo di produzione.
A seconda del tipo e dell’equipaggiamento, la vostra
macchina può essere dotata di alcune o di tutte le
seguenti apparecchiature supplementari:

D antiscartino,
D forno,
D dispositivi di lavaggio automatici,
D apparecchiatura per la preparazione del liquido
di bagnatura,
D apparecchio di temperazione dell’inchiostra-
zione.

La macchina può anche essere priva di una di que-


ste apparecchiature supplementari.
Uso corretto di apparecchiature e dispositivi
supplementari

D Rispettare le speciali norme di sicurezza per le


apparecchiature e i dispositivi supplementari
della macchina.
D Utilizzare e provvedere alla manutenzione delle
apparecchiature e dei dispositivi supplementari
secondo le relative istruzioni.
D In caso di integrazione o installazione di appa-
recchiature e dispositivi supplementari di altra
marca, il gestore deve assicurarsi che
D queste apparecchiature e dispositivi sup-
plementari
D l’interfaccia realizzato tra macchina e ap-
parecchio/dispositivo supplementare e
D l’intera macchina, così modificata e/o com-
pletata,

siano conformi ai requisiti richiesti dalle norme


vigenti per la sicurezza tecnica della macchina.

A.1.12
Sicurezza

UTKLS9010001___00000_003

2.2 Antiscartino

Impiego di polvere

D Utilizzare solo polvere che, secondo la relativa


conoscenza della medicina del lavoro, non pro-
voca danni alla salute.
D Rimuovere immediatamente, mediante aspira-
tori, lo sporco della macchina dovuto alla pol-
vere, in particolare nella zona dell’uscita.
D In generale, e soprattutto in caso di uso di un
forno, non utilizzare polvere infiammabile (peri-
colo di reazioni esplosive). Osservare le specifi-
che tecniche del produttore della polvere.
UTKLS9010001___00000_004

2.3 Forno

Avvertenze per il forno

D Quando si utilizzano forni, usare solo inchiostri


e vernici che non possano creare un’atmosfera
esplosivase riscaldati nel forno. Tale dato è ri-
portato nella specificazione tecnica con l’indica-
zione Non utilizzabile.
D Dopo l’uso dei forni, prima della pulizia manuale
attendere che i cilindri e le parti calde della
macchina siano raffreddati fino ad almeno una
temperatura di ca. 40 °C.
D Nell’uso di solventi nella macchina (ad esempio
nella pulizia manuale) i solventi non devono
arrivare nella zona del forno, oppure i solventi
non devono essere utilizzati e immagazzinati
nella zona del forno. poiché altrimenti vi è il pe-
ricolo di esplosione dovuta al riscaldamento dei
solventi.
D Quando si utilizzano i dispositivi di lavaggio im-
postare il programma di lavaggio in modo che il
caucciù ed il cilindro di pressione siano asciutti
per la nuova produzione. In questo modo nes-
sun detergente arriva nella zona del forno.
D Parti del forno possono raggiungere tempera-
ture elevate durante il funzionamento. Far raf-
freddare il forno prima di qualsiasi intervento.
D Quando si utilizza un forno non usare polvere
infiammabile (pericolo di reazioni esplosive).

A.1.13
Sicurezza

Avvertenza per l’impiego di forni UV

D Quando si lavora nel tipo di funzionamento mi-


sto (colori UV e convenzionali), prima di ogni
cambiamento occorre verificare che vengano
usati soltanto detergenti adatti al tipo di funzio-
namento attivato (UV o convenzionale).
Prima di cambiare i detergenti, devono essere
svuotati completamente il recipiente del deter-
gente e le condutture verso i dispositivi di la-
vaggio.
In caso contrario la macchina può riportare
danni, perché i detergenti reagiscono tra loro e
possono ostruire condutture, valvole e filtri.
Quando il tipo di funzionamento scelto è UV,
devono essere adatti al funzionamento UV o
misto
D rulli inchiostratori e di bagnatura,
D dispositivi di lavaggio per caucciù e rulli
inchiostratori,
D detergenti.

Integrazione di un forno di altra marca

Il gestore deve effettuare le seguenti operazioni, ve-


rificare i seguenti punti e garantirne la sicurezza:

D misurazione della radiazione diffusa,


D misurazione delle temperature di superficie,
D misurazione del livello acustico,
D misurazione dell’ozono,
D misurazione della concentrazione del solvente
nell’aria all’interno della macchina,
D misurazione della concentrazione delle so-
stanza infiammabili (ad es. sporco, polvere)
nell’aria all’interno della macchina,
D sistemi di aspirazione elettroconduttori e colle-
gati a terra (resistenza di dispersione inferiore a
1 Megaohm),
D interazione degli interruttori principali di mac-
china da stampa e forno,
D rilevamento di tutti i principali segnali dell’adat-
tatore interfaccia (ad es. Stop d’emergenza,
lavaggio, funzionamento forno),
D posa di tubi flessibili e condutture,
D dispositivi elettrici conformi alle norme nazio-
nali.

In caso di dubbi sulla sicurezza dell’integrazione del


forno nella macchina, rivolgersi alla rappresentanza
HEIDELBERG.

A.1.14
Sicurezza

Avvertenze supplementari per la predisposizione


del forno UV con CoolCure System (impianto
dell’azoto)

Su richiesta del gestore, Heidelberg predispone la


macchina per l’uso del forno UV con il CoolCure
System. Durante la pianificazione e il funzionamento
occorre tenere conto dei seguenti aspetti:

D Il CoolCure System è concepito esclusivamente


per l’uso di azoto. Non sono ammessi altri gas.
D Il costruttore del forno fornisce un sistema UV
predisposto per il funzionamento con l’azoto,
che comprende la diffusione dell’azoto nella
macchina. La dotazione del forno termina con
una valvola di collegamento con l’impianto di
alimentazione dell’azoto.
D Acquisto, installazione, funzionamento e manu-
tenzione dell’impianto di alimentazione
dell’azoto sono di competenza del gestore.
D Il gestore deve effettuare le seguenti opera-
zioni, verificare i seguenti punti e garantirne la
sicurezza:
D Qualità dell’aria: nell’area attorno alla mac-
china da stampa deve essere assicurata
una ventilazione adeguata.
D Se necessario, verificare la conformità con
la licenza edilizia e le autorizzazioni per lo
stoccaggio di gas liquidi.
D Definire regole di comportamento per il
personale, da adottare nel caso di fuoriu-
scita non controllata del gas.
D Predisporre possibilità di disattivazione
sicure dell’afflusso di gas.

A.1.15
Sicurezza

UTKLS9010001___00000_005

2.4 Dispositivi di lavaggio

Avvertenze sul recipiente del detergente

D Con recipienti del detergente alimentati ad aria


compressa: prima di aprire i tappi, chiudere il
condotto di alimentazione di aria compressa e
scaricare il recipiente.
D Utilizzare solo detergenti con le specifiche pre-
scritte.
D Tenere lontane fonti di calore dal recipiente del
detergente.
UTKLS9010001___00000_008

2.5 Unità di bagnatura

Integrazione di un’unità di bagnatura di altra


marca

Il gestore deve effettuare le seguenti operazioni, ve-


rificare i seguenti punti e garantirne la sicurezza:

D rispetto della norma di sicurezza EN 294 (Sicu-


rezza delle macchine – Distanze di sicurezza
degli arti superiori dai punti di pericolo),
D posa di tubi flessibili e condutture,
D conservazione di tutte le parti originali della
macchine smontate, per permettere il ripristino
dello stato di consegna della macchina.

In caso di dubbi sulla sicurezza dell’integrazione


dell’unità di bagnatura, rivolgersi alla rappresentanza
HEIDELBERG.

A.1.16
Sicurezza

UTKLS9010001___00000_006

2.6 Apparecchiatura per la preparazione del liquido di bagnatura

Impiego corretto

D Fare attenzione nel maneggiare alcol e additivi


per il liquido di bagnatura. Eliminare subito cor-
rettamente i liquidi versati. Rispettare le norme
DIN e le norme di sicurezza del relativo produt-
tore. Osservare le avvertenze per la sicurezza
nel maneggiare i liquidi infiammabili.
D L’apparecchiatura raffredda il liquido di bagna-
tura e mantiene costante il contenuto di alcol
con additivi contenenti alcol. Non deve essere
utilizzata per raffreddare bottiglie, alimenti o
simili.
D L’apparecchio funziona con refrigerante. I lavori
di messa in funzione e di riparazione, inclusa la
manutenzione e la messa fuori funzione, de-
vono essere eseguiti solo da persone apposita-
mente addestrate.
D Non far funzionare l’apparecchio senza acqua.
D Non poggiare alcun oggetto sopra o davanti alle
fessure dell’aerazione, per non interrompere la
circolazione dell’aria.
D Fare eseguire le riparazioni della macchina,
delle apparecchiature supplementari e delle
installazioni elettriche solo da personale d’assi-
stenza appositamente addestrato e autorizzato
dalla Heidelberg.
UTKLS9010001___00000_007

2.7 Apparecchio di temperazione dell’inchiostrazione

D L’apparecchio funziona con refrigerante. I lavori


di messa in funzione e di riparazione, inclusa la
manutenzione e la messa fuori funzione, de-
vono essere eseguiti solo da persone apposita-
mente addestrate.
D Non poggiare alcun oggetto sopra o davanti alle
fessure dell’aerazione, per non interrompere la
circolazione dell’aria.

A.1.17
Sicurezza

3 Dati tecnici
UTKMS9019701___00000_002
UTKMS9019701005000000

3.1 Materiale da stampa

Formato massimo: 530 x 740 cm


Formati minimi:

D 210 x 280 mm nella stampa in bianca


D 300 x 280 cm nella stampa in bianca e volta,
D 280 x 280 mm, se la macchina è dotata di ta-
vola portapila per mettifoglio.

Spessore massimo: 0,6 mm.


UTKMS9019701___00000_003

3.2 Inchiostro/Vernice

D Utilizzare solo inchiostri tipografici e vernici tipo-


grafiche normalmente reperibili in commercio e
adatti alle macchine offset a foglio.
D Nel gruppo di verniciatura devono essere impie-
gate esclusivamente vernici a dispersione ad
acqua. L’utilizzo di vernici UV richiede una ver-
sione di macchina speciale.
UTKMS9019701___00000_009

3.3 Detergenti per il lavaggio automatico e manuale

Utilizzare esclusivamente detergenti dotati delle se-


guenti caratteristiche (eccezione fatta per specifiche
esplicite riportate nelle presenti istruzioni):

D punto di infiammabilità > 55 °C,


D contenuto di benzolo < 0,1 %,
D contenuto di toluolo e xilolo < 1 %,
D contenuto di sostanze aromatiche (> C9) < 1 %,
D detergenti esenti da idrocarburi clorati, fluoro-
cloroidrocarburi, terpeni, n-esano, ammine se-
condarie ed ammidi,
D detergenti privi di altre sostanze nocive alla sa-
lute.

Per ulteriori dettagli riguardanti i detergenti, si prega


di consultare il manuale di manutenzione.

A.1.18
Sicurezza

UTKMS9019701___00000_006

3.4 Valori di emissione dei rumori

Conformi alla EN 13023

D Livello acustico del quadro comandi del mettifo-


glio: 80 dB (A)
D Livello acustico dell’uscita: 83 dB (A)

Ulteriore valore di riferimento secondo DIN 45635,


foglio 27:

D Livello acustico del mettifoglio (lato frontale): 84


B (A)
UTKMS9019701___00000_007

3.5 Peso massimo della pila

D Mettifoglio: 350 kg
D Uscita: 420 kg
UTKMS9019701___00000_008

3.6 Protezione elettrica della macchina

I valori relativi alla protezione elettrica della mac-


china sono riportati sulla targhetta di identificazione
all’esterno della cabina elettrica.

A.1.19
Sicurezza

4 Posti di lavoro alla macchina


UTKMS9019702003000000

4.1 Descrizione dei posti di lavoro

GR MS9019700000003000
Pannello di comando sul mettifoglio (Fig. 1/1)
2
D Pannello di comando sull’uscita o sul quadro di
comandi (Fig. 1/2)
D Pedane e superfici di appoggio (lamiera a goc-
cia)
D Zona per l’alimentazione e lo smaltimento delle
pile del mettifoglio e dell’uscita.

Fig. 1 Panoramica della SM74

Avvertenze per lavori a livello macchina:

D È possibile accedere solo alle parti macchina


formate da pedane (lamiera a goccia).
D Non utilizzare le zone dei posti di lavoro per
appoggiarvi attrezzi, detergenti e così via.
D Evitare di creare pericoli di slittamento. Proteg-
gere le postazioni di lavoro da olio, grasso o
altri liquidi.
D Evitare che si verifichi un surriscaldamento.
Mantenere libera la zona dinanzi alle aperture
di aerazione della macchina.
Non deporre bombolette spray oppure recipienti
con detergenti volatili o infiammabili in queste
zone.

A.1.20
Sicurezza

5 Dispositivi di sicurezza
UTKMS9019704___00000_002
UTKMS9019704006000000

5.1 Dispositivi di sicurezza fissi del mettifoglio e dell’unità di stampa

GR MS9019703000005000
3

5 5
7
4 6 4
6

1 2 2

Fig. 2 Dispositivi di sicurezza fissi

I dispositivi di sicurezza fissi (Fig. 2) impediscono di


penetrare nei rulli, nei cilindri in movimento e nel si-
stema di registro.

A.1.21
Sicurezza

Attenzione – Pericolo di lesioni do-


vuti a componenti della macchina
con protezioni aperte o smontate!
Azionare la macchina solo quando
tutte le protezioni e tutti gli sportelli di
protezione sono saldamente fissati.

Le pareti laterali su LV e LM del mettifoglio,


dell’uscita e delle unità di stampa dispongono di rive-
stimenti avvitati fissi. Azionare la macchina solo
quando tutte le protezioni, i rivestimenti e gli elementi
di carenatura sono montati sulla macchina.

Fig. 2 Protezione Funzionamento a Funzionamento a Funzionamento di


scatti con limita- scatti senza limita- marcia lenta
zione di corsa zione di corsa
1 Protezione davanti al cilindro di protezione fissa
alimentazione
2 Protezione sopra il dispositivo di protezione fissa
lavaggio dei cilindri caucciù e dei
cilindri di stampa
3 Copertura sopra il prenditore in- protezione fissa
chiostro
4 Protezione sotto l’unità di inchio- protezione fissa
strazione
5 Protezione salvamani calamaio protezione fissa
6 Bacinella del liquido di bagnatura protezione fissa
7 Protezione per le catene del met- protezione fissa
tifoglio (2 pezzi)
8 Protezioni nel mettifoglio (8 protezione fissa
pezzi)
9 Sportello di protezione fissato protezione fissa
con viti per la macinazione/rego-
lazione registro periferico (avvi-
tare a fondo prima della messa in
funzione della macchina)

A.1.22
Sicurezza

UTKMS9019704___00000_003

5.2 Dispositivi di sicurezza mobili del mettifoglio e dell’unità di stampa

GR MS9019704000005000
4

4 4

3 5 3
5

7
2 7 6 2

11

8
11

10

Fig. 3 Dispositivi di sicurezza mobili

I dispositivi di sicurezza mobili (Fig. 3) possono es-


sere aperti manualmente per eseguire lavori di ma-
nutenzione.
Azionando un dispositivo di sicurezza alla velocità di
produzione, la macchina si ferma subito, eccetto

A.1.23
Sicurezza

D il duttore inchiostrazione,
D il rullo pescatore e il rullo di dosaggio della ba-
gnatura se la protezione della bagnatura (Fig.
3) non viene aperta;
D il rullo pescatore vernice, se la protezione da-
vanti al rullo pescatore e al rullo dosatore non
viene aperta.

Attenzione – Pericolo di lesioni do-


vuti a componenti della macchina
con protezioni aperte o smontate!
Azionare la macchina solo quando
tutte le protezioni e tutti gli sportelli di
protezione sono saldamente fissati. I
dispositivi di lavaggio (Fig. 3/11) fun-
gono anche da protezione dinanzi al
caucciù e al cilindro di stampa. Mettere
in funzione la macchina solo quando
tutti i dispositivi di lavaggio sono mon-
tati.

Fig. 3 Protezione Funzionamento a Funzionamento a Funzionamento di


scatti con limita- scatti senza limita- marcia lenta
zione di corsa zione di corsa
1 Protezione sopra il cilindro di ali- sì – –
mentazione
2 Protezione davanti al dispositivo sì – –
di lavaggio del cilindro caucciù e
del cilindro di pressione
3 Protezione davanti alle unità di sì – –
inchiostrazione e di bagnatura
(lato del mettifoglio)
4 Protezione sopra l’unità di inchio- sì – –
strazione
5 Protezione sopra i macinatori – – –
6 Protezione davanti al cilindro por- – sì sì
talastra e al cilindro caucciù (lato
dell’uscita)
7 Mandrino salvadita – – –
8 Protezione sopra il cilindro di im- sì – –
pressione e i tamburi di trasferi-
mento
9 Sportello di protezione dispositivo – – –
di voltura
10 Sportello di protezione del pre- – – –
lievo foglio
Tab. 1

A.1.24
Sicurezza

UTKMS9019704___00000_005

5.3 Dispositivi di sicurezza nell’uscita

GR MS9019706000003000
1

4
3 5
2 6

Fig. 4 Dispositivi di sicurezza sull’uscita

Fig. 4 Dispositivo di sicurezza Funzionamento Funzionamento a Funzionamento


a scatti con limi- scatti senza limi- di marcia lenta
tazione di corsa tazione di corsa
1 Protezione sopra il tamburo di tra- sì – –
sferimento
2 Protezione della salita foglio protezione fissa
3 Protezione della salita foglio – – –
4 Protezione sopra i sistemi di pinze a protezione fissa
catena
5 Protezione sopra i sistemi di pinze a – – –
catena
6 Protezione sulla pila di uscita protezione fissa
7 Protezione davanti ai sistemi di – – –
pinze dell’uscita
8 Arco di protezione davanti alla pila protezione fissa
uscita
Tab. 2

A.1.25
Sicurezza

UTKMS9019704___00000_007

5.4 Dispositivi di sicurezza sull’uscita con prolunga

GR MS9019708000002000
4 5

3 6 7 8

1 9

Fig. 5 Dispositivo di sicurezza sull’uscita allungata

Fig. 5 Protezioni mobili Funzionamento Funzionamento Funzionamento


a scatti con li- a scatti senza li- di marcia lenta
mitazione di mitazione di
corsa corsa
2 Protezione davanti alla pila dell’uscita – – –
4 Protezione sopra i sistemi di pinze a – – –
catena
6 Protezione della salita foglio – – –
8 Protezione sopra il cilindro di trasferi- sì – –
mento e il tamburo di uscita
9 Protezione davanti all’apertura del forno – – –
estraibile del forno se il forno è smon-
tato
Tab. 3

Fig. 5 Protezioni fisse


1 Arco di protezione davanti alla pila uscita
3 Protezione sulla pila di uscita
5 Protezione sopra i sistemi di pinze a catena
7 Protezione della salita foglio
9 Protezione davanti all’apertura del forno estraibile per macchine senza forno
Tab. 4

A.1.26
Sicurezza

UTKMS9019704___00000_009

5.5 Dispositivo di sicurezza per il rilevamento dell’accesso del corpo umano

GR MS9019753000001000
1 7

2
9

6 5
3

Fig. 6 Zona di sorveglianza delle barriere ottiche

Fig. 6 Barriera ottica di sor- Motori per la regolazione del Motore principale della mac-
veglianza formato del frenafogli e dei pa- china
reggiatori laterali, per la pila
principale e per la pila ausiliaria
1 LV in alto Bloccaggio del movimento appena Nel funzionamento Non-Stop:
scatta
tt una d
delle barriere
ll b i ottiche.
tti h nessun blbloccaggio dell movimento
i d i t
2 LV centro
fino a che i fogli vengono dedeposti
osti
3 LV in basso sulla pila ausiliaria e la tavola por-
tapila è a terra
terra.
4 Lato frontale superiore Nel funzionamento normale:
5 Lato frontale centrale bloccaggio del movimento appena
scatta uno dei relè fotoelettrici.
fotoelettrici
6 Lato frontale inferiore
7 LM in alto
8 LM centro
9 LM in basso

Il dispositivo di sicurezza per il rilevamento dell’ac-


cesso del corpo umano è composto di diversi relè
fotoelettrici che servono per controllare gli accessi
frontali e laterali dell’uscita.

A.1.27
Sicurezza

Nota
I relè fotoelettrici corrispondono alla
classe laser 1 (max. 0,0001 W;
650 nm) secondo la norma
DIN EN 60825–1:2001–11. I laser della
classe 1 si considerano sicuri in condi-
zioni di funzionamento ragionevol-
mente prevedibili della macchina. Per
questo motivo non occorrono ulteriori
misure di sicurezza.

I relè fotoelettrici sorvegliano l’accesso all’uscita. In


caso di interruzione di un relè fotoelettrico, causata
per es. dall’operatore, i motori riportati nella tabella si
bloccano.

Nota
Rispettare le istruzioni di sicurezza for-
nite nelle presenti istruzioni d’uso per
qualsiasi operazione nella zona
dell’uscita. L’introduzione delle mani
nella zona dell’uscita non è protetta da
questo dispositivo di sicurezza.

Una volta scattato il dispositivo di sicurezza, non è


possibile muovere il motore bloccato. Lo sbloccaggio
si effettua esclusivamente tramite il pulsante Reset
RACU.
In seguito al bloccaggio del motore principale tramite
il dispositivo di sicurezza, la macchina non può es-
sere avviata né a scatti, né in marcia lenta.

Azionamento conforme all’uso previsto

D Non chinarsi mai sopra le barriere ottiche o tra


di esse.
D Non passare sotto alcun dispositivo di sicurezza
o alcuna barriera ottica.
D Fare attenzione a componenti in movimento
anche durante le fasi di spegnimento manuale
o automatico.
D Controllare – con la macchina in funzione – du-
rante la completa fase di rimozione della pila
che non si trovi nessuna persona nella zona a
rischio dell’uscita.
D Controllare visivamente che non si trovi nes-
suno nella zona a rischio dell’uscita prima di
sbloccare il dispositivo di sicurezza tramite il
pulsante Reset RACU.

A.1.28
Sicurezza

UTKMS9019704___00000_010

5.6 Dispositivi di sicurezza dell’unità di verniciatura

GR MS9019707000002000
4
3

5 6
2

1
7

Fig. 7 Dispositivo di sicurezza sull’unità di verniciatura

Fig. 7 Dispositivo di sicurezza Funzionamento a Funzionamento a Funzionamento di


scatti con limita- scatti senza limi- marcia lenta
zione di corsa tazione di corsa
1 Lamiera di conduzione del foglio – – –
sopra il cilindro di pressione (sal-
vamani)
2 Salvamano – – –
3 Protezione davanti al rullo di do- – sì sì
saggio e al cilindro del tessuto
vernice
4 Protezione davanti al rullo pesca- sì – –
tore vernice e al rullo dosatore
vernice (lato del mettifoglio)
5 Protezione sotto la bacinella per Protezione fissa
vernice
6 Protezione sopra il tamburo di sì – –
trasferimento
7 Copricanale sul cilindro tessuto Il copricanale deve Il copricanale deve Il copricanale deve
vernice essere sempre essere sempre essere sempre
montato. montato. montato.
Tab. 5

A.1.29
Sicurezza

UTKMS9019704___00000_008

5.7 Ulteriori dispositivi di sicurezza

Avvertimento avvio

La prima volta che si preme un pulsante per mettere


in moto la macchina (ad es. Marcia, Produzione,
Avanti, Indietro o Marcia lenta) viene emesso il se-
gnale acustico di avvio (lungo 3 secondi). Al termine
del segnale acustico di avvio, premere nuovamente il
pulsante per mettere in moto la macchina.

Limitazione della corsa di abbassamento della


piastra portapila del mettifoglio

Se si preme il pulsante Pila principale giù la pila si


ferma a 12 cm dal pavimento.

Staffa di protezione davanti alla pila di uscita


sull’uscita alta

L’arco di protezione garantisce il mantenimento della


distanza di sicurezza di 300 mm dal bordo della pia-
stra della pila. Se si preme il pulsante Pila principale
giù la pila si ferma a 12 cm dal pavimento.

Attenzione – Pericolo di lesioni ai


piedi a causa della pila!
Prestare attenzione onde evitare lo
schiacciamento dei piedi. Accertarsi
che nessuno possa rimanere inca-
strato sotto la pila prima di ultimare
l’abbassamento.
GR MS9019709000003000

Copricanale

Per i cilindri caucciù e della verniciatura sono dispo-


nibili copricanali da montare sopra il canale del cilin-
dro.

Avvertenza – Pericolo di lesioni a


causa di rulli e cilindri in movi-
mento!
Le barre salvamani proteggono corret-
tamente solo con il copricanale mon-
1 tato (Fig. 8/1). Far funzionare la mac-
china solo con i copricanale montati. Il
funzionamento della macchina senza
copricanale può causare gravi lesioni
Fig. 8 Copertura del canale alle mani.

A.1.30
Sicurezza

GR MS9019710000002000
Montaggio della copertura del canale

1. Durante il montaggio: inserire prima il lato con i


perni a molla (fig. 9/1).
2. Spingere i perni a molla nei fori dell’anello anti-
sbaveggio (fig. 9/2).

2 1

Fig. 9 Perno a molla

GR MS9019711000002000
3. Premere la molla a balestra (fig. 10/1) verso il
basso e spingere la protezione (fig. 10/2) late-
ralmente in direzione della freccia.
4. Spingere il perno senza molla (fig. 11/1) sulla
parete opposta nei fori nell’anello antisbaveggio
(fig. 11/2).

Il copricanale per il cilindro caucciù della verniciatura


3
ha un punto di segnalazione giallo (Fig. 10/3). Que-
sto copricanale è correttamente scattato quando il
punto giallo è visibile.

Avviso – Le coperture dei canali al-


lentate possono provocare danni
alla macchina!
Verificare la salda posizione delle co-
2 perture del canale dopo il montaggio.
1

Fig. 10 Molla a balestra e perno a molla


GR MS9019712000002000

Smontaggio della copertura del canale

1. Durante lo smontaggio: premere verso il basso


prima la molla a balestra (fig. 10/1). Premere
quindi la copertura del canale (fig. 10/2) in dire-
zione della freccia. Estrarre la copertura del ca-
nale dai fori sul lato opposto.

1 2

Fig. 11 Vista in sezione del copricanale

A.1.31
Sicurezza

6 Elementi di comando
UTKLS9010003___00000_007
UTKLS9010003006000000

6.1 Interruttore principale

GR LS9010035000003000
1 Attenzione – Pericoli dovuti alla cor-
rente elettrica!
Lavori ai dispositivi elettrici devono es-
sere eseguiti solamente da personale
2 specializzato ed adeguatamente
istruito. La cabina elettrica può essere
3 aperta solamente da personale specia-
lizzato ed adeguatamente istruito. An-
che con l’interruttore principale disatti-
4 vato, nella cabina elettrica vi sono parti
sotto tensione.

Ubicazione del punto di montaggio

L’interruttore principale (Fig. 12/2) per la macchina


da stampa si trova sulla cabina elettrica ed è con-
trassegnato con un simbolo (Fig. 12/1). Gli altri di-
spositivi periferici (per es. forno, impianto del liquido
Fig. 12 Interruttore principale di bagnatura ...) possono essere dotati di cabine
elettriche separate ed interruttori principali separati.

Funzioni

L’interruttore principale copre le seguenti funzioni:

D Interruzione dell’alimentazione elettrica della


macchina in modo dal eliminare la tensione
elettrica.
D Funzione dello stop di emergenza per cui l’in-
terruttore stesso è di colore rosso su fondo
giallo.

Uso dell’interruttore principale

Nota
Si prega di osservare il paragrafo
”Norme per la sicurezza fondamentali,
Uso corretto dell’interruttore principale
e del pulsante stop d’emergenza”.

Spegnimento tramite l’interruttore principale

1. Per spegnere la macchina dall’interruttore prin-


cipale, girare la leva di commutazione nella po-
sizione 0/OFF (Fig. 12/4).

Risultato
La macchina è staccata dall’alimenta-
zione elettrica.

A.1.32
Sicurezza

Spegnimento tramite il sistema di comando

1. Per spegnere la macchina dalla consolle di co-


mando, azionare il pulsante Spegni macchina
alla consolle di comando.

Risultato
Il sistema di comando spegne la mac-
china (funzione shutdown). La leva di
commutazione dell’interruttore princi-
pale scatta nella posizione ”+”
(Fig. 12/3). La macchina è staccata
dall’alimentazione elettrica.

Assicurazione della macchina contro l’avvia-


mento

1. Girare la leva di commutazione nella posizione


0/OFF (Fig. 12/4).
2. Bloccare l’interruttore principale con un luc-
chetto.
3. Apportare un cartello con il nome della persona
addetta a riaccendere la macchina.

Risultato
Finché l’interruttore principale rimane
bloccato, la macchina risulta messa in
sicurezza contro l’avviamento.

UTKLS9010003___00000_008

6.2 Pulsante Stop di emergenza


GR SG9010108000001000

Attenzione – Pericoli dovuti alla cor-


1 rente elettrica!
Lo Stop di emergenza non interrompe
l’alimentazione elettrica della mac-
china, ma la mette solamente in sicu-
rezza contro l’avviamento. Per stac-
care la macchina dall’alimentazione
elettrica, spegnere l’interruttore princi-
pale.

Lo Stop di emergenza (Fig. 13/1) è un pulsante


rosso su fondo giallo.
Fig. 13 Pulsante Stop di emergenza

Ubicazione del punto di montaggio

I seguenti posti/quadri di comando sono dotati di un


pulsante Stop di emergenza:

D Quadro comandi del mettifoglio,


D posti di comando delle unità di stampa,
D quadro comandi dell’uscita,
D CP2000 Center.

A.1.33
Sicurezza

Funzione

In seguito all’azionamento del pulsante, la macchina


si ferma immediatamente, eccezione fatta per:

D rulli pescatori e rulli di dosaggio della bagnatura


(se la protezione della bagnatura è chiusa),
D il rullo pescatore vernice e il rullo dosatore, ri-
spettivamente quello retinato (quando i relativi
dispositivi di sicurezza sono chiusi).

Questi rulli possono essere fermati:

D disinserendo l’interruttore principale,


D la disattivazione della rispettiva funzione dalla
consolle del CP2000 o dal rispettivo posto di
comando,
D l’apertura dei dispositivi di sicurezza davanti ai
rulli pescatori e rulli dosatori,
D l’apertura dei dispositivi di sicurezza davanti al
rullo pescatore vernice e del rullo dosatore, ri-
spettivamente quello retinato.

Uso del pulsante Stop di emergenza

Nota
Si prega di osservare il paragrafo
”Norme per la sicurezza fondamentali,
Uso corretto dell’interruttore principale
e del pulsante stop d’emergenza”.

Fermo macchina

1. Premere il pulsante Stop di emergenza. Il pul-


sante arresto di emergenza si blocca automati-
camente.

Risultato
La macchina si ferma immediata-
mente.

Messa in sicurezza della macchina contro l’avvia-


mento

Attivare il pulsante Stop di emergenza per mettere in


sicurezza la macchina contro l’avviamento:

1. Premere il pulsante Stop di emergenza al posto


di comando più vicino.
2. Durante i lavori in uscita:

D Premere il pulsante Stop di emergenza al


posto di comando dell’uscita.

A.1.34
Sicurezza

D In macchine con altezza di accesso supe-


riore agli 800 mm (SM 74, SM 74 DI,
CD 74, SM 102, CD 102): aprire inoltre la
protezione frontale dell’uscita.

Risultato
La macchina non può essere rimessa
in moto, finché il pulsante Stop d’emer-
genza è premuto.

Sbloccaggio del pulsante Stop di emergenza

1. Ruotare il pulsante Stop di emergenza in senso


orario.

Risultato
Il pulsante Stop di emergenza è sbloc-
cato.

UTKLS9010003___00000_009

6.3 Pulsante Selezione posto di comando


GR MS9019724000002000

Attenzione – Pericolo a causa di


parti della macchina in movimento!
Con il pulsante Selezione posto di co-
1
mando si può abbinare il posto di co-
mando desiderato al proprio posto di
lavoro.
Prima di avviare un movimento della
Fig. 14 Pulsante Selezione posto di comando macchina, accertarsi visivamente che
non vi sia nessuno nel raggio di azione
di componenti mobili, in particolare dei
sistemi delle pinze a catena nell’uscita.

Questo pulsante non è concepito per


la messa in sicurezza della macchina
contro l’avviamento. Servirsi del pul-
sante Stop di emergenza per mettere
la macchina in sicurezza contro l’avvia-
mento.

Ubicazione del punto di montaggio

Il pulsante Selezione posto di comando (Fig. 14) si


trova nei seguenti posti/quadri di comando:

D Quadro comandi del mettifoglio,


D posti di comando delle unità di stampa,
D quadro comandi dell’uscita.

A.1.35
Sicurezza

Funzione

Con questo tasto si assegna il posto di comando de-


siderato al proprio posto di lavoro. In questo posto di
comando è possibile portare avanti a scatti la mac-
china, posizionarla o avviare il funzionamento di
marcia lenta, anche se sono aperte le protezioni nel
settore di questo posto di comando. Non è possibile
attivare il movimento della macchina da nessun altro
posto di comando.

Avviso – Pericolo di danni alla mac-


china!
Nel funzionamento all’indietro i fogli
possono piegarsi e danneggiare le
pinze, i tubi dell’aria soffiante e le su-
perfici dei cilindri. Girare o far funzio-
nare la macchina a scatti in dietro sola-
mente se non si trova nessun foglio in
macchina.

Uso del pulsante Selezione posto di comando

Selezione posto di comando

1. Premere due volte il pulsante Selezione posto


di comando al posto di comando desiderato (a
distanza di max. 0,5 secondi). Il LED (fig. 14/1)
si accende.

Nota
È possibile mettere in movimento la
macchina in modalità di funzionamento
a scatti a marcia lenta o nel posiziona-
mento soltanto dal posto di comando
selezionato, a condizione che non sia
stato selezionato alcun alto posto di
comando e qualora nessun altro dispo-
sitivo di protezione (per esempio i
mandrini salvadita) blocchi il movi-
mento.

Eliminazione della selezione

1. Premere ancora due volte il pulsante Selezione


posto di comando (a distanza di max. 0,5 se-
condi). Il LED si spegne.

A.1.36
Sicurezza

UTKLS9010003___00000_010

6.4 Pulsante Reset RACU

Il pulsante Reset RACU (Fig. 15/1) è presente sola-

GR SG9018335000002000
mente se l’uscita è corredata di un dispositivo di si-
1 curezza per il rilevamento di accesso di corpo
umano (RACU).

Ubicazione del punto di montaggio

Fig. 15 Pulsante Reset RACU Il pulsante Reset RACU si trova sul lato frontale
dell’uscita. Le macchine sopraelevate sono inoltre
dotate di un interruttore a pedale con la funzione del
pulsante Reset RACU.

Funzione

Il pulsante Reset RACU (Fig. 15/1) serve per sbloc-


care la macchina in seguito allo scatto del dispositivo
di sicurezza per il rilevamento di accesso di corpo
umano (RACU).

Attenzione – Pericolo di lesioni cau-


sati da componenti in rotazione in
uscita!
Prima di sbloccare la macchina, accer-
tarsi tramite controllo visivo che non si
trovi nessuno nella zona a rischio da
componenti in rotazione, e in partico-
lare nella zona delle pinze dell’uscita.

