Sei sulla pagina 1di 2

12 VENERDÌ

5 DICEMBRE 2008

«Centri islamici nel ddl sicurezza» Ravasi: sì alle moschee se restano luoghi di culto
Se non diventano altro, sono sorgenti di dialogo
ROMA. Applicare la legge Mancino può fare in caso di propaganda razzista inefficace per la lotta al terrorismo. È presidente del Pontificio consiglio per deve avere una propria identità
anche a quei centri islamici che fanno - conclude - e non si possa fare lo sbagliato spingere verso la clandestinità la Cultura, partecipando ieri a una spirituale, culturale e anche sociale
proselitismo e propaganda terroristica. stesso per chi fa propaganda il culto». Della stessa opinione il leader giornata di studio su "Culture e ma la sua identità fondamentale deve
È quanto proporrà al Parlamento il terroristica». Per il ministro della dell’Udc Pier Ferdinando Casini: «Solo religioni in dialogo", promossa essere quella religiosa». «Io capisco -
ministro dell’Interno Roberto Maroni, Difesa Ignazio La Russa serve «una gli uomini primitivi mettono in nell’ambito dell’anno europeo del ha spiegato - che per alcune culture è
inserendo nel disegno di legge sulla riposta concreta e non "sloganistica"». discussione la libertà di religione dei dialogo interculturale. «Un luogo di difficile scindere, ma la nostra è una
sicurezza in discussione al Senato un Diversa l’opinione cittadini. Se le moschee culto in quanto tale - ha precisato - società occidentale che distingue tra
emendamento che recepisca questa del ministro ombra diventano luogo di dovrebbe essere sempre sorgente di ambito religioso e ambito politico: a
indicazione. «Bisogna intervenire su dell’Interno del Pd: Lo chiede il ministro reclutamento per il comunione, di dialogo», ed è proprio Cesare quel che è di Cesare». Parole
questi luoghi - spiega Maroni - che non «Gli arresti di Maroni: applicare la terrorismo, Maroni di tutte le grandi religioni il «far che coincidono con quanto affermato
sono mai denominati moschee ma Milano confermano intervenga con emergere i propri valori e farsi anche da monsignor Mariano
sono centri culturali dove si fa di tutto, un’elevata capacità legge Mancino a quelli durezza». La stessa riconoscere nell’ambiente Crociata, segretario generale della
si mangia, si fa scuola, si prega e, in preventiva delle che appoggiano il terrore maggioranza non è circostante». Per Ravasi, tuttavia, un Cei, in un’intervista rilasciata al
alcuni casi è dimostrato che si fa nostre forze compatta. Se per il DA ROMA MICAELA POLA problema emerge quando una mensile "30 giorni" diretto da Giulio
reclutamento e finanziamento di antiterrorismo. leader della Lega moschea «supera e travalica» la sua Andreotti, che "Avvenire" ha
attività terroristiche». Per questo «ho
proposto di estendere a queste attività
la norma della legge Mancino che
Bisogna mantenere un intelligente
controllo, che non sconfini mai in
misure che possano apparire
Umberto Bossi «basta non costruirne
altre», Lucio Malan del Pdl sostiene che
sono «meglio moschee legali
B isogna «riconoscere la legittimità
di quei luoghi di culto che sono
sede di una presenza spirituale
natura e «surrettiziamente perde la
sua funzione e diventa qualcosa
d’altro». In quei casi la «società civile
anticipato domenica scorsa:
«Dobbiamo garantire che i
musulmani presenti in Italia possano
consente al ministro dell’Interno di discriminatorie per le religioni. La controllate dal ministero dell’Interno autentica, perchè tutte le volte che è e lo Stato esigono una verifica e coltivare la loro religione, in maniera
intervenire e sciogliere associazioni e moratoria alla costruzione di nuove che moschee clandestine controllate così diventano luoghi benefici per la hanno il diritto di intervenire». In appropriata», far nascere un islam
enti che fanno propaganda razzista. moschee va respinta perché contrasta da nessuno e facilmente dominate dai conoscenza»: lo ha detto conclusione, per il ministro della italiano, che diventi «condizione di
Non si capisce perché questa cosa si con i nostri principi costituzionali ed è peggiori estremisti». (L. Liv.) l’arcivescovo Gianfranco Ravasi, Cultura in Vaticano «il luogo di culto inserimento, integrazione, stabilità».

