Sei sulla pagina 1di 1

Urbino

18

GIOVED 29 MARZO 2012

TEATRO SANZIO PER LA DANZA, OGGI ALLE 21 COPPELIA IN SCENA


OGGI LA DANZA sar la protagonista di Urbino in scena 2011-2012, ricca stagione realizzata grazie alla collaborazione fra assessorati alla cultura e al turismo del Comune di Urbino e lAmat con il sostegno della Regione Marche e del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali. Alle 21 il Teatro Sanzio ospiter Coppelia, spettacolo di un solo atto liberamente ispirato allomonimo balletto del repertorio interpretato dalla Compagnia Junior Balletto di Toscana, diretta da Cristina Bozzolini su drammaturgia, rega e coreografia di Fabrizio Monteverde e musica di Leo Dlibes.

BRACCIO DI FERRO IL LOCALE ERA STATO CONQUISTATO SABATO SCORSO DAGLI EX DELLAULA C1

Blitz allalba, ex Skorpio liberato dagli studenti


E FINITA anche loccupazione dellex Skorpio club. Ieri mattina, attorno alle 7 polizia e carabinieri sono entrati nei locali di via della Stazione presidiati da sabato da un collettivo di studenti facendoli sgomberare dalledificio dellErsu. Loperazione stata pacifica e senza reazioni violente. Allinterno della struttura ha spiegato il questore di Pesaro e Urbino, Italo DAngelo cerano dodici ragazzi (tutti studenti) che non appena hanno visto le forze dellordine hanno accettato di abbandonare la struttura. Cos si proceduto al sequestro che ha restituito la completa disponibilit dei locali allErsu, nominato nel frattempo custode giudiziario. GLI STUDENTI, ora denunciati allautorit giudiziaria per invasione di edificio pubblico, hanno recuperato il materiale portato in questi giorni rimanendo per per alcune ore davanti allex-Skorpio. La loro protesta infatti non si placata. Il primo tempo di questo film ormai noto alle istituzioni era cominciato con loccupazione e lo sgombero (dopo pi di quattro anni) dellaula C1 dellex Magistero, ora Polo Volponi. Ai lucchetti, imposti per necessit di spazi e per il diritto dellUniversit di amministrare i propri beni, le associazioni studentesche meno disposte al dialogo avevano risposto puntando al Collegio InterDENUNCE A destra, carabinieri e poliziotti assistono alla liberazione dei locali di propriet dellErsu. In pochi giorni erano stati portati molti oggetti, bandiere e striscioni No Tav

Le forze dellordine hanno fatto irruzione alle 7. Allinterno dormivano 12 giovani


trazioni dacqua dal soprastante locale), con gli evidenti rischi per chiunque decidesse di farne un accampamento, tra le prime motivazioni che vengono in mente. E adesso? Stiamo per assistere allinizio di un nuovo terzo tempo allinsegna del dialogo? Pu darsi, ma bisogner prima vedere quale spirito animer il dibattito di domani (ore 19, piazza della Repubblica) sugli spazi sociali. Intanto per lo sgombero di ieri, giudicato come la sintomatologia dellincapacit di mediazione delle varie amministrazioni, trascorso con gli uomini del Reparto mobile della Polizia e dellArma dei carabinieri che hanno tenuto sotto controllo i punti sensibili della citt (sede dellErsu e piani alti di via Saffi in testa). studentesse e studenti da ormai un anno portano avanti e che come scritto nei volantini ha trovato, nelloccupazione dellexSkorpio, un punto di svolta dal quale non si torna indietro ha subto quella che potrebbe essere lultima battuta darresto. Per Stefano Azzar, ricercatore dellUniversit di Urbino, il cui nome era comparso in calce ad un documento di solidariet al Collettivo accanto ad altri personaggi dellateneo o vicini al mondo della politica, questo il segnale che vince la repressione. Pare per che non siano poi cos tanti a condividere questa opinione. E sufficiente guardare ai fulmini di questi mesi caduti allinterno delle varie componenti studentesche (talvolta con scene pubbliche poco dialoganti, come lo fu la contestazione ad uno dei rappresentanti eletti nel Cda durante linaugurazione dellanno accademico), molte delle quali sono piuttosto distanti dalle posizioni radicali dei colleghi. DALTRA PARTE la situazione era in bilico su una brutta china, prioritaria rispetto alle incomprensioni. Linagibilit dellex Skorpio per esempio (che in ristrutturazione a seguito delle infilIL MIO CONSIGLIO ai ragazzi ha ripreso a dire il Questore , fermo restando che io sono per il confronto, di essere prudenti tenendo presente che tutte le istituzioni fin ad ora sono state estremamente pazienti. Ieri non ha vinto il silenzio come qualcuno ha voluto far credere. Gli occupanti sanno che in uscita un bando per le attivit studentesche proprio allex Skorpio. Rispettando le regole possibile partecipare. Rispettando le regole possibile vincere il bando. E rispettando le regole possibile avere molto consenso. Emanuele Maffei

nazionale. Bersaglio colpito e affondato, visto che la richiesta aggiungere unaula studio andata a buon fine. Dopo la pausa tuttavia venuto a sorpresa il secondo tempo. Il diritto ad avere spazio pubblico si tradotto nella facolt di prendersi quello che gli enti (sempre nemici della libert di espressione) non concedono. GLI STRISCIONI ex Skorpio occupato ci hanno messo la firma, con tanti saluti alla legalit. Ieri per anche questo tentativo ha fatto il suo corso. La lunga campagna sugli spazi sociali che

UNIVERSITA AVEVA 87 ANNI. IL COSTITUZIONALISTA FU PRESIDE DI LEGGE

Commosso addio a Sergio Antonelli


VASTO e profondo cordoglio ha suscitato negli ambienti cittadini ed in particolare nellateneo feltresco la scomparsa del costituzionalista professor Sergio Antonelli, morto ad 87 anni. La sua esistenza trascorsa tra luniversit e la sua abitazione in via santa Margherita. Nel secondo dopoguerra, nella veste di studente di giurisprudenza, ha preso parte attivamente, con funzioni dirigenziali, alla ricostituzione degli organismi studenteschi che, dopo la parentesi fascista, tornarono ad essere elettivi ed ha partecipato attivamente alla creazione dellassociazione goliardica e allapertura del circolo universitario nella Casa dello studente. Attento e sensibile alle problematiche della sua Urbino, il professor Antonelli ha offerto il suo contributo dai banchi del consiglio comunale. Ma il suo impegno professionale, di studioso e di docente, lo ha profuso nella Facolt di Giurisprudenza dellAteneo urbinate, dove ha tenuto per molti anni la cattedra di Diritto Costituzionale. Senza tema di smentite si pu tranquillamente affermare che Sergio Antonelli viveva per la sua universit, cui ha dedicato senza risparmio tempo ed energie collaborando in maniera incisiva al suo prestigio. Le esequie sono state celebrate nella in cattedrale dal vicario generale monsignor Sandro De Angeli. Al termine della cerimonia hanno portato la loro testimonianza il preside della facolt, Luigi Mari, ed il professor Guido Guidi. Mari lo ha ricordato per la sua passione per la docenza e lamore per la sua facolt. Guidi ha voluto rivolgergli lultimo saluto e lultimo ringraziamento per aver saputo fare delluniversit una vera comunit, sottolineando che con lui venuta meno una figura importante dellateneo e della citt. Giancarlo Di Ludovico