A.1.37
Sicurezza

7 Modi operativi
UTKMS9019705___00000_006
UTKMS9019705003000000

7.1 Modo operativo con il pulsante Seleziona posto di comando attivo

GR FS9011013000000000
Attenzione – Pericolo di lesione a
causa di rulli e cilindri in movi-
mento!
Poiché la macchina può mettersi in
movimento con le protezioni aperte,
sussiste il pericolo di lesioni in caso di
un uso della macchina non corretto.

Avviso – Pericolo di danni alla mac-


china!
Se durante il movimento a ritroso o il
posizionamento ci sono fogli in mac-
Fig. 16 Tasto Selezione posto di comando china, i cilindri di conduzione dei fogli e
le pinze possono danneggiarsi. Prima
di posizionare e far retrocedere a scatti
la macchina, accertare che non vi
siano più fogli nella macchina.
GR FS9011012000000000

Modo operativo

Premendo il pulsante Avanti a scatti o Indietro a


scatti, nel posto di comando selezionato risuona per
3 secondi un segnale acustico di avvio. Durante que-
sto intervallo non è possibile mettere in funzione la
macchina.
Entro 6 secondi dal termine del segnale acustico di
avvio, è possibile avviare il funzionamento a scatti
con o senza la limitazione di corsa.
...con limitazione di corsa
Premendo ripetutamente il pulsante Avanti a scatti o
Fig. 17 Pulsante Funzionamento a scatti – In Indietro a scatti, ogni volta che si preme il pulsante i
avanti, indietro cilindri vengono abilitati per un tratto di max. 2,5 cm.

... senza limitazione di corsa

Finché si tiene premuto il pulsante Avanti a scatti o


Indietro a scatti, la macchina gira a 300 g/h.

A.1.38
Sicurezza

GR FS9011014000000000
Funzionamento di marcia lenta

Premendo il pulsante Marcia lenta nel posto di co-


mando selezionato, per 3 secondi risuona un se-
gnale acustico di avvio. Durante questo intervallo
non è possibile mettere in funzione la macchina.
Se entro 6 secondi a partire dalla cessazione del
segnale acustico di avviamento si preme nuova-
mente il pulsante Marcia lenta, la macchina funziona
a una velocità di 300 giri/h.
Per arrestare la macchina, premere il pulsante Stop
di emergenza o Alt.
Fig. 18 Pulsante Marcia lenta

GR FS9011015000000000
Posizionamento

Premendo il pulsante Posizionamento nel posto di


comando selezionato, per 3 secondi risuona un se-
gnale acustico di avvio. Durante questo intervallo
non è possibile mettere in funzione la macchina.

Nota
Preselezione funzione: sul CP2000
Center, nelle regolazioni base, è possi-
bile scegliere se dopo l’attivazione del
pulsante Posizionamento il cilindro
Fig. 19 Pulsante Posizionamento portalastre si deve posizionare per il
cambio lastra o per la regolazione del
registro.

Se entro 6 secondi a partire dalla cessazione del


segnale acustico di avviamento si preme nuova-
mente il pulsante Posizionamento, la macchina si
porta nella posizione per lo smontaggio/montaggio
della lastra.

A.1.39
Sicurezza

8 Controllo dei dispositivi di sicurezza sul CP2000 Center


UTKSG9010108___00000_002
UTKSG9010108007000000

8.1 Controllo dei dispositivi di sicurezza

GR SG9010170000005000
1

Servizio / Sicurezza 3
4 Azionamenti

3
Sicurezza

5 6 7

12345
Ordine
Nome

Fig. 20 Menu Assistenza / Sicurezza

Gli schemi della macchina di questo capitolo servono


a illustrare i dispositivi di sicurezza. Non rappresen-
tano necessariamente le caratteristiche effettive della
macchina.
Prima di controllare i dispositivi di sicurezza: chiu-
dere tutte le protezioni e sbloccare tutti i pulsanti
Stop di emergenza.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (fig. 20/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Assistenza (fig. 20/2).
Viene visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Sicurezza (fig. 20/3). Ap-
pare il menu Assistenza/Sicurezza (fig. 20).

Sullo schermo compare ora un’immagine della mac-


china su cui tutti i dispositivi di sicurezza da control-
lare sono rappresentati in colore rosso.

4. Premere in successione tutti i pulsanti Stop di


emergenza e sbloccarli nuovamente.
5. Aprire una dopo l’altra tutte le protezioni, quindi
richiuderle.

A.1.40
Sicurezza

GR SG9010168000002000
6. Premere contro i mandrini salvadita.
7. Aprire e chiudere ogni singola protezione, ec-
1 cetto che durante la prova delle barre salva-
mano. Se il dispositivo di protezione in que-
stione funziona correttamente, il relativo
simbolo sul display si spegne.

Nota
Se sono stati controllati manualmente
tutti i dispositivi di sicurezza, sullo
schermo sono visibili solo i simboli per
il controllo dei fogli sovraccaricati
nell’uscita, per l’interruttore finale dei
nastri aspiranti e per il pareggiatore del
foglio (fig. 21/1).

8. Uscire dal menu


Premere il pulsante Indietro.
Fig. 21 Simboli secondo il controllo di sicurezza
Se lampeggia ancora un altro simbolo:

1. Localizzare la protezione indicata e verificarla


ancora una volta.
2. Se la protezione è guasta, informare l’Assi-
stenza della rappresentanza Heidelberg.

Inizializzare nuovamente il test:

1. Premere il pulsante Reset (fig. 20/5). Il test


viene reinizializzato, in modo da poter essere
eseguito di nuovo completamente (ad es. dopo
un’interruzione).

A.1.41
Sicurezza

UTKSG9010108___00000_003

8.2 Simboli relativi ai dispositivi di sicurezza

GR SG9010171000003000
Mettifoglio

Pulsante Stop di emergenza

Delimitazione pila principale in basso

Delimitazione pila principale in alto

Delimitazione pila ausiliaria in basso

Fig. 22 Simboli sul mettifoglio Limitazione superiore pila ausiliaria

Sicurezza pila in alto

Testa aspirante nella posizione più alta

Lo sportello di comando della testa aspi-


rante è stato attivato

A.1.42
Sicurezza

GR SG9010172000002000
Unità di stampa

Pulsante Stop di emergenza, sui quadri


comando di LV e LM

Dispositivo di protezione sopra il cilindro


di impressione/cilindro di trasferimento

Mandrino salvadita in alto

É
1–8

É É
Mandrino salvadita in basso

É
1–8

Fig. 23 Simboli relativi alle unità di stampa Griglia di protezione dinanzi al cilindro
portalastre (lato uscita)

Griglia di protezione davanti all’unità di


bagnatura

Griglia di protezione dinanzi al tamburo


del mettifoglio del registro

Interruttore di fine corsa della sicurezza


passo d’uomo al di sotto del dispositivo
di voltura (solo per SM 102, solo
nell’unità di voltura)
La manovella è collegata

A.1.43
Sicurezza

GR SG9010173000002000
Uscita

Pulsante Stop di emergenza

Protezione di vetro

Controllo dei fogli sovraccaricati

Pareggiatore del foglio LM (1) e LV (2)


1 2

Fig. 24 Simboli sull’uscita Controllo della posizione dei nastri aspi-


ranti

Protezione sopra i ponti portapinze

Delimitazione pila principale in basso

Delimitazione pila principale in alto

Delimitazione pila ausiliaria in basso

Limitazione superiore pila ausiliaria

Tubo dell’aria soffiante

Protezione del cilindro dell’uscita

A.1.44
Sicurezza

9 Disaerazione del sistema pneumatico


UTKMS9019710___00000_003
UTKMS9019710003000000

9.1 Sfiato dell’impianto pneumatico in caso di emergenza

GR MS2340001000002000
La macchina è provvista di compressore oppure di
un impianto ad aria compressa per l’impianto pneu-
matico alimentato da unità esterne.
L’aria compressa viene inviata ai componenti pneu-
matici attraverso regolatori filtranti e elettrovalvole.
L’azionamento pneumatico riguarda ad esempio:

D Innesto e disinnesto produzione,


D Innesto e disinnesto dei rulli dell’unità di inchio-
strazione e dell’unità di bagnatura.

In caso di emergenza il sistema pneumatico può es-


1 2 sere scaricato sul regolatore del filtro (Fig. 25/2). Il
regolatore del filtro è situato dietro lo sportello di pro-
tezione LM (Fig. 25/1).

Fig. 25 Ubicazione del regolatore del filtro Per uno scarico efficace, è necessario che il com-
pressore sia disinserito. Se la macchina è alimentata
dal proprio compressore la disattivazione della mac-
china da stampa tramite l’interruttore principale com-
porta anche l’interruzione dell’alimentazione di cor-
rente al compressore.
GR MS9010040000001000

Disaerazione del sistema pneumatico

1. Accertarsi che il compressore sia spento.


2. Estrarre completamente la vite di sfiato
(Fig. 26/1) sul regolatore del filtro. La vite è do-
tata di sicura per evitare che cada.

Lo sfiato completo dell’impianto pneumatico – a se-


conda della configurazione della macchina – può
1 durare alcuni minuti. I gruppi verniciatura sono muniti
di un accumulatore per il sistema di racla della ca-
mera. Lo sfiato di questo accumulatore deve essere
eseguito separatamente.

Rimessa in funzione del sistema pneumatico


2
1. Avvitare completamente la vite di sfiato
(Fig. 26/2) sul regolatore del filtro e serrarla a
fondo.
2. Accendere nuovamente il compressore.
3. Controllare se sul manometro (Fig. 26/1) è pre-
Fig. 26 Regolatore del filtro sente una pressione del sistema di 6 bar circa o
se l’indicatore del manometro si trova nella
zona verde.

A.1.45
Sicurezza

10 Rotazione della macchina


UTKMS9019707___00000_006
UTKMS9019707005000000

10.1 Indicazioni generali

In caso di emergenza o per determinati lavori di re-


golazione o manutenzione, la macchina può essere
girata in avanti e in dietro a mano.

Attenzione – Pericolo di lesioni!


Prima delle operazioni elencate qui di
seguito, assicurarsi che la macchina
non possa essere messa in funzione
con il pulsante Arresto di emergenza
sul posto di comando più vicino.

Nota
Avvisare tutte le persone in vicinanza
della macchina che si sta per girare la
macchina a mano.

Avviso – Pericolo di danni alla mac-


china!
Se si trovano ancora dei fogli in mac-
china, essa va girata in dietro esclusi-
vamente in caso di emergenza. Du-
rante la rotazione in dietro, i fogli rima-
sti in macchina rischiano di danneg-
giare i cilindri e le pinze di trasferi-
mento.

UTKMS9019707___00000_003

10.2 Macchina a più colori (2 – 7 unità di stampa)


GR MS9019719000002000

Attrezzo e alloggiamento relativo

Attrezzo

In dotazione alla macchina viene consegnata una


chiave a T rossa. Questa chiave a T consente la ro-
tazione manuale della macchina.

1 Alloggiamento

Il dispositivo di inserimento per la chiave a T è l’albe-


rino di regolazione dietro lo sportello di protezione LV
(fig. 27/1).

Fig. 27 Sportello di protezione LV

A.1.46
Sicurezza

GR MS9019720000001000
Rotazione manuale della macchina

Nota
2 Se la macchina e spenta, bisogna
4
sbloccare manualmente il freno del
motore (vedi paragrafo ”Sblocco ma-
3 nuale del freno del motore”).

1. Aprire lo sportello di protezione (fig. 27/1).


2. Applicare la chiave a T (fig. 28/3) sull’alberino di
regolazione (fig. 28/1) e lasciare che si innesti.
1
3. Sollevare il nottolino di arresto (fig. 28/2).
4. Premere l’alberino di regolazione (fig. 28/1) in
posizione 1 oppure On.
Fig. 28 Alberino di regolazione
Risultato
A macchina acceso, in questo modo si
sblocca il freno del motore.

5. Ora girare la macchina.

Senso di rotazione dell’attrezzo

D In senso orario la macchina gira all’indietro.


D Ruotando in senso antiorario, la macchina
avanza (stessa direzione di rotazione della pro-
duzione).

Disinnesto dell’attrezzo

6. Sollevare il nottolino d’arresto e tirare l’alberino


di regolazione in posizione 0 oppure OFF. Svi-
tare la chiave a T dall’alberino di regolazione.
Agganciare la chiave a T nell’apposito ritegno.
Chiudere lo sportello di protezione davanti
all’alberino di regolazione.

Sblocco manuale del freno del motore

Nota
Se la macchina è spenta, bisogna
sbloccare il freno del motore manual-
mente. A macchina accesa, il freno del
motore si sblocca automaticamente.

A.1.47
Sicurezza

GR MS9019718000003000
Macchine a due e quattro colori

1. Premere il pedale sotto il gradino di lamiera su


1 LV (fig. 29/1).

Risultato
Finché si premere il pedale, il freno del
motore è rilasciato. Ora è possibile gi-
rare la macchina (vedi paragrafo ”Ro-
tazione manuale della macchina”).

2. Al termine dei lavori: riposizionare il pedale


(fig. 29/1) sotto il gradino di lamiera.

Fig. 29 Pedale per il rilascio del freno del mo-


tore
GR MS9019721000002000

Macchine con 5 – 7 unità di stampa

1 2 1. Tirare la staffa (Fig. 30/1) in direzione della frec-


cia. In tal modo il freno del motore viene rila-
sciato.
2. Avvitare la vite a testa esagonale (Fig. 30/2). In
questo modo, la staffa rimane nella posizione di
sblocco.

Risultato
Il freno del motore è sbloccato. Ora è
possibile girare la macchina (vedi pa-
ragrafo ”Rotazione manuale della mac-
china”).

3. Al termine dei lavori occorre riattivare il freno


del motore: allentare la vite a testa esagonale
(Fig. 30/2).
Fig. 30 Staffa per il rilascio del freno del motore
Nota
Accertarsi che la staffa (Fig. 30/1) ri-
torni nella sua posizione di partenza.

A.1.48
Sicurezza

UTKMS9019707___00000_004

10.3 Macchine con 8 e più unità di stampa

GR MS9019719000002000
Attrezzo e alloggiamento relativo

Attrezzo

La dotazione della macchina comprende una chiave


a T rossa con ingranaggio (fig. 32). Questa chiave a
T consente la rotazione manuale della macchina.

1 Alloggiamento

Il dispositivo di inserimento per la chiave a T è l’albe-


rino di regolazione dietro lo sportello di protezione LV
(fig. 31/1).

Fig. 31 Sportello di protezione LV

GR MS9019729000001000
4

5
2
1

Fig. 32 Chiave a T con ingranaggio riduttore

A.1.49
Sicurezza

Rotazione manuale della macchina

Nota
Se la macchina e spenta, bisogna
sbloccare manualmente il freno del
motore (vedi paragrafo ”Sblocco ma-
nuale del freno del motore”).

1. Aprire lo sportello di protezione (fig. 31/1).


2. Ruotare l’alberino di regolazione (fig. 32/1) in
modo che la spina di bloccaggio (fig. 32/2) sia
verticale.
3. Applicare la chiave a T sull’alberino di regola-
zione.
4. Spingere la chiave a T fino a che la spina di
bloccaggio (fig. 32/2) non entra nella scanala-
tura (fig. 32/3).
5. Ruotare l’anello di sostegno verso destra fino a
che il perno (fig. 32/4) non scatta nel foro
(fig. 32/5).

GR MS9019732000001000
3

Fig. 33 Chiave a T applicata

A.1.50
Sicurezza

6. Sollevare il nottolino di arresto (Fig. 28/1). Te-


nere fermo il nottolino d’arresto.
7. Girare la chiave a T in senso antiorario. Con-
temporaneamente premere finché la marca-
tura (fig. 28/2) non si trova sulla marcatura
1/ON della scala (fig. 28/3).

Risultato
A macchina acceso, in questo modo si
sblocca il freno del motore.

8. Ora girare la macchina.

Senso di rotazione dell’attrezzo

D In senso orario la macchina gira all’indietro.


D Ruotando in senso antiorario, la macchina
avanza (stessa direzione di rotazione della pro-
duzione).

GR MS9019734000001000
3

Fig. 34 Estrarre la chiave a T

A.1.51
Sicurezza

Disinnesto dell’attrezzo

1. Sollevare il nottolino di arresto (fig. 34/1). Te-


nere fermo il nottolino d’arresto. Girare contem-
poraneamente la chiave a T in senso orario.
Contemporaneamente estrarre la chiave a T
finché la marcatura (fig. 34/2) non si trova sulla
marcatura 0/OFF della scala (fig. 34/3).
2. Tirare sull’anello di regolazione (fig. 34/4). Ora
si può sfilare la chiave a T dall’alberino di rego-
lazione.

GR MS9019721000002000
Sblocco manuale del freno del motore

1 2 Nota
Se la macchina è spenta, bisogna
sbloccare il freno del motore manual-
mente. A macchina accesa, il freno del
motore si sblocca automaticamente.

1. Tirare la staffa (fig. 35/1) in direzione della frec-


cia. In tal modo il freno del motore viene rila-
sciato.
2. Avvitare la vite a testa esagonale (fig. 35/2). In
questo modo, la staffa rimane nella posizione di
sblocco.

Risultato
Il freno del motore è sbloccato. Ora è
possibile girare la macchina (vedi pa-
Fig. 35 Staffa per il rilascio del freno del motore
ragrafo ”Rotazione manuale della mac-
china”).

3. Al termine dei lavori occorre riattivare il freno


del motore: allentare la vite a testa esagonale
(fig. 35/2).

Nota
Accertarsi che la staffa (fig. 35/1) ri-
torni nella sua posizione iniziale.

A.1.52
Sommario del capitolo principale

B Comando

Posti di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.1

1 Quadro comandi del mettifoglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.3


1.1 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.3

2 Quadro comandi delle unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.7


2.1 Posto di comando unità di bagnatura LM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.7
2.2 Quadro comandi dell’unità di stampa L.V. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.7
2.3 Quadro comandi dell’unità di stampa L.M. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.8

3 Quadro comandi dell’unità di verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.10


3.1 Quadro comandi del gruppo di verniciatura LM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.10
3.2 Quadro comandi dell’unità di verniciatura lato uscita LM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.11
3.3 Quadro comandi dell’unità di verniciatura lato dell’uscita LV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.12

4 Quadro comandi uscita alta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.14


4.1 Quadro comandi uscita alta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.14

5 Display di informazioni della macchina (MID) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.18


5.1 Funzionamento e indicazione dopo l’innesto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.18
5.2 Display dei gradi, della velocità e delle anomalie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.18
5.3 Display del numero stampe e del controllo fogli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.19
5.4 Display del foglio obliquo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.19
5.5 Indicazione Raggiunto limite di regolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.20
5.6 Display contatore della tiratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.20
5.7 Display del controllo fogli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.21
5.8 Display del numero dei giri dei rulli pescatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.21
5.9 Display della velocità dei nastri aspiranti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.22
5.10 Display codice d’assistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.22

6 Pulizia dei quadri comandi ..................................... B.1.23


6.1 Detergente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.23

Fondamenti su CP2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.1

1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.3

B.1
Sommario del capitolo principale

1.1 CP2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.3


1.2 Accensione della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.3
1.3 CP2000 – Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.3
1.4 Quadro di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.4
1.5 Regolazione dello schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.5
1.6 Bloccaggio posti di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.8
1.7 Pulizia di CP2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.9
1.8 Spegnimento della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.10

2 Struttura del comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.12


2.1 Superficie di comando – Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.12
2.2 Riga di intestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.13
2.3 La riga a piè di pagina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.14
2.4 Livelli di programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.15
2.5 Impostazione tramite la superficie di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.16
2.6 Prospetto flusso di dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.18
2.7 Scheda memoria ordini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.20

Impostazioni base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.1

1 Segnale acustico di avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.5


1.1 Selezione del segnale acustico di avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.5

2 Lingua, ora e data . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.6


2.1 Impostazione della lingua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.6
2.2 Impostazione dell’ora e della data . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.7
2.3 Impostazione del fuso orario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.9
2.4 Impostazione dell’ora legale e dell’ora solare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.10

3 Luce verde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.12


3.1 Funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.12
3.2 Attivazione e disattivazione della luce verde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.13

4 Color Booster . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.14


4.1 Attivazione e disattivazione di Color Booster . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.14

5 Correzione liquido di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.15


5.1 Innesto o disinnesto della correzione liquido di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.15

B.2
Sommario del capitolo principale

6 Controllo dei fogli doppi a ultrasuoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.16


6.1 Attivazione/disattivazione del controllo fogli doppi a ultrasuoni . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.16

7 Controllo fogli doppi nella squadra di tiro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.18


7.1 Attivazione/disattivazione del controllo fogli doppi nella squadra di tiro . . . . . . . . . . B.3.18

8 Antiscartino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.20
8.1 Regolazione del numero di gradi per l’inizio dell’antiscartino (senza collegamento CAN) . . . . . . .
B.3.20
8.2 Regolazione dell’area antiscartino (solo con collegamento CAN) . . . . . . . . . . . . . . . B.3.21

9 Visualizzazione della temperatura in gradi Fahrenheit (solo con collegamento


CAN) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.23
9.1 Selezione della visualizzazione della temperatura in gradi Fahrenheit . . . . . . . . . . . B.3.23

10 Funzioni di stampa - Comando diretto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.24


10.1 Avvertenze in merito al comando diretto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.24
10.2 Attivazione e disattivazione diretta delle funzioni di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.25

11 Avvertenze sulle curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.26


11.1 Vantaggi delle curve caratteristiche regolabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.26
11.2 Parametri standard e impostazioni dell’utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.26
11.3 Rappresentazione delle curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.28
11.4 Tipi di curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.29
11.5 Modifica delle curve caratteristiche – avvertenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.29
11.6 Curve caratteristiche/Trasferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.30
11.7 Gestione memoria dati/Configurazione memoria dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.32

12 Curve caratteristiche per la preimpostazione dell’inchiostro . . . . . . B.3.34


12.1 Fondamenti ............................................................ B.3.34
12.2 Selezione di curve caratteristiche/impostazione inchiostro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.36
12.3 Modifica delle curve caratteristiche di preimpostazione dell’inchiostro . . . . . . . . . . . B.3.39

13 Curve caratteristiche per la compensazione velocità . . . . . . . . . . . . . . B.3.43


13.1 Fondamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.43
13.2 Service/Curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.45
13.3 Modifica curve caratteristiche compensazione velocità inchiostro . . . . . . . . . . . . . . . B.3.47
13.4 Modifica curve caratteristiche compensazione velocità liquido di bagnatura . . . . . B.3.50
13.5 Modifica curve caratteristiche compensazione velocità vernice . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.52

B.3
Sommario del capitolo principale

14 Rilevamento dati di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.56


14.1 Selezionare il menu Service/Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.56
14.2 Protocollo definito dall’utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.57

15 Rilevamento manuale dei dati di esercizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.59


15.1 Funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.59
15.2 Menu Rilevamento dati d’esercizio – Sommario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.60
15.3 Annuncio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.62
15.4 Annuncio dell’inizio ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.64
15.5 Selezione del reparto finanziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.65
15.6 Comunicazione del tipo di ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.66
15.7 Comunicazione dell’interruzione dell’ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.69
15.8 Comunicazione della conclusione dell’ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.71
15.9 Disattivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.72

16 Configurazione Prinect . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.74


16.1 Impostazione della configurazione Prinect . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.74
16.2 Menu Service/Configura rilevamento dati di esercizio – panoramica . . . . . . . . . . . . B.3.76
16.3 Aggiunta di dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.77
16.4 Modifica di dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.79
16.5 Cancellazione di dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.81

17 Intervallo di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.82


17.1 Scadenza degli intervalli di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.82
17.2 Menu Service/Intervalli di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.84
17.3 Menu Intervallo di manutenzione I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.86
17.4 Menu Intervallo di manutenzione II ... V . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.87

18 Moduli software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.90


18.1 Attivazione moduli software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.90
18.2 Creazione di codici di dimostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.93
18.3 Codice di cancellazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.94

19 Modulo di software Banca dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.96


19.1 Elenco ordini della preparazione ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.96
19.2 Configurazione della banca dati .......................................... B.3.97

20 Modulo software PresetLink . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.100

B.4
Sommario del capitolo principale

20.1 Caratteristiche e condizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.100


20.2 Gestione di PresetLink . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.101
20.3 Configurazione di Preset Link . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.103
20.4 Uso di PresetLink . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.107

21 Modulo di software MetaDimension . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.108


21.1 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.108
21.2 Gestione memoria dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.108
21.3 Configurazione MetaDimension . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.109
21.4 Gestione memoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.112
21.5 Esposizione lastra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.115

22 Modulo software Management Gate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.117


22.1 Applicazioni e requisiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.117
22.2 Gestione di ManagementGate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.118
22.3 Configurazione di Management Gate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.120
22.4 Uso di ManagementGate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.127
22.5 Impostazione del formato per la visualizzazione della data . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.129

23 Modulo di software Memoryplus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.131


23.1 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.131
23.2 Uso di Memoryplus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.131

24 Modulo software OnlineAssistance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.134


24.1 Proprietà e funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.134
24.2 Remote Service - Display del CP2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.134

Preparazione ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.1

1 Il menu ”Ordine” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.5


1.1 Impostazioni nel menu ”Ordine” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.5

2 Designazione ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.8


2.1 Modifica dell’ordine di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.8

3 Immissione annotazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.10


3.1 Il menu ”Annotazioni” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.10

B.5
Sommario del capitolo principale

4 Immissione delle proprietà del materiale da stampa . . . . . . . . . . . . . . . B.4.11


4.1 Preregolazione – riepilogo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.11
4.2 Preregolazioni dipendenti dal materiale da stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.12
4.3 Cambiamento del dispositivo di voltura semiautomatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.17
4.4 Cambiamento del dispositivo di voltura completamente automatico . . . . . . . . . . . . . B.4.18
4.5 Color Quality Management (CQM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.20
4.6 Regolazione manuale delle caratteristiche del materiale da stampa . . . . . . . . . . . . B.4.21

5 Configurazione macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.24


5.1 Immissione della configurazione macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.24

6 Determinazione del processo di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.29


6.1 Preimpostazioni delle unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.29

7 Assegnazione colori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.31


7.1 Assegnazione dei colori alle unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.31
7.2 Definizione degli inchiostri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.36

8 Assegnazione curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.43


8.1 Tipi di curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.43
8.2 Regole per l’assegnazione automatica delle curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . B.4.43
8.3 Note per l’assegnazione manuale delle curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.44
8.4 Definizione inchiostro/Assegnazione della curva caratteristica . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.45
8.5 Assegnazione della curva caratteristica di compensazione velocità Inchiostro . . . . B.4.46
8.6 Assegnazione della curva caratteristica di compensazione velocità Liquido di bagnatura . . . . . . .
B.4.48

9 Definizione delle vernici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.50


9.1 Definizione vernice e assegnazione ai gruppo di verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.50
9.2 Assegnazione curva caratteristica vernice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.53

10 Funzioni dell’unità di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.55


10.1 Impostazioni per le singole unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.55
10.2 Impostazione per diverse unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.57
10.3 Impostazione quantità di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.59

11 Sistema Vario (optional) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.62


11.1 Funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.62
11.2 Attivazione/disattivazione della funzione Vario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.63

B.6
Sommario del capitolo principale

12 Convogliamento automatico inchiostro InkLine . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.64


12.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.64
12.2 InkLine (senza supporto del bus CAN) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.65
12.3 Funzioni avanzate in InkLine CAN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.68
12.4 Lavorare con InkLine CAN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.72

13 Menu ”Salva ordine attuale” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.73


13.1 Salva ordine attuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.73
13.2 Il menu ”Nomina/Rinomina” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.75

14 Regolazioni per ”Inizio ordine” e ”Fine produzione” . . . . . . . . . . . . . . B.4.76


14.1 Inizio ordine – menu Avvio macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.76
14.2 Fine produzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.78
14.3 Inizio ordine/Impostazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.80
14.4 Fine ordine/Impostazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.82

15 Riepilogo preparazione ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.83


15.1 Dati base ordine nella memoria di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.83

16 Preparazione dell’ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.86


16.1 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.86
16.2 Carica ordine – generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.88
16.3 Carica ordine di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.89
16.4 Selezione fonte dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.91
16.5 Anteprima dell’immagine stampata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.92
16.6 Visualizzazione cartella ordini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.93
16.7 Conferma ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.94
16.8 Comunicazione dell’inizio ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.95

17 Carica dati inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.98


17.1 Caricamento dei dati inchiostrazione di un ordine di stampa nella memoria di lavoro . . . . . . . . . . .
B.4.98
17.2 Selezione memoria dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.100

18 Preimpostazioni nel menu Tiratura e Velocità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.101


18.1 Preregolazione di tiratura e velocità – Preparazione ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.101

19 Il menu ”Salva ordine preparato” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.103


19.1 Preparazione ordine – Salva ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.103

B.7
Sommario del capitolo principale

20 Gestione memoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.105


20.1 Eliminazione o copia degli ordini di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.105

21 Contatore di tiratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.108


21.1 Il menu Tiratura – Panoramica dei pulsanti e dei display . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.108
21.2 Impostazione della tiratura per l’ordine di stampa attuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.110
21.3 Modifica della tiratura nominale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.111
21.4 Regolazione del contatore della tiratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.112
21.5 Impostazione dell’intervallo di avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.113
21.6 Impostazione QualityProof . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.115

22 Velocità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.116


22.1 Regolazione della velocità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.116
22.2 Preselezione delle velocità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.117

23 Impostazione dei programmi di lavaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.118


23.1 Indicazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.118
23.2 Simboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.118
23.3 Abbinamento del programma di lavaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.119
23.4 Modifica dei programmi di lavaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.121
23.5 Impostazioni supplementari per il dispositivo di lavaggio degli inchiostratori . . . . . B.4.126

24 Modifica programmi di lavaggio rulli inchiostratori . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.128


24.1 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.128
24.2 Schema dei simboli e raffigurazione di un programma di lavaggio . . . . . . . . . . . . . . B.4.129
24.3 Copiare e salvare programmi – Pulsante Carica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.131
24.4 Modifica del programma di lavaggio – Pulsante Modifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.133
24.5 Composizione del programma di lavaggio, pulsante Registratore Registra . . . . . . . B.4.135

25 Preinchiostrazione, prebagnatura e postbagnatura . . . . . . . . . . . . . . . B.4.141


25.1 Regolazione dei giri macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.141
25.2 Note per la prebagnatura e postbagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.4.143

Stampa ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.1

1 Panoramica della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.5


1.1 Indicazione delle funzioni macchina attuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.5

B.8
Sommario del capitolo principale

2 Trasporto della pila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.7


2.1 Modifica del trasporto della pila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.7

3 Immissione fogli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.8


3.1 Regolazione arrivo fogli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.8
3.2 Allineamento laterale automatico della pila . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.9

4 Impostazione dell’aria soffiante e aspirante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.10


4.1 Impostazione dell’aria soffiante sulla testa aspirante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.10
4.2 Inserimento e disinserimento dell’aria soffiante e aspirante sul dispositivo di volta e sull’unità di
verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.11

5 Rotelline separatrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.12


5.1 Spostamento delle rotelline separatrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.12

6 Squadre di tiro e registri frontali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.14


6.1 Regolazione di precisione del percorso di tiro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.14
6.2 Regolazione dei registri frontali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.15

7 Funzioni del registro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.17


7.1 Impostazioni dei registri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.17
7.2 Regolazione di precisione del percorso di tiro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.18

8 Crocini di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.21


8.1 Crocini di comando e di ricerca sul foglio da stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.21
8.2 Dimensioni e posizione dei crocini di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.23
8.3 Settori di montaggio dei crocini di comando e ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.26

9 Registro automatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.27


9.1 Funzionamento del registro automatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.27
9.2 Modalità automatica e guidata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.27
9.3 Numero e posizione nella macchina da stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.28

10 Uso della funzione automatica dei registri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.30


10.1 Attivazione e disattivazione della funzione automatica dei registri . . . . . . . . . . . . . . B.5.30
10.2 Menu Registro/AutoRegister – Sommario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.31
10.3 Cancellare valori OK . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.33
10.4 Modi operativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.34
10.5 Valori di misurazione dell’AutoRegister . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.36

B.9
Sommario del capitolo principale

10.6 Definizione del colore di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.38


10.7 Indicazione dell’ubicazione dei crocini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.39
10.8 Indicazione dell’ubicazione crocini attraverso la selezione della zona di inchiostrazione . . . . . . . .
B.5.41
10.9 Ricerca automatica dell’ubicazione crocini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.44

11 Indicazione di stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.46


11.1 Messaggi di stato dell’AutoRegister . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.46
11.2 Errore di montaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.48

12 Pressione di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.50


12.1 Impostazione della regolazione pressione di stampa per diverse unità di stampa . B.5.50
12.2 Regolazione della pressione di stampa per singole unità di stampa . . . . . . . . . . . . . B.5.52

13 Attivazione e disattivazione stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.53


13.1 Attivazione/disattivazione di singole unità di stampa mediante preselezione . . . . . B.5.53
13.2 Attivazione e disattivazione di diverse unità di stampa contemporaneamente mediante la
preselezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.54
13.3 Attivazione e disattivazione manuale della stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.55

14 Prenditore inchiostro e rulli inchiostratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.56


14.1 Innesto e disinnesto del prenditore inchiostro e dei rulli inchiostratori . . . . . . . . . . . B.5.56
14.2 Modifica della velocità del duttore inchiostro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.60

15 Profili inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.62


15.1 Impostare il profilo di inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.62

16 Comando inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.64


16.1 Comando inchiostrazione mediante ripresa di dati di misurazione . . . . . . . . . . . . . . B.5.64

17 Comando correzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.65


17.1 Selezione del comando di conduzione successiva nel menu Comando inchiostrazione . . . . . . . . .
B.5.65
17.2 Consiglio di correzione per il profilo inchiostrazione attuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.68

18 Correzione automatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.70


18.1 Selezione della correzione automatica nel menu Comando inchiostrazione . . . . . B.5.70
18.2 Consiglio di correzione per il profilo inchiostrazione attuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.73

B.10
Sommario del capitolo principale

19 Quadro di comando zone di inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.75


19.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.75
19.2 Display delle zone di inchiostrazione e campo pulsantiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.76
19.3 Impostazione dell’apertura zone di inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.79
19.4 Selezione gruppi di zone di inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.80

20 Regolazione del singolo inchiostro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.81


20.1 Selezione dell’impostazione individuale del colore nel menu Comando inchiostrazione . . . . . . . .
B.5.81
20.2 Consiglio di correzione per il profilo inchiostrazione attuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.84

21 Progressive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.85
21.1 Compilazione di progressive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.85

22 Comando diretto dei dispositivi di lavaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.87


22.1 Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.87
22.2 Avvio del lavaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.88
22.3 Comando manuale delle funzioni di lavaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.90
22.4 Lavaggio manuale dei rulli inchiostratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.93

23 Temperazione dell’inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.95


23.1 Inserimento e disinserimento della temperazione dell’inchiostrazione (senza collegamento CAN)
B.5.95
23.2 Impostazione della temperazione dell’inchiostrazione (solo con collegamento CAN) . . . . . . . . . . .
B.5.96

24 Approntamento del liquido di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.100


24.1 Norme per la sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.100
24.2 Impostazione dell’approntamento del liquido di bagnatura (senza collegamento CAN) . . . . . . . . .
B.5.101
24.3 Impostazione dell’approntamento del liquido di bagnatura (con collegamento CAN) . . . . . . . . . . .
B.5.103
24.4 Inserimento e disinserimento di Automix . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.107

25 Verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.109
25.1 Impostazione dell’unità di verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.109
25.2 Pressione di stampa cilindro tessuto vernice – cilindro di pressione . . . . . . . . . . . . . B.5.112
25.3 Impostazione della distanza vernice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.112

26 Funzioni dell’uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.113

B.11
Sommario del capitolo principale

26.1 Spianafogli, forno, antiscartino, dispositivo di ionizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.113


26.2 Passaggio carta/Uscita – Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.114
26.3 Impostazione della quantità di polvere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.115
26.4 Comando diretto delle funzioni dell’uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.116

27 Pareggiatore del foglio e manina fermafogli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.5.117


27.1 Attivazione e disattivazione del pareggiatore del foglio e della manina fermafogli . B.5.117

Anomalie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.1

1 CP2000 Center - Indicazione di disturbo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.3


1.1 Localizzazione del disturbo sul CP2000 Center . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.3
1.2 Simboli nel menu ”Anomalia” ............................................. B.6.4
1.3 Il messaggio ”Anomalia prova di plausibilità” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.6

2 Indicazione di disturbo dell’intera macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.7


2.1 Simboli nel menu ”Macchina intera” (giallo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.7

3 Anomalia durante l’arretramento a scatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.9


3.1 Blocco durante l’arretramento a scatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.9

4 Indicazione di disturbo del mettifoglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.10


4.1 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.10
4.2 Simboli di anomalia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.11

5 Indicazione di disturbo dell’unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.14


5.1 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.14
5.2 Simboli di anomalia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.15

6 Indicazione di disturbo durante il processo di voltura . . . . . . . . . . . . . B.6.18


6.1 Perdita di fogli durante la voltura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.18
6.2 Simboli di anomalia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.19

7 Indicazione di disturbo del gruppo di verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.21


7.1 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.21
7.2 Simboli di anomalia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.22

8 Indicazione di disturbo dell’uscita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.24

B.12
Sommario del capitolo principale

8.1 Simboli nel menu ”Anomalia uscita” . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.24

9 Indicazione di disturbo degli apparecchi periferici . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.27


9.1 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.27
9.2 Simbolo di disturbo dell’antiscartino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.27
9.3 Simboli di anomalia distribuzione centralizzata del liquido della bagnatura . . . . . . B.6.28

10 Indicazione di disturbo del comando inchiostrazione . . . . . . . . . . . . . B.6.30


10.1 Simboli di anomalia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.30

11 Indicazione di disturbo della centrale di lubrificazione . . . . . . . . . . . . B.6.31


11.1 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.31
11.2 Circuiti olio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.32
11.3 Circuiti grasso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.33

12 Indicazione di disturbo del processo di lavaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.34


12.1 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.34
12.2 Simboli di disturbo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.34
12.3 Disaerazione delle linee di alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.6.35

B.13
Sommario del capitolo principale

B.14
Sommario del capitolo

Posti di comando

1 Quadro comandi del mettifoglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.3


1.1 Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.3

2 Quadro comandi delle unità di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.7


2.1 Posto di comando unità di bagnatura LM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.7
2.2 Quadro comandi dell’unità di stampa L.V. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.7
2.3 Quadro comandi dell’unità di stampa L.M. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.8

3 Quadro comandi dell’unità di verniciatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.10


3.1 Quadro comandi del gruppo di verniciatura LM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.10
3.2 Quadro comandi dell’unità di verniciatura lato uscita LM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.11
3.3 Quadro comandi dell’unità di verniciatura lato dell’uscita LV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.12

4 Quadro comandi uscita alta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.14


4.1 Quadro comandi uscita alta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.14

5 Display di informazioni della macchina (MID) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.18


5.1 Funzionamento e indicazione dopo l’innesto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.18
5.2 Display dei gradi, della velocità e delle anomalie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.18
5.3 Display del numero stampe e del controllo fogli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.19
5.4 Display del foglio obliquo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.19
5.5 Indicazione Raggiunto limite di regolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.20
5.6 Display contatore della tiratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.20
5.7 Display del controllo fogli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.21
5.8 Display del numero dei giri dei rulli pescatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.21
5.9 Display della velocità dei nastri aspiranti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.22
5.10 Display codice d’assistenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.22

6 Pulizia dei quadri comandi ..................................... B.1.23


6.1 Detergente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.1.23

B.1.1
Sommario del capitolo

B.1.2
Posti di comando

1 Quadro comandi del mettifoglio


UTKMS9010630___00000_002
UTKMS9010630000000000

1.1 Panoramica

GR MS9010873000000000
24 26 29 31 33

1 2 3 17 25 28 30 32 34

7 9 10 16 13 14 19 20 22 27 35 39 37

8 11 12 15 18 21 23 36 38

Fig. 1

Denominazione Funzione
1 Display di informazioni della Indicazione dei dati della macchina attuali (numero di gradi,
macchina velocità), controllo dell’alimentazione fogli, comunicazione di
disturbi di funzionamento generali.
2 Spia di segnalazione anoma- Il LED è acceso: la macchina non può entrare in funzione a
lie rossa causa di un’anomalia.