È lo stesso personaggio sacra durante le operazioni


SCUOLA che due anni fa,presidente di voto,minacciando
A TERNI di seggio alle elezioni,contestò
la presenza dell’immagine
di invalidarle se non fosse stata
tolta dalla parete

Studenti contro il prof


«Il crocifisso resta lì»
I ragazzi, italiani e stranieri, in rivolta verso l’insegnante
che ogni giorno rimuove la croce durante le sue lezioni
DA TERNI ELISABETTA LOMORO presenza dell’immagine sacra durante le o- l’intero istituto. Spostando un po’ il bari-
perazioni di voto, minacciando di invali- centro della vicenda sul fatto che non sia-
è un particolare rituale darle se non fosse stata tolta dalla parete). no state ascoltate le loro rimostranze e non
C’ che precede e conclude le
lezioni di italiano nella
classe 3°A dell’Istituto professiona-
A nulla, finora, sono valse le manifestazio-
ni di dissenso del consiglio d’istituto, che al-
l’unanimità si è espresso contro l’atteggia-
sia stata riconosciuta, dal loro insegnante,
la volontà dell’assemblea di classe di man-
tenere il crocifisso al proprio posto. «Pur ri-
le per i servizi "Alessandro Casa- mento del collega, né quelle formalizzate spettando l’autorità degli insegnanti - af-
grande" di Terni. Non la lettura di del dirigente scolastico Giuseppe Metasta- fermano altri studenti - non siamo d’ac-
un passo della Divina Commedia o sio che ha scelto la linea della fermezza, e cordo su quanto sta accadendo nel nostro
dei Promessi Sposi, ma la rimozio- di molti altri studenti dell’istituto. istituto». Lo stesso preside Metastasio in u-
ne e deposizione nel cassetto della cattedra E pensare che nella 3° A sono stati anche i na sua circolare aveva chiesto agli inse-
del crocifisso appeso alla parete. Che rego- ragazzi stranieri e non cattolici a votare a fa- gnanti il rispetto della volontà degli stu-
larmente torna al suo posto terminata quel- vore del mantenimento del crocifisso in denti. Ma così non è stato per il professor
l’ora di lezione. Protagonista di questo ge- Coppoli.
sto che, da fine settembre, è divenuto una Coppoli, docente di italiano «Gli studenti - afferma il dirigente scolasti-
vera e propria abitudine, come il suono del- co - hanno dimostrato grande maturità e ri-
la campanella di fine lezione, è Franco Cop- e storia all’istituto spetto. I loro dibattiti sull’argomento sono
poli, 43 anni, ternano, docente di lettere. Il professionale per i servizi stati sempre animati da uno spirito dialet-
tutto tra il forte disappunto dei suoi stessi tico e di confronto, dai toni pacati. Si sono
studenti, 16 ragazzi sia italiani che stranie- «Casagrande», contestato però trovati sempre concordi riguardo alla
ri. Riuniti in un’apposita assemblea dedi- anche da preside e consiglio situazione del crocifisso».
cata all’argomento, i ragazzi si sono e- Intanto della vicenda sono stati interessa-
spressamente dichiarati a favore del man- d’istituto. Il dissenso degli ti l’Ufficio scolastico regionale e la Procura
tenimento del crocifisso durante tutte le o- alunni in assemblea della Repubblica alla quale il dirigente sco-
re di lezione. Volontà che hanno manife- lastico ha presentato un formale esposto.
stato in un atto formale sia al preside, che L’Ufficio scolastico regionale, da parte sua,
ai loro insegnanti, professor Coppoli com- quanto «fa parte della tradizione e della cul- ha acquisito tutta la documentazione ne-
preso, il quale, imperturbabile, continua a tura italiana», dichiarano unanimi. Per lo- cessaria per ricostruire la vicenda e, non
togliere e riappendere il crocifisso prima ro il crocifisso non è esclusivamente un sim- appena sarà terminata l’istruttoria, invierà
della lezione «in difesa dello Stato laico e bolo sacro, ma «è soprattutto il fondamen- i documenti al ministero dell’Istruzione,
pluralista», spiega il docente, e «per dare to di valori come il rispetto reciproco, la di- cui spetta ogni decisione in merito. Il di-
piena libertà a ogni insegnante di sceglie- gnità della persona, la tolleranza, che sono rettore dell’Ufficio scolastico regionale um-
re l’ambiente formativo in cui operare» (è propri di ogni stato libero e democratico». bro, Nicola Rossi, ha sottolineato che «il
lo stesso personaggio che due anni fa, pre- Il loro dissenso deciso, ma che ha mante- mancato rispetto delle regole va sanziona-
sidente di seggio alle elezioni, contestò la nuto sempre toni sereni, sta coinvolgendo to».

