Sei sulla pagina 1di 1

“L’ANGOLO TRIBUTARIO”

n. 11/2011

a cura del Dott. Maurizio D’Elia

Albo Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Firenze C.t.u. del Tribunale civile e penale di Firenze, specializzato in Società Associazioni Sportive ed Enti non Profit. Revisore Contabile; iscr. Albo Giudici Arbitrali di Firenze. Master di perfezionamento in Diritto ed Economia dello Sport

info@professionistiassociati.eu

ed Economia dello Sport info@professionistiassociati.eu Società sportive professionistiche attente ai controlli
ed Economia dello Sport info@professionistiassociati.eu Società sportive professionistiche attente ai controlli

Società sportive professionistiche attente ai controlli

“L'Agenzia delle Entrate e la Figc rinnovano la collaborazione per vigilare sui conti dei club. Attilio Befera, direttore dell'Agenzia delle Entrate, e Giancarlo Abete, presidente della Federcalcio, hanno rinnovato il protocollo d'intesa che rafforza la cooperazione tra i due enti per vigilare sui conti delle società sportive professionistiche.

(e

non solo?

)

Al centro dell'accordo lo scambio di informazioni relative agli adempimenti tributari dei club di calcio per verificarne l'equilibrio finanziario e garantire, quindi, il regolare svolgimento dei campionati. Dopo avere ricevuto comunicazione dalla Figc dell'elenco nominativo delle società, l'Agenzia delle Entrate si impegna a comunicare alla Federcalcio, entro il 31 maggio del prossimo anno i risultati delle verifiche su: adempimenti connessi al pagamento di Ires, Irap, Iva ed Irpef, riportati nelle dichiarazioni, riferiti ai periodi d'imposta terminati il 31 dicembre degli anni 2009 e 2010; pagamenti Ires, Irap, Iva e Irpef riportati nelle dichiarazioni fiscali e riferiti agli anni d'imposta che vanno dal 2006 al 2009 (sempre che quest'ultima annualità sia già stata oggetto di controllo); atti divenuti definitivi con cartella di pagamento notificata entro il 30 aprile 2012; presentazione delle dichiarazioni relative al periodo d'imposta chiuso entro il 31 dicembre 2010. Il protocollo è valido fino al 28 febbraio 2013, termine entro il quale sarà deciso un eventuale rinnovo per le successive stagioni sportive”.

Le principali testate giornalistiche riportavano più o meno quanto sopra sintetizzato, ma alcune considerazioni immediate, mi sono sopravvenute pensando non tanto alle realtà dei club famosi, quanto

alle piccole organizzazioni territoriali od addirittura all’associazione sportiva dilettantistica della parrocchia

dietro casa

Da anni ormai i controlli verso quest’ultimi soggetti non solo si sono intensificati, ma a

seguito degli stessi, sempre più si trovano piccole realtà nei guai (e con esse i loro dirigenti), per una

cattiva informazione od organizzazione tributaria, troppo spesso lasciata ad errate consuetudini od al

“passaparola”

generale

L’accordo di cui sopra è un ulteriore segnale di come il settore (e parlo del “terzo” in

),

partendo dall’alto, sia sotto i riflettori del verificatore tributario.

Interessi correlati