3 Spia di segnalazione anoma- Il LED lampeggia: anomalia sul quadro comandi del mettifo-
lie blu glio.

4 Produzione Condizione: arresto della macchina


Azionamento: viene emesso il segnale acustico di avvio.
Azionamento ripetuto: tutte le funzioni selezionate vengono
attivate, ad esempio rulli bagnatori e inchiostratori sulla lastra,
prenditore inchiostro innestato, compressore acceso, alimen-
tazione fogli attiva. Le unità di stampa vanno in stampa. Con
il nuovo azionamento la macchina accelera sulla velocità di
produzione preselezionata.
Condizione indispensabile: la macchina è in funzione.
Tutte le funzioni selezionate vengono attivate ad esempio rulli
bagnatori e inchiostratori sulla lastra, prenditore inchiostro
innestato, compressore acceso, alimentazione fogli attiva. Le
unità di stampa vanno in stampa. Con il nuovo azionamento
la macchina accelera sulla velocità di produzione preselezio-
nata.

B.1.3
Posti di comando

Denominazione Funzione
5 Alt Azionando il pulsante la macchina si arresta.
Azionamento del pulsante durante la produzione: il mettifoglio
si arresta, tutte le unità di stampa interrompono la produ-
zione. I fogli vengono tolti, fase di postbagnatura, la macchina
si arresta.
Azionamento durante la postbagnatura: la fase di postbagna-
tura viene immediatamente interrotta, la macchina si arresta.
6 Avanti Condizione indispensabile: il pulsante Seleziona posto di co-
mando sul mettifoglio deve essere stato azionato. Aziona-
mento: viene emesso un segnale acustico di avviso. Ad un
nuovo azionamento: la macchina gira in avanti fino a quando
il pulsante è premuto.
7 Selezionare posto di comando Azionamento: premere il pulsante due volte (LED acceso). La
macchina può essere spostata solo nell’avanzamento a scatti
con o senza limitazione di corsa. Per cancellare la selezione:
premere di nuovo il pulsante due volte (LED spento).
8 Veloce Azionamento: aumenta la velocità della macchina in modo
continuo, finché il pulsante resta premuto.

9 Lento Azionamento: riduce di continuo la velocità, finché il pulsante


resta premuto. Interrompe l’aumento di velocità della mac-
china.
10 Marcia Azionamento: risuona il segnale acustico di avvio. Dopo un
nuovo azionamento la macchina si avvia alla velocità di pro-
duzione minima.
11 Compressore Azionamento: attivazione (LED acceso) e disattivazione del
compressore.

12 Rullo bagnatore on/off Condizione: macchina in funzione.


- Azionamento: accostamento (LED acceso) o distacco di
tutte le unità di bagnatura preselezionate.
13 Mettifoglio Azionamento: inserimento (LED acceso) e disinserimento
automatico del mettifoglio.

14 Passaggio carta Azionamento: attivazione (LED acceso) e disattivazione del


passaggio carta.

15 Rilascio punte di arresto Azionamento: le punte di arresto si sollevano. Rimuovere dal


tavolo portapila i fogli mantenuti fermi.

16 Pulsante Stop di emergenza Azionamento: la macchina si arresta subito, il pulsante si


blocca.
– Ruotare: il bloccaggio è rilasciato.
17 Aria soffiante registri frontali Regolazione della quantità di aria soffiante degli ugelli aria
soffiante/aspirazione nei registri frontali.

18 Rotelline separatrici posizione Azionamento: la posizione delle rotelline separatrici viene


per stampa cartone preselezionata. Posizione per stampa cartone (LED acceso)
o posizione per stampa carta (LED spento).
19 Protezione registri frontali Azionamento: la protezione registri frontali si apre.
aperta Azionamento ripetuto: la protezione registri frontali si chiude.

B.1.4
Posti di comando

Denominazione Funzione
20 Aria aspirante nastro aspi- Azionamento: aumento della quantità dell’aria aspirante sul
rante + nastro aspirante. Prima il valore aumenta a passi dell’1 %,
premendo più a lungo il pulsante a passi del 5 %. La quantità
di aria aspirante viene indicata in % sul MID.
21 Aria aspirante del nastro aspi- Azionamento: diminuzione della quantità di aria aspirante sul
rante – nastro aspirante. Dapprima il valore viene diminuito in fasi
dell’1 %, con pressione prolungata del pulsante in fasi del
5 %. La quantità di aria aspirante viene indicata in % sul MID.
22 Compensazione aria soffiante Quando la compensazione dell’aria soffiate è inserita, il grado
+ di compensazione della quantità d’aria soffiante aumenta in
funzione della velocità della macchina.
Quando la compensazione dell’aria soffiate è disinserita, la
quantità di aria soffiante aumenta.
23 Compensazione dell’aria sof- Quando la compensazione dell’aria soffiate è inserita, il grado
fiante – di compensazione della quantità d’aria soffiante diminuisce in
funzione della velocità della macchina.
Quando la compensazione dell’aria soffiate è disinserita, la
quantità di aria soffiante diminuisce.
24 Microfono
25 Altoparlante
26 Regolatore del volume Regolazione del volume dell’altoparlante.

27 Interfono Accensione e spegnimento dell’interfono.

28 Spostamento dei pareggiatori Condizione: allineamento automatico della pila inserito. .


della pila verso LV – Entrambi i pareggiatori laterali della pila si spostano verso
LV.
29 Spostamento dei pareggiatori Condizione: allineamento automatico della pila inserito. .
della pila verso LM – Entrambi i pareggiatori laterali della pila si spostano verso
LM.
30 Pareggiatori della pila, for- Il pareggiatore laterale della pila sul lato di tiro rimane fermo,
mato maggiore il pareggiatore laterale opposto si allontana dalla pila.

31 Pareggiatori della pila, for- Il pareggiatore laterale della pila sul lato di tiro rimane fermo,
mato minore il pareggiatore laterale opposto si avvicina alla pila.

32 Spostamento della pila attiva La pila attiva si sposta verso LV , quando l’allineamento auto-
verso LV matico della pila è disinserito.

33 Spostamento della pila attiva La pila attiva si sposta verso LM, quando l’allineamento auto-
verso LM matico della pila è disinserito.

34 Allineamento automatico della Attivazione (LED acceso) e disattivazione dell’allineamento


pila automatico della pila.

35 Pila ausiliaria su Azionamento: la pila ausiliaria si sposta verso l’alto, dapprima


lentamente, poi rapidamente. Avvio del cambio della pila non
stop semiautomatico.
36 Pila ausiliaria giù Il pulsante è contrassegnato da bordi in rilievo.
– Azionamento: la pila ausiliaria si sposta verso il basso, dap-
prima lentamente, poi rapidamente.

B.1.5
Posti di comando

Denominazione Funzione
37 Pila principale su Azionamento: la pila del mettifoglio si sposta verso l’alto, dap-
prima lentamente, poi rapidamente. Poco prima di arrivare al
piedino tastatore il trasporto viene rilevato dal comando auto-
matico della pila.
38 Pila principale giù Il pulsante è contrassegnato da bordi in rilievo.
– Azionamento: la pila mettifoglio si sposta automaticamente
verso il basso, dapprima lentamente, poi velocemente.
– Interrompere con il pulsantePila stop Il movimento di ab-
bassamento termina a 12 cm da terra. Il nuovo azionamento
abbassa la piastra della pila e il tavolo portapila a terra.
39 Pila stop Interruzione del movimento della pila principale e ausiliaria.

Tab. 1

B.1.6
Posti di comando

2 Quadro comandi delle unità di stampa


UTKMS9011001___00000_002
UTKMS9011001002000000

2.1 Posto di comando unità di bagnatura LM

GR MS9011001000000000
1 Innesto rulli bagnatori
Azionamento: i rulli bagnatori e di dosaggio
sono innestati e il rullo pescatore non gira. In
questa posizione è possibile tarare i rulli bagna-
tori.
1 2 Lavaggio rulli bagnatori
Azionamento con la griglia di protezione aperta:
i rulli pescatori e di dosaggio girano al numero
2 dei giri di lavaggio. Azionamento durante l’eser-
cizio: sovrabagnatura.

Fig. 2
UTKMS9011001___00000_003

2.2 Quadro comandi dell’unità di stampa L.V.


GR MS9011002000000000

1 Avanti
Requisito: pulsante Selezione posto di co-
mando azionato sull’unità di stampa. Aziona-
mento: viene emesso un segnale acustico di
1 avviso. Ad un nuovo azionamento: la macchina
gira in avanti fino a quando il pulsante è pre-
muto.
2
2 Selezione posto di comando
premere il pulsante due volte (LED acceso). La
3 macchina può essere azionata solamente a
scatti con o senza limitazione di corsa. Per can-
cellare la selezione: premere di nuovo il pul-
sante due volte (LED scuro).

Avviso – Danni alle pinze e ai cilin-


dri!
Scorrendo all’indietro i fogli possono
piegarsi e danneggiare le pinze, i tubi
dell’aria soffiante e le superfici dei cilin-
4 dri. Far retrocedere a scatti o posizio-
nare la macchina solo quando non vi
sono fogli nella macchina.

3 Indietro
Fig. 3 Il pulsante Indietro è caratterizzato da un bordo
in rilievo. – Requisito: pulsante Selezione posto
di comando azionato sull’unità di stampa. –
Azionamento: viene emesso un segnale acu-
stico di avviso; ad un nuovo azionamento: la
macchina gira indietro fino a quando il pulsante
è premuto.

B.1.7
Posti di comando

4 Pulsante Stop di emergenza


Azionamento: la macchina si arresta subito, il
pulsante si blocca. - Rotazione: il bloccaggio
viene rilasciato.
UTKMS9011001___00000_004

2.3 Quadro comandi dell’unità di stampa L.M.

GR MS9011003000001000
1 Avanti
1 2 3 Requisito: pulsante Selezione posto di co-
mando azionato sull’unità di stampa. Aziona-
mento: viene emesso un segnale acustico di
avviso. Ad un nuovo azionamento: la macchina
4 gira in avanti fino a quando il pulsante è pre-
muto.
5 6 7
2 Selezione posto di comando
premere il pulsante due volte (LED acceso). La
macchina può essere azionata solamente a
8 9 scatti con o senza limitazione di corsa. Per can-
cellare la selezione: premere di nuovo il pul-
sante due volte (LED scuro).
10 12 3 Indietro
Il pulsante Indietro è caratterizzato da un bordo
in rilievo. – Requisito: pulsante Selezione posto
13 di comando azionato sull’unità di stampa. –
Azionamento: viene emesso un segnale acu-
stico di avviso; ad un nuovo azionamento: la
11 macchina gira indietro fino a quando il pulsante
è premuto.
4 Marcia lenta
Requisito: pulsante Selezione posto di co-
Fig. 4 mando azionato sull’unità di stampa. Aziona-
mento: viene emesso un segnale acustico di
avviso. Ad un nuovo azionamento: la macchina
gira a circa 5 giri/min.
5 Rulli inchiostratori On/Off
Azionamento: accostamento (LED acceso) o
distacco dei rulli inchiostratori nella corrispon-
dente unità di stampa.
6 Spia segnalazione anomalie – blu
LED lampeggia: anomalia nell’unità di stampa.
7 Prenditore inchiostro On/Off
Azionamento: accostamento (LED acceso) e
distacco del prenditore inchiostro nella corri-
spondente unità di stampa.
8 Posizionamento
Azionamento: viene emesso un segnale acu-
stico di avviso. La macchina avanza a marcia
lenta; il cilindro portalastra della relativa unità di
stampa gira in posizione di smontaggio della
lastra; la macchina si arresta. – Requisito: pul-
sante Selezione posto di comando azionato
sull’unità di stampa.
9 Rotazione duttore d’inchiostro
Azionamento: il duttore d’inchiostro gira alla
velocità di lavaggio.

B.1.8
Posti di comando

10 Montaggio lastra
Azionamento: l’unità di stampa commuta su
stampa con l’inserimento della lastra.
11 Pulsante Stop di emergenza
Azionamento: la macchina si arresta subito, il
pulsante si blocca. - Rotazione: il bloccaggio
viene rilasciato.

I seguenti tasti non sono presenti su tutti i tipi di


macchina

12 Produzione
Requisito: macchina in funzione. Azionamento:
tutte le funzioni selezionate vengono attivate,
ad esempio i rulli bagnatori e inchiostratori nella
lastra, il prenditore di inchiostro, il compressore
e l’alimentazione della carta. Le unità di stampa
vanno automaticamente in produzione. - Ad un
nuovo azionamento la macchina gira alla velo-
cità preselezionata. Il pulsante Lento riduce il
numero di giri.
13 Alt
Azionamento: la macchina si arresta. - Aziona-
mento in produzione: il mettifoglio si arresta,
tutte le unità di stampa interrompono la produ-
zione, i fogli vengono trasportati nell’uscita, la
macchina si ferma e il compressore si disinseri-
sce.

B.1.9
Posti di comando

3 Quadro comandi dell’unità di verniciatura


UTKMS9011002___00000_002
UTKMS9011002003000000

3.1 Quadro comandi del gruppo di verniciatura LM

GR MS9011004000000000
1 Circolazione vernice
Azionamento: se in precedenza non era stato
selezionato nulla – commutazione (LED si illu-
mina) sul circuito vernice.
Azionamento: se in precedenza era stato sele-
zionato Svuotamento bacinella vernice – disin-
nesto della pompa vernice.
2 Svuotamento bacinella vernice
1 6 Azionamento: se in precedenza era stato sele-
zionato Circolazione vernice – il pulsante 1 lam-
peggia, il pulsante 2 si illumina – la vernice
2 viene pompata.
Azionamento: se in precedenza era stato sele-
zionato Lavaggio – il pulsante 4 lampeggia, il
3 4
pulsante 2 si illumina – il detergente viene pom-
pato.
3 Lavaggio
5 Azionamento: commutazione (il LED si illumina)
dell’apparecchio alimentazione vernice sul cir-
cuito del detergente. Selezionabile solo se in
precedenza era stato selezionato Svuotamento
1 9 bacinella vernice.
4 Pompa vernice On/Off
Fig. 5 Azionamento: accensione della pompa vernice
(il LED si accende). L’accensione è possibile
solo se era stato selezionato Circolazione ver-
nice, Svuotamento bacinella vernice oppure
Lavaggio. Ad un nuovo azionamento: disinne-
sto della pompa vernice.
5 Manopola Portata pompa vernice
Girando verso destra la portata aumenta. Se si
gira a sinistra la portata diminuisce.
6 Rotazione rullo pescatore
Il rullo pescatore vernice ruota in posizione di
pulizia fino a quando il pulsante viene premuto.

B.1.10
Posti di comando

UTKMS9011002___00000_003

3.2 Quadro comandi dell’unità di verniciatura lato uscita LM

GR MS9011005000001000
1 Avanti
1 2 3 Requisito: il pulsante Selezione posto di co-
mando è azionato sull’unità di verniciatura.
Azionamento: viene emesso un segnale acu-
stico di avviso. Ad un nuovo azionamento: la
4 macchina gira in avanti fino a quando il tasto è
premuto.
2 Selezione posto di comando
5 premere il pulsante due volte (LED acceso). La
6 macchina può essere azionata solamente a
scatti con o senza limitazione di corsa. Per can-
cellare la selezione: premere di nuovo il pul-
7 9 sante due volte (LED scuro).

Avviso – Danni alle pinze e ai cilin-


dri!
10 Nel funzionamento all’indietro i fogli
possono piegarsi e danneggiare le
pinze, i tubi dell’aria soffiante e le su-
8 perfici dei cilindri. Muovere all’indietro
o posizionare la macchina solo quando
non vi sono più fogli nella macchina.

3 Indietro Il pulsante Indietro è caratterizzato da


Fig. 6 un bordo in rilievo. – Requisito: pulsante Sele-
zione posto di comando azionato sull’unità di
verniciatura. Azionamento: viene emesso un
segnale acustico di avviso. Ad un nuovo azio-
namento: la macchina gira indietro fino a
quando il pulsante è premuto.
4 Marcia lenta
Requisito: pulsante Selezione posto di co-
mando azionato sull’ultima unità di stampa.
Azionamento: viene emesso un segnale acu-
stico di avviso. Ad un nuovo azionamento: la
macchina gira a circa 5 giri/min.
5 Spia di segnalazione disturbi blu
LED lampeggia: Anomalia nell’unità di vernicia-
tura.
6 Arresto rullo pescatore
Azionamento: il rullo pescatore e il rullo di do-
saggio si arrestano.
7 Montaggio tessuto vernice
Azionamento: l’unità di verniciatura passa in
produzione con la lastra in arrivo.
8 Pulsante Stop di emergenza
Azionamento: la macchina si arresta subito, il
pulsante si blocca. Girare: il pulsante si sblocca.

B.1.11
Posti di comando

I seguenti tasti non sono presenti su tutti i tipi di


macchina

9 Produzione
Requisito: macchina in funzione. Azionamento:
tutte le funzioni selezionate vengono attivate,
ad esempio i rulli bagnatore e inchiostratore
nella lastra, il prenditore di inchiostro, il com-
pressore e l’alimentazione della carta. Le unità
di stampa vanno automaticamente in produ-
zione. Ad un nuovo azionamento la macchina
gira alla velocità preselezionata. Il pulsante
Lento riduce il numero di giri.
10 Alt
Azionamento: la macchina si arresta. Aziona-
mento in produzione: il mettifoglio si arresta,
tutte le unità di stampa interrompono la produ-
zione, i fogli vengono trasportati nell’uscita, la
macchina si ferma e il compressore si disinseri-
sce.
UTKMS9011002___00000_004

3.3 Quadro comandi dell’unità di verniciatura lato dell’uscita LV


GR MS9011002000000000

1 Avanti
Requisito: il pulsante Selezione posto di co-
mando è azionato sull’unità di verniciatura.
Azionamento: viene emesso un segnale acu-
1 stico di avviso. Ad un nuovo azionamento: la
macchina gira in avanti fino a quando il tasto è
premuto.
2
2 Selezione posto di comando
premere il pulsante due volte (LED acceso). La
3 macchina può essere azionata solamente a
scatti con o senza limitazione di corsa. Per can-
cellare la selezione: premere di nuovo il pul-
sante due volte (LED scuro).

Avviso – Danni alle pinze e ai cilin-


dri!
Nel funzionamento all’indietro i fogli
possono piegarsi e danneggiare le
pinze, i tubi dell’aria soffiante e le su-
4 perfici dei cilindri. Muovere all’indietro
o posizionare la macchina solo quando
non vi sono più fogli nella macchina.

3 Indietro Il pulsante Indietro è caratterizzato da


Fig. 7 un bordo in rilievo. – Requisito: pulsante Sele-
zione posto di comando azionato sull’unità di
verniciatura. Azionamento: viene emesso un
segnale acustico di avviso. Ad un nuovo azio-
namento: la macchina gira indietro fino a
quando il pulsante è premuto.

B.1.12
Posti di comando

4 Pulsante Stop di emergenza


Azionamento: la macchina si arresta subito, il
pulsante si blocca. – Ruotare: il bloccaggio è
rilasciato.

B.1.13
Posti di comando

4 Quadro comandi uscita alta


UTKMS9011004___00000_002
UTKMS9011004003000000

4.1 Quadro comandi uscita alta

GR MS9011011000002000
3 9 11 12 14 15
1 4
19 24
2 5
16
10
20
6 7 8 18 22
13
17 26 21 25

23

Fig. 8 Quadro comandi uscita alta (senza parte centrale)

1 Produzione
– Macchina ferma
premere il pulsante una volta: suona il segnale
acustico di avviamento, premere il pulsante due
volte: la macchina va in funzione, premere tre
volte: la macchina va in produzione a
3000 stampe/h, premere il pulsante quattro
volte: la macchina aumenta alla velocità prese-
lezionata.
– Macchina in funzione:
premere il pulsante una volta: la macchina va in
produzione a 3000 stampe/h, premere il pul-
sante di nuovo: la macchina aumenta alla velo-
cità di produzione preselezionata.
2 Alt
Azionamento: la macchina si arresta. - Aziona-
mento durante la produzione: mettifoglio disatti-
vato, tutte le unità di stampa interrompono con-
temporaneamente la stampa, i fogli vengono
trasportati all’uscita, macchina ferma, compres-
sore si disattiva.

B.1.14
Posti di comando

GR MS9011051000002000
3 Contatore tiratura
Azionamento: inserimento (il LED si illumina) e
3 disinserimento del contatore della tiratura.
1 4 4 Veloce
Azionamento: aumenta gradualmente la velo-
cità della macchina.
2 5
5 Lento
Azionamento: riduce gradualmente la velocità,
interrompe la fase di accelerazione della mac-
6 7 8 china.
6 Avanti
Requisito: il pulsante Selezione posto di co-
mando è azionato sull’unità di verniciatura.
Azionamento: suona il segnale acustico di av-
Fig. 9 Quadro comandi uscita alta, parte sini- viamento, la macchina gira in avanti.
stra (esterna)
7 Selezione posto di comando
premere il pulsante due volte (LED acceso). La
macchina può essere azionata solamente a
scatti con o senza limitazione di corsa. Per an-
nullare la selezione: premere di nuovo il pul-
sante due volte (LED scuro).

Avviso – Danni alle pinze e ai cilin-


dri!
Scorrendo all’indietro, i fogli possono
piegarsi e danneggiare le pinze, i tubi
dell’aria soffiante e le superfici dei cilin-
dri. Far retrocedere a scatti o posizio-
nare la macchina solo quando non vi
sono fogli nella macchina.

8 Indietro
Il pulsante Indietro è caratterizzato da un bordo
in rilievo.
Requisito: pulsante Selezione posto di co-
mando azionato sul quadro comandi dell’uscita.

Azionamento: viene emesso un segnale acu-


stico di avviamento. Ad un nuovo azionamento:
la macchina gira indietro fino a quando il pul-
sante è premuto.

B.1.15
Posti di comando

GR MS9011052000002000
9 Esercizio
9 11 12 14 15 Azionamento: viene emesso un segnale acu-
stico di avviamento. - Azionando di nuovo la
macchina gira a 3000 giri/h.
10 Compressore
10 Azionamento: inserimento (il LED si accende) e
disinserimento del compressore.
16 11 Mettifoglio
Azionamento: inserimento (il LED si accende) e
disinserimento del mettifoglio.
13 17
12 Passaggio carta
Azionamento: inserimento (il LED si accende) e
disinserimento del passaggio della carta.
13 Stop di emergenza
Fig. 10 Quadro comandi uscita alta, parte sini-
Azionamento: la macchina si arresta subito, il
stra (interna)
pulsante si blocca. - Rotazione: il bloccaggio
viene rilasciato.
14 Spia di segnalazione disturbi rossa
LED acceso: la macchina non può essere
messa in funzione a causa di un’anomalia.
15 Spia di segnalazione anomalie – blu
Se il LED lampeggia, è presente un’anomalia
nel quadro comandi dell’uscita.
16 Nastri aspiranti veloci
Azionamento: aumento della velocità dei nastri
aspiranti a scatti del 2 %; indicazione nel MID.
17 Nastri aspiranti lenti
Azionamento: diminuzione della velocità dei
nastri aspiranti a scatti del 2 %; indicazione nel
MID.
GR MS9011053000002000

18 Raccoglifogli
19 Pila principale Su
Azionamento: la pila dell’uscita si sposta verso
l’alto.
19 24
20 Pila principale Giù
Il pulsante è contrassegnato da 3 bordi al mar-
gine in rilievo. - Azionamento: la pila dell’uscita
20 si sposta verso il basso.
18 22 21 Pila stop – rosso
Azionamento: Arresto del movimento della pila
25 principale.
26 21
22 Interfono On/Off
23 Microfono
23
24 Altoparlanti
25 Regolatore del volume

Fig. 11 Quadro comandi uscita alta, parte de-


stra

B.1.16
Posti di comando

26 Piastra della pila (solo con uscita in piccole pile)


premere il pulsante: le barre di guida per la pia-
stra della pila si spostano in posizione di lavoro.
Premere il pulsante dopo il termine del cambio
della pila o della formazione di piccole pile: le
barre di guida si spostano in posizione di attesa
e liberano la piastra della pila.

GR MS9011818000000000
1 + Bagnatura
1 Sovrabagnatura nella corrispondente unità di
bagnatura. A ogni pressione il numero di giri dei
rulli pescatori aumenta del 2 %. Sul MID viene
visualizzata la percentuale.
3 2 - Bagnatura
Il numero dei giri dei rulli pescatori nell’unità di
bagnatura selezionata diminuisce a ogni pres-
sione del 2 %. Sul MID viene visualizzata la
2 percentuale.
3 Scarico del foglio di prova
I pareggiatori del foglio si allontanano dal
Fig. 12 Quadro comandi uscita alta, parte cen-
bordo anteriore della pila, le manine fermafogli
trale
si spostano nella pila. Con un nuovo aziona-
mento queste vengono sollevate.

B.1.17
Posti di comando

5 Display di informazioni della macchina (MID)


UTKMS9011005___00000_002
UTKMS9011005002000000

5.1 Funzionamento e indicazione dopo l’innesto

GR MS9011084000001000
L’accensione della macchina sull’armadio elettrico
1 2 3 4 5 6 7 8 avvia l’autotest. Nel display appare il logo
HEIDELBERG (Fig. 13).

1 Display numero stampe/gradi


2 Display anomalie
3 Fogli in anticipo e fogli sovraccaricati
Fig. 13 Riepilogo MID 4 Fogli in ritardo
5 Foglio obliquo
6 Errore di introduzione foglio
7 Errore di tiro
8 Foglio doppio
GR M00000000000000000

Al termine positivo dell’autotest, nel display del nu-


mero di stampe/gradi appaiono delle lineette
1000
(Fig. 14). Che scompaiono dopo un giro dei cilindri.
h
A destra nel MID appare la tiratura preselezionata
(qui 0).

Fig. 14
UTKMS9011005___00000_003

5.2 Display dei gradi, della velocità e delle anomalie


GR MS9011086000001000

Dopo un giro dei cilindri il MID mostra il numero di


1 gradi dell’attuale posizione dei cilindri (qui 180,5°,
1000 Fig. 15).
h MID mostra il numero di gradi

D a macchina ferma
D durante il posizionamento, il funzionamento in
marcia lenta ed il funzionamento a scatti.

MID mostra la velocità


Fig. 15 Display dei gradi, della velocità e delle
anomalie D in funzionamento

Nel display anomalie (Fig. 15/1) in caso di anomalia


si illumina il codice di riconoscimento dell’unità in cui
si è verificata l’anomalia (qui 11). Significato dei co-
dici di riconoscimento:

B.1.18
Posti di comando

Codice di ri- Significato


conosci-
mento
1...8 Unità di stampa 1...8/unità di verni-
ciatura
11 Uscita
12 Uscita
13 Quadro di comando centrale
15 Quadro elettrico ad armadio
20 Forno
Tab. 2 Codici di riconoscimento del messaggio di
anomalia nel MID
UTKMS9011005___00000_004

5.3 Display del numero stampe e del controllo fogli

D
GR MS9011087000001000

quando la macchina è in funzione, indicazione


del numero di stampe attuale (Fig. 16/1) (valore
1000 indicato x 1000; qui 15000 stampe/h).
h D quando viene riconosciuto un errore nel tra-
sporto del foglio o nell’alimentazione fogli,
indicazione di # sotto il corrispondente simbolo
1 2 3 (qui: foglio obliquo, Fig. 16/2, e errore di intro-
duzione foglio Fig. 16/3).

A seconda del tipo di errore, risuona anche un se-


Fig. 16 gnale acustico di avvertimento oppure il mettifo-
glio viene arrestato o la macchina viene arrestata.
UTKMS9011005___00000_005

5.4 Display del foglio obliquo

D
GR MS9011088000001000

Durante il passaggio carta o la produzione

1000
Il controllo appoggio foglio riconosce mediante
h
sensori la posizione obliqua del foglio sulle squadre
anteriori. La posizione obliqua è rappresentata nel
MID con un simbolo a tratteggio (Fig. 17/1); qui: fo-
glio obliquo, in anticipo sul lato volano.
1
Indicazioni: foglio buono (Fig. 17/2), foglio obliquo in
anticipo sul lato volano (Fig. 17/3), foglio obliquo in
anticipo sul lato manovra (Fig. 17/4)
2 3 4
L’indicazione non ha alcun effetto sul comando della
macchina da stampa. Al riconoscimento di una de-
Fig. 17 Display del foglio obliquo terminata tendenza, verificare il passaggio dei fogli.
Se necessario, effettuare una correzione manuale
sulla testa aspirante.

B.1.19
Posti di comando

UTKMS9011005___00000_006

5.5 Indicazione Raggiunto limite di regolazione

GR MS9011089000001000
Se la regolazione arrivo fogli raggiunge il
limite dell’ambito di regolazione.
1000
L’indicazione RAGGIUNTO LIMITE DI REGOLA-
h
ZIONE (Fig. 18/1) è visibile solo quando nel MID non
appaiono impostazioni, messaggi di errore, anomalie
o altre informazioni.
1
L’indicazione non influisce sul comando della mac-
china da stampa.

Fig. 18 Raggiunto limite di regolazione 1. Quando appare l’indicazione, verificare il pas-


saggio carta e le impostazioni dei rullini di sin-
cronizzazione e del mettifoglio.
UTKMS9011005___00000_007

5.6 Display contatore della tiratura


GR MS9011111000000000

Il MID dell’uscita indica la tiratura rimanente o lo


stato del contascarti,
1000
h
D quando non vi è alcun messaggio di errore da
1
parte del controllo del foglio
D e la velocità dei nastri aspiranti o il numero dei
giri dei rulli pescatori non viene modificato
1 2 D e non appare alcuna indicazione di anomalia.

Fig. 19 Contatore della tiratura all’uscita


GR SG9010222000001000

Se è attivato il contatore dei fogli buoni, la tiratura


rimanente viene indicata nel display come nella
1000 Fig. 20/1. Se il contatore dei fogli buoni è disattivato,
h nel display compare un rombo (Fig. 19/2) e viene
indicato lo stato del contascarti (Fig. 19/1).
Il MID del mettifoglio indica sempre il numero dei
fogli ancora da stampare, la tiratura restante (in que-
1 sto caso 254000, fig. 20/1).

1. Regolazione del contatore nel comando.


Fig. 20 Contatore della tiratura al mettifoglio 2. Avviare o arrestare il contatore: premere il pul-
sante contatore della tiratura on/off sul quadro
comandi dell’uscita.

Nota
Se vengono stampati fogli di scarto, gli
scarti vengono visualizzati soltanto nel
MID dell’uscita.