Pirati al volante? I giovani: «Più severità»


DA ROMA PINO CIOCIOLA situazioni a rischio. zioni che però, secondo loro, busa di alcol vengono indivi-
In casa si parla dei rischi. Più non servono. E infine il 4,6% duate dal 57,6% dei ragazzi nel
e risposte che non t’aspetti strettamente sul rapporto fra ge- pensa che mamma e papà non guidare dopo aver bevuto, dal
L e allora consolano un po’
di più. Su consumi (e a-
busi) di alcol, i ragazzi italiani
nitori e figli, dalla ricerca vien
fuori chiaro che i genitori si di-
cono informati sul modo in cui
debbano fare prediche.
Quasi tutti ne sanno tutto... A
proposito delle informazioni
35,8% nell’assumere insieme al-
col e farmaci o droghe, dal 25%
nella vendita d’alcol ai minori
chiedono maggiore severità e i propri ragazzi trascorrono il lo- sull’uso eccessivo di alcolici, di sedici anni, dal 19,9% dalla
maggiori controlli e chiedono, ro tempo libero (41,4% «molto l’81% dei ragazzi pensa di esse- violenza fisica scatenata dall’al-
alle loro famiglie, una mano: vo- informati», 53,1% «abbastan- re già in possesso di tutte le co- col e dal 12% nel consumo da
gliono cioè essere aiutati a di- za») e che spesso in casa si par- noscenze necessarie, mentre il parte di donne incinte.
ventare più saggi, ma attraver- la dei rischi che possono cor- 14% ha già avuto informazioni, Persuasione più che divieti. In-
so le informazioni e il dialogo, rersi con l’abuso di alcol (il ma ammette su alcuni aspetti di somma, dall’indagine – svolta
non con le punizioni che spes- 68,9%). Ma va registrato anche saperne poco o nulla. Il 4%, poi, su un campione di 523 giovani
so finiscono per ottenere l’ef- come i figli siano sufficiente- fa sapere che si tratta d’un ar- dai 16 ai 21 anni e 623 genitori –
fetto opposto. Lo spiega Miche- mente convinti di comportarsi gomento che non li riguarda e emerge che i giovani chiedono
le Contel, segretario generale come s’aspettano i genitori (il appena l’1% afferma di saperne informazioni e appoggio, rea-
dell’"Osservatorio permanente 44% «molto» e il 47% almeno molto poco. gendo invece male alle imposi-
sui giovani e l’alcol", presen- zioni. «Questo – dice Contel –
tando la ricerca – realizzata dal- Indagine Doxa a sorpresa: per risolvere la dovrebbe far riflettere i respon-
lo stesso Osservatorio in colla- sabili delle politiche di preven-
borazione con la Doxa – che ha piaga degli incidenti causati da droga e zione nel "misurare" il valore
analizzato i comportamenti e le alcool, il 46% chiede di aumentare i controlli della persuasione più che pun-
relazioni tra genitori, figli e al- tare su divieti e coercizione».
col. vicino ai locali, il 32% di inasprire le pene. Ed «Ridurre il consumo». E il go-
Maggior rigore sulle strade. emerge che del problema si parla soprattutto verno promette di fare la sua
Prendiamo le strade e le propo- parte: «Puntiamo a ridurre il
ste dei giovani per ridurre gli in- in famiglia: il 70% ascolta le raccomandazioni consumo di bevande alcoliche
cidenti provocati da chi guida tra i giovani» e «alzare l’età del
sotto l’effetto di alcol e droghe: «abbastanza»). Grazie alla famiglia. Sempre primo approccio tra i ragazzi e
il 46% vorrebbe subito aumen- D’accordo genitori e figli. E le quanto alle informazioni, quel- l’alcol», ha fatto sapere il sotto-
tare i controlli della polizia sul- "raccomandazioni" che si rice- le più utili sono per i giovani segretario alla Salute, Ferruccio
le strade e vicino ai locali, il 45% vono in famiglia a proposito del quelle che arrivano dalla fami- Fazio. Ricordando che l’Italia ha
vorrebbe punire severamente consumo di alcol? Buone noti- glia (59,8%), da un amico fidato un record negativo: quell’età è a
chi guida in quelle condizioni. E, zie anche qui: il 69,3% dei ra- (48,4%), dal medico di famiglia dodici anni, contro i quattordi-
ancora, stando al 32% degli in- gazzi ritiene d’essere d’accordo (42,3%), dal proprio fidanzato/a ci in Europa. «Dobbiamo evita-
tervistati andrebbero inasprite con quanto dicono i genitori. Il (36,3%) e dalla scuola (25,8%). re – ha aggiunto – che fino a
le pene, mentre il 19% aumen- 26% è convinto che i genitori ab- Gli effetti più gravi? Le conse- quindici, sedici anni i giovani
terebbe i divieti di vendita e di biano il dovere di dare indica- guenze più pericolose per chi a- tocchino l’alcol».
VENERDÌ
5 DICEMBRE 2008 39

