Sei sulla pagina 1di 3

FILOGENESI DEL SISTEMA IMMUNITARIO

Il sistema immunitario una complessa rete integrata di mediatori chimici e cellulari sviluppatasi nel corso dellevoluzione per difendere lorganismo da qualsiasi forma di insulto chimico, traumatico o infettivo alla sua integrit. La protezione messa in atto dal sistema immunitario pu essere distinta in 2 attivit interconnesse: 1. 2. RICONOSCIMENTO => il cui elemento chiave la capacit del sistema immunitario di distinguere il self dal non self. RISPOSTA => una volta avvenuto il riconoscimento porta allattivazione di una risposta effettrice che ha il compito di eliminare o quantomeno neutralizzare linvasore. A tal proposito ricordiamo che certe esposizioni a patogeni inducono poi una risposta di memoria che in una seconda invasione allo stesso patogeno garantisce una risposta pi rapida e intensa.

Le caratteristiche salienti e principali del sistema immunitario sono 2: MEMORIA => la capacit che ha il sistema immunitario di riconoscere strutture che ha gi visto precedentemente SPECIFICITA => la reazione immunitaria montata nei confronti di un antigene selettiva per esso e non agisce,almeno entro certi limiti,su altre strutture.

Secondo quanto detto noi in teoria non dovremmo mai ammalarci,ma purtroppo non cos; ci dipende dal fatto che esistono diversi meccanismi di elusione da parte di queste strutture nocive che hanno la capacit di modificarsi e farsi vedere dal sistema immunitario come facenti parte del self. Si distinguono due tipi di immunit che collaborano insieme nella protezione dellorganismo: 1. IMMUNITA INNATA comprende meccanismi molecolari e cellulari gi disponibili prima dellinfezione pronti a prevenirla o eliminarla. Questa prima linea di difesa previene la maggior parte delle infezioni o riesce ad eliminarle entro poche ore. Gli elementi di riconoscimento dellimmunit innata riescono a discriminare in modo preciso tra self e patogeni, tuttavia essi non sono specializzati nel riconoscimento di sottili differenze nelle molecole estranee.

Limmunit innata si divide a sua volta in: Immunit congenita che quel tipo di immunit propria della specie che viene trasmessa ereditariamente Immunit naturale che dovuta alla presenza nel sangue di anticorpi naturali diretti verso sostanze estranee che non sono mai venute a contatto con lorganismo (non sono gli anticorpi dei linfociti B)

2.

IMMUNITA ACQUISITA si sviluppa in risposta allinfezione e si plasma per riconoscere ed eliminare e mantenere in memoria il patogeno invasore. Limmunit acquisita rappresenta una seconda linea di difesa che elimina i patogeni che riescono a sottrarsi allimmunit innata o che persistono nonostante questultima. Possiamo dunque dire che limmunit acquisita quella che si sviluppa nel momento in cui ci si affaccia alla vita esterna, sono le risposte che noi acquisiamo nelle varie fasi della vita. Limmunit acquisita pu essere: ATTIVA => la pi classica,che segue ad un infezione. Pu durare per tutta la vita o durare per un certo periodo,inoltre pu essere prodotta artificialmente, attraverso la vaccinazione (introduco antigeni vs sieroprofilassi introduco anticorpi) PASSIVA => dovuta al passaggio di anticorpi dalla madre al figlio (sieroprofilassi es. antitetanica un tipo di immunit passiva perch inietto anticorpi. ADOTTIVA => si fa solo in laboratorio, sperimentale. Consiste nel trasferimento in un animale dei linfociti prelevati da un altro animali immunizzato (lo vaccino) verso un tale antigene. ( prendo un topo lo vaccino quindi gli inserisco lantigene poi prendo i linfociti di questo topolino tramite un prelievo di sangue e li inietto in un secondo topo che non ha mai visto quellantigene si vede che il secondo topo acquisisce informazioni immunitarie del primo!si ha trasferimento della risposta immunitaria)

Limmunit acquisita o specifica ha 4 caratteristiche peculiari: a) b) c) d) SPECIFICITA PER LANTIGENE DIVERSITA MEMORIA DISCRIMINAZIONE TRA SELF E NON SELF

Gli organismi che causano malattie sono detti patogeni e i meccanismi con cui attaccano lospite rappresentano la patogenesi. Alcuni patogeni non causano alcun problema in individui sani in quanto sono efficacemente contrastati da un adeguata immunit preesistente,innata. Dellimmunit innata fanno sicuramente parte: Le BARRIERE che proteggono lospite, quali la cute e le membrane mucose i FAGOCITI => che rappresentano una barriera contro le infezioni. La fagocitosi infatti un meccanismo innato di difesa che mediante lespansione della membrana della cellula che la opera intorno alla particella estranea riesce a distruggerla. E un tipo di endocitosi, che viene operata da cellule specializzate come i monociti e i neutrofili del sangue e i macrofagi dei tessuti. La maggioranza dei tipi cellulari comunque capace di altre forme di endocitosi, tra cui lendocitosi mediata da recettore e la pinocitosi. MOLECOLE SOLUBILI => come LISOZIMA enzima idrolitico che si trova nelle secrezioni mucose o nelle lacrime, che capace di scindere lo strato di peptidoglicani della parete batterica INTERFERONE comprendono un gruppo di proteine prodotte da cellule infettate da virus, capaci di legarsi alle cellule vicine e indurre uno stato di resistenza generalizzato. COMPLEMENTO comprende un gruppo di proteine sieriche che circolano in uno stato inattivo. Vari meccanismi immunologici specifici e non possono attivarle rendendole cos capaci di danneggiare la membrana degli organismi patogeni.

Una volta che il patogeno ha innescato la risposta dellimmunit innata, inducendo una risposta infiammatoria se questa non stata in grado di debellare il patogeno si avr lattivazione di una risposta immunitaria specifica contro linvasore, immunit acquisita, che entra in gioco solo quando lantigene stato riconosciuto. Questa immunit gode infatti di un elevata specificit oltre allimportante propriet della memoria. I principali attori di questa immunit innata sono i LINFOCITI e gli ANTICORPI che essi producono. Quando noi veniamo in contatto con un agente infettante ci immunizziamo, e per periodi pi o meno lunghi manteniamo questa resistenza a quellagente infettante, in altre parole se lagente infettante si ripresenta noi sappiamo come comportarci. Ricordiamo che alcune malattie esantematiche come il morbillo,la rosolia,la varicella sono delle malattie che danno un immunit per tutta la vita; ci sono poi delle malattie che danno un immunit di una settimana,quindici giorni (vedi linfluenza). Altre danno immunit di qualche mese. Il tutto dipende dallagente infettante e dal tipo di risposta del nostro organismo. Il sistema immunitario che si trova davanti un agente estraneo, antigene, pu fare due cose: Lo riconosce come tale, lo lega,e cerca di distruggerlo => RISPOSTA POSITIVA Lo pu TOLLERARE. La tolleranza non altro che quel fenomeno attraverso il quale il sistema immunitario se riconosce quella sostanza come facente parte del self,la accetta e quindi la tollera. Purtroppo vi sono delle strutture antigeniche, TOLLEROGENE, che dovrebbero essere aggredite,quindi non tollerate, ma il sitema immunitario invece le tollera, questo aspetto fa parte dei limiti del sistema immunitario stesso.

In definitiva la risposta immunitaria si ha laddove lantigene ha la capacit di stimolare il nostro organismo a produrre una risposta adeguata a quellantigene. Quando il sistema immunitario non crea questa risposta vuol dire che lantigene tollerogeno o fa parte del self.