Il MID del mettifoglio mostra il numero dei fogli da


stampare (qui 254000), il MID dell’uscita il numero
dei fogli già stampati.
Direzione di conteggio: MID del mettifoglio in or-
dine discendente, MID dell’uscita in ordine ascen-
dente.

B.1.20
Posti di comando

1. Impostazione dei contatori: vedere Capitolo C


Preregolazioni.
2. Avviamento o interruzione dei contatori: azio-
nare il pulsante Contatore della tiratura On/Off
sul quadro comandi dell’uscita.

I fogli di scarto generati non vengono visualizzati nel


MID, bensì solo nel display del quadro di comando
centrale.

GR SG9010223000001000
Al raggiungimento della tiratura il MID del mettifo-
glio mostra il simbolo di somma e il numero dei fogli
1000
nella macchina (Fig. 21/1) (qui S = 10 fogli da stam-
h
pare).
Contemporaneamente l’aria soffiante e aspirante sul
mettifoglio si arresta, i fogli restanti nella macchina
1 vengono stampati e arrivano all’uscita.

Fig. 21 Tiratura raggiunta


UTKMS9011005___00000_008

5.7 Display del controllo fogli

D
GR MS9011090000001000

Se è stato azionato il pulsante Selezione posto


di comando (LED acceso)
1000

h 1 Controllo foglio in anticipo e foglio sovraccari-


cato
2 Controllo appoggio foglio
1 2 3 3 Controllo delle squadre di tiro
4 Sorveglianza LV (campo nero in alto), sorve-
glianza LM (campo nero in basso)
4
D A macchina ferma: regolazione e taratura dei
dispositivi di controllo.
Fig. 22 Controllo del foglio
Se la velocità di stampa supera 3500 stampe/h, nel
display appaiono dei trattini; un controllo non è più
possibile.
UTKMS9011005___00000_009

5.8 Display del numero dei giri dei rulli pescatori

D
GR MS9011091000001000

All’azionamento dei pulsanti


+ Bagnatura unità di stampa 1...8,
1000
– Bagnatura unità di stampa 1...8
h
1 Codice di riconoscimento delle unità selezio-
nate
(02 = unità di stampa 2)
1 2 3 2 Numero di giri attuale come rappresentazione
grafica
(= risp. 10 %)
Fig. 23 Numero dei giri dei rulli pescatori
3 Numero di giri attuale in percentuale: 32 %

B.1.21
Posti di comando

D Modificare il numero dei giri dei rulli pescatori


azionando il pulsante corrispondente.

A ogni pressione il valore percentuale varia del 2 %.


La variazione della rappresentazione grafica avviene
a scatti del 10 %. Dopo circa 5 s il display commuta
di nuovo sui dati attuali della macchina.
UTKMS9011005___00000_010

5.9 Display della velocità dei nastri aspiranti

Azionando i pulsanti Nastri aspiranti veloci o Nastri


aspiranti lenti
nel display dell’uscita appare per esempio
„12 === 32 %”.
L’indicazione in percentuale varia del 2 % a ogni
pressione del pulsante, mentre la variazione grafica
avviene in passi del 10 %. Dopo circa 5 s il display
commuta di nuovo sui dati attuali della macchina.
UTKMS9011005___00000_011

5.10 Display codice d’assistenza

D
GR MS9011092000000000

Quando nell’autotest viene riconosciuto un di-


sturbo di funzionamento,
1000
Appare un messaggio di errore, per esempio
h
”ERROR 5”.

1. Avvisare il Servizio assistenza Heidelberg.


Il codice d’assistenza fornisce al Servizio Assi-
stenza Heidelberg utili indicazioni sulla causa
Fig. 24 Codice d’assistenza del difetto.

B.1.22
Posti di comando

6 Pulizia dei quadri comandi


UTKMS9011020___00000_002
UTKMS9011020000000000

6.1 Detergente

Per la pulizia dei quadri comandi utilizzare i deter-


genti disponibili in commercio (detergenti per la
casa) o benzina solvente senza sostanze aromati-
che.
I detergenti aggressivi possono intaccare le superfici
dei punti di comando.

B.1.23
Posti di comando

B.1.24
Sommario del capitolo

Fondamenti su CP2000

1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.3
1.1 CP2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.3
1.2 Accensione della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.3
1.3 CP2000 – Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.3
1.4 Quadro di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.4
1.5 Regolazione dello schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.5
1.6 Bloccaggio posti di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.8
1.7 Pulizia di CP2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.9
1.8 Spegnimento della macchina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.10

2 Struttura del comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.12


2.1 Superficie di comando – Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.12
2.2 Riga di intestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.13
2.3 La riga a piè di pagina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.14
2.4 Livelli di programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.15
2.5 Impostazione tramite la superficie di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.16
2.6 Prospetto flusso di dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.18
2.7 Scheda memoria ordini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.2.20

B.2.1
Sommario del capitolo

B.2.2
Fondamenti su CP2000

1 Introduzione
UTKSG9010207___00000_002
UTKSG9010207009000000

1.1 CP2000

CP2000 è la superficie di comando, il posto di co-


mando centrale della macchina. Il CP2000 Center
dispone di un monitor con una superficie dello
schermo sensibile al contatto (Touchscreen). Per
azionare il comando, premere leggermente i tasti
sullo schermo. Non serve alcuna tastiera o mouse.
UTKSG9010207___00000_007

1.2 Accensione della macchina

Il software CP2000 viene avviato automaticamente


accendendo la macchina da stampa attraverso l’in-
terruttore principale; sullo schermo viene visualizzata
quindi la superficie di comando. Non è possibile av-
viare il software indipendentemente dalla macchina
da stampa.
In caso di anomalia all’avvio di CP2000, spegnere la
macchina dall’interruttore principale ed accenderla
nuovamente dopo avere atteso minimo 10 secondi.
Se il software di CP2000 continua a non attivarsi cor-
rettamente, contattare il servizio di assistenza tec-
nica Heidelberg.
UTKSG9010207___00000_003

1.3 CP2000 – Panoramica


GR SG9010240000003000

1 Touchscreen (schermo sensibile al tatto)


2 Quadro di comando
1
3 Campo di comando zone di inchiostrazione
4 Appoggio per fogli campione
4
Attenzione – Pericolo di scosse
elettriche!
Non aprire mai l’armadio di CP2000.
All’interno si trovano componenti sotto
tensione il cui contatto può provocare
3 scosse elettriche.

Fig. 1 Panoramica del CP2000 Center

B.2.3
Fondamenti su CP2000

UTKSG9010207___00000_004

1.4 Quadro di comando

GR SG9010241000006000
1 2 4 5 7 8 9 10

3 6

Fig. 2 Quadro di comando

1 Stop di emergenza
2 Produzione (verde)
3 Alt (rosso)
4 Contatore On/Off (On: LED acceso)
5 Aumento della velocità di stampa
6 Diminuzione della velocità di stampa
7 Funzionamento
8 Mettifoglio On/Off (On: LED acceso)
9 Passaggio carta On/Off (On: LED acceso)
10 Blocco posti di comando (bloccato: LED ac-
ceso)

B.2.4
Fondamenti su CP2000

UTKSG9010207___00000_008

1.5 Regolazione dello schermo

GR SG9010204000000000
È possibile muovere il braccio portante dello
schermo in tutte le direzioni desiderate.

Asse di rotazione A: rotazione intorno all’asse


orizzontale

Regolare la perfetta mobilità dello schermo intorno


all’asse di rotazione A (Fig. 3) allentando o avvitando
le viti sotto il giunto a cerniera (Fig. 4/2) con una
chiave per esagono incassato CH 4.

Fig. 3 Asse di rotazione A


GR SG9010203000003000

Fig. 4 Regolazione dell’asse di rotazione A

B.2.5
Fondamenti su CP2000

GR SG9010202000000000
Asse di rotazione B: rotazione intorno all’asse
verticale

Regolare la perfetta mobilità dello schermo intorno


all’asse di rotazione B (Fig. 5) allentando o avvitando
le viti sotto il giunto a cerniera (Fig. 6/1) con una
chiave per esagono incassato CH 4.

Fig. 5 Asse di rotazione B

1 GR SG9010203000003000

Fig. 6 Impostazione asse di rotazione

B.2.6
Fondamenti su CP2000

GR SG9010284000000000
Asse di rotazione C: inclinazione dello schermo

Regolare la perfetta mobilità dello schermo intorno


all’asse di rotazione C (Fig. 7) allentando o avvitando
la vite sullo snodo (Fig. 8/1).

Fig. 7 Asse di rotazione C e D

GR SG9010285000003000

Fig. 8 Impostazione asse di rotazione C


GR SG9010286000003000

Asse di rotazione D: regolazione in altezza del


braccio portante

Regolare l’altezza del braccio portante ruotandolo


1 intorno all’asse orizzontale (Fig. 9/1).

Fig. 9 Impostazione asse di rotazione D

B.2.7
Fondamenti su CP2000

UTKSG9010207___00000_009

1.6 Bloccaggio posti di comando

GR SG9013011000003000
1

Service

2
Documentazione Sistema Macchina Dati Verifica

Istruzioni per l’uso Ora/Data Regolazione Informazione Sicurezza


base
3
Catalogo pezzi Fuso orario Comando diretto Licenza Entrate/Uscite
Bloccaggio posti di
comando 5
Attenzione: posti di comando macchina bloccati.
4 Selezione lingua Curve caratteris-
Per sbloccare, premere il tasto tiche
due volte.
Valori effettivi confi- Diagnosi
gurazione trasmissione dati

Gestione memoria programmi di lavag- Stato
dati gio
Rilascio bloccaggio

Configurazione Manutenzione Verniciatura


BDE

Spegnimento mac- Bloccaggio posti Totale Giri


china di comando 471 505

12345
Ordine
Nome

Fig. 10 Finestra bloccaggio posti di comando

Si possono bloccare i posti di comando sulla mac-


china e sul CP2000 Center contro il rischio di immis-
sioni involontarie, per es. quando si effettua la pulizia
della macchina o del CP2000 Center. Con i posti di
comando bloccati non è possibile immettere o modi-
ficare i dati attraverso l’interfaccia CP2000.

Bloccaggio dei posti di comando della macchina

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 10/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 10/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Bloccaggio posti di co-
mando (Fig. 10/3). Appare la domanda ”Bloc-
care posti di comando?”.
4. Premere il pulsante Si (Fig. 10/4). I posti di co-
mando della macchina sono in questo modo
bloccati e sul display viene visualizzato quanto
indicato alla Fig. 10/5.

Nota
I posti di comando di CP2000 non sono
bloccati.

B.2.8
Fondamenti su CP2000

Rilascio del bloccaggio

1. Premere due volte il pulsante Rilascio bloccag-


gio (Fig. 10/6).

GR SG9010294000002000
Bloccaggio posti di comando su CP2000

1. Sul quadro di comando di CP2000 premere il


pulsante Bloccaggio posti di comando (Fig. 11).
Il LED si accende. I pulsanti delle zone di in-
chiostrazione e i pulsanti del quadro di co-
mando sono bloccati. Non è possibile immet-
tere dati sullo schermo.
Fig. 11
Nota
I posti di comando della macchina non
sono bloccati.

Rilascio del bloccaggio

2. Premere nuovamente il pulsante Bloccaggio


posti di comando (Fig. 11). Il LED si spegne.
UTKSG9010207___00000_005

1.7 Pulizia di CP2000

Per evitare l’involontaria immissione di dati durante


la pulizia, bloccare i posti di comando di CP2000 (ve-
dere il capitolo ”Bloccaggio posti di comando”).
Superficie dello schermo
Per la pulizia della superficie dello schermo utilizzare
solo detergenti domestici reperibili in commercio
(con base detergente) o benzina solvente senza so-
stanze aromatiche. Detergenti più aggressivi pos-
sono danneggiare le superfici.
Quadro comandi
Per la pulizia del quadro comandi è preferibile utiliz-
zare detergenti per plastica e scrivanie.

B.2.9
Fondamenti su CP2000

UTKSG9010207___00000_010

1.8 Spegnimento della macchina

GR SG9013014000003000
1

Service

2
Documentazione Sistema Macchina Dati Verifica

Istruzioni per l’uso Ora/Data Regolazione Informazione Sicurezza


base
3
Catalogo pezzi Fuso orario Comando diretto Licenza Entrate/Uscite
Spegnimento della
macchina 4
Spegnere la macchina?
Selezione lingua Curve caratteris- Valori effettivi confi- Diagnosi
tiche gurazione trasmissione dati

Gestione memoria programmi di lavag- Stato


dati sì gio No

Configurazione Manutenzione Verniciatura


BDE

5 6

Spegnimento mac- Bloccaggio posti Totale Giri


china di comando 471 505

12345
Ordine
Nome

Fig. 12 Finestra Spegnimento della macchina

Per garantire lo spegnimento sicuro del quadro co-


mandi, è necessario spegnere la macchina pre-
mendo il pulsante Spegnimento macchina nel menu
Service.

Attenzione – Rischio di danneggia-


mento del software!
Non spegnere mai la macchina diretta-
mente dall’interruttore principale, senza
aver prima premuto il pulsante Spegni-
mento macchina su CP2000. Altrimenti il
software viene danneggiato.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 12/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 12/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Spegnimento macchina
(Fig. 12/3). Sullo schermo viene visualizzata
l’interrogazione riportata in Fig. 12/4.

B.2.10
Fondamenti su CP2000

GR GS9010136000000000
4. Spegnimento della macchina: premere il pul-
2 sante Sì (Fig. 12/5). Sullo schermo viene visua-
3 lizzato il messaggio ”Macchina arrestata. Al ter-
mine di questo messaggio, la macchina si
spegne.” Dopo qualche tempo questo messag-
gio scompare; l’interruttore principale della
macchina salta in posizione + (Fig. 13/2): la
macchina è ora senza corrente.
1
o

Interrompere la procedura: premere il pulsante


No (Fig. 12/6).

Fig. 13 Interruttore principale


Carta nella macchina

Non è possibile spegnere la macchina se sono an-


cora presenti fogli in macchina. Se in questo caso
viene premuto il pulsante Sì (Fig. 12/5) appare il
messaggio:
”Fogli in macchina. Non è possibile spegnere la mac-
china.”
In questo caso:

5. Confermare il messaggio: premere il pulsante


OK.
6. Togliere i fogli dalla macchina.
7. Successivamente ripetere la procedura di spe-
gnimento.

Nuova accensione della macchina

1. Portare l’interruttore principale dalla posizione +


(Fig. 13/2) nella posizione O (OFF, Fig. 13/1).
2. Portare quindi l’interruttore principale dalla posi-
zione O nella posizione I (ON, Fig. 13/3).

B.2.11
Fondamenti su CP2000

2 Struttura del comando


UTKSG9013001___00000_002
UTKSG9013001005000000

2.1 Superficie di comando – Panoramica

É
É

GR SG9013007000003000
1
Ordine

Salva ordine attuale Annotazioni

Preparazione dell’ordine

2
Designazione ordine Materiale da stampa Configurazione macchina

Processo di stampa Assegnazione colori

Fine produzione

Fig. 14 Superficie di comando di CP2000

Dopo aver acceso la macchina da stampa la superfi-


cie di comando di CP2000 viene visualizzata sullo
schermo. Questa è essenzialmente composta da
due zone:

1 Riga di intestazione
La riga di intestazione viene mantenuta sempre
nella stessa forma, indipendentemente dal
menu o dalla finestra nel campo principale.
2 Campo principale
3 Indicazione di stato nella piè di pagina

B.2.12
Fondamenti su CP2000

UTKSG9013001___00000_008

2.2 Riga di intestazione

GR SG9013008000002000
ÉÉ
ÉÉ
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Fig. 15 Riga di intestazione della superficie di comando

La riga di intestazione comprende i pulsanti:

1 Cartella ordini
2 Tiratura / Velocità
3 Panoramica macchina
4 Rilevamento dati d’esercizio
5 Passaggio carta
6 Funzioni di stampa
7 Inchiostro/bagnatura
8 Registro
9 Lavaggio
10 Anomalia

Premendo un pulsante nella riga di intestazione


viene visualizzato il menu corrispondente nel campo
principale. In tali menu è possibile selezionare i sot-
tomenu, aprire finestre, avviare le funzioni o immet-
tere dati.

11 Heidelberg

Con questo pulsante è possibile visualizzare l’Aiuto


online.

B.2.13
Fondamenti su CP2000

UTKSG9013001___00000_006

2.3 La riga a piè di pagina

GR SG9013178000001000
1 2 3 5

Fig. 16 Riga a piè di pagina

Nella riga in basso appare l’indicazione di stato:

1 Dati dell’ordine: numero, denominazione dell’or-


dine
2 Tiratura:
riga inferiore: numero dei fogli da stampare,
riga superiore: numero dei fogli già stampati
3 Velocità di produzione:
cifra superiore: velocità di produzione preimpo-
stata; cifra inferiore: velocità della macchina
attuale,
a macchina ferma o con funzionamento a scatti
la cifra inferiore indica il numero di gradi della
macchina
4 Processi automatici:
questi simboli mostrano quali processi sono al
momento in corso sulla macchina.
5 Indicazione della data e dell’ora

B.2.14
Fondamenti su CP2000

UTKSG9013001___00000_003

2.4 Livelli di programma

Il software di CP2000 è costituito da tre livelli di pro-


gramma, contraddistinti dai diversi colori dello sfondo
dello schermo.

Preparazione dell’ordine

Sfondo dello schermo: viola


In Preparazione ordine è possibile immettere e me-
morizzare i dati e le preregolazioni per l’ordine suc-
cessivo mentre l’ordine attuale è in stampa nella
macchina. Caricare i dati dell’ordine memorizzato
nella macchina non appena l’ordine attuale è termi-
nato.

Regolazioni e modifiche dell’ordine attuale

Sfondo dello schermo: grigio


In questo livello di programma tutte le azioni e le re-
golazioni si riferiscono all’attuale ordine nella mac-
china; le modifiche hanno effetto direttamente sulla
regolazione della macchina.

Aiuto online

Sfondo dello schermo: verde


Nell’Aiuto online è possibile visualizzare informazioni
supplementari in merito a i pulsanti e ai display, pre-
mendo il punto corrispondente sullo schermo. In
questa operazione le regolazioni attuali non vengono
modificate. Per richiamare l’aiuto online, premere il
pulsante Heidelberg nella riga di intestazione. Per
uscire dalla finestra dell’aiuto online, premere nuova-
mente il pulsante Heidelberg.

B.2.15
Fondamenti su CP2000

UTKSG9013001___00000_004

2.5 Impostazione tramite la superficie di comando

Per utilizzare il comando, premere leggermente i pul-


santi corrispondenti sullo schermo; la tastiera o il
mouse non sono necessari.
Con i pulsanti all’interno dei menu e sottomenu av-
viare le funzioni o immettere dati.
Pulsanti dei menu

Designazione ordine I pulsanti dei menu si trovano


sul margine superiore e sono
distinti da una barra grigia.
Premendo il pulsante del
menu, viene richiamato un sot-
tomenu. I pulsanti di menu con
una barra violetta richiamano
Preparazione ordine.

Pulsanti di funzione

Bloccaggio posti di Premendo un pulsante di fun-


comando zione viene avviata una fun-
zione della macchina o viene
modificata una regolazione.

Pulsanti selezionati

Selezionando un pulsante di
Assegnazione colori menu o di funzione, questo ac-
quisisce uno sfondo di colore
chiaro.

Pulsanti non selezionabili

Se un pulsante di menu o di
Gestione memoria
funzione non è selezionabile,
la dicitura e il simbolo sul pul-
sante appaiono grigio chiaro.

Pulsanti di comando

Con i pulsanti di comando è possibile confermare le


regolazioni o interrompere le procedure.

OK
Le modifiche i dati immessi vengono memo-
rizzati. Il menu corrente si chiude.
Annulla
Le modifiche i dati immessi non vengono me-
morizzati. Il menu corrente si chiude.
Indietro
Si torna al menu precedente. Il menu cor-
rente si chiude. Le modifiche e i dati immessi
vengono caricati.

B.2.16
Fondamenti su CP2000

Pulsanti a frecce

Con i pulsanti a frecce si possono spostare la por-


zione di schermo di un menu o di una finestra
elenco:

verticale

orizzontale

Pulsante Somma S

In alcuni menu viene visualizzato oltre ai pulsanti di


funzione o ai pulsanti per la selezione delle singole
unità di stampa un pulsante con il simbolo di somma
”S”.
Con il pulsante Somma si possono selezionare con-
temporaneamente più unità di stampa e attivare fun-
zioni contemporaneamente per più unità di stampa.
GR GS9015101000000000

Tastiera numerica
1
Per inserire valori numerici in un menu o in una fine-
stra di dialogo sullo schermo viene visualizzata una
tastiera numerica (Fig. 17).

1. Per impostare il valore numerico desiderato:


premere i corrispondenti pulsanti numerici. Il
valore numerico appare nel campo di visualiz-
zazione (Fig. 17/1). Con il pulsante Correzione
(Fig. 17/2) è possibile cancellare l’ultima cifra.
2 3 4
2. Conferma dell’operazione effettuata: premere il
pulsante OK. (Fig. 17/3).

Fig. 17 Tastiera numerica Annullamento della procedura effettuata: pre-


mere il pulsante Annulla (Fig. 17/4).
La tastiera numerica scompare di nuovo.

B.2.17
Fondamenti su CP2000

2.6 Prospetto flusso di dati

GR SG9013010000002000
QualityControl
ImageControl
AxisControl

ÌÌÌÌÌÌÌÌ
ÌÌÌÌÌÌÌÌ CP2000 Center

ÌÌÌÌÌÌÌÌ
ÌÌÌÌÌÌÌÌ
Memoria della
macchina

ÌÌÌÌÌÌÌÌ

Procedimento di lavoro

Scheda memoria ordini

Banca dati

Optional, altre mac-


chine

Interfaccia prestampa

Plate Image Reader

Fig. 18 Prospetto flusso di dati

B.2.18
Fondamenti su CP2000

Memoria della macchina

Nella memoria della macchina è memorizzato l’or-


dine attuale. Tutte le modifiche hanno effetto diretta-
mente sulla regolazione della macchina.
È possibile memorizzare l’ordine attuale dalla memo-
ria della macchina nella banca dati locale. Inoltre si
possono memorizzare i dati inchiostrazione dell’or-
dine attuale sulla scheda memoria ordini.
Procedimento di lavoro

Nel procedimento di lavoro sono memorizzati i dati


dell’ordine immessi in Preparazione ordine.
In Preparazione ordine si può preparare l’ordine suc-
cessivo, mentre l’ordine attuale viene stampato. È
quindi possibile immettere un nuovo ordine oppure
caricare ed elaborare un ordine presente.
Secondo le dotazioni della macchina, caricare gli
ordini del procedimento di lavoro dalle fonti seguenti:

D banca dati locale


D scheda memoria ordini
D collegamento preliminare
D altre macchine da stampa

Trasferire l’ordine preparato dal procedimento di la-


voro direttamente nella memoria della macchina o
memorizzare sulla banca dati locale. Inoltre si pos-
sono memorizzare i dati inchiostrazione dell’ordine
preparato sulla scheda memoria ordini.
Banca dati

Nella banca dati locale si possono memorizzare fino


a 250 ordini. I dati dell’ordine sono costituiti da:

D Numero ordine e designazione ordine


D Dati inchiostrazione e configurazione macchina
D Materiale di stampa e processo di stampa
D Tiratura e velocità di stampa

Scheda memoria ordini

Sulla scheda memoria ordini si possono memoriz-


zare fino a 50 ordini. I dati inchiostrazione conten-
gono i valori delle zone di inchiostrazione e la velo-
cità del duttore inchiostrazione. Per ulteriori
informazioni fare riferimento al capitolo seguente.

B.2.19
Fondamenti su CP2000

UTKSG9013001___00000_007

2.7 Scheda memoria ordini

GR SG9010342000003000
Caratteristiche
1 Sulla scheda memoria ordini (Fig. 19) memorizzare i
dati inchiostrazione (valori delle zone di inchiostra-
zione e velocità del duttore inchiostrazione) fino a 50
ordini. Tutti gli altri dati relativi all’ordine, per esempio
le proprietà del materiale da stampa, non vengono
memorizzati. Per memorizzare l’ordine completo, è
necessario memorizzare l’ordine nella banca dati
locale.
La scheda memoria ordini è resistente a polvere,
sporcizia, vibrazioni, temperatura e campi magnetici.
Fig. 19 scheda memoria ordini
Rimuovere lo strato di protezione.

Prima di utilizzare la scheda memoria ordini per la


prima volta, togliere lo strato di protezione
(Fig. 19/1).
GR SG9010343000003000

Inserire la scheda memoria ordini

1. Aprire lo sportello di copertura (Fig. 20/1)


dell’unità di memorizzazione degli ordini.
2. Spingere la scheda memoria ordini nella fes-
sura della scheda in direzione della freccia fino
a far scattare in posizione la scheda.
3 Una volta inserita correttamente la scheda me-
moria ordini, la spia di controllo rossa si ac-
cende (Fig. 20/2) brevemente.

Avviso – Perdita di dati in caso di


2 1 estrazione anticipata della scheda
di memorizzazione ordini!
Nelle fasi di lettura e scrittura sulla
scheda di memorizzazione ordini, la
spia di controllo rossa (Fig. 20/2) è ac-
cesa. Non sfilare la scheda durante
Fig. 20 Inserimento della carta questo tempo, altrimenti vengono persi
i dati. Sfilare la carta solo quando la
spia di controllo rossa è spenta.

Rimozione della scheda memoria ordini

1. Premere il pulsante di espulsione (Fig. 20/3).


2. Togliere la scheda memoria ordini e chiudere lo
sportello di copertura (Fig. 20/1).

B.2.20
Fondamenti su CP2000

GR SG9010344000000000
1 26
2 27
3 28

4 29
5 30
6 31

7 32
8 33
9 34

10 35
11 36
12 37

13 38
14 39

15 40
16 41
17 42

18 43
19 44
20 45
21 46
22 47
23 48

24 49

25 50

Fig. 21 Modello per fotocopie: contenuto della Job Memory Card.

B.2.21
Fondamenti su CP2000

B.2.22
Sommario del capitolo

Impostazioni base

1 Segnale acustico di avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.5


1.1 Selezione del segnale acustico di avviamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.5

2 Lingua, ora e data . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.6


2.1 Impostazione della lingua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.6
2.2 Impostazione dell’ora e della data . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.7
2.3 Impostazione del fuso orario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.9
2.4 Impostazione dell’ora legale e dell’ora solare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.10

3 Luce verde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.12


3.1 Funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.12
3.2 Attivazione e disattivazione della luce verde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.13

4 Color Booster . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.14


4.1 Attivazione e disattivazione di Color Booster . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.14

5 Correzione liquido di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.15


5.1 Innesto o disinnesto della correzione liquido di bagnatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.15

6 Controllo dei fogli doppi a ultrasuoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.16


6.1 Attivazione/disattivazione del controllo fogli doppi a ultrasuoni . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.16

7 Controllo fogli doppi nella squadra di tiro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.18


7.1 Attivazione/disattivazione del controllo fogli doppi nella squadra di tiro . . . . . . . . . . B.3.18

8 Antiscartino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.20
8.1 Regolazione del numero di gradi per l’inizio dell’antiscartino (senza collegamento CAN) . . . . . . .
B.3.20
8.2 Regolazione dell’area antiscartino (solo con collegamento CAN) . . . . . . . . . . . . . . . B.3.21

9 Visualizzazione della temperatura in gradi Fahrenheit (solo con collegamento


CAN) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.23
9.1 Selezione della visualizzazione della temperatura in gradi Fahrenheit . . . . . . . . . . . B.3.23

10 Funzioni di stampa - Comando diretto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.24


10.1 Avvertenze in merito al comando diretto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.24

B.3.1
Sommario del capitolo

10.2 Attivazione e disattivazione diretta delle funzioni di stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.25

11 Avvertenze sulle curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.26


11.1 Vantaggi delle curve caratteristiche regolabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.26
11.2 Parametri standard e impostazioni dell’utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.26
11.3 Rappresentazione delle curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.28
11.4 Tipi di curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.29
11.5 Modifica delle curve caratteristiche – avvertenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.29
11.6 Curve caratteristiche/Trasferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.30
11.7 Gestione memoria dati/Configurazione memoria dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.32

12 Curve caratteristiche per la preimpostazione dell’inchiostro . . . . . . B.3.34


12.1 Fondamenti ............................................................ B.3.34
12.2 Selezione di curve caratteristiche/impostazione inchiostro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.36
12.3 Modifica delle curve caratteristiche di preimpostazione dell’inchiostro . . . . . . . . . . . B.3.39

13 Curve caratteristiche per la compensazione velocità . . . . . . . . . . . . . . B.3.43


13.1 Fondamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.43
13.2 Service/Curve caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.45
13.3 Modifica curve caratteristiche compensazione velocità inchiostro . . . . . . . . . . . . . . . B.3.47
13.4 Modifica curve caratteristiche compensazione velocità liquido di bagnatura . . . . . B.3.50
13.5 Modifica curve caratteristiche compensazione velocità vernice . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.52

14 Rilevamento dati di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.56


14.1 Selezionare il menu Service/Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.56
14.2 Protocollo definito dall’utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.57

15 Rilevamento manuale dei dati di esercizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.59


15.1 Funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.59
15.2 Menu Rilevamento dati d’esercizio – Sommario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.60
15.3 Annuncio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.62
15.4 Annuncio dell’inizio ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.64
15.5 Selezione del reparto finanziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.65
15.6 Comunicazione del tipo di ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.66
15.7 Comunicazione dell’interruzione dell’ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.69
15.8 Comunicazione della conclusione dell’ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.71
15.9 Disattivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.72

16 Configurazione Prinect . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.74

B.3.2
Sommario del capitolo

16.1 Impostazione della configurazione Prinect . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.74


16.2 Menu Service/Configura rilevamento dati di esercizio – panoramica . . . . . . . . . . . . B.3.76
16.3 Aggiunta di dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.77
16.4 Modifica di dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.79
16.5 Cancellazione di dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.81

17 Intervallo di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.82


17.1 Scadenza degli intervalli di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.82
17.2 Menu Service/Intervalli di manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.84
17.3 Menu Intervallo di manutenzione I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.86
17.4 Menu Intervallo di manutenzione II ... V . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.87

18 Moduli software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.90


18.1 Attivazione moduli software . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.90
18.2 Creazione di codici di dimostrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.93
18.3 Codice di cancellazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.94

19 Modulo di software Banca dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.96


19.1 Elenco ordini della preparazione ordine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.96
19.2 Configurazione della banca dati .......................................... B.3.97

20 Modulo software PresetLink . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.100


20.1 Caratteristiche e condizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.100
20.2 Gestione di PresetLink . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.101
20.3 Configurazione di Preset Link . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.103
20.4 Uso di PresetLink . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.107

21 Modulo di software MetaDimension . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.108


21.1 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.108
21.2 Gestione memoria dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.108
21.3 Configurazione MetaDimension . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.109
21.4 Gestione memoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.112
21.5 Esposizione lastra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.115

22 Modulo software Management Gate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.117


22.1 Applicazioni e requisiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.117
22.2 Gestione di ManagementGate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.118
22.3 Configurazione di Management Gate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.120
22.4 Uso di ManagementGate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.127

B.3.3
Sommario del capitolo

22.5 Impostazione del formato per la visualizzazione della data . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.129

23 Modulo di software Memoryplus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.131


23.1 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.131
23.2 Uso di Memoryplus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.131

24 Modulo software OnlineAssistance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.134


24.1 Proprietà e funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.134
24.2 Remote Service - Display del CP2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B.3.134

B.3.4
Impostazioni base

1 Segnale acustico di avviamento


UTKMS9011809___00000_003
UTKMS9011809002000000

1.1 Selezione del segnale acustico di avviamento

GR MS9011800000006000
1

Regolazioni base / Avvertimento avvio

2
6

3
Regolazione base

5
Prove

12345
Ordine
Nome

Fig. 1 Menu Impostazioni base/Segnale acustico di avviamento

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 1/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 1/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Impostazione di base
(Fig. 1/3). Viene visualizzato il menu Imposta-
zioni base/Segnale acustico di avviamento.
4. Selezione di avvertimento avvio: premere il pul-
sante per l’avvertimento avvio desiderato
(Fig. 1/4). Il pulsante selezionato viene quindi
visualizzato di colore chiaro.
5. È possibile ascoltare un esempio dell’avverti-
mento avvio selezionato con il pulsante Prove
(Fig. 1/5).
6. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 1/7).

Per arrivare da un altro menu delle Impostazioni


base al menu Segnale acustico di avviamento:

1. Premere il pulsante Segnale acustico di avvia-


mento (Fig. 1/6).

B.3.5
Impostazioni base

2 Lingua, ora e data


UTKSG9010318___00000_006
UTKSG9010318012000000

2.1 Impostazione della lingua

GR SG9010345000008000
1

Service/Selezione lingua

2 4 Documentazione

Utilizzo Tedesco
5
3
Istruzioni per l’uso

Selezione lingua
6
Catalogo pezzi
7
Ricerca per
8 definizioni

Unità di misurazione C
della temperatura

12345
Ordine
Nome

Fig. 2 Menu Service/Selezione lingua

Nel menu Service/Selezione lingua è possibile im-


postare la lingua per la superficie di comando, per le
Istruzioni per l’uso in linea, per il catalogo pezzi on-
line, nonché il criterio di ricerca nella documenta-
zione.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 2/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 2/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Selezione lingua (Fig. 2/3).
Viene visualizzato il menu Service/Selezione
lingua.

B.3.6
Impostazioni base

GR SG9010346000007000
Service/Selezione lingua 4. Premere il pulsante:

D Uso (Fig. 2/4) per la superficie di co-


mando,
1
D Manuale (Fig. 2/5) per il manuale online,
Deutsch D Catalogo pezzi (Fig. 2/6) per il catalogo
2 pezzi online,
ESPAÑOL
D Criterio di ricerca (Fig. 2/7) per il criterio di
ricerca nella documentazione.
D Unità di misurazione della temperatura
(Fig. 2/8) per la commutazione tra °C e °F.
3 Il pulsante selezionato viene quindi visualizzato
di colore chiaro. A destra della finestra viene
visualizzato Service/Selezione lingua (Fig. 3).
5. Dall’elenco delle lingue (Fig. 3/1) selezionare la
lingua desiderata utilizzando i due tasti con le
Fig. 3 Elenco Service/Selezione lingua frecce.
6. Conferma della selezione della lingua: premere
il pulsante OK (Fig. 3/2).
7. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 3/3) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.
UTKSG9010318___00000_003

2.2 Impostazione dell’ora e della data

É
É

GR SG9010347000006000
1

Service / Ora, data 12

2 Formato caratteri

4 5 6

3
DATA
Ora/Data

ORA

9
7 8

10 11

12345
Ordine
Nome

Fig. 4 Menu Service/Ora, data

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 4/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.

B.3.7
Impostazioni base

2. Premere il pulsante Service (Fig. 4/2). Viene


visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Ora/Data (Fig. 4/3). Viene
visualizzato il menu Service/Ora, Data.
4. Impostazione del giorno: servendosi della ta-
stiera numerica (Fig. 4/9) immettere il giorno
desiderato e premere il pulsante Giorno
(Fig. 4/4).
5. Impostazione del mese: ripetere l’operazione al
punto 4 con il pulsante Mese (Fig. 4/5).
6. Impostazione dell’anno: ripetere l’operazione al
punto 4 con il pulsante Anno (Fig. 4/6).
7. Impostazione dell’ora: ripetere l’operazione al
punto 4 con i pulsanti Ora (Fig. 4/7) e Minuti
(Fig. 4/8).
8. Conferma della selezione: premere il pulsante
OK (Fig. 4/10).