Il direttore
risponde
Il Crocifisso, «elevato fondamento dei valori civili»
sofferma anche sul concetto di laicità, accennati valori religiosi, ma per credenti agli antipodi dalla "liquidità" di valori,

C L
specificando come "la laicità, benché e non credenti la sua esposizione sarà convinzioni, scelte di vita sponsorizzate
presupponga e richieda ovunque la giustificata ed assumerà un significato dalla mentalità corrente. Nei confronti di
distinzione tra la dimensione temporale e non discriminatorio sotto il profilo tale deriva sempre più aggressiva, che
la dimensione spirituale e fra gli ordini e religioso, se esso è in grado di pretende di relegare la dimensione di fede
aro Direttore, le società cui tali dimensioni sono rappresentare e di richiamare valori e sono grato, caro Benetti, per all’ambito privatissimo della coscienza ed
la vicenda spagnola sul Crocifisso proprie, non si realizza in termini costanti civilmente rilevanti». Quei valori che aver ricordato quella importante sentenza esclude qualsiasi riverbero sociale e
illegittimo sulle pareti pubbliche, mi e uniformi nei diversi Paesi, ma, pur stanno alla base ed ispirano il nostro della Corte Costituzionale. Anche se politico alle convinzioni religiose, la
sollecita alcune considerazioni che all’interno della medesima civiltà, è intero ordinamento costituzionale, rimane un po’ di paradossale amarezza risposta dei credenti è spesso titubante,
riguardano il nostro Stato. Uno: come già relativa alla specifica organizzazione ovvero il fondamento del nostro per aver provato sollievo dinanzi a un remissiva, inadeguata. È un
affermato da Francesco Margiotta Broglio istituzionale di ciascuno Stato. In convivere civile, "ed in tal senso il pronunciamento che avrebbe dovuto atteggiamento al quale non possiamo
in un bel elzeviro sul Corriere (8.10.08), sostanza il concetto di laicità italiano è crocifisso potrà svolgere, anche in un apparire scontato in partenza, tanto sono rassegnarci, perché è un esito che
l’ordinamento concordatario in Italia è differente da quello britannico, da quello orizzonte laico, diverso da quello religioso evidenti gli argomenti a suo sostegno. La contraddice all’intera storia del
uno dei migliori in Europa. Due: con la francese o spagnolo. Ancora si legge: "«È che gli è proprio, una funzione simbolica, somma delle vicende italiana e spagnola cristianesimo e anche perché altrimenti si
decisione n. 556 del 13 febbraio 2006, il evidente che il Crocifisso è esso stesso un altamente educativa, a prescindere dalla non lascia ombra di dubbio: il nostro rischia di passare dall’espulsione dei
Consiglio di Stato ha messo la parola fine simbolo che può assumere diversi religione professata dagli alunni". Chi tempo affronta una pressione laicista valori religiosi dalla sfera pubblica, alla
alla lunga querelle sul crocifisso nelle significati e servire per intenti diversi; vorrà far traghettare l’ondata Zapatero in sempre più virulenta e agguerrita, contro negazione della radice religiosa,
aule scolastiche. La sentenza afferma innanzitutto per il luogo in cui è posto». Italia, per ecumenico politically correct, ogni rilievo pubblico delle religioni. È un propriamente cristiana, di tanti valori
infatti che il segno cristiano deve restare Se si trova in un luogo di culto il crocifisso dovrà fare i conti con questa laica e fenomeno tutto europeo, che prende "civilmente rilevanti" come l’uguaglianza
nelle aule scolastiche non perché sia un è propriamente ed esclusivamente un lungimirante sentenza. come bersaglio elettivo il cristianesimo e e la solidarietà. Per quanto dipende da
"suppellettile" o un "oggetto di culto", ma simbolo religioso, mentre invece, Sergio Benetti soprattutto il cattolicesimo, la cui noi, non siamo disposti a farci relegare in
perché «è un simbolo idoneo ad prosegue la sentenza: «in una sede non Bassano dl Grappa (Vi) consistenza dogmatica e istituzionale è un archivio polveroso della storia:
esprimere l’elevato fondamento dei valori religiosa, come la scuola, crediamo che il messaggio di Cristo sia
civili» che hanno un’origine religiosa, ma destinata all’educazione parola capace di rigenerare anche
"che sono poi i valori che delineano la dei giovani, il crocifisso L’INCANTESIMO DEL LAGO l’umanesimo del nostro tempo. Per questo
laicità nell’attuale ordinamento dello potrà ancora rivestire Avvenire vive, nel suo piccolo, da
Stato". La lunga ed articolata sentenza si per i credenti i suoi quarant’anni.