Annullamento delle impostazioni: premere il


pulsante Annulla (Fig. 4/11).
GR SG9013970000002000

Regolare il formato caratteri


Data / Formato caratteri
1. Premere il pulsante Formato caratteri
Segno di separazione: 1 2
(Fig. 4/12). Viene visualizzato il menu Data/For-
mato caratteri.
Formato caratteri: Giorno.Mese.Anno
Mese.Giorno.Anno 2. Selezionare un carattere di separazione
Anno.Mese.Giorno (Fig. 5/1).
3. Selezionare un formato caratteri (Fig. 5/2).
4. Conferma della selezione: premere il pulsante
OK (Fig. 5/3).

3 4 o

Annullamento delle impostazioni: premere il


pulsante Annulla (Fig. 5/4).

Fig. 5 Menu Data/Formato di visualizzazione

B.3.8
Impostazioni base

UTKSG9010318___00000_004

2.3 Impostazione del fuso orario

GR SG9010348000009000
1

Service / Fuso orario


4
2
( GMT +01:00 ) Berlino, Roma, Parigi, Budapest

( GMT –5:00 ) New York, Toronto, Bogota, Lima

3 ( GMT –4:00 ) Caracas, Montreal, Quebec

( GMT –3:30 ) Nuova Zelanda

Fuso orario ( GMT –3:00 ) Brasilia, Buenos Aires


6
( GMT –2:00 ) Atlantico centrale
5
( GMT –1:00 ) Azzore, Capo Verde

( GMT ) Londra, Lisbona, Casablanca

( GMT +1:00 ) Berlino, Roma, Parigi, Budapest

Impostazione orario estivo Data Ora

Valore di correzione 1.0 ora Giorno Mese Anno Ore Minuti

Inizio

7 8
Fine

12345
Ordine
Nome

Fig. 6 Menu Service/Fuso orario

Nel menu Service/Fuso orario impostare il fuso ora-


rio del Paese di installazione della macchina.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 6/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 6/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Fuso orario (Fig. 6/3).
Viene visualizzato il menu Service/Fuso ora-
rio. Il fuso orario correntemente impostato
viene visualizzato nel campo di visualizzazione
(fig. 6/4).
4. Nell’elenco (Fig. 6/5) selezionare il fuso orario
esatto utilizzando i tasti con le frecce (Fig. 6/6).
5. Conferma della selezione e uscire dal menu:
premere il pulsante OK (Fig. 6/7).

Annullamento della selezione e uscire dal


menu: premere il pulsante Indietro (Fig. 6/8).

B.3.9
Impostazioni base

UTKSG9010318___00000_005

2.4 Impostazione dell’ora legale e dell’ora solare

GR SG9010349000011000
1

Service / Fuso orario

2
( GMT +01:00 ) Berlino, Roma, Parigi, Budapest

( GMT –5:00 ) New York, Toronto, Bogota, Lima


3 ( GMT –4:00 ) Caracas, Montreal, Quebec

( GMT –3:30 ) Nuova Zelanda


Fuso orario ( GMT –3:00 ) Brasilia, Buenos Aires

( GMT –2:00 ) Atlantico centrale

( GMT –1:00 ) Azzore, Capo Verde 7


( GMT ) Londra, Lisbona, Casablanca

( GMT +1:00 ) Berlino, Roma, Parigi, Budapest

Impostazione orario estivo Data Ora

Valore di correzione 1.0 ora Giorno Mese Anno Ore Minuti

Inizio

8 9
4 Fine
5 6

12345
Ordine
Nome

Fig. 7 Menu Service/Fuso orario

Nel menu Service/Fuso orario impostare oltre al


fuso orario anche l’inizio e la fine del periodo caratte-
rizzato dall’ora solare, nonché la differenza tempo-
rale tra l’ora legale e l’ora legale.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 7/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 7/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Fuso orario (Fig. 7/3).
Viene visualizzato il menu Service/Fuso ora-
rio.
4. Impostare con i pulsanti + e - (Fig. 7/4) la diffe-
renza tra l’ora legale e l’ora solare (per l’Europa
centrale ad esempio +1)
5. Impostazione dell’inizio dell’ora legale: serven-
dosi della tastiera numerica (Fig. 7/7) immet-
tere, uno dopo l’altro, giorno, mese e anno e
confermare ogni valore premendo il pulsante
corrispondente nella riga Inizio (Fig. 7/5).
6. Impostazione della fine dell’ora legale: serven-
dosi della tastiera numerica (Fig. 7/7) immet-
tere, uno dopo l’altro, giorno, mese e anno e
confermare ogni valore premendo il pulsante
corrispondente nella riga Fine (Fig. 7/5).

B.3.10
Impostazioni base

7. Impostazione del momento di inizio dell’ora le-


gale: servendosi della tastiera numerica
(Fig. 7/7) immettere, uno dopo l’altro, ora e mi-
nuti e confermare ogni valore premendo il pul-
sante corrispondente nella riga Inizio (Fig. 7/6).
8. Impostazione del momento di fine dell’ora le-
gale: servendosi della tastiera numerica
(Fig. 7/7) immettere, uno dopo l’altro, ora e mi-
nuti e confermare ogni valore premendo il pul-
sante corrispondente nella riga Fine (Fig. 7/6).
9. Conferma della selezione e uscire dal menu:
premere il pulsante OK (Fig. 7/8).

Annullamento della selezione e uscire dal


menu: premere il pulsante Indietro (Fig. 7/9).

B.3.11
Impostazioni base

3 Luce verde
UTKMS9011812___00000_003
UTKMS9011812002000000

3.1 Funzione

Quando è attiva la funzione Luce verde, viene se-

GR MS9011808000004000
1 gnalata nella riga di intestazione un’inchiostrazione
instabile. L’indicazione (Fig. 8/1) è costituita da un
simbolo di unità di stampa inserita in un circoletto.
Si può verificare l’instabilità dell’alimentazione di in-
Fig. 8 Display luce verde chiostro se durante la produzione viene modificata
una delle seguenti condizioni:

D Apertura delle zone di inchiostrazione


D Velocità del duttore
D Velocità di stampa
D Regolazione del registro
D Quantità liquido di bagnatura
D Macinazione laterale

Nella riga di intestazione appare quindi l’indicazione


Luce verde (Fig. 8/1). Il cerchio nel display è vuoto.
Mentre il comando della macchina provvede a ripri-
stinare la stabilità dell’alimentazione di inchiostro, il
cerchio viene riempito. Non appena l’alimentazione
di inchiostro diventa di nuovo stabile, il cerchio viene
completamente riempito di verde. Dopo un po’ di
tempo il display non appare più sulla riga di intesta-
zione.

Inchiostrazione instabile

La stabilità dell’alimentazione inchio-


stro viene ripristinata.

Alimentazione di inchiostro di nuovo


stabile

B.3.12
Impostazioni base

UTKMS9011812___00000_004

3.2 Attivazione e disattivazione della luce verde

GR MS9011809000005000
1

Impostazioni base / Inchiostro, Bagnatura

3 5
Regolazione base

12345
Ordine
Nome

Fig. 9 Menu Impostazioni base/Inchiostro, Bagnatura

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 9/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 9/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Impostazione di base
(Fig. 9/3). Viene visualizzato il menu Imposta-
zioni base/Segnale acustico di avviamento.
4. Premere il pulsante Inchiostro, bagnatura
(Fig. 9/4). Viene visualizzato il menu Imposta-
zioni base/Inchiostro, bagnatura.
5. Attivare o disattivare la luce verde: premere il
pulsante Luce verde (Fig. 9/5). Con la funzione
Luce verde attivata, il pulsante è chiaro.
6. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 9/6) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.

B.3.13
Impostazioni base

4 Color Booster
UTKMS9011810___00000_003
UTKMS9011810002000000

4.1 Attivazione e disattivazione di Color Booster

GR MS9011820000002000
1

Impostazioni base / Inchiostro, Bagnatura

3 5
Regolazione base

12345
Ordine
Nome

Fig. 10 Menu Impostazioni base/Inchiostro, Bagnatura

Quando il Color Booster è attivato, in caso di modi-


fica dell’apertura, le zone di inchiostrazione si aprono
o si chiudono dapprima oltre il valore impostato. In
questo modo il valore impostato desiderato viene
raggiunto più rapidamente. Quindi le zone di inchio-
strazione ritornano sulla posizione impostata. Ciò
consente di ridurre il numero dei fogli di scarto.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 10/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 10/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Impostazione di base
(Fig. 10/3). Viene visualizzato il menu Imposta-
zioni base/Segnale acustico di avvio.
4. Premere il pulsante Inchiostro, Bagnatura
(Fig. 10/4). Viene visualizzato il menu Imposta-
zioni base/Inchiostro, bagnatura.
5. Attivazione e disattivazione di Color Booster:
premere il pulsante Color Booster (Fig. 10/5).
Con la funzione Color Booster attivata, il pul-
sante è chiaro.
6. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 10/6).

B.3.14
Impostazioni base

5 Correzione liquido di bagnatura


UTKMS9011811___00000_003
UTKMS9011811002000000

5.1 Innesto o disinnesto della correzione liquido di bagnatura

GR MS9011821000002000
1

Impostazioni base / Inchiostro, Bagnatura

3 5
Regolazione base

12345
Ordine
Nome

Fig. 11 Menu Regolazioni base/Inchiostro, Bagnatura

Quando la funzione Correzione del liquido di bagna-


tura è attivata, modificando la quantità d’inchiostro
(nel menu Inchiostro/Bagnatura) viene automatica-
mente aumentata o diminuita anche la quantità di
liquido di bagnatura: in questo modo l’equilibrio in-
chiostro/liquido di bagnatura resta costante.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 11/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (fig. 11/2). Viene
così visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Regolazioni base
(Fig. 11/3). Viene visualizzato il menu Regola-
zioni base/Segnale acustico di avvio.
4. Premere il pulsante Inchiostro/Bagnatura
(Fig. 11/4). Viene visualizzato il menu Regola-
zioni base/Inchiostro, bagnatura.
5. Per attivare o disattivare la correzione del li-
quido di bagnatura: premere il pulsante Corre-
zione liquido di bagnatura (Fig. 11/5). Quando
la funzione di correzione liquido di bagnatura è
attivata, il pulsante è chiaro.
6. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 11/6).

B.3.15
Impostazioni base

6 Controllo dei fogli doppi a ultrasuoni


UTKMS9010631___00000_002
UTKMS9010631000000000

6.1 Attivazione/disattivazione del controllo fogli doppi a ultrasuoni

GR MS9010889000001000
1

Regolazioni base / Passaggio carta

3
5 6
Regolazione di
base
4

Fig. 12 Attivazione/disattivazione del controllo fogli doppi a ultrasuoni

Se la macchina è dotata di un controllo dei fogli


doppi a ultrasuoni, questo controllo può essere atti-
vato o disattivato nel menu Regolazioni base/Pas-
saggio carta. Non si può utilizzare per:

D materiali da stampa a due strati (come ad es.


buste)
D Materiale da stampa con grammature superiori
ai 600 g/m2

1. Premere il pulsante Anomalia (Fig. 12/1). Viene


visualizzato il menu Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 12/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Regolazioni base
(Fig. 12/3). Appare il menu Impostazioni base/
Avvertimento avvio.
4. Premere il pulsante Passaggio carta (Fig. 12/4).
Si apre il menu Regolazioni base/Passaggio
carta.
5. Per attivare o disattivare il controllo dei fogli
doppi a ultrasuoni: premere il pulsante visualiz-
zato nella fig. 12/6. Se il meccanismo di con-
trollo dei fogli doppi a ultrasuoni è inserito, il
pulsante appare evidenziato.

B.3.16
Impostazioni base

6. Chiudere il menu: premere il pulsante Indietro


(Fig. 12/7) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.

Nota
In caso di cambio di ordine o dopo un
riavvio della macchina, il controllo dei
fogli doppi a ultrasuoni è nuovamente
inserito.

B.3.17
Impostazioni base

7 Controllo fogli doppi nella squadra di tiro


UTKMS9010632___00000_002
UTKMS9010632000000000

7.1 Attivazione/disattivazione del controllo fogli doppi nella squadra di tiro

GR MS9010889000001000
1

Regolazioni base / Passaggio carta

3
5 6
Regolazione di
base
4

Fig. 13 Attivazione/disattivazione del controllo fogli doppi nella squadra di tiro


GR SG9013300000001000

Se la macchina è dotata di un controllo dei fogli


doppi nella squadra di tiro, questo controllo può es-
sere attivato o disattivato nel menu Regolazioni ba-
se/Passaggio carta.

Controllo fogli doppi delle squadre laterali disattivato, rischio di gravi danni per la
macchina! Se disattivato a causa di guasto, avvisare il servizio di assistenza tecnica Nota
Heidelberg! Accertare il funzionamento del controllo fogli doppi alternativo! Si prega di
osservare le istruzioni per l’uso! Il controllo fogli doppi nella squadra di
tiro è disattivabile solo se la macchina
è dotata anche di un controllo dei fogli
doppi a ultrasuoni.

Fig. 14 Avviso di sicurezza in seguito alla disat-


tivazione

B.3.18
Impostazioni base

Avviso – Pericolo di danneggia-


mento della macchina
Se il controllo dei fogli doppi della
squadra di tiro è disattivato, si rischia il
danneggiamento della macchina cau-
sato dall’immissione di fogli doppi o
multipli.
Nel caso della disattivazione del con-
trollo dei fogli doppi della squadra di
tiro, attivare un sistema di controllo al-
ternativo. Una forma alternativa di pro-
tezione può essere garantita dall’atti-
vazione di sistemi opzionali per il rico-
noscimento dei fogli doppi o multipli.
Sistemi opzionali possono essere in-
stallati in un secondo tempo.

1. Premere il pulsante Anomalia (Fig. 13/1). Viene


visualizzato il menu Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 13/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Regolazioni base
(Fig. 13/3). Appare il menu Impostazioni base/
Avvertimento avvio.
4. Premere il pulsante Passaggio carta (Fig. 13/4).
Si apre il menu Regolazioni base/Passaggio
carta.
5. Per attivare o disattivare il controllo dei fogli
doppi nella squadra di tiro: premere il pulsante
visualizzato in fig. 13/5. Se il meccanismo di
controllo dei fogli doppi a ultrasuoni è inserito, il
pulsante appare evidenziato.
Disattivando il controllo dei fogli doppi della
squadra di tiro, appare una finestra (Fig. 14),
che Vi invita ad attivare un sistema di controllo
alternativo per evitare l’entrata di fogli doppi.
Per chiudere la finestra, premere il pulsante
Indietro (fig. 14/1).
6. Chiudere il menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 13/7) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.

Nota
Dopo ogni riavvio della macchina, il
controllo fogli doppi nella squadra di
tiro è nuovamente attivato.

B.3.19
Impostazioni base

8 Antiscartino
UTKMS9011813___00000_002
UTKMS9011813002000000

8.1 Regolazione del numero di gradi per l’inizio dell’antiscartino (senza collegamento CAN)

GR MS9011822001001000
1

Regolazioni base / Regolazioni gradi per l’inizio dell’antiscartino

3
Regolazione base

4
6

7
5

12345
Ordine
Nome

Fig. 15 Menu Impostazioni base/Impostazione gradi per l’inizio dell’antiscartino

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 15/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 15/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Regolazione base
(Fig. 15/3). Viene visualizzato il menu Regola-
zioni base/Segnale acustico di avvio.
4. Premere il pulsante Numero di gradi della pol-
vere (Fig. 15/4). Viene visualizzato il menu Re-
golazioni base/Regolazione inizio polvere.
5. Con i pulsanti + e - (Fig. 15/5) regolare il nu-
mero di gradi della macchina per l’inizio pol-
vere.

D Riduzione del numero di giri: inizio dell’an-


tiscartino anticipato.
D Aumento del numero di giri: inizio dell’anti-
scartino ritardato.

Se si desidera caricare il valore standard


(Fig. 15/6): premere il pulsante Standard
(Fig. 15/7).

B.3.20
Impostazioni base

6. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro


(Fig. 15/8).
UTKMS9011813___00000_003

8.2 Regolazione dell’area antiscartino (solo con collegamento CAN)

GR MS9011823001001000
1

Regolazioni base / Campo applicazione antiscartino

2
5

6
3
Regolazione base

4
7

8 9 10

12345
Ordine
Nome

Fig. 16 Menu Regolazioni base/Area antiscartino

Se l’antiscartino è comandato mediante bus CAN, è


possibile regolare il punto di attivazione e la lun-
ghezza dell’area antiscartino nel menu Regolazioni
base/Area antiscartino.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 16/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 16/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Regolazioni base
(Fig. 16/3). Viene visualizzato il menu Regola-
zioni base/Segnale acustico di avvio.
4. Premere il pulsante Area antiscartino
(Fig. 16/4). Si apre il menu Impostazioni base/
Settore polvere (Fig. 16). Uno schema mostra
la posizione del foglio di stampa (Fig. 16/5), la
lunghezza del materiale di stampa (Fig. 16/6,
impostate nel menu Ordine/Materiale da
stampa) e il settore polvere (Fig. 16/7). Il set-
tore polvere massimo ammesso appare in gri-
gio chiaro. L’antiscartino attualmente impostato
appare grigio scuro.

B.3.21
Impostazioni base

5. Servendosi dei tasti direzionali (Fig. 16/8), è


possibile spostare il punto di attivazione dell’an-
tiscartino verso il bordo anteriore del foglio (per
un massimo di 300 mm in ogni direzione). Il va-
lore impostato viene visualizzato al di sopra dei
tasti direzionali.
6. Servendosi dei tasti direzionali (Fig. 16/9), è
possibile impostare la lunghezza dell’area anti-
scartino (lunghezza massima = distanza delle
pinze).
7. Chiudere dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 16/10).

Quando nel menu Ordine/Materiale da stampa si


modifica la lunghezza del materiale da stampa, la
lunghezza dell’area antiscartino viene adattata auto-
maticamente: la differenza tra la lunghezza del foglio
e la lunghezza dell’area antiscartino rimane inva-
riata.

B.3.22
Impostazioni base

9 Visualizzazione della temperatura in gradi Fahrenheit (solo con collegamento


CAN)
UTKSG9013011001000000

UTKSG9013011___00000_002

9.1 Selezione della visualizzazione della temperatura in gradi Fahrenheit

GR SG9013173000001000
1

Funzioni di stampa / Disp. periferici d’inchiostrazione e bagnatura / Regolazioni

2
Disp. periferici in-
chiostr./bagnatura

3 min max min max


°F

Regolazioni
4

12345
Ordine
Nome

Fig. 17 Selezione della visualizzazione della temperatura in gradi Fahrenheit

Nel menu Funzioni di stampa/Apparecchi addizio-


nali di inchiostrazione e bagnatura si può impo-
stare la visualizzazione della temperatura in °F.
Per selezionare la modalità di visualizzazione della
temperatura in °F:

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Funzioni di stampa (Fig. 17/1). Viene visualiz-
zato il menu Funzioni di stampa.
2. Premere il pulsante Apparecchi addizionali in-
chiostrazione/bagnatura. (Fig. 17/2). Si apre il
menu Funzioni di stampa/Apparecchi addi-
zionali inchiostrazione/bagnatura.
3. Premere il pulsante Impostazioni (Fig. 17/3). Si
apre il menu Apparecchi addizionali di in-
chiostrazione e bagnatura/Regolazioni
(Fig. 17).
4. Selezione del display della temperatura in °F:
premere il pulsante °F (Fig. 17/4).
5. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 17/5).

B.3.23
Impostazioni base

10 Funzioni di stampa - Comando diretto


UTKSG9013007___00000_002
UTKSG9013007002000000

10.1 Avvertenze in merito al comando diretto

Nel menu Comando diretto è possibile attivare o


disattivare le seguenti funzioni al di fuori della fase di
produzione (per esempio ai fini della taratura, del
controllo delle strisce di contatto o ai fini della condi-
zionatura):

D Prenditore di inchiostro (Fig. 18/4)


D Rulli inchiostratori (Fig. 18/5)
D Rullo bagnatore (Fig. 18/6)

Quando la macchina non è in funzione, la sele-


zione del pulsante (Fig. 18/6) nel menu Comando
diretto ha valore prioritario: la funzione viene ese-
guita non appena la macchina entra in funzione.
Se una data funzione è stata selezionata per il co-
mando diretto, sul pulsante corrispondente compare
un triangolo nero. Non appena l’unità di stampa va in
produzione, il triangolo nero si spegne: la presele-
zione per il comando diretto viene annullata.
Quando l’unità di stampa è in funzione, i pulsanti
(Fig. 18/4 - 18/6) non possono essere selezionati.

Preinchiostrazione, bagnatura preliminare e po-


stbagnatura

Indipendentemente dalla preselezione, un triangolo


nero appare sui pulsanti corrispondenti durante la
preinchiostrazione, la prebagnatura o nella postba-
gnatura: è possibile disattivare le funzioni nel menu
Comando diretto.

B.3.24
Impostazioni base

UTKSG9013007___00000_003

10.2 Attivazione e disattivazione diretta delle funzioni di stampa

GR SG9013081000002000
1

Comando diretto

3
4

12345
Ordine
Nome

Fig. 18 Menu Comando diretto

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Funzioni di stampa (Fig. 18/1). Viene visualiz-
zato il menu Funzioni di stampa.
2. Premere il pulsante Somma unità di stampa
(Fig. 18/2). Viene visualizzato il menu Somma-
rio.
3. Premere il pulsante Comando diretto
(Fig. 18/3). Viene visualizzato il menu Co-
mando diretto.
4. Innesto o disinnesto del prenditore inchiostro:
premere, per l’unità di stampa desiderata, il pul-
sante nella sequenza (Fig. 18/4).
5. Innesto o disinnesto dei rulli inchiostratori: pre-
mere, per l’unità di stampa desiderata, il pul-
sante nella sequenza (Fig. 18/5).
6. Innesto o disinnesto del rullo bagnatore: pre-
mere, per l’unità di stampa desiderata, il pul-
sante nella sequenza (Fig. 18/6).
7. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 18/7).

B.3.25
Impostazioni base

11 Avvertenze sulle curve caratteristiche


UTKSG9010327___00000_002
UTKSG9010327005000000

11.1 Vantaggi delle curve caratteristiche regolabili

Il comportamento e il risultato di stampa dipendono


da molti fattori: materiale da stampa, inchiostro, li-
quido di bagnatura, umidità dell’aria, temperatura
ambiente, caucciù, ecc.
Anche se i parametri sono identici, in ogni macchina
ci sono caratteristiche individuali che a loro volta, per
le diverse età delle macchine, determinano una tara-
tura diversa di unità di inchiostrazione, bagnatura ed
altri fattori.
Le curve caratteristiche regolabili permettono di

D meglio adattare alla macchina alle condizioni


ambientali,
D convertire i valori forniti dalla prestampa in un
preregolazione più precisa dell’applicazione di
inchiostro,
D compensare le variazioni nell’applicazione di
inchiostro e di bagnatura che derivano dalle
diverse velocità di produzione.

11.2 Parametri standard e impostazioni dell’utente

Alla consegna della macchina, le curve caratteristi-


che vengono preimpostate con parametri standard.
Questi parametri standard sono ottenuti dai valori
medi di molte macchine, materiali da stampa, inchio-
stri ed altri fattori determinanti.
Le curve caratteristiche preimpostate in fabbrica
hanno il nome di HEIDELBERG e non possono es-
sere eliminate né modificate. Per poter modificare
una curva caratteristica HEIDELBERG occorre co-
piarla, e poi impostarla, ricopiarla o eliminarla.
Si possono impostare le curve caratteristiche perso-
nalmente oppure attraverso una regolazione delle
curve caratteristiche del PMC Heidelberg.

B.3.26
Impostazioni base

Verifica delle curve caratteristiche

Una verifica e adeguamento delle curve caratteristi-


che è opportuna,

D nel caso in cui, con l’acquisizione dei valori di


copertura e dei relativi parametri di processo
(materiale da stampa, colore), siano richieste
correzioni simili (sovrainchiostrazione o sottoin-
chiostrazione) per la maggior parte degli ordini;
D nel caso di eccessive oscillazioni nell’applica-
zione di inchiostro al variare della velocità;
D nel caso in cui, per il variare della velocità,
siano richieste correzioni spesso simili nell’ap-
plicazione della bagnatura (sovrabagnatura o
sottobagnatura);
D nel caso in cui, per il variare della velocità,
siano richieste correzioni spesso simili della
quantità di vernice (verniciatura insufficiente o
eccessiva).

Da osservare nella impostazione delle curve ca-


ratteristiche

Se le curve caratteristiche sono state impostate per-


sonalmente o dal PCM Heidelberg: copiare la curva
caratteristica specifica e modificare la copia. Se la
modifica effettuata non porta al risultato desiderato,
si può tornare alle linea caratteristica originaria.
Le curve caratteristiche preimpostate in fabbrica
sono protette da sovrascrittura e consentono quindi
di ritornare in qualsiasi momento all’impostazione di
fabbrica.
Numero massimo di curve caratteristiche

Per gli inchiostri, la vernice, i materiali di stampa e le


condizioni di impiego utilizzate si possono applicare
quante curve caratteristiche si desidera.

Consiglio
Attribuire alle curve caratteristiche dei
nomi esplicativi (per esempio il forni-
tore dell’inchiostro o la serie d’inchio-
stro): in questo modo risulta più facile
selezionare ogni volta la curva caratte-
ristica corretta.

B.3.27
Impostazioni base

11.3 Rappresentazione delle curve caratteristiche

GR MS9011112000000000
Causa ed effetto o X e Y

Il CP2000 Center mostra sull’asse X i parametri


standard (velocità della macchina o valore di coper-
tura della superficie) e sull’asse Y i corrispondenti
y parametri di impostazione (numero di giri del duttore,
numero dei giri dei rulli pescatori o valore dei diodi).
2 La curva caratteristica (Fig. 19/3) stabilisce un para-
2 3 metro di regolazione per ogni parametro assegnato.

1
x

Fig. 19 Sistema di coordinate


Il campo delle curve caratteristiche considera i
valori impostati

Oltre alla velocità della macchina, il comando deve


considerare anche la velocità prestabilita dei duttori
inchiostro o dei rulli pescatori.
GR SG9014744000001000

Pertanto vi sono 3 curve caratteristiche regolabili.


Massimo D Z1 – questa curva caratteristica vale per una
velocità assegnata relativamente bassa (20 % o
30 % del massimo di regolazione).
D Z2 – questa curva caratteristica vale per una
Z2 velocità assegnata relativamente alta (60 % o
70 % del massimo di regolazione).
2
ZX D ZX – questa curva caratteristica vale per una
velocità assegnata liberamente impostabile (ri-
chiamando l’editor delle curve caratteristiche
Z1 appare la velocità assegnata attuale).

Nelle curve caratteristiche per la preimpostazione


Minimo dell’inchiostro le posizioni di Z1 e Z2 e di minimo e
massimo sono rispettivamente invertite, ma il calcolo
del campo delle curve caratteristiche funziona con lo
stesso principio.
Fig. 20 Campo di curve caratteristiche Il comando calcola un campo di curve caratteristiche
di tutti i valori dal numero di giri minimo a quello
massimo da queste 3 curve caratteristiche (con
fondo grigio in Fig. 20).

B.3.28
Impostazioni base

11.4 Tipi di curve caratteristiche

Nel menu Service/Curve caratteristiche esistono


4 diversi tipi di curve caratteristiche:

D Preregolazioni dell’inchiostrazione
Le curve caratteristiche di preregolazione
dell’inchiostrazione trasformano i valori di co-
pertura in preregolazioni per le zone di inchio-
strazione del calamaio.
Caricando sulla macchina degli ordini con valori
di copertura (Flashcard, Prepress Interface, dati
PPF, ecc.), viene automaticamente selezionata
la curva caratteristica di preregolazione dell’in-
chiostrazione appropriata.
D Compensazione velocità inchiostro
D Compensazione velocità Liquido di bagnatura
D Compensazione velocità Vernice

Le curve caratteristiche per la compensazione di ve-


locità di inchiostro, liquido di bagnatura e vernice
adattano le portate alle variazioni di velocità della
macchina.
UTKSG9010327___00000_009

11.5 Modifica delle curve caratteristiche – avvertenze

Vi sono due possibilità di modificare le curve caratte-


ristiche: percentuale o con punti di appoggio.
1a modifica percentuale
Con la variazione percentuale si possono modificare
gli influssi che si riflettono su tutto l’intervallo della
curva caratteristica.
Le curve caratteristiche variano della percentuale
selezionata rispetto al loro valore d’origine (p. es. del
10 %). La variazione si riferisce su tutta la curva ca-
ratteristica.
2. Modifica con punti di supporto
Con questo tipo di variazione si possono modificare
gli influssi che si riflettono solo in una parte dell’inter-
vallo di curve caratteristiche.
Singoli punti su una curva caratteristica vengono atti-
vati e modificati.
I punti di supporto si trovano nelle curve caratteristi-
che con compensazione di velocità alle velocità di
stampa di 3000, 6000, 9000, 12000 e 15000 copie/h
e nelle curve caratteristiche di preregolazione dell’in-
chiostrazione ai valori di copertura di 0, 1, 5, 10, 20,
40, 70 e 100 %.

B.3.29
Impostazioni base

Nota
Lavorare preferibilmente con le modifi-
che tramite punti di supporto. È così
possibile adattare in modo più preciso
le curve caratteristiche alle diverse
condizioni.

UTKSG9010327___00000_010

É
11.6 Curve caratteristiche/Trasferimento

GR SG9013811000000000
1

Curve caratteristiche / Transfer

3
Curve caratteristiche
4
\\CQMWFSERVER1\CP2000_KL\CQM_Curven2.txt

6 7
5

Esportazione Importazione

Configurazione memoria dati

12345
Ordine
Nome 8 9 10

Fig. 21 Menu Curve caratteristiche/Trasferimento

Se il comando della macchina da stampa è integrato


in una rete EDP, le curve caratteristiche possono es-
sere importate o esportate.
Questa funzione consente di salvare esternamente
le curve caratteristiche e facilita le valutazioni p. es.
nel quadro della Heidelberg PCM.

Nota
Il trasferimento riguarda tutte le curve
caratteristiche impostate autonoma-
mente. Ad eccezione delle curve carat-
teristiche HEIDELBERG impostate in
fabbrica, tutte le curve caratteristiche
possono essere esportate o importate.

1. Premere il pulsante Anomalia (Fig. 21/1). Ap-


pare il menu Anomalia
2. Premere il pulsante Service (Fig. 21/2). Viene
visualizzato il menu Service.

B.3.30
Impostazioni base

3. Premere il pulsante Curve caratteristiche


(Fig. 21/3). Appare il menu Curve caratteristi-
che.
4. Premere il pulsante Curve caratteristiche/Tra-
sferimento (Fig. 21/4). Appare il menu Curve
caratteristiche/Trasferimento.

In questo menu vi sono 5 campi per la memoria dati


(Fig. 21/5). I campi che sono già assegnati a una
memoria dati contengono il corrispondente percorso
di rete e i nomi dei file.

5. Premere il pulsante della memoria dati su cui si


vuole eseguire il trasferimento delle curve ca-
ratteristiche.

Importazione o Esportazione

La decisione di esportare le curve caratteristiche dal


CP2000 Center o importarle nel CP2000 Center di-
pende dal percorso e dai nomi file della memoria
dati.

D Se un file esiste sotto il percorso nella memoria


dati selezionata, il CP2000 Center offre la fun-
zione Importazione (il pulsante Importazione,
Fig. 21/7, è attivo).
D Se ancora non esiste un file nella memoria dati
selezionata, il CP2000 Center offre la funzione
Esportazione (il pulsante Esportazione,
Fig. 21/6, è attivo).

Configurazione memoria dati

Se nel pulsante della memoria dati selezionata


(Fig. 21/5) non vi è alcun nome di percorso/nome di
file o se si vuole modificare il nome di percorso/nome
del file, richiamare il menu Gestione memoria dati/
Configura memoria dati.

6. Premere il pulsante della memoria dati


(Fig. 21/5) che si vuole configurare.
7. Premere il pulsante Configura memoria dati
(Fig. 21/9). Viene visualizzato il menu Gestione
memoria dati/Configurazione memoria dati.
8. Premere il pulsante Indietro (Fig. 21/10) per
uscire dal menu.

B.3.31
Impostazioni base

UTKSG9010327___00000_011

11.7 Gestione memoria dati/Configurazione memoria dati

GR SG9013815000000000
1

Gestione memoria dati / Configurazione memoria dati

2 6 7 8

\\CQMWFSERVER1\CP2000_KL\CQM_Curven2.txt
3
Curve caratteristiche
4
Insert Pos 1

Del Fine

5
Configurazione
memoria dati

Ctrl Ctrl

12345
Ordine
Nome

Fig. 22 Menu Gestione memoria dati/Configurazione memoria dati

In questo menu si impostano i nomi dei percorsi e i


nomi file della memoria dati.

Nota
Il trasferimento riguarda tutte le curve
caratteristiche impostate autonoma-
mente. Ad eccezione delle curve carat-
teristiche HEIDELBERG impostate in
fabbrica, tutte le curve caratteristiche
possono essere esportate o importate.

1. Premere il pulsante Anomalia (Fig. 22/1). Ap-


pare il menu Anomalia
2. Premere il pulsante Service (Fig. 22/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Curve caratteristiche
(Fig. 22/3). Appare il menu Curve caratteristi-
che.
4. Premere il pulsante Curve caratteristiche/Tra-
sferimento (Fig. 22/4). Appare il menu Curve
caratteristiche/Trasferimento.
5. Premere il pulsante della memoria dati che si
vuole configurare.
6. Premere il pulsante Configura memoria dati
(Fig. 22/5). Viene visualizzato il menu Gestione
memoria dati/Configurazione memoria dati.

B.3.32
Impostazioni base

7. Con la tastiera dello schermo si possono im-


mettere i relativi dati.

Consiglio
I nomi dei percorsi, i nomi file, l’identifi-
cazione utente e la password devono
essere concordati con il responsabile
di rete.

8. Campo di impostazione Nome percorso e nome


file (Fig. 22/6)
Immettere il percorso di rete desiderato e il
nome del file.
D Se è già presente un file con lo stesso
nome, esso viene importato da tale memo-
ria dati.
D Se non è presente alcun file con lo stesso
nome, esso viene esportato in tale memo-
ria dati.

9. Campo di impostazione Identificazione utente


(Fig. 22/7)
Se necessario, immettere qui l’identificazione
utente per accedere alla rete.
10. Campo di impostazione Password (Fig. 22/8)
Se necessario, immettere qui la password per
l’accesso alla rete.

B.3.33
Impostazioni base

12 Curve caratteristiche per la preimpostazione dell’inchiostro


UTKSG9010333___00000_018
UTKSG9010333002000000

12.1 Fondamenti

GR SG9010383000002000
Compito di queste curve caratteristiche

Minimo Le curve caratteristiche per la preimpostazione


Numero diodi dell’inchiostro convertono i valori di copertura della
superficie in preimpostazioni per le zone di colore del
Z1: 30 calamaio. Questa conversione avviene con l’acquisi-
zione dei valori di copertura zonali e la loro conver-
sione in valori di apertura delle zone di inchiostra-
zione.
ZX: 42 Pertanto ogni curva caratteristica per la preimposta-
zione dell’inchiostro descrive un settore dal numero
di giri più piccolo al numero di giri massimo
(dall’avanzamento minimo a quello massimo) del
Z2: 70 duttore d’inchiostro.

Massimo Significato del numero di diodi

I cilindri dosatori dell’inchiostro (zone di inchiostra-


Copertura
zione) sono regolabili a piccoli passi. Sul quadro dei
comandi l’impostazione attuale di ogni cilindro dosa-
Fig. 23 Curva caratteristica per la preimposta- tore è rappresentata da un display a barre con diodi
zione dell’inchiostro luminosi. Un passo (ulteriore apertura della fessura
di dosaggio) è quindi ”un diodo” (in più).

Significato delle curve caratteristiche Z1, Z2 e ZX

La quantità d’inchiostro trasportata dal calamaio di-


pende dalla velocità (dall’avanzamento) del duttore
d’inchiostro e dalla fessura tra cilindro dosatore e
duttore dell’inchiostro.
Dalle curve caratteristiche Z1, Z2 e ZX il comando
calcola l’apertura delle zone di inchiostrazione in fun-
zione del numero di giri del duttore inchiostro (avan-
zamento del duttore). Z1 determina il numero di diodi
al 30 %. Z2 determina il numero di diodi al 70 %. ZX
determina il numero di diodi con una percentuale
liberamente impostabile. Tutti gli altri valori di regola-
zione vengono calcolati da queste curve caratteristi-
che (settore grigio nella Fig. 23).

B.3.34
Impostazioni base

Impostazioni di fabbrica

La banca dati contiene le curve caratteristiche per le


seguenti combinazione di inchiostro e materiale da
stampa:
Inchiostri

D Nero, ciano, magenta, giallo


D Colore speciale 1 (per colori speciali ”leggeri”
con peso superficiale di circa 0,9 g/m2).
D Colore speciale 2 (per colori speciali ”medi” con
peso superficiale di circa 1,4 g/m2).
D Colore speciale 3 (per colori speciali ”pesanti”
con peso superficiale di circa 1,8 g/m2).

Materiale da stampa

D Patinato lucido (categoria/tipo di carta 1)


D Patinato opaco (categoria/tipo di carta 2)
D Non patinato (categoria/tipo di carta 4)

Curva caratteristica
Il nome HEIDELBERG è preimpostato. Queste curve
caratteristiche sono preimpostate innanzitutto come
curve caratteristiche standard (punto verde).

Consiglio
Se si sono create le proprie curve ca-
ratteristiche: definire come standard la
curva caratteristica utilizzata più di fre-
quente.

Dalla combinazione di 7 inchiostri e 3 materiali da


stampa risultano 21 curve caratteristiche denominate
HEIDELBERG. Esse non possono essere eliminate
né modificate.

B.3.35
Impostazioni base

Per impostare curve caratteristiche proprie pro-


cedere come segue

È necessario copiare una delle curve caratteristiche


disponibili. La copia avrà lo stesso nome dell’origi-
nale, e potrà essere poi rinominata ed elaborata. Si
possono creare quante curve caratteristiche perso-
nalizzate si desidera. Si possono anche importare o
esportare curve caratteristiche già esistenti se il
CP2000 Center è integrato in una rete EDP.

Consiglio
Se le curve caratteristiche sono state
impostate personalmente o dal PCM
Heidelberg: copiare la curva caratteri-
stica specifica e modificare la copia.
Se la modifica effettuata non porta al
risultato desiderato, si può tornare alle
linea caratteristica originaria.

UTKSG9010333___00000_013

12.2 Selezione di curve caratteristiche/impostazione inchiostro

GR LS9016858000003000
1

Service/Curve caratteristiche

2 Preregolazioni dell’inchiostrazione Comp. velocità Inchiostro Comp. velocità Liquido di


bagnatura
Comp. velocità Vernice

4
3 5 6
Colore Materiale da stampa
Curve caratteris-
tiche Nero Patinata lucida
Ciano Patinata opaca
Magenta Non patinata
giallo
Colore speciale 1

7 8 9
Curva caratteristica
HEIDELBERG
Unità di stampa 1: Inchiostrazione nominale 2.21
Standard Euroscala 14
Euroscala UV

12345
Ordine 10 11 12 13
Nome

Fig. 24 Menu Service/Curve caratteristiche preregolazione dell’inchiostrazione

Per ogni combinazione di inchiostro e qualità del ma-


teriale da stampa impostata con Fig. 24/5 e
Fig. 24/6, sono disponibili le curve caratteristiche
create in Fig. 24/7.
Se la curva caratteristica impostata nell’ordine di
stampa attuale è già stata assegnata ad un’unità di
stampa, questo viene indicato in Fig. 24/8.

B.3.36
Impostazioni base

Se la curva caratteristica impostata ha una prescri-


zione per l’inchiostrazione nominale, questa viene
visualizzata in Fig. 24/9.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 24/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 24/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Curve caratteristiche
(Fig. 24/3). Appare il menu Service/Curve ca-
ratteristiche.
4. Il pulsante Preregolazioni dell’inchiostrazione
(Fig. 24/4) è selezionato e diventa chiaro. Nel
menu Service/Curve caratteristiche appaiono
le possibilità di regolazione per il campo Prere-
golazioni dell’inchiostrazione.
5. Selezione del colore (Fig. 24/5):
selezionare il colore desiderato con i pulsanti a
freccia.

D Nero, ciano, magenta, giallo per l’inchiostro di


processo corrispondente.
D Colore speciale 1 (per colori speciali ”leggeri”
con peso superficiale di circa 0,9 g/m2).
D Colore speciale 2 (per colori speciali ”medi” con
peso superficiale di circa 1,4 g/m2).
D Colore speciale 3 (per colori speciali ”pesanti”
con peso superficiale di circa 1,8 g/m2).

6. Selezione del materiale da stampa (Fig. 24/6):


selezionare il materiale da stampa desiderato
con i pulsanti a freccia.
7. Selezione della curva caratteristica (Fig. 24/7):
selezionare la curva caratteristica desiderata
con i pulsanti a freccia.
8. Determinazione della curva caratteristica sele-
zionata come standard (Fig. 24/10):
Premere il pulsante Determinazione standard
per impostare la curva caratteristica selezionata
come standard. La curva caratteristica viene poi
contrassegnata con un punto verde a destra
accanto al nome della curva caratteristica.

Il punto verde significa

Il punto verde prima del nome identifica la curva ca-


ratteristica standard. Per ogni combinazione di in-
chiostro e materiale da stampa esiste una curva ca-
ratteristica standard. Questa curva caratteristica
viene automaticamente selezionata caricando o
creando un nuovo ordine. Finché una curva caratteri-
stica è definita come standard, essa non potrà es-
sere eliminata.

B.3.37
Impostazioni base

Consiglio
Selezionare come standard la curva
caratteristica utilizzata più di frequente.

9. Copia la curva caratteristica selezionata (Fig.


24/11):
Premere il pulsante Copia per copiare la curva
caratteristica selezionata.

Consiglio
Inizialmente la copia ha lo stesso
nome dell’originale. Attribuire alla co-
pia un nome diverso per poterla diffe-
renziare dall’originale.

10. Elimina la curva caratteristica selezionata(Fig.


24/12):
Premere il pulsante Elimina per eliminare la
curva caratteristica selezionata. La curva carat-
teristica HEIDELBERG e la curva caratteristica
definita come standard (riconoscibile dal punto
verde) non possono essere eliminate.

Nota
Cautela – le curve caratteristiche elimi-
nate non possono più essere ripristi-
nate.

11. Modifica curva caratteristica selezionata(Fig.


24/13):
Premere il pulsante Modifica per modificare la
curva caratteristica selezionata.

Consiglio
Se le curve caratteristiche sono state
impostate personalmente o dal PCM
Heidelberg: copiare la curva caratteri-
stica specifica e modificare la copia.
Se la modifica effettuata non porta al
risultato desiderato, si può tornare alle
linea caratteristica originaria.

12. Esci dal menu(Fig. 24/14):


Premere il pulsante Indietro

un pulsante qualsiasi della riga di intestazione.

B.3.38
Impostazioni base

UTKSG9010333___00000_014

12.3 Modifica delle curve caratteristiche di preimpostazione dell’inchiostro

GR SG9013149000001000
1
Curva caratteristica / Preimpostazione: Nuova curva caratteristica
16
6 7 Nome
2 17
Densità tonalità piena
13
3 18
Curve caratteris-
tiche
14 Nero
Patinata lucida
19
4 8 15 Densità tonalità piena
Preregolazioni 2.21
dell’inchiostrazione polarizzato
DIN 16536 NB
Inchiostro
Materiale da stampa
20
Curva caratteristica 12
23
5

21

12345
Ordine
Nome 9 10 11 22 24

Fig. 25 Menu Modifica delle curve caratteristiche di preimpostazione dell’inchiostro

1. Premere il pulsante Anomalia (Fig. 25/1). Viene


visualizzato il menu Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 25/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Curve caratteristiche
(Fig. 25/3). Appare il menu Service/Curve ca-
ratteristiche.
4. Premere il pulsante Preimpostazione inchiostro
(Fig. 25/4). Il pulsante viene quindi visualizzato
di colore chiaro. In basso nel display appaiono i
pulsanti per selezionare le curve caratteristiche.
5. Dagli elenchi Inchiostro(Fig. 24/5), Materiale da
stampa (Fig. 24/6) e Curva caratteristica
(Fig. 24/7) selezionare la curva caratteristica
che si desidera modificare.
Premere il pulsante Modifica (Fig. 25/5). La
curva caratteristica selezionata viene visualiz-
zata e può essere modificata.

D Display apertura delle zone di inchiostrazione


(Fig. 25/7)
L’asse verticale rappresenta l’apertura delle
zone di inchiostrazione sotto forma di valore di
diodi.
D Display copertura (Fig. 25/12)
L’asse orizzontale indica la copertura in %.

B.3.39
Impostazioni base

D Curva caratteristica Z1, 30 (Fig. 25/13) per ve-


locità del duttore / avanzamento del duttore
30 %.
D Curva caratteristica ZX, (Fig. 25/14) per velocità
del duttore / avanzamento del duttore con va-
lore percentuale variabile.
D Curva caratteristica Z2, 70 (Fig. 25/15) per ve-
locità del duttore / avanzamento del duttore
70 %.
D Inchiostro e classe di carta (Fig. 25/18). Qui
vengono visualizzati l’inchiostro e la classe di
carta assegnati a questa curva caratteristica.
D Inchiostrazione nominale e condizioni di misu-
razione (Fig. 25/19). Qui vengono indicate l’in-
chiostrazione nominale e le condizioni di misu-
razione assegnate a questa curva caratteristica.

D Colori delle curve caratteristiche:


D Curva caratteristica selezionata: arancione
D Z1/Z2 non selezionata: grigio
D ZX non selezionata: bianco
D Z1/Z2 impostazione della fabbrica: verde

6. Selezione punti di sostegno (Fig. 25/9 und


25/11)
Con questi tasti con le frecce selezionare il va-
lore di copertura del quale si desidera modifi-
care il numero di diodi.
7. Impostazione numero di diodi (Fig. 25/8)
Con questi tasti con le frecce selezionare il nu-
mero di diodi per aumentare o diminuire il va-
lore di copertura selezionato.
8. Commutazione della curva caratteristica
(Fig. 25/10)
Con questo pulsante si può commutare le curve
caratteristiche. La curva caratteristica selezio-
nata appare in color arancione.
9. Modificare il nome della curva caratteristica
Premere il pulsante Nome (Fig. 25/16). Com-
pare una tastiera virtuale con cui è possibile
modificare il nome.

Consiglio
Utilizzare un nome esplicativo, per
esempio il fornitore dell’inchiostro o la
serie d’inchiostro.

B.3.40
Impostazioni base

GR SG9019242000001000
Densità tonalità piena Colori di processo Nero, Ciano, Magenta, Giallo –
definire l’inchiostrazione nominale attraverso la
densità dei toni pieni

Se si è selezionata una curva caratteristica per i co-


lori di processo, definire l’inchiostrazione nominale
mediante il pulsante Densità tonalità piena
1.80 Filtro Normativa filtro densità
(Fig. 25/17)
non polarizzato ANSI E
polarizzato ANSI I L’inchiostrazione nominale per i colori di processo
ANSI T viene quindi definita mediante le densità dei toni
DIN 16536
DIN 16536 NB pieni.

10. Premere il pulsante Densità tonalità piena


(Fig. 25/17). Compare una finestra di dialogo
per immettere la densità desiderata del tono
pieno e per selezionare il filtro e la normativa
del filtro densità (Fig. 26). Selezionare la den-
sità del tono pieno e le condizioni di misura-
zione da visualizzare nel campo Inchiostrazione
Fig. 26 Menu Densità tonalità piena
nominale (Fig. 25/19).

Nota
I parametri qui immessi servono solo a
scopo informativo e non influiscono su-
gli strumenti di misura collegati, come
ImageControl o AxisControl.
GR SG9013639000001000

Peso di superficie Colori speciali – definire l’inchiostrazione nomi-


nale tramite il peso superficiale del rivestimento
d’inchiostro

Se si è selezionata una curva caratteristica per i co-


lori speciali, definire l’inchiostrazione nominale me-
diante il pulsante Peso superficiale (Fig. 25/17).
1.80 g/m2 L’inchiostrazione nominale con i colori speciali viene
determinata dal peso superficiale (quantità del rive-
stimento d’inchiostro in g/m2 per l’intera superficie).
La macchina viene fornita con tre curve caratteristi-
che:

D Colore speciale 1 (per colori speciali ”leggeri”


con peso superficiale di circa 0,9 g/m2).
D Colore speciale 2 (per colori speciali ”medi” con
peso superficiale di circa 1,4 g/m2).
D Colore speciale 3 (per colori speciali ”pesanti”
Fig. 27 Menu Peso superficiale
con peso superficiale di circa 1,8 g/m2).

11. Premere il pulsante Peso superficiale


(Fig. 25/17). Compare il menu Peso superfi-
ciale (Fig. 27). Impostare il peso superficiale da
visualizzare nel campo del display Inchiostra-
zione nominale (Fig. 25/19).

B.3.41
Impostazioni base

Nota
Questo parametro serve solo come in-
formazione e non influisce sui disposi-
tivi di misurazione collegati e sulla se-
leziona automatica della curva caratte-
ristica. Durante il caricamento di nuovi
valori di copertura viene sempre sele-
zionata la curva caratteristica standard
del colore speciale 1.

12. Impostazione percentuale (Fig. 25/6)


Selezionare con questo pulsante la regolazione
percentuale. Se è selezionata l’impostazione
percentuale, il pulsante è chiaro e sopra le
curve caratteristiche appare il valore di varia-
zione percentuale. Con i l pulsanti con le frecce
(Fig. 25/8) si possono spostare le curve caratte-
ristiche verso l’alto o verso il basso.
13. Impostazione valore percentuale ZX
(Fig. 25/21)
Con questi pulsanti si può impostare il valore
percentuale della curva caratteristica ZX.
14. Visualizzazione impostazioni HEIDELBERG
(Fig. 25/20)
Con questo pulsante si possono far apparire o
scomparire le curve caratteristiche impostate in
fabbrica.
15. Ripristino delle curve caratteristiche (Fig. 25/23)
Con questo pulsante si possono riportare le
curve caratteristiche alle impostazioni di fab-
brica.
16. OK (Fig. 25/22)
Confermare le modifiche con questo pulsante.
17. Annulla (Fig. 25/24)
Annullare le modifiche con questo pulsante.

B.3.42
Impostazioni base

13 Curve caratteristiche per la compensazione velocità


UTKSG9010334___00000_019
UTKSG9010334002000000

13.1 Fondamenti

Compito di queste curve caratteristiche

Queste curve caratteristiche determinano i numeri di


giri in funzione della velocità della macchina. Ci sono
curve caratteristiche per il numero di giri di

D duttore inchiostrazione,
D rullo pescatore dell’unità di bagnatura,
D pescatore vernice.

Tanto più veloce lavora la macchina, quanto più in-


chiostro, liquido di bagnatura e vernice devono es-
sere trasportati. Tuttavia la portata non è esatta-
mente proporzionale alla velocità di stampa.
Le curve caratteristiche regolabili consentono di
adattare la portata alle effettive esigenze con la velo-
cità di stampa selezionata.

Ecco cosa accade senza compensazione della


velocità

Con macchine senza compensazione della velocità


lo stampatore deve adattare manualmente l’applica-
zione d’inchiostro, il film di bagnatura e la quantità di
vernice al variare della velocità.
GR SG9010382000001000

Ecco cosa accade con la compensazione della


Velocità velocità

Il CP2000 Center elabora la curva caratteristica ade-


Curva caratteristica guata. La curva caratteristica assegna ad ogni velo-
cità di stampa il numero di giri corrispondente
2
(Fig. 28). In questo modo vengono compensate le
fluttuazioni dovute alle diverse velocità.
Ogni curva caratteristica applicata viene definita da
due fattori:

Velocità di stampa D Selezione delle curve caratteristiche durante la


preparazione dell’ordine. Qui si seleziona una
curva caratteristica (che in realtà è un intervallo
della curva caratteristica).
Fig. 28 Esempio di curva caratteristica D Valore percentuale della velocità dei duttori o
della velocità dei rulli pescatori. Il valore per-
centuale impostato stabilisce quale curva carat-
teristica della famiglia di curve caratteristiche
viene utilizzata.

B.3.43
Impostazioni base

Impostazioni di fabbrica

La banca dati contiene le seguenti curve caratteristi-


che:
Compensazione velocità inchiostro

D una curva caratteristica.


D per le macchine con un’impostazione variabile
del flusso d’inchiostro (per es. Speedmaster
SM 52) una curva caratteristica per ogni va-
riante del flusso d’inchiostro.

Compensazione velocità Liquido di bagnatura

D una curva caratteristica.

Compensazione velocità Vernice

D 3 curve caratteristiche (una per la viscosità


bassa, media ed alta della vernice).

Le curve caratteristiche definite in fabbrica hanno il


nome HEIDELBERG preimpostato. Queste curve
caratteristiche sono preimpostate innanzitutto come
curve caratteristiche standard (punto verde).
Esse non possono essere eliminate né modificate.
Come posso creare delle curve caratteristiche
personalizzate?

È necessario copiare una delle curve caratteristiche


disponibili. La copia avrà lo stesso nome dell’origi-
nale, e potrà essere poi rinominata ed elaborata. Si
possono creare quante curve caratteristiche perso-
nalizzate si desidera. Una volta esportate le curve
caratteristiche, nel menu Curve caratteristiche/Tra-
sferimento possono essere di nuovo importate.

Consiglio
Se le curve caratteristiche sono state
impostate personalmente o dal PCM
Heidelberg: copiare la curva caratteri-
stica specifica e modificare la copia.
Se la modifica effettuata non porta al
risultato desiderato, si può tornare alle
linea caratteristica originaria.

B.3.44
Impostazioni base

UTKSG9010334___00000_020

13.2 Service/Curve caratteristiche

GR SG9013812000001000
1

Service/Curve caratteristiche

2 Preregolazioni dell’inchiostra-
zione
Comp. velocità Inchiostro Comp. velocità liquido di bagna-
tura
Comp. velocità vernice

4
3
Viscosità
Curve caratteris-
tiche bassa
medio
alta

5 6
Curva caratteristica
HEIDELBERG US: 8 7 8 9 10 11
nuova curva caratteristica

12345
Ordine
Nome

Fig. 29 Menu Service/Curve caratteristiche

Funzioni generali delle curve caratteristiche per


la compensazione di velocità

Le seguenti funzioni servono all’elaborazione di tutte


le curve caratteristiche per la compensazione della
velocità. Nel menu Service/Curve caratteristiche si
possono

D copiare, modificare, eliminare le curve caratteri-


stiche,
D determinare quale curva caratteristica utilizzare
come standard.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 29/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 29/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Curve caratteristiche
(Fig. 29/3). Appare il menu Service/Curve ca-
ratteristiche.
4. Con i pulsanti di selezione del tipo di curva ca-
ratteristica (Fig. 29/4) selezionare il tipo di curva
caratteristica da modificare. Il pulsante appare
con fondo chiaro.

B.3.45
Impostazioni base

5. Selezione della curva caratteristica (Fig. 29/6):


in questa lista appaiono tutte le curve caratteri-
stiche create. Selezionare la curva caratteristica
da modificare con i pulsanti a freccia.
6. Determinazione della curva caratteristica sele-
zionata come standard (Fig. 29/7):
Premere il pulsante Determinazione standard
per impostare la curva caratteristica selezionata
come standard. La curva caratteristica viene poi
contrassegnata con un punto verde (Fig. 29/5)
accanto al nome della curva caratteristica.

Il punto verde significa

Il punto verde (Fig. 29/5) prima del nome identifica la


curva caratteristica standard. Questa curva caratteri-
stica viene automaticamente selezionata caricando o
creando un nuovo ordine. Finché una curva caratteri-
stica è definita come standard, essa non potrà es-
sere eliminata.

Consiglio
Selezionare come standard la curva
caratteristica utilizzata più di frequente.

7. Copia la curva caratteristica selezionata (Fig.


29/8):
Premere il pulsante Copia per copiare la curva
caratteristica selezionata.

Consiglio
Inizialmente la copia ha lo stesso
nome dell’originale. Attribuire alla co-
pia un nome diverso per poterla diffe-
renziare dall’originale.

8. Elimina la curva caratteristica selezionata (Fig.


29/9):
Premere il pulsante Elimina per eliminare la
curva caratteristica selezionata. La curva carat-
teristica HEIDELBERG e la curva caratteristica
definita come standard (riconoscibile dal punto
verde) non possono essere eliminate (il pul-
sante Elimina è grigio).

Nota
Cautela – le curve caratteristiche elimi-
nate non possono più essere ripristi-
nate.

9. Modifica curva caratteristica selezionata (Fig.


29/10):
Premere il pulsante Modifica per modificare la
curva caratteristica selezionata.

B.3.46
Impostazioni base

Consiglio
Se si vuole modificare le curve caratte-
ristiche esistenti: copiare la curva corri-
spondente e modificare la copia. Se la
modifica effettuata non porta al risul-
tato desiderato, si può tornare alle li-
nea caratteristica originaria.

10. Esci dal menu (Fig. 29/11):


Premere il pulsante Indietro

un pulsante qualsiasi della riga di intestazione.


UTKSG9010334___00000_021

13.3 Modifica curve caratteristiche compensazione velocità inchiostro

É
É

GR SG9010384000004000
1

Curva caratteristica / Compensazione velocità inchiostro / Nome curva caratteristica

2 6 7
Nome

3 16
12
Curve caratteris-
tiche
4
8 13
Comp. velocità in-
chiostro

5 14 17 20
15

18

12345
Ordine
Nome 9 10 11 19 21

Fig. 30 Menu compensazione velocità inchiostro

1. Premere il pulsante Anomalia (Fig. 30/1). Viene


visualizzato il menu Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 30/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Curve caratteristiche
(Fig. 30/3). Appare il menu Service/Curve ca-
ratteristiche.

B.3.47
Impostazioni base

4. Premere il pulsante Compensazione velocità


inchiostro (Fig. 30/4). Il pulsante viene quindi
visualizzato di colore chiaro. Compare la lista di
selezione delle curve caratteristiche.
Selezionare la curva caratteristica da modifi-
care. La curva caratteristica più in alto che ri-
porta il nome HEIDELBERG contiene le impo-
stazioni di fabbrica. Questa curva caratteristica
può essere visualizzata e copiata, ma non mo-
dificata o eliminata.
5. Per modificare la curva caratteristica
HEIDELBERG o per conservare la curva carat-
teristica selezionata, copiare la curva caratteri-
stica in questione.
6. Premere il pulsante Modifica curva caratteri-
stica (Fig. 30/5). Compare il menu di elabora-
zione della curva caratteristica selezionata.

D Visualizzazione numero di giri compensato/


avanzamento del duttore inchiostro compen-
sato (Fig. 30/7)
L’asse verticale indica il numero di giri/l’avanza-
mento del duttore inchiostro.
D Display velocità di stampa (Fig. 30/15)
L’asse orizzontale indica la velocità di stampa in
copie/h.
D Curva caratteristica Z1, 30 (Fig. 30/14)
Numero di giri/avanzamento del duttore inchio-
stro al 30 %
D Curva caratteristica Z2, 70 (Fig. 30/12)
Numero di giri/avanzamento del duttore inchio-
stro al 70 %
D Curva caratteristica ZX (Fig. 30/13)
Velocità/avanzamento del duttore d’inchiostro
con valore percentuale liberamente impostabile
D Colori delle curve caratteristiche:
D Curva caratteristica selezionata: arancione
D Z1/Z2 non selezionata: grigio
D ZX non selezionata: bianco
D Z1/Z2 impostazione della fabbrica: verde

7. Selezione punti di sostegno (Fig. 30/9 e 30/11)


Con questi tasti con le frecce selezionare la ve-
locità di stampa della quale si desidera modifi-
care la velocità del duttore inchiostrazione.
8. Premere il pulsante Nome (Fig. 30/16). Com-
pare una tastiera virtuale con cui è possibile
modificare il nome.

Consiglio
Utilizzare un nome esplicativo.

B.3.48
Impostazioni base

9. Impostazione della velocità del duttore


(Fig. 30/8)
Con questi tasti con le frecce aumentare o dimi-
nuire la velocità del duttore d’inchiostro per la
velocità di stampa selezionata.
10. Commutazione della curva caratteristica
(Fig. 30/10)
Con questo pulsante si può commutare le curve
caratteristiche. La curva caratteristica selezio-
nata appare in color arancione.
11. Impostazione percentuale (Fig. 30/6)
Selezionare con questo pulsante la regolazione
percentuale. Se è selezionata l’impostazione
percentuale, il pulsante è chiaro e sopra le
curve caratteristiche appare il valore di varia-
zione percentuale. Con i pulsanti a frecce
(Fig. 30/8) si può aumentare o ridurre il valore.
D Valore percentuale positivo: la compensa-
zione di velocità aumenta.
D Valore percentuale negativo: la compensa-
zione di velocità diminuisce.

12. Ripristina curve caratteristiche (Fig. 30/20)


Con questo pulsante si possono riportare le
curve caratteristiche alle impostazioni di fab-
brica.
13. Impostazione valore percentuale ZX
(Fig. 30/18)
Con questi pulsanti si può impostare il valore
percentuale della curva caratteristica ZX.
14. Visualizzazione impostazioni HEIDELBERG
(Fig. 30/17)
Con questo pulsante si possono far apparire o
scomparire le curve caratteristiche impostate in
fabbrica.
15. OK (Fig. 30/19)
Confermare le modifiche con questo pulsante.
16. Annulla (Fig. 30/21)
Annullare le modifiche con questo pulsante.

B.3.49
Impostazioni base

UTKSG9010334___00000_022

13.4 Modifica curve caratteristiche compensazione velocità liquido di bagnatura

GR SG9010987000001000
1

Curva caratteristica / Compensazione velocità liquido di bagnatura HEIDELBERG

2 6 7 Nome

3 16
Curve caratteris-
tiche 13
4
8 14
Comp. velocità li-
quido di bagnatura

5 15
17 20
12

18

12345
Ordine
Nome 9 10 11 19 21

Fig. 31 Menu compensazione velocità liquido di bagnatura

1. Premere il pulsante Anomalia (Fig. 31/1). Viene


visualizzato il menu Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 31/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Curve caratteristiche
(Fig. 31/3). Appare il menu Service/Curve ca-
ratteristiche.
4. Premere il pulsante Compensazione velocità
Liquido di bagnatura (Fig. 31/4). Il pulsante
viene quindi visualizzato di colore chiaro. Com-
pare la lista di selezione delle curve caratteristi-
che.
Selezionare la curva caratteristica da modifi-
care. La curva caratteristica più in alto che ri-
porta il nome HEIDELBERG contiene le impo-
stazioni di fabbrica. Non è possibile modificare
o rimuovere questa curva caratteristica, ma
solo una sua copia.
5. Per modificare la curva caratteristica
HEIDELBERG o per conservare la curva carat-
teristica selezionata, copiare la curva caratteri-
stica in questione.
6. Premere il pulsante Modifica curva caratteri-
stica (Fig. 31/5). Compare il menu di elabora-
zione della curva caratteristica selezionata.

B.3.50
Impostazioni base

D Visualizzazione numero di giri del rullo pesca-


tore compensato (Fig. 31/7)
L’asse verticale indica la velocità del rullo pe-
scatore in giri al minuto.
D Display velocità di stampa (Fig. 31/12)
L’asse orizzontale indica la velocità di stampa in
copie/h.
D Curva caratteristica Z1, 20 (Fig. 31/15)
Numero di giri del rullo pescatore al 20 %
D Curva caratteristica Z2, 60 (Fig. 31/13)
Numero di giri del rullo pescatore al 60 %
D Curva caratteristica ZX (Fig. 31/14)
Velocità del rullo pescatore con valore percen-
tuale liberamente impostabile
D Colori delle curve caratteristiche:
D Curva caratteristica selezionata: arancione
D Z1/Z2 non selezionata: grigio
D ZX non selezionata: bianco
D Z1/Z2 impostazione della fabbrica: verde

7. Premere il pulsante Nome (Fig. 31/16). Com-


pare una tastiera virtuale con cui è possibile
modificare il nome.

Consiglio
Utilizzare un nome esplicativo.

8. Selezione punti di sostegno (Fig. 31/9 und


31/11)
Con questi tasti a frecce selezionare la velocità
di stampa per la quale si desidera modificare la
velocità del rullo pescatore di bagnatura.
9. Regolazione della velocità del rullo pescatore
(Fig. 31/8)
Con questi tasti a frecce si può aumentare o
diminuire la velocità del rullo pescatore per la
velocità di stampa selezionata.
10. Commutazione della curva caratteristica
(Fig. 31/10)
Con questo pulsante si può commutare le curve
caratteristiche. La curva caratteristica selezio-
nata appare in color arancione.
11. Impostazione percentuale (Fig. 31/6)
Selezionare con questo pulsante la regolazione
percentuale. Se è selezionata l’impostazione
percentuale, il pulsante è chiaro e sopra le
curve caratteristiche appare il valore di varia-
zione percentuale. Con i pulsanti a frecce
(Fig. 31/8) si può modificare il valore.
D Valore percentuale positivo: la compensa-
zione di velocità aumenta.

B.3.51
Impostazioni base

D Valore percentuale negativo: la compensa-


zione di velocità diminuisce.

12. Ripristino delle curve caratteristiche (Fig. 31/20)


Con questo pulsante si possono riportare le
curve caratteristiche alle impostazioni di fab-
brica.
13. Impostazione valore percentuale ZX
(Fig. 31/18)
Con questi pulsanti si può impostare il valore
percentuale della curva caratteristica ZX.
14. Visualizzazione impostazioni HEIDELBERG
(Fig. 31/17)
Con questo pulsante si possono far apparire o
scomparire le curve caratteristiche impostate in
fabbrica.
15. OK (Fig. 31/19)
Confermare le modifiche con questo pulsante.
16. Annulla (Fig. 31/21)
Annullare le modifiche con questo pulsante.
UTKSG9010334___00000_023

13.5 Modifica curve caratteristiche compensazione velocità vernice

GR SG9010988000001000
1

Curva caratteristica / Compensazione velocità vernice HEIDELBERG


13
6 7
2 Nome

3 Viscosità
bassa
Curve caratteris-
14
tiche
4 15
8
Compensazione ve-
locità vernice
16
5
17 20
12

18

12345
Ordine
Nome 9 10 11 19 21

Fig. 32 Menu compensazione velocità vernice

Si possono creare curve caratteristiche per vernici di


viscosità bassa, media e alta.

B.3.52
Impostazioni base

Nota
Queste curve caratteristiche diventano
effettive solo con dosaggio della ver-
nice da parte del pescatore vernice. Se
si utilizza la racla a camera e il rullo
retinato, queste curve caratteristiche
non hanno alcun effetto.

1. Premere il pulsante Anomalia (Fig. 32/1). Viene


visualizzato il menu Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 32/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Curve caratteristiche
(Fig. 32/3). Appare il menu Service/Curve ca-
ratteristiche.
4. Premere il pulsante Compensazione velocità
Vernice (Fig. 32/4). Il pulsante viene quindi vi-
sualizzato di colore chiaro. Compare la lista di
selezione delle curve caratteristiche.
Selezionare la viscosità della vernice. Si può
scegliere tra una viscosità bassa, media e alta.
Nella lista di selezione Curva caratteristica ven-
gono visualizzate tutte le curve caratteristiche
disponibili per questa viscosità.
Selezionare la curva caratteristica da modifi-
care. La curva caratteristica più in alto che ri-
porta il nome HEIDELBERG contiene le impo-
stazioni di fabbrica. Non è possibile modificare
o rimuovere questa curva caratteristica, ma
solo una sua copia.
5. Per modificare la curva caratteristica
HEIDELBERG o per conservare la curva carat-
teristica selezionata, copiare la curva caratteri-
stica in questione.
6. Premere il pulsante Modifica curva caratteri-
stica (Fig. 32/5). Compare il menu di elabora-
zione della curva caratteristica selezionata.

D Visualizzazione del numero di giri del pescatore


vernice (Fig. 32/7)
L’asse verticale indica la velocità compensata
del rullo pescatore in giri al minuto.
D Display velocità di stampa (Fig. 32/12)
L’asse orizzontale indica la velocità di stampa in
copie/h.
D Curva caratteristica Z1, 30 (Fig. 32/16)
Velocità del rullo pescatore vernice al 30 %
D Curva caratteristica Z2, 70 (Fig. 32/14)
Velocità del rullo pescatore vernice al 70 %
D Curva caratteristica ZX (Fig. 32/15)
Velocità del rullo pescatore con valore percen-
tuale liberamente impostabile
D Colori delle curve caratteristiche:

B.3.53
Impostazioni base

D Curva caratteristica selezionata: arancione


D Z1/Z2 non selezionata: grigio
D ZX non selezionata: bianco
D Z1/Z2 impostazione della fabbrica: verde

7. Premere il pulsante Nome (Fig. 32/13). Com-


pare una tastiera virtuale con cui è possibile
modificare il nome.

Consiglio
Utilizzare un nome esplicativo.

8. Selezione punti di sostegno (Fig. 32/9 und


32/11)
Con questi tasti a frecce selezionare la velocità
di stampa per la quale si desidera modificare la
velocità del rullo pescatore vernice.
9. Regolazione della velocità del rullo pescatore
vernice (Fig. 32/8)
Con questi tasti a frecce aumentare o diminuire
la velocità del rullo pescatore di vernice per la
velocità di stampa selezionata.
10. Commutazione della curva caratteristica
(Fig. 32/10)
Con questo pulsante si può commutare le curve
caratteristiche. La curva caratteristica selezio-
nata appare in color arancione.
11. Impostazione percentuale (Fig. 32/6)
Selezionare con questo pulsante la regolazione
percentuale. Se è selezionata l’impostazione
percentuale, il pulsante è chiaro e sopra le
curve caratteristiche appare il valore di varia-
zione percentuale. Con i pulsanti a frecce
(Fig. 32/8) si può modificare il valore.
D Valore percentuale positivo: la compensa-
zione di velocità aumenta.
D Valore percentuale negativo: la compensa-
zione di velocità diminuisce.