tri simboli religiosi. Ma la logica di tu- respirabile (anche se na ho alzato la voce, mi ha spedito via
a voi telare chi non vuol essere infastidito vedo che in certi locali email un modulo, ma non era quello
la parola da qualcosa è assai pericolosa. Infat-
ti, in un prossimo domani, a qualcu-
fumano lo stesso, nel-
le stazioni spesso fu-
che è stato concordato con le associa-
zioni dei consumatori, e che prevede
no potrebbero dare fastidio gli omo- mano anche dove sa- il rimborso gratuito; me ne ha spedito
sessuali, gli extracomunitari, i bian- rebbe vietato e la po- uno che prevede la spesa di otto eu-
SE COL SIMBOLO chi o i neri, i malati. Cosa succederà? lizia ferroviaria quan- ro… alla fine, l’ho scaricato dal sito di
SI CANCELLA LA STORIA Paolo Panucci do li vede si gira dal- Altroconsumo e spedito per fax, ma
Caro Direttore, Pavia l’altra parte). Mi sto non va bene, lo pretendono per rac-
condividendo quanto scritto da Mari- domandando: perché comandata. Vado a farmi due ore di fi-
na Corradi lo scorso 26 novembre, mi «ELUANA: UNA SENTENZA non si aumenta forte- la alle poste per la raccomandata e die-
permetto di replicare a coloro che so- CHE MI SCONVOLGE» mente il costo delle si- ci giorni dopo mi vedo arrivare un sms
stengono l’eliminazione dai luoghi Caro Direttore, garette? In questo che dice che non si può ottenere il riac-
pubblici del Crocifisso che Cristo, lai- sono giorni che penso, prego, penso modo lo Stato incas- credito perché non ho fornito i dati ri-
camente e storicamente, rappresenta e mi ritrovo sempre con il pensiero là: serebbe più soldi dal- chiesti. Chiamo nuovamente il 190 e
un evento talmente grande nella sto- in quella stanzetta della clinica lec- le tasse che gravano mi dicono che manca la mia firma; ri-
ria – in particolare europea – e che ha chese, dove si trova quella povera vi- sulle sigarette e pro- spondo che al firma c’era e l’operato-
coinvolto talmente tante persone da ta che adesso, per un cavillo giuridi- babilmente qualcuno re mi dice che a lui non risulta firma-
cambiare persino il modo di calcolare co, vedrà la sua interruzione. Non vo- diminuirebbe o addi- to. Allora spedisco un altro fax, col mo-
gli anni, facendoli partire dalla sua na- glio e non devo prendermela per que- rittura smetterebbe di dulo e una lettera di accompagna-
scita quale evento chiave (prima e do- sto con nessuno, parlando del gravis- fumare. Perché non mento avvertendo che se trovano altre
po di Cristo). Inoltre il Gesù crocifisso simo peccato che sta per compiersi Graun,Alto Adige: ghiacciato, il lago artificiale di Reschen è ancora più suggestivo (Reuters) vengono rimossi i di- storie farò una denuncia penale. Ven-
rappresenta, quantomeno, il più gra- nel nome della pietà (!). Ribalto solo stributori automatici go richiamato al telefono da qualcuno
ve errore giudiziario della storia sul su di me quello che succede e, piega- di sigarette dichiaran- della Vodafone e mi dice che non ho in-
quale sarebbe sempre bene riflettere (e to in ginocchio davanti al mistero del- la vera vita contro la cultura del nulla con simpatia e con radioline di servi- doli illegali? L’imposizione di farli fun- serito il numero di telefono che voglio
il fatto che, in particolare nei tribuna- l’Incarnazione, vedo scendere sulla , che tutto rimane fuorché patrimonio zio che strillavano ordini, mentre i ros- zionare dalle 21 alle 7 o di dotarli di let- sia disattivato e che il fax non è valido,
li, sia accanto alla scritta "La Legge è u- mia camicia candida di "brava perso- dell’essere creato ad immagine somi- si bus doppi di Londra ci sfioravano di tore di codice fiscale per rilevare l’età che devo rifare una raccomandata. È
guale per tutti" dovrebbe far medita- na" lacrime grosse come le gocce di glianza dell’Eterno. qualche millimetro. I portoghesi era- del cliente servono a poco, in quanto evidente che tutto questo è pretestuo-
re). Eliminare la storia è sempre grave pioggia dei temporali di fine agosto. Marino Bertocci no fieri di far conoscere alla loro Pa- ho già visto distributori funzionanti so, e una scusa di Vodafone per non re-
e pericoloso. Ai sostenitori dell’elimi- Quello che sta avvenendo a Lecco non Capri trona la città, in cui vivono in una di- fuori orario e i minori di 16 anni van- stituire la cifra residua sulla Sim, vio-
nazione occorre ricordare che, per coe- è unicamente la pervicace volontà del- namica diaspora. I filippini erano e- no ai distributori con il tesserino di lando quindi la legge. Farò una de-
renza logica, dovrebbero proporre an- l’amore di un padre (anche io sono pa- UNA PROCESSIONE stasiati di poter cantare e pregare com- qualche amico più grande. I tabaccai, nuncia penale. Ma tutti gli enti che do-
che l’impacchettamento delle Chiese, dre felice di due gioielli) convinto che «MULTICULTURALE» patti sul suolo pubblico. Gli italiani gra- pur di guadagnare, vendono le siga- vrebbero proteggere utenti e consu-
come ricordato dal filosofo Cacciari solo questa sia la strada per interrom- Caro Direttore, devolmente sorpresi di rivivere vec- rette anche ai bambini! Capisco che matori che fanno, dormono?
come esempio di miopia culturale, e la pere quello che lui solo ha deciso es- avanzava barcollando non troppo si- chie tradizioni ormai dimenticate: questo non sia l’unico problema in I- Roberto Federici
cancellazione fisica anche di tutti i sere una vita non meritevole di essere cura dei suoi passi, anche se bellissima camminare pregando insieme. Ma so- talia, che in questo momento ve ne sia-
campi di concentramento nazisti, per- vissuta. Quello che avviene, al di là del su un cuscino di fiori bianchi e gialli... prattutto era la Madonna la più felice no altri ancora più gravi a cominciare MAMMIFERI
ché rappresentano simbolicamente la caso mediatico, pur tragico nella sua A prima vista, le luci di pizzerie e di di tutti di vedersi così confermata Ma- dalla crisi economica, ma io mi sto do- A RISCHIO ESTINZIONE
sofferenza e lo sterminio degli ebrei e, sofferenza, è la tangibile risultanza del- snack bar, i lunghi profumi di hot dog, dre dei popoli. Mamma universale. E mandando: in Italia, per questo "pic- Caro Direttore,
quindi, degli appartenenti ad una re- la perdita di quella che una volta era di patatine e di pesce fritto non erano di insegnare a questi suoi figli ad ave- colo" problema, cosa si sta facendo? I un quarto delle specie di mammiferi e-
ligione (anche se poi, in verità, tanti chiamata "fiducia nella Provvidenza". proprio terreno adatto alle sue abitu- re un cuore aperto, grande, per essere vari governi di questi ultimi anni, in- sistenti, dal gorilla di montagna alla ti-
sono stati i cristiani e gli atei, gli omo- La solitudine di quel padre è terribile, dini. Questa lunga processione serale capaci di camminare nella vita con chi dipendentemente che siano di destra gre, è a rischio di estinzione ed oltre la
sessuali ed i malati che vi sono stati forse di più di quella , apparente, del- per le vie di Londra, verso le otto di se- viene da altre culture, da mondi diver- o di sinistra, hanno sempre pensato metà ha la popolazione in declino, in
gassati). In realtà la storia insegna che la sua stessa carne sofferente da anni ra, è stata veramente originale. Tutta- si. solo a aumentare i propri stipendi e i gran parte per colpa dell’uomo. Se-
nei campi di concentramento non so- su quel lettino, in quella stanza. Dove, via, la Madonna di Fatima avanzava Renato Zilio propri privilegi. Quando cominceran- condo i ricercatori i mammiferi terre-
no morti "ebrei", ma è morto l’uomo. Signore, noi che ci diciamo il tuo po- con quel suo dolce, imperturbabile Londra no a fare quello per cui vengono vota- stri sono colpiti soprattutto dalla per-
E così, sulla Croce non c’è solo il Dio polo, il popolo di Dio, abbiamo sba- sorriso a fior di labbra. Ogni tanto qual- ti, ovvero gli interessi dei cittadini? dita, dal degrado e dallo sfruttamento
di una religione ma, laicamente e sto- gliato? Perché non siamo riusciti a fa- che inglese tagliava la processione par- «PERCHÉ NON SI FA NULLA Sandro Carrara degli habitat, mentre quelli che vivo-
ricamente, c’è il simbolo dell’uomo re capire a quell’uomo, nella indigen- lando al telefonino, mangiando PER SCORAGGIARE IL FUMO?» no in mare sono sterminati dalle reti da
che soffre e soffre a causa delle ingiu- za tipica della sfiducia nella divina mi- sandwich o con tra le dita un pezzo di Caro Direttore, ODISSEE TELEFONICHE pesca e da varie forme di inquina-
stizie altrui. Solo chi non ha sofferen- sericordia, che la vita è vita e tale ri- pollo, noncurante di tutto. Sacro e pro- ormai è noto a tutti che fumare fa ma- E TUTELA DEI CONSUMATORI mento... Su tutti incombe la spada di
ze può chiedere di togliere questo sim- mane a prescindere da qualsiasi si- fano mescolati insieme si affrontava- le per chi fuma e per chi gli sta intor- Caro Direttore, Damocle dei cambiamenti climatici,
bolo. Se si vuole cancellare la storia – tuazione esistenziale, perché specchio no in maniera aperta. Ma lei sempre no. In vari giornali e riviste ho letto ar- titolare di un’utenza Vodafone, vittima che potrebbero avere conseguenze
e Cristo e il Cristianesimo sono storia e soffio di quel Dio nel quale diciamo materna, misericordiosa: venerdì se- ticoli dove si dice che in Italia il costo del rialzo delle tariffe, ho chiesto la di- sempre più pesanti. Immagino la no-
e cultura soprattutto per l’Europa, e di credere, ma che troppo spesso sia- ra, qui in Inghilterra si sa, finita la set- delle sigarette è tra i più bassi in Euro- sattivazione della Sim e il rimborso del tizia in un lontano giorno (almeno spe-
non solo religione – allora cancellia- mo disposti a tradire? Domanda che timana di lavoro ci si scatena ovunque pa, che nei Paesi che hanno aumenta- credito residuo. Ho quindi telefonato ro), su un lontano pianeta abitato da
mola tutta solo per rispettare quel mi pongo ed alla quale non posso e tra birra, alcol e cibi vari... La polizia to enormemente il costo delle sigaret- al call center Vodafone per conoscere esseri saggi, oltre che intelligenti: «Il
qualcuno cui qualcosa potrebbe dar non so rispondere se non chiedendo inglese con il caratteristico nero cap- te il numero di fumatori è diminuito. la procedura di riaccredito. L’operatri- mammifero più intelligente del pia-
fastidio. Sì, perché la motivazione da- perdono per quanto sta accadendo, pello ovale, faccia seria da Scotland Ho apprezzato l’entrata in vigore del- ce mi ha dapprima risposto che non e- neta terra, l’uomo, è a rischio di estin-
ta è quella di non infastidire qualcuno sentendomi, come cristiano negligen- Yard (ma qui i... segreti di Fatima non la legge che ha vietato di fumare nei ra possibile avere il rimborso e che la zione a causa del proprio egoismo».
con la presenza del Crocifisso o di al- te, parte e causa di questa perdita del- allarmano), inquadrava la processione locali pubblici e l’aria è diventata più cifra sarebbe andata persa, poi, appe- Miriam Della Croce