12. Ripristino delle curve caratteristiche (Fig. 32/20)


Con questo pulsante si possono riportare le
curve caratteristiche alle impostazioni di fab-
brica.
13. Impostazione valore percentuale ZX
(Fig. 32/18)
Con questi pulsanti si può impostare il valore
percentuale della curva caratteristica ZX.
14. Visualizzazione impostazioni HEIDELBERG
(Fig. 32/17)
Con questo pulsante si possono far apparire o
scomparire le curve caratteristiche impostate in
fabbrica.
15. OK (Fig. 32/159)

B.3.54
Impostazioni base

Confermare le modifiche con questo pulsante.


16. Annulla (Fig. 32/21)
Annullare le modifiche con questo pulsante.

B.3.55
Impostazioni base

14 Rilevamento dati di funzionamento


UTKMS9011808___00000_002
UTKMS9011808005000000

14.1 Selezionare il menu Service/Stato

GR MS9011811000005000
1

Service / Stato

2
4
Durata accensione (h) 0.80 Protocolli definito
dall’utente
3 Durata di pronto al funzionamento (h) 0.80

Periodo di produzione (h) 0.00


Stato

Durata (h)

Velocità di stampa (stampe/h)

12345
Ordine
Nome

Fig. 33 Menu Service/Stato

Nel menu Service/Stato vengono visualizzati i dati


di funzionamento correnti, quali per esempio la du-
rata di stampa.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 33/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 33/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Stato (Fig. 33/3). Viene vi-
sualizzato il menu Service/Stato.

Sul campo di visualizzazione (Fig. 33/4) si trovano i


valori relativi a:

D Periodo macchina accesa = periodo durante il


quale la macchina è rimasta accesa dall’ultimo
aggiornamento del software di CP2000.
D Periodo di attesa = periodo durante il quale la
macchina è stata pronta per il funzionamento
dall’ultimo aggiornamento del software di
CP2000.
D Periodo di produzione = periodo durante il
quale la macchina ha stampato dall’ultimo ag-
giornamento del software di CP2000.

B.3.56
Impostazioni base

Nel diagramma (Fig. 33/5) si può osservare quanto e


a quale velocità la macchina ha stampato.
UTKMS9011808___00000_003

14.2 Protocollo definito dall’utente

GR SG9013026000003000
1

Service / Stato / Reset utente


7
2
Reset
Durata accensione (h) 0.00 Protocolli eseguiti dal:

3 Durata di pronto al funzionamento (h) 0.00 (gg/mm/aaaa) 20/03/2000

Periodo di produzione (h) 0.00 (hh/mm) 13/36


Stato

4
5 6
Protocolli definito
dall’utente Durata (h)

Velocità di stampa (stampe/h)

12345
Ordine
Nome

Fig. 34 Menu Service/Stato/Reset utente

Nel menu Service/Stato/Reset utente vi è la possi-


bilità di protocollare i dati di esercizio secondo la de-
finizione dell’utente: qui si possono azzerare i valori
visualizzati per la durata di accensione, la durata di
pronto al funzionamento e la durata della stampa.
Indipendentemente da questo, il menu Service/
Stato riporta sempre i dati di funzionamento effettivi.

B.3.57
Impostazioni base

Azzeramento dei dati di esercizio

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 34/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 34/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Stato (Fig. 34/3). Viene vi-
sualizzato il menu Service/Stato.
4. Premere il pulsante Protocolli definiti dall’utente
(Fig. 34/4). Viene visualizzato il menu Service/
Stato/Reset utente.
5. Premere il pulsante Reset (Fig. 34/7). I valori
relativi al periodo macchina accesa, periodo di
attesa e periodo di produzione vengono azze-
rati (Fig. 34/5). Sul campo di visualizzazione
(Fig. 34/6) appare il momento dell’azzeramento.
6. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 34/8) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.

B.3.58
Impostazioni base

15 Rilevamento manuale dei dati di esercizio


UTKSG9013005___00000_002
UTKSG9013005004000000

15.1 Funzione

Se il modulo software ManagementGate è abilitato, il


sistema di comando della macchina rileva automati-
camente i dati di esercizio quali, per esempio, la du-
rata di stampa. Sul CP2000 Center possono inoltre
essere inviati messaggi in modalità manuale per il
rilevamento dei dati di esercizio, per esempio l’ora di
arrivo e di invio, l’inizio e la fine dell’ordine o determi-
nati tipi di costi.

Definizione dell’ordine

I dati d’esercizio rilevati automaticamente e manual-


mente si riferiscono all’ordine di stampa nella memo-
ria della macchina, se l’ordine di stampa ha lo stato
”iniziato”.

Definizione del personale

I dati di esercizio possono essere riferiti al personale


soltanto nel caso in cui siano stati creati dei dati rela-
tivi al personale stesso. In questo caso è necessario
che sia stata annunciata almeno una persona per la
presentazione dei dati di esercizio manuali, per
esempio un tipo di costi.

Acquisizione di un ordine di stampa

Prima di annunciare l’inizio di un ordine di stampa


per il rilevamento dati d’esercizio, è necessario cari-
carlo nella memoria della macchina. Se si acquisisce
alla preparazione ordini della memoria della mac-
china un ordine di stampa con stato ”iniziato”,
quest’ordine viene convertito automaticamente allo
stato ”interrotto”.
Mentre l’ordine di stampa attuale nella memoria della
macchina ha lo stato ”iniziato”, non è possibile ac-
quisire nessun altro ordine di stampa dalla prepara-
zione ordini della memoria della macchina.

Memorizzazione di un ordine di stampa

Se si memorizza l’ordine di stampa attuale nel menu


Ordine con una denominazione differente o con un
committente differente, i dati modificati non vengono
caricati nella memoria della macchina. Viene invece
memorizzata una copia dell’ordine di stampa attuale
con i dati modificati.

B.3.59
Impostazioni base

UTKSG9013005___00000_003

15.2 Menu Rilevamento dati d’esercizio – Sommario

GR SG9013048000002000
1

Rilevamento dati d’esercizio


6 7

8
Protocollo
16.05.2001 12:04 Andare
3 4 5
9 10 11 12
Gruppo tipo di costi
Produzione HEIDELBERG_001

Cambio lastra Cambio formato Cambio inchiostro

Cambio vernice (Allestimento)


Inline Finishing 13

2
12345
Ordine
Nome

Fig. 35 Menu Rilevamento dati d’esercizio

Nel menu Rilevamento dati d’esercizio è possibile


inviare messaggi manuali per il rilevamento dati
d’esercizio: Condizione indispensabile in tal senso è
l’abilitazione del modulo software opzionale Manage-
mentGate.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Rilevamento dati d’esercizio (Fig. 35/1). Viene
così visualizzato il menu Rilevamento dati
d’esercizio.

Il menu Rilevamento dati d’esercizio include i se-


guenti pulsanti e campi di visualizzazione:

D Inizio ordine (Fig. 35/3)


Apre una finestra. Si può definire l’inizio dell’or-
dine di stampa attuale. Tutti i seguenti dati di
esercizio rilevati automaticamente e manual-
mente vengono riferiti a questo ordine di
stampa.
D Interruzione ordine (Fig. 35/4)
Apre una finestra. Si può definire l’interruzione
dell’ordine di stampa attuale. In seguito a que-
sta operazione, non è più possibile rilevare dati
di esercizio per questo ordine di stampa, finché
non si imposta nuovamente l’inizio dell’ordine
stesso.
D Fine ordine (Fig. 35/5)

B.3.60
Impostazioni base

Apre una finestra. Si può definire la fine dell’or-


dine di stampa attuale. In seguito a questa ope-
razione non è più possibile rilevare dati di eser-
cizio per questo ordine di stampa.
D Arrivo (Fig. 35/6)
Apre una finestra. Ci si può annunciare in-
viando il messaggio temporale ”Arrivo” (opzio-
nale; solo se sono stati creati dati relativi al per-
sonale).
D Partenza (Fig. 35/7)
Apre una finestra. Si può disattivare la propria
presenza inviando il messaggio temporale ”Par-
tenza” (opzionale; solo se sono stati creati dati
relativi al personale).
D Protocollo (Fig. 35/8)
Mostra l’ultimo messaggio manuale per il rileva-
mento dati d’esercizio.
D Gruppo tipo di costi (Fig. 35/9)
Apre una finestra. È possibile selezionare un
gruppo di tipi di costi. I tipi di costi appartenenti
al gruppo selezionato appaiono sui pulsanti
(Fig. 35/13).
D Gruppo tipo di costi (Fig. 35/10)
Mostra il gruppo di tipi di costi selezionato.
D Reparto finanziario (Fig. 35/11)
Apre una finestra. È possibile selezionare il re-
parto finanziario a cui si riferiscono i dati di
esercizio rilevati automaticamente (= reparto
finanziario standard). Questo reparto finanziario
è preimpostato per i messaggi manuali, ma può
essere sostituito da un altro reparto finanziario.
D Reparto finanziario standard (Fig. 35/12)
Mostra il reparto finanziario selezionato a cui si
riferiscono i dati di esercizio rilevati automatica-
mente. Questo reparto finanziario è preimpo-
stato per i messaggi manuali, ma può essere
sostituito da un altro reparto finanziario.
D Pulsanti per i tipi di costi (Fig. 35/13)
Apre una finestra. Si può inviare un messaggio
per il rilevamento dati d’esercizio.

Nella riga di intestazione viene visualizzato lo stato


dell’ordine di stampa attuale (Fig. 35/2).

Simbolo Stato dell’ordine


iniziato

interrotto

concluso

Tab. 1 Stato dell’ordine di stampa attuale

B.3.61
Impostazioni base

UTKSG9013005___00000_004

15.3 Annuncio

GR SG9013051000003000
1

Rilevamento dati d’esercizio


2
Rilevamento dati d’esercizio

Protocollo 4712 Beyer, Matthias 16.05.2001 12:04 Andare

3
Gruppo tipo di costi
Produzione HEIDELBERG_001
4
Cambio lastra Cambio formato Cambio inchiostro
HEIDELBERG_001
5
Cambio vernice (Allestimento)
Inline Finishing
Annotazioni
7 8
6

Operatore

12345
Ordine
Nome

Fig. 36 Finestra Rilevamento dati d’esercizio/Arrivo

Se sono stati creati dati relativi al personale, nel


menu Rilevamento dati d’esercizio si può attivare
e disattivare la propria presenza inviando il messag-
gio temporale ”Arrivo” o ”Partenza”. In questo caso è
possibile inviare messaggio soltanto se è registrata
almeno una persona.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Rilevamento dati d’esercizio (Fig. 36/1). Viene
così visualizzato il menu Rilevamento dati
d’esercizio.
2. Premere il pulsante Arrivo (Fig. 36/2). Viene
visualizzata la finestra Rilevamento dati
d’esercizio/Arrivo (Fig. 36). Contiene una lista
di selezione con le persone non annunciate.
3. Selezionare la persona desiderata attraverso i
pulsanti a freccia (Fig. 36/3).
4. Premere il pulsante Reparto finanziario
(Fig. 36/4). Si apre la finestra Reparti finan-
ziari, dove si può selezionare il reparto corri-
spondente.

Nota
Se non si imposta alcun reparto finan-
ziario, viene utilizzato quello standard.

B.3.62
Impostazioni base

5. Se si desidera inserire annotazioni per il mes-


saggio ”Arrivo”: premere il pulsante Annotazioni
(Fig. 36/5). Compare in questo modo una fine-
stra con una tastiera. E’ possibile inserire le
proprie annotazioni.
6. Se la persona selezionata deve essere regi-
strata come operatore macchina: premere il
pulsante Operatore macchina (Fig. 36/6).

Nota
Durante il trasferimento dei dati d’eser-
cizio rilevati meccanicamente, viene
trasmesso anche il numero personale
dell’operatore macchina che ha atti-
vato la propria presenza per ultimo. Se
l’operatore macchina attuale disattiva
la propria presenza, viene acquisito il
successivo operato macchina
dell’elenco. Può essere attivata la pre-
senza di un numero libero di operatori
macchina. Se viene disattivata la pre-
senza di tutti gli operatori macchina
elencati, non può essere effettuata al-
cuna definizione del personale per i
dati d’esercizio rilevati automatica-
mente.

7. Invio del messaggio temporale ”Arrivo”: pre-


mere il pulsante OK (Fig. 36/7).

Annullamento della procedura effettuata: pre-


mere il pulsante Annulla (Fig. 36/8).

B.3.63
Impostazioni base

UTKSG9013005___00000_005

15.4 Annuncio dell’inizio ordine

GR SG9013054000001000
1

Rilevamento dati d’esercizio


2

Protocollo

3 Rilevamento dati d’esercizio / Inizio ordine

4 4712 Beyer, Matthias HEIDELBERG_001

Gruppo tipo di costi


Produzione 6 7
Annotazioni
5
Cambio lastra Cambio formato Cambio inchiostro

Cambio vernice (Allestimento)


Inline Finishing

12345
Ordine
Nome

Fig. 37 Finestra Rilevamento dati d’esercizio/Inizio ordine

Nel menu Rilevamento dati d’esercizio è possibile


definire l’inizio dell’ordine di stampa attuale per il rile-
vamento dati d’esercizio. I seguenti dati di esercizio
rilevati automaticamente e manualmente vengono
riferiti a questo ordine di stampa. Se sono stati creati
dati relativi al personale, è possibile annunciare l’ini-
zio dell’ordine soltanto se è registrata almeno una
persona.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Rilevamento dati d’esercizio (Fig. 37/1). Viene
così visualizzato il menu Rilevamento dati
d’esercizio.
2. Premere il pulsante Inizio ordine (Fig. 37/2).
Viene visualizzata la finestra Rilevamento dati
d’esercizio/Inizio ordine (Fig. 37).
3. Se si desidera selezionare un’altra persona per
questo messaggio: premere il pulsante Persona
(Fig. 37/3; opzionale, solo se sono stati creati
dati relativi al personale). Compare una finestra
con una lista di selezione comprendente tutte le
persone annunciate. Attraverso i tasti con le
frecce è possibile selezionare un’altra persona.
Confermare la selezione con il pulsante OK. La
persona selezionata appare nel campo di visua-
lizzazione accanto al pulsante Persona.

B.3.64
Impostazioni base

4. Se si desidera selezionare un altro reparto fi-


nanziario per questo messaggio: premere il pul-
sante Reparto finanziario (Fig. 37/5). Compare
in questo modo una finestra con una lista di se-
lezione. Attraverso i tasti con le frecce è possi-
bile selezionare un altro reparto finanziario.
Confermare la selezione con il pulsante OK. Il
reparto finanziario selezionato appare nel
campo di visualizzazione accanto al pulsante
Reparto finanziario. Il messaggio attuale viene
registrato su questo reparto finanziario. Il re-
parto finanziario standard non viene modificato.
5. Se si desidera inserire annotazioni per il mes-
saggio ”Inizio ordine”: premere il pulsante Note
(Fig. 37/4). Compare in questo modo una fine-
stra con una tastiera. E’ possibile inserire le
proprie annotazioni.
6. Invio del messaggio temporale ”Inizio ordine”:
premere il pulsante OK (Fig. 37/6). L’ordine di
stampa attuale ha ora lo stato ”iniziato”. I dati di
esercizio rilevati automaticamente e manual-
mente vengono riferiti a questo ordine di
stampa.

Annullamento della procedura effettuata: pre-


mere il pulsante Annulla (Fig. 37/7).
UTKSG9013005___00000_006

15.5 Selezione del reparto finanziario

GR SG9013053000002000
1

Rilevamento dati d’esercizio

2
Reparti finanziari
Protocollo
HEIDELBERG_001
HEIDELBERG_002

Gruppotipo di costi 3
Produzione HEIDELBERG_001

Cambio lastra Cambio formato Cambio inchiostro

Cambio vernice (Allestimento)


Inline Finishing

4 5

12345
Ordine
Nome

Fig. 38 Finestra Reparto finanziario

B.3.65
Impostazioni base

Nel menu Rilevamento dati d’esercizio è possibile


selezionare il reparto finanziario a cui si riferiscono i
dati di esercizio rilevati automaticamente. Questo
reparto finanziario è preimpostato per i messaggi
manuali, ma può essere sostituito da un altro reparto
finanziario.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Rilevamento dati d’esercizio (Fig. 38/1). Viene
così visualizzato il menu Rilevamento dati
d’esercizio.
2. Premere il pulsante Reparto finanziario
(Fig. 38/2). Viene così aperta la finestra Reparti
finanziari (Fig. 38).
3. Selezionare il reparto finanziario desiderato at-
traverso i pulsanti a freccia (Fig. 38/3).
4. Conferma della selezione: premere il pulsante
OK (Fig. 38/4). Il reparto finanziario selezionato
appare nel campo di visualizzazione accanto al
pulsante Reparto finanziario.

Annullamento della procedura effettuata: pre-


mere il pulsante Annulla (Fig. 38/5).
UTKSG9013005___00000_007

15.6 Comunicazione del tipo di ordine

GR SG9013057000002000
1

Rilevamento dati d’esercizio

2
Gruppi di tipi di costi
Gruppo tipo di costi
Protocollo
Produzione
Tempi ausiliari
Tempi di fermo
Attesa
Messaggi di stato

Gruppo tipo di costi 3


Produzione HEIDELBERG_001

Cambio lastra Cambio formato Cambio inchiostro

Cambio vernice (Allestimento)


Inline Finishing

4 5

12345
Ordine
Nome

Fig. 39 Finestra gruppi di tipi di costi

B.3.66
Impostazioni base

Nel menu Rilevamento dati d’esercizio è possibile


comunicare tipi di ordine per il rilevamento dati
d’esercizio: I singoli tipi di costi sono suddivisi in
gruppi.

Selezione del gruppo di tipi di costi

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Rilevamento dati d’esercizio (Fig. 39/1). Viene
così visualizzato il menu Rilevamento dati
d’esercizio.
2. Premere il pulsante Gruppo tipo di costi
(Fig. 39/2). Viene visualizzata la finestra
Gruppo tipi di costi (Fig. 39).
3. Selezionare il gruppo di tipi di costi desiderato
attraverso i pulsanti a freccia (Fig. 39/3).
4. Conferma della selezione: premere il pulsante
OK (Fig. 39/4).

Annullamento della procedura effettuata: pre-


mere il pulsante Annulla (Fig. 39/5).

GR SG9013058000002000
1

Rilevamento dati d’esercizio

Protocollo
16.05.2001 12:04 Inizio ordine

2
Gruppo tipo di costi
Produzione HEIDELBERG_001

Cambio lastra Cambio formato Cambio inchiostro

Cambio vernice (Allestimento)


Inline Finishing 3

12345
Ordine
Nome

Fig. 40 Menu Rilevamento dati d’esercizio

Il gruppo del tipo di costi appare nel campo di visua-


lizzazione (Fig. 40/2). Con i pulsanti (Fig. 40/3) è ora
possibile selezionare i tipi di costi appartenenti al
gruppo selezionato.

B.3.67
Impostazioni base

5. Premere il pulsante relativo al tipo di costi desi-


derato (Fig. 40/3). Viene visualizzata una fine-

É
stra della (Fig. 41).

GR SG9013059000001000
1

Rilevamento dati d’esercizio

2
Cambio inchiostro
Protocollo

3 Cambio inchiostro 5

4 4711 Müller, Frank HEIDELBERG_001

Gruppotipo di costi
Produzione 6
HEIDELBERG_001 7
Annotazioni

Cambio lastra Cambio formato Cambio inchiostro

Cambio vernice (Allestimento)


Inline Finishing

12345
Ordine
Nome

Fig. 41 Finestra Cambio inchiostro

6. Se si desidera selezionare un’altra persona per


questo messaggio: premere il pulsante Persona
(Fig. 41/3; opzionale, solo se sono stati creati
dati relativi al personale). Compare una finestra
con una lista di selezione comprendente tutte le
persone annunciate. Attraverso i tasti con le
frecce è possibile selezionare un’altra persona.
Confermare la selezione con il pulsante OK. La
persona selezionata appare nel campo di visua-
lizzazione accanto al pulsante Persona.
7. Se si desidera selezionare un altro reparto fi-
nanziario per questo messaggio: premere il pul-
sante Reparto finanziario (Fig. 41/5). Compare
in questo modo una finestra con una lista di se-
lezione. Attraverso i tasti con le frecce è possi-
bile selezionare un altro reparto finanziario.
Confermare la selezione con il pulsante OK. Il
reparto finanziario selezionato appare nel
campo di visualizzazione accanto al pulsante
Reparto finanziario. Il messaggio attuale viene
registrato su questo reparto finanziario. Il re-
parto finanziario standard non viene modificato.
8. Se si desidera inserire annotazioni per il mes-
saggio in oggetto, premere il pulsante Annota-
zioni (Fig. 41/4). Compare in questo modo una
finestra con una tastiera. È possibile inserire le
proprie annotazioni.

B.3.68
Impostazioni base

9. Invio del messaggio: premere il pulsante OK


(Fig. 41/6).

Annullamento della procedura effettuata: pre-


mere il pulsante Annulla (Fig. 41/7).
UTKSG9013005___00000_008

15.7 Comunicazione dell’interruzione dell’ordine

GR SG9013055000001000
1

Rilevamento dati d’esercizio


2

Protocollo

3 Rilevamento dati d’esercizio / Inizio ordine 5

4 4712 Beyer, Matthias HEIDELBERG_001

Gruppotipo di costi
Produzione 6 7
Annotazioni

Cambio lastra Cambio formato Cambio inchiostro

Cambio vernice (Allestimento)


Inline Finishing

12345
Ordine
Nome

Fig. 42 Finestra Rilevamento dati d’esercizio/Interruzione ordine

Nel menu Rilevamento dati d’esercizio è possibile


definire l’interruzione dell’ordine di stampa attuale
per il rilevamento dati d’esercizio. In seguito a questa
operazione, non è più possibile rilevare dati di eser-
cizio per questo ordine di stampa, finché non si im-
posta nuovamente l’inizio dell’ordine attuale.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Rilevamento dati d’esercizio (Fig. 42/1). Viene
così visualizzato il menu Rilevamento dati
d’esercizio.
2. Premere il pulsante Interruzione ordine
(Fig. 42/2). Viene visualizzata la finestra Rileva-
mento dati d’esercizio/Interruzione ordine
(Fig. 42).

B.3.69
Impostazioni base

3. Se si desidera selezionare un’altra persona per


questo messaggio: premere il pulsante Persona
(Fig. 42/3; opzionale, solo se sono stati creati
dati relativi al personale). Compare una finestra
con una lista di selezione comprendente tutte le
persone annunciate. Attraverso i tasti con le
frecce è possibile selezionare un’altra persona.
Confermare la selezione con il pulsante OK. La
persona selezionata appare nel campo di visua-
lizzazione accanto al pulsante Persona.
4. Se si desidera selezionare un altro reparto fi-
nanziario per questo messaggio: premere il pul-
sante Reparto finanziario (Fig. 42/5). Compare
in questo modo una finestra con una lista di se-
lezione. Attraverso i tasti con le frecce è possi-
bile selezionare un altro reparto finanziario.
Confermare la selezione con il pulsante OK. Il
reparto finanziario selezionato appare nel
campo di visualizzazione accanto al pulsante
Reparto finanziario. Il messaggio attuale viene
registrato su questo reparto finanziario. Il re-
parto finanziario standard non viene modificato.
5. Se si desidera inserire annotazioni per il mes-
saggio ”Interruzione ordine”: premere il pul-
sante Annotazioni (Fig. 42/4). Compare in que-
sto modo una finestra con una tastiera. È
possibile inserire le proprie annotazioni.
6. Invio del messaggio temporale ”Interruzione
ordine”: premere il pulsante OK (Fig. 42/6). L’or-
dine di stampa attuale ha ora lo stato ”inter-
rotto”. Per ora non è più possibile rilevare dati di
esercizio per questo ordine di stampa.

Annullamento della procedura effettuata: pre-


mere il pulsante Annulla (Fig. 42/7).

B.3.70
Impostazioni base

UTKSG9013005___00000_009

15.8 Comunicazione della conclusione dell’ordine

GR SG9013056000001000
1

Rilevamento dati d’esercizio


2

Protocollo

3 Rilevamento dati d’esercizio / Fine ordine 5

HEIDELBERG_001
4 4712 Beyer, Matthias

Gruppotipo di costi
Produzione 6 7
Annotazioni

Cambio lastra Cambio formato Cambio inchiostro

Cambio vernice (Allestimento)


Inline Finishing

12345
Ordine
Nome

Fig. 43 Finestra Rilevamento dati d’esercizio/Fine ordine

Se l’ordine di stampa attuale ha lo stato ”iniziato” o


”interrotto”, è possibile definire la conclusione dell’or-
dine attuale per il rilevamento dati di esercizio nel
menu Rilevamento dati d’esercizio. In seguito a
questa operazione non è più possibile rilevare dati di
esercizio per questo ordine di stampa. L’ordine di
stampa non può essere nuovamente iniziato.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Rilevamento dati d’esercizio (Fig.43/1). Viene
così visualizzato il menu Rilevamento dati
d’esercizio.
2. Premere il pulsante Fine ordine (Fig. 43/2).
Viene visualizzata la finestra Rilevamento dati
d’esercizio/Fine ordine (Fig. 43).
3. Se si desidera selezionare un’altra persona per
questo messaggio: premere il pulsante Persona
(Fig. 43/3; opzionale, solo se sono stati creati
dati relativi al personale). Compare una finestra
con una lista di selezione comprendente tutte le
persone annunciate. Attraverso i tasti con le
frecce è possibile selezionare un’altra persona.
Confermare la selezione con il pulsante OK. La
persona selezionata appare nel campo di visua-
lizzazione accanto al pulsante Persona.

B.3.71
Impostazioni base

4. Se si desidera selezionare un altro reparto fi-


nanziario per questo messaggio: premere il pul-
sante Reparto finanziario (Fig. 43/5). Compare
in questo modo una finestra con una lista di se-
lezione. Attraverso i tasti con le frecce è possi-
bile selezionare un altro reparto finanziario.
Confermare la selezione con il pulsante OK. Il
reparto finanziario selezionato appare nel
campo di visualizzazione accanto al pulsante
Reparto finanziario. Il messaggio attuale viene
registrato su questo reparto finanziario. Il re-
parto finanziario standard non viene modificato.
5. Se si desidera inserire annotazioni per il mes-
saggio ”Fine ordine”: premere il pulsante Anno-
tazioni (Fig. 43/4). Compare in questo modo
una finestra con una tastiera. E’ possibile inse-
rire le proprie annotazioni.
6. Invio del messaggio temporale ”Fine ordine”:
premere il pulsante OK (Fig. 43/6). L’ordine di
stampa attuale ha ora lo stato ”concluso”. Non
è più possibile rilevare dati di esercizio per que-
sto ordine di stampa

Annullamento della procedura effettuata: pre-


mere il pulsante Annulla (Fig. 43/7).
UTKSG9013005___00000_010

15.9 Disattivazione

GR SG9013052000003000
1

Rilevamento dati d’esercizio


2
Rilevamento dati d’esercizio / Partenza

Protocollo 4711 Müller, Frank 16.05.2001 12:04 Andare

3
Gruppotipo di costi
Produzione HEIDELBERG_001
4
Cambio lastra Cambio formato Cambio inchiostro
HEIDELBERG_001
5
Cambio vernice (Allestimento)
Inline Finishing
Annotazioni
6 7

12345
Ordine
Nome

Fig. 44 Finestra Rilevamento dati d’esercizio/Partenza

B.3.72
Impostazioni base

Nel menu Rilevamento dati di esercizio si può di-


sattivare la propria presenza inviando il messaggio
temporale ”Partenza”.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Rilevamento dati d’esercizio (Fig. 44/1). Viene
così visualizzato il menu Rilevamento dati
d’esercizio.
2. Premere il pulsante Partenza (Fig. 44/2). Viene
visualizzata la finestra Rilevamento dati
d’esercizio/Partenza (Fig. 44). Contiene una
lista di selezione con le persone annunciate.
3. Selezionare la persona desiderata attraverso i
pulsanti a freccia (Fig. 44/3).
4. Premere il pulsante Reparto finanziario
(Fig. 44/4). Si apre la finestra Reparti finan-
ziari, dove si può selezionare il reparto corri-
spondente.
5. Se si desidera inserire annotazioni per il mes-
saggio ”Partenza”: premere il pulsante Annota-
zioni (Fig. 44/5). Compare in questo modo una
finestra con una tastiera. E’ possibile inserire le
proprie annotazioni.
6. Invio del messaggio temporale ”Partenza”: pre-
mere il pulsante OK (Fig. 44/6).

Annullamento della procedura effettuata: pre-


mere il pulsante Annulla (Fig. 44/7).

B.3.73
Impostazioni base

16 Configurazione Prinect
UTKSG9013010___00000_006
UTKSG9013010002000000

16.1 Impostazione della configurazione Prinect

GR SG9013100000000000
1

Configurazione Prinect

4
2 Tipo macchina Gestione memoria
dati

Nome macchina 5 Configurazione BDE

3
Configurazione
Numero posto di la-
voro
6 4010
Prinect

Numero posto di lavoro alternativo

Aggiunta di dati 7

Modifica di dati 8 10

Cancellazione di dati 9

Fig. 45 Menu Configurazione Prinect

Nel menu Configurazione Prinect si possono im-


mettere i dati sulla macchina. Questi dati vengono
analizzati da un software collegato alla macchina da
stampa per identificare chiaramente la macchina.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 45/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 45/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Configurazione Prinect
(Fig. 45/3). Appare il menu Configurazione
Prinect (Fig. 45).
4. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 45/9) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.

B.3.74
Impostazioni base

Nel menu Configurazione Prinect appaiono le se-


guenti informazioni o si possono immettere i se-
guenti dati:

D Tipo della macchina (Fig. 45/4)


Questo valore viene generato dall’attuale confi-
gurazione della macchina. Questa voce non
può essere modificata.
D Nome della macchina (Fig. 45/5):
Mostra il nome del posto di lavoro. Questo
nome può essere modificato. Se non si immette
alcun nome per il posto di lavoro, appare il tipo
della macchina. Il nome della macchina viene
analizzato dai moduli di software collegati, p.
es. Prinect Press Reporting.
D Numero del posto di lavoro (Fig. 45/6):
Mostra il numero del posto di lavoro per una
chiara identificazione del posto di lavoro nel
Workflow. Questo numero del posto di lavoro
può essere modificato.

Numero del posto di lavoro alternativo

D Aggiungi voce (Fig. 45/7):


Si può aggiungere un numero del posto di la-
voro alternativo.
D Modifica voce immessa (Fig. 45/8):
Può essere selezionato solo se è presente al-
meno una voce. La voce selezionata può es-
sere modificata.
D Elimina voce immessa (Fig. 45/9):
Può essere selezionato solo se è presente al-
meno una voce. La voce selezionata può es-
sere eliminata.

B.3.75
Impostazioni base

UTKSG9013010___00000_002

16.2 Menu Service/Configura rilevamento dati di esercizio – panoramica

GR SG9013093000002000
1

Prinect / Configurazione rilevamento dati d’esercizio


5
2
Personale
Cognome Nome Numero personale
6
#1 Stampante 4711 Reparti finanziari
3 #2 Stampante 4712
7
#3 Stampante 4713
Configurazione Tipi di costi
Prinect
8 personalizzati

4 Tipi di costi fissi

Configurazione
BDE

Aggiunta di dati Cancellazione di Modifica di dati


dati

Fig. 46 Menu Service/Configura rilevamento dati d’esercizio

Per selezionare il menu Prinect/Configura rileva-


mento dati di esercizio:

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 46/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 46/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Configurazione Prinect
(Fig. 46/3). Appare il menu Configurazione
Prinect.
4. Premere il pulsante Configura BDE (Fig. 46/4).
Appare il menu Prinect/Configura rileva-
mento dati di esercizio (Fig. 46).

Nel menu Prinect/Configura rilevamento dati di


esercizio si possono stabilire i seguenti dati per il
rilevamento dei dati d’esercizio:

D Personale (Fig. 46/5):


Le persone che possono presentarsi per il rile-
vamento dati d’esercizio (cognome, nome, nu-
mero personale).
D Reparti finanziari (Fig. 46/6):
Per quali reparti finanziari è possibile riservare i
dati di esercizio rilevati manualmente o automa-
ticamente (nome, numero).
D Tipi di costi definiti dall’operatore (Fig. 46/7):

B.3.76
Impostazioni base

I tipi di costi che possono essere presentati per


il rilevamento manuale dei dati di esercizio
(gruppo, nome, numero).
D Tipi di costi standard (Fig. 46/8):
Nome e codice dei tipi di costi definiti. Non è
possibile aggiungere o cancellare voci.

Tutte le modifiche della configurazione vengono im-


mediatamente acquisite e influiscono direttamente
sulla visualizzazione del menu Rilevamento dati
d’esercizio.
UTKSG9013010___00000_003

16.3 Aggiunta di dati

GR SG9013094000002000
1

Service / Configurazione rilevamento dati d’esercizio


5
2
Personale
Cognome Nome Numero personale
6
#1 Stampante 4711 Reparti finanziari
3 #2 Stampante 4712
7
#3 Stampante 4713
Configurazione Tipi di costi
Prinect personalizzati

4
Tipi di costi fissi

Configurazione
BDE

8 9
Aggiunta di dati Cancellazione di Modifica di dati
dati

Fig. 47 Menu Prinect/Configura rilevamento dati di esercizio

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 47/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 47/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Configurazione Prinect
(Fig. 47/3). Appare il menu Configurazione
Prinect.
4. Premere il pulsante Configura BDE (Fig. 47/4).
Appare il menu Prinect/Configura rileva-
mento dati di esercizio (Fig. 47).

B.3.77
Impostazioni base

5. Servendosi dei pulsanti (Fig. 47/5...47/7) sele-


zionare l’elenco a cui si intende aggiungere una
voce. Viene così visualizzato l’elenco corrispon-
dente (per esempio l’elenco del personale,
Fig. 47).
6. Premere il pulsante Aggiungi dato (Fig. 47/8).
Viene visualizzato il menu Configura rileva-
mento dati d’esercizio/Aggiungi dato (Fig.
48).

É
É

GR SG9013095000002000
1

Configurazione rilevamento dati d’esercizio / Aggiungi impostazione

2 Cognome Nome Numero personale


6

3 7

Configurazione
Prinect
4 Insert Pos 1

Configurazione Del Fine


BDE

5
Aggiunta di dati

9 10
Ctrl Ctrl

Fig. 48 Menu Configura rilevamento dati d’esercizio/Aggiungi dato

7. Servendosi dei pulsanti (Fig. 48/6) selezionare


in successione le colonne e inserire il testo o il
numero desiderato attraverso la tastiera
(Fig. 48/8). Il testo inserito appare nel campo di
visualizzazione (Fig. 48/7).
8. Conferma della selezione: premere il pulsante
OK (Fig. 48/9). Il nuovo dato appare ora
nell’elenco

Per interrompere la procedura: premere il pul-


sante Annulla (Fig. 48/10).
9. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 47/9) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.

B.3.78
Impostazioni base

UTKSG9013010___00000_004

16.4 Modifica di dati

GR SG9013096000002000
1

Prinect / Configurazione rilevamento dati d’esercizio


5
2
Personale
Cognome Nome Numero personale
6
#1 Stampante 4711 Reparti finanziari
3 #2 Stampante 4712
7
#3 Stampante 4713
Configurazione Tipi di costi
Prinect
8 personalizzati

4 Tipi di costi fissi

Configurazione 9
BDE

11
10

Aggiunta di dati Cancellazione di Modifica di dati


dati

Fig. 49 Menu Prinect/Configura rilevamento dati di esercizio

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 49/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 49/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Configurazione Prinect
(Fig. 49/3). Appare il menu Configurazione
Prinect.
4. Premere il pulsante Configura BDE (Fig. 49/3).
Appare il menu Prinect/Configura rileva-
mento dati di esercizio (Fig. 49).
5. Servendosi dei pulsanti (Fig. 49/5 ...49 /8) sele-
zionare la lista di cui si intende modificare una
voce. Viene così visualizzata la lista corrispon-
dente (per esempio l’elenco del personale,
Fig. 49).
6. Servendosi dei tasti direzionali (Fig. 49/9), sele-
zionare l’opzione che si desidera modificare.
7. Premere il pulsante Modifica dato (Fig. 49/10).
Viene visualizzato il menu Configura rileva-
mento dati d’esercizio/Modifica dato (Fig.
50).

B.3.79
Impostazioni base

É
É

GR SG9013097000002000
1

Configurazione rilevamento dati d’esercizio / Modifica impostazione

2 Cognome Nome Numero personale


6

3 7

Configurazione
Prinect
4 Insert Pos 1

Configurazione Del Fine


BDE

5
Modifica di dati

9 10
Ctrl Ctrl

Fig. 50 Menu Configura rilevamento dati d’esercizio/Modifica dato

8. Servendosi dei pulsanti (Fig. 50/6) selezionare


la colonna di cui si intende modificare il conte-
nuto e inserire la modifica attraverso la tastiera
(Fig. 50/8). Il testo inserito appare nel campo di
visualizzazione (Fig. 50/7).
9. Confermare l’impostazione: premere il pulsante
OK (Fig. 50/9). Il dato modificato compare ora
nell’elenco

Per interrompere la procedura: premere il pul-


sante Annulla (Fig. 50/10).
10. Chiudere il menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 49/11) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.

B.3.80
Impostazioni base

UTKSG9013010___00000_005

16.5 Cancellazione di dati

GR SG9013098000002000
1

Prinect / Configurazione rilevamento dati d’esercizio


5
2
Personale
Cognome Nome Numero personale
6
#1 Stampante 4711 Reparti finanziari
3 #2 Stampante 4712
7
#3 Stampante 4713
Configurazione Tipi di costi
Prinect personalizzati

4 Tipi di costi fissi

Configurazione 8
BDE

9 10

Aggiunta di dati Cancellazione di Modifica di dati


dati

Fig. 51 Menu Prinect/Configura rilevamento dati di esercizio

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 51/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 51/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Configurazione Prinect
(Fig. 51/3). Appare il menu Configurazione
Prinect.
4. Premere il pulsante Configura BDE (Fig. 51/4).
Appare il menu Prinect/Configura rileva-
mento dati di esercizio (Fig. 51).
5. Servendosi dei pulsanti (Fig. 51/5 ...51 /7) sele-
zionare l’elenco da cui si intende eliminare una
voce. Viene così visualizzato l’elenco corrispon-
dente (per esempio l’elenco del personale,
Fig. 51).
6. Servendosi dei tasti direzionali (Fig. 51/8), sele-
zionare l’opzione che si desidera cancellare.
7. Premere il pulsante Elimina dato (Fig. 51/8). Il
nuovo dato viene così cancellato dalla lista.
8. Chiudere il menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 51/10) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.

B.3.81
Impostazioni base

17 Intervallo di manutenzione
UTKSC9016504___00000_002
UTKSC9016504002000000

17.1 Scadenza degli intervalli di manutenzione

GR SC9011248000002000
1

Service

2
Documentazione Sistema Macchina Dati Verifica

Istruzioni per l’uso Ora/Data Regolazione di Informazione Sicurezza


base

Catalogo pezzi Fuso orario Comando diretto Licenza Diagnosi

Selezione lingua Curve caratteris- Valori effettivi confi-


tiche gurazione

Configurazione Programmi di lavag- Stato


Prinect gio

Manutenzione Forno, verniciatura

5
4

Disinnesto mac- Bloccaggio posti Totale Giri


china di comando 471 505 3

Fig. 52 Menu Service

B.3.82
Impostazioni base

Scadenza degli intervalli di manutenzione

Quando stanno per scadere gli intervalli di manuten-


zione, appare il simbolo ”Intervallo di manutenzione
in scadenza” (Fig. 52/3) nella riga di pie’ di pagina e
la barra del pulsante Manutenzione (Fig. 52/4) cam-
bia colore.
I colori del simbolo ”Intervallo di manutenzione in
scadenza” e della barra del pulsante Manutenzione
indicano:

gelb Lavori di manutenzione scadono tra


poco
rot Lavori di manutenzione già scaduti

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 52/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Nel menu Anomalia premere il pulsante Ser-
vice (Fig. 52/2). Viene visualizzato il menu Ser-
vice.
3. Nel menu Service premere il pulsante Manu-
tenzione (Fig. 52/4). Appare il menu Service/In-
tervalli di manutenzione (Fig. 53).
4. Per uscire dal menu: nel menu Service/Inter-
valli di manutenzione premere il pulsante In-
dietro (Fig. 52/5) o un pulsante nella riga di inte-
stazione.

Manutenzione scaduta

Quando una manutenzione è scaduta, la segnala-


zione avviene in diversi modi:

D Nella riga di pie’ di pagina della superficie


utente appare in tutti i menu un simbolo rosso
di manutenzione.
D Nel menu Anomalia appare una barra rossa
nel pulsante Service.
D Nel menu Service appare una barra rossa nel
pulsante Manutenzione.
D Nel menu Service/Intervalli di manutenzione
appare il messaggio di errore ”I lavori di manu-
tenzione per l’intervallo... sono già scaduti.”

B.3.83
Impostazioni base

UTKSC9016504___00000_003

17.2 Menu Service/Intervalli di manutenzione

GR SC9017816000002000
1
4
Service / Intervalli di manutenzione
20/11//2002
2
20/11/2002 27/11/2002

3 20/11/2002 20/12/2002

Manutenzione
5
20/11/2002 20/05/2003

20/11/2002 20/11/2003
6

I lavori di manutenzione per l’intervallo sono in ritardo rispetto al


previsto

7 8 9

Fig. 53 Menu Service/Intervalli di manutenzione


GR SC9017817000001000

Nel menu Service/Intervalli di manutenzione ven-


gono visualizzati gli intervalli di manutenzione da
15.11.2003 25.11.2003
I a V.
L’intervallo di manutenzione I (Fig. 53/4) mostra i
lavori di manutenzione quotidiani. I diagrammi a
1 2 3 4 barre degli intervalli di manutenzione da II a V mo-
strano la scadenza della manutenzione (Fig. 53/5).
Se la barra grigia (Fig. 54/1) si trova nel
settore verde (Fig. 54/2): nel relativo intervallo al
15.11.2003 27.11.2003
momento non è necessaria alcuna manutenzione;
nel settore giallo (Fig. 54/3): la manutenzione nel
rispettivo intervallo scade prossimamente;
nel settore rosso (Fig. 54/4): la manutenzione nel
5 6
rispettivo intervallo è già scaduta. La barra grigia
(Fig. 54/5) si estende per tutta la larghezza del dis-
Fig. 54 Diagramma a barre
play, lo sfondo del display è in rosso (Fig. 54/6).

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 53/1).
2. Nel menu Anomalia premere il pulsante Ser-
vice (Fig. 53/2).
3. Nel menu Service premere il pulsante Manu-
tenzione (Fig. 53/3). Appare il menu Service/In-
tervalli di manutenzione.
4. Premere il pulsante Intervallo di manutenzione I
(Fig. 53/4). Si apre la finestra Intervallo di ma-
nutenzione I (Fig. 55).

B.3.84
Impostazioni base

5. Premere i pulsanti Intervallo di manutenzione II


... V (Fig. 53/5). Si apre la finestra Intervallo di
manutenzione II ... V (Fig. 56).

Nella finestra di testo (Fig. 53/6) sotto i diagrammi a


barre sono descritti gli intervalli di manutenzione in
scadenza.

6. Premere il pulsante Istruzioni per l’uso


(Fig. 53/7). Appare la documentazione mac-
china corrente.
7. Premere il pulsante Storico (Fig. 53/8). Ap-
paiono gli intervalli di manutenzione protocollati.
In questa finestra si possono ordinare gli inter-
valli visualizzati riportati nell’intestazione della
tabella.
8. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 53/9) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.

B.3.85
Impostazioni base

UTKSC9016504___00000_004

17.3 Menu Intervallo di manutenzione I

GR SC9016751000002000
Service / Intervalli di manutenzione
20/11//2002

Intervallo di manutenzione
20/11/2002 27/11/2002

20/11/2002 20/12/2002

Manutenzione 31
1.020/11/2002 03/12/200
Σ 20/05/2003
Σn 100000 2

20/11/2002 03/12/2002
20/11/2003

I lavori di manutenzione per l’intervallo sono in ritardo rispetto al


Eseguire gli interventi di manutenzione dell’intervallo I come indicato nella
previsto

documentazione di manutenzione.

Fig. 55 Finestra Intervallo di manutenzione I

1. Premere il pulsante Intervallo di manutenzione I


(Fig. 53/4). Appare la finestra Intervallo di ma-
nutenzione per l’intervallo di manutenzione I
(Fig. 55).
2. Eseguire i lavori di manutenzione per l’intervallo
I come indicato nella documentazione di manu-
tenzione.
L’intervallo di manutenzione I contiene tutte le
manutenzioni da eseguire giornalmente sulla
macchina. L’intervallo di manutenzione I non
viene visualizzato automaticamente. Si deve
richiedere il suo stato richiamando la finestra
Intervallo di manutenzione.

B.3.86
Impostazioni base

UTKSC9016504___00000_005

17.4 Menu Intervallo di manutenzione II ... V

GR SC9017676000002000
Service / Intervalli di manutenzione
20/11//2002
Intervallo di manutenzione
2 3 4 5 6
20/11/2002 27/11/2002
31 31
7 20/11/2002 12.8 03/12/200 7
Σ 03/12/2002
Σn 100000 20/11/2002 0 2 20/12/2002

Manutenzione 20/11/2002 20/11/2003 Max Mustermann


20/11/2002 20/05/2003
1
Annotazioni
20/11/2002 20/11/2003

8
I lavori di manutenzione per l’intervallo sono in ritardo rispetto al
9
previsto

10

11

Fig. 56 Finestra Intervallo di manutenzione II

Le scadenze degli intervalli di manutenzione II ... V


appaiono nella riga di pie’ di pagina della superficie
utente. Prossima scadenza: simbolo ”Service” giallo,
manutenzione scaduta: simbolo ”Service” rosso.

1. Premere i pulsanti Intervallo di manutenzione II


... V (Fig. 53/5). Appare la corrispondente fine-
stra Intervallo di manutenzione II ... V.

La Fig. 56 mostra la finestra per l’intervallo di manu-


tenzione II. I simboli nella Fig. 56 significano:

1 pulsante Intervallo di manutenzione II


2 Intervallo di manutenzione in giorni (valore in
alto) e intervallo di manutenzione in giri mac-
china (valore in basso). Il primo valore rag-
giunto viene evidenziato a colori.
3 Data dell’ultima manutenzione.
4 Tempo trascorso (contatore superiore) e nu-
mero di giri macchina (contatore inferiore)
dall’ultima manutenzione. Il valore attualmente
rilevante viene contrassegnato a colori.
5 Data della prossima manutenzione prevista.

Quando una manutenzione è stata eseguita, negli


intervalli di manutenzione II ... V si deve protocollare
chi l’ha eseguita e in quale data.

B.3.87
Impostazioni base

Protocollo e conferma della manutenzione

1. Premere il pulsante Data di manutenzione


(Fig. 56/6). Appare la finestra Data di manu-
tenzione.
2. Nella finestra Data di manutenzione immettere
la data in cui la manutenzione è stata eseguita.
3. Per confermare l’immissione, premere il pul-
sante OK.
4. Nella finestra Intervallo di manutenzione pre-
mere il pulsante Esecutore (Fig. 56/7). Si apre
la finestra Esecutore.
È possibile
D scegliere un nome dall’elenco,
D modificare un nome esistente nell’elenco,
D aggiungere nuovi nomi all’elenco,
D eliminare un nome dall’elenco.

5. Per confermare l’immissione, premere il pul-


sante OK.
6. Premere il pulsante di conferma manutenzione
(Fig. 56/10). Appare una domanda nella quale
si deve confermare l’avvenuta esecuzione della
manutenzione.
Dopo la conferma
D la data di manutenzione viene impostata
alla data della conferma,
o
D si azzerano i contatori (tempo/giri mac-
china) dell’intervallo di manutenzione spe-
cifico.

Nota
Se con la conferma si retrodata la data
di manutenzione, vengono retrodatati i
contatori di tutte le categorie di manu-
tenzione. I contatori dei giri macchina
vengono calcolati sulla base delle pre-
stazioni di stampa correnti.

7. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro


(Fig. 56/11) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.

B.3.88
Impostazioni base

Immissione di note

1. Per immettere annotazioni su una manuten-


zione eseguita, premere il pulsante Note
(Fig. 56/9). Si apre il menu Intervallo di manu-
tenzione/Note con una tastiera.
2. Immettere con la tastiera le annotazioni.
3. Per salvare le annotazioni, premere il pulsante
OK. Nel menu Intervallo di manutenzione
(Fig. 56) in un campo di testo (Fig. 56/8) ap-
paiono le annotazioni immesse.
4. Premere il pulsante di conferma manutenzione
(Fig. 56/10). Appare una domanda nella quale
si deve confermare l’avvenuta esecuzione della
manutenzione.
Le annotazioni appaiono anche dopo aver pre-
muto il pulsante Storico (Fig. 53/8) nel campo
”Note” della finestra Storico manutenzione.

B.3.89
Impostazioni base

18 Moduli software
UTKSG9010213___00000_005
UTKSG9010213011000000

18.1 Attivazione moduli software

Indicazioni generali

Per il comando macchina di CP2000 sono stati svi-


luppati diversi moduli supplementari per l’amplia-
mento delle funzioni o per il collegamento a periferi-
che e software.
Prima di utilizzare i moduli supplementari, provve-
dere alla loro attivazione:

D in CP2000 selezionare il modulo software da


attivare.
D In seguito richiamare sul CP2000 un ”codice
macchina”, da inoltrare alla rappresentanza
Heidelberg.
D La rappresentanza Heidelberg provvederà a
fornire il ”codice licenza” corrispondente.
D Immettere il codice licenza in CP2000. In que-
sto modo viene attivato il modulo software desi-
derato.

Successivamente configurare il software. Verificare


l’esattezza di determinate preregolazioni e di certe
cartelle di file. Dopo un riavvio del CP2000 Center le
funzioni supplementari sono quindi disponibili.

É
É
GR SG9010288000008000
1

Service/Licenza software
10
CP 2000 Opzioni Opzioni selezionate
2 CP2000 Master Level
CP2000 PresetLink
CP2000 ManagementGate
CP2000 MemoryPlus 9
3 CP2000 OnlineAssistance
CP2000 InstantStart UV
Licenza

11
8Mostra codice macchina Generacodice
macchina

Mostra codice licenza


7 Genera codice di
dimostrazione
12

Mostra codice cancellazione

5 4 13 14

Aggiorna display
6
12345
Ordine
Nome

Fig. 57 Menu Service/Licenza software

B.3.90
Impostazioni base

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 57/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 57/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Licenza (Fig. 57/3). Viene
visualizzato il menu Service/Licenza software.
4. Servendosi dei tasti direzionali (Fig. 57/9), sele-
zionare un modulo software da attivare (ad
esempio PresetLink).
I singoli moduli sono contrassegnati a sinistra
con quadratini colorati:
D quadratino rosso: per il modulo non è stato
ancora generato alcun codice di licenza.
D quadratino giallo: per il modulo è già stato
generato un codice di licenza.
D quadratino blu: il modulo è attivato.

Con il pulsante Aggiorna display (Fig. 57/6) si


può rigenerare il contenuto dello schermo qua-
lora fossero state apportate modifiche.
5. Confermare il modulo selezionato con il pul-
sante Aggiungi (Fig. 57/10) nella finestra di se-
lezione destra. Per caricare altri moduli nella
finestra destra, ripetere questa operazione.
6. Per eliminare un modulo dalla finestra destra,
premere il pulsante Rimuovi (Fig. 57/11).

É
É

GR SG9010288000008000
1

Service/Licenza software
10
CP 2000 Opzioni Opzioni selezionate
2 CP2000 Master Level
CP2000 PresetLink
CP2000 ManagementGate
CP2000 MemoryPlus 9
3 CP2000 OnlineAssistance
CP2000 InstantStart UV
Licenza

11
8Mostra codice macchina Generacodice
macchina

Mostra codice licenza


7 Genera codice di
dimostrazione
12

Mostra codice cancellazione

5 4 13 14

Aggiorna display
6
12345
Ordine
Nome

Fig. 58 Menu Service/Licenza software

B.3.91
Impostazioni base

7. Premere il pulsante Genera codice macchina


(Fig. 58/12). Nel campo di visualizzazione ap-
pare un codice composto da cifre e lettere – il
codice macchina . Con il codice macchina ri-
chiedere l’attivazione dei moduli selezionati alla
propria Assistenza Heidelberg.

La rappresentanza Heidelberg provvederà a fornire il


codice licenza.

8. Selezionare nuovamente il menu Service/Li-


cenza software e con il pulsante CLR
(Fig. 58/4) cancellare il contenuto del campo di
visualizzazione.
9. Con la tastiera visualizzata (Fig. 58/5) immet-
tere il codice licenza (ottenuto dalla rappresen-
tanza Heidelberg).
10. Per confermare l’impostazione: premere il pul-
sante OK (Fig. 58/13).

Per visualizzare il codice in seguito:

D Codice macchina: premere il pulsante Mostra


codice macchina (Fig. 58/8).
D Codice macchina: premere il pulsante Mostra
codice licenza (Fig. 58/7).

11. Chiudere il menu: premere il pulsante Indietro


(Fig. 58/14) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.
12. Avviare nuovamente CP2000. I moduli software
selezionati ora sono attivati.

B.3.92
Impostazioni base

UTKSG9010213___00000_006

18.2 Creazione di codici di dimostrazione

GR MS9011803000004000
1

Service/Licenza software
7
CP 2000 Opzioni Opzioni selezionate
2 CP2000 Master Level
CP2000 PresetLink
CP2000 ManagementGate
CP2000 MemoryPlus 6
3 CP2000 OnlineAssistance
CP2000 InstantStart UV
Licenza

Mostra codice richiesta 8 Genera codice


macchina

Mostracodice macchina Genera codice di


dimostrazione

Mostra codice cancellazione 9

5 4 10 11

Aggiorna display

12345
Ordine
Nome

Fig. 59 Menu Service/Licenza software

Con un codice di dimostrazione è possibile attivare


moduli software per una durata limitata. Trascorso
tale periodo predeterminato il modulo viene automa-
ticamente disattivato.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 59/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 59/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Licenza (Fig. 59/3). Viene
visualizzato il menu Service/Licenza software.
4. Servendosi dei tasti direzionali (Fig. 59/6), sele-
zionare un modulo software per il quale si desi-
dera generare un codice di dimostrazione (ad
esempio PresetLink).
I singoli moduli sono contrassegnati a sinistra
con quadratini colorati:
D quadratino rosso: per il modulo non è stato
ancora generato alcun codice di licenza.
D quadratino giallo: per il modulo è già stato
generato un codice di licenza.
D quadratino blu: il modulo è attivato.

5. Confermare il modulo selezionato con il pul-


sante Aggiungi (Fig. 59/7) nella finestra opera-
tiva a destra. Per caricare altri moduli, ripetere
questa operazione.

B.3.93
Impostazioni base

6. Per rimuovere un modulo dalla finestra destra,


premere il pulsante Rimuovi (Fig. 59/8).
7. Premere il pulsante Genera codice di dimostra-
zione (Fig. 59/9). Nel campo appare un codice
formato da cifre e lettere: è il codice di dimo-
strazione. Con il codice di dimostrazione richie-
dere l’attivazione provvisoria dei moduli selezio-
nati presso la propria Assistenza Heidelberg.

La rappresentanza Heidelberg provvederà quindi a


fornire un codice licenza secondo la durata deside-
rata.

8. Selezionare nuovamente il menu Service/Li-


cenza software e con il pulsante CLR
(Fig. 59/4) cancellare il contenuto del campo di
visualizzazione.
9. Con la tastiera dello schermo (Fig. 59/5) immet-
tere il codice licenza (ottenuto dalla rappresen-
tanza Heidelberg).
10. Per confermare l’impostazione: premere il pul-
sante OK (Fig. 59/10).
11. Chiudere il menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 59/11) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.
12. Riavviare CP2000. I moduli software selezionati
ora sono attivati.
UTKSG9010213___00000_007

18.3 Codice di cancellazione

É
É

GR MS9011804000004000
1

Service/Licenza software

CP 2000 Opzioni Opzioni selezionate


2 CP2000 Master Level
CP2000 PresetLink
CP2000 ManagementGate
CP2000 MemoryPlus
3 CP2000 OnlineAssistance
CP2000 InstantStart UV
Licenza

Mostracodice macchina Generacodice


macchina

Mostra codice licenza Generacodice di


dimostrazione

Mostra codice cancellazione

4 5

Aggiorna display

12345
Ordine
Nome

Fig. 60 Menu Service/Licenza software

B.3.94
Impostazioni base

Se si desidera disattivare nuovamente i moduli soft-


ware abilitati, rivolgersi alla rappresentanza
Heidelberg. La rappresentanza può cancellare le
licenze per i moduli software. Viene in questo modo
creato un codice di cancellazione che si può poi ri-
chiamare a livello del CP2000 Center. La rappresen-
tanza Heidelberg richiede tale codice di cancella-
zione a testimonianza dell’annullamento
dell’attivazione dei moduli opzionali, ad esempio in
caso di rivendita della macchina.
I moduli funzionano ancora alcuni giorni dopo la can-
cellazione per un tempo di transizione. Per le licenze
di dimostrazione non viene generato alcun codice di
cancellazione. Quindi il corrispondente modulo soft-
ware cessa di funzionare immediatamente, senza
periodo di transizione.
1. Nella riga di intestazione premere il pulsante
Anomalia (Fig. 60/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 60/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Licenza (Fig. 60/3). Viene
visualizzato il menu Service/Licenza software.
4. Richiamo del codice di cancellazione: Premere
il pulsante Mostra codice di cancellazione
(Fig. 60/4). Il codice di cancellazione appare sul
display al di sopra della tastiera numerica.
5. Uscire dal menu: premere il pulsante Indietro
(Fig. 60/5) o un pulsante nella riga di intesta-
zione.

B.3.95
Impostazioni base

19 Modulo di software Banca dati


UTKSG9010216___00000_006
UTKSG9010216002000000

19.1 Elenco ordini della preparazione ordine

GR SG9013915000000000
1

Preparazione ordine / Carica ordine 5 6

2
Preparazione ordine 1 16.12.2003 12:13 16.12.2003 12:13
2
3 16.12.2003 12:10 16.12.2003 12:10
3 4 4 4 4 16.12.2003 12:14 16.12.2003 12.14

6
Carica ordine
7

4 7 8

Banca dati 5

12345
Ordine
Nome

Fig. 61 Menu Preparazione ordine/Carica ordine

Nell’elenco ordini della Preparazione ordine ap-


paiono di default il numero dell’ordine, la denomina-
zione dell’ordine e il committente. Inoltre possono
essere visualizzati la data di creazione dell’ordine e
la data dell’ultima modifica dell’ordine.

Nota
Le indicazioni della data per determi-
nati ordini sono disponibili solo se la
versione di software con cui sono stati
salvati gli ordini coincide con le indica-
zioni della data. Se non sono presenti
indicazioni sulla data, le corrispondenti
colonne restano vuote (Fig. 61/7).

B.3.96
Impostazioni base

UTKSG9010216___00000_003

19.2 Configurazione della banca dati

GR SG9010993000001000
1

Prinect / Gestione memoria dati


5
Memorie dati attive Memorie dati inattive
2 Banca dati Sistema informativo del management
scheda memoria ordini Plate Image Reader
Interfaccia prestampa (PPF) PrepressInterface (CDK)
Data Control
3
Configurazione
Prinect

4
Gestione memoria
dati

6
Configurazione memoria dati Aggiungi memoria dati Cancella memoria dati

Fig. 62 Menu Prinect/Gestione memoria dati

Nel menu Service/Gestione memoria dati (Fig. 62)


si può impostare la visualizzazione dell’elenco degli
ordini per i menu Preparazione ordine/Carica or-
dine (vedi Fig. 61) Preparazione ordine/Carica dati
di inchiostrazione e Preparazione ordine/Ge-
stione memoria.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 62/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 62/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Configurazione Prinect
(Fig. 62/3). Appare il menu Configurazione
Prinect.
4. Premere il pulsante Gestione memoria dati
(Fig. 62/4). Appare il menu Prinect/Gestione
memoria dati.
5. Nell’elenco Memorie dati attive (Fig. 62/5) sele-
zionare la banca dati.
6. Premere il pulsante Configurazione memoria
dati (Fig. 62/6). Viene visualizzato il menu Ge-
stione memoria dati/Configurazione memo-
ria dati.

B.3.97
Impostazioni base

É
É

GR SG9010269000001000
1

Gestione memoria dati / Configurazione memoria dati

View\Jobname 1
3
View\Customer 1
View\CreationTime 0
6
Configurazione
Prinect View\Last\WriteTime 0
4
7
Gestione memoria
dati

5
Configurazione me-
moria dati
8 9

Fig. 63 Menu Gestione memoria dati/Configurazione memoria dati

Nota
La voce inserita (Fig. 63/6) indica quali
colonne appaiono nell’elenco degli or-
dini.
1 significa: la colonna appare
nell’elenco ordini.
0 significa: la colonna non appare
nell’elenco ordini.

7. Servendosi dei tasti direzionali (Fig. 63/7), sele-


zionare l’opzione che si desidera modificare.

D Jobname = Denominazione dell’ordine


D Customer = Nome del cliente
D CreationTime = Data della creazione
dell’ordine
D LastWriteTime = Data dell’ultima modifica
dell’ordine

8. Premere il pulsante OK (Fig. 63/8). Viene visua-


lizzato il menu Configurazione memoria dati/
Modifica valore di configurazione.

Premere il pulsante Indietro (Fig. 63/9). Il menu


si chiude.

B.3.98
Impostazioni base

É
É

GR SG9010291000009000
1

Configurazione memoria dati / Modifica valore di configurazione

2
7

3
Configurazione
Prinect

4 Insert Pos 1

Gestione memoria Del Fine


dati
5
Configurazione me-
6 moria dati
8 9
Ctrl Ctrl

Fig. 64 Menu Configurazione memoria dati/Modifica valore di configurazione

1. Andare avanti nel campo di impostazione a de-


stra (Fig. 64/7) e con la tastiera dello schermo
modificare il valore indicato.
2. Confermare la modifica: premere il pulsante OK
(Fig. 64/8),

Annullare le modifiche: premere il pulsante An-


nulla (Fig. 64/9).

B.3.99
Impostazioni base

20 Modulo software PresetLink


UTKSG9010214___00000_002
UTKSG9010214007000000

20.1 Caratteristiche e condizioni

Il modulo software PresetLink consente di trasferire


online i dati di preimpostazione dalla Prinect
Prepress Interface o dal Plate Image Reader alla
macchina da stampa. Il trasferimento dati avviene
tramite la scheda memoria ordini. Inoltre, con il Pre-
setLink si possono collegare più macchine CP2000
in una stessa sala stampa e richiamare i dati dell’or-
dine da altre macchine.
Tutte le tre possibilità richiedono l’accesso di Preset
Link ed anche il collegamento di rete delle apparec-
chiature tra loro. Si richiede inoltre:

D Per collegare Plate Image Reader, il relativo kit


in linea e un computer con Windows NT a un’in-
terfaccia seriale libera per il funzionamento del
kit in linea.
D Per il collegamento della Prinect Prepress
Interface: un computer con Windows NT su cui
giri il Prepress Interface.

Per specificazioni più dettagliate in merito al compu-


ter e alla rete, consultare le ”Informazioni tecniche” o
contattare il Fornitore Heidelberg.
Dopo aver abilitato e configurato PresetLink, nei
menu CP2000 si possono configurare le seguenti
fonti dati:

D Plate Image Reader


D Prinect Prepress Interface
D Prinect Prepress Interface (PPF)
D MetaDimension
D Altre macchine collegate

Configurare il modulo software prima dell’uso. Gene-


ralmente tale configurazione viene effettuata dall’As-
sistenza Heidelberg durante l’installazione delle ap-
parecchiature (per ulteriori informazioni fare
riferimento al capitolo seguente)

B.3.100
Impostazioni base

UTKSG9010214___00000_005

20.2 Gestione di PresetLink

GR SG9010989000002000
1

Prinect / Gestione memoria dati 5 6 8


Memorie dati attive Memorie dati inattive
2 Banca dati Sistema informativo del management
scheda memoria ordini Plate Image Reader
Interfaccia prestampa (PPF) PrepressInterface (CDK)
Data Control
3
Configurazione
Prinect

4
Gestione memoria
dati
7

9 10

Configurazione memoria dati Aggiungi memoria dati Cancella memoria dati

12345
Ordine
Nome

Fig. 65 Menu Gestione memoria dati

In questo menu si impostano le memorie dati dispo-


nibili nella preparazione dell’ordine.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 65/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 65/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Configurazione Prinect
(Fig. 65/3). Appare il menu Configurazione
Prinect.
4. Premere il pulsante Modifica memoria dati
(Fig. 65/4). Appare il menu Prinect/Gestione
memoria dati.

B.3.101
Impostazioni base

Memorie dati inattive

L’elenco (Fig. 65/8) contiene tutte le memorie dati


inattive che non possono essere selezionate nella
preparazione dell’ordine. Nell’elenco si possono ag-
giungere e rimuovere le memorie dati.

1. Premere il pulsante Aggiungi memoria dati


(Fig. 65/9). Appare la finestra Gestione memo-
ria dati/Aggiungi memoria dati.
2. Selezionare una memoria dati.
3. Premere il pulsante OK. La finestra si chiude e
la memoria dati appare nell’elenco Memorie
dati inattive,

Premere il pulsante Annulla e la finestra si


chiude. Nell’elenco Memorie dati inattive non è
stata aggiunta alcuna memoria dati.
4. Per rimuovere una memoria dati dall’elenco
Memorie dati inattive, selezionare la memoria
dati in questione e premere il pulsante Cancella
memoria dati (Fig. 65/10). La memoria dati
viene eliminata dall’elenco.

Memorie dati attive

L’elenco (Fig. 65/5) contiene tutte le memorie dati


attive che possono essere selezionate nella prepara-
zione dell’ordine.
Attivazione di memorie dati inattive

1. Dall’elenco Memorie dati inattive (Fig. 65/8) se-


lezionare la memoria dati da attivare.
2. Premere il pulsante a freccia (Fig. 65/6). La me-
moria dati viene visualizzata nell’elenco Memo-
rie dati attive (Fig. 65/5) e può essere selezio-
nata nella preparazione dell’ordine.

Disattivazione di memorie dati attive

1. Dall’elenco Memorie dati attive (Fig. 65/5) sele-


zionare la memoria dati da disattivare.
2. Premere il pulsante con le frecce (Fig. 65/7). La
memoria dati viene visualizzata nell’elenco Me-
morie dati inattive (Fig. 65/8) e non può essere
selezionata nella preparazione dell’ordine.

B.3.102
Impostazioni base

UTKSG9010214___00000_003

20.3 Configurazione di Preset Link

GR SG9010290000010000
1

Gestione memoria dati / Configurazione memoria dati

PlateTypeFilter HDev_CPC3x.dll
3
Path1 1.29
Configurazione Username \\CPC31Server\CPC31dir
Prinect Password Nome
4 HierachyMapping\JobidElem1 ********
HierachyMapping\JobidElem2 6
Gestione memoria
dati HierachyMapping\JobidSeparator

5
Configurazione me-
moria dati
7 8

Fig. 66 Menu Configurazione memoria dati

Dal momento che Preset Link è in grado di comuni-


care con diverse apparecchiature, è necessario con-
figurare singolarmente ogni apparecchiatura. Gene-
ralmente tale configurazione viene effettuata
dall’Assistenza Heidelberg durante l’installazione.

1. Nella riga di intestazione premere il pulsante


Anomalia (Fig. 66/1). Viene visualizzato il menu
Anomalia.
2. Premere il pulsante Service (Fig. 66/2). Viene
visualizzato il menu Service.
3. Premere il pulsante Configurazione Prinect
(Fig. 66/3). Appare il menu Configurazione
Prinect.
4. Premere il pulsante Gestione memoria dati
(Fig. 66/4). Appare il menu Prinect/Gestione
memoria dati.
5. Nell’elenco Memorie dati attive (Fig. 65/5) sele-
zionare il dispositivo che si desidera configu-
rare.
6. Premere il pulsante Configurazione memoria
dati (Fig. 66/5). Viene visualizzato il menu Ge-
stione memoria dati/Configurazione memo-
ria dati (Fig. 66).
7. Con i pulsanti a frecce (Fig. 66/6) selezionare la
voce che si desidera modificare.

B.3.103
Impostazioni base

8. Premere il pulsante OK (Fig. 66/7). Viene visua-


lizzato il menu Configurazione memoria dati/
Modifica valore di configurazione.

Premere il pulsante Indietro (Fig. 66/8). Appare


il menu Prinect/Gestione memoria dati.

GR SG9010291000009000
1

Configurazione memoria dati / Modifica valore di configurazione

2
7

3
Configurazione
Prinect

4 Insert Pos 1

Gestione memoria Del Fine


dati
5
Configurazione me-
6 moria dati
8 9
Ctrl Ctrl

Fig. 67 Menu Configura/Elabora modulo software

9. Digitare nel campo di impostazione destra


(Fig. 67/7) e modificare il valore visualizzato
con la tastiera sullo schermo.
10. Confermare l’impostazione: premere il pulsante
OK (Fig. 67/8).

Annullare le modifiche: premere il pulsante An-


nulla (Fig. 67/9).

Nel modulo di software Plate Image Reader i se-


guenti parametri devono essere impostati corretta-
mente:

B.3.104
Impostazioni base

D PlateTypeFilter: viene qui impostato il tipo di


lastra che può essere trattato dalla propria mac-
china da stampa. In questo modo, se
nell’azienda si utilizzano vari tipi di lastre, nei
menu CP2000 vengono visualizzati soltanto gli
ordini di stampa adatti alla macchina. Immettere
i codici del tipo di lastra, separati da virgole. È
anche possibile lasciar vuoto questo campo. In
tal caso verranno visualizzati tutti gli ordini di
stampa.
I possibili codici del tipo di lastra per SM e
CD 102 sono 8, 29 e 30. Un elenco dei codici e
dei relativi tipi di lastra sono contenuti nella do-
cumentazione utente del Prinect Prepress
Interface e Plate Image Reader.
D Path1: Immettere qui il nome di abilitazione con
il quale i file di preimpostazione di Prinect
Prepress Interface o Plate Image Reader ven-
gono salvati sul computer di pre-stadio. Immet-
tere il nome di abilitazione in Formato \\Desi-
gnazione computer\Directory-nome di
abilitazione.
La directory deve essere presente sul server e
deve essere abilitata.
Generalmente nell’installazione l’Assistenza
Heidelberg utilizza designazioni computer con
15 caratteri, che cominciano con ”HDE”. Di so-
lito come nomi directory sono utilizzati
”CPC31Dir” o ”CPC32Dir”. In alcune installa-
zioni comunque compaiono anche nomi diversi.
D Username: viene qui immesso il nome utente,
sotto