Eccessi di confusione: SCRIVETECI!


lupus «Il Foglio» a due facce
in pagina Le lettere (lunghezza
alora in pagina eccesso sulla depenalizzazione massima 1.500 caratteri,
Rosso Malpelo
di Gianni Gennari T di contraddizioni.
Mercoledì un "Foglio"
da primato. A p. 2 Camillo
dell’omosessualità, e a p. 4,
stesso tema - "L’agguato
manipolatorio alla chiesa
spazi inclusi) vanno
indirizzate a:
Avvenire, Red. Forum
Langone, che da tempo scatta sempre sui gay" - c’è piazza Carbonari 3
fustiga le chiese la cui liturgia una tirata bollentissima del 20125 Milano, fax
non risponde alle sue voglie Direttore contro "la barbarie" 02.6780.570
estetiche, scrive in un dei giornali nei confronti email: lettere@avvenire.it
trafiletto il suo disgusto della Chiesa: se qualcuno - Oltre alla firma leggibile
legittimo per l’albero di scrive Ferrara indignato - va indicato, a garanzia
Natale e la sua predilezione poiché condivido la posizione dell’autenticità
per il Presepe e poi con 4 della Chiesa in materia mi dell’attribuzione, il
colonne spara a zero sulla accomunasse di complicità recapito postale e quello
Comunità di S. Egidio, con i boia islamici, io "gli telefonico (che ci
"pacifisti non cristiani", sputerei in faccia". Forte, ma impegniamo a non
sull’Azione Cattolica, perfetto! Peccato però che divulgare, al pari
"chitarristi che stravedono proprio lì sotto - dell’indirizzo di posta
per Lilli Gruber", e sui "Considerazioni a margine di elettronica).
Focolarini che "non una discussione con un prete La redazione si riserva la
esistono", ci sono solo le sui froci" (sic! Ndr) trovi 4 facoltà di intervenire sui
Focolarine "canterine" che colonne di Fulvio Abbate che testi e di abbreviarli in
"palpitano per musicacce" non solo ripetono le accuse caso di lunghezza
moderniste. Basta così? alla Chiesa, ma le mettono eccessiva.
Macché! Dopo il anche in bocca ad un "prete", Il materiale che giungerà
contraddittorio, la disinformato o malandrino! privo di firma verrà
contraddizione pesante. A p. 2 Sopra il Direttore, sotto direttamente cestinati.
"nic. til." accusa l’imbroglio l’Abbate! Qualcosa non Ci scusiamo per quanto, a
dei giornali che hanno fila…So che magari capita causa dei limiti di spazio a
falsificato le dichiarazioni anche altrove - ci torno disposizione, non potrà
vaticane di monsignor domani - ma così non è essere pubblicato.
Migliore e di Padre Lombardi troppo?

INFORMATIVA DIRITTO DI CRONACA INFORMATIVA ABBONATI CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÀ TARIFFE PUBBLICITÀ in euro a modulo* mm 39 x 29,5 BUONE NOTIZIE e NECROLOGI ABBONAMENTI QUOTE ANNUALI PER L’ITALIA
Ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 196 del 2003, La Ai sensi dell'articolo 13 del D.Lgs. 196 del 2003, La informiamo EDIZIONE NAZIONALE FERIALE FESTIVO e-mail: necrologie@avvenire.it 6 NUMERI SETTIMANALI 250,00 € CON “NOI” E “LUOGHI”
informiamo che i Suoi dati potrebbero essere uti- che i Suoi dati personali verranno trattati con modalità infor- PUBLICINQUE COMMERCIALE* 375,00 562,00 per fax allo (02) 6780.202; tel. 6780.201 / (02) 6780.1; 6 NUMERI SETTIMANALI 234,00 € CON “NOI”
lizzati dal titolare, Avvenire Nuova Editoriale Italiana matiche o manuali per l’invio di Avvenire. I suoi dati non ver- via Fattori 3/c - Torino - Tel. (011) 33.50.411 si ricevono dalle ore 14 alle 19.30.
FINANZIARI, LEGALI, SENTENZE* 335,00 469,00 1 NUMERO SETTIMANALE 48,00 €
s.p.a. Piazza Carbonari, 3, 20125 Milano, con moda- ranno diffusi, potranno essere comunicati a terzi incaricati per Ufficio di Milano: Tel. (02) 66.95.279 € 3,50 a parola + Iva
servizi per la spedizione. Per l'esercizio dei diritti di cui all'arti- FINESTRA 1ª PAGINA 72X92 2.894,00 3.820,00
Solo necrologie: adesioni € 5,10 a parola + Iva; 2 NUMERI SETTIMANALI 78,00 € CON “POPOTUS” (GIOVEDÌ E SABATO)
lità informatiche e manuali per l'esercizio del diritto FINESTRELLE AGORÀ/CATHOLICA 39X92 1.601,00 2.065,83
colo 7 del D.Lgs. 196/2003 può rivolgersi al Titolare dei tratta- con croce € 22,00 + Iva; con foto € 42.00 + Iva; (02) AVVENIRE + LUOGHI 20,00 € PRIMO MARTEDÌ DEL MESE (11 numeri all’anno)
di cronaca e nel pieno rispetto del Codice deonto- menti scrivendo ad Avvenire N.E.I. s.p.a. Piazza Carbonari, 3, EDIZIONE MI/LOMBARDIA FERIALE FESTIVO L’editore si riserva il diritto di rifiutare AVVENIRE + NOI 15,00 € ULTIMA DOMENICA MESE (11 numeri all’anno)
logico per i giornalisti Potrà consultare l'informativa 20125 Milano o al responsabile scrivendo a F. Moro all'indirizzo COMMERCIALE 95,00 117,00
completa sul nostro sito www.avvenire.it privacy@avvenire.it. insindacabilmente qualsiasi testo e qualsiasi inserzione CONTO CORRENTE POSTALE ABBONAMENTI N. 6270 INTESTATO AD «AVVENIRE»